CORSO SERALE (Classe V/STE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO SERALE (Classe V/STE)"

Transcript

1 CORSO SERALE (Classe V/STE) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Lazzari Matteo Tutor: Prof. Zaniol Italo Termostato controllato tramite modulo GSM IL PROGETTO REALIZZATO 1

2 Indice Introduzione Pag 3 Schema a blocchi del sistema Pag 3 Descrizione schema a blocchi Pag 4 Schema elettrico Pag 5 Descrizione schema elettrico Circuito di alimentazione Pag 6 Circuito di programmazione Pag 6 Modulo GSM Pag 7 Descrizione della piedinatura Pag 8 Perché utilizzare un modulo GSM? Pag 9 Caratteristiche principali Pag 9 Funzioni principali Pag 10 Programmare il modulo GSM Pag 11 Il Pic16F877 Pag 12 La porta seriale nel pic Pag 13 Il sensore di temperatura DS18B20 Pag 14 Analisi del software Programma del modulo GSM Pag 21 Analisi di alcune routine del pic Pag 28 Istruzioni d uso Pag 29 2

3 Introduzione Come conclusione di una serie di progetti sviluppati durante l anno scolastico inerenti l acquisizione ed il controllo di grandezze fisiche, si è deciso di realizzare un controllo di temperatura che, utilizzando un modulo GSM prodotto dalla Sony- Ericsson, consente anche un controllo a distanza di tale grandezza fisica. Con il sistema realizzato è possibile infatti interagire sia localmente che a distanza mediante un telefono cellulare. Localmente è possibile: Leggere la temperatura ambiente su un display LCD Attivare \ disattivare un generatore di calore Impostare il Set Point di intervento del generatore di calore controllare la temperatura nell ambiente in cui è situato il termostato in modo ON/OFF A distanza, mediante trasmissione/ricezione di SMS, è possibile: conoscere la temperatura dell ambiente controllato conoscere lo stato del generatore di calore Attivare \ disattivare il generatore di calore Impostare il Set Point ricevere una segnalazione di allarme (ad esempio da un antifurto) Schema a blocchi del sistema 3

4 Descrizione dello schema a blocchi Lo schema a blocchi evidenzia come il pic 16f877 sia il cuore del sistema. Esso controlla: Il sensore di temperatura I pulsanti di set point Il pulsante ON/OFF Un ingresso di allarme La comunicazione con il modulo GSM Il display LCD Il Modulo GSM, invece, svolge le seguenti funzioni: Interfaccia con la rete GSM Invio e ricezione di messaggi SMS comunicazione con il PIC Una porta seriale viene utilizzata per programmare il modulo GSM on board tramite un personal computer in cui è installato un opportuno software di programmazione fornito gratuitamente dalla casa costruttrice e scaricabile dal sito della multinazionale. Grazie a questa porta si risparmia tempo in fase di programmazione e messa a punto oltre a ridurre le possibili rotture del modulo dovute al continuo leva e metti su un connettore a 60 pin di tipo SMD. Schema elettrico Trattandosi di un prototipo, ed essendo poco il tempo a disposizione per la realizzazione del progetto, è stata utilizzata, come base di partenza, una demoboard che prevede: Un connettore per la programmazione in-circuit ( il programmatore usato è il PICkit 2 della Microchip che viene collegato al PC tramite porta USB ) Uno strip femmina a 14 pin per controllare un display LCD Uno strip femmina a 8 pin per collegare un tastierino esadecimale o simile 6 led che possono essere scollegati dalle relative uscite che li comandano mediante dei jumper. Due pulsanti Due strip femmina a 20 pin che riflettono la piedinatura del PIC e possono essere utilizzati per alloggiare schede di espansione Un regolatore di tensione che fornisce i 5 volt alla scheda a partire da un alimentatore esterno ( ad esempio 12V ) che si collega alla demoboard tramite plug di alimentazione. La demoboard è di seguito mostrata. Ulteriori notizie si possono trovare nel sito della scuola ( vedi materiale didattico ). 4

5 Sui due strip femmina è stata collocata la scheda che riguarda in modo particolare il progetto realizzato. Lo schema elettrico di questa scheda è quello di seguito riportato. Da una prima analisi si può notare: una porta seriale che utilizza due MAX 232 per l interfacciamento con il PC un circuito di alimentazione del modulo GSM il connettore per l interfacciamento di questa scheda con la demoboard il circuito di interfaccia tra microcontrollore e modulo GSM 5

6 il sensore di temperatura Descrizione schema elettrico Circuito di alimentazione Poiché il modulo GSM e i due MAX232 devono essere alimentati a 3.6V, si utilizza questo semplice circuito per convertire i 12V di alimentazione nei 3.6V richiesti. Il componente principale è un LM317; la tensione voluta si ottiene regolando opportunamente il trimmer di 3,6Volt. Il led segnala la presenza della tensione. Per quanto concerne i criteri di progetto ci si è attenuti a quelli forniti dal costruttore ( si vedano i data sheet ). Porta seriale Visto che il modulo GSM comunica con il PC tramite protocollo asincrono RS232 su sette linee ( il MAX 232 dispone di 2 ingressi e due uscite ) è necessario utilizzare due MAX232. I segnali della porta sono: DCD = Data Carrier Detect RD = Received Data TD = Trasmitted Data DTR = Data Terminal Ready RI = Ring Indicator CTS = Clear To Send RTS =Request To Send La programmazione avviene configurando la porta seriale del PC alla velocità di 9600 Bit/Sec 6

7 Modulo GSM Il modulo GSM è montato su un circuito stampato di cui si riporta il layout. Esso è stato realizzato per poter utilizzare il modulo in diversi progetti senza la necessità di saldare ogni volta il connettore smd a 60 pin che tra l altro ha un costo di circa sette euro. PAKAGE SCHEDA GSM Tale schedina implementa: il connettore a 60 pin per alloggiare il modulo GSM il dispositivo per alloggiare la SIM card due connettori strip maschio per poter alloggiare la scheda su un circuito applicativo alcuni componenti di supporto Nella foto si può vedere tale schedina 7

8 Per interfacciare la scheda al circuito che la ospiterà, mediante programma EAGLE, è stato realizzato il simbolo di figura a cui è associato il pakage precedentemente visto. SIMBOLO SCHEDA GSM Tale simbolo riporta i pin del modulo GSM. Oltre alla citata porta seriale usata per la programmazione, il modulo controlla due diodi led: LD2 per segnalare ricezione SMS LD3 segnala la connessione alla rete GSM ( lampeggia quando ha trovato la rete ) Tramite il transistore Q1, che fa da adattatore di tensione ( si ricorda che il PIC lavora con 5V mentre il modulo con 3.6V ), il modulo comunica al PIC lo stato della rete che viene proposto sul display LCD. Tramite Q4 il GSM invia dati al PIC utilizzando la porta seriale; il transistore viene utilizzato ancora come adattatore di tensione. Il diodo shottky D2 serve ad adattare il livello di tensione proveniente dalla seriale del PIC ( che è a 5V ), con le esigenze del modulo il cui livello riconosciuto come alto non deve essere superiore a 3.6V. Tale diodo presenta il catodo collegato all uscita della seriale e l anodo connesso al pin Vio che fornisce 3.6V. Quando il PIC invia un livello alto, il diodo è interdetto e quindi sull ingresso abbiamo 3.6V. Quando invece il livello è basso, il diodo è in conduzione e sull ingresso del modulo abbiamo la tensione tra anodo e catodo del diodo che essendo di tipo shottky è di circa 0.1V e quindi tale valore viene riconosciuto come basso dal modulo GSM. Abbiamo infine un pulsante che consente di attivare/disattivare il modulo. 8

9 INTERFACCIAMENTO TRA MODULO GSM ED IL RESTO DEL CIRCUITO Analisi del modulo GSM Piedinatura del modulo GSM 9

10 Perché utilizzare un modulo GSM Il modulo GM47 prodotto dalla Sony Ericsson appartiene ad una nuova generazione di dispositivi GSM destinata ad essere integrata all interno di applicazioni che richiedono una comunicazione macchina/macchina o uomo/macchina di tipo wireless. Il GR47 può essere utilizzato in tutte quelle situazioni che richiedono l invio e la ricezione di dati (attraverso gli SMS ) oppure che richiedono la realizzazione di chiamate vocali attraverso la rete GSM. Sebbene il modulo sia dotato di porte di ingresso e uscita, è possibile interfacciarlo, come nel nostro caso, con sistemi basati su microprocessore. Il microcontrollore interagisce col GR47 attraverso una connessione seriale. Caratteristiche principali Il dispositivo ha dimensioni e peso estremamente ridotti. E di tipo dual band (lavora infatti alle frequenze di 900 e 1800MHz); è in grado di trasmettere dati mediante SMS, oppure mediante modem alla velocità di 9,6Kbps ( GSM ) o tramite protocollo GPRS fino a 86,6 Kbps. Permette inoltre di effettuare chiamate vocali e gestire gli SMS e la rubrica sia all interno del modulo che all interno di una SIMCard. 10

11 La programmazione del modulo si effettua in un ambiente di sviluppo che utilizza un linguaggio di programmazione simile all ANSI C. Analisi delle funzioni principali Servizio SMS: Il modulo supporta l invio e la ricezione di SMS, sia attraverso il protocollo PDU che text mode. La massima lunghezza di un SMS è di 160 caratteri utilizzando una codifica a 7bit e di 140 caratteri con codifica a 8bit. Servizio Dati: Il modulo supporta l invio e la ricezione di dati secondo il protocollo GSM e GPRS. Servizio Chiamata vocale: Il GR47 presenta la capacità di generare, ricevere e terminare chiamate vocali. Sono inoltre disponibili i servizi di multichiamate, attesa di chiamata e deviazione di chiamata (dipendenti dal gestore di rete GSM). SIM Card: 11

12 Il dispositivo supporta il collegamento a una SIMCard esterna che rispetti la tecnologia 3 o 5V. Alimentazione: Il modulo richiede una tensione nominale di 3,6V, ma è in grado di funzionare correttamente anche all interno del range 3,4V 4V; l assorbimento di corrente dipende dal tipo di applicazione e se è in corso una trasmissione. Il GR47 non dispone di capacità interne per supportare i picchi di corrente richiesti dalla trasmissione; per questo motivo sull alimentazione viene richiesta l aggiunta di condensatori elettrolitici di adeguata capacità. La porta seriale: Il modulo dispone di tre porte seriali UART, utilizzabili per realizzare comunicazioni asincrone verso dispositivi esterni. La UART1 è conforme allo standard RS232 a 9 pin; UART2 e UART3 realizzano invece collegamenti dati seriali full duplex di utilizzo generale. A causa dei livelli di tensione, per l interfacciamento verso l esterno delle UART, è necessario utilizzare degli integrati MAX232. I dati vengono trasmessi secondo il seguente standard: 1 bit di start, 8 bit di dati, nessuna parità e 1 bit di stop. Il baud rate di default della UART1 è di 9,6Kbit/s, anche se tramite comandi AT è possibile arrivare fino a 460Kbit/s. Programmazione del modulo GSM Per la programmazione del modulo, la Sony Ericsson fornisce il pacchetto M2mpower che realizza un completo ambiente di sviluppo IDE. La figura mostra una schermata di tale ambiente. 12

13 Ambiente di sviluppo M2mpower La scheda di espansione realizzata 13

14 Il Pic16f877 Come già detto il Pic16f877 è il cuore del progetto. Oltre alle periferiche gestite dalla demoboard ( tastierino, display LCD, led di segnalazione, pulsanti ), esso gestisce, tramite la scheda di espansione, il sensore digitale di temperatura, il pulsante di allarme, un led di segnalazione per simulare l allarme, e, tramite i piedini RC6 e RC7, la comunicazione seriale con il modulo GSM. Ci soffermeremo ora sulle caratteristiche essenziali della porta seriale presente nel PIC e sulla gestione del sensore di temperatura. 14

15 La porta seriale nel pic Il PIC 16F877 dispone di una porta seriale che consente il dialogo tra microcontrollore e altri dispositivi pure dotati di porta seriale ( ad esempio un PC ). I pin dedicati sono sono RC7 che viene utilizzato come ingresso seriale e RC6 come uscita seriale. Il tipo di comunicazione può essere sincrona o asincrona. In questa analisi ci occupiamo della sola modalità asincrona. I registri dedicati ( ad esclusione di quelli di interrupt ), sono: PIR1, RCSTA, TXREG, TXSTA, SPBRG. - SPBRG ( banco1): il valore caricato in questo registro consente di stabilire la velocità di trasmissione. Riferirsi alle tabelle 10.4 e 10.5 ( pag. 108 e 109 del manuale ) per determinare il valore da caricare nel registro in base alla velocità di trasmissione desiderata. Il valore si può anche calcolare con la formula Vt = Fosc/ ( 64 ( X + 1 )) dove X è il valore da caricare in SPBRG e Fosc è la frequenza del clock del processore. Questa formula è valida quando il bit 2 del registro TXSTA è 0 ovvero è selezionato un Baud rate a bassa velocità. Se questo bit è 1, ovvero è selezionato un Baud rate ad alta velocità, la formula da usare è Vt = Fosc/ ( 16 ( X + 1 )). Esempio: sia Fosc = 4 MHz, Vt = 9600 bit/sec, Baud rate a bassa velocità. Dalla formula si ottiene X = Fosc/ (64 * Vt ) 1 = 5.51 Stabilito un valore 6 si ottiene Vt = con un errore dato da ( )/9600 = 8.5% che è un errore non accettabile (NA). Utilizzando un Baud rate ad alta velocità si ottiene: X = Fosc/ (16 * Vt ) 1 = Stabilito un valore 25 si ottiene Vt = con un errore dato da ( )/9600 = 0.16 % che è un errore accettabile. - TXSTA (banco1): questo registro consente di configurare i parametri della porta di trasmissione e cioè: - comunicazione sincrona/asincrona - abilitare/disabilitare il bit di parità - abilitare/disabilitare trasmissione - RCSTA ( banco0 ): questo registro consente di configurare i parametri della porta di ricezione e cioè: - abilitare/disabilitare porta seriale - abilitare/disabilitare ricezione del nono bit ( bit di parità) - riconoscere errori di framing e di overrun - TXREG (banco 0): in questo registro si carica il valore a 8 bit da inviare - RCREG (banco 0): in questo registro si legge il valore ricevuto a 8 bit - PIR1 (banco 0 ): il bit 5 di questo registro si porta a 1 quando il registro RCREG contiene un dato pronto. 15

16 Il sensore di temperatura DS18B20 ed il protocollo di comunicazione con il processore Il trasduttore, in grado di misurare temperature tra -55 C e +125 C con una precisione di 0.5 C nel range compreso tra -10 C e +85 C, è di tipo digitale e quindi è capace di fornisce in codice binario il valore di temperatura misurato. I trasduttori digitali, rispetto a quelli analogici come LM35 o l AD590 ecc., presentano il grande vantaggio di semplificare notevolmente l hardware in quanto non sono necessari il circuito di condizionamento e il convertitore analogico/digitale. Tutto ciò, naturalmente, in presenza di un circuito di elaborazione di tipo digitale; tenuto conto che l elettronica digitale ha soppiantato le tecniche analogiche, la soluzione di trasduttori che forniscono l informazione sulla misura di una grandezza fisica in formato numerico, è sicuramente vantaggiosa sia in termini di costi che di affidabilità e precisione. Naturalmente è necessario un certo impegno per scrivere il software adeguato a gestire la comunicazione tra circuito di elaborazione e trasduttore. Di seguito sono riassunte le prestazioni del componete che sono state ricavate dai datasheet forniti dal costruttore. 16

17 Caratteristiche del trasduttore di temperatura DS18B20 Come si può notare dai dati di presentazione del componente, esso dispone di una unica linea per comunicare col circuito programmabile. Tale linea ( si veda lo schema elettrico ) è collegata alla tensione di alimentazione tramite una resistenza di pullup di 4.7Kohm come consigliato dal costruttore e ad un pin del PIC. Senza analizzare tutte le caratteristiche del trasduttore, ci occuperemo del protocollo di comunicazione e di parte del software che consente di leggere la temperatura; il protocollo si deduce dai datasheet forniti dal costruttore. Il software è di uso generale ( è stato utilizzato anche in altri progetti ) ed è suddiviso in tanti sottoprogrammi che saranno richiamati in genere dal programma principale o da un sottoprogramma che gestisce tutte le routine. L operazione di lettura della temperatura consiste nei seguenti passi: 1) PROCEDURA DI RESET la comunicazione deve iniziare con la procedura di reset indicata in figura. a) La linea di comunicazione tenuta alta dalla resistenza di pullup ( il pin del controllore è configurato come ingresso ) deve essere portata bassa per almeno 480 microsecondi. Ciò si ottiene configurando il pin del PIC collegato alla linea del trasduttore come uscita a livello basso. b) successivamente la linea va rilasciata ( si configura il pin del PIC come ingresso ) e questa viene portata alta dalla resistenza di pullup per un tempo compreso tra 15 e 60 microsecondi. c) il trasduttore porta la linea a livello basso per un tempo compreso tra 60 e 240 microsecondi per poi rilasciarla. La seguente routine, chiamata R_ESET, esegue la procedura di reset. Si noti che l interrupt viene disabilitato in modo che eventuali chiamate non possano disturbare le temporizzazioni richieste dalla procedura di reset. L interrupt viene riabilitato al termine della routine. 17

18 ;********** ROUTINE RESET SENSORE R_ESET BCF INTCON,7 ;DISABILITA INTERRUPT BSF STATUS,5 ;BANCO 1 BCF TRISB,0 ;LINEA COME USCITA BCF STATUS,5 ;BANCO 0 BCF PORTB,0 ;LINEA BASSA CALL RIT_500 ;RITARDO 500 MICROSECONDI BSF STATUS,5 ;BANCO 1 BSF TRISB,0 ;LINEA COME INGRESSO BCF STATUS,5 ;BANCO 0 NOP NOP LP BTFSS PORTB,0 ;CONTROLLA SE LINEA ALTA GOTO LP NOP NOP LP1 BTFSC PORTB,0 ;CONTROLLA SE BASSA GOTO LP1 NOP NOP LP11 BTFSS PORTB,0 ;CONTROLLA SE LINEA ALTA GOTO LP11 CALL RIT_500 ;RITARDO 500 MICROSECONDI BSF INTCON,7 ;ABILITA INTERRUPT RETURN 2) INVIO COMANDO SKIP ROM Se non si desidera modificare i parametri nella EEPROM del trasduttore, si deve inviare un comando di SKIP ROM ( codice CC H ). 3) INVIO COMANDO CONVERSIONE Si può ora inviare un comando di Start conversione ( codice 44 H ); il tempo di conversione dipende dalla risoluzione desiderata che va da 9 a 12 bit. Per default la risoluzione è di 12 bit. Se si desidera modificarla bisogna caricare il registro di configurazione della memoria EEPROM con adeguati valori. Con la massima risoluzione il tempo di conversione è di 750 millesimi di secondo al massimo. Durante la conversione la linea di comunicazione è tenuta bassa dal trasduttore; al termine della conversione la linea viene portata alta. Il PIC è quindi in grado di sapere quando la conversione è terminata interrogando tale linea. 4) SI RIPETONO LE PRODEDURE 1) E 2) DI RESET E SKIP ROM 5) INVIO COMANDO LETTURA MAPPA DI MEMORIA ( SCRATCHPAD ) Mediante il codice BE H si comanda di leggere la mappa di memoria del trasduttore; questa memoria è costituita da 9 byte come mostrato in figura. 18

19 I primi 2 byte contengono le informazioni riguardanti la temperatura acquisita. Non è necessario leggere tutti i byte; la procedura di lettura può essere bloccata inviando un comando di reset. Per i nostri scopi il comando di reset viene dato dopo la lettura dei primi due byte. Il contenuto dei primi due registri presenta l informazione secondo il formato indicato in figura. I bit 15, 14, 13, 12, 11 contengono l informazione riguardante il segno positivo ( tutti i bit sono a 0 ) o negativo ( tutti i bit sono a 1 ) della temperatura. I bit da 0 a 10 contengono il peso degli undici bit che forniscono il valore di temperatura. Ad esempio il bit 2 6, se a 1, significa che nel calcolo della temperatura in decimale si dovrà sommare un contributo pari a 64. Le potenze con esponente negativo indicano valori decimali cioè 0.5, 0.25, e Per quanto riguarda la lettura/scrittura di un bit bisogna rispettare le temporizzazioni indicate in figura che cercheremo di analizzare in sintesi. Scrittura di un bit 0 1) Il pin del PIC è configurato come ingresso e la linea di comunicazione è tenuta alta dalla resistenza di pullup 2) Il pin del PIC viene configurato come uscita a livello basso. Essa viene tenuta bassa per un tempo compreso tra 60 e 120 microsecondi. 19

20 3) Il pin viene configurato come ingresso. La linea si porta a livello alto grazie alla resistenza di pullup. Prima di inviare un nuovo bit deve trascorrere almeno 1 microsecondo. Scrittura di un bit 1 1) Il pin del PIC è configurato come ingresso e la linea di comunicazione è tenuta alta dalla resistenza di pullup 2) Il pin del PIC viene configurato come uscita a livello basso. Essa viene tenuta bassa per un tempo compreso tra 1 e 15 microsecondi. 3) Il pin viene configurato come ingresso. La linea si porta a livello alto grazie alla resistenza di pullup e tale deve rimanere per almeno 60 microsecondi. Lettura di un bit 1) Il pin del PIC è configurato come ingresso e la linea di comunicazione è tenuta alta dalla resistenza di pullup 2) Il pin del PIC viene configurato come uscita a livello basso. Essa viene tenuta bassa per un tempo massimo di 15 microsecondi. 3) Il pin viene configurato come ingresso. Nei successivi 45 microsecondi è possibile leggere lo stato della linea. Riportiamo di seguito alcune routine che realizzano alcuni dei passi analizzati. I commenti chiariscono il senso delle varie istruzioni. 20

21 ;********** ROUTINE START CONVERSIONE (0X44= )*************************** CONVERTI CALL ZERO ;SCRIVI UNO ZERO CALL ZERO CALL UNO ;SCRIVI UN UNO CALL ZERO CALL ZERO CALL ZERO CALL UNO CALL ZERO BSF STATUS,5 ;BANCO 1 BSF TRISB,0 ;LINEA COME INGRESSO BCF STATUS,5 ;BANCO 0 LPTC BTFSS PORTB,0 ;CONTROLLA SE FINITA CONVERSIONE GOTO LPTC RETURN ;********** ROUTINE CHE SCRIVE UN0 ZERO ************************************* ZERO BCF INTCON,7 ;DISABILITA INTERRUPT BSF STATUS,5 ;BANCO 1 BCF TRISB,0 ;LINEA COME USCITA ( RB4 ERA GIA BASSO ) BCF STATUS,5 ;BANCO 0 CALL RIT_100 ;ATTESA DI CIRCA 100 MICROSECONDI (LIVELLO BASSO IN ;USCITA) BSF STATUS,5 ;BANCO 1 BSF TRISB,0 ;LINEA COME INGRESSO BCF STATUS,5 ;BANCO 0 NOP ;RITARDO 5 MICROSECONDI NOP NOP NOP NOP BSF INTCON,7 ;ABILITA INTERRUPT RETURN ;********** ROUTINE SKIP COMAND (0XCC= ) COMANDO CALL ZERO ;CHIAMA ROUTINE CHE SCRIVE 0 CALL ZERO CALL UNO ;CHIAMA ROUTINE CHE SCRIVE 1 CALL UNO CALL ZERO CALL ZERO CALL UNO CALL UNO RETURN 21

22 Analisi del software Programmazione del modulo GSM Da una prima analisi del software, si deduce che il linguaggio di programmazione del modulo, nella sintassi, è molto simile al linguaggio C. La differenza sostanziale consiste nel fatto che esso è di tipo interpretato, cioè la traduzione in codice oggetto viene effettuata al momento dell esecuzione, mentre il C è un linguaggio compilato. Questa differenza causa non pochi problemi di collaudo del software in quanto, a seconda delle diverse condizioni che lanciano o meno una routine o impongono l esecuzione di un ciclo invece di un altro, l intercettazione degli errori risulta piuttosto laboriosa. Un certo sforzo richiede anche la ricerca, mediante l help in linea, delle funzioni che svolgono una certa funzione. Ad esempio la funzione SMSRM consente di trasferire il contenuto di un SMS in un array di testo. smsrm Read Short Message Service (SMS) Message Data int smsrm ( char *msgdata, int msgdatasize, int msgslotnumber ); Return Value 0 Failure to read SMS message > 0 Successfull read of SMS message (size of SMS message) Parameters msgdata Read SMS message data msgdatasize Number of bytes of SMS message data to read msgslotnumber Slot number to read SMS message data from La funzione MCMP consente di confrontare due buffer che contengono rispettivamente, ad esempio, il messaggio SMS ricevuto e un codice sotto forma di testo ( all atto della ricezione di un SMS, per comprendere il comando da eseguire, tale testo viene confrontato con tutti quelli programmati). Mcmp Memcmp - compares two buffers of a specified length for equality char *mcmp(char *Buf1,char *Buf2,int count); Return Value Returns >0 if Buf1 > Buf2 <0 if Buf1 < Buf2 0 if Buf1 == Buf2 Numerose sono le funzioni utilizzate nel programma: per una analisi più approfondita si rimanda all help in linea dell ambiente di sviluppo. Si riporta il codice sorgente completo caricato nel processore del modulo che ha il compito di interagire con l interfaccia radio. 22

23 /* SISTEMA DI CONTROLLO GSM */ /* AREA DI PROGETTO */ /* LAZZARI MATTEO */ /* TUTOR PROF. ZANIOL ITALO */ char testo[160]; /* variabili globali */ char number_sms[160]; main () int chiamata=0,conf,pos; /* variabili locali */ int nuovosms=29; int STATO_RETE=10; int i,val; char zero[160]="0"; /* Configura variabili*/ char uno[160]="1"; char due[160]="2"; char tre[160]="3"; char quattro[160]="4"; char ricall[2]; char parole1[150]; char parole[150]; char numero[16]; char sms_num[16]; char trasm0[2]="0"; char trasm1[2]="1"; char trasm2[2]="2"; char trasm3[2]="3"; char trasm4[2]="4"; char trasm5[2]="5"; char trasm6[2]="6"; char trasm7[2]="7"; char trasm8[2]="8"; char trasm9[2]="9"; char cinque[160]="5"; char sei[160]="6"; char sette[160]="7"; char otto[160]="8"; char nove[160]="9"; prs(0); utc(1,3,0); /*apri porta seriale a 9600bit/sec)*/ io(2,2,1); /*accendi diodo segnalazione funzione per 5 secondi*/ io(1,2,1); dlys(5); io(1,2,0); for(i=0;i<20;i++) val=gtb(stato_rete); /*controlla connessione alla rete*/ if(val==1) break; /*esci dal ciclo*/ dlys(2); /*attesa 2 secondi*/ for(;;) /*ciclo infinito*/ if(gtf(nuovosms)) /*controlla se c è chiamata */ chiamata=1; /*segnala ricevuto sms*/ if(chiamata==1) chiamata=0; /*se ricevuto sms*/ /*azzera chiamate*/ 23

24 atcrt(); /*apri canale AT*/ pos=smsrs(); /*rileva posizione sms*/ smsrm(testo,160,pos); /*copia sms in array testo*/ sms_num = smsra (number_sms, 160, pos); conf=mcmp(testo,zero,1); /*ricevuto 0? */ io(1,2,1); /*se si accendi ld1*/ temperatura(); /*chiama routine che invia temperatura*/ smsd(pos); /*cancella sms*/ io(1,2,0); /*spegni led*/ conf=mcmp(testo,uno,1); io(1,2,1); /*se si accendi ld1*/ richiesta(); /*chiama routine che richiede stato*/ smsd(pos); /*cancella sms*/ io(1,2,0); /*spegni led*/ conf=mcmp(testo,due,1); io(1,2,1); /*se si accendi ld1*/ attiva(); /*chiama routine che attiva periferica*/ smsd(pos); /*cancella sms*/ io(1,2,0); /*spegni led*/ conf=mcmp(testo,tre,1); io(1,2,1); /*se si accendi ld1*/ disattiva(); /*disattiva periferica*/ smsd(pos); /*cancella sms*/ io(1,2,0); /*spegni led*/ conf=mcmp(testo,quattro,1); uts (trasm4,1); dlys(1); /*trasmetti codice quattro al PIC*/ /*ritardo*/ io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); conf=mcmp(testo+2,zero,1); uts (trasm0,1); conf=mcmp(testo+2,uno,1); uts (trasm1,1); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ 24

25 conf=mcmp(testo+2,due,1); uts (trasm2,1); conf=mcmp(testo+2,tre,1); uts (trasm3,1); conf=mcmp(testo+2,quattro,1); uts (trasm4,1); conf=mcmp(testo+2,cinque,1); uts (trasm5,1); conf=mcmp(testo+2,sei,1); uts (trasm6,1); conf=mcmp(testo+2,sette,1); uts (trasm7,1); conf=mcmp(testo+2,otto,1); uts (trasm8,1); conf=mcmp(testo+2,nove,1); uts (trasm9,1); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia decine*/ dlys(1); /*ritardo*/ io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); conf=mcmp(testo+3,zero,1); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ uts (trasm0,1); conf=mcmp(testo+3,uno,1); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ uts (trasm1,1); conf=mcmp(testo+3,due,1); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ uts (trasm2,1); 25

26 conf=mcmp(testo+3,tre,1); uts (trasm3,1); conf=mcmp(testo+3,quattro,1); uts (trasm4,1); conf=mcmp(testo+3,cinque,1); uts (trasm5,1); conf=mcmp(testo+3,sei,1); uts (trasm6,1); conf=mcmp(testo+3,sette,1); uts (trasm7,1); conf=mcmp(testo+3,otto,1); uts (trasm8,1); conf=mcmp(testo+3,nove,1); uts (trasm9,1); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); io(1,2,1); dlys(1); io(1,2,0); smsd(pos); /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ /*confronta testo ricevuto*/ /*invia unità*/ prs(1); atdst(); /* */ /* routine che invia al PIC uno 0 attende */ /* di ricevere la temperatura e invia sms */ 26

27 /* */ temperatura() int i,val=0; char trasm[2]="0"; char btemp [160]="TEMPERATURA = GRADI CENTIGRADI"; char ricevuto[2]; uts (trasm,1); /*trasmetti zero al PIC*/ for(i=0;i<20;i++) /*attendi risposta dal pic*/ val=utr(ricevuto,2); /*controlla se ricevuto 2 byte*/ if(val) if(ricevuto[0]==0) sncpy (btemp + 14, "0", 1); if(ricevuto[0]==1) sncpy (btemp + 14, "1", 1); if(ricevuto[0]==2) sncpy (btemp + 14, "2", 1); if(ricevuto[0]==3) sncpy (btemp + 14, "3", 1); if(ricevuto[0]==4) sncpy (btemp + 14, "4", 1); if(ricevuto[0]==5) sncpy (btemp + 14, "5", 1); if(ricevuto[0]==6) sncpy (btemp + 14, "6", 1); if(ricevuto[0]==7) sncpy (btemp + 14, "7", 1); if(ricevuto[0]==8) sncpy (btemp + 14, "8", 1); if(ricevuto[0]==9) sncpy (btemp + 14, "9", 1); if(ricevuto[1]==0) sncpy (btemp + 15, "0", 1); if(ricevuto[1]==1) sncpy (btemp + 15, "1", 1); if(ricevuto[1]==2) sncpy (btemp + 15, "2", 1); /*se ricwvuto dato invia sms*/ 27

28 if(ricevuto[1]==3) sncpy (btemp + 15, "3", 1); if(ricevuto[1]==4) sncpy (btemp + 15, "4", 1); if(ricevuto[1]==5) sncpy (btemp + 15, "5", 1); if(ricevuto[1]==6) sncpy (btemp + 15, "6", 1); if(ricevuto[1]==7) sncpy (btemp + 15, "7", 1); if(ricevuto[1]==8) sncpy (btemp + 15, "8", 1); if(ricevuto[1]==9) sncpy (btemp + 15, "9", 1); smss(number_sms,btemp,145,slen(number_sms),slen(btemp)); val=0; io(1,1,1); /*accendi led1 per 2 secondi*/ dlys(2); io(1,1,0); break; dlys(1); /*attesa 1 secondi*/ /* */ /* routine che invia al PIC un 1 attende */ /* di ricevere informazione e invia sms */ /* */ richiesta() int ii,val1=0; char trasm1[2]="1"; char risp1 [160]="Periferica off"; char risp2 [160]="Periferica on"; char ricevuto1[2]; atcrt(); /*apri canale AT*/ uts (trasm1,1); /*trasmetti uno al PIC*/ for(ii=0;ii<20;ii++) /*attendi risposta dal pic*/ val1=utr(ricevuto1,1); /*controlla se ricevuto 1 byte*/ if(val1) /*se ricwvuto dato invia sms*/ if(ricevuto1[0]==0) smss(number_sms,risp1,145,slen(number_sms),slen(risp1)); if(ricevuto1[0]==1) smss(number_sms,risp2,145,slen(number_sms),slen(risp2)); val1=0; io(1,1,1); /*accendi led1 per 2 secondi*/ 28

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba )

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) CORSO SERALE ( CLASSE 5^ ZTE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievi : Enrico De Marchi-Alessio Borin Tutor : Prof. Italo Zaniol GIUOCO DEL BINGO

Dettagli

Esercizi di verifica del debito formativo:

Esercizi di verifica del debito formativo: Esercizi di verifica del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la tabella delle transizioni di stato degli automi sequenziali a stati finiti che rappresentano il comportamento dei seguenti

Dettagli

FT518 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI. Schema Elettrico 1/5

FT518 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI. Schema Elettrico 1/5 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI E un dispositivo GSM molto semplice con due soli ingressi in grado di avvisarci con un SMS che un determinato apparato (al quale il teleallarme è collegato) si è attivato.

Dettagli

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI

CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI CIRCUITO DI TEST E SOFTWARE UTILIZZATI Circuito di Test Nello schema elettrico di figura A è rappresentato un circuito, realizzabile anche senza l ausilio di un circuito stampato, che consente di testare

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE 1 ) Convertire in base 10 i seguenti numeri rappresentati nelle basi indicate: (1000101) 2 [R. 69] (477) 8 [R. 319] (40F) 16 [R. 1039] (5778) 9 [R. 4283] (126) 9 [R.

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza.

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET

PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Canzian Sara Liberali Marco 5AT A.S.2007/2008 PUNTATORE LASER AUTOMATICO CON COMANDO VIA ETHERNET Questo sistema permette di posizionare una luce laser in una determinata posizione data dalle coordinate

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi TELECONTROLLO BIG-WIFI CON MODULI GSM E WIFI INTEGRATI Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi Rev.1312 Pag.1 di 9 www.carrideo.it INDICE 1. IL BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE...

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE Il nostro combinatore GSM è sicuramente un sistema all avanguardia, basato su un modem cellulare GM47 e su un PIC16F877 opportunamente programmato per

Dettagli

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II)

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) 1. Descrizione 1.1 Introduzione Molti dispositivi a microcontrollore usano un visualizzatore (display) LCD per mostrare delle informazioni, uno dei tipi più usati può mostrare

Dettagli

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem 9 232 DESIGO PX Controllore Web con porta modem PXG80-W Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione delle

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

Telecontrolo GSM - TELXXC

Telecontrolo GSM - TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it Telecontrolo GSM - TELXXC Sistema per controllo remoto GSM tramite messaggi SMS Manuale Utente: uso Per i comandi SMS e telefonici Vedere il MANUALE

Dettagli

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni riportate in questo manuale.

Dettagli

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso.

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Italiano Serie GSM MINI Manuale di uso e installazione MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Indice Descrizione delle funzioni del dispositivo 3 Descrizione dei

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2 (uscita digitale U6), attraverso

Dettagli

SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS.

SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS. SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS. Fig.1 Visualizzatore Generico Sito Alta Montagna 1 Ricevitore Modem - Gsm Monitor Remoto di Milano

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ Vincenzo La Spesa 2006 Copyright (c) 2006 by Vincenzolaspesa@gmail.com.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI)

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Manuale Utente SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Indice Informazioni preliminari 2 Prima accensione del dispositivo 2 Caratteristiche 2 Specifiche tecniche 3 Led di segnalazione

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso MANUALE D USO CONTROLLO ACCESSI GSM Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso Rev.0710 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. IL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI - APRICANCELLO...

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4 Fig. 1 1 Morsetto a 6 Poli Uscite: Relè, On-Off, Aux1 - Aux2 2 J4: Ponticello di Reset Totale e Configurazione D e f a u l t 3 C o n n e t t o re 8 Poli: Alimentazione e I n g ressi 1-2-3 4 Relè Allarme:

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

MICROCONTROLLORE PIC16F84A

MICROCONTROLLORE PIC16F84A MICROCONTROLLORE PIC16F84A Il microcontrollore pic16f84a, a differenza di un computer normale e' dotato in un unico integrato di tutti gli elementi fondamentali di un computer, che sono la Cpu, unita'

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso DISPOSITIVO DI GESTIONE APERTURE VARCHI SU RETE GSM MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO Leggere attentamente questo manuale prima dell uso 1 INFORMAZIONI GENERALI Manuale d installazione ed uso Il presente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Indice degli argomenti Indice delle figure...2 Introduzione...3. Parametri misurati dal sistema Hornet...4 2. Caratteristiche hardware del

Dettagli

EasyCon GSM. Manuale di Installazione

EasyCon GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione SOMMARIO Descrizione delle funzioni del dispositivo... pag. 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... pag. 3 Istruzioni per l installazione... pag. 3 Segnalazioni LED...

Dettagli

GSM temp Manuale istruzioni GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1

GSM temp Manuale istruzioni GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1 GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1 1 Indice 1 - Descrizione generale 2 - Norme per una corretta installazione 3 - Segnalazioni luminose e connessioni elettriche 3.1 -Descrizione segnalazioni

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Questa puntata conclude il

Questa puntata conclude il PRATICA TEORIA RISORSE SPECIALE Decima parte n 248 - Febbraio 2006 La scheda di sviluppo EasyPIC3 Undicesima parte n 249 - Marzo 2006 Conversionie analogico/digitale con il PIC Dodicesima parte n 250 -

Dettagli

MANUALE D USO E PROGRAMMAZIONE

MANUALE D USO E PROGRAMMAZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE : Modulo Industriale GSM Tri-Band 8/9/8Siemens 2W (cl. 4) Programmazione SETUP e Numeri Telefonici direttamente su SIM Card e/o in modo remoto via SMS Segnalazione Allarmi ed invio

Dettagli

Come si usano i modem GSM

Come si usano i modem GSM Come si usano i modem GSM Le schede in questione sono dei modem GSM dual Band montati su una board aggiuntiva. I moduli GSM sono dei Siemens o dei Wavecom.Il modulo GSM è un completo cellulare in versione

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Telecontrolo GSM - TEL11S

Telecontrolo GSM - TEL11S Telecontrolo GSM - TEL11S Sistema per controllo remoto GSM tramite messaggi SMS e squilli Per i comandi SMS e telefonici Vedere il MANUALE COMANDI Pag. 1 INDICE Manuale Telecontrollo TEL11S Generali...

Dettagli

Telecontrolo GSM - TEL11S

Telecontrolo GSM - TEL11S TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it Telecontrolo GSM - TEL11S Sistema per controllo remoto GSM tramite messaggi SMS e squilli Per i comandi SMS e telefonici Vedere il MANUALE COMANDI

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Tesina d Esame di Stato

Tesina d Esame di Stato Istituto Professionale di stato per l industria e artigianato - MORETTO - Tesina d Esame di Stato Classe 5 BZ Indirizzo Elettronico Anno 2004-05 Borra Alessandro Da Silva Carlos Sistemi Telecomunicazioni

Dettagli

ANTIFURTO GSM/SMS LOCALIZZATORE SATELLITARE GPS SENZA COSTI DI ABBONAMENTO

ANTIFURTO GSM/SMS LOCALIZZATORE SATELLITARE GPS SENZA COSTI DI ABBONAMENTO ANTIFURTO GSM/SMS LOCALIZZATORE SATELLITARE GPS SENZA COSTI DI ABBONAMENTO MANUALE D USO E PROGRAMMAZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE: Modulo Industriale GSM - GPS Quadri-band Programmazione SETUP e Numeri

Dettagli

sms per AUTO Allarme Il problema dei ladri d auto è uno dei più

sms per AUTO Allarme Il problema dei ladri d auto è uno dei più progettare & costruire di LUCA STANZANI In questo articolo cerchiamo di progettare un sistema di antifurto per automobili in grado di avvertire il proprietario del mezzo del tentativo di furto, ma non

Dettagli

FPGA alla portata di tutti

FPGA alla portata di tutti di ANTONIO ACQUASANTA Igloo nano Starter kit FPGA alla portata di tutti Questo articolo presenta nel dettaglio l IGLOO nano STARTER KIT di ACTEL, dal costo contenuto, per FPGA, che potrà essere usato come

Dettagli

Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba. Manuale dell utente

Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba. Manuale dell utente Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba Manuale dell utente 2 ITALIANO Sommario 3 Funzioni del Combi Control 4 Indicatori LED 6 Tasti 8 Alimentazione 10 SIM Card 10 Installazione del Combi

Dettagli

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet 9 233 DESIGO PX Controllore Web con porta Ethernet PXG80-WN Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione

Dettagli

Elettronica e Microcontrollori

Elettronica e Microcontrollori Elettronica e Microcontrollori Costruiamo un trasmettitore per radiocomando a 433MHz con un PIC16F628A e pochi altri componenti. Autore: Antonio d'abbieri Data progetto: 10.05.2011 Microcontrollore: PIC16F628A

Dettagli

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione Istruzioni per l uso: 2010 Edizione 24.06.2010 (1.0) MTU155_it_attivazione_02.doc 2 Elster S.r.l.

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

PC-CAN Dual PC AT CAN I/F

PC-CAN Dual PC AT CAN I/F PC-CAN Dual PC AT CAN I/F Manuale d uso e manutenzione Codice ordine: 5904514911 Data: 04/2014 - Rev: 1.3 Sommario 1. Caratteristiche generali della scheda...3 1.1 Definizione di una rete CAN...3 1.1.1

Dettagli

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1

PROCESSOR 16F84A. ;configurazione FUSES: oscillatore XT, WDT disabilitato PWRT abilitato, CP disabilitato config 0x3FF1 ---- ; Programma per ROBOT MDB3F2004-05 Evolution ; Autore: MICCI Antonello copyright 2005 ---- ------------------------- ;Piedino RA0 ingresso fotocellula dx livello basso rilevazione ostacolo ;Piedino

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli