Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria"

Transcript

1 Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern U = W 1=2, dove W è la ricchezza dell individuo. Ognuno ha una ricchezza iniziale W = 100, costituita per 20 di contante e per la parte restante di un singolo immobile il cui valore è oggi pari a 80. Ci sono due tipologie di immobili, di tipo I e di tipo II, in uguale numero (quindi 1000, per ciascun tipo). Ogni immobile è soggetto all eventualità di subire un danno, veri candosi il quale il suo valore si riduce di 64: la probabilità di tale evento è 1/10 per ogni immobile di tipo I e 1/2 per ogni immobile di tipo II. Esiste un unica compagnia di assicurazione. I suoi costi consistono dei risarcimenti dovuti al veri carsi del danno nonché di costi amministrativi di vario genere (compresi i costi-opportunità) legati alla gestione delle pratiche di risarcimento, pari a 15 centesimi per ogni euro da risarcire. Supponiamo poi che che la compagnia, pur sapendo dell esistenza di due tipologie di immobili con le caratteristiche e nelle proporzioni sopra descritte, non sappia riconoscere la tipologia di ogni particolare immobile (e quindi l esposizione al rischio dell individuo che lo possiede). In ne, supponiamo che la compagnia concepisca solo contratti di assicurazione che prevedano un integrale risarcimento in presenza del danno. In questo esercizio: (a) Determiniamo il premio massimo che ogni individuo è disposto a pagare per assicurare completamente il proprio immobile. (b) Dimostriamo che un mercato assicurativo non si forma. (c) Dimostriamo che l esito in (b) dipende dall esistenza di asimmetrie informative e costituisce un "fallimento del mercato": vale a dire, laddove tali asimmetrie non vi fossero, diverrebbero concretamente possibili miglioramenti paretiani (allocazioni tali che ognuno stia meglio che in (b)). RISPOSTE (a) Dato che ogni individuo possiede un solo immobile, possiamo parlare di individui di tipo I (i proprietari degli immobili di tipo I) e di individui di tipo II (i proprietari degli immobili di tipo II). Per un individuo di tipo I l utilità attesa non assicurandosi è EU (I) NA = (9=10) 1001=2 + (1=10) (100 64) 1=2 = (9=10)10+(1=10)6 = 9; 6. Il premio massimo che egli è disposto a pagare per assicurarsi (il suo "prezzo di riserva" per un contratto di assicurazione) è, per de nizione, il premio pagando il quale la sua utilità assicurandosi è pari all utilità attesa non assicurandosi. Esso è perciò la soluzione dell equazione U (I) A = (W P r (I) ) 1=2 = EU (I) NA ; cioè, nell esempio, dell equazione (100 P r (I) ) 1=2 = 9:6; vale a dire, P r (I) = 7; 84: Per un individuo di tipo II, l utilità attesa non assicurandosi è EU (II) NA = (1=2)1001=2 +(1=2)(100 64) 1=2 = (1=2)10+(1=2)6 = 8. Il suo "prezzo di riserva" per un contratto di assicurazione è la soluzione dell equazione U (II) A = (W P r (II) ) 1=2 = EU (II) NA ; cioè dell equazione (100 P r (II) ) 1=2 = 8; vale 1

2 a dire, P (II) r = 36: (b) La compagnia deve decidere se o rire una polizza assicurativa e, se sì, quale premio richiedere per la polizza. La compagnia deve scegliere tra ssare il premio ad un livello su cientemente basso, tale da indurre anche gli individui di tipo I ad assicurarsi, oppure ad un livello su cientemente alto, tale da indurre ad assicurarsi solo gli individui di tipo II. Ricordiamo che gli individui di tipo I sono disposti ad assicurarsi ntantoché il premio non superi 7,84. Pertanto, per P 7; 84, il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia è EAC jp 7;84 = (1=2) (1=10) 64 (1 + 0; 15) + (1=2) (1=2) 64 (1 + 0; 15) = [(1=2) (1=10) 64 + (1=2) (1=2) 64] (1 + 0; 15) = 22; 08, quindi in ogni caso maggiore del premio (anche laddove questo fosse 7; 84). La compagnia avrebbe perciò una perdita attesa (un pro tto atteso negativo). Se invece la compagnia ssa il premio ad un livello P 2 (7; 84; 36], si assicureranno tutti e solo gli individui di tipo II. Pertanto, per un premio compreso in tale intervallo, il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia è EAC jp 2(7;84;36] = (1=2) 64 1; 15 = 36; 8: il costo atteso per assicurato risulta anche stavolta maggiore del premio (anche laddove questo è ssato a 36). In conclusione, un mercato assicurativo non può formarsi in quanto non esiste alcun premio che permetta alla compagnia di coprire i costi: quale che sia il premio, il ricavo totale risulta sempre inferiore al costo totale atteso della compagnia. Vale la pena notare come il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia aumenta quando la compagnia innalza il premio da un livello non superiore 7,84 a un livello compreso nell intervallo (7; 84; 36]: Questo aumento del costo unitario atteso all aumentare del prezzo di vendita è il fenomeno che va spesso sotto il nome di "selezione avversa". All aumentare del ricavo unitario il costo unitario atteso qui aumenta perché l aumento del prezzo ha un e etto "avverso", per la compagnia, sulle caratteristiche (di esposizione al rischio) di coloro che, nella popolazione, decidono di acquistare il prodotto: per premi su cientemente bassi, si assicurano anche soggetti che hanno una esposizione al rischio relativamente bassa, per premi alti si assicurano solo soggetti che hanno una esposizione al rischio elevata. Pertanto, il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia tende ad aumentare all aumentare del premio. Tenuto conto di questo, potrebbe accadere - proprio come illustrato da questo esercizio - che la compagnia non riesca a coprire i costi né ssando il premio ad un livello basso né ssando il premio ad un livello elevato. (c) Per comprendere come l esito in (b) dipenda dalle asimmetrie informative, supponiamo ora invece che la compagnia sappia riconoscere, senza sostenere costi per questo, la tipologia di ciascun immobile (e quindi di ciascun individuo) In tali circostanze un mercato assicurativo si formerebbe, con vantaggi per alcuni e senza che nessuno ne subisca uno svantaggio (rispetto alla situazione di assenza di un mercato). La compagnia potrebbe, per esempio, far pagare un premio pari a P I = 7; 5 per l assicurazione di immobili di tipo I. In tal modo, il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia sarebbe 2

3 EAC = (1=10) 64 1; 15 = 7; 36, e quindi essa avrebbe un pro tto totale atteso positivo, pari a E = 1000 (P I EAC) = 1000 (7; 5 7; 36) = ; 14 = 140. Si noti anche come, nell esempio, non convenga alla compagnia o rire polizze assicurative per gli immobili di tipo II: infatti, il premio massimo che ciascun soggetto di tipo II è disposto a pagare è 36, minore del costo atteso per assicurato di tipo II che la compagnia verrebbe a sostenere, pari a EAC = (1=2) 64 1; 15 = 36; 8. Ad ogni modo, vediamo che, in assenza di asimmetrie informative, alcuni starebbero meglio e nessuno starebbe peggio che in presenza di asimmetrie informative. Esercizio 2 Ci sono due tipologie di immobili, di tipo I e di tipo II, in uguale numero (1000 per ciascun tipo). Il valore di ciascun immobile è 80. Ogni immobile è soggetto all eventualità di subire un danno, veri candosi il quale il suo valore si riduce di 64: la probabilità del danno è 1/10 per un immobile di tipo I e 1/4 per un immobile di tipo II. Ogni immobile è di proprietà di un singolo individuo. La ricchezza iniziale di ciascuno è W = 100, costituita per 20 di denaro contante e per 80 del valore dell immobile. Le preferenze di ogni individuo sono rappresentate dalla funzione di utilità U = W 1=2 dove W è la sua ricchezza. Esiste per ipotesi una singola compagnia di assicurazione. La compagnia sa dell esistenza di due tipologie di immobili con le caratteristiche e la numerosità sopra speci cate; non sa però riconoscere la tipologia dell immobile in possesso di ogni particolare individuo (e quindi l esposizione al rischio del proprietario di quell immobile). I costi della compagnia consistono, oltre ai risarcimenti dovuti al veri carsi del danno, in costi amministrativi di vario genere (compresi costi-opportunità) pari a 15 centesimi per ogni euro di risarcimento. In questo esercizio: (a) Determiniamo il premio massimo che l individuo di ciascuna tipologia è disposto a pagare per assicurare completamente il proprio immobile. (b) Determiniamo l esito del mercato assicurativo (quale premio viene ssato dalla compagnia, quali individui si assicurano a quel premio e qual è il pro tto atteso della compagnia). (c) Dimostriamo che l esito in (b) dipende dall esistenza di asimmetrie informative e costituisce un "fallimento del mercato": vale a dire, laddove tali asimmetrie non vi fossero, diverrebbero concretamente possibili miglioramenti paretiani (allocazioni tali che ognuno stia meglio che in (b)). RISPOSTE (a) Per ogni individuo di tipo I l utilità attesa non assicurandosi è EU (I) NA = (9=10)100 1=2 +(1=10)(100 64) 1=2 = (9=10)10+(1=10)6 = 9; 6: Il premio massimo che egli è disposto a pagare per assicurarsi è la soluzione dell equazione U (I) (I) A = (W P r ) 1=2 = EU (I) NA ; cioè dell equazione (100 P r (I) ) 1=2 = 9; 6; vale a dire, P r (I) = 7; 84: Per ogni individuo di tipo II, l utilità attesa non assicurandosi è 3

4 EU (II) NA = (3=4) 1001=2 + (1=4) (100 64) 1=2 = (3=4) 10 + (1=4) 6 = 9. Il premio massimo che egli è disposto a pagare per assicurarsi è la soluzione dell equazione (100 P (II) r ) 1=2 = 9; vale a dire, P r (II) = 19: (b) La compagnia non può di erenziare il premio tra le due tipologie di assicurati in quanto non sa riconoscere la tipologia di ogni particolare individuo. La compagnia si rende poi conto che, per P 7; 84, si assicurano individui di entrambe le tipologie. Pertanto, il costo atteso per assicurato sarebbe: EAC jp 7;84 = [(1=2)(1=10)64+(1=2)(1=4)64]1; 15 = 31; 28. Ne segue che, per P = 7; 84 (e a maggior ragione per P < 7; 84) la compagnia avrebbe una perdita attesa essendo il ricavo per assicurato (il premio) inferiore al costo atteso per assicurato. Vediamo ora se la compagnia riuscirebbe a coprire i costi per un premio superiore a 7; 84. Se il premio viene ssato ad un livello P 2 (7; 84; 19], allora si assicureranno tutti e solo gli individui di tipo II. Il costo atteso per assicurato sarebbe EAC jp 2(7;84;19] = (1=4)641; 15 = 18; 4. Quindi, alla compagnia conviene ssare P = 19 essendo il ricavo per assicurato maggiore del costo atteso per assicurato: il pro tto atteso totale è E jp =19 = Ricavo totale Costo Atteso T otale = ; 4 = 1000[19 18; 4] = 10000; 6 = 600: (c) Laddove la compagnia sapesse riconoscere la tipologia di ciascun individuo (in assenza cioè di asimmetrie informative), sarebbero possibili miglioramenti paretiani rispetto alla situazione che si determina in (b). La compagnia potrebbe, per esempio, far pagare un premio pari a P r (II) = 19 per ogni polizza assicurativa di immobili di tipo II e un premio pari a 7; 5 per ogni polizza assicurativa di immobili di tipo I. Si noti che il costo atteso per ciascuna polizza assicurativa per immobili di tipo I è (1=10)641; 15 = 7; 36, quindi la compagnia otterrebbe un pro tto atteso positivo anche sulle polizze assicurative degli immobili di tipo I. Quindi, la compagnia incrementerebbe il suo pro tto atteso rispetto alla situazione in (b); al tempo stesso gli individui di tipo I ora avrebbero un surplus positivo in quanto si assicurano pagando un premio inferiore al loro premio di riserva. Esercizio 3: Menu di contratti nel mercato assicurativo Ci sono due tipologie di immobili, di tipo I e di tipo II. Il valore di ciascun immobile è 80. Per un immobile di tipo I, vi è una probabilità di 1/10 di subire un danno, veri candosi il quale l immobile subisce una perdita di valore pari a 15. Per un immobile di tipo II la probabilità del danno è di 1/4 e il danno comporta una perdita di valore di 64. Ogni individuo possiede solo un immobile e la ricchezza attuale di ogni individuo è W = 100, costituita per 20 di denaro contante e per 80 del valore dell immobile. Ogni individuo ha la funzione di utilità Von Neumann Morgenstern U = W 1=2, dove W è la sua ricchezza..ci sono immobili di tipo I e 100 immobili di tipo II. Vi è una sola compagnia di assicurazione. I suoi costi consistono dei risarcimenti dovuti in presenza di perdite nonché in costi amministrativi di vario genere (compresi i costi-opportunità) pari a 2 centesimi per ogni euro di risarcimento. La compagnia sa dell esistenza di due tipologie di immobili con le caratteristiche e la 4

5 numerosità sopra speci cate; non sa però riconoscere la tipologia dell immobile in possesso di ogni particolare individuo. In questo esercizio: (a) Determiniamo il premio massimo che l individuo di ciascuna tipologia è disposto a pagare per assicurare completamente il proprio immobile. (b) Determiniamo l esito del mercato assicurativo nel caso in cui la compagnia o ra solo polizze che prevedano un integrale risarcimento dell eventuale perdita di valore. (c) Dimostriamo che la compagnia di assicurazione ottiene un pro tto atteso maggiore (rispetto al caso considerato in (b)) se o re un menù di contratti come per esempio il seguente: il contratto ""; che prevede un risarcimento dell eventuale perdita no ad un massimo R = 10 e il pagamento di un premio P = 1; 04 e un contratto "" che prevede un premio P = 16; 5 e un integrale risarcimento dell eventuale perdita. RISPOSTE (a) Per ogni individuo di tipo I l utilità attesa non assicurandosi è EU (I) NA = (9=10) 100 1=2 + (1=10) (100 15) 1=2 = 9; 92195: Il prezzo di riserva di un contratto di assicurazione per tale individuo è la soluzione dell equazione (100 P r (I) ) 1=2 = 9; 92195; da cui si ricava P r (I) = 1; Per ogni individuo di tipo II, la sua utilità attesa non assicurandosi è EU (II) NA = (3=4)1001=2 +(1=4)(100 64) 1=2 = 9. Il suo prezzo di riserva di un contratto di assicurazione è la soluzione dell equazione (100 P r (II) ) 1=2 = 9; vale a dire, P r (II) = 19: (b) La compagnia non può di erenziare il premio tra le due tipologie di assicurati in quanto non sa riconoscere la tipologia di appartenza di ogni particolare individuo. Essa si rende poi conto che, per P 1; , si assicurerebbero gli individui di entrambe le tipologie cosicché il costo atteso per assicurato sarebbe EAC jp 1; = [(2000=20100)(1=10)15+(100=20100)(1=4)64]1; 02 = 1; Quindi, per P = 1; (e a maggior ragione per P < 1; ) la compagnia avrebbe una perdita attesa. Vediamo ora se i ricavi superano i costi attesi per un premio più elevato. Per P 2 (1; ; 19], si assicurano tutti e solo gli individui di tipo II e il costo atteso per assicurato è perciò EAC jp 2(1;554819; 19] = (1=4) 64 1; 02 = 16; 32. Quindi, alla compagnia conviene ssare P = 19: così facendo, ottiene un pro tto atteso totale E jp =19 = Ricavo totale Costo Atteso T otale = ; 32 = 100 [19 16; 32] = 100 2; 68 = 268. (c) Dimostriamo che, davanti a questo menu di contratti, i soggetti di tipo I scelgono il contratto "" e i soggetti di tipo II scelgono il contratto "". Consideriamo i soggetti di tipo I. L utilità attesa scegliendo la polizza "" è EU (I) = (9=10) (100 1; 04) 1=2 + (1=10) [100 1; 04 (15 10)] 1=2 = 9; 9224, maggiore dell utilità attesa non assicurandosi. Inoltre, l utilità attesa con la polizza "" è maggiore dell utilità attesa con la polizza "", quest ultima essendo EU (I) = (100 16; 5) 1=2 = 9; 1378 (quindi addirittura minore dell utilità attesa non assicurandosi). Per contro, per un soggetto di tipo l utilità attesa con 5

6 la polizza "" è EU (II) = (100 16; 5) 1=2 = 9; 1378, che è maggiore della sua utilità attesa non assicurandosi così come della sua utilità attesa con la polizza ""; quest ultima essendo EU (I) = (3=4) (100 1; 04) 1=2 + (1=4) [100 1; 04 (64 10)] 1=2 = 9; 1372: La compagnia di assicurazione ottiene un pro tto atteso totale maggiore di quello ottenibile con l o erta di un solo tipo di contratto. Infatti, dai contratti di tipo la compagnia trae un pro tto atteso totale E = ; (1=4) 64 1; 02 = 100 [16; 5 (1=4) 64 1; 02] = 100 [16; 5 16; 32] = 100 0; 18 = 18: Il pro tto atteso totale dalle polizze "" è E = [1; 04 (1=10) 10 1; 02] = [1; 04 1; 02] = 400: Quindi, il pro tto atteso totale della compagnia o rendo questi due tipi di polizze ammonta a 418, maggiore di 268 (il massimo pro tto totale ottenibile o rendo solo un contratto di assicurazione completo). Notiamo ancora come l o erta di un menù di contratti, oltre ad avvantaggiare la compagnia di assicurazione, ha comportato un miglioramento della posizione di entrambe le tipologie di proprietari di immobili. Esercizio 4: Assicurazione obbligatoria Sulla base dei dati dell esercizio 1, si supponga che il governo imponga l obbligo di assicurarsi a tutti i proprietari di abitazioni. Supponiamo anche che il premio venga ssato da un agenzia pubblica sulla base dei costi della compagnia di assicurazione, in particolare, ad un livello tale che questa abbia un pro tto atteso nullo. (a) Qual è il premio ssato dall agenzia governativa? (b) Rispetto alla situazione che si determina quando ogni individuo sceglie liberamente se assicurarsi oppure no (punto (b) dell esercizio 1), chi migliora la propria posizione e chi la peggiora? RISPOSTA (a) Quando tutti si assicurano il costo atteso per assicurato sostenuto dalla compagnia di assicurazione è EAC jass:obbl: = f(1=2) [(1=10) 64] + (1=2) [(1=2) 64]g 1; 15 = 22; 08 (come si era già visto, in un altro contesto, nel punto (b) dell esercizio 1). Quindi, è questo il premio ssato dall agenzia governativa. Ogni individuo di tipo I ha un surplus netto negativo, pari a P r (I) P = 7; 84 22; 08 = 14; 24: Ogni individuo di tipo II ha invece un surplus netto positivo, pari a P r (II) P = 36 22; 08 = 7; 92: Quindi, rispetto alla situazione di assenza del mercato che si determina quando ogni individuo sceglie liberamente se assicurarsi oppure no (vedi punto (b) dell esercizio 1), migliorano la propria posizione i soggetti maggiormente esposti al rischio e la peggiorano quelli meno esposti al rischio; la compagnia mantiene invariata la propria posizione. 6

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller Appunti sul teorema di odiliani-iller (di assimo A. De Francesco) In questi appunti provvisori deriviamo le due proposizioni (la Proposizione I e la Proposizione II) che sono state stabilite da odiliani

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercizi: Utilità attesa (Cap.6) Problema 11 (pagina 203, libro) Supponete di avere 10 000 euro da investire in Junk Bonds oppure titoli

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 ESERCIZIO 1 - DOMANDA E OFFERTA DI MERCATO Considero un mercato composto da tre consumatori le

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Le Scelte scelte in in condizioni di d incertezza

Le Scelte scelte in in condizioni di d incertezza 6 Le Scelte scelte in in condizioni di d incertezza 6.1 a. Ibenicontingentisonoilconsumo se esce uno eilconsumo se esce due, tre, quattro, cinque o sei. Consumo se non esce uno 240 Vincolo di bilancio

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

Asimmetria delle informazioni

Asimmetria delle informazioni Asimmetria delle informazioni Definizione L informazione spesso non è diffusa identicamente tra i due lati del mercato Vantaggio informativo della domanda: mercato assicurativo Vantaggio informativo dell

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 7

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 7 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 7 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Calcolo delle probabilità Il Sig. Rossi abita nella città X e lavora nella città Y, poco distante.

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Esercitazione TEMPO E RISCHIO Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Un capitale - spostato nel futuro si trasforma in montante (capitale iniziale più interessi), - spostato nel

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale FINANZA AZIENDALE Lezione n. 6 Il mercato dei capitali fra consumo personale e investimento aziendale 1 SCOPO DELLA LEZIONE Introdurre il concetto cetto di COSTO O DEL TEMPO che è alla base di tutta la

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli