1 Potenziale elettrostatico e seconda equazione di Maxwell per E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Potenziale elettrostatico e seconda equazione di Maxwell per E"

Transcript

1 1 Potenziale elettostatico e seconda equazione di Maxwell pe E Consideiamo il campo elettico oiginato da una caica puntifome q che ipotizziamo fissa nell oigine degli assi: E( ) = q ˆ 2 = q 3 (1) Pe definizione, la foza che isentià una caica di pova Q posta in saà la foza di Coulomb F = qq 3 = Q E Ci chiediamo se questa foza è consevativa, calcolando il lavoo compiuto sulla caica Q lungo un pecoso chiuso qualunque (sempe nell ipotesi che la caica q sia fissa e immobile, ossia che il campo elettico sia statico). Come già ossevato nel caso della foza gavitazionale (vedi lezione su lavoo e enegia), la foma centale della foza elettostatica 1 gaantisce la consevatività. Infatti il lavoo compiuto pe uno spostamento di Q lungo il tatto infinitesimo d vale dw = F d = qq 3 d Ricodando 1 che d = 1 2 d( ) = 1 2 d(2 ) = d otteniamo, analogamente al caso gavitazionale, dw = qq d 2 Dunque il lavoo compiuto dal campo elettico quando la caica Q si sposta da un punto A a un punto B lungo un qualunque cammino vale W A B = B A qq d 2 = qq ( 1 1 ) A B Il lavoo non dipende dal cammino seguito ma solo dai valoi della coodinata della caica Q nel punto iniziale e nel punto finale. La foza è dunque consevativa, e può essee scitta come (l opposto del) gadiente di un enegia potenziale U( ) = qq + U 0 QV ( ) dove U 0 è una costante abitaia di solito posta uguale a zeo in modo da fissae U = 0 a distanze infinite, e dove abbiamo intodotto la funzione scalae V ( ) U( )/Q detta potenziale elettico associato al campo E: V ( ) = q + V 0 Natualmente, da F = U discende immediatamente che 1 Pe i diffeenziali vale la egola della deivazione di un podotto: d(ab) = A db + B da 1

2 E = V (2) Il concetto si estende facilmente a un campo elettostatico qualunque, che pe il pincipio di sovapposizione saà la somma dei campi geneati da caiche puntifomi (statiche) q i. Se il campo geneato da ciascuna di esse è consevativo (nel senso che la foza esecitata su una caica di pova Q è una foza consevativa) alloa lo saà anche il campo totale, dato che il lavoo di una somma di foze è la somma dei lavoi. Il lavoo compiuto dalla foza elettostatica sulla caica di pova Q lungo un qualunque cammino chiuso saà dunque sempe nullo: Q E d l = 0 da cui, dividendo pe Q otteniamo la seconda equazione di Maxwell pe il campo elettico: la cicuitazione del campo elettostatico lungo un qualunque cammino chiuso è nulla E d l = 0 (3) Si può dimostae che da questa equazione, unita al teoema di Gauss (pima equazione di Maxwell) E ˆn da = Q int ɛ 0 (4) si può dedue la foma della legge di Coulomb pe il campo elettico, anziché seguie il pecoso inveso come abbiamo fatto qui. N.B. Sebbene le equazioni 3 e 4 usino una notazione simile, è fondamentale icodae che si feiscono ispettivamente a un integale di linea eseguito lungo una linea chiusa (cicuitazione), e a un integale di supeficie eseguito su una supeficie chiusa (flusso uscente). In pefetta analogia al caso delle foze consevative in meccanica, equazione 3 gaantisce anche pe un campo elettostatico qualunque (che del esto è una foza consevativa, se moltiplicato pe una caica di pova) l esistenza di una funzione scalae V ( ) tale che E = V (5) dv = E d (6) V A V B = B A E d (7) Il pincipio di sovapposizione ci pemette anche di scivee diettamente la foma del potenziale associato al campo elettico di una distibuzione di N caiche puntifomi, come somma dei potenziali associati a ciascun campo elettico: 2

3 V = 1 ( q1 + q q ) N + V N dove 1, 2,..., n sono le distanze delle singole caiche puntifomi dal punto in cui si misua il potenziale. Più fomalmente V ( ) = 1 N i=1 q i i (+V 0 ) (8) dove i appesenta la posizione della caica q i e, al solito, V 0 è una costante additiva abitaia, convenzionalmente pesa nulla in modo da fa sì che lim V ( ) = 0. È impotante ossevae che questa fomula è valida pe distibuzioni date da un numeo finito di caiche puntifomi, e può essee estesa a casi di distibuzioni continue solo nel caso in cui la somma (o integale) non divega (cosa che avviene tipicamente in distibuzioni di caica che si estendono fino all infinito, come il filo ettilineo indefinito o il piano caico). Nei casi in cui questo accade, è comunque sempe possibile definie e/o calcolae la diffeenza di potenziale ta due punti secondo l eq. 7. L unità di misua del potenziale elettostatico è il volt: 1V = 1J/1C Supefici equipotenziali Come nel caso della funzione scalae enegia potenziale, data la funzione V ( ) i luoghi di punti in cui la funzione assume lo stesso valoe si chiamano supefici equipotenziali. Anche in questo caso, pendendo uno spostamento infinitesimo d su una supeficie equipotenziale si ha pe definizione dv = 0 e quindi, dalla 6, E d = 0 Il campo elettico E in un dato punto è dunque dietto pependicolamente alla supeficie equipotenziale che passa pe quel punto. 1.1 **Appofondimento: Popietà della funzione potenziale Accenniamo qui senza dimostazioni ad alcune popietà impotanti della funzione scalae V ( ): 1. Combinando l equazione 5 con la vesione infinitesima del teoema di Gauss 4 si deduce che la funzione V ( ) soddisfa una equazione diffeenziale del second odine alle deivate paziali detta equazione di Poisson : 2 V ( 2 V x V y 2 3 ) + 2 V z 2 = ρ (9) ɛ 0

4 dove ρ( ) è la densità di caica che descive la distibuzione di caiche elettiche nello spazio. Nelle egioni in cui non ci sono caiche ρ = 0 e l equazione di Poisson pende il nome di equazione di Laplace: 2 V = 0 (10) 2. Si può dimostae che pe una funzione che soddisfa l equazione 10 (dunque anche pe il potenziale nel vuoto, cioè in assenza di caiche elettiche) vale il teoema della media: Il valo medio di V su una qualunque supeficie sfeica di aggio è uguale al valoe di V nel punto al cento della sfea Questo ha come conseguenza impotante che in una egione piva di caiche la funzione V ( ) non può avee né massimi né minimi elativi (infatti, se pe assudo esistesse un punto di minimo, pe definizione esisteebbe un intono del punto in cui il potenziale assume un valoe maggioe, dunque sui punti di una supeficie sfeica contenuta nell intono il potenziale assumeebbe un valoe maggioe del minimo, ma questo saebbe in contaddizione con il teoema della media: se su tutti i punti della sfea il potenziale è maggioe che nel cento, anche il valo medio saà maggioe). Dunque non è possibile, usando solo caiche statiche, ceae un punto di equilibio stabile (nel vuoto) pe una caica di pova. 3. Vale il teoema di unicità : in una delle sue vesioni più semplici, questo affema che data una ceta distibuzione di caica contenuta in un ceto volume di spazio, e fissate le cosiddette condizioni al bodo, ossia fissato il valoe di V ( ) in tutti i punti della supeficie di bodo del volume (che può anche essee all infinito), esiste un unica funzione V ( ) che soddisfa l equazione 9 in tutti i punti inteni al volume dato. Questo teoema, appaentemente astuso/inutile è in ealtà potentissimo pe la isoluzione di poblemi in elettostatica, peché assicua che basta tovae una soluzione V ( ) che soddisfa la 9 e le condizioni al bodo, pe essee sicui che quella è la soluzione cecata. 1.2 Esempi di calcolo del potenziale Se il poblema che abbiamo di fonte è quello di calcolae il campo elettico data la configuazione di caica, spesso anziché calcolae diettamente il campo elettico conviene deteminae pima il potenziale, e poi il campo elettico calcolandone il gadiente. In questo modo si evita il poblema di calcolae tutte e te le componenti del campo elettico, peché si deve deteminae una funzione scalae anziché vettoiale Campo dell anello caico sull asse Consideiamo un anello di aggio a e densità di caica unifome λ = Q/2πa, e calcoliamo il potenziale in un punto dell asse. Pe comodità usiamo un sistema di coodinate in cui l asse z coincida con l asse dell anello, che poniamo nel piano z = 0. 4

5 dv(z) z R dq Ogni elementino dq = λdl = λadφ si tova a distanza = a 2 + z 2 dal punto dell asse consideato, e contibuisce dunque al potenziale nel punto con dv = 1 dq a2 + z = 1 2 λa dφ a2 + z 2 Pe calcolae il potenziale nel punto di coodinata z dobbiamo integae sugli elementini di anello V (0, 0, z) = 1 dq a2 + z = 1 λa 2π dφ = 1 2πλa 2 a2 + z 2 a2 + z = 1 Q 2 a2 + z 2 Pe ottenee il campo E sui punti dell asse dobbiamo icodae che E = V. Dalla simmetia del poblema (già noto) sappiamo che solo la componente z del campo saà pesente sull asse, e la componente z del gadiente è la deivata (paziale) ispetto a z Dunque E z (z) = V z = 1 0 Qz (a 2 + z 2 ) 3 2 isultato che avevamo ottenuto calcolando diettamente la componente z del campo Potenziale di dipolo Consideiamo un sistema costituito da due caiche puntifomi opposte +q e q, statiche e poste a distanza a una dall alta. Chiamiamo il sistema dipolo elettico nel limite in cui la distanza a è molto più piccola delle distanze misuabili. In questo caso chiamiamo momento di dipolo elettico il vettoe p q a dove pe convenzione si pende il veso di a dietto dalla caica negativa alla positiva. Pe comodità poniamo la caica negativa nell oigine degli assi catesiani, e quella positiva lungo l asse z. Calcoliamo quindi il potenziale dovuto alle 5

6 z P!! a! +q! a θ - q due caiche puntifomi in un punto P qualunque dello spazio, a distanza dall oigine, con a. Usiamo la 8, ossia la convenzione di potenziale nullo all infinito V ( ) = 1 ( q q ) e dove ( a) ( a) = ( 2 2 a + a 2 ) 1 2 = ( 2 2a cos θ + a 2 ) 1 2 dove θ, angolo compeso ta e a, è popio l angolo θ usato pe descivee in coodinate sfeiche la posizione del punto P. Ricodando che siamo nell ipotesi a a2 1 e dunque tascuando ispetto 2 a a, sciviamo 1 = 1 ) 1 2 a a2 (1 2 cos θ (1 2 a ) 1 cos θ 2 1 (1 + a ) cos θ dove abbiamo usato lo sviluppo di Taylo al pim odine (1 + ɛ) α 1 + αɛ con, nel nosto caso, ɛ 2 a cos θ 1 e α = 1 2. Otteniamo, in questa appossimazione cioè V ( ) 1 q [(1 + a cos θ) 1] V ( ) 1 p cos θ 2 (11) 6

7 dove p p è il modulo del momento di dipolo. Il potenziale così ottenuto è espesso diettamente come una funzione del punto in coodinate sfeiche. Notiamo che V ( ) non dipende dalla coodinata φ, dal momento che il sistema ha una simmetia di otazione attono all asse z. In coodinate catesiane avemo (icodando che z = cos θ) V (x, y, z) 1 pz (x 2 + y 2 + z 2 ) 3 2 Da quest ultima espessione è possibile calcolae in ogni punto dello spazio il campo elettico geneato dal dipolo, usando E = V In paticolae, pe ottenee il campo lungo l asse z basta calcolae le deivate paziali V nei punti (0, 0, z). Le deivate paziali ispetto a x e y sono nulle in x = 0, y = 0, dunque il campo lungo l asse ha solo componente z, che vale x, V y, V z E z = V z = 1 2p z 3 come avevamo calcolato diettamente in una lezione pecedente. Nei punti del piano z = 0 (il calcolo delle deivate è lasciato pe esecizio al lettoe) si ha invece: E x = 0 E y = 0 E z = V z = 1 p (x 2 + y 2 ) 3 2 Le linee di campo di E sono mostate qualitativamente in figua Osseviamo che, allontanandosi ad angolo θ fissato, il potenziale di dipolo decesce come 1 (e il campo elettico come 1 2 ), cioè tende a zeo più apidamente del potenziale di una caica puntifome. Si può dimostae che il 3 campo 7

8 di un sistema di caiche localizzato (ossia confinato ento un ceto aggio finito) a gandi distanze assume questa foma ogni volta che la caica totale del sistema è nulla, ma il baicento delle caiche positive è diveso dal baicento delle caiche negative. Questo non deve stupie: è infatti intuitivo aspettasi che, come abbiamo visto anche in alcuni esempi, una distibuzione di caiche positive confinata ento un ceto aggio cei, a distanze molto maggioi del aggio stesso, un campo indistinguibile da quello di una caica puntifome. Se a questa configuazione si sovappone una distibuzione di caiche negative tale da annullae la caica totale ma da da luogo, a gandi distanze, al campo di una caica puntifome negativa collocata in una posizione non coincidente con quella positiva, il isultato saà un campo (o un potenziale) di dipolo, come quello calcolato sopa Dipolo in campo elettico esteno Consideiamo un dipolo p schematizzato come un sistema di due caiche opposte ±q vincolate a imanee a distanza fissa a = p q ta loo (è una descizione che funziona abbastanza bene pe alcune molecole biatomiche, pe esempio). Supponiamo che il dipolo sia immeso in un campo elettico esteno E, descitto dal potenziale V ( ). Con questa schematizzazione è immediato calcolae l enegia potenziale del dipolo nel potenziale esteno, come somma delle enegie potenziali delle due caiche. Se la caica negativa si tova nel punto, quella positiva si toveà in + a, e dunque cioè dove, pe la 6, U p = U +q + U q = qv ( + a) qv ( ) = qdv dv = E d = E a dato che nel nosto caso lo spostamento infinitesimo d = ( + a) = a. Dunque U p = qdv = q E a = q a E U p = p E (12) La fomula 12 espime quindi l enegia potenziale di un dipolo di intensità fissata immeso in un campo elettostatico esteno. *Momento tocente Consideiamo pima il caso in cui il dipolo non può taslae ma è libeo di uotae attono al popio cento di massa: in questo caso la configuazione a cui tendeà (che è come sempe quella di enegia potenziale minima) saà tale da minimizzae p E, cioè da massimizzae p E: il dipolo tendeà a oientasi paallelamente al campo esteno E. La stessa conclusione si aggiunge calcolando esplicitamente il momento tocente che il campo esteno E esecita sul sistema delle due caiche: si ha infatti, consideando i momenti ispetto all oigine (abitaia) delle coodinate, 8

9 z P F = +q! E! a +q - q F = q! E τ = F q + ( + a) F q = [ q E( )] + ( + a) [q E( + a)] Nell appossimazione di odine zeo, in cui il campo ha lo stesso valoe E in e in + a (o nel caso in cui il campo esteno sia pe ipotesi unifome) si ha cioè τ = ( q E) + ( + a) q E = q a E τ = p E (13) È un esecizio di meccanica dimostae che se un copo igido vincolato a uotae attono a un punto fisso è soggetto a un momento tocente esteno 13, alloa la sua enegia potenziale saà data dalla *Foza totale Se vogliamo calcolae la foza che il dipolo isente, dobbiamo icodae che in meccanica questa è legata all enegia potenziale da F = U 2 Sappiamo infatti dalla meccanica che la potenza applicata da un momento tocente esteno τ su un copo igido (nel nosto caso il dipolo) è data da P = τ ω dove ω è il vettoe velocità angolae. Se le foze sono consevative, la potenza fonita è l opposto della deivata ispetto al tempo dell enegia potenziale P = du dt Nel nosto caso P = τ ω = ( p E) ω = ( ω p) E dove abbiamo usato la popietà del podotto vettoe ( a b) c = ( c a) b. D alta pate sappiamo che p = q a, dove à è un vettoe posizione che sta uotando con velocità angolae ω (supponiamo che il punto fisso sia la posizione della caica negativa), la cui deivata ispetto al tempo vale quindi d a dt d p = ω a. Dunque abbiamo che dt = q d a dt P = du dt = ( ω p) E = d p dt E = d ( p E) dt (icodiamo che E non dipende dal tempo). Dunque du dt U = p E a meno, come al solito, di una costante additiva abitaia. = d dt ( p E) cioè = q ω a = ω p. 9

10 Nel nosto caso F = ( p E) Nell ipotesi che il dipolo sia già oientato paallelamente a E (oientazione che, come abbiamo visto, minimizza l enegia potenziale a posizione fissata), si ha che p E = p E, e la foza avà la diezione del gadiente del modulo di E, cioè la diezione in cui il modulo di E aumenta maggiomente. Il dipolo, insomma, subisce una foza netta solo se il campo non è unifome, e viene attatto veso le egioni in cui l intensità del campo aumenta. È questo il meccanismo alla base dei cosiddetti fenomeni elettostatici che hanno pemesso la scopeta dell eletticità, e cioè il fatto che oggetti elettizzati come pezzi di plastica o di gomma (un tempo di amba) stofinati con un panno abbiano la capacità di attae piccoli oggetti o di deviae il filo d acqua che scende da un ubinetto (povae pe cedee!): il pettine stofinato si caica e poduce un campo elettico la cui intensità aumenta in vicinanza del pettine stesso; l acqua è costituita da tanti dipoli che vengono attatti dalle egioni in cui l intensità del campo è maggioe, e questo iesce a deviane la taiettoia. Qualcosa di simile avviene nei piccoli oggetti attatti da palloncini, bacchette di plastica o alti oggetti: le loo molecole si compotano come dipoli in pesenza del campo elettico esteno, e vengono attatte dalle egioni di campo elettico più intenso. 10

Gravitazione. Dati due corpi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza r, tra di essi si esercita una forza attrattiva data in modulo da

Gravitazione. Dati due corpi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza r, tra di essi si esercita una forza attrattiva data in modulo da Gavitazione Dati due copi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza, ta di essi si esecita una foza attattiva data in modulo da F = G m 1m 2 dove G è una costante univesale, avente lo stesso valoe pe tutte

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A Facoltà di ngegneia Fisica 66 Compito A Esecizio n Un filo di mateiale isolante, con densità di caica lineae costante, viene piegato fino ad assumee la foma mostata in figua (la pate cicolae ha aggio e

Dettagli

Conduttori in equilibrio elettrostatico

Conduttori in equilibrio elettrostatico onduttoi in equilibio elettostatico In un conduttoe in equilibio, tutte le caiche di conduzione sono in equilibio Se una caica di conduzione è in equilibio, in quel punto il campo elettico è nullo caica

Dettagli

IL POTENZIALE. = d quindi: LAB

IL POTENZIALE. = d quindi: LAB 1 IL POTENZIALE Sappiamo che il campo gavitazionale è un campo consevativo cioè nello spostamento di un copo ta due punti del campo gavitazionale teeste, le foze del campo compiono un lavoo che dipende

Dettagli

IL POTENZIALE. Nello spostamento successivo B B, poiché la forza elettrica risulta perpendicolare allo spostamento, il lavoro L è nullo.

IL POTENZIALE. Nello spostamento successivo B B, poiché la forza elettrica risulta perpendicolare allo spostamento, il lavoro L è nullo. 1 I POTENZIAE Sappiamo che il campo gavitazionale è un campo consevativo cioè nello spostamento di un copo ta due punti del campo gavitazionale teeste, le foze del campo compiono un lavoo che dipende dalla

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss Esecizi Legge di Gauss. Un involuco sfeico isolante ha aggi inteno ed esteno a e b, ed e caicato con densita unifome ρ. Disegnae il diagamma di E in funzione di La geometia e mostata nella figua: Usiamo

Dettagli

Legge di Gauss. Superficie Σ immersa nel campo elettrostatico generato da una carica q. da! r 2. d!(! E) "! E #! n da = q r 2! er!!

Legge di Gauss. Superficie Σ immersa nel campo elettrostatico generato da una carica q. da! r 2. d!(! E) ! E #! n da = q r 2! er!! Legge di Gauss Legge di Gauss in foma integale e locale Esempi Equazioni di Poisson e di Laplace Poblemi di Diichlet e Neumann Poblema geneale dell elettostatica Legge di Gauss Supeficie Σ immesa nel campo

Dettagli

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE.

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. ESERCIZIO 1 AI VERTICI DI UN UADRATO DI LATO SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. 4 caiche uguali sono poste ai vetiti di un quadato. L asse di un quadato

Dettagli

Nome..Cognome. classe 5D 29 Novembre VERIFICA di FISICA: Elettrostatica Domande

Nome..Cognome. classe 5D 29 Novembre VERIFICA di FISICA: Elettrostatica Domande Nome..ognome. classe 5 9 Novembe 8 RIFI di FISI: lettostatica omande ) ai la definizione di flusso di un campo vettoiale attaveso una supeficie. nuncia il teoema di Gauss pe il campo elettico (senza dimostalo)

Dettagli

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss 1 Appunti su agomenti monogafici pe il coso di FM1 Pof. Pieluigi Contucci Gavità e Teoema di Gauss Vogliamo dimostae, a patie dalla legge di gavitazione univesale che il campo gavitazionale geneato da

Dettagli

E, ds. - Flusso totale uscente dalla superficie chiusa S: è la somma di tutti i flussi elementari, al tendere a zero delle aree infinitesime: r )

E, ds. - Flusso totale uscente dalla superficie chiusa S: è la somma di tutti i flussi elementari, al tendere a zero delle aree infinitesime: r ) Flusso del campo elettico e legge di Gauss. - Si definisce supeficie gaussiana una ipotetica supeficie S chiusa, che contiene un volume V. - La legge di Gauss mette in elazione i valoi dei campi elettici

Dettagli

( ) Energia potenziale U = GMm r. GMm r. GMm L AB. = r. r r. Definizione di energia potenziale

( ) Energia potenziale U = GMm r. GMm r. GMm L AB. = r. r r. Definizione di energia potenziale Enegia potenziale Definizione di enegia potenziale Il lavoo, compiuto da una foza consevativa nello spostae il punto di applicazione da a, non dipende dal cammino seguito, ma esclusivamente dai punti e.

Dettagli

Lezione 3. Applicazioni della Legge di Gauss

Lezione 3. Applicazioni della Legge di Gauss Applicazioni della Legge di Gauss Lezione 3 Guscio sfeico di aggio con caica totale distibuita unifomemente sulla supeficie. immetia sfeica, dipende solo da supeficie sfeica di aggio

Dettagli

Fisica per Medicina. Lezione 22 - Campo magnetico. Dr. Cristiano Fontana

Fisica per Medicina. Lezione 22 - Campo magnetico. Dr. Cristiano Fontana Fisica pe Medicina Lezione 22 - Campo magnetico D. Cistiano Fontana Dipatimento di Fisica ed Astonomia Galileo Galilei Univesità degli Studi di Padova 1 dicembe 2017 ndice Elettomagnetismo Campo magnetico

Dettagli

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico Anno scolastico 4 + ε ε int dt E d C dt d E C Q E S o S Schiusa Schiusa gandezza definizione fomula Foza di Loentz Foza agente su una caica q in moto con velocità v in una egione in cui è pesente un campo

Dettagli

Elettrostatica. P. Maestro Elettrostatica pag. 1

Elettrostatica. P. Maestro Elettrostatica pag. 1 Elettostatica Composizione dell atomo Caica elettica Legge di Coulomb Campo elettico Pincipio di sovapposizione Enegia potenziale del campo elettico Moto di una caica in un campo elettico statico Teoema

Dettagli

Potenziale elettrostatico e lavoro. Potenziale elettrostatico Energia potenziale elettrostatica Esempi Moto di una carica in un potenziale e.s.

Potenziale elettrostatico e lavoro. Potenziale elettrostatico Energia potenziale elettrostatica Esempi Moto di una carica in un potenziale e.s. Potenziale elettostatico e lavoo Potenziale elettostatico Enegia potenziale elettostatica Esempi Moto di una caica in un potenziale e.s. Potenziale elettostatico Campo e.s. geneato da una caica puntifome

Dettagli

Momenti. Momento di inerzia, momento di una forza, momento angolare

Momenti. Momento di inerzia, momento di una forza, momento angolare Momenti Momento di inezia, momento di una foza, momento angolae Conce&o di Momento I momenti in fisica sono cose molto divese fa loo. Cetamente non hanno sempe la stessa unità di misua; ed avemo cua di

Dettagli

Momenti. Momento di inerzia, momento di una forza, momento angolare

Momenti. Momento di inerzia, momento di una forza, momento angolare Momenti Momento di inezia, momento di una foza, momento angolae Conce&o di Momento I momenti in fisica sono cose molto divese fa loo. Cetamente non hanno sempe la stessa unità di misua; ed avemo cua di

Dettagli

AZIONE A DISTANZA E TEORIA DI CAMPO (1)

AZIONE A DISTANZA E TEORIA DI CAMPO (1) Il campo elettico AZION A DITANZA TOIA DI CAMPO () Come fanno due caiche elettiche ad inteagie fa di loo? All inizio del 9 si sono confontate due ipotesi:.le caiche si scambiano dei messaggei e uindi si

Dettagli

Fisica Generale- Modulo Fisica II Esercitazione 2 Ingegneria Meccanica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale- Modulo Fisica II Esercitazione 2 Ingegneria Meccanica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE Fisica Geneale- Modulo Fisica II secitazione OTNZIL LTTRICO D NRGI OTNZIL Ba. Una caica elettica mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia il punto

Dettagli

Campo magnetico, forza magnetica, momenti meccanici sui circuiti piani

Campo magnetico, forza magnetica, momenti meccanici sui circuiti piani Campo magnetico, foza magnetica, momenti meccanici sui cicuiti piani Esecizio 1 Un potone d enegia cinetica E k 6MeV enta in una egione di spazio in cui esiste un campo magnetico B1T otogonale al piano

Dettagli

A.A. 2009/ Appello del 15 giugno 2010

A.A. 2009/ Appello del 15 giugno 2010 Fisica I pe Ing. Elettonica e Fisica pe Ing. Infomatica A.A. 29/21 - Appello del 15 giugno 21 Soluzione del poblema n. 1a 1. All uscita della guida, nel punto D, il copo compie un moto paabolico con velocità

Dettagli

SESTA LEZIONE: campo magnetico, forza magnetica, momenti meccanici sui circuiti piani

SESTA LEZIONE: campo magnetico, forza magnetica, momenti meccanici sui circuiti piani A. Chiodoni esecizi di Fisica II SESTA LEZIONE: campo magnetico, foza magnetica, momenti meccanici sui cicuiti piani Esecizio 1 Un potone d enegia cinetica E k 6MeV enta in una egione di spazio in cui

Dettagli

La struttura stellare

La struttura stellare La stuttua stellae La stuttua stellae Una stella è una sfea di gas tenuta insieme dall auto gavità ed il cui collasso è impedito dalla pesenza di gadienti di pessione. Con ottima appossimazione una stella

Dettagli

L = F s cosα = r F r s

L = F s cosα = r F r s LVORO Se su un copo agisce una foza F, il lavoo compiuto dalla foza pe uno spostamento s è (podotto scalae di due vettoi): L = F s cosα = F s F α s LVORO L unità di misua del lavoo nel S.I. si chiama Joule:

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Enegia potenziale elettica L ultima ossevazione del capitolo pecedente iguadava le analogie e le diffeenze ta il campo elettico e il campo gavitazionale pendendo in esame la foza di Coulomb e la legge

Dettagli

qq r Elettrostatica Legge di Coulomb permette di calcolare la forza che si esercita tra due particelle cariche.

qq r Elettrostatica Legge di Coulomb permette di calcolare la forza che si esercita tra due particelle cariche. lettostatica La mateia è costituita da atomi. Gli atomi sono fomati da un nucleo, contenete paticelle neute (neutoni) e paticelle caiche positivamente (potoni). Intono al nucleo ci sono paticelle caiche

Dettagli

Fondamenti di Gravitazione

Fondamenti di Gravitazione Fondamenti di Gavitazione Intoduzione all Astofisica AA 205/206 Pof. Alessando Maconi Dipatimento di Fisica e Astonomia Univesità di Fienze Dispense e pesentazioni disponibili all indiizzo http://www.aceti.asto.it/

Dettagli

Gravitazione universale

Gravitazione universale INGEGNERIA GESTIONALE coso di Fisica Geneale Pof. E. Puddu LEZIONE DEL 22 OTTOBRE 2008 Gavitazione univesale 1 Legge della gavitazione univesale di Newton Ogni paticella attae ogni alta paticella con una

Dettagli

SELEZIONE DI ESERCIZI DI ELETTROSTATICA.

SELEZIONE DI ESERCIZI DI ELETTROSTATICA. Fisica geneale II, a.a. 13/14 SELEZIONE DI ESEIZI DI ELETTOSTATIA..1. Un pocesso elettolitico divide 1.3 mg di Nal (massa di una mole = 59 g) in Na + e l. Le caiche positive vengono allontanate da quelle

Dettagli

CASO 2 CASO 1. δ Lo. e N. δ Lo. e L. PROBLEMA A Corso di Fisica 1- Prima provetta- 22 maggio 2004 Facoltà di Ingegneria dell Università di Trento

CASO 2 CASO 1. δ Lo. e N. δ Lo. e L. PROBLEMA A Corso di Fisica 1- Prima provetta- 22 maggio 2004 Facoltà di Ingegneria dell Università di Trento PROBEMA A Coso di Fisica 1- Pima povetta- maggio 004 Facoltà di Ingegneia dell Univesità di Tento Un anello di massa m= 70 g, assimilabile ad un copo puntifome, è infilato in una asta igida liscia di lunghezza

Dettagli

IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO

IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO Legge di Faaday-Heny (o dell induzione elettomagnetica); Applicazioni della legge dell induzione e.m., caso della spia otante; Il fenomeno dell autoinduzione

Dettagli

Capacità ele+rica. Condensatori

Capacità ele+rica. Condensatori Capacità ele+ica Condensatoi Condensatoi Il sistema più semplice pe immagazzinae enegia elettostatica è caicae un condensatoe. Genealmente il condensatoe è costituito da due piani metallici sepaati da

Dettagli

Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Sperimentale a.a Facoltà di Ingegneria Industriale - Ind. Aero-Energ-Mecc

Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Sperimentale a.a Facoltà di Ingegneria Industriale - Ind. Aero-Energ-Mecc Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Speimentale a.a. 9-1 - Facoltà di Ingegneia Industiale - Ind. Aeo-Eneg-Mecc II pova in itinee - 5/7/1 Giustificae le isposte e scivee in modo chiao e leggibile.

Dettagli

Momenti. Momento di una forza, momento di inerzia, momento angolare

Momenti. Momento di una forza, momento di inerzia, momento angolare Momenti Momento di una foza, momento di inezia, momento angolae Momento di una foza Supponiamo di avee una pota vista dall alto e supponiamo che sia incadinata su un lato, diciamo in A. A Se applicassimo

Dettagli

Campi scalari e vettoriali (1)

Campi scalari e vettoriali (1) ampi scalai e vettoiali (1) 3 e ad ogni punto P = (x, y, z) di una egione di spazio Ω R è associato uno ed uno solo scalae φ diemo che un campo scalae è stato definito in Ω. In alti temini: φ 3 : P R φ(p)

Dettagli

Effetto Hall. flusso reale dei portatori se positivi. flusso reale dei portatori se negativi

Effetto Hall. flusso reale dei portatori se positivi. flusso reale dei portatori se negativi Appunti di Fisica II Effetto Hall L'effetto Hall è un fenomeno legato al passaggio di una coente I, attaveso ovviamente un conduttoe, in una zona in cui è pesente un campo magnetico dietto otogonalmente

Dettagli

Campo elettrico e potenziale di un disco uniformemente carico

Campo elettrico e potenziale di un disco uniformemente carico Campo elettico e poteniale di un disco unifomemente caico q S densità supeficiale di caica Consideo l anello di aggio e spessoe d calcolo l anello sommo sugli anelli ho due integaioni dq da πd d Σ anello

Dettagli

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione Esecizio 9.1 Esecizi con soluzione Te divese onde sonoe hanno fequenza ν ispettivamente 1 Hz, 1 Hz e 5 Mhz. Deteminae le lunghezze d onda coispondenti ed i peiodi di oscillazione, sapendo che la velocità

Dettagli

Concetto di capacità

Concetto di capacità oncetto di capacità Il teoema di Gauss stabilisce che, posta una caica su un conduttoe isolato, il campo elettico E da essa podotto nello spazio cicostante è diettamente popozionale alla caica stessa:

Dettagli

Equilibrio dei corpi rigidi- Statica

Equilibrio dei corpi rigidi- Statica Equilibio dei copi igidi- Statica Ci ifeiamo solo a situazioni paticolai in cui i copi igidi non si muovono in nessun modo: ne taslano ( a 0 ), ne uotano ( 0 ), ossia sono femi in un oppotuno sistema di

Dettagli

APPROSSIMAZIONE DI BORN

APPROSSIMAZIONE DI BORN 4/ APPROSSIMAZIONE DI BORN 5/6 APPROSSIMAZIONE DI BORN L applicazione più impotante della teoia delle petubazioni degli stati del continuo è costituita dalla isoluzione appossimata dei poblemi di diffusione.

Dettagli

Sulla carica viene esercitata la forza magnetica. traiettoria circolare.

Sulla carica viene esercitata la forza magnetica. traiettoria circolare. Moto di caiche in Campo Magnetico Consideiamo una paticella di massa m e caica puntifome +q in moto con velocità v pependicolae ad un campo B unifome. B α v + F F v Nel piano α, B veso l alto Sulla caica

Dettagli

Il campo magnetico. campo magnetico B (si misura in Telsa (T)) carica genera campo elettrico campo elettrico imprime forza su carica

Il campo magnetico. campo magnetico B (si misura in Telsa (T)) carica genera campo elettrico campo elettrico imprime forza su carica Il campo magnetico caica genea campo elettico campo elettico impime foza su caica e allo stesso modo caica in moto genea campo magnetico campo magnetico impime foza su caica in moto campo magnetico (si

Dettagli

Sorgenti del campo magnetico. Forze tra correnti

Sorgenti del campo magnetico. Forze tra correnti Campo magnetico pag 31 A. Scimone Sogenti el campo magnetico. Foze ta coenti Un campo magnetico può essee pootto a una coente elettica. Espeienze i questo tipo fuono effettuate nella pima ventina i anni

Dettagli

ESERCIZI DI CALCOLO STRUTTURALE

ESERCIZI DI CALCOLO STRUTTURALE ESERCIZIO A1 ESERCIZI DI CACOO SRUURAE Pate A: ave incastata Calcolo delle eazioni vincolai con caichi concentati o distibuiti P 1 P 1 = 10000 N = 1.2 m Sia la stuttua in figua soggetta al caico P 1 applicato

Dettagli

Unità Didattica N 10 : I momenti delle forze

Unità Didattica N 10 : I momenti delle forze Unità didattica N 10 I momenti delle foze 1 Unità Didattica N 10 : I momenti delle foze 01) omento di una foza ispetto ad un punto 02) omento isultante di un sistema di foze 03) omento di una coppia di

Dettagli

SECONDA LEZIONE: lavoro elettrico, potenziale elettrostatico, teorema di Gauss (prima parte)

SECONDA LEZIONE: lavoro elettrico, potenziale elettrostatico, teorema di Gauss (prima parte) A. Chiodoni esecizi di Fisica II SECONDA LEZIONE: lavoo elettico, potenziale elettostatico, teoea di Gauss (pia pate) Esecizio Te caiche sono poste ai vetici di un tiangolo euilateo di lato l, calcolae

Dettagli

Le Galassie. Lezione 4

Le Galassie. Lezione 4 Le Galassie Lezione 4 Fotometia delle ellittiche Le galassie ellittiche pesentano isofote ben appossimabili con ellissi. In geneale la fomula di Sesic fonisce un fit miglioe al pofilo di billanza a tutte

Dettagli

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione svolti

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione svolti Esecizi Scheda N. 45 Fisica II Esecizio. Esecizi con soluzione svolti Un filo ettilineo, indefinito, pecoso da una coente di intensità i=4 A, è immeso in un mezzo omogeneo, isotopo, indefinito e di pemeabilità

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. V Q 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. V Q 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 C R R R q independenza dal cammino Supefici Equipotenziali Due modi pe analizzae i poblemi Con le foze o i campi (vettoi) pe deteminae posizione e velocità di un

Dettagli

Il Problema di Keplero

Il Problema di Keplero Il Poblema di Kepleo Il poblema di Kepleo nel campo gavitazionale Intoduzione Con Poblema di Kepleo viene indicato il poblema del moto di un copo in un campo di foze centali. Nel caso specifico gavitazionale

Dettagli

F 1 F 2 F 3 F 4 F 5 F 6. Cosa è necessario per avere una rotazione?

F 1 F 2 F 3 F 4 F 5 F 6. Cosa è necessario per avere una rotazione? Cosa è necessaio pe avee una otazione? Supponiamo di vole uotae il sistema in figua intono al bullone, ovveo intono all asse veticale passante pe, usando foze nel piano oizzontale aventi tutte lo stesso

Dettagli

Lezione XV Cinghie. Organi di trasmissione. Normalmente gli assi di rotazione delle due pulegge sono paralleli.

Lezione XV Cinghie. Organi di trasmissione. Normalmente gli assi di rotazione delle due pulegge sono paralleli. Ogani di tasmissione Ogani flessibili Nelle macchine tovano numeose applicazioni tanto ogani flessibili popiamente detti (cinghie e funi), quanto ogani costituiti da elementi igidi ta loo aticolati (catene).

Dettagli

SETTIMA-OTTAVA LEZIONE: sorgenti del campo magnetico, legge di Ampere, legge di Biot-Sawart

SETTIMA-OTTAVA LEZIONE: sorgenti del campo magnetico, legge di Ampere, legge di Biot-Sawart . Chiodoni esecizi di Fisica II SETTIM-OTTV LEZIONE: sogenti del campo magnetico, legge di mpee, legge di Biot-Sawat Esecizio 1 Due spie cicolai di aggio 3cm, aventi lo stesso asse, sono poste in piani

Dettagli

4. DINAMICA. I tre principi della dinamica per un corpo puntiforme (detto anche punto materiale o particella) sono:

4. DINAMICA. I tre principi della dinamica per un corpo puntiforme (detto anche punto materiale o particella) sono: 4.1 Pincipi della dinamica 4. DINAMICA I te pincipi della dinamica pe un copo puntifome (detto anche punto mateiale o paticella) sono: 1) pincipio di intezia di Galilei; 2) legge dinamica di Newton; 3)

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali Accescimento Concetti fondamentali Una paticella in un campo gavitazionale podotto da una massa puntifome, con una qualsiasi velocita e posizione iniziali (puche V 0 R 0 =0) NON cade sulla massa centale

Dettagli

CENTRO DI MASSA. Il centro di massa C divide il segmento AB in parti inversamente proporzionali alle masse: AC. x C = m A x A + m B x B.

CENTRO DI MASSA. Il centro di massa C divide il segmento AB in parti inversamente proporzionali alle masse: AC. x C = m A x A + m B x B. Due paticelle: CENTRO DI MASSA 0 A m A A C m B B B C Il cento di massa C divide il segmento AB in pati invesamente popozionali alle masse: AC CB = m B m A C A B C = m B m A m A C m A A = m B B m B C (

Dettagli

Per migliorare la trasmissione tra satellite e Terra, emerge la necessità di portare il satellite ad un orbita circolare diversa.

Per migliorare la trasmissione tra satellite e Terra, emerge la necessità di portare il satellite ad un orbita circolare diversa. 1 Esecizio (tatto dagli esempi 5.3 e 5.4 del cap. V del Mazzoldi-Nigo-Voci) Un satellite atificiale di massa m 10 3 Kg uota attono alla Tea descivendo un obita cicolae di aggio 1 6.6 10 3 Km. 1. Calcolae

Dettagli

Sorgenti del campo magnetico.

Sorgenti del campo magnetico. Sogenti del campo magnetico. n Campo magnetico podotto da una coente n ima legge elementae di Laplace n Legame campo elettico e magnetico Campo magnetico podotto da una coente n ima legge elementae di

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI

DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI 1 DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI I copi conduttoi sono caatteizzati dal fatto di avee moltissimi elettoni libei di muovesi (elettoni di conduzione). Cosa accade se un copo conduttoe viene caicato

Dettagli

La legge di Lenz - Faraday Neumann

La legge di Lenz - Faraday Neumann 1 La legge di Lenz - Faaday Neumann Il flusso del campo magnetico B Pe dae una veste matematica alle conclusioni delle espeienze viste nella lezione pecedente, abbiamo bisogno di definie una nuova gandezza

Dettagli

Elettrostatica. G.P. Maggi - Lezioni di Fisica Generale AA 2001/2002

Elettrostatica. G.P. Maggi - Lezioni di Fisica Generale AA 2001/2002 G.P. Maggi - Lezioni di Fisica Geneale AA 2001/2002 Elettostatica La caica elettica Ta tutti i tipi di foza che abbiamo incontato in meccanica, solo la foza peso e quella di gavitazione univesale deivano

Dettagli

LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di BOLZANO TEST DI FISICA IN SOSTITUZIONE DELL ORALE- FILA A CLASSE V B-27/05/2010

LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di BOLZANO TEST DI FISICA IN SOSTITUZIONE DELL ORALE- FILA A CLASSE V B-27/05/2010 LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di BOLZANO TEST DI FISICA IN SOSTITUZIONE DELL ORALE- FILA A CLASSE V B-7/05/010 Ogni quesito va oppotunamente motivato, pena la sua esclusione dalla valutazione.

Dettagli

SECONDA LEZIONE (4 ore): CONDUTTORI e DIELETTRICI

SECONDA LEZIONE (4 ore): CONDUTTORI e DIELETTRICI SECONDA LEZIONE (4 oe): CONDUTTORI e DIELETTRICI Conduttoi in campo elettico Polaizzazione della mateia Vettoe polaizzazione Vettoe spostamento elettico Suscettività elettica Capacità Condensatoi Enegia

Dettagli

Fisica Generale II con Laboratorio. Lezione - 3

Fisica Generale II con Laboratorio. Lezione - 3 Fisica Geneale II con Laboatoio Lezione - 3 Richiami - I Riassunto leggi della meccanica: Leggi di Newton 1) Pincipio di inezia Esistono sistemi di ifeimento ineziali (nei quali un copo non soggetto a

Dettagli

Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008

Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008 Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008 Chi ecupea il pimo compitino fa il pimo esecizio in due oe Chi ecupea il secondo compitino fa gli ultimi due esecizi in due oe Chi non ecupea fa le pime 4 domande del

Dettagli

Massa è governata dalla legge di Newton: mm R. Q è governata invece dalla legge di Coulomb: R 1

Massa è governata dalla legge di Newton: mm R. Q è governata invece dalla legge di Coulomb: R 1 LTTROSTTIC Studia le inteazioni ta caiche elettiche feme ispetto all ossevatoe. Deiva dal nome geco dell amba (elekton) che, una volta stofinata, acuista la popietà di attae copi leggei. L inteazione implica

Dettagli

Elettrostatica. di Daniele Gasparri

Elettrostatica. di Daniele Gasparri lettostatica di Daniele Gaspai Indice: - Legge di Coulomb - Sistema di caiche puntifomi 5 - Distibuzioni continue di caiche 7 - Il campo elettico - Flusso del campo elettico e legge di Gauss - Potenziale

Dettagli

M.T., M.T.T. Appunti di Fisica per Scienze Biologiche Vers /09/2005

M.T., M.T.T. Appunti di Fisica per Scienze Biologiche Vers /09/2005 MT, MTT Appunti di Fisica pe Scienze iologiche Ves 4 /9/5 L Elettostatica costituenti elementai della mateia possiedono, olte alla massa, la caica elettica La caica elettica si misua in oulomb () ed il

Dettagli

Problema generale dell elettrostatica

Problema generale dell elettrostatica Poblema geneale dell elettostatica Deteminae il campo elettico in tutto lo spazio uando pe M conduttoi sono fissati i potenziali e pe i imanenti N sono note le caiche possedute Nello spazio esteno ai conduttoi

Dettagli

Effetto delle Punte e problema dell elettrostatica

Effetto delle Punte e problema dell elettrostatica Effetto delle Punte e poblema dell elettostatica 4 4 R Q R Q πε πε / / R R R R E E Effetto delle punte E L effetto paafulmine E E E R R Nel caso del paafulmine, R 6 Km è il aggio di cuvatua della supeficie

Dettagli

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h =

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h = QUESITI 1 GEOMETRI ELEMENTRE 1. (Da Veteinaia 015) Le diagonali (ossia le linee che uniscono i vetici opposti) di un ombo misuano ispettivamente 4 cm e 8 cm. Qual è il peimeto del ombo in cm? a) 8 3 b)

Dettagli

Campo magnetico: concetti introduttivi

Campo magnetico: concetti introduttivi Appunti di Fisica II Campo magnetico: concetti intoduttivi Intoduzione ai fenomeni magnetici...1 Azione dei magneti su caiche elettiche in moto... Foza di Loentz...5 Selettoe di velocità...5 Invaianza

Dettagli

LEZIONE 09 MOMENTO DI UNA FORZA Torque

LEZIONE 09 MOMENTO DI UNA FORZA Torque LEZIONE 09 OENO DI UNA ORZA oque Nella dinamica del punto mateiale, fissata la massa e la foa, si deduce una sola acceleaione lineae. Nelle otaioni, la stessa foa applicata sulla stessa massa, può invece

Dettagli

Moto di puro rotolamento

Moto di puro rotolamento oto-taslaione di un copo igido di seione cicolae (disco,cilindo,sfea) su di un piano, pe il quale il punto (o i punti) di contatto ta il copo ed il piano è femo ispetto a questo ( non vi è stisciamento

Dettagli

Q AB = Q AC + Q CB. liquido vapore. δq AB = δq AC + δq CB. δq = c x dt + r dx. Le 5 espressioni del δq nel campo dei vapori saturi

Q AB = Q AC + Q CB. liquido vapore. δq AB = δq AC + δq CB. δq = c x dt + r dx. Le 5 espressioni del δq nel campo dei vapori saturi Le 5 espessioni del Q nel campo dei vapoi satui A C K B Consideiamo la tasfomazione AB che si svolge tutta all inteno della campana dei vapoi satui di una sostanza qualsiasi. Supponiamo quindi di andae

Dettagli

INTERAZIONE E DISTANZA

INTERAZIONE E DISTANZA Il campo elettico Le caiche elettiche inteagiscono a distana: nelle inteaioni fondamentali si manifestano foe ta copi sena che gli stessi vengano a contatto ta loo: le foe gavitaionali e anche le foe elettiche

Dettagli

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli.

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli. D4. Ciconfeenza D4.1 Definizione di ciconfeenza come luogo di punti Definizione: una ciconfeenza è fomata dai punti equidistanti da un punto detto cento. La distanza (costante) è detta aggio. Ci sono due

Dettagli

Fenomeni elettrici. I primordi

Fenomeni elettrici. I primordi enomeni elettici. I pimodi già gli antichi Geci ossevaono fenomeni di «elettizzazione», ad es. dell amba «ελεκτρον» Questi studi fuono ipesi in modo sistematico dagli «eletticisti» del XVIII- La mateia

Dettagli

Corso di Laurea in INGEGNERIA ELETTRONICA. Modulo (6 CFU) di FISICA GENERALE II. FISICA GENERALE II Premessa

Corso di Laurea in INGEGNERIA ELETTRONICA. Modulo (6 CFU) di FISICA GENERALE II. FISICA GENERALE II Premessa UNIVSITÀ DI NAPOI FDICO II FACOTÀ DI INGGNIA a.a. /4 Coso di auea in INGGNIA TTONICA Modulo (6 CFU) di FISICA GNA II Docente: F. loisi! # --- queste note sono epeibili sul sito http://people.na.infn.it/~bloisi

Dettagli

Regola di Ruffini - Wikipedia

Regola di Ruffini - Wikipedia Pagina 1 di 7 Regola di Ruffini Da Wikipedia, l'enciclopedia libea. In matematica, la egola di Ruffini pemette la divisione veloce di un qualunque polinomio pe un binomio della foma x a. È stata descitta

Dettagli

Interazioni di tipo elettrico

Interazioni di tipo elettrico INGGNRIA GSTIONAL coso di Fisica Geneale Pof.. Puddu Inteazioni di tipo elettico 1 L'elettizzazione Dei pimi semplici espeimenti foniono le caatteistiche di una popietà della mateia chiamata elettizzazione.

Dettagli

Corso di Progetto di Strutture. POTENZA, a.a Le piastre anulari

Corso di Progetto di Strutture. POTENZA, a.a Le piastre anulari Coso di Pogetto di Stuttue POTENZA, a.a. 3 Le piaste anulai Dott. aco VONA Scuola di Ingegneia, Univesità di Basilicata maco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ LE PIASTE CICOLAI CAICATE ASSIALENTE

Dettagli

LIBRO DI TESTO S.Melone, F.Rustichelli Introduzione alla Fisica Biomedica Libreria Scientifica Ragni Ancona, 1998

LIBRO DI TESTO S.Melone, F.Rustichelli Introduzione alla Fisica Biomedica Libreria Scientifica Ragni Ancona, 1998 LIBRO DI TESTO S.Melone, F.Rustichelli Intoduzione alla Fisica Biomedica Libeia Scientifica Ragni Ancona, 1998 TESTO DI CONSULTAZIONE E WEB F.Bosa, D.Scannicchio Fisica con Applicazioni in Biologia e Medicina

Dettagli

7. Campo magnetostatico

7. Campo magnetostatico 7. Campo magnetostatico 7.1 Aspetti fenomenologici Inteazioni (attattive e epulsive) ta magneti (magnetite) In ogni magnete si possono individuae due poli che chiamiamo polo + (nod) e polo - (sud) Due

Dettagli

1. Interazioni elettrostatiche

1. Interazioni elettrostatiche FISICA Elettostatica 9. Inteazioni elettostatiche. Alcuni fatti speimentali Pime definizioni di caica elettica L amba è una sostanza, che, stofinata con un pezzo di stoffa, acquista la popietà di attae

Dettagli

Elettrostatica m. Il nucleo è a sua volta composto da altri

Elettrostatica m. Il nucleo è a sua volta composto da altri Elettostatica La caica elettica Ta tutti i tipi di foza che abbiamo incontato in meccanica, solo la foza peso e uella di gavitazione univesale deivano dalla popietà delle masse di attiae alte masse. Tutte

Dettagli

Vista dall alto. Vista laterale. a n. Centro della traiettoria

Vista dall alto. Vista laterale. a n. Centro della traiettoria I poblema Un ciclista pedala su una pista cicolae di aggio 5 m alla velocità costante di 3.4 km/h. La massa complessiva del ciclista e della bicicletta è 85.0 kg. Tascuando la esistenza dell aia calcolae

Dettagli

Il magnetismo. Il Teorema di Ampere: la circuitazione del campo magnetico.

Il magnetismo. Il Teorema di Ampere: la circuitazione del campo magnetico. Il magnetismo Il Teoema di Ampee: la cicuitazione del campo magnetico. Richiamiamo la definizione geneale di cicuitazione pe un campo vettoiale Definizione: si definisce cicuitazione di un campo vettoiale

Dettagli

7. LA DINAMICA Primo principio della dinamica Secondo principio della dinamica.

7. LA DINAMICA Primo principio della dinamica Secondo principio della dinamica. 7. LA DINAMICA Ta la foza applicata ad un copo e il moto che essa povoca esistono dei appoti molto stetti che sono studiati da una banca della fisica: la dinamica. Lo studio della dinamica si è ilevato

Dettagli

STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneia I Anno accademico xxxx/xxxx Coso di COSTRUZIONE DI MACCHINE Elettix1 STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI

Dettagli

I 0 Principio o legge d inerzia: un corpo non soggetto ad alcuna sollecitazione esterna mantiene il suo stato di quiete o di moto rettilineo uniforme

I 0 Principio o legge d inerzia: un corpo non soggetto ad alcuna sollecitazione esterna mantiene il suo stato di quiete o di moto rettilineo uniforme Le leggi Newtoniane del moto Le foze sono vettoi I 0 Pincipio o legge d inezia: un copo non soggetto ad alcuna sollecitazione estena mantiene il suo stato di quiete o di moto ettilineo unifome Moto acceleato:

Dettagli

FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 5

FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 5 8360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 014/15 Poblemi dal libo di testo: D. Giancoli, Fisica, a ed., CEA Capitolo 5 Poblema 1 Un bimbo su una giosta si muove con una velocità di 1.5 m/s quando è a 1.10 m dal

Dettagli

Moto su traiettorie curve: il moto circolare

Moto su traiettorie curve: il moto circolare Moto su taiettoie cuve: il moto cicolae Così come il moto ettilineo è un moto che avviene lungo una linea etta, il moto cicolae è un moto la cui taiettoia è cicolae, cioè un moto che avviene lungo una

Dettagli

IL CAMPO ELETTRICO... 2 Il campo elettrico e la legge di Coulomb... 2 Vettore spostamento elettrico... 4

IL CAMPO ELETTRICO... 2 Il campo elettrico e la legge di Coulomb... 2 Vettore spostamento elettrico... 4 Appunti di Campi lettomagnetici Capitolo pate I lettostatica IL CAMPO LTTRICO... Il campo elettico e la legge di Coulomb... Vettoe spostamento elettico... 4 Richiami sull induzione elettica... 5 Vettoe

Dettagli

Misura della componente orizzontale del campo magnetico terrestre

Misura della componente orizzontale del campo magnetico terrestre Misua della componente oizzontale del campo magnetico teeste Pemessa teoica In tale pemessa vengono sintetizzati i peequisiti che si itengono indispensabili pe l'esecuzione e la compensione dell'espeienza

Dettagli

TEORIA DELLA GRAVITAZIONE

TEORIA DELLA GRAVITAZIONE LEGGI DI KEPLEO EOI DELL GVIZIONE Dopo la ivoluzionaia teoia eliocentica del monaco polacco Copenico, Giovanni Kepleo fomulò te leggi a coeggee e miglioae ulteiomente il modello copenicano. Egli è infatti

Dettagli

Le equazioni di Maxwell.

Le equazioni di Maxwell. Le equazioni di Maxwell. Campi elettici indotti. Pe la legge di Faady, in una spia conduttice dove c è una vaiazione di Φ concatenato si osseva una coente indotta i. Ricodando che una coente è un flusso

Dettagli