Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n."

Transcript

1 Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti Afriche e Orienti vol. 11, n. 1, 2011 Seguendo l entusiasmo derivante dalla rivoluzione tunisina, dove il movimento popolare aveva costretto l odiato autocrate Ben Ali a lasciare il potere e il Paese dopo quasi 24 anni di regime di polizia, attivisti di diverse tendenze politiche, ma con una profonda connotazione laica, avevano convocato il popolo d Egitto a manifestare la propria insoddisfazione e rabbia contro il regime, la corruzione della classe politica e la brutalità dell apparato di sicurezza, per il 25 gennaio, proprio il giorno della festa della polizia. Eppure, nemmeno i più ottimisti tra gli organizzatori della manifestazione avrebbero mai potuto immaginare che non solo quel giorno centinaia di migliaia di loro connazionali sarebbero scesi in piazza, spesso per la prima volta nella loro vita, ma che questo movimento di massa avrebbe costretto, dopo appena 18 drammatiche giornate, il presidente Mubarak a cedere il suo potere quasi trentennale al Consiglio Supremo delle Forze Armate. L Egitto post Mubarak ha contorni ancora confusi, tra le paure di un putsch militare, la strana amicizia tra i superstiti del Partito nazionale democratico, ex partito del potere, e l ala conservatrice dei Fratelli Musulmani, e la prevalente incertezza sul lungo cammino delle riforme, economiche, politiche e sociali, che sono le richieste urlate dai manifestanti negli eroici giorni dell occupazione di piazza Tahrir, nonché da lavoratori, studenti e comuni cittadini nelle settimane successive. Se lo spettro della contro-rivoluzione (al-thawra al-mudadda) si aggira per le vie del Cairo e delle altre città del Paese, è innegabile che lo spirito della rivoluzione continua a permeare gli eventi in Egitto. Tali incertezze e il succedersi frenetico degli eventi non impediscono però di svolgere alcune considerazioni, che certo necessiteranno una ulteriore elaborazione in futuro, sulla portata e il significato della cosiddetta rivoluzione del 25 gennaio (Thawrat 25 Yanayr), anche in chiave comparativa con quanto sta succedendo e potrebbe avvenire nella regione nordafricana e mediorientale. * Docente di storia, politica e relazioni internazionali del Medio Oriente, Macquarie University, Sydney (Australia) Docente di relazioni internazionali e politica mediorientale, University of Aberdeen (Regno Unito) 1

2 L insostenibile leggerezza dell autoritarismo Un primo dato emergente dagli eventi in Nordafrica, su cui una riflessione critica da parte di studiosi e policymakers sarà necessaria, è la fragilità di regimi autoritari della regione, considerati a lungo resistenti a qualsiasi cambiamento. Difatti, uno dei temi principali del dibattito sia nell accademia che nelle cancellerie e nella stampa specializzata sulla politica mediorientale, negli ultimi anni, è stato senz altro dedicato all analisi dei regimi autoritari della regione. La terza ondata democratica che secondo Huntington (1991) stava travolgendo i regimi satelliti dell Urss dal 1989 in poi, sembrava avere accuratamente evitato medio oriente e nordafrica, suscitando, al principio, un ulteriore dibattito ad hoc sulle ragioni di questa presunta eccezione araba e/o islamica. Nel tentativo di spiegare questo presunto eccezionalismo, studiosi più o meno affermati ricorsero ai sempreverdi miti dell Orientalismo classico, inserendoli nel vivace dibattito sulla democratizzazione nel Terzo Mondo (Teti 2006). Bernard Lewis (1990) rintracciava le radici della rabbia islamica nelle sconfitte storiche dei Musulmani, ed altri, seguendo la sua falsariga, identificarono nella cultura islamica o arabo-islamica il principale ostacolo alla democratizzazione del Medio Oriente e del Nordafrica. L accento sulla presunta unicità culturale della regione, in parallelo alla crescita dei movimenti e partiti islamisti in molti Paesi arabi negli anni 90, permetteva alla legione neo-orientalista di spiegare persino eventi di carattere sostanzialmente democratico, come le elezioni in Algeria (1991/2) e Palestina (2006), in chiave eccezionalista, tanto che piuttosto che registrare il comportamento dell elettorato e indagare le ragioni delle vittorie dei partiti islamici (il FIS in Algeria, Hamas nei Territori palestinesi), si preferì consolidare il mito della minaccia islamica e quello dell Islam politico come unico fattore, ovviamente anti-democratico, capace di mobilizzare le masse arabe. In anni successivi, il dibattito scientifico, nonostante la popolarità di testi riciclanti stereotipi orientalisti dopo l 11 settembre 2001, ha cercato in parte di allontanarsi dall analisi della mancanza di democrazia nell area mediorientale, dedicandosi piuttosto a studiare i sistemi autoritari al potere, nella loro versione modernizzata, pseudo-democratica solo per citare alcuni esempi. Il pregio maggiore di siffatte analisi è quello di svelare che il ricorso dei regimi a istituzioni democratiche come i Parlamenti, la dichiarata adesione alla salvaguardia dei diritti umani, delle donne o delle minoranze, lungi dall esser dettati dalla sincera volontà di coinvolgere le opposizioni e i cittadini nel processo decisionale, servivano solo rinforzare i regimi sia all interno che all esterno, grazie a questa facciata democratica. Infatti, la retorica democratica è ampiamente bilanciata dal ricorso allo stato d emergenza (in vigore in Egitto dal 1981), alla legislazione speciale anti-terrorismo, ai tribunali 2

3 speciali, usati principalmente per combattere la minaccia islamica, e soprattutto alla repressione poliziesca. In ogni caso, anche le analisi più sofisticate, in cui gli studiosi rinunciavano a spiegare le ragioni del deficit democratico arabo e islamico in termini esplicitamente culturali, per concentrarsi sui meccanismi dei regimi al potere, restituivano un immagine di sistemi autoritari inossidabili e resilienti a qualsiasi cambiamento, grazie alla sapiente miscela di repressione, cooptazione (o divide et impera) di parte delle opposizioni, e del supporto, politico ed economico, dei Paesi occidentali. Eppure, anni fa il politologo egiziano Nazih Ayubi (1994) aveva distinto tra stati egemonici, che si basano (anche) sul consenso popolare, e stati feroci, che ricorrono esclusivamente alla repressione. Quel che è certo è che, nonostante il tramonto di stati autoritari egemonici, pochissimi si aspettavano che due dei più stabili autocrati arabi potessero essere abbattuti in seguito a una sollevazione popolare di massa, per lo più non-violenta. Pertanto, la prima considerazione che s impone, guardando agli ultimi miracolosi mesi, è che questi regimi si sono dimostrati molto più fragili di quanto sia alcuni studiosi che i loro sponsor occidentali potessero immaginare. Questa fragilità ha delle ragioni precise, e difatti uno sguardo non superficiale avrebbe saputo riconoscere vari segni della crescente debolezza del regime egiziano. Mentre i burocrati delle istituzioni economiche internazionali consideravano l Egitto una esemplare success story con l aumento del Pil e la riduzione del debito pubblico nel corso degli anni Duemila, pochissimi per quanto grottesco sembri sembravano registrare la ricaduta sociale dell applicazione delle ricette neo-liberali. Con l inflazione quasi raddoppiata, il crollo del potere d acquisto di salari spesso bloccati, e un vero e proprio esercito di disoccupati o sottoccupati l immagine non era poi così rosea. Ma il prezzo delle riforme non è stato pagato solo dalle classi più povere, con quasi il 40% della popolazione che vive nei pressi o al sotto della soglia di 2 dollari al giorno, ma anche dalle classi medie, impoverite dalla mancanza di un impiego adeguato ai propri studi e ridotte quasi senza alcuna prospettiva, nel momento in cui anche il sogno dell emigrazione in Europa sta tramontando a causa dell implementazioni di leggi che hanno reso l UE sempre più una fortezza impenetrabile. A inasprire siffatta situazione e ad alimentare la rinascita di una mai sopita lotta di classe provvedeva l ostentazione della nuova classe di oligarchi, riuniti intorno al delfino Gamal Mubarak, e rinchiusi nei nuovi compound al di fuori della capitale o nelle nuove città turistiche sulla costa mediterranea. 3

4 In tale contesto, non dovrebbe essere sorprendente che negli ultimi quattro o cinque anni scene di proteste e scioperi di lavoratori di ogni settore siano entrate nel panorama cittadino quasi quanto le Piramidi e il Museo Egizio, in particolare nel biennio 2009/2010. Per rispondere a queste tensioni, negli anni Novanta il regime era ricorso alla liberalizzazione politica, ancorché incerta e insincera, ma nell ultimo periodo questa strategia non è stata più percorsa, principalmente per i contrasti sorti interno al sistema al potere, a scapito della legittimità. Come già ricordato proprio in queste pagine (Teti & Gervasio, 2010), le ultime elezioni per l Assembla del popolo dello scorso novembre dimostravano, con la scarsissima affluenza alle urne, gli episodi diffusissimi di brogli ed intimidazioni, con ampio ricorso alla violenza sia delle forze di sicurezza che dalla temuta baltagiyya (ragazzotti disoccupati in borghese pagati per terrorizzare gli elettori), quanto il regime fosse in difficoltà e costretto a ripiegare sempre di più sulla repressione e sulla censura la ferocia additata da Ayubi per mascherare sia la crisi di consenso che al lotta intestina in vista delle elezioni presidenziali. In tale senso, la percentuale del 93,1% di consensi e la scomparsa dell opposizione dal Parlamento non potevano essere più fuorvianti nel segnalare un consenso politico e sociale del tutto inesistente. In realtà, un regime che ha bisogno di reprimere ogni minimo dissenso, tramando per liquidare le voci più note della stampa indipendente, come Ibrahim Isa, fino al grottesco divieto di impedire l invio di sms multipli dallo stesso numero di cellulare allo scopo di ostacolare le comunicazioni e le adunate sediziose, dimostra una intrinseca debolezza, con buona pace dei tanti esperti occidentali e locali. Lungi da una interna stabilità o da ogni forma di legittimità popolare, carismatica o di classe, in questa condizioni la sopravvivenza del regime dipende da una miscela di paura, demobilizzazione politica e protezione esterna. Tuttavia, adesso si può affermare che siffatta stabilità è potenzialmente durevole ma strutturalmente precaria e travolgibile da movimenti sociali e si protesta popolare. Le centinaia di migliaia di cittadini che si sono riversati nelle piazze del Cairo e dell intero Egitto a partire dal 25 gennaio 2011, sfidando il consolidato terrore delle forze di sicurezza (al-amn al-markazi) e la loro effettiva violenza stanno a dimostrare quanta poca legittimità fosse rimasta a un regime che pure una volta era stato l esempio di legittimità rivoluzionaria e carismatica nell area araba. Pertanto, se è vero che Mubarak ha saputo mantenere il potere per quasi tre decenni, dosando sapientemente il bastone e la carota, è altrettanto evidente che l emergenza di una opposizione popolare lo ha costretto a lasciare la presidenza in pochi giorni, essendo egli stesso divenuto il simbolo della corruzione e del fallimento sociale, economico e politico del sistema al potere. Qualunque sia l esito della rivoluzione o rifo-luzione, come suggerisce Bayat (2011), egiziana, resta il dato che essa ha dimostrato la debolezza e la fragilità dell autoritarismo. 4

5 I limiti del neo-liberalismo La seconda riflessione offerta dalla Thawra egiziana è che ci sono limiti concreti alla velocità e all intensità delle riforme economiche neoliberali. Forse non è un caso che solo pochi giorni prima del 25 gennaio, il Fondo monetario internazionale aveva raccomandato al governo egiziano di tagliare ulteriormente i sussidi per i beni di prima necessità, ancora una volta ignorando la ricaduta sociale di tali scelte. Eppure, la rivolta egiziana del gennaio 1977, che aveva quasi abbattuto il regime di Sadat, era stata causata proprio da un analoga decisione, dettata dagli organismi economici internazionali. Come allora, la rivolta del 2011 dimostra che la liberalizzazione economica senza democratizzazione del sistema politico non solo marginalizza i ceti che promette di beneficiare, ma favorisce l emergenza di monopoli e di una nuova classe di oligarchi, che non può che inasprire la rabbia delle classi subalterne, vittime sacrificali delle riforme. Perciò, non è un caso che la prima manifestazione, sull esempio tunisino, sia stata convocata come un giorno di rabbia e che gli slogan di giustizia ( adala) e dignità (karama) sociale siano andati di pari passo con la agognata hurriyya (libertà). Se la politicizzazione, intesa come partecipazione organizzata, delle masse egiziane è sempre stata limitata e precaria per varie ragioni, solo la frustrazione e la disperazione derivanti dal deteriorarsi delle condizioni economiche possono spiegare la massiccia partecipazione popolare alla rivoluzione, che ha superato di gran lunga anche le aspettative degli organizzatori. Nonostante le proteste fossero state organizzate da gruppi dell opposizione laica come il movimento dei giovani del 6 Aprile, da sindacati indipendenti o da altri gruppi della società civile, la presenza preponderante di cittadini senza alcuna esperienza politica o di protesta ha spinto alcuni osservatori a definire il movimento una rivoluzione senza leader, proprio per il ruolo sostanzialmente marginale dei gruppi politici organizzati nei giorni decisivi. Va precisato che non erano certo solo i ceti più poveri a scendere in piazza, anzi, soprattutto nelle aree urbane, come Il Cairo, Alessandria e Suez, probabilmente il ruolo principale nella rivolta è stato assunto da studenti e dall esercito di neolaureati che, come già accennato, non trova adeguata collocazione professionale, pur essendo dotato di buona preparazione e globalmente connesso grazie alla diffusione di internet tra i giovani (urbani) egiziani. Analogamente, sottolineare la mancanza di una leadership non vuol dire negare il peso dei gruppi organizzati sia nella preparazione delle manifestazioni che nell assicurare il carattere per lo più pacifico delle stesse. Una rivoluzione post-islamica 5

6 La terza considerazione che si impone riguarda il ruolo dell Islam politico nelle rivolta egiziana e negli storici avvenimenti che tutta la regione sta vivendo nel I Fratelli Musulmani, usati e abusati dal regime come spauracchio per giustificare la mancanza di aperture politiche in nome della presunta minaccia islamica, sono stati, in realtà, i grandi assenti della rivoluzione, quanto meno per quanto riguarda le prime giornate e la leadership della Fratellanza, peraltro divisa in correnti come ogni movimento politico di una certa grandezza. Non solo, infatti, anche l ala riformista e politica dell organizzazione aveva risposto molto cautamente all invito dei giovani del 6 aprile a partecipare alla giornata del 25 gennaio, ma lo stesso leader dei riformisti, Isam al- Aryan, si difendeva dalla accuse del Ministero dell Interno affermando con veemenza che i Fratelli erano del tutto estranei alla rivolta. Le settimane successive hanno visto una crescente partecipazione soprattutto dei giovani islamisti, soprattutto nei governatorati minori, ma hanno altresì confermato sia la crescente insofferenza della nuova generazione nei confronti della vecchia guardia all interno della Fratellanza, sia l atteggiamento di sostanziale quietismo e la manifesta incapacità della leadership in carica di offrire un alternativa chiara e credibile al regime, soprattutto in campo economico e sociale, dove le più recenti piattaforme dei Fratelli, a favore di privatizzazioni e riforme varie, erano ben poco distinguibili dalle scelte promosse dall élite al potere. Questa sostanziale moderazione di una cospicua parte della Fratellanza, confermato anche dalla scelta di allearsi di fatto con i sopravvissuti del Pnd per il referendum costituzionale di marzo, non può sorprendere se si considera il ruolo secondario, se non del tutto inesistente, della Fratellanza nella ripresa dell attivismo operaio a partire dal 2006, e ciò aveva fatto emergere la contraddizione tra la presunta egemonia degli islamisti nella società egiziana e la loro sostanziale assenza dalle lotte dei lavoratori del Paese. Queste considerazioni non intendono negare che i Fratelli Musulmani potranno avere un ruolo di primo piano nei prossimi mesi, quanto sottolineare, di fronte alla persistenza di miti sul complotto islamico e sulla paura che si possa ripetere uno scenario iraniano, che le forze islamiste hanno avuto finora un ruolo abbastanza secondario e soprattutto che le loro leadership in particolare non sono portatrici, nonostante le divisioni accennate, di istanze rivoluzionarie. Ciò detto, sarà imperativo, per le forze democratiche, ingaggiare la Fratellanza in un dialogo costruttivo se si vuole ambire a un vero cambiamento in Egitto, offrendole un alternativa reale all alleanza con elementi chiave del vecchio regime. Inoltre, riguardo la presunta connotazione religiosa, va ricordato anche che l Islam ufficiale rappresentato da al-azhar si era dapprima pronunciato contro le protesta, salvo poi cambiare opinione dopo le prime giornate e gli scontri di piazza. Allo stesso modo, mentre il papa Shenuda aveva raccomandato ai copti di non partecipare, l insurrezione ha abolito, almeno per qualche 6

7 giorno, ogni differenza confessionale poiché gli egiziani si sono riversati nelle piazze del loro Paese in massa, senza distinzione confessionale, e nei giorni drammatici della repressione delle forze di sicurezza, la formazione di comitati spontanei interconfessionali era l ennesima manifestazione del carattere popolare ed essenzialmente secolare della Rivoluzione. Da questo punto di vista, è evidente la distanza che separa le leadership religiose dai comuni cittadini scesi in strada a manifestare la propria rabbia e la propria voglia di cambiamento senza farsi ingabbiare nella trappola della violenza interreligiosa. In definitiva, il punto principale resta che l appartenenza religiosa e l ideologia islamista hanno avuto un ruolo marginale nella rivolta. Qualche conclusione Non è dato prevedere quale sarà il corso degli eventi in Egitto, se la rivoluzione diventerà una refoluzione capace gradualmente di imporre una nuova classe politica e un nuovo sistema producendo istituzioni democratiche ed una costituzione laica, oppure se i militari assieme ad eventuali nuovi alleati riusciranno ad assicurare la sopravvivenza di alcuni elementi dell ancien régime. Poco dopo le dimissioni di Mubarak, i militari hanno brevemente riaperto la dogana di Rafah e concesso passaggio a due navi della marina iraniana in tragitto per la Siria. Da allora i cambiamenti di rotta in politica estera sono stati notevoli: favorire la riconciliazione Fatah-Hamas, bloccare la costruzione del muro d acciaio blocca-tunnel al confine con Gaza (pagato con fondi statunitensi), indicare una nuova linea sulla pace fredda con Israele, e la dichiarazione da parte di Sami Anan, il generale forse più vicino agli Usa la riapertura permanente di Rafah sono tra le iniziative più in vista del regime militare. Se da un lato ciò potrebbe segnalare una nuova sensibilità all opinione pubblica egiziana, è anche vero che in passato è tramite la politica estera che il regime ha cercato una legittimità evanescente nel contesto interno. E dalla scena interna provengono gli sviluppi che più lasciano perplessi: decreti anti-sciopero, arresti e processi sommari in tribunali militari, riforme solo cosmetiche delle forze di sicurezza, le nomine di vecchie conoscenza del regime a nuovi governatori regionali, e soprattutto quella legge sull emergenza che i militari si ostinano a non cancellare. Elementi incoraggianti ci sono, a partire dal pluralismo delle forze Islamiste e soprattutto dal forte dibattito interno alla Fratellanza musulmana che rischia di spaccarsi, a finire al movimento operaio che continua ad essere la fonte più costante di pressione sul governo militare. Se la democrazia in Egitto è lungi dall essere consolidata, le forze democratiche in Egitto sono chiaramente presenti. 7

8 Quale che sia il futuro immediato, la lezione principale della rivolta di gennaio consiste nella dimostrazione che l opposizione reale risiede nelle masse piuttosto che nei partiti legali e nelle leadership che pretendevano di rappresentare il popolo, e ciò vale non solo per gli islamisti ma anche per i liberali del Wafd e la sinistra moderata del Tagammu. Sconfessando ogni fantasia razzista e orientalista, che voleva gli Egiziani docili e pronti ad accettare il despotismo faraonico, centinaia di migliaia di cittadini sono scesi in piazza sfidando la repressione, la propaganda e finanche i propri leader religiosi e politici, costringendo uno dei più longevi governanti della regione a ritirarsi ed abbandonare le pretese dinastiche per la propria famiglia. Le cause prime della rivolta vanno cercate nelle ricadute sociali ed economiche delle riforme strutturali intraprese dal regime negli ultimi anni che hanno inferto un colpo durissimo a buona parte della popolazione. Il deteriorarsi della situazione economica, l intensificazione dell attivismo operaio, la diffusione, anche attraverso i nuovi media, di richieste di democratizzazione politica, uniti a eventi contingenti come l assassinio da parte delle forze di sicurezza del giovane attivista Khaled Sa id (giugno 2010) e il successo della rivolta tunisina sono alla base degli eventi in Egitto. Le altre lezioni principali della thawra restano il monito sulla possibile fragilità dei sistemi autoritari, il dato che le riforme neoliberali hanno un alto rischio politico, oltre che un alto costo sociale, e infine l invito alla cautela nel leggere la politica d opposizione egiziana e mediorientale solo in chiave religiosa (islamica), dimenticando la politica di classe alla base delle domande di giustizia sociale. Queste lezioni si impongono non solo agli studiosi e all opinione pubblica ma anche ai governi occidentali interessati a promuovere una reale stabilità nell area, attraverso politiche di sostegno alla democratizzazione che tengano conto degli attori locali prima che dei propri interessi strategici ed economici. Riferimenti Bibliografici Ayubi, N. (1994), Over-stating the Arab State, IB Tauris, London. Bayat, A. (2011), Paradoxes of Arab refo-lutions, «Al-Masry al-youm English edition», 13 March, Lewis, B. (1990), The Roots of Muslim Rage, «The Atlantic Monthly», Volume 266, No. 3 (September). Huntington S. P. (1991), The Third Wave: Democratization in the Late Twentieth Century, University of Oklahoma Press, Norman. 8

9 Teti, A. (2006), Democrazia, transitologia e Orientalismo. Riflessioni sulla democratizzazione nel Grande Medio Oriente, in Cappelli, O., G. Gervasio, A. Teti (a cura di), Oltre la democratizzazione. Elezioni, politica e potere nel Grande Medio Oriente, numero speciale di «Meridione», VI, 1. Teti, A, G. Gervasio (2010), Le elezioni parlamentari in Egitto: nozze o aborto della democrazia?, «afriche e orienti», vol. 12, n

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una Note di Alfredo Reichlin Per il Congresso del Partito Democratico Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una svolta. La necessità di un grande cambiamento. Si tratta del fatto che

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli