TFR ADMINISTRATION SYSTEM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TFR ADMINISTRATION SYSTEM"

Transcript

1

2 PREMESSA La disciplina della previdenza complementare è stata profondamente riformata ad opera del Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n Tale riforma ha introdotto importanti novità anche in relazione alla disciplina del TFR, da ultimo disciplinate dall emanazione dei Decreti ministeriali del 30 gennaio Il nuovo assetto normativo pone le aziende alla base del funzionamento operativo dell intero sistema di previdenza complementare, gravandole di una serie di adempimenti amministrativi ed informativi derivanti dal conferimento del TFR maturando alla previdenza complementare. Come noto, infatti, a far data dal 1 gennaio 2007 tutti i lavoratori dipendenti del settore privato dovranno, entro il 30 giugno 2007 (o per gli assunti in data successiva al 01 gennaio 2007, entro sei mesi dalla data di assunzione) manifestare in modo esplicito la propria volontà di conferire o meno il trattamento di fine rapporto maturando alla previdenza complementare. In particolare, nel predetto periodo semestrale, il dipendente potrà optare per la devoluzione del proprio TFR maturando ad una forma pensionistica complementare liberamente individuata (integralmente o parzialmente in base alle diverse casistiche previste dalla normativa) ovvero per il mantenimento del proprio trattamento di fine rapporto in azienda. Laddove l azienda abbia più di 49 dipendenti, il TFR maturando che il lavoratore abbia esplicitamente deciso di conservare presso il proprio datore di lavoro, peraltro, dovrà essere devoluto al Fondo per l erogazione ai dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all articolo 2120 del codice civile istituito presso l INPS (di seguito per brevità, Fondo Tesoreria gestito dall INPS ). Anche in tale ipotesi, comunque, interlocutore del lavoratore in relazione al TFR, rimarrà sempre il datore di lavoro (in particolare per quanto riguarda anticipazione e liquidazione del TFR). Diversamente, laddove nel predetto arco temporale non sia stata effettuata alcuna scelta espressa, opererà il meccanismo del tacito conferimento (il c.d. silenzio-assenso ), in virtù del quale l intero TFR maturando dovrà essere destinato dal datore di lavoro alla previdenza complementare secondo la seguente gerarchia: - In favore della forma pensionistica complementare prevista dagli accordi o contratti collettivi, anche territoriali, fatto salvo un diverso accordo aziendale - in presenza di più forme pensionistiche complementari collettive, in favore della forma che abbia ricevuto maggiori adesioni da parte dei dipendenti dell azienda in via residuale, in mancanza delle forme di cui ai precedenti punti, in favore della forma pensionistica complementare istituita presso l INPS Fondo Complementare INPS (di seguito definito FONDINPS). Come già anticipato, inoltre, l applicazione di tale meccanismo richiede lo svolgimento da parte dell azienda di un importante ruolo in materia di informazione preventiva (e non solo) ai propri dipendenti. L articolo 8, comma 8, del D.lgs. 252/05, infatti, prevede che il datore di lavoro dovrà fornire ai propri dipendenti un adeguata informativa sul sistema di previdenza complementare e sulle diverse opzioni esercitabili in relazione al TFR (trattasi del c.d. informativa generale ). Nell ambito del rilascio di tale comunicazione, peraltro, il datore di lavoro dovrà altresì provvedere a consegnare la modulistica (modelli TFR1 e TFR2) predisposta dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale per l esercizio della scelta. A tale onere informativo di natura preventiva se ne aggiunge un ulteriore in prossimità della scadenza del semestre: infatti, il datore di lavoro, 30 giorni prima dello spirare del termine, dovrà fornire ai lavoratori che non abbiano ancora manifestato alcuna volontà in ordine al conferimento del proprio TFR maturando idonea informativa in relazione alla forma pensionistica complementare verso la quale il TFR maturando del dipendente sarà destinato qualora divenisse operativo il meccanismo del silenzio assenso (trattasi del c.d. informativa sul Fondo Pensione ). Tali adempimenti informativi, come l intera disciplina del conferimento del TFR del resto, dovranno essere espletati non solo in relazione ai lavoratori attualmente già in forza presso l azienda, ma in occasione di ogni successiva assunzione. In ogni caso, peraltro, anche l esercizio esplicito di una scelta esplicita, sia essa in favore del mantenimento in azienda del TFR sia essa a favore del conferimento ad una forma pensionistica complementare comporta una serie di adempimenti amministrativi e contabili a carico del datore di lavoro, resi ulteriormente articolati in regione della possibilità riconosciuta al dipendente di modificare in qualsiasi momento la propria opzione (nei limiti previsti dalla normativa vigente). Alla luce del quadro normativo appena descritto e con l obiettivo di mettere a disposizione delle aziende uno strumento di facile utilizzo che agevolasse le aziende nell esecuzione degli adempimenti amministrativi ed informativi gravanti sui datori di lavoro, è stato realizzato (TFR Administration System). è un servizio gratuito che, senza richiedere conoscenze specifiche di tipo giuridico o di tipo informatico, consente a ciascuna azienda di gestire in modo semplice e sicuro tutti gli obblighi derivanti dall entrata in vigore della riforma della previdenza complementare. Per avere maggiori dettagli su vi invitiamo a leggere i paragrafi successivi della presente brochure.

3 COS E E un servizio che prevede: - un profilo di accesso riservato ad un portale web - il rilascio di una licenza d uso non esclusiva per l utilizzo del predetto portale web COSA FA Il portale web messo a disposizione dell azienda consente al datore di lavoro di attendere correttamente e con tempestività agli adempimenti amministrativi e agli obblighi informativi introdotti dalla nuova normativa attraverso una gestione guidata di tutte le attività necessarie. A seguito dell adesione dei propri dipendenti, inoltre, sarà possibile inviare al Fondo Pensione le liste di contribuzione periodiche attraverso l utilizzo del Web Uploader System. VANTAGGI Assicura alle aziende un significativo alleggerimento delle incombenze operative ed informative derivanti dall applicazione delle nuove disposizioni in materia di previdenza complementare, attraverso una completa automatizzazione dei meccanismi connessi al conferimento del TFR. Consente altresì una gestione semplificata di tutti gli adempimenti amministrativi (produzione ed invio delle liste di contribuzione) conseguenti all adesione al Fondo Pensione dei propri dipendenti. GARANZIE Il portale web è stato sviluppato da Previnet S.p.A. società leader in Italia nel settore dei servizi amministrativi e tecnologici per i Fondi Pensione. Il portale web è ospitato e mantenuto da Previnet S.p.A. presso i propri server web al fine di garantire la massima riservatezza dei dati inseriti da parte delle aziende (cfr. RISERVATEZZA) e l applicazione di misure di sicurezza adeguate (cfr. SICUREZZA). Pertanto, benché l accesso al portale web avvenga mediante l utilizzo di un link presente sul sito del Fondo Pensione, il Fondo Pensione non può accedere né visionare in alcun modo i dati inseriti dalle aziende nelle proprie sezioni riservate. Previnet S.p.A., inoltre, dichiara e garantisce che le informazioni inserite dalle aziende nel portale web non saranno oggetto di alcun ulteriore trattamento oltre alla mera conservazione presso i predetti server web. Tali dati, pertanto, non saranno oggetto di alcun tipo di elaborazione né di comunicazione a terzi o di utilizzo per finalità promozionali. COSTI Il rilascio del profilo di accesso, l utilizzo del portale web, la generazione dei flussi telematici sono completamene gratuiti.

4 COME FUNZIONA Mediante l accesso al portale web l azienda, nella propria area riservata, potrà gestire tutti gli adempimenti amministrativi ed informativi derivanti dal conferimento del TFR dei propri dipendenti. A seguito della raccolta delle opzioni esplicite a favore del Fondo Pensione e/o al concretizzarsi del silenzio assenso in capo a ciascun dipendente, l azienda potrà procedere alla generazione guidata di un flusso telematico con il quale comunicare al Fondo Pensione il conferimento (esplicito o tacito) del TFR di tali dipendenti. Il portale consente due diverse modalità di utilizzo: PLUS LIGHT - gestione dipendenti - contatore dipendenti non ancora optanti - contatore giorni mancanti al concretizzarsi del silenzio-assenso (per ciascun dipendente) - gestione automatizzata delle scelte sulla destinazione del TFR - produzione della modulistica - produzione della documentazione informativa prevista dalla normativa vigente - produzione della documentazione informativa relativa alla forma pensionistica beneficiaria del conferimento tacito (da consegnare 30 gg prima del verificarsi del silenzio-assenso) - aggiornamento gestione dipendenti - eliminazione nominativi inseriti - trasmissione automatizzata al Fondo Pensione delle informazioni relative ai dipendenti per i quali risulti già verificato il conferimento (esplicito o tacito) del TFR - uploading delle liste di contribuzione - caricamento e trasmissione telematica al Fondo Pensione delle informazioni relative ai dipendenti per i quali risulti già verificato il conferimento (esplicito o tacito) del TFR - gestione iscritti - produzione della modulistica (solo quella di competenza del Fondo Pensione) - gestione azienda - uploading delle liste di contribuzione NOTA BENE Entrambe le modalità di accesso consentiranno, inoltre, l utilizzo della funzione di uploading (acquisizione telematica ed invio al Fondo Pensione) delle liste di contribuzione periodiche relative ai dipendenti che avranno scelto di aderire (con modalità esplicite o tacite) al Fondo Pensione attraverso l utilizzo del Web Uploader System.(cfr. INFORMAZIONI RELATIVE AD ENTRAMBE LE MODALITA DI ACCESSO (PLUS-LIGHT).

5 PRIMO ACCESSO AL PORTALE WEB L azienda, ricevute preliminarmente la propria password e la propria UserId (codice identificativo) da parte del Fondo Pensione, potrà accedere al portale web mediante un link disponibile sul sito web del Fondo stesso, al fine di completare la propria registrazione. Prima di procedere alla registrazione, l azienda dovrà accettare la licenza d uso non esclusiva per l utilizzo del portale. Nell ambito della procedura di registrazione l azienda avrà la possibilità di modificare le credenziali (password e UserId) assegnatele (cfr. PASSWORD ED USERID AZIENDA). Completata la procedura di registrazione l azienda dovrà scegliere la modalità di utilizzo del portale (PLUS o LIGHT) che sarà poi collegata al proprio profilo azienda. PASSWORD ED USERID AZIENDA La password e la UserId provvisorie (ovvero quelle che consentono il primo accesso al portale) saranno inviate a mezzo lettera dal Fondo Pensione a tutte le aziende (anche se non ancora associate/convenzionate con il Fondo stesso). A seguito del primo accesso l azienda avrà la possibilità di modificare le credenziali (password e UserId) assegnatele. Le credenziali prescelte dovranno essere, in ogni caso, modificate durante l utilizzo del servizio nel rispetto delle tempistiche previste dalle disposizioni vigenti in materia di trattamento dei dati personali (D.lgs. 196/03). ACCESSI SUCCESSIVI A seguito del completamento della procedura di registrazione l azienda sul portale web, per gli accessi successivi al primo sarà sufficiente entrare nell apposita area riservata digitando password e UserId, senza necessità di portare a termine ulteriori adempimenti. La modalità di utilizzo prescelta, infatti, rimarrà registrata nel proprio profilo azienda ed automaticamente collegata alle credenziali immesse. MODIFICA DELLA MODALITÀ DI UTILIZZO All azienda sarà consentito in qualsiasi momento, mediante l accesso al proprio profilo azienda, di modificare la modalità di utilizzo del portale.

6 MODALITA DI ACCESSO PLUS FUNZIONALITA Questa modalità di accesso consente la gestione integrale del meccanismo del conferimento del TFR, mediante la produzione automatizzata della modulistica necessaria all esercizio dell opzione da parte dei dipendenti e della documentazione informativa richiesta per l espletamento dei diversi adempimenti gravanti sul datore di lavoro. Tramite la modalità di accesso PLUS l azienda avrà, inoltre, possibilità di utilizzare le funzionalità di contatore automatico del portale, che evidenzieranno automaticamente il numero di dipendenti ancora non optanti ed il numero di giorni mancanti al concretizzarsi del tacito conferimento per ciascun dipendente. A seguito della validazione dell azienda delle evidenze risultanti dalla gestione dipendenti sarà possibile procedere alla produzione guidata di un flusso telematico con il quale comunicare al Fondo Pensione le informazioni relative ai dipendenti per i quali risulti già verificato il conferimento (esplicito o tacito) del TFR. L utilizzo di tale modalità di accesso richiede necessariamente l inserimento l anagrafica completa di tutti i dipendenti. IMPORTAZIONE ANAGRAFICA Il datore di lavoro potrà procedere all importazione dei dati relativi ai propri dipendenti mediante estrazione od importazione degli stessi dalla propria procedura paghe procedendo al caricamento mediante l utilizzo di un file in formato.xls o.txt. PROCEDURA DI AGGIORNAMENTO DATI Ogni volta che l azienda procederà a caricare la propria lista anagrafica aggiornata sul portale web, un processo caricherà i dati ed aggiornerà automaticamente la gestione dipendenti secondo il seguente sistema di regole di update: 1) INSERT: se il dipendente non era censito; 2) UPDATE: se il dipendente era censito, ma non sono stati modificati i dati relativi alla sua posizione; 3) NULLA: se sono stati modificati i dati già presenti GESTIONE DIPENDENTI I dati inseriti dall azienda potranno essere gestiti aggiornando la tabella GESTIONE DIPENDENTI contenuta nella propria area riservata. Qualora il dipendente abbia manifestato una scelta esplicita, la registrazione da parte del datore di lavoro di tale opzione sarà facilitata dalla presenza di apposite caselle di selezione, che l azienda potrà contrassegnare cliccandoci sopra con il puntatore del mouse. In particolare potranno essere selezionate le seguenti opzioni: - mantenimento del TFR maturando in azienda - destinazione del TFR maturando al Fondo Pensione - adesione al Fondo Pensione di categoria anche mediante l attivazione della contribuzione - destinazione del TFR maturando ad altra forma pensionistica complementare Tale operazione consentirà non solo un aggiornamento della posizione in capo al singolo dipendente, ma anche un monitoraggio della stessa al fine di consentire al datore di lavoro di adempiere ai propri obblighi informativi in favore dello stesso (cfr. MODULISTICA) Le registrazioni effettuate nell ambito della GESTIONE DIPENDENTI, peraltro, consentiranno all azienda di alimentare i flussi informativi da inviare al Fondo per la gestione degli adempimenti amministrativi richiesti dal Fondo Pensione, in materia di adesione e contribuzione.

7 FUNZIONALITA CONTATORE Il portale web consentirà altresì all azienda di monitorare agevolmente i propri dipendenti inseriti nella tabella GESTIONE DIPENDENTI attraverso l utilizzo delle funzionalità di contatore. In particolare, dalla gestione dipendenti sarà possibile avvalersi delle seguenti funzionalità contatore SCREENING: fornisce all azienda l immediata percezione del numero complessivo di dipendenti che nel semestre non hanno ancora esercitato alcuna opzione esplicita, fornendone opportuna evidenza grafica. COUNTDOWN: fornisce al datore di lavoro puntuale indicazioni dei giorni che residuano a ciascun dipendente che non abbia ancora esercitato alcuna opzione esplicita dei giorni residui al concretizzarsi del silenzioassenso. In particolare un warning avviserà l azienda dell approssimarsi della scadenza del termine normativamente imposto alla stessa per fornire al proprio dipendente ancora silente le informazioni relative alla forma pensionistica complementare verso la quale il TFR maturando sarà destinato alla scadenza del semestre. Ciò consentirà al datore di lavoro di poter adempiere ai propri obblighi in modo tempestivo, potendo produrre in modo automatizzato l informativa da consegnare al proprio dipendente secondo le modalità ed i termini previsti dalla normativa vigente (cfr. INFORMATIVA)

8 MODULISTICA INFORMATIVA A fronte della scelta manifestata espressamente dal dipendente, l azienda provvederà a registrare nella GESTIONE DIPENDENTI l opzione espresse, mediante l apposizione di un flag nella corrispondente casella. Per ciascuno opzione registrata il datore di lavoro potrà stampare la seguente modulistica già compilata con i dati relativi al proprio dipendente: conferimento del solo TFR maturando al Fondo modulo di adesione al Fondo mediante apporto del solo TFR (modulo di adesione B ) conferimento del TFR al Fondo unitamente al versamento della contribuzione modulo di adesione al Fondo mediante versamento di tutte le fondti contributive (modulo di adesione A ) versamento del solo TFR residuo (il dipendente, pertanto, risulta già iscritto) modulo versamento del solo TFR Con riferimento alla modulistica del Fondo Pensione (modulo adesione A, modulo adesione B, modulo versamento TFR) la stampa avverrà nel numero di copie richieste dalle procedure del Fondo stesso (si tratta solitamente di 3 copie: l una per il dipendente, l altra per l azienda ed un ultima per il Fondo Pensione). L unico adempimento a carico dell Azienda in ordine alla modulistica sarà solamente quello di timbrare e firmare i modelli, procedendo all invio al Fondo Pensione dei soli moduli di adesione (sia modello A che modello B ) e del modulo di versamento del solo TFR. INFORMATIVA GENERALE Unitamente alla produzione automatizzata dei moduli ministeriali (TFR1/TFR2) l applicazione provvederà a produrre in modo automatizzato l informativa generale da consegnare, uniamente ai modelli, a tutti i dipendenti. Tale ampimento, che riguarderà anche i neoassunti, potrà essere opportunamente monitorato attraverso la GESTIONE DIPENDENTI. Mediante la tabella gestita in tale sezione, infatti, l azienda avrà possibilità di verificare quali dipendenti abbiano già ricevuto l informativa generali e quanti ancor debbano riceverla. INFORMATIVA SUL FONDO PENSIONE Nell ipotesi in cui un dipendente decorsi 5 mesi dal 1 gennaio 2007, o dalla data di assuzione se successiva, risulti ancora silente, il datore di lavoro riceverà un apposita segnalazione mediante la funzionalità di contatore COUNTDOWN. In relazione a tale dipendente verrà resa disponibile in modo automatizzato un idonea informativa sul Fondo Pensione al quale, in caso di perdurare del silenzio, il TFR sarà tacitamente conferito. Tale informativa sarà compilata con i dati relativi al proprio dipendente presenti nella tabella della GESTIONE DIPENDENTI e potrà essere stampata e consegnata direttamente all interessato con le stesse modalità previste per la MODULISTICA.

9 COME COMUNICARE I DATI AL FONDO PENSIONE A partire dalla GESTIONE DIPENDENTI l azienda potrà inviare al Fondo Pensione le informazioni relative ai dipendenti optanti (espliciti o taciti che siano) per il Fondo Pensione. L azienda potrà procedere all invio dei dati al Fondo Pensione mediante apposizione di un flag per ciascun dipendente nell apposita casella INVIO DATI. In ogni caso l applicazione web provvederà a segnalare all azienda tutti i nominativi per i quali, per effetto del decorrere del semestre, si è concretizzata una scelta tacita a favore del Fondo Pensione, e per i quali pertanto è necessario procedere ad una comunicazione tempestiva dei dati. Attraverso l apposizione del flag da parte dell azienda i dati saranno automaticamente inviati al Fondo Pensione ed acquisiti per le successive elaborazioni. QUALI DATI SONO TRASMESSI E CONSULTABILI DAL FONDO PENSIONE? Come già evidenziato nel GARANZIE, si rammenta come tutte le informazioni contenute nella GESTIONE DIPENDENTI non possano essere visualizzate o consultate dal Fondo Pensione né oggetto di elaborazione da parte di Previnet S.p.A. Pertanto, solo a seguito dell apposizione da parte dell azienda del flag di autorizzazione alla trasmissione dei dati (cfr. COME COMUNICARE I DATI AL FONDO PENSIONE) il Fondo Pensione riceverà le informazioni relative ai dipendenti che abbiano optato (con modalità esplicite o tacite) per le destinazione del TFR presso lo stesso e potrà provvedere (direttamente o a mezzo del proprio service amministrativo) alle conseguenti elaborazioni.

10 MODALITA DI ACCESSO LIGHT FUNZIONALITA Questa modalità di accesso consente una gestione parziale del meccanismo del conferimento del TFR, limitata ai soli soggetti per i quali si debba procedere al versamento del TFR al Fondo Pensione. In particolare, attraverso il portale sarà possibile inserire i dati relativi ai propri dipendenti che abbiano già esercitato la propria opzione (con modalità sia tacite che esplicite) in relazione alla destinazione del TFR al Fondo Pensione e procedere alla comunicazione telematica di tali informazioni al Fondo Pensione. IMPORTAZIONE ANAGRAFICA Il datore di lavoro potrà procedere all importazione dei dati relativi ai propri dipendenti che abbiano già esercitato la propria opzione (con modalità sia tacite che esplicite) in relazione al TFR mediante estrazione od importazione degli stessi dalla propria procedura paghe procedendo al caricamento mediante l utilizzo di un file in formato.xls o.txt. CARICAMENTO E TRASMISSIONE TELEMATICA DEI DATI AL FONDO PENSIONE A partire dalla GESTIONE ISCRITTI l azienda potrà procedere, con la stessa periodicità prevista per la trasmissione delle liste di contribuzione, ad inviare al Fondo Pensione le informazioni relative agli iscritti al Fondo Pensione per i quali abbia provveduto ad importare le informazioni nel portale web. L azienda potrà procedere all invio contestuale di tutti dati importati nel portale web (per i quali non abbia già proceduto ad un invio) al Fondo Pensione selezionando l apposita opzione INVIO DATI. Ogni volta che l azienda procederà ad inviare i dati presenti nella GESTIONE ISCRITTI il portale web effettuerà la trasmissione dei dati al Fondo Pensione secondo il seguente sistema di regole: 1) SEND: se i dati relativi all iscritto non risultavano ancora trasmessi; 2) NULLA: se i dati relativi all iscritto risultavano già inviati. GESTIONE ISCRITTI I dati inviati dall azienda mediante i tracciati potranno essere consultati nella tabella GESTIONE ISCRITTI contenuta nella propria area riservata. Attraverso la consultazione di tale elenco l azienda avrà possibilità di verificare i dati relativi ai dipendenti già iscritti al Fondo Pensione (mediante modalità esplicite o tacite). Inoltre, in relazione agli aderenti espliciti sarà possibile stampare la modulistica corrispondente alla scelta effettuata (cfr. MODULISTICA), selezionando le apposite icone visualizzate a fianco dei nominativi inseriti. MODULISTICA L azienda potrà produrre automaticamente i moduli di adesione al Fondo Pensione relativi a ciascun aderente esplicito, in relazione alla tipologia di scelta esercitata. In particolare, sarà possibile produrre i seguenti moduli già compilati con i dati relativi al proprio dipendente: conferimento del solo TFR maturando al Fondo modulo di adesione al Fondo mediante apporto del solo TFR (modulo di adesione B ) conferimento del TFR al Fondo unitamente al versamento della contribuzione modulo di adesione al Fondo mediante versamento di tutte le fondi contributive (modulo di adesione A ) La stampa avverrà nel numero di copie richieste dalle procedure del Fondo stesso (si tratta solitamente di 3 copie: l una per il dipendente, l altra per l azienda ed un ultima per il Fondo Pensione). L unico adempimento a carico dell Azienda in ordine alla modulistica sarà solamente quello di timbrare e firmare i modelli, procedendo all invio al Fondo Pensione dei soli moduli di adesione (sia modello A che modello B ).

11 INFORMAZIONI RELATIVE AD ENTRAMBE LE MODALITA DI ACCESSO (PLUS-LIGHT) FUNZIONALITA DI UPLOADING DELLE LISTE DI CONTRIBUZIONE Attraverso il portale web sarà possibile, inoltre, a seguito dell adesione dei propri dipendenti inviare al Fondo Pensione le liste di contribuzione periodiche attraverso l utilizzo del Web Uploader System. Il Web Uploader System è un servizio che consente di inviare le liste di contribuzione al Fondo Pensione con un riscontro immediato sull esito dell invio. Il portale web effettua dei controlli formali sui dati inviati con segnalazione immediata di eventuali anomalie riscontrate. GESTIONE AZIENDA Le liste di contribuzione inviate periodicamente al Fondo Pensione da ciascuna azienda a mezzo del Web Uploader System. saranno censiti e consultabili dalla propria area riservata. L azienda potrà in questo modo: - monitorare l avvenuta produzione ed il recapito delle liste inviate al Fondo Pensione - verificare lo stato di elaborazione delle liste trasmesse al Fondo Pensione - riscontrare le date di competenza e di effettivo invio per ciascuna lista - effettuare il download delle liste già inviate, estraendo le informazioni di proprio interesse. - RISERVATEZZA SICUREZZA Il portale web utilizzato per la fornitura del servizio è protetto mediante l utilizzo delle più evolute contromisure informatiche al fine di garantire all azienda una gestione sicura delle informazioni relative ai propri dipendenti. In particolare la riservatezza dei dati inseriti nell area riservata di ciascuna azienda è garantita sia dall autenticazione dell utente che vi accede, sia dal protocollo di trasmissione dei dati (protocollo SSL v.3 con chiavi a 1024bit) che rende la trasmissione dei flussi non intellegibile ai soggetti non autorizzati. Si sottolinea, altresì, che la gestione delle password e delle UserId assegnate alle aziende, come anche il trattamento dei dati inseriti dalle aziende sul portale web, sono effettuati nel pieno rispetto della disciplina prevista dal D.lgs. n. 196/03 in materia di tutela dei dati personali. Il portale web utilizzato per la fornitura del servizio è stato sviluppato al fine di garantire la piena rispondenza alle misure di sicurezza contenute nell Allegato Disciplinare Tecnico D.lgs. n. 196/03. In particolare la tutela dei dati gestiti all interno dei server web di Previnet S.p.A. presso i quali è ospitato e mantenuto il portale è garantita attraverso l adozione delle seguenti contromisure: - sicurezza perimetrale garantita da firewall che impediscono eventuali tentativi di intrusione dall esterno da parte di utenti non autorizzati; tutte le connessioni sono monitorate e gli attacchi di tipo conosciuto sono bloccati in modo automatico. - back-up giornalieri - procedure di ripristino del servizio

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TFR COMUNICAZIONE La manovra finanziaria per il 2007 ha anticipato l entrata in vigore della riforma sulla previdenza

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005 che, secondo quanto previsto dalla legge finanziaria per l anno 2007, entrerà in vigore dal 1

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA Circolare n. 35 del 23 febbraio 2007 Decorrenza: immediata Serie: PERSONALE Argomento: Normativa e contrattualistica Oggetto: RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR -

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Oggetto: Circolare 01/2010 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2009 prevista per il 20/01/2010

Oggetto: Circolare 01/2010 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2009 prevista per il 20/01/2010 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Foro Buonaparte, 65-20121 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 80604393 sito internet: www.fondoarco.it Email: info@fondoarco.it

Dettagli

Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2.

Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2. Moduli commentati (Adesione Fonte & TFR2) new.doc Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2. Introduzione (tratta da www.tfr.gov.it) Dal

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico

M.U.T. Modulo Unico Telematico Via Alessandria, 215 Roma tel: 06/852614 fax: 06/85261500 e-mail: info@cnce.it M.U.T. Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Novità client versione 1.6.1 Data redazione: 21.06.2007 Indice dei contenuti

Dettagli

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso:

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso: Gentile iscritto, in relazione alla tua adesione a Previp Fondo Pensione in qualità di Socio Beneficiario, ti forniamo le modalità operative indispensabili per poter comunicare con il Fondo. A tal proposito

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Oggetto: Denuncia mensile giugno 2007: aggiornamento Modello Unico Telematico (MUT) conseguente alla riforma TFR.

Oggetto: Denuncia mensile giugno 2007: aggiornamento Modello Unico Telematico (MUT) conseguente alla riforma TFR. CASSA EDILE BERGAMO Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2000 SC-06-587/EA 35 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE L O R O S E D I Bergamo, 28 giugno 2007 Prot. N. 3000/2007/GC/ep Oggetto: Denuncia mensile giugno

Dettagli

Oggetto: Circolare 09/2010 contribuzione al Fondo relativa al 3 trimestre 2010 prevista per il 20/10/2010

Oggetto: Circolare 09/2010 contribuzione al Fondo relativa al 3 trimestre 2010 prevista per il 20/10/2010 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Fondo Nazionale Pensione Complementare Foro Buonaparte, 65-20121 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 80604393 sito

Dettagli

SPECIALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Notiziario n. 1/2007 5 gennaio 2007 SPECIALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE Il 1 gennaio 2007 è entrata in vigore la riforma della previdenza complementare attuata con il decreto

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005)

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005) INDICAZIONI OPERATIVE PER I DATORI DI LAVORO CHE APPLICANO IL CCNL EDILI INDUSTRIA O IL CCNL EDILI ARTIGIANATO PREMESSA Le presenti indicazioni operative rispondono alle disposizioni dei seguenti Decreti

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA DESTINAZIONE DEL TFR DEI LAVORATORI DIPENDENTI Documento n. 13 del 15 giugno 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46 PATRONATO INCA CGIL Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda.

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda. LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IN 13 DOMANDE OVVERO I FONDI PENSIONE DALL 1.1.2007 NELLE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI **** 1. Cosa succederà del mio TFR maturato sino al 31.12.2006? La Riforma entra in

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO. Oggetto: Destinazione ai Fondi di Previdenza complementare / Modulistica

STUDIO ASSOCIATO. Oggetto: Destinazione ai Fondi di Previdenza complementare / Modulistica STUDIO ASSOCIATO Rag. Franco Peruzzi CONSULENTE DEL LAVORO Dott. Franca Peruzzi CONSULENTE DEL LAVORO Rag. Giovanni Peruzzi CONSULENTE DEL LAVORO Rag. Raffaele Triggiani COMMERCIALISTA-REVISORE CONTABILE

Dettagli

Oggetto: La destinazione del TFR in busta paga per i dipendenti iscritti al Fondo Pensione Circolare operativa per l applicazione del D.

Oggetto: La destinazione del TFR in busta paga per i dipendenti iscritti al Fondo Pensione Circolare operativa per l applicazione del D. Oggetto: La destinazione del TFR in busta paga per i dipendenti iscritti al Fondo Pensione Circolare operativa per l applicazione del D.Lgs 29/2015 Spett.le Azienda, con la presente il Fondo Pensione Fon.Te.

Dettagli

Oggetto: Circolare 01/2014 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2013 prevista per il 20/01/2014

Oggetto: Circolare 01/2014 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2013 prevista per il 20/01/2014 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Piazza Duca d Aosta, 10-20124 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 36758014 sito internet: www.fondoarco.it E-mail:

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico

M.U.T. Modulo Unico Telematico Via Alessandria, 215 Roma tel: 06/852614 fax: 06/85261500 e-mail: info@cnce.it M.U.T. Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Novità client versione 1.6.1 Data redazione: 21.06.2007 Indice dei contenuti

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Dal 1 gennaio di questo anno Eurofer ha cambiato gestore amministrativo, di conseguenza anche la parte riservata del sito ha subito delle modifiche.

Dal 1 gennaio di questo anno Eurofer ha cambiato gestore amministrativo, di conseguenza anche la parte riservata del sito ha subito delle modifiche. A tutte le aziende associate a EUROFER Roma, 11 gennaio 2010 Prot. 11/01/10 Oggetto: modifica procedure invio distinte CIRCOLARE 1/2010 Dal 1 gennaio di questo anno Eurofer ha cambiato gestore amministrativo,

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005)

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005) INDICAZIONI OPERATIVE PER I DATORI DI LAVORO CHE APPLICANO IL CCNL EDILI INDUSTRIA O IL CCNL EDILI ARTIGIANATO PREMESSA Le presenti indicazioni operative rispondono alle disposizioni dei seguenti Decreti

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

La riforma della previdenza complementare

La riforma della previdenza complementare La riforma della previdenza complementare 2 I 3 MOMENTI DEL FONDO PENSIONE (1) CONTRIBUZIONE LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEL FONDO PENSIONE TFR MATURANDO CONTRIBUTO LAVORATORE CONTRIBUTO AZIENDA (2) GESTIONE

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Oggetto: Circolare 01/2012 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2011 prevista per il 20/01/2012

Oggetto: Circolare 01/2012 contribuzione al Fondo relativa al 4 trimestre 2011 prevista per il 20/01/2012 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Fondo Nazionale Pensione Complementare Piazza Duca d Aosta, 10-20124 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 36758014

Dettagli

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore La destinazione del tfr 1 Premessa: date rilevanti 29 aprile 1993: data di entrata in vigore del D.Lgs 124/1993 sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari. L'art. 8, comma 3, prevede che

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 26-04-2007 Messaggio n. 10577 OGGETTO: Circolare n.70/2007. Obblighi contributivi nei riguardi del Fondo di Tesoreria. Ulteriori precisazioni. Flusso

Dettagli

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Il sottoscritto conferma di aver preso visione dello Statuto e della Nota

Dettagli

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE N. CL 13/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Il Modulo di adesione è parte integrante e necessaria della Nota informativa.

Il Modulo di adesione è parte integrante e necessaria della Nota informativa. Fondo Pensione per il Personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE (inviare una copia a DB Consortium HRS - P.za del Calendario 5 Milano e

Dettagli

Indice GUIDA RAPIDA... 3 PREMESSA... 5 1. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO... 6 2. INVIO DISTINTA CONTRIBUTIVA...10 3. VERIFICA DELLE DISTINTE INVIATE...

Indice GUIDA RAPIDA... 3 PREMESSA... 5 1. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO... 6 2. INVIO DISTINTA CONTRIBUTIVA...10 3. VERIFICA DELLE DISTINTE INVIATE... Gennaio 2014 Indice GUIDA RAPIDA... 3 PREMESSA... 5 1. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO... 6 2. INVIO DISTINTA CONTRIBUTIVA...10 3. VERIFICA DELLE DISTINTE INVIATE...11 4. CONSULTAZIONE POSIZIONI...12 4.1 DATI

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18-01-2010 Messaggio n. 1715 OGGETTO: Nuovo servizio online per le Aziende e i Consulenti:

Dettagli

Spett.le Azienda c.a. Direzione del Personale RSU aziendale

Spett.le Azienda c.a. Direzione del Personale RSU aziendale INVIATA VIA POSTA ELETTRONICA, PUBBLICATA SUL SITO WEB Milano, 07 gennaio 2013 Prot.: mml 01/13 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Piazza Duca d Aosta,

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione RIUNIONE DEL 9 NOVEMBRE 2006 SALA BRUNO BUOZZI NOVITA APPORTATE DALLA FINANZIARIA 2007: -ANTICIPO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE AL 1 GENNAIO

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

SCEGLI IL TUO CASO FRA I QUATTRO SOTTO ILLUSTRATI, SEGUI LE ISTRUZIONI E COMPORTATI DI CONSEGUENZA. CASO 1) CASO 2)

SCEGLI IL TUO CASO FRA I QUATTRO SOTTO ILLUSTRATI, SEGUI LE ISTRUZIONI E COMPORTATI DI CONSEGUENZA. CASO 1) CASO 2) RIFORMA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NOTA INFORMATIVA A TUTTI I LAVORATORI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO LA SCADENZA DEL 30 GIUGNO è ormai prossima pertanto: SCEGLI IL TUO CASO FRA

Dettagli

residente a c.a.p. prov. n. MATRICOLA AZIENDALE QUALIFICA e CATEGORIA

residente a c.a.p. prov. n. MATRICOLA AZIENDALE QUALIFICA e CATEGORIA IO SOTTOSCRITTO/A cog via n. Ricevuti lo Statuto, la Nota informativa e il progetto esemplificativo standardizzato di COMETA, DICHIARO DI ADERIRE al per i lavoratori dell Industria metalmeccanica, - COMETA,

Dettagli

In materia di conferimento del TFR dei lavoratori silenti ad un fondo pensione, i datori di lavoro rientranti in una delle seguenti casistiche:

In materia di conferimento del TFR dei lavoratori silenti ad un fondo pensione, i datori di lavoro rientranti in una delle seguenti casistiche: CIRCOLARE PER I CONSULENTI E I DATORI DI LAVORO Gentile signora/egregio signore WWWWWWWWWWWWWWWWWW, 2007 Conferimento del TFR dei lavoratori silenti al Fondo Pensione Aperto Regionale TFR al posto del

Dettagli

Manuale per la gestione del TFR. PosteVita - Gestione TFR Manuale per l utilizzo del portale

Manuale per la gestione del TFR. PosteVita - Gestione TFR Manuale per l utilizzo del portale PosteVita - Gestione TFR Manuale per l utilizzo del portale Pagina 1 di 18 1 Premessa...3 2 Registrazione al servizio...3 3 Accesso al servizio...4 3.1 Gestione anagrafica...7 3.2 Inserimento polizze...8

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

Spett.le DITTA/SOCIETÀ. CIRCOLARE n. CL 07/2006

Spett.le DITTA/SOCIETÀ. CIRCOLARE n. CL 07/2006 Stefano Alessandretti Consulente del Lavoro Federico Ambrosi Dott. Rag. Commercialista Andrea Barbieri Dottore Commercialista Paolo Cecchini Ragioniere Commercialista Moreno Pannacci Ragioniere Commercialista

Dettagli

Il finanziamento mediante flussi di Tfr. Adempimenti per le forme pensionistiche e per i datori di lavoro.

Il finanziamento mediante flussi di Tfr. Adempimenti per le forme pensionistiche e per i datori di lavoro. Il finanziamento mediante flussi di Tfr. Adempimenti per le forme pensionistiche e per i datori di lavoro. Sonia Maffei Direttore previdenza e Sonia Maffei - Direttore previdenza e Conferimento del Tfr

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE per Confcooperative L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Novembre 2006 1 Legge Finanziaria art. 84 Fondo per l erogazione ai lavoratori dipendenti del TFR DM sul Fondo Tesoreria

Dettagli

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro)

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) Vigevano, 20/12/2006 RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DESTINAZIONE TFR Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi In data 19/10/2006 le parti sociali hanno raggiunto un accordo che

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Page 1 of 6 INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Home Normativa e atti ufficiali INAIL Istruzioni Operative 9 dicembre 2008 9 dicembre 2008 Direzione Centrale Rischi Ufficio Tariffe Prot

Dettagli

La previdenza complementare dopo la Finanziaria. La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL

La previdenza complementare dopo la Finanziaria. La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL La previdenza complementare dopo la Finanziaria La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL Quindici anni di riforme 1992 1992 1993 1995 1999 2000 2004 2005 2006 L. 421: Delega per la riforma

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013 Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21/03/2013 Circolare n. 43 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

LE GUIDE DELLA UIL POST. Lavoratori assunti dopo il 31 dicembre 2006

LE GUIDE DELLA UIL POST. Lavoratori assunti dopo il 31 dicembre 2006 LE GUIDE DELLA UIL POST Guida alla compilazione dei moduli di destinazione del TFR La presente guida può essere di aiuto nella compilazione dei moduli per la destinazione del TFR (pubblicati sulla Gazzetta

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013

Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013 Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013 Circolare n. 69 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI GLI ASPETTI FISCALI Deducibilità dei contributi A tutti i lavoratori è riconosciuta la deducibilità dei contributi a proprio carico versati alle forme pensionistiche complementari fino ad un massimo di

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB. User guide Versione 2010.

Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB. User guide Versione 2010. Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB User guide Versione 2010.02 1 Premessa Si illustrano di seguito le funzionalità dell applicativo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-05-2015. Messaggio n. 3575

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-05-2015. Messaggio n. 3575 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-05-2015 Messaggio n. 3575 Allegati n.1 OGGETTO: Servizi ex Enpals per le Imprese, Consulenti e Professionisti su

Dettagli

Sgravi contributivi contrattazione di secondo livello. Art. 1 comma 67 legge 24 dicembre 2007

Sgravi contributivi contrattazione di secondo livello. Art. 1 comma 67 legge 24 dicembre 2007 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Sgravi contributivi contrattazione di secondo livello Art.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/9647 Modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap. Roma, 13/09/2012

Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap. Roma, 13/09/2012 Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap Roma, 13/09/2012 Circolare n. 109 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

www.laquilalavoro.it

www.laquilalavoro.it www.laquilalavoro.it Comunicazioni Obbligatorie on line Aspetti generali: La legge 296/2006 (finanziaria per il 2007) al comma 1184 prevede l obbligo per i datori di lavoro pubblici e privati (Soggetti

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti

Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti Articolo 1 Scopo e definizioni 1. Le presenti Linee Guida definiscono norme di comportamento e standard di efficienza minimi in materia di trasferimenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA

LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA Versione 01 25/09/2012 Il documento è da considerarsi in progress. Ogni aggiornamento verrà identificato con una nuova versione,

Dettagli

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco.

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco. Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i giochi Ufficio 11 - Bingo Roma, 17 giugno 2011 AI CONCESSIONARI DEL GIOCO A DISTANZA

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE - CREDENZIALI DI ACCESSO E REGISTRAZIONE NELL AREA RISERVATA - COMPILAZIONE DOMANDA ISCRIZIONE - FIRMA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Terzo settore e Sanità Privata Roma - Giugno 2007 Le scadenze e le condizioni di riferimento Con la Legge Finanziaria

Dettagli

SardegnaTirocini. Guida alla registrazione

SardegnaTirocini. Guida alla registrazione Guida alla registrazione Ottobre 2014 Indice 1 Registrazione utente Generico 2 Fasi successive alla registrazione. Selezione profili e attribuzione ruoli 2.1.Registrazione terminata con successo 2.2. Recupero

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

NOTA. Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto. Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic

NOTA. Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto. Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic NOTA Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic Le aziende neo conferenti mandato di rappresentanza sindacale

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

Guida alla compilazione dei moduli TFR contro lo scippo del trattamento di fine rapporto

Guida alla compilazione dei moduli TFR contro lo scippo del trattamento di fine rapporto Guida alla compilazione dei moduli TFR contro lo scippo del trattamento di fine rapporto I moduli emanati dal Ministero del Lavoro si presentano, non a caso, molto complessi: ecco una breve guida alla

Dettagli

LIQUIDAZIONI GIUDIZIALI DEI CONCORDATI PREVENTIVI DI PRAMAC S.PA. IN LIQUIDAZIONE E LIFTER S.R.L. IN LIQUIDAZIONE. Regolamento della Virtual Data Room

LIQUIDAZIONI GIUDIZIALI DEI CONCORDATI PREVENTIVI DI PRAMAC S.PA. IN LIQUIDAZIONE E LIFTER S.R.L. IN LIQUIDAZIONE. Regolamento della Virtual Data Room LIQUIDAZIONI GIUDIZIALI DEI CONCORDATI PREVENTIVI DI PRAMAC S.PA. IN LIQUIDAZIONE E LIFTER S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Regolamento della Virtual Data Room ALL. N. 3 al REGOLAMENTO per la proposta e la valutazione

Dettagli

SECONDA INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMEN- TARE

SECONDA INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMEN- TARE N. 59 del 16/05/2007 SECONDA INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMEN- TARE Categorie: 6.3 Temi intersettoriali Fondi pensione Settore: H - Generale In prossimità della scadenza

Dettagli

LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO

LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO La riforma del TFR e della previdenza complementare, prevista dalla legge finanziaria dello Stato per il 2007, stabilisce che tutti

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli