Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n."

Transcript

1 Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti Afriche e Orienti vol. 11, n. 1, 2011 Seguendo l entusiasmo derivante dalla rivoluzione tunisina, dove il movimento popolare aveva costretto l odiato autocrate Ben Ali a lasciare il potere e il Paese dopo quasi 24 anni di regime di polizia, attivisti di diverse tendenze politiche, ma con una profonda connotazione laica, avevano convocato il popolo d Egitto a manifestare la propria insoddisfazione e rabbia contro il regime, la corruzione della classe politica e la brutalità dell apparato di sicurezza, per il 25 gennaio, proprio il giorno della festa della polizia. Eppure, nemmeno i più ottimisti tra gli organizzatori della manifestazione avrebbero mai potuto immaginare che non solo quel giorno centinaia di migliaia di loro connazionali sarebbero scesi in piazza, spesso per la prima volta nella loro vita, ma che questo movimento di massa avrebbe costretto, dopo appena 18 drammatiche giornate, il presidente Mubarak a cedere il suo potere quasi trentennale al Consiglio Supremo delle Forze Armate. L Egitto post Mubarak ha contorni ancora confusi, tra le paure di un putsch militare, la strana amicizia tra i superstiti del Partito nazionale democratico, ex partito del potere, e l ala conservatrice dei Fratelli Musulmani, e la prevalente incertezza sul lungo cammino delle riforme, economiche, politiche e sociali, che sono le richieste urlate dai manifestanti negli eroici giorni dell occupazione di piazza Tahrir, nonché da lavoratori, studenti e comuni cittadini nelle settimane successive. Se lo spettro della contro-rivoluzione (al-thawra al-mudadda) si aggira per le vie del Cairo e delle altre città del Paese, è innegabile che lo spirito della rivoluzione continua a permeare gli eventi in Egitto. Tali incertezze e il succedersi frenetico degli eventi non impediscono però di svolgere alcune considerazioni, che certo necessiteranno una ulteriore elaborazione in futuro, sulla portata e il significato della cosiddetta rivoluzione del 25 gennaio (Thawrat 25 Yanayr), anche in chiave comparativa con quanto sta succedendo e potrebbe avvenire nella regione nordafricana e mediorientale. * Docente di storia, politica e relazioni internazionali del Medio Oriente, Macquarie University, Sydney (Australia) Docente di relazioni internazionali e politica mediorientale, University of Aberdeen (Regno Unito) 1

2 L insostenibile leggerezza dell autoritarismo Un primo dato emergente dagli eventi in Nordafrica, su cui una riflessione critica da parte di studiosi e policymakers sarà necessaria, è la fragilità di regimi autoritari della regione, considerati a lungo resistenti a qualsiasi cambiamento. Difatti, uno dei temi principali del dibattito sia nell accademia che nelle cancellerie e nella stampa specializzata sulla politica mediorientale, negli ultimi anni, è stato senz altro dedicato all analisi dei regimi autoritari della regione. La terza ondata democratica che secondo Huntington (1991) stava travolgendo i regimi satelliti dell Urss dal 1989 in poi, sembrava avere accuratamente evitato medio oriente e nordafrica, suscitando, al principio, un ulteriore dibattito ad hoc sulle ragioni di questa presunta eccezione araba e/o islamica. Nel tentativo di spiegare questo presunto eccezionalismo, studiosi più o meno affermati ricorsero ai sempreverdi miti dell Orientalismo classico, inserendoli nel vivace dibattito sulla democratizzazione nel Terzo Mondo (Teti 2006). Bernard Lewis (1990) rintracciava le radici della rabbia islamica nelle sconfitte storiche dei Musulmani, ed altri, seguendo la sua falsariga, identificarono nella cultura islamica o arabo-islamica il principale ostacolo alla democratizzazione del Medio Oriente e del Nordafrica. L accento sulla presunta unicità culturale della regione, in parallelo alla crescita dei movimenti e partiti islamisti in molti Paesi arabi negli anni 90, permetteva alla legione neo-orientalista di spiegare persino eventi di carattere sostanzialmente democratico, come le elezioni in Algeria (1991/2) e Palestina (2006), in chiave eccezionalista, tanto che piuttosto che registrare il comportamento dell elettorato e indagare le ragioni delle vittorie dei partiti islamici (il FIS in Algeria, Hamas nei Territori palestinesi), si preferì consolidare il mito della minaccia islamica e quello dell Islam politico come unico fattore, ovviamente anti-democratico, capace di mobilizzare le masse arabe. In anni successivi, il dibattito scientifico, nonostante la popolarità di testi riciclanti stereotipi orientalisti dopo l 11 settembre 2001, ha cercato in parte di allontanarsi dall analisi della mancanza di democrazia nell area mediorientale, dedicandosi piuttosto a studiare i sistemi autoritari al potere, nella loro versione modernizzata, pseudo-democratica solo per citare alcuni esempi. Il pregio maggiore di siffatte analisi è quello di svelare che il ricorso dei regimi a istituzioni democratiche come i Parlamenti, la dichiarata adesione alla salvaguardia dei diritti umani, delle donne o delle minoranze, lungi dall esser dettati dalla sincera volontà di coinvolgere le opposizioni e i cittadini nel processo decisionale, servivano solo rinforzare i regimi sia all interno che all esterno, grazie a questa facciata democratica. Infatti, la retorica democratica è ampiamente bilanciata dal ricorso allo stato d emergenza (in vigore in Egitto dal 1981), alla legislazione speciale anti-terrorismo, ai tribunali 2

3 speciali, usati principalmente per combattere la minaccia islamica, e soprattutto alla repressione poliziesca. In ogni caso, anche le analisi più sofisticate, in cui gli studiosi rinunciavano a spiegare le ragioni del deficit democratico arabo e islamico in termini esplicitamente culturali, per concentrarsi sui meccanismi dei regimi al potere, restituivano un immagine di sistemi autoritari inossidabili e resilienti a qualsiasi cambiamento, grazie alla sapiente miscela di repressione, cooptazione (o divide et impera) di parte delle opposizioni, e del supporto, politico ed economico, dei Paesi occidentali. Eppure, anni fa il politologo egiziano Nazih Ayubi (1994) aveva distinto tra stati egemonici, che si basano (anche) sul consenso popolare, e stati feroci, che ricorrono esclusivamente alla repressione. Quel che è certo è che, nonostante il tramonto di stati autoritari egemonici, pochissimi si aspettavano che due dei più stabili autocrati arabi potessero essere abbattuti in seguito a una sollevazione popolare di massa, per lo più non-violenta. Pertanto, la prima considerazione che s impone, guardando agli ultimi miracolosi mesi, è che questi regimi si sono dimostrati molto più fragili di quanto sia alcuni studiosi che i loro sponsor occidentali potessero immaginare. Questa fragilità ha delle ragioni precise, e difatti uno sguardo non superficiale avrebbe saputo riconoscere vari segni della crescente debolezza del regime egiziano. Mentre i burocrati delle istituzioni economiche internazionali consideravano l Egitto una esemplare success story con l aumento del Pil e la riduzione del debito pubblico nel corso degli anni Duemila, pochissimi per quanto grottesco sembri sembravano registrare la ricaduta sociale dell applicazione delle ricette neo-liberali. Con l inflazione quasi raddoppiata, il crollo del potere d acquisto di salari spesso bloccati, e un vero e proprio esercito di disoccupati o sottoccupati l immagine non era poi così rosea. Ma il prezzo delle riforme non è stato pagato solo dalle classi più povere, con quasi il 40% della popolazione che vive nei pressi o al sotto della soglia di 2 dollari al giorno, ma anche dalle classi medie, impoverite dalla mancanza di un impiego adeguato ai propri studi e ridotte quasi senza alcuna prospettiva, nel momento in cui anche il sogno dell emigrazione in Europa sta tramontando a causa dell implementazioni di leggi che hanno reso l UE sempre più una fortezza impenetrabile. A inasprire siffatta situazione e ad alimentare la rinascita di una mai sopita lotta di classe provvedeva l ostentazione della nuova classe di oligarchi, riuniti intorno al delfino Gamal Mubarak, e rinchiusi nei nuovi compound al di fuori della capitale o nelle nuove città turistiche sulla costa mediterranea. 3

4 In tale contesto, non dovrebbe essere sorprendente che negli ultimi quattro o cinque anni scene di proteste e scioperi di lavoratori di ogni settore siano entrate nel panorama cittadino quasi quanto le Piramidi e il Museo Egizio, in particolare nel biennio 2009/2010. Per rispondere a queste tensioni, negli anni Novanta il regime era ricorso alla liberalizzazione politica, ancorché incerta e insincera, ma nell ultimo periodo questa strategia non è stata più percorsa, principalmente per i contrasti sorti interno al sistema al potere, a scapito della legittimità. Come già ricordato proprio in queste pagine (Teti & Gervasio, 2010), le ultime elezioni per l Assembla del popolo dello scorso novembre dimostravano, con la scarsissima affluenza alle urne, gli episodi diffusissimi di brogli ed intimidazioni, con ampio ricorso alla violenza sia delle forze di sicurezza che dalla temuta baltagiyya (ragazzotti disoccupati in borghese pagati per terrorizzare gli elettori), quanto il regime fosse in difficoltà e costretto a ripiegare sempre di più sulla repressione e sulla censura la ferocia additata da Ayubi per mascherare sia la crisi di consenso che al lotta intestina in vista delle elezioni presidenziali. In tale senso, la percentuale del 93,1% di consensi e la scomparsa dell opposizione dal Parlamento non potevano essere più fuorvianti nel segnalare un consenso politico e sociale del tutto inesistente. In realtà, un regime che ha bisogno di reprimere ogni minimo dissenso, tramando per liquidare le voci più note della stampa indipendente, come Ibrahim Isa, fino al grottesco divieto di impedire l invio di sms multipli dallo stesso numero di cellulare allo scopo di ostacolare le comunicazioni e le adunate sediziose, dimostra una intrinseca debolezza, con buona pace dei tanti esperti occidentali e locali. Lungi da una interna stabilità o da ogni forma di legittimità popolare, carismatica o di classe, in questa condizioni la sopravvivenza del regime dipende da una miscela di paura, demobilizzazione politica e protezione esterna. Tuttavia, adesso si può affermare che siffatta stabilità è potenzialmente durevole ma strutturalmente precaria e travolgibile da movimenti sociali e si protesta popolare. Le centinaia di migliaia di cittadini che si sono riversati nelle piazze del Cairo e dell intero Egitto a partire dal 25 gennaio 2011, sfidando il consolidato terrore delle forze di sicurezza (al-amn al-markazi) e la loro effettiva violenza stanno a dimostrare quanta poca legittimità fosse rimasta a un regime che pure una volta era stato l esempio di legittimità rivoluzionaria e carismatica nell area araba. Pertanto, se è vero che Mubarak ha saputo mantenere il potere per quasi tre decenni, dosando sapientemente il bastone e la carota, è altrettanto evidente che l emergenza di una opposizione popolare lo ha costretto a lasciare la presidenza in pochi giorni, essendo egli stesso divenuto il simbolo della corruzione e del fallimento sociale, economico e politico del sistema al potere. Qualunque sia l esito della rivoluzione o rifo-luzione, come suggerisce Bayat (2011), egiziana, resta il dato che essa ha dimostrato la debolezza e la fragilità dell autoritarismo. 4

5 I limiti del neo-liberalismo La seconda riflessione offerta dalla Thawra egiziana è che ci sono limiti concreti alla velocità e all intensità delle riforme economiche neoliberali. Forse non è un caso che solo pochi giorni prima del 25 gennaio, il Fondo monetario internazionale aveva raccomandato al governo egiziano di tagliare ulteriormente i sussidi per i beni di prima necessità, ancora una volta ignorando la ricaduta sociale di tali scelte. Eppure, la rivolta egiziana del gennaio 1977, che aveva quasi abbattuto il regime di Sadat, era stata causata proprio da un analoga decisione, dettata dagli organismi economici internazionali. Come allora, la rivolta del 2011 dimostra che la liberalizzazione economica senza democratizzazione del sistema politico non solo marginalizza i ceti che promette di beneficiare, ma favorisce l emergenza di monopoli e di una nuova classe di oligarchi, che non può che inasprire la rabbia delle classi subalterne, vittime sacrificali delle riforme. Perciò, non è un caso che la prima manifestazione, sull esempio tunisino, sia stata convocata come un giorno di rabbia e che gli slogan di giustizia ( adala) e dignità (karama) sociale siano andati di pari passo con la agognata hurriyya (libertà). Se la politicizzazione, intesa come partecipazione organizzata, delle masse egiziane è sempre stata limitata e precaria per varie ragioni, solo la frustrazione e la disperazione derivanti dal deteriorarsi delle condizioni economiche possono spiegare la massiccia partecipazione popolare alla rivoluzione, che ha superato di gran lunga anche le aspettative degli organizzatori. Nonostante le proteste fossero state organizzate da gruppi dell opposizione laica come il movimento dei giovani del 6 Aprile, da sindacati indipendenti o da altri gruppi della società civile, la presenza preponderante di cittadini senza alcuna esperienza politica o di protesta ha spinto alcuni osservatori a definire il movimento una rivoluzione senza leader, proprio per il ruolo sostanzialmente marginale dei gruppi politici organizzati nei giorni decisivi. Va precisato che non erano certo solo i ceti più poveri a scendere in piazza, anzi, soprattutto nelle aree urbane, come Il Cairo, Alessandria e Suez, probabilmente il ruolo principale nella rivolta è stato assunto da studenti e dall esercito di neolaureati che, come già accennato, non trova adeguata collocazione professionale, pur essendo dotato di buona preparazione e globalmente connesso grazie alla diffusione di internet tra i giovani (urbani) egiziani. Analogamente, sottolineare la mancanza di una leadership non vuol dire negare il peso dei gruppi organizzati sia nella preparazione delle manifestazioni che nell assicurare il carattere per lo più pacifico delle stesse. Una rivoluzione post-islamica 5

6 La terza considerazione che si impone riguarda il ruolo dell Islam politico nelle rivolta egiziana e negli storici avvenimenti che tutta la regione sta vivendo nel I Fratelli Musulmani, usati e abusati dal regime come spauracchio per giustificare la mancanza di aperture politiche in nome della presunta minaccia islamica, sono stati, in realtà, i grandi assenti della rivoluzione, quanto meno per quanto riguarda le prime giornate e la leadership della Fratellanza, peraltro divisa in correnti come ogni movimento politico di una certa grandezza. Non solo, infatti, anche l ala riformista e politica dell organizzazione aveva risposto molto cautamente all invito dei giovani del 6 aprile a partecipare alla giornata del 25 gennaio, ma lo stesso leader dei riformisti, Isam al- Aryan, si difendeva dalla accuse del Ministero dell Interno affermando con veemenza che i Fratelli erano del tutto estranei alla rivolta. Le settimane successive hanno visto una crescente partecipazione soprattutto dei giovani islamisti, soprattutto nei governatorati minori, ma hanno altresì confermato sia la crescente insofferenza della nuova generazione nei confronti della vecchia guardia all interno della Fratellanza, sia l atteggiamento di sostanziale quietismo e la manifesta incapacità della leadership in carica di offrire un alternativa chiara e credibile al regime, soprattutto in campo economico e sociale, dove le più recenti piattaforme dei Fratelli, a favore di privatizzazioni e riforme varie, erano ben poco distinguibili dalle scelte promosse dall élite al potere. Questa sostanziale moderazione di una cospicua parte della Fratellanza, confermato anche dalla scelta di allearsi di fatto con i sopravvissuti del Pnd per il referendum costituzionale di marzo, non può sorprendere se si considera il ruolo secondario, se non del tutto inesistente, della Fratellanza nella ripresa dell attivismo operaio a partire dal 2006, e ciò aveva fatto emergere la contraddizione tra la presunta egemonia degli islamisti nella società egiziana e la loro sostanziale assenza dalle lotte dei lavoratori del Paese. Queste considerazioni non intendono negare che i Fratelli Musulmani potranno avere un ruolo di primo piano nei prossimi mesi, quanto sottolineare, di fronte alla persistenza di miti sul complotto islamico e sulla paura che si possa ripetere uno scenario iraniano, che le forze islamiste hanno avuto finora un ruolo abbastanza secondario e soprattutto che le loro leadership in particolare non sono portatrici, nonostante le divisioni accennate, di istanze rivoluzionarie. Ciò detto, sarà imperativo, per le forze democratiche, ingaggiare la Fratellanza in un dialogo costruttivo se si vuole ambire a un vero cambiamento in Egitto, offrendole un alternativa reale all alleanza con elementi chiave del vecchio regime. Inoltre, riguardo la presunta connotazione religiosa, va ricordato anche che l Islam ufficiale rappresentato da al-azhar si era dapprima pronunciato contro le protesta, salvo poi cambiare opinione dopo le prime giornate e gli scontri di piazza. Allo stesso modo, mentre il papa Shenuda aveva raccomandato ai copti di non partecipare, l insurrezione ha abolito, almeno per qualche 6

7 giorno, ogni differenza confessionale poiché gli egiziani si sono riversati nelle piazze del loro Paese in massa, senza distinzione confessionale, e nei giorni drammatici della repressione delle forze di sicurezza, la formazione di comitati spontanei interconfessionali era l ennesima manifestazione del carattere popolare ed essenzialmente secolare della Rivoluzione. Da questo punto di vista, è evidente la distanza che separa le leadership religiose dai comuni cittadini scesi in strada a manifestare la propria rabbia e la propria voglia di cambiamento senza farsi ingabbiare nella trappola della violenza interreligiosa. In definitiva, il punto principale resta che l appartenenza religiosa e l ideologia islamista hanno avuto un ruolo marginale nella rivolta. Qualche conclusione Non è dato prevedere quale sarà il corso degli eventi in Egitto, se la rivoluzione diventerà una refoluzione capace gradualmente di imporre una nuova classe politica e un nuovo sistema producendo istituzioni democratiche ed una costituzione laica, oppure se i militari assieme ad eventuali nuovi alleati riusciranno ad assicurare la sopravvivenza di alcuni elementi dell ancien régime. Poco dopo le dimissioni di Mubarak, i militari hanno brevemente riaperto la dogana di Rafah e concesso passaggio a due navi della marina iraniana in tragitto per la Siria. Da allora i cambiamenti di rotta in politica estera sono stati notevoli: favorire la riconciliazione Fatah-Hamas, bloccare la costruzione del muro d acciaio blocca-tunnel al confine con Gaza (pagato con fondi statunitensi), indicare una nuova linea sulla pace fredda con Israele, e la dichiarazione da parte di Sami Anan, il generale forse più vicino agli Usa la riapertura permanente di Rafah sono tra le iniziative più in vista del regime militare. Se da un lato ciò potrebbe segnalare una nuova sensibilità all opinione pubblica egiziana, è anche vero che in passato è tramite la politica estera che il regime ha cercato una legittimità evanescente nel contesto interno. E dalla scena interna provengono gli sviluppi che più lasciano perplessi: decreti anti-sciopero, arresti e processi sommari in tribunali militari, riforme solo cosmetiche delle forze di sicurezza, le nomine di vecchie conoscenza del regime a nuovi governatori regionali, e soprattutto quella legge sull emergenza che i militari si ostinano a non cancellare. Elementi incoraggianti ci sono, a partire dal pluralismo delle forze Islamiste e soprattutto dal forte dibattito interno alla Fratellanza musulmana che rischia di spaccarsi, a finire al movimento operaio che continua ad essere la fonte più costante di pressione sul governo militare. Se la democrazia in Egitto è lungi dall essere consolidata, le forze democratiche in Egitto sono chiaramente presenti. 7

8 Quale che sia il futuro immediato, la lezione principale della rivolta di gennaio consiste nella dimostrazione che l opposizione reale risiede nelle masse piuttosto che nei partiti legali e nelle leadership che pretendevano di rappresentare il popolo, e ciò vale non solo per gli islamisti ma anche per i liberali del Wafd e la sinistra moderata del Tagammu. Sconfessando ogni fantasia razzista e orientalista, che voleva gli Egiziani docili e pronti ad accettare il despotismo faraonico, centinaia di migliaia di cittadini sono scesi in piazza sfidando la repressione, la propaganda e finanche i propri leader religiosi e politici, costringendo uno dei più longevi governanti della regione a ritirarsi ed abbandonare le pretese dinastiche per la propria famiglia. Le cause prime della rivolta vanno cercate nelle ricadute sociali ed economiche delle riforme strutturali intraprese dal regime negli ultimi anni che hanno inferto un colpo durissimo a buona parte della popolazione. Il deteriorarsi della situazione economica, l intensificazione dell attivismo operaio, la diffusione, anche attraverso i nuovi media, di richieste di democratizzazione politica, uniti a eventi contingenti come l assassinio da parte delle forze di sicurezza del giovane attivista Khaled Sa id (giugno 2010) e il successo della rivolta tunisina sono alla base degli eventi in Egitto. Le altre lezioni principali della thawra restano il monito sulla possibile fragilità dei sistemi autoritari, il dato che le riforme neoliberali hanno un alto rischio politico, oltre che un alto costo sociale, e infine l invito alla cautela nel leggere la politica d opposizione egiziana e mediorientale solo in chiave religiosa (islamica), dimenticando la politica di classe alla base delle domande di giustizia sociale. Queste lezioni si impongono non solo agli studiosi e all opinione pubblica ma anche ai governi occidentali interessati a promuovere una reale stabilità nell area, attraverso politiche di sostegno alla democratizzazione che tengano conto degli attori locali prima che dei propri interessi strategici ed economici. Riferimenti Bibliografici Ayubi, N. (1994), Over-stating the Arab State, IB Tauris, London. Bayat, A. (2011), Paradoxes of Arab refo-lutions, «Al-Masry al-youm English edition», 13 March, Lewis, B. (1990), The Roots of Muslim Rage, «The Atlantic Monthly», Volume 266, No. 3 (September). Huntington S. P. (1991), The Third Wave: Democratization in the Late Twentieth Century, University of Oklahoma Press, Norman. 8

9 Teti, A. (2006), Democrazia, transitologia e Orientalismo. Riflessioni sulla democratizzazione nel Grande Medio Oriente, in Cappelli, O., G. Gervasio, A. Teti (a cura di), Oltre la democratizzazione. Elezioni, politica e potere nel Grande Medio Oriente, numero speciale di «Meridione», VI, 1. Teti, A, G. Gervasio (2010), Le elezioni parlamentari in Egitto: nozze o aborto della democrazia?, «afriche e orienti», vol. 12, n

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 Roma, 16 ottobre 2013 - Sono sempre più numerose le famiglie che non riescono a far fronte alle spese

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

Intervento del sig. Ministro sul tema: comunicazione. sull estremismo violento e contro messaggistica via Internet

Intervento del sig. Ministro sul tema: comunicazione. sull estremismo violento e contro messaggistica via Internet Intervento del sig. Ministro sul tema: comunicazione sull estremismo violento e contro messaggistica via Internet Il tema della comunicazione è da sempre connesso a quello della nascita e dell'evolversi

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa Conferenza Stampa 2 LA DOMANDA ABITATIVA A MILANO L emergenza abitativa, compresi gli sfratti, è sempre stata una componente storica

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

La scienza in Egitto. Pietro Greco

La scienza in Egitto. Pietro Greco La scienza in Egitto. Pietro Greco L Egitto (1.001.449 km 2 ; 77.505.000 abitanti) è un paese crocevia. Appartiene nel medesimo tempo al Nord Africa, al Medio Oriente e al Mondo Islamico. Anche la sua

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La persona transessuale e il lavoro. di Christian Ballarin (SpoT Sportello Trans) Circolo GLBT Maurice

La persona transessuale e il lavoro. di Christian Ballarin (SpoT Sportello Trans) Circolo GLBT Maurice La persona transessuale e il lavoro di Christian Ballarin (SpoT Sportello Trans) Circolo GLBT Maurice Torino, 29 ottobre 2014 in Italia non esistono normative che esplicitamente discriminino, o autorizzino

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale 1 I Medici come si inseriscono sui temi ambientali oggi? I medici rappresentano per la

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli