<Nome Tabella>.<attributo>

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "<Nome Tabella>.<attributo>"

Transcript

1 Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (2) Tabelle mult., variabili, aggreg, group Prof. Alberto Postiglione Università degli Studi di Salerno Queries su più tabelle Per formulare un interrogazione su più tabelle, la clausola dovrà contenere l elenco di tutte le tabelle coinvolte Sul prodotto cartesiano delle tabelle verranno applicate le condizioni contenute nella clausola WHERE # 2 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Come funziona una query su più tabelle Come funziona una query su più tabelle Una Query su più tabelle si riduce ad una query su una sola tabella in quanto SQL effettua il prodotto cartesiano di tutte le tabelle coinvolte nella query Infatti, il Prodotto Cartesiano crea un unica, grande, tabella, data dal prodotto di quelle di partenza Su tale grande tabella si applicano le condizioni della clausola WHERE. Alla fine viene creata la tabella di risposta selezionando i campi presenti nella clausola I1 I2 IMPIEGATO DIPARTIMENTO D1 D2 D3 D4 D5 Per avere la prova basta eseguire la seguente query: *, ; # 3 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 4 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Come funziona una query su più tabelle Operatore punto Il numero totale di righe è il prodotto del numero delle righe presenti nelle tabelle input, cioè 40, in quanto ha 8 righe ha 5 righe. Il numero totale di colonne è la somma del numero delle colonne nelle tabelle input, cioè 9, in quanto ha 6 colonne ha 3 colonne. Per indicare gli attributi di ogni tabella si usa la notazione < Tabella>.<attributo> E necessario utilizzare l operatore punto per identificare la tabelle da cui provengono i campi solo se c è ambiguità, cioè se nell interrogazione si fa riferimento a nomi presenti in più tabelle. In caso di assenza di ambiguità è possibile usare il solo nome del campo, senza dichiarare la tabella di appartenenza # 5 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 6 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 1

2 Tabelle esempio: / (,,, Ufficio,, ) Anna Giuseppe Mario Bianco Bianchi Neri (, Indirizzo, ) Ricerca Ufficio Indirizzo Via Tito Livio, 27 Via Tito Livio, 2 Via Segre, 9 P.le Lavater, 3 Via Venosa, 6, ,00, , ,00 Venezia Napoli Genova QUERY 23 - Tabelle Multiple, e città di lavoro di tutti gli impiegati.,.,., WHERE. =.; NOME e COGNOME appartengono alla tabella IMPIEGATO Anna Giuseppe Mario Bianco Bianchi Neri CITTA appartiene alla tabella DIPARTIMENTO # 7 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 8 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Uso di ALIAS (Nomi alternativi) USO DI VARIABILI Atzeni, cap Uso di variabili ALIAS: nome alternativo dato ad una tabella MOTIVAZIONI (Alias come Pseudonimo) Far riferimento ad una tabella evitando di scrivere per intero il suo nome ogni volta che ne viene richiesto l uso (Alias come nome di variabile) Far riferimento a più esemplari della stessa tabella, quando l interrogazione prevede di accedere in momenti successivi alla stessa tabella (quando per esempio una tabella va confrontata con se stessa) # 10 Prof Alberto Postiglione Università Salerno QUERY 23bis - Alias su Tabelle, e città di lavoro di tutti i dipendenti I.,, D. AS I, AS D WHERE I. = D.; Anna Giuseppe Mario Bianco Bianchi Neri QUERY 24 - Variabili, e Stipendio di chi guadagna più di Neri. In questo caso la query corrisponde ad un confronto da effettuare all interno della stessa tabella. Dobbiamo assegnare due nomi (ALIAS) differenti alla stessa tabella, in modo da poter confrontare elementi appartenenti alla stessa tabella come se fossero due tabelle differenti. # 11 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 12 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 2

3 WHERE QUERY 24 - Variabili I2., I2., I2.[] I1, I2 I1. = AND I1. = Neri AND I2.[] > I1.[] , ,00 OPERATORI AGGREGATI E INTERROGAZIONI CON RAGGRUPPAMENTO Atzeni, cap , # 13 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Operatori Aggregati Operatori Aggregati Una Query normalmente è applicata all intera tabella, ma ne analizza una riga per volta, estraendo tutte quelle che verificano le condizioni della WHERE Es: Si vuole conoscere il numero di matricola di tutti gli studenti che abitano a Napoli. Se ci sono 100 studenti di Napoli, la risposta sarà una tabella con 100 righe # 15 Una Query aggregata estrae un risultato che dipende da un insieme di righe. Il risultato è un valore che non è posseduto da una riga in particolare Es: Si vuole conoscere il numero di studenti che abitano a Napoli Se ci sono 100 studenti di Napoli, la risposta sarà il numero 100. Prof Alberto Postiglione Università Salerno Le Queries con operatori aggregati sono delle estensioni delle normali interrogazioni Un interrogazione con un operatore aggregato viene eseguita in 2 momenti successivi: 1. (Selezione di righe) Viene prima eseguita la query considerando le parti e WHERE, procedendo una riga alla volta selezionando quelle che rispondono alle condizioni della clausola Where. 2. (Applicazione della funzione sulle righe selezionate) Sulla tabella risultante viene poi applicato l operatore aggregato # 16 Prof Alberto Postiglione Università Salerno QUERY 25 - COUNT QUERY 25bis - COUNT Numero di Dipendenti del Count (*) WHERE = "; 2 Numero di Dipendenti del (metodo alternativo) WHERE Count ([]) = "; 2 # 17 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 18 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 3

4 # 19 QUERY 26 - COUNT ATTENZIONE: Count (<nome campo>) conta il numero di righe con valore NON NULLO del campo specificato, che non necessariamente corrisponde al numero di righe selezionate tramite la clausola WHERE Numero totale di Dipendenti Count (*) 8 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 20 QUERY 26 bis e 26ter - COUNT Numero totale di Dipendenti Alternativa num. 1 (26bis) Count () Alternativa num. 2 (26ter) - ERRATA Count (Ufficio) 8 6 Ogni Dipendente (sia impiegato che dirigente) ha un Ci sono alcuni dipendenti che non sono assegnati ad un ufficio (i dirigenti) Prof Alberto Postiglione Università Salerno Operatori Aggregati QUERY 27 - SUM FUNZIONI di aggregazione su un insieme di tuple COUNT SUM AVG Ammettono come argomento solo espressioni numeriche o di tempo MAX MIN Richiedono che sull espressione sia definito un ordinamento (per cui si possono applicare anche a Caratteri, ad esempio) Somma degli stipendi del Sum ([]) AS [Stipendio Totale] WHERE =""; Stipendio Totale Si noti che per inserire uno spazio bianco nel nome di un campo bisogna racchiudere l intero nome tra una coppia di parentesi quadre. # 21 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 22 Prof Alberto Postiglione Università Salerno QUERY 28 - MIN, MAX, AVG Stipendi minimo, massimo e medio fra quelli di tutti i Dipendenti Min ([]), Max ([]), Avg ([]) ,00 Expr1001 Expr ,00 QUERY 29 MAX su testo del Dipendente che, in ordine alfabetico, è in ultima posizione Max () # 23 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 24 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 4

5 QUERY 30 - Aggregati su 2 tabelle Nomi di Attributi e operatori aggregati Stipendio più alto fra quelli dei Dipendenti che lavorano in un con sede a WHERE Max ([]),. =. AND.='', e Stipendio del Dipendente che guadagna più di tutti NON E POSSIBILE mischiare nella clausola nomi di attributi con operatori aggregati perchè Il risultato di una è normalmente un insieme di righe Un operatore aggregato (Count, Sum, ) estrae un unico valore da un insieme di righe già selezionato dalla. Nelle queries precedenti abbiamo sempre usato operatori aggregati OPPURE nomi di campi! Se in una Query c è un qualsiasi operatore aggregato (Sum, Count, ) non abbiamo utilizzato nomi di campi presi singolarmente, se non come argomenti dell operatore # 25 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 26 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Nomi di Attributi e operatori aggregati Non è cioè possibile scrivere la query un questo modo:,, Max (Stipendio) ; Questa query NON INDIVIDUA lo stipendio massimo e poi seleziona il nome e il cognome dell impiegato corrispondente. Quando incontreremo le Queries Innestate (Subqueries) vedremo come sarà possibile rispondere a questa interrogazione Raggruppamento Gli esempi visti fino ad ora operano su tutte le righe di una tabella A volte è necessario applicare un operatore aggregato a sottoinsiemi di righe raggruppati in base ad un valore comune presente in uno o più campi E cioè necessario ripartire le righe in sottoinsiemi omogenei ed applicare gli operatori aggregati ai singoli gruppi. # 27 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 28 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Raggruppamento Basta aggiungere in coda alla --WHERE la clausola GROUP BY GROUP BY A 1, A k HAVING Ψ A 1, A k è un insieme di campi che devono comparire anche nella clausola Ψ è una clausola opzionale che si applica ai gruppi (permette di selezionarne solo un sottoinsieme) La query raggrupperà tutte le righe che presentano gli stessi valori sui campi A 1, A k QUERY 31 - GROUP BY Per ogni si vuole conoscere il totale degli stipendi pagati, Sum([]) AS Totale GROUP BY Totale , ,00 # 29 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 30 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 5

6 Come funziona una query con GROUP BY 1) Viene prima eseguita la query come se non ci fosse la clausola GROUP BY, Nell esempio è come se venisse effettuata la query(31bis), [], ,00, , ,00 Come funziona una query con GROUP BY 2) Le righe vengono poi raggruppate mettendo assieme tutte quelle con uguale valore degli attributi che compaiono nella clausola GROUP BY Nell esempio il valore in base a cui raggruppare è il nome del # 31 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 32 Prof Alberto Postiglione Università Salerno Come funziona una query con GROUP BY 3) Viene applicato l operatore aggregato ad ognuno dei sottoinsiemi individuati Nel nostro esempio, l operatore è SUM e si applica ad ognuno dei 4 sottoinsiemi individuati Totale , ,00 GROUP BY - HAVING La lista dei campi della clausola deve essere un sottoinsieme di quella della clausola GRUOP BY. Se siamo interessati solamente ad alcuni dei sottoinsiemi utilizziamo il predicato HAVING # 33 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 34 Prof Alberto Postiglione Università Salerno QUERY 32 - HAVING GROUP BY - HAVING e spesa complessiva dei Dipartimenti che spendono più di euro in stipendi, Sum ([]) GROUP BY HAVING Sum([])> Expr ,00 Nota: HAVING può anche essere usato senza GROUP BY. In questo caso la tabella si considera come un unico grande raggruppamento. HAVING presenta espressioni che contengono campi solo se questi sono argomenti di operatori aggregati # 35 Prof Alberto Postiglione Università Salerno # 36 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 6

7 QUERY 33 - HAVING Tutti i Dipartimenti in cui la media degli stipendi dei dipendenti che lavorano nell ufficio 20 è superiore a euro WHERE Ufficio = 20 GROUP BY HAVING Avg([])>25000; # 37 Prof Alberto Postiglione Università Salerno 7

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (3) Insiemistiche e Nidificate Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno 2.3b: SQL (2) Interrogazioni semplici INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze

Dettagli

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (4) Query di aggiornamento Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

Structured Query Language

Structured Query Language IL LINGUAGGIO SQL Structured Query Language Contiene sia il DDL sia il DML, quindi consente di: Definire e creare il database Effettuare l inserimento, la cancellazione, l aggiornamento dei record di un

Dettagli

Linguaggio SQL seconda parte

Linguaggio SQL seconda parte Linguaggio SQL seconda parte A. Lorenzi, E. Cavalli INFORMATICA PER SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas Le condizioni di ricerca 2 Le condizioni di ricerca Usate nelle

Dettagli

Query. Query (Interrogazioni) SQL SQL. Significato dell interrogazione. Sintassi

Query. Query (Interrogazioni) SQL SQL. Significato dell interrogazione. Sintassi Informatica della Facoltà di Lingue e Letterature dell Università degli Studi di Torino. Qualsiasi altro Query (Interrogazioni) SQL Materiale aggiuntivo per il corso di laurea in Lingue e Culture per il

Dettagli

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati Basi di Dati Matteo Longhi Structured Query Language Introduzione Standard creato nel 1976 da IBM Aggiornato (versione 2 nel 1992 (ANSI X3.135 e ISO 9075 Consente di: DDL: definire la struttura del DB

Dettagli

SQL [2] Concetti avanzati di SQL. Esempi di interrogazioni

SQL [2] Concetti avanzati di SQL. Esempi di interrogazioni SQL [2] Concetti avanzati di SQL 2 Esempi di interrogazioni 3 Esempi di interrogazioni 4 Esempi di interrogazioni 5 Confronti che coinvolgono NULL NULL può voler dire: valore sconosciuto (esiste ma non

Dettagli

Caratteristiche dei linguaggi per Database

Caratteristiche dei linguaggi per Database IL LINGUAGGIO Caratteristiche dei linguaggi per Database I linguaggi per basi di dati relazionali possiedono i comandi per: definizione del data base; manipolazione dei dati; associazione tra tabelle diverse;

Dettagli

Il linguaggio SQL: raggruppamenti

Il linguaggio SQL: raggruppamenti Il linguaggio SQL: raggruppamenti Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.3.SQL.gruppi.pdf Informazioni di sintesi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Basi di Dati Il Linguaggio SQL Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ Il Linguaggio SQL SQL (Structured Query Language) è il linguaggio di riferimento per le basi di dati

Dettagli

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 -

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 - Manuale SQL - 1 - Istruzioni DDL Creazione di una tabella : CREATE TABLE Il comando CREATE TABLE consente di definire una tabella del database specificandone le colonne, con il tipo di dati ad esse associate,

Dettagli

Database Lezione 2. Sommario. - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati

Database Lezione 2. Sommario. - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati Sommario - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati Progettazione di un database - In un database c'è una marcata distinzione tra i valori in esso contenuti e le operazioni

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 5 Raffaella Gentilini 1 / 22 Sommario 1 Gruppi 2 / 22 Raggruppamenti Gruppi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono a

Dettagli

SQL terza parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2010/11

SQL terza parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2010/11 SQL terza parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I Anno accademico 2010/11 Operatori aggregati Costituiscono una estensione delle normali interrogazioni SQL (non hanno corrispondenza in

Dettagli

SQL - Sottointerrogazioni correlate

SQL - Sottointerrogazioni correlate SQL - Sottointerrogazioni correlate negli esempi visti ogni subquery viene eseguita una volta per tutte ed il valore (o insieme di valori) è usato nella clausola WHERE della query esterna è possibile definire

Dettagli

Join in SQL (primo modo) Informatica. Tabella Dipartimento. Interrogazione 4a. Interrogazione 4b. Interrogazione 4a

Join in SQL (primo modo) Informatica. Tabella Dipartimento. Interrogazione 4a. Interrogazione 4b. Interrogazione 4a Join in SQL (primo modo) Informatica Lezione 7 Laurea magistrale in Psicologia Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 09- Per formulare interrogazioni che coinvolgono

Dettagli

Interrogazioni semplici

Interrogazioni semplici Interrogazioni semplici Lorenzo Sarti 2009 Basi di Dati 1 select Campi considerati Matricola Cognome Nome Data di nascita A80198760 Bianchi Anna 22/03/1967 A80293450 Rossi Andrea 13/04/1968 A80198330 Neri

Dettagli

Algebra relazionale. Algebra relazionale. Operatori dell algebra relazionale. Operatori dell algebra relazionale. Algebra relazionale.

Algebra relazionale. Algebra relazionale. Operatori dell algebra relazionale. Operatori dell algebra relazionale. Algebra relazionale. Algebra relazionale Algebra relazionale Introduzione Selezione e proiezione Prodotto cartesiano e join Natural join, theta-join e semi-join Outer join Unione e intersezione Differenza e antijoin Divisione

Dettagli

Il linguaggio SQL: raggruppamenti. Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf

Il linguaggio SQL: raggruppamenti. Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf Il linguaggio SQL: raggruppamenti Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf Informazioni di sintesi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono a singole tuple (eventualmente

Dettagli

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Sistemi Informativi Avanzati Anno Accademico 2012/2013 Prof. Domenico Beneventano Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Esempio! Esempio delle vendite con scontrino (nella tabella, per

Dettagli

RELAZIONI E BASI DI DATI

RELAZIONI E BASI DI DATI Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno :Modello Relazionale (2)-Relazioni e DB, valori nulli Prof.

Dettagli

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio INTRODUZIONE L algebra relazionale è l algebra su cui si basa il linguaggio

Dettagli

ACCESS Esercitazione (query complesse) Ing. Cosimo Orlacchio

ACCESS Esercitazione (query complesse) Ing. Cosimo Orlacchio ACCESS Esercitazione (query complesse) Ing. Cosimo Orlacchio Le query su più tabelle Le query proposte nella Lezione scorsa sono tutte basate su una sola tabella. Una base di dati è solitamente costituita

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Linguaggio SQL: fondamenti Struttura di base Clausola WHEE Ordinamento del risultato Join unzioni aggregate Operatore GOU BY Istruzione SELECT: esempio di BD forniture prodotti Istruzione SELECT: esempio

Dettagli

SQL. SQL: "storia. Sviluppato nella metà degli anni settanta (1974) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè. Dal 1983 ca. "standard di fatto"

SQL. SQL: storia. Sviluppato nella metà degli anni settanta (1974) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè. Dal 1983 ca. standard di fatto SQL SQL: "storia Sviluppato nella metà degli anni settanta (194) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè Dal 1983 ca. "standard di fatto" E il linguaggio di riferimento per l interrogazione di DBMS

Dettagli

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013)

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) SQL quick reference piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) I tipi dei dati di SQL sono: delimitatori delle costanti: TEXT(n) stringa di caratteri

Dettagli

Microsoft Access (parte 5) Query. Query. Query. Query. Creare una query

Microsoft Access (parte 5) Query. Query. Query. Query. Creare una query Microsoft Access (parte 5) Anno accademico: 2008-2009 Per estrarre informazioni da un database si utilizzano delle query : procedure di interrogazione Si può creare più query per ogni tabella Occorre avere

Dettagli

SQL - Structured Query Language

SQL - Structured Query Language SQL - Structured Query Language Lab 05 Alessandro Lori Università di Pisa 27 Aprile 2012 Riepilogo esercitazione precedente Operatori insiemistici (UNION, INTERSECT, EXCEPT) Riepilogo esercitazione precedente

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Esercizio: Cinema

Alessandra Raffaetà. Esercizio: Cinema Lezione 8 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Esercizio: Cinema

Dettagli

S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali. Alessandra Raffaetà

S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali. Alessandra Raffaetà Lezione 8 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Esercizio: Cinema

Dettagli

Filtri. Microsoft Access. Filtri. Filtri

Filtri. Microsoft Access. Filtri. Filtri Filtri Microsoft Access Filtri, query Un filtro è una funzione che provoca la visualizzazione dei soli record contenenti dati che rispondono a un certo requisito Per applicare un filtro a una tabella è

Dettagli

Linguaggio SQL. studenti matricola nome cognome citta anno 11 marco bini bologna 1985 13 laura sicuro rimini 1984 esami codice

Linguaggio SQL. studenti matricola nome cognome citta anno 11 marco bini bologna 1985 13 laura sicuro rimini 1984 esami codice Linguaggio SQL Il linguaggio SQL (Structured Query Language) è il linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali sostenuti codice matricola anno voto

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Linguaggio SQL: fondamenti Struttura di base Clausola WHEE Ordinamento del risultato Join unzioni aggregate Operatore GOU BY Istruzione SELECT: esempio Trovare il codice e il numero di soci dei fornitori

Dettagli

Lezione 7 SQL (II) Basi di dati bis Docente Mauro Minenna Pag.1

Lezione 7 SQL (II) Basi di dati bis Docente Mauro Minenna  Pag.1 Lezione 7 SQL (II) Pag.1 Ancora sugli operatori di confronto tra insiemi Abbiamo già visto IN, EXISTS e UNIQUE. Possiamo anche usare NOT IN, NOT EXISTS e NOT UNIQUE Disponibili anche: op ANY, op ALL Trovare

Dettagli

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, SQL

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, SQL Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 : SQL Operatori aggregati Nelle espressioni della target list possiamo avere anche espressioni che calcolano valori a partire da insiemi

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 2

Basi di Dati. S Q L Lezione 2 Basi di Dati S Q L Lezione 2 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Unire più tabelle Operazioni algebriche Ridenominazione Query annidate 2 Unire piu' relazioni Nella progettazione di un DB le

Dettagli

Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL. Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor

Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL. Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor Contesto didattico Il seguente materiale didattico è

Dettagli

Basi di Dati. Esercitazione 1: Interrogazioni in SQL. K. Donno - Interrogazioni in SQL

Basi di Dati. Esercitazione 1: Interrogazioni in SQL. K. Donno - Interrogazioni in SQL Basi di Dati Esercitazione 1: Interrogazioni in SQL DB di riferimento per esempi Consideriamo i seguenti schemi di una base di dati relazionale: PremioProduzione, DataAssunzione) Viene data la seguente

Dettagli

SQL: Structured Query Language. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

SQL: Structured Query Language. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma SQL: Structured Query Language 1 SQL:Componenti Principali Data Manipulation Language (DML): interrogazioni, inserimenti, cancellazioni, modifiche Data Definition Language (DDL): creazione, cancellazione

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 6 Raffaella Gentilini 1 / 40 Sommario 1 Viste 2 3 2 / 40 Viste Viste le viste sono tabelle virtuali corrispondono al risultato di una query (SELECT) valutata

Dettagli

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative SQL SQL Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative l utente specifica quale informazione è di suo interesse, ma non come estrarla dai dati Le interrogazioni vengono

Dettagli

SQL - Sottointerrogazioni

SQL - Sottointerrogazioni una delle ragioni che rendono SQL un linguaggio potente è la possibilità di esprimere interrogazioni più complesse in termini di interrogazioni più semplici, tramite il meccanismo delle subqueries (sottointerrogazioni)

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezioni 6 7 Raffaella Gentilini 1 / 46 Sommario 1 Subquery (o Interrogazioni Nidificate) Interrogazioni Annidate con Predicati di Confronto Interrogazioni Annidate con

Dettagli

Lezione 6. Algebra e Calcolo Relazionale

Lezione 6. Algebra e Calcolo Relazionale Lezione 6 Algebra e Calcolo Relazionale 1 Sommario Esempio di Applicazione con Database (AZIENDA) Algebra Relazionale Operazioni Relazionali Unarie Operazioni dell Algebra Relazionale dalla teoria degli

Dettagli

D B M G. Linguaggio SQL: fondamenti. Istruzione SELECT: fondamenti. Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1. Struttura di base

D B M G. Linguaggio SQL: fondamenti. Istruzione SELECT: fondamenti. Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1. Struttura di base Linguaggio SQL: fondamenti Struttura di base Clausola WHERE Ordinamento del risultato Join Funzioni aggregate Operatore GROUP BY 2007 Politecnico di Torino 1 Istruzione SELECT: esempio Trovare il codice

Dettagli

Interrogazioni nidificate

Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate Nella clausola where si possono utilizzare valori prodotti da altre istruzioni select utilizzando any (qualsiasi) o all (tutti) insieme agli operatori di confronto Trovare nome,

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Qualificazione: notazione con il punto

Alessandra Raffaetà. Qualificazione: notazione con il punto Lezione 7 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Qualificazione:

Dettagli

ALGEBRA RELAZIONALE. L algebra relazionale

ALGEBRA RELAZIONALE. L algebra relazionale ALGEBRA RELAZIONALE 2 L algebra relazionale L insieme principale di operazioni per il modello relazionale è l algebra relazionale. Le operazioni dell algebra relazionale consentono all utente di specificare

Dettagli

Operatori aggregati: COUNT

Operatori aggregati: COUNT Operatori aggregati: COUNT Il numero di figli di select count(*) as NumFigliDi where Padre = '' Paternità Padre Sergio Figlio Olga Filippo Andrea Aldo l operatore aggregato (count) viene applicato al risultato

Dettagli

Esempi SQL con Access. Orazio Battaglia

Esempi SQL con Access. Orazio Battaglia con Access Orazio Battaglia Consideriamo la base di dati in figura. 2 Interrogazione 1: Selezioniamo tutti gli impiegati, vogliamo Cognome, Nome e Posizione SELECT Impiegati.Cognome, Impiegati.Nome, Impiegati.Posizione

Dettagli

SQL. Argomenti della lezione. Join esplicito. Interrogazioni complesse in SQL join esplicito outer join operatori aggregati interrogazioni nidificate

SQL. Argomenti della lezione. Join esplicito. Interrogazioni complesse in SQL join esplicito outer join operatori aggregati interrogazioni nidificate Argomenti della lezione SQL Interrogazioni complesse in SQL join esplicito outer join operatori aggregati interrogazioni nidificate Maternità Paternità Madre Figlio Olga Filippo Sergio Olga Filippo Persone

Dettagli

Informatica. Sintassi. Interrogazioni in SQL. Significato dell interrogazione. Tabella Impiegato. Basi di dati parte 4 SQL

Informatica. Sintassi. Interrogazioni in SQL. Significato dell interrogazione. Tabella Impiegato. Basi di dati parte 4 SQL Informatica Basi di dati parte 4 SQL Lezione 13 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Interrogazioni in

Dettagli

CORSO ACCESS 2000 PARTE VI

CORSO ACCESS 2000 PARTE VI Le Query Le Query selezionano dati, da una o più tabelle in un database, che soddisfano determinati requisiti e visualizzano i risultati in un foglio dati. I dati richiesti vengono visualizzati in un recordset

Dettagli

Interrogazioni nidificate

Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate Trovare nome, cognome e matricola degli studenti che non hanno fatto esami select Matricola,Nome,Cognome from studenti where matricola all (select studente group by studente)

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2015/2016 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2015-16.htm dott.ssa Francesca A. Lisi francesca.lisi@uniba.it

Dettagli

MODELLI DEI DATI. Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia

MODELLI DEI DATI. Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Modelli dei Dati MODELLI DEI DATI Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

Le query di comando e di servizio in Access

Le query di comando e di servizio in Access Le query di comando e di servizio in Access In questa parte sono presentate alcune query di Access che permettono di: creare nuove tabelle, aggiungere o eliminare righe in una tabella, modificare il contenuto

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Introduzione Istruzione INSERT Istruzione DELETE Istruzione UPDATE Linguaggio SQL: fondamenti 2 (1/3) Inserimento di tuple Cancellazione di tuple Modifica di tuple 4 (2/3) INSERT inserimento di nuove tuple

Dettagli

Basi di dati 8 settembre 2015 Esame Compito A Tempo a disposizione: due ore. Libri chiusi.

Basi di dati 8 settembre 2015 Esame Compito A Tempo a disposizione: due ore. Libri chiusi. Basi di dati 8 settembre 2015 Esame Compito A Tempo a disposizione: due ore. Libri chiusi. Cognome: Nome: Matricola: Domanda 1 (15%) Considerare la base di dati relazionale contenente le seguenti relazioni:

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 4

Basi di Dati. S Q L Lezione 4 Basi di Dati S Q L Lezione 4 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Espressioni condizionali Query nella SELECT Raggruppamento di tuple Condizioni sui gruppi 2 Esercizio 6 (lezione 3) Indicare nome

Dettagli

Monday, January 24, 2011 SQL

Monday, January 24, 2011 SQL SQL SQL Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative l utente specifica quale informazione è di suo interesse, ma non come estrarla dai dati Le interrogazioni vengono

Dettagli

SELECT s.nome, e.data Studenti s, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola

SELECT s.nome, e.data Studenti s, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola SQL SELECT s.nome, e.data FROM Studenti s, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola SELECT s.nome As Nome, 2002 - s.annonascita As Eta, 0 As NumeroEsami FROM Studenti

Dettagli

Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia. Università degli Studi di Salerno

Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia. Università degli Studi di Salerno Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Modelli dei Dati Prof. Alberto Postiglione Università degli

Dettagli

Il linguaggio SQL: le viste

Il linguaggio SQL: le viste Il linguaggio SQL: le viste Basi di dati 1 Il linguaggio SQL: le viste Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL: le viste Basi di dati 2 Introduzione

Dettagli

Idoneita Informatica. Sistemi per la gestione di basi di Dati

Idoneita Informatica. Sistemi per la gestione di basi di Dati Idoneita Informatica Sistemi per la gestione di basi di Dati Prof. Mauro Gaspari mauro.gaspari@unibo.it Rielaborazione delle slide del Dott. Matteo Magnani e del Dott. Nicola Dragoni 1 Sistema Informativo

Dettagli

Introduzione all algebra relazionale. Prof. Giovanni Giuffrida

Introduzione all algebra relazionale. Prof. Giovanni Giuffrida Introduzione all algebra relazionale Prof. Giovanni Giuffrida Esempio di interrogazione Studenti Nome Matricola Indirizzo Telefono Mario Rossi 456 Via Roma 1 095 111 Ugo Bianchi 567 Via Etnea 154 095 222

Dettagli

SQL e algebra relazionale

SQL e algebra relazionale SQL e algebra relazionale Il linguaggio SQL consente una maggiore espressività dell algebra relazionale grazie a costrutti che permettono: di definire join più sofisticati di ordinare le righe dei risultati

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab INFORMATICA B Ingegneria Elettrica Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Matlab (MATrix LABoratory) è uno strumento per il calcolo scientifico ed ingegneristico Matlab facilita lo sviluppo di programmi

Dettagli

SELECT s.nome, e.data FROM Studenti s, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola

SELECT s.nome, e.data FROM Studenti s, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola SQL, e.data, Esami e WHERE e.materia = 'BD' AND e.voto = 30 AND e.matricola = s.matricola As Nome, 2002 - s.annonascita As Eta, 0 As NumeroEsami WHERE NOT EXISTS (SELECT * WHERE e.matricola = s.matricola

Dettagli

DISPENSA ACCESS (OFFICE 2010 BETA)

DISPENSA ACCESS (OFFICE 2010 BETA) DISPENSA ACCESS (OFFICE 2010 BETA) 2. LE RELAZIONI. Una relazione può essere definita come un legame tra due tabelle basato sul valore di uno o più campi di ciascuna delle due tabelle. Di solito i campi

Dettagli

ESERCITAZIONI ACCESS

ESERCITAZIONI ACCESS ESERCITAZIONI ACCESS MS Access 2000 Struttura di riferimento: Studente (Matricola, Cognome, Nome) Esame (Matricola, Materia, Voto, Data) CREARE LE TABELLE IN SQL: Create table STUDENTE ( matricola char(6)

Dettagli

ESAME 16/02/2016 (A) Prof. C. DE MAIO

ESAME 16/02/2016 (A) Prof. C. DE MAIO ESAME 16/02/2016 (A) Prof. C. DE MAIO Nome Cognome Matricola Numero Computer DB: OPERAZIONI SULLA STRUTTURA 1. Crea un nuovo database a cui darai come nome il tuo Cognome e Nome (senza spazi e accenti)

Dettagli

Microsoft Access. Microsoft Access. Maurizio Rebaudengo, Paolo Garza 1. Microsoft Access. Creazione base di dati. Apertura di una base dati

Microsoft Access. Microsoft Access. Maurizio Rebaudengo, Paolo Garza 1. Microsoft Access. Creazione base di dati. Apertura di una base dati Microsoft Access Programma applicativo del pacchetto Microsoft Office per la gestione delle basi di dati. Microsoft Access 2 Creazione base di dati Apertura di una base dati Una nuova base dati si crea

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 2 Vincoli di integrità Proprietà che devono essere soddisfatte da ogni istanza della base di dati. Il soddisfacimento è definito rispetto al

Dettagli

SQL QUERY: Le interrogazioni del database

SQL QUERY: Le interrogazioni del database Appunti della lezione di Database del 20 ottobre 2016 (mattina) Studenti: D Amuri Giuseppe, De Luca Federico Professore: Mario Bochicchio SQL QUERY: Le interrogazioni del database Per effettuare un interrogazione

Dettagli

Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL

Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL Marco Liverani Aprile 2015 In queste pagine viene riportato in sintesi il progetto di un database relazionale esemplificativo con cui viene

Dettagli

DATABASE CLIENTIRAPPRESENTANTI

DATABASE CLIENTIRAPPRESENTANTI DATABASE CLIENTIRAPPRESENTANTI Esempio tratto dal libro di testo. TESTO L azienda INCOM Srl vuole organizzare un DB per gestire informazioni relative a fatture emesse ai propri clienti italiani, riportando

Dettagli

Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti.

Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti. Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti. Cognome: Nome: Matricola: Domanda 1 (20%) Considerare la base di dati relazionale contenente le seguenti relazioni:

Dettagli

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Ing. Nicola Amatucci Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e Delle Scienze di Base nicola.amatucci@unina.it Programmazione C++ Parte 2

Dettagli

Tipi di sottoquery SQL

Tipi di sottoquery SQL Tipi di sottoquery SQL È possibile specificare subquery in numerose posizioni: Con le parole chiave IN e NOT IN. Con operatori di confronto. Con le parole chiave ANY, SOME e ALL. Con le parole chiave EXISTS

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 3 Raffaella Gentilini 1 / 52 Sommario 1 Il DML di SQL: Interrogazione di una BD 2 / 52 Data Manipulation Language (DML) Istruzioni del DML Le istruzioni del DML

Dettagli

LE BASI DI DATI. Seconda parte La progettazione di database Relazionali SCHEMA LOGICO e SCHEMA FISICO Costruzione delle tabelle

LE BASI DI DATI. Seconda parte La progettazione di database Relazionali SCHEMA LOGICO e SCHEMA FISICO Costruzione delle tabelle LE BASI DI DATI Seconda parte La progettazione di database Relazionali SCHEMA LOGICO e SCHEMA FISICO Costruzione delle tabelle LA PROGETTAZIONE LOGICA Lo scopo della fase di progettazione logica è quello

Dettagli

BASE DI DATI. Esercitazione: Campionato italiano 2015/2016 Raggruppamenti Nidificazione. Informatica Umanistica Università di Pisa

BASE DI DATI. Esercitazione: Campionato italiano 2015/2016 Raggruppamenti Nidificazione. Informatica Umanistica Università di Pisa BASE DI DATI Esercitazione: Campionato italiano 2015/2016 Raggruppamenti Nidificazione Informatica Umanistica Università di Pisa Testo: campionato di calcio italiano del 2015/2016 Lo schema della base

Dettagli

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, La normalizzazione

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, La normalizzazione Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 : La normalizzazione Forme normali Basi di dati - Modelli e linguaggi di interrogazione- Paolo Atzeni, Stefano Ceri, Stefano Paraboschi,

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno : (1) Interrogazioni semplici INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Basi di Dati Il Linguaggio SQL Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ Il Linguaggio SQL SQL (Structured Query Language) è il linguaggio di riferimento per le basi di dati

Dettagli

DEFINIZIONI SMART E RELATIVE ESERCITAZIONI

DEFINIZIONI SMART E RELATIVE ESERCITAZIONI DEFINIZIONI SMART E RELATIVE ESERCITAZIONI A B C D E 1 2 3 4 5 6 7 8 9 MODULO 3 Creazione e gestione di fogli di calcolo MODULO 3 CREAZIONE E GESTIONE DI FOGLI DI CALCOLO Gli elementi fondamentali del

Dettagli

Excel 3. Master Universitario di II livello in MANAGER NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE A.A Prof.ssa Bice Cavallo

Excel 3. Master Universitario di II livello in MANAGER NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE A.A Prof.ssa Bice Cavallo Excel 3 Master Universitario di II livello in MANAGER NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE A.A. 2013-2014 Prof.ssa Bice Cavallo Ordinamento dei dati: ordinamento di un elenco l Excel è in grado di ordinare

Dettagli

Eprogram ITIS V anno Unità 4 - Il linguaggio SQL

Eprogram ITIS V anno Unità 4 - Il linguaggio SQL Eprogram ITIS V anno Unità 4 - Il linguaggio SQL Compito in classe proposto Date le seguenti tabelle: scrivi in SQL le seguenti richieste (per facilitare query complesse utilizza le viste): 1. elencare

Dettagli

MODULO 2. Query normali e parametriche Query di:

MODULO 2. Query normali e parametriche Query di: MODULO 2 TITOLO DBMS e SQL In questo Modulo si affronta lo studio dei DBMS Access e MySQL. In particolare per Access, si descrive come progettare, impostare e modificare gli strumenti di lavoro (tabelle,

Dettagli

Trasparenze rielaborate da Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1999 Capitolo 4: SQL-2, seconda parte.

Trasparenze rielaborate da Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1999 Capitolo 4: SQL-2, seconda parte. Trasparenze rielaborate da Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1999 Capitolo 4: SQL-2, seconda parte 11/03/2005 Maternità Legami logici Paternità Madre Luisa Luisa Anna Anna Padre

Dettagli

Esercitazione 3 SQL 2

Esercitazione 3 SQL 2 Esercitazione 3 SQL 2 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E3-1 Schema della base di dati Persone (Nome, Sesso, Anno, Città) Discendenza (Genitore, Figlio) Stato (Città, Inizio, Fine, Stato)

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2016/2017 4 SQL : Structured Query Language Tiziana Catarci Ultimo aggiornamento : 22/02/2016 SQL : Structured

Dettagli

Database. Idoneità Informatica, CdS Economia e Commercio

Database. Idoneità Informatica, CdS Economia e Commercio Idoneità Informatica, CdS Economia e Commercio - questi lucidi, a cura del Dott. Giulio Pellitta, non sostituiscono il libro di testo; - si prega di segnalare eventuali errori a giulio.pellitta2@unibo.it

Dettagli

Data warehouse in Oracle

Data warehouse in Oracle Data warehouse in Oracle Viste materializzate e estensioni al linguaggio SQL per l analisi dei dati presenti nei data warehouse Viste materializzate Paolo Garza 1 Viste materializzate Viste materializzate

Dettagli

Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE

Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE PERCHÉ DEFINIRE LE RELAZIONI Dopo avere definito le tabelle corrispondenti alle entità individuate nel progetto del database, è necessario indicare il modo per ricollegare

Dettagli

Viste materializzate in Oracle e SQL esteso. Sistemi di gestione di basi di dati. Tania Cerquitelli e Paolo Garza 1. Data warehouse in Oracle

Viste materializzate in Oracle e SQL esteso. Sistemi di gestione di basi di dati. Tania Cerquitelli e Paolo Garza 1. Data warehouse in Oracle Data warehouse in Oracle Estensioni al linguaggio SQL per l analisi dei dati Viste materializzate Estensioni al linguaggio SQL per l analisi dei dati Tania Cerquitelli Funzioni OLAP disponibili Finestre

Dettagli

Il linguaggio SQL: query innestate

Il linguaggio SQL: query innestate Il linguaggio SQL: query innestate Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.4.SQL.subquery.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio E001 Rossi S01 Analista 2000 E002

Dettagli

Basi di dati (4) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. Argomento: select (1.

Basi di dati (4) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. Argomento: select (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (4) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: select (1.0) 1 Panoramica Select Joins Subquery Wildcard Esempi 2 SELECT SELECT [DISTINCT] [TOP n]

Dettagli