PROBLEMA DEMOGRAFICO E PROBLEMA ENERGETICO NELL ATTUALE SITUAZIONE DEL PAESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROBLEMA DEMOGRAFICO E PROBLEMA ENERGETICO NELL ATTUALE SITUAZIONE DEL PAESE"

Transcript

1 ACCADEMIA GALILEIANA DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI PROBLEMA DEMOGRAFICO E PROBLEMA ENERGETICO NELL ATTUALE SITUAZIONE DEL PAESE Gaetano Crepaldi Alberto Mirandola PADOVA 2006

2 INDICE Avvertenza... Pag. III Alberto Mirandola, La situazione energetica italiana nell attuale contesto mondiale...» 7 Gaetano Crepaldi, L invecchiamento della popolazione: una sfida globale per la nostra società...» 27 GAETANO CREPALDI, già professore ordinario di Gerontologia e di Medicina interna all Università di Padova, è Direttore della Clinica Medica I della stessa Università. È stato presidente della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, ed è attualmente rappresentante dell Italia alla International Association of Gerontology. ALBERTO MIRANDOLA è professore ordinario di Energia applicata presso il Dipartimento di Ingegneria meccanica dell Università di Padova. È membro dell European Working Group for Energy, Environment and Economics. II

3 AVVERTENZA Problema demografico e problema energetico rappresentano, nell attuale emergenza del Paese, e ancor più nel quadro globale del pianeta, due sfide strettamente interconnesse. Crescita esplosiva di popolazioni nei subcontinenti asiatici (Cina, India) da un lato, declino demografico e invecchiamento della popolazione negli stati dell Occidente europeo, (un fenomeno particolarmente accentuato in Italia), pongono le autorità responsabili, a livello mondiale e a livello di singole nazioni, davanti a problemi di ardua soluzione, e tuttavia non eludibili né ulteriormente procrastinabili. Il boom demografico, associato al rapido sviluppo industriale e tecnologico dei grandi Paesi emergenti, comporta a sua volta una crescita inarrestabile dei consumi e dei bisogni energetici, con conseguenze devastanti per l ambiente, e per la stessa gestione razionale delle risorse energetiche non rinnovabili. Ma la crescita si riscontra, benché in misura minore, anche nei Paesi ove la consistenza della popolazione è stabile, o addirittura in declino: anche qui con un attenzione insufficiente, quando non del tutto assente, alla tutela ambientale e alla conservazione dell equilibrio fra risorse e consumi. Si tratta dunque delle due facce di un unico problema, il cui affronto costituisce oggi la sfida più imminente e ineludibile, così come nelle risposte che ad esso vengono e verranno offerte, sta il banco di prova della capacità dell attuale sistema economico e sociale di sopravvivere senza seri traumi nel prossimo futuro. Nessuno si illude che proposte anche eccellenti possano da sole offrire una soluzione a un nodo problematico talmente complesso, quando non vi faccia seguito una efficiente messa in atto di esse; e tuttavia è inderogabile dovere delle istituzioni, e dei singoli operatori, quando siano forniti di esaurienti conoscenze in merito, diffondere fra coloro cui è affidata la gestione del Paese, un informazione chiara ed esauriente, che senza cadere in eccessivi tecnicismi, possa costituire una fonte di orientamento per i momenti decisionali. È con questo intento che l Accademia Galileiana di Padova ha ritenuto opportuno mettere a disposizione di uomini di governo, politici, amministratori, il testo di due relazioni presentate durante l anno accademico da due sue soci effettivi, altamente qualificati per competenze scientifiche e per esperienze direttive, relazioni che affrontano le due problematiche descritte con particolare attenzione al nostro Paese. Ci auguriamo che questa iniziativa possa arrecare un pur minimo apporto, prima ancora che alla soluzione dei problemi in parola, almeno alla acquisizione e diffusione di una ragionata consapevolezza sull urgenza che a tutti impone di affrontarli, quale che sia l ambito specifico in cui ciascuno si trova ad operare. Oddone Longo Presidente dell Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti in Padova Gennaio 2006 III

4

5 ALBERTO MIRANDOLA, s.e. La situazione energetica italiana nell attuale contesto mondiale (Memoria presentata nell adunanza del 4 dicembre 2004) 1. Premessa I problemi energetici nei primi decenni del nuovo secolo assumeranno una rilevanza che, al di là degli aspetti politici ed economici, coinvolgerà tutto il nostro modo di vivere. L energia è infatti il motore di tutti i fenomeni naturali ed artificiali; e come tale essa è il presupposto fondamentale per la vita. Naturalmente è sempre stato così; ma ora il grande sviluppo della popolazione sulla terra e il conflitto tra i consumi e le risorse hanno ingigantito i problemi che ne conseguono. L uso dell energia nelle diverse aree del pianeta è attualmente molto diverso: le società industrializzate sono ad alta intensità energetica, mentre le aree con economia meno sviluppata utilizzano l energia in modo meno intenso, ma con rendimenti generalmente bassi e quindi con impatto ambientale maggiore a parità di prodotto. Da alcuni anni è in atto un acceso dibattito sul modello di vita della nostra società occidentale, con i suoi forti consumi di energia pro capite, il suo contenuto tecnologico e l impatto ambientale che ne consegue; alcuni tendono anche a demonizzare questo modello, considerandolo un fattore destabilizzante degli equilibri planetari. Ovviamente lo sviluppo dei consumi energetici non potrà continuare molto a lungo, perché i suoi limiti, ineliminabili, sono la limitatezza delle risorse e la situazione dell ambiente, nel quale tutti i prodotti e i flussi energetici, prima o poi, finiscono. Non bisogna, però, dimenticare che l energia e la tecnologia hanno liberato progressivamente l uomo dalla fatica, consentendo ad una percentuale crescente di individui di sviluppare il pensiero e la riflessione, i quali hanno comportato un miglioramento della conoscenza e, quindi, della tecnologia stessa. Ciò ha reso possibile il sostentamento di un numero crescente di persone. L esplosione demografica dell ultimo secolo, verificatasi in modo esponenziale soprattutto in Cina e in India (la Cina e l India hanno oggi quasi il 40% della popolazione mondiale), non sarebbe

6 8 ALBERTO MIRANDOLA stata possibile senza gli apporti (conoscenze scientifiche, igiene, supporti tecnologici, alimenti, medicinali, ecc.) provenienti dai Paesi più sviluppati: la fame, le carestie e le malattie, oltre alle guerre, avrebbero costituito un calmiere naturale a questo sviluppo, come è sempre avvenuto nei secoli passati. Alla fine del 2004 si contano sulla terra circa 6500 milioni di persone, le quali non potrebbero vivere senza l apporto di grandi flussi energetici. Anche la durata media della vita umana è molto aumentata. L uomo vive più a lungo nei paesi ad economia artificiale, sostenuta massicciamente da fonti energetiche non rinnovabili, che in quelli sostenuti soprattutto da un economia naturale, basata principalmente sull energia solare. Segno che, forse, l inquinamento (accumulo di calore e di materiali solidi, liquidi e gassosi in aree che non riescono a riciclarli in tempi brevi), pur dannoso alla salute, è più che compensato dai sistemi di supporto e di controllo ambientale che la conoscenza e la tecnologia possono offrire. Perciò questi problemi, che saranno a forte valenza nel prossimo futuro, devono essere affrontati con equilibrio e con una visione capace di tenere conto di moltissimi aspetti diversi. La situazione energetica mondiale Prima di esaminare la situazione energetica italiana, è opportuno soffermarsi brevemente su quella mondiale, analizzando alcuni dati sintetizzati nelle tabelle riportate al termine di questa memoria. Ricordiamo che nelle statistiche energetiche figurano soltanto le fonti commerciali: non è quindi incluso il grande quantitativo di energia solare che sostiene, fin dalle origini del pianeta, i cicli naturali e alimenta le coltivazioni, le foreste, ecc. a) Il quadro demografico (Tab. 1) è in leggera crescita nei Paesi industrializzati, con tendenza alla stabilità, già raggiunta in Italia; la popolazione è invece in aumento nei Paesi in via di sviluppo, con tasso d incremento annuo che, seppure diminuito rispetto al passato, permane intorno all 1.6% nell ultimo decennio (tempo di raddoppio 43 anni). b) Su un totale di 230 Paesi nel mondo, alcuni dei quali sono peraltro piccolissimi, i primi 19 Paesi consumatori di energia primaria coprono il 77.7% dei consumi (Tab. 1). Tra di essi ve ne sono alcuni il cui consumo complessivo è elevato a causa del grande numero di abitanti, mentre il consumo pro-capite è basso: Cina, India, Brasile, Messico, Indonesia. Tra questi Paesi, la Cina è in forte espansione economica e l India la seguirà a breve scadenza; l ingresso di questi due Paesi nel contesto delle potenze economiche costituirà un evento traumatico, perché essi, con il 37.6% della popolazione mondiale (valore percentuale in crescita), richiederanno grandi quan-

7 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 9 titativi di energia, causando forti tensioni nel mercato, pressione sulle risorse energetiche e notevoli problemi ambientali. c) La ripartizione dei consumi energetici è quindi fortemente disuniforme (Tab ): gli 8 Paesi del G8, 1 con il 13.7% della popolazione, consumano il 48.9% dell energia; il consumo pro-capite varia tra: 9.1 tep/anno 2 per il Canada; 8.0 per gli USA (che consumano il 23.6% del totale); 5.9 per l Australia 4.6 per la Russia 4 circa per Giappone, Francia, Germania, Gran Bretagna 3.1 per l Italia 0.5 per molti Paesi a basso reddito <0.5 per i Paesi più poveri Occorre dire, peraltro, che l efficienza energetica dei Paesi industrializzati è molto superiore a quella degli altri Paesi, i quali per questo motivo producono poca ricchezza e molto inquinamento. È significativo, in proposito, l indice di intensità energetica (Tab. 7), dal quale risulta che l Italia, con il suo consumo pro-capite relativamente basso e con la sua buona capacità produttiva, ha un indice nettamente migliore di quello degli altri Paesi industrializzati. d) Il contributo delle fonti alle forniture mondiali di energia (non conteggiando l energia solare per usi tradizionali) è il seguente (Tab. 2): petrolio 37.3% carbone 26.5% gas naturale 23.9% idro-geo-ecc. 6.1% nucleare 6.2% e) Nei Paesi industrializzati la situazione energetica è variegata, con diverso contributo delle singole fonti (Tab. 3): l Italia presenta il minor consumo pro-capite tra i Paesi del G8; ( 1 ) È abitudine ormai consolidata denominare G7 il gruppo dei sette Paesi più industrializzati dell Occidente (USA, Giappone, Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia e Canada) e G8 il gruppo dei precedenti Paesi più la Russia. ( 2 ) Tep = tonnellate equivalenti di petrolio; si tratta di una usuale unità di misura dei consumi energetici: considerata la somma degli apporti energetici di tutte le fonti, si calcola quanto petrolio sarebbe necessario per fornire la stessa quantità complessiva di energia.

8 10 ALBERTO MIRANDOLA l Italia e il Giappone dipendono dall estero per oltre l 80% delle forniture energetiche; la Francia è il paese più nuclearizzato: l incidenza dell energia nucleare è il 38.3% del totale consumo di energia, il 75% della produzione elettrica; l Italia è il paese che usa meno carbone e non produce elettricità per via nucleare, mentre impiega una percentuale di gas abbastanza alta ed in rapido aumento. f) Nei Paesi europei della ex-urss la situazione energetica è disastrosa (consumi elevati, produttività bassa, sprechi); infatti l intensità energetica indicata dalle tabelle per la Russia e l Ucraina, estensibile anche a molti altri Paesi dell Est europeo, ha valori molto scadenti (Tab. 7). g) Riassumendo la situazione italiana relativa al 2003, il consumo totale lordo di energia primaria è stato di Mtep 3 (dato ancora provvisorio), poco diverso da quello del 2002; per quest ultimo anno si riportano i dati di dettaglio, inclusi quelli relativi all energia elettrica: Energia primaria Mtep Consumi finali Mtep petrolio 48.8% industria 28.7% gas naturale 31.0 trasporti 31.5 carbone 7.6 usi civili 29.7 fonti rinnovabili 6.7 agricoltura 2.4 en. elettrica importata usi non energetici bunkeraggi Energia elettrica: consumi lordi TWh (di cui il 16.3%, pari a 50.6 TWh, importati) perdite 19.8 consumi finali ( 3 ) Mtep = milioni di tep. ( 4 ) Questa percentuale equivale a 11.1 Mtep; tale ammontare, tenendo conto di un rendimento di produzione pari a 0.39 circa, corrisponde ai 50.6 TWh (miliardi di chilowattora) importati. Questo calcolo si basa sul rendimento medio delle centrali termoelettriche; in realtà l energia importata è prevalentemente di origine nucleare, con un rendimento medio pari a 0.33 circa. ( 5 ) Si tratta di usi dei combustibili come materie prime, anziché come fonti energetiche (petrolio impiegato nella petrolchimica, ad esempio). ( 6 ) Rifornimenti alle navi e agli aerei sui percorsi internazionali.

9 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 11 h) Le riserve energetiche accertate nel 2004 e i consumi annui mondiali di energia sono riportati nella Tabella 6. La localizzazione delle riserve è preoccupante: circa il 63% delle riserve di petrolio sono situate nel Medio Oriente (il 22% nella sola Arabia Saudita); circa il 32% delle riserve di gas naturale si trovano nell ex-urss e il 41% nel Medio Oriente; i maggiori produttori (e consumatori) di carbone sono: USA, Cina, ex-urss. i) La fonte nucleare ha contribuito nel 2003 alle forniture mondiali di energia per circa il 6%. Le riserve di materiali fissili sono incerte: stime largamente indicative (prospezioni non complete, risorse distribuite un po ovunque e con bassa concentrazione) forniscono i seguenti valori: uranio 5.0 milioni di tonnellate; torio 2.5 milioni di tonnellate. L energia specifica del fissile puro è MWd 7 /ton, cioè 1.85 Mtep/ton. L energia producibile dipendente dal tipo di reattore: reattori termici ad acqua leggera: occorrono circa 5.4 kg di uranio naturale per produrre 1 kg di uranio arricchito avente un tasso d irraggiamento di MWd/ton; reattori veloci: sipuò pensare di utilizzare, con adatto ritrattamento del fissile esaurito, una porzione dell ordine del 60% dell energia specifica teorica, ovvero MWd/ton. Quindi, con larga approssimazione, l equivalente energetico è: - fissile per reattori termici LWR: 27500/ = 0.01 Mtep/ton; fissile per reattori veloci: 1.85 = 1.0 Mtep/ton ~100volte!; Perciò le riserve ammontano a: per uso nei reattori termici: ( ) = 75 Gtep; 8 per uso nei reattori veloci: ( ) = 7500 Gtep. l) È evidente che esistono forti differenze tra i consumi energetici pro capite nelle diverse aree geo-politiche: i paesi industrializzati consumano ( 7 ) MWd = megawattgiorni, unità di misura impiegata nel settore nucleare; 1 MWd = kwh. ( 8 ) Gtep = gigatep, cioè miliardi di tep.

10 12 ALBERTO MIRANDOLA molto più degli altri, peraltro con efficienza assai maggiore. Qual è, allora, l obiettivo da perseguire? L esame delle risorse disponibili e la consapevolezza che la Terra è un ambiente limitato, incapace di sopportare la pressione di consumi annui pari a volte quelli attuali, suggerisce la seguente conclusione: certamente non sarà possibile far convergere lo standard di vita e di consumi di tutto il pianeta verso quello attuale dei nostri paesi occidentali. Non vi sarebbero risorse sufficienti e si giungerebbe al collasso ambientale. Perciò a lungo termine sarà inevitabile che i Paesi ad alta intensità energetica ridimensionino i loro consumi, mentre aumenteranno i fabbisogni degli altri Paesi; questi ultimi, però, non potranno inseguire i nostri modelli, ma dovranno contare maggiormente sulle risorse umane e meno su quelle materiali, come accadeva nei nostri Paesi uno o due secoli or sono. La grande sfida di questo secolo, quindi, consisterà nel diffondere un adatta educazione energetica ed ambientale: solo una capillare opera di educazione potrà consentire che questa autentica rivoluzione della mentalità e dei costumi avvenga con una certa gradualità, cioè senza gravi conflitti. Ma ricordiamo che i cambiamenti di mentalità richiedono tempi lunghi, specialmente quando si pensa ad un evoluzione in senso inverso rispetto alla tendenza naturale dell uomo, che è portata a considerare fatti positivi la crescita e lo sviluppo. Sarà veramente cruciale attuare una corretta e graduale transizione dall attuale modello verso altri a minore intensità energetica. L azione politica, infatti, dev essere non solo giusta, ma anche possibile: l attuazione di soluzioni troppo radicali nel breve periodo non sarebbe accettata dalla popolazione. Le risorse e i consumi energetici in Italia L Italia è un Paese poverissimo di risorse energetiche; il fatto che abbia raggiunto una posizione di primo piano nell economia mondiale è quasi un miracolo, dovuto all intraprendenza dei suoi abitanti negli ultimi anni; cosa che è avvenuta, peraltro, anche in Giappone. Oggi l Italia importa circa l 85% del consumo energetico annuo, come risulta dal prospetto seguente. I consumi sono coperti per il 93% da fonti non rinnovabili, per il 7% da fonti rinnovabili (idroelettrica, geotermica, solare ed eolica). Globalmente dipendiamo dal petrolio per il 48.8% del totale, dal gas naturale per il 31%, dal carbone per il 7.5%. ITALIA: importazioni 2002 (Mtep): petrolio 46.2% gas naturale 26.0 carbone 7.0 energia elettrica 5.9 (85.1%)

11 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 13 ITALIA: produzione nazionale 2002 (Mtep): gas naturale 6.4 energia idroelettrica 6.1 energia geotermica 0.6 energia solare/eolica 0.2 carbone e petrolio 1.6 (14.9%) Queste quantità di energia sono impiegate in parti quasi uguali nei tre grandi settori di attività: industria (28.7%); trasporti (31.5%); usi civili (domestico e terziario) (29.6%). La percentuale restante è costituita da usi non energetici dei combustibili (5.4%), dagli usi agricoli (2.4%) e dai cosiddetti bunkeraggi (2.2%), cioè dai rifornimenti alle navi e agli aerei che compiono percorsi internazionali. L efficienza complessiva del sistema energetico italiano è abbastanza buona: l Italia, infatti, ha il minor consumo energetico pro capite (circa 3.1 tep/anno per abitante, Tab. 1) tra tutti i Paesi industrializzati e ha anche il minor rapporto tra l energia consumata e il prodotto nazionale lordo (0.14 tep/1000$, Tab. 7); il valore di questo parametro è significativo, pur tenendo conto del fatto che esso è influenzato dalla struttura dei sistemi produttivi (vi sono, ad esempio, industrie ad alta intensità energetica e industrie a bassa intensità). Circa il 40% della quantità totale di energia è utilizzata per generare elettricità, che è una forma energetica divenuta indispensabile nella nostra società. Occorre dire che l energia elettrica è prodotta in Italia da centrali idroelettriche (15.0%), termoelettriche (70.3%), geotermiche (1.4%), solari ed eoliche (0.4%); la parte restante, cioè il 16.3%, è importata dai paesi confinanti ed è prevalentemente di origine nucleare, soprattutto francese. A queste percentuali, il cui totale è pari al 103.4%, si deve sottrarre un 3.4% di energia elettrica utilizzata per i pompaggi nelle centrali idroelettriche, che dev essere considerata un consumo interno al settore elettrico. Tornando all energia primaria, la ripartizione dei contributi delle singole fonti è anomala, se confrontata con quella degli altri Paesi industrializzati. Il contributo del petrolio è troppo elevato, quello del carbone troppo basso, quello nucleare interno è assente. Molte centrali termoelettriche sono vecchie e hanno quindi rendimento abbastanza basso e impatto ambientale relativamente elevato. È quindi necessario costruire nuovi impianti ad alto rendimento, sia per adeguarne la capacità produttiva, che è insufficiente rispetto ai consumi di punta attuali (si ricordino le interruzioni programmate dei mesi di giugno e luglio 2003 ed il black-out totale, unico per ora, del successivo mese di settembre), sia per aumentare il rendimento complessivo e ridurre l impatto ambientale. Anche le linee elettriche, necessarie per il trasporto dell elettricità e per le connessioni con l estero, devono essere potenziate e migliorate. Naturalmente deve poi essere correttamente ge-

12 14 ALBERTO MIRANDOLA stito l esercizio delle centrali e delle linee di trasmissione, anche tenendo conto della nuova situazione prodottasi con l avvio del mercato energetico liberalizzato. L opposizione, spesso preconcetta, alla costruzione di tutti i tipi di impianti (ad esempio le centrali a ciclo combinato, che hanno un rendimento nettamente superiore a quello di tutte le altre alternative), produce semplicemente questo effetto: il perdurante sfruttamento delle solite fonti (petrolio e gas), dato che la riduzione dei consumi in tempi brevi non sarebbe accettata dalla popolazione, abituata agli attuali standard di vita. Idee di questo tipo sono veramente controproducenti: rinviare la soluzione dei problemi significa solo peggiorare la situazione, dato che il costo del petrolio e del gas sono destinati a rapidi aumenti e che il nostro Paese sarebbe ostaggio dei fornitori stranieri. D altra parte, occorre rendersi conto che le fonti rinnovabili, anche se dovranno fornire un contributo crescente nel futuro (e la ricerca è molto attiva in proposito), non potranno sostenere una società ad alta intensità energetica come la nostra: tali fonti sono infatti a bassa densità di energia e quindi il loro sfruttamento richiede grande dispendio di aree e di materiali (pregiati) per la costruzione degli impianti. In definitiva, una società nella quale il contributo delle fonti rinnovabili sia percentualmente elevato dev essere caratterizzata da consumi pro-capite molto più bassi di quelli attuali. Ma ciò significa, come si è detto, rivoluzionare i modelli di vita, cosa che richiede tempi lunghi (qualche generazione). Infatti l uomo è tendenzialmente portato allo sviluppo, che tende a perseguire se non è costretto a limitarsi; ed inoltre egli è disponibile ai sacrifici soltanto se questi sono condivisi da tutti. I cambiamenti radicali al ribasso in tempi rapidi sono difficilmente praticabili nelle nostre democrazie: se essi non sono preceduti da un adatta opera di educazione e di organizzazione, non sono accettati; la conseguenza sarebbe la caduta dei governi che volessero introdurli; cosa che farebbe ricominciare tutto da capo. Come gestire, quindi, il periodo transitorio che ci divide da un modello di società meno energivoro? Prima di tutto bisogna diffondere una cultura energetica a tutti i livelli: nelle famiglie, nella scuola e nel lavoro. Occorre poi razionalizzare il nostro sistema energetico, con l obiettivo di ottenere gli stessi risultati con minori consumi: le iniziative capaci di ottenere risparmi energetici sono molte in tutti i settori e devono essere attuate. Si tratta, in generale, di aumentare il rendimento degli impianti, delle macchine, dei sistemi organizzativi; di non dissipare risorse per discussioni, iniziative, realizzazioni di poca o nessuna utilità. Ma per quanto concerne le risorse energetiche sulle quali fare affidamento, che fare nel breve periodo e quali strategie attuare? Dato che il petrolio ed il gas naturale sono le risorse energetiche più scarse e più richieste nel mondo, il loro prezzo è destinato a salire nei prossimi decenni; bisogne-

13 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 15 rà quindi, in attesa di modelli di vita molto diversi, adottare le seguenti strategie: incrementare il contributo percentuale della risorsa non rinnovabile più abbondante, il carbone, il quale può essere utilizzato in modo molto meno inquinante che nel passato; sfruttare fonti oggi non ancora competitive, come gli scisti bituminosi ed altri prodotti; recuperare energia da tutte le fonti possibili, per quanto piccolo possa essere il loro contributo: rifiuti urbani e industriali, biomasse, ecc.; migliorare il rendimento dei sistemi di conversione e di utilizzazione; migliorare l organizzazione dei processi con obiettivi di risparmio energetico; aumentare l impiego delle fonti rinnovabili, sempre tenendo conto dei loro limiti intrinseci; esaminare la possibilità di riprendere l utilizzo dell energia nucleare, a dispetto dell attuale tendenza alla sua demonizzazione. È evidente che qualunque processo produttivo ha un certo impatto sull ambiente; ma le attuali tecnologie consentono una certa tranquillità in molti casi e quindi rendono pretestuose ed ingiustificate molte opposizioni delle comunità locali. Si possono fare alcuni esempi: Gli impianti di termovalorizzazione dei rifiuti urbani, dei cascami legnosi, ecc., hanno raggiunto un notevolissimo grado di qualità, cosicché il loro impatto ambientale è molto basso, inferiore a quello delle discariche, le quali emettono metano per decenni, costituiscono un pericolo per le falde idriche e occupano inutilmente vaste aree; le opposizioni delle comunità locali all installazione di tali impianti raggiungono a volte toni da isteria collettiva e sono generalmente sobillate per motivi di interesse o di bassa politica; in realtà queste prese di posizione sono dovute ad ignoranza e non sono pertanto giustificate. Bisogna rendersi conto che ogni area geografica, in futuro, dovrà gestire e riciclare i propri rifiuti. L uso del carbone nelle centrali termoelettriche, accompagnato da adeguati sistemi di abbattimento degli inquinanti, ha impatto molto contenuto e consente il riciclo completo delle ceneri nell industria del cemento, evitando lo scavo delle corrispondenti quantità di materie prime nelle cave di calcare ed argilla. La combustione di oli pesanti, che costituiscono la frazione meno nobile dei prodotti petroliferi, può essere realizzata con tecniche ad impatto ambientale modesto. L installazione di centrali a ciclo combinato alimentate a gas naturale, dato il loro altissimo rendimento, consente di risparmiare circa il 50% di combustibile rispetto a quello delle altre centrali: ciò significa una riduzio-

14 16 ALBERTO MIRANDOLA ne notevolissima dell impatto ambientale. Anche su questo tema si registrano in Italia scomposte reazioni delle comunità locali, che si oppongono all installazione con motivazioni infondate: senza alcuna competenza si pretende di influire sulle scelte tecniche, pensando di difendere il proprio orticello e provocando, invece, un danno alla comunità nazionale e quindi a sé stessi. A proposito dell idrogeno, del quale si sente spesso dire, purtroppo anche da uomini politici di (ahimè!) alto livello nella scala delle responsabilità, che sarà la fonte energetica del futuro, bisogna chiarire che questa affermazione è mistificatoria: l idrogeno non è una fonte energetica, perché non è reperibile libero in natura, ma è un vettore energetico, cioè un prodotto di trasformazione. Per renderlo disponibile bisogna separarlo dai composti che lo contengono (acqua o idrocarburi), cosa che richiede molta energia. Quindi esso dev essere considerato un prodotto intermedio, come l energia elettrica: il suo utilizzo è interessante sotto il profilo ambientale, perché la sua combustione produce acqua; ma ciò significa trasferire l inquinamento dal luogo di utilizzazione al luogo di produzione, come avviene, appunto, per l energia elettrica. In definitiva, l idrogeno, sul quale si stanno concentrando molte attività di ricerca in tutto il mondo, potrà essere un vettore interessante nel futuro, ma non risolverà il problema delle risorse energetiche. Un altro mito è quello dei combustibili ottenuti dalle coltivazioni energetiche (biodiesel da colture di soia, colza e girasole per alimentare motori diesel e caldaie; bioalcool da colture zuccherine per motori a benzina; ecc.). È vero che questi combustibili sono dei buoni sostituti del gasolio e della benzina, ma le coltivazioni di cui sopra possono avere estensione limitata, compatibile con quella delle altre colture a scopo alimentare, con le quali sono in competizione. Non dimentichiamo, infatti, che la popolazione umana è in aumento e che le coltivazioni sono alimentate da energia solare e sono perciò a bassa densità energetica: sono richieste grandi superfici per ottenere quantità significative di prodotto, come accade per tutte le fonti rinnovabili, esclusa quella idroelettrica. Conclusioni L Italia, Paese povero di risorse energetiche, deve: a) attuare nel breve-medio periodo strategie di diversificazione delle fonti energetiche, ivi compresi un efficiente ricorso al carbone, un moderato e consapevole ritorno all energia nucleare e un concreto orientamento verso un maggiore impiego delle fonti rinnovabili, pur con i loro limiti; b) recuperare molti cascami energetici oggi non utilizzati; tra i cascami

15 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 17 energetici, oltre a quello dei rifiuti, c è il calore scaricato dalle centrali termoelettriche e dai motori termici, che può essere recuperato, quando e dove possibile, con la cogenerazione; c) razionalizzare i consumi nei tre grandi settori dell industria, dei trasporti e degli usi civili (domestico e terziario); d) sostituire gli impianti obsoleti con nuovi sistemi ad alto rendimento e a bassa emissione; questi devono avere taglia adatta ad ottenere le migliori prestazioni, indipendentemente dal fatto che l energia prodotta sia consumata in un luogo circoscritto o immessa nella rete nazionale, come sempre accade per l elettricità; e) razionalizzare l organizzazione dei sistemi di impiego dell energia: aumentare il fattore di carico dei veicoli (ad esempio non effettuare viaggi a veicolo scarico nel trasporto delle merci, promuovere un più intenso e razionale impiego dei mezzi pubblici); scaglionare nel tempo i consumi, evitando di concentrarli nelle ore di punta (uso di tariffe multiorarie); gestire correttamente gli impianti di riscaldamento e di condizionamento, ecc.; f) promuovere e diffondere la cultura energetica attraverso adatte iniziative di educazione della popolazione, fin dalla tenera età; naturalmente, affinché ciò sia possibile, bisogna anche formare gli insegnanti. Questa cultura dovrà far sì che risulti spontaneo evitare alcuni comportamenti divenuti, purtroppo, frequenti: lo spreco di acqua, bene prezioso; l illuminazione o il riscaldamento di locali vuoti; il mantenimento di temperature troppo elevate negli ambienti (per ogni grado in più rispetto ai 20 o C si consuma circa il 7% in più); l uso dell auto per percorrere poche centinaia di metri; l uso scriteriato dei cellulari (magari accompagnato da proteste per l emissione elettromagnetica da parte delle antenne, senza che ci si preoccupi di quella generata dal proprio telefono accostato al corpo, da tutti i telecomandi che invadono le nostre apparecchiature, dagli elettrodomestici dei quali ci serviamo da decenni); l incuria o, peggio, il danneggiamento dei beni pubblici; e molte altre cose ancora. I punti a), b), c), d), e) riguardano le scelte politiche, tecniche ed imprenditoriali, le quali, se giuste, devono essere attuate con il giusto grado di autorità da parte delle istituzioni, senza sottostare al ricatto di opposizioni locali preconcette. È essenziale investire in tecnologie innovative e conservative e promuovere la ricerca delle soluzioni migliori: la ricerca potrà farci raggiungere risultati oggi non possibili. Il punto f) riguarda, invece, tutti noi e costituisce un autentica rivoluzione culturale, presupposto fondamentale per avviarci verso un mondo più coerente con le effettive condizioni del pianeta in cui viviamo. Occorrerà molto tempo; ma proprio per questo bisogna agire subito, prima che sia troppo tardi.

16 18 ALBERTO MIRANDOLA A proposito di cultura energetica, vale la pena di osservare che oggi, nell epoca della comunicazione, l informazione che viene diffusa tra i cittadini da parte della radio, della televisione e dei giornali è spesso disinformazione. L Italia, ad esempio, è un Paese in cui si discute continuamente su tutto, coinvolgendo ascoltatori e lettori nei modi più svariati. Ma i concetti che vengono divulgati sulle questioni tecnico-scientifiche hanno spesso scarso fondamento e possono pilotare l opinione pubblica verso convinzioni sbagliate. Ciò accade per ignoranza di chi promuove e conduce i dibattiti o, peggio, perché le informazioni sono distorte per interesse o per motivi ideologici. Le distorsioni create per ragioni ideologiche sono molto insidiose, perché spesso i loro sostenitori ne sono profondamente convinti: quando prevale l ideologia sulla verità, c è la tendenza a demonizzare l avversario, attribuendogli scopi poco onesti. Si crea così una corrente di pensiero diffusa e strisciante; e coloro i quali non si adeguano sono etichettati come retrogradi o disonesti. Sono già stati ricordati alcuni esempi di opposizione preconcetta, generata da queste campagne di disinformazione, ad iniziative importanti e doverose: le centrali ad alto rendimento, gli impianti a carbone, i sistemi di riciclo dei rifiuti e, in generale, molto di ciò che è tecnologico. A queste opposizioni i governi devono reagire con il giusto grado di autorità ed autorevolezza, perché anche le discussioni inutili costituiscono uno spreco di risorse: discutere può essere anche giusto, ma la cosa più importante è decidere.

17 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 19 Tab. 1 - Anno 2003: Popolazione e consumi annui di energia primaria dei primi 19 Paesi consumatori, ordinati per valori decrescenti del consumo, e corrispondenti consumi annui di energia elettrica (elaborazione da dati BP Statistical Review 2004). Paese Popolazione 9 Consumo energetico milioni di ab. Consumo pro-capite Energia elettrica % Mtep % tep/ab TWh kwh/ab % 1 USA Cina Russia Giappone India Germania Canada Francia Gr. Bretagna Corea d. Sud Italia Brasile Spagna Messico Ucraina Iran Arabia Saudita Australia Indonesia Totali parziali Resto del mondo Totali mondo ( 9 ) I dati relativi alla popolazione si riferiscono al 2002; la popolazione totale alla fine del 2004 è di 6500 milioni circa.

18 20 ALBERTO MIRANDOLA Tab. 2 - Anno 2003: Consumi annui di energia primaria (Mtep) per fonti dei primi 19 Paesi consumatori (elaborazione da dati BP Statistical Review 2004). Paese Petrolio Gas Carbone En. nucleare Idro etc. Totale 1 USA Cina Russia Giappone India Germania Canada Francia Gran Bretagna Corea del Sud Italia Brasile Spagna Messico Ucraina Iran Arabia Saudita Australia Indonesia Totali parziali Resto del mondo Totali mondo % di cui: Europa a 15 Paesi Paesi OECD Ex-URSS

19 CONSIDERAZIONI SULLA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA 21 Tab. 3 - Anno 2003: Popolazione e consumi annui di energia primaria dei Paesi del G8 e corrispondenti consumi annui di energia elettrica (elaborazione da dati BP Statistical Review 2004). Paese Popolazione Consumo energetico Consumo pro-capite Energia elettrica 10 6 ab. % Mtep % tep/ab TWh kwh/ab % 1 USA Russia Giappone Germania Canada Francia Gr. Bretagna Italia Totali parziali Resto del mondo Totali mondo Tab. 4 - Anno 2003: Popolazione e consumi annui di energia primaria ed elettrica di alcuni Paesi a basso reddito dell Africa e dell Asia (elaborazione da dati BP Statistical Review 2004). Paese Popolazione Consumo energetico Consumo pro-capite Energia elettrica milioni di ab. % Mtep % tep/ab TWh kwh/ab % Algeria Egitto Indonesia Filippine

20 22 ALBERTO MIRANDOLA Tab. 5 - Anno 2003: Popolazione e consumi annui di energia primaria ed elettrica di alcuni Paesi emergenti molto popolati (elaborazione da dati BP Statistical Review 2004). Paese Popolazione Consumo energetico Consumo pro-capite Energia elettrica milioni di ab. % Mtep % tep/ab TWh kwh/ab % 1 Cina India Brasile Messico Indonesia Totali parziali Resto del mondo Totali mondo Tab. 6 - Anno 2003: Riserve provate e consumi di energia primaria nel mondo (elaborazione da BP Statistical Review 2004). Riserve Consumi Riserve/Consumi (Gtep) 10 (Gtep/anno) % (anni) Petrolio Carbone Gas naturale En. Nucleare Idro-Geo ( 10 ) Gtep (gigatep) = miliardi di tonnellate equivalenti di petrolio.

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile.

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile. Concetti e numeri per capire meglio l energia Edgardo Curcio Presidente AIEE Verona, 7 maggio 2009 Concetto di energia Oggi si parla molto di energia e con questa parola si intendono molteplici cose alcune

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

150 anni di energia italiana

150 anni di energia italiana Con questa convinzione sono stati ricostruiti i consumi italiani dall unità d Italia ad oggi, con alcune conseguenze interessanti. 150 anni di energia italiana Storia del nostro Paese attraverso la ricostruzione

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

Medicina Democratica

Medicina Democratica -- Rivista - Articoli della Rivista -- Articoli della Rivista Impatto ambientale causato dalla liberalizzazione della enegia elettrica in Italia II.Produzione e consumi di energia elettrica in Italia 15

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

Tipologia dei flussi energetici

Tipologia dei flussi energetici Tipologia dei flussi energetici Corso: SISTEMI ENERGETICI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Crescita del fabbisogno di energia - Costi Legge del raddoppio del fabbisogno

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER L ENERGIA IN ITALIA E LA CREAZIONE DELLE CENTRALI NUCLEARI Azione del Governo in merito all energia nucleare e alle fonti di energia rinnovabili (Albenga, 27 aprile 2009)

Dettagli

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile POR CALABRIA 2000/2006 - ASSE III RISORSE UMANE MISURA 3.9 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE CON PRIORITÀ ALLE PMI GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE ENERGETICHE NEI SETTORI

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Frascati Settembre 2009 Energia e ambiente sono legati tra loro perchè 81% dell energia mondiale è ottenuta bruciando combustibili fossili.

Dettagli

L intensità energetica della provincia di Piacenza.

L intensità energetica della provincia di Piacenza. Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica L intensità energetica della provincia di Piacenza. 04_18.doc 1 R.I. 18/04 Ottobre 2004 Foto

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L energia sostenibile nel futuro dell Italia

L energia sostenibile nel futuro dell Italia FORUM AMBIENTE FORUM AMBIENTE DEL PARTITO DEMOCRATICO L energia sostenibile nel futuro dell Italia Sintesi a cura di: Edo Ronchi Hanno collaborato ai lavori del Forum per Energia Sostenibile: Dario Esposito,

Dettagli

Rapporto generale sull energia

Rapporto generale sull energia Rapporto generale sull energia Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Pellegrini Dipartimento di Ingegneria Meccanica DIEM Università di Bologna 1 Agenda La produzione di energia elettrica Il consumo

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Ministero Attività Produttive

Ministero Attività Produttive Ministero Attività Produttive Direzione Generale Energia e Risorse Minerarie Scenario tendenziale dei consumi e del fabbisogno al 22 (Maggio 25) INDICE 1. Premessa al documento... 4 2. Lo Scenario Tendenziale...

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Capitolo 2: Quadro di Riferimento Programmatico. Doc. SICS 202

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Capitolo 2: Quadro di Riferimento Programmatico. Doc. SICS 202 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campi Gas Bianca e Luisella Off-shore Adriatico Centro-Settentrionale : Quadro di Riferimento Programmatico Maggio 2013 Pag. i INDICE 2 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO...

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Government Accountability Office Stati Uniti d America Sicurezza energetica Per decenni gli Stati Uniti e

Dettagli

Le centrali elettriche

Le centrali elettriche Le centrali elettriche Prof. Giuseppe Capuano Presentazione realizzata nell a.s. 2000/2001 dagli alunni della S.M. di Navacchio e aggiornata negli anni seguenti Vantaggi uso energia elettrica 1. L energia

Dettagli

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005 Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a

Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a Relazione sullo stato dell ambiente a Parabiago - 1 - IL FUOCO (ENERGIA)!"#$ % &''(&&")*!+ Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a Consumi di gas pro capite, Corretto funzionamento degli impianti

Dettagli

Solidi Gas Petrolio Energia elettrica. Fig. 3 Contributo delle fonti energetiche alla disponibilità interna lorda

Solidi Gas Petrolio Energia elettrica. Fig. 3 Contributo delle fonti energetiche alla disponibilità interna lorda 3. Bilancio nazionale dell energia 8 La domanda complessiva di energia del 2, è stata poco meno di 185 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), con un trend di crescita che ha interessato

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini

Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Luce&Vita energia ONLUS Noi nel nostro piccolo Piani Energetici, opportunità per Comuni, Aziende e Cittadini Leonardo Setti Polo di Rimini - Università

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Una sfida da vincere

Una sfida da vincere Energia fonti e tecnologie IL PIANO ENERGETICO COMUNALE SOLARE Una sfida da vincere L energia solare valorizza le nostre case e contribuisce a migliorare l ambiente di Nino Bosco NOVEMBRE DICEMBRE 2006

Dettagli

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino Valutazioni sugli impianti a Biogas Gianni Tamino Processi produttivi naturali e umani A differenza dei processi produttivi naturali, che utilizzano energia solare, seguono un andamento ciclico, senza

Dettagli

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Convegno su: EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO Alba,18 novembre 2011 Luigi De Paoli, Università Bocconi Schema

Dettagli

L ENERGIA E I SUOI NUMERI

L ENERGIA E I SUOI NUMERI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE L ENERGIA E I SUOI NUMERI ITALIA 2000 Funzione Centrale Studi Maggio 2001 Il presente opuscolo è stato realizzato da M. Teresa Chironi e da Gemma Casadei

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida P.I. Gino D Angelo Tecnico Responsabile per la Conservazione e l Uso dell Energia del Comune di Potenza Introduzione Il Tecnico Responsabile

Dettagli

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile Fonti rinnovabili e nucleare: nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile del sistema elettrico italiano Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano 9 ottobre 2009 - Palazzo Mezzanotte

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino www.life-cycle-engineering.it SOMMARIO Nel ultimi tempi si sta assistendo ad

Dettagli

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 G.B. Zorzoli Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 ISES ITALIA (sezione nazionale dell International Solar Energy Society) è un'associazione

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Introduzione alle fonti di Energia Rinnovabili

Introduzione alle fonti di Energia Rinnovabili Introduzione alle fonti di Energia Rinnovabili Arturo de Risi, Università degli Studi di Lecce Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica I tipi di Energia Energie convenzionali sono quelle

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli