LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO"

Transcript

1 LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/ Presentazione a cura di: RDZ S.p.A.

2 Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN EN 1264 parte prima: Definizioni e simboli. UNI UNI EN EN 1264 parte seconda: Determinazione della potenza termica. UNI UNI EN EN 1264 parte terza: Dimensionamento. UNI UNI EN EN 1264 parte quarta: Installazione.

3 Applicabilità della norma Campo di applicabilità La norma trova applicazione in tutti gli impianti di riscaldamento a pavimento alimentati ad acqua calda o altri fluidi vettori riscaldanti, installati in edifici la cui destinazione è residenziale o ad essa assimilabile. La presente norma europea non si applica ad impianti di riscaldamento con sovrastante pavimento di legno.

4 UNI EN 1264: PARTE PRIMA UNI EN 1264 parte prima: Definizioni e simboli.

5 UNI EN 1264: PARTE PRIMA Termini e definizioni Le grandezze che entrano in gioco sono: Q N, Q H f = dispersione di calore nominale di un ambiente riscaldato a pavimento. (E il calore per unità di tempo ceduto dall edificio all ambiente esterno e che dipende dai dati climatici dello stesso, dalla sua destinazione e dalle sue proprietà termiche) = potenza termica di progetto. (E la potenza termica risultante dalla perdita di calore nominale Q N,f dell ambiente riscaldato) θ i = temperatura ambiente nominale. (E la temperatura risultante, ottenuta come media della temperatura dell aria secca e di quella radiante al centro dell ambiente riscaldato)

6 UNI EN 1264: PARTE PRIMA q = flusso areico termico. E la potenza termica per unità di superficie q G = flusso areico termico limite. E il flusso termico areico per il quale si raggiunge la temperatura massima ammessa del pavimento q N = flusso termico areico nominale. E il flusso termico limite raggiunto in assenza di rivestimento del pavimento q = flusso termico areico di progetto. E la potenza - per unità di des superficie - del pavimento riscaldante. Tale potenza può essere quella termica di progetto (Q H ) diminuita dei contributi di altri corpi scaldanti.

7 UNI EN 1264: PARTE PRIMA T = Passo di posa dei tubi. E la distanza in m. tra due tubi adiacenti. s u = Spessore del massetto sopra i tubi. λ E = Conduttività termica del massetto. R λ,b = Resistenza termica del rivestimento di pavimento.

8 UNI EN 1264: PARTE PRIMA θ F,m θ H = temperatura media della superficie pavimento. E la media di tutti i valori di temperatura di superficie periferica o di superficie occupata = salto termico medio tra la temperatura del fluido vettore e dell ambiente. θ m = temperatura del mezzo riscaldante. E il valore medio fra la temperatura di mandata e quella di ritorno, definita come segue: θ m = θ + i θ H θ F,max = temperatura massima ammissibile. E la massima temperatura ammessa per ragioni fisiologiche in un punto della superficie occupata o di quella periferica, quando il salto termico del mezzo riscaldante - fluido vettore - è nullo

9 UNI EN 1264: PARTE PRIMA σ m H = salto termico. E la differenza fra la temperatura di mandata e quella di ritorno all interno di un circuito = portata di progetto del mezzo riscaldante. E la portata di massa necessaria per ottenere il flusso areico di progetto Superficie riscaldante = è la superficie del pavimento coperta dall impianto di riscaldamento, compresa tra le tubazioni esterne, inclusa una banda perimetrale la cui larghezza sia uguale almeno alla metà del passo tra i tubi e comunque non > di 0.15 m. Superficie non disponibile = è la superficie del pavimento non coperta dall impianto di riscaldamento, destinata a ricevere elementi fissi facenti parte della costruzione Superficie periferica = è la superficie di pavimento che può essere riscaldata ad una temperatura superiore. Essa è rappresentata da una fascia di larghezza max di 1 m. localizzata lungo il perimetro delle pareti esterne e rappresenta perciò un area di non occupazione.

10 UNI EN 1264: PARTE PRIMA q q G q N Tipologie di flusso areico = flusso termico areico. = flusso termico areico limite. = flusso termico nominale. muro esterno muro esterno 1 m. q des = flusso termico areico di progetto. Superficie periferica Q F Superficie non periferica =potenza termica di un pavimento riscaldante = somma dei prodotti delle superfici del pavimento riscaldante di un ambiente, per il rispettivo flusso termico di progetto. 1 m.

11 UNI EN 1264: PARTE SECONDA UNI EN 1264 parte seconda: Determinazione della potenza termica.

12 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Struttura dei pavimenti riscaldanti Il calcolo dell emissione areica varia però in funzione della tipologia di impianto, come di seguito spiegato. Le tipologie definite di pavimentazioni riscaldanti sono: Impianti di di tipo A e C Impianti di di tipo B Impianti con tubi annegati nello strato di supporto Impianti con tubi sotto lo strato di supporto

13 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Tipi di strutture dei pavimenti riscaldanti Legenda 1 = rivestimento del pavimento 4 = strato di protezione 2 = strato di supporto 5 = strato di isolamento 3 = tubazione riscaldante 6 = soletta in cls portante 7 = elemento conduttivo addizionale 8 = strato di separazione 9 = strato livellante

14 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Impianti di Tipo A e C T Diametro del tubo Rivestimento del Rivestimento del pavimento pavimento R λ,b s u Strato Strato di supporto di supporto λ E Strato Strato di isolamento di isolamento Legenda s u = spessore dello strato sopra il tubo T = passo della tubazione Soletta Soletta in in cls portante cls portante

15 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Impianti di Tipo B Rivestimento del Rivestimento del pavimento pavimento R λ,b T Diametro del tubo Strato Strato di supporto di supporto λ E s u s W Elemento conduttivo Elemento conduttivo Strato Strato di isolamento di isolamento Legenda s u = spessore dello strato sopra il tubo s W = spessore dello strato conduttivo T = passo della tubazione Soletta Soletta in in cls portante cls portante

16 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Curva caratteristica di base Curva caratteristica di base: è la curva che fornisce la relazione tra il flusso termico areico q G ed il salto termico medio della temperatura di superficie applicabile a tutti gli impianti di riscaldamento a pannelli (con invarianza della tipologia).

17 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Per un salto termico di 15K l emissione areica è pari a 175 W/m 2 Curva caratteristica di base Emissione superficiale q(w/m 2 ) 175 Per un salto termico di 9K l emissione areica è pari a 100 W/m 2 Legge di variazione dell emissione areica q = ,1 8.92( θ θ ) F, m i Differenza media tra temperatura pavimento e temperatura ambiente θ -θ in K F, m i

18 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Curve caratteristiche e curve limite Famiglia di curve caratteristiche = è l insieme delle curve che per un dato impianto, rappresentano le relazioni tra il flusso termico areico q ed il salto termico θ H, per diversificate resistenze termiche del pavimento. Curve limite = è l insieme delle curve che delimitano il campo di flusso termico areico, con σ = 0, per le quali viene raggiunta la massima temperatura di pavimento.

19 UNI EN 1264: PARTE SECONDA Insieme delle curve caratteristiche per T = cost. La curva limite per (θ F,max - θ i ) = 9 K è applicabile anche ai bagni (θ i =24 C)

20 UNI EN 1264 parte quarta: Installazione.

21 QUANDO NASCE? Sebbene la UNI EN sia datata 2003 (è stata recepita alcuni anni dopo le parti 1-2-3) va ricordato che per alcuni aspetti (resistenza termica verso il basso) veniva richiamata dalla UNI EN e quindi in alcune parti era di fatto già applicabile.

22 Strati e componenti edilizi PrEN Secondo la proposta di norma la resistenza termica minima degli strati di isolamento valevano come evidenziato in tabella: Vano riscaldato Cantina/ terreno Temperatura esterna minima 0 C Temperatura esterna minima -5 C Temperatura esterna minima -15 C R λ,b (m 2 K/W) Resistenza termica (m 2 K/W) > 0.15 Rispetto alla norma attuale la variazione più significativa riguarda il valore di resistenza termica minima nel caso evidenziato.

23 Strati e componenti edilizi UNI EN Gli strati di isolamento devono presentare la seguente resistenza termica minima in funzione delle condizioni termiche sottostanti la struttura di riscaldamento a pavimento: Temperatura dell aria esterna sottostante Ambiente sottostante riscaldato Ambiente sottostante non riscaldato o riscaldato in modo non continuativo o direttamente sul suolo *) Temperatura esterna di progetto Td 0 C Temperatura esterna di progetto 0 C>Td -5 C Temperatura esterna di progetto -5 C>Td -15 C Resistenza Termica (m 2 K/W) *) Con un livello di acque freatiche 5m, il valore dovrebbe essere aumentato. Se l ambiente sottostante è non riscaldato, oppure è una cantina o il terreno, il valore minimo è aumentato rispetto a quanto previsto nel PrEN

24 Strati e componenti edilizi Isolamento termico verso il basso Qual ora ci si trovi a dover valutare la resistenza termica di un pannello isolante profilato (non liscio), la normativa UNI EN ci illustra come procedere nel calcolo: per un pannello profilato lo spessore equivalente* coincide con lo spessore medio geometrico. Qui a lato vengono riportati i valori di resistenza termica per alcuni pannelli commercializzati da RDZ. NOTA: La posa dello strato isolante (o degli strati isolanti) deve risultare il più uniforme possibile senza lasciare spazi vuoti tra i giunti. TIPO PANNELLO STD. BASE COVER 20 COVER 30 COVER 40 NEW PLUS CIVILE LISCIO ESTRUSO 20 LISCIO ESTRUSO 30 COVER LISCIO 20 COVER LISCIO 30 INDUSTRIALE SPESSORE EQUIVALENTE* DEL PANNELLO [mm] RESISTENZA TERMICA SECONDO UNI EN 1264 [(m 2 *K)/W]

25 Condizioni preliminari strutturali generali Le condizioni preliminari per la costruzione di un impianto ad acqua calda a pavimento sono: Completamento dell intonaco interno Chiusura, senza infiltrazioni d aria, di tutte le aperture dell edificio come porte e finestre interne

26 Strati e componenti edilizi La base di supporto deve essere preparata in conformità alle norme vigenti. Eventuali tubi o condotti devo essere fissati e incassati al fine di ottenere una superficie livellata. L isolante termico/acustico deve essere appoggiato sopra tale superficie. Il tutto deve svolgersi tenendo in considerazione l altezza utile strutturale necessaria.

27 Striscia perimetrale Prima dello strato d isolamento DEVE essere posata la cornice perimetrale lungo i muri e altri componenti edilizi che PENETRANO nello strato di supporto. Deve ergersi fino alla superficie del pavimento finito ed essere tagliata solamente dopo la posa di quest ultimo permettendo un gioco del massetto di almeno 5 mm. Nel caso di più strati isolanti, la striscia perimetrale deve essere posata prima dell applicazione dello strato d isolamento superiore. Strato di supporto Rivestimento Strato d isolamento Battiscopa Striscia perimetrale

28 Strato di protezione Nel caso lo strato d isolamento non preveda un rivestimento protettivo nel contatto con lo strato di supporto, allora si rende necessario l utilizzo di una pellicola di polietilene di almeno 0,15 mm di spessore. Lo strato di protezione deve essere sovrapposto alla cornice perimetrale se quest ultima non assolve alla funzione di protezione. Utilizzando strati di supporto liquidi la protezione deve essere impermeabile in modo tale da proteggere lo strato d isolamento dal getto stesso.

29 Sicurezza: Apparecchiatura Un dispositivo di sicurezza, indipendente dal sistema di gestione dell impianto deve poter intercettare la fornitura di calore (anche in caso di assenza dell alimentazione elettrica) nei casi in cui la temperatura del fluido superi i 55 C (supporto in cemento). Valvole di arresto e dispositivi di bilanciamento: Ogni circuito oltre al dispositivo di bilanciamento deve presentare due valvole con funzione di arresto indipendente dalla regolazione stessa. Ogni locale deve avere ALMENO un circuito, tale da renderlo autonomo nella regolazione e controllo della temperatura.

30 Tubazioni Le dimensioni dei tubi in materiale plastico vengono definite dalle norme: PE-X pren ISO :2001 PB pren ISO :2001 PP pren ISO :2001 Si raccomanda di utilizzare tubi con lo strato di barriera all ossigeno, in conformità all appendice A. E necessario adottare precauzioni per proteggere l impianto dalla corrosione.

31 Distanza Installazione delle tubazioni I tubi devono essere posizionati a oltre: 50 mm di distanza dalle strutture verticali 200 mm di distanza dalle canne fumarie, caminetti aperti, trombe dell ascensore. Raggio di curvatura Non deve essere minore di quello minimo definito dalle norme pertinenti. Raccordi Tutti i raccordi inseriti nel pavimento vanno indicati con precisione nel disegno depositato.

32 Ancoraggio dei tubi Il sistema di ancoraggio dei tubi deve assicurare che le rispettive posizioni verticali e orizzontali siano mantenute come da progetto. Lo scarto massimo verticale ammesso per il tubo è di 5 mm verso l alto (tolleranza da applicare in ogni punto) Lo scarto orizzontale non deve superare ±10 mm ma solo in corrispondenza dei punti di collegamento. A tale scopo il fabbricante deve specificare la distanza massima ammessa tra i punti di ancoraggio.

33 Strati di supporto (strato di ripartizione del carico) Lo spessore dello strato è calcolato sulla base della norma nazionale (in attesa di quella europea) che prende in considerazione la capacità di carico e la classe di resistenza alla flessione: Lo spessore sopra i tubi non deve essere inferiore a 30 mm. Lo spessore dello strato superiore deve essere almeno pari a 3 volte la dimensione massima dei granelli del materiale costituente lo strato stesso. Per strati di tipo A, il cui spessore è minore di 0,1 m, occorre aggiungere il diametro esterno del tubo allo spessore calcolato Secondo RDZ è buona norma considerare almeno 45 mm di spessore del massetto sopra i tubi.

34 Giunti Si effettuano ogni qualvolta: La superficie del locale supera i 40 m 2 Almeno un lato del locale supera gli 8 m di lunghezza Nel caso di locali rettangolari con rapporto tra i lati inferiore a 2:1 è possibile superare i limiti precedentemente elencati.

35 I Giunti secondo RDZ Tagli i frazionamento Si effettuano ogni qualvolta: La superficie del locale supera i 40 m 2 Almeno un lato del locale supera gli 8 m di lunghezza Nel caso di locali rettangolari con rapporto tra i lati inferiore a 2:1 è possibile superare i limiti precedentemente elencati. Negli stipiti e nelle soglie delle porte Giunti di dilatazione Si effettuano ogni qualvolta: La superficie del locale supera i 150 m 2 Almeno un lato del locale supera i 15 m di lunghezza.

36 Giunti (di frazionamento) Nel caso si utilizzino giunti a contrazione indotta (tagli di frazionamento) questi devono essere tagliati ad una profondità non maggiore di 1/3 dello spessore dello strato. 1/3 2/3

37 Giunti (di dilatazione) I giunti di dilatazione prevedono un interruzione dello stato di supporto che, partendo dalla superficie del rivestimento arriva fino allo strato d isolamento, consentendo così il movimento reciproco e relativo degli strati stessi.

38 Giunti (di dilatazione) I giunti di dilatazione possono essere attraversati soltanto da tubi di connessione, questi ultimi dovranno presentare un rivestimento isolante e flessibile con lunghezza pari ad almeno 0,3 m Attraversamenti del giunto

39 Posa Durante questa fase la temperatura ambiente e dello strato di supporto NON devono scendere al di sotto di 5 C Successivamente si deve mantenere questo limite di temperatura per almeno 3 giorni, in tale periodo inoltre bisogna evitare un eccessiva essicazione del supporto la quale causerebbe un rapido ritiro con conseguente fessurazione, per evitare ciò è necessario chiudere il locale nella fase di asciugatura dello strato.

40 Prova di tenuta Effettuare una prova di tenuta delle tubazioni portando l impianto pieno d acqua ad una pressione pari ad almeno 2 volte la pressione nominale d esercizio e comunque non inferiore a 6 [bar]. Tale pressione dovrà essere mantenuta successivamente anche durante la posa dello strato di supporto Nel caso sussista il rischio di gelo si dovranno prendere provvedimenti tra i quali: riempimento dell impianto con prodotti antigelo* Climatizzazione del locale Nota*: Nel caso non sia previsto l uso di antigelo nel normale funzionamento dell impianto questo dovrà venir opportunamente risciacquato.

41 Avviamento iniziale del riscaldamento L operazione di avviamento dovrà avvenire trascorso il tempo di asciugatura dello strato di supporto, ovvero: 21 giorni nel caso di supporto in cemento 7 giorni nel caso di supporto di anidrite Essa procede in 2 fasi: Iniettando acqua con temperatura compresa tra C per almeno 3 giorni. In seguito portando l acqua alla temperatura massima di progetto e mantenendola tale per almeno 4 giorni. Nota: tutta la procedura dev essere documentata

42 Rivestimenti per pavimentazioni Prima della posa del rivestimento per pavimentazioni, il posatore deve verificare l idoneità della posa del rivestimento sullo strato di supporto. I rivestimenti per pavimentazioni sono conservati e installati in conformità alle norme pertinenti e alle istruzioni del fabbricante.

43 suggerimenti per la posa dei rivestimenti secondo RDZ Rivestimenti in parquets: il legno dei pavimenti viene immagazzinato nella stanza riscaldata per 7 giorni. Il riscaldamento deve essere disattivato durante la posa del parquet. Rivestimenti in fibra tessile: va interrotto il riscaldamento 48 ore prima della posa del rivestimento e almeno 48 ore dopo averlo posato. Rivestimenti in ceramica: va interrotto il riscaldamento durante la posa del rivestimento e almeno 7 giorni dopo aver ultimato il lavoro. Rivestimenti in materiale plastico: va interrotto il riscaldamento 48 ore prima dell inizio dei lavori e almeno 48 ore dopo aver ultimato la posa.

44

www.impiantitalia.it

www.impiantitalia.it 1. Impianti a pavimento IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Il riscaldamento a pavimento rappresenta forse il più antico sistema ideato dall uomo per la distribuzione del calore nelle abitazioni; dall esame di

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME HOME ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE INDICE 1. Note per le istruzioni di montaggio 2. Sicurezza

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Riscaldamento a Pannelli ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia)

Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia) Il calcolo della resa termica, dei sistemi radianti, secondo le nuove normative (Gianni Lungarini Direttore Tecnico Velta Italia) Quadro normativo La prima norma che trattava il dimensionamento di sistemi

Dettagli

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche)

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Ing. Clara Peretti Coordinatrice Consorzio Q-RAD 2 Contenuti della presentazione Il

Dettagli

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013 Componenti SISTEMA A PAVIMENTO RADIANTE A SECCO Descrizione Sistema a pavimento radiante in esecuzione a secco, senza l impiego di malta cementizia come strato di supporto della finitura superficiale e

Dettagli

Impianti di riscaldamento

Impianti di riscaldamento Dati tecnici del sistema Raxofix, vedi capitolo "Descrizione del sistema" all'inizio del manuale Impianti di riscaldamento Utilizzo corretto Il sistema Raxofix di tubazioni in plastica esclusivamente in

Dettagli

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm. sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.info sistema euromax Alta resistenza nel minimo spessore Il sistema

Dettagli

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI space SPACE Il sistema di riscaldamento radiante a pavimento LOEX SPACE, è studiato e progettato appositamente per l ottenimento del massimo comfort in stabilimenti produttivi,

Dettagli

mflor e il riscaldamento a pavimento

mflor e il riscaldamento a pavimento mflor e il riscaldamento a pavimento Gli impianti di riscaldamento a pavimento stanno acquistando sempre più popolarità, poiché oltre ad elevati livelli di comfort offrono numerosi altri vantaggi. Questo

Dettagli

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro 1 Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro Amministratore Delegato KLIMIT Srl Rappresentante Esclusivo Herz per l Italia 2 1 Come funziona un

Dettagli

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento Sistemi di posa - comfort e risparmio energetico Sistemi di posa - Sistema Easy Sistemi di posa - Sistema Easy Tech ribassato Easy 50 - Pannello isolante Easy Tech 50R - Pannello isolante ribassato Tubo

Dettagli

SCHEDA TECNICA SISTEMA VERTICAL TOP

SCHEDA TECNICA SISTEMA VERTICAL TOP SISTEMA VERTICAL TOP SOFFITTO/PARETE SISTEMA VERTICAL TOP Struttura Modulo 2000x1200 Modulo 1000x1200 Mandata/Ritorno Raccordi Sistema radiante a soffitto/parete specifico per la climatizzazione degli

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

Ultraslim. ...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio. Conversione in cmyk del Pantone_300 c. Conversione in cmyk del Pantone_485 c

Ultraslim. ...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio. Conversione in cmyk del Pantone_300 c. Conversione in cmyk del Pantone_485 c Pantone_485 c Conversione in cmyk del Pantone_485 c Pantone_300 c Conversione in cmyk del Pantone_300 c c 0 m 95 y 100 k 0 c 2 m 31 y 3 k 12...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio Ultraslim Sistema

Dettagli

velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni

velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni 2 La seguente documentazione ha validità dal 01.2011 fino alla prossima nuova edizione. Si riserva la possibilità di apportare

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO A PAVIMENTO PANNELLO ISOLANTE THERMOCONCEPT RIBASSATO SCHEDA TECNICA

SISTEMI DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO A PAVIMENTO PANNELLO ISOLANTE THERMOCONCEPT RIBASSATO SCHEDA TECNICA PANNELLO ISOLANTE SCHEDA TECNICA UNI EN 13163 PANNELLO ISOLANTE CARATTERISTICHE TECNICHE Il pannello Ribassato nasce dalla migliore tecnologia di stampaggio e accoppiamento a caldo del polistirene espanso.

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO SISTEMI RADIANTI Pag. 14 PANNELLO RADIANTE PER PARETI E SOFFITTI COS È AktivBoard è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete

Dettagli

Sistema a nocche I.3. In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo

Sistema a nocche I.3. In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo Sistema a nocche I.3 In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo Molti impianti di riscaldamento a pavimento vengono eseguiti

Dettagli

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07 Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione 09-07 IMPIANTI GEOTERMICI - GEOTHERMAL PLANTS INDICE Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione Impianti ad uso civile pg. 5 Impianti ad uso

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio I Gli elementi riscaldanti piatti sono certificati VDE secondo norme DIN EN60335-1 e DIN EN60335-2-96. Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di intraprendere il montaggio.

Dettagli

Sistema per pavimenti

Sistema per pavimenti Schlüter -BEKOTEC Sistema per pavimenti 9.1 struttura in basso spessore a ridotta deformazione concava e convessa Scheda tecnica Applicazione e funzione Schlüter -BEKOTEC è un sistema sicuro che permette

Dettagli

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica eurothex HI-performance ad alta efficienza energetica Un sistema di riscaldamento e raffrescamento ad alta efficenza energetica Thermoplus è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ad

Dettagli

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU HENCO SOFFITTO RAPID-ALU PSH-RAC Descrizione: Il sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete o a soffitto RAPID-ALU è costituito da un pannello in cartongesso, avente spessore 15 mm, il pannello

Dettagli

IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI

IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI IL MODO CORRETTO PER ESEGUIRE LA POSA DEL PARQUET SU MASSETTO CON RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI E QUALI ACCORGIMENTI METTERE IN ATTO PER IL CORRETTO MANTENIMENTO

Dettagli

Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ

Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ Soluzioni speciali I.2.2 Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ L ultra-takk è una valida alternativa nel caso di grandi superfici sulle quali va montato un riscaldamento a pavimento. Srotolare a posare:

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

Sistema a parete. ecowall. Il sistema ecologico a parete

Sistema a parete. ecowall. Il sistema ecologico a parete IT Sistema a parete Il sistema ecologico a parete Il sistema ecologico a parete Materiali isolanti totalmente ecologici Posa verticale ed orizzontale del tubo Flessibilità nelle realizzazioni in cantiere

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA POSA DEGLI IMPIANTI A PAVIMENTO

ISTRUZIONI PER LA POSA DEGLI IMPIANTI A PAVIMENTO ISTRUZIONI PER LA POSA DEGLI IMPIANTI A PAVIMENTO DIVISIONE SISTEMI & SERVIZI ISTRUZIONI PER GLI IMPIANTI A PAVIMENTO 1. VERIFICHE PRELIMINARI 1.1 Montaggio dei collettori di distribuzione 1.2 Quote a

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO VANTAGGI Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti sono caratterizzati da un particolare meccanismo di scambio termico, l irraggiamento,

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

TUBO IN POLIETILENE PE-Xa

TUBO IN POLIETILENE PE-Xa TUBO TUBO IN POLIETILENE PE-Xa CODICE PRODOTTO PTR 373 Il tubo in polietilene reticolato Ercos Pe-Xa è ottenuti con il sistema di reticolazione a perossidi, ed è classificato nel gruppo Pe-Xa. Questo processo

Dettagli

Sistema radiante Zehnder NIC

Sistema radiante Zehnder NIC Sistema radiante Zehnder NIC Il sistema di climatizzazione radiante Zehnder NIC è adatto sia per il riscaldamento che per il raffrescamento degli ambienti, ed è applicabile a soffitto o a parete. Altro

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2 3. Tipologia dell impianto pag. 3 3.1 Descrizione generale dell impianto di un appartamento tipo pag. 4 3.2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO R999 R999I SOMMARIO R999 1. IMPIEGO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2. DATI TECNICI 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici

Corso di Energetica degli Edifici Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91

PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91 PANNELLI RADIANTI IN AUTOCAD v.2.0.0.91 Per la progettazione ed il disegno di impianti a pannelli radianti a pavimento(riscaldamento E RAFFREDDAMENTO) Il programma EasyClima - Pannelli Radianti, realizzato

Dettagli

Misura del valore U Trasmittanza termica

Misura del valore U Trasmittanza termica Zeichen Committing setzen für to die the Zukunft future Misura del valore U Trasmittanza termica Cosa è il coefficiente di trasferimento del calore (valore U)? Il coefficiente di trasferimento del calore,

Dettagli

La termografia per individuare il thermal bypass

La termografia per individuare il thermal bypass La termografia per individuare il thermal bypass Il fenomeno del thermal bypass può portare ad un grave decadimento delle prestazioni dell involucro e spesso non è individuabile con il blower door test

Dettagli

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO pag. 1 50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nr. 1 S50.A05.010 Nr. 2 S50.A05.020 Nr. 3 S50.A05.030 Impianto riscaldamento a raatori - quota fissa per ciascuna caldaia Impianto riscaldamento a raatori per unita'

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO RADIANTE REHAU SISTEMI CON SPESSORE RIDOTTO PER PARETE, SOFFITTO E PAVIMENTO www.rehau.com Edilizia Automotive Industria

RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO RADIANTE REHAU SISTEMI CON SPESSORE RIDOTTO PER PARETE, SOFFITTO E PAVIMENTO www.rehau.com Edilizia Automotive Industria RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO RADIANTE REHAU SISTEMI CON SPESSORE RIDOTTO PER PARETE, SOFFITTO E PAVIMENTO www.rehau.com Edilizia Automotive Industria RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO RADIANTE SPESSORE RIDOTTO

Dettagli

Agosto 2010 ASP Dagmersellen. Memoriale. Desolidarizzazioni. di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili.

Agosto 2010 ASP Dagmersellen. Memoriale. Desolidarizzazioni. di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili. Agosto 2010 ASP Dagmersellen Memoriale Desolidarizzazioni di pavimenti in piastrelle e materiale lapideo all'interno di stabili Pagina 1 Gli autori di questo memoriale sono: Arpagaus Reto Graber Daniel

Dettagli

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione INTRODUZIONE Da alcuni anni si è diffusa l abitudine di riscaldare fabbricati industriali con i pannelli radianti a pavimento. La nostra associazione EMCP di produttori di pannelli radianti a soffitto

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Le normative sul risparmio energetico prevedono, tra l altro, che gli elementi di tamponamento esterni degli edifici siano dotati di prefissate caratteristiche di isolamento

Dettagli

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI:

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI: CIRFONIC hp Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC HP è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 QUADERNO II Chiusure in muratura e calcestruzzo MURI ESTERNI IN ELEVAZIONE Scheda N : TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 Esistono diversi tipi di muri,che si differenziano gli uni dagli altri per la loro resistenza

Dettagli

Sistema a pavimento. eurosport. Il sistema radiante per i pavimenti flettenti

Sistema a pavimento. eurosport. Il sistema radiante per i pavimenti flettenti IT Sistema a pavimento Il sistema radiante per i pavimenti flettenti Il sistema radiante per i pavimenti flettenti Il pavimento radiante senza massetto Soluzione ideale per tutti i grandi ambienti dove

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Uno stimolo al lavoro

Uno stimolo al lavoro Un investimento edilizio si basa principalmente su considerazioni di ordine economico, tra cui i costi d esercizio e di manutenzione delle varie infrastrutture. Vanno considerati senz altro i consumi energetici,

Dettagli

SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA

SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA DryClima 1. Profilo seconda orditura 2. Raccordo a T 20/10/10 ad innesto rapido 3. Tubo tondo diametro 20x2 mm multistrato preisolato 6 mm 4. Tubo Pe-x 8-10

Dettagli

Resa termica di pavimenti radianti caldi Valori precalcolati Esempio di calcolo

Resa termica di pavimenti radianti caldi Valori precalcolati Esempio di calcolo Resa termica di pavimenti radianti caldi Valori precalcolati Esempio di calcolo ANDREA PERONI E DARIO GHISLENI PRIMA PARTE PREMESSA Molti progettisti ci hanno chiesto, come produttori di componenti per

Dettagli

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti!

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! Il riscaldamento a pavimento Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! SALUTE E BENESSERE IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ATTIVO Già dopo

Dettagli

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife Il sistema radiante a soffitto e parete Info 2014 Pannello Radiante Pannello radiante in sandwich prefabbricato costituito da: - Strato a vista in cartongesso ignifugo, spessore 15 mm; - Circuito radiante

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete è determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneità, dei diametri minimi delle

Dettagli

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 02 Composizione di un impianto di climatizzazione 1. Centrale di produzione del caldo

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica La certificazione energetica A cura di Dott. Ing. Neri Manuela Software CENED per la regione Lombardia http://www.cened.it/software Indice della presentazione Certificazione energetica: cos è e perché?

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE:

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE: CIRFIBER ECO Pannello fonoassorbente in fibra di poliestere rigenerata. CAMPO DI UTILIZZO: CIRFIBER ECO è un prodotto specifico per l isolamento acustico di pareti e soffitti. Il materiale si presenta

Dettagli

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA:

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CIRFONIC SPECIAL Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC SPECIAL è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Manuale applicativo. Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione

Manuale applicativo. Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione Manuale applicativo Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione Manuale applicativo Volume III: Fonterra Superfici scaldanti 2a edizione 2a edizione, novembre 2011 - IT - 686 932-11/11 Viega GmbH

Dettagli

I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni

I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni Pinerolo, 28 marzo 2008 I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni Per. Ind. Massimo Fabricatore Direttore Generale velta italia Riscaldamento

Dettagli

RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO a secco a umido RISCALDAMENTO ELETTRICO A PAVIMENTO TENERE CLASSIC Serpentine riscaldanti per pavimenti a umido a umido TENERE CLASSIC è un cavo riscaldante posto già a serpentina su un tappetino di rete

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti 1 Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili

Dettagli

Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura

Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura Esempi di ristrutturazione di edifici storici con sistemi radianti a bassa temperatura Già in uso nell antica Roma e da sempre bersaglio di ingiustificati pregiudizi, i pannelli radianti vivono

Dettagli

Ing. Vitti Antonio. L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni.

Ing. Vitti Antonio. L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni. Ing. Vitti Antonio L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni. New York, Settembre 2005 1 I problema: Il camino non controllato raffredda la casa. Si consideri la seguente sistuazione: -Casa

Dettagli

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore del 15 aprile 2003 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti,

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI www.rftsrl.eu RFT - FOUR x FOUR AUTOCENTRANTE Pavimento sopraelevato STANDARD Pavimento sopraelevato ANTISISMICO L innovazione di FOUR x FOUR consiste

Dettagli

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico Schlüter -BEKOTEC-EN 18 FTS Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico 9.4 Struttura per massetto di basso spessore privo di tensioni, a ridotta deformazione. Particolarmente indicato per

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Comune: Bizzarone Edificio: Centro polifunzionale (Palestra, spogliatoi, bar) Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Dati anagrafici generali edifici

Dettagli

Sistema di tubazioni preisolate flessibili

Sistema di tubazioni preisolate flessibili Sistema di tubazioni preisolate flessibili A Division of Watts Water Technologies Inc. Fornitura in rotoli da max 100 metri Disponibile fascicolo tecnico con istruzioni di posa Primo in flessibilità Componenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

Sistemi a pannelli radianti Geberit. Benessere a pavimento

Sistemi a pannelli radianti Geberit. Benessere a pavimento Sistemi a pannelli radianti Geberit Benessere a pavimento Il sistema del futuro 3 Scegliere il benessere 5 Risparmio energetico 7 Progettare senza vincoli 9 Tecnica collaudata 12 Progettazione e supporto

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Tubo Multistrato PipeFix FH. per impianti radianti edizione 0711

Tubo Multistrato PipeFix FH. per impianti radianti edizione 0711 Scheda tecnica per Tubo Multistrato PipeFix FH PipeFix FH per impianti radianti edizione 0711 Immagine prodotto Strato protettivo esterno in polietilene HD (High Density) Strato di plastica adesiva per

Dettagli

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing.

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing. UNI 11528:2014 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio ing. ALBERTO MONTANINI Presidente Assotermica Presidente Commissione Post-Contatore

Dettagli

Scheda tecnica per posa profilo alluminio

Scheda tecnica per posa profilo alluminio Scheda tecnica per posa profilo alluminio Vengono riportate alcune indicazioni utili per la posa del profilo in alluminio che servirà al fissaggio del liner in PVC. Piscina con pareti in muratura Per le

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli