TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento"

Transcript

1 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC VP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco del giunto. Le caratteristiche del dispositivo si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 0 a 10 mm; capacità di assorbire spostamenti trasversali fino a +/- 50 mm; non impedire eventuali movimenti verticali degli impalcati. Il giunto è costituito da un elemento in gomma vulcanizzata realizzato per stampaggio. Il dispositivo viene armato durante la fase di vulcanizzazione da tre piatti in acciaio interamente ricoperti dalla gomma. Tali armature assolvono alla funzione di assicurare la portanza tra le due testate del varco strutturale e garantire un efficace collegamento alle strutture. La geometria della sezione prevede la presenza di una porzione sagomata a soffietto preposta ad assorbire gli scorrimenti di progetto e che ha la caratteristica principale di essere appoggiata alle strutture per tutta la sua estensione assicurando una portanza superiore rispetto alle soluzioni con soffietto posto in corrispondenza del varco strutturale. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

2 CARATTERISTICHE TECNICHE Modifiche tecniche riservate Modello INDICAZIONI SUI MATERIALI Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) N/mm 7850 Kg/m N/mm 360 N/mm 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 35 N/mm 160 N/mm TecVP070 TecVP010 Larghezza L (mm) Interasse tirafondi i (mm) Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento long. (Mm) / /- 50 Scorrimento trasv. (Mm) +/- 5 +/- 50 I giunti vengono forniti in moduli della lunghezza di 1 metro Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S75JR UNI EN 1005 (Fe430) N/mm 7850 Kg/m N/mm 430 N/mm 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 75 N/mm 190 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm Kg/m 1.1 > 300% Schema tipico di installazione 1. Giunto serie Tec VP. Riquotatura e collegamento agli asfalti 3. Asfalti - tappeto di usura 4. Asfalti - binder 5. Impermeabilizzazione 6. Soletta 7. Sigillatura asole 8. Inghisaggio dei tirafondi 9. Tirafondi 10. Armature metalliche 11. Canalina di drenaggio 1. Scossalina TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S010REV

3 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE PER GRANDI SCORRIMENTI SERIE TEC VP Descrizione I giunti per grandi scorrimenti in gomma armata della serie TecVP assolvono alla funzione di coprigiunti filopavimento ed e sono progettati e realizzati per rispondere alle seguenti indicazioni: - consentire movimenti relativi tra due impalcati; - evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; - garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco del giunto. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: - capacità di assorbire la variazione dell'ampiezza del varco strutturale dal valore di 0 a 50 mm; - capacità di assorbire movimenti trasversali degli impalcati; - non vengono impediti eventuali movimenti verticali degli impalcati. Il giunto è costituito da elementi in gomma vulcanizzata realizzati per stampaggio. Il dispositivo viene armato durante la fase di vulcanizzazione da piastre in acciaio interamente ricoperte della gomma. Tali armature hanno la funzione di assicurare la portanza tra le due testate del varco strutturale e garantire un efficace collegamento alle strutture e tra gli elementi costituenti il giunto. La geometria della sezione prevede la presenza di una porzione sagomata a soffietto preposta ad assorbire gli scorrimenti di progetto e che ha la caratteristica principale di essere appoggiata alle strutture per tutta la sua estensione assicurando una portanza superiore rispetto alle soluzioni con soffietto posto al di sopra del varco strutturale. Un sistema antisollevamento costituito da barre e piastre di tenuta in acciaio garantisce la planarità del piano del giunto. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

4 CARATTERISTICHE TECNICHE Modello Modifiche tecniche riservate V Larghezza L (mm) Interasse tirafondi I (mm) Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) L INDICAZIONI SUI MATERIALI I Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento long. (mm) I giunti vengono forniti in moduli della lunghezza di 0,5 metri Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S75JR UNI EN 1005 (Fe430) H Scorrimento Trasv. (mm) VP / /-100 VP / /-150 VP /- 00 +/-00 VP /- 50 +/ N/mm 7850 Kg/m N/mm 7850 Kg/m N/mm 7930 N/mm 360 N/mm 430 N/mm 3% 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 35 N/mm CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 75 N/mm 160 N/mm 190 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE 70 +/-3 Shore A3 RESISTENZA A ROTTURA >15.5 N/mm Kg/m MODULO G 1.1 ALLUNGAMENTO A ROTTURA > 300% Schema tipico di installazione 1. Giunto serie Tec VP. Riquotatura e collegamento agli asfalti 3. Asfalti - tappeto di usura 4. Asfalti - binder 5. Impermeabilizzazione 6. Soletta 7. Sigillatura asole 8. Tirafondi 9. Inghisaggio dei tirafondi 10. Armature metalliche 11. Canalina di drenaggio 1. Scossalina TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S011REV

5 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC MP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC MP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco del giunto. Le caratteristiche del dispositivo si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 0 a 30 mm; non impedire eventuali movimenti verticali degli impalcati. Il giunto è costituito da un elemento in gomma vulcanizzata realizzato per stampaggio. Il dispositivo viene armato durante la fase di vulcanizzazione da 5 elementi in acciaio interamente ricoperti dalla gomma. Tali armature assicurano la portanza tra le due testate del varco strutturale e garantiscono un efficace collegamento alle strutture. La geometria della sezione prevede la presenza di varie porzioni sagomate in modo da assorbire gli scorrimenti di progetto mediante deformazione elastica della gomma. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. Min. 04/05/90 Criteri generali e prescrizioni tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo dei ponti stradali. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

6 CARATTERISTICHE TECNICHE Modifiche tecniche riservate Modello Larghezza L (mm) Interasse tirafondi i (mm) Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento (mm) INDICAZIONI SUI MATERIALI Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) N/mm 7850 Kg/m N/mm 360 N/mm 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 35 N/mm 160 N/mm TecMP TecMP030 I giunti vengono forniti in moduli della lunghezza di 0,5 metri Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S75JR UNI EN 1005 (Fe430) N/mm 7850 Kg/m N/mm 430 N/mm 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 75 N/mm 190 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm Kg/m 1.1 > 300% Schema tipico di installazione 1. Giunto serie Tec MP. Riquotatura e collegamento agli asfalti 3. Asfalti - tappeto di usura 4. Asfalti - binder 5. Impermeabilizzazione 6. Soletta 7. Sigillatura asole 8. Inghisaggio dei tirafondi 9. Tirafondi 10. Armature metalliche 11. Scossalina TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S010REV 60901

7 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC GS Descrizione I giunti della serie TEC GS assolvono alla funzione di coprigiunto filosoletta e sono progettati e realizzati per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 0 a 40 mm; non vengono impediti eventuali movimenti trasversali o verticali degli impalcati. Il giunto è costituito da un elemento continuo in gomma vulcanizzata realizzato per trafilatura. L utilizzo di tale processo di produzione permette di ottenere un giunto senza soluzione di continuità lungo tutta l estensione della carreggiata. La opportuna geometria della sezione garantisce una adeguata aderenza della gomma alle superfici del varco e della soletta in corrispondenza di qualsiasi valore di dilatazione assunto dal giunto all interno delle caratteristiche di progetto dello stesso. In particolare, il bulbo centrale viene deformato elasticamente durante l installazione per adattarsi alle superfici del varco e la testa del giunto è provvista di risalti sulla superficie di contatto con la soletta che, compressi dal peso della pavimentazione, migliorano la tenuta al percolamento delle acque anche in presenza di scabrosità dell estradosso della soletta. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

8 CARATTERISTICHE TECNICHE Modello Tec GS040 Modifiche tecniche riservate Larghezza L (mm) 75 Tec GS040 Altezza H (mm) 58 Varco V (mm) 30 Scorrimento (mm) +/- 10 Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA INDICAZIONI SUI MATERIALI 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm 100 Kg/m3 1.1 > 300% 1 Schema tipico di installazione Asfalti - tappeto di Usura. Asfalti - binder 3. Soletta 4. Impermeabilizzazione 5. Giunto Tec Gs040 TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S00REV

9 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC AS Descrizione Il giunto Tec AS assolve alla funzione di coprigiunto filosoletta ed è progettato e realizzato per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 0 a 50 mm; non impedire eventuali movimenti trasversali degli impalcati. Il dispositivo è costituito da due elementi in acciaio profilati ad L sormontati da una lamiera in acciaio al carbonio o inox ancorata mediante viti ad uno solo dei due elementi e capace di scorrere sull altro per assicurare i movimenti relativi tra gli impalcati. Il giunto così composto si collega alla struttura durante la fase del getto del calcestruzzo della soletta mediante ganci in acciaio realizzati in tondini ad aderenza migliorata ed elettrosaldati al corpo del giunto. Il giunto si completa con una scossalina in neoprene incollata ai bordi mediante resina epossidica. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

10 CARATTERISTICHE TECNICHE Modifiche tecniche riservate INDICAZIONI SUI MATERIALI Modello Larghezza L (mm) Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento (mm) Ingombro ganci G (mm) TecAS / Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO N/mm 7850 Kg/m N/mm 360 N/mm 3% 35 N/mm 160 N/mm Acciaio X5NiCrMo 171 (AISI 316) CARICO UNITARIO DI SCOSTAMENTO DALLA PROPORZIONALITA N/mm 7850 Kg/m N/mm N/mm 05 N/mm 136 N/mm Schema tipico di installazione 1. Taglio asfalti. Asfalti - tappeto di usura 3. Asfalti - binder 4. Impermeabilizzazione 5. Soletta 6. Giunto serie TecAS 7. Ganci per il fissaggio alle strutture TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S001REV

11 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC PS 4585 Descrizione Il giunto Tec PS 4585 assolve alla funzione di coprigiunto filosoletta ed è progettato e realizzato per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 45 a 85 mm. Il giunto è costituito da due elementi in acciaio sagomati con un profilo a pettine ondulato grazie al quale è possibile seguire gli spostamenti relativi degli impalcati senza che si venga a creare una apertura continua in corrispondenza del varco strutturale. Ciò permette di garantire la portanza del pacchetto asfalti. Il profilo ondulato del pettine scongiura eventuali impuntamenti degli elementi in moto relativo che tendono, invece, ad auto allinearsi. All interno dei profili metallici del giunto è presente un elemento in gomma trafilata a prevenire il percolamento delle acque attraverso il varco strutturale. La opportuna geometria della sezione garantisce una adeguata aderenza della gomma alle superfici del varco in corrispondenza di qualsiasi valore di dilatazione assunto dal giunto all interno delle caratteristiche di progetto dello stesso. Il giunto così composto si collega alla struttura durante la fase del getto del calcestruzzo della soletta mediante ganci in acciaio realizzati in tondini ad aderenza migliorata ed elettrosaldati al corpo del giunto. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Inorme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

12 CARATTERISTICHE TECNICHE Modifiche tecniche riservate INDICAZIONI SUI MATERIALI Modello Larghezza L (mm) Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento (mm) Ingombro ganci G (mm) TecPS / Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO N/mm 7850 Kg/m N/mm 360 N/mm 3% 35 N/mm 160 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm Kg/m 1.1 > 300% Schema tipico di installazione 1. Taglio asfalti. Asfalti - tappeto di usura 3. Asfalti - binder 4. Impermeabilizzazione 5. Soletta 6. Giunto serie Tec PS 7. Ganci per il fissaggio alle strutture TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S003REV 10901

13 TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC TFS Descrizione Il giunto Tec TFS assolve alla funzione di coprigiunto filosoletta ed è progettato e realizzato per rispondere alle seguenti indicazioni: consentire movimenti relativi tra due impalcati; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale dal valore di 30 a 70 mm; capacità di assecondare i movimenti trasversali e verticali degli impalcati. Il giunto è costituito da due elementi in acciaio ciascuno assemblato a C per realizzare il contenimento di un elemento deformabile a soffietto in gomma trafilata che previene il percolamento delle acque attraverso il varco strutturale, infatti, la opportuna geometria della sezione del soffietto garantisce una adeguata aderenza della gomma alle superfici del varco in corrispondenza di qualsiasi valore di dilatazione assunto dal giunto all interno delle caratteristiche di progetto dello stesso. Gli elementi metallici che compongono il giunto vengono collegati alle strutture mediante zanche o barre filettate in acciaio e garantiscono un efficace ancoraggio soprattutto nei casi in cui le solette sono state già realizzate e quindi non risulta possibile la posa del giunto mediante inghisaggio durante le fasi di getto della soletta stessa. Anche per il giunto TEC AS è disponibile la variante con questa tipologia di fissaggio. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Costruzioni di acciaio. Istruzioni per il calcolo, l esecuzione, il collaudo e la manutenzione CNR UNI 10011:88). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

14 CARATTERISTICHE TECNICHE Modifiche tecniche riservate INDICAZIONI SUI MATERIALI Modello Larghezza L (mm) Altezza H (mm) Varco V (mm) Scorrimento (mm) Interasse zanche I (mm) TecTFS / Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo Acciaio laminato a caldo S75JR UNI EN 1005 (Fe430) CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO N/mm 7850 Kg/m N/mm 430 N/mm 3% 75 N/mm 190 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm Kg/m 1.1 > 300% Schema tipico di installazione 1. Taglio asfalti. Asfalti - tappeto di usura 3. Asfalti - binder 4. Impermeabilizzazione 5. Soletta 6. Giunto serie Tec TFS 7. Zanche per il fissaggio alle strutture TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S006REV

15 TEC S.r.l. Descrizione GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC TS Sistemi di collegamento stradali I giunti della serie Tec TS assolvono alla funzione di giunto tampone tra le testate degli impalcati allorquando questi vengono collegati tra loro mediante barre in acciaio a formare un sistema a catena cinematica. Il giunto è progettato e realizzato per rispondere alle seguenti indicazioni: evitare il contatto diretto tra i due impalcati per non dare luogo ad urti o elevati valori di sollecitazione nel cls delle testate; evitare il percolamento delle acque meteoriche attraverso il varco; garantire la continuità strutturale della pavimentazione in corrispondenza del varco. Le caratteristiche del giunto si possono riassumere come: capacità di assorbire la variazione dell ampiezza del varco strutturale, durante la fase di serraggio delle barre di trazione, dal valore di 0 a 40 mm. Capacità di sopportare un carico di esercizio tra precompressione delle barre e forze scambiate tra gli impalcati pari a 300 kn/m per il modello TS30 e 600 kn/m per il modello TS60. Il dispositivo è costituito da un elemento continuo in gomma vulcanizzata realizzato per trafilatura e supportato da profilati in acciaio che poggiano sulle testate della soletta. Il giunto così composto si collega alla struttura durante la fase del getto del calcestruzzo della soletta mediante ganci in acciaio realizzati in tondini ad aderenza migliorata ed elettrosaldati al corpo del giunto. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. Apparecchi di appoggio per le costruzioni. Istruzioni per l impiego (CNR 10018). Norme tecniche per la fornitura in opera dei giunti di dilatazione su opere d arte Autostrade - Funzione monitoraggio e studi per la manutenzione.

16 CARATTERISTICHE TECNICHE Sistemi di collegamento stradali Tec TS30 Modello Tec TS30 Tec TS60 Modifiche tecniche riservate Larghezza L (mm) Altezza H (mm) Tec TS60 Varco V (mm) Ingombro ganci G (mm) Portata (kn/m) Le misure in tabella si riferiscono alle condizioni di riposo INDICAZIONI SUI MATERIALI Acciaio laminato a caldo S35JR UNI EN 1005 (Fe360) CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO N/mm 7850 Kg/m N/mm 360 N/mm 3% 35 N/mm 160 N/mm Gomma sintetica (CNR 10018) DUREZZA NOMINALE RESISTENZA A ROTTURA MODULO G ALLUNGAMENTO A ROTTURA 70 +/-3 Shore A3 >15.5 N/mm Kg/m 1.1 > 300% Schema tipico di installazione 1. Asfalti - tappeto di usura. Asfalti - binder 3. Impermeabilizzazione 4. Soletta 5. Giunto serie Tec TS 6. Ganci per il fissaggio alle strutture TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S004REV

17 TEC S.r.l. Sistema di collegamento impalcati con barre filosoletta serie TEC BS Sistemi di collegamento stradali Descrizione Il sistema di collegamento impalcati della serie TecBS assolve alla funzione di giunzione delle strutture mobili del viadotto realizzando un sistema a catena cinematica che ha la caratteristica di trasferire gli effetti di scorrimento della intera sovrastruttura in un punto prestabilito. Per garantire la coperture dei valori di scorrimento, tale soluzione va abbinata all utilizzo di appoggi in acciaio-ptfe come quelli della nostra serie TecDISC. Il sistema di collegamento mediante barre prevede, altresì, l abbinamento con un giunto tampone filosoletta come il nostro TecTS per garantire corretto accoppiamento tra gli impalcati. Le barre di collegamento sono costituite da: una barra in acciaio C40 filettata alle estremità; due insiemi per la messa in tensione costituiti da piastra di tenuta in acciaio S355JR, dado e Controdado; due tubi di protezione in pvc; un elemento centrale deformabile in gomma espansa collegato ai tubi di protezione in pvc e sigillato; un rivestimento di protezione esterno in alluminio corrugato. Normativa di riferimento La progettazione e la realizzazione del dispositivo è stata eseguita con riferimento alle seguenti normative ed istruzioni: D.M. 14/01/008 Normativa Tecnica sulle Costruzioni. CNR UNI Costruzioni di acciaio - Istruzioni per il calcolo, l esecuzione, il collaudo e la Manutenzione.

18 CARATTERISTICHE TECNICHE Sistemi di collegamento stradali Modello Tec BS30 Tec BS40 Tec BS50 Tec BS60 Tec BS70 Lunghezza totale (mm) 5400 Diametro (mm) 33 Acciaio laminato a caldo S355JR UNI EN 1005 (Fe510) N/mm 7850 Kg/m N/mm 510 N/mm 3% CARICO UNITARIO DI SNERVAMENTO 355 N/mm 10 N/mm Filettatura MA 33 INDICAZIONI SUI MATERIALI Materiale Acciaio C40 norm MA 4 Acciaio C40 norm MA 5 Acciaio C40 norm MA 64 Acciaio C40 norm MA 7 Acciaio C40 norm. Acciaio C40 normalizzato CARICO UNITARIO DI SCOSTAMENTO DALLA PROPORZIONALITA Trazione max (kn) Modifiche tecniche riservate N/mm 7850 Kg/m N/mm 570 N/mm 35 N/mm 40 N/mm Schema tipico di installazione 1. Soletta. Tubo estensibile in alluminio 3. Barra 4. Varco strutturale 5. Sigillatura 6. Protezione in gomma espansa 7. Tubo in PVC 8. Piastra di tenuta 9. Dadi di tenuta 10. Giunto tampone 11. Asfalti TEC S.r.l. TEC S.r.l. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A Bari - Stabilimento: S.P. 31 Km Bitonto BARI Tel Fax Sito web: TEC S005REV

GIUNTI DI DILATAZIONE

GIUNTI DI DILATAZIONE GIUNTI DI DILATAZIONE GIUNTI DI DILATAZIONE J00 PONTE DARWIN, TANGENZIALE EST - PADOVA giunti di dilatazione serie RAN e GPE INTRODUZIONE Grazie al lavoro del proprio settore Ricerca e Sviluppo, FIP Industriale

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

TEC S.r.l. Tecnologia nell edilizia e nelle costruzioni

TEC S.r.l. Tecnologia nell edilizia e nelle costruzioni nell edilizia e Giunti, apparecchi d appoggio, sistemi antivibranti ed antisismici per il settore civile, industriale e stradale. - Sede legale: Via G. Gentile 60/A - 7016 Bari - Stabilimento: S.P. 1 Km

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO N 14 Sabbiatura a metallo bianco di apparecchi mobili di appoggio metallici di grado Sa 2.5 delle norme standard svedesi SIS 05.59.00-1967, con successiva protezione con

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

PESA A PONTE IN CEMENTO PRECOMPRESSO

PESA A PONTE IN CEMENTO PRECOMPRESSO PESA A PONTE IN CEMENTO PRECOMPRESSO SLIMCAP - CWB MODULARITA E COMPONIBILITA ROBUSTEZZA STRUTTURALE FLESSIBILITA ED ELASTICITA RESISTENZA AGLI AGENTI AGGRESSIVI TRASPORTI CONVENZIONALI PROFONDITA BUCA

Dettagli

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 CLASSE A O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 5 Il punto di ancoraggio cod 03000 può essere utilizzato come ancoraggio strutturale per linee di ancoraggio temporanee. R=30 kn nella direzione sotto riportata.

Dettagli

L'originale rotolo con doghe a taglio termico accoppiate con membrane bituminose e packaging brevettato. REXROLL XPS

L'originale rotolo con doghe a taglio termico accoppiate con membrane bituminose e packaging brevettato. REXROLL XPS P A N N E L L A C C O P P A T REXROLL L'originale rotolo con doghe a taglio termico accoppiate con membrane bituminose e packaging brevettato. Rexroll è provvisto di cimosa laterale di sovrapposizione

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE SUI MATERIALI

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE SUI MATERIALI INDICE 1.... 2 1.1. Materiali strutture esistenti... 2 1.1.1. Muratura... 2 1.2. Materiali strutture di nuova realizzazione... 3 1.2.1. Muratura di nuova realizzazione... 3 1.2.2. Calcestruzzo... 3 1.2.3.

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Parere d idoneità tecnica

Parere d idoneità tecnica Parere d idoneità tecnica Premessa UNICMI, Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche, dell Involucro e dei Serramenti, attraverso le sue 12 divisioni, rappresenta circa 22.000 aziende,

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6.

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6. INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati tecnici 7. Voce di capitolato 1/5 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: LUC51-1075

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO Il sistema di fissaggio e sostegno offre una soluzione rapida e versatile ad ogni problema di ancoraggio tra elementi prefabbricati in calcestruzzo e carpenteria metallica.

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 357 Analisi R.05.10.10.a Perforazione fino al diametro di mm 36 e lunghezza fino a m 1,20 con martello a rotopercursione a secco, per consolidamenti Per diametri fino a 32 mm in muratura di tufo cm 1,00

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 09.02.00.00 ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 - A4 0 Emissione 31/01/2011 M. Bettio M. Bellonzi T. Finocchietti F. Binotto R. Baldo

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

KIT COPPO STAFFA COMPLETO APPLICAZIONE SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI KIT COPPO STAFFA FISSA

KIT COPPO STAFFA COMPLETO APPLICAZIONE SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI KIT COPPO STAFFA FISSA KIT COPPO STAFFA COMPLETO K100D00 SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI ARTICOLO BREVETTATO PECULIARITA : PERMETTE UNA RAPIDA INSTALLAZIONE RIDUCENDO I TEMPI E IL

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13 S RODUCTION Ed.13 Manuale Tecnico 1121/11 Collegamento a scomparsa ST204 1 I vantaggi di utilizzare i i collegamenti ST204 Ricerca tecnica Costruita in Acciaio 35 questo garantisce un elevato valore di

Dettagli

Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI

Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI Supplemento straordinario al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 34 del 1 o agosto 2002 287 Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI 11.1 Strutture in acciaio. 11.2 Trattamenti protettivi

Dettagli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli Scarpe pilastro per la connessione meccanica di pilastri e travi Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli 01 Norma ve e materiali Le connessioni meccaniche per pilastri consentono l uso in can ere di

Dettagli

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm NUOVO ELEVETOR è un sistema combinato di casseri con altezza 15 cm e basi di supporto

Dettagli

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 Ing. Alessandro Ferraro Field Engineer - Lazio Roma, 30 aprile 2009 1 I ferri di ripresa post-installati sono largamente usati nel

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

/,67$'(//(92&,',35(==23,8 6,*1,),&$7,9( FKHFRQFRUURQRDIRUPDUHXQLPSRUWRQRQLQIHULRUHDOGLTXHOORSRVWRDEDVHGLJDUD

/,67$'(//(92&,',35(==23,8 6,*1,),&$7,9( FKHFRQFRUURQRDIRUPDUHXQLPSRUWRQRQLQIHULRUHDOGLTXHOORSRVWRDEDVHGLJDUD &LWWjGL&DVDOH0RQIHUUDWR SETTORE GESTIONE URBANA E TERRITORIALE 2**(772,17(59(172 5($/,==$=,21(,1&52&,2 $ 527$725,$ 75$ 9,$%82==, 9,$/( 277$9,20$5&+,12(9,$/83$5,$&21$11(66(23(5(67587785$/,3(5/$ &23(5785$8175$772'(/&$1$/(/$1=$

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

Collari per canali - MEFA

Collari per canali - MEFA Collari per canali - MEFA Accessori per canali d aria DN 80-630 DN 71-1250 DN 71-1250 DN 150-1600 Collare Ventus Pagina 8/2 Collare per canali fonoassorbenti Pagina 8/3 Collare per canali Pagina 8/5 Collare

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF Componente di classe C in acciaio inox A4 (AISI 316) fune predisposta per essere collegata tra terminali di ancoraggio, uno dei quali dotato di riduttore

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC

SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC 3 Il sistema solaio CELERSYSTEM della Fantini Scianatico rappresenta la proposta più completa che il

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC200 Connettori a piolo e ramponi TECNARIA SISTEMI MODERNI DI RINFORZO LA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA x I vecchi solai in legno

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Collari ed accessori. H 2.i 10/00

Collari ed accessori. H 2.i 10/00 Sommario prodotti H 2.0 Sommario prodotti H 2.1 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (M16, F10, F8) H 2.2 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (3/8, F12, F10) H 2.3 Attacchi per

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

PLUS JOINT PLUS Elemento doppio di fessurazione strutturale e di tenuta contro le venute d acqua

PLUS JOINT PLUS Elemento doppio di fessurazione strutturale e di tenuta contro le venute d acqua WATERTIGHT CONCRETE STRUCTURES PLUS JOINT PLUS Elemento doppio di fessurazione strutturale e di tenuta contro le venute d acqua DESCRIZIONE PLUS JOINT PLUS fa parte della tecnologia di impermeabilizzazione

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC EM. Giunti di dilatazione per l edilizia. Descrizione

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC EM. Giunti di dilatazione per l edilizia. Descrizione Tec EM02 GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC EM Tec EM01 Descrizione I giunti per pavimentazione della serie Tec EM sono studiati per essere utilizzati in tutte le situazioni in cui le classiche fughe previste

Dettagli

Il punto d incontro. Impresa & Cantiere SECONDO APPUNTAMENTO CON I GIUNTI

Il punto d incontro. Impresa & Cantiere SECONDO APPUNTAMENTO CON I GIUNTI Impresa & Cantiere DETTAGLI GIUNTI DI DILATAZIONE Il punto d incontro SECONDO APPUNTAMENTO CON I GIUNTI DI DILATAZIONE IMPERMEABILI. SOTTO LA LENTE, IN QUESTO CASO, I GIUNTI CARRABILI, RILEVATI E IN ACCOSTAMENTO

Dettagli

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO TAGLIO)

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE PROVA DI TRAZIONE La prova, eseguita a temperatura ambiente o più raramente a temperature superiori o inferiori, consiste nel sottoporre una provetta a rottura per mezzo di uno sforzo di trazione generato

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti.

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 2 SOMMARIO Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 1. INTRODUZIONE 2. DESCRIZIONE CONNETTORI 3. PROVE DEI CONNETTORI FISSATI TRAMITE CHIODI 3.1. Descrizione

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato.

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato. STRUTTURE SCALE ESTERNE FONDAZIONI PAVIMENTAZIONI E SOLAI PARETI INTERNE Chiusure verticali Balconi e logge COPERTURE PIANE COPERTURE A FALDA 3 strutture di contenimento Scale Chi scende, chi scale Matteo

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre ANALISI DEI PREZZI Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre comprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico manipolazione e posa in opera dei vari

Dettagli

CANCELLI MM08 CANCELLI IN PRFV. 30.07.2015 Rev. 2 COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1

CANCELLI MM08 CANCELLI IN PRFV. 30.07.2015 Rev. 2 COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 CANCELLI MM08 30.07.2015 Rev. 2 CANCELLI IN PRFV COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE... 3 2. SETTORI DI IMPIEGO... 4 3. MATERIALI... 5 3.1. TABELLA PROFILI E ACCESSORI

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Accessori funzionali Linea VITA

Accessori funzionali Linea VITA Accessori funzionali Linea VITA La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si deve agganciare chiunque acceda alla copertura.

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

Mapefloor Parking System. Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili

Mapefloor Parking System. Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili Mapefloor Parking System Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili Mapefloor Parking System La protezione della superficie delle pavimentazioni in calcestruzzo in strutture adibite a parcheggio

Dettagli

bocche da lupo BOCCHE DA LUPO

bocche da lupo BOCCHE DA LUPO bocche da lupo BOCCHE DA LUPO 41 in poliestere in poliestere prodotti innovativi per l edilizia moderna Oggi materiali e tecnologie d avanguardia entrano in cantiere. Dopo l utilizzo nella costruzione

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

TEC S.r.l. ISOLATORI SISMICI ELASTOMERICI SERIE TEC IG Dispositivi antisismici. Descrizione. Normativa di riferimento

TEC S.r.l. ISOLATORI SISMICI ELASTOMERICI SERIE TEC IG Dispositivi antisismici. Descrizione. Normativa di riferimento TEC S.r.l. ISOLATORI SISMICI ELASTOMERICI SERIE TEC IG Descrizione Gli isolatori sismici elastomerici TecIG si utilizzano per l'isolamento alla base di strutture inserendosi tra la parte superiore della

Dettagli

GLV - GENIURA PRODUZIONE

GLV - GENIURA PRODUZIONE PRODUZIONE BER BERG L I N E A V I T A A N T I C A D U T A Bergamo Isolanti Spa è stata fondata nel 1974 a da allora è presente in Italia, a Bergamo con lo stabilimento produttivo, dal 1983 a Milano (Segrate),

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl

DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl La realizzazione del presente catalogo è avvenuta nel controllo più rigoroso dei dati in esso contenuti. In seguito alla costante evoluzione tecnica dei nostri prodotti, ci

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione Caso applicativo 1: edificio di nuova realizzazione Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile Primo caso applicativo - edificio di nuova realizzazione I sistemi di rivestimento

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

LINEA VITA CADUTE DALLA COPERTURA PERCHE LEGARSI ALLA VITA

LINEA VITA CADUTE DALLA COPERTURA PERCHE LEGARSI ALLA VITA LINEA VITA CADUTE DALLA COPERTURA PERCHE LEGARSI ALLA VITA Linea vita cosa sono Sono elementi metallici che vengono ancorati alla copertura, tramite appositi fissaggi, per permettere l aggancio di uno

Dettagli

D S M A R C C C A A A T U R A I V B02 APPOGGI ELASTOFIP

D S M A R C C C A A A T U R A I V B02 APPOGGI ELASTOFIP D S O O O P P P S I T I V I I A M A R C C C A A A T U R A APPOGGI ELASTOFIP APPOGGI ELASTOFIP B02 INTRODUZIONE PRODOTTO Gli Elastofip Fissi sono apparecchi di appoggio strutturali in elastomero armato,

Dettagli

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP 01.2015 SGS é la tubazione composita PE + acciaio in grandi diametri

Dettagli

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610 Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357 Per l'assemblaggio di profilati doppi. Questo sistema permette di assemblare rapidamente in una seconda fase due profilati. Per essere sicuri di ottenere i valori

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-A-W (n679) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb A W (.70

Dettagli

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E PUNTI D ANCORAGGIO Cla se A e Cla se E classe A e classe E punti d ancoraggio Duomo di MIlano Punti d ancoraggio in classe A ed E per la messa in sicurezza di coperture e pareti classe A e classe E punti

Dettagli

Tavola riassuntiva tipologie

Tavola riassuntiva tipologie Tavola riassuntiva tipologie BORDO STRADA Classe Tipologia Caratteristiche Certificazioni H4b DWG: 050-001/01 Peso: 7,99 kg/m Acciaio: S235JR Zincatura EN.ISO141 Interasse pali: 1500 mm LIER, BSI-22/375

Dettagli

DO - 03-134 i / Versioni 1.1 / 15.5.07 TECNICA PER ARMATURE. artec500

DO - 03-134 i / Versioni 1.1 / 15.5.07 TECNICA PER ARMATURE. artec500 TECNICA PER ARMATURE artec500 artec 500 di questa rete ci si può fidare Gancio e doppi ferri di bordo sono le caratteristiche tipiche del programma di reti standard artec che, dal 1983 viene costantemente

Dettagli

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030 SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA DI EDVIS IL ION IZ E IA Porontek 030 il tecnologico sottotegola PANNELLO SOTTOTEGOLA per isolamento termico microventilato di coperture a falde accoppiato a lamina

Dettagli

4 Applicazione della specifica tecnica di interoperabilità persona a mobilità ridotta

4 Applicazione della specifica tecnica di interoperabilità persona a mobilità ridotta MDL1 00D 44 RG FV 0000 001 A 2 di 15 INDICE 1. PREMESSA 2. INTERVENTI PREVISTI 2.1 Interventi sulle banchine ferroviarie 2.2. Interventi sui sottopassi esistenti 2.3 Interventi sulle scale esistenti 2.4

Dettagli

Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo. Kerabuild Eco Presto

Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo. Kerabuild Eco Presto Malte Minerali per Ripristino Calcestruzzo Kerabuild Eco Presto Malta&Finitura minerale ecocompatibile, per il ripristino e la rasatura protettiva a durabilità garantita di strutture in calcestruzzo, ideale

Dettagli

Sistemazione ed ampliamento del cimitero capoluogo di Roseto degli Abruzzi V Lotto - I Stralcio

Sistemazione ed ampliamento del cimitero capoluogo di Roseto degli Abruzzi V Lotto - I Stralcio ZA/01-001 FORNITURA E POSA IN OPERA DI LOCULI PREFABBRICATI frontali realizzati mediante un getto unico di calcestruzzo Classe R'ck=300, opportunamente armato (acciaio FeB 44k) e vibrato, di spessore non

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda Applicazioni Teoria della progettazione dei ferri di ripresa post-installati Inquadramento normativo e

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR TANK USO E CARATTERISTICHE Base Elevetor / Vantaggi e caratteristiche Cassero Elevetor / Vantaggi

Dettagli