PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)"

Transcript

1 Sede e campo sportivo U. Orlandini via Vivaldi, Santo Stino di Livenza - Venezia Telefono - Fax 0421 / sito web : Matricola F.I.G.C.: cod. fisc./ partita Iva: PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) CATEGORIE INTERESSATE ALLA SCUOLA CALCIO STAGIONE SPORTIVA : Piccoli Amici Pulcini Esordienti Giovanissimi Allievi L ASSOCIAZIONE SPORTIVA A.C.D. SAN STINO Intende adoperarsi nell attività del settore giovanile, guidata soprattutto da una politica societaria dove lo scopo principale è sicuramente di tipo educativo formativo. Anche quest anno il nostro obiettivo rimane lo stesso degli anni scorsi, nelle riunioni tecniche avute con i nostri istruttori sono stati elencati i concetti base e la logica per raggiungere i nostri obiettivi. In sintesi, per la fascia dai 6 ai 10 anni la figura del bambino è posta al centro dell azione formativa, gli istruttorieducatori devono trasmettere oltre alla formazione dei fondamentali di carattere tecnico, tutti quei principi necessari al bambino per essere man mano inserito nella vita sociale, rispettando i valori umani d ubbidienza, rispetto, lealtà, dominio di sé e capacità di vivere assieme agli altri. Inoltre la parte ludica è la prevalente nella gestione delle lezioni, tanto spazio riservato al gioco, al divertimento, e all interesse per il gioco del calcio, cercando di creare motivazioni ed interesse. Nelle fasce d età superiori (fino alla categoria Allievi), la parte ludica è supportata anche da una parte fisica agonistica, dove in ogni modo gli istruttori non tralasciano l obiettivo principale della formazione educativa del giovane. La programmazione didattica delle sedute d allenamento (esercizi, giochi etc.), indica tutta quella serie d interventi controllati, orientati al raggiungimento di determinati obiettivi. Normalmente ogni azione diretta ad un obiettivo specifico, deve essere programmata, quindi non agire a caso, e le relative fasi alla programmazione devono seguire determinati criteri: Analisi della situazione iniziale Definizione degli obiettivi Scelta dei metodi Individuazione dei contenuti Valutazione Tutte le attività, in ogni modo, sono programmate con sfondo prevalentemente ludico, trasmettendo motivazioni di tipo creativo dove il miglioramento avviene presentando proposte sotto forma di gioco, adottando soluzioni appropriate per il superamento delle difficoltà, nel rispetto dei bisogni e delle esigenze dei giovani atleti. Questi sono aspetti fondamentali per apprendere, sperimentare ed assimilare le qualità necessarie alla pratica del calcio giovanile, con spirito di sacrificio e soprattutto divertimento. A.C.D. SAN STINO

2 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.1/2 CATEGORIA PICCOLI AMICI ATTIVITA DI CARATTERE LUDICO MOTORIA AD INDIRIZZO CALCISTICO. INDICAZIONI SULL ATTIVITA PICCOLI AMICI Numero gare previste Amichevoli Tornei Campionati: Inferiori a 30 Durata partita Tre tempi di 10 Frequenza allenamenti settimanali Due sedute più partita Durata seduta Spazio disponibile Numero allievi c.a... Metà campo PROGRAMMAZIONE ANNUALE Periodo Unità Didattica Settembre 1 Obiettivo Generale Capacità senso percettive. Obiettivo Specifico Conoscenza della palla. Ottobre 2 Equilibrio Guidare e fermare la palla. Novembre 3 Organizzazione spazio temporale. Correre con la palla. Dicembre 4 Coordinazione: oculo manuale ed oculo Calciare la palla. podalica. Gennaio 5 Globale. Ricevere la palla. Febbraio 6 Capacità senso percettive. Spostarsi senza palla. Marzo 7 Equilibrio. Correre e fermare la palla. Aprile 8 Organizzazione spazio temporale Calciare la palla. Maggio 9 Coordinazione: oculo manuale ed oculo Sintesi. podalica. Giugno 10 Verifiche test.

3 A.C.D. SAN STINO Stagione pag. 2/2 Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area affettivo sociale: Socializzare Vincere la paura del contatto con il suolo e con l avversario. Stimolare l iniziativa individuale. Area Cognitiva: Conoscere e rispettare le regole. Organizzare un progetto individuale tenendo conto dello spazio e tempo. Area motoria: Sviluppo degli schemi motori di base e delle capacità senso percettive. Capacità coordinative: reazione, differenziazione, ritmo, equilibrio, organizzazione spazio temporale. Capacità condizionali: Rapidità e mobilità articolare. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Regole fondamentali del gioco: Non giocare con le mani. Non spingere. Non trattenere e non dar calci all avversario. Principi fondamentali in attacco: Far gol Avanzare Non perdere palla. Principi fondamentali in difesa: Avanzare per non far avanzare il portatore di palla. Proteggere la propria porta. Tecnica: Sviluppo delle capacità di dominare la palla. Acquisizione dell impostazione corretta dei fondamentali. Al termine del periodo di formazione, i bambini della categoria piccoli amici dovranno: SAPER FARE SAPERE / COMPRENDERE SAPER ESSERE / ACCETTARE Avanzare con la palla. Fermare la palla. Calciare la palla. Muoversi senza palla. L obiettivo del gioco. Ruolo legato alla fase di gioco: o In fase offensiva; attaccanti. o In fase difensiva; difensori. Rispettosi dei compagni. Rispettosi degli avversari. Rispettosi delle regole di base. Il contatto con il terreno. Il contatto con l avversario.

4 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.1/2 CATEGORIA PULCINI ATTIVITA DI CARATTERE PROMOZIONALE E DIDATTICO. INDICAZIONI SULL ATTIVITA PULCINI Numero gare previste Amichevoli Tornei Campionati: 30 c.a.. Durata partita Tre tempi di 18 Frequenza allenamenti settimanali Due sedute più partita Durata seduta Spazio disponibile Numero allievi c.a... Metà campo PROGRAMMAZIONE ANNUALE Periodo Unità Didattica Settembre 1 Ottobre 2 Novembre 3 Dicembre 4 Gennaio 5 Febbraio 6 Marzo 7 Aprile 8 Maggio 9 Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Nelle Situazioni 2 > 1 ; 2 > ; 2 > 2 3 > 2 ; 3 > ; 3 > 3 Nelle Situazioni 4 > 3 ; 4 > ; 4 > 4 5 > 4 ; 5 > ; 5 > 5 Nelle Situazioni 6 > 5 ; 6 > ; 6 > 6 7 > 6 ; 7 > ; 7 > 7 Saper fare individuale Tiro Dribbling. Guida Passaggi. Ricezione Guida Passaggi Ricezione. Dribbling Tiro Colpo di Testa. Controllo di palla Passaggi. Conclusioni a rete Contrasto. Giugno 10 Valutazioni Finali Valutazioni Finali

5 A.C.D. SAN STINO Stagione pag. 2/2 Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area affettivo sociale: Socializzare Vincere la paura del contatto con il suolo e con l avversario. Stimolare l iniziativa individuale. Area Cognitiva: Conoscere e rispettare le regole. Organizzare un progetto individuale tenendo conto dello spazio e tempo. Area motoria: Sviluppo degli schemi motori di base e delle capacità senso percettive. Capacità coordinative: reazione, differenziazione, ritmo, equilibrio, organizzazione spazio temporale. Capacità condizionali: Rapidità e mobilità articolare. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Regole fondamentali del gioco: Non giocare con le mani. Non spingere. Non trattenere e non dar calci all avversario. Principi fondamentali in attacco: Far gol Avanzare Non perdere palla. Principi fondamentali in difesa: Avanzare per non far avanzare il portatore di palla. Proteggere la propria porta. Tecnica: Sviluppo delle capacità di dominare la palla. Acquisizione dell impostazione corretta dei fondamentali. Al termine del periodo di formazione, i bambini della categoria pulcini dovranno: SAPER FARE SAPERE / COMPRENDERE SAPER ESSERE / ACCETTARE Avanzare con la palla. Fermare la palla. Calciare la palla. Muoversi senza palla. L obiettivo del gioco. Ruolo legato alla fase di gioco: o In fase offensiva; attaccanti. o In fase difensiva; difensori. Rispettosi dei compagni. Rispettosi degli avversari. Rispettosi delle regole di base. Il contatto con il terreno. Il contatto con l avversario. A.C.D. SAN STINO Stagione pag.1/3

6 CATEGORIA ESORDIENTI ATTIVITA DI CARATTERE PROMOZIONALE E APPROFONDIMENTO TECNICO FORMATIVO INDICAZIONI SULL ATTIVITA ESORDIENTI Durata dell attività Da Settembre a metà Giugno. Numero gare previste Amichevoli Tornei Campionato oltre 30 Durata partita Tre tempi di 18 Frequenza allenamenti settimanali Durata seduta Spazio disponibile Numero allievi Due tre sedute più partita c.a... Metà campo PROGRAMMAZIONE ANNUALE Periodo Unità Didattica Agosto 1 Settembre 2 Ottobre 3 Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Capacità collaborative, valutazioni iniziali In fase offensiva creare ed utilizzare la superiorità numerica Finalizzare il gioco offensivo Saper fare individuale Abilità tecniche e motorie, Valutazioni iniziali Passaggio e Ricezione Smarcarsi per continuare l azione Protezione della palla Uso dei messaggi verbali Finte Dribbling Concludere in movimento Controllo e tiro Smarcamento finalizzato alla conclusione Tiro

7 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.2/3 Periodo Unità Didattica Novembre 4 Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Collaborazione in fase difensiva 5 Globale 6 7 Creare ed utilizzare la superiorità numerica in attacco per finalizzare il gioco Globale Valutazioni finali Saper fare individuale Marcare Gioco di testa Anticipare Copertura Attendere ed intervenire Globale Gioco di testa Passaggio e ricezione Smarcarsi per continuare l azione Finte e dribbling Smarcarsi per continuare l azione Conclusione in acrobazia Gioco di testa Valutazioni Finali Al termine del periodo di formazione, la categoria Esordienti dovrà: Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area affettivo sociale: Sicurezza di sé e nelle proprie capacità Rispetto e cooperazione con i coetanei Sviluppo della competizione. Area Cognitiva: Elaborare progetti collaborativi che tengono conto degli avversari. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Regole fondamentali del gioco: Fuorigioco Fallo di ostruzione Principi fondamentali in attacco: Possesso di palla Profondità Ampiezza Concludere A.C.D. SAN STINO Stagione pag.3/3

8 Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area motoria: Capacità coordinative: combinazione, differenziazione. Equilibrio, adattamento e trasformazione, organizzazione. Spazio temporale fantasia. Capacità condizionali: rapidit, forza veloce, mobilità articolare. Capacità senso percettivo e schemi motori. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Principi fondamentali in difesa: Frenare l azione avversaria Scaglionamento Concentrazione Tecnica: Sviluppo della capacità di dominare la palla. Sviluppo del bagaglio tecnico e delle capacità di utilizzarlo nel gioco.

9 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.1/3 CATEGORIA GIOVANISSIMI ATTIVITA DI CARATTERE COMPETITIVO, COSTITUISCE IL PRIMO VERO MOMENTO DI VERIFICA DEL PROCESSO TECNICO FORMATIVO. LA PREPARAZIONE TECNICA REPPRESENTA UN GRADINO BASILARE DEL PERCORSO EVOLUTIVO INIZIATO CON L ATTIVITA DI BASE. INDICAZIONI SULL ATTIVITA DEI GIOVANISSIMI Durata dell attività Dalla quarta settimana d Agosto a metà Giugno. Numero gare previste Amichevoli Tornei Campionato oltre 40 Durata partita Due tempi di 30 Frequenza allenamenti settimanali Durata seduta Spazio disponibile Numero allievi Tre sedute più partita c.a... Metà campo PROGRAMMAZIONE ANNUALE Periodo Agosto Settembre Unità Didattica 1 Ottobre 2 Novembre 3 Dicembre Gennaio Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Impostazione generale della squadra in fase offensiva e diffensiva Giocare in profondità Attaccare lo spazio Uso dell ampiezza Saper fare individuale Globale 4 Sintesi Sintesi Dettare il passaggio Taglio e inserimenti Controlli Dribbling Tiro Lancio Cross Testa

10 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.2/3 Periodo Unità Didattica Febbraio 5 Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Utilizzare fuori gioco e contromisure Saper fare individuale Anticipo Contrasto Marcatura Marzo 6 Giocare in profondità Dettare il passaggio Passaggio fintato Taglio ed inserimenti Dribbling Tiro Aprile 7 Uso dell ampiezza Lancio Controlli Testa Maggio Giugno 8 Sintesi Valutazioni Finali Sintesi Lavoro individualizzato Valutazioni Finali Al termine del periodo di formazione, la categoria Giovanissimi dovrà: Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area affettivo sociale: Fiducia in sé e nelle proprie capacità Acquisizione d autocontrollo Area Cognitiva: Sviluppare capacità d analisi e di sintesi. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Sviluppo delle comunicazioni verbali nelle due e fasi di gioco. In generale: Sviluppo dell intelligenza di gioco Adattare le scelte alla situazione Aspetti offensivi: Acquisizione e perfezionamento dei fondamentali tecnici ed individuali: calciare, controllare, gioco di testa. Creare con continuità la superiorità numerica sulla palla. Uso del cambio di gioco e del lancio. Aspetti difensivi: Frenare collettivamente, anticipare; coprire chi affronta il portatore di palla; equilibrio; raddoppio di marcatura; movimenti a scalare; applicazione del fuorigioco in situazioni standard

11 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.3/3 Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità) Area motoria: Capacità coordinative: combinazione spazio temporale. Anticipazione, Fantasia. Capacità condizionali: rapidità, forza veloce. Resistenza aerobica, mobilità articolare. Obiettivi didattici (relativi al gioco del calcio). Tecnica: Acquisizione e perfezionamento dei fondamentali tecnici individuali. Ampliamento del bagaglio di finte e sviluppo del bagaglio tecnico e della capacità di applicarle ai fondamentali.

12 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.1/3 CATEGORIA ALLIEVI ATTIVITA DI CARATTERE COMPETITIVO, COSTITUISCE IL MOMENTO CONCLUSIVO DELLA VERIFICA DEL PROCESSO TECNICO ADDESTRATIVO COMPIUTO NELL AMBITO DELLE CATEGORIE GIOVANILI. RAPPRESENTA UN MOMENTO FONDAMENTALE NELLA FASE DI PERFEZIONAMENTO E RELATIVA MATURAZIONE TECNICA, CHE PRECLUDE AD IMPEGNI AGONISTICI DI RILIEVO. INDICAZIONI SULL ATTIVITA DEGLI ALLIEVI Durata dell attività Dalla quarta settimana d Agosto a metà Giugno Numero gare previste Amichevoli Tornei Campionato oltre 40 Durata partita Due tempi di 40 Frequenza allenamenti settimanali Durata seduta Spazio disponibile Numero allievi Tre sedute più partita c.a.. Metà campo PROGRAMMAZIONE ANNUALE Periodo Unità Didattica Agosto 1 2 Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Impostazione generale della squadra in fase: Offensiva Difensiva Impostazione tattica del gioco offensivo Saper fare individuale Capacità aerobica Potenza muscolare Ripasso dei fondamentali tecnici 1>1 Capacità Aerobica Potenza Aerobica Potenziamento muscolare Settembre 3 Impostazione tattica del gioco: Offensivo Difensivo Resistenza lattacida Corretta esecuzione dei gesti tecnici Forza Specializzazione dei ruoli

13 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.2/3 Periodo Ottobre Novembre Unità Didattica Saper fare collettivo (Capacità di gioco) Saper fare individuale Potenziamento muscolare. Potenziamento anaerobico lattacido. Ricerca massima rapidità esecutiva dei gesti tecnici. Specializzazione per ruoli. Potenziamento muscolare Potenziamento anaerobico lattacido. Incremento dei gesti tecnici di forme esecutive più evolute. Specializzazione dei ruoli. Dicembre Ricerca massima rapidità esecutiva dei gesti tecnici. Potenziamento organico. Specializzazione per ruoli. Gennaio Febbraio 4 Perfezionamento e modifiche determinate dall analisi delle gare Potenza aerobica Perfezionamento Tecnico: Combinazioni a gruppi con ricerca della massima velocità. Specializzazione per ruoli. Perfezionamento Tecnico: Combinazioni a gruppi con ricerca della massima velocità. Specializzazione per ruoli. Marzo Potenziamento Organico Perfezionamento Tecnico: Combinazioni a gruppi con ricerca della massima velocità. Tiro Aprile Lancio Controlli Testa Maggio Giugno Sintesi Lavoro individualizzato. Valutazioni Finali.

14 A.C.D. SAN STINO Stagione pag.3/3 Al termine del periodo di formazione, la categoria Allievi dovrà: Obiettivi Educativi (relativi alla sfera della personalità). Area Affettivo Sociale: Aggregazione per conseguire un obiettivo comune. Autorealizzazione Responsabilizzazione Autocontrollo Area Cognitiva: Sviluppo della capacità di analisi critica. Ricerca delle soluzioni idonee. Area Motoria: Sviluppo delle capacità Coordinative: o Anticipazione o Fantasia o Organizzazione spazio temporale. Sviluppo delle Capacità Condizionali: o Forza o Velocità o Resistenza Lattacida o Mobilità articolare Obiettivi Didattici (relativi al gioco del calcio). Educare alla fatica assieme ai compagni. Saper superare le situazioni di difficili. In Generale: Sviluppo della capacità di leggere la gara. Capacità di rispettare i compiti tattici evoluti. Aspetti Offensivi: Contromisure al fuori gioco ed al pressing. Avversario Capacità di ripartire in profondità alla riconquista della palla. Aspetti Difensivi: Organizzazione del pressing. Organizzazione del fuori gioco (quando la palla non può avanzare). Tecnica: Perfezionamento e velocizzazione delle esecuzioni dei fondamentali tecnici individuali.

15 CODICE ETICO E SANZIONI DISCIPLINARI

16 REGOLE DI COMPORTAMENTO DEI GENITORI Informarsi sulla società, conoscere gli adulti di riferimento e gli altri genitori. Chiarire gli obiettivi educativo-formativi e le regole di comportamento. Verificare che le aspettative del figlio, corrispondano all attività che svolge, evitando di caricarlo di eccessive tensioni. Seguire l attività con attenzione la crescita psicofisica ed educativa del proprio figlio. Non esaltare ma nemmeno degradare le prestazioni sportive. Non intromettersi nel lavoro del tecnico; non criticare l operato degli allenatori, dei compagni del proprio figlio ed arbitri.

17 Rispettare gli spazi ed i tempi di discussione con allenatori e dirigenti, mai in presenza del proprio figlio o durante le partite. Esercitare possibilmente una coerenza educativa, rispetto agli obiettivi ed alle tipologie comportamentali, applicati dalla società. Accettare il principio del risarcimento del danno (anche collettivo in caso di mancata individuazione del responsabile), per azioni di danneggiamento del patrimonio societario altrui o dell A.C.D. SAN STINO.

18 FIGURA DELL ALLENATORE Gli allenatori sono presi ad esempio dai ragazzi come modelli di comportamento e devono per questo comprendere, la pesante influenza che parole ed atteggiamenti hanno nei confronti degli atleti che compongono la loro squadra.

19 REGOLE DI COMPORTAMENTO DEGLI ALLENATORI L importanza dei risultati non dovrebbe mai mettere a repentaglio la salute o l integrità fisica dei giocatori. La vittoria non è altro che il risultato della preparazione tecnica, tattica, fisica e psicologica della squadra. Questi valori non si devono mai sacrificare per aumentare il proprio prestigio personale. Il gioco del calcio non deve mai impedire al giovane di ottenere buoni risultati sotto il profilo scolastico; insieme alla famiglia ed alla scuola, l allenatore riveste un ruolo attivo nell educazione dell individuo.

20 L allenatore deve sempre rispettare, difendere ed insegnare ai propri allievi le regole del gioco del calcio; non deve mai, per nessuna ragione, cercare di ottenere vantaggi, attraverso l insegnamento consapevole di comportamenti anti-sportivi. Gli allenatori sono responsabili del comportamento dei propri giocatori ed hanno il dovere di stigmatizzare tutti gli atteggiamenti anti-sportivi; per questa ragione il FAIR-PLAY, dovrebbe essere sempre incoraggiato sia durante le sedute di allenamento che durante le gare. Gli allenatori devono mettere sempre gli arbitri, nella condizione di svolgere la propria opera il più serenamente possibile, attraverso un atteggiamento rispettoso e corretto, evitando d incentivare comportamenti negativi dei propri giocatori, nei confronti del direttore di gara.

21 Gli allenatori devono evitare atteggiamenti provocatori nei confronti della panchina avversaria. Gli allenatori hanno il dovere di dare sempre il massimo ai propri giocatori e per questo motivo di mantenersi sempre aggiornati attraverso testi, corsi periodici. E necessario ampliare continuamente le proprie conoscenze tecnico-tattiche, fisiologiche, medico-sportive e psicologiche.

22 REGOLE DI COMPORTAMENTO DEI GIOCATORI Vincere è facile, saper perdere è difficile. Bisogna avere pazienza, non pretendendo tutto e subito. Essere puntuali, salutare e comportarsi adeguatamente. Allenarsi costantemente e condurre una vita sana. Senza regole non c è gioco. Rispettare sé stessi, gli altri, le cose. Umiltà e modestia fanno star bene. Imparare a ragionare con la propria testa. Esultare è bello, umiliare è poco nobile.

23 FIGURA DEL DIRIGENTE ACCOMPAGNATORE La qualifica di dirigente accompagnatore spetta alle persone espressamente designate, che non necessariamente appartengono al Consiglio Direttivo, alle quali, in virtù della loro sensibilità e competenza, la Società accorda speciale fiducia per l esercizio di tale funzione. Nello svolgimento delle proprie attività in seno alla squadra, i Dirigenti Accompagnatori devono agire con integrità morale e rispetto delle persone.

24 ETICA Lealtà e buona fede: adottare sempre un comportamento conforme ai principi di lealtà e buona fede nei confronti della Società, dei colleghi, di tutto il personale, degli allenatori e giocatori, nonché rispetto nei confronti degli arbitri. Conflitto d interessi: privilegiare sempre gli interessi della società, rispetto a quelli personali (generalmente in una società dilettantistica il dirigente accompagnatore è quasi sempre un genitore) e di terzi, evitando che questi ultimi, possano interferire sulle decisioni, sui

25 comportamenti, sulla struttura organizzativa della Società. il dirigente accompagnatore si deve impegnare ad agire in tutte le situazioni nell interesse della società A.C.D. SAN STINO. Informazioni privilegiate: le informazioni privilegiate, ottenute nello svolgimento delle proprie funzioni, non devono essere in alcun modo divulgate o utilizzate a vantaggio proprio o di terzi. Conoscenza del ruolo Formazione: cercare di acquisire, attraverso un opportuna formazione, le necessarie competenze strumentali (conoscenza delle regole, carte federali..) e psicologiche

26 (approfondire le conoscenze sul piano delle relazioni affettive e dei rapporti interpersonali..) Efficienza: aspirare a conseguire le necessarie competenze che la propria carica comporta, nel modo più efficiente possibile. Cooperazione e sinergie: cooperare in modo personale ed attivo con figure appartenenti alle altre aree, perseguendo l identificazione e lo sfruttamento ottimale delle necessarie sinergie all interno della società A.C.D. SAN STINO. Informazioni: fornire sempre alla Società informazioni veritiere, necessarie, complete e puntuali in merito all andamento dell attività sportiva (RELAZIONI PERIODICHE).

27 Rapporti con i genitori: agire in qualità di FILTRO PRIMARIO, nel rapporto educativo tra Società e Genitori. Favorire il rispetto del materiale e dell ambiente: i Dirigenti accompagnatori si devono impegnare affinchè tutti i tesserati della Società A.C.D. SAN STINO, appartenenti e non alla squadra di competenza, rispettino sempre il materiale e le strutture con cui si entrerà in contatto durante il normale svolgimento dell attività sportiva (sia quello gestito o fornito direttamente dalla società A.C.D. SAN STINO sia quello appartenente ad altre società).

28 SANZIONI DISCIPLINARI Ampia la gamma delle SANZIONI DISCIPLINARI applicabili a seconda della gravità, della recidività, dell inosservanza e del grado di colpa. Il minimo che possa succedere è il RIMPROVERO VERBALE, seguito però dal RIMPROVERO SCRITTO, alla SOSPENSIONE dall attività per un periodo non superiore ai 10 giorni. Per comportamenti più gravi, può invece scattare l ALLONTANAMENTO dalla Società. pianoformazione

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio US Albinia Programmazione attività stagione 2011 2012 Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012 A. CATEGORIA ESORDIENTI (1999 2000) Allenatore: Luciano FUSINI (All. Base) A.1 Attività Federale

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS CODICE ETICO Art. 1 Premessa L'Associazione Sportiva Dilettantistica A.s.d. 360 MTB (di seguito l'associazione) opera nell ambito sportivo del ciclismo. L'Associazione riconosce lo sport quale strumento

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

IL BAMBINO (centralità)

IL BAMBINO (centralità) Il Vero soggetto della Nostra proposta educativa SOCIETA di CALCIO Personalità Scuola Dirigente Educatore Sportivo Allenatore Preparatore Motorio Medico Psicologo IL BAMBINO (centralità) EVOLUZIONE (crescita)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA CALCIO

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA CALCIO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA CALCIO PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei ragazzi allo Sport ( Ginevra 1992 Commissione Tempo Libero O.N.U.

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO SP/SSPG di ALBIANO PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO PSI IV BIENNIO ITALIANO Anno scolastico 2014-2015 COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" - 2010 "4c4: un gioco

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica. Oratorio Helder Camara San Polo d Enza (RE) 1974-2009

Associazione Sportiva Dilettantistica. Oratorio Helder Camara San Polo d Enza (RE) 1974-2009 Associazione Sportiva Dilettantistica Oratorio Helder Camara 1974-2009 SOMMARIO Introduzione Carta dei diritti del bambino Regolamento istruttori e tecnici Regolamento atleti e genitori Organigramma Società

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA CI IMPEGNAMO PER Orientare l attività a tutela dei diritti del bambino atleta. Attraverso le sue esperienze e le opportunità che gli verranno offerte potrà

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

Livelli di Formazione

Livelli di Formazione C.O.N.I. FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA Piano di formazione dei Quadri Tecnici Livelli di Formazione degli Istruttori di Scacchi Compiti, profili di attività, competenze, conoscenze e struttura della

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 4c4: un gioco polivalente -REGOLAMENTO UFFICIALE EMILIA ROMAGNA- Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti,

Dettagli

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva U.S. VIRTUS BINASCO Stagione Sportiva 2014-2015 CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente 1.PACCALINI MASSIMO Vice Presidente 2.MALATERRA DAVIDE 3.CARENINI STEFANO Consiglieri 4.ARIOLI LUIGI 5.CICERONE SERGIO 6.CARERA

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Premessa. Ente organizzatore

Premessa. Ente organizzatore Premessa Il Progetto Multisport nasce dalla volontà ed esigenza di aumentare autostima e sicurezza nei bambini che si affacciano al mondo dello sport, fornendo una combinazione di benefici fisici ed emotivi

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA Area Corporeo/motoria spiccato impulso a muoversi dal pensiero intuitivo-preoperatorio al pensiero operatorio-concreto-egocentrico Area Cognitiva Area Socio-affettiva

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA

JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA L età d oro della motricità La prima età scolare DAI 6 AI 10 ANNI Tratti dominante del comportamento motorio per i bambini dai 6 ai 10 anni Notevole vivacità Bisogno di imitazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA...2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE...2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA...3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI...3 I FORMATORI

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Fate che i bambini si istruiscano giocando: potrete così conoscere le inclinazioni di ciascuno. PLATONE (Repubblica VII,537)

Fate che i bambini si istruiscano giocando: potrete così conoscere le inclinazioni di ciascuno. PLATONE (Repubblica VII,537) I GIOVANI E LO SPORT DELLA MONTAGNA 3^ edizione Imparare a fare sport: dall alfabeto alfabeto motorio al campo di gara Predazzo (TN) 5 maggio 2011 DAL GIOCO ALLO SPORT: LA TRACCIA PROFONDA DI UN PERCORSO

Dettagli

Scuola, Legalitàe e Rugby

Scuola, Legalitàe e Rugby Scuola, Legalitàe e Rugby Gioco a Rugby, rispetto le Regole Progetto indirizzato alle 5^ Elementari e 1^ Medie degli Istituti Scolastici della provincia di Catania Il progetto Scuola, Legalità e Rugby

Dettagli

POLISPORTIVA CALISIO SCUOLA CALCIO ISCRIZIONE STAGIONE SPORTIVA 2014-15 Pulcini ed Piccoli Amici

POLISPORTIVA CALISIO SCUOLA CALCIO ISCRIZIONE STAGIONE SPORTIVA 2014-15 Pulcini ed Piccoli Amici POLISPORTIVA CALISIO SCUOLA CALCIO ISCRIZIONE STAGIONE SPORTIVA 2014-15 Pulcini ed Piccoli Amici Alla Scuola Calcio della Polisportiva Calisio si possono iscrivere i bambini nati dagli anni 2004 al 2009.

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

PIANO DI OFFERTA FORMATIVA P.O.F. STAGIONE CALCISTICA 2015-2016 SOCIETA

PIANO DI OFFERTA FORMATIVA P.O.F. STAGIONE CALCISTICA 2015-2016 SOCIETA COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO BOLZANO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO AUTONOMES LANDESKOMITEE BOZEN JUGEND- und SCHULSEKTOR Via Buozzi Strasse 9/B 39100 BOLZANO/BOZEN Tel. 0471 261753 Fax. 0471 262577 Mail:

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO L ASD RUGBY CERNUSCO è una associazione sportiva dilettantistica che opera, come da Statuto, nei settori sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

INDICE. Introduzione 15

INDICE. Introduzione 15 INDICE Presentazione di Valerio Bianchini 13 Introduzione 15 I. I giochi sportivi 19 1. Il gioco, il gioco-sport, lo sport 19 2. I giochi sportivi e gli sport di squadra 20 3. La capacità di gioco 20 4.

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti "FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT: FORMAZIONE, RICERCA CLINICA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE" FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT FORMAZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016.

Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016. Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016. 1) Individuazione coordinatore dipartimento: viene nominato il Prof. Alessandro Alessandrini Coordinatore di dipartimento. 2) Programmazione

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere al gran bisogno di movimento dei bambini. Promuovere

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA anno scolastico 2012/2013 Piano di lavoro di Scienze Motorie Insegnanti: ENZO ROSANO FLAVIA GALLO SANTO ANNA-FILIPPONE GAETANO

Dettagli

A.S. REAL LENO STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PROGRAMMA DI ATTIVITA

A.S. REAL LENO STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PROGRAMMA DI ATTIVITA A.S. REAL LENO STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PROGRAMMA DI ATTIVITA Dal 2010 Centro di formazione tecnico Scuola Calcio A.C. Milan La società A.S. Real Leno Calcio presieduta dal sig. Mor Angiolino ha approvato

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

Infanzia Obiettivi di apprendimento

Infanzia Obiettivi di apprendimento I DISCORSI E LE PAROLE IMMAGINI, SUONI, COLORI IL CORPO E IL MOVIMENTO Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo Asse linguistico-espressivo Infanzia-Primaria -Secondaria I grado- NUCLEI FONDANTI

Dettagli