Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti. Afriche e Orienti vol. 11, n."

Transcript

1 Cercando un altro Egitto: tra democrazia e contro-rivoluzione Gennaro Gervasio * e Andrea Teti Afriche e Orienti vol. 11, n. 1, 2011 Seguendo l entusiasmo derivante dalla rivoluzione tunisina, dove il movimento popolare aveva costretto l odiato autocrate Ben Ali a lasciare il potere e il Paese dopo quasi 24 anni di regime di polizia, attivisti di diverse tendenze politiche, ma con una profonda connotazione laica, avevano convocato il popolo d Egitto a manifestare la propria insoddisfazione e rabbia contro il regime, la corruzione della classe politica e la brutalità dell apparato di sicurezza, per il 25 gennaio, proprio il giorno della festa della polizia. Eppure, nemmeno i più ottimisti tra gli organizzatori della manifestazione avrebbero mai potuto immaginare che non solo quel giorno centinaia di migliaia di loro connazionali sarebbero scesi in piazza, spesso per la prima volta nella loro vita, ma che questo movimento di massa avrebbe costretto, dopo appena 18 drammatiche giornate, il presidente Mubarak a cedere il suo potere quasi trentennale al Consiglio Supremo delle Forze Armate. L Egitto post Mubarak ha contorni ancora confusi, tra le paure di un putsch militare, la strana amicizia tra i superstiti del Partito nazionale democratico, ex partito del potere, e l ala conservatrice dei Fratelli Musulmani, e la prevalente incertezza sul lungo cammino delle riforme, economiche, politiche e sociali, che sono le richieste urlate dai manifestanti negli eroici giorni dell occupazione di piazza Tahrir, nonché da lavoratori, studenti e comuni cittadini nelle settimane successive. Se lo spettro della contro-rivoluzione (al-thawra al-mudadda) si aggira per le vie del Cairo e delle altre città del Paese, è innegabile che lo spirito della rivoluzione continua a permeare gli eventi in Egitto. Tali incertezze e il succedersi frenetico degli eventi non impediscono però di svolgere alcune considerazioni, che certo necessiteranno una ulteriore elaborazione in futuro, sulla portata e il significato della cosiddetta rivoluzione del 25 gennaio (Thawrat 25 Yanayr), anche in chiave comparativa con quanto sta succedendo e potrebbe avvenire nella regione nordafricana e mediorientale. * Docente di storia, politica e relazioni internazionali del Medio Oriente, Macquarie University, Sydney (Australia) Docente di relazioni internazionali e politica mediorientale, University of Aberdeen (Regno Unito) 1

2 L insostenibile leggerezza dell autoritarismo Un primo dato emergente dagli eventi in Nordafrica, su cui una riflessione critica da parte di studiosi e policymakers sarà necessaria, è la fragilità di regimi autoritari della regione, considerati a lungo resistenti a qualsiasi cambiamento. Difatti, uno dei temi principali del dibattito sia nell accademia che nelle cancellerie e nella stampa specializzata sulla politica mediorientale, negli ultimi anni, è stato senz altro dedicato all analisi dei regimi autoritari della regione. La terza ondata democratica che secondo Huntington (1991) stava travolgendo i regimi satelliti dell Urss dal 1989 in poi, sembrava avere accuratamente evitato medio oriente e nordafrica, suscitando, al principio, un ulteriore dibattito ad hoc sulle ragioni di questa presunta eccezione araba e/o islamica. Nel tentativo di spiegare questo presunto eccezionalismo, studiosi più o meno affermati ricorsero ai sempreverdi miti dell Orientalismo classico, inserendoli nel vivace dibattito sulla democratizzazione nel Terzo Mondo (Teti 2006). Bernard Lewis (1990) rintracciava le radici della rabbia islamica nelle sconfitte storiche dei Musulmani, ed altri, seguendo la sua falsariga, identificarono nella cultura islamica o arabo-islamica il principale ostacolo alla democratizzazione del Medio Oriente e del Nordafrica. L accento sulla presunta unicità culturale della regione, in parallelo alla crescita dei movimenti e partiti islamisti in molti Paesi arabi negli anni 90, permetteva alla legione neo-orientalista di spiegare persino eventi di carattere sostanzialmente democratico, come le elezioni in Algeria (1991/2) e Palestina (2006), in chiave eccezionalista, tanto che piuttosto che registrare il comportamento dell elettorato e indagare le ragioni delle vittorie dei partiti islamici (il FIS in Algeria, Hamas nei Territori palestinesi), si preferì consolidare il mito della minaccia islamica e quello dell Islam politico come unico fattore, ovviamente anti-democratico, capace di mobilizzare le masse arabe. In anni successivi, il dibattito scientifico, nonostante la popolarità di testi riciclanti stereotipi orientalisti dopo l 11 settembre 2001, ha cercato in parte di allontanarsi dall analisi della mancanza di democrazia nell area mediorientale, dedicandosi piuttosto a studiare i sistemi autoritari al potere, nella loro versione modernizzata, pseudo-democratica solo per citare alcuni esempi. Il pregio maggiore di siffatte analisi è quello di svelare che il ricorso dei regimi a istituzioni democratiche come i Parlamenti, la dichiarata adesione alla salvaguardia dei diritti umani, delle donne o delle minoranze, lungi dall esser dettati dalla sincera volontà di coinvolgere le opposizioni e i cittadini nel processo decisionale, servivano solo rinforzare i regimi sia all interno che all esterno, grazie a questa facciata democratica. Infatti, la retorica democratica è ampiamente bilanciata dal ricorso allo stato d emergenza (in vigore in Egitto dal 1981), alla legislazione speciale anti-terrorismo, ai tribunali 2

3 speciali, usati principalmente per combattere la minaccia islamica, e soprattutto alla repressione poliziesca. In ogni caso, anche le analisi più sofisticate, in cui gli studiosi rinunciavano a spiegare le ragioni del deficit democratico arabo e islamico in termini esplicitamente culturali, per concentrarsi sui meccanismi dei regimi al potere, restituivano un immagine di sistemi autoritari inossidabili e resilienti a qualsiasi cambiamento, grazie alla sapiente miscela di repressione, cooptazione (o divide et impera) di parte delle opposizioni, e del supporto, politico ed economico, dei Paesi occidentali. Eppure, anni fa il politologo egiziano Nazih Ayubi (1994) aveva distinto tra stati egemonici, che si basano (anche) sul consenso popolare, e stati feroci, che ricorrono esclusivamente alla repressione. Quel che è certo è che, nonostante il tramonto di stati autoritari egemonici, pochissimi si aspettavano che due dei più stabili autocrati arabi potessero essere abbattuti in seguito a una sollevazione popolare di massa, per lo più non-violenta. Pertanto, la prima considerazione che s impone, guardando agli ultimi miracolosi mesi, è che questi regimi si sono dimostrati molto più fragili di quanto sia alcuni studiosi che i loro sponsor occidentali potessero immaginare. Questa fragilità ha delle ragioni precise, e difatti uno sguardo non superficiale avrebbe saputo riconoscere vari segni della crescente debolezza del regime egiziano. Mentre i burocrati delle istituzioni economiche internazionali consideravano l Egitto una esemplare success story con l aumento del Pil e la riduzione del debito pubblico nel corso degli anni Duemila, pochissimi per quanto grottesco sembri sembravano registrare la ricaduta sociale dell applicazione delle ricette neo-liberali. Con l inflazione quasi raddoppiata, il crollo del potere d acquisto di salari spesso bloccati, e un vero e proprio esercito di disoccupati o sottoccupati l immagine non era poi così rosea. Ma il prezzo delle riforme non è stato pagato solo dalle classi più povere, con quasi il 40% della popolazione che vive nei pressi o al sotto della soglia di 2 dollari al giorno, ma anche dalle classi medie, impoverite dalla mancanza di un impiego adeguato ai propri studi e ridotte quasi senza alcuna prospettiva, nel momento in cui anche il sogno dell emigrazione in Europa sta tramontando a causa dell implementazioni di leggi che hanno reso l UE sempre più una fortezza impenetrabile. A inasprire siffatta situazione e ad alimentare la rinascita di una mai sopita lotta di classe provvedeva l ostentazione della nuova classe di oligarchi, riuniti intorno al delfino Gamal Mubarak, e rinchiusi nei nuovi compound al di fuori della capitale o nelle nuove città turistiche sulla costa mediterranea. 3

4 In tale contesto, non dovrebbe essere sorprendente che negli ultimi quattro o cinque anni scene di proteste e scioperi di lavoratori di ogni settore siano entrate nel panorama cittadino quasi quanto le Piramidi e il Museo Egizio, in particolare nel biennio 2009/2010. Per rispondere a queste tensioni, negli anni Novanta il regime era ricorso alla liberalizzazione politica, ancorché incerta e insincera, ma nell ultimo periodo questa strategia non è stata più percorsa, principalmente per i contrasti sorti interno al sistema al potere, a scapito della legittimità. Come già ricordato proprio in queste pagine (Teti & Gervasio, 2010), le ultime elezioni per l Assembla del popolo dello scorso novembre dimostravano, con la scarsissima affluenza alle urne, gli episodi diffusissimi di brogli ed intimidazioni, con ampio ricorso alla violenza sia delle forze di sicurezza che dalla temuta baltagiyya (ragazzotti disoccupati in borghese pagati per terrorizzare gli elettori), quanto il regime fosse in difficoltà e costretto a ripiegare sempre di più sulla repressione e sulla censura la ferocia additata da Ayubi per mascherare sia la crisi di consenso che al lotta intestina in vista delle elezioni presidenziali. In tale senso, la percentuale del 93,1% di consensi e la scomparsa dell opposizione dal Parlamento non potevano essere più fuorvianti nel segnalare un consenso politico e sociale del tutto inesistente. In realtà, un regime che ha bisogno di reprimere ogni minimo dissenso, tramando per liquidare le voci più note della stampa indipendente, come Ibrahim Isa, fino al grottesco divieto di impedire l invio di sms multipli dallo stesso numero di cellulare allo scopo di ostacolare le comunicazioni e le adunate sediziose, dimostra una intrinseca debolezza, con buona pace dei tanti esperti occidentali e locali. Lungi da una interna stabilità o da ogni forma di legittimità popolare, carismatica o di classe, in questa condizioni la sopravvivenza del regime dipende da una miscela di paura, demobilizzazione politica e protezione esterna. Tuttavia, adesso si può affermare che siffatta stabilità è potenzialmente durevole ma strutturalmente precaria e travolgibile da movimenti sociali e si protesta popolare. Le centinaia di migliaia di cittadini che si sono riversati nelle piazze del Cairo e dell intero Egitto a partire dal 25 gennaio 2011, sfidando il consolidato terrore delle forze di sicurezza (al-amn al-markazi) e la loro effettiva violenza stanno a dimostrare quanta poca legittimità fosse rimasta a un regime che pure una volta era stato l esempio di legittimità rivoluzionaria e carismatica nell area araba. Pertanto, se è vero che Mubarak ha saputo mantenere il potere per quasi tre decenni, dosando sapientemente il bastone e la carota, è altrettanto evidente che l emergenza di una opposizione popolare lo ha costretto a lasciare la presidenza in pochi giorni, essendo egli stesso divenuto il simbolo della corruzione e del fallimento sociale, economico e politico del sistema al potere. Qualunque sia l esito della rivoluzione o rifo-luzione, come suggerisce Bayat (2011), egiziana, resta il dato che essa ha dimostrato la debolezza e la fragilità dell autoritarismo. 4

5 I limiti del neo-liberalismo La seconda riflessione offerta dalla Thawra egiziana è che ci sono limiti concreti alla velocità e all intensità delle riforme economiche neoliberali. Forse non è un caso che solo pochi giorni prima del 25 gennaio, il Fondo monetario internazionale aveva raccomandato al governo egiziano di tagliare ulteriormente i sussidi per i beni di prima necessità, ancora una volta ignorando la ricaduta sociale di tali scelte. Eppure, la rivolta egiziana del gennaio 1977, che aveva quasi abbattuto il regime di Sadat, era stata causata proprio da un analoga decisione, dettata dagli organismi economici internazionali. Come allora, la rivolta del 2011 dimostra che la liberalizzazione economica senza democratizzazione del sistema politico non solo marginalizza i ceti che promette di beneficiare, ma favorisce l emergenza di monopoli e di una nuova classe di oligarchi, che non può che inasprire la rabbia delle classi subalterne, vittime sacrificali delle riforme. Perciò, non è un caso che la prima manifestazione, sull esempio tunisino, sia stata convocata come un giorno di rabbia e che gli slogan di giustizia ( adala) e dignità (karama) sociale siano andati di pari passo con la agognata hurriyya (libertà). Se la politicizzazione, intesa come partecipazione organizzata, delle masse egiziane è sempre stata limitata e precaria per varie ragioni, solo la frustrazione e la disperazione derivanti dal deteriorarsi delle condizioni economiche possono spiegare la massiccia partecipazione popolare alla rivoluzione, che ha superato di gran lunga anche le aspettative degli organizzatori. Nonostante le proteste fossero state organizzate da gruppi dell opposizione laica come il movimento dei giovani del 6 Aprile, da sindacati indipendenti o da altri gruppi della società civile, la presenza preponderante di cittadini senza alcuna esperienza politica o di protesta ha spinto alcuni osservatori a definire il movimento una rivoluzione senza leader, proprio per il ruolo sostanzialmente marginale dei gruppi politici organizzati nei giorni decisivi. Va precisato che non erano certo solo i ceti più poveri a scendere in piazza, anzi, soprattutto nelle aree urbane, come Il Cairo, Alessandria e Suez, probabilmente il ruolo principale nella rivolta è stato assunto da studenti e dall esercito di neolaureati che, come già accennato, non trova adeguata collocazione professionale, pur essendo dotato di buona preparazione e globalmente connesso grazie alla diffusione di internet tra i giovani (urbani) egiziani. Analogamente, sottolineare la mancanza di una leadership non vuol dire negare il peso dei gruppi organizzati sia nella preparazione delle manifestazioni che nell assicurare il carattere per lo più pacifico delle stesse. Una rivoluzione post-islamica 5

6 La terza considerazione che si impone riguarda il ruolo dell Islam politico nelle rivolta egiziana e negli storici avvenimenti che tutta la regione sta vivendo nel I Fratelli Musulmani, usati e abusati dal regime come spauracchio per giustificare la mancanza di aperture politiche in nome della presunta minaccia islamica, sono stati, in realtà, i grandi assenti della rivoluzione, quanto meno per quanto riguarda le prime giornate e la leadership della Fratellanza, peraltro divisa in correnti come ogni movimento politico di una certa grandezza. Non solo, infatti, anche l ala riformista e politica dell organizzazione aveva risposto molto cautamente all invito dei giovani del 6 aprile a partecipare alla giornata del 25 gennaio, ma lo stesso leader dei riformisti, Isam al- Aryan, si difendeva dalla accuse del Ministero dell Interno affermando con veemenza che i Fratelli erano del tutto estranei alla rivolta. Le settimane successive hanno visto una crescente partecipazione soprattutto dei giovani islamisti, soprattutto nei governatorati minori, ma hanno altresì confermato sia la crescente insofferenza della nuova generazione nei confronti della vecchia guardia all interno della Fratellanza, sia l atteggiamento di sostanziale quietismo e la manifesta incapacità della leadership in carica di offrire un alternativa chiara e credibile al regime, soprattutto in campo economico e sociale, dove le più recenti piattaforme dei Fratelli, a favore di privatizzazioni e riforme varie, erano ben poco distinguibili dalle scelte promosse dall élite al potere. Questa sostanziale moderazione di una cospicua parte della Fratellanza, confermato anche dalla scelta di allearsi di fatto con i sopravvissuti del Pnd per il referendum costituzionale di marzo, non può sorprendere se si considera il ruolo secondario, se non del tutto inesistente, della Fratellanza nella ripresa dell attivismo operaio a partire dal 2006, e ciò aveva fatto emergere la contraddizione tra la presunta egemonia degli islamisti nella società egiziana e la loro sostanziale assenza dalle lotte dei lavoratori del Paese. Queste considerazioni non intendono negare che i Fratelli Musulmani potranno avere un ruolo di primo piano nei prossimi mesi, quanto sottolineare, di fronte alla persistenza di miti sul complotto islamico e sulla paura che si possa ripetere uno scenario iraniano, che le forze islamiste hanno avuto finora un ruolo abbastanza secondario e soprattutto che le loro leadership in particolare non sono portatrici, nonostante le divisioni accennate, di istanze rivoluzionarie. Ciò detto, sarà imperativo, per le forze democratiche, ingaggiare la Fratellanza in un dialogo costruttivo se si vuole ambire a un vero cambiamento in Egitto, offrendole un alternativa reale all alleanza con elementi chiave del vecchio regime. Inoltre, riguardo la presunta connotazione religiosa, va ricordato anche che l Islam ufficiale rappresentato da al-azhar si era dapprima pronunciato contro le protesta, salvo poi cambiare opinione dopo le prime giornate e gli scontri di piazza. Allo stesso modo, mentre il papa Shenuda aveva raccomandato ai copti di non partecipare, l insurrezione ha abolito, almeno per qualche 6

7 giorno, ogni differenza confessionale poiché gli egiziani si sono riversati nelle piazze del loro Paese in massa, senza distinzione confessionale, e nei giorni drammatici della repressione delle forze di sicurezza, la formazione di comitati spontanei interconfessionali era l ennesima manifestazione del carattere popolare ed essenzialmente secolare della Rivoluzione. Da questo punto di vista, è evidente la distanza che separa le leadership religiose dai comuni cittadini scesi in strada a manifestare la propria rabbia e la propria voglia di cambiamento senza farsi ingabbiare nella trappola della violenza interreligiosa. In definitiva, il punto principale resta che l appartenenza religiosa e l ideologia islamista hanno avuto un ruolo marginale nella rivolta. Qualche conclusione Non è dato prevedere quale sarà il corso degli eventi in Egitto, se la rivoluzione diventerà una refoluzione capace gradualmente di imporre una nuova classe politica e un nuovo sistema producendo istituzioni democratiche ed una costituzione laica, oppure se i militari assieme ad eventuali nuovi alleati riusciranno ad assicurare la sopravvivenza di alcuni elementi dell ancien régime. Poco dopo le dimissioni di Mubarak, i militari hanno brevemente riaperto la dogana di Rafah e concesso passaggio a due navi della marina iraniana in tragitto per la Siria. Da allora i cambiamenti di rotta in politica estera sono stati notevoli: favorire la riconciliazione Fatah-Hamas, bloccare la costruzione del muro d acciaio blocca-tunnel al confine con Gaza (pagato con fondi statunitensi), indicare una nuova linea sulla pace fredda con Israele, e la dichiarazione da parte di Sami Anan, il generale forse più vicino agli Usa la riapertura permanente di Rafah sono tra le iniziative più in vista del regime militare. Se da un lato ciò potrebbe segnalare una nuova sensibilità all opinione pubblica egiziana, è anche vero che in passato è tramite la politica estera che il regime ha cercato una legittimità evanescente nel contesto interno. E dalla scena interna provengono gli sviluppi che più lasciano perplessi: decreti anti-sciopero, arresti e processi sommari in tribunali militari, riforme solo cosmetiche delle forze di sicurezza, le nomine di vecchie conoscenza del regime a nuovi governatori regionali, e soprattutto quella legge sull emergenza che i militari si ostinano a non cancellare. Elementi incoraggianti ci sono, a partire dal pluralismo delle forze Islamiste e soprattutto dal forte dibattito interno alla Fratellanza musulmana che rischia di spaccarsi, a finire al movimento operaio che continua ad essere la fonte più costante di pressione sul governo militare. Se la democrazia in Egitto è lungi dall essere consolidata, le forze democratiche in Egitto sono chiaramente presenti. 7

8 Quale che sia il futuro immediato, la lezione principale della rivolta di gennaio consiste nella dimostrazione che l opposizione reale risiede nelle masse piuttosto che nei partiti legali e nelle leadership che pretendevano di rappresentare il popolo, e ciò vale non solo per gli islamisti ma anche per i liberali del Wafd e la sinistra moderata del Tagammu. Sconfessando ogni fantasia razzista e orientalista, che voleva gli Egiziani docili e pronti ad accettare il despotismo faraonico, centinaia di migliaia di cittadini sono scesi in piazza sfidando la repressione, la propaganda e finanche i propri leader religiosi e politici, costringendo uno dei più longevi governanti della regione a ritirarsi ed abbandonare le pretese dinastiche per la propria famiglia. Le cause prime della rivolta vanno cercate nelle ricadute sociali ed economiche delle riforme strutturali intraprese dal regime negli ultimi anni che hanno inferto un colpo durissimo a buona parte della popolazione. Il deteriorarsi della situazione economica, l intensificazione dell attivismo operaio, la diffusione, anche attraverso i nuovi media, di richieste di democratizzazione politica, uniti a eventi contingenti come l assassinio da parte delle forze di sicurezza del giovane attivista Khaled Sa id (giugno 2010) e il successo della rivolta tunisina sono alla base degli eventi in Egitto. Le altre lezioni principali della thawra restano il monito sulla possibile fragilità dei sistemi autoritari, il dato che le riforme neoliberali hanno un alto rischio politico, oltre che un alto costo sociale, e infine l invito alla cautela nel leggere la politica d opposizione egiziana e mediorientale solo in chiave religiosa (islamica), dimenticando la politica di classe alla base delle domande di giustizia sociale. Queste lezioni si impongono non solo agli studiosi e all opinione pubblica ma anche ai governi occidentali interessati a promuovere una reale stabilità nell area, attraverso politiche di sostegno alla democratizzazione che tengano conto degli attori locali prima che dei propri interessi strategici ed economici. Riferimenti Bibliografici Ayubi, N. (1994), Over-stating the Arab State, IB Tauris, London. Bayat, A. (2011), Paradoxes of Arab refo-lutions, «Al-Masry al-youm English edition», 13 March, Lewis, B. (1990), The Roots of Muslim Rage, «The Atlantic Monthly», Volume 266, No. 3 (September). Huntington S. P. (1991), The Third Wave: Democratization in the Late Twentieth Century, University of Oklahoma Press, Norman. 8

9 Teti, A. (2006), Democrazia, transitologia e Orientalismo. Riflessioni sulla democratizzazione nel Grande Medio Oriente, in Cappelli, O., G. Gervasio, A. Teti (a cura di), Oltre la democratizzazione. Elezioni, politica e potere nel Grande Medio Oriente, numero speciale di «Meridione», VI, 1. Teti, A, G. Gervasio (2010), Le elezioni parlamentari in Egitto: nozze o aborto della democrazia?, «afriche e orienti», vol. 12, n

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012 Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2012 a cura di Paolo Malanima Rapporto sulle economie del Mediterraneo Edizione 2012 a cura di Paolo Malanima 2 Elaborazione e impaginazione a cura di:

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani di Abdel Fattah Hasan - Il Sussidiario del 5/11/2010 PDF di LibriSenzaCensura Messa in una chiesa egiziana ÄSiamo pronti a sfidare Al

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com)

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) Il Margine, 32 (2012), n. 4 AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) utti ci chiediamo perché la rivolta popolare egiziana e tunisina sono state non violente, a differenza di quella libica e

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione L ITALIA, COMUNITA DI PERSONE E DI VALORI L Italia è uno dei Paesi più antichi d Europa che affonda le radici nella cultura classica della Grecia

Dettagli

AZIONE CATTOLICA DEI RAGAZZI

AZIONE CATTOLICA DEI RAGAZZI AZIONE CATTOLICA DEI RAGAZZI MESE DELLA PACE 2013 SUSSIDIO PER GLI EDUCATORI dai luce alla pace sommario Introduzione...4 Dai luce alla pace -...6 L iniziativa di pace...8 Per approfondire...11 3 4 Introduzione

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

La primavera araba: sfide e opportunità economiche e sociali

La primavera araba: sfide e opportunità economiche e sociali Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI 11 15 dicembre 2011 La primavera araba: sfide e opportunità economiche e sociali Sintesi del rapporto di Maria Cristina Paciello Abstract Focalizzando l attenzione

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

IL POPULISMO DI DESTRA E DI SINISTRA * James O Connor

IL POPULISMO DI DESTRA E DI SINISTRA * James O Connor La rivista Ecologia Politica ritiene utile invitare alla rilettura di alcuni saggi, di particolare interesse, apparsi in 24 ormai introvabili supplementi pubblicati mensilmente dal quotidiano Liberazione

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

editoriale L eccezione tedesca?

editoriale L eccezione tedesca? editoriale L eccezione tedesca? In un quadro europeo di grave preoccupazione per il lavoro, soprattutto giovanile, la Germania sembra fare storia a sé. Quasi come se il nucleo economico del sistema europeo

Dettagli

LE CAUSE E LE CONSEGUENZE DEGLI EVENTI DEL 20 GENNAIO 1990

LE CAUSE E LE CONSEGUENZE DEGLI EVENTI DEL 20 GENNAIO 1990 Eroismo Ajdyn BALAEV ricercatore in scienze storiche LE CAUSE E LE CONSEGUENZE DEGLI EVENTI DEL 20 GENNAIO 1990 GLI AVVENIMENTI DEL 20 GENNAIO 1990 SONO UNO DEI MOMENTI CRUCIALI DELL AZERBAIGIAN. TALI

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI DEL COMITATO FISSIONE NUCLEARE DELLA COMMISSIONE EUROPEA L ENERGIA NUCLEARE FA ANCORA PAURA? BIOGRAFIA Piero Risoluti è attualmente l esperto nazionale italiano nel Comitato

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI INTERNAZIONALI EGITTO TRA PROSPETTIVE ISLAMICHE E APERTURA DEMOCRATICA Relatore: Prof.ssa Patrizia

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Anno Accademico 2006-2007 Lezione II Docente: Prof. Massimiliano Cricco (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ) Gli anni di Johnson: la polarizzazione

Dettagli

Seminario di studi La Politica euromediterranea dell Italia Lecce, 28 novembre 2005. Discorso di Stefania Craxi

Seminario di studi La Politica euromediterranea dell Italia Lecce, 28 novembre 2005. Discorso di Stefania Craxi Seminario di studi La Politica euromediterranea dell Italia Lecce, 28 novembre 2005 Discorso di Stefania Craxi 1 Cari amici, vi ringrazio dell onore che mi avete fatto affidandomi l incarico di aprire

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Medio Oriente e mondo islamico

Medio Oriente e mondo islamico Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico L UNITà IN BREVE Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico 1. Guerre mondiali, sionismo e risveglio musulmano Nel 1914, l impero ottomano aveva perso tutti i suoi

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

9.2.7 Messaggio concernente l Accordo internazionale del 2001 sul caffè

9.2.7 Messaggio concernente l Accordo internazionale del 2001 sul caffè 9.2.7 Messaggio concernente l Accordo internazionale del 2001 sul caffè del 9 gennaio 2002 9.2.7.1 Parte generale 9.2.7.1.1 Compendio L Accordo internazionale del 2001 sul caffè è stato adottato durante

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa "Un lavoro e un tetto per tutti". Con questo antico slogan abbiamo nel recente passato sintetizzato i bisogni primari di tanti lavoratori dipendenti e delle

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo È PROFESSORE ORDINARIO ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA, MEMBRO DEL CONSEIL

Dettagli

Gli Islam a confronto

Gli Islam a confronto Gli Islam a confronto Il precipitare della crisi siriana, il tentativo d internazionalizzazione del conflitto, minacciano la stabilità dell intero settore medio - orientale così profondamente da meritare

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI Vittorio Meddi Analisi critica del nuovo regime in vigore che riserva alle Soprintendenze il potere di esprimere parere preliminare vincolante sugli interventi

Dettagli

MANIFESTO LIBERALE DI OXFORD 1997 Tower Hall- Oxford, 30 novembre 1997 AGENDA LIBERALE PER IL 21 SECOLO

MANIFESTO LIBERALE DI OXFORD 1997 Tower Hall- Oxford, 30 novembre 1997 AGENDA LIBERALE PER IL 21 SECOLO MANIFESTO LIBERALE DI OXFORD 1997 Tower Hall- Oxford, 30 novembre 1997 AGENDA LIBERALE PER IL 21 SECOLO La qualità della libertà nelle società aperte fondate sul senso civico Ispirandoci ai fondatori dell

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e il mondo islamico Gli attentati alle

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

DOCUMENTO DI POSIZIONE

DOCUMENTO DI POSIZIONE Campagna internazionale sugli obiettivi di sviluppo del millennio I POVERI NON POSSONO ASPETTARE DOCUMENTO DI POSIZIONE Se lo Tsunami del 26 dicembre 2004 si fosse abbattuto sulle coste di un paese ricco,

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 L Associazione Acmid donna Onlus dirigendo il progetto MAI PIU SOLA che ha compiuto 6 anni di attività intensa per l assistenza di donne vittime di tutti i tipi di violenza,

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo IN EVIDENZA: 1) Lettera aperta all avvocatura italiana lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco 2) Perché iscriversi all AIGA lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA

AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA Una proposta per i leader delle coalizioni e dei partiti politici impegnati nelle Elezioni di Febbraio 2013 Rete Italiana per il Disarmo Tavolo

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ISTITUTO COLOMBINI DI PIACENZA PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ORIGINE E STRUTTURA DELLA COSTITUZIONE - La rinascita democratica

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli