CATALOGO CORSI ECM. Edizione 2015 CESVIP LOMBARDIA. Provider accreditato ECM CPD - Regione Lombardia. A cura di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO CORSI ECM. Edizione 2015 CESVIP LOMBARDIA. Provider accreditato ECM CPD - Regione Lombardia. A cura di:"

Transcript

1 CATALOGO CORSI ECM Edizione 2015 A cura di: CESVIP LOMBARDIA Provider accreditato ECM CPD - Regione Lombardia

2 Premessa CESVIP Lombardia - società di formazione operante a partire dal 1996 sul territorio lombardo attraverso le sue sette sedi è organismo accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in qualità di Provider per l erogazione e gestione di attività didattiche finalizzate al rilascio di crediti E.C.M. Il sistema di Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) nasce con lo scopo di mantenere elevate le competenze dei professionisti di ambito sanitario nonché di garantire un diritto dei cittadini che richiedono operatori attenti, aggiornati, sensibili capaci di risposte che risolvano la domanda di cura ed al tempo stesso quelle più complessive di salute. degli eventi E.C.M. e quindi dei corsi inseriti nel presente Catalogo sono da una parte il personale sanitario, medico e non medico, che opera all interno di aziende di ambito sanitario sia private che pubbliche; dall altra i liberi professionisti del medesimo settore, che possono trovare nei corsi proposti uno strumento di attestazione del loro necessario aggiornamento professionale. Grazie all impegno di personale altamente qualificato - tra cui progettisti, docenti, coordinatori e tutor - CESVIP Lombardia è in grado di offrire programmi formativi efficaci ed aggiornati, erogati da docenti dalla conclamata esperienza didattica e in possesso di know how di alto livello. Con l obiettivo di contribuire in maniera determinante a mantenere elevata la professionalità degli operatori sanitari, il nostro ente è da sempre attento a formulare interventi che risultino perfettamente in linea con le esigenze espresse dal settore sanitario lombardo e con le linee guida fornite dal Ministero della Salute e dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua.

3 Elenco corsi AREA COMPETENZE TECNICHE - ambito SANITARIO Titolo evento/corso Ore corso Crediti ECM Pagina La gestione di pazienti affetti da malattia di Alzheimer e altre demenze senili L'assistenza al paziente portatore di piaghe da decubito Alimentazione e idratazione del paziente disfagico L importanza dell alimentazione nelle patologie degenerative autoimmuni AREA COMUNICAZIONE Titolo evento/corso Ore corso Crediti ECM Pagina Teamworking e dinamiche di gruppo Strumenti e tecniche per la gestione dei conflitti Modalità comunicative e gestione della relazione con i familiari delle persone assistite Modalità di comunicazione efficace con la persona assistita e gestione della relazione d'aiuto Accompagnamento al decesso del malato terminale e tecniche per l elaborazione del lutto Aggiornamenti professionali: accompagnamento al decesso del malato terminale e tecniche di animazione Tecniche di ascolto e di costruzione della relazione e comunicazione con la famiglia

4 AREA GIURIDICO-AMMINISTRATIVA Titolo evento/corso Ore corso Crediti ECM Pagina Formazione sul modello D.Lgs 231/ La gestione informatizzata della cartella clinica della persona assistita nelle strutture sanitarie AREA SICUREZZA SUL LAVORO Titolo evento/corso Ore corso Crediti ECM Pagina Il Burn Out e la gestione dello stress Tecniche per la movimentazione manuale di carichi e pazienti BLSD - Rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione precoce Formazione iniziale per addetti al primo soccorso Formazione iniziale per addetti antincendio in strutture a rischio incendio elevato Formazione di base in materia di sicurezza, igiene e salute per lavoratori del settore sanitario (art. 87 D.Lgs. 81/08)

5 Corsi per il rilascio di crediti ECM Area COMPETENZE TECNICHE ambito SANITARIO LA GESTIONE DI PA ZIENTI AFFETTI DA MALATTIA DI ALZHEIMER E ALTRE DEMENZE SENILI Infermieri e più genericamente tutto il personale con funzioni assistenziali-sanitarie che opera con soggetti affetti da Alzheimer o altre demenze senili. Il numero di pazienti affetti da malattia di Alzheimer è in crescita esponenziale all interno delle società ad economia più avanzata. La gestione di questa tipologia di pazienti pone problematiche complesse di diversa natura, medica ma anche relazionale ed etica. La formazione e la qualificazione del personale addetto all assistenza quotidiana del malato diventa pertanto un fattore fondamentale per consentire di gestire in modo efficace la relazione con il paziente e la famiglia e contenere i fattori di stress degli operatori. In considerazione del contesto appena descritto, l obiettivo del corso è quello di favorire l'acquisizione degli elementi teorici e degli strumenti pratici per poter effettuare una corretta diagnosi e per eseguire un adeguato trattamento del paziente affetto da Malattia di Alzheimer o altre demenze. Avranno particolare rilevanza le metodiche di prevenzione e diagnosi precoce. Saranno inoltre presentati software a somministrazioni illimitate, realizzati per monitorare il decorso ed il trend di questi disturbi. Contenuti Il cervello: Neurofisiologia, neuropsicologia, e neuroanatomia La psicologia della III età Introduzione alla tematica Alzheimer e altre demenze Morbo di Parkinson La malattia di Creutzfeldt-Jacob e la Sindrome di Wernicke-Korsakoff Medicina preventiva e Genetica predittiva La genetica dell'alzheimer Diagnosi precoce Le capacità operative necessarie per la gestione del paziente L utilizzo delle tecniche di stimolazione/riabilitazione cognitiva 12 ore 5

6 L ASSISTENZA AL PAZIENTE PORTATORE DI PIAGHE DA DECUBITO Medici, Infermieri, Operatori Socio Sanitari e più genericamente tutto il personale sanitario con funzioni assistenziali-sanitarie che opera con persone portatrici di lesioni da decubito. Favorire lo sviluppo di competenze per essere in grado di: riconoscere i diversi gradi e fasi dell ulcera, i segni clinici di infezione locale per poter scegliere il presidio antidecubito più idoneo e pianificare interventi di prevenzione trattamento della LDD; applicare correttamente i prodotti per la medicazione in base ai nuovi standard previsti dalle linee guida e alla tipologia di medicazione che in questi ultimi anni ha permesso un nuovo approccio di cura al paziente portatore di LDD. Contenuti I gradi e le fasi di classificazione delle ulcere da pressione (LDD) Le linee guida dell AHRQ sulla cura e sui principi assistenziali dei pazienti con ulcere La guarigione tessutale in ambiente umido I presidi di medicazione in relazione alle fasi ed ai gradi di sviluppo dell ulcera Prevenzione delle LDD con l utilizzo delle scale di valutazione/monitoraggio dello stato nutrizionale Utilizzo dei materassi antidecubito di terza generazione come prevenzione e trattamento delle LdD Riparazione tessutale in ambiente umido Preparazione del letto della ferita Il dolore: prevenzione del dolore al dressing change Lettura fotografica delle lesioni e rispettive fasi Tecniche per l individuazione dello stato fisiologico e/o di alterazione della cute perilesionale 12 ore ALIMENTAZIONE E IDRATAZIONE DEL PAZIENTE DISFAGICO Medici, infermieri professionali e generici, operatori socio sanitari, fisioterapisti e tutte le professioni di ambito sanitario interessate ad acquisire competenze strutturate e aggiornate sul tema della disfagia. Le strutture socio sanitarie e assistenziali registrano un crescente incremento nel numero dei pazienti disfagici. La gestione di questa tipologia di pazienti pone problematiche complesse di diversa natura, medica ma anche relazionale ed etica. La formazione e la qualificazione del personale addetto all assistenza quotidiana del malato diventa pertanto un fattore fondamentale per consentire di gestire in modo efficace la relazione con il paziente e la famiglia e contenere i fattori di stress degli operatori. In considerazione del contesto appena descritto, l obiettivo del corso è quello di fornire un approfondimento sul tema della disfagia, con particolare riferimento alle tecniche e alle metodologie per favorire l alimentazione e l idratazione dell ospite disfagico. Contenuti Come cambia il corpo e la funzione alimentare nell anziano Fattori di rischio di malnutrizione nella popolazione anziana Le tre fasi della deglutizione: orale, faringea, esofagea I disturbi della deglutizione Sintomi della disfagia: perdita di liquidi/cibi semisolidi/solidi ai lati della bocca durante il pasto; presenza di scialorrea; lungo tempo di permanenza del boccone in bocca con solidi/semisolidi/liquidi Cause di disfagia nell anziano Identificazione degli anziani a rischio di disidratazione Modificazioni da invecchiamento primario e fattori estrinseci che interferiscono con l atto deglutitorio Disfagia e Aspirazione: indicazioni e complicanze della Nutrizione Enterale Norme di gestione della sonda per la Nutrizione Enterale (P.E.G./S.N.G.) Quando sospendere o evitare la Nutrizione e Idratazione Enterale Tipi di dieta enterale: diete elementari o monometriche; diete semi-elementari o polimeriche 12 ore 6

7 L IMPORTANZA DELL ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOG IE DEGENER ATIVE AUTOIMMUNI Medici, Infermieri, Operatori Socio Sanitari e più genericamente tutte le professioni di ambito sanitario interessate ad acquisire competenze sul tema delle patologie autoimmuni e relativa alimentazione. Si definisce malattia autoimmune una condizione patologica provocata da una reazione immunitaria contro costituenti propri dell'organismo (cellule, proteine, frammenti peptidici) che vengono "scambiati" per agenti estranei pericolosi ed attaccati per essere distrutti. Le malattie autoimmuni di più frequente riscontro sono: l'artrite reumatoide, il diabete mellito di tipo I, il Morbo di Chron, la colite ulcerosa, la sclerosi multipla, il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjogren, la psoriasi, la sclerodermia, la polimiosite, le connettiviti autoimmuni e la tiroidite di Hashimoto. Attraverso un'alimentazione corretta è possibile modificare il decorso della malattia, ridurre l'intensità ed il numero dei disturbi fisici ad essa correlati, allungare i periodi di benessere, diminuire le fasi di riacutizzazione e migliorare la prognosi. In considerazione del contesto appena descritto, l obiettivo del corso è quello di fornire conoscenze aggiornate in materia di malattie degenerative autoimmuni e relative alla alimentazione più adeguata per le persone affette da tali patologie. Contenuti Alimentazioni a base di alimenti ad alto contenuto di vitamine antiossidanti A, C, E Alimentazione senza alimenti ricchi di glutine (grano, farro, kamut, seitan) Alimentazione alternativa ai dolci tradizionali sostituendo latte, uova, burro e zucchero con latti vegetali (di riso, soia, avena, mandorla), creme di nocciola, uva passa e succo di mela Tecniche di mantenimento di un peso corretto (BMI compreso fra 18.5 e 24.9) La prevenzione dell insorgere di radicali liberi e infiammazione dei tessuti Cenni su molecole dotate di attività antinfiammatoria: polifenoli, capsaicina, reveratrolo, etc. Modalità per posizionare, gestire e monitorare le vie di accesso e del paziente in NP 8 ore 7

8 Corsi per il rilascio di crediti ECM Area COMUNICAZIONE TEAMWORKING E DINAMICHE DI GRUPPO Medici, infermieri, operatori sanitari, fisioterapisti e più genericamente tutto il personale di strutture sanitarie che si operano in équipe con la finalità comune di assistere le persone ospiti della struttura. Il corso si focalizzerà sulle tematiche legate alla costruzione di un team di lavoro e alla gestione delle sue dinamiche interne. Il buon funzionamento delle diverse équipe che operano nelle strutture sociosanitarie è infatti un fattore centrale per la riuscita dell intervento terapeutico e per contenere i fattori di stress e di burn out. Questi dunque gli obiettivi che si intende perseguire: - incrementare le competenze comunicative relazionali ed organizzative dei partecipanti - accrescere la capacità degli operatori di interagire con i colleghi - incrementare lo spirito di collaborazione interdisciplinare - accrescere la capacità di condurre con efficacia le riunioni di equipe Contenuti Dinamiche di gruppo: da gruppo a gruppo di lavoro La collaborazione e la comprensione, la capacità di integrazione delle diversità Comunicare efficacemente all'interno del proprio gruppo di lavoro, le difficoltà comunicative Riconoscere e risolvere problemi in gruppo, definire e valutare programmi di gruppo Adottare modalità cooperative per produrre un risultato collettivo Metodi e strumenti per il lavoro di gruppo efficace: metodologie del lavoro di gruppo e la partecipazione nei diversi ruoli; la partecipazione attiva Il lavoro all interno di un equipe: metodi e tecniche di problem setting e solving Tecniche e strumenti per la gestione dei conflitti all interno del gruppo di lavoro Processi di decisione di gruppo: riconoscere e risolvere problemi in gruppo, produrre soluzioni e risultati collettivi 12 ore 8

9 STR UMENTI E TECNICHE PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI Medici, infermieri, operatori sanitari, fisioterapisti, psicologi, educatori professionali e più genericamente tutto il personale di strutture sanitarie che operano in équipe e si relazionano quotidianamente con le persone assistite. I cambiamenti sempre più veloci aumentano il numero di conflitti che si creano all interno delle aziende, in particolar modo all interno di strutture che erogano servizi alla persona quali la RSA vista la delicata utenza di riferimento che molto spesso ingenera nell operatore processi di stress, tensioni legate al coinvolgimento emotivo, non ultimo fenomeni di burn out. Il conflitto è un'esperienza emotivamente impegnativa ma di per sé non è positivo né negativo. La connotazione che avrà dipende da come sarà affrontato. Affrontare e risolvere positivamente un conflitto consente una crescita importante delle persone coinvolte. Se un conflitto si spegne senza che venga gestito niente può garantirci che non ne possa nascere un altro ancora più pericoloso. Contenuti Individuazione ed analisi delle diverse tipologie di conflitti L'incidenza dei conflitti sul clima interno alla struttura sanitaria Minimizzare il danno economico per l'ente derivante dai conflitti interni Trasformare l'energia negativa dei conflitti in fattori motivanti Conflitti distruttivi e conflitti costruttivi: riuscire ad individuarli per scegliere la soluzione più adatta Strumenti e tecniche per risolvere i conflitti La negoziazione degli interessi contrapposti Il rispetto delle regole interne Il Piano Personale di Miglioramento: costruire un piano d azione concreto per lavorare sulle proprie aree di miglioramento individuate durante il corso di formazione. 12 ore MODALITÀ COMUNICATIVE E GESTIONE DELLA RELAZIONE CON I FAMILIARI DELLE PERSONE ASSISTITE Infermieri, operatori sanitari, educatori professionali, psicologi e più genericamente tutto il personale sanitario che si relaziona con i familiari delle persone assistite. Il corso si focalizzerà su una tematica centrale per gli operatori sanitari in particolare per quelli che lavorano con minori o persone comunque non autosufficienti e che quindi devono necessariamente instaurare relazioni positive ed efficace con la famiglia in modo da farne un valido alleato nel processo terapeutico/riabilitativo del soggetto. L obiettivo è quello di fornire conoscenze strumenti e tecniche per comunicare efficacemente con le famiglie al fine di costruire una opportuna e positiva relazione. Contenuti Elementi e caratteristiche della relazione con la famiglia nel contesto educativo Le varie fasi della relazione, modalità e strumenti per osservare, interpretare, calibrare, guidare Elementi della comunicazione: verbale, non verbale, paraverbale Modalità di organizzazione di una comunicazione in rapporto al contesto di riferimento, agli obiettivi, alle caratteristiche degli interlocutori/destinatari La comunicazione empatica e la capacità di ascolto attivo Distorsioni ed errori nel processo di comunicazione e la gestione efficace delle obiezioni La gestione della comunicazione nei contesti di gruppo (riunioni, incontri, ecc.) 8 ore 9

10 MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE CON LA PERSONA ASSISTITA E GESTIONE DELLA RELAZIONE D AIUTO Infermieri, operatori sanitari, educatori professionali, psicologi e più genericamente tutto il personale sanitario che si relaziona con le persone assistite e con i loro familiari. Il corso si focalizza sulle problematiche legate alla gestione della relazione di aiuto in situazioni di multi problematicità e conflittualità latente o palese tra di diversi soggetti coinvolti nella relazione: utente, operatore, famiglia e intende fornire le competenze necessarie a gestire in modo efficace la relazione d aiuto con l utente e la famiglia, soprattutto in situazioni di conflitto intra-familiare o tra utente e struttura. Contenuti Il concetto di relazione d aiuto L intelligenza emotiva: la condivisione sociale delle emozioni L ascolto empatico La comunicazione verbale e non verbale L osservazione del contesto La risposta al bisogno di aiuto: la condivisione La relazione d aiuto in ambito assistenziale, sanitario ed educativo Gestione delle relazioni e dei conflitti con le famiglie degli utenti 8 ore ACCOMPAGNAMENTO AL DECESSO DEL MALATO TERMINALE E TECNICHE PER L ELABOR AZIONE DEL LUTTO Infermieri, operatori socio sanitari e più genericamente tutto il personale di strutture sanitarie che si relaziona con malati terminali e con i relativi familiari. La morte all interno di una struttura sanitaria è un evento quasi quotidiano a cui però l operatore non riesce mai ad abituarsi in quanto ogni esperienza di accompagnamento del paziente alla morte fa vibrare corde personali particolari legate anche al momento e alle esperienze personali che l operatore sta vivendo. Per questo diventa sempre più necessario fornire al personale sanitario gli strumenti per gestire il dolore accompagnamento alla morte. La gestione di questa tipologia di pazienti pone problematiche complesse di diversa natura, medica ma anche relazionale ed etica. La formazione e la qualificazione del personale addetto all assistenza quotidiana del malato diventa pertanto un fattore fondamentale per consentire di gestire in modo efficace la relazione con il paziente e la famiglia e contenere i fattori di stress degli operatori. Contenuti Situazioni traumatiche e psicologiche delle situazioni di crisi L elaborazione individuale e collettiva della crisi L accompagnamento al decesso da parte dell operatore nei confronti della persona morente La normalizzazione della situazione di crisi Fattori e strumenti della normalizzazione: dall empatia alla ricostruzione dei significati La relazione d aiuto nelle situazioni critiche tra psicologia ed etica La gestione del coinvolgimento emotivo nelle situazioni di decesso della persona assistita Psicologia, psicofisiologia e psicopatologia del lutto Psicodiagnostica del lutto e delle situazioni traumatiche tra metodo scientifico ed empatia L assistenza psico-sociale delle famiglie in lutto per morte naturale (malattia e vecchiaia) o traumatica (morte di un bambino, suicidio, etc.) nelle strutture sanitarie Strumento e tecniche volte a favorire l elaborazione del lutto 12 ore 10

11 AGGIORNAMENTI PROFESSIONALI: ACCOMPAGNAMENTO AL DECESSO DEL MALATO TERMINALE E TECNICHE DI ANIMAZIONE Infermieri, operatori socio sanitario e animativo, più genericamente tutto il personale di strutture sanitarie che si relaziona con malati terminali e con i relativi familiari. Fornire al personale sanitario gli strumenti sia per gestire le attività animative all interno della struttura, sia per gestire il processo di accompagnamento alla morte. Contenuti Situazioni traumatiche e psicologiche delle situazioni di crisi L elaborazione individuale e collettiva della crisi Il coinvolgimento emotivo L accompagnamento al decesso da parte dell operatore nei confronti della persona morente La normalizzazione della situazione di crisi Fattori e strumenti della normalizzazione: dall empatia alla ricostruzione dei significati La relazione d aiuto nelle situazioni critiche tra psicologia ed etica La gestione del coinvolgimento emotivo nelle situazioni critiche e la prevenzione del burn out e delle crisi dei caregivers Psicologia, psicofisiologia e psicopatologia del lutto Psicodiagnostica del lutto e delle situazioni traumatiche tra metodo scientifico ed empatia L assistenza psico-sociale delle famiglie in lutto per morte naturale (malattia e vecchiaia) o traumatica (morte di un bambino, suicidio, etc.) nelle strutture sanitarie Strumento e tecniche volte a favorire l elaborazione del lutto Il gruppo nell RSA Coinvolgere l anziano Le attività educative Le attività ricreative, culturali e artistiche Le attività motorie 16 ore TECNICHE DI ASCOLTO E DI COSTR UZIONE DELLA RELAZIONE E COMUNICAZIONE CON LA FAMIGLI A Infermieri, operatori socio sanitari e più genericamente tutto il personale di strutture sanitarie che si relaziona con malati terminali e con i relativi familiari. Favorire l acquisizione di modalità e strumenti per una corretta e proficua relazione con i familiari delle persone assistite nei vari servizi socio-assistenziali e sanitari (in particolare ADI e SAD). Contenuti Comunicazione come processo sociale Elementi della comunicazione: i livelli verbale, non verbale e paraverbale Modalità di organizzazione di una comunicazione in rapporto al contesto di riferimento, agli obiettivi, alle caratteristiche degli interlocutori/destinatari Modalità e strumenti per osservare, interpretare, calibrare, guidare La comunicazione empatica e la capacità di ascolto La gestione delle emozioni Comunicazione come processo sociale Elementi della comunicazione: i livelli verbale, non verbale e paraverbale Modalità di organizzazione di una comunicazione in rapporto al contesto di riferimento, agli obiettivi, alle caratteristiche degli interlocutori/destinatari Modalità e strumenti per osservare, interpretare, calibrare, guidare La comunicazione empatica e la capacità di ascolto La gestione delle emozioni 16 ore 11

12 Corsi per il rilascio di crediti ECM Area GIURIDICO-AMMINISTRATIVA FORMAZIONE SUL MODELLO D.LGS 231/01 Tutto il personale sanitario incaricato alla predisposizione di modelli organizzativi coerenti con quanto previsto dal D.Lgs. 231/01. Il Decreto n.231 dell 8 giugno 2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, prevedendo la possibilità, o meglio il rischio, che società ed enti possano essere direttamente chiamati a rispondere dei reati commessi nel loro interesse da dirigenti, dipendenti, partner o collaboratori, e da tutti coloro che operano in nome e per conto della società, dai quali quest ultima tragga un interesse o un vantaggio. Si tratta di una responsabilità che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto. In considerazione del contesto appena descritto, l obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti nozioni necessarie alla realizzazione, all'interno dell azienda di appartenenza, di progetti di adeguamento alle regole disciplinate dal D.Lgs. 231/01 sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche. Contenuti Inquadramento generale della normativa di riferimento e principali novità apportate dal D.Lgs 231 Disciplina del D.Lgs. 231/01: soggetti interessati, responsabilità dell Ente Individuazione delle aree e dei processi a rischio Tipologie di reati previsti dal D.Lgs. 231/01 Predisposizione di organigrammi e mansionari dettagliati e aggiornati Mappatura normativa e protocolli Composizione del modello: parte generale, codice etico, sistema sanzionatorio, capitolo sulla governante, parti speciali per ciascuna tipologia di reato Esame del modello base Estensione del modello nei gruppi di imprese 8 ore 12

13 LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLA CARTELLA CLINICA DELLA PERSONA ASSISTITA NELLE STR UTTURE SANITARIE Tutte le professioni sanitarie interessate ad approfondire legate alla gestione cartacea e/o informatizzata della cartella clinica all interno delle strutture sanitarie. In questi ultimi decenni, la cartella clinica è diventata sempre di più uno strumento essenziale e, al tempo stesso, un problema complesso. Infatti, da semplice registrazione di dati essenziali del paziente e della sua malattia, si è passati ad una raccolta di sempre più numerosi documenti sanitari ed informazioni che, nella loro articolazione organica e logica, devono soddisfare numerose necessità, e non solo quelle strettamente clinico-diagnostico-terapeutiche del paziente. Pertanto, alle strutture sanitarie è imposta la necessità di gestire la documentazione clinica secondo regole codificate o, per meglio dire, basate su criteri di rintracciabilità, chiarezza, accuratezza, veridicità, pertinenza e completezza. In considerazione del contesto appena descritto, l obiettivo del corso è quello di fornire competenze in materia di gestione della cartella clinica come strumento di lavoro e documento medico-legale. Contenuti Introduzione alla Cartella Clinica e cenni storici Struttura e gestione della Cartella Clinica Considerazioni Medico Legali - Responsabilità - Diritto all anonimato e Privacy Custodia (Conservazione - Archiviazione - Alienazione) Cartella clinica informatica Evoluzione della cartella clinica: da time-oriented a problem oriented Dalla gestione dei dati anagrafici al completamento della scheda anamnestica. La registrazione del consenso informatico Le modalità di organizzazione dei dati clinici nella cartella clinica informatizzata 8 ore 13

14 Corsi per il rilascio di crediti ECM Area SICUREZZA SUL LAVORO IL BUR N OUT E LA GESTIONE DELLO STRESS Contenuti Lavoratori impiegati in strutture sanitarie soggetti a rischio stress che necessitano della relativa formazione ai sensi del D.Lgs. 81/08 che ha introdotto l'obbligo per il datore di lavoro di valutare il rischio stress lavoro-correlato nonché formare ed informare i lavoratori su questo fattore di rischio. Il D.Lgs.81/08 ha introdotto l'obbligo per il datore di lavoro di valutare il rischio stress lavoro correlato, nell'ambito della propria azienda, e formare ed informare i lavoratori su questo fattore di rischio. Ciò vale dunque anche per il settore sanitario, laddove questi sarà tenuto a verificare se sussista o meno la possibilità che le condizioni lavorative possano indurre nei lavoratori una condizione di stress e formare/informare i lavoratori su questo argomento con un apposito momento formativo. Il corso che stiamo proponendo intende fornire una panoramica sul tema dello stress lavoro correlato presente in tutte le strutture sanitarie che erogano servizi di cura alla persona nonché un approfondimento sui rischi psicosociali e in particolare sul rischio stress - burn out. Modulo 1: Stress lavoro correlato e rischi psico-sociali I fattori di rischio psico-sociali nell'ottica del nuovo D. Lgs. 81/08 Patologie e disturbi derivanti dal rischio da stress lavoro-correlato La gestione dei rapporti interpersonali nello staff aziendale Il sistema di gestione aziendale per la prevenzione dal rischio stress lavoro-correlato Le misure di prevenzione e i comportamenti da assumere Modulo 2: Strumenti e tecniche per la prevenzione e gestione dello stress Inquadramento concettuale: cosa si intende per stress, burn out e coping I sintomi del burn out e le sue fasi La sindrome di burn out come malattia professionale nel lavoro assistenziale Modalità di prevenzione del rischio stress Modalità di intervento quando lo stress arriva al burn out Motivazione interiore e strategie di adattamento: la resilienza Il fitness cognitivo-emotivo 8 ore 14

15 TECNICHE PER LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI E PAZIENTI Medici, psicologi, infermieri, operatori e assistenti sanitari, educatori professionali e più genericamente tutto il personale sanitario soggetto ai rischi tipici della movimentazione delle persone. Il lavoro degli operatori sanitari richiede un impegno fisico non indifferente legato soprattutto alle attività di movimentazione delle persone assistite. Varie statistiche collocano le professioni sanitarie ed il personale ausiliario tra coloro che sono a più alto rischio di incorrere in danni muscolo-scheletrici in particolare per ciò che concerne la colonna vertebrale. Degli studi hanno dimostrato che la maggior parte delle giornate lavorative perse per malattie è imputabile alle lombalgie. Il lavoro manuale nell assistenza ospedaliera non può certamente essere sradicato anche perché esso rappresenta un aspetto essenziale nella cura stessa dei pazienti. Nelle movimentazioni il personale addetto espone pericolosamente il suo rachide a sforzi eccessivi affaticandosi inutilmente e facilitando così l insorgenza di dolori sia per sovraccarico articolare che muscolare. Contenuti Definizione del rischio MMC e inquadramento normativo Elementi di anatomia dell apparato muscolo-scheletrico I rischi connessi all attività di movimentazione manuale dei carichi e delle persone Le principali patologie dorso-lombari Valutazione del rischio per la movimentazione dei carichi e delle persone (Modello NIOSH) Tecniche e procedure da adottare per evitare di assumere posizioni pericolose I massimali di peso secondo la normativa Protocolli di sorveglianza sanitaria 8 ore BLSD RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE E DEFIBRILLAZIONE Personale medico-infermieristico-sanitario che necessita di essere abilitato ad effettuare manovre rianimatorie e all'impiego del DAE (Defibrillatore semi-automatico Esterno). Il Decreto 18 marzo 2011 ha determinato i criteri e le modalità di diffusione dei defibrillatori automatici esterni di cui all'art. 2 della L. 191/09 e ha previsto la necessità di effettuare una formazione adeguata all uso dei defibrillatori sia dei cittadini che del personale sanitario al fine di assicurare la presenza capillare sul territorio, a fianco dei defibrillatori, di personale in grado di utilizzare questa manovra in condizioni di sicurezza per il paziente lo stesso e per tutte le persone presenti intorno al paziente. La formazione del personale sanitario diventa quindi fondamentale per creare un nucleo di operatori qualificati in grado di svolgere a loro volta il compito di formatori dei colleghi e dei cittadini. Contenuti Riconoscimento dei segni di allarme dell attacco cardiaco Valutazione dello stato di coscienza, del respiro spontaneo, dell attività cardiaca Attivazione del sistema sanitario di emergenza Ventilazione artificiale con sistema pallone autoespansibile-maschera Uso della cannula di Guedel Valutazione del polso carotideo Massaggio cardiaco esterno Sequenza di rianimazione cardiorespiratoria a 2 soccorritori Posizione laterale di sicurezza Manovra di Heimlich (disostruzione delle vie aeree) Conoscenza dei meccanismi di base della terapia elettrica Conoscenza dei principi di funzionamento del defibrillatore semiautomatico Uso del defibrillatore semiautomatico 8 ore 15

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli