Introduzione alle Basi di Dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alle Basi di Dati"

Transcript

1 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie per lo svolgimento coordinato delle attività al fine del perseguimento degli scopi Sistema informativo è un sottosistema di un organizzazione aziendale che gestisce le informazioni di interesse per l attività dell azienda Sistema informatico gestisce le informazioni per mezzo della tecnologia informatica allo scopo di razionalizzare e standardizzare le procedure di archiviazione e gestione delle informazioni, che sono rappresentate attraverso i dati

2 Introduzione I DBMS 3 Base di Dati Collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione Collezione di dati gestita da un DBMS Introduzione I DBMS 4 Un Data Base Management System (DBMS) è un sistema che permette di utilizzare un calcolatore per memorizzare e recuperare informazioni Un DBMS è un sistema software "general purpose Un DB è in generale una struttura organizzata di dati secondo un modello ben definito e specificato a priori Un DBMS è un sistema di "facilities" per effettuare le tre operazioni fondamentali sui dati: ricerca, aggiornamento, cancellazione

3 Introduzione I DBMS 5 Un DBMS permette: il controllo centralizzato dei dati la riduzione della ridondanza dei dati di evitare inconsistenze nei dati la condivisione dei dati tra gli utenti l uso di standard di rappresentazione l uso di restrizioni d accesso ai dati il mantenimento dell'integrità dei dati per mezzo di procedure di validazione la realizzazione della data independence Programmi applicativi DataBase Utenti finali Introduzione I DBMS 6 L architettura a tre livelli dei DBMS Livello esterno Lo schema esterno descrive parte della base di dati in un modello logico (viste parziali, derivate) Livello logico Lo schema logico descrive l intera base di dati nel modello logico principale del DBMS Livello fisico Lo schema fisico rappresenta lo schema logico attraverso strutture fisiche di memorizzazione

4 Introduzione I DBMS 7 L architettura a tre livelli dei DBMS Utenti finali Linguaggio Host + DSL Linguaggio Host + DSL Linguaggio Host + DSL Vista esterna A... mappatura esterna/concettuale Vista esterna B DBMS Vista Concettuale mappatura concettuale/interna Data Base Fisico Introduzione I DBMS 8 I DBMS come sistemi transazionali La condivisione dei dati e l accesso concorrente comporta il problema del mantenimento della congruenza dei dati Un esempio: l addebito su un conto corrente (cc) effettuato con la sequenza di due operazioni: (a) il controllo della disponibilità (b) la sottrazione della somma addebitata Due addebiti contemporanei di 1000 su un cc con saldo di 1000 A verifica cc >= 1000 B verifica cc >= 1000 A sottrae 1000 B sottrae 1000 ottenendo sul cc un saldo finale di -1000!

5 Introduzione I DBMS 9 I DBMS come sistemi transazionali Transazione: Un insieme di operazioni sui dati che devono essere eseguite completamente, prima che gli stessi dati siano nuovamente disponibili La transazione rappresenta un insieme di operazioni non decomponibili sui dati ("atomicità della transazione ) Nell esempio le operazioni (a) e (b) devono essere contenute in un unica transazione I modelli di dati concetti generali 10 Il modello dei dati caratterizza il livello concettuale e quello esterno dei DBS (DataBase System) E definito da regole precise e permette di esprimere sia le proprietà statiche che quelle dinamiche dei dati Evoluzione dei modelli Modello Gerarchico Modello Reticolare Modello Relazionale Modelli Object Relational ed Object Oriented

6 Il modello relazionale 11 I dati nei RDB sono memorizzati in tabelle La tabella corrisponde ad un particolare costrutto matematico detto relazione Le informazioni sono rappresentate dai righe presenti nelle tabelle Un esempio: Il database di una azienda che produce strumenti elettronici sono conservate informazioni relative ai componenti usati, ai fornitori ed alle spedizioni effettuate Tre Tabelle/Relazioni: Fornitori, Parti e Spedizioni Il modello relazionale 12 Un esempio: le tabelle TABELLA FORNITORI F# FNOME CODICE CITTA' F1 ROSSI 20 SAVONA F2 BIANCHI 10 GENOVA F3 PARODI 30 GENOVA TABELLA PARTI TABELLA SPEDIZIONI F# P# QUANTITA' F1 P1 300 F1 P2 200 F1 P3 200 F2 P1 300 F2 P2 400 F3 P2 200 P# PNOME DIMENSIONI PESO CITTA' P1 RESISTENZA GRANDE 20 SAVONA P2 CAPACITA' MEDIA 15 GENOVA P3 INDUTTORE PICCOLO 15 IMPERIA P4 CONDUTTORE GRANDE 22 SAVONA

7 Il modello relazionale 13 Terminologia TABELLA = RELAZIONE FILE F# FNOME RIGA RECORD F1 ROSSI TUPLA COLONNE CAMPI ATTRIBUTI Il modello relazionale 14 Caratteristiche generali del modello relazionale: Le righe di una tabella sono definite dall'insieme dei valori corrispondenti ai campi della tabella stessa I valori che possono essere assegnati a ciascun campo sono il dominio di quel campo Il dominio di un campo è l insieme di tutti e soli i valori che possono essere assunti da un determinato attributo di una relazione. (Ad esempio, il dominio dei codici fiscali è formato da stringhe di 16 caratteri composte seguendo una precisa regola) Informazioni contenute in tabelle distinte possono essere associate semplicemente per mezzo della condivisione di campi (ossia di domini) tra tali tabelle Il modello relazionale basa la propria forza sulla semplicità

8 Il modello relazionale 15 Definizione formale Relazione: Data una collezione di insiemi D 1,...,D n, non necessariamente distinti, una relazione R su tali insiemi è un insieme di ennuple ordinate (d 1,...,d n ) tali che d 1 D 1,..., d n D n Gli insiemi D i si dicono Domini della relazione Il valore n è il grado della relazione Il numero di n-uple presenti in R rappresenta la cardinalità di R. Una relazione R sugli insiemi D 1,...,D n è un sottinsieme del prodotto cartesiano D 1 x... xd n Il modello relazionale 16 Una tabella (relazione) è un insieme di righe, ciascuna formata dallo stesso numero di campi Ad ogni campo è assegnato un determinato valore tra quelli ammessi per il dominio su cui è definito, oppure non è assegnato alcun valore (NULL, valore nullo) Tutti i campi (attributi) di una tabella devono essere distinti, mentre un dominio può ripetersi più volte Ad esempio COMPONENTI P#_PRINC. P#_SEC. QUANTITA' P1 P7 2 P1 P4 4 P5 P3 1 P3 P6 3 P6 P1 9 P5 P6 8 P2 P4 6

9 Il modello relazionale 17 Vincoli di integrità Proprietà che devono essere soddisfatte dalle istanze che rappresentano informazioni corrette per le applicazioni Intrarelazionale Tupla può essere valutato su ciascuna tupla indipendentemente dalle altre Dominio impone restrizioni sul dominio di un attributo Interrelazionale vincolo che coinvolge più relazioni Integrità referenziale Il modello relazionale 18 Tutte le relazioni di un DB relazionale devono essere normalizzate, cioè, ciascun attributo in ogni riga, deve essere "atomico", ossia non scomponibile in valori elementari Ad esempio F# Non Normalizzata PRIMA PQ P# QTY F1 P1 300 P2 200 P3 400 P4 200 F2 P1 300 P2 400 F3 P2 200 F4 P2 200 P4 300 P5 400 Normalizzata F# P# QTY F1 F1 F1 F1 F2 F2 DOPO P1 300 P2 200 P3 400 P4 200 P1 300 P2 400 F3 P2 200 F4 P2 200 F4 P4 300 F4 P5 400

10 Il modello relazionale 19 Il concetto di chiave e tipi di chiavi Una tabella (relazione) non deve contenere due righe identiche E sempre possibile scegliere un sottinsieme di campi di una tabella in maniera da identificare univocamente ciascuna riga della tabella Chiave Primaria (Primary Key, PK) di una tabella: il minimo sottinsieme di campi che permette di identificare univocamente le righe della tabella Esempi: F# nella tabella FORNITORI P# nella tabella PARTI (F#, P#) nella tabella SPEDIZIONI Il codice fiscale in una ipotetica tabella anagrafica del Ministero delle Finanze è certamente la chiave primaria! Il modello relazionale 20 Il concetto di chiave e tipi di chiavi Chiavi candidate: più attributi in una relazione esistono con la proprietà di poter essere chiave primaria Ad esempio AUTOVETTURE TARGA ANNO TELAIO PROPRIETARIO GEA ROSSI SV VERDI GED BIANCHI IM BRUNI Tra le chiavi candidate deve essere scelta la chiave primaria Le chiavi escluse si dicono chiavi alternative

11 Il modello relazionale 21 Il concetto di chiave e tipi di chiavi Le righe di una tabella rappresentano "entità" nel mondo reale (ad es., autovetture, fornitori, ecc.) la chiave primaria rappresenta il modo con cui è possibile distinguere tra loro le entità 1 a Regola di Integrità (chiavi primarie) Nessuna componente della chiave primaria di una relazione può assumere valore nullo Il modello relazionale 22 Il concetto di chiave e tipi di chiavi Le informazioni presenti in tabelle diverse possono essere associate tra loro perchè tali tabelle hanno dei domini in comune Ad esempio: F# è condiviso tra FORNITORI e SPEDIZIONI Quando il dominio di un campo che è chiave primaria in una tabella A è presente anche in un altra tabella B, il campo di B definito su di esso è detto Chiave Esterna (Foreign Key, FK) verso la tabella A Ad esempio, F# è chiave primaria in FORNITORI ed è chiave esterna in SPEDIZIONI verso la tabella FORNITORI

12 Il modello relazionale 23 Il concetto di chiave e tipi di chiavi 2 a Regola di Integrità (chiavi esterne) Una chiave esterna in una relazione A verso una relazione B può assumere valore nullo oppure solamente uno tra i valori assunti dalla chiave primaria di B Il modello relazionale gli operatori 24 Algebra relazionale Operazioni fondamentali Unione Differenza Prodotto cartesiano Selezione Proiezione Operazioni derivate Intersezione Join

13 Il modello relazionale gli operatori 25 Gli operatori relazioni rappresentano la base teorica per i linguaggi di interrogazioni di RDB, quindi per SQL Gli operatori relazionali permettono l esecuzione di ricerche considerando le tabelle come insiemi, senza operare record per record Gli operatori prendono in input tabelle e generano in output nuove tabelle Esistono tre operatori relazionali fondamentali: SELECT, PROJECT, JOIN Il modello relazionale gli operatori 26 Un esempio: effettuare nel database FORNITORI, PARTI e SPEDIZIONI le seguenti ricerche: a) trovare la CITTA' del fornitore F2 b) trovare il numero F# ed il CODICE per i fornitori di Genova c) trovare il nome della parte (PNOME) per quelle parti fornite dal fornitore F1 d) trovare, per ciascuna parte che è già stata fornita, il P# e il nome della CITTA' di immagazzinamento

14 Il modello relazionale gli operatori 27 Operatore SELECT costruisce una nuova relazione estraendo un sottinsieme orizzontale delle righe di una relazione specificata in input; le righe selezionate sono quelle che soddisfano una condizione espressa sui valori degli attributi della relazione in input Ad esempio: Estrarre dalla tabella FORNITORI i dati relativi al fornitore F1 SELECT FORNITORI WHERE F#= F1 GIVING RISULTATO1 RISULTATO1 F# FNOME CODICE CITTA' F1 ROSSI 20 SAVONA Il modello relazionale gli operatori 28 Operatore PROJECT costruisce una nuova relazione estraendo un sottinsieme verticale degli attributi di una relazione specificata in input, rimuovendo inoltre eventuali n-uple duplicate Ad esempio: Proiettare la tabella FORNITORI estraendo solo il campo relativo alle CITTA PROJECT FORNITORI OVER CITTA GIVING RISULTATO2 RISULTATO2 CITTA' SAVONA GENOVA

15 Il modello relazionale gli operatori 29 Gli esempi... Gli operatori SELECT e PROJECT sono sufficienti per poter risolvere i primi due problemi di ricerca in due passi (vediamo il primo) a) trovare la CITTA' del fornitore F2 1. SELECT FORNITORI WHERE F#= F2 GIVING TEMP TEMP F# FNOME CODICE CITTA' F2 BIANCHI 10 GENOVA 2. PROJECT TEMP OVER CITTA GIVING RISULTATO RISULTATO CITTA' GENOVA Il modello relazionale gli operatori 30 Operatore JOIN (naturale o equi-join) genera una tabella unione di due tabelle sulla base di un attributo (dominio) comune alle due tabelle originali. La nuova tabella è formata da righe che sono la concatenazione delle righe della prima tabella con le righe della seconda tabella che hanno lo stesso valore per l'attributo comune Ad esempio: Unire le tabelle FORNITORI e PARTI sulla base del campo CITTA' JOIN FORNITORI AND PARTI OVER CITTA GIVING RISULTATO3 RISULTATO3 F# FNOME CODICE CITTA' P# PNOME DIMENSIONI PESO F1 ROSSI 20 SAVONA P1 RESISTENZA GRANDE 20 F1 ROSSI 20 SAVONA P4 CONDUTTORE GRANDE 22 F2 BIANCHI 10 GENOVA P2 CAPACITA' MEDIA 15 F3 PARODI 30 GENOVA P2 CAPACITA' MEDIA 15

16 Il modello relazionale gli operatori 31 Un esempio di uso di join c) trovare il nome della parte (PNOME) per quelle parti fornite dal fornitore F1 1. SELECT SPEDIZIONI WHERE F#=F1 GIVING TEMP1 TEMP1 F# P# QUANTITA' F1 P1 300 F1 P2 200 F1 P JOIN TEMP1 AND PARTI OVER P# GIVING TEMP2 TEMP2 F# P# QUANTITA' PNOME DIMENSIONI PESO CITTA' F1 P1 300 RESISTENZA GRANDE 20 SAVONA F1 P2 200 CAPACITA' MEDIA 15 GENOVA F1 P3 200 INDUTTORE PICCOLO 15 IMPERIA 3. PROJECT TEMP OVER PNOME GIVING RISULTATO RISULTATO PNOME RESISTENZA CAPACITA' INDUTTORE Il modello relazionale La normalizzazione 32 La teoria della normalizzazione interviene nella fase del progetto dei DBR Dalle proprietà semantiche dei dati consente di analizzare/definire la struttura più appropriata per le tabelle La teoria definisce diverse regole che le tabelle devono rispettare per evitare la presenza di dati ridondanti, quindi di anomalie durante le operazioni di DM Un esempio: una tabella SPEDIZIONI con i seguenti campi (F#, P#, QUANTITA, CODICE) presenta anomalie

17 Il modello relazionale La normalizzazione 33 Una relazione è in una Forma Normale (Normal Form NF) se rispetta un certo insieme di regole Relazioni Normalizzate e non Relazioni Normalizzate (1NF) 2NF 3NF BCNF 4NF Project/Join NF Il modello relazionale La normalizzazione 34 La dipendenza funzionale Definizione Data una relazione R con due attributi X e Y, si dice che Y dipende funzionalmente da X se per ogni valore di X in R è associato uno ed un solo valore di Y X Y Definizione alternativa Data una relazione R con due attributi X e Y, Y dipende funzionalmente da X se ogni coppia di ennuple che presentano uno stesso valore per X, presentano anche lo stesso valore per Y

18 Il modello relazionale La normalizzazione 35 La dipendenza funzionale La dipendenza funzionale dipende dalle proprietà semantiche dei dati I diagrammi di dipendenza funzionale descrivono tali proprietà ed i vincoli di consistenza associati Dipendenza funzionale completa Data una relazione R con due attributi X e Y, si dice che Y dipende funzionalmente in maniera completa da X attributo composto di R se e solo se Y dipende funzionalmente da X e non da sottoinsiemi di X. Il modello relazionale La normalizzazione 36 Prima forma normale (1NF) Definizione Una relazione R è 1NF se e solo se è Normalizzata, ossia tutti i suoi domini sono atomici PRIMA F# CAP CITTA' P# QUANTITA' F SAVONA P1 300 F SAVONA P2 200 F SAVONA P3 400 F SAVONA P4 200 F SAVONA P5 100 F SAVONA P6 100 F GENOVA P1 300 F GENOVA P2 400 F GENOVA P2 200 F SAVONA P2 200 F SAVONA P4 300 F SAVONA P5 400

19 Il modello relazionale La normalizzazione 37 Prima forma normale (1NF) F# CAP QUANTITA' P# CITTA' Le relazioni 1NF presentano anomalie quando si effettuano operazioni di DM (insert, delete, update) Soluzione: spezzare la relazioni in nuove relazioni aumentando il livello di normalizzazione (Project) Il modello relazionale La normalizzazione 38 Seconda forma normale (2NF) Definizione Una relazione R è 2NF se e solo se è 1NF ed ogni attributo non chiave è completamente dipendente dalla chiave primaria Passaggio 1NF a 2NF: project (non c è perdita di informazione) Passaggio 2NF a 1NF: join (ci può essere perdita di informazione)

20 Il modello relazionale La normalizzazione 39 Seconda forma normale (2NF) Nel caso della tabella PRIMA: PROJECT PRIMA OVER F#, CODICE, CITTA GIVING SECONDA PROJECT PRIMA OVER F#, P#, QUANTITA GIVING SP F# CAP CITTA' QUANTITA' F# P# SECONDA SP Il modello relazionale La normalizzazione 40 Seconda forma normale (2NF) SECONDA presenta ancora anomalie SECONDA F# CAP CITTA' F SAVONA F GENOVA F GENOVA F SAVONA F IMPERIA SP F# P# QUANTITA' F1 P1 300 F1 P2 200 F1 P3 400 F1 P4 200 F1 P5 100 F1 P6 100 F2 P1 300 F2 P2 400 F3 P2 200 F4 P2 200 F4 P4 300 F4 P5 400

21 Il modello relazionale La normalizzazione 41 Terza forma normale (3NF) Definizione Una relazione R è 3NF se e solo se è 2NF ed ogni attributo non chiave non dipendente in maniera transitiva dalla chiave primaria Passaggio 2NF a 3NF: project (non c è perdita di informazione) Passaggio 3NF a 2NF: join (ci può essere perdita di informazione) Il modello relazionale La normalizzazione 42 Terza forma normale (3NF) Nel caso della tabella SECONDA: PROJECT SECONDA OVER F#, CITTA GIVING FC PROJECT SECONDA OVER CITTA, CODICE GIVING CC F# CITTA' CAP CITTA' FC F# CITTA' F1 SAVONA F2 GENOVA F3 GENOVA F4 SAVONA F5 IMPERIA CC CAP CITTA' SAVONA GENOVA IMPERIA LA SPEZIA

22 Il modello relazionale La normalizzazione 43 Boyce-Codd normal form (BCNF) Determinante Un attributo, anche composto, da cui altri attributi di una relazione dipendono funzionalmente in maniera completa Definizione Un relazione R è BCNF se e solo se ogni determinante è chiave candidata LA BCNF può essere considerata una migliore definizione della 3NF che non fa riferimento alle precedenti forme normali. Il modello relazionale La normalizzazione 44 Boyce-Codd normal form (BCNF) Un esempio: la relazione SMI esiste un solo insegnante che insegna una certa materia ad un particolare studente un insegnante insegna una sola materia una materia può essere insegnata da più insegnanti STUDENTE MATERIA INSEGNANTE SMI STUDENTE MATERIA INSEGNANTE ROSSI MATEMATICA Prof. VERDI ROSSI FISICA Prof. BRUNI BIANCHI MATEMATICA Prof. VERDI BIANCHI FISICA Prof. NERI

23 Il modello relazionale La normalizzazione 45 Boyce-Codd normal form (BCNF) Un esempio: la relazione SMI Determinanti: (Studente, Materia) e Insegnante Chiavi candidate: (Studente, Materia) e (Studente, Insegnante) Insegnante non è chiave candidata SMI non è BCNF Si può trasformare SMI in BCNF con due PROJECT: PROJECT SMI OVER Studente, Insegnante GIVING SI PROJECT SMI OVER Insegnante,Materia GIVING IM Il modello relazionale La normalizzazione 46 Boyce-Codd normal form (BCNF) Un esempio: la relazione SMI trasformata in BCNF SI STUDENTE IM INSEGNANTE INSEGNANTE MATERIA

24 Il modello relazionale La normalizzazione 47 Quarta forma normale (4NF) Si basa sul concetto di dipendenza multi-valente Se U e V sono sottoinsiemi degli attributi di una relazione R, e se W è l insieme degli attributi di R non compresi in U e V, la dipendenza multi-valente U->->V esiste in R se e solo se R è il join delle sue proiezioni R(UV) e R(UW) Definizione Una relazione è 4NF se e solo se, qualora vi compaia una dipendenza multi-valente, A->->B, tutti gli attributi della relazione dipendono anche funzionalmente da A Il modello relazionale La normalizzazione 48 Quarta forma normale (4NF) Un esempio: la relazione CIT Un corso può avere uno o più insegnanti e prevedere uno o più libri di testo Ogni insegnante adotta tutti i libri di testo previsti dal corso Corso Insegnante Testo

25 Il modello relazionale La normalizzazione Quarta forma normale (4NF) 49 Un esempio: la relazione CIT in 4NF Corso Insegnante Testo Italiano Rossi Vocabolario Italiano Rossi Antologia Italiano Rossi Grammatica Italiano Verdi Vocabolario Italiano Verdi Antologia Italiano Verdi Grammatica Matematica Bianchi Algebra Moderna Matematica Bianchi Geometria Applicata Matematica Neri Algebra Moderna Matematica Neri Geometria Applicata Matematica Parodi Algebra Moderna Matematica Parodi Geometria Applicata Corso Italiano Italiano Matematica Matematica Matematica Corso Italiano Italiano Italiano Matematica Matematica Testo Insegnante Rossi Verdi Bianchi Neri Parodi Vocabolario Antologia Grammatica Algebra Moderna Geometria Applicata Il modello relazionale La normalizzazione 50 Quinta forma normale (5NF) Si basa sulla dipendenza Projection/Join (JD) Una relazione R(X,Y,Z) soddisfa la dipendenza di join (JD) se e solo se R è uguale al join delle sue proiezioni su X, Y e Z, dove X, Y e Z costituiscono sottoinsiemi degli attributi di R Definizione Una relazione R è 5NF se e solo se ogni dipendenza di join in R è una conseguenza delle sue chiavi candidate Una relazione 5NF non presenta altre anomalie che possano essere rimosse mediante proiezione e join

26 Il modello relazionale La normalizzazione 51 Quinta forma normale (5NF) Un esempio: la relazione APF Una azienda acquista uno o più prodotti Una azienda può essere cliente di più fornitori per i prodotti che acquista Un fornitore può vendere più articoli Azienda Prodotto Fornitore ACME A Bianchi ACME B Bianchi ACME A Neri Rossi s.n.c. A Bianchi Il modello relazionale La normalizzazione 52 Quinta forma normale (5NF) Un esempio: la relazione APF in 5NF Azienda ACME ACME Rossi s.n.c. Prodotto A B A Prodotto A B A Fornitore Bianchi Bianchi Neri Azienda ACME ACME Rossi s.n.c. Fornitore Bianchi Neri Bianchi

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1 Modello relazionale Docente M2170 Fondamenti di informatica Verdi M4880 Sistemi di elaborazione Bianchi F0410 Basi di dati Neri Docenti Nome Dipartimento Telefono Verdi Informatica 123456 Bianchi Elettronica

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota Attributi e domini Assumiamo un universo infinito numerabile U = {A 0, A 1, A 2...} di attributi. Denotiamo gli attributi con A, B, C, B 1, C 1... e gli insiemi di attributi con X, Y, Z, X 1,... per brevità

Dettagli

IL MODELLO RELAZIONALE

IL MODELLO RELAZIONALE IL MODELLO RELAZIONALE E i vincoli per le basi di dati relazionali 2 La storia Introdotto nel 1970 da E. F. Ted Codd http://en.wikipedia.org/wiki/edgar_f._codd (centro ricerche IBM) Codd, E.F. (1970).

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

Data Base Relazionali

Data Base Relazionali Data Base Relazionali Modello Relazionale dei dati Basi di Dati Relazionali 1 Progettazione di DB METODOLOGIA DI PROGETTO IN TRE FASI Descrizione formalizzata e completa della realtà di interesse REALTA'

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione LA NORMALIZZAZIONE Introduzione La normalizzazione e' una tecnica di progettazione dei database, mediante la quale si elimina la rindondanza dei dati al fine di evitare anomalie nella loro consistenza

Dettagli

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2 Il modello relazionale È il modello più largamente usato Produttori: IBM, Informix, Microsoft, Oracle, Sybase, etc. Sistemi proprietari nei modelli più

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

La normalizzazione Trasformazione da concettuale a relazionale

La normalizzazione Trasformazione da concettuale a relazionale Oreste Signore (Oreste.Signore@cnuce.cnr.it) Definizione Il concetto di chiave Chiave primaria Chiave esterna L algebra relazionale Le operazioni Le operazioni speciali La normalizzazione Trasformazione

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Operazioni sui database

Operazioni sui database Operazioni sui database Le operazioni nel modello relazionale sono essenzialmente di due tipi: Operazioni di modifica della base di dati (update) Interrogazioni della base di dati per il recupero delle

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Basi di Dati e Microsoft Access

Basi di Dati e Microsoft Access Basi di Dati e Microsoft Access Lun: 16-18 e Mer: 14-17 Alessandro Padovani padoale@email.it Database: definizione Un database (DB) è una collezione di informazioni organizzata in gruppi, che consentono

Dettagli

Modulo 2 Data Base 2

Modulo 2 Data Base 2 Modulo 2 Data Base 2 Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della comunicazione Informatica generale Docente: Angela Peduto A.A. 2004/2005 Relazioni: riepilogo Relazione : concetto

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Normalizzazione. Relazionali

Normalizzazione. Relazionali Normalizzazione di Schemi Relazionali Normalizzazione Forme Normali Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità, cioè l assenza di determinati difetti Una relazione

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli gerarchico e reticolare sono più vicini alle strutture

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Progettazione logica: Il modello relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione Basato sul lavoro di Codd (~1970) E attualmente

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Modello Relazionale Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Cronologia dei modelli per la rappresentazione dei dati Modello gerarchico (anni 60) Modello reticolare

Dettagli

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA BASE DI DATI: sicurezza Informatica febbraio 2015 5ASA Argomenti Privatezza o riservatezza Vincoli di integrità logica della base di dati intrarelazionali interrelazionali Principio generale sulla sicurezza

Dettagli

Gli operatori relazionali

Gli operatori relazionali Gli operatori relazionali Agiscono su una o più relazioni per ottenere una nuova relazione (servono a realizzare le interrogazioni sul database) Ci sono tre operazioni fondamentali per i database relazionali:

Dettagli

Il modello relazionale

Il modello relazionale Il modello relazionale Il modello relazionale è stato introdotto nel 1970 da E.F. Codd. Soltanto a metà degli anni ottanta ha trovato una buona diffusione sul mercato, in quanto all epoca della sua introduzione

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale 1 Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 Si basa sul concetto matematico di relazione,

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Gli applicativi software Stefano

Dettagli

Il modello relazionale dei dati

Il modello relazionale dei dati Il modello relazionale dei dati Master Alma Graduate School Sistemi Informativi Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/alma_si1/ Versione elettronica: 04Relazionale.pdf Obiettivi della

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Basi di dati 1 Il Modello Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il Modello Relazionale Basi di dati 2 Introduzione Il modello

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

Elementi di Algebra Relazionale

Elementi di Algebra Relazionale Note dalle lezioni di INFORMATICA (per gli allievi della classe quinta - indirizzo MERCURIO) Elementi di Algebra Relazionale prof. Stefano D.L.Campanozzi I.T.C. Giulio Cesare Bari - a.s. 2008-2009 1 Introduzione

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

BASI DI DATI DIPENDENZE FUNZIONALI E FORME NORMALI

BASI DI DATI DIPENDENZE FUNZIONALI E FORME NORMALI BASI DI DATI DIPENDENZE FUNZIONALI E FORME NORMALI Prof. Fabio A. Schreiber Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano ERRORI DI PROGETTAZIONE INSERIMENTO DI ELEMENTI RIDONDANTI SPRECO

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Databases relazionali e architetture dei RDBMS

Databases relazionali e architetture dei RDBMS A01 87 Salvatore Sessa Ferdinando Di Martino Michele Giordano Databases relazionali e architetture dei RDBMS Introduzione ai databases relazionali e all uso di Access Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database Modello concettuale dei dati Progettare una base di dati significa definirne struttura, caratteristiche e contenuto. Uso di opportune metodologie.

Dettagli

Decomposizione senza perdita. Decomposizione senza perdita. Conservazione delle dipendenze. Conservazione delle dipendenze

Decomposizione senza perdita. Decomposizione senza perdita. Conservazione delle dipendenze. Conservazione delle dipendenze Decomposizione senza perdita Data una relazione r su X, se X 1 e X 2 sono due sottoinsiemi di X la cui unione è X stesso, allora il join delle due relazioni ottenute per proiezione di r su X 1 e X 2 è

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Introduzione all Algebra Relazionale

Introduzione all Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

Soluzione proposta dal Prof. Rio Chierego dell ISIS Guido Tassinari di Pozzuoli

Soluzione proposta dal Prof. Rio Chierego dell ISIS Guido Tassinari di Pozzuoli PARTE SECONDA: III quesito COME DA APPUNTI ILLUSTRATI A LEZIONE DEF: Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità misurata in assenza di determinati difetti.

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 5

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 5 Data Base Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 5 Sommario I concetti fondamentali Database e DBMS Tipi di Database Database Relazionale Attributi, Tupla, Vincoli di integrità, Chiavi, Vincolo

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Definizione di normalizzazione

Definizione di normalizzazione Definizione di normalizzazione Il termine normalizzazione indica il processo di organizzazione dei dati in un database. Tale processo comprende la creazione di tabelle e la definizione di relazioni tra

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Normalizzazione. Normalizzazione. Normalizzazione e modello ER. Esempio. Normalizzazione

Normalizzazione. Normalizzazione. Normalizzazione e modello ER. Esempio. Normalizzazione Normalizzazione Normalizzazione Introduzione Forma normale di Boyce Codd Decomposizione in forma normale Normalizzazione Introduzione La normalizzazione è un procedimento che, a partire da uno schema relazionale

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

database: modello entityrelationship

database: modello entityrelationship Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 database: modello entityrelationship Prof.Valle D.ssaFolgieri Lez7 25.10.07 Trattamento dati. Database: modello entity-relationship 1 Fasi

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni e identificatori Codice (0,1) (1,1) Dirige Informatica Lezione 8 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Cognome

Dettagli

Prefazione Sistemi informativi e basi di dati Il modello relazionale Il modello ER

Prefazione Sistemi informativi e basi di dati Il modello relazionale Il modello ER Indice Prefazione XI 1 Sistemi informativi e basi di dati 1 1.1 La Gestione dell Informazione................... 1 1.1.1 Sistemi Informativi e Sistemi Informatici......... 1 1.2 Esempi di Sistemi Informativi...................

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Database relazionali: un'introduzione Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Rappresentazione astratta di aspetti del mondo reale (Universe

Dettagli

Il Modello Relazionale (1)

Il Modello Relazionale (1) Il Modello Relazionale (1) Il modello relazionale, sebbene non sia stato il modello usato nei primi DBMS, è divenuto lentamente il modello più importante al punto che è oggi comunemente usato in tutti

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli