RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale"

Transcript

1 Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon Grugliasco, ottobre

2 INDICE INTRODUZIONE...Pag. 3 OBIETTIVI Pag. 3 ANALISI DELL INTENSITÀ DI EMISSIONI.Pag. 3 DETERMINAZIONE DEL COSTO DELLA CO2 RISPARMIATA...Pag. 4 ANALISI DEI COSTI... Pag. 6 ANALISI DELLA COGENERAZIONE A CIPPATO Pag. 15 ANALISI DEI COSTI DELLA COMBUSTIONE DI BIOMASSA A FINI ENERGETICI....Pag. 17 CONCLUSIONI..Pag. 24 ALLEGATI INTENSITÀ DI EMISSIONE.Pag. 27 RISPARMIO DI CO2 Pag. 31 COSTO DEL RISPARMIO DI CO2...Pag. 33 BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA 2

3 INTRODUZIONE: La seguente relazione consiste in uno studio bibliografico sulle emissioni di anidride carbonica derivante dall utilizzo di diverse fonti energetiche. La ricerca dei dati e delle metodologie di calcolo è avvenuta principalmente mediante l utilizzo di Internet e materiale fornito dal Dipartimento di Economia, Ingegneria Agraria, Forestale ed Ambientale (DEIAFA), sez. Meccanica. OBIETTIVI: Lo studio condotto ha come primo obiettivo quello di individuare l intensità delle emissioni di anidride carbonica derivante dall impiego di diverse fonti energetiche, per lo più alternative. Il livello di emissioni è quantificato in grammi di CO 2 su ogni kwh prodotto. Il secondo obiettivo dell analisi consiste nell individuazione del costo unitario imputabile al risparmio della CO 2, espresso in per ogni tonnellata di CO 2 risparmiata. L analisi di questi parametri permette di confrontare le diverse tecnologie in termini di emissioni in modo tale da meglio comprendere l effettivo impatto sull ambiente ed il reale vantaggio derivante dall impiego di tali fonti rinnovabili. La determinazione di questo parametro è avvenuta con due differenti modalità di calcolo: la prima considerando le tariffe incentivanti attualmente applicate come dato di costo, mentre la seconda utilizzando l effettivo costo dell impianto, comprensivo dei costi di costruzione installazione e manutenzione. Successivamente si è proceduto alla determinazione del costo di produzione del kwh in modo da avere un ulteriore parametro di confronto. Infine si è posta notevole attenzione alle biomasse, dove si è approfondito il settore della cogenerazione per comprendere, se e quando, sia effettivamente vantaggioso e per verificare quali caratteristiche deve avere l impianto per rispettare i requisiti minimi (ma non vincolanti) della relazione programmatica sull energia della Regione Piemonte. ANALISI DELL INTENSITA DI EMISSIONI: La prima operazione effettuata per condurre questa indagine è stata la scelta della fonti energetiche e le rispettive caratteristiche peculiari; sono state, pertanto, incluse in questo studio le seguenti fonti energetiche: solare fotovoltaico, solare termico, solare termodinamico, eolico, idroelettrico, energia da correnti marine, nucleare, geotermico, e la vasta famiglia delle biomasse. Ogni fonte energetica è stata poi suddivisa nei diversi ambiti d applicazione o nelle varie tipologie di impianto previste in modo tale da rendere più accurata la stima del livello di emissioni di CO 2. La metodologia più utilizzata per il calcolo delle emissioni è l analisi del ciclo di vita LCA, regolamentata dalla norma ISO 14040, la quale considera il livello di emissioni per tutti le fasi del ciclo di vita del prodotto, partendo dai materiali impiegati per la costruzione sino alle fasi di impiego e dismissione. Per alcune tecnologie, non essendo disponibili dati derivanti da analisi LCA, si è ricorso al altri metodi di calcolo quali ad esempio l analisi dell effetto serra potenziale GWP (Global Warming Potential), lo studio delle GHG (Greenhouse Gas Emissions), l analisi GGC (Greenhouse Gas Cost) e l analisi NET (Net Energy Requirement). I dati reperiti da questi metodi di calcolo alternativi sono stati opportunamente convertiti e applicati alle condizioni standard per poter giungere al risultato desiderato. Di seguito, nel grafico 1, è possibile osservare la diversa intensità di emissioni da parte di tutte le fonti energetiche prese in esame. Per semplicità sono riportate esclusivamente le fonti e non le diverse tipologie di impianto di ciascuna di esse; pertanto il grafico riporta dei valori medi, suscettibili di notevole variabilità come è possibile vedere nella tabella dettagliata in allegato. Si precisa che all interno delle biomasse non 3

4 sono state considerate quelle derivanti dai rifiuti (fermentazione, gas di discarica e termodistruzione) in quanto avrebbero generato un dato finale disomogeneo e poco rappresentativo per via della forte intensità di emissioni tipiche di questa destinazione d uso (vedi allegati). Grafico 1: Intensità di emissioni delle varie fonti 600 Intensità di emissioni g CO 2 /kwh Valore medio Min -Max DETERMINAZIONE DEL COSTO DELLA CO 2 RISPARMIATA: In seguito all analisi dell intensità di emissioni è stato calcolato il costo che si avrebbe per risparmiare una tonnellata di CO 2 con l impiego delle diverse fonti energetiche. Questo parametro permette di capire quanto sia effettivamente efficace una tecnologia in termini di emissioni e consente un rapido confronto tra di esse. Per la determinazione del risultato finale sono state prese in considerazione le tariffe incentivanti attuali, e cioè quelle applicate dal conto energia, dalle tariffe omnicomprensive e dai certificati verdi. Si è, poi, ritenuto opportuno confrontare l intensità di emissioni di CO 2 con quelle di tre combustibili fossili: gas, petrolio e carbone per le tecnologie in grado di produrre energia elettrica e gas, GPL e gasolio per quelle che, invece, producono energia termica. Di seguito viene illustrato il procedimento per determinare il costo del risparmio di CO 2 : 4

5 dalla differenza tra l intensità di emissioni del combustibile fossile e l intensità di emissioni della fonte rinnovabile si determina il risparmio di CO 2 R CO2 = IdE cf - IdE fr [g CO 2 /kwh] Rapportando a 1000 il risparmio di CO 2 e moltiplicando per il valore della tariffa incentivante si ottiene il costo di un kg di CO 2 risparmiata C kg CO2 = (1000/R CO2 ) x T [ /kg di CO 2 risparmiata] Infine moltiplicando per 1000 il valore ottenuto si determina quanto costa risparmiare una tonnellata di CO 2 C t CO2 = C kg CO2 x 1000 [ /t di CO 2 risparmiata] Dove: R CO2 è il risparmio di CO 2 espresso in g CO 2 /kwh IdE è l intensità di emissioni espresso in g CO 2 /kwh Cf indica il combustibile fossile Fr indica la fonte rinnovabile C rappresenta il costo del risparmio di CO 2 T è la tariffa incentivante espressa in /kwh Grafico 2: Costo del risparmio di emissioni, tariffa applicata plicata al fotovoltaico pari a Di particolare interesse sono i 0,36 /kwh dati ottenuti per il fotovoltaico che, se confrontato con l eolico e l idroelettrico, non risulta così vantaggioso quanto si pensa. Osservando i grafici 2 e 3 risulta ben chiaro che l attuale tariffa del fotovoltaico (0,36 /kwh) è molto elevata non rendendo di fatto competitiva questa tecnologia. Tuttavia se la tariffa venisse abbassata a 0,22 /kwh, il fotovoltaico sarebbe notevolmente più competitivo nei confronti dell eolico e dell idroelettrico. E stato scelto il valore di 0,22 /kwh in quanto corrisponde alla metà del primo incentivo applicato per il fotovoltaico nel 2005, inoltre questa tariffa ipotetica permette ancora la remunerazione del kwh prodotto 5

6 Grafico 3: Costo del risparmio di emissioni, tariffa applicata al fotovoltaico pari a 0,22 /kwh (corrisponde alla metà della prima tariffa applicata nel 2005 e garantisce la remunerazione del kwh prodotto) con la suddetta tecnologia; è stato calcolato che il kwh è remunerato fino ad una tariffa di 0,18 /kwh. L intera tabella contenente tutti i dati di tutte le tecnologie è consultabile negli allegati. E importante sottolineare che questo procedimento può essere applicato plicato non solo per la determinazione del costo del risparmio di CO 2 ma anche per un eventuale ed innovativo metodo di incentivazione. Infatti quantificare la tariffa incentivante in funzione dell effettivo risparmio ottenibile da una tecnologia potrebbe essere un valido e proporzionato metodo. ANALISI DEI COSTI: In seguito alla determinazione del costo della CO 2 si è ritenuto opportuno ricostruire l andamento dei costi dal 2005 ad oggi delle tecnologie fotovoltaiche ed eoliche in modo da poter stimare il costo per il risparmio di CO 2 in termini del prezzo dell impianto e non più in funzione della tariffa incentivante applicata. L indagine condotta sul fotovoltaico ha fornito essenzialmente due risultati, rispettivamente per le tecnologie a silicio e per le tecnologie a film sottile (grafico 4). I valori riportati sono espressi in /kwp e comprendono la costruzione dei moduli, i costi di progettazione e installazione e i costi di manutenzione dell impianto. Pertanto si riscontra un andamento decrescente per entrambe le tipologie anche se le Grafico 4: Andamento dei costi del fotovoltaico dal 2005 al [55]-[56]-[57]-[58]-[59]-[60] -[61]-[62]-[63]-[77]-[78] 6

7 tecnologie a silicio hanno subito tra il 2007 e il 2008 un aumento del prezzo. Ciò è spiegato dal fatto che, in quegli anni, si è assistito ad un incremento delle richieste sul mercato delle tecnologie a silicio nonostante l offerta non fosse in grado di soddisfare le esigenze. Le tecnologie a film sottile, invece, non risentono dell aumento dei costi in quanto sono meno diffuse e la domanda sul mercato risulta notevolmente inferiore. Nel grafico si evidenzia, infine, quella che è la prospettiva futura di costo, e cioè quanto costerà il fotovoltaico nel Altre stime più ambiziose prevedono per il decennio il raggiungimento della competitività con le fonti fossili. Nel caso specifico si osserva una variazione da 6200 /kwp nel 2005 a 5950 /kwp nel 2010 fino ad arrivare a prevedere un valore di 4500 /kwp nel 2020 per le tecnologie a silicio; mentre per le tecnologie a film sottile si ha una variazione di costo da 6050 /kwp nel 2005 a 5000 /kwp nel 2010 e una previsione per il 2020 di 3000 /kwp. La stessa indagine è stata svolta per le tecnologie eoliche (grafico 5). Anche in questo caso si evidenzia un andamento decrescente anche se in misura minore rispetto al Grafico 6: Andamento dei costi dell eolico dal 2005 al [55]-[56]-[57]- [58]-[59]-[60]- [61]-[62]-[77]-[79]-[80]- [81] fotovoltaico. Tuttavia è noto che il costo di questa fonte rinnovabile, in rapporto a un kw, è notevolmente più basso rispetto alla precedente, come si può vedere dal grafico 6. Dall analisi condotta risulta che il costo di un impianto eolico offshore passa da 2700 /kw nel 2005 a 2300 /kw nel 2010, mentre un impianto onshore da 1750 /kw a 1400 /kw. Per le tecnologie mini e micro eolico sono riportati esclusivamente i Grafico 5: : Andamento dei costi del fotovoltaico e dell eolico dal 2005 al [55]-[56]-[57]- [58]-[59]-[60]-[61]-[62]- [77]-[78]-[79]-[80]-[81] 7

8 valori del 2010 in quanto non è stato possibile reperire dati antecedenti a questa data (3250 /kw e 4800 /kw rispettivamente). Il grafico 6 mette in evidenza la sostanziale differenza di costo tra le due tecnologie in esame; tuttavia ipotizzando una costante diminuzione di prezzo per entrambe le tecnologie, si assisterebbe nel 2020 a una riduzione del divario tra il costo dell eolico e quello del fotovoltaico. Ciò è determinato dal fatto che la tecnologia fotovoltaica subirà, secondo le previsioni, un più rapido abbassamento di prezzo rispetto alla tecnologia eolica. Un chiaro esempio di quanto detto è riscontrabile osservando nel grafico la situazione della tecnologia a film sottile e quella del micro eolico. Nel 2010 il micro eolico risulta essere più vantaggioso di circa 200 /kw, mentre nel 2020 si prospetta una situazione inversa con la tecnologia fotovoltaica a film sottile più vantaggiosa rispetto al micro eolico di circa 400 /kw. In ogni caso la tecnologia eolica resta comunque più vantaggiosa, non solo in termini di emissioni, ma anche dal punto di vista di costo d acquisto e, come vedremo, di costo del risparmio di CO 2. La determinazione del costo per risparmiare una tonnellata di CO 2, in questo caso, considera come parametro principale, il costo dell impianto a kw e non più la tariffa incentivante. Inoltre, disponendo dell andamento dei prezzi dal 2005 al 2010 è possibile comprendere come questo costo sia variato nel tempo e quanto esso sia influenzato dal prezzo dell impianto. Gli altri parametri che rientrano nel calcolo sono la produzione totale espressa in kwh/vita, e la quantità di emissioni espresse in tonnellate di CO 2 equivalente. Anche in questo caso, per rendere comparabili i dati, viene fatto il confronto con i tre combustibili fossili, in precedenza utilizzati: gas, petrolio e carbone. Di seguito sono illustrati i passaggi per determinare il costo del risparmio di CO 2 : determinazione della produzione di energia elettrica nell arco dell intera vita della fonte rinnovabile P = p x anni [kwh/vita] Determinazione del quantitativo di CO 2 equivalente emessa dal combustibile fossile ipotizzando di produrre gli stessi kwh della tecnologia rinnovabile E cf = (IdE cf x P)/ [t CO 2eq ] Determinazione del quantitativo di CO 2 equivalente emessa dalla fonte rinnovabile E fr = (IdE fr x P)/ [t CO 2eq ] Calcolo del risparmio di CO 2 per differenza tra le emissioni prodotte dalla fonte fossile e quelle prodotte dalla fonte rinnovabile R CO2 = E cf - E fr [t CO 2 ] Dove: P è la produzione espressa in kwh/vita p è la produzione annua espressa in kwh/anno E cf rappresenta la quantità di emissioni da combustibile fossile E fr rappresenta la quantità di emissioni da fonte rinnovabile IdE è l intensità di emissione espressa in g CO 2 /kwh R CO2 è il risparmio di CO 2 8

9 Giunti a questo punto è già possibile fare alcune considerazioni per le due fonti energetiche rinnovabili prese in esame e per ogni singola tecnologia. Per quanto riguarda il fotovoltaico possiamo affermare che non esiste una sostanziale differenza tra le tecnologie impiegate ad eccezione dei moduli CIS, i quali consento un risparmio di CO 2, di poco inferiore, rispetto alle altre tecnologie. Tra quest ultime notiamo una situazione leggermente migliore nel silicio amorfo che permette un risparmio di 13,7 tonnellate di CO 2 nell arco dell intera vita se confrontato al gas. Se consideriamo, invece, l eolico possiamo notare che gli impianti offshore sono indubbiamente quelli che consento un maggiore risparmio. Ciò è dettato dal fatto che, essendo collocati in zone con esposizioni molto prolungate ai venti, permettono di ottenere una produzione superiore di circa una volta e mezzo quella ottenibile sulla terra ferma. Si sottolinea inoltre la differenza tra i grandi impianti e quelli di tipo mini e micro; quest ultimi caratterizzati da un risparmio notevolmente più basso con un divario che va da circa 8,4 tonnellate a 32,9 tonnellate. Anche in questo caso la spiegazione di questo fenomeno deriva dai minori livelli produttivi tipici delle tecnologie mini eolico e, ancor più, quelle ti tipo micro eolico. Ben diverso è il confronto che possiamo fare tra le due fonti energetiche; infatti, come già anticipato, la tecnologia eolica è notevolmente più vantaggiosa in termini di risparmio di emissioni. Tabella 1: Determinazione del risparmio di emissioni delle tecnologie fotovoltaiche confrontate con tre combustibili fossili CONFRONTO CON GAS mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON PETROLIO mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON CARBONE mono poli amorfo cdte cis Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione FV Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2 eq da FV t CO2 1,9 13,1 1,5 13, ,9 1,2 13,7 1,6 13,4 3,1 11,8 Produzione annua Vita Produzione tot Petrolio Emissione Petrolio Emissione FV Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Petrolio t CO2 eq da FV t CO2 1,9 28,0 1,5 28, ,9 1,2 28,7 1,6 28,3 3,1 26,8 Produzione annua Vita Produzione tot Carbone Emissione Carbone Emissione FV Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Carbone t CO2 eq da FV t CO2 1,9 32,5 1,5 32, ,4 1,2 33,1 1,6 32,8 3,1 31,3 9

10 Tabella 2: Determinazione del risparmio di emissioni delle tecnologie eoliche confrontate con tre combustibili fossili CONFRONTO CON GAS Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON PETROLIO Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON CARBONE Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione Eolico Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2 eq da eolico t CO ,0 1,9 51, ,3 0,6 34, ,2 0,8 26, ,0 0,9 18,1 Produzione annua Vita Produzione tot Petrolio Emissione Petrolio Emissione Eolico Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Petrolio t CO2 eq da eolico t CO ,0 1,9 104, ,7 0,6 70, ,4 0,8 53, ,1 0,9 37,2 Produzione annua Vita Produzione tot Carbone Emissione Carbone Emissione Eolico Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Carbone t CO2 eq da eolico t CO ,9 1,9 120, ,3 0,6 80, ,5 0,8 61, ,8 0,9 42,9 Dopo aver determinato la quantità di CO 2 che è possibile risparmiare impiegando delle fonti rinnovabili piuttosto che dei combustibili fossili, è importante capire quanto può costare questo risparmio. Per fare ciò basta dividere il costo dell impianto con il quantitativo di CO 2 risparmiata in modo da ottenere il costo per risparmiare una tonnellata di CO 2 espresso in /t CO 2 risparmiata. Tabella 3: Andamento del costo delle tecnologie fotovoltaiche dal 2005 CONFRONTO CON GAS mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON PETROLIO mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON CARBONE mono poli amorfo cdte cis /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp /kwp

11 Tabella 4: Andamento dei costi per il risparmio di CO 2 delle tecnologie fotovoltaiche dal 2005 CONFRONTO CON GAS mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON PETROLIO mono poli amorfo cdte cis CONFRONTO CON CARBONE mono poli amorfo cdte cis 2005 /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 474,44 462,51 441,54 452,67 512, /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 221,29 218,66 211,16 213,68 226, /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 190,74 188,78 182,56 184,44 193, ,02 489,75 479,42 466,79 455,31 344,35 454,31 477,43 467,36 455,05 443,86 335,70 424,76 410,52 386,80 378,27 364,91 218,95 435,47 420,88 396,56 387,80 374,11 224,47 492,64 476,13 448,62 438,72 423,23 253, ,37 228,43 223,61 217,72 212,37 160,62 214,78 225,72 220,96 215,14 209,85 158,71 203,13 196,33 184,98 180,90 174,51 104,71 205,55 198,66 187,19 183,05 176,59 105,95 217,46 210,18 198,03 193,66 186,83 112, ,36 196,89 192,74 187,66 183,05 138,44 185,43 194,87 190,76 185,74 181,17 137,02 175,62 169,74 159,93 156,40 150,88 90,53 177,43 171,48 161,58 158,01 152,43 91,46 186,23 179,99 169,59 165,85 159,99 96,00 I risultati mostrano che l andamento del costo per risparmiare una tonnellata di CO 2 riflette l andamento dei costi d impianto. Attualmente risparmiare una tonnellata di CO 2 con un modulo a silicio monocristallino costa circa 455 e si stima che nel 2020 costerà circa 344. Quindi analizzando l andamento che si è verificato sin ora e quello che si ipotizza avverrà, possiamo dire che la riduzione del costo d impianto e quindi la riduzione del costo del risparmio di emissioni, subirà Grafico 7: Andamento del costo del risparmio di emissioni per le tecnologie fotovoltaiche un trend di decrescita maggiore rispetto a quello che si è verificato fino ad oggi. Ciò è visibile anche nel grafico 7 il quale illustra l andamento di costo delle cinque tecnologie fotovoltaiche analizzate. Di particolare interesse è l andamento della tecnologia CIS la quale raggiungerà, secondo le stime, un costo decisamente vantaggioso nel 2020, pur essendo attualmente la tecnologia meno vantaggiosa. 11

12 Tabella 5: Andamento del costo delle tecnologie eoliche dal 2005 CONFRONTO CON GAS Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON PETROLIO Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON CARBONE Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw /kw Tabella 6: Andamento dei costi per il risparmio di CO 2 delle tecnologie eoliche dal 2005 CONFRONTO CON GAS Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON PETROLIO Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico CONFRONTO CON CARBONE Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 52,87 50,91 46,01 48,95 46,01 45,04 32,90 50,32 47,44 44,57 48,30 44,57 40,25 29,38 123,02 90,85 264,61 187, /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 25,94 24,98 22,58 24,02 22,58 22,10 16,14 24,96 23,53 22,11 23,96 22,11 19,97 14,58 60,64 44,78 129,15 91, /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp /t di CO2 risp 22,50 21,67 19,59 20,84 19,59 19,17 14,00 21,68 20,44 19,20 20,81 19,20 17,34 12,66 52,62 38,86 111,95 79,30 I risultati ottenuti mettono nuovamente in mostra la particolare efficienza del grande eolico in termini di emissioni evitate. Anche se la prospettiva per il 2020 non è così favorevole come per il fotovoltaico, la tecnologia eolica resta comunque più valida ed efficiente. 12

13 Grafico 8: Andamento del costo del risparmio di emissioni per le tecnologie eoliche A conferma di quanto detto fin ora, possiamo vedere nel grafico la sostanziale differenza di costo tra le varie tecnologie esaminate. L analisi condotta permette di giungere alla conclusione che tuttora il fotovoltaico non risulta essere competitivo nei confronti dell eolico; pertanto, solo con una diminuzione sostanziale del costo della tecnologia a kw si potrà raggiungere un livello di equità in termini di costo per la CO 2 evitata. Questo processo, secondo le previsioni, si sta indirizzando verso il raggiungimento dell obiettivo anche se i tempi necessari risultano essere ben oltre l immediato. Grafico 9: Andamento del costo del risparmio di emissioni per le tecnologie fotovoltaiche ed eoliche a confronto Infine si ritiene opportuno determinare il costo della produzione di un kwh per le tecnologie in esame. La metodologia per il calcolo di questo parametro si basa sul rapporto tra il costo dell impianto e i kwh prodotti nell arco dell intera vita. In questo caso, però, vengono considerati i costi di manutenzione dell impianto espressi in /kw/anno; pertanto questi costi devono essere capitalizzati all anno zero per poter essere poi sommati con il costo effettivo di costruzione. Per semplificare il procedimento, inoltre, è stato preso come dato iniziale di potenza il valore di 1 kw. Infine la durata, espressa in anni, fa riferimento al periodo o di incentivazione del conto energia per il fotovoltaico e dei certificati verdi o tariffa omnicomprensiva per l eolico (tabella 5 e 6). Saggio di interesse utilizzato: 3%. 13

14 Tabella 8: Determinazione del costo di produzione del kwh delle tecnologie fotovoltaiche FOTOVOLTAICO Potenza considerata Funzionamento Tecnologie a silicio Tecnologie a film sottile Produzione Durata Produzione Costo impianto Costo manutenzione Costo capitalizzato kw ore/anno kwh/anno anni kwh/vita Costo /anno /kwh , ,16 Tabella 7: Determinazione del costo di produzione del kwh delle tecnologie eoliche EOLICO Potenza considerata Funzionamento Offshore Onshore Mini eolico Micro eolico Produzione Durata Produzione Costo impianto Costo manutenzione Costo capitalizzato kw ore/anno kwh/anno anni kwh/vita Costo /anno /kwh , , , ,25 Prod = P x F x D C tot cap = C costr + C man *(q n -1/r)* 1/q n C kwh = C tot cap / Prod Dove: Prod è la produzione espressa in kwh/vita C tot cap è il costo totale capitalizzato espresso in C costr è il costo di costruzione della centrale espresso in C man è il costo annuale di manutenzione espresso in /anno C kwh è il costo di produzione del kwh espresso in /kwh q n -1/r è la formula finanziaria dell annualità costante posticipata 1/q n è il fattore di capitalizzazione Dai risultati ottenuti possiamo notare, ancora una volta, la notevole competitività del grande eolico con un costo di produzione di 4 centesimi di euro, mentre, in linea di massima, la produzione da fotovoltaico si aggira intorno a un costo di centesimi di euro. Tuttavia bisogna riscontrare che il fotovoltaico risulta più vantaggioso del micro eolico, il quale, avendo costi di installazione minori permette di ottenere un risultato finale più conveniente. Anche i grafici sottostanti rappresentano quanto sin ora affermato e mettono in evidenza il divario di costo tra le varie tecnologie Grafico 10: Costo di prduzione del kwh - Fotovoltaico Grafico 11: Costo di produzione del kwh - Eolico 14

15 ANALISI DELLA COGENERAZIONE A CIPPATO: L analisi è condotta su due ipotetici impianti di cogenerazione, uno con potenza inferiore al MWe e uno invece con potenza superiore (10 MWe). L esigenza di confrontare due impianti di dimensioni diverse deriva dal fatto che, utilizzando dei cicli differenti (ORC, Organic Rankine Cycle, per i piccoli impianti e normale a turbina per grandi impianti), si hanno dei rendimenti notevolmente diversi. Nella suddetta analisi viene considerato un rendimento termico del 90% ed elettrico del 16,7 % per i piccoli impianti, mentre un rendimento termico del 95% ed elettrico del 25% per gli impianti di grande dimensione. Inoltre è stata ipotizzata una potenza termica in entrata di 6000 kw per l impianto piccolo e di kw per quello grande. Partendo di questi dati si è proceduto ad individuare la quantità di energia termica ed elettrica prodotta dai due impianti secondo tutte le possibili combinazioni, come si può vedere nella tabella sotto riportata. A tal punto subentra la relazione programmatica della Regione Piemonte la quale indica che, per gli impianti con rendimento termico minore del 30%, il rendimento totale (η tot ) non deve essere inferiore a: 0,8 1,3 x η e Dove: η tot è il rendimento totale medio annuo riferito alla somma di energia elettrica e termica prodotta in relazione all effettivo periodo di funzionamento dell impianto nell ambito dei 365 giorni precedenti η e è il rendimento elettrico medio annuo riferito all energia elettrica prodotta in relazione all effettivo periodo di funzionamento dell impianto nell ambito dei 365 giorni precedenti Nel caso in esame il rendimento totale secondo la relazione programmatica è pari a: 0,8-1,3 x 0,167 = 58,2 % per la centrale di piccole dimensioni 0,8 1,3 x 0,25 = 47,5 % per la centrale di grandi dimensioni Infine è stato calcolato il rendimento totale specifico per ogni tipologia produttiva in modo da verificare quali fossero autorizzabili e quali invece non rispettassero le prescrizioni della relazione programmatica: E tot = E t + E e η tot = E tot /E c Dove: E t è l energia termica prodotta E e è l energia elettrica prodotta E tot è l energia totale prodotta E c è l energia derivante dal combustibile bruciato in una caldaia di potenza pari a 6000 kw per la centrale di piccole dimensioni e pari a kw per quella di grandi dimensioni. 15

16 Tabella 9: Calcolo dell energia totale prodotta e del rendimento totale di un impianto di cogenerazione da 1 MW Energia termica Energia Elettrica IN OUT Termico (kw) Elettrico (kw) Termico (kw) Elettrico (kw) 100% 0% % 10% % 20% % 30% % 40% % 50% % 60% % 70% % 80% % 90% % 100% η t 90,0% η e 16,7% E tot η tot ,00% ,67% ,34% ,01% ,68% ,35% ,02% ,69% ,36% ,03% ,70% Non autorizzato Autorizzato Tabella 10: : Calcolo dell energia totale prodotta e del rendimento totale di un impianto di cogenerazione da 10 MW Energia termica Energia Elettrica IN OUT Termico (kw) Elettrico (kw) Termico (kw) Elettrico (kw) 100% 0% % 10% % 20% % 30% % 40% % 50% % 60% % 70% % 80% % 90% % 100% η t η e 95,0% 25,0% E tot η tot ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% ,00% Autorizzato Non autorizzato Grafico 10: Produzione termica ed elettrica a confronto Dai risultati ottenuti risulta che un impianto di grandi dimensioni, avendo dei rendimenti maggiori, può spingersi a destinare il 60% della produzione verso l energia elettrica per rientrare nei limiti consigliati dalla relazione programmatica della Regione Piemonte; viceversa, un impianto di piccole dimensioni deve destinare solo il 40% alla produzione di energia elettrica trica per rispettare il limite. Osservando l andamento dei rendimenti è evidente quanto l incremento di 10 punti percentuali di produzione elettrica faccia abbassare il rendimento totale; nella fattispecie si ha una diminuzione dell 8% per il primo impianto e del 7% per il secondo. Ciò si ripercuote anche nell andamento produttivo che vede una variazione molto più drastica nella produzione termica piuttosto Grafico 11: Produzione termica ed elettrica a confronto 16

17 che in quella elettrica come indicato dai grafici 10 e 11. Infine, a convalida di quanto detto, anche il grafico 12 mostra le variazioni produttive in funzione di quanto viene destinato alla produzione di energia elettrica e di quanto, invece, viene destinato alla produzione di energia termica. Indubbiamente l esclusiva produzione di energia termica da un maggior riscontro in termini produttivi mentre la sola produzione di energia elettrica risulta quantitativamente Grafico 12: Variazione termico/elettrico in funzione delle la meno produttiva. In conclusione, dall analisi combinazioni produttive effettuata, risulta che l utilizzo delle biomasse nel processo di cogenerazione non permette di ottenere una massimizzazione dei rendimenti come invece accade negli impianti cogenerativi a gas. Pertanto si ritiene che l utilizzo delle biomassa dovrebbe essere destinata quasi esclusivamente alla produzione di energia termica e in misura molto minore alla produzione di energia elettrica. ANALISI DEI COSTI DELLA COMBUSTIONE DI BIOMASSA A FINI ENERGETICI: Dopo aver analizzato l andamento produttivo della cogenerazione si è proceduto all analisi dei costi, in maniera, tuttavia, differente rispetto alle analisi effettuate per l eolico ed il fotovoltaico. In questo caso risulta indispensabile dividere la produzione termica da quella elettrica, anche perché il paragone con i combustibili fossili dipende dal tipo di energia prodotta. Nella fattispecie ci limitiamo a paragonare il processo di combustione della biomassa esclusivamente con il gas il quale ha un intensità di emissioni di 453 g CO 2 /kwh se destinato a produrre energia elettrica, mentre di 226 g CO 2 2/kWh se destinato alla produzione termica. Per la cogenerazione a cippato non è stato possibile ricostruire l andamento del costo negli anni; inoltre il parametro di costo utilizzato deriva, per la produzione elettrica, dalla tariffa omnicomprensiva pari a 0,28 /kwh, mentre per la produzione termica viene applicato il valore dei certificati bianchi (titoli di efficienza energetica) pari a 0,017 /kwh. Questo valore rappresenta un costo all erario notevole pur rappresentando per il richiedente dell impianto un incentivo. Nella voce di costo, inoltre, non rientra il costo di costruzione della centrale data la sua irrilevante importanza; si è calcolato che il costo di costruzione incide per circa 0,5 cent di per ogni MWh. Infine si è adottato come parametro standard il funzionamento della centrali pari a 8000 ore all anno. La metodologia di calcolo del risparmio di CO 2 risulta identica a quella effettuata nel caso del fotovoltaico e dell eolico, anche se svolta sia per la parte destinata a produrre energia termica che per la parte destinata a produrre energia elettrica, come si può vedere nelle tabelle sottostanti. L analisi è stata condotta per le due tipologie di centrali già precedentemente prese in esame: una di potenza inferiore al MW e una di potenza di 10 MW 17

18 Tabella 11: Determinazione della quantità di CO 2 risparmiata in un impianto di cogenerazione < di 1 MW CONFRONTO Et CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% CONFRONTO Ee CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2 t CO Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2 t CO TOT RISP t CO , , , , ,72 Tabella 12: Determinazione della quantità di CO 2 risparmiata in un impianto di cogenerazione da 10 MW CONFRONTO Et CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% CONFRONTO Ee CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2/kWp t CO Produzione annua Vita Produzione tot Gas Emissione Gas Emissione Risparmio kwh/anno anni kwh/vita g CO2/kWh t CO2 eq da Gas t CO2/kWp t CO TOT RISP t CO , , , , , Dai dati emerge che la maggior quantità di CO 2 risparmiata si ha solo con l esclusiva produzione di energia termica. Viceversa, man mano che si incrementa la produzione di energia elettrica la quantità di CO 2 risparmiata tende a diminuire per toccare il valore minimo con il 100% di produzione elettrica. Ciò permette di ribadire la scarsa efficienza nella produzione di energia elettrica da biomasse. L analisi dei costi, come detto in precedenza, tiene conto della tariffa omnicomprensiva e dei certificati bianchi applicati rispettivamente per ogni kwh elettrico e termico prodotto per quindici anni. Il costo che ne deriva viene, poi, suddiviso per la quantità di CO 2 evitata in modo da ottenere il costo per risparmiare una tonnellata di CO 2. 18

19 Tabella 13: Costo del risparmio di CO 2 in un impianto < di 1 MW CONFRONTO Et CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% CONFRONTO Ee CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% 2010 Costo ( ) da Certificati Bianchi 2010 Costo ( ) da Tariffa Omnicomprensiva 2010 /t di CO2 risp , , , , ,68 0 0, /t di CO2 risp 0 0, , , , , ,09 Tabella 14: Costo del risparmio di CO 2 in un impianto da 10 MW TOT % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% 223, , , , ,78 924,09 CONFRONTO Et CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% CONFRONTO Ee CON GAS % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% Costo ( ) da Certificati /t di CO2 risp Bianchi , , , , ,71 0 0, Costo ( ) da Tariffa /t di CO2 risp Omnicomprensiva 0 0, , , , , ,57 TOT % % 60-40% 40-60% 20-80% 0-100% 193, , , , ,28 889,57 Dalle tabelle precedenti e dal grafico 13 è possibile osservare il costo totale per risparmiare una tonnellata di CO 2. Come era prevedibile, la centrale di piccole dimensioni, avendo rendimenti inferiori, ha un costo di risparmio di emissioni superiore alla centrale di grandi dimensioni. Notiamo che il costo totale resta invariato in tutte le Grafico 12: Costo del risparmio di emissioni nelle due tipologie d impianto 19

20 combinazioni produttive aventi sia produzione di energia termica che elettrica; ciò avviene perché il costo aumenta proporzionalmente alla quantità di CO 2 risparmiata, mantenendo quindi, il rapporto perfettamente bilanciato. Infatti tutte le combinazioni cogenerative della piccola centrale hanno un costo di 1148 /t, mentre quelle della centrale di grandi dimensioni hanno un costo di 1083 /t. Viceversa nelle due situazioni estreme si ha un costo più basso. Ciò è dettato dal fatto che, avendo un unico output produttivo, si abbattono i costi del risparmio derivanti dalla tipologia energetica mancante. Infatti, con la solo produzione termica, si abbatte il costo delle risparmio di emissioni da produzione elettrica, generando un risultato finale notevolmente basso, pari a 193 /t nella centrale di grandi dimensioni e pari a 223 /t nella centrale di piccole dimensioni. Viceversa, nel caso dell esclusiva produzione di energia elettrica, non rientra il costo del risparmio di emissioni derivante dalla produzione termica. Anche in questo caso si ha un abbassamento di costo rispetto alle tipologie produttive in cogenerazione, ma non rilevante quanto quello verificatosi per l esclusiva produzione termica. Infatti, destinando l intera produzione alla generazione di energia elettrica, il costo per risparmiare una tonnellata di CO 2 ammonta a 890 per la grande centrale e a 924 per quella di piccole dimensioni. Infine, bisogna sottolineare che, se l intera biomassa fosse destinata esclusivamente ad usi termici, ogni tonnellata di CO 2 risparmiata avrebbe un costo di circa 900 in meno. Anche per il processo di cogenerazione da biomasse, come per eolico e fotovoltaico, è stato infine calcolato il costo di produzione del kwh. La determinazione del risultato, in questo caso, risulta un po più complicata, in quanto bisogna tener conto di tutte le varianti fin ora considerate. Infatti, come si potrà vedere dai risultati, il costo del kwh varia in funzione delle dimensioni dell impianto e della quantità di energia termica ed elettrica prodotta. Un altra differenza rispetto al calcolo precedente riguarda il dato iniziale riferito alla potenza; per eolico e fotovoltaico si è adottato, per semplicità, 1 kw, mentre in questo caso sono stati considerati i valori reali già utilizzati in precedenza, per la precisione 6000 kw di potenza per la centrale < di 1 MW e kw per quella di 10 MW. Tra i parametri standard utilizzati ricordiamo le ore di funzionamento della centrale pari a 8000, il potere calorifico e il costo del combustibile. Anche in questo caso al costo di costruzione della centrali sono stati aggiunti i costi variabili annuali capitalizzati, che nella fattispecie rappresentano i costi sostenuti per l acquisto del combustibile. I costi di manutenzione, invece, sono stati tralasciati vista la loro irrilevante influenza (tabella 13). Di seguito sono riportati i calcoli matematici; si ricorda che è stato utilizzato un saggio di interesse pari al 3 %. kwh = In x F Q c = (kwh/pcal)/1000 C c = Pr c x Q c C tot cap = C costr + C c *(q n -1/r)* 1/q n Out = Prod x F Out vita = Out x n C kwh = C tot cap / Out vita 20

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Le fonti di energia rinnovabili nella casa Q uesto opuscolo è stato realizzato nell ambito del programma SICENEA, finanziato dall Assessorato Industria della Regione

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Rapporto commissionato da AEEG al Politecnico di Milano - Dipartimento di Energia DICEMBRE 2010 Hanno collaborato alla realizzazione del rapporto:

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA... 4 2 LE RINNOVABILI ELETTRICHE... 4 2.1 Impianti connessi alla rete... 4 2.2 Impianti

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

129-130 Basilicata Regione Notizie

129-130 Basilicata Regione Notizie 129-130 Basilicata Regione Notizie Guardia Perticara, paesaggio (Foto di Leonardo Nella - Archivio Total) 164 Sviluppo agro-energetico Benefici economici e ambientali contro la crisi delle risorse fossili

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI FOTO VOLTAICO

ENERGIE RINNOVABILI FOTO VOLTAICO ENERGIE RINNOVABILI FOTO VOLTAICO INDICE DEI CONTENUTI 00. PREMESSA...3 01. L AMBIENTE...4 02. SALVAGUARDARE L AMBIENTE...5 03. L ENERGIA...6 04. FONTI DELL ENERGIA ELETTRICA...7 05. FOTO VOLTAICO...8

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Marta Bazzoffi Mariachiara D Aniello GISMAP, Firenze Beglar Ingegneria srl, Firenze Glossario... 2 PREMESSA... 4 1. Parte

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Guida alla progettazione

Guida alla progettazione Guida alla progettazione Introduzione Gli Smart Module ampliano significativamente le possibilità di progettazione degli impianti fotovoltaici. I moduli ottimizzati con la tecnologia Tigo Energy possono

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A.

Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A. Progetto Obiettivo Ambiente, Risparmio Energetico Ed Energie Alternative G.A.I.A. Scenario tecnico ed economico sulla produzione di energia da Fonti Rinnovabili Relatore Ing. Francesco Matera Realizzato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Panoramica L'energia solare fa evaporare le nubi e la produzione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì Viale Della Libertà, 14 -Tel. 0543 28620, Fax 0543 26363 Email: itisfo@itisforli.it Sito: www.itisforli.it ENERGIA E AMBIENTE PROGETTO ENERGIA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli