Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana"

Transcript

1 Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana U.O. Medicina dello Sport

2 Cos è la Bioimpedenziometria (Bioelectrical Impedance Analysis)? E una tecnica relativamente recente di misurazione non invasiva, rapida, indolore, affidabile e ripetibile che fornisce dati quanti e qualitativi riguardo la composizione corporea, l idratazione e lo stato nutrizionale. Fornisce dati riguardo alla struttura corporea divisa in TRE parti (tecnica a modello tricompartimentale): 1) MASSA GRASSA CORPOREA (FM) MASSA NON GRASSA CORPOREA (FFM)) divisa in 2)ECM= = massa corporea extracellulare 3)BCM= = massa corporea cellulare

3

4 METODI DI VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA a) Metodi monocompartimentali (valutazioni antropometriche di I livello) b) Metodi bicompartimentali (valutazioni antropometriche di II livello - plicometria) indicanti quindi FM e FFM c) Metodi tricompartimentali (es diluizione isotopica, pesata idrostatica, BIA) indicanti FM, ECM, BCM d) Metodi pentacompartimentali (RMN, TAC, densitometria a doppio raggio energetico, ecc) indicanti TBW, PROTEIN MASS, MINERAL MASS, GLICOGEN MASS, FM

5 METODI DI VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA

6 In VIVO i metodi di valutazione della composizione corporea sono tutti INDIRETTI (cioè rappresentano stime, non misurazioni) I metodi DIRETTI (vere misurazioni) sono effettuabili solo su cadaveri anche se in realtà esistono pochi e datati studi di questo tipo, effettuati con processi chimici. I loro dati sono comunque ancora oggi alla base delle stime.

7 UN PO DI STORIA Nel 1940 Albert Behnke, medico della marina USA, si dedicò allo studio della composizione corporea dopo che 17 su 25 dei giocatori di football della sua città erano stati scartati alla visita di leva per eccesso di peso in base alle tabelle di normalità peso/altezza che venivano utilizzate. Capì che la differenza tra massa magra e massa grassa nei soggetti era correlabile alla densità corporea. La massa magra ha un alta densità, quella grassa ha bassa densità. La DENSITA di un corpo è il rapporto tra la sua massa ed il suo volume. Da studi su altri 64 soggetti Behnke stabilì che la densità negli esseri umani variava fra 0,93 (obesi gravi) e 1,08 (magri muscolosi). I 25 giocatori della squadra di football avevano una densità media 1,059 g/cm3.

8 UN PO DI STORIA Nello stesso anno (1940) Nyober pubblicò il primo lavoro scientifico sull argomento dell impedenza: Radiograms: the electrical impedance changes of the heart in relation to electrocardiograms and heart sound J. Clin. Invest. (1940) In questo lavoro si stabilì scientificamente la relazione tra l impedenza bioelettrica ed il flusso di sangue. Nel 1962 Thomasset A.: Bioelectric properties od tissue impedance Lyon Med. (1962) 207: dimostrò la relazione tra la TBW e la resistenza elettrica, successivamente validata dalla comparazione con sistemi di diluizione con radioisotopi radioattivi (deuterio e trizio) Nel 1985, infine si dimostrò che anche la conduttività del corpo è legata alla TBW: Segal KR, Gutin B, Presta E, Wang J, Van Itallie TB: Estimation of human body composition by electrical impedance methods: a comparative study. J. Apll. Physio. (1985)

9 VALIDAZIONI SCIENTIFICHE Esistono ad oggi più di 3000 lavori pubblicati nella bibliografia medica che si occupano della bioimpedenziometria.

10 VALIDAZIONI SCIENTIFICHE

11 PRINCIPI FISICI Tutte le strutture biologiche oppongono una forza al flusso di correnti continue o alternate che le attraversano. I tessuti si possono comportare da: NON CONDUTTORI (non si lasciano attraversare) CATTIVI CONDUTTORI (si lasciano attraversare poco) BUONI CONDUTTORI (si lasciano attraversare bene) DIELETTRICI (trattengono le cariche) La conducibilità si misura in RESISTENZA CORPOREA. La capacità dielettrica in REATTANZA CORPOREA. Entrambe hanno l OHM (Ω) come unità di misura.

12 PRINCIPI FISICI RESISTENZA CORPOREA (Rz)(o resistenza conduttiva): capacità del corpo o (o parte di esso) di opporsi al passaggio di corrente elettrica (e quindi inversamente proporzionale alla capacità di condurla). Risulta legata interamente ai fluidi corporei. Meno acqua è presente nel tessuto (es osso, lipidi) più è alta la resistenza corporea. Viceversa più è l acqua presente, minore è la resistenza REATTANZA CORPOREA (Xc)(o resistenza capacitativa): capacità del corpo (o parte di esso) di comportarsi da conduttore reattivo, cioè di opporsi al passaggio di corrente elettrica grazie alla capacità di un condensatore (costituito da due piastre separate tra loro da uno strato conduttivo o isolante) che immagazzina cariche elettriche. E direttamente proporzionale alla quantità di membrane cellulari attive, cioè alla massa cellulare corporea (densità cellulare)

13 PRINCIPI FISICI L osso non permette o quasi l attraversamento della corrente (massima resistenza) I lipidi del grasso contenuto nell adipe sono cattivi conduttori per cui hanno una alta resistenza L acqua è un buon conduttore di corrente elettrica (bassa resistenza). I tessuti magri sono ricchi di acqua Le membrane plasmatiche (cellulari) sono dielettrici, cioè sono strutture immerse in soluzione elettrolitica che hanno la capacità di accumulare temporaneamente le cariche. Sono le uniche strutture corporee dotate quindi anche di una reattanza oltrechè di una resistenza

14 PRINCIPI FISICI Le membrane cellulari sono costituite da un doppio strato fosfolipidico polarizzato all esterno e all interno e da una porzione centrale non polarizzata, esattamente come un condensatore che accumula temporaneamente le cariche sull interfaccia. Sono le responsabili della reattanza corporea (resistenza capacitativa)

15 PRINCIPI FISICI IMPEDENZA CORPOREA (Z) = RESISTENZA (Rz) + REATTANZA(Xz) = opposizione offerta dal corpo al passaggio di corrente La resistenza dipende dai fluidi corporei, la reattanza è invece dipende dalla massa cellulare attiva (ATM) o body cellular mass (BCM) Un angolo di fase equivalente a 90 significa che la resistenza è nulla e la reattanza forma interamente l impedenza (corpo formato solo da M.P. e senza fluidi). Un angolo di fase 0 significa la presenza di soli liquidi.

16 PRINCIPI FISICI L IMPEDENZA TOTALE DEL CORPO è determinata più dalla resistenza che non dalla reattanza (acqua più diffusa delle membrane plasmatiche) ed è distribuita: 50% negli arti inferiori 40% agli arti superiori 10% al tronco Il valore dell impedenza diminuisce con l aumentare della frequenza della corrente alternata applicata al corpo. Alla frequenza di 1 Hz la corrente passa solo attraverso i liquidi extracellulari. Alla frequenza di 50 Khz (quella comunemente usata per l analisi BIA) il passaggio di corrente si distribuisce equamente tra l ambiente intra ed extracellulare.

17 Come avviene l esame BIA? Attraverso una tecnica tetrapolare, il bioimpedenziometro 1 applica al corpo una corrente alternata di bassissima intensità (400 µå) ed alta frequenza (50 KHz) 2 registra la velocità e la modificazione di essa (caduta di tensione) e quindi fornisce i dati elettrici rilevati (resistenza + reattanza), calcolando quindi globalmente l impedenza dei tessuti attraversati 3 nell esame bioimpedenziometrico classico un software trasforma i dati elettrici rilevati in un dato clinico sulla base di algoritmi che tengono conto anche dei valori di riferimento della popolazione e delle misure antropometriche del soggetto, della sua età e del suo sesso (BIA CONVENZIONALE) mentre nell evoluzione più recente della tecnica il software produce direttamente dei grafici partendo dai dati elettrici rilevati e senza calcoli ed inserimenti di misure antropometriche (BIA VETTORIALE)

18 BIA CONVENZIONALE Metodologia messa a punto nei primi anni 80, consiste nella registrazione dei valori di resistenza e reattanza corporea da cui, attraverso degli algoritmi validati (equazioni predittive specifiche per popolazione), vengono ricavati dei DATI NUMERICI di analisi corporea. Questo esame si basa sul concetto di considerare il corpo umano alla stregua di un conduttore isotopico cilindrico ed i risultati ottenuti sono STIME e riducono progressivamente la loro attendibilità (cioè aumentano l errore) quanto più ci si allontana da uno stato normale di idratazione e di massa muscolare.

19 BIA CONVENZIONALE ALGORITMO UTILIZZATO: Il software utilizza i dati della resistenza e reattanza rilevati: 1) Calcolando la TBW direttamente in base ai valori della resistenza 2) Applicando sulla TBW il coefficiente fisso di idratazione ottenendo così di conseguenza il calcolo della FFM (massa magra corporea) 3) Calcolando la FM (massa grassa corporea) per sottrazione tra peso tot e FFM 4) Sulla base anche dei valori di reattanza e dei dati antropometrici, calcolando anche altri valori come il BCM (massa cellulare attiva), ECM (massa corporea extracellulare), ICW (acqua corporea intracellulare), ECW (acqua corporea extracellulare) La misurazione dell acqua totale attraverso BIA è quindi la prima e fondamentale parte dell esame ed è stata comparata a sistemi di diluizione con radioisotopi radioattivi ottenendo la validazione del metodo (correlazione BIA vs Deuterio e Trizio pari a R = 0.96)

20 BIA CONVENZIONALE COEFFICIENTE FISSO DI IDRATAZIONE: In condizioni standard, la MASSA MAGRA corporea contiene una quantità di fluidi identificabile con un coefficiente prossimo al 73%. Assumendo come vero questo postulato, dal valore della TBW si può risalire matematicamente al valore della FFM. E quindi ovvio che una significativa differenza del soggetto testato rispetto ad una situazione di idratazione standard (anasarca, cachessia, ecc) amplifica in modo significativo il margine di errore dei risultati finali

21 BIA CONVENZIONALE

22 B.I.A. VETTORIALE: metodologia essa a punto nella seconda metà degli anni 90, è la rappresentazione GRAFICA (vettori) dei valori di resistenza e reattanza corporea normalizzati per l altezza (NOMOGRAMMA BIAVECTOR e NOMOGRAMMA BIAGRAM). Ciò permette quindi una valutazione dello stato di idratazione e nutrizione del soggetto peso indipendente e senza un calcolo matematico dei dati sulla base della resistenza/reattanza rilevate, quindi senza il postulato del fattore di idratazione costante. Risulta quindi più utile in ambito clinico e nutrizionale e può servire anche per una validazione dei dati del BIA convenzionale

23 BIOIMPEDENZIOMETRIA: CONTROINDICAZIONI La BIA è una tecnica TETRAPOLARE, cioè che si basa sulla applicazione di quattro elettrodi cutanei, di cui due INIETTORI (forniscono corrente alternata bassissimi livelli di intensità) e due SENSORI (rilevano la corrente che ha attraversato le strutture biologiche). Non vi sono pertanto effetti avversi possibili. E un esame che può essere svolto da chiunque senza rischi, sia in gravidanza, che in portatori di protesi o placche, bambini, ecc. Unica controindicazione è la presenza di un ICD (defibrillatore impiantato), ma più che altro in via teorica.

24 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Nella tecnica classica, l individuo viene fatto posizionare supino. E necessario un ambiente tranquillo con temperatura ed umidità adeguate. L esame deve essere svolto in soggetti in condizioni basali. Il paziente deve posizionarsi in clinostatismo ed in stato di rilassamento per almeno 4-5 minuti, in modo da permettere una redistribuzione dei liquidi. Esistono anche tecniche diverse, in particolare in macchinari prodotti negli ultimi anni (es bilance con BIA incorporato)

25 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Sono necessari i seguenti requisiti: PERFETTA IDRATAZIONE (no uso diuretici, meglio se il soggetto ha bevuto abbondantemente e poi urinato 30 minuti prima dell esame) DIGIUNO da minimo 2 ore e senza aver assunto ALCOOL (vasodilatazione e redistribuzione liquidi) RIPOSO da 8-10 ore (modificazioni della conduttività in funzione delle variazioni di temperatura anche legata ad attività fisica) NON IN SITUAZIONE DI FEBBRE (modificazione della conduttività in funzione delle variazioni di temperatura e di vasodilatazione e/o vasocostrizione)

26 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Per convenzione si posizionano gli elettrodi a coppie: UNA COPPIA sul dorso mano, in genere dx (distale INIETTORE o STIMOLANTE, rosso) (prossimale SENSORE, nero) UNA COPPIA sul dorso piede omolaterale (distale INIETTORE o STIMOLANTE, rosso) (prossimale SENSORE, nero)

27 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Gli elettrodi vanno posizionati a distanza di almeno 5 cm tra di loro e su cute glabra, meglio se sgrassata. Gli elettrodi sensori rilevano la corrente proveniente dall iniettore vicino e da quello lontano e quindi misurano la caduta di tensione causata dall impedenza globale del corpo.

28 Esempio dei risultati di una BIA CONVENZIONALE

29 Valori di riferimento globali (normalità)

30 Valori di riferimento TBW e FM (normalità)

31 ANALISI DEI RISULTATI ACQUA CORPOREA (TBW): Il valore della TBW è quello estrapolato direttamente della resistenza corporea attraverso gli algoritmi di calcolo. E quindi il risultato fondamentale del test BIA ed è quello da cui da cui derivano poi i risultati della FFM (massa magra) e della FM (massa grassa). LaTBW rappresenta la somma della ICW (acqua intracellulare, indicativa quindi della massa cellulare corporea, che è quella metabolicamente attiva) + ECW (acqua extracellulare, indice grossolanamente della volemia). Normalmente la ICW è quasi il doppio rispetto alla ECW

32 ANALISI DEI RISULTATI COMPARTIMENTI IDRICI del corpo umano

33 ANALISI DEI RISULTATI Una TBW normale è: A seconda dell età, in uomini tra 58% e 65% del peso totale in donne tra il 55% e il 62% del peso totale In linea di massima, più è alta la TBW e più il corpo è magro e muscoloso. La stima della TBW e dei valori correlati (ICW, ECW, FM, FFM) risulta tanto più affidabile quanto più la massa muscolare del soggetto si avvicina a quella della popolazione media.

34 ANALISI DEI RISULTATI La valutazione su eventuali stati di disidratazione/ritenzione idrica non può essere fatta sulla base della TBW ma piuttosto sulle proporzioni della ECW/ICW Se ECW è < al 39% della TBW si parla di disidratazione SeECW è > al 45% della TBW si è di fronte a ritenzione idrica o a riduzione del comparto cellulare (malnutrizione - cachessia). La differenza tra le due condizioni è fattibile attraverso la valutazione della massa cellulare attiva (BCM) e dell angolo di fase

35 ANALISI DEI RISULTATI BCM, Body Cellular Mass, detta anche ATM massa cellulare attiva Si ricava direttamente dai valori della reattanza misurata attraverso l algoritmo. È la massa cellulare corporea,, cioè la parte metabolicamente attiva della massa magra, quindi quella responsabile del metabolismo basale e del consumo di ossigeno. E quindi il compartimento funzionale del soggetto in particolare nel valore di percentuale rispetto al peso totale, così come il ECM è il compartimento di struttura/sostegno/veicolazione metabolicamente inattivo. Sulla base del BCM viene anche calcolato dalla BIA il metabolismo basale. Sarebbe il vero valore a cui rapportare il VO2 max e rappresenta il dato più importante per lo sportivo essendo indice dell efficienza organica

36 ANALISI DEI RISULTATI BCM, Body Cellular Mass A condizioni normali è circa il 40%-50% del peso totale. E considerabile anormale se è < 40-45% negli uomini (più è l età, minori sono i valori) < 38-42% nelle donne Tende a ridursi con l aumentare dell età ed a seguito di patologie Una buona dieta riduce il PESO ed il GRASSO CORPOREO ma non riduce il BCM. L attività fisica tende ad aumentare il BCM e quindi tale valore può essere un utile monitor dell adesione e della efficacia di una sport terapia.

37 ANALISI DEI RISULTATI Studio del gruppo di De Lorenzo (2007): valutazione del BCM utile come esame di screening per selezionare il ruolo e le capacità atletiche di giocatori di calcio

38 ANALISI DEI RISULTATI Studio del gruppo di Andreoli (2012): il BCM è forte predittivo dell efficienza muscolare anche in maratoneti

39 ANALISI DEI RISULTATI BCMI E l indice del BCM (BCM/h in metri elevata al quadrato) Il BCMI è in grado di differenziare un BMI elevato per obesità da uno elevato per una grossa massa muscolare < 8 indica malnutrizione (scarsa massa cellulare) > 10 indica fisico atletico (elevata massa cellulare)

40 ANALISI DEI RISULTATI ANGOLO di FASE Angolo di incidenza sulle ascisse della retta che rappresenta il rapporto tra resistenza e reattanza del corpo, misurato in gradi. Anch esso quindi deriva da un calcolo dell algoritmo sulla base dei valori registrati dal bioimpedenziometro. Rappresenta una specie di ematocrito di tutto il corpo, cioè la proporzione tra gli spazi (volumi) intra (ICM)) e quelli extracellulari (ECM). Risulterebbe 0 se la reattanza fosse nulla, quindi se il corpo fosse formato solo da fluidi e 90 se la reattanza fosse massima e la resistenza nulla, quindi il corpo fosse formato solo da membrane cellulari senza fluidi.

41 ANALISI DEI RISULTATI RAPPORTO ECM/BCM E il rapporto tra la massa extracellulare e quella intracellulare, In genere molto vicino a 1 (1 Kg di massa extracellulare per ogni Kg di massa intracellulare). Se risultati sono 0.8 o inferiori siamo di fronte ad un individuo molto disidratato o dalla alta cellularità

42 ANALISI DEI RISULTATI MASSA GRASSA I valori normali di massa grassa vanno dal 16% al 22% negli uomini e dal 20% al 25% nelle donne, in base all età. Il 12% circa nella donna ed l 3% circa nell uomo costituiscono il tessuto adiposo essenziale (nel midollo osseo, polmoni, milza, fegato, SNC, intestino), il resto è il grasso di deposito. Queste percentuali corrispondono quindi ai valori minimi compatibili con uno stato di salute. I valori di massa grassa corporea non sono predittivi della performance sportiva ma indubbiamente hanno un certo ruolo soprattutto negli sport aerobici e/o antigravitazionali. Sono anche molto utili nella dietoterapia e nella prescrizione dell esercizio fisico per individuare gli obbiettivi da raggiungere (obesità, diabete tipo 2, ecc)

43 ANALISI DEI RISULTATI RIEPILOGO SITUAZIONI PIU COMUNI SOVRAPPESO MASSA GRASSA ELEVATA SEDENTARIETA MASSA GRASSA IN GENERE ELEVATA, BCM, BCMI e ANGOLO DI FASE BASSI SOTTOPESO (magrezza) MASSA GRASSA BASSA DISIDRATAZIONE % ECW BASSA RITENZIONE IDRICA% ECW ELEVATA, BCM, BCMI e ANGOLO DI FASE NON BASSI IPERTROFIA MUSCOLARE BCM, TBW, BCMI e ANGOLO DI FASE ELEVATI IPOTROFIA MUSCOLARE/ORGANICA o MALNUTRIZIONE BCM, BCMI, ANGOLO DI FASE BASSI, % ECW ELEVATA MALNUTRIZIONE notevole o CACHESSIA o DANNI ORGANICI DIFFUSI FFM NORMALE, FM NORMALE O BASSA, BCM, ANGOLO DI FASE e TBW MOLTO BASSI, ECM alta, % ECW ALTA, RAPPORTO Na/K ALTO

44 BIOIMPEDENZIOMETRIA VETTORIALE BIAVECTOR BIAGRAM

45 BIAVECTOR E la rappresentazione GRAFICA dell impedenza bioelettrica, cioè i risultati del B.I.A. non sono manipolati matematicamente ma usati in valore puro di reattanza e resistenza (normalizzati per l altezza) e sottoposti ad una analisi vettoriale che li rende indipendenti dagli algoritmi e dal peso corporeo. Fornisce principalmente informazioni sull ASSETTO IDRICO del corpo.

46 BIAVECTOR Si pongono sulle ordinate il valore della REATTANZA / altezza in metri (Ohm/m) sulle ascisse il valore della RESISTENZA / altezza in metri (Ohm/m)

47 BIAVECTOR Ne deriva un punto di incontro e un vettore che va da 0 fino a quel punto (vettore di impedenza). L angolo tra il vettore di impedenza e le ascisse è detto ANGOLO di FASE.

48 Nomogrammi BIAVECTOR di normalità in base all età e sesso

49 BIAVECTOR Dalla valutazione del nomogramma BIAVECTOR si ha immediatamente una visualizzazione grafica ed indipendente dal peso corporeo in particolare della idratazione corporea della persona valutata, oltrechè dell assetto nutrizionale, grazie al confronto tra i risultati ottenuti e l intervallo di riferimento della popolazione normale. Rispetto al BIA CONVENZIONALE questa tecnica ha più precisione di analisi in soggetti sportivi e patologici perché non è legata al fattore di idratazione costante, ma è meno completa non fornendo i valori numerici di FFM, TBW, FM, ecc

50 BIAVECTOR - IDRATAZIONE CORPOREA: E legata principalmente alla lunghezza del vettore di impedenza: più è lungo il vettore e più saremo di fronte ad uno stato di disidratazione. Più è corto il vettore e più, viceversa, siamo di fronte ad una iperidratazione (ritenzione idrica)

51 BIAVECTOR STATO NUTRIZIONALE: La valutazione dello stato nutrizionale è invece legato principalmente al valore dell angolo di fase. Più grande è l angolo di fase (più è spostata a sx la direzione del vettore di impedenza) più elevata la quantità di massa cellulare, quindi migliore è lo stato nutrizionale. Viceversa, meno è inclinato il vettore di impedenza e peggiore è lo stato nutrizionale

52 BIAVECTOR Basandosi sui valori di riferimento della popolazione generale, nel grafico sono disegnate delle ELLISSI di TOLLERANZA. -la prima ellissi (livello 1) è quella nella quale rientra il 50% della popolazione in termini di idratazione/cellularità -la seconda ellissi (livello 2) è quella nella quale rientra il 75% -la terza ellissi (livello 3) il 95%.

53 BIAVECTOR PROVA ATTENDIBILITA BIA CONVENZIONALE Più il vettore dell impedenza cade vicino al centro di distribuzione e più elevata risulta l accuratezza delle formule (algoritmi) utilizzate per calcolare i volumi (TBW) e le masse (BCM, FM, FFM) corporee nel BIA CONVENZIONALE. I risultati del BIA CONVENZIONALE sono quindi sempre meno attendibili quanto più ci si allontana dal centro di distribuzione

54 BIA CONVENZIONALE + BIAVECTOR

55 BIAGRAM E la rappresentazione grafica dei valori di REATTANZA (0 100)(nelle ordinate) e dell ANGOLO DI FASE (0-10 )(nelle ascisse)

56 BIAGRAM E molto utile soprattutto per una valutazione immediata dell assetto nutrizionale ed in particolare della normalità o anormalità delle proporzioni tra spazi intra ed extracellulari (ECM e BCM).

57 BIAGRAM Valori entro le linee: normale rapporto ECM/BCM = Valori al di sotto: rapporto ECM/BCM > 1 (prevalenza spazi extracellulari per ritenzione idrica e/o bassi valori di massa cellulare) Valori al di sopra: rapporto ECM/BCM <1 (prevalenza spazi intracellulari per disidratazione e/o alti valori di massa cellulare, cioè muscolosi)

58 NUOVE METODOLOGIE Esistono oggigiorno 1)impedenziometri anche in MULTIFREQUENZA oltrechè in monofrequenza 2) una SPETTROSCOPIA a impedenza bioelettrica 3) BIA COMPARTIMENTALI (es TANITA ViSCAN) che forniscono ad esempio la misurazione della circonferenza addominale e del solo adipe addominale 4) impedenziometri in cui vengono inseriti altri dati antropometrici, come ad esempio il rapporto VITA/FIANCHI e il rapporto VITA/COSCIA in modo da differenziare il biotipo GINOIDE (accumulo grasso nei glutei e nei fianchi) da quello ANDROIDE (accumulo grasso in addome)

59

60

61 EMODIALIZZATI Le persone in emodialisi hanno di regola una importante ritenzione idrica senza apparenti edemi periferici. Per questo, per loro è fondamentale conoscere il peso della massa secca organica in modo da monitorizzare il percorso e l efficacia della terapia dialitica. L esame bioimpedenziometrico risulta quindi fondamentale (in particolare il BIAVECTOR) ed in genere è svolto prima e dopo la seduta dialitica La dialisi ideale è quella che riesce a rimuovere i liquidi in eccesso senza indurre ipotensione. L OBIETTIVO TERAPEUTICO è il raggiungimento senza sintomi del peso secco definito STABILE

62 BIA e PRESCRIZIONE ESERCIZIO FISICO Utilità BIA nella prescrizione dell esercizio fisico: 1) Valutazione preliminare in soggetti per impostare una terapia nutrizionale (es diabete tipo 2, s. metabolica, sovrappeso, ecc) 1) Valutazione oggettiva degli eventuali miglioramenti nel corso del tempo in termini non solo del peso totale o delle modificazioni della massa grassa ma anche di BCM, angolo di fase, idratazione, ecc 2) Ottimizzazione risultati del CPET abbinando i valori di VO2 al BCM (strada da sviluppare)

63 CASI CLINICI

64 Soggetto maschio di 57 anni in dialisi. Altezza 169 cm peso 68,6 Kg. TestB.I.A. convenzionale + vettoriale pre seduta dialitica. Peso 68,6 Kg BCM 23 Kg TBW 40,8 lt ECW 20,5 lt (50,2%) Grasso 12,9 Kg (18,7%)

65 Test ripetuto post seduta dialitica Peso 65,8 Kg (-2,8 Kg) BCM 22,6 Kg TBW 36,6 lt (-4,2 lt) ECW 16,9 lt (46,2%) (-3,6 lt) Grasso 15,8 Kg (24%)

66 Test ripetuto post seduta dialitica Peso 65,8 Kg (-2,8 Kg) BCM 22,6 Kg TBW 36,6 lt (-4,2 lt) ECW 16,9 lt (46,2%) (-3,6 lt) Grasso 15,8 Kg (24%)

67 Soggetto maschio di 28 anni. Febbraio Sieropositivo HIV.. Altezza 173 cm Prima visita (buone condizioni): Peso 72 Kg BCM 29 Kg Angolo fase 6,3 TBW 43,3 lt ECW 19,2 lt (44,3%) Grasso 12,9 Kg (18%) BCMI 9 BMI 24

68 Stesso soggetto, gennaio 2011, AIDS conclamato Peso 70 Kg (-2 Kg) BCM 27,4 Kg (-1,6 Kg) TBW 43,4 (=) ECW 46,5% (da 44,3%) Grasso 10,7 Kg (-2,2 Kg) Angolo fase 5,8 (da 6,3 ) BCMI 9 (=) BMI 23 (da 24)

69 Stesso soggetto, novembre 2011, stato pre terminale Peso 58 Kg (-14 Kg) BCM 14,8 Kg (-14,2 Kg) TBW 39,8,4 (- 3,5 lt) ECW 62,9% (da 44,3%) Grasso 3,6 Kg (-9,3 Kg) Angolo fase 3,3 (da 6,3 ) BCMI 4 (da 9) BMI 19 (da 24)

70 Soggetto di sesso maschile di 33 anni. Sedentario. Altezza 179 cm. Valori ematici e pressori compatibili con sindrome metabolica (glicemia basale 110, PA 145/95, colesterolo LDL 145). Valori prima di dietoterapia e inizio attività fisica (Febbraio): Peso 90 Kg BCM 20,3 Kg (31,4%) ECW 53,3% grasso 25,5 Kg (28,3%) angolo di fase 4.6 BMI 28 BCMI 6

71 Stesso soggetto, valori dopo 12 settimane di dietoterapia e attività fisica (glicemia basale 98, valori PA 135/80, colesterolo LDL 105): Peso 78 Kg (-12 Kg) BCM 36,5 Kg (+ 16,2 Kg) ECW 39,8% massa grassa 12,4 Kg (-13,1 Kg, 15,9%) angolo di fase 7.5 (+2,9) BMI 24 (- 4) BCMI 11 (+5)

72 Stesso soggetto, valori dopo 12 settimane di dietoterapia e attività fisica (glicemia basale 98, valori PA 135/80, colesterolo LDL 105): Peso 78 Kg (-12 Kg) BCM 36,5 Kg (+ 16,2 Kg) ECW 39,8% massa grassa 12,4 Kg (-13,1 Kg, 15,9%) angolo di fase 7.5 (+2,9) BMI 24 (-4) BCMI 11 (+5)

73 Soggetto di sesso maschile di 26 anni. Giocatore di basket professionista. Altezza 198 cm. Valori ad inizio stagione (Agosto) peso 88 Kg BCM 28,4 Kg (38,5%) ECW 44,9% grasso corporeo 14,1 Kg (16%) angolo di fase 6,2 BMI 22 BCMI 7

74 Stesso soggetto, valori quasi a fine stagione, in piena forma (Aprile): Peso 92 Kg (+ 4 Kg) BCM 44,3 Kg (+ 16,1 Kg) ECW 35,3% grasso corporeo 13,1 Kg (- 1 Kg, 14,2%) angolo di fase 8,9 (+2,7 ) BMI 23 (+1) BCMI 11 (+4)

75 Stesso soggetto, valori quasi a fine stagione, in piena forma (Aprile): Peso 92 Kg (+ 4 Kg) BCM 44,3 Kg (+ 16,1 Kg) ECW 35,3% grasso corporeo 13,1 Kg (- 1 Kg, 14,2%) angolo di fase 8,9 (+2,7 ) BMI 23 (+1) BCMI 11 (+4)

76 Istruttrice fitness. 23 anni. 170 cm altezza, 52 Kg peso. Massa grassa 31,3%!!!!! ECW 69,7%!!!!!!! Massa muscolare 10,9 Kg!!

77 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!!!

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri Tutti i metodi convenzionali di composizione corporea delegano il compito della predizione di masse e volumi corporei ad equazioni predittive

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

La Guida di installazione rapida, i piedini da tappeto e le batterie si trovano negli scomparti della bilancia.

La Guida di installazione rapida, i piedini da tappeto e le batterie si trovano negli scomparti della bilancia. 1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 1x Runtastic LIBRA, 3x Batterie alcaline AAA da 1,5V 4x Piedini da tappeto e 1x Guida di installazione rapida La Guida di installazione rapida, i piedini da tappeto e le batterie

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli