PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011"

Transcript

1 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009

2 SOMMARIO 1 PREMESSA QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO LE NORME CONTRATTUALI LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA ECM LA DIRETTIVA FRATTINI L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ DI FORMAZIONE IL SETTORE MARKETING, COMUNICAZIONE E FORMAZIONE SIFORMA IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE OBIETTIVI ESIGENZE FORMATIVE DELLE STRUTTURE DELL AGENZIA VALUTAZIONI DELLA FORMAZIONE REALIZZATA NEL TRIENNIO AMBITI TEMATICI INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ STRUMENTI DI ATTUAZIONE PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE PIANO DEGLI INVESTIMENTI...18 pag. 2 di 19

3 1 PREMESSA Il presente Piano Triennale di Formazione (PTF) del personale dell Agenzia nasce dall esigenza di prosecuzione dell attività formativa obbligatoria, nel segno della continuità con i Piani precedentemente portati a compimento e giunti alla naturale scadenza. Il presente documento assume una connotazione di valenza ancor più significativa per l ARPAL, dovendo incidere in un arco temporale che ha preso avvio con il varo, dal , del Nuovo Assetto Organizzativo dell Agenzia. Esso rappresenta dunque uno strumento strategico e non può prescindere dalle necessità formative che normalmente accompagnano i processi di trasformazione aziendale. Si è provveduto ad una nuova codifica delle attività secondo quanto esplicitato nel seguito del documento. pag. 3 di 19

4 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 2.1 LE NORME CONTRATTUALI In materia di Formazione, sono tuttora vigenti gli articoli dei CCNNLL laddove se ne prevede la formazione e l aggiornamento professionale obbligatorio. La formazione obbligatoria programmata fa riferimento al Piano Triennale di Formazione(PTF), documento d indirizzo che indica gli ambiti tematici di intervento, e ai conseguenti Piani annuali di formazione. Il Piano Triennale costituisce il punto di riferimento per la redazione del Piano Annuale di Formazione (PAF) che riporterà l elenco dei corsi di formazione obbligatoria da programmare ed espletare nei singoli anni. Nel corso dell anno potranno verificarsi esigenze formative non previste dal PAF, anche di natura strategica, in ragione di emergenze, aggiornamenti legislativi, mutamenti di scenario e contingenze di varia natura tali da renderne necessaria l esecuzione (formazione obbligatoria non programmata). Tali esigenze vengono sottoposte al vaglio della Commissione Paritetica per la Formazione Obbligatoria non programmata e facoltativa a tal fine costituita con Deliberazione n. 24 del LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA ECM Come è noto, Il Ministero della Salute, con Decreto del , ha definito il programma sull Educazione Continua in Medicina (ECM) secondo quanto disposto dal DLgs 229/99 con l obbligo di partecipazione al processo di aggiornamento costante, registrato e monitorato attraverso l acquisizione di specifici crediti formativi, di ogni operatore sanitario. pag. 4 di 19

5 Nel precedente triennio formativo si è ritenuto di grande importanza cogliere gli elementi innovativi offerti dal sistema ECM, una modalità di aggiornamento ampiamente in uso nel contesto aziendale europeo, in ambito sanitario. Dal 2003 ARPAL si è attivata concretamente divenendo Organizzatore di eventi ECM registrati presso il Ministero della Salute con l assegnazione dei Crediti Formativi alle differenti figure professionali interessate (personale interno ed esterno). Nel novembre 2005 il Ministero della Salute ha equiparato ARPAL alle Aziende Sanitarie, conferendo la facoltà di inserire nel circuito nazionale Progetti Formativi Aziendali, rivolto unicamente al personale interno, con riconoscimento, di fatto, della qualità degli interventi proposti all accreditamento. Successivamente, nel 2006: - con Deliberazione della Giunta Regionale n. 544 del 01/06/2006 ad oggetto: "Approvazione elenco dei Provider ECM regionali accreditati per la fase propedeutica", ARPAL è entrata ufficialmente a far parte del Sistema ECM Regionale; - con Deliberazione della Giunta Regionale n. 472 del 19/05/06 ARPAL è stata riconosciuta come Sede Formativa accreditata identificandole la possibilità di proporre e realizzare attività di orientamento e formazione professionale, finanziate con risorse pubbliche, nel rispetto degli obiettivi della programmazione regionale. In virtù di quanto sopra, ARPAL proseguirà nella proposizione di interventi formativi finalizzati all accreditamento ECM. 2.3 LA DIRETTIVA FRATTINI La Direttiva 13 dicembre 2001 riguardante la Formazione e valorizzazione del personale delle Pubbliche Amministrazioni detta una serie di principi guida per assicurare la qualità della formazione prendendo in esame le diverse fasi del pag. 5 di 19

6 processo formativo che devono essere oggetto di analisi, riflessione e programmazione da parte delle Amministrazioni provvedendo a: individuare i destinatari della formazione e le loro esigenze; rilevare i fabbisogni formativi; progettare le iniziative di formazione; formulare la domanda formativa; selezionare i servizi formativi ed i soggetti fornitori; monitorare e valutare gli effetti. Le amministrazioni devono essere coinvolte in tutto l'arco del processo formativo, dalla progettazione al monitoraggio e al sostegno in itinere, fino alla valutazione conclusiva; possono comunque avvalersi in ogni fase dell'apporto di strutture esterne pubbliche e private. Per quanto riguarda la progettazione degli interventi formativi, la direttiva si concentra essenzialmente sull'elencazione degli elementi da considerare, e raccomanda l'istituzione di banche dati in cui organizzare e raccogliere sistematicamente tutte le informazioni rilevanti. La scelta dei soggetti erogatori della formazione è libera, ma le amministrazioni sono invitate a comporre una propria lista di possibili fornitori che soddisfino determinati requisiti di qualità. Le amministrazioni devono attivare sistemi di monitoraggio della qualità delle azioni formative durante la loro erogazione, sulla base di parametri esplicitamente individuati che consentano di verificare l'adeguatezza dei contenuti, il grado di corrispondenza del progetto e delle azioni ai bisogni del personale, l'efficacia e l'efficienza degli aspetti operativi. ARPAL, a tale riguardo, ha seguito nel tempo gli indirizzi contenuti nella Direttiva e sta provvedendo al miglioramento delle procedure di gestione e registrazione della propria formazione. pag. 6 di 19

7 3 L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ DI FORMAZIONE 3.1 IL SETTORE MARKETING, COMUNICAZIONE E FORMAZIONE Nel nuovo assetto organizzativo dell Agenzia il Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, relativamente ai processi di formazione interna, svolge i seguenti compiti e finalità principali previste dalle declaratorie dell assetto organizzativo dell Agenzia approvate con Decreto del DG n. 141 del 15/04/2009. A tale proposito si evidenzia che ARPAL dispone di procedure che definiscono le modalità di progettazione ed erogazione dei corsi e di strumenti che ne permettono la registrazione aggiornati periodicamente. 3.2 SIFORMA ARPAL si è dotata di uno strumento informatico S.I.FORMA avente quale obiettivo il supporto alla gestione unitaria, uniforme ed integrale di tutte le informazioni connesse alla definizione, realizzazione, gestione di corsi (di formazione, di aggiornamento, di addestramento) nelle diverse tipologie (ECM, interni, esterni). SIFORMA permette di gestire le seguenti funzioni: 1. Definizione dei corsi (composizione, punteggi, costi ) e del relativo calendario. 2. Iscrizione dei partecipanti. 3. Rendicontazione della partecipazione ai corsi (studenti e docenti) e definizione degli esiti. 4. Produzione documenti di gestione dei corsi (scheda presenze, valutazione). 5. Produzione attestati. pag. 7 di 19

8 6. Produzione schede riepilogative della situazione utente (partecipazione ai corsi). 7. Individuazione dei corsi sulla base di vari criteri. 8. Rapporti di sintesi sui corsi (costi, punteggi totali ). 9. Registrazione valutazioni e produzione valutazioni di sintesi. 10. Rapporti relativi dei corsi (in relazione alle abilitazioni degli utenti). 11.Integrazione con il sistema di autenticazione e autorizzazione (GSO) per la gestione dei diritti di accesso relativi alle seguenti classi di utenza: - Amministratore del sistema: attività speciali di gestione. - Operatore del Settore Marketing, Comunicazione e Formazione e della U.O. Organizzazione e Sistemi: attività ordinaria di accesso e modifica dati. - Responsabile di struttura: consultazione delle informazioni relative a personale di competenza. - Dipendente ARPAL: consultazione della propria situazione e dell anagrafica corsi. Il settore Marketing, Comunicazione e formazione provvederà all implementazione di SIFORMA anche in funzione della nuova organizzazione. pag. 8 di 19

9 4 IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE Gli ambiti tematici del Piano triennale di formazione sono stati definiti attraverso: 1. gli obiettivi definiti sulla base delle scelte strategiche dell Agenzia e degli indirizzi regionali assegnati; 2. la raccolta e l analisi delle esigenze formative delle strutture dell Agenzia raccolte e analizzate; 3. le valutazioni sulla formazione realizzata nel triennio OBIETTIVI Nell ambito della riorganizzazione, l Agenzia intende valorizzare e sviluppare al massimo le competenze delle risorse umane, realizzarne appieno le potenzialità, accrescerne l'impegno, la professionalità e la partecipazione e soprattutto promuovere tra di esse una cooperazione efficace. In tale contesto gli obiettivi del Piano Triennale di Formazione dovranno sostenere il percorso di riorganizzazione attraverso: o lo sviluppo di competenze tecniche specifiche e specilaistiche necessarie per la messa a regime del modello di riorganizzazione stesso; o o o lo sviluppo di competenze gestionali e organizzative dei Dirigenti; la crescita professionale del personale; l aumento della consapevolezza del lavoro in team e di adattamento alle innovazioni. 4.2 ESIGENZE FORMATIVE DELLE STRUTTURE DELL AGENZIA Dall analisi del fabbisogno formativo espresso dalle varie strutture dell Agenzia, emerge una generale e diffusa richiesta di aggiornamento delle competenze pag. 9 di 19

10 tecniche e specialistiche, sia in relazione all evoluzione tecnologica sia all implementazione dell organizzazione dell Agenzia. 4.3 VALUTAZIONI DELLA FORMAZIONE REALIZZATA NEL TRIENNIO Di seguito vengono riassunti i dati annuali dell attività formativa realizzata nel triennio laddove disponibili nelle forme aggregate. Sarà cura della struttura di riferimento provvedere all adeguamento del sistema SIFORMA per una elaborazione omogenea del triennio ANNO 2006 Nell anno 2006 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 39 Corsi di formazione svolti in n. 73 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n unità di personale interno, di cui n. 18 sono relativi all avvio di Corsi di perfezionamento della lingua inglese, riservati a tutto il personale ARPAL a tempo indeterminato, in servizio sia presso la Sede Centrale di Genova che presso le Sedi dipartimentali di Imperia, La Spezia, Savona. Sono stati accreditati dal Ministero della Salute nel circuito ECM per la formazione continua, n 4 di questi corsi, svolti in n 11 edizioni totali. Inoltre sono stati accreditati dal Ministero della Salute nel circuito ECM per la formazione continua n. 2 corsi di cui sopra, organizzati da ARPAL nell ambito del progetto 3b-MIS, svoltisi a Roma e destinati a personale di altre A.R.P.A. per un totale di n. 50 partecipanti. A seguito dell accreditamento ECM presso il Sistema Regionale a partire dal 2006, ARPAL ha presentato, in qualità di Provider Regionale, n. 2 eventi formativi ECM, svoltisi a Genova in unica edizione e rivolti a personale interno (operatori del territorio). Le ore totali di formazione sono state n 1057, con l attribuzione di n 704 crediti ECM complessivi. pag. 10 di 19

11 A n 47 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 94 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro. Aggiornamento e perfezionamento della lingua inglese. Lo sviluppo abilità manageriali; Sistema Qualità: formazione sull utilizzo dei documenti del Sistema di Gestione; Applicazione della Privacy negli Enti Pubblici; Formazione su nuovi sistemi informativi aziendali; Aggiornamento Direttiva 97/23/CE (PED) sugli impianti a pressione; Aggiornamento Normativo in materia di etichettatura e trasporto sostanze e preparati pericolosi. Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; Aggiornamento su competenze, tecniche e strumenti relativi all educazione ambientale. pag. 11 di 19

12 ANNO 2007 Nell anno 2007 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 21 Corsi di formazione svolti in n. 31 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n 789 unità di personale interno. Sono stati accreditati presso il circuito ECM Nazionale del Ministero della Salute n. 8 eventi e presso il Sistema ECM Regionale (in qualità di Provider) n. 3 progetti formativi. Le ore totali di formazione sono state n 422, con l attribuzione di n 936 crediti ECM complessivi. Nell'arco dell'anno, un totale di n 10 "Corsi propedeutici per il perfezionamento della lingua inglese" (attivati nell anno 2006) si sono conclusi presso tutte le sedi Dipartimentali. A n 47 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 81 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro. Contabilità generale economico/patrimoniale; Formazione su nuovi sistemi informativi aziendali; La gestione delle verifiche impiantistiche (SI.GE.VI); Fonometria rilevazione ed applicazioni in campo; Gru per servizio portuale ed industria pesante; Attività di verifica e controllo degli impianti a pressione: nuove linee guida; Aggiornamento Normativo in materia di etichettatura e trasporto sostanze e preparati pericolosi; Circuiti interlaboratorio; Approccio biologico al controllo ed al monitoraggio dell ambiente; Organizzazione dei controlli integrati ai sensi del D.lgs. 59/05; pag. 12 di 19

13 Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; ANNO 2008 Nell anno 2008 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 15 Corsi di formazione svolti in n. 30 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n 237 unità di personale interno. Sono stati accreditati presso il circuito ECM Nazionale del Ministero della Salute n. 4 progetti formativi aziendali e presso il Sistema ECM Regionale (in qualità di Provider) n. 6 eventi formativi a tipologia interna/esterna/mista. Le ore totali di formazione sono state n 442, con l attribuzione di n 212 crediti ECM complessivi. A n 49 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 160 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro; La gestione dei dati cartografici; pag. 13 di 19

14 La gestione dei requisiti e il governo dell outsourcing di progetto; Analisi di rischio connesso alla valutazione dei siti contaminati; D.lgs 81/08 Testo Unico su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e modello organizzativo e di gestione; Applicazione del Regolamento comunitario REACH; Corso REMOVER; Alimenti destinati al consumo umano: Regolamenti Europei e Sistema di allerta; Incidenti rilevanti: Piani di emergenza esterna; L. 125/91 Le Azioni Positive; Le Pari Opportunità nella Pubblica Amministrazione; Corso base sul Sistema di Programmazione e controllo di gestione Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; pag. 14 di 19

15 5 AMBITI TEMATICI La proposta operativa di Piano triennale è stata concepita in modo tale da prevedere i seguenti ambiti tematici. A B C D E F G H L M N Sistemi informatici e informativi Attività amministrative e gestionali Sicurezza nell ambiente di lavoro Comunicazione Sistema di Gestione e Sviluppo organizzativo Attività di Laboratorio Attività di territorio Ambiente e Impianti Meteorologia, idrografia e climatologia Pianificazione e controllo Attività di coordinamento e innovazione tecnica Educazione ambientale e sostenibilità ambientale pag. 15 di 19

16 6 INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ Le priorità di intervento dei percorsi di formazione così come verranno distribuiti all interno dei Piani Annuali di Formazione sono di seguito rappresentate e potranno interessare tutti gli ambiti tematici. In particolare: - primo anno, implementazione di tutti i percorsi che contribuiscono al completamento della riorganizzazione; - secondo anno, stabilizzazione del percorso, prosecuzione del processo di omogeneizzazione delle attività e potenziamento del senso di appartenenza al sistema; - terzo anno, affinamento, miglioramento e l aggiornamento del know-how esistente; pag. 16 di 19

17 7 STRUMENTI DI ATTUAZIONE PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE L Agenzia nell attuazione dei Piani Annuali di Formazione intende privilegiare la realizzazione di corsi interni che permettono di adattare gli interventi formativi ai cambiamenti organizzativi e di ottenere l attivazione di percorsi di crescita ed integrazione professionale di ampie fasce di operatori. I corsi potranno essere realizzati ricorrendo a docenti interni e docenti esterni: - docenti interni al fine di valorizzare il potenziale culturale degli operatori nonché di garantire un punto di riferimento, anche successivamente al momento d aula; - docenti esterni qualificati quando siano richieste capacità professionali non presenti all interno dell Agenzia stessa ovvero per l esigenza di affrontare tematiche che necessitano di approfondimento e confronto con altre realtà. La formazione dovrà essere orientata sempre più allo sviluppo del saper fare specifico attraverso sia il miglioramento della didattica d aula sia la definizione di nuovi spazi per modalità di partecipazione più innovative, compresa la formazione così detta on the job, avendo cura che sia ben mirata su problematiche che si prestano ad essere affrontate in piccoli gruppi con finalità particolarmente concrete, nonché l introduzione di altre tecniche di apprendimento fuori aula quali ad esempio l e-learning. Si potrà in ogni caso prevedere anche la partecipazione ad iniziative formative effettuate all esterno dell Agenzia in particolar modo quando il numero esiguo degli operatori coinvolti o la specificità dell argomento o delle tecniche da acquisire non consentono di attivare iniziative interne. La finalità di tali corsi dovrà inoltre essere quella di creare le giuste competenze e di trasferire le conoscenze acquisite all interno dell Agenzia stessa. pag. 17 di 19

18 8 PIANO DEGLI INVESTIMENTI Al fine di consentire il miglioramento/razionalizzazione dell attività di formazione e l attivazione di corsi di formazione a distanza attraverso le tecniche di e-learnig è necessario prevedere una serie di investimenti dedicati. In particolare per la piattaforma e-learning si richiamano di seguito i beni da acquisire: BENE MOTIVAZIONE ACQUISTO QUANTITA COSTO STIMATO Sistema e-learning Il Sistema e-learning (detto per la formazione a anche "piattaforma open distanza, costituito source") è indispensabile per da un Server di erogare la formazione a appoggio ("spazio distanza (FAD) sia su Internet storage"), da che su rete Intranet software e database aziendale. Dato il volume dei dedicato. dati che il Sistema deve elaborare, occorre un software specifico, un database, e un Server dedicato che abbia uno spazio disco ("storage") sufficiente a supportare la potenza di calcolo. Sistema di video conferenza Per consentire l avvio di contatti interni fra la sede centrale ed i dipartimenti (con conseguente riduzione dei costi di spostamento del personale) ed esterni anche con le altre realtà del sistema agenziale SUB TOTALE Inoltre, sulla scorta dell esperienza maturata nel precedente triennio, si ritiene altresì opportuno prevedere la possibilità di allestire una opportuna aula web presso la Sede di Genova strutturata con almeno n postazioni PC e con sistema di videoproiezione. pag. 18 di 19

19 Attesa l attuale disponibilità di personal computer, già acquisiti nel corso del precedente Piano 2008, occorre prevedere le spese per la fornitura degli arredi (scrivanie, sedie, telo da video proiezione fisso, video proiettore, microfoni, audioregistratori portatili) e della realizzazione impiantistica per un costo complessivo presunto pari a Qualora non fosse possibile la realizzazione della suddetta aula occorre preventivarne l affitto presso altra struttura con un costo quantificabile in 200/al giorno. pag. 19 di 19

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO COMPILAZIONE SCHEDA DI ACCESSO

CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO COMPILAZIONE SCHEDA DI ACCESSO SERVIZIO FORMAZIONE E SVILUPPO R. U. CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO Guida per i frequentatori dei laboratori Per ogni frequentatore che deve accedere ai laboratori di Ateneo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private Febbraio 2010 e-learning Academy, ovvero... la Formazione a Distanza a portata di Internet

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua Eventi definitivi MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 18 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3.

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl Fig.1 GraficoOrganigrammaDatréSrl AREA PRODUZIONE AREA GESTIONALE AREA FORMAZIONE Rappresentantelegale Direttorestrutturaformativa StefaniaBracci ComitatoScientifico Coordinatore R.W.Stockbrugger SegreteriaEcm

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli