PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011"

Transcript

1 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009

2 SOMMARIO 1 PREMESSA QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO LE NORME CONTRATTUALI LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA ECM LA DIRETTIVA FRATTINI L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ DI FORMAZIONE IL SETTORE MARKETING, COMUNICAZIONE E FORMAZIONE SIFORMA IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE OBIETTIVI ESIGENZE FORMATIVE DELLE STRUTTURE DELL AGENZIA VALUTAZIONI DELLA FORMAZIONE REALIZZATA NEL TRIENNIO AMBITI TEMATICI INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ STRUMENTI DI ATTUAZIONE PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE PIANO DEGLI INVESTIMENTI...18 pag. 2 di 19

3 1 PREMESSA Il presente Piano Triennale di Formazione (PTF) del personale dell Agenzia nasce dall esigenza di prosecuzione dell attività formativa obbligatoria, nel segno della continuità con i Piani precedentemente portati a compimento e giunti alla naturale scadenza. Il presente documento assume una connotazione di valenza ancor più significativa per l ARPAL, dovendo incidere in un arco temporale che ha preso avvio con il varo, dal , del Nuovo Assetto Organizzativo dell Agenzia. Esso rappresenta dunque uno strumento strategico e non può prescindere dalle necessità formative che normalmente accompagnano i processi di trasformazione aziendale. Si è provveduto ad una nuova codifica delle attività secondo quanto esplicitato nel seguito del documento. pag. 3 di 19

4 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 2.1 LE NORME CONTRATTUALI In materia di Formazione, sono tuttora vigenti gli articoli dei CCNNLL laddove se ne prevede la formazione e l aggiornamento professionale obbligatorio. La formazione obbligatoria programmata fa riferimento al Piano Triennale di Formazione(PTF), documento d indirizzo che indica gli ambiti tematici di intervento, e ai conseguenti Piani annuali di formazione. Il Piano Triennale costituisce il punto di riferimento per la redazione del Piano Annuale di Formazione (PAF) che riporterà l elenco dei corsi di formazione obbligatoria da programmare ed espletare nei singoli anni. Nel corso dell anno potranno verificarsi esigenze formative non previste dal PAF, anche di natura strategica, in ragione di emergenze, aggiornamenti legislativi, mutamenti di scenario e contingenze di varia natura tali da renderne necessaria l esecuzione (formazione obbligatoria non programmata). Tali esigenze vengono sottoposte al vaglio della Commissione Paritetica per la Formazione Obbligatoria non programmata e facoltativa a tal fine costituita con Deliberazione n. 24 del LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA ECM Come è noto, Il Ministero della Salute, con Decreto del , ha definito il programma sull Educazione Continua in Medicina (ECM) secondo quanto disposto dal DLgs 229/99 con l obbligo di partecipazione al processo di aggiornamento costante, registrato e monitorato attraverso l acquisizione di specifici crediti formativi, di ogni operatore sanitario. pag. 4 di 19

5 Nel precedente triennio formativo si è ritenuto di grande importanza cogliere gli elementi innovativi offerti dal sistema ECM, una modalità di aggiornamento ampiamente in uso nel contesto aziendale europeo, in ambito sanitario. Dal 2003 ARPAL si è attivata concretamente divenendo Organizzatore di eventi ECM registrati presso il Ministero della Salute con l assegnazione dei Crediti Formativi alle differenti figure professionali interessate (personale interno ed esterno). Nel novembre 2005 il Ministero della Salute ha equiparato ARPAL alle Aziende Sanitarie, conferendo la facoltà di inserire nel circuito nazionale Progetti Formativi Aziendali, rivolto unicamente al personale interno, con riconoscimento, di fatto, della qualità degli interventi proposti all accreditamento. Successivamente, nel 2006: - con Deliberazione della Giunta Regionale n. 544 del 01/06/2006 ad oggetto: "Approvazione elenco dei Provider ECM regionali accreditati per la fase propedeutica", ARPAL è entrata ufficialmente a far parte del Sistema ECM Regionale; - con Deliberazione della Giunta Regionale n. 472 del 19/05/06 ARPAL è stata riconosciuta come Sede Formativa accreditata identificandole la possibilità di proporre e realizzare attività di orientamento e formazione professionale, finanziate con risorse pubbliche, nel rispetto degli obiettivi della programmazione regionale. In virtù di quanto sopra, ARPAL proseguirà nella proposizione di interventi formativi finalizzati all accreditamento ECM. 2.3 LA DIRETTIVA FRATTINI La Direttiva 13 dicembre 2001 riguardante la Formazione e valorizzazione del personale delle Pubbliche Amministrazioni detta una serie di principi guida per assicurare la qualità della formazione prendendo in esame le diverse fasi del pag. 5 di 19

6 processo formativo che devono essere oggetto di analisi, riflessione e programmazione da parte delle Amministrazioni provvedendo a: individuare i destinatari della formazione e le loro esigenze; rilevare i fabbisogni formativi; progettare le iniziative di formazione; formulare la domanda formativa; selezionare i servizi formativi ed i soggetti fornitori; monitorare e valutare gli effetti. Le amministrazioni devono essere coinvolte in tutto l'arco del processo formativo, dalla progettazione al monitoraggio e al sostegno in itinere, fino alla valutazione conclusiva; possono comunque avvalersi in ogni fase dell'apporto di strutture esterne pubbliche e private. Per quanto riguarda la progettazione degli interventi formativi, la direttiva si concentra essenzialmente sull'elencazione degli elementi da considerare, e raccomanda l'istituzione di banche dati in cui organizzare e raccogliere sistematicamente tutte le informazioni rilevanti. La scelta dei soggetti erogatori della formazione è libera, ma le amministrazioni sono invitate a comporre una propria lista di possibili fornitori che soddisfino determinati requisiti di qualità. Le amministrazioni devono attivare sistemi di monitoraggio della qualità delle azioni formative durante la loro erogazione, sulla base di parametri esplicitamente individuati che consentano di verificare l'adeguatezza dei contenuti, il grado di corrispondenza del progetto e delle azioni ai bisogni del personale, l'efficacia e l'efficienza degli aspetti operativi. ARPAL, a tale riguardo, ha seguito nel tempo gli indirizzi contenuti nella Direttiva e sta provvedendo al miglioramento delle procedure di gestione e registrazione della propria formazione. pag. 6 di 19

7 3 L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ DI FORMAZIONE 3.1 IL SETTORE MARKETING, COMUNICAZIONE E FORMAZIONE Nel nuovo assetto organizzativo dell Agenzia il Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, relativamente ai processi di formazione interna, svolge i seguenti compiti e finalità principali previste dalle declaratorie dell assetto organizzativo dell Agenzia approvate con Decreto del DG n. 141 del 15/04/2009. A tale proposito si evidenzia che ARPAL dispone di procedure che definiscono le modalità di progettazione ed erogazione dei corsi e di strumenti che ne permettono la registrazione aggiornati periodicamente. 3.2 SIFORMA ARPAL si è dotata di uno strumento informatico S.I.FORMA avente quale obiettivo il supporto alla gestione unitaria, uniforme ed integrale di tutte le informazioni connesse alla definizione, realizzazione, gestione di corsi (di formazione, di aggiornamento, di addestramento) nelle diverse tipologie (ECM, interni, esterni). SIFORMA permette di gestire le seguenti funzioni: 1. Definizione dei corsi (composizione, punteggi, costi ) e del relativo calendario. 2. Iscrizione dei partecipanti. 3. Rendicontazione della partecipazione ai corsi (studenti e docenti) e definizione degli esiti. 4. Produzione documenti di gestione dei corsi (scheda presenze, valutazione). 5. Produzione attestati. pag. 7 di 19

8 6. Produzione schede riepilogative della situazione utente (partecipazione ai corsi). 7. Individuazione dei corsi sulla base di vari criteri. 8. Rapporti di sintesi sui corsi (costi, punteggi totali ). 9. Registrazione valutazioni e produzione valutazioni di sintesi. 10. Rapporti relativi dei corsi (in relazione alle abilitazioni degli utenti). 11.Integrazione con il sistema di autenticazione e autorizzazione (GSO) per la gestione dei diritti di accesso relativi alle seguenti classi di utenza: - Amministratore del sistema: attività speciali di gestione. - Operatore del Settore Marketing, Comunicazione e Formazione e della U.O. Organizzazione e Sistemi: attività ordinaria di accesso e modifica dati. - Responsabile di struttura: consultazione delle informazioni relative a personale di competenza. - Dipendente ARPAL: consultazione della propria situazione e dell anagrafica corsi. Il settore Marketing, Comunicazione e formazione provvederà all implementazione di SIFORMA anche in funzione della nuova organizzazione. pag. 8 di 19

9 4 IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE Gli ambiti tematici del Piano triennale di formazione sono stati definiti attraverso: 1. gli obiettivi definiti sulla base delle scelte strategiche dell Agenzia e degli indirizzi regionali assegnati; 2. la raccolta e l analisi delle esigenze formative delle strutture dell Agenzia raccolte e analizzate; 3. le valutazioni sulla formazione realizzata nel triennio OBIETTIVI Nell ambito della riorganizzazione, l Agenzia intende valorizzare e sviluppare al massimo le competenze delle risorse umane, realizzarne appieno le potenzialità, accrescerne l'impegno, la professionalità e la partecipazione e soprattutto promuovere tra di esse una cooperazione efficace. In tale contesto gli obiettivi del Piano Triennale di Formazione dovranno sostenere il percorso di riorganizzazione attraverso: o lo sviluppo di competenze tecniche specifiche e specilaistiche necessarie per la messa a regime del modello di riorganizzazione stesso; o o o lo sviluppo di competenze gestionali e organizzative dei Dirigenti; la crescita professionale del personale; l aumento della consapevolezza del lavoro in team e di adattamento alle innovazioni. 4.2 ESIGENZE FORMATIVE DELLE STRUTTURE DELL AGENZIA Dall analisi del fabbisogno formativo espresso dalle varie strutture dell Agenzia, emerge una generale e diffusa richiesta di aggiornamento delle competenze pag. 9 di 19

10 tecniche e specialistiche, sia in relazione all evoluzione tecnologica sia all implementazione dell organizzazione dell Agenzia. 4.3 VALUTAZIONI DELLA FORMAZIONE REALIZZATA NEL TRIENNIO Di seguito vengono riassunti i dati annuali dell attività formativa realizzata nel triennio laddove disponibili nelle forme aggregate. Sarà cura della struttura di riferimento provvedere all adeguamento del sistema SIFORMA per una elaborazione omogenea del triennio ANNO 2006 Nell anno 2006 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 39 Corsi di formazione svolti in n. 73 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n unità di personale interno, di cui n. 18 sono relativi all avvio di Corsi di perfezionamento della lingua inglese, riservati a tutto il personale ARPAL a tempo indeterminato, in servizio sia presso la Sede Centrale di Genova che presso le Sedi dipartimentali di Imperia, La Spezia, Savona. Sono stati accreditati dal Ministero della Salute nel circuito ECM per la formazione continua, n 4 di questi corsi, svolti in n 11 edizioni totali. Inoltre sono stati accreditati dal Ministero della Salute nel circuito ECM per la formazione continua n. 2 corsi di cui sopra, organizzati da ARPAL nell ambito del progetto 3b-MIS, svoltisi a Roma e destinati a personale di altre A.R.P.A. per un totale di n. 50 partecipanti. A seguito dell accreditamento ECM presso il Sistema Regionale a partire dal 2006, ARPAL ha presentato, in qualità di Provider Regionale, n. 2 eventi formativi ECM, svoltisi a Genova in unica edizione e rivolti a personale interno (operatori del territorio). Le ore totali di formazione sono state n 1057, con l attribuzione di n 704 crediti ECM complessivi. pag. 10 di 19

11 A n 47 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 94 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro. Aggiornamento e perfezionamento della lingua inglese. Lo sviluppo abilità manageriali; Sistema Qualità: formazione sull utilizzo dei documenti del Sistema di Gestione; Applicazione della Privacy negli Enti Pubblici; Formazione su nuovi sistemi informativi aziendali; Aggiornamento Direttiva 97/23/CE (PED) sugli impianti a pressione; Aggiornamento Normativo in materia di etichettatura e trasporto sostanze e preparati pericolosi. Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; Aggiornamento su competenze, tecniche e strumenti relativi all educazione ambientale. pag. 11 di 19

12 ANNO 2007 Nell anno 2007 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 21 Corsi di formazione svolti in n. 31 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n 789 unità di personale interno. Sono stati accreditati presso il circuito ECM Nazionale del Ministero della Salute n. 8 eventi e presso il Sistema ECM Regionale (in qualità di Provider) n. 3 progetti formativi. Le ore totali di formazione sono state n 422, con l attribuzione di n 936 crediti ECM complessivi. Nell'arco dell'anno, un totale di n 10 "Corsi propedeutici per il perfezionamento della lingua inglese" (attivati nell anno 2006) si sono conclusi presso tutte le sedi Dipartimentali. A n 47 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 81 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro. Contabilità generale economico/patrimoniale; Formazione su nuovi sistemi informativi aziendali; La gestione delle verifiche impiantistiche (SI.GE.VI); Fonometria rilevazione ed applicazioni in campo; Gru per servizio portuale ed industria pesante; Attività di verifica e controllo degli impianti a pressione: nuove linee guida; Aggiornamento Normativo in materia di etichettatura e trasporto sostanze e preparati pericolosi; Circuiti interlaboratorio; Approccio biologico al controllo ed al monitoraggio dell ambiente; Organizzazione dei controlli integrati ai sensi del D.lgs. 59/05; pag. 12 di 19

13 Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; ANNO 2008 Nell anno 2008 sono stati realizzati (progettati in Agenzia ed erogati) n 15 Corsi di formazione svolti in n. 30 edizioni complessive, a cui hanno partecipato n 237 unità di personale interno. Sono stati accreditati presso il circuito ECM Nazionale del Ministero della Salute n. 4 progetti formativi aziendali e presso il Sistema ECM Regionale (in qualità di Provider) n. 6 eventi formativi a tipologia interna/esterna/mista. Le ore totali di formazione sono state n 442, con l attribuzione di n 212 crediti ECM complessivi. A n 49 Corsi/Convegni organizzati da altri Enti di formazione hanno partecipato n 160 unità di personale ARPAL. I corsi sono rientrati negli ambiti tematici di: Aggiornamento e formazione sui temi relativi alla Sicurezza nell ambiente di lavoro; La gestione dei dati cartografici; pag. 13 di 19

14 La gestione dei requisiti e il governo dell outsourcing di progetto; Analisi di rischio connesso alla valutazione dei siti contaminati; D.lgs 81/08 Testo Unico su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e modello organizzativo e di gestione; Applicazione del Regolamento comunitario REACH; Corso REMOVER; Alimenti destinati al consumo umano: Regolamenti Europei e Sistema di allerta; Incidenti rilevanti: Piani di emergenza esterna; L. 125/91 Le Azioni Positive; Le Pari Opportunità nella Pubblica Amministrazione; Corso base sul Sistema di Programmazione e controllo di gestione Aggiornamento normativo, innovazioni, applicazioni, nuove tecnologie, automazione, campionamento, preparativa correlata e tecniche analitiche di misura, per i temi di: microbiologia e parassitologia; tossicologia ambientale; chimica analitica; analisi strumentali (HPLC e IC, GC e GC-massa, AA ed ICP); microscopia elettronica; inquinanti e micro-inquinanti organici; pesticidi; Aggiornamento tecnico-normativo, rilevazione, controllo, valutazione e gestione per i temi: rifiuti; tutela del suolo; bonifiche; inquinamento atmosferico; acque e risorse idriche; ambiente marino costiero; fondali e dragaggi portuali; prevenzione collettiva; natura e biodiversità; ambienti indoor; radiazioni ionizzanti; inquinamento elettromagnetico; inquinamento acustico e da vibrazioni; impianti elettrici; impianti meccanici e di sollevamento; impianti a pressione; emergenze ambientali; impianti produttivi a rischio; Aggiornamento in tema di meteorologia, idrologia e climatologia; pag. 14 di 19

15 5 AMBITI TEMATICI La proposta operativa di Piano triennale è stata concepita in modo tale da prevedere i seguenti ambiti tematici. A B C D E F G H L M N Sistemi informatici e informativi Attività amministrative e gestionali Sicurezza nell ambiente di lavoro Comunicazione Sistema di Gestione e Sviluppo organizzativo Attività di Laboratorio Attività di territorio Ambiente e Impianti Meteorologia, idrografia e climatologia Pianificazione e controllo Attività di coordinamento e innovazione tecnica Educazione ambientale e sostenibilità ambientale pag. 15 di 19

16 6 INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ Le priorità di intervento dei percorsi di formazione così come verranno distribuiti all interno dei Piani Annuali di Formazione sono di seguito rappresentate e potranno interessare tutti gli ambiti tematici. In particolare: - primo anno, implementazione di tutti i percorsi che contribuiscono al completamento della riorganizzazione; - secondo anno, stabilizzazione del percorso, prosecuzione del processo di omogeneizzazione delle attività e potenziamento del senso di appartenenza al sistema; - terzo anno, affinamento, miglioramento e l aggiornamento del know-how esistente; pag. 16 di 19

17 7 STRUMENTI DI ATTUAZIONE PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE L Agenzia nell attuazione dei Piani Annuali di Formazione intende privilegiare la realizzazione di corsi interni che permettono di adattare gli interventi formativi ai cambiamenti organizzativi e di ottenere l attivazione di percorsi di crescita ed integrazione professionale di ampie fasce di operatori. I corsi potranno essere realizzati ricorrendo a docenti interni e docenti esterni: - docenti interni al fine di valorizzare il potenziale culturale degli operatori nonché di garantire un punto di riferimento, anche successivamente al momento d aula; - docenti esterni qualificati quando siano richieste capacità professionali non presenti all interno dell Agenzia stessa ovvero per l esigenza di affrontare tematiche che necessitano di approfondimento e confronto con altre realtà. La formazione dovrà essere orientata sempre più allo sviluppo del saper fare specifico attraverso sia il miglioramento della didattica d aula sia la definizione di nuovi spazi per modalità di partecipazione più innovative, compresa la formazione così detta on the job, avendo cura che sia ben mirata su problematiche che si prestano ad essere affrontate in piccoli gruppi con finalità particolarmente concrete, nonché l introduzione di altre tecniche di apprendimento fuori aula quali ad esempio l e-learning. Si potrà in ogni caso prevedere anche la partecipazione ad iniziative formative effettuate all esterno dell Agenzia in particolar modo quando il numero esiguo degli operatori coinvolti o la specificità dell argomento o delle tecniche da acquisire non consentono di attivare iniziative interne. La finalità di tali corsi dovrà inoltre essere quella di creare le giuste competenze e di trasferire le conoscenze acquisite all interno dell Agenzia stessa. pag. 17 di 19

18 8 PIANO DEGLI INVESTIMENTI Al fine di consentire il miglioramento/razionalizzazione dell attività di formazione e l attivazione di corsi di formazione a distanza attraverso le tecniche di e-learnig è necessario prevedere una serie di investimenti dedicati. In particolare per la piattaforma e-learning si richiamano di seguito i beni da acquisire: BENE MOTIVAZIONE ACQUISTO QUANTITA COSTO STIMATO Sistema e-learning Il Sistema e-learning (detto per la formazione a anche "piattaforma open distanza, costituito source") è indispensabile per da un Server di erogare la formazione a appoggio ("spazio distanza (FAD) sia su Internet storage"), da che su rete Intranet software e database aziendale. Dato il volume dei dedicato. dati che il Sistema deve elaborare, occorre un software specifico, un database, e un Server dedicato che abbia uno spazio disco ("storage") sufficiente a supportare la potenza di calcolo. Sistema di video conferenza Per consentire l avvio di contatti interni fra la sede centrale ed i dipartimenti (con conseguente riduzione dei costi di spostamento del personale) ed esterni anche con le altre realtà del sistema agenziale SUB TOTALE Inoltre, sulla scorta dell esperienza maturata nel precedente triennio, si ritiene altresì opportuno prevedere la possibilità di allestire una opportuna aula web presso la Sede di Genova strutturata con almeno n postazioni PC e con sistema di videoproiezione. pag. 18 di 19

19 Attesa l attuale disponibilità di personal computer, già acquisiti nel corso del precedente Piano 2008, occorre prevedere le spese per la fornitura degli arredi (scrivanie, sedie, telo da video proiezione fisso, video proiettore, microfoni, audioregistratori portatili) e della realizzazione impiantistica per un costo complessivo presunto pari a Qualora non fosse possibile la realizzazione della suddetta aula occorre preventivarne l affitto presso altra struttura con un costo quantificabile in 200/al giorno. pag. 19 di 19

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Responsabile del procedimento: Il Dirigente Responsabile U.O. Affari Generali e Legali: Luca Comelli Estensore Provvedimento: M.C. Grieco Decreto

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

La Direzione Generale

La Direzione Generale La Direzione Generale Segreteria DG Pianificazione & Controllo Pianificazione e Programmazione Controllo di di Gestione Sistemi Informativi Marketing Comunicazione e Formazione Rapporti istituz. Marketing

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Documento di sintesi

Documento di sintesi Documento di sintesi ORGANIZZAZIONE A.R.T.A. ABRUZZO L A.R.T.A. è organizzata, ai sensi degli articoli 15, 16, 17 e 18 e 30 della legge istitutiva, a livello centrale e periferico. La Direzione Centrale,

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati. Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013

Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati. Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013 Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013 Piano regionale di bonifica dei siti contaminati Il Piano si propone: di fornire il quadro delle aree contaminate

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Scienze dell Ambiente, della Sicurezza, del Territorio, degli Alimenti e della Salute (S.A.S.T.A.S.) Sez. Medicina del Lavoro MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE

Dettagli

Piano di Formazione 2013

Piano di Formazione 2013 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero,

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte.

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte. CONSULENZE E CORSI CONSULENZA SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione e valutazione dei rischi derivanti dallo svolgimento dell attività lavorativa (D.Lgs 81/08); Redazione del Documento di Valutazione

Dettagli

Piano della prestazione e dei risultati 2012-2014

Piano della prestazione e dei risultati 2012-2014 Piano della prestazione e dei risultati 2012-2014 EXECUTIVE SUMMARY estratto dall Allegato n. 2 alla Deliberazione n. 13 del 31 /01/2012 Piano della prestazione e dei risultati 2012-2014 executive summary

Dettagli

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013 AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 203 sviluppare sensibilità e competenze per accrescere la sicurezza in azienda Cerform è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna ed è certificato CORSI PER ASPP RSPP

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Presentazione dell Istituto

Presentazione dell Istituto CIGNA BARUFFI- PLESSO Revisione 04 Pagina 1 di 9 INDICE 1 MISSIONE... 2 2 INFORMAZIONI GENERALI... 2 3 ORGANIGRAMMA DELL ISTITUTO... 2 4 SERVIZI EROGATI... 2 5 POLITICA PER LA QUALITÀ... 2 6 UTENTI...

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE

DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE DICEMBRE 2014 INDICE 1. Premessa pag. 3 2. I bisogni formativi pag. 4 3. L attività formativa realizzata nel 2015 pag. 9 4. La programmazione 2015 pag. 11

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

Enti Pubblici AGENZIE REGIONALI ARPALAZIO

Enti Pubblici AGENZIE REGIONALI ARPALAZIO Enti Pubblici AGENZIE REGIONALI ARPALAZIO Avviso Bando di avviso pubblico - codice avviso : 02. In esecuzione della deliberazione n. 159 del 13/11/2015, che qui intende integralmente riprodotta è indetto

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori 1 SANITANOVA nasce dalla sinergia imprenditoriale e manageriale di professionisti operanti da decenni nel settore sanitario, realizza progetti e fornisce soluzioni innovative di consulenza e formazione

Dettagli

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi Accordo tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero della Salute, le Regioni e le Province autonome di Treno e di Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell articolo

Dettagli

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa Unione Europea Fondo Sociale Europeo Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Molti problemi affrontati quotidianamente evidenziano la necessità di migliorare e confrontare le conoscenze fra operatori di Aziende Sanitarie e

Molti problemi affrontati quotidianamente evidenziano la necessità di migliorare e confrontare le conoscenze fra operatori di Aziende Sanitarie e Molti problemi affrontati quotidianamente evidenziano la necessità di migliorare e confrontare le conoscenze fra operatori di Aziende Sanitarie e Agenzie Ambientali Alcuni esempi di problemi ad alta complessità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Introduzione La presente relazione sintetizza il quadro di iniziative messe in atto nell arco temporale ricompreso tra il 1 gennaio ed il

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Dott. Giancarlo Negrello

Dott. Giancarlo Negrello Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell'articolo 37,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI E PREMESSO 1. che l'art. 1, comma 1, del Codice della Strada prevede che "la sicurezza

Dettagli

1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita. 1.1.2 Obiettivi. 1.1.3 Destinatari. 1.1.4 Articolazione e struttura dell intervento

1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita. 1.1.2 Obiettivi. 1.1.3 Destinatari. 1.1.4 Articolazione e struttura dell intervento 1.1 SCHEDA INTERVENTO 2 1.1.1 Titolo dell intervento Infertilità e fecondazione assistita 1.1.2 Obiettivi Negli ultimi venti anni, le conoscenze in materia di medicina riproduttiva si sono incredibilmente

Dettagli

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07.

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07. Anno XXXIX - N. 27 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 2.07.2008 - pag. 3778 Nazionale per la Protezione dell Ambiente, nonché l art. 11 lett. j), che affida all ARPAL l espletamento delle

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2016. Redatto ai sensi dell'articolo 9, comma 7 del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012

Obiettivi di accessibilità per l anno 2016. Redatto ai sensi dell'articolo 9, comma 7 del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012 Obiettivi di accessibilità per l anno 2016 Redatto ai sensi dell'articolo 9, comma 7 del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012 Divisione pianificazione, sviluppo e controllo interno - Dicembre 2015

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

ACCORDO STATO REGIONI N 221 DEL 21/12/2011 PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AI SENSI DELL ART. 37 COMMA 2 D.LGS. 81/08

ACCORDO STATO REGIONI N 221 DEL 21/12/2011 PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AI SENSI DELL ART. 37 COMMA 2 D.LGS. 81/08 D.Lgs. 81/08 All. XV estratto dei contenuti del POS 2) La specifica attività e le singole lavorazioni svolte in cantiere dalla ditta esecutrice e dai L.A. subaffidatari 3) Il nominativo degli addetti alle

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Documento: GEN-ESP-MG-Strutturaattività-00 Data modifica: 12/02/2008 Data stamp:04.06.2008

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO TURISMO ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI ORIENTAMENTO SPORTIVO

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE Posizioni Organizzative Personale dei livelli 1 Metodologia valutazione PO ex art 31 rev4 Sommario CAPO I 2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli.

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli. FONDO FORMAZIONE ITALIA Breve guida per i PROPONENTI La presente guida è stata elaborata con l intento di illustrare sinteticamente il modello organizzativo adottato da FondItalia, con particolare riferimento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maurizio Vitali Indirizzo Via Alghero, 2 41125 Modena Telefono 347/3232295 Fax 059/3680001 E-mail m.vitali@virgilio.it

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2011 2013 Art.2

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE SERVIZIO. AREA Progetto esecutivo REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE Responsabile di progetto : CROATTI GABRIELE

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Attraverso un approccio integrato, una struttura flessibile e una spiccata preparazione professionale, Consilia offre

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia Fondo Interprofessionale FOR.TE. Piano Formativo PIT STOP Relazione Finale 1. Dati identificativi del Piano Piano Formativo: Codice RUP: Natura del piano: Settore: Presentatore: Attuatore: Supporto: Durata

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Eco Chimica Romana CHI SIAMO

Eco Chimica Romana CHI SIAMO CHI SIAMO Eco Chimica Romana L Eco Chimica Romana, è specializzata in servizi e consulenza alle aziende nei settori della tutela ambientale, della sicurezza sul lavoro e dell igiene degli alimenti. Il

Dettagli

REGOLAMENTO (Adottato con deliberazione n. 21 del 03/02/2005)

REGOLAMENTO (Adottato con deliberazione n. 21 del 03/02/2005) Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio ARPA Lazio REGOLAMENTO (Adottato con deliberazione n. 21 del 03/02/2005) 1 INDICE TITOLO I - Principi generali Art.1 - Oggetto del regolamento Art.2

Dettagli

Accademi@Sicurezza. SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento

Accademi@Sicurezza. SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento Accademi@Sicurezza SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento Luglio 2012 Alcuni assunti sulla formazione per la sicurezza La sicurezza è un fenomeno comportamentale

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 1 Insegnamento: AGRONOMIA E ARBORICOLTURA I Modulo:

Dettagli

Operatori grafici indirizzo Multimedia

Operatori grafici indirizzo Multimedia Anno scolastico 2013/14 Operatori grafici indirizzo Multimedia (Deliberazione della Giunta Regionale del 4 febbraio 2014, n. 77 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 30 del 04/03/2014)

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 maggio 2007 - Deliberazione N. 853 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 9 Generalità. La Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di esplicitare e comunicare ai committenti e ai beneficiari gli impegni che il CONSORFORM assume nei loro confronti

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob. 2 2000-2006 Misura 4.1 Programma

Dettagli

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Sommario Premessa... 3 1. Definizione... 3 2. Destinatari... 3 3. Tipologie formative finanziabili... 3 4. Formazione blended...

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DI CUI ALLA L. 251/2000. TRA la Regione del Veneto

Dettagli

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Consorzio Innopolis La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Qualità è soddisfare le necessità del cliente e superare le sue stesse aspettative (D. W. Edwards) Sviluppiamo le vostre idee

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona 1 SOMMARIO 1.- DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE----------------------3 1.1.- Aspetti generali ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013)

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013) Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Vademecum per la costruzione di Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca (Agg. 18 marzo

Dettagli

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net NETWORK SICUREZZA leader thinks simplicity La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net I SISTEMI DI GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI OHSAS 18001 LINEE GUIDA UNI-INAIL UNI

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli