Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità"

Transcript

1 Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Università IUAV - Venezia Cos è la sostenibilità Per sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che soddisfa i bisogni delle popolazioni attuali senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni. (Rapporto Bruntland - World Commission on Environment and Development, 1987) Il concetto di sostenibilità nasce dalla consapevolezza che l equilibrio del pianeta Terra è fragile Sviluppo sostenibile significa attivare politiche di sviluppo e ambientali basate sulla comparazione fra i costi e benefici e su attente analisi economiche, con lo scopo di rafforzare la protezione ambientale e aumentare i livelli sostenibili di benessere (World Bank World Development Report, 1992) Lo sviluppo umano durevole e sostenibile aggiunge un'altra dimensione: quella della scarsità delle risorse e del degrado dell'ambiente, problemi ai quali sono esposte le generazioni attuali e future (Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, 1992 )

2 Status eventi consumi pro-capite percentuale del consumo attuale anni da ora uomo cacciatore che non usa il fuoco scoperta del fuoco 10 MJ/die (2500 kcal/die) 0,1 tep/ anno 1% uomo cacciatore che usa il fuoco uomo agricoltore uomo tecnologico rivoluzione agricola allevamento navigazione a vela ruota mulini ad acqua mulini a vento rivoluzione industriale macchina a vapore combustibili fossili elettricità 20 MJ/die 0,2 tep/ anno 2% MJ/die 4% MJ/die 10% uomo nelle società industrializzate energia nucleare (1942) 1000 MJ/die 9 tep/anno 100% 0

3 Da almeno 20 anni si parla di terza rivoluzione industriale È possibile immaginare uno sviluppo in cui l informazione sostituisca l aumento del consumo di energia e di materia Uno sviluppo basato sempre di più sulla produzione e sul consumo di beni immateriali?

4 Perché esiste il problema energetico e perché è connesso ai problemi ambientali (globali e locali)? In base al primo principio della termodinamica non dovrebbe esistere il problema energetico: l energia può essere convertita da una forma all altra ma si conserva, come la massa. ΔU = Q L Se: ΔU = 0 (trasformazione ciclica) Q 1 Q 2 = L (ciclo diretto) Q 1 = L + Q 2 L + Q 2 = Q 1 (sembrerebbe) Esiste però il secondo principio. Nella realtà: Q 1 Q 2 = L + T a ΔS irr (ciclo diretto) Q 1 = L + Q 2 + T a ΔS irr L + Q 2 = Q 1 T a ΔS irr Nella trasformazione inversa ottengo una quantità di energia termica minore od a una T inferiore La perdita di qualità energetica connessa ad ogni trasformazione reale è rappresentata dall aumento di entropia del sistema che compie la trasformazione.

5 Il secondo principio introduce il concetto di qualità dell energia. Una misura della qualità dell energia termica, la più immediata, è data dalla sua temperatura Gli usi finali dell energia e le fonti energetiche vengono normalmente classificati in: a bassa temperatura (sotto i 100 C), quali il riscaldamento di acqua sanitaria ed ambienti, a media temperatura ( C), richiesta da processi produttivi, sterilizzazioni (in ospedali), cottura di cibi, ed ad alta temperatura ( C ed oltre) utilizzabile per produrre lavoro meccanico, il lavoro meccanico stesso e l energia elettrica sono ascritti a questa ultima categoria Nel bilancio energetico nazionale italiano gli usi finali a bassa temperatura all inizio degli anni ottanta dello scorso secolo costituivano circa il 32% del totale. I soli usi finali cosiddetti domestici, per la quasi totalità a bassa temperatura, costituivano un quarto della domanda totale di energia primaria, ad essi andavano aggiunti gli usi terziari ed industriali sempre bassa temperatura.

6 Nel bilancio energetico italiano gli usi finali a bassa temperatura non sono affatto trascurabili da un punto di vista quantitativo. Si consideri che il settore residenziale e terziario assorbe circa un terzo degli usi finali dell energia (residenziale + terziario = 43,3 Mtep = 30% di usi finali), di questa quota un po meno di un terzo è costituito da usi elettrici (più o meno obbligati) ed il resto da usi termici a media e soprattutto a bassa temperatura. In particolare all interno degli usi finali connessi alla residenza, tolti gli usi cucina e gli usi elettrici obbligati, la parte del leone (80%) la fa la domanda di energia per riscaldamento di ambienti ed acqua calda sanitaria, tipicamente a bassa temperatura (22 Mtep = 15,4% degli usi finali totali). A questi usi (a bassa temperatura), vanno aggiunti gli usi terziari ed industriali sempre a bassa temperatura (difficilmente quantificabili).

7 Tanto maggiore è la temperatura tanto maggiore è la convertibilità in lavoro dell energia disponibile a quella temperatura L = η Q 1 T a ΔS irr L = (1-T 2 /T 1 ) Q 1 - T a ΔS irr Ma non esiste solo il ciclo di Carnot, anche una differenza di pressione, di volume specifico o di energia potenziale o cinetica tra ingresso ed uscita in un sistema aperto possono produrre lavoro. Pertanto un indicatore più completo della qualità dell energia è dato dalla grandezza Exergia. Essa è definita come la frazione di una data quantità di energia utilizzabile in forma di lavoro meccanico.

8 Si ipotizzi per semplicità un sistema che scambi calore con una sola sorgente a temperatura T1, oltreché con l ambiente, e che sia attraversato da una sola corrente fluida. Scrivendo il bilancio energetico riferito all unità di portata massica del fluido in transito si avrà che il lavoro utile specifico ottenibile sarà: l = q ωe ωu + 2 T T a 1 + g + h e h u T ( z ) e zu Δsirr Ta a ( s s ) e u + Facendo un confronto con l equazione del primo principio si nota che qui: mentre le variazioni di energia cinetica e potenziale sono considerate per intero, non vengono cioè penalizzate, la quantità di calore q1 scambiato con la sorgente a T1 viene ridotta dalla moltiplicazione per una quantità minore di uno, la variazione di entalpia viene diminuita dalla sottrazione del termine Ta (se-su), che rappresenta una quantità di calore, che non viene scambiata a causa dei fenomeni connessi all irreversibilità.

9 Come si può osservare nel calcolo dell Exergia non sono coinvolti solo gli scambi termici (sui quali influisce il rendimento di Carnot), ma anche le altre variabili interne del sistema: s ma anche p e v (che sono contenute in h). Nonché le due forme di energia meccanica (cinetica e potenziale). In effetti il lavoro può essere prodotto anche da variazioni di p e v tra ingresso ed uscita del sistema aperto. Rendimenti del secondo ordine Nel valutare l efficienza con cui avvengono le conversioni energetiche, la grandezza da tener d occhio è dunque l exergia, e gli sprechi da evitare sono quei fenomeni di degrado rappresentati da riduzioni del valore di tale grandezza. Un criterio per valutare questa efficienza, o appropriatezza dell uso delle risorse, è il calcolo del rendimento termodinamico del secondo ordine (rendimento iso-entropico) o, ancora meglio, il rendimento exergetico del processo. Quest ultimo è definito come il rapporto tra l exergia ottenuta alla fine del processo e l exergia spesa / disponibile all inizio dello stesso.

10 Domanda ed offerta di energia La domanda di energia è costituita dagli usi finali della stessa (calore, energia meccanica, luminosa) mentre l offerta è costituita dalle fonti. Entrambe possono essere classificate in base alla qualità dell energia. Adeguare qualitativamente l offerta alla domanda (qualora essa non lo sia) significa eseguire interventi di razionalizzazione energetica. Un esempio di razionalizzazione energetica: la cogenerazione di elettricità e calore

11

12 È bene precisare che l adeguamento delle forme di energia disponibili agli utilizzi finali più idonei è detto razionalizzazione, ed il suo scopo è la conservazione della qualità dell energia, che si traduce generalmente in una minor domanda di energia primaria, in particolare di quella fornita da fonti non rinnovabili. Con il termine risparmio si intende invece un intervento restrittivo sugli usi finali, come: ridurre la temperatura interna degli edifici, utilizzare meno acqua calda, spostarsi di meno. Nel termine risparmio è insita l idea di sacrificio, e di rallentamento dell economia. Fonti, vettori, tecnologie di conversione. Le fonti primarie di energia sono quelle disponibili in natura, a monte delle conversioni da una forma all altra operate dall uomo. Esse possono essere rinnovabili e non. I vettori energetici sono le forme intermedie dell energia, che essa assume tra la raccolta e l uso finale. Sono vettori tutti i combustibili prodotti mediante raffinazione, l H, l energia elettrica prodotta da combustibili fossili o nucleari. È bene notare che l energia elettrica è considerata una fonte primaria negli altri casi (energia idroelettrica, elettronucleare o da solare fotovoltaico).

13 Le fonti di energia primaria (classificabili in base alla temperatura dell energia resa disponibile) sono: Le fonti non rinnovabili Combustibili fossili: Carbone kg Petrolio barile Gas naturale m 3 standard Fissione Nucleare non autofertilizzante Le fonti rinnovabili Direttamente o indirettamente legate al SOLE: Idraulica Eolica Solare Biomasse Maree e onde Le fonti assimilabili a rinnovabili/quasi inesauribili Calore endogeno della terra (geotermia) RSU Fissione Nucleare autofertilizzante e Fusione Nucleare Uso razionale dell energia (Legge DL )

14 Consumi energetici mondiali nel 2004 (Mtep) Ex- Unione Sovietica OPEC OCSE Africa sub-sahariana Nord Africa Africa Medio Oriente Pacifico India Asia meridionale Giappone Cina Asia orientale America latina USA Nord America Russia CSI* UE (25) UE (15) Europa Consumi mondiali per fonti primarie (Mtep) Gas Naturale Carbone Petrolio Energia Elettrica Biomasse Geotermia Solare termico Totale

15 2004. Consumi per area geografica e fonte (Mtep) Africa sub-sahariana Nord Africa Africa Medio Oriente Pacifico India Asia meridionale Giappone Cina Asia orientale America latina USA Nord America Russia CSI* UE (25) UE (15) Europa Petrolio Gas Carbone Elettricità Biomassa Calore

16

17

18 Centrali solari a concentrazione

19 Solare termodinamico / Progetto Archimede

20 Il panorama energetico: statistiche italiane Consumo di energia in Italia. Fonte: Libro Bianco sull energia ENEA 2005 Fabbisogno Energetico: Mtep Popolazione: 56 Milioni Consumi italiani di energia per fonte nel 2004 (195,5 Mtep) Combustibili solidi Gas naturale Prodotti petroliferi Fonti rinnovabili Importazioni nette energia elettrica => Procapite: 3.5 tep/anno Usi finali dell'energia in Italia nel 2004 (143,3 Mtep) Industria Trasporti Residenziale e terziario Agricoltura Usi non energetici Bunkeraggi Si noti la differenza tra il consumo di energia da fonti primarie (195,5 Mtep) e la domanda di energia per usi finali (143,3 Mtep). Questa differenza è dovuta alle conversioni da una forma di energia all altra. Domanda e offerta di energia Come si può osservare ad una domanda di 143,3 Mtep di energia da varie fonti per soddisfare gli usi finali corrisponde un consumo (o disponibilità) di energia da fonti primarie di 195,5 Mtep. La differenza tra le due quantità corrisponde alle perdite che si verificano nelle conversioni di una forma di energia in un'altra, essenzialmente nella generazione elettrica, e nella distribuzione dell energia. Questa differenza figura sotto la voce consumi e perdite del settore energetico e risulta pari a 52,2 Mtep, di cui la quasi totalità (46,9 Mtep) rappresenta il costo della generazione elettrica. In altre parole la domanda di energia relativa agli usi finali è intesa come il potere calorifico della fonte così come viene fornita all utilizzatore a monte delle conversioni che lui attuerà (ad esempio nella caldaia domestica o nei fornelli), l energia l energia relativa all energia elettrica corrisponde al flusso termico che essa fornirebbe se interamente dissipata in una resistenza elettrica (860 kcal/kwh).

21 Consumo italiano di energia primaria (Mtep) * Combustibili solidi Gas naturale Prodotti petroliferi Fonti rinnovabili Importazioni nette energia elettrica Totale Settore USI CIVILI. domanda energetica per fonte (ktep). Energia elettrica (***) Gas Prodotti petroliferi GPL Gasolio Olio combustibile Carbone Totale fossili Legna (*) Totale usi finali Il settore degli usi civili (residenza più terziario), con 43,3 Mtep su 143,3, costituisce il 30% degli usi finali dell energia. Circa un terzo degli usi civili è coperto con energia elettrica (8% del totale), che nella residenza sono il 16% mentre nel terziario sono il 42%, il resto, usi a media e bassa temperatura, con combustibili (22% del totale).

22 Italia Usi finali energia nella residenza ; 5% 4.404; 16% 2.952; 11% ; 68% Riscaldamento Acqua calda Usi cucina Usi elettrici obbligati Il settore residenziale da solo richiede 27,966 Mtep. Al suo interno, tolti gli usi cucina e gli usi elettrici obbligati, la parte del leone la fanno gli usi a bassa temperatura: riscaldamento ed acqua calda sanitaria (22 Mtep = 15,4% degli usi finali totali)

23 Energia e ciclo di vita dell edificio L energia consumata nella fase di fruizione (esercizio) di un abitazione era stimata, nel 1980, pari a volte quella richiesta dalla costruzione. Su questa valutazione concordano altre fonti più recenti secondo cui i consumi legati alla costruzione e ristrutturazione degli edifici possono essere stimati, sia pure con scarsa precisione, in 5-6 Tep per una unità abitativa (un appartamento) di m2, dunque dai 2100 ai 2500 MJ/m2 (1 tep = 42 GJ). Questo in considerazione del fatto che ciò richiede l impiego di 100 t di materiali, in gran parte prodotti con processi di cottura o metallurgici, ed in considerazione dei (modesti) costi energetici di cantiere. Il riscaldamento invece costituisce ancora (al 2006) il maggiore consumo energetico nella gestione di edifici civili (61% del totale degli usi finali nel settore residenziale). In tutto esistono 19 milioni di unità abitative (appartamenti) dotate di impianto fisso di riscaldamento, ognuna di esse consuma mediamente 1 tep/anno per riscaldarsi (420 MJ/(m2 anno) o 116 kwh/(m2 anno)). Si tratta ovviamente di una media tra valori molto diversi, le cui variazioni sono in gran parte dipendenti dal clima. Quindi in media un unità abitativa consuma in 6 anni, per il solo riscaldamento, una quantità di energia pari a quella necessaria per la sua costruzione, gli anni

24 scendono a tre se si considerano i consumi energetici totali relativi alla fruizione della stessa unità. Pertanto nell arco della vita utile dell edificio (normalmente stimato in 40 anni) si avrebbe un consumo energetico per solo riscaldamento di 40 tep, otto volte il costo energetico di costruzione (si arriva alle volte considerano i consumi energetici totali). In base ad elaborazioni condotte nell ambito di una ricerca IUAV la domanda annua di energia primaria di un appartamento situato in una palazzina in linea di 3 piani fuori terra con 2 vani scala e sei appartamenti per piano, tipica delle nostre periferie a media densità, si aggira, nella provincia di Venezia, sui 450 MJ/m2 di energia primaria. Il dato include la climatizzazione invernale (350 MJ/(m2 anno), la climatizzazione estiva (30 MJ/(m2 anno) e l illuminazione artificiale (70 MJ/(m2 anno). Se si assume una vita dell edificio di 40 anni la domanda di energia in fase di esercizio ammonta a MJ/m2 di energia primaria, il che significa dalle 7 alle 8,5 volte il costo energetico di costruzione. Considerando la sola climatizzazione invernale (350 MJ/m2 anno) il suo costo è tra le 5,5 e le 6,6 volte il costo energetico di costruzione.

25 Mondo OCSE UE- 15 Italia Offerta 10230,75345,75390,81489,41513,1172,7180,7 energia totale Biomassa 1117,7 178,4 181,1 56,7 59,7 2,5 3,1 Solare, 8,8 7,6 8,2 3,8 4,4 0,2 0,2 eolico Geotermia 41,5 24,8 26,3 3,8 5,2 3,5 4,8 Idroelettrico 223,7 105,8 104,7 24,1 24,0 3,4 3,2 Totale 1391,6 316,6 320,3 88,4 93,4 9,6 11,3 Rinnovabili % Rinnovabili 13,6 5,92 5,94 5,94 6,17 5,54 6,24 Fonti rinnovabili in Italia, Europa, OCSE, Mondo Mtep - Anni 2002, 2003 Nel 2004 le fonti rinnovabili costituiscono in Italia il 7,2% dell offerta di energia con 14,1 Mtep su 195,5

26 L idrogeno: un nuovo vettore energetico La produzione di Idrogeno Fonti rinnovabili in Italia, Europa, OCSE, Mondo Mtep

27 L Idrogeno, ottenuto dal metano o da altri idrocarburi, entra nella cella (1) ed incontra una barriera porosa. L elettrodo a base di platino (anodo) separa (2) l unico elettrone dall unico protone costituenti l atomo di H. Mentre gli elettroni vengono trattenuti dell anodo, gli ioni positivi (protoni) raggiungono l altro elettrodo poroso (cadodo) attraversando l elettrolita (acido fosforico) (3). L accumulo di elettroni sul primo elettrodo produce differenza di potenziale rispetto al secondo elettrodo, quindi una corrente elettrica (4) quando i due elettrodi vengono collegati.

28

29 Gas - Serra Attualmente le emissioni antropiche di gas-serra ammontano a 50 miliardi di t di CO2 (equivalente) / anno. Esse costituiscono il 3% della CO2 totale circolante nella biosfera. I 15 paesi dell UE ne emettono circa 6,5 miliardi. A titolo di raffronto: l Etna in 2 giorni di intensa attività ha emesso t di CO2 (equivalente). Secondo l ultimo rapporto dell International Panel on Climate Change (Organismo ONU) le emissioni di gas serra (CO2, CH4, NOX, idrofluorocarburi, perfluorocarburi, esafluoruro di zolfo) crescono dell 1,6%/anno. Questo nonostante il trattato di Kioto imponesse di ridurle del 5,2% rispetto ai livelli del Bisognerebbe ridurle del 70% per stabilizzare le temperature medie 2 C sopra i valori attuali.

30 Il riscaldamento globale Protocollo di Kyoto 10 Dicembre 1997: I Paesi si impegnano a ridurre entro il 2012 le emissioni di gas serra in media del 6% rispetto al 1990; Sono esclusi i Paesi in via di Sviluppo; Per raggiungere l obiettivo senza gravi contraccolpi sull economia si potrà ricorrere, in modo limitato ai seguenti meccanismi flessibili e agli assorbitori di CO2; - commercio delle quote di emissione (acquisto quote dai paesi che producono meno); - aiuti ai paesi in via di Sviluppo; - riforestazione. Modifiche Marrakesh 29 Ottobre-11 Novembre 2001: Resta in vigore l impegno di riduzione ma con grande libertà nell utilizzo dei meccanismi flessibili con lo scopo di: salvare il protocollo di Kyoto; venire incontro al Umbrella group (Giappone, Russia, Canada, Australia, N. Zelanda); ottenere comunque una riduzione delle emissioni entro il Modifiche di Johannesburg 2002

31

32 Emissioni globali di CO2 sono così ripartite: 39% produzione di calore ed energia elettrica, 26% trasporti, 16% industria (in Italia è il 18%). Emissioni dovute a voli internazionali sono cresciute del 7,5% rispetto al 2003 e dell 87% rispetto al Auto: limite UE di 120 g / km di CO2 entro il 2012 poi portato a 125 entro il Comunque progressi ne sono stati fatti: le emissioni globali delle auto sono rimaste stabili nonostante il raddoppio del traffico (sempre rispetto al 1990). Lavatrici e lavastoviglie consumano in media il 35% in meno rispetto a 10 anni fa (con punte del 50% in meno).

33

34 La progettazione sostenibile L obiettivo della progettazione sostenibile deve essere una architettura responsabile intendendo con questo un architettura che tenda a minimizzare nell arco del suo intero ciclo di vita: Il consumo di risorse non rinnovabili (in termini di materiali impiegati e fonti energetiche); L impatto sull ecosistema locale e globale. Da circa una quarantina d anni [V. Olgyay, 1963] con il termine architettura bioclimatica è stata definita un architettura che: sfrutta come risorsa le caratteristiche morfologiche ed il clima del luogo in cui si trova, impiega prioritariamente i materiali locali, contempla il recupero ed il riciclaggio di materiali e componenti nella fase di dismissione, per il proprio funzionamento (esercizio) utilizza le fonti energetiche rinnovabili localmente disponibili: radiazione solare, venti, vegetazione, corsi d acqua. In essa, come si vedrà dagli esempi, le funzioni di climatizzazione ed illuminazione interna, che normalmente vengono svolte dagli impianti, sono affidate, per quanto possibile, dall edificio stesso. Si può pensare che questa definizione riprenda ed estenda all aspetto energetico la nozione Wrightiana di architettura organica.

35 Suggerimenti bibliografici V. Olgyay, Design with Climate, Princeton Press, V. Olgyay, Progettare con il clima, Muzzio, Padova, B. Givoni, Man, Climate, Architecture, Van Nostrand, New York, E. Mazria, The passive solar energy book, Rodale, Emmaus, E. Mazria, Sistemi solari passivi, Muzzio, Padova, Lewis O., A Green Vitruvius, James & James, London 1996 Lewis O., The climatic dwelling, James & James, London Fathy H., Vernacular architecture, Chicago Univ. Press, 1974.

Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio Audit e progettazione energetica Antonio Carbonari

Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio Audit e progettazione energetica Antonio Carbonari Corso di laurea in: Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio Titolo insegnamento: Audit e progettazione energetica Docente: Antonio Carbonari Il problema energia Università

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile POR CALABRIA 2000/2006 - ASSE III RISORSE UMANE MISURA 3.9 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE CON PRIORITÀ ALLE PMI GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE ENERGETICHE NEI SETTORI

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile.

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile. Concetti e numeri per capire meglio l energia Edgardo Curcio Presidente AIEE Verona, 7 maggio 2009 Concetto di energia Oggi si parla molto di energia e con questa parola si intendono molteplici cose alcune

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Tecnologie per l uso efficiente dell energia e per l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili

Tecnologie per l uso efficiente dell energia e per l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili Corso di laurea in: Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio Titolo insegnamento: Audit e progettazione energetica Docente: Arch. Antonio Carbonari Tecnologie per l uso efficiente

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

Tipologia dei flussi energetici

Tipologia dei flussi energetici Tipologia dei flussi energetici Corso: SISTEMI ENERGETICI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Crescita del fabbisogno di energia - Costi Legge del raddoppio del fabbisogno

Dettagli

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA Il futuro è nelle vostre mani Cosa si intende per efficienza energetica? La definizione efficienza energetica indica una serie di azioni di programmazione, pianificazione

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici dott. Damiano Zoffoli Presidente Commissione Politiche Economiche Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Confartigianato Forlì-Cesena

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi Il Piano energetico regionale della Regione Sicilia Una rassegna delle politiche regionali in materia di efficienza energetica (estratto da RAEE 2010 - Rapporto annuale sull efficienza energetica, ENEA,

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Sviluppo sostenibile e le fonti di energia rinnovabile

Sviluppo sostenibile e le fonti di energia rinnovabile Sviluppo sostenibile e le fonti di energia rinnovabile Ing. Vincenzo Triunfo triunfo@aptconsulting.it APT Group_Energy_lab Le fonti di energia rinnovabili sono Energia da biomassa, biogas Energia solare

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

degli edifici pubblici

degli edifici pubblici ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Il contesto normativo energetico ambientale nazionale Marco Citterio ENEA TER ENE SIST citterio@enea.it Situazione ione settore Civile: ile ~29 MTep

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Metodologie di analisi

Metodologie di analisi Sostenibilità energetica in ambito urbano: Metodologie di analisi Ing. Novella TALA, Responsabile Scientifico Prof. Massimo SANTARELLI Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino Fondazione TELIOS

Dettagli

Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative

Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative Lodi, 19.12.2008 Renzo Capra Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative I prezzi delle materie prime energetiche Il prezzo del petrolio rimane il prezzo direttore dell energia (anche se circa

Dettagli

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI.

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI. RISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILI RISCALDAMENTOGLOBALEAUMEN TOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILIRISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOS

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà?

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Prof. Paolo Spinelli POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica 13 Ottobre 2008, Cuorgnè

Dettagli

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE propone: LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Prendendo a riferimento la propria abitazione, cioè un contesto di servizi verificabili (riscaldamento ambienti

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti

Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti Scheda riassuntiva 11 capitolo 17 Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti Il problema energetico In tutto il mondo è in atto uno sforzo per sostituire fonti rinnovabili a quelle non rinnovabili

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I Corso di formazione per tecnici comunali La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I f. loiodice 2 Il contesto internazionale Il grafico rappresenta gli usi di fonti primarie (in

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana

Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana Progetto Coeli gravitas Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana 20 22 marzo 2014 Riccardo Olivani ENERGIA la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Unità di misura:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1016 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Introduzione

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353 Pag. 308-309-310 e 351-352-353 1 L energia NON si vede, NON si tocca, ma è qualcosa che è dentro, all interno della materia stessa e la rende capace di compiere un lavoro. Dal Greco ENERGES che vuol dire

Dettagli

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor Il riconoscimento del ruolo dell efficienza energetica in edilizia i Giuliano Dall O Professore di Fisica Tecnica Ambientale al Politecnico di Milano, Direttore Generale di Sacert Sponsor Con il patrocinio

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Introduzione Giuseppe Franchini Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate Università degli Studi di Bergamo 1 Principi di conversione dell energia Energia PRIMARIA

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

Palermo, 8 marzo 2016. Impianti Alimentati Da Fonti Rinnovabili. Claudio Del Pero

Palermo, 8 marzo 2016. Impianti Alimentati Da Fonti Rinnovabili. Claudio Del Pero Efficienza energetica e comfort abitativo Tecnologie non invasive e sicurezza Sostenibilità economica e ambientale in collaborazione con Palermo, 8 marzo 2016 Impianti Alimentati Da Fonti Rinnovabili Claudio

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche

Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche Panorama energetico attuale Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche Consumo mondiale di energia fino al 2012 Fabio Peron Università IUAV - Venezia

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Ottimizzare la gestione dell energia: soluzioni tecnologiche per le aziende Ivano Olivetti - Ricercatore ENEA Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Vicenza 01 febbraio

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche

Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche Panorama energetico attuale Università IUAV Corso di Fisica Tecnica Ambientale Laboratorio Integrato Innovazione-Sostenibilità 1 Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche Fabio Peron

Dettagli

Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa

Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Solare Eolica Idrica Biomasse Geotermica BIOMASSE Biomasse sono sostanze di origine biologica : materiali e residui di

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Frascati Settembre 2009 Energia e ambiente sono legati tra loro perchè 81% dell energia mondiale è ottenuta bruciando combustibili fossili.

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO Mini guida per la Tua abitazione IL PRESENTE MANUALE VUOLE ESSERE UNA GUIDA PER DIFFONDERE I CONCETTI E LE TECNOLOGIE DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE. SPESSO NON CONOSCIAMO

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino Valutazioni sugli impianti a Biogas Gianni Tamino Processi produttivi naturali e umani A differenza dei processi produttivi naturali, che utilizzano energia solare, seguono un andamento ciclico, senza

Dettagli

Il sottosuolo come serbatoio di energia rinnovabile: I sistemi geotermici

Il sottosuolo come serbatoio di energia rinnovabile: I sistemi geotermici LA GEOTERMIA NELLA MARCA dalla Green Economy all edilizia sostenibile Il sottosuolo come serbatoio di energia rinnovabile: I sistemi geotermici Antonio Galgaro Dipartimento di Geoscience Università di

Dettagli

Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini

Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Luce&Vita energia ONLUS Noi nel nostro piccolo Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini Leonardo Setti Polo di Rimini - Università

Dettagli

Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato?

Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato? Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato? Giuliano Dall O Direttore Generale SACERT RIFUSIONE DIRETTIVA EPBD La direttiva EPBD è stata sottoposta a rifusione al fine di chiarire e semplificare

Dettagli

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione prof ing. Maurizio Fauri Università degli studi di trento Polo Tecnologico per l Energia srl (Trento) Scenario italiano % dei consumi

Dettagli

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA Domenico Coiante ISAT - Istituto per le scelte ambientali e tecnologiche Roma, 11 luglio 2008 1 1 - Bilancio energetico italiano 2005 Disponibilità

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli