BILANCIO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI (in consultazione)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI (in consultazione)"

Transcript

1 BILANCIO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI (in consultazione) Principali impatti sul bilancio 2016 a seguito del recepimento della direttiva 34/2013/UE Marco Cevolani Michele Dodi Bologna, 2013 Grant Thornton 22 International novembre Ltd. All rights 2016 reserved. 1

2 Dalle origini della Direttiva 2013/34/UE al D.Lgs. n. 139/2015 Principali novità di bilancio derivanti dal recepimento della Direttiva 34/2013 Il D.Lgs. 139/2015, nel recepire nell ordinamento nazionale la direttiva 2013/34/UE, ha apportato i seguenti principali cambiamenti nel codice civile: articolazione delle regole in base al profilo dimensionale delle Società; il principio della rilevanza; il principio della sostanza economica rispetto a quello formale; eliminazione della sezione straordinaria dal conto economico; riformulazione delle regole inerenti l ammortamento dell avviamento e dei costi di sviluppo; divieto di capitalizzazione dei costi di pubblicità e ricerca; introduzione del criterio del costo ammortizzato per la valutazione di crediti, debiti e titoli; introduzione del criterio del fair value per la valutazione degli strumenti finanziari derivati; divieto di iscrizione all attivo delle azioni proprie. eliminazione conti d'ordine 2

3 Articolazione delle regole in base al profilo dimensionale BILANCIO ORDINARIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA (2435 bis) DESTINATARI Società che hanno emesso titoli negoziati in mercati regolamentati Società che superano i limiti per redigere il bilancio in forma abbreviata Società che non hanno emesso titoli negoziati in mercati regolamentati Che per due esercizi consecutivi non superano 2 dei seguenti limiti: - totale attivo ricavi dipendenti medi 50 BILANCIO DELLE MICROIMPRESE (2435 ter) Società che non hanno emesso titoli negoziati in mercati regolamentati Che per due esercizi consecutivi non superano 2 dei seguenti limiti: -totale attivo ricavi dipendenti medi 5 Stato patrimoniale Conto economico Rendiconto finanziario Nota integrativa Art 2426: Crediti/Debiti/Titoli iscritti al costo ammortizzato e Derivati a FV COMPOSIZIONE DEL BILANCIO Stato patrimoniale abbreviato Conto economico abbreviato Nota integrativa abbreviata Derivati a FV. Facoltà di iscrizione Crediti al presumibile valore di realizzo, debiti al valore nominale e titoli al costo di acquisto Stato patrimoniale Conto economico La Nota integrativa non deve essere presentata a condizione che alcune informazioni in essa presenti siano fornite in calce allo Stato patrimoniale No iscrizione dei derivati a FV. Facoltà di iscrizione Crediti al presumibile valore di realizzo, debiti al valore nominale e titoli al costo di acquisto ALTRI DOCUMENTI Relazione sulla gestione - - La relazione sulla gestione non deve essere presentata a condizione che alcune La relazione sulla gestione non deve essere presentata a condizione che alcune informazioni in essa presenti siano fornite nella informazioni in essa presenti siano fornite in Nota integrativa calce allo Stato patrimoniale 3

4 Prima adozione delle nuove regole contabili D.Lgs. n.139/2015 Art Le disposizioni del presente decreto entrano in vigore dal 1 gennaio 2016 e si applicano ai bilanci relativi agli esercizi finanziari aventi inizio a partire da quella data. 2 Le modificazioni previste dal presente decreto all'articolo 2426, comma 1, solo per i numeri: (1) costo ammortizzato per titoli (6) ammortamento dell avviamento (8) costo ammortizzato e attualizzazione per crediti e debiti possono non essere applicate alle componenti delle voci riferite a operazioni che non hanno ancora esaurito i loro effetti in bilancio. 4

5 Prima adozione delle nuove regole contabili APPLICAZIONE RETROATTIVA Il nuovo principio contabile è applicato anche ad eventi ed operazioni avvenuti in esercizi precedenti a quelli in cui interviene il cambiamento, cioè come se il nuovo principio fosse sempre stato applicato. APPLICAZIONE PROSPETTICA Il nuovo principio contabile è applicato solo ad eventi e operazioni che si verificano dopo la data in cui interviene il cambiamento di principio contabile. Gli eventi e le operazioni rilevate in esercizi precedenti continuano ad essere riflessi in bilancio in conformità al precedente esercizio. 5

6 Prima adozione delle nuove regole contabili BILANCIO DI APERTURA 01/01 31/12/2015 COMPARATIVO Data di transizione Data di comparazione Data di contabilizzazione 01/01 31/12/2016 NUOVE REGOLE Data di presentazione IL VOSTRO NUOVO BILANCIO 01/01/ /12/ /01/ /12/2016 Applicazione RETROATTIVA Applicazione PROSPETTICA 6

7 Prima adozione delle nuove regole contabili 19 aprile 2016 Bozza NUOVO Principio Contabile OIC 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell esercizio Eliminata disciplina eventi straordinari OIC 29 NUOVO Coordinamento con le disposizioni degli altri OIC Nuova disciplina in tema di cambiamenti principi contabili 7

8 Prima adozione delle nuove regole contabili Effetti retroattivi Il nuovo principio contabili e i relativi effetti sono contabilizzati sul saldo di apertura del patrimonio netto dell esercizio in corso Rideterminazione degli effetti a fini comparativi L applicazione retroattiva comporta la rideterminazione degli effetti che si sarebbero avuti nel bilancio comparativo come se da sempre fosse stato applicato il nuovo principio contabile Rettifica del saldo di apertura del PN del periodo precedente La società deve rettificare il saldo di apertura del patrimonio netto dell esercizio precedente ed i dati comparativi dell esercizio precedente come se il nuovo principio contabile fosse sempre stato applicato 01/01/ /12/ /01/ /12/2016 8

9 Prima adozione delle nuove regole contabili Applicazione retroattiva Applicazione prospettica Azioni proprie; Costi di ricerca; Costi di pubblicità; Copertura del rischio di fair value Copertura del rischio dei flussi finanziari Derivati incorporati Altri strumenti finanziari derivati. Costo ammortizzato titoli Costo ammortizzato crediti Costo ammortizzato debiti Ammortamento avviamento 9

10 Prima adozione delle nuove regole contabili Motivazioni alla base del cambiamento del principio contabile NOTA INTEGRATIVA Effetti del nuovo principio contabile sulle voci dello stato patrimoniale e del conto economico dell esercizio in corso Le motivazioni alla base dell utilizzo delle facilitazioni concesse 10

11 Prima adozione delle nuove regole contabili Quando non è fattibile determinare l effetto di competenza dell esercizio precedente la società non deve rettificare i dati comparativi FACILITAZIONI CONCESSE Quando non è fattibile determinare l effetto cumulato pregresso del cambiamento di principio contabile la società deve applicare il nuovo principio contabile a partire dalla prima data in cui ciò risulti fattibile 11

12 Il principio di rilevanza e quello della prevalenza della sostanza sulla forma PRINCIPIO DI RILEVANZA - Art. 2423, c.4 Redazione del bilancio NOVITA CONSIDERAZIONI Non occorre rispettare gli obblighi in tema di rilevazione, valutazione, presentazione e informativa quando la loro osservanza abbia effetti irrilevanti al fine di dare una rappresentazione veritiera e corretta. Rimangono fermi gli obblighi in tema di regolare tenuta delle scritture contabili. Le società illustrano nella nota integrativa i criteri con i quali hanno dato attuazione alla presente disposizione Prevalente dottrina e giurisprudenza già riconoscevano l esistenza di un principio generale di rilevanza nell attuale disciplina di bilancio. Il principio dovrà essere meglio declinato dall OIC. 12

13 Il principio di rilevanza e quello della prevalenza della sostanza sulla forma PRINCIPIO DI PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA PRIMA NOVITA 1. Nella redazione del bilancio devono essere osservati i seguenti principi: 1) La valutazione delle voci deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell'attività, nonché tenendo conto della funzione economica dell'elemento dell'attivo o del passivo considerato. 1. Nella redazione del bilancio devono essere osservati i seguenti principi: La valutazione delle voci deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell'attività. 1-bis:La rilevazione e la presentazione delle voci è effettuata tenendo conto della sostanza dell'operazione o del contratto. CONSIDERAZIONI Le circostanze di possibile impatto sono numerose. Saranno estremamente importanti le modalità con cui l'oic declinerà il principio generale 13

14 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Modifiche allo schema di Stato Patrimoniale AZIONI PROPRIE Sono portate a diminuzione del PN e non più iscritte nell attivo patrimoniale COSTI DI RICERCA, SVILUPPO, PUBBLICITÀ SOCIETÀ SOTTO COMUNE CONTROLLO STRUMENTI DERIVATI RISERVA DI COPERTURA AGGI E DISAGGI DI EMISSIONE CONTI D ORDINE Le parole pubblicità e ricerca sono eliminate dalla voce B.I.3 Vengono introdotte specifiche voci per i crediti e i debiti verso imprese sottoposte al controllo delle controllanti Sono aggiunte specifiche voci per i derivati attivi (sia tra le immobilizzazioni, sia nel circolante) e per i derivati passivi (tra i fondi per rischi ed oneri) Viene introdotta una voce specifica nelle poste del PN per accogliere la riserva di copertura del rischio di variazione dei flussi finanziari Queste voci sono eliminate perché introdotto il metodo del costo ammortizzato per la rappresentazione dei prestiti obbligazionari La voce viene eliminata e le informazioni sugli impegni e i rischi dovranno essere commentate analiticamente nella N.I. 14

15 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Modifiche allo schema di Conto Economico ONERI E PROVENTI FINANZIARI Sono introdotte alcune specifiche voci nella classe C per i proventi che derivano dai rapporti con imprese sottoposte al controllo delle controllanti ONERI E PROVENTI DA DERIVATI Sono introdotte nella classe D delle specifiche voci per gli oneri/proventi derivanti dalle variazioni di fair value dei derivati (che non sono trattati come operazioni di copertura) CLASSE D, RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ FINANZIARIE Viene sostituita dalla classe D Rettifiche di valore di attività e passività finanziarie ONERI/PROVENTI STRAORDINARI La classe E Partite straordinarie è eliminata dallo schema e dunque non sono ammesse nel conto economico le voci straordinarie, che devono essere illustrate nella nota integrativa in casi eccezionali 15

16 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Modifiche alla Nota Integrativa FAIR VALUE DERIVATI IMPEGNI, RISCHI E PASSIVITÀ POTENZIALI STRUTTURA DELLA NOTA INTEGRATIVA EVENTI SUCCESSIVI PROPOSTA DI DESTINAZIONE DELL UTILE FLUSSI FINANZIARI FUTURI RISERVA PER OPERAZIONI DI COPERTURA DEI FLUSSI FINANZIARI ATTESI Sono richieste specifiche informazioni per il fair value dei derivati, modificando l art bis del c.c. E stato introdotto all art c.c., comma 1 n.9, l obbligo di specifiche informazioni per gli impegni, i rischi e le passività potenziali Le informazioni della nota integrativa devono essere presentate secondo l ordine delle voci indicate nello S.P. e nel C.E. Gli eventi successivi alla chiusura del bilancio andranno segnalati in nota integrativa e non più nella relazione sulla gestione Dovrà essere indicata la proposta di destinazione dell utile dell esercizio Dovranno essere fornite informazioni che possono influenzare l importo, le scadenze e la certezza dei flussi finanziari futuri Nella nota integrativa andrà inserita una tabella che indichi movimenti della riserva di fair value avvenuti nell esercizio 16

17 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Modifiche alla Nota Integrativa Nuova struttura Contenuti nuovi Informazione ampliata Informazione spostata Informazioni secondo ordine schemi Nessuna info per rendiconto finanziario Criteri per individuare fenomeni irrilevanti Info strumenti derivati Info gruppo e bilancio consolidato Proposta destinazione risultato Prestiti ad amministratori o sindaci e loro condizioni Spiegazione periodo di ammortamento avviamento Eventi successivi Impegni, garanzie, passività potenziali Costi e ricavi eccezionali 17

18 Art c.c. Art c.c. Art ter OIC 10 Art c.c. Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Nuove introduzioni New STATO PATRIMONIAL E CONTO ECONOMICO RENDICONTO FINANZIARIO NOTA INTEGRATIVA 18

19 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Rendiconto finanziario Art ter - RENDICONTO FINANZIARIO Dal rendiconto finanziario risultano, per l'esercizio a cui è riferito il bilancio e per quello precedente, l'ammontare e la composizione delle disponibilità liquide, all'inizio e alla fine dell'esercizio, ed i flussi finanziari dell'esercizio derivanti dall'attività operativa, da quella di investimento. da quella di finanziamento, ivi comprese, con autonoma indicazione, le operazioni con i soci. All interno nel nuovo art ter si introduce la disciplina e il contenuto del rendiconto finanziario: i flussi oggetto di rappresentazione sono i flussi di disponibilità liquide; i flussi sono distinti a seconda che si riferiscano all attività operativa,finanziaria o di investimento. 19

20 Principali modifiche agli schemi e all informativa di bilancio Rendiconto finanziario AMBITO DI APPLICAZIONE Tutte le medie e grandi imprese che redigono il bilancio d esercizio in base al Codice Civile. RISORSA FINANZIARIA DI RIFERIMENTO Disponibilità liquide FORME DI ESPOSIZIONE Flussi di liquidità SCHEMA attività operativa attività di investimento attività di finanziamento 20

21 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca Fattispecie/ Voce Costi di pubblicità Novità dal 1 gennaio 2016 I costi di pubblicità non sono più capitalizzabili a partire dal OIC in consultazione L OIC 24 ha stabilito che il saldo residuo 2015 può essere riclassificato nella voce "Costi di impianto e ampliamento" se soddisfa i requisiti per la capitalizzazione in tale categoria; al contrario se non li soddisfa andrà a riduzione del patrimonio netto iniziale. 21

22 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca Definizione costi di impianto e ampliamento Sono i costi che si sostengono in modo non ricorrente sia in fase pre-operativa che di accrescimento. La rilevazione iniziale dei costi di impianto e di ampliamento nell attivo dello stato patrimoniale è consentita solo se si dimostra la congruenza ed il rapporto causa-effetto tra i costi in questione ed il beneficio (futura utilità) che dagli stessi la società si attende. Ad esempio: i costi per la costituzione di una rete commerciale dovranno trovare correlazione logica nelle aspettative di vendita dei prodotti che a tale rete verranno affidati; i costi di start-up se sostenuti in relazione ad una attività di avviamento di una nuova società o di una nuova attività in una prospettiva di reddito; i costi di ristrutturazione commerciale da cui risulti la capacità di generare redditi futuri (cambiamenti della struttura distributiva). 22

23 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca Fattispecie/ Voce Costi di ricerca e sviluppo Novità dal 1 gennaio 2016 I costi di ricerca non sono più capitalizzabili, mentre restano capitalizzabili i costi di sviluppo, da ammortizzare secondo la vita utile o se non è possibile stabilirla, in massimo 5 anni. OIC in consultazione OIC 24: I costi di ricerca, capitalizzati in esercizi precedenti all entrata in vigore del d.lgs. 139/2015, continuano, in sede di prima applicazione della nuova disciplina, ad essere iscritti nella voce BI2 Costi di sviluppo se soddisfano i criteri di capitalizzabilità previsti al paragrafo 48. I costi di ricerca, capitalizzati in esercizi precedenti, che non soddisfano i requisiti per la capitalizzazione previsti al paragrafo 48, in sede di prima applicazione della nuova disciplina, sono eliminati dalla voce BI2 dell attivo dello stato patrimoniale. Gli effetti sono rilevati in bilancio retroattivamente ai sensi dell OIC

24 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca RICERCA DI BASE SVILUPPO è un indagine originale e pianificata intrapresa con la prospettiva di conseguire nuove conoscenze e scoperte, scientifiche o tecniche, che si considera di utilità generica alla società. I costi di ricerca di base sono normalmente precedenti a quelli sostenuti una volta identificato lo specifico prodotto o processo che si intende sviluppare. è l applicazione dei risultati della ricerca di base o di altre conoscenze possedute o acquisite in un piano o in un progetto per la produzione di materiali, dispositivi, processi, sistemi o servizi, nuovi o sostanzialmente migliorati, prima dell inizio della produzione commerciale o dell utilizzazione. 24

25 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca COSTI DI RICERCA DI BASE sono costi di periodo e quindi addebitati al conto economico dell'esercizio in cui sono sostenuti, poiché rientrano nella ricorrente operatività e di supporto all attività imprenditoriale COSTI DI SVILUPPO sono composti: dagli stipendi, i salari e gli altri costi relativi al personale impegnato nell attività di sviluppo; dai costi dei materiali e dei servizi impiegati nell attività di sviluppo; dall'ammortamento di immobili, impianti e macchinari, nella misura in cui tali beni sono impiegati nell attività di sviluppo; dai costi indiretti, diversi dai costi e dalle spese generali ed amministrative, relative all attività di sviluppo; dagli altri costi, quali ad esempio l'ammortamento di brevetti e licenze, nella misura in cui tali beni sono impiegati nell'attività di sviluppo. 25

26 Nuovo trattamento contabile dei costi di pubblicità e di ricerca La sola attinenza a specifici progetti di sviluppo non è condizione sufficiente affinché i relativi costi abbiano legittimità di capitalizzazione. Per tale finalità, essi debbono anche rispondere positivamente alle seguenti specifiche caratteristiche: essere relativi ad un prodotto o processo chiaramente definito, nonché identificabili e misurabili; essere riferiti ad un progetto realizzabile, cioè tecnicamente fattibile, per il quale la società possieda o possa disporre delle necessarie risorse; essere recuperabili. 26

27 Nuovo trattamento contabile dell avviamento, delle azioni proprie e dei dividendi Avviamento Nella formulazione attuale l art comma I n.6 c.c. stabilisce che l avviamento deve essere ammortizzato entro un periodo di 5 anni. E tuttavia consentito ammortizzare sistematicamente l avviamento in un periodo limitato di durata superiore, purché esso non superi la durata per l utilizzazione di questo attivo esia data adeguata motivazione in N.I. Il D.Lgs. 139/2015 sostituisce, quindi, l art.2426 comma I n.6 c.c. stabilendo che l ammortamento dell avviamento è effettuato secondo la sua vita utile; nei casi eccezionali in cui non è possibile stimarne attendibilmente la vita utile è ammortizzato entro un periodo non superiore ai 10 anni. Gli ammortamenti risultanti dai bilanci 2015 potranno continuare ad essere ammortizzati secondo le regole previgenti e il piano di ammortamento non dovrà essere adeguato alla loro vita utile. 27

28 Nuovo trattamento contabile dell avviamento, delle azioni proprie e dei dividendi Azioni proprie Secondo la disciplina attualmente in vigore le azioni proprie sono iscritte nell attivo dello Stato Patrimoniale. Al momento dell acquisto delle azioni proprie va costituita una riserva di pari ammontare da indicare nel patrimonio netto alla voce Riserva per azioni proprie in portafoglio. Il D.Lgs. 139/2015 modifica l art.2357-ter comma 3 c.c. stabilendo che l acquisto di azioni proprie comporta una riduzione del patrimonio netto di eguale importo, tramite l iscrizione nel passivo del bilancio di una specifica voce, con segno negativo. Si prevede quindi che le azioni proprie siano iscritte in bilancio in diretta riduzione del patrimonio netto. 28

29 Nuovo trattamento contabile dell avviamento, delle azioni proprie e dei dividendi Dividendi L OIC ha modificato anche alcune disposizioni non direttamente riconducibili alle novità introdotte dal D.Lgs. 139/2015 In questo contesto è stata eliminata la previsione che consentiva la rilevazione anticipata dei dividendi da società controllate già nell esercizio di maturazione dei relativi utili, a condizione che il bilancio fosse stato approvato dall organo amministrativo della controllata anteriormente alla data di approvazione del bilancio da parte dell organo amministrativo della controllante. Allo stesso modo è stata eliminata la possibilità per le società controllanti con pieno dominio sull assemblea della controllata di anticipare la rilevazione del dividendo sulla base della proposta di distribuzione deliberata dagli amministratori della controllata. Pertanto la controllante iscriverà il credito per dividendi nello stesso esercizio in cui sorgerà il relativo debito per la controllata. 29

30 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti Il recepimento della Direttiva 34/2013/UE Introduzione del costo ammortizzato e attualizzazione Allineamento ai principi internazionali Modifica l'articolo 2426 per introdurre il metodo del costo ammortizzato e dell'attualizzaz ione per crediti, debiti e titoli. Esenzione per Piccole imprese 30

31 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti Il recepimento della Direttiva 34/2013/UE ART N.8 C.C. Introduce il criterio del costo ammortizzato per i crediti e i debiti: n 8) i crediti e i debiti sono rilevati in bilancio secondo il criterio del costo ammortizzato, tenendo conto del fattore temporale e, per quanto riguarda i crediti, del valore di presumibile realizzo. ART N.7 C.C. E stato riformulato il n. 7) dell art c.c. dedicato ad aggi e disaggi di emissione, prevedendo che essi devono essere rilevati in bilancio secondo quanto prevede il criterio del costo ammortizzato E stato eliminato l obbligo di esporre gli aggi e disaggi tra i ratei e risconti attivi e passivi ART C.2 C.C. L art co. 2 prevede che la definizione di costo ammortizzato deve essere mutuata dagli IAS-IFRS omologati nell Unione europea. 31

32 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti Le fasi del procedimento di rilevazione e valutazione 1 VALUTAZIONE INIZIALE CON IL CRITERIO DEL COSTO AMMORTIZZATO 2 EVENTUALE ATTUALIZZAZIONE IN SEDE DI VALUTAZIONE INIZIALE 3 VALUTAZIONE SUCCESSIVA AL COSTO AMMORTIZZATO 4 SVALUTAZIONE DEI CREDITI 32

33 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 1. La valutazione iniziale con il criterio del costo ammortizzato VALORE DI ISCRIZIONE INIZIALE E rappresentato dal valore nominale del credito/debito, salvo che sia necessario tener conto del fattore temporale, al netto di tutti i premi, gli sconti, gli abbuoni ed inclusivo degli eventuali costi direttamente attribuibili alla transazione che lo ha generato. TASSO DI INTERESSE EFFETTIVO COSTI DI TRANSAZIONE In sede di iscrizione iniziale occorre calcolare il tasso di interesse effettivo, che verrà poi utilizzato per la valutazione successiva del credito/debito. I costi di transazione, le eventuali commissioni attive e passive e ogni differenza tra valore iniziale e valore nominale a scadenza del credito/debito sono inclusi nel tasso di interesse effettivo. Tali oneri o proventi sono ammortizzati lungo la durata attesa del credito / debito. Il loro ammortamento integra la rettifica degli interessi attivi calcolati al tasso nominale. 33

34 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 1. La valutazione iniziale con il criterio del costo ammortizzato Il criterio del costo ammortizzato può non essere applicato ai crediti se gli effetti sono irrilevanti, esempi: crediti con scadenza inferiore ai 12 mesi; i costi di transazione, le commissioni e ogni altra differenza tra valore iniziale e valore a scadenza sono di scarso rilievo 34

35 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 2. Eventuale attualizzazione in sede di valutazione iniziale TIR Attualizzazione Tasso di mercato 35

36 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 2. Eventuale attualizzazione in sede di valutazione iniziale I crediti/debiti commerciali con scadenza oltre i 12 mesi dal momento della rilevazione iniziale senza corresponsione di interessi, o con interessi significativamente diversi dai tassi di interesse di mercato, ed i relativi ricavi/costi si rilevano inizialmente al valore determinato attualizzando il credito/debito al tasso di interesse di mercato. 36

37 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 2. Eventuale attualizzazione in sede di valutazione iniziale Crediti/debiti finanziari Nel caso dei crediti/debiti finanziari, la differenza tra il valore del costo ammortizzato iniziale calcolato senza considerare l effetto dell attualizzazione e il valore di rilevazione iniziale pari al valore attuale del credito/debito è rilevata tra gli oneri/proventi finanziari del conto economico, salvo che le caratteristiche dell operazione non inducano ad attribuire a tale componente una diversa natura. Valore nominale valore di iscrizione one day profit and loss 37

38 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 3. Valutazione successiva Il tasso di interesse effettivo determinato inizialmente non deve essere ricalcolato ad eccezione di quando il tasso di interesse nominale contrattuale è variabile e parametrato ai tassi di mercato (i.e. euribor a 3 mesi + spread). Alla chiusura dell esercizio, il valore dei crediti/debiti valutati al costo ammortizzato è pari al valore attuale dei flussi finanziari futuri scontati al tasso di interesse effettivo. Il procedimento per la valutazione successiva è il seguente: 1. determinare l ammontare degli interessi calcolati con il criterio del tasso di interesse effettivo sul valore contabile; 2. aggiungere l ammontare degli interessi così ottenuto al precedente valore contabile; 3. sottrarre gli incassi/pagamenti per interessi e capitale intervenuti nel periodo; 4. solo per i crediti sottrarre le svalutazioni al valore di presumibile realizzo e le perdite su crediti. 38

39 Introduzione del criterio del costo ammortizzato per crediti e debiti 4. Svalutazione dei crediti L importo della svalutazione di un credito è pari alla differenza tra il valore contabile e il valore dei flussi finanziari futuri stimati, ridotti degli importi che si prevede di non incassare, attualizzato al tasso di interesse effettivo originario del credito (ossia al tasso di interesse effettivo calcolato in sede di rilevazione iniziale). Al fine di stimare il fondo svalutazione crediti una società deve valutare se sussistano degli indicatori che facciano ritenere probabile che un credito abbia perso valore. Alcuni esempi di indicatori sono: significative difficoltà finanziarie del debitore; una violazione del contratto, quale un inadempimento o un mancato pagamento degli interessi o del capitale; il creditore, per ragioni economiche o legali relative alla difficoltà finanziaria del debitore, estende a quest ultimo una concessione che il creditore non avrebbe altrimenti preso in considerazione; sussiste la probabilità che il debitore dichiari fallimento o attivi altre procedure di ristrutturazione finanziaria. 39

40 ESEMPIO 1 Il 1 gennaio 20X0 la società vende una partita di merci all ingrosso per Euro Non vi sono costi di transazione. Generalmente le condizioni di vendita praticate dalla società, in linea con la prassi di settore, prevedono l incasso dei crediti verso clienti grossisti a 90 giorni fine mese data fattura. In questo caso, per venire incontro alle esigenze finanziarie del cliente, la società vende merci con condizioni di incasso dilazionato a 24 mesi, con incassi semestrali di Euro 250 senza prevedere l applicazione di un tasso di interesse esplicito. Il credito, da valutare con il criterio del costo ammortizzato e l attualizzazione, avrebbe un valore di iscrizione iniziale al costo ammortizzato di Euro 1.000, pari al suo valore nominale, poiché non vi sono costi di transazione né differenze tra valore iniziale e valore a scadenza da ammortizzare lungo la durata del credito. Il tasso di interesse effettivo è in tal caso pari a zero. Esso è tuttavia significativamente inferiore al tasso di mercato che si assume pari al 3% semestrale posticipato, conseguentemente, se gli effetti sono rilevanti ai sensi dell art comma 4 del codice civile, occorre attualizzare i flussi futuri finanziari derivanti dal credito utilizzando il tasso di mercato del 3% per ottenere il suo valore di iscrizione iniziale. Il calcolo del valore iniziale di iscrizione del credito è in tal caso il risultato del seguente processo di attualizzazione: 929,28 = 250/(1,03) /(1,03) /(1,03) /(1,03) 4 La componente finanziaria implicita è pertanto uguale a Euro 70,72 (( ,28). In sede di rilevazione iniziale i ricavi di vendita sono iscritti al valore di Euro 929,28 ( ,72) Data Valore contabile del credito all inizio del periodo Interessi attivi impliciti calcolati al tasso di mercato Flussi finanziari in entrata Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 3% c d = a + b c 30/06/20X0 929,28 27, ,16 31/12/20X0 707,16 21, ,37 30/06/20X1 478,38 14, ,72 31/12/20X1 242,72 7, Rilevati tra i proventi finanziari 40

41 ESEMPIO 2 Il 1 gennaio 20X0 la società vende una partita di merci all ingrosso per Euro Non vi sono costi di transazione. Generalmente le condizioni di vendita praticate dalla società, in linea con la prassi di settore, prevedono l incasso dei crediti verso clienti grossisti a 90 giorni fine mese data fattura. In questo caso, per venire incontro alle esigenze finanziarie del cliente, la società vende merci con condizioni di incasso dilazionato a 24 mesi, con incassi semestrali di Euro 250 in linea capitale e l applicazione di un tasso di interesse esplicito semestrale posticipato dell 1%. Se il tasso di interesse effettivo fosse allineato al tasso di mercato, il valore di iscrizione iniziale del credito sarebbe di Euro 1.000, pari al suo valore nominale, poiché non vi sono costi di transazione né differenze tra valore iniziale e valore a scadenza da ammortizzare lungo la durata del credito. Il tasso di interesse effettivo è in tal caso pari al tasso di interesse nominale, esso è infatti il tasso interno di rendimento che attualizza esattamente gli incassi futuri nel periodo di durata del credito al valore contabile netto rilevato in sede di rilevazione iniziale di Euro 1.000: = (250+10) / (1,01) 1 + (250 +7,5) / (1,01) 2 + (250+5) / (1,01) 3 + (250+2,5) / (1,01) 4 Data Valore contabile del credito all inizio del periodo Flussi finanziari per interessi attivi espliciti calcolati al tasso nominale/mercato Flussi finanziari in entrata Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 1% c d = a + b c 30/06/20X /12/20X , /06/20X /12/20X , Rilevati tra i proventi finanziari 41

42 ESEMPIO 3 Il 1 gennaio 20X0 la società vende una partita di merci all ingrosso per Euro Non vi sono costi di transazione. Generalmente le condizioni di vendita praticate dalla società, in linea con la prassi di settore, prevedono l incasso dei crediti verso clienti grossisti a 90 giorni fine mese data fattura. In questo caso, per venire incontro alle esigenze del finanziarie del cliente, la società vende merci con condizioni di incasso dilazionato a 24 mesi, con incassi semestrali di Euro 250 in linea capitale e l applicazione di un tasso di interesse esplicito semestrale posticipato dell 1%. Se il tasso di interesse effettivo dell 1% fosse significativamente diverso dal tasso di mercato, che si assume pari al 3% semestrale posticipato, se gli effetti sono rilevanti ai sensi dell art comma 4 del codice civile, sarebbe necessario attualizzare i flussi finanziari futuri derivanti dal credito utilizzando il tasso di mercato del 3% per ottenere il suo valore di iscrizione iniziale. Il calcolo del valore iniziale di iscrizione del credito è in tal caso il risultato del seguente processo di attualizzazione: (250+10) / (1,03) 1 + (250 +7,5) / (1,03) 2 + (250+5) / (1,03) 3 + (250+2,5) / (1,03) 4 = 952,85 Data 30/06/20X 0 31/12/20X 0 30/06/20X 1 31/12/20X 1 Valore contabile del credito all inizio del periodo Interessi attivi calcolati al tasso di mercato Flussi finanziari per interessi attivi percepiti al tasso nominane Flussi finanziari in entrata linea capitale Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 3% c d e = a + b c - d 952,85 28, ,44 721,44 21,64 7, ,58 485,58 14, ,15 245,15 7,35 2, Rilevati tra i proventi finanziari 42

43 ESEMPIO 4 Il 1 gennaio 20X0 la società eroga un finanziamento del valore nominale in linea di capitale di Euro sostenendo costi di transazione pari ad Euro 15. Il tasso nominale è del 2% annuo e genera interessi attivi da incassare posticipatamente al 31 dicembre per i successivi 5 anni (31 dicembre 20X0 31/12/20X4). È possibile dimostrare che per ripartire gli interessi nominale e i costi di transizione iniziali lungo la durata del credito a un tasso costante da applicarsi al valore contabile del credito all inizio del periodo, essi devono maturare un tasso di interesse effettivo dell 1,6847% annuo. Nel caso in cui il tasso di interesse effettivo dell 1,6847% non si discosti significativamente dai tassi di mercato, il credito sarà iscritto al valore di Euro in sede di rilevazione iniziale. Data Valore contabile del credito all inizio del periodo Interessi attivi calcolati al tasso di interesse effettivo Flussi finanziari in entrata Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 1,6847% c d = a + b + c 20X ,00 17,10 (20) 1.012,1 20X ,10 17,05 (20) 1.009,15 20X ,15 17,00 (20) 1.006,15 20X ,15 16,95 (20) 1.003,1 20X ,10 16,90 (1.020) 0 Rilevati tra i proventi finanziari Il tasso di interesse effettivo dell 1,6847% è il tasso interno di rendimento che attualizza esattamente i pagamenti e gli incassi futuri nel periodo 20X0 20X4 al valore contabile netto rilevato in sede di rilevazione iniziale di Euro 1.015: = 20/(1,016847) /(1,016847) /(1,016847) /(1,016847) /(1,016847) 5 43

44 Calcolo del costo ammortizzato in presenza di attualizzazione Se il tasso di interesse dell 1,6847% si discosta significativamente dal tasso di interesse di mercato pari al 4%, se gli effetti sono rilevanti ai sensi dell art comma 4 del codice civile, occorre attualizzare i flussi finanziari futuri al tasso di interesse del 4%, iscrivere il credito al valore nominale di Euro 910,97 (rilevazione iniziale) risultante dall attualizzazione e utilizzare il tasso di interesse di mercato del 4% come sostituto del tasso di interesse effettivo nelle valutazioni successive. Il calcolo del valore iniziale di iscrizione è il seguente: 20/(1,04) /(1,04) /(1,04) /(1,04) /(1,04) 5 = 910,97 Data Valore contabile del credito all inizio del periodo Interessi attivi calcolati al tasso di interesse di mercato Flussi finanziari in entrata Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 4% c d = a + b + c 20X0 910,97 36,44 (20) 927,41 20X1 927,41 37,10 (20) 944,51 20X2 944,51 37,78 (20) 962,29 20X3 962,29 38,49 (20) 980,78 20X4 980,78 39,22 (1.020) 0 La differenza per Euro 104,03 ( ,97), tra il valore del costo ammortizzato iniziale calcolato senza considerare l effetto dell attualizzazione (1.015) e il valore di rilevazione iniziale pari al valore attuale del credito (910,97), è rilevato tra gli oneri di conto economico al momento della rilevazione iniziale. 44

45 Calcolo delle svalutazioni Se il credito subisce una riduzione di valore alla fine dell esercizio 20X3, la svalutazione è calcolata come differenza tra il valore contabile in assenza della riduzione di valore (980,78) e il valore attuale dei flussi finanziari futuri attualizzati al tasso di interesse effettivo originario, come eventualmente sostituito dal tasso di interesse di mercato se significativamente diverso, nel presente esempio pari al 4%. Si supponga che l incasso degli interessi nominali e del rimborso del capitale a scadenza debba essere decurtato del 40% per tener conto del rischio di insolvenza del debitore, pertanto, in sede di redazione del bilancio alla chiusura dell esercizio 20X3, si stima che nell esercizio 20X4 saranno incassati interessi attivi per Euro 12 (anziché 20) e il rimborso del capitale a scadenza per Euro 600 (anziché 1000). Alla chiusura dell esercizio 20X3 il valore di iscrizione del credito è calcolato come valore attuale dei flussi futuri come segue: 12/(1,04) /(1,04) 1 = 588,46 La svalutazione è pertanto pari a: 980,78 588,46 = 393,32 Data Valore contabile del credito all inizio del periodo Interessi attivi calcolati al tasso di interesse di mercato Flussi finanziari in entrata Svalutazione per perdita di valore Valore contabile del credito alla fine dell esercizio a b = a x 4% c d e = a + b + c + d 20X0 910,97 36,44 (20) 927,41 20X1 927,41 37,10 (20) 944,51 20X2 944,51 37,78 (20) 962,29 20X3 962,29 38,49 (20) (392,32) 588,46 20X4 588,46 23,54 (612) 0 45

46 Nuovo trattamento contabile per derivati e operazioni di copertura I derivati: le scelte di base Il fair value dello strumento di copertura è la base dell hedge accounting 46

47 Nuovo trattamento contabile per derivati e operazioni di copertura Strumenti finanziari derivati - Art c. 1, n. 11-bis) NEW NEW Gli strumenti finanziari derivati, anche se incorporati in altri strumenti finanziari, sono iscritti al fair value se lo strumento copre il rischio di variazione dei flussi finanziari attribuibili ad un'altra attività o passività iscritta in bilancio o di un'operazione programmata le variazioni di FV vanno rilevate in una riserva positiva o negativa di PN ("cash flow hedge")se lo strumento copre il rischio relativo ad una attività o passività iscritta in bilancio le variazioni di FV vanno rilevate a CE e simmetricamente viene valutato l'elemento coperto ("fair value hedge") La riserva di PN in caso di cash flow hedge è imputata al CE nella misura e nei tempi corrispondenti al verificarsi o al modificarsi dei flussi di cassa dell'elemento coperto o al verificarsi dell'operazione oggetto di copertura. Si considera sussistente la copertura in presenza, fin dall'inizio, di stretta e documentata correlazione tra le caratteristiche dello strumento o delle operazioni coperte e quelle dello strumento di copertura. 47

48 Nuovo trattamento contabile per derivati e operazioni di copertura Esempi di strumenti finanziari derivati Tipo di contratto Interest rate swap Variabile sottostante principale Tasso di interesse Acquisto/vendita di valuta a termine Acquisto/vendita di merce a termine a prezzo fisso Tasso di cambio Prezzo della merce Opzioni su commodity Acquisto/vendita di opzioni call/put su capitale Prezzo della merce. Prezzo del titolo di capitale 48

49 Nuovo trattamento contabile per derivati e operazioni di copertura Esempi di contratti derivati di copertura TIPO DI CONTRATTO DERIVATO INCORPORATO Finanziamento con tasso di interesse variabile, che non può essere inferiore ad una certa soglia Opzione «floor» Obbligazione convertibile a opzione del detentore Opzione di conversione. Contratto di vendita in valuta diversa da quella funzionale. Cambio a termine 49

50 Questions & feedback 50

Dott. Massimo Gramondi

Dott. Massimo Gramondi Effetti operativi del cambiamento dei principi contabili sul bilancio delle imprese: modifiche degli schemi e sintesi delle novità nei criteri di valutazione Dott. Massimo Gramondi 1 Agenda Principi di

Dettagli

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19 In collaborazione con «I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19 Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC Mestre,

Dettagli

Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti

Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti Prof.ssa Silvia Fossati Docente di Contabilità e Bilancio Il nuovo bilancio d esercizio dopo il D.Lgs. 139/2015

Dettagli

IL NUOVO VOLTO DEL BILANCIO. La rivoluzione contabile degli OIC e la convergenza agli IFRS

IL NUOVO VOLTO DEL BILANCIO. La rivoluzione contabile degli OIC e la convergenza agli IFRS IL NUOVO VOLTO DEL BILANCIO La rivoluzione contabile degli OIC e la convergenza agli IFRS PRINCIPI CONTABILI AGGIORNATI OIC 9 OIC 10 OIC 12 OIC 13 OIC 14 OIC 15 OIC 16 OIC 17 OIC 18 OIC 19 Svalutazione

Dettagli

Le attività immateriali e l impairment test nel nuovo bilancio d esercizio. Marco Allegrini

Le attività immateriali e l impairment test nel nuovo bilancio d esercizio. Marco Allegrini Le attività immateriali e l impairment test nel nuovo bilancio d esercizio Marco Allegrini Rilevazione iniziale Considerazioni generali Valutazione al costo ammortizzato, se pagamento differito rispetto

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI OIC NOVITA 2016

PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI OIC NOVITA 2016 PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI OIC NOVITA 2016 a cura di Ceppellini Lugano & Associati Ottobre 2016 AGGIORNAMENTO DEGLI OIC LA TEMPISTICA Ottobre 2015 Marzo Aprile 2016 Maggio Giugno 2016 Luglio 2016 20

Dettagli

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 15 Crediti. Format del documento

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 15 Crediti. Format del documento Prof. Ugo Sòstero Ordinario di Economia Aziendale - Università Ca Foscari di Venezia Socio SIDREA Osservazioni sulla bozza di documento OIC 15 Crediti Format del documento Poiché la disciplina dei crediti

Dettagli

Il bilancio in forma ordinaria

Il bilancio in forma ordinaria Umberto Terzuolo (Commercialista in Torino) 1 Riferimenti normativi: Il bilancio deve essere redatto in forma ordinaria se: Nel primo esercizio O, successivamente, per due esercizi consecutivi L impresa

Dettagli

D.Lgs. 139/2015 Le modifiche al Codice Civile e ai principi OIC

D.Lgs. 139/2015 Le modifiche al Codice Civile e ai principi OIC D.Lgs. 139/2015 Le modifiche al Codice Civile e ai principi OIC A. Quagli, UniGe 1 Agenda 1. Postulato della rilevanza e della prevalenza della sostanza sulla forma 2. Rendiconto finanziario 3. Modifiche

Dettagli

OIC 15 CREDITI. Dr. Reale Pierangelo. (Catanzaro 17/03/2017)

OIC 15 CREDITI. Dr. Reale Pierangelo. (Catanzaro 17/03/2017) OIC 15 CREDITI Dr. Reale Pierangelo (Catanzaro 17/03/2017) 1 Le principali norme di riferimento Impianto normativo - D.Lgs. 139/2015 - Codice Civile -Art. 2426 c.c., n. 8 Introduzione del costo ammortizzato

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Bilancio: le principali novità dal 2016 Premessa Con il D.Lgs. n. 139 del 18.08.2015, pubblicato nella G.U. n. 205 del 04.09.2015, sono state introdotte importanti novità nella disciplina del

Dettagli

I crediti nei bilanci 2016

I crediti nei bilanci 2016 I crediti nei bilanci 2016 di Francesco Ballarin (*) Il D.Lgs. n. 139 del 18 agosto 2015, pubblicato nella G.U. del 4 settembre 2015 ha recepito la Direttiva contabile 34/UE/2013 nel nostro ordinamento,

Dettagli

Capitolo 10 I crediti

Capitolo 10 I crediti Capitolo 10 I crediti Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo 10 OIC 15, Crediti, bozza in consultazione 1 Capitolo

Dettagli

Seminario Costo Ammortizzato e Strumenti Finanziari Derivati

Seminario Costo Ammortizzato e Strumenti Finanziari Derivati Seminario Costo Ammortizzato e Strumenti Finanziari Derivati Mercoledì 10 maggio 2017, ore 14.30-18.30 Sala Formativa Associazione M15 Via Santa Teresa 2 - Verona Commissione di Studio Bilancio e Principi

Dettagli

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 19 Debiti

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 19 Debiti Prof. Ugo Sòstero Ordinario di Economia Aziendale - Università Ca Foscari di Venezia Socio SIDREA Osservazioni sulla bozza di documento OIC 19 Debiti Le osservazioni in gran parte ripercorrono quelle formulate

Dettagli

Criterio del costo ammortizzato

Criterio del costo ammortizzato Criterio del costo ammortizzato Costo ammortizzato - La riforma contabile introduce il modello del costo ammortizzato, da utilizzare per la valutazione dei crediti, dei debiti e delle immobilizzazioni

Dettagli

DAZETECHNOLOGY SRL. Bilancio di esercizio al Dati anagrafici. Gli importi presenti sono espressi in Euro

DAZETECHNOLOGY SRL. Bilancio di esercizio al Dati anagrafici. Gli importi presenti sono espressi in Euro Bilancio di esercizio al 31-12-2016 Sede in Dati anagrafici Codice Fiscale 04167800160 Numero Rea BG 441090 P.I. 04167800160 Capitale Sociale Euro Forma giuridica VIA PAGLIA, 21/B - BERGAMO (BG) 24122

Dettagli

La riforma del bilancio 2016 introduce cambiamenti per tutti i tipi di impresa e le principali novità riguardano:

La riforma del bilancio 2016 introduce cambiamenti per tutti i tipi di impresa e le principali novità riguardano: CIRCOLARE N.59 RIFORMA DEL BILANCIO 2016 NOVITA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2016 Riforma del bilancio 2016: quest anno sono state introdotte delle importanti modifiche soprattutto per quanto riguarda le micro

Dettagli

Le nuove norme sul bilancio

Le nuove norme sul bilancio Paola Costa Abstract: Con il decreto legislativo n. 139 del 18.8.2015 il Governo ha dato attuazione alla Direttiva 2013/34/UE relativa al bilancio delle società di capitali. Le nuove disposizioni entreranno

Dettagli

Direttiva 2013/34/UE D. Lgs. 18 agosto 2015, n. 139 Le immobilizzazioni immateriali

Direttiva 2013/34/UE D. Lgs. 18 agosto 2015, n. 139 Le immobilizzazioni immateriali Direttiva 2013/34/UE D. Lgs. 18 agosto 2015, n. 139 Le immobilizzazioni immateriali 25 febbraio 2016 Stefano Lania Servizio Fiscale e Societario Confindustria Bergamo Quadro normativo D. Lgs. 18 agosto

Dettagli

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE Via Tacchi, 1 Rovereto Tel. 0464 435144 Fax 0464 439210 sito: www.studiogpc.it Rovereto (Tn), 30 novembre 2015 CIRCOLARE 12/2015 I NUOVI PRINCIPI DI REDAZIONE E CRITERI DI

Dettagli

Le attività finanziarie 2

Le attività finanziarie 2 Le attività finanziarie 2 La valutazione di Titoli e Crediti immobilizzati Università degli Studi di Bari- Ragioneria Applicata Prof.ssa Anna Lucia Muserra 1 Art.2426 Modifiche innovative - il criterio

Dettagli

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c.

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c. Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art. 2424 c.c. ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con

Dettagli

Bilancio 2016: come cambia la Nota integrativa parte seconda

Bilancio 2016: come cambia la Nota integrativa parte seconda Pubblicato il 21-12-2016 alle 23:00 Bilancio 2016: come cambia la Nota integrativa parte seconda Continuiamo la nostra analisi sulle modifiche che interessano la Nota integrativa del prossimo bilancio.

Dettagli

INDICE 3. PROCEDURA DI FORMAZIONE, APPROVAZIONE E DEPOSITO... 49

INDICE 3. PROCEDURA DI FORMAZIONE, APPROVAZIONE E DEPOSITO... 49 INDICE PREMESSA... 15 1. IL BILANCIO D ESERCIZIO: FONTI NORMATIVE E PRINCIPI GENERALI... 17 1. Soggetti obbligati... 19 2. Documenti che compongono il bilancio... 19 3. Principi generali... 20 3.1 Finalità

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO NOVITA DEL 2017

BILANCIO DI ESERCIZIO NOVITA DEL 2017 03 Aprile 2017 BILANCIO DI ESERCIZIO NOVITA DEL 2017 Dott. Giangiacomo Indri Raselli Riferimento normativo Decreto legislativo 18 Agosto 2015 n.139 Art 6 modifica e integra il D.Lgs 127/1991 In materia

Dettagli

Il nuovo bilancio d esercizio I nuovi schemi del bilancio d esercizio 2016

Il nuovo bilancio d esercizio I nuovi schemi del bilancio d esercizio 2016 Piercarlo Bausola (Commercialista in Torino) Il nuovo bilancio d esercizio I nuovi schemi del bilancio d esercizio 2016 1 La Direttiva 2013/34/UE ed il D.Lgs. n. 139/2015 Direttiva 2013/34/UE Recepimento

Dettagli

Costo ammortizzato. Corso di Audit e Governance. Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi

Costo ammortizzato. Corso di Audit e Governance. Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi Rif sm/np 0 Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi Novità per la redazione del bilancio d'esercizio Rif sm/np 1 Le novità introdotte dal D.Lgs. 139/2015 Le

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre ex art bis Codice Civile. Società. Bergamo Servizi Pubblici SRL. Capitale Sociale Euro i.v.

Bilancio al 31 dicembre ex art bis Codice Civile. Società. Bergamo Servizi Pubblici SRL. Capitale Sociale Euro i.v. Bilancio al 31 dicembre 2012 ex art. 2435-bis Codice Civile Società Bergamo Servizi Pubblici SRL Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. corrente in Bergamo Piazzale Goisis 6 Codice Fiscale e Registro delle

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10 Il Rendiconto Finanziario Inquadramento normativo e OIC n.10 Art. 2423 c.c. Redazione del bilancio. In vigore fino al 31.12.2015 Gliamministratoridevonoredigereilbilanciodiesercizio, costituito dallo stato

Dettagli

COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15)

COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15) COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15) Alain Devalle, Ph.D. Professore Associato in Economia Aziendale Dottore Commercialista e Revisore Legale ODCEC Torino (Alain.Devalle@unito.it)

Dettagli

BILANCIO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. Principali impatti sul bilancio 2016 a seguito del recepimento della direttiva 34/2013/UE

BILANCIO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. Principali impatti sul bilancio 2016 a seguito del recepimento della direttiva 34/2013/UE BILANCIO 2016 - I NUOVI PRINCIPI CONTABILI Principali impatti sul bilancio 2016 a seguito del recepimento della direttiva 34/2013/UE 1 Dalle origini della Direttiva 2013/34/UE al D.Lgs. n. 139/2015 Principali

Dettagli

DEBITI. o Aspetti definitori e rappresentazione in bilancio secondo il codice civile o Regole IASB

DEBITI. o Aspetti definitori e rappresentazione in bilancio secondo il codice civile o Regole IASB DEBITI o Aspetti definitori e rappresentazione in bilancio secondo il codice civile o Regole IASB Aspetti definitori Secondo l OIC 19 i debiti sono passività di natura determinata ed esistenza certa che

Dettagli

NOVITA DI BILANCIO (D.Lgs: 139/2015)

NOVITA DI BILANCIO (D.Lgs: 139/2015) NOVITA DI BILANCIO (D.Lgs: 139/2015) 1 Novità di bilancio - D.Lgs. 139/2015 Bilancio ordinario Bilancio abbreviato Bilancio microimprese Introduzione del principio di rilevanza (art. 2423 comma 4 c.c.)

Dettagli

Novità bilanci 2016 alla luce del D.Lgs. 139/2015 e del D.Lgs. 69/2015. I criteri di valutazione Bilancio consolidato

Novità bilanci 2016 alla luce del D.Lgs. 139/2015 e del D.Lgs. 69/2015. I criteri di valutazione Bilancio consolidato Novità bilanci 2016 alla luce del D.Lgs. 139/2015 e del D.Lgs. 69/2015 I criteri di valutazione Bilancio consolidato Prof. Marco Allegrini marco.allegrini@unipi.it Chairman IFRS Committee (IAFEI) Membro

Dettagli

LUCCA UNITED SOCIETA' COOPERATIVA

LUCCA UNITED SOCIETA' COOPERATIVA Bilancio di esercizio al 31-12-2016 Sede in Dati anagrafici Codice Fiscale 02258270467 Numero Rea LU 210771 P.I. 02258270467 Capitale Sociale Euro 16.700 Forma giuridica Settore di attività prevalente

Dettagli

Le principali novità in tema di valutazioni di bilancio

Le principali novità in tema di valutazioni di bilancio Le principali novità in tema di valutazioni di bilancio Luca Magnano San Lio Castellanza, 14 dicembre 2016 KPMG S.p.A. kpmg.com/it Le principali novità in tema di valutazioni di bilancio Agenda 1 2 3 I

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 18 agosto 2015, n (GU n.205 del ) Capo II Disposizioni in materia di bilancio di esercizio e consolidato

DECRETO LEGISLATIVO 18 agosto 2015, n (GU n.205 del ) Capo II Disposizioni in materia di bilancio di esercizio e consolidato DECRETO LEGISLATIVO 18 agosto 2015, n. 139 Attuazione della direttiva 2013/34/UE relativa ai bilanci d'esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni di talune tipologie di imprese, recante

Dettagli

Strumenti Finanziari Derivati

Strumenti Finanziari Derivati Strumenti Finanziari Derivati Le relazioni di copertura semplici Revidere Società di Revisione Srl Via Dominutti 2-37135 Verona www.revidere.it 1 Strumenti Finanziari Derivati Dal 1 gennaio 2016 e per

Dettagli

I nuovi schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico

I nuovi schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico La redazione del bilancio d esercizio 2016 - I nuovi schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico sonia.quaranta@gmail.com Attribuzione di competenze alla Comunità Europea TRATTATI Una strategia differenziata:

Dettagli

L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio. Antonella Portalupi

L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio. Antonella Portalupi L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio Antonella Portalupi Titoli immobilizzati Nuovo OIC 20 Crediti nuovo OIC 15 Debiti nuovo OIC 19 Criticità: Fattore temporale (attualizzazioni)

Dettagli

Riforma di bilancio e nuovi principi contabili: problemi applicativi

Riforma di bilancio e nuovi principi contabili: problemi applicativi Il bilancio delle imprese dopo il d.lgs. n. 139 del 2015. Aziendalisti e giuristi a confronto Siena, 1 dicembre 2016 Riforma di bilancio e nuovi principi contabili: problemi applicativi Prof. Valerio Antonelli

Dettagli

R. Galardi. Firenze, 1 dicembre 2016

R. Galardi. Firenze, 1 dicembre 2016 R. Galardi Firenze, 1 dicembre 2016 Di cosa parliamo Il contesto normativo Ambito di applicazione del metodo del costo ammortizzato Definizione di costo ammortizzato Aggiustamenti successivi 2 Il contesto

Dettagli

DIRETTIVA 34/UE/2013: Le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile

DIRETTIVA 34/UE/2013: Le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile DIRETTIVA 34/UE/2013: Le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile L applicazione del criterio del costo ammortizzato per titoli, crediti e debiti (OIC 20, OIC 15 e OIC19) Altamura,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 49 28.12.2016 Immobilizzazioni immateriali: nuovo OIC 24 Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

Roma, 25 gennaio RELATORE: Luca Provaroni

Roma, 25 gennaio RELATORE: Luca Provaroni Roma, 25 gennaio 2016 RELATORE: Luca Provaroni Strumento finanziario derivato (definizione ex IAS 39) E uno strumento finanziario (o altro contratto) che possiede, contemporaneamente, le seguenti tre caratteristiche:

Dettagli

CIRCOLARE N. 5 / Bilanci in forma ordinaria novità 2016

CIRCOLARE N. 5 / Bilanci in forma ordinaria novità 2016 Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 2 marzo 2017. CIRCOLARE N. 5 / 2017. Bilanci in forma ordinaria novità 2016 I nuovi principi contabili OIC 19 Debiti e OIC 15 - Crediti, prevedono a decorrere dai bilanci

Dettagli

Le immobilizzazioni finanziarie II parte

Le immobilizzazioni finanziarie II parte Capitolo 8 Le immobilizzazioni finanziarie II parte Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo 8 OIC 20, Titoli di debito,

Dettagli

MISSION ONLUS Nota Integrativa al Bilancio chiuso al 31/12/2015

MISSION ONLUS Nota Integrativa al Bilancio chiuso al 31/12/2015 MISSION ONLUS Nota Integrativa al Bilancio chiuso al 31/12/2015 Il presente Bilancio è stato redatto in osservanza delle norme introdotte dal D.Lgs 127/91 e conformità della Raccomandazione elaborata dal

Dettagli

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING LE NUOVE REGOLE CIVILISTICHE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Valutazione titoli immobilizzati, crediti e debiti a medio-lungo

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016 IL RENDICONTO FINANZIARIO Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016 1 Art. 2423: «Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo stato patrimoniale,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO Dr. Reale Pierangelo (Catanzaro 17/03/2017) 1 Rendiconto parte del Bilancio d esercizio Art. 2423 co.1 c.c. Bilancio d esercizio costituito da stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

AMIATEL SRL. Nota integrativa abbreviata ex Art bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

AMIATEL SRL. Nota integrativa abbreviata ex Art bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 AMIATEL SRL Codice fiscale 179459 Partita iva 179459 VIALE D. ZACCAGNA 18-A - 5433 CARRARA MS Numero R.E.A. 111346 Registro Imprese di MASSA CARRARA n. 179459 Capitale Sociale 3., i.v. Nota integrativa

Dettagli

Il bilancio in forma abbreviata

Il bilancio in forma abbreviata Il bilancio in forma abbreviata Soggetti interessati Società di capitali Società di persone con soci società di capitali Che nel 1 esercizio, o, successivamente, per 2 esercizi consecutivi non hanno superato

Dettagli

Bilanci: dal 2016 nuove regole con la direttiva 2013/34/UE

Bilanci: dal 2016 nuove regole con la direttiva 2013/34/UE Bilanci: dal 2016 nuove regole con la direttiva 2013/34/UE Il D.Lgs. n. 136/2015 in attuazione della direttiva 2013/34/UE relativa ai bilanci d esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO E LE NOVITA DELLA NOTA INTEGRATIVA

IL RENDICONTO FINANZIARIO E LE NOVITA DELLA NOTA INTEGRATIVA IL RENDICONTO FINANZIARIO E LE NOVITA DELLA NOTA INTEGRATIVA ROSA LOMBARDI, PhD DOCENTE DI RAGIONERIA E BUSINESS PLAN Dottore Commercialista - Revisore legale DIP. DIRITTO ED ECONOMIA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

DIAMANTELL SRL. Bilancio di esercizio al Dati anagrafici. SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA (SR) Società in liquidazione

DIAMANTELL SRL. Bilancio di esercizio al Dati anagrafici. SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA (SR) Società in liquidazione Bilancio di esercizio al 31-12-2015 Dati anagrafici Sede in 56031 BIENTINA (PI) PIAZZA V. EMANUELE II, 27/B Codice Fiscale 02099500502 Numero Rea PI 180818 P.I. 02099500502 Capitale Sociale Euro 20.000

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI o Classificazione secondo codice civile o Criteri di valutazione secondo codice civile e principi contabili nazionali

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI o Classificazione secondo codice civile o Criteri di valutazione secondo codice civile e principi contabili nazionali LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI o Classificazione secondo codice civile o Criteri di valutazione secondo codice civile e principi contabili nazionali o Ammortamenti, rivalutazione e svalutazione secondo

Dettagli

AMIATEL SRL. Nota integrativa abbreviata ex Art bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

AMIATEL SRL. Nota integrativa abbreviata ex Art bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 AMIATEL SRL Codice fiscale 01079000459 Partita iva 01079000459 VIALE D. ZACCAGNA 18-A - 54033 CARRARA MS Numero R.E.A. 111346 Registro Imprese di MASSA CARRARA n. 01079000459 Capitale Sociale 30.000,00

Dettagli

OIC 24 - Immobilizzazioni immateriali

OIC 24 - Immobilizzazioni immateriali Silvana Secinaro (Ricercatore Economia Aziendale - UniTo, Commercialista) OIC 24 - Immobilizzazioni immateriali 1 Novità in sintesi Nella nuova versione dell OIC 24 vengono recepite Le novità legislative

Dettagli

Allegato al fascicolo 06. La struttura e il contenuto degli schemi di bilancio secondo il sistema normativo italiano

Allegato al fascicolo 06. La struttura e il contenuto degli schemi di bilancio secondo il sistema normativo italiano Allegato al fascicolo 06. La struttura e il contenuto degli schemi di bilancio secondo il sistema normativo italiano Articoli del codice civile inerenti la struttura e il contenuto degli schemi di stato

Dettagli

Il Bilancio di Esercizio. art c.c. art bis c.c. art ter c.c. redazione del B principi di redazione del B struttura SP e CE

Il Bilancio di Esercizio. art c.c. art bis c.c. art ter c.c. redazione del B principi di redazione del B struttura SP e CE Il Bilancio di Esercizio art. 2423 c.c. art. 2423 bis c.c. art. 2423 ter c.c. redazione del B principi di redazione del B struttura SP e CE art. 2424 c.c. (e s.s.) Stato Patrimoniale art. 2425 c.c. (e

Dettagli

Direttiva 34/2013: novità bilancio

Direttiva 34/2013: novità bilancio Periodico informativo n. 119/2015 OGGETO: Direttiva 34/2013: novità bilancio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è stato pubblicato nella

Dettagli

GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA

GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA Il sistema di bilancio per le società di capitali, le società cooperative e mutualistiche Conto Economico art. 2425 Nota Integrativa art. 2427... Stato Patrimoniale art.

Dettagli

DLGS. 139/2015 PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI BILANCIO D ESERCIZIO

DLGS. 139/2015 PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI BILANCIO D ESERCIZIO DLGS. 139/2015 PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI BILANCIO D ESERCIZIO La presente dispensa intende illustrare le modifiche normative apportate alla disciplina del bilancio d esercizio delle società di capitali,

Dettagli

Novità bilancio e OIC D.Lgs. 139/2015

Novità bilancio e OIC D.Lgs. 139/2015 Alain Devalle (Professore Professore Associato in Economia Aziendale - UniTO Dottore Commercialista e Revisore legale - ODCEC Torino) Novità bilancio e OIC D.Lgs. 139/2015 1 Obbligo di iscrizione dei derivati

Dettagli

SINTESI PRINCIPI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO

SINTESI PRINCIPI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO SINTESI PRINCIPI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO Società quotate, Società con strumenti finanziari diffusi, Banche e società finanziarie, Assicurazioni Obbligo di redazione bilancio di esercizio e consolidato

Dettagli

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile e dai nuovi principi

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile e dai nuovi principi DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile e dai nuovi principi Le principali modifiche agli altri principi contabili Cagliari, 2 marzo 2017 Dott. Alessandro

Dettagli

Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali

Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali Prof. Riccardo Tiscini Convegno: Prima applicazione dei nuovi OIC e prospettive dell informativa di bilancio Roma,

Dettagli

S. Guidantoni. Firenze, 1 dicembre 2016

S. Guidantoni. Firenze, 1 dicembre 2016 S. Guidantoni Firenze, 1 dicembre 2016 I punti da analizzare La rilevazione: Identificazione dei derivati / Contratto ibrido Valutazione dei derivati Strumento di copertura / Oggetto di copertura Hedge

Dettagli

Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC

Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC «I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» OIC 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell esercizio Dott. Leonardo Piombino

Dettagli

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 12 Composizione e schemi del bilancio d esercizio. Attività al netto delle rettifiche di valore

Osservazioni sulla bozza di documento OIC 12 Composizione e schemi del bilancio d esercizio. Attività al netto delle rettifiche di valore Prof. Ugo Sòstero Ordinario di Economia Aziendale - Università Ca Foscari di Venezia Socio SIDREA Osservazioni sulla bozza di documento OIC 12 Composizione e schemi del bilancio d esercizio Attività al

Dettagli

1. NUOVO BILANCIO DI ESERCIZIO

1. NUOVO BILANCIO DI ESERCIZIO INDICE Introduzione 1. NUOVO BILANCIO DI ESERCIZIO 13 1.1 Evoluzione della normativa contabile ai sensi del Codice civile 13 1.1.1 Codice di commercio del 1882 13 1.1.2 Codice civile del 1942 13 1.1.3

Dettagli

Le novità in tema di immobilizzazioni immateriali e materiali

Le novità in tema di immobilizzazioni immateriali e materiali Le novità in tema di immobilizzazioni immateriali e materiali I temi generali e le problematiche specifiche delle immobilizzazioni materiali (OIC 16) e delle immobilizzazioni immateriali, oneri pluriennali

Dettagli

Aspetti definitori. Il diritto a ricevere determinate somme ad una scadenza da soggetti determinati Da un punto di vista contabile sono assimilati

Aspetti definitori. Il diritto a ricevere determinate somme ad una scadenza da soggetti determinati Da un punto di vista contabile sono assimilati CREDITI oaspetti definitori e rappresentazione in bilancio (effetti patrimoniali ed economici) secondo il codice civile oregole e metodi di valutazione secondo il codice civile con riferimento alle varie

Dettagli

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile Costi di ricerca e pubblicità e novità in tema di immobilizzazioni immateriali (OIC 24) Cagliari, 2 marzo 2017

Dettagli

Il criterio del costo ammortizzato

Il criterio del costo ammortizzato Paola Costa Il criterio del costo ammortizzato Abstract: A partire dal bilancio 2016 debutta il nuovo criterio del costo ammortizzato per la valutazione dei debiti, dei crediti e dei titoli immobilizzati.

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti

OIC 18 Ratei e Risconti OIC 18 Ratei e Risconti Revisione Principi Contabili Nazionali OIC ODCEC Novara 27 gennaio 2015 Francesco Bavagnoli Università del Piemonte Orientale Dottore Commercialista Agenda Principali novità rispetto

Dettagli

Documenti di bilancio

Documenti di bilancio Risk and Accounting Documenti di bilancio Marco Venuti 2016 Agenda Il bilancio codicistico: struttura e schemi Il bilancio IAS/IFRS Situazione patrimoniale-finanziaria Conto economico complessivo Rendiconto

Dettagli

Indice XIII. Premessa

Indice XIII. Premessa Indice Premessa XIII 1. Finalità e principi del bilancio d esercizio 1 1.1. La finalità e l oggetto del bilancio d esercizio 3 1.1.1. La finalità del bilancio d esercizio 3 1.1.2. L oggetto della rappresentazione

Dettagli

Il Rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità secondo l OIC 10

Il Rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità secondo l OIC 10 Il Rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità secondo l OIC 10 Il Rendiconto finanziario a partire dal 1 gennaio 2016 è diventato documento obbligatorio di bilancio per le società di capitali

Dettagli

BILANCI 2016 CREDITI E DEBITI: L UTILIZZO DEL COSTO AMMORTIZZATO

BILANCI 2016 CREDITI E DEBITI: L UTILIZZO DEL COSTO AMMORTIZZATO WORKSHOP dedicato a manager e imprenditori BILANCI 2016 CREDITI E DEBITI: L UTILIZZO DEL COSTO AMMORTIZZATO 21 febbraio 2017 Milano (DIVERSI CRITERI) Il D.Lgs. 139/2015 ha aggiornato la disciplina del

Dettagli

Il criterio del costo ammortizzato e i derivati

Il criterio del costo ammortizzato e i derivati Il criterio del costo ammortizzato e i derivati Riccardo Cimini Ricercatore di Economia Aziendale rcimini@unitus.it A.A. 2015/2016 1 IL CRITERIO DEL COSTO AMMORTIZZATO Supponiamo che, in data 1 gennaio

Dettagli

AMA - RIFIUTO E' RISORSA SCARL. Sede in Via Leone XIII Castellana Sicula (PA) Capitale Sociale Euro ,00 i.v.

AMA - RIFIUTO E' RISORSA SCARL. Sede in Via Leone XIII Castellana Sicula (PA) Capitale Sociale Euro ,00 i.v. Registro Imprese 06339050822 Rea 314696 AMA - RIFIUTO E' RISORSA SCARL Sede in Via Leone XIII 32-90020 Castellana Sicula (PA) Capitale Sociale Euro 10.000,00 i.v. versati Nota integrativa al bilancio al

Dettagli

LE OPERAZIONI PRELIMINARI AL CONSOLIDAMENTO

LE OPERAZIONI PRELIMINARI AL CONSOLIDAMENTO LE OPERAZIONI PRELIMINARI AL CONSOLIDAMENTO Profili di rilievo Forma e contenuto degli schemi di bilancio Data di chiusura dei bilanci da consolidare Omogeneità della moneta di conto Armonizzazione dei

Dettagli

CONVEGNO. Prima applicazione dei nuovi OIC e prospettive dell informativa di bilancio

CONVEGNO. Prima applicazione dei nuovi OIC e prospettive dell informativa di bilancio CONVEGNO Prima applicazione dei nuovi OIC e prospettive dell informativa di bilancio Le immobilizzazioni immateriali e le perdite per riduzione di valore Roma, 3 marzo 2017 Prof. Michele Pizzo Ordinario

Dettagli

Art ter (Azioni proprie) Art (Redazione del Bilancio) Art bis (Principi Redazione Bilancio) Art (Stato patrimoniale)

Art ter (Azioni proprie) Art (Redazione del Bilancio) Art bis (Principi Redazione Bilancio) Art (Stato patrimoniale) Modifiche al Codice Civile recate dal. Codice Civile Art. 2357 ter (Azioni proprie) Modificato dall art. 6, co. 1 Art. 2423 (Redazione del Bilancio) Modificato dall art. 6, co. 2 Art. 2423 bis (Principi

Dettagli

STRATEGY INNOVATION SRL

STRATEGY INNOVATION SRL STRATEGY INNOVATION SRL Bilancio di esercizio al 31-12-2015 Dati anagrafici Sede in DORSODURO - CA' FOSCARI 3246 VENEZIA VE Codice Fiscale 04323680274 Numero Rea VE 401230 P.I. 04323680274 Capitale Sociale

Dettagli

Il D.Lgs n. 139/2015, con il quale è stata recepita la Direttiva Europea n. 2013/34, ha

Il D.Lgs n. 139/2015, con il quale è stata recepita la Direttiva Europea n. 2013/34, ha CIRCOLARE DI STUDIO 21/2017 Parma, 27 marzo 2017 OGGETTO: LE NOVITA DEL BILANCIO 2016 Il D.Lgs n. 139/2015, con il quale è stata recepita la Direttiva Europea n. 2013/34, ha introdotto rilevanti modifiche

Dettagli

CONSORZIO MADE4DIY. Nota integrativa abbreviata ex art. 2435 bis c.c. al bilancio chiuso il 31/12/2014

CONSORZIO MADE4DIY. Nota integrativa abbreviata ex art. 2435 bis c.c. al bilancio chiuso il 31/12/2014 CONSORZIO MADE4DIY Codice fiscale 02515500417 Partita iva 02515500417 VIA CERBARA S.N. - 61030 PIAGGE PU Numero R.E.A. 187932 Registro Imprese di PESARO-URBINO n. 02515500417 Capitale Sociale 24.000,00

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Cenni International Accounting Standard 7 (IAS 7)

Il Rendiconto Finanziario. Cenni International Accounting Standard 7 (IAS 7) Il Rendiconto Finanziario Cenni International Accounting Standard 7 (IAS 7) 1 Cenni IAS 7 A livello internazionale al rendiconto finanziario è dedicato lo IAS 7, ilqualevieneconsideratocomeparteintegrantedelbilancio.

Dettagli

DIRETTIVA 34/UE/2013: LE NOVITÀ SUI BILANCI 2016 INTRODOTTE DALLA NUOVA DIRETTIVA CONTABILE E DAI NUOVI PRINCIPI CONTABILI.

DIRETTIVA 34/UE/2013: LE NOVITÀ SUI BILANCI 2016 INTRODOTTE DALLA NUOVA DIRETTIVA CONTABILE E DAI NUOVI PRINCIPI CONTABILI. DIRETTIVA 34/UE/2013: LE NOVITÀ SUI BILANCI 2016 INTRODOTTE DALLA NUOVA DIRETTIVA CONTABILE E DAI NUOVI PRINCIPI CONTABILI Maurizio Rossini Gorizia,13 febbraio 2017 LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE DAL

Dettagli

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata ATTIVITÀ Note 31 dicembre 2016 di cui verso 31 dicembre 2015 di cui verso (valori in Euro/000) parti correlate parti correlate Attività

Dettagli

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO SULLA FORMAZIONE

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO SULLA FORMAZIONE Sede in TORINO - VIA VERDI 8, Capitale Sociale versato Euro 376.497 Iscritta alla C.C.I.A.A. di TORINO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 97556790018 Partita IVA: 06764560014 - N. Rea: 817430

Dettagli

L. 19/2017 conversione DL 244/2016

L. 19/2017 conversione DL 244/2016 LE NOVITA FISCALI DEL BILANCIO 2016 Dott. Fabio Cigna 1 Riferimenti normativi Direttiva 2013/34/UE D.Lgs. 139/2015 DL 244/2016 Milleproroghe L. 19/2017 conversione DL 244/2016 DPR 917/86 TUIR dal 01/03/2017

Dettagli

MHOUSE S.r.l. Società soggetta a direzione e coordinamento di Nice Group S.p.A., sede in Via Pezza Alta n Oderzo (TV)

MHOUSE S.r.l. Società soggetta a direzione e coordinamento di Nice Group S.p.A., sede in Via Pezza Alta n Oderzo (TV) MHOUSE S.r.l. Sede in Via Pezza Alta, 13-31046 Oderzo (TV) Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. C.F., P. IVA e n. iscrizione R.I. TV 03611720263 Rea 284390 Società soggetta a direzione e coordinamento di

Dettagli

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile

DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile DIRETTIVA 34/UE/2013: le novità sui bilanci 2016 introdotte dalla nuova Direttiva contabile Costi di ricerca e sviluppo e le alter novità sulle immobilizzazioni immateriali (OIC 24) Palermo, 21 marzo 2017

Dettagli

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Presentazione dell'aggiornamento dei principi contabili nazionali. Dott. Massimo Tezzon Segretario Generale OIC

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Presentazione dell'aggiornamento dei principi contabili nazionali. Dott. Massimo Tezzon Segretario Generale OIC «I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Presentazione dell'aggiornamento dei principi contabili nazionali Dott. Massimo Tezzon Segretario Generale OIC Verona, 24 gennaio 2017 Il D.lgs. 139/2015 e il ruolo

Dettagli

TRE BILANCI 139/2015 PREMESSA

TRE BILANCI 139/2015 PREMESSA TRE BILANCI D.Lgs 139/2015 PREMESSA Il DLgs. 18.8.2015 n. 139, pubblicato sulla G.U. 4.9.2015 n. 205, ha dato attuazione alla direttiva 2013/34/UE, per la parte relativa al bilancio d esercizio e al bilancio

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito NOTA OPERATIVA N. 5 /2017 OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito 1. INTRODUZIONE Il Decreto Legislativo n. 139 del 18 agosto 2015 ha recepito

Dettagli