ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO"

Transcript

1 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA STEFANIA SUPINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORNELLA MALANDRINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Sommario: 1. Background; 2. Il meccanismo dei Certificati Bianchi: dinamiche evolutive e approcci operativi; 3. Il mercato dei Certificati Bianchi in Italia; 4. Alcune considerazioni conclusive. ABSTRACT The paper analyses the strengths and limits of White Certificate considered as a marketbased tool in national energy policy. At the same time, it proposes the setting of specific obligations and responsibilities on the part of operators in the energy distribution sector in the face of new challenges while endorsing more responsible consumption models that promote economic and environmental sustainability. KEY WORDS Energy efficiency White Certificates market-based tools. 1. Background Le molteplici problematiche di natura tecnico-economica ed ambientale legate alla domanda di energia hanno favorito un rinnovato interesse verso la ricerca di una crescente efficienza nell uso delle risorse energetiche. Essa, infatti, rappresenta da lungo tempo uno degli obiettivi fondamentali delle politiche energetiche comunitarie e, dunque, anche di quella nazionale. Tale sfida è, oggi, ancora più attuale in considerazione del ruolo strategico dell efficienza energetica nel favorire il perseguimento simultaneo dei target legati al pacchetto clima-energia dettato dal legislatore comunitario, meglio noto come pacchetto

2 94 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA In passato, a partire dal verificarsi degli shock petroliferi degli anni settanta, si è manifestato un intenso e diffuso processo di revisione e razionalizzazione dei cicli produttivi, soprattutto di quelli maggiormente energy intensive, volto ad individuare le soluzioni tecnologiche ed organizzative più idonee a fronteggiare i crescenti vincoli di prezzo degli input energetici. Peraltro, le crisi degli anni settanta hanno rappresentato non soltanto un punto di discontinuità tra due periodi - uno caratterizzato dalla ampia disponibilità a basso costo delle fonti di energia e l altro connotato dalle crescenti preoccupazioni per la scarsità delle risorse fossili e dal repentino aumento dei loro prezzi - ma anche un momento di profonda riflessione su molte altre criticità rilevatesi sia contestualmente che progressivamente. In particolare, si segnalano quelle riconducibili alla necessità della diversificazione geopolitica degli approvvigionamenti fossili e della loro sicurezza nonché quelle associate alle preoccupazioni per l impatto ambientale legate all intero ciclo di vita delle differenti filiere energetiche. I primi effetti delle politiche adottate dai paesi industrializzati per la riduzione della vulnerabilità energetica, tese prioritariamente alla razionalizzazione degli usi finali dell energia, hanno favorito anche l avvio di processi di transizione energetica verso fonti diverse dal petrolio. La scarsa elasticità nonché i forti elementi di viscosità insiti in un processo di sostituzione delle fonti energetiche alla base di un sistema economico richiedono tempi di attuazione piuttosto lunghi, favorendo contestualmente la centralità delle misure volte al miglioramento dell efficienza nell uso dell energia e al risparmio energetico, i cui tempi di realizzazione, invece, si dipanano in archi temporali molto più brevi. Si è assistito, così, pur se con dinamiche differenti all interno dei diversi Paesi dell area OCSE, ad una consistente riduzione dell intensità energetica 2 che rappresenta l indicatore sintetico più significativo delle interrelazioni esistenti tra consumi energetici e dinamiche di sviluppo economico di un Paese. Ciò ha condotto alla diffusa realizzazione di migliori performance nell efficienza non solo energetica, ma anche economica e, di conseguenza, ambientale (Proto e D Ermo, 2000 ). In sostanza, le crisi energetiche hanno impresso una forte accelerazione alla diminuzione dei consumi energetici, fenomeno peraltro insito nelle dinamiche di sviluppo tecnologico, che conducono all uso più efficiente delle risorse materiali ed energetiche e spingono naturalmente verso percorsi di dematerializzazione dei sistemi economici. I recenti cambiamenti strutturali che hanno investito i settori energetici, sinteticamente riconducibili alla diffusione dei processi di liberalizzazione e ai sempre più stringenti vincoli derivanti dalle politiche internazionali e comunitarie in tema di tutela ambientale, hanno evidenziato la necessità

3 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI di focalizzare l attenzione dei policy maker sulle finalità, gli strumenti e gli obiettivi dei programmi di controllo e gestione della domanda, così come sui ruoli dei diversi soggetti coinvolti nei relativi processi di attuazione. Infatti, gli indirizzi di politica energetica di gran parte dei Paesi, soprattutto europei, sono volti a dare un rinnovato e forte impulso alla promozione dell efficienza energetica attraverso molteplici e variegati strumenti. Tra le più note e diffuse misure basti considerare quelle legate agli incentivi economici per promuovere l efficienza energetica, come pure alle misure fiscali per il risparmio energetico nonché alla definizione di standard minimi di efficienza fino alla imposizione di pratiche comportamentali e manageriali, tese a migliorare l efficienza negli usi energetici, e alle azioni di formazione e sensibilizzazione degli utenti/consumatori, cui vengono fornite informazioni sempre più trasparenti e dettagliate sui consumi energetici dei prodotti o dei servizi offerti. Nell ambito delle iniziative di politica energetica italiana - volte a conciliare il processo di graduale apertura dei mercati dell energia elettrica e del gas con obiettivi di tutela ambientale, sicurezza degli approvvigionamenti ed efficienza tecnologica ed energetica - è stato introdotto un sistema innovativo in tema di promozione dell efficienza e del risparmio energetico, basato sullo scambio di titoli commercializzabili: i Titoli di Efficienza Energetica (TEE), anche noti come Certificati Bianchi (CB). Emessi dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) a favore dei distributori di energia elettrica e gas, delle loro società controllate e delle società operanti nel settore dei servizi energetici (ESCO) 3, essi certificano la riduzione dei consumi scaturita da interventi e progetti di incremento dell efficienza energetica (Proto et al., 2010). I CB costituiscono lo strumento di maggior rilievo adottato nel nostro paese ai fini della promozione dell efficienza energetica, come evidenziato dal Piano d Azione Italiano per l Efficienza Energetica, varato nel 2007, e presentato alla Commissione europea. In tale piano sono stati definiti i programmi e le misure volte al conseguimento dell obiettivo di risparmio energetico stabilito dalla Direttiva 2006/32, pari al 9,6% annuo, da realizzare entro il 2016 (circa 11 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio - 11 Mtep). Il nuovo Piano d Azione italiano, approvato nel 2011, ha ribadito politiche e strumenti già adottati; infatti, oltre ad illustrare i risultati conseguiti fino al 2010, ha riaffermato il ruolo principe dei CB per il miglioramento dell efficienza energetica nei diversi settori economici (residenziale, terziario, industria e trasporti). Inoltre, sono state aggiornate le misure di efficienza energetica (in linea con l obiettivo al 2016), modificando i relativi meccanismi di incentivazione ed alcune metodologie di calcolo.

4 96 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA Obiettivo del presente lavoro è l analisi critica degli aspetti normativi e più spiccatamente operativi del meccanismo dei CB, evidenziandone problematicità e potenzialità. Tale sistema delinea un approccio innovativo che, seppur suscettibile di miglioramenti, è destinato a divenire un tassello fondamentale delle sempre più articolate politiche energetico-ambientali del terzo millennio, anche alla luce dei risultati apprezzabili conseguiti fin dalla sua iniziale implementazione. I CB, infatti, possono contribuire a realizzare un intervento efficace e lungimirante in termini di efficienza energetica negli usi finali a livello nazionale, rappresentando una leva straordinaria in grado di cogliere sinergicamente una molteplicità di obiettivi, ovvero la diminuzione della dipendenza energetica, la maggiore sicurezza degli approvvigionamenti e la riduzione delle emissioni di gas serra, con effetti positivi sulla competitività e sull innovazione tecnologica del sistema produttivo nonchè sulla creazione di nuova occupazione. 2. Il meccanismo dei Certificati Bianchi: dinamiche evolutive e approcci operativi Il sistema dei CB è stato originariamente previsto dai decreti ministeriali 24 aprile 2001, in attuazione di pertinenti disposizioni contenute nel DLgs 16 marzo 1999 n. 79, per il settore elettrico, e nel DLgs 23 maggio 2000 n. 164, per il settore del gas, che hanno avviato nel nostro Paese la liberalizzazione dei mercati dell energia elettrica e del gas. L impianto previsto dai due decreti non è, tuttavia, mai entrato in vigore e, a distanza di tre anni, si è provveduto alla sua modifica tramite due nuovi decreti, adottati nel luglio del Questi ultimi, a loro volta modificati e aggiornati dal DM 21 dicembre 2007 e, successivamente, dal DLgs 30 maggio 2008, n.115/08 e dal DLgs 3 marzo 2011, n. 28, hanno previsto l introduzione di obblighi quantitativi di incremento dell efficienza energetica a carico dei distributori di energia elettrica e di gas, da conseguire anche attraverso l utilizzo del meccanismo di mercato dei CB. Il principale scopo che il legislatore ha inteso, in tal modo, perseguire è quello di combinare il conseguimento di obiettivi quantitativi certi e prefissati - tipico degli interventi di regolazione di tipo amministrativo (command and control) - con il vantaggio dell efficienza economica attraverso il ricorso a strumenti di mercato (Malandrino e Sica, 2005). Questi ultimi, caratterizzati dalla volontarietà e dalla partecipazione attiva dei differenti attori coinvolti, sono coerenti con un contesto di mercato liberalizzato, in cui i servizi di fornitura dell energia elettrica e del gas, essendo offerti da una pluralità di soggetti in concorrenza tra loro, sono trasparenti e garantiscono ai soggetti obbligati una

5 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI maggiore flessibilità decisionale nel programmare ed effettuare impegnativi investimenti. È necessario, però, evidenziare che il percorso di definizione dell intero sistema è il risultato di un cammino, alquanto articolato, che ha dato luogo ad ampi dibattiti e processi di revisione volti a dipanarne difficoltà e complessità operative, derivanti proprio dal suo carattere fortemente innovativo. Basti pensare che la completa attuazione è avvenuta soltanto nel 2005, mentre il mercato dei CB è divenuto operativo il 7 marzo 2006, preceduto da alcune transazioni di prova con gli operatori. Per il 2012, gli obiettivi di risparmio energetico (complessivamente pari a 6 Mtep) coinvolgono 71 imprese di distribuzione, 59 delle quali operanti nel settore del gas naturale (per un obiettivo di 2,5 Mtep) e 12 in quello dell energia elettrica (per 3,5 Mtep). Tali obiettivi potranno essere realizzati attraverso un ampio ventaglio di azioni, molte delle quali individuate dal legislatore. Esse sono riconducibili a variegate iniziative, diversificate per tipologie di misure e di interventi, che spaziano dal miglioramento della rete distributiva, all impiego di apparecchiature elettriche ed elettroniche ad alta efficienza, fino a campagne di sensibilizzazione e programmi di informazione agli utenti finali sull uso razionale dell energia 4. Sono, in effetti, contemplati interventi prevalentemente indirizzati all edilizia residenziale e terziaria, nonché al settore industriale e, in misura marginale, a quello dei trasporti. I risparmi conseguiti annualmente attraverso la realizzazione dei progetti per l efficienza energetica sono sottoposti ad un processo di verifica e certificazione effettuato dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) e - come evidenzia la Figura 1 si concretizzano in titoli 5 scambiabili sul mercato emessi dal GME a favore di distributori o di altri soggetti accreditati dall AEEG. Essi possono distinguersi in titoli di tipo I, II, III, a seconda che, attestino rispettivamente il conseguimento di risparmi di energia primaria ottenuti attraverso una riduzione dei consumi di energia elettrica (tipo I), ovvero mediante una riduzione di gas naturale (tipo II), oppure attraverso una riduzione dei consumi di altri combustibili fossili (tipo III). I titoli presentati dal distributore per attestare il rispetto dell obiettivo assegnato vengono annualmente ritirati e annullati dall AEGG; eventuali titoli in eccesso posseduti dal distributore, rispetto a quelli dovuti, possono essere trattenuti ai fini della successiva utilizzazione ( bancabilità dei titoli) 6. Nel caso in cui i titoli presentati non siano sufficienti ad attestare il raggiungimento dell obbligo, i distributori inadempienti sono soggetti a una

6 98 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA sanzione stabilita dall AEEG, il cui ammontare non viene prefissato ma è proporzionale e comunque superiore al costo per effettuare gli interventi necessari a compensare le inadempienze e, comunque, superiori all entità degli investimenti (AEEG, 2011). Fig. 1 Il percorso per la realizzazione e il riconoscimento dei risparmi energetici Fonte: ns elaborazione Nel corso del sesto anno di funzionamento (2011) del meccanismo delineato, l AEEG ha certificato il conseguimento di un risparmio energetico complessivo pari ad oltre 3 milioni di tep, a fronte dei quali ha autorizzato l emissione da parte del GME di titoli di tipo I, titoli di tipo II e titoli di tipo III, pari rispettivamente al 55%, 29% e 16% del totale dei titoli emessi. Nel complesso, dunque, il numero di CB di cui è stata richiesta l emissione al GME nel periodo considerato è risultato inferiore all obiettivo complessivamente assegnato per lo stesso anno, in misura più marcata di quanto non sia già avvenuto nei due anni precedenti (AEEG, 2011). Tale scenario evidenzia che il trend di crescita degli obiettivi nazionali annuali - revisionati attraverso la definizione di più ambiziosi target dal DM del è sovradimensionato rispetto alla capacità del sistema di generare risparmi energetici. Peraltro, la struttura dell offerta dei CB, molto più ampia per i distributori elettrici, appare fortemente condizionata, da un lato, dalla tipologia delle misure adottate per la riduzione dei consumi energetici (Tabella 1) e, dall altro, dalla natura dei soggetti che le hanno realizzate 7 nonchè dai criteri di contabilizzazione dei risparmi energetici conseguiti 8. In effetti, la maggior parte dei risparmi è stato conseguito attraverso l utilizzo di tecnologie, relative in particolare a piccole applicazioni elettriche ed elettroniche, largamente disponibili sul mercato, di facile installazione

7 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI e connotate da una realizzazione poco costosa, la cui scarsa diffusione presso gli utenti è giustificata più dalla insufficiente informazione che non dall entità dell impegno in termini di costi rispetto alle tecnologie tradizionali. Basti considerare che solo il 2% dei risparmi è stato ottenuto da impianti di cogenerazione e di teleriscaldamento (AEEG, 2011). Tab. 1 - Distribuzione percentuale dei risparmi energetici per tipologia di interventi. Fonte: ns elaborazione su dati dell AEGG Anche nell ambito dei processi industriali sono stati effettuati miglioramenti dell efficienza energetica, per effetto dell installazione di centinaia di nuovi motori elettrici e di regolatori di frequenza nonché di decine di sistemi di cogenerazione; nel settore pubblico sono stati resi più efficienti i sistemi di illuminazione grazie alla sostituzione di lampade e all installazione di sistemi di regolazione automatica taglia-consumi. Da ciò si evince che il sistema dei CB, fino ad ora, non è stato in grado di

8 100 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA generare negli usi finali dell energia significativi cambiamenti di natura strutturale, di lungo periodo, in quanto gli operatori hanno preferito realizzare progetti a basso costo, per i quali hanno ottenuto non solo un riconoscimento dei risparmi nel breve tempo, ma anche un incentivo tale da coprire, nella maggior parte dei casi, l investimento complessivo sostenuto, inclusivo non solo dei costi diretti dell iniziativa, ma anche di quelli indiretti quali, ad esempio, gli oneri finanziari e i costi connessi con la gestione dei titoli. D altro canto, il meccanismo dei CB, indubbiamente, ha contribuito ad accelerare la diffusione di apparecchi e componenti ad alta efficienza e, probabilmente, nel medio periodo, concorrerà ad una graduale uscita dal mercato degli impianti a maggior consumo energetico. 3. Il mercato dei Certificati Bianchi in Italia La creazione di un mercato dei CB rappresenta una novità assoluta nell ambito dello scenario energetico internazionale, ponendosi quale importante strumento per valorizzare e incentivare interventi dai quali scaturisce una maggiore efficienza non solo da un punto di vista energetico, ma anche e soprattutto da un punto di vista economico. La possibilità di commercializzarli, infatti, introduce un importante elemento di flessibilità per i distributori che possono più facilmente ottemperare agli obblighi loro imposti, grazie alla possibilità di scegliere in base a criteri di convenienza economica, se realizzare i propri obiettivi di risparmio energetico in house, mediante iniziative proprie, oppure tramite società controllate, ovvero acquistare i certificati da altri distributori o da società operanti nel settore dei servizi energetici (ESCO) nonchè da soggetti aventi i requisiti per la nomina di un energy manager e da traders. 9 Sembra utile evidenziare che i CB sono negoziabili tra operatori in base a contratti bilaterali, oppure in un mercato appositamente istituito e regolamentato dal GME, d intesa con l AEEG (GME, 2010). È ovvio che il mercato organizzato offre significativi vantaggi legati alla elevata trasparenza nella formazione dei prezzi, alla sicurezza ed efficienza del sistema. In particolare, esso svolge una importante funzione di price disclosure, che consente a tutti gli operatori di conoscere i prezzi di contrattazione dei CB e, di conseguenza, permette di effettuare una migliore pianificazione degli investimenti (Pavan, 2008). Dei titoli scambiati, nel sesto anno di funzionamento (2011), il 65% (pari a ) si è svolto tramite contratti bilaterali e solo il 35% sul mercato organizzato, a fronte dei titoli scambiati nel corso del quinto

9 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI anno di funzionamento, dei titoli scambiati nel corso del quarto anno, degli del terzo anno, dei del secondo anno e dei del primo anno (GME, 2011). La preferenza riscontrata, da parte degli operatori, per gli scambi bilaterali, è, probabilmente, da ricondursi - nel primo anno di funzionamento del meccanismo - al ritardo con cui si è avviato il mercato dei CB (solo tre mesi prima della scadenza del 31 maggio) e, successivamente, alla incertezza che caratterizza il processo di formazione dei prezzi, attualmente molto volatili. I principali fattori sono da ricercarsi nelle caratteristiche di un mercato di recente istituzione, connotato da numerose transazioni di piccola entità, con forti tensioni sui prezzi che hanno condotto a valori medi anche maggiori rispetto al contributo tariffario riconosciuto dall AEEG 10. Ulteriori motivazioni che rendono i contratti bilaterali uno strumento più flessibile e adatto per gli operatori di maggiori dimensioni sono senza dubbio ravvisabili nelle differenze strutturali tra i due meccanismi di scambio. Infatti, sul mercato organizzato si possono registrare solamente contrattazioni spot, mentre nei contratti bilaterali è possibile definire accordi di scambio pluriennali e a prezzi predefiniti, attualmente più contenuti, che agevolano dunque la gestione del rischio finanziario da parte delle aziende di distribuzione. 4. Alcune considerazioni conclusive La struttura del meccanismo dei CB in Italia, unica a livello internazionale, ha rappresentato fin dalla sua implementazione una best practice oggetto di approfonditi studi e analisi da parte di un numero crescente di paesi, sia a livello europeo che internazionale, per la sua innovatività e singolarità nell ambito degli strumenti di mercato volti alla promozione dell efficienza energetica. In Francia, ad esempio, nel luglio 2006 è stato introdotto un sistema di Certificati Bianchi che ricalca molto quello italiano, soprattutto dal punto di vista della regolazione attuativa 11. Anche la Polonia ha introdotto un meccanismo simile per conseguire obiettivi di miglioramento nell efficienza d uso dell energia, mentre in altri paesi europei sono attive varie forme di obblighi di risparmio energetico in capo ad operatori del mercato elettrico e del gas naturale (Danimarca, Irlanda, Regno Unito, la regione delle Fiandre in Belgio). Inoltre, anche molti paesi extraeuropei - Stati Uniti, Australia, Giappone, Corea - hanno adottato o stanno considerando seriamente la possibilità di implementare un sistema analogo e la stessa Commissione europea ha

10 102 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA ventilato l introduzione dei CB tra le possibili misure che gli Stati membri dovranno obbligatoriamente introdurre (De Paoli e Bongiolatti, 2006). Indipendentemente dalle future dinamiche dei CB, appare utile effettuare alcune riflessioni sui principali punti di forza e di debolezza che caratterizzano il sistema italiano. Le grandi potenzialità di tale strumento sono testimoniate dai risultati soddisfacenti conseguiti in questi anni di operatività. Basti pensare che, dagli inizi del 2005 a tutt oggi, il sistema ha prodotto un risparmio di oltre 13 milioni di tep, dal quale è scaturita una riduzione delle emissioni atmosferiche pari a oltre 5 Mt di CO 2. Ciò ha comportato notevoli vantaggi in termini ambientali, economici, di sicurezza del sistema energetico e di crescita di competitività nel settore dei servizi e delle tecnologie ad alta efficienza energetica. Per quel che concerne l aspetto economico è sufficiente evidenziare che, dal 2005 al 2009, la spesa per incentivare il risparmio di 1 kwh non ha superato 1,7 c ; si tratta di un valore di gran lunga inferiore rispetto agli incentivi erogati nell ambito di altri sistemi orientati a conseguire i medesimi benefici in termini di lotta all inquinamento atmosferico e di sicurezza energetica. A ciò si aggiunga che il meccanismo dei CB, più in generale, ha contribuito a stimolare la nascita di un mercato dei servizi energetici 12 e ha posto le necessarie premesse per un ampia diffusione tra gli operatori economici e i cittadini di una solida cultura dell efficienza energetica e dell uso razionale dell energia, elemento essenziale per una maggiore diffusione delle tecnologie più efficienti. Tuttavia, l affermazione dei CB quale strumento principe per il conseguimento degli obiettivi del Pacchetto clima-energia , al 2020, varato dall Unione Europea, impone il superamento di non pochi elementi di criticità che non hanno finora consentito al meccanismo di esprimere appieno tutte le sue potenzialità e che hanno condotto a una scarsità dei titoli e, di conseguenza, ad una difficoltà nell adempimento degli obiettivi fissati. Tra gli elementi di criticità vi sono, senza dubbio, le incertezze normative per la mancata definizione di obiettivi nazionali per gli anni successivi al 2012, che scoraggia inevitabilmente la presentazione di progetti e, soprattutto, lo sviluppo di nuovi investimenti strutturali. A ciò si aggiungano le incertezze relative al modello di governance del meccanismo, parzialmente modificato dal DLgs n. 28 del 2011, riconducibili ad un aumento del numero di soggetti coinvolti nella regolazione e gestione del sistema, che ha comportato difficoltà di coordinamento, di gestione e di pianificazione per le amministrazioni coinvolte nonché un allungamento dei tempi decisionali, aggravando i fattori di insicurezza per gli operatori. Non va pe-

11 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI raltro sottaciuto un ulteriore ostacolo rappresentato dall indebolimento del sistema per la progressiva introduzione di ulteriori meccanismi di incentivazione (ad es. il nuovo regime di sostegno per la cogenerazione ad alto rendimento - CAR -, i certificati verdi - CV- per i sistemi di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento, le detrazioni fiscali del 55% per gli interventi di ristrutturazione edilizia, etc.), le cui complesse interazioni e le difficoltà applicative hanno generato molta confusione negli operatori. A ciò va evidenziato che l esperienza finora condotta ha fatto emergere elementi di debolezza legati alla tipologia di interventi realizzati, che generalmente si avvalgono di innovazioni caratterizzate da una vita tecnica breve e, dunque, non in grado di incentivare eco-innovazioni tecnologiche radicali nei differenti settori di utilizzo dell energia. Ulteriori elementi di criticità sono ravvisabili nella mancanza di un data base pubblico ove riscontrare le metodologie di valutazione adottate, in modo tale da rendere generalizzabile e riproducibile da parte di tutti un intervento già approvato. Nonostante tali criticità il sistema dei CB presenta, sicuramente, grandi potenzialità ai fini della corretta gestione delle risorse energetiche ed è destinato ad avere un ruolo fondamentale nell articolato ventaglio di politiche e misure nazionali per la promozione e il miglioramento dell efficienza energetica. È pur vero che una corretta affermazione e un soddisfacente sviluppo di tale sistema a livello nazionale, sarà frutto di un processo graduale, in cui tutti i soggetti coinvolti distributori, utenti/consumatori, istituzioni pubbliche, società di servizi energetici, etc. - dovranno acquisire esperienza e maturità per cogliere appieno le opportunità e realizzare un efficace miglioramento di tutte le performance, da quelle economiche a quelle tecnologiche ed ambientali. Per i distributori si sta dischiudendo uno scenario del tutto nuovo, dal quale scaturiranno aspetti estremamente complessi e articolati, in grado di imprimere un significativo impatto sugli approcci manageriali. I distributori, infatti, hanno la necessità di disporre di molteplici competenze in materia di criteri di valutazioni energetiche, ambientali ed economico-finanziarie, onde poter effettuare idonee scelte strategiche da adottare nell opzione make o buy, ovvero se optare per l acquisto dei titoli o, in alternativa, realizzare progetti di efficienza energetica. Un ruolo nevralgico è svolto dall AEEG che, allo stato attuale, ha avanzato alcune proposte di aggiornamento e integrazione della normativa in vigore, al fine di superare tali incertezze e gli elementi di criticità, potenziando la capacità del sistema di contribuire al conseguimento degli obiettivi che il Paese si è posto al 2020.

12 104 STEFANIA ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 SUPINO-ORNELLA MALANDRINO-DANIELA SICA Tali proposte, tuttavia, sono volte a modificare il framework del meccanismo - per raggiungere, nel breve periodo, un riequilibrio della domanda e dell offerta di CB e per stimolare, nel lungo periodo, la realizzazione di nuovi investimenti in efficienza - e non intervengono sulla regolazione economica dello stesso né sulle regole di funzionamento del registro e del mercato dei CB gestiti dal GME. Sarebbe auspicabile realizzare, invece, un processo di ripensamento complessivo del sistema, attraverso l interiorizzazione dei punti di forza degli analoghi modelli adottati da altri Paesi. NOTE 1 L UE ha varato nel 2008 il Pacchetto clima energia, che si propone - entro il di elevare il contributo delle fonti energetiche rinnovabili al 20% del consumo finale lordo di energia, di ridurre le emissioni di gas serra del 20%, pur se con target differenti per i vari Paesi membri, e migliorare l efficienza energetica del 20%. 2 L intensità energetica o intensità d uso dell energia è data dal rapporto tra la domanda fisica di energia ed il Pil di un Paese, espressa, ad esempio, tep/euro. 3 Le ESCO (acronimo di Energy Service Company) sono imprese finanziarie nate negli Stati Uniti tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80, allo scopo di rispondere in modo concreto alla crescente richiesta di risparmio, in termini energetici e di risorse, sia nel settore pubblico che privato. Recentemente, con i Decreti del 2004 delineato dai è stato riconosciuto alle ESCO, anche in Italia, un ruolo rilevante nello scenario del sistema di promozione del risparmio energetico. 4 È necessario sottolineare che queste ultime misure - note come interventi di market transformation, orientati cioè ad incidere in modo graduale, ma permanente, sui comportamenti di produzione e di consumo degli utenti (es.: campagne di informazione, sensibilizzazione, formazione) - sono ammissibili solo se soddisfano specifici requisiti di qualità e sono di supporto a interventi per i quali i risparmi energetici conseguiti non vengono già misurati direttamente (Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, 2011). 5 Un titolo (CB/TEE) rappresenta un ammontare di risparmio energetico certificato pari a 1 tonnellata equivalente di petrolio (tep) e può assumere tre diverse configurazioni a seconda del tipo di intervento realizzato. 6 Tuttavia l AEEG ha stabilito che solo il 40% dell obiettivo specifico di ogni anno può essere soddisfatto attraverso titoli che hanno più di un anno di validità. La determinazione di tale limite ha lo scopo di ridurre la possibilità, da parte dei soggetti obbligati, di porre in essere atteggiamenti speculativi. 7 Rispetto a quanto rilevato al maggio 2006, è evidente come siano diventati assolutamente predominanti gli interventi per il risparmio di energia elettrica in ambito civile. Il peso percentuale di questa tipologia di interventi è aumentato di 19 punti percentuali rispetto al primo anno di attuazione a discapito di quello degli interventi sugli usi di illuminazione pubblica e sui sistemi di produzione e distribuzione di energia in ambito civile (che hanno perso rispettivamente 24 e 19 punti percentuali rispetto al primo anno di attuazione). È necessario evidenziare il graduale riequilibrio nella ripartizione degli interventi tra il settore civile e quello industriale, con una costante crescita dei risparmi energetici realizzati in quest ultimo. Il contributo degli interventi sugli usi termici nel settore elettrico, invece, ha registrato, rispetto al 2006, un lieve incremento (6%), per poi rimanere pressoché stabile negli anni successivi.

13 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIAI 8 Ogni progetto contribuisce al perseguimento degli obiettivi complessivi per un periodo pari a 5 anni; fanno eccezione gli interventi di riduzione dei consumi per interventi di climatizzazione. 9 Attualmente i distributori, soprattutto quelli di minori dimensioni, preferiscono rispettare i propri obblighi prevalentemente ricorrendo all acquisto dei CB da soggetti terzi. 10 In particolare, viene concesso un contributo tariffario i cui criteri di assegnazione sono volti a garantire che l aggravio complessivo sulla bolletta dei consumatori sia sempre inferiore al beneficio economico complessivo derivante dall attuazione dei Decreti ministeriali (AEEG, 2011). 11 Il sistema francese si differenzia da quello italiano per diversi aspetti, tra cui vale la pena menzionare l ambito di applicazione che include una più ampia categoria di soggetti obbligati, la valutazione dei risparmi energetici in termini di energia finale e non di energia primaria e la regolazione degli scambi, che sono solo bilaterali (Bodineau e Bodiguel, 2009). 12 Nel corso dei sei anni di attuazione del meccanismo, è costantemente cresciuto il numero di operatori che, non soggetti agli obblighi di risparmio, contribuiscono ad alimentare l offerta di CB, realizzando interventi di miglioramento dell efficienza energetica presso i consumatori, in tutti i settori di uso finale dell energia. In particolare, la partecipazione delle società di servizi energetici (SSE) che accedono ai CB è crescita in modo esponenziale, generando un volume di risparmi energetici pari a circa 6 volte quelli conseguiti dai distributori obbligati; in continua crescita è anche il volume di risparmi conseguiti dai soggetti obbligati alla nomina di un energy manager. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (2011), Quinto Rapporto annuale sul meccanismo dei titoli di efficienza energetica, disponibile su Bodineau, L. e Bodiguel, A. (2009), Energy Savings Certificates (ESC) scheme in France: initial results, in Proceedings of the ECEEE summer study, De Paoli, L. e Bongiolatti, L. (2006), The promotion of energy efficiency in Italy, Economics and policy of energy and the environment, 3, Gestore Del Mercato Elettrico (2010), Regole di funzionamento del mercato dei Titoli di Efficienza Energetica, disponibile su Gestore Del Mercato Elettrico (2011), Rapporti e statistiche, disponibile su Malandrino, O. e Sica, D. (2005), Gli strumenti in accordo con efficienza energetica e tutela dell ambiente, Nuova Energia, 4, Pavan, M. (2008), Tradable energy efficiency certificates: the Italian experience, Energy Efficiency, 1, Proto, M., Sica, D. e Malandrino, O., The Italian approach to improving energy efficiency: the White Certificates Scheme, in Journal of Commodity Science, Technology and Quality, Proto, M. e D Ermo, V. (2000), Le dinamiche dell intensità energetica nell industria italiana, in Proceedings of XIX Congresso Nazionale di Merceologia, Sassari September,

14

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli