RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO REGOLARIZZAZIONE ADEMPIMENTI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 9 novembre Sala Convegni Odcec-Milano

2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 1. Aspetti generali

3 Imposte dirette violazioni sostanziali Le violazioni sostanziali, come regola, sono quelle che incidono: sulla determinazione; o: sul pagamento; del tributo. Violazioni sostanziali errori ed omissioni rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte dovute, ai sensi degli artt. 36-bis e 36-ter, D.P.R , n. 600 Infedele dichiarazione 3

4 Violazioni rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale Le principali fattispecie di errori rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte dovute sono: errori materiali e di calcolo nella determinazione sia degli imponibili, sia dell entità delle imposte dovute; detrazioni d'imposta maggiori e/o non spettanti; evidenziazione in misura superiore di oneri deducibili o detraibili; maggiori ammontari di ritenute d'acconto; crediti d'imposta di entità maggiore. Tali violazioni sono rilevate per il tramite procedure automatiche di controllo della dichiarazione (di cui agli artt. 36-bis e 36-ter, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600). 4

5 Omesso o carente versamento Se viene rilevato un omesso o carente versamento, dipendente da errori materiali o di calcolo rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte, si rende operativa la sanzione amministrativa del 30% (15% in caso di ritardo non superiore a 90 giorni) delle somme non corrisposte. Per effetto di quanto previsto dagli artt. 2 e 3, del D.Lgs. n. 462/1997, la sanzione amministrativa del 30% si riduce a: un terzo (10%), se le somme dovute vengono corrisposte entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell'esito della liquidazione automatica effettuata ai sensi dell' art. 36-bis, D.P.R. 600/1973; due terzi (20%), se le somme dovute sono pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell'esito del controllo formale effettuato ai sensi dell' art. 36-ter, D.P.R. n. 600/

6 Omesso o carente versamento Perfezionamento del ravvedimento -> mediante: corresponsione della maggiore imposta o delle conseguenti attinenti al minor credito; degli interessi legali con maturazione giorno per giorno (attualmente: 0,20%); della sanzione amministrativa ridotta (vedere prospetto che segue). riferimento entità Regola procedurale 1/9 della sanzione minima 1/8 della sanzione minima 1,6667% (1/9 del 15%) 3,75% (1/8 del 30%) se la maggiore imposta viene corrisposta entro 90 giorni dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione da regolarizzare se la maggiore imposta viene versata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione 1/7 della sanzione minima 1/6 della sanzione minima, 4,2857% (1/7 del 30%) 5% (1/6 del 30%) se la maggiore imposta viene versata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione se la maggiore imposta viene versata oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione 6

7 Omesso o carente versamento Precisazione -> si ritiene non coerenti le ipotesi di casi di ravvedimento operoso delle violazioni rilevabili ex art. 36-bis con riduzione di 1/6 della sanzione minima, in quanto detti controlli, di regola, vengono effettuati l'anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione /9 1/8 1/7 1/6 Attenzione -> caso di un omesso versamento rilevato con i controlli ex art. 36-bis, quindi di una violazione non derivante da una dichiarazione, si ricade nell'ipotesi del ravvedimento dell'omesso versamento, per cui il dies a quo decorre dalla scadenza del termine di pagamento. 7

8 Utilizzo maggior credito delle dichiarazioni Art. 5 del D.L. 22 ottobre 2016, n > estesa possibilità della presentazione della dichiarazione integrativa a favore entro gli stessi termini operativi per la dichiarazione integrativa a sfavore ai fini degli adempimenti dichiarativi: dei redditi (modello Unico); dell'irap-imposta regionale sulle attività produttive; dei sostituti d'imposta (modelli 770). Il credito d imposta riveniente dal minor debito o dal maggiore credito risultante -> compensabile con F24 -> se l adempimento dichiarativo presentato: entro il termine della dichiarazione del periodo d imposta successivo -> maggior credito utilizzabile secondo le regole ordinarie; oltre il termine della dichiarazione relativa al periodo successivo ed entro il termine di decadenza accertamenti -> credito emergente utilizzabile: in compensazione in sede di compilazione del modello F24; per pagamenti di debiti maturati dal periodo d'imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa. 8

9 Utilizzo maggior credito delle dichiarazioni Operatività -> nell ipotesi in cui la dichiarazione oggetto di integrazione a favore viene presentata oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione inerente al periodo di imposta successivo, il credito scaturente dall integrativa può essere utilizzato in compensazione per debiti maturati a partire dal periodo di imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa. Ipotesi -> se viene presentata la dichiarazione integrativa: del modello Unico 2016 (periodo d imposta 2015); nel corso dell anno 2019; l eventuale maggior credito può essere utilizzato in compensazione solamente a partire dal 1 gennaio 2020, limitatamente per compensare debiti che hanno trovato rilevanza nel periodo d imposta successivo all integrativa. 9

10 Utilizzo maggior credito delle dichiarazioni Caso Esempio -> un contribuente, entro il 30 settembre 2015, ha presentato il modello Unica-PF 2015 per il periodo d imposta Da un successivo riscontro, rileva di aver dimenticato l annotazione di alcuni oneri, per cui entro il 30 novembre 2017, procede alla presentazione di una dichiarazione integrativa dalla quale risulta emergente un maggior credito Irpef di 1.350,00. Soluzione Il contribuente ha la possibilità di utilizzare il maggior credito Irpef di 1.350,00 mediane compensazione a decorrere dal 1 gennaio 2018, in quanto si tratta di una dichiarazione integrativa presentata oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo successivo. 10

11 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 2. Mancata o incompleta compilazione quadro RW

12 Violazioni obblighi monitoraggio violazioni obbligo monitoraggio fiscale se la violazione risulta regolarizzata entro 90 giorni dalla scadenza del termine: 258,00 dal 3% al 15% in caso di investimenti in Paesi white list dal 6% al 30% in caso di investimenti in Paesi black list 12

13 Sanzioni associabili all irregolare quadro RW Irregolare compilazione quadro RW Sanzione -> dal 3% al 15% dell importo non segnalato (art. 5 DL 167/90); Sanzione raddoppiata -> se investimento o attività sono in un paradiso fiscale (Paese Black List). Presentazione quadro RW entro 90 giorni Sanzione -> 258,00 (art. 5 DL 167/90). Presentazione quadro RW oltre 90 giorni Sanzione -> si ritiene possibile l operatività della regola generale: sanzione dal 3% al 15% degli importi non dichiarati (ex art. 5 del DL 167/90). 13

14 Sanzioni associabili all irregolare quadro RW presunzione di fruttuosità ex art. 6 del DL 167/90 sanzione -> dal 90% al 180% dell imposta [art. 1, c. 2, del D.Lgs. 471/97] -> per evasione sino a ,00 -> riduzione di un terzo (dal 60% al 120%). se lo Stato estero è un paradiso fiscale sui redditi presunti dalla violazione delle norme in tema di RW dichiarazione dei redditi presentata -> Sanzione -> dal 180% al 360% dell imposta [art. 12 del DL 78/2009] -> per evasione sino a ,00 -> riduzione di un terzo (dal 120% al 240%); dichiarazione dei redditi non presentata (omessa) -> Sanzione -> dal 240% al 480% dell imposta [art. 12 del DL 78/2009] -> entità minima 500,00. 14

15 Termini regolarizzazione quadro RW 15

16 Ravvedimento operoso quadro RW Termine entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione se la sanatoria avviene dopo il PVC Sanzioni (3% nella generalità dei casi) riduzione a 1/8 (0,38%) riduzione a 1/7 (0,43%) riduzione a 1/6 (0,5%) riduzione a 1/5 (0,6%) Sanzioni (6% per i paradisi fiscali ) riduzione a 1/8 (0,75%) riduzione a 1/7 (0,86%) riduzione a 1/6 (1%) riduzione a 1/5 (1,2%) 16

17 Violazioni monitoraggio e maggiore imposta Riduzioni delle sanzioni da dichiarazione infedele, tenendo conto dell eventuale aumento di 1/3, limitatamente ai redditi prodotti all estero (90% più 1/3 = 120%), senza considerare presunzione art. 12 D.L. 78/2009. Termine entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione se la sanatoria avviene dopo il PVC Evasione nazionale Redditi prodotti all estero riduzione a 1/8 (11,25%) riduzione a 1/7 (12,86%) riduzione a 1/6 (15%) riduzione a 1/5 (18%) riduzione a 1/8 (15%) riduzione a 1/7 (17,14%) riduzione a 1/6 (20%) riduzione a 1/5 (24%) 17

18 Ravvedimento operoso entro 90 giorni Valutando l interpretazione fatta propria nel comunicato stampa n. 196 dell Agenzia delle entrate -> entro i 90 giorni, a fini meramente prudenziali, si ritiene dovuta anche la sanzione di 28,67 per il quadro RW. Fattispecie RW Sanzione dichiarativa Norma Art. 13 del D.Lgs. 472/97 dichiarazione senza modulo RW 28,67 (258/9) 27,78 (250/9) artt. 5 del DL 167/90 e 8 del D.Lgs. 471/97 lett. a-bis) Dichiarazione con modulo RW infedele 28,67 (258/9) 27,78 (250/9) artt. 5 del D.L. 167/90 e 8 del D.Lgs. 471/97 lett. a-bis) dichiarazione non presentata 28,67 (258/9) per cautela 15,00 (150/10) artt. 5 del D.L. 167/90 e 1 del D.Lgs. 471/97 lett. c) 18

19 Regolarizzazione quadro RW 19

20 Regolarizzazione quadro RW 20

21 Regolarizzazione quadro RW 21

22 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 3. Compensazione del debito Iva periodico e credito Iva da dichiarazione integrativa

23 Regole per la particolare compensazione Iva Si deve ritenere consentito il ravvedimento del debito Iva periodico omesso; tramite compensazione del credito emergente sia dal credito infrannuale Iva sorto in un trimestre successivo dell anno, sia con quello emergente dalla dichiarazione annuale del medesimo anno. Presupposti procedurali: obbligo di rispettare le modalità operative del cosiddetto monitoraggio del credito Iva (in quanto lo stesso è utilizzabile solamente successivamente al sorgere del debito); modalità di esposizione di tali operazioni in sede di compilazione della dichiarazione Iva. 23

24 Regole per la particolare compensazione Iva Modalità procedurali: omesso versamento dell'iva a debito risultante dalla liquidazione periodica costituisce violazione ravvedibile, ai sensi della lettera b) dell art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, entro il termine di presentazione della dichiarazione inerente all'anno di commissione della violazione; corresponsione dell imposta dovuta e degli interessi entro il termine per la presentazione della dichiarazione Iva relativa all'anno nel corso del quale è stato omesso il versamento periodico, può avvenire, come regola, mediante pagamento della sanzione amministrativa ridotta del 3,75% dell'ammontare non versato, pari cioè a 1/8 del 30%); compensazione del debito Iva periodico, e il conseguente ravvedimento delle sanzioni, può essere anticipata utilizzando il credito Iva maturato in un trimestre successivo a quello violato, nel qual caso è necessario che detto credito sia rimborsabile ai sensi degli artt. 30 e 38-bis del decreto Iva e preventivamente destinato alla compensazione mediante presentazione del modello IVA TR, in applicazione dell art. 8 del D.P.R. 14 ottobre 1999, n

25 Regole per la particolare compensazione Iva Compensazione orizzontale o esterna (art. 17 del D.Lgs. 241/97), deve essere: annotata nel modello F24; subordinata al rispetto dei limiti di 5.000,00 annui (c. 1 art. 17), e di ,00 annui (art. 34, c. 1, della L. 23 dicembre 2000, n. 388); se il credito da destinare in compensazione Iva risulta di entità superiore al limite di ,00 -> NO visto di conformità di cui all art. 10 del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con la L. 3 agosto 2009, n. 102, la cui preventiva apposizione sul modello IVA TR è indispensabile solo in caso di richiesta di rimborso. In assenza dei requisiti per poter utilizzare le eccedenze di credito trimestrale, il ravvedimento dell'omesso versamento periodico può essere effettuato utilizzando in compensazione il credito Iva emergente dalla dichiarazione annuale, in quanto, in tale evenienza, il credito può essere compensato con un debito Iva pregresso a partire dal 1 gennaio dell'anno successivo a quello della maturazione. 25

26 Regole per la particolare compensazione Iva Utilizzo per ravvedere in compensazione il debito periodico omesso -> assimilato ad una compensazione orizzontale (in quanto il debito è sorto prima del credito), che espressamente prevede: redazione del mod. F24 per evidenziare la compensazione; Compilazione del mod. TR senza visto di conformità (anche se l utilizzo eccede l importo di , a differenza della dichiarazione annuale Iva), in quanto il visto è obbligatorio in relazione al mod. TR solamente per la richiesta di rimborso del credito infrannuale (e non di utilizzo in compensazione); dichiarazione Iva: l importo del debito periodico versato in compensazione prima della presentazione del mod. Iva deve risultare annotato nel rigo VL29: Il credito Iva trimestrale utilizzato in compensazione, deve essere annotato nel rigo VL22 della stessa dichiarazione Iva (riduzione credito annuale). 26

27 Regole per la particolare compensazione Iva Caso Esempio -> Una srl (esportatore abituale) non ha corrisposto il debito Iva di risultante dalla liquidazione del primo trimestre Dalla liquidazione Iva del terzo trimestre risulta un credito Poiché sussistendo le condizioni per la presentazione del modello IVA TR (volume di esportazioni del trimestre > 25% delle operazioni del trimestre), la srl ha la possibilità di utilizzare il credito Iva per la compensazione del debito periodico (1 trimestre) senza apposizione di alcun visto (anche se il credito utilizzato è > ). Soluzione: presentazione del mod. F24 (dal 16/11) contenente la compensazione del credito trimestrale (6038) con debito Iva 1 trimestre (6031), unitamente a sanzione ridotta del 3,75% (8904) ed interessi di mora (1991). 27

28 Regole per la particolare compensazione Iva Soluzione (segue): Dichiarazione annuale IVA 2017: quadro VH -> non deve essere modificato; importo liquidazione IVA del 1 trimestre -> da annotare a rigo VL29 ammontare credito IVA 3 trimestre compensato -> da rilevare a rigo VL22. 28

29 Regole per la particolare compensazione Iva Soluzione (segue): Il credito annuale (VL33) pari a tiene in considerazione: ( ) = in diminuzione -> dell utilizzo del credito infrannuale (per ); in aumento -> del pagamento del debito periodico di Dal punto di vista dichiarativo, l avvenuta compensazione tra il debito Iva periodico e il credito Iva (trimestrale o annuale) maturato successivamente, viene rappresentata nel seguente modo: l ammontare del debito periodico, assolto tramite compensazione prima della presentazione della dichiarazione annuale, deve essere indicato nel rigo VL29 della dichiarazione Iva; l importo del credito utilizzato in compensazione, deve risultare annotato nel rigo VL22 della medesima dichiarazione, se si tratta di credito trimestrale oppure nel rigo VL9 della dichiarazione inerente all anno successivo, se si tratta di credito annuale. 29

30 Utilizzo credito Iva da dichiarazioni integrative Maggior credito che emerge dalla dichiarazione integrativa Iva a favore presentata entro il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta successivo -> tale maggior credito può essere: portato in detrazione in sede di: liquidazione periodica; dichiarazione annuale; utilizzato in compensazione con il modello F24; essere chiesto a rimborso, nel rispetto degli ordinari requisiti previsti dall art. 30 decreto Iva, e quindi, tenendo presente che: il credito che viene chiesto a rimborso deve essere di entità eccedente (salvo il caso in cui il soggetto passivo Iva ha cessato l attività); oppure, a titolo meramente indicativo: deve sussistere il requisito dell aliquota media, del 25% delle operazioni non imponibili, ecc. 30

31 Utilizzo credito Iva da dichiarazioni integrative Caso 1 un contribuente Iva, in regime di liquidazione trimestrale, ha trasmesso entro il 30 settembre 2016 il modello Unico 2016, comprendente anche l adempimento dichiarativo Iva 2016 con indicazione di un debito di 4.000,00, regolarmente corrisposto. Da un successivo riscontro, rileva di non aver inserito nel modello Iva 2016 una fattura di acquisto di 8.000,00 (+ Iva 22% = 1.760,00) -> decide di presentare la dichiarazione integrativa il 17 aprile 2017 che evidenzia un debito di 2.240,00 (e, quindi, considerando i versamenti effettuati, un credito Iva di 1.760,00). Soluzione > utilizzo del maggior credito: operando una detrazione in sede di liquidazione periodica relativa al secondo trimestre 2017; oppure: effettuando compensazione orizzontale per effettuare la corresponsione di ritenute alla fonte e/o di altri debiti pagabili; mentre non può chiedere il rimborso del credito -> inferiore a 2.582,00. 31

32 Utilizzo credito Iva da dichiarazioni integrative Caso 2 un contribuente Iva, in regime di liquidazione trimestrale, ha trasmesso entro il 30 settembre 2016 il modello Unico 2016, comprendente anche l adempimento dichiarativo Iva 2016 con indicazione di un credito di 4.000,00, per il quale ha presentato istanza di rimborso per la presenza di operazioni aventi un aliquota media di operazioni attive maggiore del 10% di quelle passive. Successivamente rileva di non aver inserito nel modello Iva 2016 una fattura di acquisto di 8.000,00 (+ Iva 22% = 1.760,00), che non riduce sotto la soglia predetta l aliquota media. Presenta dichiarazione integrativa in data 17 aprile 2017 che evidenzia un credito complessivo di 5.240,00 (e, quindi, un maggior credito Iva rispetto alla dichiarazione Iva originaria di 1.760,00). Soluzione > utilizzo del maggior credito operando una detrazione in sede di liquidazione periodica relativa al secondo trimestre 2017 oppure effettuando una compensazione orizzontale utilizzando il modello F24 per la corresponsione di ritenute alla fonte e/o di altri debiti pagabili con detto modello. N.B.: sussiste la possibilità di procedere a richiedere ulteriormente a rimborso l importo di 1.760,00 (rimborso complessivo per il periodo d imposta 2015 pari a 5.240,00). 32

33 Utilizzo credito Iva da dichiarazioni integrative Maggior credito che emerge dalla dichiarazione integrativa Iva a favore presentata oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta successivo -> nulla viene specificato per l eventuale utilizzo dell eventuale maggior credito risultante. Il credito Iva emergente dall adempimento dichiarativo integrativo non potrebbe essere utilizzato: in detrazione in sede sia di liquidazione periodiche, sia sede di adempimento dichiarativo annuale; in compensazione orizzontale utilizzando il modello F24; chiesto a rimborso in sede di dichiarazione annuale; con la conseguenza che l unica possibilità operativa potrebbe essere individuata: nell istanza del rimborso ex art. 21 del D.Lgs. 546/1992, entro due anni dal pagamento della maggiore Iva; tramite riporto in detrazione quadro VX del modello Iva. o, in alternativa, nell istanza di rimborso di cui al 33

34 Utilizzo credito Iva da dichiarazioni integrative Caso contribuente Iva, in regime di liquidazione trimestrale, ha trasmesso entro il 30 settembre 2016 il modello Unico 2016, comprendente anche l adempimento dichiarativo Iva 2016 con indicazione di un debito di 500,00, regolarmente corrisposto. Da un successivo riscontro, rileva di non aver annotato e, quindi, di non aver inserito nel modello Iva 2016 una fattura di acquisto il cui imponibile è pari a 8.000,00 (Iva 22% = a 1.760,00), per cui decide di presentare la dichiarazione integrativa in data 17 aprile 2018 che evidenzia un credito di 1.260,00 (e, quindi, considerando i versamenti effettuati, viene evidenziato un effettivo credito Iva di 1.760,00). Soluzione > Il contribuente non dovrebbe avere la possibilità di procedere all utilizzo tale maggior credito: operando una detrazione in sede di liquidazione periodica relativa al secondo trimestre 2018 (anche se auspicabile, considerato il sistema Iva ); oppure: effettuando una compensazione orizzontale utilizzando il modello F24 per la corresponsione di ritenute alla fonte e/o di altri debiti pagabili con detto modello; ed, inoltre, non potrà nemmeno chiedere il rimborso del credito, in quanto l entità del medesimo risulta inferiore a 2.582,00. 34

35 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 4. Infedele dichiarazione

36 Infedele dichiarazione Fattispecie non rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale che configurano la violazione di infedele dichiarazione -> si rivelano nelle situazioni di: omessa indicazione di redditi; errata indicazione di redditi; esposizione di indebite detrazioni d'imposta; esposizione di indebite deduzioni dall'imponibile. Attenzione -> sanzione ordinaria per la presentazione di dichiarazione infedele -> dal 90% al 180%: della maggiore imposta; o: della differenza del credito utilizzato in compensazione Sussiste la possibile utilizzare l'istituto del ravvedimento operoso, ai sensi dell'art. 13, comma 1, lett. a-bis), b), b-bis), b-ter), b-quater), D.Lgs 472/1997, per regolarizzare la posizione nei confronti dell'amministrazione finanziaria. 36

37 Infedele dichiarazione Oltre alla sanzione ordinaria, l'art. 1, D.Lgs. n. 471/1997 dispone che: sanzione base aumenta della metà in presenza di condotte fraudolente del contribuente (utilizzo di documentazione falsa o per operazioni inesistenti, mediante artifici o raggiri, condotte simulatorie o fraudolente); sanzione è ridotta di 1/3 (dal 60% al 120%) se: maggiore imposta o minor credito accertati sono complessivamente inferiori al 3% dell'imposta e del credito dichiarati, e, comunque, complessivamente inferiori ad ,00; infedeltà risulta conseguenza di un errore sull'imputazione temporale di elementi positivi o negativi di reddito, purché il componente positivo abbia già concorso alla determinazione del reddito nell'annualità in cui interviene l'attività di accertamento o in una precedente; se non vi è alcun danno erariale, la sanzione è pari ad 250,00. violazioni sostanziali -> regolarizzabili anche entro 90 giorni dalla presentazione della dichiarazione -> si rende operativa la specifica riduzione della sanzione. 37

38 Infedele dichiarazione e ravvedimento Perfezionamento del ravvedimento -> dichiarazione integrativa + corresponsione: della maggiore imposta o minor credito; degli interessi legali con maturazione giorno per giorno (attualmente: 0,20%); della sanzione amministrativa ridotta (vedere prospetto che segue). riferimento entità Regola procedurale 1/8 della sanzione minima 1/7 della sanzione minima 1/6 della sanzione minima, 1/5 della sanzione minima, 11,25% (1/8 del 90%) 12,8271% (1/7 del 90%) 15% (1/6 del 90%) 18% (1/5 del 90%) se la maggiore imposta viene versata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione se la maggiore imposta viene versata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione se la maggiore imposta viene versata oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione se la maggiore imposta viene versata dopo la consegna del processo verbale di constatazione. 38

39 Infedele dichiarazione (teoricamente) e ravvedimento entro 90 giorni Dichiarazione regolarizzata entro 90 giorni -> sanzione ridotta prevista per il ravvedimento (10% della maggiore imposta) è in linea generale più elevata rispetto a quella applicabile in caso di dichiarazione tardiva ( 27,78 + 1,6667% oppure 3,75% della maggiore imposta). Ne deriva che per la regolarizzazione di una dichiarazione teoricamente infedele entro 90 giorni dalla presentazione -> si rende operativa: la sanzione ridotta ex lettera a-bis), pari ad 27,78 ( 250,00 x 1/9); la sanzione ridotta per l'eventuale omesso o insufficiente versamento, pari: all 1,6667 della maggior imposta, se la violazione viene regolarizzata dopo il 30.mo giorno ed entro 90 giorni dalla scadenza del termine per il versamento; al 3,75% della maggior imposta, se la violazione viene regolarizzata oltre 90 giorni dalla scadenza del termine per il versamento. 39

40 Infedele dichiarazione e ravvedimento entro un anno dal termine di presentazione Dichiarazione infedele corretta entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva -> sanzione amministrativa ridotta a 1/8 del minimo = 11,25% (1/8 di 90%) Il contribuente regolarizza la dichiarazione infedele mediante il ravvedimento operoso con i seguenti adempimenti: versamento delle maggiori imposte (il versamento dell'acconto non è necessario ai fini delle regolarizzazione dell'infedele dichiarazione; il relativo versamento può essere eseguito se effettivamente dovuto, applicando il ravvedimento per omesso versamento); versamento degli interessi moratori, da versare con lo specifico codice tributo; versamento della sanzione amministrativa nella misura ridotta all 11,25%; presentazione della dichiarazione integrativa. 40

41 Infedele dichiarazione e ravvedimento entro due anni dal termine di presentazione Dichiarazione infedele corretta entro due anni dal termine di presentazione della dichiarazione che si intende correggere -> sanzione amministrativa ridotta a 1/7 del minimo = 12,8571% (1/7 del 90%) Il contribuente regolarizza la dichiarazione infedele mediante il ravvedimento operoso con i seguenti adempimenti: versamento delle maggiori imposte (il versamento dell'acconto non è necessario ai fini delle regolarizzazione dell'infedele dichiarazione; il relativo versamento può essere eseguito se effettivamente dovuto, applicando il ravvedimento per omesso versamento); versamento degli interessi moratori, da versare con lo specifico codice tributo; versamento della sanzione amministrativa nella misura ridotta all 12,8571%; presentazione della dichiarazione integrativa. 41

42 Infedele dichiarazione e ravvedimento oltre due anni dal termine di presentazione Dichiarazione infedele corretta oltre due anni dal termine di presentazione della dichiarazione che si intende correggere -> sanzione amministrativa ridotta a 1/6 del minimo = 15% (1/6 del 90%) Il contribuente regolarizza la dichiarazione infedele mediante il ravvedimento operoso con i seguenti adempimenti: versamento delle maggiori imposte (il versamento dell'acconto non è necessario ai fini delle regolarizzazione dell'infedele dichiarazione; il relativo versamento può essere eseguito se effettivamente dovuto, applicando il ravvedimento per omesso versamento); versamento degli interessi moratori, da versare con lo specifico codice tributo; versamento della sanzione amministrativa nella misura ridotta all 15%; presentazione della dichiarazione integrativa. 42

43 Infedele dichiarazione e ravvedimento dopo consegna PVC Dichiarazione infedele corretta dopo consegna Pvc -> sanzione amministrativa ridotta a 1/5 del minimo = 18% (1/5 del 90%) Dichiarazione presentata dopo la consegna, da parte GdF del Pvc -> sanzioni dovute per le violazioni correlate: al quadro RW: 0,6% (1/5 del 3%), per importi che si riferiscono a Paesi non Black list; 1,2% (1/5 del 6%), per importi che si riferiscono a Paesi Black list; ai quadri reddituali diversi dal quadro RW: se non risultano maggiori imposte: 50,00 (1/5 di 250); 24% (1/5 del120%) sulle maggiori imposte dovute se le attività (produttrici di redditi) sono detenute in Paesi a fiscalità non privilegiata; 36% (1/5 del180%) sulle maggiori imposte dovute se le attività (produttrici di redditi) sono detenute in Paesi a fiscalità privilegiata. 43

44 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 5. Versamenti tardivi e indebite compensazioni

45 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Regola -> applicazione della sanzione pari al 30% per gli omessi e carenti versamenti periodici, di conguaglio o a saldo dell'imposta risultante dalla dichiarazione. Versamenti effettuati con ritardo non superiore a novanta giorni -> sanzione amministrativa ridotta alla metà. In pratica, il tardivo versamento sarà sanzionato nella misura ridotta del 15%, anziché con il 30%. Viene anche stabilito che per i versamenti effettuati entro 15 giorni (dal 1 al 14 giorno) la sanzione base è ridotta a un importo pari a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, nonché l operatività del ravvedimento operoso (art. 13 del D.Lgs. 472/1997). 45

46 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Omessi o carenti versamenti Esempio -> Versamento Iva del mese di ottobre di , effettuato con ritardo di 10 giorni. La sanzione dovuta sarà pari a 0,10 x 10 = 1% Sanzione dovuta: 1% di = 600 (al presente la sanzione dovuta è pari al 2% o allo 0,2 x 10 = 2% e dunque pari a 1.200). Ravvedimento effettuato: nei 30 giorni dalla scadenza -> sanzione per regolarizzazione spontanea passa dal 3% all'1,50%; dal 31.mo giorno al 90.mo giorno dalla scadenza -> sanzione per regolarizzazione spontanea passa dal 3,33% all 1,6667%. 46

47 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Omessi o carenti versamenti In tutti i casi di violazione per tardivi versamenti (non ravveduti) effettuati nel termine di 90 giorni, l'agenzia delle entrate irrogherà, tramite la notifica della «Comunicazione di irregolarità», la sanzione ridotta del 15%, con possibilità di beneficiare della riduzione: a 1/3, in caso di pagamento nel termine di trenta; o: al 5% in luogo dell'attuale 10%, in caso di pagamento nei novanta giorni dalla notifica. Analogamente, in caso di violazioni rilevabili ai sensi dell'art. 36-ter del D.P.R. 600/1973, la sanzione ridotta a 2/3 sarà pari al 10% in luogo dell'attuale 20%. 47

48 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Indebite compensazioni Nel caso di utilizzo: di un'eccedenza o di un credito di imposta esistenti in misura superiore a quello spettante -> si rende applicabile la sanzione pari al 30% del credito utilizzato; in compensazione di crediti inesistenti -> si rende applicabile la sanzione dal 100 al 200% dell entità dei crediti medesimi; senza alcuna possibilità di definizione agevolata. Credito inesistente -> quello mancante, in tutto o in parte, del presupposto costitutivo e la cui inesistenza non è riscontrabile mediante i controlli 36-bis e 36-ter del DPR 600/73 e 54-bis del decreto Iva. 48

49 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Utilizzo di crediti inesistenti confermata la sanzione dal 100 al 200% della misura del credito; è venuto meno l'aggravante per l'utilizzo in compensazione del credito inesistente di importo superiore a (nella previgente disciplina sanzionata in misura pari al 200% del credito compensato). Attenzione -> non possono considerarsi crediti inesistenti quelli utilizzati in compensazione in eccesso rispetto all'importo risultante dalla dichiarazione presentata. Esempio -> contribuente che a fronte di un credito Irpef scaturente dal modello Unico PF presentato di 5.600,00 utilizza in F24 un importo di 6.500,00. 49

50 Versamenti tardivi e indebite compensazioni Utilizzo di crediti inesistenti Se si verifica tale situazioni: per rettificare gli errori commessi nella determinazione delle imposte; per contestare un non corretto riporto delle eccedenze d'imposta risultanti dalle precedenti dichiarazioni; nella liquidazione automatica l'agenzia delle entrate rileverà l errore compilativo ed emetterà la «comunicazione di irregolarità per la definizione bonaria», consentendo al contribuente che procedere a corrispondere il tributo e gli interessi entro 30 giorni dalla sua ricezione con il beneficio della riduzione a 1/3 delle sanzioni. 50

51 Omessa presentazione modello F24 Omessi e/o carenti versamenti Il comma 2-bis dell art. 15 del D.Lgs. 471/1997, sanziona l'omessa presentazione del modello F24 contenente i dati relativi all'eseguita compensazione, con una sanzione fissa di 100 (diminuita rispetto ai precedenti 154). Tale sanzione viene ridotta a 50 se il ritardo non è superiore a 5 giorni lavorativi. Nel caso di presentazione di un modello F24 a saldo zero, la sanzione dovuta sarà pari a: 1/9 di 50, in caso di presentazione entro 5 giorni lavorativi successivi (ovvero 5,56); 1/9 di 100, in caso di presentazione del modello entro 90 giorni (ovvero 11,11). 51

52 Grazie per l attenzione prestata 52

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

VIOLAZIONI SOSTANZIALI IN MATERIA DI DICHIARAZIONI

VIOLAZIONI SOSTANZIALI IN MATERIA DI DICHIARAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO VIOLAZIONI SOSTANZIALI IN MATERIA DI DICHIARAZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 7 settembre 2016 - Sala Convegni Odcec-Milano S.A.F. SCUOLA

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO REGOLARIZZAZIONE ADEMPIMENTI DICHIARATIVI DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 9 novembre 2016 - Sala Convegni

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 57 14.07.2014 Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n 23/10

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n 23/10 1/5 OGGETTO RAVVEDIMENTO OPEROSO PER II.DD. E IVA CLASSIFICAZIONE DT ART. 13 D.LGS 472/97 RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 13 D. Lgs. 18.12.1997 n. 472 ART. 16, comma 5, D.L. 29.11.2008 N. 185 convertito in

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E di Giancarlo Modolo Aspetti generali Tipologia delle dichiarazioni Presentazione

Dettagli

Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016

Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016 Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016 Le nuove sanzioni amministrative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per effetto di quanto previsto dalla legge di stabilità per il 2016 (legge

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA: CHE FARE DOPO LA SCADENZA? LA GESTIONE DELLE COMPENSAZIONI E GLI ASPETTI SANZIONATORI

DICHIARAZIONE IVA: CHE FARE DOPO LA SCADENZA? LA GESTIONE DELLE COMPENSAZIONI E GLI ASPETTI SANZIONATORI PILLOLA DI AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2017 DICHIARAZIONE IVA: CHE FARE DOPO LA SCADENZA? LA GESTIONE DELLE COMPENSAZIONI E GLI ASPETTI SANZIONATORI Omessi versamenti periodici e credito Iva In questi giorni

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

La Dichiarazione Integrativa a favore

La Dichiarazione Integrativa a favore Paola Piantedosi (Avvocato e Commercialista in Taranto) La Dichiarazione Integrativa a favore 1 L istituto del ravvedimento operoso consente all autore (ed ai soggetti solidalmente obbligati) di omissioni

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito.

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito. Regolarizzazione errori nel modello UNICO: la presentazione della dichiarazione correttiva nei termini o la presentazione della dichiarazione integrativa dopo la scadenza dei termini Vincenzo D'Andò in

Dettagli

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 1.1 Ambito d applicazione 7 1.2 Condizioni per fruire del ravvedimento 11 1.3 Tipologie di ravvedimento 15 1.4 Gli effetti del ravvedimento

Dettagli

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO Dr. Bartali Claudio Dr. Bartali Luca Dr. Barsottini Claudio Dr. Maltomini Antonio Dr. Turini Stefano Dr. Grossi Simone Dr. Scannerini Daniele Dr. Silvestri Alessio SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO IL RAVVEDIMENTO

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DEL MODELLO UNICO 2008

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DEL MODELLO UNICO 2008 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DEL MODELLO UNICO 2008 a cura di Antonio Gigliotti L art. 13, D.Lgs. 18.12.1997, n. 472 disciplina l'istituto del ravvedimento operoso, il quale consente, entro precisi termini,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 287 27.09.2016 Unico 2016: il recupero dei pagamenti eccedenti Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione Il contribuente che effettua un

Dettagli

Fiscal Adempimento. N. 44 Del 06/11/2017

Fiscal Adempimento. N. 44 Del 06/11/2017 A cura di Giuseppe Avanzato La dichiarazione tardiva e integrativa entro novanta giorni Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Modello Redditi 2017 Il contribuente può presentare la propria dichiarazione

Dettagli

DICHIARAZIONE A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA. 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi

DICHIARAZIONE A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA. 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi DICHIARAZIONE INTEGRATIVA A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi CASSAZIONE SEZIONI UNITE (1/3) Cass. SS.UU. 30.6.2016 n. 13378: la dichiarazione integrativa, ove comporti

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 08.11.2016 Omesso canone di locazione anno 2012 Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone Il contribuente

Dettagli

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 Le principali novità modulistica e Sp. Tec. La legge di stabilità 2016 riconosce a imprenditori e professionisti che, a far data dal 15 ottobre 2015, investono in beni materiali

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016 Parma, 31 Ottobre 2016 OGGETTO: Chiarimenti in materia di ravvedimento operoso Di seguito si fornisce un breve riepilogo dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle entrate con

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF229 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO MODELLO 730 INTEGRATIVO - PRESENTAZIONE ENTRO IL 25/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2013 CIRCOLARE

Dettagli

LE NOVITA DEL DECRETO «COLLEGATO»

LE NOVITA DEL DECRETO «COLLEGATO» IVA 2017 LE NOVITA DEL DECRETO «COLLEGATO» D.L. 22/10/2016, n. 193, in vigore dal 24 ottobre 2016 convertito c.m. dalla Legge 1 dicembre 2016, n. 225, in vigore dal 3 dicembre 2016 Franco Ricca COMUNICAZIONE

Dettagli

Sanzioni amministrative

Sanzioni amministrative Sanzioni amministrative Dichiarazione redditi e Irap omessa: NUOVE PREVI Sanzione base: dal 120 al 240% delle imposte dovute, con minimo di 250 euro Sanzione base in assenza di imposte dovute: da 250 a

Dettagli

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 1 86/2012 OTTOBRE/8/2012 (*) 19 Ottobre 2012 CON CIRCOLARE N. 38/E DEL

Dettagli

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 Circolare informativa per la clientela n. 28/2011 del 15 settembre 2011 CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 In questa Circolare 1. Controllo automatico delle dichiarazioni Comunicazione

Dettagli

Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi

Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi Stefano Carpaneto (Esperto Contabile in Torino) Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi 1 Modello TR 2017 Novità In attesa dell approvazione del nuovo modello la novità del 2017 è determinata dalle

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

PRASSI E GIURISPRUDENZA

PRASSI E GIURISPRUDENZA NEWSLETTER 16/2016 Corato, 25 ottobre 2016 SOMMARIO 1 PRASSI E GIURISPRUDENZA D.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472; Legge di Stabilità per il 2015 del 23 dicembre 2014 n. 190; D.lgs. 24 settembre 2015 n. 158;

Dettagli

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI 1. Ravvedimento operoso - Generalità 2. Ravvedimento operoso e sanzioni minime applicabili per i più comuni errori dichiarativi 3. Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate

Dettagli

La riforma delle sanzioni tributarie non penali

La riforma delle sanzioni tributarie non penali Luigi Sica (Commercialista in Torino - membro del Gruppo di lavoro Contenzioso tributario dell ODCEC Torino) La riforma delle sanzioni tributarie non penali 1 Le nuove sanzioni amministrative Omessa dichiarazione

Dettagli

Circolare del 18 ottobre 2016

Circolare del 18 ottobre 2016 Circolare del 18 ottobre 2016 Oggetto: Agenzia delle Entrate Circolare n. 42/E del 12/10/2016: Regolarizzazione delle dichiarazioni con errori o presentate in ritardo. Ravvedimento operoso. Ulteriori chiarimenti

Dettagli

Anno 2010 N. RF 47. La Nuova Redazione Fiscale IVA - PERIODICHE OMESSE E SALDO A CREDITO

Anno 2010 N. RF 47. La Nuova Redazione Fiscale IVA - PERIODICHE OMESSE E SALDO A CREDITO ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF 47 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO IVA - PERIODICHE OMESSE E SALDO A CREDITO RIFERIMENTI ART. 13 DLGS 472/1997 INFOFISCO 38/2010 CIRCOLARE

Dettagli

IVA: ACCONTO E RAVVEDIMENTO PENALE

IVA: ACCONTO E RAVVEDIMENTO PENALE IVA: ACCONTO E RAVVEDIMENTO PENALE - A cura Dott. Antonio Gigliotti - Entro il giorno 27 Dicembre 2007 scade il termine sia per il versamento dell acconto dell IVA 2007 relativa al mese di dicembre o all

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali: l omesso

Dettagli

Napoli, 21 dicembre 2016

Napoli, 21 dicembre 2016 Napoli, 21 dicembre 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 11/2016 Il Parlamento ha convertito in legge il decreto 193/2016, collegato alla manovra di bilancio per il 2017. Durante

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016 CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2017 L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016 L utilizzo in compensazione del credito IVA 2016, risultante dal mod. IVA 2017, incontra le seguenti limitazioni in base all ammontare dello

Dettagli

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE XIII. XIII. Il Il ravvedimento ravvedimento operoso operoso Come si paga per la regolarizzazione violazione di natura formale Come si paga per la regolarizzazione - violazione di natura formale - omesso

Dettagli

MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR

MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR Indice Introduzione Soggetti obbligati Calcolo della rivalutazione del TFR Imposta sostitutiva Acconto Saldo Termini di versamento Modalità

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 7 settembre 2016 - Sala Convegni Odcec-Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Il contribuente puo` regolarizzare le violazioni commesse nel corso del 2011 entro il termine di presentazione della dichiarazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 36 /E

RISOLUZIONE N. 36 /E RISOLUZIONE N. 36 /E Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica. Omessa o ritardata presentazione del modello F24 a saldo zero - ravvedimento operoso - articolo 13 del decreto legislativo

Dettagli

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF 19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ATTENZIONE Il presente quadro non deve essere compilato dalle amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo. Il quadro

Dettagli

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97 Ravvedimento operoso Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate dell'imu, TASI o TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del Ravvedimento

Dettagli

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale N. 69 07.03.2016 Compensazione crediti inesistenti: novità sanzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Compensazioni A cura di Pasquale Pirone

Dettagli

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5 STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA 2008 Pagine da 1 a 5 1 Acconto IVA 2008 Il 29 dicembre 2008 (primo giorno lavorativo non festivo successivo al 27 dicembre) 1 scade il termine per

Dettagli

Acconto IVA 2013 e aumento aliquota IVA

Acconto IVA 2013 e aumento aliquota IVA Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 349 18.12.2013 Acconto IVA 2013 e aumento Effetti penalizzanti con metodo previsionale e metodo analitico Categoria: Versamento Sottocategoria:

Dettagli

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi.

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. Lecco, 1 dicembre 2016 Alla Spettabile Clientela L ACCONTO IVA 2016 L acconto IVA per il 2016, da versare entro il 27.12.2016, va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. DETERMINAZIONE ACCONTO

Dettagli

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati Relatore Guido BERARDO, Commercialista Coordina i lavori Salvatore REGALBUTO, Commercialista

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

Modifiche al regime delle compensazioni I.V.A. (art. 10 D.L. n. 78/2009)

Modifiche al regime delle compensazioni I.V.A. (art. 10 D.L. n. 78/2009) ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 17 2 NOVEMBRE 2009 Modifiche al regime delle compensazioni I.V.A. (art. 10 D.L. n. 78/2009)

Dettagli

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI Con il presente contributo si intende riepilogare le regole per l utilizzo del ravvedimento operoso, istituto che permette di sanare (con l applicazione

Dettagli

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE In applicazione dei nuovi termini di versamento introdotti dal Decreto Collegato alla Finanziaria 2017, entro il prossimo 30.6.2017 ovvero

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 28.10.2016 Dichiarazione integrativa: nuovi termini A cura di Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti Con l art.

Dettagli

L utilizzo in compensazione del credito IVA annuale trova specifiche limitazioni in base all ammontare dello stesso.

L utilizzo in compensazione del credito IVA annuale trova specifiche limitazioni in base all ammontare dello stesso. L UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA 2014 RIFERIMENTI - Art. 10, DL n. 78/2009 - Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n. 1/E; 12.3.2010, n. 12/E; 3.6.2010, n. 29/E e 19.9.2014,

Dettagli

GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini

GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F24 2018 Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini ART.3 DECRETO 50/2017 (C.D. MANOVRA CORRETTIVA) Con l entrata in vigore dell art. 3 e quindi

Dettagli

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO Allegato LO SCUDO FISCALE - IMMOBILI ALL ESTERO L art. 13-bis, DL n. 78/2009, convertito dalla Legge n. 102/2009, ha (re)introdotto la specifica disciplina, c.d. scudo fiscale, che consente a coloro che

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO ACCONTO IRPEF ANNO 2015 PER LE PERSONE FISICHE CLASSIFICAZIONE DT ACCONTI II.DD 20.000.101 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 2 DL 15.4.2002 N. 63; ART. 17 D.P.R. 7.12.2001 N. 435; L. 23.12.2000 N.

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 119 27.03.2017 Ravvedimento F24 a saldo zero I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate A cura di: Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria:

Dettagli

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente 4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE Il quadro VL è composto di tre sezioni. Nel caso di compilazione di più moduli per effetto di contabilità separate (art. 36), le sezioni 2 e 3 del presente

Dettagli

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana -

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana - Dichiarazioni integrative Giacomo Manzana - www.manzana.it Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine (30 settembre 2015 per i soggetti

Dettagli

L a dichiarazione dei sostituti

L a dichiarazione dei sostituti Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso 78 L a dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il modello 770 semplificato utilizzato dai sostituti d imposta, comprese le

Dettagli

La dichiarazione Iva autonoma e i limiti alla compensazione del credito Iva

La dichiarazione Iva autonoma e i limiti alla compensazione del credito Iva Numero 25/2014 Pagina 1 di 8 La dichiarazione Iva autonoma e i limiti alla compensazione del credito Iva Numero : 25/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA AUTONOMA E CREDITO IVA Norme e prassi

Dettagli

Fiscal News N. 78. Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 78. Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 78 17.03.2014 Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio Dubbi per chi presenta la Dichiarazione Iva in forma autonoma per scelta, e

Dettagli

Anno 2010 N. RF 30. La Nuova Redazione Fiscale SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO

Anno 2010 N. RF 30. La Nuova Redazione Fiscale SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF 30 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO SPLAFONAMENTO E RAVVEDIMENTO OPEROSO RIFERIMENTI CM 12/2008 - CM 50/2002 CM 98/2000 CIRCOLARE DEL 22/02/2010

Dettagli

Newsletter speciale Decreto fiscale (DL n. 193/2016)

Newsletter speciale Decreto fiscale (DL n. 193/2016) Newsletter speciale Decreto fiscale (DL n. 193/2016) Il decreto legge 22 ottobre 2016, n. 193, in vigore dal 24 ottobre 2016, introduce significative modifiche all attuale impianto normativo, al fine di

Dettagli

Lo scadenziario di Ottobre 2017

Lo scadenziario di Ottobre 2017 Lo scadenziario di Ottobre 2017 Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle uno scadenziario dei principali adempimenti e termini di pagamento previsti per il mese di ottobre 2017 in modo da

Dettagli

In scadenza a fine novembre l invio delle liquidazioni periodiche IVA per il terzo trimestre 2017

In scadenza a fine novembre l invio delle liquidazioni periodiche IVA per il terzo trimestre 2017 NEWS PER I CLIENTI DELLO STUDIO n. 160 del 22 Novembre 2017 Ai gentili clienti e Loro Sedi 22 Novembre 2017 In scadenza a fine novembre l invio delle liquidazioni periodiche IVA per il terzo trimestre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16 /E

RISOLUZIONE N. 16 /E RISOLUZIONE N. 16 /E ROMA, 06/02/2017 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212- Acquisti senza applicazione dell Iva oltre i limiti del plafond. Regolarizzazione

Dettagli

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Circolare N. 05 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 gennaio 2010 LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Come noto, dal 1 gennaio 2010 l utilizzo in compensazione

Dettagli

Il nuovo ravvedimento operoso

Il nuovo ravvedimento operoso Il nuovo ravvedimento operoso RIFERIMENTI: Art. 13, d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie - Art. 1, comma 637,

Dettagli

Ravvedimento operoso per ritardati od omessi versamenti: casi operativi

Ravvedimento operoso per ritardati od omessi versamenti: casi operativi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Ravvedimento operoso per ritardati od omessi versamenti: casi operativi Premessa In un precedente contributo 10 abbiamo delineato le modalità e i termini

Dettagli

14 Novembre Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza

14 Novembre Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza 14 Novembre 2017 Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza Una premessa «Invio di circa 305.000 comunicazioni per la compliance a fronte delle quali più di 156.000 cittadini hanno

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca 86 La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 semplificato utilizzato

Dettagli

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenzario fiscale Aprile 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa:

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa: Prot. 82/2013 Milano, 03-05-2013 Circolare n. 46/2013 AREA: Circolari, Fiscale Irap - Deducibilità dalle Imposte sui Redditi dell Irap Relativa alle Spese per il Personale Dipendente Circolare dell'agenzia

Dettagli

Il delitto di Indebita compensazione

Il delitto di Indebita compensazione Il delitto di Indebita compensazione Articolo 10 quater del D.Lgs. 74/2000 Enrico Mastrogiacomo 1 Articolo 10 quater La disposizione di cui all articolo 10-bis si applica, nei limiti ivi previsti, anche

Dettagli

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Roma, 09/01/2017 Spett.le Cliente Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009 Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 10 DEL

COMUNICAZIONE N. 10 DEL ASSOCIAZIONE IMPEGNO E PASSIONE ASSOCIAZIONE SINDACALE DI COMMERCIALISTI - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 10 DEL 03.08.15 Cari Colleghi, in merito alla problematica relativa

Dettagli

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Roma, 03/09/2015 Spett.le Cliente Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

«Ravvedimento operoso e dichiarazione integrativa

«Ravvedimento operoso e dichiarazione integrativa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO «Ravvedimento operoso e dichiarazione integrativa Dott. Alfredo Imparato Milano, Corso Europa, 11 luglio 2016 Agenda Il nuovo ravvedimento, la ratio, il funzionamento,

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2017

Circolare di studio n. 1/2017 Circolare di studio n. 1/ Periodo 16 31 Gennaio STUDIO GAETANI Circ. n. 1/ Sommario Sommario... 2 Bene a sapersi... 3 Nuove comunicazioni trimestrali Iva... 3 Rimborso Iva con visto di conformità... 5

Dettagli

CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013

CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013 CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013 SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI (Settembre 2013) Scadenza del 17.9.2013 Imposta municipale propria IMU versamento L articolo 13 del Decreto Legge

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 La Legge 190/2014, (Stabilità 2015) pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014,

Dettagli