Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana"

Transcript

1 Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana U.O. Medicina dello Sport

2 Cos è la Bioimpedenziometria (Bioelectrical Impedance Analysis)? E una tecnica relativamente recente di misurazione non invasiva, rapida, indolore, affidabile e ripetibile che fornisce dati quanti e qualitativi riguardo la composizione corporea, l idratazione e lo stato nutrizionale. Fornisce dati riguardo alla struttura corporea divisa in TRE parti (tecnica a modello tricompartimentale): 1) MASSA GRASSA CORPOREA (FM) MASSA NON GRASSA CORPOREA (FFM)) divisa in 2)ECM= = massa corporea extracellulare 3)BCM= = massa corporea cellulare

3

4 METODI DI VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA a) Metodi monocompartimentali (valutazioni antropometriche di I livello) b) Metodi bicompartimentali (valutazioni antropometriche di II livello - plicometria) indicanti quindi FM e FFM c) Metodi tricompartimentali (es diluizione isotopica, pesata idrostatica, BIA) indicanti FM, ECM, BCM d) Metodi pentacompartimentali (RMN, TAC, densitometria a doppio raggio energetico, ecc) indicanti TBW, PROTEIN MASS, MINERAL MASS, GLICOGEN MASS, FM

5 METODI DI VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA

6 In VIVO i metodi di valutazione della composizione corporea sono tutti INDIRETTI (cioè rappresentano stime, non misurazioni) I metodi DIRETTI (vere misurazioni) sono effettuabili solo su cadaveri anche se in realtà esistono pochi e datati studi di questo tipo, effettuati con processi chimici. I loro dati sono comunque ancora oggi alla base delle stime.

7 UN PO DI STORIA Nel 1940 Albert Behnke, medico della marina USA, si dedicò allo studio della composizione corporea dopo che 17 su 25 dei giocatori di football della sua città erano stati scartati alla visita di leva per eccesso di peso in base alle tabelle di normalità peso/altezza che venivano utilizzate. Capì che la differenza tra massa magra e massa grassa nei soggetti era correlabile alla densità corporea. La massa magra ha un alta densità, quella grassa ha bassa densità. La DENSITA di un corpo è il rapporto tra la sua massa ed il suo volume. Da studi su altri 64 soggetti Behnke stabilì che la densità negli esseri umani variava fra 0,93 (obesi gravi) e 1,08 (magri muscolosi). I 25 giocatori della squadra di football avevano una densità media 1,059 g/cm3.

8 UN PO DI STORIA Nello stesso anno (1940) Nyober pubblicò il primo lavoro scientifico sull argomento dell impedenza: Radiograms: the electrical impedance changes of the heart in relation to electrocardiograms and heart sound J. Clin. Invest. (1940) In questo lavoro si stabilì scientificamente la relazione tra l impedenza bioelettrica ed il flusso di sangue. Nel 1962 Thomasset A.: Bioelectric properties od tissue impedance Lyon Med. (1962) 207: dimostrò la relazione tra la TBW e la resistenza elettrica, successivamente validata dalla comparazione con sistemi di diluizione con radioisotopi radioattivi (deuterio e trizio) Nel 1985, infine si dimostrò che anche la conduttività del corpo è legata alla TBW: Segal KR, Gutin B, Presta E, Wang J, Van Itallie TB: Estimation of human body composition by electrical impedance methods: a comparative study. J. Apll. Physio. (1985)

9 VALIDAZIONI SCIENTIFICHE Esistono ad oggi più di 3000 lavori pubblicati nella bibliografia medica che si occupano della bioimpedenziometria.

10 VALIDAZIONI SCIENTIFICHE

11 PRINCIPI FISICI Tutte le strutture biologiche oppongono una forza al flusso di correnti continue o alternate che le attraversano. I tessuti si possono comportare da: NON CONDUTTORI (non si lasciano attraversare) CATTIVI CONDUTTORI (si lasciano attraversare poco) BUONI CONDUTTORI (si lasciano attraversare bene) DIELETTRICI (trattengono le cariche) La conducibilità si misura in RESISTENZA CORPOREA. La capacità dielettrica in REATTANZA CORPOREA. Entrambe hanno l OHM (Ω) come unità di misura.

12 PRINCIPI FISICI RESISTENZA CORPOREA (Rz)(o resistenza conduttiva): capacità del corpo o (o parte di esso) di opporsi al passaggio di corrente elettrica (e quindi inversamente proporzionale alla capacità di condurla). Risulta legata interamente ai fluidi corporei. Meno acqua è presente nel tessuto (es osso, lipidi) più è alta la resistenza corporea. Viceversa più è l acqua presente, minore è la resistenza REATTANZA CORPOREA (Xc)(o resistenza capacitativa): capacità del corpo (o parte di esso) di comportarsi da conduttore reattivo, cioè di opporsi al passaggio di corrente elettrica grazie alla capacità di un condensatore (costituito da due piastre separate tra loro da uno strato conduttivo o isolante) che immagazzina cariche elettriche. E direttamente proporzionale alla quantità di membrane cellulari attive, cioè alla massa cellulare corporea (densità cellulare)

13 PRINCIPI FISICI L osso non permette o quasi l attraversamento della corrente (massima resistenza) I lipidi del grasso contenuto nell adipe sono cattivi conduttori per cui hanno una alta resistenza L acqua è un buon conduttore di corrente elettrica (bassa resistenza). I tessuti magri sono ricchi di acqua Le membrane plasmatiche (cellulari) sono dielettrici, cioè sono strutture immerse in soluzione elettrolitica che hanno la capacità di accumulare temporaneamente le cariche. Sono le uniche strutture corporee dotate quindi anche di una reattanza oltrechè di una resistenza

14 PRINCIPI FISICI Le membrane cellulari sono costituite da un doppio strato fosfolipidico polarizzato all esterno e all interno e da una porzione centrale non polarizzata, esattamente come un condensatore che accumula temporaneamente le cariche sull interfaccia. Sono le responsabili della reattanza corporea (resistenza capacitativa)

15 PRINCIPI FISICI IMPEDENZA CORPOREA (Z) = RESISTENZA (Rz) + REATTANZA(Xz) = opposizione offerta dal corpo al passaggio di corrente La resistenza dipende dai fluidi corporei, la reattanza è invece dipende dalla massa cellulare attiva (ATM) o body cellular mass (BCM) Un angolo di fase equivalente a 90 significa che la resistenza è nulla e la reattanza forma interamente l impedenza (corpo formato solo da M.P. e senza fluidi). Un angolo di fase 0 significa la presenza di soli liquidi.

16 PRINCIPI FISICI L IMPEDENZA TOTALE DEL CORPO è determinata più dalla resistenza che non dalla reattanza (acqua più diffusa delle membrane plasmatiche) ed è distribuita: 50% negli arti inferiori 40% agli arti superiori 10% al tronco Il valore dell impedenza diminuisce con l aumentare della frequenza della corrente alternata applicata al corpo. Alla frequenza di 1 Hz la corrente passa solo attraverso i liquidi extracellulari. Alla frequenza di 50 Khz (quella comunemente usata per l analisi BIA) il passaggio di corrente si distribuisce equamente tra l ambiente intra ed extracellulare.

17 Come avviene l esame BIA? Attraverso una tecnica tetrapolare, il bioimpedenziometro 1 applica al corpo una corrente alternata di bassissima intensità (400 µå) ed alta frequenza (50 KHz) 2 registra la velocità e la modificazione di essa (caduta di tensione) e quindi fornisce i dati elettrici rilevati (resistenza + reattanza), calcolando quindi globalmente l impedenza dei tessuti attraversati 3 nell esame bioimpedenziometrico classico un software trasforma i dati elettrici rilevati in un dato clinico sulla base di algoritmi che tengono conto anche dei valori di riferimento della popolazione e delle misure antropometriche del soggetto, della sua età e del suo sesso (BIA CONVENZIONALE) mentre nell evoluzione più recente della tecnica il software produce direttamente dei grafici partendo dai dati elettrici rilevati e senza calcoli ed inserimenti di misure antropometriche (BIA VETTORIALE)

18 BIA CONVENZIONALE Metodologia messa a punto nei primi anni 80, consiste nella registrazione dei valori di resistenza e reattanza corporea da cui, attraverso degli algoritmi validati (equazioni predittive specifiche per popolazione), vengono ricavati dei DATI NUMERICI di analisi corporea. Questo esame si basa sul concetto di considerare il corpo umano alla stregua di un conduttore isotopico cilindrico ed i risultati ottenuti sono STIME e riducono progressivamente la loro attendibilità (cioè aumentano l errore) quanto più ci si allontana da uno stato normale di idratazione e di massa muscolare.

19 BIA CONVENZIONALE ALGORITMO UTILIZZATO: Il software utilizza i dati della resistenza e reattanza rilevati: 1) Calcolando la TBW direttamente in base ai valori della resistenza 2) Applicando sulla TBW il coefficiente fisso di idratazione ottenendo così di conseguenza il calcolo della FFM (massa magra corporea) 3) Calcolando la FM (massa grassa corporea) per sottrazione tra peso tot e FFM 4) Sulla base anche dei valori di reattanza e dei dati antropometrici, calcolando anche altri valori come il BCM (massa cellulare attiva), ECM (massa corporea extracellulare), ICW (acqua corporea intracellulare), ECW (acqua corporea extracellulare) La misurazione dell acqua totale attraverso BIA è quindi la prima e fondamentale parte dell esame ed è stata comparata a sistemi di diluizione con radioisotopi radioattivi ottenendo la validazione del metodo (correlazione BIA vs Deuterio e Trizio pari a R = 0.96)

20 BIA CONVENZIONALE COEFFICIENTE FISSO DI IDRATAZIONE: In condizioni standard, la MASSA MAGRA corporea contiene una quantità di fluidi identificabile con un coefficiente prossimo al 73%. Assumendo come vero questo postulato, dal valore della TBW si può risalire matematicamente al valore della FFM. E quindi ovvio che una significativa differenza del soggetto testato rispetto ad una situazione di idratazione standard (anasarca, cachessia, ecc) amplifica in modo significativo il margine di errore dei risultati finali

21 BIA CONVENZIONALE

22 B.I.A. VETTORIALE: metodologia essa a punto nella seconda metà degli anni 90, è la rappresentazione GRAFICA (vettori) dei valori di resistenza e reattanza corporea normalizzati per l altezza (NOMOGRAMMA BIAVECTOR e NOMOGRAMMA BIAGRAM). Ciò permette quindi una valutazione dello stato di idratazione e nutrizione del soggetto peso indipendente e senza un calcolo matematico dei dati sulla base della resistenza/reattanza rilevate, quindi senza il postulato del fattore di idratazione costante. Risulta quindi più utile in ambito clinico e nutrizionale e può servire anche per una validazione dei dati del BIA convenzionale

23 BIOIMPEDENZIOMETRIA: CONTROINDICAZIONI La BIA è una tecnica TETRAPOLARE, cioè che si basa sulla applicazione di quattro elettrodi cutanei, di cui due INIETTORI (forniscono corrente alternata bassissimi livelli di intensità) e due SENSORI (rilevano la corrente che ha attraversato le strutture biologiche). Non vi sono pertanto effetti avversi possibili. E un esame che può essere svolto da chiunque senza rischi, sia in gravidanza, che in portatori di protesi o placche, bambini, ecc. Unica controindicazione è la presenza di un ICD (defibrillatore impiantato), ma più che altro in via teorica.

24 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Nella tecnica classica, l individuo viene fatto posizionare supino. E necessario un ambiente tranquillo con temperatura ed umidità adeguate. L esame deve essere svolto in soggetti in condizioni basali. Il paziente deve posizionarsi in clinostatismo ed in stato di rilassamento per almeno 4-5 minuti, in modo da permettere una redistribuzione dei liquidi. Esistono anche tecniche diverse, in particolare in macchinari prodotti negli ultimi anni (es bilance con BIA incorporato)

25 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Sono necessari i seguenti requisiti: PERFETTA IDRATAZIONE (no uso diuretici, meglio se il soggetto ha bevuto abbondantemente e poi urinato 30 minuti prima dell esame) DIGIUNO da minimo 2 ore e senza aver assunto ALCOOL (vasodilatazione e redistribuzione liquidi) RIPOSO da 8-10 ore (modificazioni della conduttività in funzione delle variazioni di temperatura anche legata ad attività fisica) NON IN SITUAZIONE DI FEBBRE (modificazione della conduttività in funzione delle variazioni di temperatura e di vasodilatazione e/o vasocostrizione)

26 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Per convenzione si posizionano gli elettrodi a coppie: UNA COPPIA sul dorso mano, in genere dx (distale INIETTORE o STIMOLANTE, rosso) (prossimale SENSORE, nero) UNA COPPIA sul dorso piede omolaterale (distale INIETTORE o STIMOLANTE, rosso) (prossimale SENSORE, nero)

27 BIOIMPEDENZIOMETRIA: TECNICA DI EFFETTUAZIONE Gli elettrodi vanno posizionati a distanza di almeno 5 cm tra di loro e su cute glabra, meglio se sgrassata. Gli elettrodi sensori rilevano la corrente proveniente dall iniettore vicino e da quello lontano e quindi misurano la caduta di tensione causata dall impedenza globale del corpo.

28 Esempio dei risultati di una BIA CONVENZIONALE

29 Valori di riferimento globali (normalità)

30 Valori di riferimento TBW e FM (normalità)

31 ANALISI DEI RISULTATI ACQUA CORPOREA (TBW): Il valore della TBW è quello estrapolato direttamente della resistenza corporea attraverso gli algoritmi di calcolo. E quindi il risultato fondamentale del test BIA ed è quello da cui da cui derivano poi i risultati della FFM (massa magra) e della FM (massa grassa). LaTBW rappresenta la somma della ICW (acqua intracellulare, indicativa quindi della massa cellulare corporea, che è quella metabolicamente attiva) + ECW (acqua extracellulare, indice grossolanamente della volemia). Normalmente la ICW è quasi il doppio rispetto alla ECW

32 ANALISI DEI RISULTATI COMPARTIMENTI IDRICI del corpo umano

33 ANALISI DEI RISULTATI Una TBW normale è: A seconda dell età, in uomini tra 58% e 65% del peso totale in donne tra il 55% e il 62% del peso totale In linea di massima, più è alta la TBW e più il corpo è magro e muscoloso. La stima della TBW e dei valori correlati (ICW, ECW, FM, FFM) risulta tanto più affidabile quanto più la massa muscolare del soggetto si avvicina a quella della popolazione media.

34 ANALISI DEI RISULTATI La valutazione su eventuali stati di disidratazione/ritenzione idrica non può essere fatta sulla base della TBW ma piuttosto sulle proporzioni della ECW/ICW Se ECW è < al 39% della TBW si parla di disidratazione SeECW è > al 45% della TBW si è di fronte a ritenzione idrica o a riduzione del comparto cellulare (malnutrizione - cachessia). La differenza tra le due condizioni è fattibile attraverso la valutazione della massa cellulare attiva (BCM) e dell angolo di fase

35 ANALISI DEI RISULTATI BCM, Body Cellular Mass, detta anche ATM massa cellulare attiva Si ricava direttamente dai valori della reattanza misurata attraverso l algoritmo. È la massa cellulare corporea,, cioè la parte metabolicamente attiva della massa magra, quindi quella responsabile del metabolismo basale e del consumo di ossigeno. E quindi il compartimento funzionale del soggetto in particolare nel valore di percentuale rispetto al peso totale, così come il ECM è il compartimento di struttura/sostegno/veicolazione metabolicamente inattivo. Sulla base del BCM viene anche calcolato dalla BIA il metabolismo basale. Sarebbe il vero valore a cui rapportare il VO2 max e rappresenta il dato più importante per lo sportivo essendo indice dell efficienza organica

36 ANALISI DEI RISULTATI BCM, Body Cellular Mass A condizioni normali è circa il 40%-50% del peso totale. E considerabile anormale se è < 40-45% negli uomini (più è l età, minori sono i valori) < 38-42% nelle donne Tende a ridursi con l aumentare dell età ed a seguito di patologie Una buona dieta riduce il PESO ed il GRASSO CORPOREO ma non riduce il BCM. L attività fisica tende ad aumentare il BCM e quindi tale valore può essere un utile monitor dell adesione e della efficacia di una sport terapia.

37 ANALISI DEI RISULTATI Studio del gruppo di De Lorenzo (2007): valutazione del BCM utile come esame di screening per selezionare il ruolo e le capacità atletiche di giocatori di calcio

38 ANALISI DEI RISULTATI Studio del gruppo di Andreoli (2012): il BCM è forte predittivo dell efficienza muscolare anche in maratoneti

39 ANALISI DEI RISULTATI BCMI E l indice del BCM (BCM/h in metri elevata al quadrato) Il BCMI è in grado di differenziare un BMI elevato per obesità da uno elevato per una grossa massa muscolare < 8 indica malnutrizione (scarsa massa cellulare) > 10 indica fisico atletico (elevata massa cellulare)

40 ANALISI DEI RISULTATI ANGOLO di FASE Angolo di incidenza sulle ascisse della retta che rappresenta il rapporto tra resistenza e reattanza del corpo, misurato in gradi. Anch esso quindi deriva da un calcolo dell algoritmo sulla base dei valori registrati dal bioimpedenziometro. Rappresenta una specie di ematocrito di tutto il corpo, cioè la proporzione tra gli spazi (volumi) intra (ICM)) e quelli extracellulari (ECM). Risulterebbe 0 se la reattanza fosse nulla, quindi se il corpo fosse formato solo da fluidi e 90 se la reattanza fosse massima e la resistenza nulla, quindi il corpo fosse formato solo da membrane cellulari senza fluidi.

41 ANALISI DEI RISULTATI RAPPORTO ECM/BCM E il rapporto tra la massa extracellulare e quella intracellulare, In genere molto vicino a 1 (1 Kg di massa extracellulare per ogni Kg di massa intracellulare). Se risultati sono 0.8 o inferiori siamo di fronte ad un individuo molto disidratato o dalla alta cellularità

42 ANALISI DEI RISULTATI MASSA GRASSA I valori normali di massa grassa vanno dal 16% al 22% negli uomini e dal 20% al 25% nelle donne, in base all età. Il 12% circa nella donna ed l 3% circa nell uomo costituiscono il tessuto adiposo essenziale (nel midollo osseo, polmoni, milza, fegato, SNC, intestino), il resto è il grasso di deposito. Queste percentuali corrispondono quindi ai valori minimi compatibili con uno stato di salute. I valori di massa grassa corporea non sono predittivi della performance sportiva ma indubbiamente hanno un certo ruolo soprattutto negli sport aerobici e/o antigravitazionali. Sono anche molto utili nella dietoterapia e nella prescrizione dell esercizio fisico per individuare gli obbiettivi da raggiungere (obesità, diabete tipo 2, ecc)

43 ANALISI DEI RISULTATI RIEPILOGO SITUAZIONI PIU COMUNI SOVRAPPESO MASSA GRASSA ELEVATA SEDENTARIETA MASSA GRASSA IN GENERE ELEVATA, BCM, BCMI e ANGOLO DI FASE BASSI SOTTOPESO (magrezza) MASSA GRASSA BASSA DISIDRATAZIONE % ECW BASSA RITENZIONE IDRICA% ECW ELEVATA, BCM, BCMI e ANGOLO DI FASE NON BASSI IPERTROFIA MUSCOLARE BCM, TBW, BCMI e ANGOLO DI FASE ELEVATI IPOTROFIA MUSCOLARE/ORGANICA o MALNUTRIZIONE BCM, BCMI, ANGOLO DI FASE BASSI, % ECW ELEVATA MALNUTRIZIONE notevole o CACHESSIA o DANNI ORGANICI DIFFUSI FFM NORMALE, FM NORMALE O BASSA, BCM, ANGOLO DI FASE e TBW MOLTO BASSI, ECM alta, % ECW ALTA, RAPPORTO Na/K ALTO

44 BIOIMPEDENZIOMETRIA VETTORIALE BIAVECTOR BIAGRAM

45 BIAVECTOR E la rappresentazione GRAFICA dell impedenza bioelettrica, cioè i risultati del B.I.A. non sono manipolati matematicamente ma usati in valore puro di reattanza e resistenza (normalizzati per l altezza) e sottoposti ad una analisi vettoriale che li rende indipendenti dagli algoritmi e dal peso corporeo. Fornisce principalmente informazioni sull ASSETTO IDRICO del corpo.

46 BIAVECTOR Si pongono sulle ordinate il valore della REATTANZA / altezza in metri (Ohm/m) sulle ascisse il valore della RESISTENZA / altezza in metri (Ohm/m)

47 BIAVECTOR Ne deriva un punto di incontro e un vettore che va da 0 fino a quel punto (vettore di impedenza). L angolo tra il vettore di impedenza e le ascisse è detto ANGOLO di FASE.

48 Nomogrammi BIAVECTOR di normalità in base all età e sesso

49 BIAVECTOR Dalla valutazione del nomogramma BIAVECTOR si ha immediatamente una visualizzazione grafica ed indipendente dal peso corporeo in particolare della idratazione corporea della persona valutata, oltrechè dell assetto nutrizionale, grazie al confronto tra i risultati ottenuti e l intervallo di riferimento della popolazione normale. Rispetto al BIA CONVENZIONALE questa tecnica ha più precisione di analisi in soggetti sportivi e patologici perché non è legata al fattore di idratazione costante, ma è meno completa non fornendo i valori numerici di FFM, TBW, FM, ecc

50 BIAVECTOR - IDRATAZIONE CORPOREA: E legata principalmente alla lunghezza del vettore di impedenza: più è lungo il vettore e più saremo di fronte ad uno stato di disidratazione. Più è corto il vettore e più, viceversa, siamo di fronte ad una iperidratazione (ritenzione idrica)

51 BIAVECTOR STATO NUTRIZIONALE: La valutazione dello stato nutrizionale è invece legato principalmente al valore dell angolo di fase. Più grande è l angolo di fase (più è spostata a sx la direzione del vettore di impedenza) più elevata la quantità di massa cellulare, quindi migliore è lo stato nutrizionale. Viceversa, meno è inclinato il vettore di impedenza e peggiore è lo stato nutrizionale

52 BIAVECTOR Basandosi sui valori di riferimento della popolazione generale, nel grafico sono disegnate delle ELLISSI di TOLLERANZA. -la prima ellissi (livello 1) è quella nella quale rientra il 50% della popolazione in termini di idratazione/cellularità -la seconda ellissi (livello 2) è quella nella quale rientra il 75% -la terza ellissi (livello 3) il 95%.

53 BIAVECTOR PROVA ATTENDIBILITA BIA CONVENZIONALE Più il vettore dell impedenza cade vicino al centro di distribuzione e più elevata risulta l accuratezza delle formule (algoritmi) utilizzate per calcolare i volumi (TBW) e le masse (BCM, FM, FFM) corporee nel BIA CONVENZIONALE. I risultati del BIA CONVENZIONALE sono quindi sempre meno attendibili quanto più ci si allontana dal centro di distribuzione

54 BIA CONVENZIONALE + BIAVECTOR

55 BIAGRAM E la rappresentazione grafica dei valori di REATTANZA (0 100)(nelle ordinate) e dell ANGOLO DI FASE (0-10 )(nelle ascisse)

56 BIAGRAM E molto utile soprattutto per una valutazione immediata dell assetto nutrizionale ed in particolare della normalità o anormalità delle proporzioni tra spazi intra ed extracellulari (ECM e BCM).

57 BIAGRAM Valori entro le linee: normale rapporto ECM/BCM = Valori al di sotto: rapporto ECM/BCM > 1 (prevalenza spazi extracellulari per ritenzione idrica e/o bassi valori di massa cellulare) Valori al di sopra: rapporto ECM/BCM <1 (prevalenza spazi intracellulari per disidratazione e/o alti valori di massa cellulare, cioè muscolosi)

58 NUOVE METODOLOGIE Esistono oggigiorno 1)impedenziometri anche in MULTIFREQUENZA oltrechè in monofrequenza 2) una SPETTROSCOPIA a impedenza bioelettrica 3) BIA COMPARTIMENTALI (es TANITA ViSCAN) che forniscono ad esempio la misurazione della circonferenza addominale e del solo adipe addominale 4) impedenziometri in cui vengono inseriti altri dati antropometrici, come ad esempio il rapporto VITA/FIANCHI e il rapporto VITA/COSCIA in modo da differenziare il biotipo GINOIDE (accumulo grasso nei glutei e nei fianchi) da quello ANDROIDE (accumulo grasso in addome)

59

60

61 EMODIALIZZATI Le persone in emodialisi hanno di regola una importante ritenzione idrica senza apparenti edemi periferici. Per questo, per loro è fondamentale conoscere il peso della massa secca organica in modo da monitorizzare il percorso e l efficacia della terapia dialitica. L esame bioimpedenziometrico risulta quindi fondamentale (in particolare il BIAVECTOR) ed in genere è svolto prima e dopo la seduta dialitica La dialisi ideale è quella che riesce a rimuovere i liquidi in eccesso senza indurre ipotensione. L OBIETTIVO TERAPEUTICO è il raggiungimento senza sintomi del peso secco definito STABILE

62 BIA e PRESCRIZIONE ESERCIZIO FISICO Utilità BIA nella prescrizione dell esercizio fisico: 1) Valutazione preliminare in soggetti per impostare una terapia nutrizionale (es diabete tipo 2, s. metabolica, sovrappeso, ecc) 1) Valutazione oggettiva degli eventuali miglioramenti nel corso del tempo in termini non solo del peso totale o delle modificazioni della massa grassa ma anche di BCM, angolo di fase, idratazione, ecc 2) Ottimizzazione risultati del CPET abbinando i valori di VO2 al BCM (strada da sviluppare)

63 CASI CLINICI

64 Soggetto maschio di 57 anni in dialisi. Altezza 169 cm peso 68,6 Kg. TestB.I.A. convenzionale + vettoriale pre seduta dialitica. Peso 68,6 Kg BCM 23 Kg TBW 40,8 lt ECW 20,5 lt (50,2%) Grasso 12,9 Kg (18,7%)

65 Test ripetuto post seduta dialitica Peso 65,8 Kg (-2,8 Kg) BCM 22,6 Kg TBW 36,6 lt (-4,2 lt) ECW 16,9 lt (46,2%) (-3,6 lt) Grasso 15,8 Kg (24%)

66 Test ripetuto post seduta dialitica Peso 65,8 Kg (-2,8 Kg) BCM 22,6 Kg TBW 36,6 lt (-4,2 lt) ECW 16,9 lt (46,2%) (-3,6 lt) Grasso 15,8 Kg (24%)

67 Soggetto maschio di 28 anni. Febbraio Sieropositivo HIV.. Altezza 173 cm Prima visita (buone condizioni): Peso 72 Kg BCM 29 Kg Angolo fase 6,3 TBW 43,3 lt ECW 19,2 lt (44,3%) Grasso 12,9 Kg (18%) BCMI 9 BMI 24

68 Stesso soggetto, gennaio 2011, AIDS conclamato Peso 70 Kg (-2 Kg) BCM 27,4 Kg (-1,6 Kg) TBW 43,4 (=) ECW 46,5% (da 44,3%) Grasso 10,7 Kg (-2,2 Kg) Angolo fase 5,8 (da 6,3 ) BCMI 9 (=) BMI 23 (da 24)

69 Stesso soggetto, novembre 2011, stato pre terminale Peso 58 Kg (-14 Kg) BCM 14,8 Kg (-14,2 Kg) TBW 39,8,4 (- 3,5 lt) ECW 62,9% (da 44,3%) Grasso 3,6 Kg (-9,3 Kg) Angolo fase 3,3 (da 6,3 ) BCMI 4 (da 9) BMI 19 (da 24)

70 Soggetto di sesso maschile di 33 anni. Sedentario. Altezza 179 cm. Valori ematici e pressori compatibili con sindrome metabolica (glicemia basale 110, PA 145/95, colesterolo LDL 145). Valori prima di dietoterapia e inizio attività fisica (Febbraio): Peso 90 Kg BCM 20,3 Kg (31,4%) ECW 53,3% grasso 25,5 Kg (28,3%) angolo di fase 4.6 BMI 28 BCMI 6

71 Stesso soggetto, valori dopo 12 settimane di dietoterapia e attività fisica (glicemia basale 98, valori PA 135/80, colesterolo LDL 105): Peso 78 Kg (-12 Kg) BCM 36,5 Kg (+ 16,2 Kg) ECW 39,8% massa grassa 12,4 Kg (-13,1 Kg, 15,9%) angolo di fase 7.5 (+2,9) BMI 24 (- 4) BCMI 11 (+5)

72 Stesso soggetto, valori dopo 12 settimane di dietoterapia e attività fisica (glicemia basale 98, valori PA 135/80, colesterolo LDL 105): Peso 78 Kg (-12 Kg) BCM 36,5 Kg (+ 16,2 Kg) ECW 39,8% massa grassa 12,4 Kg (-13,1 Kg, 15,9%) angolo di fase 7.5 (+2,9) BMI 24 (-4) BCMI 11 (+5)

73 Soggetto di sesso maschile di 26 anni. Giocatore di basket professionista. Altezza 198 cm. Valori ad inizio stagione (Agosto) peso 88 Kg BCM 28,4 Kg (38,5%) ECW 44,9% grasso corporeo 14,1 Kg (16%) angolo di fase 6,2 BMI 22 BCMI 7

74 Stesso soggetto, valori quasi a fine stagione, in piena forma (Aprile): Peso 92 Kg (+ 4 Kg) BCM 44,3 Kg (+ 16,1 Kg) ECW 35,3% grasso corporeo 13,1 Kg (- 1 Kg, 14,2%) angolo di fase 8,9 (+2,7 ) BMI 23 (+1) BCMI 11 (+4)

75 Stesso soggetto, valori quasi a fine stagione, in piena forma (Aprile): Peso 92 Kg (+ 4 Kg) BCM 44,3 Kg (+ 16,1 Kg) ECW 35,3% grasso corporeo 13,1 Kg (- 1 Kg, 14,2%) angolo di fase 8,9 (+2,7 ) BMI 23 (+1) BCMI 11 (+4)

76 Istruttrice fitness. 23 anni. 170 cm altezza, 52 Kg peso. Massa grassa 31,3%!!!!! ECW 69,7%!!!!!!! Massa muscolare 10,9 Kg!!

77 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!!!

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA

VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA Verso una nutrizione personalizzata ed efficiente Quando ci poniamo l'obiettivo di migliorare il nostro stato di salute dobbiamo prendere in considerazione in primo

Dettagli

Metodologie per la Nutrizione

Metodologie per la Nutrizione Metodologie per la Nutrizione D IETOSYSTEM Il benessere come scienza Impedenziometria in multifrequenza La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei Affidabilità, praticità e versatilità

Dettagli

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE,

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE, Sono molte le componenti di uno stile di vita corretto: essere attivi,nutrirsi correttamente,dormire sufficientemente,gestire lo stress,controllare il proprio peso ecc.. Programma Il Centro Di DIETISTICA

Dettagli

impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani

impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani HUMAN-IM PLUSII BASE, Human-Im PLUS Base: versione adulti e anziani 1 La versione PLUS Base contiene la più vasta

Dettagli

COMPOSIZIONE CORPOREA

COMPOSIZIONE CORPOREA COMPOSIZIONE CORPOREA MINIME QUANTITA DI VITAMINE GLUCIDI 1% La Composizione corporea è un'analisi quantitativa delle componenti del nostro corpo. 4 % MINERALI LIPIDI 17 % 19 % PROTIDI Si potrebbe pensare

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Anno Accademico 2013-2014 2014 Valutazione dello stato di nutrizione M.L.E.Luisi Valutazione dello stato di nutrizione Lo stato nutrizionale e lo stato

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

human im D IETOSYSTEM Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza

human im D IETOSYSTEM Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza human im La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei D IETOYTEM Il benessere come scienza human im Dall esperienza

Dettagli

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS CALCOLO MASSIMA FREQUENZA CARDIACA Massima frequenza teorica: 220 - età Pregi: facilità operativa, larga diffusione

Dettagli

www.wunder.it HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY

www.wunder.it HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY Che cosa è InBody? InBody è un analizzatore di composizione corporea multifrequenza a 8 elettrodi tattili. Dotato di una pesapersone elettronica professionale.

Dettagli

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio Studio di Dietologia e Nutrizione Umana Dr. Uliano Servizi offerti dallo studio --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------PREMESSA

Dettagli

Sulle metodiche impedenziometriche

Sulle metodiche impedenziometriche Sulle metodiche impedenziometriche Ing. Tony Talluri, Akern R&D-Firenze 1. Analisi d impedenza bioelettrica (BIA) a corpo intero. Attualmente l'unico metodo in grado di valutare specificamente l'idratazione

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Introduzione CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT

Introduzione CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT Progetto di istituzione di un Centro di Studio delle problematiche della nutrizione applicata allo sport che si propone di essere accreditato

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Cenni sulla composizione corporea

Cenni sulla composizione corporea Cenni sulla composizione corporea La conoscenza della composizione chimica del corpo umano permette di: valutare le modificazioni che si realizzano nell organismo in relazione al sesso, all età e alle

Dettagli

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO ARTI MARZIALI: IPERTROFIA SI O NO? L AUMENTO DEL PESO CORPOREO E DELLE MASSE MUSCOLARI Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Master in Scienze dello Sport e del Fitness Prof. ac Sorv. Nutrizionale e Val.

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA

ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA Qual è il tuo obiettivo? Cosa ti aspetti dal tuo allenamento? Conosci il tuo stato di forma? Conosci le tue caratteristiche morfologiche? Sai che ti consentono di sapere

Dettagli

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE Corso di Laurea in Biologia della Nutrizione (CLASSE 12) Elaborato scritto LA COMPOSIZIONE CORPOREA NELLO SPORT LAUREANDA Valeria

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Livelli circolanti. leptina. Proteine. plasma. e/o indicatori. Minerali e/o indicatori

Livelli circolanti. leptina. Proteine. plasma. e/o indicatori. Minerali e/o indicatori 1 Intake Composizione corporea Livelli circolanti Escrezione e bilancio Funzioni Energia indagine alimentare Tessuto adiposo metabolismo basale Proteine Indagine alimentare Massa muscolare e viscerale

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Acqua e corretta alimentazione

Acqua e corretta alimentazione Acqua e corretta alimentazione LM Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza dell Alimentazione ed Endocrinologia Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione

Dettagli

In quale aree del corpo può essere usato lo Slim Lipo SoftLaser?

In quale aree del corpo può essere usato lo Slim Lipo SoftLaser? Slim Lipo SoftLaser Cos è lo Slim Lipo SoftLaser? Lo Slim Lipo SoftLaser è un laser diodo efficace, testato, per uso estetico, innocuo, indolore e sicuro. Emette una luce laser a bassa frequenza con una

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto BMI Peso in KG (Altezza) 2 in m 1 2 3 Whitlock G, Lewington S, Sherliker P, et al. (marzo 2009). Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative

Dettagli

Stato di Nutrizione. Funzionalità Corporea

Stato di Nutrizione. Funzionalità Corporea 4. L ANALISI DELL IMPEDENZA BIOELETTRICA (BIA.) 4.1. Introduzione. I primi studi sulla composizione del corpo umano risalgono alla seconda metà del XIX secolo. Justus von Leibig, dimostrando che il corpo

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

La donna standard pesa 58 kg

La donna standard pesa 58 kg Uomo standard Metabolismo basale 82 J/s Respiri 15 /min Pressione Sangiunia 120/80 mmhg Volume sangue 5.2 l Produzione di CO 2 200 ml/min (STP) Uscita cardiaca 5 l/min Temperatura core 37.0 C Spazio morto

Dettagli

Tabella A: Regole per il Potenziamento Muscolare in Palestra con le macchine

Tabella A: Regole per il Potenziamento Muscolare in Palestra con le macchine POTENZIAMENTO MUSCOLARE Per chiunque pratichi attività fisica in generale, che sia attività di Fitness, o uno sport individuale, come può essere il Podismo o Ciclismo, o di squadra, calcio, pallavolo,

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO

VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO PLICOMETRIA, CIRCONFERENZE CORPOREE E VALUTAZIONE MOTORIA/SPORTIVA: cosa sono, importanza, e loro potenzialità Se non si conosce il punto di partenza, sarà difficile

Dettagli

Biorevital RF. www.biositalia.it info@biositalia.it

Biorevital RF. www.biositalia.it info@biositalia.it Biorevital RF www.biositalia.it info@biositalia.it PRINCIPI DELLA RADIOFREQUENZA Generazione di onde Elettromagnetiche da 300 khz a 10 GHz Profondità di penetrazione inversamente proporzionale alla frequenza

Dettagli

La sintesi di un esperienza

La sintesi di un esperienza La sintesi di un esperienza Servizi Formazione all uso dei programmi Il kit human im touch viene consegnato da personale tecnico qualificato presso lo studio professionale su tutto il territorio nazionale.

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione Sembrerà strano ma essere in sovrappeso non necessariamente significa avere grasso in eccesso; allo stesso modo essere normopeso non è sinonimo di

Dettagli

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Sistemi di analisi BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Cardioprotective Haemodialysis BCM - Body Composition Monitor Nonostante i significativi progressi

Dettagli

Personal Best è un centro specializzato nella preparazione atletica individuale o di squadra.

Personal Best è un centro specializzato nella preparazione atletica individuale o di squadra. Personal Best è un centro specializzato nella preparazione atletica individuale o di squadra. Qualunque sia il tuo profilo atletico (sedentario, sportivo amatoriale, semiprofessionista o professionista)

Dettagli

Il peso corporeo si misura con :

Il peso corporeo si misura con : Il peso corporeo si misura con : la bilancia elettronica la bilancia ad ago La bilancia a pesi mobili Bilancia a pesi mobili Standardizzazione : Operazioni da effettuare: 1-Contollare che la bilancia sia

Dettagli

VALUTAZIONE DELLO STATO DI NUTRIZIONE Lo STATO DI NUTRIZIONE:

VALUTAZIONE DELLO STATO DI NUTRIZIONE Lo STATO DI NUTRIZIONE: VALUTAZIONE DELLO STATO DI NUTRIZIONE Lo STATO DI NUTRIZIONE: esprime il grado con cui sono soddisfatte le necessita' fisiologiche di un individuo in relazione ai nutrienti introdotti con la dieta. costituisce

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO FABBISOGNO ENERGETICO Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui

Dettagli

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Si può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, il più comune, oppure usando la bilancia impedenziometrica, che tuttavia

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-2009 Parametri clinici della valutazione nutrizionale Claudia D Alessandro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Pisa Nutrienti Entrate Uscite

Dettagli

L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED

L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED ANALISI QUALITATIVE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA A. TALLURI AKERN

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

DALL INDAGINE ANTROPOMETRICA ALLA COMPOSIZIONE CORPOREA

DALL INDAGINE ANTROPOMETRICA ALLA COMPOSIZIONE CORPOREA A06 149 Alexander Bertuccioli DALL INDAGINE ANTROPOMETRICA ALLA COMPOSIZIONE CORPOREA MANUALE PRATICO Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce Deborah Taddio Dietista ASL CN1 Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione MALNUTRIZIONE MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì rappresenta uno stato patologico che si stabilisce quando non vengono

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE. Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino

ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE. Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino Le caratteristiche fisiche dell'individuo possono venire descritte

Dettagli

Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840

Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840 201551505013 Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840 Germania seca gmbh & co. kg Hammer Steindamm 9 25 22089 Hamburg Germania Telefoon +49 40 20 00 00 0 Fax +49 40 20 00 00 50 info@seca.com Per informazioni

Dettagli

MISURE DEL CORPO. Io sono il mio corpo.

MISURE DEL CORPO. Io sono il mio corpo. MISURE DEL CORPO Conoscere come è fatto e come funziona il proprio corpo significa diventare maggiormente consapevoli di sé stessi. Io sono il mio corpo. prof. Giuseppe Sibilani L AUXOLOGIA è la scienza

Dettagli

Analisi Quantitativa e Qualitativa della composizione corporea e interazioni nei soggetti con sindrome metabolica

Analisi Quantitativa e Qualitativa della composizione corporea e interazioni nei soggetti con sindrome metabolica Analisi Quantitativa e Qualitativa della composizione corporea e interazioni nei soggetti con sindrome metabolica 1 L'Analisi Clinica della Composizione Corporea si compone di: Analisi qualitativa 2 BM(Body

Dettagli

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri SI può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, come spesso avviene, con la pesata idrostatica o la bioimpedenza,

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Personal Best Personal Best preparatore atletico ti Personal Best SCI ALPINISMO

Personal Best Personal Best preparatore atletico ti Personal Best SCI ALPINISMO Personal Best è un centro specializzato nella preparazione atletica individuale o di squadra. Qualunque sia il tuo profilo atletico (sedentario, sportivo amatoriale, semiprofessionista o professionista)

Dettagli

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA Per un approfondimento, sugli aspetti nutrizionali inerenti la malattia celiaca, si riporta abstract della lezione Aspetti dietetico-nutrizionali nella celiachia, tenuta dal dr. V. De Siena nel Master

Dettagli

UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING

UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING Trucchi, segreti e programmi per un fisico da urlo 2 Titolo NATURAL BODY BUILDING Autore Umberto Miletto Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it ATTENZIONE:

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Simposio: NUTRIZIONE, MALNUTRIZIONE, DISFAGIA Torino, 28 Novembre 2013 Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Dott. Giuseppe Sergi Clinica Geriatrica - Università di Padova

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE LE COMPLICANZE ADIPOSA DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE E sempre più chiaro che non è tanto l entità della massa adiposa a incidere negativamente sulla salute, quanto la distribuzione del

Dettagli

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006)

I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006) I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006) Il corpo umano cambia in continuazione, si trasforma, sollecitato dal clima, dall'attività fisica, dall'alimentazione e dal passare delle

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione SIAN Area Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione SIAN Area Nutrizione Dipartimento di Prevenzione SIAN Area Nutrizione Progetto sperimentale: sorveglianza nutrizionale e valutazione del consumo dei pasti nelle mense delle scuole a tempo pieno Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

ACQUA E SALUTE. Spoleto giugno 2004. Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia

ACQUA E SALUTE. Spoleto giugno 2004. Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia ACQUA E SALUTE Spoleto giugno 2004 Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia TUTTE LE FORME DI VITA, noi compresi, ESISTONO IN UNA SOLUZIONE ACQUOSA SOGGETTO: a 30 ANNI 70 Kg 49 litri di H

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri Tutti i metodi convenzionali di composizione corporea delegano il compito della predizione di masse e volumi corporei ad equazioni predittive

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

2012 DJO - 28768-IT - REV A. www.djoglobal.it

2012 DJO - 28768-IT - REV A. www.djoglobal.it 2012 DJO - 28768-IT - REV A www.djoglobal.it RPW Terapia a onde d urto Il metodo clinicamente testato per ridurre la cellulite Voltate le spalle alla cellulite Avete un problema di cellulite? Desiderate

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute Premessa La cellulite Un corretto stiile dii viita No al problema della cellulite Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente

Dettagli

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com Essere sportivi oggi Migliora la tua performance www.sportmonitoring.com Valutazioni funzionali ed analisi delle prestazioni sportive SMS - Sport Monitoring Service s.r.l é un centro di preparazione atletica

Dettagli