Fame di energia RISORSE DA SFRUTTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fame di energia RISORSE DA SFRUTTARE"

Transcript

1 D O S S I E R di Chiara Pellicci Fame di energia «Q uesta terra ha abbastanza risorse per tutti, ma non per l avidità di tutti» sosteneva Gandhi quasi un secolo fa. Effettivamente già allora l ingordigia del cosiddetto Primo mondo lasciava intendere che al resto del pianeta restassero solo le briciole. Così, dal secondo dopoguerra in poi, lo squilibrio tra Nord e Sud del mondo nella disponibilità di qualunque risorsa è andato aumentando. Ad oggi, limitandoci a fotografare il solo utilizzo di energia, la situazione è descritta da questi dati: su una popolazione mondiale di 6,5 miliardi di persone, 2,5 miliardi non dispone di risorse energetiche per i bisogni primari e 1,5 miliardi non ha accesso all energia elettrica; circa l utilizzo dei combustibili fossili (petrolio, carbone, gas naturale), la media dei consumi nei Paesi ricchi è di otto volte superiore a quella nei Paesi in via di sviluppo e di 15 volte superiore a quella nei soli Stati più poveri. In altre parole, finora l accaparramento delle fonti energetiche è avvenuto sfruttando al massimo ogni possibilità senza pensare al futuro, né all altra parte di umanità. Lo afferma anche Papa Benedetto XVI nell En-» MENTRE IL MONDO SI INTERROGA SULL OPPORTUNITÀ DELL ENERGIA NUCLEARE IN SEGUITO AL DISASTRO GIAPPONESE DI FUKUSHIMA ED ASSISTE IMPOTENTE ALL AUMENTO VERTIGINOSO DEI PREZZI DEI CEREALI, IL FABBISOGNO DI RISORSE ENERGETICHE DEL PIANETA AUMENTA IN MODO ESPONENZIALE. ALL IRREFRENABILE CORSA ALL ENERGIA DEI PAESI DEL NORD DEL MONDO SI AGGIUNGE QUELLA, ALTRETTANTO VERTIGINOSA, DEI PAESI EMERGENTI. COME E DOVE TROVARE LE RISORSE PER TUTTI? 29

2 NELLA FOTO: Pannelli solari installati sui tetti di una casa di Le Marin, Martinica - Antille francesi. ciclica Caritas in Veritate, quando al paragrafo 49 scrive: «L accaparramento delle risorse energetiche non rinnovabili da parte di alcuni Stati, gruppi di potere e imprese costituisce un grave impedimento per lo sviluppo dei Paesi poveri. Questi non hanno i mezzi economici né per accedere alle esistenti fonti energetiche non rinnovabili né per finanziare la ricerca di fonti nuove e alternative». E poi aggiunge: «La comunità internazionale ha il compito imprescindibile di trovare le strade istituzionali per disciplinare lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili, con la partecipazione anche dei Paesi poveri, in modo da pianificare insieme il futuro». Considerando proprio i Paesi poveri e, più in particolare, quelli emergenti (come Brasile, India e Cina) dove la richiesta di energia è in crescita vertiginosa, è stato calcolato che continuando con questi ritmi le riserve mondiali di petrolio e gas si potrebbero esaurire fra 50 anni circa e quelle di carbone fra due secoli. DISPUTE SUL NUCLEARE Ad oggi l 85% dell energia consumata a livello mondiale proviene dai combustibili fossili: non c è da meravigliarsi, quindi, se l uomo è alla ricerca spasmodica di nuove risorse. Tra queste c è il tanto dibattuto nucleare, che si ottiene riproducendo il processo fisico della fissione in speciali reattori all interno di centrali che devono garantire la massima sicurezza. A seguito del disastro giapponese di Fukushima, il dibattito sul nucleare è tornato con prepotenza alla ribalta. Lo spettro dell incidente di Chernobyl, di cui 30

3 D O S S I E R costruzione (il governo nel 2008 stimò tre miliardi di euro per impianto), sia al grande problema delle scorie nucleari, che rimangono radioattive fino a 100mila anni e devono essere trattate con particolari accorgimenti dai costi altissimi, pena la contaminazione dell ambiente circostante. E poi resta il problema della sicurezza degli impianti: ammesso che vengano prese tutte le precauzioni indispensabili per un ottimo funzionamento delle centrali, c è comunque da non trascurare le eventuali calamità naturali. Lo dice anche il fisico nucleare e Premio Nobel Carlo Rubbia, che in seguito all incidente di Fukushima pur precisando di non aver mai detto che il nucleare vada spazzato via - ha chiesto «un momento di riflessione profonda sui motivi che ci hanno portato a questa situazione anomala». Aggiungendo: «In molti non si sarebbero aspettati un evento del genere in un Paese come il Giappone. È vero che c è stato uno tsunami, ma un fenomeno del genere lo abbiamo visto in passato anche a Messina. Fenomeni così eccezionali accadono ovunque». quest anno si ricorda il 25esimo anniversario, si è diffuso nuovamente in tutto il mondo tanto che alcuni Stati come ad esempio la Germania - hanno preso provvedimenti per garantire una maggior sicurezza o addirittura chiudere gli impianti più vecchi. Anche in Italia dove era già in calendario per il 12 e 13 giugno un referendum per l abrogazione della legge che prevede la costruzione di nuove centrali nucleari il dibattito si è rinvigorito. Alcuni sostengono che l energia prodotta con tale metodo sia una buona soluzione per spezzare la schiavitù dai combustibili fossili. Altri affermano che per fare a meno del petrolio e del gas e garantire l intero fabbisogno nazionale dovrebbe essere costruita una centrale nucleare a settimana per i prossimi 120 anni: un numero spropositato, se si pensa sia alle spese per la LA BIOENERGIA Il nucleare non è l unica forma di energia alternativa al fossile. Negli ultimi anni sta prendendo sempre più campo la bioenergia, ovvero quella che viene prodotta da biomassa, cioè da ogni materiale organico diverso da petrolio, carbone e gas naturale. La maggior parte della bioenergia viene prodotta da biocombustibili, ovvero da carburanti ottenuti da coltivazioni ad hoc, come granturco e canna da zucchero. Ad oggi il 40% del mais coltivato nel mondo viene utilizzato per la produzione di etanolo, un biocarburante. Solo in Europa la massiccia diffusione di colture dedicate alla produzione di bioenergia ha fatto sì che negli ultimi anni non sia più garantito il fabbisogno agricolo dei suoi cittadini e che venga assegnato al Vecchio continente il titolo di maggior importatore mondiale di alimenti. Così, se da un lato la bioenergia permette ai Paesi che non possiedono giacimenti fossili di produrre autonomamente una parte delle risorse energetiche necessarie, dall altro l aumento di produzione di energia da biomassa non è poi così positivo. L incremento considerevole della domanda di biocarburanti ha portato, infatti, ad un notevole aumento dei prezzi dei cereali - trasformati ormai da derrate alimentari a prodotti da macero - e lo ha legato a quello del petrolio: nello scorso marzo la Fao (Food and Agriculture Organization) ha registrato» 31

4 SOPRA: Una contadina taglia la canna da zucchero in una piantagione nei pressi della città di San Paolo in Brasile. I biocombustibili prodotti dalle coltivazioni della canna da zucchero e granturco sono alla base della produzione di gran parte della bioenergia. 32 un incremento del 37% dei prezzi dei beni alimentari (rispetto al marzo 2010) e la crescita di ogni punto percentuale corrisponde ad un milione di poveri in più nel computo mondiale. Non solo: in termini di dispendio energetico, la produzione di bioenergia si è rivelata poco efficiente. Conti alla mano, infatti, per coltivare un ettaro di mais si consumano circa otto milioni di Calorie e si ottiene l equivalente in energia di nove milioni di Calorie: una resa scarsa, pensando che in termini alimentari un ettaro di mais produce nove tonnellate di granturco, che corrispondono a 90mila piatti di polenta o al nutrimento di 100 maiali per un anno. IL BIODIESEL PARLA PORTOGHESE In Brasile, il maggior produttore di biodiesel al mondo, il primato nella produzione di etanolo è sempre stato dipinto come un fiore all occhiello, perché la bioenergia viene considerata tra le energie verdi, cioè ecologiche. Ma una recente ricerca universitaria ha evidenziato le gravi problematiche che si riscontrano a livello locale, sia per quanto riguarda il trattamento dei lavoratori coinvolti nel processo di produzione del bio-alcol, sia per le conseguenze sugli ecosistemi. Con il loro studio, i tre ricercatori dell Università federale - Wendell Ficher Teixeira Assis, Marcos Cristiano Zucarelli, Lucia Schild Ortiz - hanno contribuito al dibattito internazionale sulla bioenergia, dando spazio all America del Sud e in particolar modo ai soggetti senza voce, cioè quelli che nella catena di produzione di biocombustibili stanno nelle posizioni più basse: contadini, esponenti indigeni, lavoratori delle distillerie, cooperative agricole. Ne è scaturito un quadro preoccupante, che colora di tinte rosse e nere quell energia da sempre considerata verde: il rosso del sangue per le sofferenze dei contadini costretti a subire soprusi e ingiustizie e il nero dell illegalità che di fatto è diventata pratica comune nella produzione di biodiesel. ENERGIA VERDE MACCHIATA DI ROSSO E NERO «È inaccettabile che un energia dichiarata pulita sia causa di un tale impatto socio-ambientale» afferma uno dei lavoratori intervistati dai ricercatori Assis, Zucarelli e Ortiz. Questa e tante altre voci raccolte fanno un» (segue a pag. 34)

5 D O S S I E R SOGNI AMARI DELL AGRO-BUSINESS BRASILIANO Q uesta NELLA FOTO: Le famiglie accampate accanto alla proprietà terriera di Tuntum durante una messa. vicenda affonda le radici in anni lontani e si colloca nello Stato del Maranhão, da sempre in lotta per non perdere l ultima posizione in quasi tutti gli indici di sviluppo brasiliani. Tutto nasce nella periferia di Presidente Dutra con l azione di un attivista politico che comincia a radunare famiglie richiamate qui dalle sirene dell urbanizzazione o cacciate dalle campagne a causa dell espansione dei nuovi latifondi, quelli dell agro-business brasiliano che insegue gli interessi del Primo Mondo. L obiettivo è assicurarsi un pezzo di terra nel municipio di Tuntum per vivere di agricoltura e costruire un futuro per i propri figli. C è da sapere che la Costituzione brasiliana sancisce il carattere sociale della terra: quando una proprietà è dichiarata improduttiva può essere espropriata senza obbligo d indennizzo. Solo Dio sa quanti milioni di ettari sono tuttora improduttivi in Brasile, ma solo Dio sa anche se è mai stato espropriato un solo ettaro. Normalmente, quando il governo acquisisce queste terre, le paga più o meno a prezzo di mercato. Dopo numerosi tentativi di esproprio falliti per vari motivi, nell ottobre 2005 un gruppo di circa 60 famiglie decide di accamparsi sul margine della statale, accanto alla proprietà rivendicata: poco più di 12mila ettari appartenenti ad un latifondista. Negli anni Settanta quest area era stata oggetto di grossi investimenti legati al Piano pro-alcol, quel progetto brasiliano - sviluppato in seguito alla crisi petrolifera mondiale che prevedeva una massiccia produzione di biocombustibili. La crisi passò, l alcol non risultò così conveniente, l area venne abbandonata, ma i finanziamenti governativi rimasero nelle casse del latifondista e l area a tutt oggi è pignorata per i debiti contratti con le banche. Nonostante queste inadempienze finanziarie e il sostanziale abbandono dell area da più di 15 anni, il proprietario continua a ventilare strumentalmente l ipotesi di una ripresa della produzione di etanolo. Questo pretesto è diventato un incubo per le famiglie, perché nel momento in cui hanno presentato ufficialmente la richiesta di esproprio, il governo Lula stava lanciando in grande scala il nuovo piano brasiliano di produzione di etanolo in nome di un presunto minor impatto ecologico. Così dopo cinque anni e mezzo dall apertura del processo di esproprio, quelle famiglie non avevano ancora ricevuto niente e vivevano abbandonate in mezzo alla foresta in baracche provvisorie. Attraverso il sindacato dei contadini, erano riuscite ad entrare nel Piano governativo Fame Zero per cui ogni famiglia riceveva un pacco di viveri al mese. Se avessero voluto, certamente sarebbero ancora mendichi ai bordi della statale, con la nobile elemosina del governo federale. Invece, dopo circa dieci mesi, a seguito di una riflessione piuttosto animata, una quarantina di famiglie ha deciso di entrare nella proprietà, cominciando a produrre autonomamente, per sollecitare le autorità e forzare il processo di regolare insediamento. 33

6 Questo gesto, però, ha portato all abbandono da parte del sindacato e ha peggiorato le precarie condizioni di vita di queste persone, costrette a vivere come animali nel cuore della foresta, praticamente isolate dalle principali vie di comunicazione, soprattutto nel semestre delle piogge. Ma la cosa più tragica è che, nel corso di questi anni, attraverso varie pressioni, l Istituto per la Colonizzazione e la Riforma agraria ha formalmente riconosciuto che, dei 12mila ettari, solo poco più di tremila possono essere espropriati e assegnati alle famiglie. Per tre volte l intero processo è transitato nell ufficio del Presidente della Repubblica per la regolare firma dell esproprio, ma regolarmente il plico è ritornato nel Maranhão per contestazioni pretestuose. In realtà da fonti parallele si è saputo che il proprietario del latifondo, per ostacolare l iniziativa, continua a sedurre il governo con la promessa di una futura, quanto improbabile, ripresa della coltivazione della canna da zucchero per produrre l eco-compatibile etanolo. Ciò basta per far marcire nella foresta una quarantina di disperate famiglie contadine. Nonostante tutto ogni anno si rinnova una grazia evangelica: la gioia che nasce al ripetersi del miracolo del grano o meglio del riso, quando nei giorni del raccolto si sente affermare con orgoglio: «Finalmente possiamo mangiare del lavoro delle nostre mani, senza dipendere dall elemosina del governo». Se Lula, prima, e Dilma Raussleff, adesso, avessero il coraggio di guardare negli occhi questi contadini, forse il Brasile avrebbe un Pil minore, ma anche meno problemi sociali nelle sue immense periferie. Marco Bassani Fidei donum della Diocesi di Milano triste ritratto della produzione di alcol da monocolture: coltivazioni che necessitano di spazi immensi provocando l espulsione dei contadini dalle loro terre e una drastica diminuzione dei cereali da destinare all alimentazione umana e animale. Nel Mato Grosso do Sul, uno Stato del Brasile meridionale, l estensione delle coltivazioni di canna da zucchero per esempio - ha costretto il Paese a diventare importatore di ortaggi e frutta. Ancora: nel Triângulo Mineiro, una regione dello Stato di Minas Gerais, si è verificata una massiccia emigrazione di contadini, depauperati dei loro raccolti, e degli allevatori, privati dei loro pascoli. I ricercatori raccolgono anche denunce di soprusi e violazioni dei diritti dei lavoratori impiegati nella catena di produzione del bio-diesel: l agro-industria va alla ricerca di manodopera nelle aree più povere del Brasile, dove vengono reclutate maestranze da impiegare come tagliatori di canna, lusingandole con un futuro assicurato. Ma presto i lavoratori si accorgono delle dure condizioni a cui sono costretti: turni troppo lunghi, mancanza di assistenza medica, alloggi sovraffollati, pessime condizioni igieniche, assenza di tutela sindacale. Un altra grave conseguenza dell eccessivo sviluppo dell industria del biodiesel riguarda l ambiente: oltre alla deforestazione illegale della zona atlantica, si denuncia la riduzione della portata dei corsi d acqua, sempre più sfruttati dalle coltivazioni in continuo aumento, la distruzione di aree boschive a seguito di incendi dolosi, la conseguente fuga della fauna, un avanzamento della frontiera agricola fino a pochi metri dalle abitazioni. Chi vive qui soffre di gravi problemi di salute per l utilizzo di prodotti chimici e pesticidi e per la contaminazione delle fonti d acqua e delle altre colture destinate all alimentazione. L ALTERNATIVA C È Se l energia da combustibili fossili è destinata a finire e quella da biocombustibili è tutt altro che pulita, che 34

7 D O S S I E R SOPRA: Il cancelliere tedesco Angela Merkel sorvola in elicottero il parco eolico offshore "Baltic 1" nelle acque del Mar Baltico. SOTTO: Condutture di gas naturale nelle Ande cilene. soluzioni restano? L alternativa c è è si chiama energia rinnovabile. In molti Paesi del mondo, soprattutto dove scienza e tecnologia sono più sviluppate, si stanno diffondendo impianti per l utilizzo di energia solare ed eolica. In Germania e nei Paesi del Nord Europa - per esempio rivestono già oggi un ruolo importante. In zone dove l esposizione al sole è ben maggiore, i risultati sarebbero migliori: per il deserto del Sahara c è un progetto di sviluppo energetico legato ad impianti solari in grandi dimensioni. Se l energia rinnovabile è il futuro del mondo, anche quella alternativa lascia intravedere spiragli di luce. In Messico è in funzione un impianto che produce biocarburante utilizzando alghe, acqua di mare e anidride carbonica (CO 2 ), un gas presente nell atmosfera e responsabile del surriscaldamento del pianeta. Anche in Italia alcuni importanti istituti di tecnologia si dedicano alla ricerca di nuove forme di energia. Per esempio: al Politecnico di Torino, in seguito allo studio di reazioni piezonucleari (cioè sui nuclei degli ele-» 35

8 D O S S I E R SOPRA: Un campo di girasoli in prossimità della centrale nucleare di Jaslovske Bohunice in Slovacchia. menti chimici che compongono le rocce), si sta studiando una modalità per trasformare le pietre in fonte di energia nucleare pulita, senza scorie radioattive. I ricercatori del Dipartimento di Ingegneria strutturale, infatti, sono arrivati alla conclusione che, sottoponendo alcune rocce granitiche e basaltiche a una pressione meccanica tale da provocarne la frattura, si ha un emissione di neutroni che produce energia. Se la scoperta ha dell incredibile, per quanto riguarda le applicazioni pratiche si è ancora alle prime battute: necessitano di tempi lunghi per essere sviluppate. Un altra fonte di energia alternativa arriva dallo sviluppo di un idea realizzata circa dieci anni fa, quando un ricercatore americano, John Turner, creò la prima foglia artificiale: alla base dell invenzione c è la riproduzione della fotosintesi clorofilliana da incanalare in un processo di produzione energetica. Oggi un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology di Boston, coordinato dal professore Daniel Nocera, ha concretizzato l idea di Turner: un solo esemplare di nuovo prototipo di foglia artificiale potenzialmente potrebbe soddisfare la necessità energetica giornaliera di una casa in un Paese in via di sviluppo, perché con meno di quattro litri d acqua si riesce a generare energia per 45 ore in modo costante. L immediata fruibilità dell invenzione ha già fatto muovere un gigante indiano della tecnologia con lo scopo di costruire celle per diffondere l energia in zone dell Asia e dell Africa scarsamente fornite. Per una volta, forse, saranno le popolazioni del Sud del mondo a beneficiare per prime di un innovazione tecnologica, sovvertendo quella logica di accaparramento di energia che sinora ha regolato i rapporti tra Nord e Sud del mondo senza dare a quest ultimo la possibilità di costruire il proprio futuro. 36

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza.

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza. Invertire la rotta la penuria d acqua nel mondo: problemi e risposte KENYA: servizi igienici scadenti I famigerati gabinetti volanti della baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, sono una delle conseguenze

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 Convenzione 29 CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Patto per una Svizzera produttiva

Patto per una Svizzera produttiva Unia Segretariato centrale Weltpoststrasse 20 CH-3000 Berna 15 T +41 31 350 21 11 F +41 31 350 22 11 www.unia.ch Patto per una Svizzera produttiva La Svizzera ha bisogno di un fondo per la produzione basato

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Ha fatto notizia in queste

Ha fatto notizia in queste di Antonio Boschetti APPROFONDIMENTI Biodiesel e olio di colza, dov è la convenienza Ha fatto notizia in queste ultime settimane scoprire che alcuni automobilisti, a quanto pare soprattutto al Nord, stavano

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli