EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS"

Transcript

1 EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel , Cambiamenti climatici e inquinamento ambientale La terra, nel corso della sua storia, ha subito diverse variazioni climatiche, alcune anche di eccezionali proporzioni, che si sono verificate principalmente per cause naturali. Negli ultimi secoli tali cambiamenti sono stati caratterizzati da una forte accelerazione dei fenomeni, tanto che gran parte del mondo scientifico internazionale concorda nel sostenere che il clima della Terra sia influenzato, oltre che da cause naturali, anche da cause antropiche e principalmente dalle emissioni di gas dovute all uso di combustibili fossili per la produzione di energia e per i trasporti. Negli ultimi anni infatti si è assistito ad un aumento della concentrazione nell atmosfera di questi gas, soprannominati gas ad effetto serra, fra cui l anidride carbonica (CO 2 ), il metano (CH 4 ), il protossido di azoto (N 2 O), l esafluoruro di zolfo (SF 6 ), gli idrofluorocarburi (HCFs) ed i perfluorocarburi (PFCs), l ozono troposferico (O 3 ) ed i suoi precursori. Tra questi, il gas climalterante più importante in termini di emissioni è la CO 2, costituendo oltre l'80% delle emissioni di tutti gli altri gas. Parallelamente si è assistito all accentuazione di vari fenomeni, fra cui il noto effetto serra, fattore principale del surriscaldamento del pianeta. Delle problematiche inerenti il risparmio energetico si è cominciato a parlare dopo la crisi energetica del 1973, dovuta alla così detta guerra del Kippur (guerra del golfo fra paesi Arabi ed Israele), che ha portato alla ribalta mondiale il problema delle risorse energetiche in via di esaurimento. In quegli anni si sviluppò infatti la convinzione che l umanità fosse entrata in una fase storica in cui, irrimediabilmente, lo sviluppo tecnologico-industriale avrebbe determinato un progressivo esaurimento della fonte di energia su cui esso più si fondava: il petrolio. I tagli sulle forniture di petrolio alle nazioni industrializzate dipendenti dai paesi Arabi e l ascesa dei suoi prezzi fu interpretata come il primo indice della scarsità delle risorse non rinnovabili e della pericolosa dipendenza dei paesi dell occidente dagli stati dell OPEC. Attualmente, in seguito alla scoperta di nuovi giacimenti ed all introduzione di nuove tecnologie estrattive, il problema del risparmio energetico parte da una preoccupazione diversa, non più l esaurimento delle risorse non rinnovabili, ma l inquinamento ambientale e le problematiche dei cambiamenti climatici dovuti alle emissioni di CO 2 e degli altri gas serra. Per rispondere alle problematiche sui cambiamenti climatici di origine antropica, nel 1988 l ONU istituisce l Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC). Nel 1991 iniziano le trattative per la preparazione di un trattato mondiale inerente il problema dei gas serra, che porteranno alla Conferenza del 1997 a Kyoto, durante la quale viene firmato il cosiddetto Protocollo di Kyoto, un atto che prevede limiti alle emissioni di gas serra nei 39 paesi che hanno aderito all accordo, per giungere agli obiettivi prefissati tra il 2008 ed il L Unione Europea ha firmato il protocollo il 29 aprile 1998 e lo ha ratificato definitivamente il 4 marzo 2002 con l impegno di ridurre le emissioni di gas serra dell 8% tra il 2008 e il In Italia la ratifica del protocollo di Kyoto è avvenuta con legge 120 del 1 giugno 2002 con l'obiettivo di riduzione delle emissioni dei gas serra del 6,5% entro il Tra i paesi dell UE, la maggiore quantità di CO 2 è emessa dalla Germania, seguita dal Regno Unito, dall Italia e dalla Francia. Nell UE tra il 1990 ed il 2001 le emissioni di gas serra sono complessivamente diminuite di circa il 2,3% ed i paesi che hanno ottenuto i migliori risultati sono stati la Germania (-141Mt) e il Regno Unito (-24Mt), grazie soprattutto alla sostituzione del carbone con il gas naturale, mentre l Italia, con emissioni crescenti dal 1990 ad oggi (+34Mt), appare lontana dall obiettivo di riduzione assunto formalmente; appare quindi urgente soprattutto nel nostro paese mettere in atto politiche capaci di diminuire la crescita delle emissioni dal settore energetico.

2 2. Consumi energetici Nel 2002 i consumi mondiali di energia primaria sono aumentati del 2,6% rispetto al La composizione per fonti dei consumi di energia primaria nei paesi dell UE mette in luce la grande importanza del petrolio (42%), seguito da gas naturale (24%), energia nucleare (14%) e carbone (14%); la parte restante del fabbisogno (6%) è di produzione idroelettrica. In Italia dal 1995 ad oggi il consumo interno lordo di energia è andato sempre aumentando. Il consumo di prodotti petroliferi è nel 2002 diminuito a favore del gas naturale, mentre i consumi di carbone sono aumentati soprattutto nei mesi estivi, per l aumento della produzione termoelettrica per rispondere alla richiesta di energia elettrica per il raffrescamento estivo. La dipendenza energetica dell Italia è andata sempre più crescendo negli anni, passando dall 81% nel 1995 all 84,3% nel 2002, e riguarda sia il petrolio che il gas naturale che i combustibili solidi. L analisi dei consumi energetici italiani per macro settori d uso mette in evidenza, relativamente all anno 2002, l importanza del settore dei trasporti (31% dei consumi totali) e di quello civile (30%), seguiti dal settore industriale (29,1%) e da quello dell agricoltura (2,5%). Ciò dimostra come i nostri edifici siano dei veri e propri divoratori di energia. Analizzando i consumi energetici del settore civile (residenziale e terziario) per tipologia di fonte emerge come il gas naturale continui a soddisfare più della metà della domanda di energia del settore (51,9%), seguito dall energia elettrica (27,7%), dai combustibili liquidi (17,7%), dalle rinnovabili (2,5%) e dai combustibili solidi (0,2%). Per quanto riguarda la ripartizione dei consumi energetici del settore civile anche nel 2002 il residenziale ha assorbito circa il 70% della domanda e il terziario il restante 30%. 6% 14% riscaldamento acqua calda sanitaria 12% 68% usi cucina usi elettrici Figura 1 Consumi energetici nel settore residenziale in Italia L elevata incidenza dei consumi per riscaldamento rispetto ai consumi totali del residenziale (figura 1) è da attribuire prevalentemente alle caratteristiche degli involucri degli edifici: i due terzi delle nostre abitazioni sono di costruzione anteriore alla legge 373/1976 ed una percentuale analoga non subisce interventi di manutenzione straordinaria da almeno vent anni. Un contributo al contenimento dei consumi per riscaldamento è dato invece dalla mitezza del clima: le abitazioni italiane, infatti, nonostante la scarsa qualità degli involucri, si caratterizzano fra quelle dei Paesi sviluppati, ad eccezione del Giappone, per il minor consumo energetico per riscaldamento per m 2. I medesimi consumi, depurati dalla componente climatica, portano l Italia ai valori più alti nella graduatoria dei consumi specifici. 3. Evoluzione energetica degli edifici Da questo panorama si può evincere come un ruolo importante nella tutela dell ambiente e nella riduzione dei consumi energetici può essere svolto dal settore delle costruzioni, e in particolare dal risparmio e dall efficienza energetica delle abitazioni, nonché dall uso di fonti energetiche rinnovabili. Al tal fine, gli interventi progettuali dovrebbero essere orientati in una rivalutazione delle prestazioni dell involucro integrate con quelle dell impianto, nell ottica irrinunciabile della progettazione integrata del sistema edificio-impianto, il cui progetto deve essere sviluppato tenendo conto dei fattori ambientali e tipologici, e dove l involucro si riappropria della primaria

3 funzione protettiva dal clima, mentre nel contempo l impianto è chiamato a svolgere una funzione di supporto e di regolazione dei flussi energetici. L involucro edilizio costituisce la superficie di controllo che delimita il sistema termodinamico edificio, ed ha la funzione di controllare i flussi di energia e massa al fine di garantire le condizioni di comfort negli ambienti confinati, contenendo nel contempo i consumi energetici e gli impatti dell ambiente esterno. L'involucro edilizio nel tempo ha subito una lenta evoluzione sia per quello che riguarda i materiali che la tipologia costruttiva utilizzata, passando da una semplice chiusura con funzioni di protezione, a dispositivo per lo sfruttamento delle energie naturali ed elemento tecnologico di mediazione tra l'ambiente esterno e quello interno cui viene demandato in parte anche il controllo e la regolazione del microclima indoor e che partecipa attivamente a garantire adeguate condizioni di comfort termoigrometrico e di qualità dell aria interne, nonché di risparmio energetico. Alla protezione offerta dall involucro, fino dall antichità, si sono affiancati sistemi di controllo microclimatico atti a creare condizioni ambientali interne quanto più confortevoli possibile. Con la rivoluzione industriale e l evoluzione delle conoscenze scientifiche e tecniche e ancora più con l avvento dell architettura moderna, l involucro edilizio rinuncia progressivamente alla sua funzione strutturale, diventando facciata libera così come la definisce nel 1926 Le Corbusier nei cinque punti della nuova architettura. Da allora, l involucro comincia a perdere gran parte della funzione di regolatore dei flussi termici che viene affidata pressoché totalmente all impianto di climatizzazione, cui viene inoltre demandato il controllo ed il mantenimento all interno di ogni singolo ambiente di adeguate condizioni termoigrometriche e di ventilazione. Dopo la crisi petrolifera dei primi anni settanta si intensificano le ricerche nel campo dell architettura bioclimatica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili, con la conseguente rivalutazione dell involucro edilizio ai fini dell isolamento termico e del contenimento delle dispersioni energetiche; parallelamente aumenta la tenuta all aria dell edificio con conseguente riduzione dei ricambi d aria e l inizio dei problemi legati all IAQ. Successivamente, alle problematiche inerenti l esaurimento delle risorse energetiche non rinnovabili, si aggiunge una preoccupazione diversa e cioè l inquinamento ambientale e le problematiche dei cambiamenti climatici dovuti ad effetti antropici, ed alla fine degli anni 80 si comincia a parlare di sviluppo sostenibile, definito come uno sviluppo che soddisfi i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere le possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri. Grazie soprattutto alle norme sul risparmio energetico degli anni novanta, che pongono particolare attenzione non solo alla corretta progettazione termofisica dell involucro edilizio, ma anche alla ventilazione degli ambienti interni, la ulteriore rivalutazione dell involucro porta una innovazione nella concezione dello stesso, che diventa così un componente a comportamento dinamico interattivo, così detto intelligente, per mezzo di soluzioni che non sono più quelle essenziali e tradizionali, ma sono tali e così tante da costituire a volte il vero soggetto protagonista dell involucro. Si diffondono, così, tipologie di pareti del tutto innovative, dotate di una propria autonoma funzionalità energetica (Institute du Monde Arabe a Parigi di Jean Nouvel, 1987), le facciate a schermo avanzato, anche ventilate (anche con funzione di pretrattamento dell aria o di recupero di calore dall aria esausta), e le pareti integrate con pannelli solari e/o fotovoltaici (Accademia dell Emscher Park Herne Sodingen di Françoise Jourda e Gilles Perraudin, ), che non sono più impianti semplicemente addossati all edificio, ma diventano elementi architettonici con diversi compiti: produrre energia dal sole, caratterizzare architettonicamente l edificio ed impedire il surriscaldamento estivo degli ambienti. Le recenti tendenze degli anni novanta sono quindi caratterizzate da un involucro ibrido, dove le tecnologie edilizie e le tecnologie impiantistiche diventano fra loro complementari, e ricco di sistemi di regolazione e controllo (edifici del BRE a Garston, palazzina I Guzzini a Recanati, Mediå School in Norvegia, edificio dell IVEG nei pressi di Bruxelles, edificio della De Montfort University a Leicester, ecc.). Nell ultimo decennio, a seguito dell evoluzione legislativa e normativa nel settore energetico ambientale e grazie anche alle molte sperimentazioni e progetti di ricerca (progetti europei

4 Annex 35 HybVent e Reshvent, sul tema della ventilazione ibrida; progetto europeo CEPHEUS sul tema degli edifici passivi; ecc.), si è assistito ad una rapida evoluzione delle strategie di controllo del microclima e dei sistemi impiantistici negli edifici, nonché ad una parallela evoluzione delle caratteristiche tipologiche e delle tecnologie costruttive dell involucro edilizio che ha necessariamente visto la nascita di nuovi modelli costruttivi di edifici definiti da elevati livelli prestazionali sia dal punto di vista energetico che della sostenibilità ambientale, ponendosi il duplice obiettivo di avere il minore impatto possibile sull ambiente (minimizzando le emissioni di inquinanti e lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili) e di implementare la qualità ambientale interna globale (comfort termoigrometrico, acustico, illuminotecnico e respiratorio olfattivo). Attualmente per definire energeticamente gli edifici si usa un indicatore che rappresenta il consumo annuale di energia riferito alla superficie di edificio riscaldata ed espresso in kwh/m 2 a. Tale parametro in genere si riferisce all energia consumata per il riscaldamento invernale relazionata alla superficie netta dei locali riscaldati, perché, nella maggior parte dei paesi europei, il riscaldamento occupa il primo posto dei consumi energetici in un edificio residenziale; ovviamente in paesi caratterizzati da estati molto calde si dovrebbe considerare anche l energia consumata per il raffrescamento estivo. Sulla base di tale indicatore, è possibile classificare energeticamente gli edifici e suddividerli nelle seguenti categorie, in funzione dei consumi di energia per il riscaldamento (figura 2): - edifici di vecchia costruzione non adeguati alle norme sul risparmio energetico; - edifici di recente costruzione adeguati alle norme sul risparmio energetico; - edifici a basso consumo energetico; - edifici passivi; - edifici a consumo energetico zero, che producono cioè l energia che consumano; - plusenergiehaus, cioè edifici che, producendo più energia di quella necessaria al proprio fabbisogno, sono in grado di immettere in rete il surplus prodotto. Figura 2 - Consumi energetici di diversi standard edilizi a confronto consumi in kwh/m2anno vecchia costruzione recente costruzione (post L10/91) edificio a basso consumo edificio passivo plusenergie haus riscaldamento acqua calda sanitaria energia elettrica (usi domestici) energia elettrica (ventilazione) totale Edifici ad alta efficienza energetica sono da considerare solo gli edifici a basso consumo energetico, gli edifici passivi, gli edifici a consumo energetico zero e le plusenergiehaus. In tali edifici le prestazioni energetiche dei componenti l involucro e l efficienza dei componenti impiantistici raggiungono livelli così elevati da ridurre notevolmente i consumi annui di energia per il riscaldamento. Gli edifici a basso consumo energetico sono caratterizzati da un consumo energetico per il riscaldamento, variabile a seconda delle diverse normative, in genere compreso fra 25 e 70 kwh/m 2 a. Un edificio a basso consumo energetico è in genere caratterizzato principalmente

5 da una forma compatta, per limitare le superfici disperdenti, da un involucro opaco e trasparente termicamente ben isolato, secondo un filosofia non dissipativa, da sistemi bioclimatici per lo sfruttamento passivo (ampie superfici finestrate a sud, serre, sistemi di controllo dell irraggiamento solare, ecc.) ed attivo (collettori solari per la produzione di acqua calda, pannelli fotovoltaici per produrre energia elettrica, ecc.) dell energia solare, da efficienti sistemi di ventilazione meccanica degli ambienti e/o di climatizzazione che utilizzino fonti energetiche rinnovabili. In alcuni paesi europei (Svezia, Germania, Svizzera, ecc.) gli standard delle case a basso consumo energetico sono obbligatori per tutti i nuovi edifici. In Europa fra le esperienze più interessanti in tema di edifici a basso consumo energetico si possono ricordare i quartieri di Kronsberg, di Vienna, di Saarbrucken, BedZed di Londra, Vauban di Friburgo, ecc. In questa categoria di edifici rientrano per esempio lo standard energetico svizzero Minergie, nonché gli standard della Provincia Autonoma di Bolzano CasaClima A, B e C, caratterizzati rispettivamente da un indice energetico 30, 50 e 70 kwh/m 2 a. Il concetto della passivhaus tedesca (letteralmente casa passiva ), termine che deriva dal fatto che l edificio è in grado di riscaldarsi pressoché da solo riducendo notevolmente i consumi energetici, è stato ideato nel 1988 dal prof. Wolfang Feist che, grazie ad un contributo finanziario del Ministero per l Economia della Regione tedesca dell Assia, ha realizzato quello che è stato il primo edificio passivo, un complesso di case a schiera a tre piani costruito a Darmstadt Kranichstein nel 1990, dove i consumi di energia sono risultati inferiori del 90% di quelli di una casa tradizionale. Dopo questa prima esperienza positiva, la realizzazione di edifici passivi si è intensificata e nel 1996 è stato fondato il Passivhausinstitut (PHI) di Darmstadt, un istituto di ricerca e sperimentazione che si occupa dell'analisi, dello sviluppo e della certificazione di edifici passivi. In ambito europeo si può dire che il principale livello prestazionale energetico richiesto dal PHI ad un edificio passivo consiste in un fabbisogno energetico per riscaldamento invernale non superiore a 15 kwh/m 2 all anno (e fabbisogno di energia utile compresi altri usi domestici non superiore a 42 kwh/m 2 all anno). Ciò significa che, se fino agli anni 90 si consumavano per m 2 di appartamento circa 30 litri di gasolio l anno, con gli edifici a basso consumo energetico si è potuti arrivare da 3 a 7 litri e, con gli edifici passivi, addirittura a circa 1,5 litri. Le caratteristiche più importanti di un edificio passivo sono principalmente un involucro esterno altamente isolato, realizzato senza ponti termici e a tenuta all'aria, e un impianto di climatizzazione non convenzionale ed altamente efficiente in grado di assicurare un adeguato ricambio d aria agli ambienti, privilegiando sistemi di recupero del calore e l uso di fonti di energia rinnovabili. Il termine edificio passivo non va confuso con il termine di edificio solare o edificio solare passivo; infatti mentre il primo indica, almeno nell Europa centrale, un preciso standard energetico, i secondi indicano edifici che ricadono nella categoria più ampia dell architettura bioclimatica, che sfruttano l energia solare in maniera passiva per il riscaldamento, senza però rispondere ad alcun limite energetico prestazionale. Attualmente esistono in Europa migliaia edifici passivi, di diverse tipologie costruttive e con diversa destinazione d uso: villette, case a schiera, condomini, ma anche edifici ad uso industriale e del terziario. Anche in Italia negli ultimi anni, soprattutto al nord, sono stati costruiti molti edifici passivi, che si distinguono dall esempio europeo per l utilizzo di materiali, tecnologie e sistemi costruttivi più vicini alla tradizione italiana e ad un clima più mediterraneo (legno, laterizio, pietra, ecc.), rappresentando un valido esempio di alte prestazioni energetico ambientali. Note Bibliografiche - ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2003, Alfano,G.,Raffellini, G. & Masoero, M., 2001, La ventilazione naturale e controllata attraverso gli elementi di involucro, in Atti del Convegno AICARR Progettare l involucro edilizio: correlazioni tra il sistema edificio e i sistemi impiantistici, pp C. Carletti, G. Cellai, G. Raffellini, F. Sciurpi, S. Secchi, Sulle prestazioni del sistema edificio-impianto: dagli edifici tradizionali a quelli passivi, Atti Congresso Climamed, Lisbona, C. Carletti, G. Gantioler, F. Nardi, G. Raffellini, F. Sciurpi, Problematiche e sviluppi degli edifici passivi in area mediterranea, Atti Convegno Internazionale AICARR Impianti, edificio, città: integrazione e nuove visioni di progetto e di gestione, Milano, 2004.

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia

Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia Qualche accorgimento fondamentale per risparmiare energia... Perdite di energia causate da: mancanza dell isolamento termico del tetto, mancanza

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Corso ENERGY MANAGER Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Reggio Calabria 09 giugno 2009 Ripartizione del fabbisogno energetico In Europa i consumi complessivi di energia

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

L E R E S I D E N Z E D E L D O S S O

L E R E S I D E N Z E D E L D O S S O L E R E S I D E N Z E D E L D O S S O REALIZZAZIONE DI NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI SOSTENIBILI A EMISSIONI ZERO VIA DELLE MARASCHE VIA XXV APRILE L intervento immobiliare che si intende sviluppare sulle

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA FONDAZIONE PASQUALE ED OLGA PEZZINI ONLUS

RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA FONDAZIONE PASQUALE ED OLGA PEZZINI ONLUS RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA via Comparini Viareggio (LU) FONDAZIONE PASQUALE ED OLGA PEZZINI ONLUS CHE COS È UNA CASA PASSIVA? Una Casa Passiva si distingue per altissimi livelli di qualità di vita,

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

Evoluzione legislativa

Evoluzione legislativa Evoluzione legislativa EVOLUZIONE LEGISLATIVA Il futuro destino dell Europa in materia di salvaguardia dell ambiente si gioca sul successo delle politiche di contenimento dei consumi energetici e di sviluppo

Dettagli

Comfort termico e risparmio energetico nelle case in legno

Comfort termico e risparmio energetico nelle case in legno Atti del Convegno promo_legno Napoli, 8 aprile 2011 Comfort termico e risparmio energetico nelle case in legno Erlacher Peter Naturno (BZ) Fisica tecnica & Edilizia sostenibile w w w.erlacher-peter.it

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design Fundamentals (MF) Exercises (ME) Applications (MA) Caratteristiche e comportamento dei

Dettagli

di Torino A G E N Z I A E N E R G I A E A M B I E N T E Regolamenti edilizi comunali e promozione dell uso razionale dell energia.

di Torino A G E N Z I A E N E R G I A E A M B I E N T E Regolamenti edilizi comunali e promozione dell uso razionale dell energia. A G E N Z I A E N E R G I A E A M B I E N T E di Torino Regolamenti edilizi comunali e promozione dell uso razionale dell energia. Alcuni esempi di buona pratica. 1 Le analisi a livello europeo dimostrano

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari.

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari. SOLARE TERMICO Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311 Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche Impianti solari Offerta V Via Kennedy, 7 25028 Verolanuova(BS) Tel. +39 030 931167 Fax 030

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Corso di formazione per tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici ai sensi del DPR 75/2013 e smi

Corso di formazione per tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici ai sensi del DPR 75/2013 e smi Corso di formazione per tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici ai sensi del DPR 75/2013 e smi AVVERTENZA L ed il Collegio dei Geometri di Prato sono in attesa di ricevere l autorizzazione

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Certificazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Il Vostro Certificato CasaClima

Il Vostro Certificato CasaClima Il Vostro Certificato CasaClima Cos'è il Certificato CasaClima? Il certificato energetico CasaClima è un documento che attesta le caratteristiche energetiche, la sostenibilità e la qualità di un edificio,

Dettagli

Certificazione energetica: situazione ed evoluzione

Certificazione energetica: situazione ed evoluzione Certificazione energetica: situazione ed evoluzione Il contributo dell industria del PVC Marco Piana Centro di Informazione sul PVC 2 3 4 5 6 7 8 9 Commenti 1. Certificazione energetica E evidente che

Dettagli

WORKSHOP CHI SIAMO CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012

WORKSHOP CHI SIAMO CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012 WORKSHOP CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012 CHI SIAMO 2006 Nasce per iniziativa della Provincia di Udine e della Commissione Europea Struttura

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI

GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI 1 La sfida? È orientare verso costruzioni sostenibili! 2 Lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

SOLUZIONI ECOLOGICHE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI DI RISCALDAMENTO Peter Erlacher

SOLUZIONI ECOLOGICHE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI DI RISCALDAMENTO Peter Erlacher inbioedilizia 3 SOLUZIONI ECOLOGICHE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI DI RISCALDAMENTO Peter Erlacher Casa Zipperle All interno del proprio rifugio domestico, la qualità della vita è un valore acquisibile

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002

Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002 1 Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002 Un edificio passivo può ricorrere al terreno per far fronte alle esigenze termiche

Dettagli

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico Installazione del sistema solare termico L installazione dei pannelli solari è possibile in tutti gli edifici ed le abitazioni, dalle villette agli edifici plurifamiliari o nei condomini. L installazione

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

La Gestione Energetica degli Edifici: Prospettive Soluzioni Costi Proposte

La Gestione Energetica degli Edifici: Prospettive Soluzioni Costi Proposte ARPA Lombardia La Gestione Energetica degli Edifici: Prospettive Soluzioni Costi Proposte Sergio Zabot Centro Congressi Palazzo delle Stelline - M I L A N O 11 Novembre 2004 Sommario Ricerca: Criteri per

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Serre bioclimatiche con sistemi in PVC

Serre bioclimatiche con sistemi in PVC Serre bioclimatiche con sistemi in PVC Le serre nascono come luoghi ideali per la coltivazione di piante e fiori, già a partire dai giardini babilonesi e in seguito romani. In Inghilterra, dal XVI secolo,

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile.

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile. AGENZIA CASACLIMA L Agenzia CasaClima di Bolzano è un ente pubblico che si occupa della certificazione energetica e ambientale degli edifici, sia di nuova costruzione che risanati, e della formazione degli

Dettagli

CASA A BASSO CONSUMO : BUSINESS, MODA O NECESSITA'?

CASA A BASSO CONSUMO : BUSINESS, MODA O NECESSITA'? CASA A BASSO CONSUMO : BUSINESS, MODA O NECESSITA'? Ing. Vetturi Leonardo l.vetturi@lape.it www.lape.it CASA 3 LITRI EDIFICIO IL CUI FABBISOGNO ENERGETICO ANNUO PER m 2 DI SUPERFICIE ABITABILE E' 30 KWh

Dettagli

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Relatore: Ing. Raffaela Fontana PO Attuazione del PEAR ed Efficienza Energetica Giunta Regione Marche Convegno su EDIFICI A ENERGIA QUASI

Dettagli

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri CasaClima Efficienza energetica rispettando l ambiente Norbert Lantschner, direttore dell Ufficio provinciale Aria e Rumore della Provincia Autonoma di Bolzano e coordinatore del progetto CasaClima Petrolio

Dettagli

Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale

Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale Bologna ospita l innovazione sostenibile. In piazza un modello di casa che non consuma* (classe A) Farà tappa anche a Bologna la MISE, mostra

Dettagli

FIERA DEL LEVANTE BARI 24 aprile 2004 ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico. TEP s.r.l.

FIERA DEL LEVANTE BARI 24 aprile 2004 ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico. TEP s.r.l. FIERA DEL LEVANTE BARI 24 aprile 2004 ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed Acustico TEP s.r.l. Ing. Sergio Mammi Presidente Associazione Nazionale per l Isolamento Termico ed acustico

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

A.1 Energetica dell edificio

A.1 Energetica dell edificio La singola casa assume valore quando è inserita in modo sinergico nel quartiere, per far questo occorre comprendere le dinamiche energetiche che si sviluppano e le potenzialità delle singole costruzioni.

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

Forum SACERT dell Energia. NZEB: l edificio a energia quasi zero. Giuliano Dall O SACERT Politecnico di Milano

Forum SACERT dell Energia. NZEB: l edificio a energia quasi zero. Giuliano Dall O SACERT Politecnico di Milano Forum SACERT dell Energia NZEB: l edificio a energia quasi zero Giuliano Dall O SACERT Politecnico di Milano NZEB: l edificio a energia quasi zero - argomenti trattati Da dove nasce l idea dell edificio

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo Eco-Building Club 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club" Collaborazione ITC-CNR / ENEA Sviluppo di un approccio metodologico e di calcolo semplificato per la certificazione energetica degli Edifici Residenziali

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

La gestione dell energia nelle grandi metropoli. alessandropalazzo

La gestione dell energia nelle grandi metropoli. alessandropalazzo alessandropalazzo Il consumo energetico mondiale: 80% energia di orgine FOSSILE 13% energie RINNOVABILI 7% energia NUCLEARE Immagine satellitare della concentrazione in atmosfera di ossidi di azoto Un

Dettagli

Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il nuovo e l esistente

Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il nuovo e l esistente Convegno Bentornata efficienza energetica Nuovi impegni degli stakeholder e nuove linee d intervento nell edilizia Università Bocconi, 13 dicembre 2010 Edifici a consumo quasi zero: fattibilità per il

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. L attestato che misura i consumi della casa...e non solo.

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. L attestato che misura i consumi della casa...e non solo. LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI L attestato che misura i consumi della casa...e non solo. Quali sono gli obiettivi che si pone la certificazione energetica? Il primo obiettivo è quello di sensibilizzare

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie;

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; Ente pubblico di ricerca ENEA Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; E a supporto delle politiche di competitività e dello sviluppo sostenibile in campo energetico-ambientale

Dettagli

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA COMUNE DI CERVIA PROVINCIA DI RAVENNA REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO PARTICOLAREGGIATO AMBITO EX-COLONIA MONTECATINI Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA File Colonia_RelAmbEn_rev02 Pag. 1 INDICE

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

GREEN DESIGN GREEN DESIGN

GREEN DESIGN GREEN DESIGN I TEMI DI OGGI 2 Qualità ambientale indoor e outdoor Efficienza energetica Efficienza e certificazione energetica degli edifici Impianti termici negli edifici Produzione e distribuzione dell'energia termica

Dettagli

Tipologie di edifici : NEH Niedrigenergiehauser. Consumo energetico 50 kwh/m 2 a. PH Passivehaus. Consumo energetico 15 kwh/m 2 a

Tipologie di edifici : NEH Niedrigenergiehauser. Consumo energetico 50 kwh/m 2 a. PH Passivehaus. Consumo energetico 15 kwh/m 2 a Quartiere Vauban Luogo : Vauban - Friburgo Tipologie di edifici : Committente : Comune di Friburgo Anno di costruzione : 1998-2006 Obiettivo Creare un quartiere a basso consumo energetico e ridurre del

Dettagli

Il fabbisogno energetico globale degli edifici

Il fabbisogno energetico globale degli edifici Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Attualità 23 luglio 2007 Il fabbisogno energetico globale degli edifici Michele

Dettagli

Certicazione Energetica degli Edifici

Certicazione Energetica degli Edifici Certicazione Energetica degli Edifici Accreditato ERMES ENERGIA - Emilia Romagna Obiettivi Fornire una panoramica della legislazione e normativa vigente sulla qualificazione e certificazione degli edifici

Dettagli

La certficazione energetica degli edifici L esperienza CasaClima

La certficazione energetica degli edifici L esperienza CasaClima La certficazione energetica degli edifici L esperienza CasaClima Agenzia CasaClima, Prov. Aut. Bolzano QUANDO E PERCHE NASCE CASACLIMA NORMATIVE E STANDARD CASACLIMA CERTIFICAZIONE CASACLIMA: un processo

Dettagli

MANUALE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

MANUALE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E MANUALE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Guida pratica per certificazioni energetiche di qualità Dal sopralluogo all'ape Aggiornato alla Legge 90/2013

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Il nuovo Regolamento per l efficienza energetica degli edifici del Comune di Selvino

Il nuovo Regolamento per l efficienza energetica degli edifici del Comune di Selvino Il nuovo Regolamento per l efficienza energetica degli edifici del Comune di Selvino Dipartimento B.E.S.T. Polo Regionale di Lecco 25 maggio 2007 Consumo energetico dell'utenza finale negli edifici residenziali

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna*

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* KYOTO CLUB in collaborazione con organizzano a Roma CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* Coordinatore scientifico: arch. Patricia

Dettagli

L esperienza tedesca: lo standard Passivhaus

L esperienza tedesca: lo standard Passivhaus L esperienza tedesca: lo standard Passivhaus Il primo passo per ridurre i consumi per riscaldamento (preponderanti nei nostri climi) consiste nel miglioramento dell efficienza dell involucro, cioè nella

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011 I CORSO 2011 FORMAZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE DEL SOGGETTO CERTIFICATORE ENERGETICO IN EDILIZIA SECONDO LINEE GUIDA NAZIONALI Soggetto organizzatore: Collegio Periti Industriali e Periti Industriali

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

tecnologie bioclimatiche per la progettazione edilizia

tecnologie bioclimatiche per la progettazione edilizia tecnologie bioclimatiche per la progettazione edilizia Complesso residenziale Stadlau, Vienna_Studio Arge (M.Treberspurg, G. Reinberg, E.Raith), 1988-91 1 abitazioni in autocostruzione con iper-isolamento,

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA Termotecnica /Termodinamica / Termofluidodinamica Applicata Pag. 2 Acustica Pag. 3 Impianti Tecnici e

Dettagli

L energia solare ha un nuovo orizzonte

L energia solare ha un nuovo orizzonte L energia solare ha un nuovo orizzonte Soltigua presenta PTMx, il concentratore solare parabolico per applicazioni diffuse sul territorio. Soltigua, una nuova frontiera per una risorsa inesauribile Produrre

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1016 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAPARINI, ATTAGUILE, BORGHESI, BUSIN, GUIDESI, MARCOLIN, MOLTENI, PRATAVIERA Introduzione

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA E VALUTAZIONE DI POSSIBILI INTERVENTI PER UNA MAGGIORE SOSTENIBILITÀ ENERGETICA DI ALCUNI EDIFICI COMUNALI

DIAGNOSI ENERGETICA E VALUTAZIONE DI POSSIBILI INTERVENTI PER UNA MAGGIORE SOSTENIBILITÀ ENERGETICA DI ALCUNI EDIFICI COMUNALI DIAGNOSI ENERGETICA E VALUTAZIONE DI POSSIBILI INTERVENTI PER UNA MAGGIORE SOSTENIBILITÀ ENERGETICA DI ALCUNI EDIFICI COMUNALI Sciurpi Cristina Carletti, Gianfranco Cellai, Leone Pierangioli, Fabio Dipartimento

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI.

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI. RISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILI RISCALDAMENTOGLOBALEAUMEN TOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILIRISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOS

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE

PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE Dipartimento di Sanità Pubblica PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE ARCH STEFANO DELLI - DELEGATO A.N.A.B. stefanodelli@iperbole.bologna.it ANAB Associazione Nazionale Architettura Biologica ANAB è

Dettagli

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb prof. Ing. Livio de Santoli livio.desantoli@uniroma1.it La normativa ed il ruolo dell efficienza energetica

Dettagli