SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX"

Transcript

1 SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO Il sistema di fissaggio e sostegno offre una soluzione rapida e versatile ad ogni problema di ancoraggio tra elementi prefabbricati in calcestruzzo e carpenteria metallica. Gli accessori CHRYSO Edilfix SAS consentono di realizzare nodi per strutture in zona sismica caratterizzati da capacità di scorrimento e limitato danneggiamento in caso di sisma. Il sistema è costituito da: - profili in lamiera piegata a freddo e relativi bulloni Testa ad Ancora - accessori di collegamento (baionette, angolari, scatole a scomparsa, mensole di sostegno) - accessori e nodi per fissaggi in zona sismica CHRYSO Edilfix SAS. Ogni elemento del sistema è stato calcolato e verificato per le effettive condizioni di utilizzo che sono definite e descritte, con indicazione dei valori di e Carico Aissibile. I principali nodi realizzabili con il sistema sono dettagliatamente descritti con indicazione dei valori di sui tre assi, derivanti da calcolo delle condizioni di esercizio sia in termini di resistenza che deformabilità. CHRYSO ITALIA SpA è certificata secondo la norma UNI EN ISO 9001 dall Istituto ICMQ ed effettua continui controlli per garantire la costanza qualitativa dei propri prodotti. Tutti gli elementi del sistema sono sottoposti a prove di controllo statistico per ogni lotto di produzione ed identificati per garantirne la rintracciabilità (marchio CHR seguito dal n di lotto). PROFILI Pag. Profilo LE 1F - LE 1P 2-3 Profilo LE 2P 4-5 Profilo LE 3P - LE 3PM 6-7 Bulloni TA ed accessori per bulloni 8 ACCESSORI DI COLLEGAMENTO Piastre a Baionetta, Baionetta a lunghezza variabile e Piastrine 9 Piastre Angolari 10 Scatole di ancoraggio a scomparsa LE 5 - LE 10 - LE Mensola di sostegno LEM Sistema di connessione in zona sismica CHRYSO Edilfix SAS Descrizione del sistema e Piastre scorrevoli SAS 1 - SAS 3 17 Nodo scorrevole con Scatola a scomparsa SAS Nodo scorrevole con Scatola a scomparsa SAS Nodo scorrevole con Angolare SAS 150S 20 Nodo di blocco SAS 100B con piastra angolare 21 Raccomandazioni 22 Sicurezza 23 Nodi di collegamento con profili LE 1F - LE 1P Nodi di collegamento con profilo LE 2P 26 Nodi di collegamento con profilo LE 3P 27 CHRYSO ITALIA SPA Lallio (BG) - Via Madonna snc. Tel Fax

2 PROFILO LE 1 I profili LE 1, formati a freddo e realizzati in acciaio S235JR, vengono forniti zincati a caldo tipo sendzimir con rivestimento minimo di 20 μm, in barre da 3 metri oppure in spezzoni da Per evitare infiltrazioni di calcestruzzo o boiacca, i profili vengono forniti con riempimento di facile rimozione. I profili con piedino facilitano e rendono più sicura la messa in opera perché evitano la manualità nell inserimento e piegatura della fascetta. I piedini sono realizzati in acciaio conforme alla UNI EN L interasse tra i piedini o le asole varia da 12,5 a 25 cm. LE 1 Tipo F LE 1 Tipo P (Carico aissibile) R C 28/35 N/² Concentrato (A) (A) Ripartito /m (A) Concentrato (A) (A) Ripartito /m (A) Passo ancoraggi 12,5 cm 14,3 (9,5) 16,5 (11,0) 57,0 (38,0) 15,0 (10,0) 18,0 (12,0) 60,0 (40,0) Passo ancoraggi 25,0 cm 12,8 (8,5) 15,0 (10,0) 51,0 (34,0) 14,3 (9,5) 16,5 (11,0) 57,0 (38,0) Tipo d ancoraggio Fascetta 400 x 20 x 1,5 Chiodo h = 50, Ø = 8. Per la definizione dei carichi sono stati utilizzati i bulloni TA M14 e M16. Il carico massimo aissibile a slittamento, con coppia di serraggio 60 Nm, è di 2,5. I dati relativi ai valori di e Carichi aissibili sono stati determinati considerando rispettivamente i coefficienti di sicurezza k 2 e k 3. Nella determinazione dei valori di taglio e trazione si sono considerati tutti gli sforzi agenti con una deviazione 10 rispetto alla direzione teorica. Non sono consentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni superiori. 2

3 PROFILO LE 1 ANCORAGGIO DEI PROFILI NEL CALCESTRUZZO I valori di trazione e taglio indicati si riferiscono a profilo ancorato in sezioni di calcestruzzo armato con R C 28/35 N/² con gli interassi e le distanze minime indicate. Profilo LE 1: a: 8 cm b: 20 cm d: 16 cm h: 9 cm Per distanze dai bordi e valori di resistenza del calcestruzzo diversi da quelli indicati vedere le sottostanti tabelle. Valori di e Carichi aissibili al variare di distanze dai bordi e resistenza del calcestruzzo Le tabelle che seguono identificano i valori di e carichi aissibili, considerando sezioni di calcestruzzo armato con R C 28/35 N/² e R C 40/50 N/². LE 1 F passo 12,5 Distanza dal bordo cm LE 1 P passo 12,5 Distanza dal bordo cm C 28/35 N/² Trazione 7,5 9,0 11,2 14,3 14,3 14,3 Aiss. 5,0 6,0 7,5 9,5 9,5 9,5 C 28/35 N/² Trazione 8,2 9,7 12,0 14,3 15,0 15,0 Aiss. 5,5 6,5 8,0 9,5 10,0 10,0 7,5 9,0 10,5 11,2 13,5 16,5 Aiss. 5,0 6,0 7,0 7,5 9,0 11,0 8,2 9,7 11,2 13,5 15,0 18,0 Aiss. 5,5 6,5 7,5 9,0 10,0 12,0 LE 1 F passo 12,5 Distanza dal bordo cm LE 1 P passo 12,5 Distanza dal bordo cm C 40/50N/² Trazione 9,0 11,2 13,5 14,3 14,3 14,3 Aiss. 6,0 7,5 9,0 9,5 9,5 9,5 9,0 10,5 11,2 13,5 15,0 16,5 Aiss. 6,0 7,0 7,5 9,0 10,0 11,0 C 40/50 N/² Trazione 9,7 12,0 14,3 15,0 15,0 15,0 Aiss. 6,5 8,0 9,5 10,0 10,0 10,0 9,7 11,2 13,5 15,0 18,0 18,0 Aiss. 6,5 7,5 9,0 10,0 12,0 12,0 Armatura aggiuntiva necessaria per distanze dai bordi ridotte Mediante armatura aggiuntiva, si possono adottare distanze minime dai bordi ridotte senza riduzione della capacità portante. Con distanza dai bordi di 5 cm, in una sezione di spessore 10 cm, occorre prevedere l armatura aggiuntiva come da esempio. In questo modo, i carichi di trazione vengono trasmessi mediante l armatura stessa. Per ulteriori soluzioni, consultare il nostro ufficio tecnico. a A - A L 4 > A > > p+3 p F A 5 > > 5 F Øs = 6 Armatura in Fe B 44K 3

4 PROFILO LE 2 I profili LE 2, formati a freddo e realizzati in acciaio S235JR, vengono forniti zincati a caldo tipo sendzimir con rivestimento minimo di 20 μm, in barre da 3 metri oppure in spezzoni da Per evitare infiltrazioni di cls o boiacca, i profili vengono forniti con riempimento di facile rimozione. I piedini sono realizzati in acciaio conforme alla UNI EN L interasse tra i piedini varia da 12,5 a 25 cm LE 2 Tipo P (Carico aissibile) R C 28/35 N/² Concentrato (A) (A) Ripartito /m (A) Passo ancoraggi 12,5 cm 18,0 (12,0) 21,0 (14,0) 69,0 (46,0) Passo ancoraggi 25,0 cm 16,5 (11,0) 18,0 (12,0) 66,0 (44,0) Tipo d ancoraggio Chiodo h = 51, Ø = 10. Per la definizione dei carichi sono stati utilizzati i bulloni TA14 e M16. Il carico massimo aissibile a slittamento, con coppia di serraggio 60 Nm, è di 2,5. I dati relativi ai valori di e Carichi aissibili sono stati determinati considerando rispettivamente i coefficienti di sicurezza k 2 e k 3. Nella determinazione dei valori di taglio e trazione si sono considerati tutti gli sforzi agenti con una deviazione 10 rispetto alla direzione teorica. Non sono consentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni superiori. 4

5 PROFILO LE 2 ANCORAGGIO DEI PROFILI NEL CALCESTRUZZO I valori di trazione e taglio indicati si riferiscono a profilo ancorato in sezioni di calcestruzzo armato con R C 28/35 N/² con gli interassi e le distanze minime indicate. Profilo LE 2: a: 10 cm b: 24 cm d: 20 cm h: 10 cm Per distanze dai bordi e valori di resistenza del calcestruzzo diversi da quelli indicati vedere le sottostanti tabelle. Valori di e Carichi aissibili al variare di distanze dai bordi e resistenza del calcestruzzo Le tabelle che seguono identificano i valori di e carichi aissibili, considerando sezioni di calcestruzzo armato rispettivamente con R C 28/35 N/² e R C 40/50 N/². LE 2 P passo 12,5 Distanza dal bordo cm C 28/35 N/² Trazione 9,7 11,2 15,0 16,5 18,0 18,0 18,0 Aiss. 6,5 7,5 10,0 11,0 12,0 12,0 12,0 9,7 11,2 13,5 15,0 18,0 21,0 21,0 Aiss. 6,5 7,5 9,0 10,0 12,0 14,0 14,0 LE 2 P passo 12,5 Distanza dal bordo cm C 40/50 N/² Trazione 11,2 15,0 16,5 18,0 18,0 18,0 18,0 Aiss. 7,5 10,0 11,0 12,0 12,0 12,0 12,0 11,2 13,5 15,0 18,0 21,0 21,0 21,0 Aiss. 7,5 9,0 10,0 12,0 14,0 14,0 14,0 Armatura aggiuntiva necessaria per distanze dai bordi ridotte Mediante armatura aggiuntiva, si possono adottare distanze minime dai bordi ridotte senza riduzione della capacità portante. Con distanza dai bordi di 5 cm, in una sezione di spessore 10 cm, occorre prevedere l armatura aggiuntiva come da esempio. In questo modo, i carichi di trazione vengono trasmessi mediante l armatura stessa. Per ulteriori soluzioni, consultare il nostro ufficio tecnico. a A - A L 4 > A > > p+3 p F A 5 > > 5 F Øs = 6 Armatura in Fe B 44K 5

6 PROFILO LE 3 P - LE 3 PM I profili LE 3P, formati a freddo e realizzati in acciaio S235JR, vengono forniti zincati a caldo tipo sendzimir con rivestimento minimo di 20 μm, in barre da 3 metri oppure in spezzoni da Per evitare infiltrazioni di cls o boiacca, i profili vengono forniti con riempimento di facile rimozione. I piedini sono realizzati in acciaio conforme alla UNI EN L interasse tra i piedini varia da 12,5 a 25 cm. I profili LE 3PM sono predisposti appositamente per la realizzazione di connessioni in zona sismica. Presentano le stesse geometrie e caratteristiche del profilo LE3P; disponibili in spezzoni da 37,5 cm (5 piedini) e 50 cm (6 piedini). Il minore interasse dei piedini garantisce migliore ancoraggio e rigidità del profilo; si ottengono superiori valori di taglio e trazione , , Tipo LE 3 P - LE 3 PM (Carico aissibile) R C 28/35 N/² Concentrato (A) (A) Ripartito /m (A) Passo ancoraggi 8 cm (*) 30,0 (20,0) 30,0 (20,0) Passo ancoraggi 12,5 cm 22,5 (15,0) 27,0 (18,0) 90,0 (60,0) Passo ancoraggi 25,0 cm 18,7 (12,5) 22,5 (15,0) 75,0 (50,0) Tipo d ancoraggio Chiodo h = 53, Ø = 10. (*) I valori si riferiscono al profilo LE 3PM Per la definizione dei carichi sono stati utilizzati i bulloni TA M16. Il carico massimo aissibile a slittamento, con coppia di serraggio 60 Nm, è di 2,5. I dati relativi ai valori di e Carichi aissibili sono stati determinati considerando rispettivamente i coefficienti di sicurezza k 2 e k 3. Nella determinazione dei valori di taglio e trazione si sono considerati tutti gli sforzi agenti con una deviazione 10 rispetto alla direzione teorica. Non sono consentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni superiori. 6

7 PROFILO LE 3 P - LE 3 PM ANCORAGGIO DEI PROFILI NEL CALCESTRUZZO I valori di trazione e taglio indicati si riferiscono a profilo ancorato in sezioni di calcestruzzo armato con R C 28/35 N/² con gli interassi e le distanze minime indicate. Profilo LE 3: a: 12 cm b: 30 cm d: 24 cm h: 11 cm Per distanze dai bordi e valori di resistenza del calcestruzzo diversi da quelli indicati vedere le sottostanti tabelle. Valori di e Carichi aissibili al variare di distanze dai bordi e resistenza del calcestruzzo Le tabelle che seguono identificano i valori di e carichi aissibili, considerando sezioni di calcestruzzo armato rispettivamente con R C 28/35 N/² e R C 40/50 N/². LE 3 P passo 12,5 cm Distanza dal bordo cm LE 3 PM passo 8 cm Distanza dal bordo cm C 28/35 N/² C 28/35 N/² Traz 15,0 16,5 19,5 21,0 22,5 22,5 22,5 22,5 A 10,0 11,0 13,0 14,0 15,0 15,0 15,0 15,0 Traz 19,5 21,0 22,5 25,5 30,0 30,0 30,0 30,0 A 13,0 14,0 15,0 17,0 20,0 20,0 20,0 20,0 13,5 15,0 18,0 19,5 22,5 24,0 25,5 27,0 A 9,0 10,0 12,0 13,0 15,0 16,0 17,0 18,0 18,0 19,5 22,5 25,5 30,0 30,0 30,0 30,0 A 12,0 13,0 15,0 17,0 20,0 20,0 20,0 20,0 LE 3 P passo 12,5 cm Distanza dal bordo cm LE 3 PM passo 8 cm Distanza dal bordo cm Traz C 40/50 N/² ,5 21,0 22,5 22,5 22,5 22,5 22,5 22,5 A 13,0 14,0 15,0 15,0 15,0 15,0 15,0 15,0 Traz C 40/50 N/² ,5 25,5 30,0 30,0 30,0 30,0 30,0 30,0 A 15,0 17,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 18,0 19,5 22,5 24,0 25,5 27,0 27,0 27,0 A 12,0 13,0 15,0 16,0 17,0 18,0 18,0 18,0 22,5 25,5 30,0 30,0 30,0 30,0 30,0 30,0 A 15,0 17,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 Armatura aggiuntiva necessaria per distanze dai bordi ridotte Mediante armatura aggiuntiva, si possono adottare distanze minime dai bordi ridotte senza riduzione della capacità portante. Con distanza dai bordi di 5 cm, in una sezione di spessore 10 cm, occorre prevedere l armatura aggiuntiva come da esempio. In questo modo, i carichi di trazione vengono trasmessi mediante l armatura stessa. Per ulteriori soluzioni, consultare il nostro ufficio tecnico. a A - A L 4 > A > > p+3 p F A 5 > > 5 F Øs = 6 Armatura in Fe B 44K 7

8 BULLONI PER PROFILI I bulloni testa ad ancora, in acciaio classe 4.6 UNI EN e completi di dadi classe 8A UNI EN 20225, realizzano il corretto accoppiamento con i profili. Possono essere introdotti in ogni punto del profilo e, una volta ruotati di 90, si bloccano in posizione corretta. I valori di e Carichi aissibili sono stati determinati considerando i coefficienti di sicurezza k 2 e k 3. Vengono forniti zincati con rivestimento elettrolitico, completi di dadi e rondelle; a richiesta possono essere forniti con rondelle elastiche Grower o rondelle larghe. A richiesta possono essere forniti bulloni, dadi e rondelle zincati a caldo. Non sono aesse operazioni di saldatura. E possibile il prolungamento del bullone con barra filettata coerciale classe 4.6 utilizzando l apposito Manicotto di giunzione e doppio dado di bloccaggio. L impiego di bulloni diversi da quelli forniti da CHRYSO ITALIA potrebbe procurare nei profili tensioni non previste e, di conseguenza, invalidare le garanzie indicate. BULLONI PER PROFILO LE 1- LE2 Disponibili nei diametri M14 e M16 nelle lunghezze indicate in tabella. Le teste a martello di tutti i bulloni presentano le stesse dimensioni e garantiscono i medesimi valori di estrazione dai profili. L estremità dei bulloni presenta una scanalatura che permette di verificare il posizionamento della testa all interno del profilo. Lunghezze disponibili Ø (Carico aissibile) Trazione - Coppia torcente consigliata Nm M 14 22,9 (15,3) 50 M 16 31,3 (20,9) 60 BULLONI PER PROFILO LE 3 Disponibili diametro M16 nelle lunghezze indicate in tabella. Lunghezze disponibili Bullone con testa ad ancora Ø (Carico aissibile) Trazione - Coppia torcente consigliata Nm M 16 31,3 (20,9) 60 BULLONI A NORMA UNI EN ACCESSORI PER BULLONI CARATTERISTICHE DIMENSIONALI DEGLI ACCESSORI DADI MANICOTTI DI GIUNZIONE RONDELLE RONDELLE GROWER RONDELLE LARGHE Ø e S m Ø e S m d D s d D s h d D s M M , ,5 M 16 27, M , DADI A NORMA UNI EN studio ornaghi CLASSE progetto 8 A marchio - UNI AIQ EN ISO RONDELLE A NORMA UNI 6592 CLASSE 4.8 RONDELLE ELASTICHE GROWER A NORMA UNI 1751 RONDELLE LARGHE A NORMA UNI 9021 CLASSE 4.8 8

9 ACCESSORI DI COLLEGAMENTO BAIONETTA ZIGRINATA T.A. PER PROFILO LE 1 - LE 2 Acciaio S 275 JR (EN ); zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). Collegamento di elementi strutturali. Fissaggio con bullone, dado, rondella e piastrina antislittamento 45 x 35 x 8; la tenuta è affidata alla zigrinatura e non dipende dalla coppia di serraggio. Fornita completa di piastrina antislittamento. I valori di e Carico aissibile si riferiscono alla forza di estrazione dal profilo per trazione assiale. Tipo di baionetta LE1 LE2 DIMENSIONI A A a b c d e d a 120 x 35 x , x 35 x ,5 15 L.E. c x 35 x , x 35 x 8 9,7 6,5 12,8 8, e b e 200 x 35 x x 35 x x 35 x BAIONETTA A LUNGHEZZA VARIABILE Acciaio S 275 JR (EN ); zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). Consente di ottenere diverse lunghezze di ancoraggio, perché offre la possibilità di collegare bulloni e tiranti di diverse misure; viene accoppiata al bullone tipo TA M16 nelle diverse lunghezze. Dimensioni dell asola: 55 x 17. Dimensioni della piastra zigrinata: 120 x 35 x 8. Per le portate occorre far riferimento all accoppiamento tra i profili LE 1, LE 2 e LE 3 con i relativi bulloni. PIASTRINA ANTISLITTAMENTO Acciaio S 275 JR (EN ); zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). Realizza la connessione antislittamento di tutti gli accessori con asola zigrinata. DIMENSIONI Tipo di piastrina a b s Ø 45 x 35 x PIASTRINA PER FISSAGGIO PANNELLI Acciaio S 275 JR (EN ); zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). Si utilizza per l ancoraggio ad un profilo metallico predisposto nella struttura. La capacità portante del nodo andrà valutata dall utilizzatore considerando, oltre al tipo di profilo ed alle sue caratteristiche, l effettivo schema di posa con i punti di contatto ed i relativi bracci di leva. Nodo di collegamento con piastrina per fissaggio pannelli 9

10 PIASTRE ANGOLARI Realizzate in acciaio S 275 JR (EN ); zincate elettroliticamente (UNI ISO 2081). Le piastre angolari vengono utilizzate in accoppiamento con gli altri elementi del sistema per realizzare in modo semplice e sicuro diversi tipi di nodi e connessioni. Le tolleranze di posa sono definite dalla lunghezza delle asole; la zigrinatura assicura il trasferimento delle azioni a prescindere dalle coppie di serraggio utilizzate; per il bloccaggio si utilizzano le Piastrine antislittamento 45 x 35 x 8. In tabelle le caratteristiche dimensionali e la capacità portante degli angolari disponibili. La reale capacità portante del nodo è determinata dall elemento più debole e dalle modalità di trasmissione delle azioni. Alcuni esempi di nodi realizzabili sono illustrati a fondo pagina. DIMENSIONI A. Tipo di piastra angolare a b c s d e g f h l 60 x 80 x 150 Rinforzata zigrinata x 80 x 200 Rinforzata zigrinata x 120 x 150 Rinforzata zigrinata doppia asola x 55 x 150 Rinforzata zigrinata doppia asola ortogonale x 80 x 150 Semplice zigrinata x 80 x 200 Semplice zigrinata RINFORZATA ZIGRINATA SEMPLICE ZIGRINATA Nodo B4 (ved. pag. 25) Piastra angolare rinforzata zigrinata con profili LE 1P (Carico A) = 15 (10 ) Nodo D4 (ved. pag. 27) Piastra angolare rinforzata doppia zigrinatura con profili LE 3P (Carico AMM) = 22,5 (15 ) RINFORZATA DOPPIA ZIGRINATURA PARALLELA RINFORZATA DOPPIA ZIGRINATURA ORTOGONALE PRODOTTI A RICHIESTA Si eseguono preventivi su tipologie e numero definito di pezzi 10

11 SCATOLE DI ANCORAGGIO A SCOMPARSA SCATOLA LE 5 Realizzata in acciaio S 275 JR (EN ) e zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). La scatola di ancoraggio a scomparsa tipo LE 5 viene utilizzata come ancoraggio per la semplice ritenuta tra pannello e pannello. La sua larghezza di 120 ne consente l utilizzo in sezioni di spessore 150. La zigrinatura consente il trasferimento anche dell azione di taglio. I valori di e Carico Aissible sono 15 e 10. La scatola LE 5 è composta da due elementi: Piatto asolato zigrinato completo di armature di ancoraggio. Elemento in polistirolo densità 15 kg/m³ per delimitare l incavo necessario all inserimento del bullone. Per il corretto utilizzo della scatola LE 5 sono necessari i seguenti accessori: 1 Bullone M14 o M16 x 80 completo di Dado e Rondella 1 piastrina antislittamento La scatola LE 5 viene inserita nell elemento prefabbricato in fase di produzione; l ancoraggio è garantito dalle zanche sagomate, non necessita di armature aggiuntive. È realizzata in modo da permettere un rapido e facile ancoraggio tra pannello e pannello. Consente la regolazione della linearità dei due pannelli ancorati insieme. Ad operazione ultimata, il nodo risulterà completamente nascosto. 11

12 SCATOLE DI ANCORAGGIO A SCOMPARSA SCATOLA LE 10 Realizzata in acciaio S 275 JR (EN ) e zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). La scatola di ancoraggio a scomparsa LE 10 viene utilizzata come ancoraggio per la semplice ritenuta di pannelli orizzontali prefabbricati a pilastri o travi. L elemento è predisposto per trasferire l azione assiale ortogonale all asola. I valori di e Carico Aissibile sono 15 e 10. La scatola LE 10 è composta da due elementi: Profilo angolare asolato completo di armatura di ancoraggio. Elemento in polistirolo densità 15 kg/m³ per delimitare l incavo necessario all inserimento del bullone. Accessori per il corretto utilizzo della scatola LE 10: KIT LE 10 M14 1 Bullone M14 x 80 3 Dadi M14 3 Rondelle larghe Ø 14 KIT LE 10 M16 1 Bullone M16 x 80 3 Dadi M16 2 Rondelle Ø 16 1 Rondella larga Ø 16 La scatola LE 10 viene inserita nell elemento prefabbricato in fase di produzione; l ancoraggio è garantito dalle zanche sagomate, non necessita di armature aggiuntive. È realizzata in modo da permettere un rapido e facile ancoraggio del pannello alla struttura; la lunghezza dell asola di 100 consente ampie tolleranze. Agendo sui dadi di serraggio è possibile una regolazione millimetrica della distanza del pannello dal pilastro, evitando l utilizzo di spessori. Ad operazione ultimata, il nodo risulterà completamente nascosto. 12

13 SCATOLE DI ANCORAGGIO A SCOMPARSA SCATOLA LE 20 Realizzata in acciaio S 275 JR (EN ) e zincata elettroliticamente (UNI ISO 2081). La scatola di ancoraggio a scomparsa LE20 viene utilizzata per nodi di connessione tra elementi prefabbricati caratterizzati da ampie tolleranze e forti azioni. L elemento è predisposto per trasferire l azione assiale ortogonale all asola. I valori di e Carico Aissibile sono 30 e 20. La scatola LE 20 è composta da due elementi: Profilo angolare asolato completo di armature di ancoraggio. Elemento in polistirolo densità 15 kg/m³ per delimitare l incavo necessario all inserimento del bullone. Accessori per il corretto utilizzo della scatola LE 20: KIT LE 20 1 Bullone M16 x Dadi M16 3 rondelle a fascia larga Ø 16 Le dimensioni dell asola consentono l utilizzo di Bulloni M20. La scatola LE 20 viene inserita nell elemento prefabbricato in fase di produzione; l ancoraggio è garantito dalle zanche sagomate, non necessita di armature aggiuntive. È realizzata in modo da permettere un rapido e facile ancoraggio del nodo; la lunghezza dell asola di 180 consente ampie tolleranze. Agendo sui dadi di serraggio è possibile una regolazione millimetrica della distanza tra gli elementi prefabbricati da collegare, evitando l utilizzo di spessori. La massima larghezza del giunto compatibile con il Kit di posa (Bullone 16 x 100 ) è di 2 cm. Ad operazione ultimata, il nodo risulterà completamente nascosto. 13

14 SISTEMA DI SOSTEGNO LEM 1 CARATTERISTICHE Il sistema di sostegno LEM 1 viene utilizzato per sostenere i pannelli prefabbricati montati esternamente ai pilastri. La particolare configurazione adottata presenta i seguenti vantaggi: facilità di messa in opera; movimentazione dei manufatti agevolata dall assenza di sporgenze; tolleranze di posa sui tre assi; regolazione di livello eseguibile con pannello appoggiato; a posa ultimata, la mensola risulterà completamente nascosta. Il sistema è composto da tre elementi principali e da un kit di accessori. Elementi principali: Scatola portante in S235JR (EN ) completa di boccola AVP. Mensola portante regolabile in S355J0 (EN ) Inserto di lamiera sagomata in S235JR (EN ). Kit accessori: Piastrina forata. Vite a testa esagonale. Rondella elastica Grower. Blocchi di polistirolo con densità 15 kg/m³ inseriti nella scatola portante e nell inserto di lamiera. Il polistirolo serve a delimitare gli incavi necessari all alloggiamento della mensola. Gli elementi del sistema sono zincati elettroliticamente. CARATTERISTICHE DIMENSIONALI Tipo Portata nominale a SCATOLA MENSOLA INSERTO b c d a b LEM 1 6,0 t M 20 M c d e f a b c d 14

15 SISTEMA DI SOSTEGNO LEM 1 MESSA IN OPERA La scatola portante, completa di polistirolo e dell armatura di ancoraggio della boccola, viene posizionata nel pilastro precedentemente al getto di calcestruzzo; vedere in tabella diametro e lunghezza delle armature aggiuntive. L inserto di lamiera sagomata, completo di polistirolo, viene posizionato nel pannello precedentemente al getto di calcestruzzo. Dopo il fissaggio della mensola al pilastro si procede alla messa in opera del pannello. DIMENSIONI Tipo mensola Portata Nominale a b c LEM 1 6,0 t E PORTATA NOMINALE I valori di e di Portata Nominale della mensola sono calcolati con coefficiente di sicurezza rispettivamente k 2 e k 3. Le armature sono calcolate con calcestruzzo R C 28/35 N/². Il foro trasversale per l inserimento dell armatura nella boccola è posizionato nel senso verticale del pilastro per permettere l utilizzo della mensola anche su manufatti di piccole dimensioni longitudinali. ARMATURE REGOLAZIONE Tipo mensola Portata Nominale Ø l Verticale Longitudinale Trasversale LEM 1 6,0 t ± 25 ± 15 ± 10 DIREZIONE DI REGOLAZIONE ESEMPIO ARMATURA 15

16

17 CHRYSO Edilfix SAS - Connessioni in Zona Sismica I nuovi metodi di progettazione in zona sismica richiedono giunti di connessione che garantiscano, oltre al trasferimento delle azioni, movimenti reciproci tra le strutture; devono inoltre garantire, in caso di sisma, livelli di danno limitati e facilità di ripristino. Il sistema CHRYSO Edilfix SAS risponde a queste esigenze con praticità e semplicità: gli stessi elementi del sistema, con piccole modifiche o l aggiunta di specifici Kit di posa, si trasformano in nodi di connessione con capacità di scorrimento. La possibilità di scegliere tra diversi profili, scatole a scomparsa ed angolari, consente di adottare sempre la soluzione adeguata alle specifiche esigenze di progetto. DELLE COMPONENTI DEL SISTEMA Profilo con piedino Pag. 2, 4 e 6 Piastra scorrevole Si possono utilizzare, in base al tipo ed intensità delle azioni di progetto, i profili LE 1P, LE 2P, LE 3P, LE 3PM con i relativi bulloni. L utilizzo di una specifica piastrina consente di rendere scorrevole il nodo profilobullone testa a martello; la lunghezza del profilo definisce la capacità di scorrimento del nodo, scelta in base alla soa di massimo spostamento di progetto e tolleranza di posa. Per garantire lo scorrimento l insieme profilo-nodo andrà protetto; si consiglia di non rimuovere il riempimento del profilo se non per il minimo indispensabile all inserimento del bullone. Piastra sagomata che, bloccando la testa del bullone, ne impedisce l impuntamento nel profilo; si ottiene un nodo con capacità di scorrimento. La sua forma migliora la tenuta e riduce le sollecitazioni determinate nel calcestruzzo dalle azioni di taglio; gli accessori di collegamento rimangono sollevati di 5 da estradosso profilo così da consentire leggere rotazioni sul piano verticale e ridurre il rischio di accidentali impuntamenti con le irregolarità superficiali del calcestruzzo. Si posa accoppiata al Bullone TA M16 rispettivamente: Profili LE1P e LE2P: Piastra SAS 1 A = 40 ; B = 17,5 Profili LE3P e LE3PM: Piastra SAS 3 A = 40 ; B = 22,5 Nodi SAS 10 SAS 20 Scatole di ancoraggio a scomparsa LE 10 e LE 20 Pag. 18 e 19 Nodo SAS 150S Piastra Angolare Semplice zigrinata 1 Foro Asole Pag. 20 Con l inserimento di un anello distanziatore all interno dell asola (compreso nel Kit di posa), si viene a creare un giunto con capacità di scorrimento. Si ottengono nodi a scomparsa, particolarmente indicati per connessioni pilastro-pannelli orizzontali. La deformazione aissibile è definita dalla tolleranza di posa, dalla lunghezza dell asola e dal comportamento elasto-plastico della porzione libera del bullone di connessione. Le due scatole consentono di scegliere tra diversi livelli di deformabilità e intensità delle azioni. Piastra angolare semplice zigrinata che consente di realizzare nodi scorrevoli con diverse prestazioni. L ingombro in altezza del nodo è di soli 60. La doppia asola zigrinata ne impedisce la rotazione e migliora il comportamento a taglio. La tolleranza di posa è garantita dall asola zigrinata e consente fissaggi con distanza da interasse profilo fino a 12 cm; può essere aumentata fino a 17 cm utilizzando bulloni più lunghi e fissandoli con 3 dadi. Le due piccole asole ed il foro sul lato soggetto a trazione consentono di scegliere tra 1 o 2 punti di fissaggio in relazione alle esigenze di progetto. Progettato senza rinforzo per consentire piccole rotazioni angolari sul piano verticale senza danneggiamento dei profili. Nodo SAS 100B Piastra Angolare Rinforzata doppia asola zigrinata ortogonale Pag. 21 Angolare rinforzato che consente di realizzare nodi di blocco sui due assi così da mantenere i pannelli solidali alla struttura durante il sisma. L ingombro in altezza del nodo è di soli 60. Per il fissaggio alla struttura si utilizza una boccola filettata M16 (tipo AVP o SCH, necessaria armatura di confinamento a taglio; vedere il catalogo sollevamenti) e vite coerciale TE M16 grado 4.6 o superiore (la vite non è di fornitura Chryso Italia). 17

18 za via via crescente, indice della formazione di una l tutto assimilabile a quello della connessione testata ezzo di una semplice modifica, che lo scorrimento uperiore a quella prescritta dal produttore. CHRYSO Edilfix SAS - Nodo SAS 10 Nodo SAS 10 Scatola a scomparsa LE 10 Profilo LE 1P - LE 2P Calcestruzzo armato R C 28/35 N/² Si possono utilizzare i Profili LE 1P o LE 2P con Bullone M14; la capacità del nodo è la medesima essendo definita dallo della scatola. Il Kit di posa prevede in aggiunta un Anello distanziatore che, inserito nel bullone all interno dell asola, consente di serrare i dadi senza bloccare il nodo. Si ottiene un fissaggio con capacità di scorrimento per tutta la lunghezza dell asola, al netto della tolleranza di posa. La porzione libera del bullone consente una ulteriore capacità deformativa grazie al suo comportamento elasto-plastico. La componente di scorrimento sul piano verticale è affidata alla deformabilità del bullone. Il nodo è particolarmente indicato nei collegamenti tra pilastro e pannelli orizzontali. Accessori per la corretta realizzazione del nodo SAS 10: amento, prova completa. Massimo spostamento = 4,0cm Da inserire nei getti: 1 Scatola a scomparsa LE10 1 Profilo LE1P o LE2P KIT di posa SAS 10: 1 Bullone M14 x Dadi M14 3 Rondelle larghe Ø 14 1 Anello distanziatore Ø 14 DIREZIONE Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale - Capacità di +/- 2.5 cm scorrimento +/- 4.0 cm (*) Scorrimento Verticale - Deformazione del Bullone +/- 1.5 cm (*) Figura Rottura connessione su pilastro 2. (*) Considerando il comportamento elasto-plastico del bullone. 0 / 377 fax iscale Per la larghezza P.IVA del giunto andranno considerati i movimenti relativi di progetto e le tolleranze di posa; la sua massima dimensione compatibile con il Kit di posa (Bullone 14x100 ) è di 4 cm. 18

19 CHRYSO Edilfix SAS - Nodo SAS 20 Nodo SAS 20 Scatola a scomparsa LE 20 Profilo LE 2P - LE 3P - LE 3PM Calcestruzzo armato R C 28/35 N/² Si possono utilizzare i Profili LE 2P, LE 3P o LE 3PM con Bullone M16; la capacità del nodo è definita dal valore per trazione assiale del profilo scelto. Il Kit di posa prevede in aggiunta un Anello distanziatore che, inserito nel bullone all interno dell asola, consente di serrare i dadi senza bloccare il nodo. Si ottiene un fissaggio con capacità di scorrimento per tutta la lunghezza dell asola, al netto della tolleranza di posa. La porzione libera del bullone consente una ulteriore capacità deformativa grazie al suo comportamento elasto-plastico. La capacità di scorrimento sul piano verticale è definita dalla lunghezza del profilo e si realizza utilizzando per il fissaggio del Bullone la Piastra SAS (1 o 3 in base al profilo scelto). Il nodo è particolarmente indicato nei collegamenti tra pilastro e pannelli orizzontali. Accessori per la corretta realizzazione del Nodo SAS 20: Nodo con Profilo LE 3PM DIREZIONE Trazione Orizzontale Scorrimento Orizzontale - Scorrimento Verticale - Da inserire nei getti: 1 Scatola a scomparsa LE20 1 Profilo LE2P o LE3P o LE3PM 18,0 Profilo LE 2P 22,5 Profilo LE 3P 30,0 Profilo LE 3PM Capacità di scorrimento Trazione assiale Bullone-Profilo +/- 7,0 cm +/- 9,0 cm (*) Capacità di scorrimento (lunghezza del profilo) KIT di posa SAS 202 (Profilo LE2) 1 Piastra SAS 1 1 Bullone M16 x Dadi M16 3 Rondelle larghe Ø 16 1 Anello distanziatore Ø 16 KIT di posa SAS 203 (Profilo LE3) 1 Piastra SAS 3 1 Bullone M16 x Dadi M16 3 Rondelle larghe Ø 16 1 Anello distanziatore Ø 16 (*) Considerando il comportamento elasto-plastico del bullone. Per la larghezza del giunto andranno considerati i movimenti relativi di progetto e le tolleranze di posa. La massima larghezza compatibile con il Kit di posa (Bullone M16 x 100) è di 2 cm. 19

20 CHRYSO Edilfix SAS - Nodo SAS 150S Nodo SAS 150S Angolare semplice zigrinato SAS 150S Profilo LE 1P - LE 2P - LE 3P - LE 3PM Calcestruzzo armato R C 28/35 N/² (Pannello) R C 40/50 N/² (Struttura) Nodo con Profili LE 2P Distanza dal bordo 10 cm Larghezza giunto 2 cm Nodo 23,0 Piastra angolare semplice zigrinata che consente di realizzare nodi scorrevoli con diverse prestazioni. L ingombro in altezza del nodo è di soli 60. Progettata senza rinforzo per consentire piccole rotazioni sul piano verticale senza danneggiamento dei profili. Si possono utilizzare i Profili LE 1P, LE 2P, LE 3P o LE 3PM con Bullone M16; la capacità del nodo è definita dai valori per taglio e trazione assiale del profilo scelto. Il fissaggio al profilo della struttura è garantito da due punti scorrevoli (doppia asola zigrinata con Piastrine antislittamento, Bulloni TA M16 e Piastre SAS 1-3 in base al tipo di profilo scelto). Si ottiene un miglior comportamento a taglio (+10% rispetto ai valori definiti per il profilo con un singolo punto di fissaggio; vedere i valori indicati nelle schede dei profili) e la capacità di sopportare le azioni trasversali causate dal sisma (forze che determinano lo scorrimento), senza impuntamenti o rotazioni profilo-angolare. La tolleranza di posa è garantita dall asola di 70 e consente fissaggi con distanza da interasse profilo fino a 12 cm; per distanze maggiori, fino ad massimo di 17 cm, si possono utilizzare bulloni più lunghi fissandoli con 3 dadi. Per il collegamento al pannello si possono utilizzare 1 o 2 profili, in base all intensità delle azioni previste. Per il fissaggio si utilizzano Bulloni TA M16 con Piastra SAS, così da garantire libertà di scorrimento anche sull asse verticale. Nodo con 2 Profili LE 3PM Distanza dal bordo 10 cm Larghezza giunto 2 cm Nodo 30,0 L effettiva capacità portante del nodo è definita dal minor valore tra taglio, trazione e resistenza dell angolare stesso ( angolare = 30 ); vedere le tabelle esemplificative sotto riportate. Il massimo scorrimento aissibile è definito dalla lunghezza utile del profilo al netto delle tolleranza di posa. Il nodo deve essere protetto per garantire il mantenimento nel tempo della sua capacità di scorrimento; si consiglia di non rimuovere il riempimento del profilo se non per il minimo indispensabile al inserimento dei bulloni. Il nodo è particolrmente indicato nei collegamenti struttura-pannelli verticali. La larghezza del giunto andrà progettata considerando i movimenti relativi di progetto e le tolleranze di posa. Accessori per la corretta realizzazione del Nodo SAS 150S: ANGOLARE SAS 150S 30 (trazione lato pannello) Acciaio S 275 JR (EN ) Zincato elettroliticamente (UNI ISO 2081) 2 (3) PROFILI LE 1P - LE 2P 1 Angolare SAS 150S 3 (4) Piastre SAS 1 2 Piastrine antislittamento 3 (4) Bulloni TA M16 x 60 (completi di dado e rondella) 2 PROFILI LE 3P - LE 3PM 1 Angolare SAS 150S 3 Piastre SAS 3 2 Piastrine antislittamento 3 Bulloni TA M16 x 60 (completi di dado e rondella) Azione di sul profilo inserito nella struttura C 40/50 N/² LE 1P LE 2P LE 3P LE 3PM Distanza dal bordo cm Profilo 18,0 21,0 25,5 30,0 Nodo (+10%) 20,0 23,0 28,0 30,0 Azione di Trazione sul profilo inserito nel pannello C 28/35 N/² LE 1P LE 2P LE 3P LE 3PM 1 Punto 15,0 18,0 22,5 30,0 2 Punti (*) 30,0 30,0 30,0 - (*) Interasse profili 8 cm; necessaria armatura di ripartizione 20

21 CHRYSO Edilfix SAS - Nodo SAS 100B Nodo SAS 100B Piastra angolare rinforzata zigrinata doppia asola ortogonale Profili LE 1P - LE 2P - LE 3P - LE 3PM Calcestruzzo armato R C 28/35 N/² Nodo SAS 100B Profilo LE 3PM Distanza dal bordo 10 cm Larghezza giunto 2 cm Trazione 30,0 30,0 Nodo con Piastra angolare rinforzata che consente di realizzare un blocco su due assi così da mantenere i pannelli solidali alla struttura durante il sisma. L ingombro in altezza del nodo è di soli 60. Per il fissaggio alla struttura si utilizza una boccola filettata M16 (tipo AVP o SCH, necessaria armatura di confinamento a taglio; vedere il catalogo sollevamenti) e vite coerciale TE M16 grado 4.6 o superiore. La vite non è di fornitura Chryso Italia. Le tolleranze di posa sono garantite dalle asole zigrinate disposte nelle due direzioni ortogonali. I valori di nelle due direzioni di sollecitazione sono: Piastra angolare 30 Vite e Boccola M16 30 Si possono utilizzare i Profili LE 1P, LE 2P, LE 3P o LE 3PM con Bullone M16; la capacità del nodo è definita dai valori per taglio e trazione assiale del profilo scelto. Vedere la tabella a fondo pagina. Il nodo è progettato per trasferire alla struttura le azioni dovute all accelerazione sismica applicata alla massa del pannello; tipo di profilo e numero di fissaggi saranno adeguati all intensità dell azione. Accessori per la corretta escuzione del NODO SAS 100B 1 Piastra angolare rinforzata zigrinata doppia asola ortogonale 100 x 55 x 150 sp. 8 2 Piastrine antislittamento 1 Bullone TA M16 x 60 completo di dado e rondella 1 Bullone TE M16 x 40 grado 4.6 completo di rondella (escluso dalla fornitura) Nodo SAS 100B LE 1P LE 2P LE 3P LE 3PM TRAZIONE 15,0 18,0 22,5 30,0 TAGLIO 18,0 21,0 27,0 30,0 Piastra Angolare rinforzata Doppia asola ortogonle 100 x 55 x 150 sp. 8 21

22 RACCOMANDAZIONI - USO E MANUTENZIONE Salvaguardia del profilo Per salvaguardare l integrità del profilo, evitare il contatto con liquidi in genere e non stoccarlo in ambienti acidi. Per garantire la sua integrità dopo il montaggio, il profilo zincato non deve essere accoppiato ad accessori d acciaio inossidabile. Punto di taglio = = del profilo Il taglio del profilo in spezzoni deve essere eseguito al centro dell interasse tra piedini o asole di ancoraggio. Sullo spezzone devono essere presenti almeno 2 punti di ancoraggio. Inserimento delle fascette Per l ancoraggio del profilo LE 1F, viene utilizzata la fascetta inserita nell asola del profilo e piegata secondo lo schema indicato. Ad ogni asola deve corrispondere una fascetta. Al momento della piegatura della fascetta infilata nell asola del profilo, evitare di danneggiare l asola stessa. Posizionamento del profilo Per il posizionamento nei manufatti bisogna rispettare le distanze minime dai bordi, le zone di influenza e gli interassi indicati per ciascun tipo di profilo (vedere pag. 3, 5 e 7). Il profilo deve essere annegato nel getto fino al bordo superiore. Inserimento degli accessori Gli accessori (bulloni e baionette) vanno inseriti nel profilo e ruotati di 90. Per verificare la corretta posizione del bullone sul suo gambo è incisa una scanalatura che deve sempre trovarsi a 90 rispetto all asse del profilo. Gli accessori vanno inseriti sempre tra due punti di ancoraggio (staffe - piedini). Bulloni e dadi Non effettuare saldature sui bulloni. Per il fissaggio dei profili si raccomanda di utilizzare unicamente i bulloni e i dadi forniti da CHRYSO ITALIA, al fine di evitare tensioni anomale nel profilo stesso. Per il serraggio dei bulloni è consigliabile l uso della chiave dinamometrica applicando le coppie di serraggio consigliate. Diametro bullone Coppia consigliata Nm Durabilità e manutenzione Tutti i componenti del sistema sono protetti dalla corrosione con i processi di zincatura descritti. Il livello di protezione è idoneo a garantirne la durabilità nelle normali condizioni di utilizzo: posizionamento in zone protette dagli agenti atmosferici; utilizzo in zone residenziali e/o industriali caratterizzate da debole aggressività atmosferica. L utilizzatore dovrà prevedere maggiori livelli di protezione e/o piani di ispezione-manutenzione nel caso di utilizzo in ambienti soggetti a maggiore aggressività. Ad esempio: posizionamento in zone a diretto contatto degli agenti atmosferici; posizionamento in zone soggette a frequente contatto con acqua, spruzzi, condense, nebbie ed aerosol; utilizzo in zone con forte aggressività atmosferica (ambiente marino, zootecnia, attacco chimico). Il sistema CHRYSO Edilfix SAS prevede che i nodi abbiano capacità deformativa; in caso di sisma ed in relazione alla sua intensità sono soggetti ad azioni dinamiche e cicliche. Sono possibili danneggiamenti che richiedano lavori di ripristino dei nodi. Un eventuale processo di corrosione potrebbe ridurne la capacità di scorrimento. L utilizzatore dovrà: proteggere i nodi dalla corrosione e da eventuali opere complementari per garantirne nel tempo la capacità di scorrimento. prevedere la possibilità di ispezione e ripristino dei nodi dopo evento sisma, anche con la rimozione di singoli elementi e/o opere complementari. Istruzioni e manuale d uso prodotto Tutte le forniture sono accompagnate da apposite schede con le istruzioni operative per il corretto utilizzo dei prodotti, sia per la fase di inserimento nei getti che per quella di posa in opera. 22

23 CHRYSO ITALIA SpA è certificata secondo la norma UNI EN ISO 9001 dall Istituto ICMQ ed effettua continui controlli per garantire la costanza qualitativa dei propri prodotti. Tutti gli elementi che costituiscono il sistema superano i coefficienti di sicurezza indicati dalle normative vigenti. CHRYSO ITALIA SpA dispone di un laboratorio interno per il controllo continuo della produzione. CHRYSO ITALIA SpA declina ogni responsabilità sul materiale fornito che risulti danneggiato da: - corrosioni - saldature non espressamente autorizzate - condizioni di messa in opera diverse da quelle riportate nel presente catalogo. Gli elementi sono coperti da specifica polizza assicurativa. SICUREZZA Chryso ITALIA CERTIFICATO DI PROVA N : Tel. 035/ DATA: 18/05/2011 cliente CHRYSO ITALIA S.P.A. ordine del - - tipo prodotto PROFILO LE 1P lotto N materiale B1 Acciaio S 275JR UNI tipo porva TRAZIONE ASSIALE CON APPOSITA ATTREZZATURA Eseguita con macchina di prova LOSENHAUSEN / JAHR classe 1 fondo scala 400KN PROVA N SIGLA CARICO DI ROTTURA dan NOTE 01 LE 1P 3184,0 ROTTURA ALETTE 02 LE 1P 3037,0 ROTTURA ALETTE 03 LE 1P 3280,0 ROTTURA ALETTE 04 LE 1P 3215,0 ROTTURA ALETTE Esempio di certificato di prova rilasciato dal laboratorio CHRYSO ITALIA Osservazioni. CONFORME Eseguito da: ADRIANO MENI Rm = 3179 dan Km = 3,34 > 3 Chryso Italia S.p.A. produce e coercializza inserti metallici di sollevamento, ancoraggio e fissaggio in componenti strutturali di calcestruzzo garantendo un elevato standard di affidabilità e sicurezza. Chryso Italia NON effettua progettazione o consulenza sui progetti e sulle misure di iobili. E compito degli utilizzatori finali (società di costruzioni, progettisti, direttori dei lavori e responsabili della sicurezza) verificare ed adottare ogni necessaria cautela affinché i prodotti, che intendono acquistare da Chryso Italia: 1) corrispondano alle caratteristiche aggiornate alla data dell ordine; 2) siano corretti ed adeguati per stabilità, sicurezza ed estetica dell iobile e che il loro utilizzo sia conforme alla normativa vigente; 3) risultino compatibili con prodotti o sistemi diversi da quelli marcati Chryso, accertandone i criteri di sicurezza, la conformità alla normativa vigente e le reali condizioni operative di utilizzo. Le informazioni contenute nel presente catalogo sono basate sulle conoscenze ed esperienze attuali di Chryso Italia che si esonera da: - ogni responsabilità derivante dalle mancate verifiche e cautele anzidette - pregiudizi di qualsivoglia genere e specie a persone o cose. - qualsiasi forma di garanzia circa l utilizzo dei prodotti, non essendo le condizioni di impiego sotto il proprio controllo. Chryso Italia si riserva di modificare carattersitiche tecniche, descrizioni ed illustrazioni in qualsiasi momento. MARZO

24 NODI DI COLLEGAMENTO - PROFILO LE 1 F NODI TIPO A Caratteristiche comuni a tutti i nodi Distanza dal bordo b/2 = 10 cm Calcestruzzo armato R C 28/35 N/². A1 Componenti del NODO A1: - 2 Profili LE 1F; passo fascette cm 12,5-1 Bullone M14 x 60 completo di Dado e Rondella - 1 Baionetta zigrinata TA 180 x 35 x 8 completa di Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 9,7 Estrazione della piastra a baionetta per trazione assiale Scorrimento Orizzontale / Non aesso Scorrimento Verticale ND Il nodo ha capacità di scorrimento A2 Componenti del NODO A2: - 1 Profilo LE 1F; passo fascette cm 12,5-1 Bullone M14 x 80 completo di Dado e Rondella - 1 Scatola a scomparsa LE 5-1 Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 14,3 Trazione assiale Bullone-Profilo Orizzontale 15,0 Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,0 Attrito Bullone-Profilo A3 Componenti del NODO A3: - 1 Profilo LE 1F; passo fascette cm 12,5-1 Kit LE 10 M14 (1 Bullone M14 x Rondelle Larghe + 3 Dadi) - 1 Scatola a scomparsa LE 10 Trazione Orizzontale 14,3 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,0 Attrito Rondelle-Asola Scorrimento Verticale 3,0 Attrito Bullone-Profilo 24

25 NODI DI COLLEGAMENTO - PROFILO LE 1P NODI TIPO B Caratteristiche comuni a tutti i nodi B1 Distanza dal bordo b/2 = 10 cm Calcestruzzo armato R C 28/35 N/². Componenti del NODO B1: - 2 Profili LE 1P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M14 x 60 completo di Dado e Rondella - 1 Baionetta zigrinata TA 180 x 35 x 8 completa di Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 9,7 Estrazione della piastra a baionetta per trazione assiale Scorrimento Orizzontale / Non aesso Scorrimento Verticale ND Il nodo ha capacità di scorrimento B2 Componenti del NODO B2: - 1 Profilo LE 1P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M14 x 80 completo di Dado e Rondella - 1 Scatola a scomparsa LE 5-1 Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Orizzontale 15,0 Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,0 Attrito Bullone-Profilo B3 Componenti del NODO B3: - 1 Profilo LE 1P; passo piedini cm 12,5-1 Kit LE 10 M14 (1 Bullone M14 x Rondelle Larghe + 3 Dadi) - 1 Scatola a scomparsa LE 10 Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,0 Attrito Rondelle-Asola Scorrimento Verticale 3,0 Attrito Bullone-Profilo B4 Componenti del NODO B4: - 2 Profili LE 1P; passo piedini cm 12,5-2 Bulloni M14 x 60 completi di Dado e Rondella - 1 Piastra Angolare Rinforzata Zigrinata 60 x 80 x Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,0 Attrito Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,0 Attrito Bullone-Profilo 25

26 NODI DI COLLEGAMENTO - PROFILO LE 2P NODI TIPO C Caratteristiche comuni a tutti i nodi C1 Distanza dal bordo ridotta = 10 cm Calcestruzzo armato R C 28/35 N/². Componenti del NODO C1: - 2 Profili LE 2P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M16 x 60 completo di Dado e Rondella - 1 Baionetta zigrinata TA 180 x 35 x 8 completa di Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 12,8 Estrazione della piastra a baionetta per trazione assiale Scorrimento Orizzontale / Non aesso Scorrimento Verticale ND Il nodo ha capacità di scorrimento C2 Componenti del NODO C2: - 1 Profilo LE 2P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M16 x 80 completo di Dado e Rondella - 1 Scatola a scomparsa LE 5-1 Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Orizzontale 15,0 Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo C3 Componenti del NODO C3: - 1 Profilo LE 2P; passo piedini cm 12,5-1 Kit LE10 M16 (1 Bullone M16 x Rondelle + 1 Rondella Larga + 3 Dadi) - 1 Scatola a scomparsa LE 10 Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,8 Attrito Rondelle-Asola Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo C4 Componenti del NODO C4: - 2 Profili LE 2P; passo piedini cm 12,5-2 Bulloni M16 x 60 completi di Dado e Rondella - 1 Piastra Angolare Rinforzata Zigrinata 60 x 80 x Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 18,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,8 Attrito Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo 26

27 NODI DI COLLEGAMENTO - PROFILO LE 3 P NODI TIPO D Caratteristiche comuni a tutti i nodi D1 Distanza dal bordo ridotta = 12 cm Calcestruzzo armato R C 28/35 N/². Componenti del NODO D1: - 2 Profili L3 P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M16 x 80 completo di Dado e Rondella - 1 Bullone M16 x 60 completo di Dado e Rondella - 1 Baionetta a lunghezza variabile - 1 Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 22,5 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale / Non aesso Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo D2 Componenti del NODO D2: - 1 Profilo L3 P; passo piedini cm 12,5-1 Bullone M16 x 80 completo di Dado e Rondella - 1 Scatola a scomparsa LE 5-1 Piastrina antislittamento Trazione Orizzontale 15,0 Trazione assiale Bullone-Profilo Orizzontale 15,0 Bullone-Profilo Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo D3 Componenti del NODO D3: - 1 Profilo LE 3P; passo piedini cm 12,5-1 Kit LE 20 per Profilo LE3P (1 Bullone M16 x Rondelle Larghe + 3 Dadi) - 1 Scatola a scomparsa LE 20 Trazione Orizzontale 22,5 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,8 Attrito Rondelle-Asola Scorrimento Verticale 3,8 Attrito Bullone-Profilo D4 Componenti del NODO D4: - 2 Profili LE 3P; passo piedini cm 12,5-2 Bulloni M16 x 60 completi di Dado e Rondella - 1 Piastra Angolare Rinforzata 60 x 120 x 150 Doppia asola Zigrinata parallela - 2 Piastrine antislittamento Trazione Orizzontale 22,5 Trazione assiale Bullone-Profilo Scorrimento Orizzontale 3,8 Attrito Bullone-Profilo Verticale 27,0 Bullone-Profilo 27

Il sistema di sollevamento, fissaggio e collegamento con boccola è costituito dai seguenti elementi: Pag. Tipologia, dimensioni, portate 2

Il sistema di sollevamento, fissaggio e collegamento con boccola è costituito dai seguenti elementi: Pag. Tipologia, dimensioni, portate 2 SISTEMA DI SOLLEVAMENTO, FISSAGGIO E COLLEGAMENTO BOCCOLE AVP - Il sistema di sollevamento, fissaggio e collegamento con boccola è costituito dai seguenti elementi: - Boccole AVP: boccole filettate con

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento, certificato TÜV, è costituio dai seguenti elementi base: - boccole con barra ondulata - golfari - tappi A seconda del tipo d impiego al quale sono destinati,

Dettagli

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610 Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357 Per l'assemblaggio di profilati doppi. Questo sistema permette di assemblare rapidamente in una seconda fase due profilati. Per essere sicuri di ottenere i valori

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK 9/2006 SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK Vantaggi dei sistemi di sollevamento kk Sistemi a sganciamento rapido Soluzioni economiche Per supporto tecnico, contattare l indirizzo e-mail:

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC VP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle

Dettagli

COMPOSITE SOLUTION PARAPETTI IN PRFV PARAPETTI IN PRFV. M.M. S.r.l.

COMPOSITE SOLUTION PARAPETTI IN PRFV PARAPETTI IN PRFV. M.M. S.r.l. COMPOSITE SOLUTION Pagina 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE 3 2. SETTORI DI IMPIEGO 4 3. MATERIALI 5 3.1 PROFILI 5 3.2 ACCESSORI PER FISSAGGIO E COLLEGAMENTO 5 4. TIPOLOGIE 6 5. ISTRUZIONI PER

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

SISTEMA A MENSOLA ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ. Sistema a mensola

SISTEMA A MENSOLA ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ. Sistema a mensola SISTEMA A MENSOLA 2 ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ Sistema a mensola 3 Sistemi a mensola GIRELLA E TIRELLA S Le esigenze che hanno portato alla progettazione dei sistemi a mensola Ruredil sono frutto dell

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE. Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella)

WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE. Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella) WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE All interno i valori statici del WKR285 Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella) Applicazione per legno-cemento e legno-legno

Dettagli

Trave Framo 80. Gruppo A410

Trave Framo 80. Gruppo A410 Framo Trave Framo 80/ Giunto di collegamento quadrato PK F80/ Giunto ottagonale PK F80/ Tappo terminale ADK F80/ Mensola a sbalzo AK F80/ Mensola a sbalzo TKO F80/ Sostegno laterale STA F80/ Giunto JOI

Dettagli

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A ATLAS CATALOGO ILLUSTRATIVO PRODOTTI SICUREZZA CANTIERE ED. 2013 GC/02EN MONTANTE PER GUARDACORPO DA SOLETTA su tre mensole per ogni montante SUPPORTO E APPLICAZIONI: solai o solette in c.a. piani o con

Dettagli

Tecnologia made in Italy

Tecnologia made in Italy cemento & calcestruzzo Zoom su un progetto internazionale Tecnologia made in Italy Marco Costa L impresa Pizzarotti partecipa alla realizzazione, a Marsiglia, di un importante terminal per la ricezione

Dettagli

Profilo tipo C. Profilo tipo H. Profilo tipo H inox

Profilo tipo C. Profilo tipo H. Profilo tipo H inox Indice PROFILI INCAVI Prescrizioni Generali Generalità Caratteristiche dei Materiali Tipi di Zancature Lunghezze standard disponibili Tipologie e modi di applicazione dei carichi Finiture Distanze dai

Dettagli

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6.

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6. INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati tecnici 7. Voce di capitolato 1/5 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: LUC51-1075

Dettagli

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI RELATORE: Sig. EMILIO BASSO Product Manager Gruppo Fontana Copyright Gruppo Fontana 1 TIPOLOGIA DI BULLONI Nelle costruzioni metalliche, la bulloneria

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

Ancoraggi speciali. Esempio di posa

Ancoraggi speciali. Esempio di posa Cemento Legno S H PRODUCTION Esempio di posa La staffa CL studiata per risolvere tutti i problemi legati al fissaggio di travi con sistema a scomparsa alla base in cemento, la vasta disponibilità di La

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli Scarpe pilastro per la connessione meccanica di pilastri e travi Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli 01 Norma ve e materiali Le connessioni meccaniche per pilastri consentono l uso in can ere di

Dettagli

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda Introduzione La progettazione degli staffaggi Fasi della

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 Le fotografie pubblicate si riferiscono a immagini istantanee di situazioni reali in cantiere che non sono da considerare come esempi di impiego. I

Dettagli

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E 85-110 reti anticaduta e divisorie 85-110 RAL 1021 Paracolpi lamiera GIALLO FLUORESCENTE Paracolpi polietilene ZINCATO Fiancate, correnti e accessori Scaffalatura interamente realizzata in lamiera di acciaio

Dettagli

Collari per canali - MEFA

Collari per canali - MEFA Collari per canali - MEFA Accessori per canali d aria DN 80-630 DN 71-1250 DN 71-1250 DN 150-1600 Collare Ventus Pagina 8/2 Collare per canali fonoassorbenti Pagina 8/3 Collare per canali Pagina 8/5 Collare

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13 S RODUCTION Ed.13 Manuale Tecnico 1121/11 Collegamento a scomparsa ST204 1 I vantaggi di utilizzare i i collegamenti ST204 Ricerca tecnica Costruita in Acciaio 35 questo garantisce un elevato valore di

Dettagli

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO STUDIO INGEGNERIA STRUTTURALE MASSETTI CONSOLIDAMENTO EDIFICI STORICI, MONITORING PROGETTAZIONE SISMICA, STRUTTURISTICA CONSULENZA E DIREZIONE LAVORI PROGETTAZIONE EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Via Brescia

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

Rapidità e sicurezza

Rapidità e sicurezza [ Gamma-p ] Serie P31 Rapidità e sicurezza Nuovo giunto rapido per canali e passerelle P31 NOVITÀ Il nuovo giunto rapido permette di collegare meccanicamente, in modo rapido e sicuro, gli elementi rettilinei

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Ponte di collegamento CENTUM Pagina 14/6. Squadretta CENTUM Pagina 14/10. Connettore IB CENTUM Pagina 14/12. Supporto per tubi CENTUM Pagina 14/16

Ponte di collegamento CENTUM Pagina 14/6. Squadretta CENTUM Pagina 14/10. Connettore IB CENTUM Pagina 14/12. Supporto per tubi CENTUM Pagina 14/16 Gamma - Profi lo scatolato Pagina /4 Sistema di connessione dentato Pagina /5 Ponte di collegamento Pagina /6 Piastra di base Pagina /7 Adattatore Pagina /7 Piastra per travi Pagina /8 Mensole in profi

Dettagli

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità!

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! 1 Elemento Monoblocco>> > Préfaest garantisce! Calcestruzzo con alte prestazioni per una eccellente resistenza. Fabbricato con un calcestruzzo armato ad alte

Dettagli

ZEBRA SOLAR. Dott. Ing. Federico Masin

ZEBRA SOLAR. Dott. Ing. Federico Masin ZEBRA SOLAR Sistema di fissaggio per pannelli fotovoltaici Dott. Ing. Federico Masin Fissaggio su copertura Collegamenti di base ed orditure Tipologie di fissaggio Ganci per tetti Vite di congiunzione

Dettagli

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMI SANITARI E PER ENERGIA Requisiti per il montaggio Requisiti generali Istruzioni di sicurezza Il kit per il montaggio sul tetto

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE PORTONI INDUSTRIALI A LIBRO

MANUALE DI INSTALLAZIONE PORTONI INDUSTRIALI A LIBRO Zona Industriale Taccoli, 62027 SAN SEVERINO MARCHE (MC) Tel. e Fax 0733.636253 www. Cometsrl.it e-mail: info@cometsrl.it MANUALE DI INSTALLAZIONE PORTONI INDUSTRIALI A LIBRO INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI

Dettagli

Elenco tasselli per pannello isolante minerale Multipor

Elenco tasselli per pannello isolante minerale Multipor Elenco tasselli per isolante minerale Multipor In campo edile i tasselli, gli ancoraggi e le viti vengono utilizzati ogni giorno in mille modi; tuttavia spesso il loro utilizzo non segue le indicazioni

Dettagli

sistema brevettato per la costruzione di solai in legno lamellare

sistema brevettato per la costruzione di solai in legno lamellare sistema brevettato per la costruzione di solai in legno lamellare DESCRIZIONE TECNICA La connessione JWOOD è costituita da due piastre in acciaio S355. COULISSE: la piastra per il Calcestruzzo È costituita

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

Le transenne in legno impiegate devono essere conformi alla norma UNI EN 338.

Le transenne in legno impiegate devono essere conformi alla norma UNI EN 338. SISTEMI DI PROTEZIONE MARGINE ANTICADUTA I sistemi di protezione margine temporanei sono impiegati nei cantieri edili per impedire che persone e oggetti cadano ad un livello inferiore da tetti, balconi,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

Metal Roof. sicurezza anticaduta. garanzia UNI EN-795. 10 anni. Certificato

Metal Roof. sicurezza anticaduta. garanzia UNI EN-795. 10 anni. Certificato sicurezza anticaduta Metal Roof garanzia 0 anni UNI EN-795 Certificato delle prestazioni Il mercato dei prodotti per coperture di tipo metallico risulta articolato e variegato nella produzione, con numerosi

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Catalogo 2007 Vi diamo alcune informazioni importanti sugli unici riferimenti di legge attualmente in vigore e sulle loro principali differenze, al fine

Dettagli

VarioSole SE. Manuale di installazione

VarioSole SE. Manuale di installazione Manuale di installazione VarioSole SE Integrazione parziale Moduli con telaio Disposizione verticale Disposizione orizzontale Carico di neve zona I-IV Copertura in cemento Tegole Tegole piane Tegole in

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Sistema di sicurezza JOBARAND e JOBAPOINT per il tetto piano

Sistema di sicurezza JOBARAND e JOBAPOINT per il tetto piano Sistema di sicurezza JOBARAND e JOBAPOINT per il tetto piano Descrizione JOBARAND Una efficace protezione contro le cadute l tetto piano mediante ancoraggio dell'imbragatura personale di sicurezza Disponibilità

Dettagli

SCALE INCLINATE IN PRFV

SCALE INCLINATE IN PRFV IN PRFV COMPOSITE SOLUTION Pagina 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE 3 2. SETTORI DI IMPIEGO 4 3. MATERIALI 5 3.1 5 3.1 TABELLA PROFILI STRUTTURA 6 3.2 TABELLA PROFILI PARAPETTO 7 4. ISTRUZIONI

Dettagli

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda Indice 2 Azienda 3 Profili in alluminio 6 Profili in acciaio zincato a 9 Staffe per tetti a falda Staffe per fissaggio moduli su profili 3 Cavallette e zavorre per tetti piani 5 Staffe per coperture grecate

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

KIT COPPO STAFFA COMPLETO APPLICAZIONE SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI KIT COPPO STAFFA FISSA

KIT COPPO STAFFA COMPLETO APPLICAZIONE SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI KIT COPPO STAFFA FISSA KIT COPPO STAFFA COMPLETO K100D00 SU TETTI A COPPO MATERIALE: ACCIAIO INOX REGOLAZIONE DA 6 A 12CM IN DUE SENSI ARTICOLO BREVETTATO PECULIARITA : PERMETTE UNA RAPIDA INSTALLAZIONE RIDUCENDO I TEMPI E IL

Dettagli

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Ing. Mariano Bruno www.hilti.it Seminario Tecnico Ordine degli Ingegneri della Provincia di Savona 18.09.2013 1 Agenda Introduzione La

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE

EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE Bulloneria strutturale secondo EN 14399 EN 14399-1 10 UNI EN 14399-1:2005 UNI EN 14399-2:2005 UNI EN 14399-3:2005 UNI EN 14399-4:2005 UNI EN 14399-5:2005

Dettagli

PORTAPALLET 80-115 PORTAPALLET PORTAPALLET

PORTAPALLET 80-115 PORTAPALLET PORTAPALLET 80-115 Scaffalatura interamente realizzata in lamiera di acciaio di prima scelta certificata 3.1 e profilata a freddo con acciaio zincato secondo procedimento SENDZIMIR. La verniciatura viene eseguita

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

ELENCO SCHEDE TECNICHE

ELENCO SCHEDE TECNICHE ELENCO SCHEDE TECNICHE 1A / 1B) Palina semaforica L= 3600 2A / 2B) Palina semaforica L= 4500 3A / 3B) Palina semaforica L= 3600 con piastra 4A / 4B) Bussola per palina 5A / 5B) Palo a sbraccio con aggetto

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Impianto fotovoltaico installato presso nostra sede di Pordenone

Impianto fotovoltaico installato presso nostra sede di Pordenone Impianto fotovoltaico installato presso nostra sede di Pordenone HOLD PIPE s.r.l Via Torricelli,8 33080-PORCIA (PN) Tel. Magazzino 34-593935 Uff. commerciale: 34-593918 Uff. tecnico:34-593917 Fax: 34-593930

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E PUNTI D ANCORAGGIO Cla se A e Cla se E classe A e classe E punti d ancoraggio Duomo di MIlano Punti d ancoraggio in classe A ed E per la messa in sicurezza di coperture e pareti classe A e classe E punti

Dettagli

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - ghiaia sabbia cemento acqua Il calcestruzzo: casseratura getto e maturazione 1 Alcuni avvisi lezione breve

Dettagli

SCHEDA TECNICA KIT 4 MORSETTI FISSAGGIO SU BARRA SKY CPC 58 KIT 2 BARRE PROFILATE IN ALLUMINIO KIT 4 PROFILATI DI GIUNZIONE IN SERIE DELLE BARRE

SCHEDA TECNICA KIT 4 MORSETTI FISSAGGIO SU BARRA SKY CPC 58 KIT 2 BARRE PROFILATE IN ALLUMINIO KIT 4 PROFILATI DI GIUNZIONE IN SERIE DELLE BARRE STAFFAGGI PER COETTORI SOARI A KIT 4 MORSETTI FISSAGGIO SU BARRA SKY CPC 58 KIT 2 BARRE PROFIATE IN AUMINIO KIT 4 PROFIATI DI GIUNZIONE IN SERIE DEE BARRE KIT 2 STAFFE A ZANCA REGOABII KIT 2 VITI FISSAGGIO

Dettagli

Collare a norma DIN 3567 HCP

Collare a norma DIN 3567 HCP Acciaio zincato a caldo Collare a norma DIN 3567 HCP/ Stabil D-1G HCP/ U-Bolts 3570 HCP/ Profilati 41 HCP/ Dado a martello CC con molla piatta HCP/ Dado a martello HZ 41 HCP/ Griffa di bloccaggio HCP/

Dettagli

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda Applicazioni Teoria della progettazione dei ferri di ripresa post-installati Inquadramento normativo e

Dettagli

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012 SAFERALPS Prg n 6782-103 28-02-2012 Study of the characteristics of the "via ferrata Analysis of the installation and maintenance techniques Similarities and differences in the Alps P1-Universität Salzburg

Dettagli

Capannoni Prefabbricati

Capannoni Prefabbricati Capannoni Prefabbricati - Componenti impiegati - Attrezzature primarie - Fasi di montaggio - Alcune realizzazioni SKA spa via Agosta, 3-36066 Sandrigo (VI) - Italy - Tel. + 39 0444 659700 - Fax + 39 0444

Dettagli

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1)

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) Descrizione e composizione delle norme EN 14399 sul serraggio controllato UNI EN 14399 parti da 1 a 10 Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI FOTOVOLTAICI

LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI FOTOVOLTAICI UNAE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI

Dettagli

Parere d idoneità tecnica

Parere d idoneità tecnica Parere d idoneità tecnica Premessa UNICMI, Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche, dell Involucro e dei Serramenti, attraverso le sue 12 divisioni, rappresenta circa 22.000 aziende,

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli