Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame Sintesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi"

Transcript

1 Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi

2 Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi settori della politica energetica rispetto all ultimo esame dell Agenzia Internazionale dell Energia (AIE) del La riuscita realizzazione del sistema dei certificati verdi e bianchi, così come i progressi significativi della riforma dei mercati dell energia elettrica e del gas naturale sono solo alcuni esempi di un impegno politico coerente con le raccomandazioni contenute nel precedente esame dell AIE; ma il futuro prossimo riserva ancora molte sfide. Il Governo Italiano vede con chiarezza l esigenza di diversificare il suo schema di approvvigionamento energetico per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili di importazione e per diminuire le emissioni di gas a effetto serra, che sono ancora in crescita. Nel 2008 il Governo ha annunciato l impegno di riavviare il programma nucleare civile e l'intendimento di avviare la realizzazione del primo nuovo impianto elettronucleare entro il Per raggiungere questo obiettivo l Italia deve darsi un insieme di regole efficaci, per identificare le criticità del sistema energetico, includendo l energia nucleare, e per affrontare senza indugi il processo di selezione dei siti e di concessione delle licenze d esercizio. L Italia dovrà affrontare un altra difficile sfida riguardo al pacchetto energia-ambiente dell Unione Europea per adeguarsi agli obiettivi concordati per la diffusione delle energie rinnovabili e per la limitazione delle emissioni. L Italia dunque deve ancora intensificare i suoi sforzi per rispettare i nuovi impegni, realizzando una strategia incisiva per la lotta al cambiamento climatico per gli anni a venire, fino al Nell estate del 2009 il Parlamento Italiano ha approvato un insieme di provvedimenti legislativi che mette le basi di una strategia energetica solida e di lungo termine. Il Governo deve cogliere questa opportunità per elaborare, con il contributo dell Industria, un nuovo piano strategico di lungo termine del settore energetico. Questo esame dell AIE analizza le sfide che l Italia deve affrontare in ambito energetico; formula alcune critiche specifiche per settore e propone alcune raccomandazioni per ulteriori affinamenti della politica energetica italiana; in ultima analisi, l obiettivo principale di tutto questo lavoro è di avviare l Italia verso un futuro energetico più sostenibile.

3 Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi ITALIAN TRANSLATION of Energy Policies of ITALY Review OECD/IEA, 2009 L AIE è autore della versione originale finale, ma non si assume responsabilità riguardo all accuratezza o completezza della presente traduzione. Questa pubblicazione viene tradotta sotto la responsabilità unica della Rappresentanza Permanente dell Italia presso l OCSE.

4 AGENZIA INTERNAZIONALE DELL ENERGIA L Agenzia Internazionale dell Energia (AIE) è un agenzia autonoma istituita nel novembre del Ha un doppio compito: promuovere la sicurezza energetica tra i Paesi membri attraverso una risposta collettiva a eventuali interruzioni nella fornitura di petrolio ed indirizzare i Paesi membri verso una politica energetica solida. L AIE porta avanti un programma di cooperazione energetica tra 28 economie avanzate, ciascuna delle quali è obbligata a mantenere una riserva equivalente a 90 giorni di importazioni nette di petrolio. L obiettivo dell Agenzia è: Assicurare l accesso di Paesi membri ad ampie e affidabili forniture di tutte le forme di energia. Promuovere politiche di energia sostenibile che incoraggino la crescita economica e la protezione ambientale. Migliorare la trasparenza dei mercati internazionali attraverso la raccolta e l analisi di dati sull energia. Sostenere la collaborazione globale sulle tecnologie energetiche per assicurarsi forniture energetiche sicure e mitigare l impatto ambientale, anche attraverso un efficienza energetica ottimizzata, lo sviluppo e l implementazione di tecnologie a basse emissioni di carbonio. OECD/IEA, 2010 Agenzia Internazionale dell Energia 9 rue de la Fédération Paris Cedex 15, France Individuare soluzioni per le sfide energetiche globali attraverso l impegno e il dialogo con Paesi non membri, l industria. La presente pubblicazione è soggetta a restrizioni specifiche che ne limitano l utilizzo e la distribuzione. Termini e Condizioni sono disponibili online all indirizzo: Australia Austria Belgio Canada Corea (Repubblica di) Danimarca Finlandia Francia Germania Giappone Grecia Irlanda Italia Lussemburgo Norvegia Nuova Zelanda Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Repubblica Ceca Repubblica Slovacca Spagna Stati Uniti Svezia Svizzera Turchia Ungheria Anche la Commissione europea partecipa ai lavori dell AIE Paesi membri AIE:

5 Sintesi e principali raccomandazioni 1 Sintesi Il Governo italiano ha compiuto notevoli progressi in diversi settori da quando è stata presentata l'ultima analisi approfondita della politica energetica nel Il successo dei programmi in materia di certificati verdi e certificati bianchi, la riorganizzazione e l'incessante riforma dei settori dell'elettricità e del gas naturale e l'attuazione di programmi di incentivi per l'energia rinnovabile rappresentano risultati notevoli. Tra le altre realizzazioni si annoverano nuovi investimenti in programmi di ricerca, sviluppo e dimostrazione della cattura e dello stoccaggio del carbonio (CCS) e l'adozione di procedure di pianificazione semplificate per le principali infrastrutture in materia di energia pulita. Tutte queste notevoli iniziative sono state intraprese sulla base delle raccomandazioni contenute nel rapporto del Il Governo ha fatto un grande sforzo nella ricerca di una soluzione per risolvere alcune delle principali problematiche energetiche che l'italia deve affrontare, rafforzando così la sicurezza energetica del Paese. Ha sviluppato un quadro di riferimento destinato a incoraggiare l'attuazione di una politica energetica che sia coerente con le esigenze dell'unione Europea. Inoltre, il Governo è riuscito a diversificare i percorsi di approvvigionamento del gas, almeno in materia di transito del gas dai gasdotti, ad aumentare notevolmente la capacità produttiva di elettricità, ed è in procinto di avviare un ulteriore processo di diversificazione dei combustibili per la generazione di energia elettrica. Inoltre, è stato inoltre attuato un Piano di Allocazione per il sistema di scambio delle quote di emissione di gas serra dell Unione Europea (ETS) ed è stata potenziata e rafforzata l'indipendenza del regolatore del settore, l'autorità per l'energia Elettrica e il Gas (AEEG). È stata commissionata la costruzione di un terminale off-shore per il gas naturale liquefatto (GNL), sono in fase di costruzione altre strutture destinate al GNL e nel primo semestre del 2009 è stata approvata una legge destinata ad autorizzare la costruzione di un certo numero di centrali nucleari dopo una moratoria durata più di vent'anni. L'AIE esprime apprezzamento per gli incessanti progressi compiuti dall'italia. Nonostante il successo del programma in materia di certificati bianchi e di altri programmi che offrono incentivi fiscali, l'italia deve prendere maggiori iniziative per sviluppare una strategia di efficienza energetica più vasta, coerente e basata su dati comprovati. Anche se a tale riguardo il primo Piano d'azione nazionale sull'efficienza energetica rappresenta un valido progresso, alcuni aspetti possono

6 essere migliorati: non è chiaro infatti quante misure proposte a favore del risparmio energetico potranno essere attuate o se il piano potrà ottenere i significativi livelli di risparmio energetico auspicati. In seguito all'entrata in vigore della legge N 99/2009, il Governo sta preparando un nuovo piano d'azione per l'efficienza energetica, in grado di risolvere i numerosi punti deboli individuati nell attuale politica energetica. L'Italia, il solo Paese membro del Gruppo degli otto Paesi più industrializzati (G8) che non produce energia nucleare, ha riconosciuto la necessità di diversificare il mix energetico per ridurre la sua grave dipendenza dall'importazione di combustibili fossili e di elettricità e anche per limitare, almeno nel lungo termine, i suoi livelli di emissione di CO2. L Italia è stata uno dei primi Paesi in Europa ad adottare un programma per la produzione di energia nucleare, abbandonato nel 1987 in seguito a un referendum. Nel maggio del 2008, il nuovo Governo italiano ha annunciato l intenzione di rilanciare il programma nucleare del Paese che prevede l'avvio della costruzione di una nuova centrale nucleare entro il Nel luglio 2009, il Governo ha approvato una legge a questo proposito che fornisce un quadro normativo per affrontare le problematiche in materia di localizzazione delle centrali, smaltimento dei rifiuti radioattivi, gestione dei rischi e disattivazione degli impianti. La nuova legge permetterà inoltre all'italia di ripristinare gli enti regolatori competenti e di formare il personale necessario per gestire e regolare il funzionamento degli impianti nucleari. Nonostante alcune difficoltà verificatesi nelle prime fasi della liberalizzazione e delle riforme di mercato portate avanti nel mercato elettrico, negli ultimi anni sono stati compiuti validi progressi, permettendo così di creare un solido quadro di riferimento per lo sviluppo di un mercato energetico italiano competitivo e per una fornitura di elettricità caratterizzata da efficienza e sicurezza sul lungo termine. L'Italia ha creato gli enti necessari e un modello di mercato che favorirà lo sviluppo di un mercato elettrico competitivo e ha già tratto vantaggio da un gran numero di benefici derivanti da tale quadro di riferimento, che comprendono l entrata di nuovi operatori nel mercato della generazione di elettricità, un più elevato livello di concorrenza, una migliore pianificazione sul lungo termine della rete infrastrutturale e validi incentivi per sviluppare nuove capacità di produzione laddove risultino maggiormente necessarie. Tali progressi, tuttavia, non devono occultare il fatto che in alcuni campi rimangono ancora iniziative da finalizzare, in particolar modo nel mercato al dettaglio dove non sembra stiano emergendo una reale concorrenza e miglioramenti della situazione del cliente finale. Da quando è stato pubblicato il rapporto precedente, la situazione del mercato del gas naturale ha subito numerosi cambiamenti e sviluppi. Il Governo ha intrapreso una serie di misure volte a imporre cambiamenti, tuttora in corso, alla struttura del mercato del gas al fine di assicurare un accesso equo ai gasdotti e una concorrenza efficace nell'approvvigionamento. All'operatore storico del gas, che in precedenza era un'impresa verticalmente integrata, sono stati imposti obblighi di separazione per le attività di trasmissione, approvvigionamento e stoccaggio del gas. Sono

7 stati fatti notevoli progressi in materia di gasdotti destinati all'importazione: alcuni impianti che permetteranno di aumentare la capacità d importazione sono in corso di costruzione mentre altri sono in una fase avanzata di sviluppo. Nonostante recenti risultati positivi, invece, alcune strutture per l'importazione di GNL rimangono ancora in una fase di progettazione e il potenziamento della capacità di esportazione dei gasdotti rimane limitata. Inoltre, rimane ancora molto da intraprendere nel mercato al dettaglio prima che i clienti finali possono beneficiare appieno delle riforme del mercato. Nonostante il Governo investa nella ricerca e lo sviluppo in campo tecnologico e siano state introdotte varie misure in momenti diversi e da vari enti governativi, la strategia generale sulla ricerca e lo sviluppo in campo energetico non sembra chiaramente definita a causa del decentramento di autorità e di una frammentazione delle responsabilità, che a volte complicano il processo decisionale e riducono potenzialmente l'impatto nazionale delle politiche. Ciononostante, l azione del Governo per aumentare i fondi disponibili per programmi di ricerca e sviluppo in materia energetica deve essere salutata con apprezzamento. Principali sfide da affrontare Il pacchetto clima-energia dell'unione Europea (UE) rende ancora più difficile il compito che attende i responsabili politici italiani. Gli obiettivi fissati per il 2020 in materia di riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra (GHG), di energie rinnovabili e di efficienza energetica eserciteranno una grande influenza sulla politica energetica dell'italia e di altri Stati membri dell'ue nel decennio a venire. In base al pacchetto clima-energia, l'italia dovrà ridurre le emissioni dei settori non ETS del 13% rispetto ai livelli del Per quanto riguarda gli obiettivi fissati dal protocollo di Kyoto, le emissioni dell'italia sono aumentate del 12% rispetto al 1990, il che rappresenta un differenziale del 18,5% senza possibilità di invertire la tendenza sul medio termine. Anche se l'italia preparasse e attuasse rapidamente una strategia unificata di misure nazionali, integrata con un maggior uso dei meccanismi flessibili previsti dal protocollo di Kyoto, è molto probabile che gli obiettivi previsti per il 2012 non possano essere raggiunti. Dall'analisi dei vari settori emerge un elemento comune a tutti gli operatori che realizzano infrastrutture energetiche: la difficoltà di far avanzare i progetti dalla fase di pianificazione iniziale alla fase di completamento. Nonostante numerose iniziative prese a livello dell'amministrazione pubblica centrale in questi ultimi anni, rimangono ancora problemi essenziali da risolvere come testimoniano i ritardi nella costruzione di nuove strutture destinate al GNL e alla fase di produzione upstream di petrolio e gas, di nuove infrastrutture per la trasmissione di energia elettrica e di nuovi impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Nelle circostanze attuali, è probabile che le proposte in materia di energia nucleare adottate recentemente possano incontrare ostacoli simili. La legge n. 99/2009 contiene una serie di disposizioni che possono permettere di trovare una soluzione

8 a varie problematiche. Il Governo deve continuare a intraprendere nuove azioni basandosi sul potenziale offerto dalla nuova legge con l'obiettivo di creare un processo più efficiente, integrato e trasparente. L'obiettivo da porsi dovrebbe essere quello di chiarire a tutte le parti interessate, compreso il pubblico, quali sono i costi e benefici della nuova infrastruttura e di coinvolgere nel processo, sin dall'inizio, tutte le parti in causa. Il Governo deve adottare una visione integrata di lungo termine che permetterà di procedere allo sviluppo efficiente del settore energetico. La posizione dell'italia in materia di energia rimane vulnerabile sotto vari aspetti e, in un passato prossimo, non era ancora stata elaborata una strategia coerente ed equilibrata per risolvere queste problematiche, nonostante sviluppi promettenti in molti settori. La sicurezza energetica continua, in particolar modo, a rappresentare una grave preoccupazione. L'aumento della capacità produttiva di elettricità è stato reso possibile soprattutto dall'utilizzo di gas, portando a un'accresciuta dipendenza dalle importazioni di gas. Tale dipendenza, però, potrebbe potenzialmente diminuire sul lungo termine se i programmi per lo sviluppo della capacità nucleare fossero portati a buon fine. La capacità di importazione dei gasdotti per il gas naturale è aumentata ma le interconnessioni con altre reti europee di gas naturale rimangono limitate. Questa situazione si è verificata nel contesto dei ritardi nel piano di diversificazione previsto per passare dal trasporto di gas via gasdotto al GNL, in parte a causa delle lungaggini necessarie per le autorizzazioni e lo sviluppo dei terminali GNL. Altri ritardi hanno inoltre caratterizzato lo sviluppo delle energie rinnovabili, la conversione di impianti di generazione elettrica a partire dal petrolio in impianti a carbone e il rilascio delle licenze di esplorazione e di produzione degli idrocarburi; va altresì ricordato che la recente normativa ha permesso di introdurre molte procedure semplificate. Principali raccomandazioni Il Governo italiano dovrebbe: Creare una strategia globale di lungo termine per lo sviluppo del settore energetico nazionale che sia coerente con i principi che regolano un mercato energetico liberalizzato. Continuare a implementare un processo efficiente al fine di identificare dove è necessario creare le infrastrutture energetiche essenziali, anche in materia di energia nucleare, e assicurarsi che la procedura prevista per la localizzazione di tali infrastrutture e il rilascio delle autorizzazioni, sia efficiente e semplificata. Accelerare gli sforzi per rispettare gli obblighi imposti dall'ue al 2020, in particolar modo sviluppando e attuando una strategia globale in materia di cambiamento climatico fino al 2020.

9 Politica energetica generale 2 Presentazione del Paese L'Italia, fatta eccezione per la pianura padana, è un Paese prevalentemente montagnoso. Il suo territorio ( km² di cui km² di terre arabili) comprende le isole della Sicilia, della Sardegna, dell'elba e circa 70 isole minori. Nel Paese vivono 59 milioni di abitanti e tra questi 22 milioni hanno accesso a un occupazione attiva. La lingua ufficiale è l'italiano ma in alcune regioni vi sono minoranze di lingua tedesca, francese e slovacca. Il potere legislativo della Repubblica Italiana è affidato a un Parlamento bicamerale, formato dal Senato della Repubblica e dalla Camera dei Deputati. Il Consiglio dei Ministri è guidato dal Presidente del Consiglio dei Ministri e i Ministri che lo compongono sono nominati dal Presidente della Repubblica in base alla capacità di formare un governo che goda della maggioranza parlamentare. Le recenti elezioni dell'aprile 2008 hanno portato alla formazione dell'attuale Governo guidato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi. La maggioranza parlamentare, alleanza dei principali partiti politici che siedono in Parlamento, è formata dal Popolo della Libertà, che comprende Forza Italia, Alleanza Nazionale, Democrazia Cristiana per le Autonomie e vari altri partiti minori. Le prossime elezioni sono previste per l'aprile Il Presidente della Repubblica, eletto ogni sette anni dal Parlamento in seduta comune e dai rappresentanti regionali, è privo di poteri esecutivi. L'attuale presidente, Giorgio Napolitano, eletto nel maggio del 2006, resterà in carica fino al maggio Secondo i principi fissati dalla Costituzione, il Paese è formato da 20 regioni, cinque delle quali sono dotate di uno statuto speciale di autonomia. Recentemente l'italia ha avviato un rapido processo di trasferimento della potestà legislativa e regolamentare alle regioni. Vari emendamenti costituzionali del 2001 hanno creato un nuovo quadro di riferimento per la condivisione delle competenze regolamentari, anche nel settore energetico, tra lo Stato e le regioni, particolarmente in quei campi in cui la competenza a legiferare è concorrente (statale e regionale) e nei campi in cui la competenza a legiferare è oggi esclusiva delle regioni. L'economia L Italia, membro fondatore dell Unione Europea, appartenente al gruppo dei Paesi del G8, registra un PIL pro capite appena superiore alla media europea. Si prevede che l attuale recessione mondiale continui a colpire il Paese fino

10 alla fine del 2009, con una lenta ripresa nel Il calo delle esportazioni e il deterioramento delle condizioni finanziarie hanno colpito duramente gli investimenti. Dopo un calo abbastanza drastico, gli investimenti dovrebbero indurre la ripresa. Data la debolezza della posizione di bilancio di fondo dell Italia, il Governo non ha intrapreso un espansione di bilancio discrezionale significativa, ma ha invece deciso di riorientare alcune spese di investimento all interno dell attuale stanziamento di bilancio per sostenere maggiormente la domanda interna, soprattutto il consumo privato. Ciononostante, il deficit di bilancio aumenterà notevolmente nel 2009 in seguito agli effetti nefasti della recessione sulle entrate e potrebbe aumentare in maniera relativamente significativa nel 2010 nonostante il risanamento di bilancio previsto. 1 Offerta e domanda energetica Nel 2008 l offerta totale di energia primaria (TPES) dell Italia ammontava a 174,5 milioni di tonnellate di equivalente petrolio (Mtep). 2 Tra il 1990 e il 2008, la TPES è aumentata del 19%. L Italia produce volumi ridotti di gas naturale e petrolio, ma la maggior parte dei combustibili fossili è importata e a questa si aggiunge una certa quantità di energia prodotta nel Paese da fonti rinnovabili. La dipendenza dalle importazioni sta aumentando ed è particolarmente elevata per l energia elettrica (par al 15,4% circa). 3 Nel 2008, le importazioni al netto delle esportazioni rappresentavano l 89% della TPES. Nel 2007 il totale del consumo finale di energia (TFC) ammontava a 139,3 Mtep, un valore leggermente inferiore all anno precedente. Dal 1990 al 2007, il consumo finale è aumentato in misura leggermente maggiore rispetto al PIL (23,4%). Tale consumo è inoltre aumentato ad un ritmo leggermente superiore rispetto alla TPES, il che implica alcune variazioni in materia di efficienza energetica. Nel 2007 il settore dei trasporti si attesta al primo posto in materia di consumo energetico, poiché ha consumato il 29,7% dell energia, pari a 41,4 Mtep. Sempre nel 2007, il settore industriale si attesta al secondo posto per consumo energetico, avendo consumato il 27,2% dell energia, pari a 37,8 Mtep. Se paragonato alla media dei Paesi dell area OCSE, negli ultimi anni il consumo di petrolio registra livelli elevati (pari al 40% della TPES nel 2008) mentre il livello del consumo di carbone è basso (9,7% della TPES nel 2008). La produzione di elettricità non ha certo raggiunto l obiettivo di zero emissioni di CO 2, ma ciò potrebbe cambiare a lungo termine se i progetti per il lancio del programma nucleare italiano arrivassero a buon termine e la percentuale di energie rinnovabili aumentasse come previsto. 1. OECD Economic Outlook No. 85 Italy, OCSE Parigi, 24 giugno Bilancio previsionale dell offerta energetica 2008 Energy Balances of OECD Countries, Statistiche dell AIE Parigi, Electricity Information, AIE/OCSE Parigi, 2009.

11 Tabella 1 Offerta totale di energia primaria, * Non rilevante Fonte: Energy Balances of OECD Countries, AIE/OCSE Parigi, 2009 e dati forniti dai paesi. Tabella 2 Produzione di energia per fonte, * Non rilevante Fonte: Energy Balances of OECD Countries, AIE/OCSE Parigi, 2009 e dati forniti dai paesi.

12 Istituzioni Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico (MSE), precedentemente denominato Ministero delle Attività Produttive, è responsabile della politica energetica nazionale. Sotto l attuale Governo le questioni energetiche hanno assunto importanza strategica, portando a un aumento del personale ministeriale e delle risorse allocate. È stato creato un nuovo Dipartimento dell Energia, a cui fanno capo tre Direzioni Generali (DG): DG per le risorse minerarie ed energetiche, DG per la sicurezza dell approvvigionamento e per le infrastrutture energetiche e DG per l energia nucleare e le energie rinnovabili. A quest ultima Direzione Generale è stato affidato il compito di guidare l Italia sulla strada del ritorno all energia nucleare. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare è responsabile del coordinamento della politica in materia di cambiamento climatico. Inoltre, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, è preposto alla promozione e allo sviluppo delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica. Le Regioni Recentemente l Italia ha avviato un rapido processo di trasferimento della potestà legislativa e regolamentare alle regioni. Queste ultime godono della potestà legislativa per ogni materia non espressamente riservata alla competenza esclusiva del Parlamento. Tali materie comprendono i principali settori economici quali commercio al dettaglio, agricoltura, turismo, trasporti e istruzione professionale. La tutela ambientale e le risorse culturali fanno parte delle competenze esclusive dello Stato. Per altre materie, specificatamente indicate dalla Costituzione, come la produzione, il trasporto e la distribuzione di energia, lo Stato e le regioni hanno competenza legislativa concorrente. Ciò significa che le regioni hanno competenza a legiferare, a condizione che questa potestà non entri in conflitto con i principi quadro adottati a livello statale. Inoltre, nel caso delle infrastrutture energetiche, come centrali elettriche, rete per il gas naturale, rete elettrica e impianti di rigassificazione del GNL, l autorizzazione deve essere concessa dai Ministeri competenti in accordo con la regione interessata. 10

13 Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas è un autorità indipendente istituita con la legge 481 del 14 novembre 1995 con lo scopo di disciplinare e vigilare i settori dell elettricità e del gas naturale. L autorità è finanziata da un contributo annuale versato dalle aziende dell industria energetica e ha il potere di formulare giudizi e osservazioni in maniera del tutto autonoma rispetto al Governo. Tra i vari poteri che le sono conferiti, l AEEG ha la funzione di determinare le tariffe al dettaglio, di definire gli standard di qualità dei servizi e di determinare le condizioni tecniche ed economiche che stabiliscono l accesso e l interconnessione alle reti energetiche. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) L AGCM è un autorità indipendente istituita con la legge 287 del 10 ottobre 1990 (Norme per la tutela della concorrenza e del mercato). L Autorità ha lo stato di ente pubblico e le sue decisioni sono prese sulla base della legge 287 senza possibilità di interferenza da parte del Governo. Nel settore energetico, i principali compiti dell AGCM comprendono la disamina dei reclami per gli abusi di posizione dominante e il controllo delle possibili operazioni di fusione e acquisizione. L Autorità può anche fornire raccomandazioni al Governo e al Parlamento a proposito dell impatto di possibili ristrutturazioni del mercato sulla concorrenza. In passato l Autorità ha proceduto ad un certo numero di indagini conoscitive legate ai mercati energetici: gli oggetti di indagine comprendevano presunte pratiche abusive nel mercato all ingrosso dell elettricità, abuso di posizione dominante nel mercato della distribuzione dell energia elettrica e nei segmenti downstream del mercato dei prodotti petroliferi, nonché fusioni e acquisizioni. Le decisioni dell AGCM sono impugnabili innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio e al Consiglio di Stato. Principali politiche Nel recente passato, alla politica energetica italiana mancava una visione di lungo termine chiara e integrata per lo sviluppo del settore. Questa situazione, tuttavia, potrebbe cambiare in seguito all introduzione della legge n. 99/ approvata nello stesso anno. La nuova Strategia Energetica Nazionale che sarà sviluppata in seguito all implementazione della legge n. 99/2009 può fornire all Italia i mezzi per far emergere una visione di lungo termine chiara e integrata. Questa nuova Strategia Energetica Nazionale, una volta definita, avrà la capacità di modificare radicalmente le prospettive del Paese in materia di politica energetica. La legge n. 99/2009 fornisce la base normativa per la formulazione 4. Legge 23 luglio 2009, n. 99: Disposizioni per lo sviluppo e l internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 176 del 31 luglio Supplemento ordinario n

14 di una nuova politica e deve permettere di raggiungere i seguenti obiettivi: Diversificazione delle fonti energetiche e delle aree geografiche di approvvigionamento; Miglioramento della competitività del sistema energetico nazionale e sviluppo delle sue infrastrutture nella prospettiva del Mercato unico europeo; Promozione delle fonti di energia rinnovabile e dell efficienza energetica; Costruzione di impianti di produzione di energia nucleare sul territorio italiano e promozione della ricerca nucleare sulle centrali di IV generazione e sulla fusione; Aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore energetico e partecipazione ad accordi internazionali di cooperazione tecnologica; Garanzie di livelli adeguati di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori. Al fine di stilare la nuova Strategia Energetica Nazionale, il Ministero dello Sviluppo Economico (MSE) organizzerà una conferenza nazionale sull energia e l ambiente in collaborazione con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il MSE avrà poi il compito di redigere un piano da includere nel documento sul bilancio previsionale triennale del Governo. Tabella 3 Totale dei consumi finali per fonte, * Non rilevante Fonte: Energy Balances of OECD Countries, AIE/OCSE Parigi, 2009 e dati forniti dai paesi. 12

15 Tabella 4 Totale dei consumi finali per settore, * Comprende i settori: commerciale, pubblica amministrazione, agricoltura, pesca e altri settori non specificati. Fonte: Energy Balances of OECD Countries, AIE/OCSE Parigi, 2009 e dati forniti dai paesi. Sicurezza dell approvvigionamento Il black out del sistema elettrico che ha colpito tutto il territorio italiano nel 2003 nonché la crescente dipendenza dalle importazioni di energia elettrica e la difficoltà di ingresso nel mercato della produzione hanno indotto il Governo a prendere ulteriori misure per rafforzare la sicurezza energetica nel settore del gas naturale e in quello dell elettricità. Lo sviluppo di nuove capacità di generazione di energia è stato incoraggiato dalla semplificazione e dallo snellimento dei processi autorizzativi per la realizzazione di nuovi impianti di produzione energetica e dall introduzione di nuove misure volte a incoraggiare gli investimenti in infrastrutture per l importazione nonché in infrastrutture per la trasmissione di energia sul territorio nazionale. La strutturazione del mercato all ingrosso dell elettricità è stata migliorata e la separazione proprietaria del precedente operatore storico è stata completata. La recente introduzione della legge n. 99/2009 favorirà procedure autorizzative semplificate in materia di infrastrutture delle reti elettriche. La stessa legge introduce misure che favoriranno lo snellimento delle procedure amministrative per lo sviluppo della rete di trasmissione nazionale e precisa la competenza sostitutiva rispetto all Amministrazione centrale in caso si verifichi una situazione di stallo a livello locale. Inoltre il Decreto n. 103/2009 ha stabilito che il Governo può nominare un Commissario straordinario per accelerare le procedure autorizzative per la trasmissione e la distribuzione di energia in caso di paralisi del processo di pianificazione. 13

16 Riforme del mercato energetico Settore del elettricità L Italia ha compiuto notevoli progressi in tema di riforme del settore elettrico da quando è stata presentata l ultima analisi e tutte le direttive in proposito riguardanti il mercato dell UE sono state trasformate in legge nazionale. Dal luglio 2007 tutti i consumatori di elettricità possono scegliere liberamente il loro fornitore. Nonostante la situazione stia cambiando progressivamente, la concorrenza nella distribuzione al dettaglio rimane limitata nel mercato destinato ai clienti domestici e ai piccoli consumatori e i prezzi al dettaglio sono i più elevati di tutta l area dei Paesi OCSE. Settore del gas naturale Il settore del gas è stato aperto alla concorrenza nel gennaio Tuttavia, nonostante queste disposizioni normative piuttosto innovatrici, il livello di concorrenza non è molto elevato, soprattutto in materia di offerta. Il Governo sta preparando nuove misure per rimediare a questo stato di cose, come l autorizzazione per la realizzazione di nuove infrastrutture destinate all importazione e un programma graduale di cessione del gas. Imposte energetiche I prezzi energetici in Italia sono generalmente più elevati rispetto al resto dei Paesi europei dell area OCSE. L Italia applica varie aliquote in materia di imposta sul valore aggiunto (IVA) e di accise su tutti i tipi di energia a livello nazionale. Il Ministero dell Economia e delle Finanze è responsabile della politica fiscale mentre le autorità regionali sono responsabili dell applicazione delle imposte di loro competenza. Sui prodotti petroliferi gravano accise e IVA. L aliquota dell IVA per la benzina, il gasolio e il gas di petrolio liquefatto (GPL) è del 20%. È concesso il recupero dell IVA sulle spese sostenute per scopi commerciali nell industria, nella generazione di elettricità e per quanto riguarda il gasolio per automobili. Sui clienti domestici grava un aliquota IVA generale del 20% sull acquisto di olio combustibile leggero e gasolio. Il gas naturale è assoggettato ad accise e IVA nonché ad imposte addizionali a livello degli enti locali. Dal 2008 i consumatori industriali sono assoggettati ad un accisa di 14,23 euro/10 7 kcal per un consumo non superiore a 1,2 milioni di metri cubi (ml mc)/anno e 8,54 euro/10 7 kcal per un consumo superiore. Sul gas naturale grava inoltre un imposta addizionale regionale che può andare fino a 7,11 euro/10 7 kcal secondo la regione. 14

17 Dal 2008, l aliquota IVA applicata è del 10% per i consumi inferiori a 480 metri cubi (mc) l anno e del 20% per i consumi oltre tale limite. Prima del 2008, l aliquota IVA per il consumo domestico di gas era del 10% per gli usi domestici di cottura di cibi e per la produzione di acqua calda limitatamente a 250 mc annui. L accisa è di 0,75 euro per metro cubo per un consumo superiore a 1,2 ml mc annui. Sull uso domestico di elettricità grava l aliquota IVA standard del 10%. Dal maggio 1991, l accisa non viene applicata se si consuma fino a 150 kwh/ mese (forniture fino a 3 kw). Per i consumi oltre tale limite, l accisa ammonta a 0,0186 euro per kwh e 0,0204 euro per kwh per la seconda casa. Per i consumatori industriali, l accisa è pari a 0,0031 euro per i consumi inferiori a 1200 MWh mensili e le imposte addizionali degli enti locali di 0,0093 euro gravano sui consumi inferiori a 200 MWh mensili. Raccomandazioni Il Governo italiano dovrebbe: Sviluppare gli scenari energetici e sfruttarne appieno tutte le implicazioni, utilizzandoli come materia per alimentare il dibattito pubblico e come base nella definizione della propria politica; promuovere lo sviluppo della Nuova Strategia Energetica nazionale; contribuire alla ricerca di soluzioni per onorare i gravosi impegni del Paese in materia di cambiamento climatico; continuare a promuovere una politica volta alla diversificazione dell'approvvigionamento energetico e alla riduzione dei costi per i consumatori. Sviluppare un processo efficiente che renda possibile l'identificazione delle infrastrutture energetiche essenziali, assicurandosi che tali infrastrutture siano sottoposte a procedure efficienti e semplificate in materia di localizzazione degli impianti e di rilascio delle autorizzazioni che riguardino tutte le autorità competenti; promuovere, inoltre, un dibattito pubblico costruttivo in materia, che metta a disposizione del pubblico tutte le informazioni necessarie. Cogliere l'opportunità rappresentata dall'abolizione della moratoria sull'energia nucleare e incoraggiare un vasto dibattito pubblico che interessi tutte le parti in causa, comprese le autorità regionali e provinciali. Assicurarsi che le priorità di lungo termine per la R&S in campo energetico del Programma Nazionale della Ricerca riflettano le esigenze in materia di politica energetica e siano coerenti con il più vasto quadro della politica industriale, economica e di quella dell'istruzione. 15

18 Tabella 5 Prezzi e imposte per la benzina senza piombo nell area OCSE, secondo trimestre % United States 15.2% Mexico 32.8% Canada 56.7% 52.4% 36.8% Australia Korea Japan 56.3% 57.3% 56.1% 56.1% 57.9% Czech Republic Greece Switzerland Spain Hungary Poland 59.3% 62.7% Austria 56.6% 65% 62.6% 59.2% Luxembourg Ireland Slovak Republic Spain 62.3% 67.6% 64.5% Sweden France Italy Portugal 64% 64.2% 68.4% 63.1% 66.2% 63.5% 63.6% Denmark Finland Belgium Netherlands Norway Germany 63.7% Turkey USD/litre Nota: dati non disponibili per la Nuova Zelanda. Fonte: Energy Prices and Taxes, AIE/OCSE Parigi, 2009 Ex-tax price Tax component (tax as a percentage of total price) 16

19 Tabella 6 Prezzi del carburante, 2008 Consumo industriale Consumo domestico Fonte: Energy Prices and Taxes, AIE/OCSE Parigi,

20

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001. Dir. 27-9-2001 n. 2001/77/CE Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. Pubblicata

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA GENNAIO 2014 Gruppo di lavoro: Assessorato Industria Servizio Energia

Dettagli

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione VERSO UNA CULTURA DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO ORGANIZZZIONE PER LA COOPERAZIONE

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS...

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS... C 158/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2012 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell ambito del sistema per lo scambio di quote di emissione dei

Dettagli

NORME COMUNI PER LO SVILUPPO DEI MERCATI DEL GAS NATURALE E DELL'ENERGIA ELETTRICA

NORME COMUNI PER LO SVILUPPO DEI MERCATI DEL GAS NATURALE E DELL'ENERGIA ELETTRICA DECRETO LEGISLATIVO 1 giugno 2011, n. 93 Attuazione delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica, del gas naturale e ad una

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli