Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità"

Transcript

1 Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Università IUAV - Venezia Cos è la sostenibilità Per sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che soddisfa i bisogni delle popolazioni attuali senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni. (Rapporto Bruntland - World Commission on Environment and Development, 1987) Il concetto di sostenibilità nasce dalla consapevolezza che l equilibrio del pianeta Terra è fragile Sviluppo sostenibile significa attivare politiche di sviluppo e ambientali basate sulla comparazione fra i costi e benefici e su attente analisi economiche, con lo scopo di rafforzare la protezione ambientale e aumentare i livelli sostenibili di benessere (World Bank World Development Report, 1992) Lo sviluppo umano durevole e sostenibile aggiunge un'altra dimensione: quella della scarsità delle risorse e del degrado dell'ambiente, problemi ai quali sono esposte le generazioni attuali e future (Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, 1992 )

2 Status eventi consumi pro-capite percentuale del consumo attuale anni da ora uomo cacciatore che non usa il fuoco scoperta del fuoco 10 MJ/die (2500 kcal/die) 0,1 tep/ anno 1% uomo cacciatore che usa il fuoco uomo agricoltore uomo tecnologico rivoluzione agricola allevamento navigazione a vela ruota mulini ad acqua mulini a vento rivoluzione industriale macchina a vapore combustibili fossili elettricità 20 MJ/die 0,2 tep/ anno 2% MJ/die 4% MJ/die 10% uomo nelle società industrializzate energia nucleare (1942) 1000 MJ/die 9 tep/anno 100% 0

3 Da almeno 20 anni si parla di terza rivoluzione industriale È possibile immaginare uno sviluppo in cui l informazione sostituisca l aumento del consumo di energia e di materia Uno sviluppo basato sempre di più sulla produzione e sul consumo di beni immateriali?

4 Perché esiste il problema energetico e perché è connesso ai problemi ambientali (globali e locali)? In base al primo principio della termodinamica non dovrebbe esistere il problema energetico: l energia può essere convertita da una forma all altra ma si conserva, come la massa. ΔU = Q L Se: ΔU = 0 (trasformazione ciclica) Q 1 Q 2 = L (ciclo diretto) Q 1 = L + Q 2 L + Q 2 = Q 1 (sembrerebbe) Esiste però il secondo principio. Nella realtà: Q 1 Q 2 = L + T a ΔS irr (ciclo diretto) Q 1 = L + Q 2 + T a ΔS irr L + Q 2 = Q 1 T a ΔS irr Nella trasformazione inversa ottengo una quantità di energia termica minore od a una T inferiore La perdita di qualità energetica connessa ad ogni trasformazione reale è rappresentata dall aumento di entropia del sistema che compie la trasformazione.

5 Il secondo principio introduce il concetto di qualità dell energia. Una misura della qualità dell energia termica, la più immediata, è data dalla sua temperatura Gli usi finali dell energia e le fonti energetiche vengono normalmente classificati in: a bassa temperatura (sotto i 100 C), quali il riscaldamento di acqua sanitaria ed ambienti, a media temperatura ( C), richiesta da processi produttivi, sterilizzazioni (in ospedali), cottura di cibi, ed ad alta temperatura ( C ed oltre) utilizzabile per produrre lavoro meccanico, il lavoro meccanico stesso e l energia elettrica sono ascritti a questa ultima categoria Nel bilancio energetico nazionale italiano gli usi finali a bassa temperatura all inizio degli anni ottanta dello scorso secolo costituivano circa il 32% del totale. I soli usi finali cosiddetti domestici, per la quasi totalità a bassa temperatura, costituivano un quarto della domanda totale di energia primaria, ad essi andavano aggiunti gli usi terziari ed industriali sempre bassa temperatura.

6 Nel bilancio energetico italiano gli usi finali a bassa temperatura non sono affatto trascurabili da un punto di vista quantitativo. Si consideri che il settore residenziale e terziario assorbe circa un terzo degli usi finali dell energia (residenziale + terziario = 43,3 Mtep = 30% di usi finali), di questa quota un po meno di un terzo è costituito da usi elettrici (più o meno obbligati) ed il resto da usi termici a media e soprattutto a bassa temperatura. In particolare all interno degli usi finali connessi alla residenza, tolti gli usi cucina e gli usi elettrici obbligati, la parte del leone (80%) la fa la domanda di energia per riscaldamento di ambienti ed acqua calda sanitaria, tipicamente a bassa temperatura (22 Mtep = 15,4% degli usi finali totali). A questi usi (a bassa temperatura), vanno aggiunti gli usi terziari ed industriali sempre a bassa temperatura (difficilmente quantificabili).

7 Tanto maggiore è la temperatura tanto maggiore è la convertibilità in lavoro dell energia disponibile a quella temperatura L = η Q 1 T a ΔS irr L = (1-T 2 /T 1 ) Q 1 - T a ΔS irr Ma non esiste solo il ciclo di Carnot, anche una differenza di pressione, di volume specifico o di energia potenziale o cinetica tra ingresso ed uscita in un sistema aperto possono produrre lavoro. Pertanto un indicatore più completo della qualità dell energia è dato dalla grandezza Exergia. Essa è definita come la frazione di una data quantità di energia utilizzabile in forma di lavoro meccanico.

8 Si ipotizzi per semplicità un sistema che scambi calore con una sola sorgente a temperatura T1, oltreché con l ambiente, e che sia attraversato da una sola corrente fluida. Scrivendo il bilancio energetico riferito all unità di portata massica del fluido in transito si avrà che il lavoro utile specifico ottenibile sarà: l = q ωe ωu + 2 T T a 1 + g + h e h u T ( z ) e zu Δsirr Ta a ( s s ) e u + Facendo un confronto con l equazione del primo principio si nota che qui: mentre le variazioni di energia cinetica e potenziale sono considerate per intero, non vengono cioè penalizzate, la quantità di calore q1 scambiato con la sorgente a T1 viene ridotta dalla moltiplicazione per una quantità minore di uno, la variazione di entalpia viene diminuita dalla sottrazione del termine Ta (se-su), che rappresenta una quantità di calore, che non viene scambiata a causa dei fenomeni connessi all irreversibilità.

9 Come si può osservare nel calcolo dell Exergia non sono coinvolti solo gli scambi termici (sui quali influisce il rendimento di Carnot), ma anche le altre variabili interne del sistema: s ma anche p e v (che sono contenute in h). Nonché le due forme di energia meccanica (cinetica e potenziale). In effetti il lavoro può essere prodotto anche da variazioni di p e v tra ingresso ed uscita del sistema aperto. Rendimenti del secondo ordine Nel valutare l efficienza con cui avvengono le conversioni energetiche, la grandezza da tener d occhio è dunque l exergia, e gli sprechi da evitare sono quei fenomeni di degrado rappresentati da riduzioni del valore di tale grandezza. Un criterio per valutare questa efficienza, o appropriatezza dell uso delle risorse, è il calcolo del rendimento termodinamico del secondo ordine (rendimento iso-entropico) o, ancora meglio, il rendimento exergetico del processo. Quest ultimo è definito come il rapporto tra l exergia ottenuta alla fine del processo e l exergia spesa / disponibile all inizio dello stesso.

10 Domanda ed offerta di energia La domanda di energia è costituita dagli usi finali della stessa (calore, energia meccanica, luminosa) mentre l offerta è costituita dalle fonti. Entrambe possono essere classificate in base alla qualità dell energia. Adeguare qualitativamente l offerta alla domanda (qualora essa non lo sia) significa eseguire interventi di razionalizzazione energetica. Un esempio di razionalizzazione energetica: la cogenerazione di elettricità e calore

11

12 È bene precisare che l adeguamento delle forme di energia disponibili agli utilizzi finali più idonei è detto razionalizzazione, ed il suo scopo è la conservazione della qualità dell energia, che si traduce generalmente in una minor domanda di energia primaria, in particolare di quella fornita da fonti non rinnovabili. Con il termine risparmio si intende invece un intervento restrittivo sugli usi finali, come: ridurre la temperatura interna degli edifici, utilizzare meno acqua calda, spostarsi di meno. Nel termine risparmio è insita l idea di sacrificio, e di rallentamento dell economia. Fonti, vettori, tecnologie di conversione. Le fonti primarie di energia sono quelle disponibili in natura, a monte delle conversioni da una forma all altra operate dall uomo. Esse possono essere rinnovabili e non. I vettori energetici sono le forme intermedie dell energia, che essa assume tra la raccolta e l uso finale. Sono vettori tutti i combustibili prodotti mediante raffinazione, l H, l energia elettrica prodotta da combustibili fossili o nucleari. È bene notare che l energia elettrica è considerata una fonte primaria negli altri casi (energia idroelettrica, elettronucleare o da solare fotovoltaico).

13 Le fonti di energia primaria (classificabili in base alla temperatura dell energia resa disponibile) sono: Le fonti non rinnovabili Combustibili fossili: Carbone kg Petrolio barile Gas naturale m 3 standard Fissione Nucleare non autofertilizzante Le fonti rinnovabili Direttamente o indirettamente legate al SOLE: Idraulica Eolica Solare Biomasse Maree e onde Le fonti assimilabili a rinnovabili/quasi inesauribili Calore endogeno della terra (geotermia) RSU Fissione Nucleare autofertilizzante e Fusione Nucleare Uso razionale dell energia (Legge DL )

14 Consumi energetici mondiali nel 2004 (Mtep) Ex- Unione Sovietica OPEC OCSE Africa sub-sahariana Nord Africa Africa Medio Oriente Pacifico India Asia meridionale Giappone Cina Asia orientale America latina USA Nord America Russia CSI* UE (25) UE (15) Europa Consumi mondiali per fonti primarie (Mtep) Gas Naturale Carbone Petrolio Energia Elettrica Biomasse Geotermia Solare termico Totale

15 2004. Consumi per area geografica e fonte (Mtep) Africa sub-sahariana Nord Africa Africa Medio Oriente Pacifico India Asia meridionale Giappone Cina Asia orientale America latina USA Nord America Russia CSI* UE (25) UE (15) Europa Petrolio Gas Carbone Elettricità Biomassa Calore

16

17

18 Centrali solari a concentrazione

19 Solare termodinamico / Progetto Archimede

20 Il panorama energetico: statistiche italiane Consumo di energia in Italia. Fonte: Libro Bianco sull energia ENEA 2005 Fabbisogno Energetico: Mtep Popolazione: 56 Milioni Consumi italiani di energia per fonte nel 2004 (195,5 Mtep) Combustibili solidi Gas naturale Prodotti petroliferi Fonti rinnovabili Importazioni nette energia elettrica => Procapite: 3.5 tep/anno Usi finali dell'energia in Italia nel 2004 (143,3 Mtep) Industria Trasporti Residenziale e terziario Agricoltura Usi non energetici Bunkeraggi Si noti la differenza tra il consumo di energia da fonti primarie (195,5 Mtep) e la domanda di energia per usi finali (143,3 Mtep). Questa differenza è dovuta alle conversioni da una forma di energia all altra. Domanda e offerta di energia Come si può osservare ad una domanda di 143,3 Mtep di energia da varie fonti per soddisfare gli usi finali corrisponde un consumo (o disponibilità) di energia da fonti primarie di 195,5 Mtep. La differenza tra le due quantità corrisponde alle perdite che si verificano nelle conversioni di una forma di energia in un'altra, essenzialmente nella generazione elettrica, e nella distribuzione dell energia. Questa differenza figura sotto la voce consumi e perdite del settore energetico e risulta pari a 52,2 Mtep, di cui la quasi totalità (46,9 Mtep) rappresenta il costo della generazione elettrica. In altre parole la domanda di energia relativa agli usi finali è intesa come il potere calorifico della fonte così come viene fornita all utilizzatore a monte delle conversioni che lui attuerà (ad esempio nella caldaia domestica o nei fornelli), l energia l energia relativa all energia elettrica corrisponde al flusso termico che essa fornirebbe se interamente dissipata in una resistenza elettrica (860 kcal/kwh).

21 Consumo italiano di energia primaria (Mtep) * Combustibili solidi Gas naturale Prodotti petroliferi Fonti rinnovabili Importazioni nette energia elettrica Totale Settore USI CIVILI. domanda energetica per fonte (ktep). Energia elettrica (***) Gas Prodotti petroliferi GPL Gasolio Olio combustibile Carbone Totale fossili Legna (*) Totale usi finali Il settore degli usi civili (residenza più terziario), con 43,3 Mtep su 143,3, costituisce il 30% degli usi finali dell energia. Circa un terzo degli usi civili è coperto con energia elettrica (8% del totale), che nella residenza sono il 16% mentre nel terziario sono il 42%, il resto, usi a media e bassa temperatura, con combustibili (22% del totale).

22 Italia Usi finali energia nella residenza ; 5% 4.404; 16% 2.952; 11% ; 68% Riscaldamento Acqua calda Usi cucina Usi elettrici obbligati Il settore residenziale da solo richiede 27,966 Mtep. Al suo interno, tolti gli usi cucina e gli usi elettrici obbligati, la parte del leone la fanno gli usi a bassa temperatura: riscaldamento ed acqua calda sanitaria (22 Mtep = 15,4% degli usi finali totali)

23 Energia e ciclo di vita dell edificio L energia consumata nella fase di fruizione (esercizio) di un abitazione era stimata, nel 1980, pari a volte quella richiesta dalla costruzione. Su questa valutazione concordano altre fonti più recenti secondo cui i consumi legati alla costruzione e ristrutturazione degli edifici possono essere stimati, sia pure con scarsa precisione, in 5-6 Tep per una unità abitativa (un appartamento) di m2, dunque dai 2100 ai 2500 MJ/m2 (1 tep = 42 GJ). Questo in considerazione del fatto che ciò richiede l impiego di 100 t di materiali, in gran parte prodotti con processi di cottura o metallurgici, ed in considerazione dei (modesti) costi energetici di cantiere. Il riscaldamento invece costituisce ancora (al 2006) il maggiore consumo energetico nella gestione di edifici civili (61% del totale degli usi finali nel settore residenziale). In tutto esistono 19 milioni di unità abitative (appartamenti) dotate di impianto fisso di riscaldamento, ognuna di esse consuma mediamente 1 tep/anno per riscaldarsi (420 MJ/(m2 anno) o 116 kwh/(m2 anno)). Si tratta ovviamente di una media tra valori molto diversi, le cui variazioni sono in gran parte dipendenti dal clima. Quindi in media un unità abitativa consuma in 6 anni, per il solo riscaldamento, una quantità di energia pari a quella necessaria per la sua costruzione, gli anni

24 scendono a tre se si considerano i consumi energetici totali relativi alla fruizione della stessa unità. Pertanto nell arco della vita utile dell edificio (normalmente stimato in 40 anni) si avrebbe un consumo energetico per solo riscaldamento di 40 tep, otto volte il costo energetico di costruzione (si arriva alle volte considerano i consumi energetici totali). In base ad elaborazioni condotte nell ambito di una ricerca IUAV la domanda annua di energia primaria di un appartamento situato in una palazzina in linea di 3 piani fuori terra con 2 vani scala e sei appartamenti per piano, tipica delle nostre periferie a media densità, si aggira, nella provincia di Venezia, sui 450 MJ/m2 di energia primaria. Il dato include la climatizzazione invernale (350 MJ/(m2 anno), la climatizzazione estiva (30 MJ/(m2 anno) e l illuminazione artificiale (70 MJ/(m2 anno). Se si assume una vita dell edificio di 40 anni la domanda di energia in fase di esercizio ammonta a MJ/m2 di energia primaria, il che significa dalle 7 alle 8,5 volte il costo energetico di costruzione. Considerando la sola climatizzazione invernale (350 MJ/m2 anno) il suo costo è tra le 5,5 e le 6,6 volte il costo energetico di costruzione.

25 Mondo OCSE UE- 15 Italia Offerta 10230,75345,75390,81489,41513,1172,7180,7 energia totale Biomassa 1117,7 178,4 181,1 56,7 59,7 2,5 3,1 Solare, 8,8 7,6 8,2 3,8 4,4 0,2 0,2 eolico Geotermia 41,5 24,8 26,3 3,8 5,2 3,5 4,8 Idroelettrico 223,7 105,8 104,7 24,1 24,0 3,4 3,2 Totale 1391,6 316,6 320,3 88,4 93,4 9,6 11,3 Rinnovabili % Rinnovabili 13,6 5,92 5,94 5,94 6,17 5,54 6,24 Fonti rinnovabili in Italia, Europa, OCSE, Mondo Mtep - Anni 2002, 2003 Nel 2004 le fonti rinnovabili costituiscono in Italia il 7,2% dell offerta di energia con 14,1 Mtep su 195,5

26 L idrogeno: un nuovo vettore energetico La produzione di Idrogeno Fonti rinnovabili in Italia, Europa, OCSE, Mondo Mtep

27 L Idrogeno, ottenuto dal metano o da altri idrocarburi, entra nella cella (1) ed incontra una barriera porosa. L elettrodo a base di platino (anodo) separa (2) l unico elettrone dall unico protone costituenti l atomo di H. Mentre gli elettroni vengono trattenuti dell anodo, gli ioni positivi (protoni) raggiungono l altro elettrodo poroso (cadodo) attraversando l elettrolita (acido fosforico) (3). L accumulo di elettroni sul primo elettrodo produce differenza di potenziale rispetto al secondo elettrodo, quindi una corrente elettrica (4) quando i due elettrodi vengono collegati.

28

29 Gas - Serra Attualmente le emissioni antropiche di gas-serra ammontano a 50 miliardi di t di CO2 (equivalente) / anno. Esse costituiscono il 3% della CO2 totale circolante nella biosfera. I 15 paesi dell UE ne emettono circa 6,5 miliardi. A titolo di raffronto: l Etna in 2 giorni di intensa attività ha emesso t di CO2 (equivalente). Secondo l ultimo rapporto dell International Panel on Climate Change (Organismo ONU) le emissioni di gas serra (CO2, CH4, NOX, idrofluorocarburi, perfluorocarburi, esafluoruro di zolfo) crescono dell 1,6%/anno. Questo nonostante il trattato di Kioto imponesse di ridurle del 5,2% rispetto ai livelli del Bisognerebbe ridurle del 70% per stabilizzare le temperature medie 2 C sopra i valori attuali.

30 Il riscaldamento globale Protocollo di Kyoto 10 Dicembre 1997: I Paesi si impegnano a ridurre entro il 2012 le emissioni di gas serra in media del 6% rispetto al 1990; Sono esclusi i Paesi in via di Sviluppo; Per raggiungere l obiettivo senza gravi contraccolpi sull economia si potrà ricorrere, in modo limitato ai seguenti meccanismi flessibili e agli assorbitori di CO2; - commercio delle quote di emissione (acquisto quote dai paesi che producono meno); - aiuti ai paesi in via di Sviluppo; - riforestazione. Modifiche Marrakesh 29 Ottobre-11 Novembre 2001: Resta in vigore l impegno di riduzione ma con grande libertà nell utilizzo dei meccanismi flessibili con lo scopo di: salvare il protocollo di Kyoto; venire incontro al Umbrella group (Giappone, Russia, Canada, Australia, N. Zelanda); ottenere comunque una riduzione delle emissioni entro il Modifiche di Johannesburg 2002

31

32 Emissioni globali di CO2 sono così ripartite: 39% produzione di calore ed energia elettrica, 26% trasporti, 16% industria (in Italia è il 18%). Emissioni dovute a voli internazionali sono cresciute del 7,5% rispetto al 2003 e dell 87% rispetto al Auto: limite UE di 120 g / km di CO2 entro il 2012 poi portato a 125 entro il Comunque progressi ne sono stati fatti: le emissioni globali delle auto sono rimaste stabili nonostante il raddoppio del traffico (sempre rispetto al 1990). Lavatrici e lavastoviglie consumano in media il 35% in meno rispetto a 10 anni fa (con punte del 50% in meno).

33

34 La progettazione sostenibile L obiettivo della progettazione sostenibile deve essere una architettura responsabile intendendo con questo un architettura che tenda a minimizzare nell arco del suo intero ciclo di vita: Il consumo di risorse non rinnovabili (in termini di materiali impiegati e fonti energetiche); L impatto sull ecosistema locale e globale. Da circa una quarantina d anni [V. Olgyay, 1963] con il termine architettura bioclimatica è stata definita un architettura che: sfrutta come risorsa le caratteristiche morfologiche ed il clima del luogo in cui si trova, impiega prioritariamente i materiali locali, contempla il recupero ed il riciclaggio di materiali e componenti nella fase di dismissione, per il proprio funzionamento (esercizio) utilizza le fonti energetiche rinnovabili localmente disponibili: radiazione solare, venti, vegetazione, corsi d acqua. In essa, come si vedrà dagli esempi, le funzioni di climatizzazione ed illuminazione interna, che normalmente vengono svolte dagli impianti, sono affidate, per quanto possibile, dall edificio stesso. Si può pensare che questa definizione riprenda ed estenda all aspetto energetico la nozione Wrightiana di architettura organica.

35 Suggerimenti bibliografici V. Olgyay, Design with Climate, Princeton Press, V. Olgyay, Progettare con il clima, Muzzio, Padova, B. Givoni, Man, Climate, Architecture, Van Nostrand, New York, E. Mazria, The passive solar energy book, Rodale, Emmaus, E. Mazria, Sistemi solari passivi, Muzzio, Padova, Lewis O., A Green Vitruvius, James & James, London 1996 Lewis O., The climatic dwelling, James & James, London Fathy H., Vernacular architecture, Chicago Univ. Press, 1974.

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Società Italiana di Fisica Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Uno studio a cura della Società Italiana di Fisica - SIF aprile 2008 Indice PREMESSA p. 6 1. L ITALIA E LE SFIDE ENERGETICHE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE WWF ITALIA STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Scenari energetici e protocollo di Kyoto Scenari energetici e protocollo a cura di di Kyoto

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE 2008 DOSSIERMETES 5 FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE a cura di LUCA BOLLETTA e MICHELE DELLA

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Le fonti di energia rinnovabili nella casa Q uesto opuscolo è stato realizzato nell ambito del programma SICENEA, finanziato dall Assessorato Industria della Regione

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli