PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE"

Transcript

1

2 VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2

3 SOMMARIO: PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE Premessa pag. 4 - Criteri Generali per l attuazione del Piano Generale degli Impianti e delle Pubbliche Affissioni pag. 5 - Tempi per l attuazione del Piano Generale degli Impianti in materia di Pubbliche Affissioni pag. 8 - Modalità d attuazione del Piano Generale degli Impianti e delle Pubbliche Affissioni pag. 9 - Scelta delle tipologie progettuali pag.13 - Indicazioni tipologiche progettuali impianti di affissione, impianti Pubblicitari fissi e arredo urbano pag.14 - Siti di installazione per gli impianti preinsegne e modalità di posa pag.28 - Siti di installazione per gli striscioni pubblicitari e modalità di posa pag.28 - Tabelle riepilogative impianti pubblicitari e per le pubbliche affissioni pag.29 - Siti di installazione impianti di affissione in categoria ordinaria e categoria speciale elenco vie, numero e tipologie impianti pag.30 - Siti di installazione impianti di affissione in categoria ordinaria pag.31 - Siti di installazione impianti di affissione in categoria speciale pag.33 Tav. A2-A3-A4- Tavole di progetto: individuazione dei siti per le nuove installazioni impianti di affissione, pubblicitari fissi, arredo urbano e preinsegne. 3

4 Premessa Per poter predisporre gli elaborati tecnici progettuali del piano generale degli impianti del Comune di Segrate, si e necessariamente dovuto effettuare la ricognizione diretta del territorio comunale. L individuazione delle posizioni di nuova collocazione degli impianti per le pubbliche affissioni, in relazione all incremento demografico e alla nascita di nuovi quartieri residenziali e la progettazione per l installazione degli impianti a messaggio variabile, in sostituzione dei vecchi impianti affissionali poster 6x3 ha comportato una ricerca dei siti di installazione che potessero soddisfare le esigenze per una corretta esposizione pubblicitaria. Quindi particolare attenzione e stata posta nella ricerca dei siti per gli impianti a messaggio variabile al fine di individuare la miglior posizione di tale impiantistica, che nel rispetto della situazione dell ambiente circostante potesse avere un adeguato impatto visivo. La collocazione degli impianti per le affissioni dirette, è rimasta invariata così come le tipologie indicate nella Seconda Parte del Piano, nel rispetto del Regolamento Comunale e delle Norme di attuazione del Piano Generale degli impianti (Parte Terza del Piano) e nelle quantità che verranno illustrate in seguito in quest ultima parte del Piano. Gli impianti di servizio e di arredo urbano (pensiline, paline attesa autobus, orologi-termometri, transenne, ecc ) potranno essere installati secondo le tipologie illustrate nella Seconda Parte del Piano e nel rispetto della normativa del Codice della Strada, del Nuovo Regolamento Comunale e della normativa di attuazione inserita nella Terza parte del Piano. Per l installazione degli impianti pubblicitari fissi, così comegli impianti a messaggio variabile, valgono le disposizioni contenute nel Codice della strada, nella Terza Parte del Piano e secondo le tipologie indicate nella Seconda Parte del Piano. In allegato è stata predisposta n.1 tavola progettuale di massima in scala 1:5000 riportante tutti gli impianti sul territorio comunale, l indicazione dei siti di installazione su suolo pubblico, sia in Categoria Ordinaria che in Categoria Speciale, per i nuovi impianti per le affissioni Comunali nei nuovi quartieri e per gli impianti a messaggio variabile. 4

5 Criteri Generali per l attuazione del Piano Generale degli Impianti e delle Pubbliche Affissioni L attuazione del Piano generale degli impianti, si concretizza con lo sviluppo degli obiettivi indicati nella parte prima, qui di seguito elencati : - 1) Individuazione delle zone con carenza di impianti per le pubbliche affissioni sia commerciali che istituzionali su suolo pubblico, al fine di realizzare e razionalizzare una adeguata rete di impianti per le pubbliche affissioni e le affissioni dirette, elencando le quantità, le vie e le tipologie ; - 2) Equilibrio della suddivisione degli impianti destinati alle pubbliche affissioni in categoria speciale ed in categoria ordinaria in riferimento a quanto indicato al Titolo I, Capo III, art. 16, commi 1 e 2 della Parte terza del Piano generale degli impianti e in ottemperanza al D.L.gs n.507/93, art.2 e art.4 e alle successive integrazioni e modificazioni; - 3) Individuare la percentuale di impianti da destinare ai privati per le affissioni dirette su suolo pubblico; - 4) Indicare gli indirizzi esecutivi generali per l installazione degli impianti pubblicitari nel territorio Comunale; - 5) Razionalizzare e riorganizzare gli indirizzi generali per l installazione della segnaletica stradale pubblicitaria (segnali di avviamento alle attivitá pubblicizzate); - 6) Armonizzare le installazioni di impianti pubblicitari alle caratteristiche architettoniche, urbane e sociali della cittá, indicando le tipologie progettuali degli impianti; - 7) Indicare i tempi di realizzo e le modalitá di attuazione Per l attuazione tecnica degli obiettivi precedentemente elencati, previa approvazione del presente piano, sono state predisposte n.2 planimetrie in scala 1:5000, riportanti tutti gli impianti sul territorio comunale destinati alle affissioni su suolo pubblico, tutti i siti dove potranno essere installati gli impianti a messaggio variabile e i siti dove potranno essere installati gli impianti di preinsegne, il tutto da considerarsi come progetto di massima. L attuazione quindi dei punti 1), 2) e 3) si realizza con la distribuzione di massima degli impianti di affissione sull intero territorio comunale (n.1 planimetria e con la stesura delle tabelle riepilogative di tutti i dati (schede tipologiche e disegni prospettici contenuti nella Parte Seconda ) inserite nella parte finale della presente Parte Quarta. 5

6 Le suddette schede, riportano dettagliatamente i seguenti elementi: Parte descrittiva: - tipologia degli impianti espressa in lettere e decodificabili come da legenda a margine del prospetto e come da schede ed elaborati tecnici parte integrante del presente elaborato; - dimensione degli impianti espresse in metri quadrati; - denominazione delle vie ove sono previste le installazioni; - totale generale delle superfici di affissione in metri quadrati; - totale dei metri quadrati delle superfici in Categoria Speciale (C.S.) ed in Categoria Ordinaria (C.O) ; Parte numerica: - numero di impianti collocabili per via e per tipologia; - totale dei metri quadrati distribuiti per via; - suddivisione dei metri quadrati in C.S. ed in C.O nel centro urbano - totale generale in metri quadrati degli spazi destinati all affissione su suolo pubblico La determinazione della percentuale di impianti da destinare ai privati per le affissioni dirette su suolo pubblico, (punto 3) è stata stabilita nel Regolamento Comunale per la disciplina della pubblicità e per l installazione di impianti pubblicitari vigente ( Titolo I art. 16 comma 2 lettera d) Nella Seconda Parte del Piano Generale degli Impianti (punto 4 e 5) sono state elaborate schede tecniche indicanti le tipologie vincolanti per l installazione degli impianti pubblicitari fissi sul territorio; Per ciò che riguarda la segnaletica stradale pubblicitaria, sono state indicate le tipologie a cui riferirsi e la normativa a cui attenersi. L ubicazione di questa impiantistica, e stata fatta oggetto di apposito piano delle pre-insegne in riferimento alla suddivisione della Citta di Segrate nelle zone industriali, e rappresentato da apposita tavola progettuale.. Per la realizzazione del penultimo obiettivo (punto 6), si sono predisposte le schede tipologiche degli impianti di affissione ed impianti pubblicitari fissi, individuati con opportuna simbologia e la descrizione delle caratteristiche 6

7 tecniche e strutturali degli stessi, completate da altrettanti elaborati progettuali delle tipologie stesse. L obiettivo di cui al punto 7) Indicazione dei tempi di realizzo e delle modalitá di attuazione è la fase operativa ove si delineano i modi e i tempi di realizzazione degli obiettivi del piano e verrá qui di seguito esposto; 7

8 Tempi per l attuazione del Piano Generale degli Impianti in materia di adeguamento dell impiantistica pubblicitaria esistente Per i tempi di attuazione delle norme contenute nell aggiornamento del Piano della pubblicità e delle pubbliche affissioni si fa riferimento al Capo IV Disposizioni transitorie e finali del Regolamento per la disciplina della pubblicità e per l installazione di impianti pubblicitari, vigente, i cui articoli vengono di seguito richiamati: 1. Gli impianti a messaggio variabile individuati puntualmente dal Piano Generale degli Impianti saranno concessi mediante gara ad evidenza pubblica bandita entro 18 mesi dalla data di entra in vigore del presente Regolamento; 2. Tutti i cartelli pubblicitari installati sulle strade di categoria 1 e 2 (vedi allegato B) con autorizzazioni in essere all entrata in vigore del presente regolamento non più rispondenti alle nuove tipologie dovranno essere inderogabilmente rimossi entro 30 gg. dalla data di aggiudicazione definitiva della gara che assegnerà i nuovi siti si installazione per i cartelli pubblicitari su queste categorie di strade; 3. Tutti mezzi pubblicitari installati sulle strade di categoria 3 (vedi allegato B) con autorizzazioni in essere all entrata in vigore del presente regolamento e non rispondenti alle nuove tipologie (dimensioni, caratteristiche, colori ecc.) entro 6 mesi dovranno essere inderogabilmente adeguati pena la revoca dell autorizzazione e la rimozione dell impianto; 8

9 Modalità d attuazione del Piano Generale degli Impianti e delle Pubbliche Affissioni Come è emerso dal Volume Primo del PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI e, nello specifico, dal rilievo dello stato di fatto degli impianti di affissione installati nel territorio Comunale di Segrate, lo stato attuale risulta in linea (mq ), secondo quanto indicato dal Regolamento Comunale (mq.60). Tuttavia si è rilevata la mancanza di tabelle affissionali di piccolo formato nei nuovi quartieri residenziali e la presenza di tipologie per gli stessi spazi espositivi affissionali, (6x3) non più rispondenti alle nuove e più moderne esigenze di esposizione pubblicitaria. Quindi, la nuova progettazione, in linea con gli obbiettivi sopra esposti e secondo quanto indicato dal D.L.gs n.507/93 e successive integrazioni e modificazioni, al fine dell ampliamento e della razionalizzare di tutta l impiantistica affissionale ha provveduto a: 1. Individuare i siti di installazione dei nuovi impianti per le affissioni comunali o per le affissioni dirette in relazione all aumento demografico e quindi alla nuova superficie risultante in mq. 2061,12 (mq. 60 per ogni mille abitanti) considerando la popolazione residente nel Comune di Segrate in unità. 2. L applicazione sul territorio comunale delle due categorie: la Categoria Speciale, e la Categoria Ordinaria anche per gli impianti affissionali in ottemperanza all art.4 comma 2 del D.Lgs 15 novembre 1993, n. 507 che indica in ogni caso la superficie degli impianti per le pubbliche affissioni installati in categoria speciale non potrà essere superiore alla metà di quella complessiva La risultante dell applicazione di questi due dispositivi porta ad una diminuzione di mq l attuale metratura dell impiantistica affissionale, corrispondente attualmente a mq e alla suddivisione di questa superficie complessiva affissionale in mq. 770 per la Categoria ordinaria e mq. 1010,80 per la Categoria speciale. Ciò risulta in linea con l art. 4 comma 2 del D.L.gs 507/93 come sopra citato per quanto riguarda le affissioni comunali (mq in categoria ordinaria mq. 630 in categoria speciale) Considerando quindi le pressanti richieste di servizio da parte delle aziende e delle associazioni cittadine le quali, da sempre, premono per privilegiare la zona commerciale ed industriale della città ai fini della diffusione dei loro messaggi di informazione di massa, è apparso, a tale proposito, più che mai necessario ed opportuno, cogliere l occasione per progettare una nuova 9

10 tipologia di impianto a messaggio variabile che potesse sostituire gli impianti poster 6x3 affissionali non più utilizzati. Quindi a questo decremento della superficie di mq affissionali del servizio comunale corrisponde all installazione di nuove tipologie di impianti a messaggio variabile che saranno concessi a soggetti privati mediante gara ad evidenza pubblica bandita entro 18 mesi dalla data di entra in vigore del l aggiornamento del Piano Generale degli impianti e del regolamento Riepilogando quanto sopra esposto di seguito si indicano le nuove superfici espositive affissionali secondo le percentuali indicate al Titolo I all art. 16 comma 2 del Regolamento Comunale. IMPIANTI DESTINATI ALLE AFFISSIONI DI NATURA ISTITUZIONALE, SOCIALE O COMUNQUE PRIVA DI RILENZA ECONOMICA: - Quantitativo complessivo indicato 20% pari a mq per le affissioni di natura istituzionale, sociale o comunque priva di rilevanza economica, effettuate dal servizio comunale; 10

11 IMPIANTI DESTINATI ALLE AFFISSIONI COMMERCIALI: - Quantitativo complessivo indicato 42.5% pari a mq per le affissioni di natura commerciale effettuate dal servizio comunale; IMPIANTI DESTINATI ALLE AFFISSIONI DIRETTE: - Quantitativo complessivo massimo indicato 37.5% pari a mq. 667,80 per le affissioni di natura commerciale effettuate dai soggetti privati; Quindi per le affissioni comunali istituzionali su un totale di mq la suddivisione disponibile massima sarà mq in Categoria Speciale e mq in Categoria Ordinaria. Per le affissioni comunali commerciali su un totale di mq la suddivisione disponibile massima sarà mq in Categoria Speciale e mq in Categoria Ordinaria. Per ciò che riguarda le affissioni dirette l aliquota totale risulta di mq La situazione dello stato attuale dell impiantistica affissionale, è rappresentata nel Volume Primo del Piano Generale degli Impianti Relazione Tecnica introduttiva indicazioni delle posizioni per l installazione di mezzi pubblicitari e risulta indicata nelle tabelle progettuali che indicano, nello specifico, che la superficie complessiva attuale dell impiantistica da destinare alle pubbliche affissioni sia commerciali che istituzionali (con esclusione della affissioni dirette) è di mq Nelle TABELLE PROGETTUALI IMPIANTI DI AFFISSIONE sono indicate le tipologie, il numero e le superfici degli impianti delle pubbliche affissioni, da installare sia in Categoria Speciale che in Categoria Ordinaria. I medesimi impianti sono riportati con l indicazione di massima dei siti di installazione nella tavola progettuale le quali costituiscono il progetto indicativo di massima relativo alla distribuzione complessiva degli impianti sull intero territorio. Nella TABELLA IMPIANTI DI AFFISSIONE CATEGORIA SPECIALE, sono indicate le tipologie, il numero e le superfici degli impianti delle pubbliche affissioni comunali da installare o sostituire in Categoria Speciale. 11

12 Nella TABELLA IMPIANTI DI AFFISSIONE CATEGORIA ORDINARIA, sono indicate le tipologie, il numero e le superfici degli impianti delle pubbliche affissioni comunali da installare o sostituire in Categoria Ordinaria. Per le affissioni dirette infine non sono stati indicati dei siti poiché, come sopra esposto, quest ultimi potranno essere scelti direttamente dai soggetti privati e successivamente sottoposti all approvazione da parte degli organi comunali competenti. Quindi si sono date indicazioni solo rispetto alle tipologie, offrendo la massima libertà per l individuazione dei siti sia in Categoria Speciale che in Categoria Ordinaria. Le posizioni dove effettuare le installazioni devono comunque rispettare le disposizioni normative del Regolamento Comunale e del Codice della strada e potranno essere anche reperite in alternativa su suolo Privato. 12

13 Scelta delle tipologie progettuali 1. Individuazione delle titologie di impianti Dall analisi delle varie tipologie degli impianti di affissione esistenti nel Comune Segrate (Volume Secondo del Piano Generale degli impianti) sono state individuate n. 3 tipologie di impianti di affissione che piú si adattavano ad una progettazione tesa a una migliore organizzazione degli stessi sul territorio: - Impianti monofacciali: 140x x x300; - Impianti bifacciali: 140x x x300; La tipologia 600x300 è stata esclusa dalle affissioni comunali commerciali Di queste tipologie sono state indicate anche le caratteristiche materiali ed i colori; per ciò che riguarda le distinzioni tra le affissioni istituzionali, commerciali e funebri, si differenzieranno mediante cimasa nella parte superiore dell impianto dove sarà identificato il circuito accanto al logo comunale. Per maggiore chiarezza vengono di seguito riportate le schede tipologiche degli impianti di affissione scelti (già presenti nella Seconda Parte del Piano degli Impianti). 2. Individuazione delle titologie di impianti pubblicitari fissi e impianti di servizio (Arredo Urbano) Sempre nell ottica di un riordino complessivo di tutta l impiantistica pubblicitaria nel Comune di Segrate, sono state scelte n. 9 tipologie di impianti pubblicitari fissi e arredo urbano, tra quelle esistenti, che piú si adattano una corretta esposizione pubblicitaria: - Impianti a messaggio variabile su monopalo 300x200 e 150x200:; - Impianti monofacciali-bifacciali su pali: 150x x250 Per gli impianti di servizio e di arredo urbano la scelta tipologica è affidata ad una descrizione che verrà poi allegata alla gara di appalto per la fornitura di questa impiantistica. Dette indicazioni sono contenute nella Seconda Parte del Piano. Per maggior chiarezza anche queste tipologie vengono qui di seguito riportate. 13

14 INDICAZIONI TIPOLOGICHE PROGETTUALI IMPIANTI DI AFFISSIONE IMPIANTI PUBBLICITARI FISSI ARREDO URBANO 14

15 15

16 16

17 17

18 18

19 19

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 PREINSEGNE ED INSEGNE DIREZIONALI Siti di installazione per gli impianti preinsegne e modalità di posa Per ciò che riguarda questa tipologia di mezzo pubblicitario, molto presente su tutto il territorio comunale, a seguito dell approvazione della delimitazione delle zone industriali con delibera n. GC/55/2012 in data è stata predisposta una planimetria progettuale dedicata i siti dove potranno essere installati gli impianti di pre-insegne ed insegne direzionali, in relazione al progetto più ampio di suddivisione del territorio cittadino in zone industriali predefinite. Occorre specificare che attualmente pochi degli impianti attualmente presenti risultano installati in posizioni a norma con il Codice della strada in materia di rispetto delle distanze. Quindi il progetto, eseguito in collaborazione con la Polizia Locale, ha permesso di stabilire, all interno delle zone industriali definite, i siti di installazione di questo mezzo pubblicitario. (Tavola A5) La tipologia di tale mezzo è indicata nel volume secondo del Piano Generale degli Impianti e riportata nel volume quarto. All esterno delle zone industriali potrà essere autorizzata la posa di insegne direzionali in conformità alle norme dettate dal regolamento comunale. Una volta eseguite le installazioni degli impianti sopraccitati, verranno rilasciate le autorizzazioni secondo le disposizioni contenute nel Regolamento Comunale parte Terza del Piano Generale degli impianti e sempre in attuazione a detta normativa verranno rimosse le preinsegne prive di regolare autorizzazione. Siti di installazione per gli striscioni pubblicitari e modalità di posa Per ciò che riguarda gli striscioni pubblicitari, e la loro installazione si fa riferimento all art. 5 comma f capo II Titolo I del Regolamento Comunale 28

29 TABELLE RIEPILOGATIVE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER LE PUBBLICHE AFFISSIONI 29

30 SITI DI INSTALLAZIONE IMPIANTI DI AFFISSIONE IN CATEGORIA ORDINARIA E CATEGORIA SPECIALE ELENCO VIE, NUMERO E TIPOLOGIE IMPIANTI 30

31 SITI DI INSTALLAZIONE IMPIANTI DI AFFISSIONE IN CATEGORIA ORDINARIA 31

32 32

33 SITI DI INSTALLAZIONE IMPIANTI DI AFFISSIONE IN CATEGORIA SPECIALE 33

34 34

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-02 Servizio: TRIBUTI Ufficio: TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA

VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA 2 Sommario PREMESSA Art. 1 Il Piano Generale degli Impianti pag. 12 Art. 2 Quadro Normativo di Riferimento pag. 14 Art. 3 Tipologie quantitá e

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1 PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA NORMATIVA II D.Lgs 285/92 (Nuovo Codice della Strada) all'art.

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI SANREMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI (Sanremo 28 febbraio 2005) 3.4.1 RELAZIONE Documento rielaborato dal Servizio Progettazione e Arredo Urbano Che recepisce alcune osservazioni

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE AFFISSIONI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO

COMUNE DI SALICE SALENTINO COMUNE DI SALICE SALENTINO C. A. P. 73015 PROVINCIA DI LECCE TEL. (0832) 723311 ********* 1. Via Vitt. Emanuele II, nr. 15 Tel. 0832/723336 www.comune.salicesalentino.le.it UFFICIO TECNICO VI SETTORE ACCORDO

Dettagli

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005)

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) Art. 1 Efficacia. 1. Il presente piano costituisce, assieme

Dettagli

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 253 approvata il 30 giugno 2015 DETERMINAZIONE: PROCEDURA APERTA

Dettagli

del Comune di Nettuno Il/La sottoscritto/a D I C H I A R A di essere nato/a a (Prov.) il di essere residente a in Via/Piazza n.

del Comune di Nettuno Il/La sottoscritto/a D I C H I A R A di essere nato/a a (Prov.) il di essere residente a in Via/Piazza n. Al Dirigente Area Economico Finanziaria del Comune di Nettuno MARCA DA BOLLO 14,62 (1) DOMANDA DI INSTALLAZIONE INSEGNE Nuova installazione Modifica insegna Sostituzione insegna Rinnovo aut.ne n. del Il/La

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ Comune di Modena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ gruppo di lavoro Servizio Tributi Settore Pianificazione Territoriale Settore Polizia Municipale consulenza e collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

AFFISSIONI E PUBBLICITÀ Due anni di lavoro e un "manifesto" per Roma

AFFISSIONI E PUBBLICITÀ Due anni di lavoro e un manifesto per Roma + AFFISSIONI E PUBBLICITÀ Due anni di lavoro e un "manifesto" per Roma + Le prime tappe La situazione trovata Le prime delibere Regolamento e PRIP + La situazione trovata Roma Milano Impianti pubblicità

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Articolo 27, commi 5, 7 e 8, del D.Lgs n. 285 del 30 aprile

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E D AFFISSIONE Comune di PISOGNE APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE INDICE CAPO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 -

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

IL NUOVO PIANO REGOLATORE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

IL NUOVO PIANO REGOLATORE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI IL NUOVO PIANO REGOLATORE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI IL CONTESTO Nuovo Piano regolatore degli impianti pubblicitari (PRIP) e nuovo Regolamento: la pianificazione di settore che Roma attende da 20 anni.

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 20/09/2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 OGGETTO

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

COMUNE DI PATERNÒ Provincia Catania

COMUNE DI PATERNÒ Provincia Catania BANDO PER LA SPONSORIZZAZIONE DI AREE A VERDE E ATTREZZATE OGGETTO 1. L Amministrazione di Paternò, in esecuzione della deliberazione del Consiglio Comunale n. 113 del 27 dicembre 2007 e n. 96 del 28/07/2009,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI BANDO PER IL FINANZIAMENTO A FAVORE DEI COMUNI PER L ADEGUAMENTO DEGLI ATTRAVERSAMENTI SEMAFORIZZATI ALLE ESIGENZE DEI NON VEDENTI Il Ministero dei Trasporti, Dipartimento Trasporti

Dettagli

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA.

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: - all Ufficio Tecnico del Comune

Dettagli

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia)

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) AREA TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni. Tariffe per

Dettagli

CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE

CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE A) INDIRIZZI GENERALI DI PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA ED EDILIZIA La Provincia

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Comune di Pieve a Nievole

Comune di Pieve a Nievole Comune di Pieve a Nievole (Provincia di Pistoia) SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE E INTERVENTI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DA PARTE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B E LORO CONSORZI

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Allegato I Modalità di presentazione dell offerta tecnica, articoli oggetto di campionatura e criteri di valutazione delle offerte

Allegato I Modalità di presentazione dell offerta tecnica, articoli oggetto di campionatura e criteri di valutazione delle offerte PROCEDURA APERTA PER OPERE E FORNITURE NECESSARIE ALL ALLESTIMENTO DELLE AREE DI LAVORO, DELLE AREE COMUNI E DELLE ZONE ADIBITE A SERVIZI SOCIALI DELLA NUOVA SEDE ASI DI TOR VERGATA MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI COMUNE di NOVARA Assessorato all Edilizia Privata e Commercio Assessore dr. Giovanni RIZZO Servizio Gestione Sviluppo del Territorio e dell Economia - Ufficio S.I.T. Dirigente arch. Roberto Stampini Funzionario

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO)

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LL.PP. E PROT.CIV. NUMERO 191 DEL 31/03/2010 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE EX CASA COLONICA AREA PASI AMPLIAMENTO

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE CITTA DI GALLIPOLI (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE Ordinanza n. 332 del 07/12/2007 Oggetto: Rimozione di impianto pubblicitario

Dettagli

In relazione al Piano delle Regole si formulano le istanze di cui in appresso SI CHIEDE L INTEGRAZIONE DEI COMMI 6 E 7 DELL ART. 1 NEI TERMINI DI SEGUITO INDICATI IN ROSSO: 6. Il Piano delle Regole non

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE COMUNE DI FIDENZA PROVINCIA DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE Elaborato: Oggetto: 2.2 NORME TECNICHE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 29 Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZI DEMOGRAFICI *** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZI DEMOGRAFICI *** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZI DEMOGRAFICI *** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1- Il presente regolamento disciplina le modalità di

Dettagli

Comune di Partinico Provincia di Palermo

Comune di Partinico Provincia di Palermo Comune di Partinico Provincia di Palermo SETTORE AFFARI GENERALI E LEGALI Piazza Garibaldi 90047 PARTINICO (PA) Tel. 0918913317 - Fax 0918903078 centralino 091 8913111 Responsabile: Dr. Sebastiano Randisi

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri SERVIZIO MOBILITA, STRADE, CENTRO STORICO E CIMITERI P.zza Mercatale, 31 59100 Prato Fax 0574.183.7368 www.comune.prato.it Orario di apertura al pubblico Lunedì 9.00 13.00 Giovedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina.

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina. Protocollo RC n. 5272/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 5 APRILE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì cinque del mese di aprile, alle ore 13,00,

Dettagli

settore Opere per il Territorio e l Ambiente

settore Opere per il Territorio e l Ambiente www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Opere per il Territorio e l Ambiente segreteria.llpp@comune.paderno-dugnano.mi.it OGGETTO: PROCEDURA APERTA SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO

Dettagli

18, via degli Speziali, 57021 Venturina (LI) p.iva 01583660491

18, via degli Speziali, 57021 Venturina (LI) p.iva 01583660491 18, via degli Speziali, 57021 Venturina (LI) p.iva 01583660491 Opere per il collettamento della rete fognaria al nuovo depuratore a servizio del Comune di Pomarance PROGETTO DEFINITIVO Ubicazione Committente

Dettagli

INDICE RELAZIONE GENERALE...PAG. 3 REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ALLEGATO A RIFERIMENTI NORMATIVI...PAG. 55

INDICE RELAZIONE GENERALE...PAG. 3 REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ALLEGATO A RIFERIMENTI NORMATIVI...PAG. 55 1 INDICE RELAZIONE GENERALE...PAG. 3 REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI...PAG. 21 APPENDICE: MODULISTICA...PAG. 43 ALLEGATO A RIFERIMENTI NORMATIVI...PAG.

Dettagli

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ;

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ; SCHEMA DI CONVENZIONE CON GLI ENTI DEL TERRITORIO PER I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra la Regione Marche, rappresentata dal Dirigente della P.F. Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi).

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi). Protocollo generale Comune di Sabaudia Provincia di Latina N del Sportello Unico Attività Produttive (n. 3 copie in carta semplice) Al S.U.A.P. del Comune di Sabaudia Piazza del Comune 04016 Sabaudia (LT)

Dettagli

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA COMUNE DI ANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato definitivamente dal Consiglio Comunale Con atto n. 90 del 20.12.2005 Modificato con atto consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Settore Tecnico Manutentivo Determinazione N. 426 del 31/12/2014 Oggetto : ACQUISTO MATERIALE PER LA PULIZIA (CIG Z2D1291A44) E AFFIDAMENTO PULIZIA VETRI NUOVI

Dettagli

Comune di Pratola Serra Provincia di Avellino Il Segretario Comunale

Comune di Pratola Serra Provincia di Avellino Il Segretario Comunale RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE- APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 34 del 03.03.2014 La L. 190/2012, recante Disposizioni per la

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 O r i g i n a l e SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO PUBBLICO PER L'ATTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA (approvato con deliberazione consiliare n. 76 del 7/04/2009, in vigore dal 8/06/2009) Art. 1 (Finalità) 1. Il

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 AREA FINANZIARIA II Servizio Ufficio TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli