Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico"

Transcript

1

2 Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri Tutti i metodi convenzionali di composizione corporea delegano il compito della predizione di masse e volumi corporei ad equazioni predittive associate a parametri antropometrici. Nel caso della BIA, le equazioni predittive elaborano stime di composizione corporea ipotizzando una idratazione costante dei tessuti molli del 73%. In assenza di alterazioni idro-elettrolitiche le correlazioni tra i vari compartimenti corporei sono costanti ed interdipendenti, tanto da permettere al clinico la valutazione quantitativa dei vari compartimenti corporei (esempio: TBW, ICW, ECW, FFM, FM, BCM..). Alcune equazioni predittive sono supportate da centinaia di eccellenti studi di validazione, tuttavia, in presenza di soggetti con alterazioni idroelettrolitiche, l errore standard di stima della migliore equazione sviluppata ad oggi è sempre troppo alto per permettere l utilizzo in ogni campo clinico. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico L analisi vettoriale d impedenza tramite nomogramma Biavector (BIVA=bioelectrical impedance vector analysis, in italiano analisi vettoriale di impedenza bioelettrica o BIA vettoriale) offre al clinico uno schema interpretativo immediato circa lo stato d idratazione del soggetto. I valori bioelettrici di Resistenza (RZ) e Reattanza (Xc) misurati dallo strumento sono divisi per l altezza del soggetto (conducibilità/metro) e plottati sullo schema (un nomogramma è la rappresentazione grafica di una funzione di due o più variabili) La figura riporta la distribuzione statistica delle misure di Resistenza e Reattanza divise per l altezza in metri, della popolazione italiana da 16 ad 85 anni con ellissi di tolleranza al 50%, 75%, 95%. Le tre ellissi di tolleranza sono la proiezione di tre sezioni della distribuzione a campana di Gauss. (Piccoli et al., Am J Clin Nutr 1995; - 2 -

3 61: , elenco completo degli studi di validazione disponibile nelle pagine seguenti) Per l utilizzo di Biavector occorrono i valori bioelettrici di Resistenza e Reattanza misurati dal sensore e l altezza del soggetto, per ricavare la c.d. resistività specifica (Resistenza/metro Reattanza/metro). Non occorre sapere il peso corporeo del soggetto Occorrono però i seguenti dati: 1- il sesso del soggetto, poiché la distribuzione della popolazione maschile e femminile adulta è statisticamente diversa; 2- l età: la distribuzione varia secondo l età nei soggetti pediatrici (2-15 anni, ma senza distinzione per sesso) e risulta omogenea nei soggetti adulti (da 16 ad 85 anni solo distinzione per sesso). Il software Bodygram plotta automaticamente vettore del soggetto sul Biavector corrispondente. In questa accezione viene definito vettore il punto di incontro sul piano cartesiano delle coordinate relative alla Resistenza/m ed alla Reattanza/m. Migrazioni del vettore lungo l asse maggiore del nomogramma indicano variazioni a carico del comparto idrico extracellulare VARIAZIONE DI FLUIDI PRE/POST DIALISI POST DIALISI PRE DIALISI Variazioni combinate d idratazione e struttura dei tessuti sono associate a migrazioni del vettore lungo la combinazione delle due direzioni principali SHIFT VARIAZIONE TESSUTI MOLLI Aumento Diminuzione - 3 -

4 Biavector di sinistra Il vettore del soggetto cade in alto a sinistra dell asse mediano, identificato come il settore caratteristico di soggetti con una buona forma fisica (elevata massa e struttura) Soggetto di questo esame è un soggetto adulto, alto 1,76 m, che lavora come bagnino) Biavector di destra: Il vettore cade al di fuori delle ellissi del 95% nel quadrante in alto a destra indice di disidratazione e malnutrizione. Questo tipo di posizionamento del vettore in alto all estrema destra del Grafo è tipico dei soggetti molto magri, emaciati o affetti da anoressia nervosa e disidratati. Trattasi di una giovane anoressica del peso di 29 Kg. il vettore di questo soggetto si posiziona a sinistra dell asse maggiore in basso nella zona definita di sovraccarico di massa e struttura. Angolo di Fase = 5,6 Rz/H = 248,86 Ohm Xc/H = 24,43 Ohm htm 1,85 Peso kg 73 Paziente tedesca 59 enne, (peso 124 kg, htm 1,76) BMI 40, con buona struttura cellulare (BCMI=9) - 4 -

5 A seguito di quanto sovra esposto, possono essere identificate zone dove i vettori di determinate popolazioni cadono statisticamente più frequentemente: L analisi Vettoriale Biavector ha pertanto una triplice funzione 1. Una concreta funzione diagnostica, tramite il confronto dello stato bioelettrico del soggetto rispetto alla distribuzione della popolazione sana; 2. Una valutazione semiquantitativa dell idratazione tissutale: Ipo-, Normo-, Iperidratazione e dei tessuti molli: minore massa e struttura / maggiore massa e struttura rispetto alla distribuzione statistica della popolazione- 3. Una funzione di auto-controllo per la corretta applicazione delle formule per la stima quantitativa della composizione corporea: è noto quanto un buon risultato di analisi dei compartimenti corporei (in termini di kg e litri) dipenda dalla normo idratazione del soggetto esaminato. Tanto più il soggetto rientra nel range di eu-idratazione quanto più le stime di composizione corporea saranno attendibili. Il vettore di un soggetto che si posiziona nell ellisse centrale del 50% avrà pertanto risultati di composizione corporea affidabili. Quanto più il soggetto si avvicina a zone di ipo/iperidratazione, quanto meno i risultati saranno precisi. Senza Biavector il clinico corre il rischio di non avere il controllo sulla validità dell analisi

6 Clinical Problem Populations Article, reference Reference ellipses, adults Healthy, 726 (354 M, 372 F) whites, Italy, yr, BMI 17-31, Piccoli, Am J Clin Nutr 61: , Reference ellipses, adults, RXc graph and Z-score graph Ten ethnicities, RXc mean graph Reference ellipses, children Healthy, 8,022 (4226 M, 3796 F) by sex and race (whites, blacks, mexican-americans), USA/NHANES III, yr, BMI 19-30, Valhalla Healthy, 5040 (2418 M, 2666 F), 10 races, worldwide, yr, many analyzers Healthy, 2,044 (1014 M, 1030 F), white children, by sex and age classes, Italy, 2-15 yr, within 95% normal weight and height, 1995 Piccoli, Nutrition 18: , 2002 Ward, Ann N Y Acad Sci 904: , 2000 De Palo, Nutrition 16: , 2000 Reference ellipses, neonates Healthy, 163 (87 M, 76 F), whites, term, 2,500-3,00 g, Italy, 1 Piccoli, Nutrition 18: , 2000 to 7 days, Girls, menarch, BIVA pattern Healthy 143 girls, pre- and post-meanrch, whites, Italy, Buffa, Nutrition 18: , 2002 Whole body vs segmental BIA Renal patients, 47 (28 M, 19 F), whites, Italy, Piccoli, Am J Clin Nutr 59: , 1994 Critically ill patients, in ICU, BIVA pattern vs Central Venous Pressure Hemodialysis (HD), optimal hydration, stable vs unstable hemodynamics, BIVA pattern Hemodialysis (HD), dry weight, BIVA vs BIA Hemodialysis (HD), BIVA vs survival Peritoneal dialysis (CAPD), nonedema vs edema, latent fluid overload, BIVA pattern ICU, 121 (70 M, 51 F), whites, Italy, yr, BMI 25.5, Piccoli, Crit Care Med 28: , Steingrub JS, Crit Care Med 28: ,2000 Uremic, 1,116 (680 M, 436 F) stable vs 251 (118 M, 133 F) unstable HD, whites, Italy, yr, BMI 17-31, (pre-hd and post-hd, S-L period, 5,468 measures) Uremic, 39 (23 M, 16 F) asymptomatic vs symptomatic HD session, whites, Italy, 55 yr, BMI 27, (post-hd measures) Uremic, 3,009 (1,411 M, 1,597 F) HD 18-mo followp, whites, blacks, mexican-americans, MA (USA), 60 yr, BMI 27, (pre-hd measures) Uremic, 200 (106 M, 94 F), 149 without and 51 with edema, whites, Italy, yr, BMI 16-31, (empty and filled peritoneal cavity, 400 measures) Piccoli, Kidney Int 53: , 1998 Guida, Am J Nephrol 20: , 2000 Pillon, Kidney Int 66: , 2004 Piccoli, Kidney Int 65: , 2003 Obesity, BVA pattern Obesity, class I, 2,200 (1035 M, 1165 F) by sex and race Piccoli, Nutrition 18: , 2002

7 Obesity, BIVA pattern Obesity vs edema, BIVA pattern Obesity vs Chronic renal insufficiency (CRI), Nephrotic syndrome (NS), BIVA pattern Obesity, weight loss, BIVA pattern (whites, blacks, mexican-americans), USA/NHANES III, yr, BMI Obesity, class I-III, 540 (354 M, 372 F), whites, Italy, yr, BMI 31-80, Obesity, class I-III, 540 (354 M, 372 F), BMI vs renal edema, 50 (25 M, 25 F), BMI 17-34, whites, Italy, yr, Healthy 86 (38 M, 48 F), obesity, class I-III, 40 (9 M, 31 F), CRF 55 (31 M, 24 F), NS 36 (19 M, 17 F), Italy, yr, Obesity, class I-III, 48 (18 M, 30 F), BMI 37-55, before and after 9 kg fat loss (diet) vs 32 (13 M, 19 F) obeses HD, BMI 31-41, before and after 3 kg fluid loss (HD), whites, Italy, yr, Lung cancer (IIIB-IV), 63 M vs healthy, 56 M, matched by age, whites, Italy, Lung cancer, BIVA pattern, 18 mo survival Cancer, BIVA pattern Cancer, M, 31 post-surgery, 30 locally advanced, 31 disseminated, 56 healthy, whites, Italy, Liver diseases, ascites, edema, paracentesis, BIVA pattern Sport, climbers, high altitude dehydration, BIVA pattern BIVA as a pre-test for BIA predictions BIVA and EKG, similar methods Liver diseases, 810 (481 M, 329 F): 438 chronic hepatitis, 260 compensated cirrhosis, 57 cirrhosis with ascites, 55 cirrhosis with ascites and edema, 208 (88 M, 120 F) healthy subjects, whites, Italy, Climbers, 7 M, at high altitude (5,000-7,000 m, Himalayas), whites, Italy, Piccoli, Int J Obes 22:97-104, 1998 Piccoli, Int J Obes 22:97-104, 1998 Piccoli, Kidney Int 46: ,1994 Piccoli, Min Electrolyte Metab 22: 76-78, 1996 Piccoli, Int J Obes 22:97-104, 1998 Toso, Nutrition 16: , 2000 Toso, Nutrition 19: , 2003 Guglielmi, Ann N Y Acad Sci 873: , 1999 Piccoli, Med Sci Sports Exerc 28: , 1996 Geometrical properties of the impedance index Piccoli, Nutrition 13: , 1997 Lukaski, Nutrition 13: , 1997 Pattern identification vs quantitative predictions in the clinical Piccoli, Nutrition 18: ,2002 setting Healthy elderly, BIVA pattern Healthy 201 (97 M, 104 F) aged 60 to 89 y., whites, Italy - Buffa, Nutrition 19: , 2003 Anorexia nervosa Anorexia nervosa, 74 women, BMI 10-17,5, age 15-45y., Piccoli, J. Parent. Ent. Nutr, 2005 in whites, Italy press - 7 -

8 Biagram e rapporto ECM/BCM La composizione corporea con analisi bioimpedenziometriche utilizza la misura bioelettrica in associazione a dati antropometrici con equazioni sempre più specifiche per popolazione, età, sesso, patologia e strumento per stimare sempre meglio i volumi dei vari compartimenti. E bene ricordare che l analisi BIA consiste innanzitutto nel misurare direttamente la resistenza e la Reattanza alla frequenza di 50 khz. Come ampliamente esposto in precedenza, tali valori sono direttamente influenzati dalla quantità e dalla distribuzione dei fluidi corporei. Biagram è la trasposizione grafica dei valori di Reattanza (ascisse) e di Angolo di fase (ordinate). L intervallo di normalità è rappresentato dalla regione delimitata dalle due rette parallele facilmente identificabili sul diagramma. Questo approccio non richiede l utilizzo di alcun parametro antropometrico. BCM= Body cell mass, massa cellulare ECM= Extra Cellular Mass. massa extracellulare ECM + BCM = Massa Magra RAPPORTO ECM/BCM = rapporto tra spazi corporei extra ed intracellulari. Questo rapporto consente di monitorare l andamento degli spazi intra ed extracellulari, quindi nutrizione ed idratazione In condizioni normali la proporzione è pari ad 1, ovvero per ogni kg di massa cellulare corrisponde normalmente un kg di massa extracellulare. Soggetti con imponenti masse cellulari o soggetti disidratati hanno un rapporto ECM/BCM di , poiché il loro comparto cellulare è fortemente sviluppato (40/50 kg di massa cellulare sono frequenti negli sportivi). Soggetti iperidratati e/o malnutriti hanno un rapporto di Regione 1 = ECM/BCM < 1 Regione 2 = ECM/BCM = 0,95-1 Regione 3 = ECM / BCM > 1

9 PROPORZIONE ECM/BCM < 1 il soggetto è un atleta dotato di un imponente Massa Cellulare Angolo di fase = 8,6 Reattanza = 76 Ω PROPORZIONE ECM/BCM < 1 il soggetto è un anziano disidratato in buone condizioni fisiche. angolo di fase = 7 PROPORZIONE ECM/BCM > 1 settantatanovenne scompensata angolo di fase = 2,8 ECM 27 kg / BCM 18 kg = 1,5 PROPORZIONE ECM/BCM = 1 trentenne normoidratato angolo di fase = 7 ECM 38 kg / BCM 35 kg = 1,08-9 -

10 Title Populations Article, reference Misure bioelettriche (BIA) non associate a equazioni predittive Bioimpedance analysis (BIA) in hemodialysis: technical aspects L analisi della Bioimpedenza nelle malattie renali Intra-Extracellular fat free mass spaces defined by bioelectric reactance and phase angle L analisi della bioimpedenza nell insufficienza renale cronica e in dialisi peritoneale L analisi dell impedenza bioelettrica Norms and correlates of bioimpedance phase angle in healthy human subjects, hospitalized patients and patients with liver cirrhosis A novel objective nutritional score for children undergoing peritoneal dialysis The Biagram Vector: a graphical relation between Reactance and Phase angle by bioelectrical Analysis in Infants 450 university students, 491 children, 425 elderly Vs 273 cancer pts, 315 renal pts, 150 HIV pts, 90 ICU pts M and F (scatterplot) 888 university students, 491 children, 212 dialysis pts, 273 A. Talluri - Abstract from VII Congresso SINPE 94 A. Talluri, G.Maggia- Int J Artific cancer pts M and F (scatterplot) Organ vol. 18 n. 11, 1995 pp Semeiotica del rene e delle vie urinarie N. Di Paolo G.Garosi, A. Talluri, L. CApotondo, N. Di Paolo Wichtig editore pp M univ. Students, 438 F Univ. Students, 1065 pupils from elementary school, 202 severe obese, 20 M and F over 100 y.o., 434 M and F cancer patients, 69 M and F pre and post -dialysis (scatterplot) Use of bioelectrical values and bioelectrical indexes in dialysis Theoretical basis and use of bioimpedance values 1035 pts M and F requiring nutritional counseling, 50 healthy controls M and F, 5 hospitalized pts M and F, 55 pts biopsy proven cirrhosis M and F. A. Talluri, A. Evangelisti, RJ Liedtke IX Int. Conference on Electrical Bioimpedance (ICEBI) Heidelberg, Germany 1995 G. Garosi- Tecniche Nefrologiche e dialitiche 1995, pp A. Talluri, Tecniche Nefrologiche e dialitiche pp Eur J Appl Physiol n. 86, 2002; healthy school children, 29 CPD patients - Distance Pediatric Nephrology, 12 th Intl. Congress Seattle, USA 1-5/09/2001 Peritoneal Dialysis Intl. vol. 21 -suppl healthy infants M and F < 1 y.o. ; Ann Nutr Metab n. 48, 2004; 84-89

11 Akern Bioresearch Via Lisbona, Pontassieve Firenze Tel Fax

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA

VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA Verso una nutrizione personalizzata ed efficiente Quando ci poniamo l'obiettivo di migliorare il nostro stato di salute dobbiamo prendere in considerazione in primo

Dettagli

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi

Dettagli

Sulle metodiche impedenziometriche

Sulle metodiche impedenziometriche Sulle metodiche impedenziometriche Ing. Tony Talluri, Akern R&D-Firenze 1. Analisi d impedenza bioelettrica (BIA) a corpo intero. Attualmente l'unico metodo in grado di valutare specificamente l'idratazione

Dettagli

L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED

L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED L&B Srl Centro Direzionale Verona EST Tel. 045-990.848 E-mail: info@life-beauty.com Internet: www.life-beauty.com STIME QUANTITATIVE ED ANALISI QUALITATIVE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA A. TALLURI AKERN

Dettagli

Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi

Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 17 n. 1, 2000/pp. 82-93 Nuove Tecnologie Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi A. Piccoli Dipartimento di Scienze Mediche

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

La sintesi di un esperienza

La sintesi di un esperienza La sintesi di un esperienza Servizi Formazione all uso dei programmi Il kit human im touch viene consegnato da personale tecnico qualificato presso lo studio professionale su tutto il territorio nazionale.

Dettagli

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Sistemi di analisi BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Cardioprotective Haemodialysis BCM - Body Composition Monitor Nonostante i significativi progressi

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani

impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani impedenziometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Human-Im Plus II adulti e anziani HUMAN-IM PLUSII BASE, Human-Im PLUS Base: versione adulti e anziani 1 La versione PLUS Base contiene la più vasta

Dettagli

human im D IETOSYSTEM Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza

human im D IETOSYSTEM Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza Idratazione del corpo e salute Impedenziometria in multifrequenza human im La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei D IETOYTEM Il benessere come scienza human im Dall esperienza

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Responsabile UOS Igiene della Nutrizione SIAN - Dipartimento di Prevenzione

Dirigente ASL II fascia - Responsabile UOS Igiene della Nutrizione SIAN - Dipartimento di Prevenzione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pecoraro Pierluigi Data di nascita 15/03/1966 Qualifica Dirigente Biologo Amministrazione ASL DI NAPOLI 4 Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II fascia

Dettagli

Metodologie per la Nutrizione

Metodologie per la Nutrizione Metodologie per la Nutrizione D IETOSYSTEM Il benessere come scienza Impedenziometria in multifrequenza La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei Affidabilità, praticità e versatilità

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Settore Tecnico

Federazione Italiana Giuoco Calcio Settore Tecnico Federazione Italiana Giuoco Calcio Settore Tecnico Portieri Nazionali Giovanili: Ricerca semi-longitudinale sulle capacità e sulle abilità Laboratorio di Metodologia dell allenamento e biomeccanica applicata

Dettagli

COSENTINI, VINCENZO. Cell. 3498156233. enzocos77@libero.it

COSENTINI, VINCENZO. Cell. 3498156233. enzocos77@libero.it Nome COSENTINI, VINCENZO Indirizzo VIA MAGENTA,1/B 33100 UDINE Telefono (0039) 0432-611576 Cell. 3498156233 Fax E-mail enzocos77@libero.it Nazionalità Italiana Data di nascita 28.05.1977 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-2009 Parametri clinici della valutazione nutrizionale Claudia D Alessandro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Pisa Nutrienti Entrate Uscite

Dettagli

Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840

Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840 201551505013 Bilance e Sistemi di Misura Medicali dal 1840 Germania seca gmbh & co. kg Hammer Steindamm 9 25 22089 Hamburg Germania Telefoon +49 40 20 00 00 0 Fax +49 40 20 00 00 50 info@seca.com Per informazioni

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA, INSEGNAMENTI UNIVERSITARI, RELAZIONI e DOCENZE a CORSI/CONVEGNI/CONGRESSI

ATTIVITA' DIDATTICA, INSEGNAMENTI UNIVERSITARI, RELAZIONI e DOCENZE a CORSI/CONVEGNI/CONGRESSI POSIZIONE LAVORATIVA ATTUALE Curriculum Incarico a tempo pieno (38 ore) per prestazione professionale specialistica, Area Funzionale di Dietetica e Dietoterapia dell A.O.U. II Policlinico Università di

Dettagli

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE,

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE, Sono molte le componenti di uno stile di vita corretto: essere attivi,nutrirsi correttamente,dormire sufficientemente,gestire lo stress,controllare il proprio peso ecc.. Programma Il Centro Di DIETISTICA

Dettagli

Obiettivo VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE IN DIALISI PERITONEALE. Programma. Programma

Obiettivo VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE IN DIALISI PERITONEALE. Programma. Programma VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE IN DIALISI PERITONEALE Obiettivo Discutere i fondamenti e i limiti metodologici della valutazione dello stato nutrizionale nel paziente in dialisi peritoneale Giorgio

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Anno Accademico 2013-2014 2014 Valutazione dello stato di nutrizione M.L.E.Luisi Valutazione dello stato di nutrizione Lo stato nutrizionale e lo stato

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO ARTI MARZIALI: IPERTROFIA SI O NO? L AUMENTO DEL PESO CORPOREO E DELLE MASSE MUSCOLARI Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Master in Scienze dello Sport e del Fitness Prof. ac Sorv. Nutrizionale e Val.

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto BMI Peso in KG (Altezza) 2 in m 1 2 3 Whitlock G, Lewington S, Sherliker P, et al. (marzo 2009). Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative

Dettagli

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie Le Famiglie Professionali: Nefrologia Il punto L utilizzo dei dati amministrativi per l identificazione degli assistiti

Dettagli

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA Funzione renale ed età e stima della GFR Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi A.O. Ordine Mauriziano di Torino Piano della presentazione Variazioni della funzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA in Scienze dell Alimentazione e della Nutrizione XX Ciclo Coordinatore Ch.mo: Prof. Claudio Falconi TESI

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Simposio: NUTRIZIONE, MALNUTRIZIONE, DISFAGIA Torino, 28 Novembre 2013 Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Dott. Giuseppe Sergi Clinica Geriatrica - Università di Padova

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Stato di Nutrizione. Funzionalità Corporea

Stato di Nutrizione. Funzionalità Corporea 4. L ANALISI DELL IMPEDENZA BIOELETTRICA (BIA.) 4.1. Introduzione. I primi studi sulla composizione del corpo umano risalgono alla seconda metà del XIX secolo. Justus von Leibig, dimostrando che il corpo

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

La malnutrizione in ospedale. Angelo Campanozzi Clinica Pediatrica Università degli Studi di Foggia

La malnutrizione in ospedale. Angelo Campanozzi Clinica Pediatrica Università degli Studi di Foggia La malnutrizione in ospedale Angelo Campanozzi Clinica Pediatrica Università degli Studi di Foggia Di tutti i mali è il nutrimento il rimedio migliore Ippocrate (460 377 a.c.) MALNUTRIZIONE Alterato stato

Dettagli

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio Studio di Dietologia e Nutrizione Umana Dr. Uliano Servizi offerti dallo studio --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------PREMESSA

Dettagli

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA La Fibrosi Cistica come modello Marco Cipolli, Ciro D Orazio Centro Fibrosi Cistica Azienda Ospedaliera di Verona Verona, 27 ottobre 2000 FIBROSI CISTICA La piu

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

STATO NUTRIZIONALE 1

STATO NUTRIZIONALE 1 STATO NUTRIZIONALE 1 STATO NUTRIZIONALE circa il 20-40% dei pazienti ospedalizzati presenta segni di malnutrizione. La malnutrizione è causa di severe complicanze, prolunga la degenza, ed aumenta la mortalità

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

Definizione, Epidemiologia, Patogenesi

Definizione, Epidemiologia, Patogenesi Definizione, Epidemiologia, Patogenesi Stefano Volpato U.O. Medicina Interna Universitaria Sezione di Medicina Interna e Cardiorespiratoria Relationship of Age and Selected Functional Parameters 100 80

Dettagli

I nuovi percentili italiani

I nuovi percentili italiani I nuovi percentili italiani Alessandro Cicognani, Antonio Balsamo Università di Bologna cciari E, Milani S, Balsamo A and SIEDP Directive Council 2002-03: alian cross sectional growth charts for height,

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Benedetto Maria Teresa Imola, 11/6/08 PERCORSI AMBULATORIO NEFROLOGICO AMBULATORIO DI PREDIALISI AMBULATORIO DIALISI:

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

Sale, ipertensione e rischio cardiovascolare:

Sale, ipertensione e rischio cardiovascolare: ABUSO DI SALE, OBESITÀ E IPERTENSIONE. MENO SALE, PIÙ SALUTE: VICINI ALLA SOLUZIONE? Roma, 14 giugno 2010 Sale, ipertensione e rischio cardiovascolare: il progetto MINISAL GIRCSI Pasquale Strazzullo www.menosalepiusalute.it

Dettagli

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION) Fulvio Ricceri, Carlotta Sacerdote, EPIC PI, Paolo Vineis I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

INFEZIONE DA HCV NEL PAZIENTE DIALIZZATO. Dr Fabrizio Valente S.C. Nefrologia e Dialisi Trento

INFEZIONE DA HCV NEL PAZIENTE DIALIZZATO. Dr Fabrizio Valente S.C. Nefrologia e Dialisi Trento INFEZIONE DA HCV NEL PAZIENTE DIALIZZATO Dr Fabrizio Valente S.C. Nefrologia e Dialisi Trento 170 Million Carriers Worldwide, 3-4 MM new cases/year 3% of World Population CANADA 300,000 U.S.A. 4 M WEST

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

Hotel Residence Esplanade DIETA: UN MONDO DI INTOLLERANTI?

Hotel Residence Esplanade DIETA: UN MONDO DI INTOLLERANTI? Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI)-Onlus Sezione Toscana VIAREGGIO (LU) 16 MAGGIO 2008 Hotel Residence Esplanade DIETA: UN MONDO DI INTOLLERANTI? 09.00 Lettura magistrale: Uso

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Scuola di Specializzazione di Medicina dello Sport Direttore Prof.Giorgio Galanti Viale Morgagni 85 50134 Firenze g.galanti@dac.unifi.it Tel.+393356262770 Fax.+390554279375

Dettagli

Calcola il tuo peso ideale

Calcola il tuo peso ideale Nutrirsi di salute Luglio-Agosto 2011 Calcola il tuo peso ideale E possibile conoscere il proprio peso ideale? Per calcolare il nostro peso corporeo teorico più comunemente conosciuto come peso ideale

Dettagli

www.wunder.it HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY

www.wunder.it HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY HIGH TECHNOLOGY FOR YOUR PROFESSIONALITY Che cosa è InBody? InBody è un analizzatore di composizione corporea multifrequenza a 8 elettrodi tattili. Dotato di una pesapersone elettronica professionale.

Dettagli

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA Per un approfondimento, sugli aspetti nutrizionali inerenti la malattia celiaca, si riporta abstract della lezione Aspetti dietetico-nutrizionali nella celiachia, tenuta dal dr. V. De Siena nel Master

Dettagli

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione Dr. Paolo Bodoni Medico di Medicina Generale ASL TO4 PREVENZIONE LdD 1) Individuare i soggetti a rischio (IPOMOBILITA ) valutare

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

SIT Sistema Informativo Trapianti

SIT Sistema Informativo Trapianti VII SESSIONE I risultati dei trapianti risultano uniformi in Italia ma ogni regione ha sviluppato modelli organizzativi diversi e centri di trapianto eterogenei per caratteristiche e volumi di attività:

Dettagli

Dialisi Peritoneale. Prolong. Verso un concetto più ampio di PD P 3. Prolong

Dialisi Peritoneale. Prolong. Verso un concetto più ampio di PD P 3. Prolong Dialisi Peritoneale Prolong Verso un concetto più ampio di PD Protect Preserve P 3 Prolong P 3 Un nuovo approccio alla Dialisi Peritoneale P 3 è un programma di PD completo, appositamente studiato per

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Acqua e corretta alimentazione

Acqua e corretta alimentazione Acqua e corretta alimentazione LM Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza dell Alimentazione ed Endocrinologia Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione

Dettagli

COMPOSIZIONE CORPOREA

COMPOSIZIONE CORPOREA COMPOSIZIONE CORPOREA MINIME QUANTITA DI VITAMINE GLUCIDI 1% La Composizione corporea è un'analisi quantitativa delle componenti del nostro corpo. 4 % MINERALI LIPIDI 17 % 19 % PROTIDI Si potrebbe pensare

Dettagli

Manuale d uso del software. Impedenziometro per la rilevazione di parametri del corpo umano. Rev. 2.0

Manuale d uso del software. Impedenziometro per la rilevazione di parametri del corpo umano. Rev. 2.0 Manuale d uso del software Impedenziometro per la rilevazione di parametri del corpo umano Rev. 2.0 Manuale d uso del software Impedenziometro per la rilevazione di parametri del corpo umano Rev. 2.0 indice

Dettagli

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE Pietro Vecchiarelli U.O.C. Rianimazione Ospedale Belcolle- AUSL Viterbo Viterbo 1 La Malnutrizione ha un impatto

Dettagli

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE Corso di Laurea in Biologia della Nutrizione (CLASSE 12) Elaborato scritto LA COMPOSIZIONE CORPOREA NELLO SPORT LAUREANDA Valeria

Dettagli

Cecilia Gavazzi MD SSD Terapia Nutrizionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano - Italy

Cecilia Gavazzi MD SSD Terapia Nutrizionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano - Italy Cecilia Gavazzi MD SSD Terapia Nutrizionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano - Italy Alimentazione e neoplasie alimentazione per PREVENIRE alimentazione nel paziente oncologico 70 anni

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA

ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA ANALISI E COMPOSIZIONE CORPOREA Qual è il tuo obiettivo? Cosa ti aspetti dal tuo allenamento? Conosci il tuo stato di forma? Conosci le tue caratteristiche morfologiche? Sai che ti consentono di sapere

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

Livelli circolanti. leptina. Proteine. plasma. e/o indicatori. Minerali e/o indicatori

Livelli circolanti. leptina. Proteine. plasma. e/o indicatori. Minerali e/o indicatori 1 Intake Composizione corporea Livelli circolanti Escrezione e bilancio Funzioni Energia indagine alimentare Tessuto adiposo metabolismo basale Proteine Indagine alimentare Massa muscolare e viscerale

Dettagli

Bodycomp MF Hexa Software

Bodycomp MF Hexa Software V. 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI Rev.1 Novembre 2013 2 Memo attivazioni Numero di serie strumento: Email: Password: Data 1^ attivazione: Data 2^ attivazione: Data 3^ attivazione: Rev.1 Novembre 2013 3 Memo

Dettagli

Efficacia del nuovo sistema di

Efficacia del nuovo sistema di Efficacia del nuovo sistema di Il Centro TAMMEF da diversi anni studia magnetoterapia gli effetti clinici TAMMEF e terapeutici dei campi nel trattamento magnetici a bassa della frequenza spalla dolorosa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA Incarico attuale Incarico di studio - U.O. Pneumologia

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE. Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli

Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE. Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli INTRODUZIONE (1) SINDROMI GERIATRICHE condizioni patologiche, tipiche

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce Deborah Taddio Dietista ASL CN1 Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione MALNUTRIZIONE MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì rappresenta uno stato patologico che si stabilisce quando non vengono

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Bioenergetica della corsa sprint

Bioenergetica della corsa sprint Bioenergetica della corsa sprint Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 Sprint running: a new energetic approach di Prampero PE et al. J Exp

Dettagli

Sistemi di Misura e Bilance Medicali dal 1840

Sistemi di Misura e Bilance Medicali dal 1840 Catalogo 2014 linea medicale + Sistemi di Misura e Bilance Medicali dal 1840 202238005014 seca gmbh & co. kg Hammer Steindamm 9 25 22089 Hamburg ٠ Germany Telephone +49 40 20 00 00 0 Fax +49 40 20 00 00

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel Workshop Legami sociali e Salute Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB LEGami

Dettagli

Valutazione Multidimensionale della Malnutrizione: Ruolo della Clinica e del Laboratorio

Valutazione Multidimensionale della Malnutrizione: Ruolo della Clinica e del Laboratorio Valutazione Multidimensionale della Malnutrizione: Ruolo della Clinica e del Laboratorio Rosa Liperoti Centro Medicina dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Roma Viterbo, Giugno 2009

Dettagli

INFORMAZIONI ULTIME ESPERIENZE C U R R I C U L U M V I T A E F A B R I Z I O S P A T A R O

INFORMAZIONI ULTIME ESPERIENZE C U R R I C U L U M V I T A E F A B R I Z I O S P A T A R O C U R R I C U L U M V I T A E F A B R I Z I O S P A T A R O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Luogo e Data di nascita e-mail FABRIZIO SPATARO Italiana COSENZA, 06/02/1987 fabrizio.spataro@gmail.com

Dettagli

PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO

PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO 1201 RAFFAELE VIRDIS DIPARTIMENTO ETA EVOLUTIVA CATTEDRA di PEDIATRIA 1900 SEGNAMENTO DI STORIA DELLA MEDICINA 962 IMMIGRAZIONE E PUBERTÀ La valutazione

Dettagli

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative?

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Sabato 4 Ottobre 2014 Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Dott.ssa Alda Storari Unità operativa di Nefrologia

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33. dietaoloproteica@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33. dietaoloproteica@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Castaldo Giuseppe CSTGPP50H18A024T Via Annarumma 33 E-mail dietaoloproteica@gmail.com Nazionalità italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Le nuove curve di crescita standard della WHO

Le nuove curve di crescita standard della WHO Questo contributo è curato da Giovanni Federico Le nuove curve di crescita standard della WHO Margherita Caroli Responsabile dell'unità Operativa di Igiene della Nutrizione, Dipartimento di Prevenzione,

Dettagli