UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA LA POLITICA ENERGETICA DELL ITALIA REPUBBLICANA TRA INTERESSE NAZIONALE E VINCOLI ATLANTICI ( )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA LA POLITICA ENERGETICA DELL ITALIA REPUBBLICANA TRA INTERESSE NAZIONALE E VINCOLI ATLANTICI (1945-1975)"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA TESI DI DOTTORATO DI RICERCA IN STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI LA POLITICA ENERGETICA DELL ITALIA REPUBBLICANA TRA INTERESSE NAZIONALE E VINCOLI ATLANTICI ( ) COORDINATORE: Prof.re Gianluigi ROSSI TUTOR: Prof.ssa Laura SCALPELLI DOTTORANDO: Silvio LABBATE 2009

2 I Ai miei cari che non ci sono più

3 Ringraziamenti Vorrei porgere i più sentiti ringraziamenti a tutti coloro che mi hanno aiutato con preziosi consigli nelle ricerche archivistiche e nella stesura di questa tesi. In particolare vorrei ringraziare il Prof. Daniele Caviglia per avermi indirizzato nella scelta di questo argomento molto affascinante, il Prof. Luca Micheletta e il Prof. Giampaolo Malgeri per avermi guidato nei primi passi della ricerca e la Prof.ssa Laura Scalpelli per il suo contributo finale. Un grazie anche a tutto il personale delle biblioteche e degli archivi che ho visitato. Soprattutto alla gentilissima dott.ssa Elena Accorinti dell ENEL, alla dott.ssa Lucia Nardi dell ENI, al dott. Carmine Marinucci e all avv. Davide Ansanelli dell ENEA, alla dott.ssa Stefania Ruggeri dell archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri, alla dott.ssa Nicoletta Vernillo e alla dott.ssa Margherita Martelli dell Archivio Centrale di Stato, al Prof. Giovanni Battimmelli del Dipartimento di Fisica dell Università La Sapienza, al dott. Grégoire Eldin degli Archivi Diplomatici del Ministère des Affaires Étrangères, al gentilissimo Prof. Giovanni Paoloni della Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari dell Università La Sapienza e al dott. Giuliano Garavini per i suoi utili suggerimenti. Un ringraziamento speciale infine va al dott. Giuseppe Accorinti e all ing. Paolo Fornaciari per le preziose indicazioni e per avermi concesso un intervista. Silvio Labbate II

4 Indice generale Ringraziamenti II Indice generale III Sigle e abbreviazioni VI CAPITOLO I GLI ALBORI DELLA POLITICA ENERGETICA ITALIANA 1. Politica energetica e centralità delle fonti primarie 1 2. La situazione energetica italiana prima della seconda guerra mondiale 2 3. Le conseguenze del conflitto e i primi passi verso una politica energetica nazionale 7 4. I primi passi della collaborazione europea nel settore nucleare 15 CAPITOLO II LA POLITICA ENERGETICA ITALIANA NEGLI ANNI CINQUANTA 1. Gli sviluppi dell energia elettrica L espansione dell energia nucleare Dall INFN al CNRN Gli albori della collaborazione internazionale Le prime centrali nucleari italiane Dal CNRN al CNEN La politica petrolifera di Mattei 59 III

5 CAPITOLO III LA POLITICA ENERGETICA DELL ITALIA NEGLI ANNI SESSANTA 1. Gli sviluppi dell energia elettrica e del nucleare ENEL: organizzazione, investimenti e risultati Gli investimenti dell ENEL nel settore nucleare Il caso Ippolito Il CNEN dopo Ippolito La CEE e i tentativi di avviare una politica energetica nucleare Tra ambizioni nazionali e collaborazione internazionale La nuova crisi del CNEN La politica petrolifera italiana durante gli anni Sessanta L ENI dopo Mattei L ENI e il nucleare Una politica energetica comune La guerra dei Sei Giorni e la politica energetica 118 CAPITOLO IV LA CRISI ENERGETICA DEGLI ANNI SETTANTA 1. L Italia alla vigilia dello shock Il sogno di una politica energetica comunitaria L Italia e la crisi petrolifera dello Yom Kippur La politica energetica italiana dopo lo scoppio della guerra del Kippur L Italia, la cooperazione europea e i rapporti con gli Stati Uniti La politica filo-araba del governo italiano La conferenza di Washington e la cooperazione internazionale 199 IV

6 CAPITOLO V LA RISPOSTA ITALIANA ALLA CRISI PETROLIFERA 1. Gli sviluppi dell energia nucleare I progetti di cooperazione nucleare europea L Italia e la politica energetica comunitaria L ENI e la politica petrolifera La cooperazione internazionale Il Piano Energetico Nazionale L Italia da Rambouillet alla CIEC Dai problemi di attuazione del PEN all abbandono del nucleare 265 CONCLUSIONI 271 Fonti e bibliografia 276 Indice dei nomi 310 V

7 Sigle e abbreviazioni ACEU Archive of the Council of the European Union ACLI Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani ACP African, Caribbean and Pacific Group of States ACS Archivio Centrale di Stato AECL Atomic Energy of Canada Limited AEN Agenzia per l Energia Nucleare AEEN Agenzia Europea per l Energia Nucleare AGIP Azienda Generale Italiana Petroli AID Agency for International Development AIEA Agenzia Internazionale per l Energia Atomica o IAEA AIPA Azienda Italiana Petroli Albanesi AMI Agenzia Multimediale Italiana NIGERIA ANIC Azienda Nazionale Idrogenazione Combustibili ANIDEL Associazione Nazionale Imprese produttrici e Distributrici di Energia Elettrica ARAMCO Arabian American Oil Company ASE Archivio Storico dell ENI ASENEA Archivio Storico dell ENEA ASENEL Archivio Storico dell ENEL ASGEN Ansaldo San Giorgio Compagnia Generale S.p.A ASMAE Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri ASSR Archivio Storico del Senato della Repubblica BIRS Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo CCR Centro Comune di Ricerca dell EURATOM CEA Commissariat à l Énergie Atomique CECA Comunità Europea del Carbone e dell Acciaio CED Comunità Europea di Difesa CEE Comunità Economica Europea CEEA Comunità Europea dell Energia Atomica o EURATOM CEGB Central Electricity Generating Board CEL Oleodotto nell Europa Centrale CENTEC Gesellschaft für Centrifugentechnik m. b. H. CERN Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire CESI Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano CHAN Centre Historique des Archives Nationales CIA Central Intelligence Agency CIAU Comitato Italiano per l Arricchimento dell Uranio CIEC Conferenza sulla Cooperazione Economica Internazionale CIEP Council on International Economic Policy CIGRE Conférence Internationale des Grands Réseaux Électriques CIP Comitato Italiano Petroli CIPE Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica CIRENE CISE Reattore Nebbia CISE Centro Italiano di Studi ed Esperienze CLNAI Comitato di Liberazione Nazionale per l Alta Italia CNEN Comitato Nazionale Energia Nucleare CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche CNRN Comitato Nazionale per le Ricerche Nucleari VI

8 Coll. COREDIF CPE DC DGAE DGAP DL DM DPR EDF EFIM ENE ENEA ENEL ENEN ENI ENSI ENUSA ERDA ERP ESE ESK ESSO EURATOM EUREX EURODIF FAST FCO FIAT FIEN FLN FNAN FO GeV GFL GIAU GLAT GNR GWe HAEC HAEU IAEA ICMESA IEA IEOC INA INFN Collezione Compagnie de Realisation d Usine de Diffusion Gazeuse Cooperazione Politica Europea Democrazia Cristiana Direzione Generale Affari Economici Direzione Generale Affari Politici Decreto Legge Decreto Ministeriale Decreto del Presidente della Repubblica Électricité de France Ente Partecipazioni e Finanziamento Industrie Manifatturiere Ente Nazionale Energia Comitato nazionale per la ricerca e lo sviluppo dell Energia Nucleare e delle Energie Alternative, divenuto successivamente Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente Ente Nazionale Energia Elettrica Ente Nazionale per Energia Nucleare Ente Nazionale Idrocarburi Energia Nucleare Sud Italia Empresa Nacional del Uranio SA Energy Research and Development Administration European Recovery Program Ente Siciliano di Elettricità Europäische Schnellbrüter Kernkraftwerkgesellschaft nome commerciale internazionale utilizzato dalla EXXON e dalle sue compagnie Comunità Europea dell Energia Atomica (CEEA) Enriched Uranium Extraction European Gaseous Diffusion Uranium Enrichment Consortium Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche Foreign and Commonwealth Office Fabbrica Italiana Automobili Torino Forum Italiano dell Energia Nucleare Fronte di Liberazione Nazionale algerino Federazione Nazionale delle Aziende elettriche Foreign Office Giga electron Volt Gerald Ford Library Gruppo Italiano Arricchimento Uranio Gruppo di Lavoro per l Area Tecnologica Groupement Neutron Rapides Gigawatt elettrico Historical Archives of the European Commission Historical Archives of the European Union International Atomin Energy Agency Industrie Chimiche Meda Società Azionaria International Energy Agency International Egyptian Oil Company Istituto Nazionale delle Assicurazioni Istituto Nazionale di Fisica Nucleare VII

9 IPALMO Istituto per le Relazioni tra l Italia e i Paesi dell Africa, America Latina, Medio ed Estremo Oriente IPC Iraq Petroleum Company IRI Istituto per la Ricostruzione Industriale ISMES Istituto Sperimentale Modelli e Strutture JET Joint European Tourus KV Chilovolt KWh Chilowattora LBJL Lyndon Baines Johnson Library MAE Ministero degli Affari Esteri MAEF Ministère de Affaires Étrangères Français MEC Mercato Europeo Comune MERISINTER Società per azioni Meridionale Prodotti Sintetizzati MW Megawatt MWe Megawatt elettrico NARA National Archives and Record Administration NATO North Atlantic Treaty Organization Nda Nota dell autore NEA Nuclear ENEL Alusuisse NERSA Nucléaire Européenne à Neutrons Rapides S. A. NIOC National Iranian Oil Company NIRA Nucleare Italiana Reattori Avanzati NPMP Nixon Presidential Materials Project NRC Nuclear Regulatory Commission NSC National Security Council NSF National Security Files NSSM National Security Study Memorandum NUCLIT Nucleare Italiana OAPEC Organization of Arab Petroleum Exporting Countries OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico o OECD OECD Organisation for Economic Co-operation and Development o OCSE OECE Organizzazione per la Cooperazione Economica Europea OLP Organizzazione per la Liberazione della Palestina ONU Organizzazione delle Nazioni Unite OPEC Organization of Petroleum Exporting Countries OPEN Organizzazione di Produttori di Energia Nucleare OTAN Organisation du Traité de l Atlantique du Nord PAC Politica Agricola Comune PCUT Programma Ciclo Uranio-Torio PEC Prova Elementi di Combustibile PEN Piano Energetico Nazionale PIL Prodotto Interno Lordo PLI Partito Liberale Italiano PRI Partito Repubblicano Italiano PRO Progetto Reattore Organico PSDI Partito Socialista Democratico Italiano PSI Partito Socialista Italiano PUN Progetto Unificato Nucleare PVS Paesi in Via di Sviluppo PWR Pressurized Water Reactor ROVI Reattore Organico Vapore Industriale VIII

10 RWE SADE SAIP SAIPEM SALT SELNI SEEA SENN SGES SGHWR SICN SICS SIEN SIMEA SIP SIRIP SME SNAM SNIA SNR SOFIDIF SOMAIR SOMICEM SOMIREN SORIN START SVIMEZ SWUCO SYBESI TAPLINE TNA TNP TNPG TRA TVA Udc. UKAEA UNCTAD UNESCO UNIEL UNIPÈDE URENCO URSS USA USAEC VDEW Rheinisch-Westfälisches Elektrizitätswerk Società Adriatica di Elettricità Società Automazioni Impianti Produttivi SAIP e Montaggi Strategic Arms Limitation Talks Società Elettronucleare Italiana Società Europea per l Energia Atomica Società Elettronucleare Nazionale Società Generale Elettrica della Sicilia Steam Generatine Heavy Water Reactor Société Industrielle de Combustibles Nucléaires Società Italiana Carburanti Sintetici Société Industrielle de Combustibles Nucléaires Società italiana meridionale per l energia atomica Società Idroelettrica Piemontese Società Irano-Italienne des Pétroles Società Meridionale dell Elettricità Società Nazionale Metanodotti Società Nazionale Industrie Applicazioni Schnell Natrium Reaktor Société Franco-Iranienne pour l Enrichissement de l uranium par Diffusion gazeuse Société des Mines de l Aïr Società Mineraria Centro Meridionale Società Minerali Radioattivi Energia Nucleare Società Ricerche Impianti Nucleari Strategic Arms Reduction Treaty Associazione per lo Sviluppo dell Industria nel Mezzogiorno Separative Work Units Corporation Syndicat Belge pour la Séparation Isotopique Trans-Arabian Pipeline The National Archives Trattato di Non Proliferazione nucleare The Nuclear Power Group Ltd. Testimonianza resa all autore Tennessee Valley Authority Unità di condizionamento United Kingdom Atomic Energy Authority United Nations Conference on Trade and Development United Nations Educational Scientific and Cultural Organization Unione Industrie Elettriche Union Internationale des Producteurs et Distributeurs d Énergie Électrique Uranium Enrichment Company Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche United States of America United States Atomic Energy Commission Verband Deutscher Elektrizitätswerke IX

11 CAPITOLO I GLI ALBORI DELLA POLITICA ENERGETICA ITALIANA 1. Politica energetica e centralità delle fonti primarie Il termine politica energetica venne introdotto durante gli anni Settanta per indicare tutte quelle iniziative nazionali volte a risolvere questioni quali le difficoltà nell approvvigionamento petrolifero, l aumento dei costi energetici nazionali e le relative necessità di razionalizzazione dei consumi interni. Misure simili vennero adottate in tutti i paesi durante i due conflitti mondiali e vertevano sulla necessità di congelare le risorse esistenti per evitare periodi di cosiddetto blackout energetico. A partire dalla fine della seconda guerra mondiale tutto il mondo industrializzato aveva potuto contare su una fonte energetica abbondante: il petrolio. La caratteristica principale di questa risorsa consisteva nella sua economicità 1 : risultava competitiva rispetto alle altre fonti, facile da trasportare e molto duttile nelle sue utilizzazioni 2. Queste qualità avevano indotto i governi di tutti i paesi industrializzati a abbandonare qualsiasi investimento immediato sulle altre risorse esistenti (carbone e energia nucleare), finendo quasi per far coincidere, almeno fino agli anni Sessanta, le politiche energetiche nazionali con le iniziative in campo petrolifero 3. Non si poteva parlare di vere e proprie politiche di programmazione settoriale ma la necessità dei paesi poveri, fra cui l Italia, di garantirsi le risorse per far fronte al fabbisogno energetico nazionale aveva spinto i governi a prendere delle contromisure 4. Il punto focale di qualsiasi politica energetica nazionale consisteva dunque nella necessità di possedere una fonte primaria idonea a produrre energia 5 : grazie alle innovazioni tecnologiche introdotte durante il periodo conosciuto come rivoluzione industriale, il carbone svolse questo ruolo nel corso di tutto il XIX secolo. L invenzione del motore a scoppio, tuttavia, comportò 1 Le grandi scoperte del Medio Oriente, del Nord America, dell America Latina, dell Unione Sovietica e, successivamente, dell Africa settentrionale e occidentale avevano contribuito a aumentare il livello delle riserve di petrolio greggio determinandone in conseguenza una rilevante diminuzione dei prezzi; per approfondimenti si veda, ad esempio, P. Bairoch, Economia e storia mondiale, Cernusco, Cfr. N. J. D. Lucas, Energy and the European Communities, London, 1977, p Per approfondimenti su questo processo si vedano, tra gli altri, J. G. Clark, The political economy of world energy: a twentiethcentury perspective, New York, 1990, p. 95 e ss.; B. Curli, Le origini della politica energetica comunitaria, , in M. Guderzo, M. L. Napolitano (a cura di), Diplomazia delle Risorse. Le materie prime e il sistema internazionale del Novecento, Firenze, 2004, pp ; J. A. Hassan, A. Duncan, The Role of Energy Supplies during Western Europe s Golden Age, , in «The Journal of European Economic History», vol. 18, n. 3, 1989, pp Per un analisi sul problema della sicurezza degli approvvigionamenti e sulla ricerca di fonti di energia alternative si vedano, tra gli altri, F. Garino, Il petrolio oggi e domani, in «Relazioni Internazionali», XXXVII, n. 42, 1973, pp ; M. Guderzo, M. L. Napolitano (a cura di), Diplomazia delle Risorse, cit. 5 Per uno studio sulle fonti e sulle forme di energia si vedano, tra gli altri, A. Cardinale, A. Verdelli, Energia per l industria in Italia. La variabile energetica dal miracolo economico alla globalizzazione, Milano, 2008, pp ; L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, Milano, 1967, pp. 5-16; V. D Ermo, Le fonti di energia tra crisi e sviluppo. Mercati e operatori, Roma,

12 una parziale sostituzione del carbone con i primi prodotti petroliferi. Prima di questa invenzione l utilizzo del petrolio era rimasto limitato a causa di numerosi ostacoli tecnici: diversamente dal carbone, infatti, il petrolio non poteva (e ancora oggi è lo stesso) essere utilizzato direttamente come combustile, ma doveva essere trasformato in prodotti derivati attraverso il procedimento di raffinazione 6. Nel XIX secolo iniziò inoltre anche la produzione su scala industriale dell energia elettrica; quest ultima, oltre a alimentare gli apparati elettronici, risultava facile da convertire in energia luminosa, meccanica e termica. Questa energia poteva essere ottenuta sia sfruttando le risorse idriche presenti nel territorio, sia utilizzando apparecchiature alimentate da carbone e dai prodotti derivati del petrolio. A partire dal Novecento, e più precisamente dopo il primo conflitto mondiale, l eccezionale sviluppo nel settore dei trasporti portò a una rapida espansione dell utilizzo del petrolio. Stessa sorte ebbe l energia elettrica con i nuovi impieghi per la produzione di energia meccanica, per l illuminazione, per il trasporto su rotaia e, infine, per l alimentazione dei primi apparecchi elettronici. Il carbone venne invece sempre più accantonato per la creazione di energia meccanica e usato principalmente nel settore termoelettrico a integrazione dell energia idroelettrica. Questi sviluppi risultavano più evidenti negli Stati Uniti, all avanguardia nell utilizzazione del petrolio e dei suoi derivati, ma iniziarono a diffondersi anche nei paesi dell Europa Occidentale. Tutto ciò era l effetto dell eccezionale aumento della popolazione e della ricchezza pro-capite che determinavano a loro volta un incremento dei fabbisogni energetici e la necessità per i governi di assicurare un adeguato approvvigionamento nazionale. Il secondo conflitto mondiale bloccò temporaneamente questa tendenza, soprattutto in Europa. 2. La situazione energetica italiana prima della seconda guerra mondiale Il problema della mancanza di fonti energetiche primarie in Italia si presentò in tutta la sua gravità già a partire dall avvio del primo processo di industrializzazione. La carenza di risorse carbonifere 7 e l elevato costo di trasporto determinavano un prezzo di acquisto delle fonti energetiche primarie molto più alto di quello praticato negli altri paesi europei che disponevano di proprie risorse carbonifere 8. Questa situazione pesò fortemente sull industria italiana, specialmente su quella metallurgica, e venne considerata la principale causa del ritardo 6 Per uno studio sulla storia delle raffinerie petrolifere italiane si veda G. E. Kovacs, Storia delle raffinerie di petrolio in Italia, Roma, Cfr. C. Bardini, Senza carbone nell'eta del vapore: gli inizi dell'industrializzazione italiana, Milano, 1998, pp Cfr. A. Fossati, Lavoro e produzione in Italia: dalla metà del secolo XVIII alla seconda guerra mondiale, Torino, 1951, pp

13 complessivo 9. Nulla tuttavia si fece per colmare questo gap, che pure era ritenuto una causa permanente di svantaggio dell industria italiana rispetto a quella degli altri Paesi europei, tale da giustificare un regime di deciso protezionismo industriale 10. D altro canto, il ritardo italiano non era determinato solo dal costo elevato degli approvvigionamenti di materie prime ma risultava aggravato dalla scarsità di capitali, dalla mancanza di un diffuso spirito imprenditoriale e dalla carenza di adeguate conoscenze tecniche. La situazione iniziò a modificarsi con la produzione di energia elettrica 11 derivante dallo sfruttamento delle risorse idriche presenti sul territorio italiano. Durante il primo decennio del Novecento, l abbondanza di acque sulle Alpi, e in parte sugli Appennini, portò a un rapido aumento degli investimenti privati nel settore, associato a uno sviluppo molto elevato della produzione di energia elettrica e a positive ricadute sull economia del paese 12. A causa della struttura fisica del territorio il boom degli investimenti e della produttività industriale si verificò però quasi esclusivamente nel nord del paese, aggravando così lo squilibrio economico e sociale con il meridione. Diversamente da quanto avvenuto in tutti gli altri settori produttivi, nell industria elettrica gli investimenti pubblici italiani, sia diretti che indiretti, furono praticamente assenti durante il periodo iniziale. Il governo si limitò a eliminare quegli ostacoli giuridici e infrastrutturali che avrebbero potuto compromettere l evoluzione della nascente industria elettrica 13. Il settore energetico italiano non poteva però contare sull utilizzo delle sole risorse idroelettriche per rispondere alle esigenze della domanda interna e dovette fare i conti con la necessità di reperire combustibili solidi dall estero a prezzi elevati 14. Ciò indusse il governo a investire direttamente nel settore dell industria elettrica con il Regio Decreto Legge n del 9 ottobre 1919 che 9 Per uno studio sul rapporto energia-produttività, soprattutto per quanto concerne il caso italiano, si vedano, tra gli altri, A. Cardinale, A. Verdelli, Energia per l industria in Italia. La variabile energetica dal miracolo economico alla globalizzazione, cit., pp ; A. Clô, Crisi energetica: consumi, risparmi e penetrazione elettrica, in G. Zanetti (a cura di), Storia dell industria elettrica in Italia, vol. 5, Gli sviluppi dell ENEL , Roma-Bari, 1994, pp ; U. Colombo, Energia: storia e scenari, Roma, 2000, p. 63 e ss.; C. Pavese, L energia, le risorse, l ambiente, in P. A. Toninelli (a cura di), Lo sviluppo economico moderno: dalla rivoluzione industriale alla crisi energetica, Venezia, 2006, pp ; V. Smil, Storia dell energia, Bologna, 2000, p. 9 e ss. 10 L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p L uso di questa energia in Italia venne avviato alla fine dell Ottocento grazie all opera svolta dal Comitato promotore per l applicazione dell energia elettrica fondato a Milano nel Nei primi anni essa venne prodotta mediante piccole centrali termiche a carbone all interno delle città e impiegata per l illuminazione civile e urbana; il raggio limitato di azione e il costo elevato delle reti elettriche rendevano però poco appetibile l energia elettrica e favorivano l impiego del gas. 12 A favorire questo sviluppo intervenne anche l invenzione del motore a corrente alternata che rese possibile il trasporto dell energia elettrica a distanza e a costi sostenibili. Furono i tedeschi a investire in modo massiccio in Italia, spinti non solo dalla possibilità di effettuare investimenti decisamente redditizi, ma anche dall opportunità di creare un nuovo mercato in cui esportare i propri macchinari elettrici. 13 Nel 1898 ci fu un acceso dibattito nazionale sull opportunità o meno di procedere a una nazionalizzazione del settore elettrico, ma nel 1903 si scelse di emanare solo una legge sull assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, permettendo la nascita di società municipalizzate con lo scopo di erogare energia elettrica a costi più bassi rispetto a quelli praticati dai soggetti privati (cfr. legge n. 103 del 29 marzo 1903). 14 Per uno studio sul problema della disponibilità delle fonti primarie per lo sviluppo dell energia elettrica in Italia si veda F. Silari, L industria elettrica e i problemi energetici, in V. Castronovo (a cura di), Storia dell industria elettrica in Italia, vol. 4, Dal dopoguerra alla nazionalizzazione , Roma-Bari, 1994, pp

14 concesse forti agevolazioni tributarie e contributive per la costruzione di serbatoi e finanziamenti in funzione della potenza installata 15. Quest ultima, grazie alle disposizioni governative, aumentò rapidamente, così come la produzione nazionale di elettricità, ma il carbone continuò a essere la principale fonte di calore industriale e i costi complessivi dell energia in Italia rimasero di gran lunga superiori a quelli degli altri paesi industrializzati. Durante gli anni del regime fascista, grazie a varie favorevoli concessioni, il numero delle società che operavano nel settore elettrico aumentò considerevolmente. Nel 1925 le principali aziende elettriche operanti in Italia, oltre alle cosiddette municipalizzate, erano la SIP, l Edison, la SADE e la SME. Dal 1921 al 1931 gli investimenti ricevettero un forte impulso grazie soprattutto all afflusso di capitali americani e di massicci contributi statali: gli impianti idroelettrici alpini vennero raccordati con quelli appenninici, furono create altre linee di trasporto e di distribuzione e, infine, continuò l utilizzo dell energia elettrica nelle ferrovie. Con il crollo della borsa di Wall Street del 24 ottobre 1929, l Italia perse gran parte degli investimenti americani ma guadagnò posizioni nel settore dell intervento pubblico mediante la costituzione nel 1933 dell IRI. Nato come ente provvisorio con il compito di salvare il sistema creditizio italiano dalla crisi, l IRI assunse il controllo della SIP e si fece promotore di un nuovo sviluppo del settore elettrico attraverso la proprietà di banche e di imprese che comunque continuarono a mantenere la loro struttura giuridica di società per azioni. Nel 1937 l IRI da ente temporaneo divenne permanente con l incarico di gestire direttamente le imprese che fino a quel momento aveva indirettamente controllato. Lo Stato italiano, quindi, si trovò nel giro di pochi anni a controllare ampie porzioni dell industria nazionale e del sistema creditizio, in particolare nei settori ad alta intensità di capitale con imprese di grandi dimensioni, fra cui l ottanta percento del settore bancario e ben il trenta percento dell industria elettrica. Il numero delle centrali andava sempre più aumentando e così anche la diversificazione della produzione, concentrata per ben tre quarti in Piemonte, in Lombardia e in Veneto 16. Oltre che per l energia elettrica, l interesse dell Italia si manifestò anche nei confronti del petrolio. La ricerca di questa fonte primaria sul territorio nazionale iniziò già nel 1862, ma i risultati furono decisamente deludenti 17. L intera penisola venne considerata di scarso interesse da parte degli investitori privati che abbandonarono quasi del tutto le ricerche. La convenienza economica del rischio di investimento venne ulteriormente minata dalla notevole diminuzione dei prezzi all importazione del petrolio che scesero da 330 a 170 lire la tonnellata fra il 1870 e il 15 Cfr. Regio Decreto Legge n del 9 ottobre Per approfondimenti si veda B. Bottiglieri, L industria elettrica dalla guerra agli anni del «miracolo economico», in V. Castronovo (a cura di), Storia dell industria elettrica in Italia, vol. 4, cit., pp Cfr. M. Boldrini, Problemi economici del metano in Italia, Roma, 1953, p

15 Ciò indusse il governo a intervenire direttamente concedendo dapprima premi ai perforatori in funzione alle profondità raggiunte e rinunciando a qualunque forma di imposta o royalty e, successivamente, istituendo compensi proporzionali alla quantità di derivati petroliferi prodotti con greggio di provenienza italiana e offrendo ai privati l uso gratuito degli impianti di perforazione. Nonostante questi tentativi, le quantità di petrolio trovate nel territorio nazionale risultarono praticamente insignificanti così che l intera porzione di prodotti petroliferi utilizzati in Italia veniva importata 19. Anche se i risultati furono deludenti, principalmente per quanto riguardava le ricerche petrolifere, il governo decise di investire ancora nel settore delle fonti di energia. Questo indirizzo divenne quasi obbligatorio in quanto la profonda crisi finanziaria e i successivi tentativi di salvataggio bancario portarono lo Stato a rilevare un numero considerevole di società operanti nel settore elettrico. D altra parte, i notevoli investimenti effettuati costrinsero in un certo qual modo il governo a continuare sulla strada dell intervento pubblico nel tentativo di ottenere dei risultati soddisfacenti e di permettere all economia italiana di arginare la crisi in atto. Un primo significativo esempio di questa politica fu la creazione nel 1926 dell AGIP, un ente statale con il compito specifico di operare nel settore petrolifero 20. Nonostante in quegli anni il carbone fosse ancora la principale fonte di energia consumata con più del cinquanta percento di utilizzo 21, il governo decise di operare una scelta lungimirante, ritenendo che anche in Italia il petrolio si avviasse verso un considerevole sviluppo, ritenuto fondamentale per soddisfare i consumi del tempo. Del resto negli altri Stati industrializzati l oro nero aveva avuto e continuava a avere un ruolo determinante nell avvio di un nuovo processo di crescita finanziaria e di sviluppo economico. L obiettivo principale del governo consisteva quindi nel garantire al paese un approvvigionamento petrolifero adeguato attraverso la creazione di un ente statale che operasse sia nel mercato interno che in quello estero. Considerati gli anni in cui si prese questa decisione è plausibile ritenere che gli interessi militari giocarono un ruolo importante: era impensabile che in caso di un nuovo conflitto bellico l esercito italiano si ritrovasse infatti sprovvisto di risorse petrolifere e non potesse utilizzare i propri mezzi di difesa, oppure, ipotesi ancora peggiore, 18 Cfr. L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p Per uno studio sulle vicende che portarono alla nascita di una politica nazionale nel settore petrolifero si vedano, tra gli altri, C. Alimenti, La questione petrolifera in Italia, Torino, 1937; L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit.; M. Magini, L Italia e il petrolio tra storia e cronologia, Milano, 1976; M. Pizzigallo, Alle origini della politica petrolifera italiana ( ), Milano, 1981; D. Pozzi, Dai gatti selvaggi al cane a sei zampe: tecnologia, conoscenza e organizzazione nell'agip e nell'eni di Enrico Mattei, Venezia, 2009, pp ; F. Squarzina, Le ricerche di petrolio in Italia: cenni storici dal 1860 e cronache dell ultimo decennio, Roma, La costituzione dell AGIP avvenne ufficialmente mediante il Regio Decreto Legge n. 556 del 3 aprile 1926 e con la formula di società per azioni. Il capitale sociale era conferito per il sessanta percento dal Ministero del Tesoro, per il venti percento dall INA e per il restante venti percento dalle Assicurazioni Sociali. Il primo presidente fu Ettore Conti, imprenditore del settore elettrico. 21 Per uno studio sui consumi energetici italiani si rimanda a P. Malanima, Energy consumption in Italy in the 19 th and 20 th centuries. A statistical outline, Napoli,

16 dovesse dipendere dalle società straniere operanti in Italia che potevano anche risultare ostili nel corso dello scontro armato. La creazione dell AGIP indicava quindi in un certo qual modo la fine dell intervento pubblico nel settore petrolifero; il governo sembrava orientato a far operare il nuovo ente nel mercato come azienda privata, seguendo l esempio delle grandi compagnie petrolifere internazionali 22. L AGIP rappresentava uno strumento della politica autarchica dello Stato, cui era affidato il compito di sopperire alla carenza di iniziative dei gruppi industriali privati, poco propensi ad affrontare il rischio della ricerca petrolifera 23 ; per questo motivo gli vennero affidate competenze molto estese che andavano dalla ricerca e produzione di greggio, al trasporto e alla raffinazione, fino a comprendere la distribuzione e la vendita del prodotto finito. Nella sua attività l AGIP 24 operò attraverso la creazione di altre società controllate che agivano in settori precisi e zone limitate; nel campo dell esplorazione petrolifera, inoltre, più che operare in proprio, agiva da contrattista per lo Stato, che stanziava appositi fondi ed incaricava l AGIP di attuare piani di ricerca approvati volta per volta 25. Il primo obiettivo del nuovo ente consisteva ovviamente nell assicurare al paese un adeguato approvvigionamento di petrolio attraverso la ricerca mineraria sul territorio nazionale ma anche in quello delle colonie e in Albania. In secondo luogo, la nuova azienda cercò di acquisire partecipazioni in società petrolifere dell Europa orientale e nel Medio Oriente. A favorire l AGIP nelle ricerche nazionali intervenne la cosiddetta legge mineraria fondamentale del che attribuiva la proprietà del sottosuolo al demanio dello Stato e imponeva che qualsiasi attività di perforazione e prelievo fosse preventivamente soggetta a autorizzazione e/o a concessione governativa. Piccoli giacimenti di gas naturale vennero scoperti nel 1929 a Fontevivo (Parma), nel 1935 a Bellena e a Podenzano e nel 1942 a S. Giorgio, vicino Bolzano; il primo ritrovamento di un certo rilievo avvenne però solo nel con il ricco giacimento di gas naturale di Caviaga (Lodi). Le ricerche petrolifere da parte degli imprenditori privati continuarono ma non assunsero mai dimensioni paragonabili a quelle dell AGIP. Sul mercato interno quest ultima operò anche grazie all aiuto dell ANIC, una società costituita nel 1935 in accordo con la Montecatini e in cui l AGIP aveva una partecipazione rilevante, creata con l obiettivo di aumentare velocemente la capacità di raffinazione e di diminuire le importazioni di 22 Cfr. L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p Appunto interno all ENI (non firmato), ASE, coll. AS. III. 6, udc Per uno studio sulla storia dell AGIP si vedano R. Fabiani, La ricerca del petrolio: A.G.I.P., Azienda Generale Italiana Petroli, Roma, 1950; F. Guidi, History of AGIP: an example of upstream development, San Donato Milanese, 1994; M. Pizzigallo, L AGIP degli anni ruggenti ( ), Milano, 1984; Id., La politica estera dell AGIP ( ). Diplomazia economica e petrolio, Milano, 1992; D. Pozzi, Dai gatti selvaggi al cane a sei zampe, cit., pp ; AA. VV., Nascita e trasformazione d impresa: storia dell AGIP Petroli, Bologna, L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p Cfr. Regio Decreto Legge n del 29 luglio

17 prodotti raffinati sostituendoli direttamente con petrolio greggio 27. Per quanto concerneva il settore della distribuzione dei prodotti petroliferi, l AGIP tentò di aumentare il più possibile la propria quota di mercato ricorrendo perfino a vere e proprie guerre di prezzi 28. Le attività di ricerca all estero produssero risultati limitati; giacimenti petroliferi produttivi si scoprirono in Albania e l estrazione avvenne mediante la costituzione, in collaborazione con le Ferrovie dello Stato, dell AIPA, anche se il greggio risultò di cattiva qualità e la sua lavorazione scarsamente redditizia. Le promettenti operazioni di prospezione avviate in Iraq e in altri paesi vennero invece abbandonate a causa delle notevoli spese sostenute per le campagne coloniali italiane. Solo in Libia le prospezioni continuarono grazie alla scoperta casuale di petrolio avvenuta nel 1939 e da cui ebbe origine la cosiddetta operazione Petrolibia : si trattava di una collaborazione dell AGIP con la FIAT mediante la creazione della SICS che si proponeva di ricavare benzina dalla sintesi chimica. L AGIP aveva deciso infatti di investire molte risorse nella ricerca di fonti di energia alternative, ma i risultati si rivelarono inferiori alle aspettative. In concomitanza con i primi anni del conflitto, l azienda pubblica italiana si interessò soprattutto al metano: nel 1940 venne infatti costituito l Ente Nazionale Metano con il compito di eseguire, controllare e coordinare le ricerche di sorgenti e di giacimenti metaniferi sul territorio nazionale 29. L anno successivo si creò invece la SNAM il cui mandato prevedeva la costituzione di una rete di metanodotti per unire le zone produttive scoperte fino a quel momento dall AGIP alle centrali di compressione. 3. Le conseguenze del conflitto e i primi passi verso una politica energetica nazionale Il secondo conflitto mondiale, a causa del massiccio bombardamento subito dall Italia e per via del drammatico esito finale, rappresentò una grave battuta d arresto per la politica energetica nazionale. Nel settore elettrico si dovette registrare la distruzione di ben un quarto della potenza installata precedentemente; a farne le spese fu principalmente l energia termoelettrica in quanto i relativi impianti erano situati nei pressi di zone portuali e industriali e, 27 La norma protezionistica emanata con il Regio Decreto Legge del 2 novembre 1933 in materia di raffinerie permise all AGIP di ottenere vantaggi anche in questo settore (cfr. Regio Decreto Legge n del 2 novembre 1933, Disciplina dell'importazione, della lavorazione, del deposito e della distribuzione degli oli minerali e dei carburanti, convertito nella legge n. 367 dell 8 febbraio 1934 e dotato di un regolamento di attuazione con il Regio Decreto Legge n del 20 luglio 1934). 28 Cfr. L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p Cfr. legge n del 2 ottobre

18 quindi, vicino ai principali obiettivi bellici 30. I primi anni del dopoguerra si impiegarono dunque per la ricostruzione di tutto ciò che era stato danneggiato, nel tentativo di riportare la situazione al periodo prebellico 31. Con la nascita della Repubblica si decise inoltre di inserire nella nascente Costituzione l articolo 43 secondo cui: Ai fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale. Si decise pertanto di non eliminare l IRI ma di trasformarlo in uno strumento di ammodernamento del paese. L uso dei massicci aiuti internazionali 32 risultò determinante per la ripresa nel settore elettrico mediante la graduale conversione delle industrie nazionali belliche in imprese varie che iniziarono a produrre, tra l altro, componenti tecnologici per la produzione della stessa energia elettrica 33. Conseguenze meno distruttive si ebbero nel settore petrolifero, comunque costretto a uno sforzo di rilancio. Dopo l armistizio di Cassibile, nella Repubblica Sociale Italiana venne deciso di commissariare l AGIP e di spostarne la sede sociale a Milano; si paventò addirittura l ipotesi, dietro pressioni americane, di chiudere completamente l ente di Stato. Ciononostante, le ricerche di giacimenti produttivi sul territorio italiano continuarono e, come già accennato, portarono alla scoperta del gas naturale di Caviaga, presso Lodi. In un primo momento le dimensioni del giacimento non erano state ben determinate e si pensava fossero simili agli altri siti produttivi precedentemente rinvenuti e rivelatisi decisamente esigui. La guerra e le precarie condizioni economiche pesarono notevolmente in questa prima affrettata valutazione. Con il passare dei mesi, invece, il gas naturale che veniva estratto non sembrava diminuire e ciò indusse i tecnici dell AGIP a ritenere il nuovo giacimento ben più grande di quanto inizialmente ipotizzato. In ogni caso le vicende postbelliche non agevolavano la vita dell ente statale. Nel febbraio del Per uno studio sulla situazione strutturale italiana nel settore elettrico e sulle innovazioni introdotte a partire dalla fine degli anni Quaranta si veda L. De Paoli, Programmi di investimento e novità tecniche, in V. Castronovo (a cura di), Storia dell industria elettrica in Italia, vol. 4, cit., pp Per uno studio sul ruolo della ricerca di fonti energetiche nazionali in funzione della ricostruzione si veda R. Ranieri, L approvvigionamento di materie prime nella ricostruzione italiana, in L. Tosi (a cura di), Politica ed economia nelle relazioni internazionali dell Italia del secondo dopoguerra. Studi in ricordo di Sergio Angelini, Roma, 2002, p. 211 e ss. 32 Del resto la questione energetica divenne uno dei problemi centrali dello stesso Piano Marshall (per uno studio sul rapporto fra aiuti americani e problemi energetici europei si vedano E. B. Kapstein, The Insecure Alliance: Energy Crises and Western Politics since 1944, Oxford, 1990, p. 68 e ss.; L. Maugeri, L'arma del petrolio. Questione petrolifera globale, guerra fredda e politica italiana nella vicenda di Enrico Mattei, Firenze, 1994, pp ). 33 Per ulteriori approfondimenti si veda B. Bottiglieri, L industria elettrica dalla guerra agli anni del «miracolo economico», in V. Castronovo (a cura di), Storia dell industria elettrica in Italia, vol. 4, cit., pp

19 si insediò a Roma un consiglio di amministrazione che riportò la sede sociale nella capitale e nominò alla presidenza il senatore Arnaldo Petretti; per un periodo sopravvissero dunque due sezioni dello stesso ente. Le pressioni anglo-americane si indirizzarono verso il tentativo di indurre la chiusura della stessa AGIP; inoltre, gli interessi di Londra e Washington nel settore petrolifero erano notevolmente cresciuti dopo una serie di ingenti investimenti. La sola potentissima Standard Oil of New Jersey (EXXON) era giunta a controllare una miriade di società 34 e si temeva che l AGIP, qualora fosse rimasta in vita, potesse ricevere vantaggi statali a danno degli interessi stranieri 35. Il clima politico italiano spingeva del resto verso una soluzione non molto dissimile: l ente statale veniva visto come uno dei tanti istituti voluti dalla politica autarchica degli anni del fascismo che bisognava eliminare per dare spazio allo sviluppo dell iniziativa privata. Di certo sull AGIP pesava fortemente il clima di sfiducia per le tante e lunghe ricerche infruttuose effettuate fino a quel momento e il suo smantellamento sembrava anche venire incontro alla terribile situazione economica che suggeriva di dismettere definitivamente ogni società che non risultasse utile al risollevamento del paese 36. Il governo italiano decise quindi di chiudere la sezione ricerche dell AGIP lasciando operativo il solo settore commerciale; mentre dal canto loro gli Alleati, al fine di gestire proprio quest ultima area, avevano costituito il Comitato Italiano Petroli 37, alla guida del quale, oltre a rappresentanti dell AGIP, vennero nominati manager della SHELL e della Standard Oil of New Jersey. Le grandi compagnie straniere 38 sembravano voler trasformare l Italia in una specie di 34 Cfr. N. Perrone, Mattei, il nemico italiano: politica e morte del presidente dell ENI attraverso i documenti segreti, , Milano, 1989, p Per questo motivo all AGIP fu preclusa la possibilità di attingere dagli aiuti americani (per approfondimenti si veda L. Maugeri, L'arma del petrolio, cit., pp ). 36 Appunto interno all ENI (non firmato), ASE, coll. AS. III. 6, udc. 8; per approfondimenti si veda G. E. Kovacs, Storia delle raffinerie di petrolio in Italia, cit., p Il CIP venne creato con il DL n. 238 del 1 marzo 1945 che assegnava il compito di coordinare in via straordinaria l approvvigionamento dei prodotto petroliferi per le forze armate sia italiane, sia alleate e per gli usi civili, rispettando l autonomia amministrativa, gestionale ed organizzativa delle società del settore esistenti in Italia (M. Magini, L'Italia e il petrolio tra storia e cronologia, cit., p. 89). Per ulteriori approfondimenti si veda P. H. Frankel, Petrolio e potere: Enrico Mattei, Firenze, 1970, p. 58 e ss. 38 Le cosiddette big seven o sette sorelle erano: la anglo-olandese Royal Dutch Shell Oil Company (SHELL), la inglese British Petroleum Company (ex Anglo-Iranian) e le cinque compagnie americane: la EXXON, la Socony Mobil Oil Company (Standard Oil of New York), la SOCAL (Standard Oil Company of California), la TEXACO e la Gulf Oil Company (si vedano, tra gli altri, G. Buccianti, Enrico Mattei. Assalto al potere petrolifero mondiale, Milano, 2005, p. 26; A. Roncaglia, L'economia del petrolio, Roma- Bari, 1983, p. 61; A. Sampson, Le sette sorelle: le grandi compagnie petrolifere e il mondo che hanno creato, Milano, 1976, p. 91). Secondo l interpretazione di Francisco Parra, segretario generale dell OPEC nel 1968, il termine seven sisters sarebbe stato pronunciato per la prima volta proprio dallo stesso Mattei (cfr. F. Parra, Oil politics: a modern history of petroleum, London, 2004, p. 6). Per un approfondimento sulle big seven cfr. A. Clô, Economia e politica del petrolio, Bologna, 2000, pp ; N. H. Jacoby, Multinational oil: a study in industrial dynamics, New York, 1974; G. Luciani, L OPEC nella economia internazionale, Torino, 1976, pp. 3-17; V. Marcel, J. V. Mitchell, Oil titans: national oil companies in the Middle East, London, 2006; L. Maugeri, Petrolio. Storie di falsi miti, sceicchi e mercati che tengono in scacco il mondo, Milano, 2001, pp ; J. V. Mitchell, Companies in a World of Conflict, London, 1998; E. Penrose, International Oil Companies and Governments in the Middle East, in J. D. Anthony, The Middle East: Oil, Politics and Development, Washington, 1975, pp. 3-19; A. Roncaglia, L'economia del petrolio, cit., pp ; B. Shwadran, The Middle East, Oil and the Great Powers, London, 1985; J. Stork, Il petrolio arabo, Torino, 1978; C. Tugendhat, A. Hamilton, Oil: the biggest business, London, 1975; L. Turner, Oil companies in the international system, London, 1980; F. Venn, Oil Diplomacy in the Twenthieth Century, London, 1986; D. Yergin, The Prize. The Epic Quest for Oil, Money and Power, New York, Per un analisi generale sul mercato petrolifero internazionale e sul controllo politico delle fonti energetiche si vedano M. A. Adelman, The world petroleum market, Baltimore, 1972; Id., The genie out of the bottle: world oil since 1970, Cambridge, 1995; J. 9

20 centro di raffinazione e di snodo per la commercializzazione del petrolio proveniente dal Medio Oriente 39. La direzione dell AGIP accolse le decisioni del governo riservandosi tuttavia la possibilità di continuare le ricerche nelle zona di Lodi e decise la creazione di una commissione con il compito di studiare i problemi relativi alla liquidazione della sezione ricerche 40. All interno dello stesso ente statale si levarono però molte proteste e le sezioni di Milano e Roma, rimaste entrambe in vita, non concordarono sulla strada da intraprendere. La commissione centrale per l economia del CLNAI, che operava nelle regioni ancora occupate, decise di nominare Enrico Mattei 41 commissario straordinario dell AGIP con il compito di porre la società in liquidazione, facendo seguito alla volontà del governo di smobilitare quelle aziende che, con i loro deficit, si riteneva gravassero pesantemente sul bilancio dello Stato 42. Nell ottobre del 1945 le due sezioni di Roma e di Milano vennero riunificate e Mattei nominato vicepresidente della M. Blair, The Control of Oil, New York, 1976; P. F. Cowhey, The Problems of Plenty: Energy Policy and International Politics, Berkeley, 1985; D. Durand, La politique pétrolière internationale, Paris, 1970; W. N. Greene, Strategies of the Major Oil Companies, Ann Arbor, 1982; R. Engler, The Brotherhood of Oil: Energy Policy and the Public Interest, Chicago, 1977; B. I. Kaufman, The Oil Cartel Case: A Documentary Study of Antitrust Activity in the Cold War Era, Westport, 1978; W. J. Levy, Oil Strategy and Politics, , edited by M. A. Conant, Boulder, 1982; A. Nouschi, Pétrole et relations internationales de 1945 a nos jours, Paris, 1995; A. E. Safer, A strategy of oil proliferation: a study, Washington, 1980; C. E. Solberg, Oil Power, New York, Per uno studio sull economia del petrolio negli anni cinquanta-settanta in relazione ai paesi in via di sviluppo si veda, ad esempio, E. T. Penrose, The Large International Firm in Developing Countries. The International Petroleum Industry, London, Cfr. M. Magini, L'Italia e il petrolio tra storia e cronologia, cit., p. 96. Questa ipotesi venne avanzata perché in Italia le grandi compagnie petrolifere stavano avviando una serie di iniziative che avrebbero portato a una disponibilità della capacità di raffinazione superiore al fabbisogno nazionale. Tuttavia, le motivazioni di questa politica erano da attribuirsi a questioni di ordine più generale: la maggiore convenienza al trasporto su lunghe distanze del greggio rispetto ai prodotti raffinati; la maggiore stabilità politica rispetto ai paesi in via di sviluppo; la maggiore «flessibilità» fiscale rispetto ai paesi più sviluppati, di un paese a «industrializzazione ritardata» come l Italia (A. Roncaglia, L'economia del petrolio, cit., nota 48, pp ). 40 Cfr. L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit., p Per uno studio sulla figura di Enrico Mattei e sulle sue iniziative nel settore petrolifero si vedano G. Accorinti, Quando Mattei era l impresa energetica. Io c ero, Matelica (Mc), 2008; B. Bagnato, Petrolio e politica: Mattei in Marocco, Firenze, 2004; L. Bazzoli, R. Renzi, Il miracolo Mattei. Sfida e utopia del petrolio italiano nel ritratto di un incorruttibile corruttore, Milano, 1984; M. Boldrini, Enrico Mattei, Roma, 1968; F. Briatico, Ascesa e declino del capitale pubblico in Italia. Vicende e protagonisti, Bologna, 2004; L. Bruni, M. Colitti, La politica petrolifera italiana, cit.; G. Buccianti, Enrico Mattei, cit.; A. Clô (a cura di), ENI ( ), Bologna, 2004; M. Colitti, Energia e sviluppo in Italia: la vicenda di Enrico Mattei, Bari, 1979; Id., ENI. Cronache dall interno di un azienda, Milano, 2008; Id., Enrico Mattei ( ), in A. Mortara (a cura di), I protagonisti dell intervento pubblico in Italia, Milano, 1984, pp ; S. De Angelis, Enrico Mattei, Roma, 1966; C. R. Dechert, Ente Nazionale Idrocarburi: profile of a State corporation, Leiden, 1963; P. H. Frankel, Petrolio e potere: Enrico Mattei, cit.; G. Galli, La sfida perduta: biografia politica di Enrico Mattei, Milano, 1976; Id., Enrico Mattei: petrolio e complotto italiano, Milano, 2005; B. Li Vigni, Il caso Mattei: un giallo italiano, Roma, 2003; Id., La grande sfida: Mattei, il petrolio e la politica, Milano, 2006; C. M. Lomartire, Mattei: storia dell italiano che sfidò i signori del petrolio, Milano, 2004; M. Magini, L'Italia e il petrolio tra storia e cronologia, cit.; E. Mattei, Enrico Mattei, : scritti e discorsi, a cura di A. Trecciola, Matelica, 1982; Id., Enrico Mattei, : scritti e discorsi, a cura di A. Trecciola, Matelica, 1992; L. Maugeri, L'arma del petrolio, cit.; C. Moffa (a cura di), Enrico Mattei. Contro l arrembaggio al petrolio e al metano: una vita per l indipendenza e lo sviluppo dell Italia, del Medio Oriente e dell Africa, Roma, 2006; N. Perrone (a cura di), Giallo Mattei: i discorsi del fondatore dell'eni che sfidò gli USA, la NATO e le Sette sorelle, Roma, 1999; Id., Enrico Mattei, Bologna, 2001; Id., La morte necessaria di Enrico Mattei, Roma, 1993; Id., Mattei, il nemico italiano: politica e morte del presidente dell ENI attraverso i documenti segreti, , cit.; Id., Obiettivo Mattei: petrolio, Stati Uniti e politica dell ENI, Roma, 1995; I. Pietra, Mattei: la pecora nera, Roma, 1987; D. Pozzi, Dai gatti selvaggi al cane a sei zampe, cit., pp ; H. Roh, Enrico Mattei: chevalier des temps modernes, Sion, 1960; A. Roncaglia, L'economia del petrolio, cit., pp ; F. Rosi, E. Scalfari, Il caso Mattei: un corsaro al servizio della repubblica, Bologna, 1972; G. Sapelli, F. Carnevali, Uno sviluppo tra politica e strategia. ENI ( ), Milano, 1992; S. Terranova, La Pira e Mattei nella politica italiana: , Troina, 2001; A. Tonini, Il sogno proibito: Mattei, il petrolio arabo e le sette sorelle, Firenze, 2003; M. Vittorini, Petrolio & Potere. Il racket dei petrolieri, Venezia-Padova, 1974; D. Votaw, The six-legged dog: Mattei and ENI a study in power, Los Angeles, 1964; D. Yergin, The Prize. The Epic Quest for Oil, Money and Power, cit., pp Appunto interno all ENI (non firmato), ASE, coll. AS. III. 6, udc. 8; risulta interessante notare che, secondo l opinione alcuni studiosi tra cui Frankel, l ordine di sospendere le ricerche petrolifere e di porre in liquidazione tutti gli impianti, nonostante l esistenza di numerosi documenti come controprova, non fu mai stato effettivamente impartito (per approfondimenti cfr. P. H. Frankel, Petrolio e potere: Enrico Mattei, Firenze, 1970, p. 40). 10

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

L Eni di MATTEI. Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento

L Eni di MATTEI. Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento L Eni di MATTEI Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento 1945: Scontro per le sorti dell Agip. Il 10 aprile si ricostituisce a Roma il Consiglio di amministrazione

Dettagli

CENNI STORICI SULLA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA

CENNI STORICI SULLA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SULLA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA 1. INTRODUZIONE Prima di parlare del concetto di qualità e di sviluppare tale argomento è importante ripercorrere

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47 Sommario Premessa 13 Introduzione. I rapporti con l estero del sistema bancario italiano dall unità alla fine della grande guerra 23 1. Capitali esteri, banche e sviluppo italiano nel periodo prebellico

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3092 D I S E G N O D I L E G G E presentato dal Ministro degli affari esteri (DINI) di concerto col Ministro dell interno (NAPOLITANO)

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Intervento Consulta per il Mezzogiorno

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Intervento Consulta per il Mezzogiorno Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Intervento Consulta per il Mezzogiorno Antonio MARZANO Presidente CNEL e AICESIS Roma, 12 novembre 2009 1 Quando nel novembre del 2008 insediammo la Consulta

Dettagli

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri AGGIORNAMENTO Comitato per una Civiltà dell Amore ENRICO CERRAI GPNP Energia e risorse per un uso Razionale Nell era di

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno.

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. 1 2 3 Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. Quando si trova un giacimento di metano, la forte pressione lo spinge

Dettagli

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Antitrust e collusione Anno Accademico 2005/2006 Prof. Gianmaria Martini Prospettiva storica Sorge negli

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Gamberame Nord Vaiano, Prato

Gamberame Nord Vaiano, Prato Gamberame Nord Vaiano, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE L IMPIANTO IDROELETTRICO DI GAMBERAME E IL SUO GIARDINO DELLE RINNOVABILI Roberto Gualtieri - presidente di H2E srl In questi periodi dove

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

La nostra storia dell energia

La nostra storia dell energia La nostra storia dell energia Lo sviluppo della produzione dell energia in Italia è poco noto e poco responsabile. Carlo Bernardini, Genova 3 novembre 2010 Referenze bibliografiche Ugo Spezia Italia nucleare:

Dettagli

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca 30 settembre 2007 Agenda La situazione della produzione di energia rinnovabile in Italia

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate Lezione 9 Modello di sviluppo 1946 60: crescita concorrenziale dal basso (imprenditori schumpeteriani) dinamismo impresso da impresa pubblica ai mercati oligopolistici (modernizzazione metallurgia, meccanica,

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia

Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia Workshop on the European Commission Electrification Financing Initiative (ElectriFI ) Rome, April

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Franco BASSANINI LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI (pubblicato in Fondazioni maggio-giugno 2011) E ancora presto per delineare un bilancio dell esperienza delle Fondazioni

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

INFRASTRUTTURE E COMPETITIVITÀ INTERNAZIONALE: IL PUNTO DI VISTA DELLE AZIENDE

INFRASTRUTTURE E COMPETITIVITÀ INTERNAZIONALE: IL PUNTO DI VISTA DELLE AZIENDE INFRASTRUTTURE E COMPETITIVITÀ INTERNAZIONALE: IL PUNTO DI VISTA DELLE AZIENDE Marzo 2013 realizzata da un gruppo di lavoro( 1 ) composto da: Giorgio Di Giorgio (LUISS e CASMEF) Marzia Germini (ENEL Foundation)

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

GLI ACCORDI DI PROGRAMMA PER GLI APPROVVIGIONAMENTI IDRICI: UNA SCOMMESSA PER IL SUD ELEMENTI DI RIFLESSIONE. Renato Scognamiglio

GLI ACCORDI DI PROGRAMMA PER GLI APPROVVIGIONAMENTI IDRICI: UNA SCOMMESSA PER IL SUD ELEMENTI DI RIFLESSIONE. Renato Scognamiglio AQV VII ACQUAMEETING DEL LEVANTE GLI ACCORDI DI PROGRAMMA PER GLI APPROVVIGIONAMENTI IDRICI: UNA SCOMMESSA PER IL SUD ELEMENTI DI RIFLESSIONE Renato Scognamiglio Bari, 4 febbraio 2005 L ACCORDO DI PROGRAMMA

Dettagli

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano - 30 novembre 2009 1 TerniEnergia TerniEnergia, costituita nel mese di settembre del 2005 e parte del Gruppo Terni Research, opera nel settore

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre. 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della

Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre. 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della Osservazioni sulla istruttoria iniziata il 26 novembre 2014 dal Comitato per le cariche del Senato della Repubblica, concernente il Presidente e il Vicepresidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli