Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide"

Transcript

1 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann

2 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann m

3 Nota Legale Copyright 2010 Red Hat, Inc. T his document is licensed by Red Hat under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License. If you distribute this document, or a modified version of it, you must provide attribution to Red Hat, Inc. and provide a link to the original. If the document is modified, all Red Hat trademarks must be removed. Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law. Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora, the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United States and other countries. Linux is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other countries. Java is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates. XFS is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the United States and/or other countries. MySQL is a registered trademark of MySQL AB in the United States, the European Union and other countries. Node.js is an official trademark of Joyent. Red Hat Software Collections is not formally related to or endorsed by the official Joyent Node.js open source or commercial project. T he OpenStack Word Mark and OpenStack Logo are either registered trademarks/service marks or trademarks/service marks of the OpenStack Foundation, in the United States and other countries and are used with the OpenStack Foundation's permission. We are not affiliated with, endorsed or sponsored by the OpenStack Foundation, or the OpenStack community. All other trademarks are the property of their respective owners. Sommario Benvenuti alla RHN Satellite Installation Guide.

4 Indice Indice. Capitolo Introduzione Red Hat Network RHN Satellite T ermini da comprendere Come funziona Sommario delle fasi Aggiornamenti Certificato di Satellite Pacchetto per la documentazione di aggiornamento di Satellite (rhn-upgrade) ISO per una nuova installazione 7. Capitolo Requisiti Requisiti software Requisiti hardware Requisiti hardware per x86 e x86_ Requisiti hardware s/ Requisiti aggiuntivi Requisiti del database Requisiti aggiuntivi 11. Capitolo Esempio di... tipologie T opologia di Satellite singolo T ipologia di Satellite Multipli Orizzontali T opologia di Satellite-Proxy verticali 14. Capitolo Installazione Installazione di base RHN Satellite Installation Program Opzioni per il programma d'installazione di Satellite Installazione del RHN Satellite Server automatizzata Installazione di Satellite dietro un Proxy HTTP Configurazione di Sendmail Installazione di MySQL 20. Capitolo Entitlement Ottenere un certificato Caricamento di RHN Entitlement Certificate Gestione del certificato di RHN con RHN Satellite Activate Opzioni di Entitlement della linea di comando Attivazione di Satellite Scadenza del Certificato di entitlement di Satellite 22. Capitolo Importazione e.. sincronizzazione Esportazione con RHN Satellite Exporter rhn-satellite-exporter Esportazione Esecuzione del processo di esportazione Processo di importazione con il RHN Satellite Synchronization T ool satellite-sync Preparazione ad un processo d'importazione dal Media Locale Preparazione ISO del contenuto del canale Preparazione dati RHN Satellite Exporter Esecuzione del processo di importazione 26 1

5 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide 6.3. Sincronizzazione Sincronizzazione degli Errata e dei pacchetti direttamente tramite RHN Sincronizzazione degli Errata e dei pacchetti tramite il Media Locale 6.4. Sincronizzazione tra Satellite Modelli consigliati per Inter-Satellite Sync Come configurare il server del Master RHN Satellite Come configurare i server dello Slave RHN Satellite 6.5. Come usare l'inter-satellite Sync Sincronizzazione tra il server di staging di sviluppo ed un Satellite di produzione Sincronizzazione bidirezionale 6.6. Sincronizzazione in base all'organizzazione Capitolo T.. roubleshooting Raccolta delle informazioni con spacewalk-report Log File Problemi generali Host Non T rovato/impossibile determinare FQDN Errori di collegamento Problematiche relativa a SELinux Componenti software aggiornati Debugging di Satellite con Red Hat 33. Capitolo Gestione Gestione di Satellite con rhn-satellite Aggiornamento di Satellite Come eseguire il backup di Satellite Utilizzo di RHN DB Control Opzioni DB Control Backup del database Verifica del backup Ripristino del database Clonazione di Satellite con Embedded DB Creazione di un Satellite ridondante con Stand-Alone DB Modifica dell'hostname di Satellite Esecuzione di compiti specifici di Satellite Utilizzo del menu Tool Conservazione di RHN T ask Engine Come cancellare gli utenti Configurazione ricerca Satellite Automazione della sincronizzazione Implementazione dell'autenticazione PAM Esecuzione di Push per i client 40. Esempio di.. file.... di.. configurazione di... RHN..... Satellite Cronologia della revisione Indice analitico Simboli 42 A 42 C 42 D 42 E 42 F 43 G 43 H 43 I 43 2

6 Indice M N O P R S T U V

7 4 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide

8 Capitolo 1. Introduzione Capitolo 1. Introduzione RHN Satellite fornisce una soluzione efficace a quelle organizzazioni che necessitano di un controllo assoluto e di una privacy di gestione e di impiego del pacchetto dei propri server. Conferisce ai clienti di Red Hat Network una maggiore flessibilità e potenza nel mantenimento dei server in uno stato sicuro e aggiornato. Sono disponibili due tipi di RHN Satellite: ll primo con un database standalone su di una macchina separata, ed il secondo con un database embedded installato sulla stessa macchina di Satellite. Questa guida descrive l'installazione di entrambi i tipi di Satellite. Anche se la funzionalità di entrambi i RHN Satellite risulta essere molto simile, sono presenti alcune differenze. Le suddette differenze sono marginali ai soli requisiti hardware, alle fasi di installazione, e alle attività di gestione, ma possono fare la loro comparsa anche durante la fase di troubleshooting. Questa guida identifica le distinzioni tra i tipi di Satellite, marcando le rispettive istruzioni con Embedded Database o Stand-Alone Database Red Hat Network Red Hat Network (RHN) è l'ambiente di supporto al livello di sistema, e rappresenta la gestione dei sistemi Red Hat o di una serie di reti. Red Hat Network racchiude i tool, i servizi e le repository per le informazioni necessarie per massimizzare l'affidabilità, la sicurezza e la prestazione dei sistemi stessi. Per poter usare RHN, gli amministratori possono registrare i profili software e hardware, conosciuti anche come Profili del Sistema, dei propri sistemi client con Red Hat Network. Quando un sistema client richiede i propri aggiornamenti, solo i pacchetti applicabili al client stesso vengono ritornati (in base al profilo software conservato sui server di RHN). I vantaggi di Red Hat Network includono: Scalabilità con Red Hat Network, un solo amministratore di sistema è in grado di impostare e gestire più facilmente centinaia o migliaia di sistemi Red Hat, in modo più accurato e veloce rispetto ad un amministratore che gestisce un solo sistema senza Red Hat Network. Protocolli standard vengono utilizzati protocolli standard per gestire la sicurezza e aumentare la capacità. Per esempio, XML-RPC conferisce a Red Hat Network la possibilità di fare molto di più che il semplice download dei file. Sicurezza tutte le comunicazioni tra i sistemi registrati e Red Hat Network hanno luogo attraverso collegamenti internet sicuri. Visualizzazione degli Errata Alert visualizzate più facilmente gli Errata Alert per tutti i vostri sistemi client, attraverso un solo sito web. Azioni programmate utilizzate il sito web per poter programmare le azioni, incluso gli Errata Alert, le installazioni dei pacchetti e gli aggiornamenti del profilo software. Simplificazione gestione più semplice dei sistemi di Red Hat, processo automatizzato RHN Satellite RHN Satellite permette alle organizzazioni di utilizzare tutti i benefici di Red Hat Network, senza il bisogno di fornire un accesso internet pubblico ai rispettivi server o ad altri sistemi client. I profili del sistema vengono conservati in modo locale sul RHN Satellite dell'utente. Il sito web di Red Hat Network viene servito da un Web server locale, e non è accessibile da internet. Tutti i compiti di gestione del pacchetto, incluso gli Errata Update, vengono eseguiti attraverso la rete dell'area locale. I vantaggi nell'uso di RHN Satellite includono: Sicurezza un collegamento sicuro end-to-end viene mantenuto dai sistemi client nei confronti di RHN Satellite senza collegarsi ad un internet pubblico. Efficienza i pacchetti vengono consegnati più velocemente attraverso un'area di rete locale. Controllo i Profili del sistema dei client vengono conservati sul RHN Satellite locale, e non sui server Red Hat Network centrali. Aggiornamenti personalizzati create un sistema automatizzato di consegna dei pacchetti, per pacchetti software personalizzati richiesti dai sistemi client, insieme ai pacchetti di Red Hat. I canali personalizzati permettono di avere un controllo migliore durante il processo di consegna dei pacchetti personalizzati stessi. Controllo accesso gli amministratori di sistema possono accedere solo nei sistemi che rientrano nelle proprie responsabilità di gestione. Gestione della larghezza di banda la larghezza di banda utilizzata per le operazioni tra i client e RHN Satellite, viene controllata dall'organizzazione sulla rete dell'area locale; i client di RHN Satellite non entrano in competizione con altri client per accedere ai server del file Red Hat Network centrali. Scalabilità RHN Satellite è in grado di visionare i server di una intera organizzazione in combinazione con RHN Proxy Server Termini da comprendere Prima di affrontare RHN Satellite, è importante avere una certa familiarità con i seguenti termini di Red Hat Network: Canale Un canale rappresenta un elenco di pacchetti software. Sono presenti due tipi di canali: i canali di base ed i canali figlio. Un canale di base consiste in un elenco di pacchetti basati su di una specifica architettura e versione di Red Hat. Un canale figlio è un canale associato con un canale di base ma contenente pacchetti aggiuntivi. Organization Administrator Un Organization Administrator è un ruolo che detiene il livello più alto di controllo su di un account di Red Hat Network di una organizzazione. I membri con questo ruolo possono aggiungere e rimuovere altri utenti, sistemi, e gruppi dall'organizzazione. Una organizzazione di Red Hat Network deve avere almeno un Organization Administrator. Channel Administrator L'Amministratore del canale è un ruolo che permette di avere un accesso completo alle capacità di gestione del canale stesso. Gli utenti con questo ruolo sono in grado di creare nuovi canali, assegnare pacchetti ai canali interessati, clonare nuovi canali o cancellare i canali non più utili. Questo ruolo può essere assegnato da un Organization Administrator attraverso una tabella Utenti del sito web di RHN. Certificate Authority Un certificate authority distribuisce le firme digitali agli utenti come parte dell'infrastruttura della chiave pubblica per la comunicazione e l'autenticazione cifrata. Red Hat Update Agent Red Hat Update Agent è un'applicazione client di Red Hat Network, la quale permette agli utenti di recuperare ed installare pacchetti nuovi o aggiornati per il sistema client sul quale viene eseguita l'applicazione. Per gli utenti di Red Hat Enterprise Linux 5, utilizzate il comando yum, per Red Hat Enterprise Linux 4 e versioni precedenti utilizzate il comando up2date. Traceback Un traceback non è altro che una descrizione di "cosa non ha funzionato correttamente", utile per il troubleshooting di RHN Satellite. I Traceback vengono generati automaticamente quando si verifica un errore critico, e viengono inviati agli individui interessati presenti nel file di configurazione di RHN Satellite. Per una spiegazione più dettagliata di questi termini, consultate la Red Hat Network Reference Guide. 5

9 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide 1.4. Come funziona RHN Satellite è costituito dai seguenti componenti: Database per Stand-Alone Database, esso può essere il database esistente dell'organizzazione, o preferibilmente una macchina separata. RHN Satellite supporta Oracle Database 10g Release 2, Edizioni Standard o Enterprise. Per Embedded Database il database presenta anche RHN Satellite e viene installato sulla stessa macchina Satellite durante il processo di installazione. RHN Satellite core "business logic" ed un punto di ingresso per Red Hat Update Agent eseguiti sui sistemi client. RHN Satellite include anche un server Apache HTTP (in grado di servire le richieste XML-RPC). Interfaccia web di RHN Satellite sistema avanzato, gruppo del sistema, utente, e interfaccia di gestione del canale. Repository RPM repository del pacchetto per i pacchetti RPM di Red Hat e per i pacchetti RPM personalizzati identificati dall'organizzazione. Tool di gestione: Tool di sincronizzazione del database e del filesystem Tool di importazione dell'rpm Tool di gestione del canale (basato sul web) Tool di gestione dell'errata (basato sul Web) Tool di gestione dell'utente (basato sul web) Tool di raggruppamento del sistema e del sistema client (basato sul web) Red Hat Update Agent sui sistemi client Il Red Hat Update Agent presente sui sistemi client deve essere riconfigurato in modo da riprendere gli aggiornamenti dal RHN Satellite interno dell'organizzazione, invece dei server Red Hat Network centrali. Dopo la suddetta riconfigurazione, i sistemi client potranno riprendere localmente gli aggiornamenti utilizzando il Red Hat Update Agent, oppure gli amministratori di sistema saranno in grado di programmare le azioni attraverso il sito web di RHN Satellite. Importante Red Hat consiglia che i client collegati al RHN Satellite abbiano eseguito l'ultimissimo aggiornamento di Red Hat Enterprise Linux in modo da assicurarsi un collegamento corretto. Quando un client richiede gli aggiornamenti, il RHN Satellite interno dell'organizzazione interroga il suo database, autentica il sistema client, identifica i pacchetti aggiornati disponibili per il sistema client e ritorna gli RPM richiesti al sistema client stesso. A seconda delle preferenze del client, il pacchetto potrebbe essere installato. Se i pacchetti vengono installati, il sistema client invia un profilo del pacchetto aggiornato al database presente sul RHN Satellite; i suddetti pacchetti verranno rimossi dall'elenco dei pacchetti scaduti per il client. L'organizzazione è in grado di configurare il sito web per RHN Satellite in modo che lo stesso sia accessibile solo da una rete dell'area locale, oppure risulti accessibile sia dalla suddetta rete che da internet. La versione di Satellite del sito web di RHN, permette di avere un controllo completo attraverso i sistemi client, i gruppi e gli utenti. I tool di gestione di RHN Satellite vengono utilizzati per sincronizzare con Red Hat Network sia il database di RHN Satellite, che la repository del pacchetto. Il tool di importazione di RHN Satellite permette all'amministratore del sistema, di posizionare i pacchetti RPM personalizzati nella repository del pacchetto. RHN Satellite può essere utilizato insieme a RHN Proxy Server in modo da consegnare un Red Hat Network efficiente all'organizzazione. Per esempio, una organizzzione può mantenere un RHN Satellite in un luogo sicuro. I sistemi Red Hat che presentano un accesso di rete locale al RHN Satellite, saranno in grado di collegarsi. Altri uffici remoti possono mantenere delle installazioni RHN Proxy Server in grado di eseguire un collegamento al RHN Satellite. Le diverse posizioni presenti all'interno dell'organizzazione devono essere collegate tra loro 'networked', esse possono essere reti private che non necessitano, per i sistemi in questione, di un collegamento internet. Per maggiori informazioni consultate la RHN Proxy Server Installation Guide. Figura 1.1. Utilizzo di RHN Satellite e RHN Proxy Server 1.5. Sommario delle fasi L'implementazione di un RHN Satellite efficiente richiede molto di più di una installazione software e di un database. I sistemi client devono essere configurati in modo da utilizzare Satellite. I pacchetti personalizzati, insieme ai canali, dovrebbero essere creati per un utilizzo ottimale. Poichè questi compiti vanno oltre l'installazione di base, essi vengono affrontati in dettaglio su altre guide e su RHN Satellite Installation Guide. Per un elenco completo di documenti tecnici necessari, consultate Capitolo 2, Requisiti. Questa sezione desidera fornire un elenco definitivo di tutte le fasi necessarie e consigliate, partendo dal processo di valutazione fino ad affrontare l'impiego del pacchetto personalizzato. Le suddette fasi devono essere eseguite con un ordine simile al seguente: 1. Dopo un processo di valutazione, contattate il vostro responsabile alle vendite di Red Hat in modo da poter acquistare RHN Satellite. 2. Il rappresentante di Red Hat invierà tramite una il Certificato di Entitlement del RHN. 3. Il rappresentante di Red Hat creerà un account 'Satellite-entitled' sul sito web di RHN, e successivamente invierà le informazioni per il vostro login. 6

10 Capitolo 1. Introduzione 4. Eseguite il login sul sito web di RHN (rhn.redhat.com) e scaricate le ISO di distribuzione per Red Hat Enterprise Linux AS 4 o Red Hat Enterprise Linux 5 e RHN Satellite. Le suddette distribuzioni sono disponibili sulla scheda Downloads delle rispettive pagine Informazioni sul canale. Per informazioni consultate la RHN Reference Guide. 5. All'interno del sito web di RHN, scaricate le ISO del Channel Content servite dal vostro Satellite, disponibili anche tramite la tabella Downloads della pagina Informazioni sul canale di Satellite. Le suddette ISO differiscono da quelle di distribuzione affrontate precedentemente, poichè esse contengono i metadata necessari a Satellite, per analizzare e servire i pacchetti. 6. Se state installando i Database stand-alone preparate l'istanza del vostro database utilizzando la formula presente nel Capitolo 2, Requisiti. 7. Installate Red Hat Enterprise Linux e successivamente RHN Satellite sulla macchina Satellite. 8. Create il primo account utente su Satellite aprendo l'hostname di Satellite in un Web browser, e facendo clic su Crea Account. Questo sarà l'account dell'amministratore di Satellite (riferito anche come Organization Administrator). 9. Utilizzate RHN Satellite Synchronization Tool per importare i canali ed i pacchetti associati all'interno di Satellite. 10. Registrate una macchina in grado di rappresentare ogni tipo di distribuzione o canale (Red Hat Enterprise Linux 4 o 5), su Satellite. 11. Copiate (usando SCP) i file di configurazione rhn_register e up2date dalla directory /etc/sysconfig/rhn/ di ogni macchina, sulla directory /pub/ di Satellite. rhn-orgtrusted-ssl-cert-*.noarch.rpm sarà già disponibile. 12. Scaricate e installate da Satellite i file di configurazione e rhn-org-trusted-ssl-cert- *.noarch.rpm, sui sistemi client restanti dello stesso tipo di distribuzione. Ripetete questa fase e quella precedente, fino a quando tutte le distribuzioni sono state completate. 13. Attraverso il sito web di Satellite, potete creare una Chiave di attivazione per ogni distribuzione, idonea al canale di base appropriato. A questo punto, i gruppi del sistema ed i canali figlio possono essere predefiniti. 14. Eseguite successivamente la Chiave di attivazione dalla linea di comando (rhnreg_ks) di ogni sistema client. Notate che questa fase può essere programmata, in modo da poter registrare e riconfigurare tutti i sistemi client in una distribuzione. 15. A questo punto dovreste conservare tutti i nomi utenti più importanti, le password ed altre informazioni di login, e conservarle in diversi luoghi sicuri. 16. Adesso che Satellite è stato popolato con i canali ed i pacchetti standard di Red Hat, e tutti i client risultano essere collegati, potreste iniziare a creare e servire i canali personalizzati ed i pacchetti. Una volta sviluppati gli RPM personalizzati, potete importarli all'interno di Satellite utilizzando RHN Push, e aggiungere i canali personalizzati per poterli conservare attraverso il sito web di Satellite. Per maggiori informazioni consultate la RHN Channel Management Guide Aggiornamenti Se desiderate eseguire l'aggiornamento di Satellite ad una versione più recente allora sarà necessario avere un: Certificato di Satellite Pacchetto per la documentazione di aggiornamento di Satellite (rhn-upgrade) ISO per una nuova installazione Certificato di Satellite Per ottenere un certificato di Satellite visitate il Red Hat support su Pacchetto per la documentazione di aggiornamento di Satellite (rhnupgrade) Per installare il pacchetto rhn-upgrade assicuratevi che satellite sia registrato a RHN e Red Hat Network Satellite Channel, successivamente utilizzate il tool di aggiornamento del pacchetto per la versione di Red Hat Enterprise Linux per installare rhn-upgrade con il seguente comando (su Red Hat Enterprise Linux 5 e versioni più recenti): yum install rhn-upgrade Per utenti Red Hat Enterprise Linux 4 eseguire il seguente comando: up2date rh-upgrade È possibile scaricare il pacchetto direttamente da Red Hat Network eseguendo le seguenti fasi: 1. Eseguire il login sull'interfaccia web RHN Hosted su https://rhn.redhat.com/. 2. Fare clic sulla scheda Canali. 3. In Filtra per canale del prodotto selezionare Red Hat Network Products, e successivamente la versione corrente di RHN Satellite, e per finire l'architettura del server di Satellite dai menu a tendina. 4. Selezionare Filtra. 5. Fate clic per espandere l'albero di Red Hat Enterprise Linux per la versione del sistema operativo di base. 6. Fate clic sul link nella colonna Architetturae corrispondente al Red Hat Network Satellite. 7. Selezionate la schede Pacchetti. 8. Nella casella di dialogo Filtra per pacchetti digitare rhn-upgrade e successivamente selezionare Vai. 9. Selezionate l'ultimissima versione del pacchetto rhn-upgrade per la versione di Satellite desiderata per l'aggiornamento. 10. Fate clic sul link Scarica pacchetto. 11. Copiare il pacchetto sul server del Satellite. 12. Sul server del Satellite eseguire il seguente comando: rpm -Uvh rhn-upgrade-version.rpm ISO per una nuova installazione È possibile scaricare la suddetta ISO eseguendo le fasi di seguito riportate: 1. Eseguite il login su RHN 2. Fate clic su Scarica Software nella parte sinistra della schermata 3. Cercate la versione di Red Hat Enterprise Linux da voi attualmente utilizzata 4. Fate clic sull'ultimissima versione di RHN Satellite 5. Successivamente scegliete tra la versione embedded Oracle Database ISO o non-embedded 7

11 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Una volta terminato le fasi necessarie consultate le informazioni relative all'aggiornamento di Satellite presenti all'interno del file /etc/sysconfig/rhn/satellite-upgrade/readme nel pacchetto rhn-upgrade. Importante Se eseguite un aggiornamento da RHN Satellite 5.2, o una versione precedente, a RHN Satellite 5.3 o versione più nuova, fate attenzione poichè i file kickstart creati nelle versioni precedenti devono essere aggiornati per poter operare correttamente nella versione Satellite aggiornata. Per esempio se il file kickstart RHN Satellite 5.2 indicava il seguente URL: Modificare l'url dopo aver terminato l'aggiornamento a RHN Satellite 5.3 o versione più recente: 8

12 Capitolo 2. Requisiti Capitolo 2. Requisiti Prima dell'installazione è necessario soddisfare i seguenti requisiti Requisiti software È necessario avere i seguenti componenti per poter eseguire una installazione: Sistema operativo di base RHN Satellite è supportato con Red Hat Enterprise Linux 5. Il sistema oeprativo può essere installato tramite disco, immagine ISO locale, kickstart o qualsiasi altro metodo supportato da Red Hat. Le installazioni di Red Hat Enterprise Linux devono fornire il gruppo di con nessuna altra modifica dell'insieme di pacchetti e senza configurazione di terze parti o software non direttamente necessari per una funzionalità diretta del server. Questa limitazione include qualsiasi altro software di sicurezza non-red Hat. Se i suddetti software sono necessari per la vostra infrastruttura installate e verificate prima il funzionamento completo di Satellite e successivamente eseguite un backup del sistema prima di aggiungere qualsiasi software non-red Hat. Durante l'installazione di un nuovo RHN Satellite è consigliato l'installazione dell'ultimissimo aggiornamento di Red Hat Enterprise Linux. Satellite può essere installato su Red Hat Enterprise Linux 5 in qualsiasi ambiente virtualizzato supportato da Red Hat, incluso Xen, KVM, e VMware. Da notare che per implementazioni in ambienti di produzione è consigliato l'uso di RHN Satellite come unica applicazione in esecuzione sull'hardware fisico sottostante per evitare eventuali conflitti. Altresì il supporto funzionale per ambienti virtualizzati non è sempre uguale alle prestazioni per una esecuzione su hardware fisici, per questo motivo selezionate attentamente il vostro ambiente virtualizzato preferito ed eventuali linee guida per la regolazione consigliata. Nota Bene Ogni prodotto RHN Satellite acquistato include una istanza supportata di Red Hat Enterprise Linux Server. RHN Satellite deve essere installato su una nuova installazione di Enterprise Linux dove RHN Satellite è la sola applicazione e servizio forniti dal sistema operativo. L'uso del sistema operativo Red Hat Enterprise Linux incluso con RHN Satellite per eseguire altri demoni, applicazioni o servizi all'interno del vostro ambiente non è supportato. RHN Satellite supporta la politica SELinux in modalità enforcing o permissive su Red Hat Enterprise Linux 5. SELinux è un set di politiche software per la sicurezza il quale implementa un controllo d'accesso obbligatorio per Red Hat Enterprise Linux ed altri sistemi operativi. Gli utenti possono avere SELinux in modalità enforcing o permissive con una politica targeted impostata durante l'installazione di Proxy o Satellite. Disco d'installazione di Satellite o ISO contiene il RHN Satellite Installation Program. Tutti i pacchetti necessari per supportare il Programma vengono installati automaticamente, e non necessitano di alcun intervento aggiuntivo da parte dell'utente. Nota Bene Oltre ai sono necessari alcuni pacchetti aggiuntivi per installare Red Hat Network Satellite. Il programma d'installazione di Satellite vi richiederà se desiderate installare i pacchetti elencati o se desiderate scaricare i file da RHN. Se il vostro sistema non è registrato con RHN, allora sarà necessario avere un media d'installazione di Red Hat Enterprise Linux durante il processo d'installazione di Satellite per poter installare i suddetti pacchetti. I file necessari per l'installazione di Satellite sono elencati nel file rhelrpms posizionati nella directory updates sull'immagine ISO per l'installazione di Satellite. Channel Content Tutti i pacchetti software e i dati esportati, per tutti i canali di Red Hat aventi diritto. Tale contenuto può essere caricato direttamente su Satellite dopo aver eseguito una installazione utilizzando RHN Satellite Synchronization Tool, oppure potrete ottenerlo dal vostro rappresentante Red Hat se non è possibile eseguire il processo di sincronizzazione, come ad esempio può avvenire in un ambiente non collegato. Se installate Red Hat Enterprise Linux 5 o versioni più recenti utilizzando il CD o l'immagine ISO, non sarà necessario selezionare alcun gruppo di pacchetti, selezionate solo l'installazione di base. Se desiderate installare uno dei sistemi operativi sopra indicati tramite kickstart, selezionate il gruppo di Base Requisiti hardware RHN Satellite supporta diverse architetture hardware. La seguente tabella mostra il supporta per RHN Satellite su Red Hat Enterprise Linux 5. Red Hat Enterprise Linux 5. Tabella 2.1. RHN Satellite con il supporto dell'architettura Red Hat Enterprise Linux Versione RHEL x86 x86_64 s390 s390x RHEL 5 si si no si Requisiti hardware per x86 e x86_64 La seguente tabella mostra le configurazioni hardware consigliate e necessarie per piattaforme x86 e x86_64 per le due tipologie di RHN Satellite: 9

13 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Tabella 2.2. Requisiti hardware di Satellite Stand-Alone Database e Embedded Database. Stand-Alone Database Necessario - Intel Core processor, 2.4GHz, 512K cache o equivalente Consigliato - Intel multi-core processor, 2.4GHz dual processor, 512K cache o equivalente Richiesto - 2 GB di memoria Consigliato - 8 GB di memoria 5 GB di storage per una installazione di base di Red Hat Enterprise Linux Almeno 30GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili all'installazione Consigliato - un SAN esterno per backup più affidabili Embedded Database Necessario - Intel Core processor, 2.4GHz, 512K cache o equivalente Consigliato - Intel multi-core processor, 2.4GHz dual processor, 512K cache o equivalente Richiesto - 2 GB di memoria Fortemente consigliato - 8 GB di memoria 5 GB di storage per una installazione di base di Red Hat Enterprise Linux Almeno 30GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili all'installazione Consigliato - un SAN esterno per backup più affidabili 12 GB di storage per la repository del database, nella partizione /rhnsat (solo storage locale) Fortemente consigliato - un drive SCSI collegato ad un RAID di livello 5 Partizione separata (o meglio, un insieme separato di dischi fisici) per la conservazione dei backup. A tale scopo sarà idonea qualsiasi directory specificabile al momento del backup. Oltre allo spazio necessario per l'installazione di Red Hat Enterprise Linux e /var/satellite/, sarà necessario avere spazio disponibile per i file della cache generati durante l'utilizzo di Satellite, i quali vengo generati in base alle necessità. I suddetti file sono archiviati all'interno di /var/cache/rhn ed i requisiti di archiviazione della directory varieranno in base ai seguenti fattori: numero di canali sincronizzati o importati da RHN o dai Channel dump numero di canali e pacchetti personalizzati in possesso Se utilizzate o meno Inter-Satellite Sync Come linee guida avere a disposizione almeno 10 GB di spazio per /var/cache/rhn/ su di un server Satellite. Per implementazioni Satellite molto grandi con numerosi canali, pacchetti ed utilizzando Inter Satellite Sync, l'utilizzo potrebbe richiedere fino a 100 GB di spazio per i file della cache in /var/cache/rhn. La seguente configurazione hardware risulta essere necessaria per Stand-Alone Database: Due processori 2 GB di memoria Per istruzioni su come stimare la misura dello spazio della tabella ed impostare le proprie variabili d'ambiente consultate Sezione 2.3, «Requisiti del database». Ricordate che la frequenza con la quale i sistemi client si collegano al Satellite dipende direttamente dal carico presente su Apache Web server e dal database. Se si riduce l'intervallo di default di quattro ore (o 240 minuti), come impostato sul file di configurazione /etc/sysconfig/rhn/rhnsd dei sistemi client, aumenterete in modo significativo anche il carico sui componenti in questione Requisiti hardware s/390 Per la piattaforma principale s/390 la seguente tabella mostra i requisiti e le configurazioni consigliate per i database embedded e standalone. Tabella 2.3. Requisiti hardware di Satellite Stand-Alone Database e Embedded Database per piattaforme s/390 Stand-Alone Database Necessario - 1 IFL, nella configurazione LPAR o condiviso tramite z/vm Consigliato 2+ IFL con z9 o versioni più recenti, 1+ IFL con z10 Necessario - 2 GB di storage (memoria) Consigliato - 8 GB di memoria Necessario - 1 GB swap su ECKD DASD Consigliato MB swap su VDISK + 1 GB swap su ECKD DASD Necessario - 1xMod3 ECKD DASD o 2 GB FCP SCSI LUN per installazioni dell'os Consigliato - 1xMod9 ECKD DASD o 2 GB multipathed FCP SCSI LUN per installazioni Red Hat Enterprise Linux Almeno 30GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili all'installazione Consigliato - z/vm 5.3 o versioni più recenti [a] Consigliato - VSWITCH o Hipersocket LAN per collegamenti ad elevata velocità per i guest [a] z/vm necessario per il kickstart/provisioning dei guest. Embedded Database Necessario - 1 IFL, nella configurazione LPAR o condiviso tramite z/vm Consigliato 2+ IFL con z9 o versioni più recenti, 1+ IFL con z10 Necessario - 2 GB di storage (memoria) Consigliato - 8 GB di memoria Necessario - 1 GB swap su ECKD DASD Consigliato MB swap su VDISK + 1 GB swap su ECKD DASD Necessario - 1xMod3 ECKD DASD o 2 GB FCP SCSI LUN per installazioni dell'os Consigliato - 1xMod9 ECKD DASD o 2 GB multipathed FCP SCSI LUN per installazioni Red Hat Enterprise Linux 12 GB di spazio su disco stimato per database embedded Almeno 30GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili all'installazione Consigliato - z/vm 5.3 o versione più recente Consigliato - VSWITCH o Hipersocket LAN per collegamenti ad elevata velocità per i guest Requisiti aggiuntivi Requisiti hardware aggiuntivi includono anche: Lo Stand-Alone Database non deve essere eseguito sullo stesso server del RHN Satellite. La repository del pacchetto può essere rappresentata da qualsiasi dispositivo di storage accessibile in modo semplice e sicuro da altri componenti. I requisiti di spazio dipendono dal numero di pacchetti da conservare. I canali di default di Red Hat contengono ognuno circa 3 GB di pacchetti, e la misura aumenta con ogni sincronizzazione; i clienti devono altresì considerare i requisiti di spazio dei pacchetti nei propri canali privati. Qualsiasi soluzione di storage scelta dal cliente, il proprio mount point deve essere definito durante il processo di installazione. Se state installando RHN Satellite con Embedded Database, andate sulla Sezione 2.4, «Requisiti aggiuntivi». 10

14 Capitolo 2. Requisiti 2.3. Requisiti del database Questa sezione è valida solo per RHN Satellite con Stand-Alone Database, in quanto i requisiti per Embedded Database sono inclusi con i requisiti hardware della macchina Satellite. Red Hat supporta le installazioni RHN Satellite insieme con Oracle Database 10g Release 2 Edizioni Standard e Enterprise Edition o Oracle 11g. Stand-Alone Database non deve essere eseguito sullo stesso server di RHN Satellite. Per la maggior parte delle installazioni è consigliato un singolo tablespace di 6 GB, altresì è importante sottolineare che per numerosi clienti, potrebbe essere sufficiente un tablespace più piccolo. Per poter valutare nel miglior modo possibile le problematiche riguardanti la dimensione, è necessaria la consulenza di un Oracle database administrator (DBA) con molta esperienza. Per poter determinare la dimensione più idonea per il vostro database è consigliabile utilizzare la seguente formula: 192 KB per sistema client 64 MB per canale Per esempio, un RHN Satellite contenente 10 canali asserviti a 10,000 sistemi, richiederà 1.92 GB per i propri client, e 640 MB per i propri canali. Se è necessario stabilire dei canali personalizzati per la prova e l'utilizzo dei pacchetti, essi devono essere inclusi in questa formula. Ricordate che le esigenze dello storage del database potrebbero aumentare rapidamente in base ai seguenti fattori: Al numero dei pacchetti pubblici di Red Hat importati (generalmente: 5000) Al numero dei pacchetti privati da gestire (generalmente: 500) Al numero di sistemi da gestire (generalmente: 500) Al numero di pacchetti installati sul sistema medio (generalmente: 500) È possibile essere generosi durante il processo di stima della dimensione del database, ma è importante considerare che la misura è in grado di influire sul tempo necessario per eseguire i backup, e durante l'aggiunta del carico ad altre risorse del sistema. Se il database risulta essere condiviso, il proprio hardware e lo spazio in questione, sono interamente dipendenti dall'entità che utilizza il database stesso. Altresì, le dimensioni del blocco devono essere di almeno 8 KB, per una installazione corretta di RHN Satellite. Il database di Oracle dovrebbe avere un utente assegnato a RHN Satellite con un accesso completo a DDL e DML al tablespace di default dell'utente in questione. Al momento dell'installazione, l'utente avrà bisogno delle informazioni standard di collegamento per il database. I livelli d'accesso precisi richiesti dall'utente di Oracle sono i seguenti: ALTER SESSION CREATE SEQUENCE CREATE SYNONYM CREATE TABLE CREATE VIEW CREATE PROCEDURE CREATE TRIGGER CREATE TYPE CREATE SESSION Riquisiti aggiuntivi del database includono: Security Identifier (SID) Port Listener Nome utente Set di caratteri UTF-8 Due suggerimenti utili per il tablespace predefinito dell'utente includono: Dimensione Estesa Uniforme Gestione automatizzata spazio del segmento Nota Bene Assicuratevi che l'impostazione NLS/charset sia impostata su "UTF8" se usate un database esterno, e non 'AL32UTF8' o altri caratteri. Utilizzando set di caratteri diversi, potreste generare un errore. La struttura del disco sulla macchina database, è indipendente dal RHN Satellite ed interamente a discrezione del cliente Requisiti aggiuntivi Prima di poter installare RHN Satellite è necessario soddisfare i seguenti requisiti: Accesso completo I sistemi client necessitano di un accesso di rete completo alle porte ed ai servizi della soluzione RHN Satellite. Regole firewall RHN consiglia vivamente di implementare un firewall con RHN Satellite per protegerlo da Internet. Tuttavia, ci sarà sempre la necessità di aprire diverse porte TCPsul Satellite, in base alla vostra implementazione di RHN Satellite stesso: 11

15 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Tabella 2.4. Porte da aprire su Satellite Porta Direzione Motivo 67 In entrata Aprire questa porta per configurare il sistema Satellite come server DHCP per sistemi che richiedono gli indirizzi IP. 69 In entrata Aprire questa porta per configurare Satellite come server PXE e permettere una installazione e reinstallazione dei sistemi abilitati ad un avvio PXE. 80 In uscita Satellite utilizza questa porta per raggiungere RHN 80 In entrata Le richieste client e WebUI arrivano tramite http o https 443 In entrata Le richieste client e WebUI arrivano tramite http o https 443 In uscita RHN Satellite utilizza questa porta per raggiungere RHN [a] (a meno che non viene eseguito in modalità scollegato per Satellite) 4545 In ingresso/in uscita Se Monitoring è stato abilitato ed i probe sono stati configurati per la registrazione dei sistemi, RHN Satellite Monitoring esegue i collegamenti su rhnmd in esecuzione sul sistema client In entrata Se desiderate inoltrare delle azioni ai sistemi client 5269 In ingresso/in uscita Se inoltrate delle azioni per o attraverso un RHN Proxy Server [a] L'elenco degli host di RHN è il seguente: rhn.redhat.com, xmlrpc.rhn.redhat.com, satellite.rhn.redhat.com, contentxmlrpc.rhn.redhat.com, content-web.rhn.redhat.com, e content-satellite.rhn.redhat.com Da no tare che Red Hat no n fo rnisce alcun ind irizzo IP statico p er RHN p o ichè l'ip è so g g etto a mo d ifiche. Se d esid erate disabilitare il location aware content controllate l'articolo relativo alla Red Hat KnowledgeBase sul seguente URL: http ://kb ase.red hat.co m/faq /d o cs/do C [a] Tempi sincronizzati del sistema Grande importanza viene data alla sensibilità del tempo di sincronizzazione durante un collegamento ad un web server che esegue un SSL (Secure Sockets Layer); infatti è molto importante che le impostazioni del client e del server siano molto simili tra loro, per evitare che il certificato SSL non scada prima o durante il suo utilizzo. Per questo motivo Red Hat stabilisce che sia Satellite che tutti i sistemi client, utilizzino il Network Time Protocol (NTP). Tali requisiti sono anche validi per macchine database separate, presenti in RHN Satellite con Stand-Alone Database, il quale a sua volta deve essere impostato sullo stesso fuso orario di Satellite. Impostazione lingua del sistema e Locale È necessario impostare correttamente la codifica UTF-8 per la lingue ed il locale presenti sul sistema RHN Satellite tramite il file /etc/sysconfig/i18n. L'impostazione di LANG nel file deve avere il seguente formato: LANG="[language_TERRITORY].UTF-8" The language and TERRITORY are entered as two-letter codes. For example if your language is English and your locale is the United States, you set your LANG setting to en_us.utf-8. Fully Qualified Domain Name (FQDN) Il sistema sul quale verrà installato RHN Satellite, deve essere in grado di risolvere il proprio FQDN. In caso contrario, i cookie non funzioneranno in modo corretto sul sito web. Nota Bene È importante che l'hostname per Satellite non contenga lettere maiuscole. Un hostname che contiene lettere maiuscole può causare il fallimento di jabberd. Se in qualsiasi momento sarà necessario modificare l'hostname di Satellite consultate Sezione 8.7, «Modifica dell'hostname di Satellite». Domain Name Service (DNS) funzionante I client per poter essere in grado di risolvere i propri nomi del dominio di RHN Satellite, devono essere collegati, insieme ai nomi del dominio stesso, ad un server DNS funzionante presente in un ambiente customer. Un certificato di Entitlement Il cliente riceverà tramite da un addetto alle vendite, un certificato di entitlement firmato che affronta i servizi forniti da Red Hat attraverso RHN Satellite. Tale certificato sarà richiesto durante il processo di installazione. Se non siete in possesso di un Entitlement Certificate al momento dell'installazione contattate il Red Hat Global Support Services: https://www.redhat.com/apps/support/ Un account di Red Hat Network I clienti che si collegheranno ai server centrali di Red Hat Network per ricevere gli aggiornamenti incrementali, avranno bisogno di un account esterno con Red Hat Network. Il suddetto account, dovrà essere impostato al momento dell'acquisto del prodotto tramite l'addetto alle vendite. Avvertenza Non registrate il vostro RHN Satellite ai seguenti canali figlio disponibili su RHN Hosted: Red Hat Developer Suite Red Hat Application Server Red Hat Extras Con la sottoscrizione ai suddetti canali e l'aggiornamento del vostro Satellite (come ad esempio l'esecuzione di yum su Red Hat Enterprise Linux 5, 5 o up2date su versioni più recenti di Red Hat Enterprise Linux), potreste installare versioni nuove ma incompaibili di componenti software, con un conseguente fallimento di Satellite. Backup delle informazioni di login È obbligatorio che i clienti mantengano traccia di tutte le informazioni di login primarie. Per RHN Satellite ciò include i nomi utente e le password per l'account Organization Administrator su rhn.redhat.com, informazioni sull'account dell'amministratore primario presente sullo stesso Satellite, informazioni sulla generazione del certificato SSL, e le inforlazioni sul collegamento al database (il quale richiede anche un SID o un nome del servizio di rete). Red Hat consiglia vivamente che le suddette informazioni siano copiate su due floppy disk separati, stampate su carta, e conservate in un luogo sicuro. 12

16 Capitolo 2. Requisiti In aggiunta ai suddetti requisiti è consigliata la configurazione di RHN Satellite nel modo seguente: L'intera soluzione RHN Satellite dovrebbe essere protetta da un firewall se il Satellite accederà o verrà visitato tramite internet. Non è necessario l'utilizzo di un collegamento internet per RHN Satellite, se lo stesso viene eseguito in ambienti completamente scollegati, in quanto è possibile utilizzare le ISO del Chanel Content, i quali possono essere scaricati su di un sistema separato, in modo da sincronizzare il Satellite con i server Red Hat Network centrali. Tutti gli altri RHN Satellite dovrebbero essere sincronizzati direttamente tramite internet. Nota Bene Se state eseguendo un Satellite non collegato il quale non risulta essere registrato con il RHN Hosted, il programma d'installazione ritornerà un elenco di pacchetti aggiuntivi mancanti da installare, oltre con una sua successiva uscita. Questo comportamento vi permetterà di installare questi pacchetti. A tal proposito potreste usare l'immagine ISO d'installazione o un DVD, per creare un repositorio per quei pacchetti aggiuntivi e successivamente rieseguire il programma d'installazione di Satellite. Tutte le porte devono essere isolate tramite l'utilizzo del firewall. I sistemi client si collegano a RHN Satellite solo attraverso le porte 80, 443 e 4545 (se il Monitoring è abilitato). In aggiunta, se desiderate abilitare il processo di pushing delle azioni dal Satellite ai sistemi client, come descritto in Sezione 8.11, «Esecuzione di Push per i client», è necessario abilitare i collegamenti in entrata attraverso la porta Per finire, se Satellite eseguirà il push su di un RHN Proxy Server, è necessario abilitare i collegamenti in entrata sulla porta Nessun componente del sistema deve essere direttamente disponibile in modo pubblico. Nessun utente, ad eccezione degli amministratori di rete, deve aver accesso a queste macchine tramite l'utilizzo di una shell. Tutti i servizi non necessari dovrebbero essere disabilitati tramite ntsysv o chkconfig. Il servizio httpd dovrebbe essere abilitato. Se Satellite serve i sistemi con un entitlement di Monitoring, e se desiderate essere informati tramite delle notifiche ricevute, è necessario configurare sendmail in modo da gestire in modo appropriato la posta in entrata, come descritto nella Sezione 4.5, «Configurazione di Sendmail». Per finire, è consigliato avere sempre a portata di mano i seguenti documenti tecnici in caso di necessità: 1. The RHN Satellite Installation Guide La guida che state ora leggendo, è in grado di fornirvi le fasi essenziali, necessarie per impostare ed eseguire RHN Satellite. 2. The RHN Client Configuration Guide Questa guida spiega come configurare i sistemi serviti da un RHN Proxy Server o RHN Satellite (tale processo molto probabilmente richiederà anche l'utilizzo della RHN Reference Guide, la quale contiene le fasi necessarie per la registrazione e l'aggiornamento dei sistemi.) 3. The RHN Channel Management Guide Questa guida identifica in dettaglio i metodi consigliati per la creazione dei pacchetti personalizzati, dei canali personalizzati e come gestire gli Errata privati. 4. The RHN Reference Guide La suddetta guida descrive come creare gli account di RHN, registrare ed aggiornare i sistemi, e utilizzare il sito web di RHN al massimo delle proprie potenzialità. Questa guida molto probabilmente vi sarà molto utile durante il processo di installazione e di configurazione del sistema. 13

17 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Capitolo 3. Esempio di tipologie RHN Satellite può essere configurato in diversi modi. Selezionate un solo metodo a seconda dei seguenti fattori: Il numero totale di sistemi client da servire da parte di RHN Satellite. Il numero massimo di client attualmente previsti, per la connessione a RHN Satellite. Il numero di pacchetti personalizzati e di canali da servire da parte di RHN Satellite. Il numero di RHN Satellite utilizzati all'interno di un ambiente del cliente. Il numero di RHN Proxy Server utilizzati all'interno di un ambiente del cliente. Il resto del capitolo descrive le configurazioni possibili, spiegandone anche i loro benefici Topologia di Satellite singolo La configurazione più semplice è quella di un RHN Satellite singolo per servire l'intera rete. Tale configurazione risulta idonea per servire un gruppo, di grandezza media, di client e di rete. Lo svantagio nell'uso di un solo RHN Satellite è quello della prestazione. Infatti con questa configurazione, la prestazione non risulterà ottimale poichè il numero di client che richiedono i pacchetti è maggiore. Figura 3.1. Topologia di Satellite singolo 3.2. Tipologia di Satellite Multipli Orizzontali Per reti molto grandi potrebbe essere necessario implementare un metodo più ramificato, come ad esempio una configurazione con RHN Satellite multipli orizzontali, bilanciando così il carico rappresentato dalle richieste dei client. È possibile sincronizzare i contenuti tra RHN Satellite utilizzando i comandi rhn-satelliteexporter e satellite-sync -m. Questa funzione viene affrontata in modo più dettagliato in Sezione 6.1.1, «rhn-satellite-exporter». Uno degli svantaggi di una struttura orizzontale, è rappresentato dal bisogno di una manutenzione aggiuntiva. Figura 3.2. Tipologia di Satellite Multipli Orizzontali 3.3. Topologia di Satellite-Proxy verticali Un metodo alternativo per poter bilanciare il carico, è rappresentato dall'implementazione di una serie di RHN Proxy Server posizionate sotto un RHN Satellite. Le suddette Proxy si collegano al Satellite per gli RPM provenienti da Red Hat Network, e per i pacchetti personalizzati creati in modo locale. In questo modo le Proxy si comportano come client di Satellite. In questa configurazione verticale, i canali e gli RPM vengono creati solo sul RHN Satellite. In questo modo le Proxy ereditano e successivamente servono i pacchetti da una posizione centrale. Per informazioni consultate la RHN Channel Management Guide. In modo simile dovreste creare i certificati SSL Proxy client di Satellite, impostandoli in modo da servire i sistemi client. Questo processo viene descritto all'interno della RHN Client Configuration Guide. Figura 3.3. Topologia di Satellite-Proxy verticali 14

18 Capitolo 4. Installazione Capitolo 4. Installazione Questo capitolo descrive la fase iniziale dell'installazione di RHN Satellite. Tale processo necessita dei prerequisiti elencati nel Capitolo 2, Requisiti. Se invece desiderate eseguire un aggiornamento ad una versione più recente di RHN Satellite, contattate il vostro rappresentante Red Hat per assistenza Installazione di base RHN Satellite è stato creato per essere eseguito su sistemi operativi Red Hat Enterprise Linux. Per questo motivo come prima cosa installare il sistema operativo di base, sia disco, immagine ISO o kickstart. Durante e dopo il processo di installazione del sistema operativo assicuratevi di: Allocare spazio sufficiente alle partizioni per la conservazione dei dati. La posizione di default per i pacchetti del canale è /var/satellite/. Per RHN Satellite con Embedded Database, ricordate che gli RPM del database vanno allocati nella partizione /opt/, mentre il database stesso viene creato in /rhnsat/. Per maggiori informazioni consultate la Sezione 2.2, «Requisiti hardware». Abilitate il Network Time Protocol (NTP) sul Satellite e sul database separato, se esistente, e selezionare il fuso orario appropriato. Tutti i sistemi client dovrebbero già eseguire il demone ntpd, ed essere impostati sul fuso orario corretto. A causa di eventuali complicazioni è fortemente consigliato montare in modo locale la partizione /home/ RHN Satellite Installation Program Le seguenti informazioni descrivono come eseguire il RHN Satellite Installation Program: Importante A causa di potenziali complicazioni, è fortemente consigliato montare in modo locale la partizione /home/. 1. Eseguite il login come utenti root. 2. Inserire il CD del server di RHN Satellite contenente i file di installazione, o scaricate l'immagine ISO dal sito web di RHN. 3. Se state eseguendo una installazione tramite il CD, Red Hat Enterprise Linux è in grado di montare automaticamente il CD. Se eseguirà tale procedura, monterà il CD sulla directory /media/cdrom/. Se invece Red Hat Enterprise Linux non esegue il montaggio automatico del CD, eseguite il mount manuale sulla directory /media/cdrom/ con il seguente comando: mount /dev/cdrom /media/cdrom Se state eseguendo una installazione tramite ISO, montate il file dalla directory che contiene il file stesso utilizzando il seguente comando: mount -o loop iso_filename /media/cdrom Il resto delle istruzioni presumono che esso sia stato montato in /media/cdrom/. 4. Assicuratevi che il RHN Entitlement Certificate sia stato caricato sul file system di Satellite. Esso può essere chiamato in qualsiasi modo e posizionato in qualsiasi directory. Il programma d'installazione vi richiederà di specificare anche la sua posizione. Altresì, assicuratevi che siano stati garantiti al vostro account gli entitlement necessari, per poter eseguire il processo d'installazione. Per esempio, un nuovo Satellite richiederà sia l'entitlement Management o l'entitlement Provisioning per Red Hat Enterprise Linux AS insieme ad un entitlement RHN Satellite. Avvertenza Gli utenti dovranno tener presente che il RHN Satellite Installation Program è in grado di aggiornare il kernel, insieme a pacchetti richiesti. 5. Dalla directory /media/cdrom/, inserite il seguente comando per poter avviare il RHN Satellite Installation Program:./install.pl Questo script presenta diverse opzioni atte a facilitare il processo d'installazione. Per poter visualizzare queste opzioni inserite il seguente comando:./install.pl --help 6. Lo script passa attraverso un controllo dei suoi prerequisiti. Il suddetto controllo assicura che tutti i prerequisiti presenti nel Capitolo 2, Requisiti, vengano soddisfatti prima di iniziare il processo d'installazione vero e proprio. * Starting the Red Hat Network Satellite installer. * Performing pre-install checks. * Pre-install checks complete. Beginning installation. 7. Al prompt, inserite l'indirizzo attraverso il quale desiderate ricevere le notifiche provenienti dal Satellite. È consigliabile scegliere un indirizzo generale invece di un indirizzo specifico personale, poichè saranno recapitate un numero molto largo di notifiche .? Admin address? 8. A questo punto Satellite verrà registrato con l'account di RHN Hosted, e tutti i pacchetti necessari risulteranno installati ed aggiornati. * RHN Registration * Installing updates. * Installing RHN packages. 9. Successivamente il RHN Satellite Installation Program scaricherà ed installerà la chiave GPG di RHN, impostando la directory /root/.gnupg/ se necessario. * Setting up environment and users ** GPG: Initializing GPG and importing RHN key. ** GPG: Creating /root/.gnupg directory 10. La fase successiva è rappresentata dalla creazione e popolazione del database iniziale, se precedentemente avete scelto RHN Satellite con Embedded Database. Se state installando RHN 15

19 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Satellite con Stand-Alone Database, l'nstaller si collega con il database. Questa fase può richiedere svariati minuti. Se desiderate controllare i progressi del processo d'installazione, utilizzate tail tramite una finestra separata per controllare il file /var/log/rhn/install_db.log. * Setting up database. ** Database: Installing the embedded database (not the schema). ** Database: Shutting down the database first. ** Database: Installing the database: ** Database: This is a long process that is logged in: ** Database: /var/log/rhn/install_db.log *** Progress: #### 11. Una volta completato il processo d'installazione del database, oppure una volta che il collegamento al database è stato stabilito, Satellite risulterà configurato. * Setting up environment and users. 12. Per poter attivare Satellite sarà necessario fornire la posizione del vostro Certificato di Satellite. * Activating Satellite. Where is your satellite certificate file? /root/example.cert 13. Nella fase successiva create un certificato CA per Satellite. Per fare questo sarà necessario rispondere ad alcune domande. Certificato CA Inserite una password per il certificato. Organizzazione Inserite il nome della vostra organizzazione Indirizzo Inserite un indirizzo da associare con questo certificato, come ad esempio l'indirizzo dell'amministratore inserito nelle fasi sopra riportate. Città Inserite il nome della città nella quale risiede Satellite. Nazione Inserite il nome della nazione nella quale risiede Satellite. Il codice della nazione deve essere esclusivamente composto da due lettere, in caso contrario il certificato fallirà. 14. Una volta generato il certificato CA, il RHN Satellite Installation Program esegue una configurazione finale riavviando i servizi associati. * Final configuration. * Restarting services. Installation complete. Visit https://your-satellite.example.com to create the satellite administrator account. 15. Seguite le informazioni che appariranno sulla scheramata e visitate l'fqdn del vostro Satellite tramite un web browser. Create l'account amministratore di satellite - anche riferito come Organization Administrator - e successivamente selezionate il pulsante Crea Login per procedere alla schermata successiva, ovvero la schermata Il vostro RHN. Figura 4.1. Creazione Account Amministrtore 16. Una casella di testo blu apparirà nella parte alte della schermata, indicando che sarà ora possibile personalizzare la configurazione di Satellite e del suo comportamento. Per fare questo fate clic sul testo in grassetto clicca qui. Figura 4.2. Prompt finale di configurazione 17. La pagina Configurazione Satellite - Configurazione Generale vi permette di alterare le impostazioni di base di Satellite, come ad esempio l'indirizzo dell'amministratore e 16

20 Capitolo 4. Installazione l'abilitazione del processo di Monitoring. Figura 4.3. Configurazione generale 18. La pagina Configurazione di RHN Satellite - Monitoring vi permette di configurare gli aspetti riguardanti il monitoring di questo Satellite. Il local mail exchanger ed il dominio principale locale vengono utilizzati per inviare i messaggi di notifica agli amministratori riguardanti il monitoring. Ciò è necessario solo se desiderate ricevere le notifiche di allerta provenienti dai probe. In tal caso è necessario fornire il server di posta (exchanger) ed il dominio da utilizzare. Da notare che sendmail deve essere configurato in modo da gestire il ridirezionamento delle notifiche . Per maggiori informazioni consultate Sezione 4.5, «Configurazione di Sendmail». Una volta terminato fate clic su Continua. A questo punto verrà visualizzata la pagina Registrazione a RHN. Figura 4.4. Monitoring 19. La pagina Configurazione RHN Satellite - Certificato vi permette di caricare un nuovo certificato Satellite. per identificare il percorso del cartificato fate clic su Cerca, andate alla ricerca del file e una volta trovato selezionatelo. Per inserire i suoi contenuti, aprite il vostro certificato in un editor di testo, copiate tutte le linee ed inseritele direttamente all'interno di un campo di testo molto grande presente nella parte bassa. Red Hat consiglia l'utilizzo del file locator in quanto esso risulta essere meno propenso ad errori. Per continuare fate clic su Convalida certificato. Se ricevete alcuni errori relativi al DNS, assicuratevi che il vostro Satellite sia configurato correttamente. Per maggiori informazioni consultate Sezione 7.4, «Host Non Trovato/Impossibile determinare FQDN». Figura 4.5. Certificato 20. La pagina Configurazione RHN Satellite - Bootstrap vi permette di creare uno script bootstrap in grado di ridirezionare i sistemi client dai server RHN centrali su Satellite. Questo script, da posizionare all'interno della directory /var/www/html/pub/bootstrap/ di Satellite, riduce sensibilmente lo sforzo richiesto per riconfigurare tutti i sistemi, i quali per default, ottengono i pacchetti dai server RHN centrali. I campi in questione vengono popolati con dei valori provenienti da fasi di installazione precedenti. Assicuratevi che queste informazioni siano accurate. Le caselle offrono la possibilità di includere i contenuti interni di security SSL e GNU Privacy Guard (GPG), entrambi consigliati. In aggiunta è possibile abilitare l'accettazione del comando remoto e la gestione remota della configurazione dei sistemi, designati a ricevere il processo di bootstrap. Entrambi questi processi risultano essere molto utili per il completamento della configurazione del client. Per finire, se state utilizzando un server proxy HTTP, completate i campi interessati. Una volta terminato fate clic su Genera lo script di Bootstrap. A questo punto verrà visualizzata la pagina Installazione completa. 17

21 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Figura 4.6. Bootstrap 21. La pagina Configurazione RHN Satellite - Riavvio contiene la fase finale per la configurazione di Satellite. Fate clic sul pulsante Riavvia per riavviare Satellite e per poter incorporare tutte le opzioni di configurazione aggiunte sulle schermate precedenti. Da notare che tale processo richiederà circa quattro o cinque minuti prima di terminare. Figura 4.7. Riavvia 22. Una volta riavviato Satellite, il messaggio di conto alla rovescia scomparirà. A questo punto sarete in grado di poter utilizzare il vostro Satellite. Figura 4.8. Riavvio completato Opzioni per il programma d'installazione di Satellite Le varie opzioni disponibili per il programma d'installazione di Satellite sono di seguito riportate per un vostro riferimento. Tabella 4.1. Opzioni d'installazione Opzione --help --answer-file=<filename> --non-interactive --re-register --disconnected --clear-db --skip-system-version-test --skip-selinux-test --skip-fqdn-test --skip-db-install --skip-db-diskspace-check --skip-db-population --skip-gpg-key-import --skip-ssl-cert-generation --run-updater Uso Visualizza questo messaggio d'aiuto Indica la posizione di un file di risposta da utilizzare per rispondere alle domande durante un processo d'installazione. Per un suo utilizzo solo con --answer-file. Se --answerfile non fornisce una risposta adeguata, esce invece di interrogare l'utente. Registra il sistema con RHN anche se lo stesso è stato precedentemente registrato. Installa Satellite in modalità scollegata Cancella qualsiasi schema database pre-esistente prima di iniziare l'installazione. Tale procedurà distruggerà qualsiasi dato presente all'interno del database di Satellite, ricreando uno schema di Satellite vuoto. Non esegue alcun test della versione di Red Hat Enterprise Linux prima di iniziare l'installazione. Non esegue il controllo per assicurarsi che SELINUX è disabilitato. Non verifica se il sistema possiede un hostname valido. RHN Satellite richiede che l'hostname sia impostato in modo corretto durante l'installazione. Utilizzando la suddetta opzione ne può risultare in un server di Satellite non perfettamente funzionale. Non installa il database embedded. Questa opzione può essere utile se state installando nuovamente satellite, e non desiderate cancellare i contenuti del vostro database. Non esegue alcun controllo per assicurarsi dell'esistenza di spazio libero sul disco sufficiente per installare il database embedded. Non popola lo schema del database. Non importa la chiave GPG di Red Hat. Non genera i certificati SSL per il Satellite. Se il sistema è registrato non chiedete di installare i pacchetti necessari da RHN. 18

22 Capitolo 4. Installazione 4.3. Installazione del RHN Satellite Server automatizzata Una opzione di RHN Satellite Installation Program permette all'utente di far riferimento ad un file di risposta. Il suddetto file contiene alcune risposte precedentemente formulate alla maggior parte delle domande del programma di installazione. Ciò permette all'installer di essere eseguito senza l'intervento umano, ciò è utile in cercostanze in cui l'impiego di Satellite deve essere automatizzato. Un esempio di file di risposta è disponibile nella directory install/ del CD o ISO, intitolato answers.txt. Seguite le fasi di seguito riportate per eseguire un processo d'installazione automatizzato con un file di risposta: 1. Seguite le fasi da 1 a 5 della Sezione 4.2, «RHN Satellite Installation Program». 2. Copiate l'esempio del file answers.txt su /tmp/answers.txt cp answers.txt /tmp/answers.txt 3. Modificate il file ed aggiungete le opzioni desiderate della vostra organizzazione. 4. Quando il file di risposta è pronto, utilizzate l'opzione --answer-file quando inizierete il processo d'installazione dalla linea di comando:./install.pl --answer-file=/tmp/answers.txt Il RHN Satellite Installation Program andrà alla ricerca di risposte all'interno del file. Per qualsiasi opzione non completa all'interno del file, il programma d'installazione richiederà all'utente di inserire le informazioni mancanti Installazione di Satellite dietro un Proxy HTTP A causa del tipo di utilizzo di rhn.conf da parte di RHN Satellite per il controllo delle proprie impostazioni del collegamento non sarà possibile aggiungere le opzioni al file in questione prima di installare RHN Satellite. Se la rete risulta essere dietro un proxy HTTP, non sarà possibile attivare RHN Satellite al momento dell'installazione. Un soluzione a questo problema è di eseguire prima una installazione in modalità scollegata di RHN Satellite, e successivamente usare un metodo collegato dopo il completamento dell'installazione. Di seguito viene riportato il metodo attraverso il quale è possibile creare una installazione in modalità collegata di RHN Satellite dietro ad un proxy HTTP: 1. Completare una installazione minima di Red Hat Enterprise Linux 4 o 5 (in base alla versione di RHN Satellite da installare). 2. Configurare il sistema in modo da collegarsi a RHN dientro il proxy HTTP. Modificare il file nel modo seguente /etc/sysconfig/rhn/up2date.conf: enableproxy=1 enableproxyauth=1 httpproxy=<http-proxy-fqdn> proxyuser=<proxy-username> proxypassword=<proxy-password> 3. Registrazione del sistema con RHN 4. Inizio installazione di RHN Satellite con opzione scollegato:./install.pl --disconnected 5. Una volta completata l'installazione sarà necessario aggiungere o modificare le impostazioni nel file /etc/rhn/rhn.conf: server.satellite.http_proxy = <http-proxy-fqdn> server.satellite.http_proxy_username = <proxy-username> server.satellite.http_proxy_password = <proxy-password> disconnected=0 6. Riavviare il servizio di Satellite: service rhn-satellite restart 7. Riattivare Satellite come Satellite collegato: rhn-satellite-activate --rhn-cert=<path-to-cert> A questo punto dovreste avere un RHN Satellite collegato operativo dietro un proxy HTTP Configurazione di Sendmail Se il vostro RHN Satellite verrà utilizzato per servire i sistemi aventi diritto al Monitoring, e se desiderate essere informati tramite di tutte le notifiche di allerta da voi ricevute, è necessario configurare sendmail in modo tale da gestire adeguatamente tutta la posta in entrata. Tale impostazione è richiesta dalla modalità di ridirezionamento delle , la quale vi permette di notificare agli utenti, tutti gli eventi relativi al Monitoring tramite una sola . Importante Alcune configurazioni corporative di posta più restrittive, non vi permetteranno di inviare delle mail tramite un indirizzo che non sia valido. Per questo motivo sarà necessario configurare domain}, come un indirizzo valido all'interno del vostro ambiente corporativo. A questo scopo si consiglia di consultare il vostro amministratore di sistema. Per configurare sendmail in modo corretto, eseguire i seguenti comandi come utenti root. Come prima cosa create un link simbolico che permette a sendmail di eseguire l'enqueuer di notifica con il seguente comando: ln -s /usr/bin/ack_enqueuer.pl /etc/smrsh/. Successivamente, modificate il file /etc/aliases sul server di posta e aggiungete la seguente riga: rogerthat01: /etc/smrsh/ack_enqueuer.pl Moificate poi il file /etc/mail/sendmail.mc e cambiate: "DAEMON_OPTIONS(`Port=smtp,Addr= , Name=MTA')dnl" in: 19

23 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide "DAEMON_OPTIONS(`Port=smtp, Name=MTA')dnl" Subito dopo, gli alias devono essere elaborati nel modo seguente: newaliases Per finire, aggiornate il pacchetto sendmail-cf: yum update sendmail-cf Nota bene, le installazioni disconnesse dovranno ottenere questo pacchetto da ISO. Riavvia sendmail: service sendmail restart 4.6. Installazione di MySQL Questa sezione è applicabile solo se il vostro RHN Satellite verrà utilizzato per servire i sistemi aventi diritto al Monitoring, e se desiderate eseguire i probe MySQL nei confronti dei sistemi stessi. Consultate l'appendice relativa ai Probe della RHN Satellite Reference Guide, per un elenco completo dei probe disponibili. Se desiderate eseguire i probe MySQL, registrate Satellite sul canale Red Hat Enterprise Linux AS, ed installate il pacchetto mysql-server attraverso il sito web di RHN o il comando yum (o up2date per versioni più recenti di Red Hat Enterprise Linux). Altri due pacchetti verranno scaricati durante questa operazione. Essi sono necessari per l'installazione e l'esecuzione del pacchetto mysql-server. Una volta terminato, il vostro Satellite verrà utilizzato per riprogrammare i probe MySQL. 20

24 Capitolo 5. Entitlement Capitolo 5. Entitlement RHN Satellite, come RHN, è in grado di fornire tutti i servizi attraverso l'impostazione degli entitlement. Per RHN, gli entitlement possono essere acquistati dai clienti in base alle loro necessità, tuttavia, per gli entitlement di RHN Satellite è necessario stipulare a priori un accordo, implementandoli successivamente al momento dell'installazione. Tutti i canali pubblici vengono resi disponibili in modo automaico; I canali privati che verranno resi pubblici attraverso Satellite, vengono determinati dal RHN Entitlement Certificate. Il RHN Entitlement Certificate, il quale contiene il set esatto di entitlement attribuiti alla vostra organizzazione, viene fornito dal vostro rappresentante di Red Hat. Red Hat si riserva il diritto di confrontare in qualsiasi momento, i contenuti del RHN Entitlement Certificate in questione, con le impostazioni dell'entitlement del database, in modo da assicurare la conformità con i termini del contratto del cliente a Red Hat. Le fasi presenti in questa sezione vengono eseguite generalmente dallo stesso RHN Satellite Installation Program, e non necesitano di una loro ripetizione durante il processo di installazione iniziale. Esse vengono elencate qui per il loro utilizzo da parte dei clienti che hanno ricevuto un nuovo RHN Entitlement Certificate, il quale può contemplare ad esempio, un aumento del numero degli entitlement Ottenere un certificato Il RHN Entitlement Certificate è un documento XML che può somigliare al seguente: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <rhn-cert version="0.1"> <rhn-cert-field name="product">rhn-satellite-001</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="owner">clay's Precious Satellite</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="issued"> :00:00</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="expires"> :00:00</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="slots">30</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="provisioning-slots">30</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="nonlinux-slots">30</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="10" family="rhel-cluster"/> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="30" family="rhel-ws-extras"/> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="10" family="rhel-gfs"/> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="10" family="rhel-es-extras"/> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="40" family="rhel-as"/> <rhn-cert-field name="channel-families" quantity="30" family="rhn-tools"/> <rhn-cert-field name="satellite-version">5.2</rhn-cert-field> <rhn-cert-field name="generation">2</rhn-cert-field> <rhn-cert-signature> -----BEGIN PGP SIGNATURE----- Version: Crypt::OpenPGP 1.03 iqbgbaarawagbqjcag7yaaojej5yna8glhkysokan07qmlurkgks7/5yb8h/nbog mhhkaj9wdmqoekfcba3iudl53onmebp/dg== =0Kv END PGP SIGNATURE----- </rhn-cert-signature> </rhn-cert> Nota Bene Non povate ad usare il seguente RHN Entitlement Certificate; esso è solo un esempio. Il RHN Entitlement Certificate iniziale viene generato da un membro del team di RHN, e viene inviato tramite ad un consulente o cliente, prima di un processo di installazione. Tale processo evita l'installazione inavvertita di qualsiasi RHN Satellite. Salvare il file XML su di una macchina Satellite in preparazione per l'attivazione Caricamento di RHN Entitlement Certificate Se RHN Satellite è collegato ad internet vi verrà presentata l'opzione di caricamento del vostro nuovo RHN Entitlement Certificate attraverso il sito web di RHN. Per fare questo: 1. Eseuite il log in su https://rhn.redhat.com con l'account, avente diritto a Satellite, della vostra organizzazione. 2. Fate clic su Sistemi, sulla barra di navigazione superiore, per poi selezionare il nome del RHN Satellite. È possibile trovare Satellite attraverso l'icona della linea di Satllite presente all'interno della catgoria Canali. 3. All'interno della pagina Informazioni del sistema, fate clic sulla sottotabella Satellite ed esaminate il certificato esistente. Asicuratevi di avere un backup di questo file, copiando il suo contenuto all'interno di un editor di testo. 4. Fate clic su Disattiva la Licenza Satellite presente nella parte inferiore della pagina. Successivamente fate clic su Conferma Disattivazione. In questo modo riceverete un messaggio di disattivazione, nella parte alta della pagina. 5. Potreste controllare la posizione del vostro nuovo RHN Entitlement Certificate, oppure copiare i suoi contenuti all'interno del campo di testo in questione. Una volta terminato, fate clic su Aggiorna Certificato. Satellite ora potrà accedere ai canali aggiuntivi e agli entitlement del client riportati all'interno del nuovo certificato. Sarete ora in grado di sincronizzarlo con i server centrali di RHN. Consultate il Capitolo 6, Importazione e sincronizzazione Gestione del certificato di RHN con RHN Satellite Activate Per Satellite scollegati o per clienti che desiderano lavorare in modo locale, Red Hat fornisce un tool della linea di comando per la gestione del vostro RHN Entitlement Certificate, e per l'attivazione di Satellite utilizzando lo stesso certificato: RHN Satellite Activate (rhn-satellite-activate). Tale processo viene incluso con l'installazione di Satellite come parte del pachetto rhns-satellitetools Opzioni di Entitlement della linea di comando Il tool rhn-satellite-activate offre un numero di opzioni della linea di comando, atte all'attivazione di un Satellite utilizzando il proprio RHN Entitlement Certificate: 21

25 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Tabella 5.1. Opzioni di RHN Entitlement Certificate Opzione -h, --help --sanity-only --disconnected --rhn-cert=/path/to/cert --systemid=/path/to/systemid --no-ssl Descrizione Visualizza la schermata di aiuto con un elenco di opzioni. Conferma la correttezza del cerificato. Non attiva il Satellite nè in modo locale nè in modo remoto. Attiva in modo remoto ma non su server RHN remoti. Carica nuovi certificati e attiva il Satellite basato su altre opzioni passate (se presenti). Solo come prova - Fornisce un ID alternaivo del sistema a seconda del percorso e del file. Se non specificato, viene utilizzato il default del sistema. Solo come prova - Disabilita SSL. Per poter utilizzare queste opzioni inserite una opzione ed il valore appropriato, se necesario, dopo il comando rhn-satellite-activate. Consultate la Sezione 5.3.2, «Attivazione di Satellite» per maggiori informazioni Attivazione di Satellite È necessario utilizzare le opzioni presenti in Tabella 5.1, «Opzioni di RHN Entitlement Certificate» per eseguire i seguenti compiti nell'ordine riportato: 1. Convalidare la correttezza del RHN Entitlement Certificate (o la sua utilità). 2. Attivare Satellite in modo locale, inserendo il RHN Entitlement Certificate all'inteno del database locale. 3. Attivare Satllite in modo remoto, inserendo il RHN Entitlement Certificate all'interno del database RHN (remoto) centrale. Tale processo viene eseguito durante una attivazione logica, ma potrebbe aver bisogno di una fase secondaria se scegliete l'opzione --disconnected. Ecco qualche esempio in grado di visualizzare l'utilizzo del tool e delle opzioni relative. Solo per convalidare la correttezza del RHN Entitlement Certificate: rhn-satellite-activate --sanity-only --rhn-cert=/path/to/demo.cert Per convalidare un RHN Entitlement Certificate e per popolare il database locale: rhn-satellite-activate --disconnected --rhn-cert=/path/to/demo.cert Per convalidare un RHN Entitlement Certificate e per popolare sia il database di RHN che quello locale: rhn-satellite-activate --rhn-cert=/path/to/demo.cert Una volta eseguito questo comando finale Satellite sarà in esecuzione ed in grado di servire localmente i pacchetti eseguendo una sincronizzazione con i server di RHN. Per maggiori informazioni consultate il Capitolo 6, Importazione e sincronizzazione Scadenza del Certificato di entitlement di Satellite I Certificati di Satellite scadono alle 11:59:59 PM nel giorno riportato all'interno del campo scade del certificato, ed i nuovi certificati vengono attivati alle 12:00:00 AM del giorno riportato all'interno del campo emesso. È stato implementato un 'grace period' standard di sette (7) giorni che intercorre dalla data di scadenza del certificato di Satellite, ed il periodo entro il quale il certificato stesso diventa inattivo. Tale periodo viene utilizzato dagli utenti interessati per contattare il Red Hat Support ed ottenere un nuovo certificato. Durante il grace period si può verificare quanto segue: Satellite rimane inattivo. Qualsiasi utente che esegue un login su Satellite sarà in grado di visualizzare un banner sulla rispettiva pagina Vostro RHN, che indica la scadenza del certificato di Satellite. Una volta al giorno per sette giorni alla settimana, l'amministratore di Satellite riceve una notifica tramite riguardante la scadenza del certificato. Una volta terminato il grace period, Satellite diventa non disponibile: gli utenti non saranno in grado di eseguire un login sul web UI, e tutti i tool relativi al client presenteranno il messaggio Certificato Scaduto. Per finire l'amministratore di Satellite riceve una notifica giornaliera tramite riguardante la scadenza del certificato. 22

26 Capitolo 6. Importazione e sincronizzazione Capitolo 6. Importazione e sincronizzazione Dopo aver installato RHN Satellite è necessario fornire i pacchetti ed i canali da servire ai sistemi client. Questo capitolo affronta il modo attraverso il quale importare i dati, ed il metodo utilizzato per mantenerli aggiornati sia se il contenuto proviene dai server centrali di RHN, dai media locali oppure da un Satellite presente all'interno della vostra organizzazione. I due tool RHN Satellite Exporter ed il RHN Satellite Synchronization Tool, sono parte integrante del pacchetto rhns-sat-tools Esportazione con RHN Satellite Exporter Il tool RHN Satellite Exporter (rhn-satellite-exporter) esporta il contenuto di Satellite in un formato XML che può essere a sua volta importato su di un altro identico Satellite. Il contenuto viene esportato all'interno di una directory specificata dall'utente con l'opzione -d. Dopo aver trasportato la suddetta directory su di un Satellite, sarete in grado di utilizzare il RHN Satellite Synchronization Tool per importare i contenuti, sincronizzando due Satellite rhn-satellite-exporter RHN Satellite Exporter è in grado di esportare i seguenti contenuti: Famiglia del canale Architetture Metadata del canale Blacklist RPM Metadata RPM Errata Kickstart L'ammontare di tempo necessario a rhn-satellite-exporter per esportare i dati, dipende dal numero e dalla dimensione dei canali da esportare. Utilizzando le opzioni --no-packages, --nokickstarts, --no-errata, e --no-rpms, sarete in grado di ridurre il tempo necessario a rhnsatellite-exporter per essere eseguito, inoltre viene impedito l'esportazione di informazioni utili. Per questo motivo, le suddette opzioni dovrebbero essere usate solo se siete sicuri di non aver bisogno dei contenuti da loro esclusi. In aggiunta, è necessario utilizzare le opzioni corrispondenti per satellite-sync durante l'importazione dei dati. Per esempio, se utilizzate --no-kickstarts con rhn-satellite-exporter sarà necessario specificare l'opzione --no-kickstarts durante l'importazione dei dati. Quando esportate un canale di base di RHN, sarà necessario esportare anche il canale tool associato con il canale di base, per poter eseguire il kickstart delle macchine sulla distribuzione all'interno del canale di base. Per esempio, se esportate rhel-i386-as-4 dovrete anche esportare il canale rhntools-rhel-4-as-i386 per poter eseguire il kickstart delle macchine su Red Hat Enterprise Linux 4 AS. Questo perchè i canali tool contengono i pacchetti auto-kickstart, i quali installano i pacchetti per il kickstart di una macchina attraverso Satellite. RHN Satellite Exporter offre diverse opzioni per la linea di comando. Per usufruire delle suddette opzioni inserite l'opzione relativa insieme al valore appropriato dopo il comando rhn-satelliteexporter. Tabella 6.1. Opzioni per il RHN Satellite Exporter Opzione -d, --dir= -cchannel_label, -- channel=channel_label --list-channels --list-steps Descrizione Posiziona le informazioni esportate all'interno di questa directory. Processa i dati solo per questo canale specifico (specificato dall'etichetta). NOTA BENE: *l'etichetta* del canale NON corrisponde al *nome* del canale. Elenca tutti i canali disponibili ed esci. Elenca tutte le fasi seguite da rhn-satelliteexporter durante un processo di esportazione dei dati. Esse possono essere usate come valore per --step. -p --print-configuration Stampa la configurazione ed esci. --print-report --no-rpms --no-packages --no-errata --no-kickstarts --debug-level=level_number --start-date=start_date --end-date=end_date --make-isos=make_isos -- --traceback-mail= --db=db --hard-links Stampa un riporto sul terminale quando il processo di esportazione è stato completato. Non riprende gli RPM attuali. Non esporta alcun metadata RPM. Non processa le informazioni Errata. Non processa i dati di kickstart (solo provisioning). Annulla la quantità di messaggi inviati ai file di log, e generati sul set della schermata in /etc/rhn/rhn.conf, 0-6 (2 è il default). Questa opzione confronta il limite della data iniziale da voi impostato con le ultime date modificate. Il suo formato deve essere in YYYYMMDDHH24MISS (per esempio, ) Questa opzione confronta il limite della data finale da voi impostato con le ultime date modificate. Il suo formato deve essere in YYYYMMDDHH24MISS (per esempio, ) Create una directory ISO per il dump del canale chiamata satellite-isos (per esempio, -- make-isos=cd o dvd Invia un riporto tramite su ciò che è stato esportato insieme agli errori che si sono verificati. Indirizzo alternativo per -- . Include la sringa alternata di colleamento del database: nome Esportate l'rpm ed i file kickstart con link hard sui file originali. 23

27 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Esportazione Per poter eseguire una esportazione con RHN Satellite Exporter è necessario soddisfare i seguenti prerequisiti: L'installazione di RHN Satellite deve essere stata eseguita con successo. Per poter contenere i contenuti esportati è necessario avere sufficiente spazio su disco all'interno della directory specificata nell'opzione --dir. Da notare che il processo di esportazione sarà più utile se eseguito su di un Satellite con canali popolati Esecuzione del processo di esportazione Come prima cosa configurate Satellite in modo da poterlo duplicare senza problemi in un altro Satellite, oppure eseguire il back up all'interno di uno storage. Successivamente selezionate i contenuti che desiderate esportare. Potete scegliere di non esportare RPM, errata, o kickstart utilizzando le opzioni presenti in Sezione 6.1.1, «rhn-satellite-exporter». Per finire, eseguire il comando come utente root, di seguito ne viene riportato un esempio: rhn-satellite-exporter --dir=/var/rhn-sat-export --no-errata Una volta terminato, la directory di esportazione potrà essere rimossa su di un altro Satellite o all'interno di una soluzione di storage utilizzando rsync o scp -r Processo di importazione con il RHN Satellite Synchronization Tool Prima di distribuire i pacchetti tramite RHN Satellite, i pacchetti stessi devono essere caricati sul Satellite. Questa sezione descrive il processo di importazione dei pacchetti e di altri dati. Importante Per popolare correttamente i canali personalizzati, è necessario popolare almeno un canale di base di Red Hat. Il RHN Satellite Synchronization Tool è in grado di creare i permessi e le strutture necessarie della directory, senza i quali, i tool del canale personalizzato non saranno in grado di operare correttamente. Per questa ragione, è necessario utilizzare queste istruzioni per poter impostare i canali di base, e successivamente fate riferimento alla RHN Channel Management Guide, per le fasi necessarie a stabilire i canali personali satellite-sync Il RHN Satellite Synchronization Tool (satellite-sync) permette al RHN Satellite di aggiornare i propri metadati del database ed i pacchetti RPM, con quelli dei server centrali di RHN, con un altro Satellite all'interno della vostra organizzazione, o con un media locale. Importante L'esecuzione di satellite-sync consente di importare una quantità molto elevata di dati in modo particolare su server Satellite appena installati. Se il database presenta alcune problematiche relative alle prestazioni dopo uno scambio di una quantità molto elevata di dati, è consigliato ottenere informazioni relative al database stesso. A tale scopo consultare la Sezione 8.4, «Utilizzo di RHN DB Control» per maggiori informazioni. Per poter eseguire RHN Satellite Synchronization Tool eseguire il seguente comando come utente root: satellite-sync Questo tool può essere utilizzato in un ambiente chiuso come ad esempio quello creato con una installazione chiusa, oppure è in grado di ottenere dati direttamente attraverso internet. Gli imports di un ambiente chiuso possono ottenere i propri dati tramite ISO scaricate oppure tramite dati XML generati da RHN Satellite Exporter. Il RHN Satellite Synchronization Tool funziona in modo incrementale, oppure in fasi. Per poter ottenere le informazioni Errata, esso deve prima conoscere il contenuto dei pacchetti. Per poter aggiornare i pacchetti, il tool deve prima identificare il canale associato. Per questa ragione, il RHN Satellite Synchronization Tool esegue le proprie azioni nel seguente ordine: 1. channel-families Importazione/sincronizzazione dei dati (architettura) della famiglia del canale. 2. channels Importazione/sincronizzazione dei dati del canale. 3. rpms Importazione/sincronizzazione degli RPM. 4. packages Importazione/sincronizzazione dei dati completi del pacchetto per gli RPM che sono stati ripresi con successo. 5. errata Importazione/sincronizzazione delle informazioni Errata. Ognuna di queste fasi può essere inizializzata in modo individuale a scopo di prova, ottenendo così l'effetto di forzare il tool ad arrestarsi quando la fase risulta essere terminata. Tutte le fasi che lo precedono dovranno essere eseguite. Per questo motivo, invocando la fase rpms, verranno assicurate prima ed in modo automatico, le fasi channels e channel-families. Per iniziare una fase individuale, utilizzare --step nel modo seguente: satellite-sync --step=rpms In aggiunta a --step, il RHN Satellite Synchronization Tool è in grado di offrire altre opzioni della linea di comando. Per poterle utilizzare, inserite l'opzione insieme al valore appropriato dopo il comando satellite-sync, al momento del lancio del processo di importazione/sincronizzazione. 24

28 Capitolo 6. Importazione e sincronizzazione Tabella 6.2. Opzioni di importazione/sinc di Satellite Opzione -h, --help -d=, --db=db -m=, --mount-point=mount_point --list-channels -cchannel, --channel=channel_label -p, --print-configuration --no-ssl --step=step_name --no-rpms --no-packages --no-errata --no-kickstarts --force-all-packages --debug-level=level_number -- --traceback-mail=traceback_mail -s=, --server=server --http-proxy=http_proxy --http-proxy-username=proxy_username --http-proxy-password=proxy_password --ca-cert=ca_cert --systemid=system_id --batch-size=batch_size Descrizione Mostra questo elenco di opzioni ed esci. Include la sringa alternata di colleamento del database: nome Importa/sinc dal media locale montato sul Satellite. Da utilizzare in ambienti chiusi (come ad esempio gli ambienti creati durante le installazioni di tipo disconnesse). Elenca tutti i canali disponibili ed esci. Processa solo i dati per questo canale. Canali multipli possono essere inclusi ripetendo l'opzione. Se non viene specificato alcun canale, tutti i canali presenti sul Satellite verranno ricaricati Stampa la configurazione corrente ed esci. Non consigliabile - Disabilita SSL. Esegue il processo di sincronizzazione solo nei confronti di fasi specifiche. Generalmente viene utilizzato durante i test. Non riprende gli RPM attuali. Non processa i dati completi del pacchetto. Non processa le informazioni Errata. Non processa i dati di kickstart (solo provisioning). Processa forzatamente tutti i dati del pacchetto senza eseguire un processo di diff. Annulla la quantità di messaggi inviati ai file di log, e generati sul set della schermata in /etc/rhn/rhn.conf, 0-6 (2 è il default). Invia un riporto tramite , di ciò che è stato importato/sincronizzato, al destinatario designato di traceback. Direziona l'output di sinc (da -- ) a questo indirizzo . Include l'hostname di un server alternativo al quale collegarsi, per il processo di sincronozzazione. Aggiunge un server proxy HTTP alternativo, sotto forma di hostname:port. Include il nome utente per il server proxy HTTP alternativo. Include la password per il server proxy HTTP alternativo. Utilizza un certificato SSL CA alternativo, includendo il percorso completo ed il filename. Solo per debugging - Include il percorso per l'id del sistema digitale alternativo. Solo per il debugging - Imposta una misura massima di batch, espressa in percentuale, per il processo di importazione del database/xml. Consultate la pagina man di satellite-sync per maggiori informazioni. Se nessuna opzione viene inclusa, satellite-sync eseguirà la sincronizzazione di tutti i canali già esistenti nel database di Satellite. Per default, l'opzione --step (tutte le fasi) viene abilitata. Ricordate, quando utilizzate l'opzione --channel, è necessario specificare l'etichetta del canale e non il nome. Per esempio, utilizzate "rhel-i386-as-3" non "Red Hat Enterprise Linux 3 i386." Usate l'opzione --list-channels, per ottenere un elenco di tutti i canali in base alla loro etichetta. I suddetti canali saranno disponibili per il processo di importazione e di sincronizzazione Preparazione ad un processo d'importazione dal Media Locale Per poter eseguire l'importazione di RHN Satellite, è necessario possedere i seguenti prerequisiti: L'installazione di RHN Satellite deve essere stata eseguita con successo. Le ISO del contenuto del canale di Red Hat Network, oppure i dati di RHN Satellite Exporter devono essere disponibili, oppure Satellite deve essere in grado di accedere ad internet ed al sito web di RHN. Anche se è possibile eseguire l'importazione direttamente dal sito web di RHN, tale operazione dovrebbe essere eseguita solo se le ISO del Channel Content non risultano essere disponibili. Per popolare un canale attraverso internet, è necessario un periodo di tempo molto elevato. Per questo motivo, Red Hat consiglia di utilizzare le ISO, se disponibili, per un processo iniziale di importazione Preparazione ISO del contenuto del canale Le ISO del Channel Content rappresentano una raccolta speciale che contiene sia i pacchetti che i dump XML dei metadata. Le immagini ISO possono essere scaricate direttamente dal sito web di RHN, su di una macchina collegata ad internet, e poi trasferiti su Satellite. Dopo aver eseguito il login, fate clic su Canali sulla barra superiore di navigazione, e successivamente sul canale RHN Satellite assicurandovidi selezionare il canale Satellite corrispondente alla vostra versione di Satellite. Fate clic su Download e utilizzate le istruzioni presenti sulla pagina, in modo da ottenere le ISO del Channel Content, disponibili a seconda della versione di Red Hat Enterprise Linux. Se le ISO del Channel Content desiderate non vengono visualizzate, assicuratevi che il vostro Certificato dell'entitlement di RHN è stato caricato su RHN, e che lo stesso identifichi correttamente i canali stabiliti. Le ISO del Channel Content vengono montate e copiate sulla directory di una repository temporanea. Prima di montare le ISO, assicuratevi che la repository temporanea presenti una quantità sufficiente di spazio sul disco, in modo da copiare tutti i contenuti all'interno della directory singola. Per un canale 25

29 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide singolo, lo spazio approssimativo necessario è di 20 GB. Il processo per poter copiare le ISO del Channel Content è il seguente, montate ogni ISO, copiate i contenuti sulla repository temporanea, e poi smontate le ISO stesse. Ripetete. Ogni canale contiene diverse ISO. Una volta terminato, l'amministratore dovrebbe cancellare la directory temporanea e tutti i suoi contenuti. Seguite le seguenti fasi: 1. Eseguite il login come utenti root. 2. Inserite sul disco la prima ISO del Channel Content copiato. 3. Create una directory in /mnt per conservare i file, utilizzando il seguente comando: mkdir /mnt/import/ 4. Montate il file ISO dall'interno della directory che lo contiene, utilizzando il comando: mount iso_filename /mnt/import -o loop 5. Create una directory target per i file, come ad esempio: mkdir /var/rhn-sat-import/ 6. Questo esempio di comando presume che l'amministratore desideri copiare i contenuti di ISO (montato su /mnt/import/) in /var/rhn-sat-import/: cp -ruv /mnt/import/* /var/rhn-sat-import/ 7. Successivamente eseguite il processo di umount di /mnt/import, in preparazione per il CD o l'iso successivo: umount /mnt/import 8. Ripetete queste fasi per ogni Channel Content ISO di ogni canale da importare Preparazione dati RHN Satellite Exporter Per poter eseguire un processo d'importazione dei dati precedentemente esportati utilizzando RHN Satellite Exporter sarà necessario copiare prima i dati in questione sul sistema locale. Le seguenti fasi vi permetterano di eseguire il processo d'importazione come descritto sulla Sezione 6.2.3, «Esecuzione del processo di importazione». 1. Eseguite il login come utenti root. 2. Create una directory target per i file, come ad esempio: mkdir /var/rhn-sat-import/ 3. Rendete i dati disponibili sulla macchina locale all'interno della directory creata seguendo la fase precedente. Tale processo può essere eseguito copiando direttamente i dati, oppure montando i dati stessi da un'altra macchina usando NFS. Sarà più facile copiare i dati all'interno di una nuova directory con un comando simile al seguente: scp -r /var/rhn-sat-import Quando i dati risultano essere disponibili sarà possibile eseguire il processo d'importazione Esecuzione del processo di importazione Il pacchetto rhns-satellite-tools fornisce il programma satellite-sync per la gestione di tutti i pacchetti, canali e delle importazioni e sincronizzazioni degli errata. Il seguente processo presume che nella fase precedente, l'utente abbia copiato tutti i dati su /var/rhn-sat-import. La prima fase che costituisce il processo di importazione dei canali all'interno del database, è quello di elencare tutti i canali disponibili per l'importazione. È possibile eseguire tale azione attraverso il seguente comando: satellite-sync --list-channels --mount-point /var/rhn-sat-import La fase successiva è quella di iniziare il processo di importazione di un canale specifico. Fate questo utilizzando una etichetta del canale riportata nell'elenco precedente. Il comando sarà simile al seguente: satellite-sync -c rhel-i386-as-3 --mount-point /var/rhn-sat-import Nota Bene Il processo di importazione dei dati del pacchetto può richiedere fino a due ore per canale. Potrete iniziare la registrazione dei sistemi sui canali, appena gli stessi appaiono nel sito web di RHN Satellite. Nessun pacchetto sarà necessario per la registrazione, anche se gli aggiornamenti non possono essere ripresi da Satellite, fino a quando il canale non viene completamente popolato. Potete ripetere questa fase per ogni canale, oppure includerli tutti all'interno di un comando singolo, passando ogni etichetta preceduta da un flag -c aggiuntiva: satellite-sync -c channel-label-1 \ -c channel-label-2 \ --mount-point /var/rhn-sat-import Tale processo esegue i compiti di seguito riportati nel seguente ordine: 1. Popolazione delle tabelle che descrivono le caratteristiche comuni per i canali (channel families). È possibile eseguire questo processo in maniera individuale, passando l'opzione -- step=channel-families su satellite-sync. 2. Creazione di un canale particolare all'interno del database, ed importazione dei metadata che descrivono il canale. Individualmente, utilizzare l'opzione --step=channels 3. Muovete i pacchetti RPM dalla repository temporanea nella posizione finale. Individualmente utilizzate l'opzione --step=rpms. 4. Eseguite il parsing dei metadata della testata, per ogni pacchetto presente all'interno del canale, e caricate i dati riferiti al pacchetto associandoli successivamente al canale. Individualmente utilizzate l'opzione --step=packages. 5. Identificate gli Errata associati ai pacchetti, ed includeteli all'interno della repository. Individualmente utilizzate l'opzione --step=errata. Dopo aver eseguito il precedente esempio, la popolazione del canale dovrebbe essere completata. Tutti 26

30 Capitolo 6. Importazione e sincronizzazione i pacchetti dovrebbero essere stati spostati all'esterno della repository; è possibile verificare la riuscita di questa operazione tramite il comando cd /var/rhn-sat-import/; ls -alr grep rpm. Se tutti gli RPM sono stati installati e spostati nelle loro repository permanenti, allora il conteggio sarà pari a zero, e l'amministratore sarà in grado di rimuovere in modo sicuro, la repository temporanea (in questo caso, /var/rhn-sat-import/) Sincronizzazione Un canale aggiornato risulta essere utile tanto quanto l'aggiornamento delle informazioni presenti all'interno del canale in questione. Poichè RHN Satellite è stato creato per essere un ambiente di tipo standalone, qualsiasi advisory di aggiornamento pubblicata da RHN, deve essere importata manualmente e sincronizzata dall'amministratore del RHN Satellite. Durante la sincronizzazione attraverso la rete, il RHN Satellite Synchronization Tool esegue le seguenti fasi: 1. Esegue un collegamento tramite SSL sui server RHN centrali, esegue la sua autenticazione come un RHN Satellite, ed induce all'esportazione di dati riguardanti RHN a meno che non venga specificato un mount point locale per i dati esportati di RHN, in tal caso non è necessaria alcuna connessione. Per maggiori informazioni consultate Sezione 6.3.2, «Sincronizzazione degli Errata e dei pacchetti tramite il Media Locale». 2. Esamina l'esportazione ed identifica le differenze tra l'insieme dei dati di RHN Satellite, e l'insieme dei dati RHN esportati. Per un canale particolare, vengono analizzati le seguenti informazioni: Metadata del canale Metadata di tutti i pacchetti presenti in quel canale Metadata per tutti gli Errata che influenzano quel canale Nota Bene Tutte le analisi vengono eseguite sul RHN Satellite, i server RHN centrali consegnano solo informazioni relative ai propri canali, non considerando alcun dettaglio riguardante il RHN Satellite. 3. Dopo l'analisi dei dati esportati, qualsiasi differenza presente viene importata all'interno del database di RHN Satellite. Da notare che l'importazione di nuovi canali potrebbe richiedere un tempo variabile. Per un aggiornamento consistente, il processo di importazione potrebbe richiedere alcune ore. Il comando satellite-sync può essere utilizzato in due modi: tramite RHN oppure tramite il media locale Sincronizzazione degli Errata e dei pacchetti direttamente tramite RHN Per coloro che desiderano eseguire una sincronizzazione frequente dei dati, e che desiderano altresì stabilire dei collegamenti esterni ai propri ambienti, la sincronizzazione di satellite può essere eseguita tramite Internet attraverso SSL. Questa, risulta essere l'impostazione di default per lo script di sincronizzazione di satellite. Per esempio: satellite-sync -c rhel-i386-as-3 A questo punto viene eseguito un collegamento ai server Red Hat Network centrali, eseguendo altresì il processo sopra descritto. È possibile includere canali multipli semplicemente ripetendo questa opzione. Se non viene specificato alcun canale, tutti i canali presenti su Satellite, verranno ricaricati Sincronizzazione degli Errata e dei pacchetti tramite il Media Locale Per gli utenti che non sono in grado di collegare i propri Satellite direttamente a RHN, Red Hat consiglia di eseguire il download delle ISO del Channel Content, su di un sistema separato collegato ad internet, e poi trasferirlo sul Satellite. Per maggiori informazioni su come eseguire il download delle ISO, consultate Sezione , «Preparazione ISO del contenuto del canale». Per facilitare il processo di importazione, vi consigliamo di copiare i dati dal media direttamente all'interno di una repository comune attraverso un comando simile al seguente: cp -rv /mnt/cdrom/* /var/rhn-sat-sync/ E successivamente eseguire il seguente comando: satellite-sync -c rhel-i386-as-3 --mount-point /var/rhn-sat-sync Questo può essere utilizzato per eseguire il processo di sincronizzazione sopra descritto, utilizzando i file dump in /var/rhn-sat-sync, per eseguire i processi di importazione ed i confronti necessari. Per informazioni dettagliate sulle fasi consultate Sezione 6.2.3, «Esecuzione del processo di importazione» Sincronizzazione tra Satellite RHN Satellite 5.3 o una versione più recente supporta la sicronizzazione tra due Satellite. Il processo di sincronizzazione, anche indicato come Inter-Satellite Sync, permette agli amministratori di semplificare il processo di coordinamento del contenuto da un sorgente RHN Satellite ad un altro. Di seguito sono riportati i requisiti di base per Inter-satellite Sync. Un minimo di due RHN Satellite 5.3 o server più recenti Almeno un RHN Satellite popolato con almeno un canale Un certificato Master RHN Satellite SSL disponibile su ogni slave RHN Satellite per un collegamento sicuro Modelli consigliati per Inter-Satellite Sync Inter-Satellite Sync per Satellite fornisce funzioni per la sincronizzazione del contenuto tra due o più Satellite. Di seguito sono riportati alcuni degli utilizzi tipici di Inter-Satellite Sync, essi vi saranno d'ausilio per determinare il modo attraverso il quale potrete ottenere il massimo dei benefici nel vostro ambiente. Nota Bene Se non siete sicuri che la funzione Inter-Satellite Sync sia la cosa giusta per la vostra organizzazione sarà possibile utilizzare RHN Satellite 5.3 o una versione più recente nel modo tipico. L'installazione o l'aggiornamento a RHN Satellite 5.3 o una versione più recente non richiede l'utilizzo di questa funzione. 27

31 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Figura 6.1. Fase di staging di Satellite In questo esempio lo Stage Satellite viene usato per preparare il contenuto ed eseguire il lavoro di quality assurance (QA) per assicurare l'idoneità dei pacchetti ad un loro utilizzo di produzione. Dopo l'approvazione del contenuto alla fase di produzione, il Production Satellite sincronizzerà il contenuto dallo Stage Satellite. Figura 6.2. Master Server e gli Slave Peer che includono il proprio contenuto personalizzato In questo esempio il master Satellite è il canale di sviluppo dal quale viene distribuito il contenuto a tutti gli slave Satellite di produzione. Alcuni slave Satellite presentano un contenuto aggiuntivo il quale non è presente nei canali del master Satellite. Questi pacchetti vengono conservati, ma tutte le modifiche del master Satellite sono sincronizzate con lo Slave Satellite. Figura 6.3. Gli Slave Satellite sono conservati esattamente come il Master Satellite In questo esempio il master Satellite (per esempio un rivenditore software o hardware) fornisce i dati ai propri clienti. Queste modifiche sono regolarmente sincronizzate con gli slave Satellite Come configurare il server del Master RHN Satellite Per utilizzare la funzionalità inter-satellite sync è necessario prima installarla. Assicuratevi che /etc/rhn/rhn.conf contenga la seguente riga: disable_iss=0 Nello stesso file la variabile: allowed_iss_slaves= Per impostazione predefinita, nessuno slave Satellite viene specificato per la sincronizzazione dal master server, per cui sarà necessario inserire l'hostname di ogni server dello slave Satellite separato da virgole. Per esempio: allowed_iss_slaves=slave1.satellite.example.org,slave2.satellite.example.org Una volta terminata la configurazione del file rhn.conf, riavviate il servizio httpd tramite il seguente comando: service httpd restart Come configurare i server dello Slave RHN Satellite Per configurare i server slave di RHN Satellite per Inter-Satellite Sync, assicuratevi di avere un certificato ORG-SSL dal vostro server del master RHN Satellite in modo da poter trasferire in maniera sicura il vostro contenuto. È possibile eseguire il download attraverso http dalla directory /pub/ di qualsiasi Satellite. Il file è chiamato RHN-ORG-TRUSTED-SSL-CERT, ma può essere rinominato e posizionato in qualsiasi posizione sullo slave Satellite, come ad esempio la directory /usr/share/rhn/. Per informazioni sulla configurazione SSL per l'utilizzo con RHN Satellite, consultate il capitolo 3, "Infrastruttura SSL" nella RHN Satellite Client Configuration Guide Una volta posizionato il certificato SSL sul server slave sarà possibile visualizzare un elenco di canali disponibili per il processo di sincronizzazione dal master Satellite server eseguendo il seguente comando (sostituendo master.satellite.example.com con l'hostname del master Satellite server): satellite-sync --iss-parent=master.satellite.example.com --cacert=/usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert --list-channels Questo comando elenca entrambi i canali Red Hat Network Hosted insieme a qualsiasi canale personalizzato disponibile sul master Satellite server Come usare l'inter-satellite Sync Ora che Inter-Satellite Sync è stato configurato sarà possibile usarlo per sincronizzare i canali dal master Satellite ai server slave. Sui server slave configurate l'hostname del vostro Master server ed il percorso del file del certificato SSL nelle seguenti righe del file /etc/rhn/rhn.conf: iss_parent iss_ca_chain = master.satellite.domain.com = /usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert Successivamente eseguite il comando satellite-sync: satellite-sync -c your-channel 28

32 Capitolo 6. Importazione e sincronizzazione Nota Bene Qualsiasi opzione della linea di comando per satellite-sync sovrascriverà qualsiasi impostazione predefinita o personalizzata nel file /etc/rhn/rhn.conf Sincronizzazione tra il server di staging di sviluppo ed un Satellite di produzione Si potrebbero verificare alcune situazioni nelle quali un amministratore desidera sincronizzare i dati da un server di staging con canali personalizzati pronti per un loro utilizzo, con un Satellite server di produzione. Per esempio, un Satellite Server di produzione normalmente esegue la sincronizzazione direttamente dai server del RHN Hosted in modo da ottenere gli aggiornamenti del contenuto, talvolta potrà eseguire una sincronizzazione delle informazioni di produzione da un server di sviluppo di RHN Satellite. Figura 6.4. Sincronizzazione da RHN Hosted ed un server di staging di Satellite Normalmente l'amministratore esegue: satellite-sync -c your-channel Questo comando esegue i download direttamente dai dati di rhn_parent (generalmente RHN Hosted, rhn.redhat.com). Successivamente per eseguire la sincronizzazione dall'indirizzo del Satellite server di staging l'amministratore esegue: satellite-sync --iss-parent=staging-satellite.example.com -c custom-channel Sincronizzazione bidirezionale Gli amministratori possono configurare un ambiente nel quale due server RHN Satellite si comportano tra di loro come se fossero master. Per esempio, i Satellite A e B possono eseguire la sincronizzazione del contenuto tra di loro. Figura 6.5. Sincronizzazione bidirezionale Entrambi i Satellite avranno bisogno di condividere i certificati SSL, successivamente impostate l'opzione iss_parent nel file /etc/rhn/rhn.conf del Satellite A, in modo da indicare l'hostname del Satellite B, e fare la stessa cosa per il Satellite B in modo da indicare il Satellite A come iss_parent Sincronizzazione in base all'organizzazione Come parte di inter satellite sync, Satellite-sync è stato migliorato; ora è possibile per un utente importare il contenuto su qualsiasi organizzazione specifica. È possibile eseguire questo processo localmente o tramite una sincronizzazione remota da un satellite hosted o da un altro satellite. L'obiettivo di Satellite sync è quello di importare il contenuto in base all'org_id. Questo processo è indicato principalmente per due tipi di utenti. Il primo si riferisce alle MultiOrg scollegate, dove l'origine principale del contenuto per l'utente deriva dai channel dump oppure tramite un processo di esportazione da satellite collegati con un successivo processo di importazione al Satellite. L'utente ospita i canali personalizzati su satellite scollegati. Se si desidera esportare un canale personalizzato dai satellite collegati, sarà necessario eseguire una procedura di organizational sync. Il secondo caso è rappresentato da un utente satellite Multi-Org collegato. È possibile usare questi nuovi flag per spostare il contenuto tra le diverse organizzazioni. La sincronizzazione in base alla organizzazione presenta alcune regole da seguire per preservare l'integrità dell'organizzazione che genera il contenuto. Se il contenuto sorgente appartiene ad una organizzazione di base (qualsiasi contenuto di Red Hat) verrà impostata come impostazione di default l'organizzazione di base anche se avete specificato una organizzazione di destinazione. Così facendo il contenuto resterà sempre sotto quella organizzazione di base privilegiata. Se si specifica una organizzazione sulla linea di comando, tale organizzazione verrà presa come riferimento e usata per il processo di importazione del contenuto. Se non viene spacificata alcuna organizzazione l'impostazione predefinita sarà org 1. Di seguito sono riportati tre esempi nei quali vengono usati gli ID dell'organizzazione (orgid) per la sincronizzazione tra i Satellite: 1. Processo d'importazione dal master allo slave satellite. satellite-sync --parent-sat=master.satellite.domain.com -c channel-name -- orgid=2 2. Importazione del contenuto da un processo dump esportato di una specifica org $ satellite-sync -m /dump -c channel-name --orgid=2 3. Importazione del contenuto da un RHN Hosted (si assume che esso sia registrato ed attivato. Se l'organizzazione sorgente non è specificata verrà scelto il canale di base di Red Hat). $ satellite-sync -c channel-name 29

33 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Capitolo 7. Troubleshooting Questo capitolo fornisce alcuni suggerimenti per poter determinare le cause e per poter risolvere gli errori più comuni associati con RHN Satellite. Se avete bisogno di ulteriori informazioni, contattate il supporto di Red Hat Network su https://rhn.redhat.com/help/contact.pxt. Eseguite un log in utilizzando il vostro account abilitato a Satellite, in modo da visualizzare un elenco completo di opzioni. Potrete altresì raccogliere tutte le informazioni sulla configurazione ed i log provenienti da Satellite, ed inviarli a Red Hat per una diagnosi più dettagliata. Per maggiori istruzioni consultate Sezione 7.8, «Debugging di Satellite con Red Hat» Raccolta delle informazioni con spacewalk-report Sono presenti istanze dove gli amministratori avranno bisogno di un riassunto formattato e breve delle proprie risorse RHN Satellite per l'inventario dei propri entitlement, sistemi sottoscritti o utenti e organizzazioni. Invece di raccogliere manualmente tali informazioni tramite l'interfaccia web di Satellite, RHN Satellite 5.4 include il comando spacewalk-report per la raccolta e la visualizzazione di informazioni vitali sul Satellite. Nota Bene spacewalk-report permette agli amministratori di organizzare e visualizzare le notifiche sui contenuti, sistemi e le risorse degli utenti presenti sul Satellite. Utilizzando spacewalk-report sarà possibile ricevere le notifiche su: Inventario dei sistemi Elenca tutti i sistemi registrato con Satellite. Entitlements Elenca tutte le organizzazioni presenti su Satellite e raggruppate in base agli entitlement del canale o del sistema. Errata Elenca tutti gli errata rilevanti ai sistemi registrati e raggruppa gli errata in base alla severità ed al sistema applicato ad un errata particolare. Utenti Elenca tutti gli utenti registrati con Satellite e qualsiasi sistema associato con un particolare utente. spacewalk-report permette agli amministratori di organizzare e visualizzare le notifiche sui contenuti, sistemi e risorse degli utenti presenti su Satellite. Per ottenere la notifica con un formato CSV eseguire quanto di seguito riportato sulla riga di comando del server di Satellite. spacewalk-report report_name Sono disponibili le seguenti notifiche: Tabella 7.1. Notifiche spacewalk-report Notifica Invocata come Descrizione Pacchetti del canale Elenco di pacchetti in un canale Notifica canale channels Notifica dettagliata di un dato canale Inventario del sistema inventory Elenco di sistemi registrati con il server insieme con le informazioni hardware e software. Entitlement entitlement Elenca tutte le organizzazioni sul Satellite insieme ai rispettivi entitlement del canale o del sistema. Dettagli Errata detail errata-list Elenca tutti gli errata che interessano i sistemi registrati con il Satellite Tutti gli errata Errata per i sistemi Elenco completo di tutti gli errata Elenca gli errata applicabili e qualsiasi sistema registrato interessato. Utenti in un sistema users Elenca tutti gli utenti registrati con Satellite. Sistemi amministrati Per poter utilizzare spacewalk-report è necessario aver installato il pacchetto spacewalkreports. channelpackages errata-listall erratasystems userssystems Elenco di sistemi che gli utenti individuali possono amministrare. Per maggiori informazioni su notifiche singole eseguire spacewalk-report con --info o --listfields-info ed il nome della notifica. Verranno riportati i campi possibili per la descrizione e l'elenco presenti nella notifica. Per maggiori informazioni sarà possibile utilizzare la pagina man spacewalk-report(8) insieme al parametro --help del programma spacewalk-report per informazioni aggiuntive sulle opzioni ed i metodi di richiamo del programma Log File Virtualmente ogni fase riguardante il processo di troubleshooting, dovrebbe iniziare controllando il file di log associato oppure i file in questione. Tale processo è in grado di fornire informazioni importantissime sull'attività svolta sul dispositivo o all'interno dell'applicazione utilizzata per controllare la prestazione ed assicurare una configurazione corretta. Consultate la Tabella 7.2, «Log File» per i percorsi di tutti i file di log rilevanti: Nota Bene Un numero di file di log possono essere disponibili (come ad esempio as /var/log/rhn/rhn_satellite_install.log.1, /var/log/rhn/rhn_satellite_install.log.2, ecc.) all'interno della directory /var/log/rhn/. Essi sono log ruotati i quali sono file di log creati con una estensione.<number> quando il file rhn_satellite_install.log corrente raggiunge una misura specificata dal demone logrotate(8) ed i contenuti scritti su di un file di log ruotato. Per esempio rhn_satellite_install.log.1 contiene il file di log ruotato più vecchio mentre rhn_satellite_install.log.4 contiene il log più recente. 30

34 Capitolo 7. Troubleshooting Tabella 7.2. Log File Componente/Compito Apache Web server RHN Satellite RHN Satellite Installation Program Installazione del database - Embedded Database Popolazione del database RHN Satellite Synchronization Tool Infrastruttura di Monitoring Notifiche Monitoring RHN DB Control - Embedded Database RHN Task Engine (taskomatic) yum Transazioni XML-RPC Posizione del log file directory /var/log/httpd/ directory /var/log/rhn/ /var/log/rhn/rhn_satellite_install.log /var/log/rhn/install_db.log /var/log/rhn/populate_db.log /var/log/rhn/rhn_server_satellite.log directory /var/log/nocpulse/ Directory /var/log/notification/ /var/log/rhn/rhn_database.log /var/log/messages /var/log/yum.log /var/log/rhn/rhn_server_xmlrpc.log 7.3. Problemi generali Per iniziare il troubleshooting dei problemi generali, esaminare il file di log o i file relativi al componente in questione. Un esercizio utile è quello di eseguire il comando tail -f per tutti i file di log, per poi eseguire yum list su Red Hat Enterprise Linux 5 (o up2date --list su versioni precedenti di Red Hat Enterprise Linux. Successivamente esaminate tutte le nuove entry per possibili indizi. Un problema molto comune è quello reltivo al consumo dello spazio del disco. Un segno indicativo di questo problema è la comparsa di linee non complete all'interno dei file di log. Se il processo di login è stato arrestato durante l'azione di scrittura, ad esempio una parola rimasta a metà, molto probabilmente questo sarà un segno che lo spazio del vostro disco è stato riempito. Per una conferma, eseguite questo comando e controllate le percentuali nella colonna Utilizzo%.. df -h In aggiunta ai file di log, è possibile ottenere informazioni aggiuntive riprendendo lo stato del vostro RHN Satellite e dei suoi vari componenti. Per eseguire questa procedura utilizzate il seguente comando: /usr/sbin/rhn-satellite status In aggiunta, è possibile ottenere lo stato dei componenti come ad esempio Apache Web server e RHN Task Engine, in modo individuale. Per esempio, per visualizzare lo stato di Apache Web server, eseguire il comando: service httpd status Se Apache Web server non è in esecuzione, le entry presenti all'interno del file /etc/hosts potrebbero non essere corrette. Consulate Sezione 7.4, «Host Non Trovato/Impossibile determinare FQDN» per una descrizione di questo problema e per possibili soluzioni. Per poter ottenere lo stato di RHN Task Engine, eseguire il comando: service taskomatic status Per maggiori informazioni consultate Sezione , «Conservazione di RHN Task Engine». Per ottenere lo stato di Embedded Database di Satellite, se esistente, eseguire il comando: service oracle status Per determinare la versione dello schema del vostro database, eseguire il comando: rhn-schema-version Per ottenere i diversi tipi di set del carattere del database del vostro Satellite, eseguire il comando: rhn-charsets Se l'amministratore non riceve le provenienti da RHN Satellite, confermare gli indirizzi corretti impostati per traceback_mail in /etc/rhn/rhn.conf. Se la posta di traceback viene marcata da e se desiderate che l'indirizzo sia valido per la vostra organizzazione, includete l'opzione web.default_mail_from ed il valore appropriato in /etc/rhn/rhn.conf. Se l'importazione/sincronizzazione di un canale riporta un errore che voi non siete in grado di risolvere, eseguite questo comando per cancellare la cache: rm -rf temporary-directory Da notare che la Sezione , «Preparazione ISO del contenuto del canale» indica come directory temporanea /var/rhn-sat-import/. Successivamente potrete riavviare il processo di importazione o sincronizzazione. Se yum (o up2date), oppure la capacità di push di RHN Satellite cessa la sua funzione, è possibile che i file di log più vecchi possano presentare degli errori. Arrestate il demone jabberd prima di rimuovere questi file. Per fare questo emettere i seguenti comandi come utente root: service jabberd stop cd /var/lib/jabberd rm -f _db* service jabberd start 7.4. Host Non Trovato/Impossibile determinare FQDN Poichè i file di configurazione di RHN si affidano esclusivamente a dei fully qualified domain name 31

35 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide (FQDN), è necessario che le applicazioni della chiave siano in grado di risolvere il nome di RHN Satellite in un indirizzo IP. Red Hat Update Agent, Red Hat Network Registration Client, e Apache Web server sono particolarmente propensi a questo tipo di problema con le applicazioni di RHN, le quali emettono messaggi d'errore del tipo "host non trovato" ed il Web server che emette il seguente "Impossibile determinare il fully qualified domain name del server" quando si verifica un errore durante l'avvio. Questo errore viene originato generalmente dal file /etc/hosts. Potrete ottenere una conferma esaminando /etc/nsswitch.conf, il quale definisce i metodi e l'ordine per mezzo dei quali i nomi del dominio vengono risolti. Generalmente, il file /etc/hosts viene prima controllato, seguito dal Network Information Service (NIS), se usato, e dal DNS. Per far si che Apache Web server sia in grado di eseguire un avvio e che le applicazioni client di RHN funzionino corretamente, una delle suddette entità non deve presentare alcun problema. Per risolvere questo problema, identificare i contenuti del file /etc/hosts. Potrebbe somigliare al seguente: this_machine.example.com this_machine localhost.localdomain \ localhost Come prima cosa, in un editor di testo, rimuovere le informazioni in questione come di seguito riportato: localhost.localdomain.com localhost Successivamente, salvate il file e cercate di eseguire nuovamente le applicazioni client di RHN oppure Apache Web server. Se si verificano ancora degli errori, identificate esplicitamente l'indirizzo IP di Satellite nel file: localhost.localdomain.com localhost this_machine.example.com this_machine Sostituite qui il valore con l'indirizzo IP attuale di Satellite. Questa operazione dovrebbe risolvere il problema. Ricordate che se viene specificato l'indirizzo IP specifico, il file deve essere aggiornato quando la macchina ottiene un nuovo indirizzo Errori di collegamento Un problema comune per quanto riguarda il collegamento, indicato dagli errori SSL_CONNECT, è quello dovuto all'installazione di un Satellite installato su di una macchina dove l'orario è stato impostato in modo errato. Durante il processo di installazione di Satellite, i certificati SSL vengono creati con orari incorretti. Se l'orario di Satellite viene corretto, l'orario e la data del certificato potrebbero essere impostati in futuro, marcandoli così come validi. Per risolvere questo problema, controllate la data e l'ora sui client e sul Satellite con il seguente comando: date I risultati dovrebbero essere quasi tutti identici per tutte le macchine, e all'interno delle finestre di validità "notbefore" e "notafter" dei certificati. Controllate le date e gli orari del certificato del client con il seguente comando: openssl x509 -dates -noout -in /usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert Controllate le date e gli orari del certificato del server di Satllite con il seguente comando: openssl x509 -dates -noout -in /etc/httpd/conf/ssl.crt/server.crt Per default, il certificato del server è valido un anno mentre quelli del client sono validi per 10 anni. Se i ceritificati sono incorretti, potrete aspettare il periodo di inizio della validità, se possibile, oppure creare un nuovo certificato, preferibilmente con gli orari del sistema impostati su GMT. I seguenti accorgimenti potrebbero essere usati per la risoluzione di errori riguardanti i collegamenti generali: Cercate di collegarvi al database di RHN Satellite sulla linea di comando, utilizzando la stringa corretta di collegamento come mostrato in /etc/rhn/rhn.conf: sqlplus Assicuratevi che RHN Satellite stia utilizzando il Network Time Protocol (NTP), il quale a sua volta risulta impostato sul fuso orario appropriato. Ciò viene applicato anche a tutti i sistemi client ed alle macchine separate del database in RHN Satellite con Stand-Alone Database. Confermare il pacchetto corretto: 7 rhn-org-httpd-ssl-key-pair-machine_name-ver-rel.noarch.rpm sia stato installato su RHN Satellite, e che il rhn-org-trusted-ssl-cert-*.noarch.rpm corrispondente o il certificato raw CA SSL public (client), sia installato su tutti i sistemi client. Verificate che i sistemi client siano configurati in modo da utilizzare il certificato corretto. Se vengono utilizzati uno o più RHN Proxy Server, assicuratevi che ogni certificato SSL di Proxy sia creato in modo corretto. Il Proxy dovrebbe presentare sia la coppia di chiavi SSL che il certificato CA SSL public (client), in quanto esso verrà utilizzato in entrambi i casi. Consultate il capitolo riguardante i Certificati SSL della RHN Client Configuration Guide per informazioni specifiche. Assicuratevi che i sistemi client non stiano utilizzando i firewall o che non blocchino le porte da utilizzare come riportato in Sezione 2.4, «Requisiti aggiuntivi» Problematiche relativa a SELinux Se incontrate qualche problema con i messaggi di SELinux (come ad esempio i messaggi di negazione AVC) con Red Hat Enterprise Linux 5 durante l'installazione di RHN Satellite, assicuratevi di avere a disposizione i file audit.log in modo da poter usufruire del supporto offerto da Red Hat. Il file è disponibile su /var/log/audit/audit.log ed è consigliato allegarlo al vostro Support ticket per il supporto del nostro personale Componenti software aggiornati Non registrate il vostro RHN Satellite ai seguenti canali figlio disponibili dai server centrali di RHN: Red Hat Developer Suite Red Hat Application Server Red Hat Extras 32

36 Capitolo 7. Troubleshooting Con la sottoscrizione ai suddetti canali e l'aggiornamento del vostro Satellite (come ad esempio l'esecuzione di yum su Red Hat Enterprise Linux 5 o up2date su versioni precedenti di Red Hat Enterprise Linux), potreste installare versioni nuove ma incompaibili di componenti software critici, con un conseguente fallimento di Satellite Debugging di Satellite con Red Hat Se avete utilizzato tutte le fasi di troubleshooting di seguito riportate, oppure se desiderate rimandarle ai professionisti di Red Hat Network, Red Hat consiglia di sfruttare il supporto offerto con RHN Satellite. Il modo migliore per fare questo, è quello di rendere noto i vostri parametri di configurazione di Satellite, i file di log, e le informazioni del database, e inviare questo pacchetto direttamente su Red Hat. RHN fornisce un tool della linea di comando idoneo a questo scopo. Il Satellite Diagnostic Info Gatherer, comunemente conosciuto tramite il suo comando satellite-debug. Per poter utilizzare questo tool, emettere il suddetto comando come utente root. Visualizzerete alcune parti di informazione ed una tarball singola come di seguito riportato: root]# satellite-debug Collecting and packaging relevant diagnostic information. Warning: this may take some time... * copying configuration information * copying logs * querying RPM database (versioning of RHN Satellite, etc.) * querying schema version and database character sets * get diskspace available * timestamping * creating tarball (may take some time): /tmp/satellite-debug.tar.bz2 * removing temporary debug tree Debug dump created, stored in /tmp/satellite-debug.tar.bz2 Deliver the generated tarball to your RHN contact or support channel. Una volta terminato, inviate una del nuovo file dalla directory /tmp/, al vostro rappresentante di Red Hat per una diagnosi immediata. 33

37 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Capitolo 8. Gestione A causa della unicità dell'ambiente di RHN Satellite, vengono forniti ai propri utenti delle funzionalità speciali non disponibili ad altri utenti di Red Hat Network. In aggiunta, anche lo stesso Satellite avrà bisogno di manutenzione. Questo capitolo affronta le procedure necessarie per poter eseguire funzioni amministrative particolari, e applicare le patch al vostro RHN Satellite Gestione di Satellite con rhn-satellite Poichè RHN Satellite coniste in una moltitudine di componenti individuali, Red Hat è in grado di fornire un tool della linea di comando che vi permette di arrestare, inziare, o recuperare lo stato di diversi servizi in un ordine corretto: rhn-satellite. Questo accetta tutti i comandi tipici: /usr/sbin/rhn-satellite start /usr/sbin/rhn-satellite stop /usr/sbin/rhn-satellite restart /usr/sbin/rhn-satellite reload /usr/sbin/rhn-satellite enable /usr/sbin/rhn-satellite disable /usr/sbin/rhn-satellite status Utilizzate il servizio rhn-satellite per arrestare o per lanciare il vostro RHN Satellite, e per riprendere contenporaneamente tutti i messaggi riguardanti lo stato provenienti da tutti i suoi servizi Aggiornamento di Satellite Se si crea un aggiornamento critico per RHN Satellite, lo stesso verrà rilasciato sotto forma di un Erratum per il RHN Satellite in questione. Per i sistemi RHN Satellite collegati ad internet, il modo migliore per applicare gli Errata Update, è quello di utilizzare Red Hat Update Agent tramite Red Hat Network. Poichè RHN Satellite è registrato a Red Hat Network, l'utente sarà in grado di eseguire yum update (o up2date -u su versioni di Red Hat Enterprise Linux precedenti alla versione 5) su RHN Satellite, oppure utilizzare il sito web su https://rhn.redhat.com per applicare gli aggiornamenti. Importante Gli RPM di Apache non sono in grado di riavviare, previa installazione, il servizio httpd. Per questo motivo, dopo aver eseguito un aggiornamento completo di un RHN Satellite Server ad esempio con il comando yum update (o up2date -uf su versioni vecchie di Red Hat Enterprise Linux), molto probabilmente Apache fallirà. Per evitare questo problema, assicuratevi di riavviare il servizio httpd dopo averlo aggiornato. Per i sistemi RHN Satellite non collegati ad internet, i pacchetti stessi potranno essere ripresi utilizzando un account utente su https://rhn.redhat.com. Successivamente, essi potranno essere applicati manualmente dall'utente stesso, in accordo alle istruzioni presenti all'interno dell'errata Advisory. Avvertenza È molto importante leggere le Errata Advisory necessarie per l'utilizzo di alcune fasi aggiuntive di configurazione, per poter applicare alcuni aggiornamenti specifici di RHN Satellite, in special modo se essi riguardano il database. In questi casi, l'advisory conterrà delle informazioni specifiche e dettagliate sulle fasi necessarie. Se invece di installare nuovi pacchetti Satellite, state cercando di aggiornare il RHN Entitlement Certificate del server, ad esempio per aumentare il proprio numero dei sistemi client, consultate Capitolo 5, Entitlement per maggiori informazioni Come eseguire il backup di Satellite Per poter eseguire un backup di RHN Satellite è possibile seguire diverse modalità. Indipendentemente dal metodo scelto, è necessario eseguire un backup anche del database associato. Per Stand-Alone Database consultare l'amministratore del database della vostra organizzazione. Per Embedded Database, fate riferimento alla Sezione 8.4, «Utilizzo di RHN DB Control», per una descrizione completa di questo processo e per le opzioni disponibili. Ecco un elenco minimo di file e directory consigliato da Red Hat da salvare: /rhnsat/ - solo per Embedded Database (non eseguite il back up quando il database risulta essere in esecuzione - consultate Sezione 8.4.2, «Backup del database») /etc/sysconfig/rhn/ /etc/rhn/ /etc/sudoers /etc/tnsnames.ora /var/www/html/pub/ /var/satellite/redhat/1 - RPM personalizzati /root/.gnupg/ /root/ssl-build/ /etc/dhcp.conf /tftpboot/ /var/lib/cobbler/ /var/lib/rhn/kickstarts/ /var/www/cobbler /var/lib/nocpulse/ Se possibile, eseguite il backup anche di /var/satellite/, In presenza di un errore, tale precauzione vi eviterà di eseguire un download molto lento. Poichè /var/satellite/ (ed in modo specifico /var/satellite/redhat/null/) è principalmente un duplicato della repository RPM di Red Hat, esso potrà essere rigenerato con satellite-sync. Red Hat consiglia il backup dell'intero albero di /var/satellite/. Nel caso di satellite disconnessi, è necessario eseguire il back up di /var/satellite/. L'esecuzione del backup di questi file e delle directory, richiede la reinstallazione degli RPM ISO di RHN Satellite, ed una nuova registrazione di Satellite. Altresì, i pacchetti di Red Hat dovranno essere sincronizzati nuovamente utilizzando il tool satellite-sync. Per finire, sarà necessario installare nuovamente /root/ssl-build/\ rhn-org-httpd-ssl-key-pair-machine_name-ver- REL.noarch.rpm. 34

38 Capitolo 8. Gestione Un metodo differente potrebbe essere rappresentato dall'esecuzione del backup dei file e delle directory in questione, ma installare nuovamente RHN Satellite senza registrarlo una seconda volta. Durante l'installazione, cancellate o saltate la regostrazione a RHN e la sezione riguardante la generazione dell'ssl certificate. Il metodo finale e più completo, è quello di eseguire il backup dell'intera macchina. Tale processo consente di risparmiare tempo, evitando il download e la reinstallazione, ma necessita di uno spazio del disco aggiuntivo e di un periodo entro il quale è possibile eseguire il backup. Nota Bene Senza considerare il metodo di backup utilizzato, durante il ripristino di Satellite da un backup è necessario eseguire il comando di seguito riportato, per programmare la ricreazione degli indici di ricerca nel successivo avvio del servizio rhn-search. /etc/init.d/rhn-search cleanindex 8.4. Utilizzo di RHN DB Control Il RHN Satellite con Embedded Database ha bisogno di una utility per la gestione del database in questione. A questo scopo Red Hat fornisce il tool desiderato: RHN DB Control. Questa utility della linea di comando, vi permette di eseguire la creazione, la verifica, ed il ripristino dei backup, in modo da ottenere lo stato del database e la possibilità di riavviarlo quando necessario. Per poter invocare RHN DB Control, è necessario essere un utente oracle. Per iniziare, assumete lo stato di utente oracle ed emettete il comando: su - oracle Successivamente emettete il seguente comando: db-control option Opzioni DB Control RHN DB Control offre numerose opzioni della linea di comando. Per poterle utilizzare, inserite come utente oracle, l'opzione ed il valore appropriato, se necessario, dopo il comando db-control. Tabella 8.1. Opzioni DB Control di RHN Opzione help backup DIRNAME examine DIRNAME extend gather-stats PCT report report-stats restore DIRNAME start shrink-segments status stop tablesizes verify DIRNAME Descrizione Elenca queste opzioni di db-control con informazioni aggiuntive. Esegue i backup del database sulla directory specificata. Esamina i contenuti di una directory di backup. Ritorna il timestamp della creazione di backup ed esegue un riporto sul suo contenuto. Aumenta il RHN Oracle tablespace Raccoglie le statistiche relative agli oggetti del database di RHN Oracle. PCT è la percentuale di righe da stimare (il valore predefinito è 15%). Esegue i riporti sull'utilizzo attuale dello spazio del database. Riporta i segmenti con statistiche vuote o invariate. Ripristina il database, cinservato in DIRNAME, da un backup. Per poter eseguire questo comando in modo corretto, è necessario arrestare il database. Avvia l'istanza del database. Tale azione può essere eseguita emettendo, come utente root, il comando service oracle start. Riduce i segmenti del database di RHN Oracle con una quantità di spazio libero molto elevata. Mostra lo stato corrente del database, "running" o "offline". Arresta l'istanza del database. Tale azione può essere eseguita emettendo, come utente root, il comando service oracle stop. Mostra lo space report per ogni tabella Verifica i contenuti del backup presenti in DIRNAME. Questo comando esegue un controllo di ogni file presente nel backup. Nota Bene Le statistiche del database rappresentano una raccolta di dati che descrivono in dettaglio il database e gli oggetti nel suo interno. Le suddette statistiche vengono usate dagli ottimizzatori dell'interrogazione per scegliere il piano di esecuzione migliore per ogni istruzione. Poichè gli oggetti presenti all'interno del database possono essere modificati in qualsiasi momento, le statistiche devono essere aggiornate regolarmente in modo da descrivere accuratamente i suddetti oggetti. Le statistiche sono gestite automaticamente da Oracle. Tuttavia se il vostro database presenta alcune problematiche relative alla prestazione dopo aver modificato una quantità significativa di dati, allora considerate una raccolta manuale dei dati. Nota Bene Dopo aver cancellato un quantità molto grande di dati utilizzate segment-shrink per riottenere lo spazio frammentato disponibile, presente in un segmento del database di Oracle. I benefici di segment-shrink sono una raccolta di dati più compatta, la quale permette un miglior utilizzo della cache e l'utilizzo di un numero minore di blocchi sul quale eseguire una scansione in full table scan. Tale caratteristica permette di avere una maggiore prestazione. La funzione 'segment shrink' funziona solo su Oracle Database 10g Release 2 appena creati presenti su RHN Satellite Server A causa delle diverse impostazioni predefinite del database in Oracle Database 9i, questa funzione non è operativa sui database aggiornati delle precedenti release di RHN Satellite Server. 35

39 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Backup del database Red Hat consiglia l'esecuzione notturna dei backup dell'embedded Database, e spostare la directory risultante su di un altro sistema tramite NFS, SCP,FTP ecc. Preferibilemente, questo sistema di backup deve risiedere all'esterno. Per eseguire un backup, arrestate il database ed i servizi relativi emettendo i seguenti comandi come utente root, seguendo l'ordine riportato: /usr/sbin/rhn-satellite stop Successivamente assumete lo stato di utente oracle, ed emettete il comando in modo da inizializzare il backup: db-control backup DIRNAME I file di backup verranno conservati nella directory specificata. Da notare che esso risulterà essere un backup cold; Il database deve essere arrestato prima di eseguire questo comando. Il suddetto processo richiederà diversi minuti. Il primo backup sarà indicativo della durata dei successivi backup. Una volta completato il processo di backup, ritornate nella modalità utente root, e riavviate il database ed i servizi relativi con il seguente comando: /usr/sbin/rhn-satellite start Successivamente è necessario copiare il backup in questione, su di un altro sistema utilizzando rsync, oppure utilizzando un'altra utility di trasferimento del file. Red Hat consiglia la programmazione di un processo automatico di backup utilizzando cron job. Per esempio, eseguite un backup del sistema alle 3:00 del mattino, e successivamente copiate il backup su di una repository separata (partizione, disco o sistema) alle 6:00 del mattino Verifica del backup L'esecuzione del backup di Embedded Database risulta essere utile solo se siete in grado di garantire l'integrità del bakup risultante. RHN DB Control fornisce due metodi per la revisione dei backup, uno molto breve, e l'altro molto più dettagliato. Per eseguire un controllo più veloce del timestamp di backup e determinare la mancanza, o meno, di alcuni file, emettere il seguente comando come utente oracle: db-control examine DIRNAME Per eseguire una revisione più completa, incluso il controllo di ogni file presente all'interno del backup, emettete questo comando come utente oracle: db-control verify DIRNAME Ripristino del database RHN DB Control rende il ripristino di Embedded Database un processo molto semplice. Come nel caso dei processi di creazione dei backup, è necessario arrestare il database insieme ai servizi relativi, emettendo prima i seguenti comandi come utente root seguendo l'ordine riportato: /usr/sbin/rhn-satellite stop Successivamente assumete lo stato di utente oracle ed emettete questo comando, inclusa la directory che contiene il backup, in modo da poter iniziare il processo di ripristino: db-control restore DIRNAME Tale processo non solo è in grado di ripristinare Embedded Database, ma verifica anche i contenuti della directory di backup utilizzando i checksum. Una volta completato il ripristino, ritornate alla modalità di utente root e riavviate il database insieme ai servizi relativi con i seguenti comandi seguendo l'ordine riportato: /usr/sbin/rhn-satellite start 8.5. Clonazione di Satellite con Embedded DB È possibile limitare l'outage causato dall'hardware o da altri errori, clonando interamente Satellite con Embedded Database. La macchina secondaria di Satellite può essere preparata all'uso, se quella primaria fallisce. Per poter clonare Satellite eseguire i seguenti compiti: 1. Installate RHN Satellite con Embedded Database (ed una instalazione di base di Red Hat Enterprise Linux AS) su di una macchina separata, saltando la fase di generazione del certificato SSL. 2. Eseguite un backup giornaliero del database del Satellite primario utilizzando i comandi descritti nella Sezione 8.4.2, «Backup del database». Se tale procedura viene seguita scrupolosamente, verranno persi solo i dati interessati al momento dell'errore. 3. Stabilite un meccanismo per copiare il backup sul Satellite secondario, e mantenete queste repository sincronizzate utilizzando un programma di trasferimento dei file come ad esempio rsync. Se utilizzate SAN, allora non sarà necessario copiare il backup. 4. Utilizzate l'opzione ripristina di RHN DB Control per importare i dati duplicati. 5. Se il Satellite primario fallisce trasferire il pacchetto RPM della coppia di chiavi SSL in /root/sslbuild dal Satellite primario a quello secondario ed installate il pacchetto. Ciò assicura che i client RHN potranno eseguire l'autenticazione ed eseguire il collegamento sicuro con il Satellite secondario. 6. Modificate il DNS in modo da indicare la nuova macchina, oppure per configurare in modo corretto il load balancer Creazione di un Satellite ridondante con Stand-Alone DB Restando con l'opzione di clonazione disponibile per il Satellite con Embedded Database, è possibile limitare le cadute di tensione sui Satellite con Stand-Alone Database, creando dei Satellite ridondanti. Diversamente dalla clonazione di un Satellite con Embedded Database, i Satellite ridondanti con Stand- Alone Database possono essere eseguiti sia come attivi o sia con uno stato di standby. Tale scelta dipende dalla topologia della vostra rete, e risulta essere indipendente dalle fasi di seguito riportate. Per poter stabilire questa ridondanza, come prima cosa installare normalmente il Satellite primario, ad eccezione del fatto che il valore specificato nel campo Nome comune per il certificato SSL, deve rappresentare la vostra configurazione di high-availability, invece di rappresentare l'hostname del server individuale. Successivamante: 1. Predisporre Stand-Alone Database per il processo di failover, utilizzando i consigli di Oracle per la creazione di un database fault-tolerant. Consultate il vostro amministratore del database. 2. Installate RHN Satellite con Stand-Alone Database (ed una installazione di base di Red Hat 36

40 Capitolo 8. Gestione Enterprise Linux AS) su di una macchina separata, saltando la configurazione del database, lo schema del database, il Certificato SSL e le fasi per la generazione dello script di bootstrap. È necesario includere lo stesso RHN account e le informazioni di collegamento del database fornito durante l'installazione iniziale di Satelite, registrando il nuovo Satellite. Se il vostro certificato SSL originale non prende in considerazione la vostra soluzione di highavailability, una nuova soluzione potrebbe essere creata ora con un valore più appropriato riguardante il Nome comune. In questo caso è possibile generare un nuovo script di bootstrap in grado di catturare questo nuovo valore. 3. Dopo l'installazione, copiate i seguenti file dal Satellite primario a quello secondario: /etc/rhn/rhn.conf /etc/tnsnames.ora /var/www/rhns/server/secret/rhnsecret.py 4. Copiare ed installare gli RPM del certificato SSL del server, dal Satellite primario a quello secondario. Consulate la sezione Condivisione dei certificati della RHN Client Configuration Guide, per informazioni più dettagliate. Ricordate che il valore del Nome comune, deve rappresentare una soluzione combinata dei Satellite, e non l'hostname di una macchina singola. Se durante l'installazione del Satellite secondario avete generato un nuovo certificato SSL in modo da includere un nuovo valore del Nome comune, copiate gli RPM del certificato SSL dal Satellite secondario a quello primario, e ridistribuite il certificato del client. Se avete anche creato uno script di bootstrap, potrete utilizzarlo per eseguire una installazione del certificato sui sistemi client. 5. Se non avete creato un nuovo script di bootstrap, copiate i contenuti di /var/www/html/pub/bootstrap/ dal Satellite primario a quello secondario. Se invece ne avete creato uno nuovo, copiate i contenuti della directory in questione sul Satellite primario. 6. Abilitate RHN Task Engine sul Satellite secondario, utilizzando il seguente comando: /sbin/service taskomatic stop Potrete usare degli script personalizzati o altri mezzi, in modo da stabilire un avvio/fialover automatico di RHN Task Engine sul Satellite secondario. Indipendentemente da questo, esso dovrà essere avviato dopo un failover. 7. Condividere i dati del pacchetto del canale (per default posizionati su /var/satellite) tra i Satellite, attraverso alcuni tipi di dispositivi di storage presenti all'interno della rete. Tale procedura elimina la duplicazione dei dati, assicurando una conservazione costante dei dati stessi su ogni Satellite. 8. Condividere i dati della cache (per default posizionati su /var/cache/rhn) tra i Satellite, attraverso alcuni tipi di dispositivi di storage presenti all'interno della rete. Tale procedura elimina la duplicazione dei dati, assicurando una conservazione costante dei dati stessi su ogni Satellite. 9. Rendete disponibili i vari Satellite presenti sulla rete, attraverso un Nome comune ed un metodo idoneo alla vostra infrastruttura. Le opzioni includono il DNS round-robin, un load balancer di rete ed una impostazione inversa di proxy Modifica dell'hostname di Satellite Se è necessario modificare l'hostname o l'indirizzo IP del server di Satellite il pacchetto satelliteutils contiene lo script di satellite-hostname-rename. Per usare lo script satellite-hostname-rename assicurarsi prima conoscere la frase d'accesso per SSL CA eseguendo il seguente comando: openssl rsa -in path/rhn-org-private-ssl-key Successivamente inserire la frase d'accesso quando richiesto. satellite-hostname-rename ha bisogno di un argomento obbligatorio, l'indirizzo IP del server Satellite, senza tenere in considerazione i possibili cambiamenti dell'indirizzo IP con l'hostname. L'utilizzo di satellite-hostname-rename è il seguente: spacewalk-hostname-rename <ip address> [ --ssl-country=<country> --sslstate=<state>\ --ssl-org=<organization/company> --ssl-orgunit=<department> --ssl- =< address> --ssl-ca-password=<password>] Se avete la necessità di generare un nuovo certificato SSL, tutte le informazioni necessarie verranno richieste in modalità interattiva a meno che non passate sulla linea di comando le opzioni necessarie (come nell'esempio sopra riportato). Se l'hostname del sistema non è stato modificato la rigenerazione di un nuovo certificato del server SSL non sarà necessaria. Tuttavia se viene specificata almeno una opzione SSL, satellite-hostname-rename genererà un certificato. Per maggiori informazioni sull'utilizzo di satellite-hostname-rename consultate la seguente voce del Red Hat Knowledgebase: https://access.redhat.com/kb/docs/doc Esecuzione di compiti specifici di Satellite L'utilizzo di RHN Satellite risulta essere molto simile alla versione host di Red Hat Network. Per questo motivo è necessario consultare la RHN Reference Guide, in modo da ottenere informazioni dettagliate sui compiti standard, come ad esempio la modifica dei Profili del sistema e l'aggiornamento dei pacchetti. I compiti relativi alla gestione dei canali personalizzati e degli Errata, vengono affrontati all'interno della RHN Channel Management Guide. Questa sezione affronta solo i compiti disponibili agli utenti di Satellite Utilizzo del menu Tool In aggiunta alle categorie standard disponibili per tutti gli utenti attraverso la barra superiore di navigazione, gli Organization Administrator di Satellite possono accedere anche al menu Tool. Tramite il suddetto menu, verrà aperta la pagina Tool interni di RHN. 37

41 Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Figura 8.1. Tool interni Per eseguire la ricarica 'refresh' della visuale dei canali aggiornati, i quali non riportano ancora le modifiche desiderate sul sito web di Satellite, fate clic sul link Aggiorna ora la cache dell'errata presente su questa pagina Conservazione di RHN Task Engine Il display di default mostra lo stato di RHN Task Engine. Questo tool risulta essere un demone eseguito sullo stesso server di Satellite, ed in grado di eseguire operazioni di routine, come ad esempio la pulizia del database, la consegna dell'errata, ecc, tutte operazioni che devono essere eseguite nel background. La pagina visualizza i tempi di esecuzione delle varie attività eseguite dal demone. Gli amministratori devono assicurarsi che RHN Task Engine sia sempre in esecuzione. Se il demone, per qualsiasi ragione, entra in uno stato di sospensione, lo stesso può essere riavviato utilizzando il proprio filename, taskomatic. Come utente root, eseguite il seguente comando: /sbin/service taskomatic restart È possibile utilizzare altri comandi di servizio, incluso start, stop, e status Come cancellare gli utenti A causa dell'ambiente isolato nel quale operano i RHN Satellite, è stato garantito agli utenti di Satellite la possibilità di cancellare altri utenti. Per poter accedere a questa funzionalità, fate clic su Utente sulla barra di navigazione superiore del sito web di RHN. All'interno dell'elenco risultante degli utenti, fate clic sul nome dell'utente da rimuovere. Tale azione vi porterà sulla pagina Informazioni utente. Fate clic sul link cancella utente nell'angolo in alto a destra della pagina. Figura 8.2. Cancellazione utente Verrà visualizzata una pagina di conferma speigando che la rimozione sarà permanente. Per continuare, fate clic sul pulsante Cancella utente nell'angolo in basso a destra della pagina. Nota Bene Il ruolo di Organization Administrator deve essere rimosso dal profilo utente prima di cancellare l'utente da RHN Satellite. Se non eseguite tale procedimento, l'operazione di cancellazione non verrà eseguita. Il ruolo di Organization Administrator può essere rimosso da qualsiasi Organization Administrator (sempre che il ruolo in questione non risulti essere l'unico all'interno dell'organizzazione), facendo clic su Utenti, e successivamente controllando la tabelladettagli. Figura 8.3. Conferma di cancellazione dell'utente 38

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat,

Dettagli

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0 Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0: Guida all installazione Copyright 2001-2005 Red Hat, Inc. Red Hat, Inc. 1801Varsity Drive RaleighNC 27606-2072USA Telefono: +1 919 754

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Daniel Macpherson Lana Brindley Athene Chan Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Fedora 14 Immagini live di Fedora Come utilizzare una immagine live di Fedora Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Copyright 2010 Red Hat, Inc. and others. The text of and illustrations in this

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate di seguito per installare una nuova versione di SUSE Linux Enterprise 11.

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute Inc. 2010.

Dettagli

Guida all'installazione 5.1

Guida all'installazione 5.1 RHN Proxy Server 5.1.1 Guida all'installazione 5.1 ISBN: Publication date: RHN Proxy Server 5.1.1 RHN Proxy Server 5.1.1: Guida all'installazione Copyright 2008 Red Hat, Inc. Copyright 2008 Red Hat, Inc.

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 7 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control versione 9 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 7 Data documento: ottobre 2009 Sommario

Dettagli

Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner

Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner Requisiti di sistema Installare GFI LANguard Network Security Scanner su un computer in possesso dei seguenti requisiti: Sistemi operativi Windows

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Ottobre 2008 Manuale attivazione PaschiInTesoreria - Ottobre 2008 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del

Dettagli

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 11 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

FileMaker Server 14. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Server 14. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Server 14 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007 2015 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 13 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS

ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS Guida all'installazione rapida DN-70591 INTRODUZIONE DN-70591 è un dispositivo combinato wireless/cablato progettato in modo specifico per i requisiti di rete

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY http://it.yourpdfguides.com/dref/2859686

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY http://it.yourpdfguides.com/dref/2859686 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY. Troverà le risposte a tutte sue domande sul

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Domande e risposte Il presente documento contiene domande e risposte relative all'utilizzo del software

Dettagli

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore Processi di stampa in attesa protetti Guida per l'amministratore Settembre 2013 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica...3 Configurazione processi di stampa in attesa protetti...4 Configurazione

Dettagli

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009 BiverInTesoreria Manuale di Attivazione Edizione Novembre 2009 Manuale Attivazione BiverInTesoreria - Novembre 2009 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 Copyright 2011 ECDL Foundation Tutti i diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta in alcuna forma se non

Dettagli

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI LANguard 9 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se

Dettagli

Guida di installazione per Fedora core 4

Guida di installazione per Fedora core 4 Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2005

Dettagli

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010 BavInAzienda Manuale di Attivazione Edizione Maggio 2010 Manuale Attivazione BavInAzienda - Maggio 2010 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione

Dettagli

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform Versione 1.0 gennaio 2011 Xerox Phaser 3635MFP 2011 Xerox Corporation. XEROX e XEROX and Design sono marchi di Xerox Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Questo documento è soggetto a modifiche

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Versione 5.0 19 agosto 2013 Sommario Informazioni sul presente documento...4 Importanti considerazioni relative all'aggiornamento della versione 5.0...4

Dettagli

Guida di installazione per Fedora 7

Guida di installazione per Fedora 7 Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2007 Dipartimento

Dettagli

Introduzione a QuarkXPress 10.0.1

Introduzione a QuarkXPress 10.0.1 Introduzione a QuarkXPress 10.0.1 TABLE DES MATIÈRES Table des matières Documenti correlati...3 Requisiti di sistema...4 Requisiti di sistema: Mac OS X...4 Requisiti di sistema: Windows...4 Installazione:

Dettagli

Archiviazione Email con Kerio Connect

Archiviazione Email con Kerio Connect Archiviazione Email con Kerio Connect Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di Kerio Connect (ex Kerio MailServer). Si presume che si disponga già

Dettagli

Resusci Anne Skills Station

Resusci Anne Skills Station MicroSim Frequently Asked Questions 1 Resusci Anne Skills Station Resusci_anne_skills-station_installation-guide_sp7012_I.indd 1 24/01/08 12:47:50 2 Resusci_anne_skills-station_installation-guide_sp7012_I.indd

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione 2007

Manuale di Attivazione. Edizione 2007 Manuale di Attivazione Edizione 2007 Manuale attivazione PaschiInAzienda - 2007 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del servizio 5 3.1.

Dettagli

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta Archiviazione delle email con IceWarp Mail Server Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di IceWarp. Si presume che si disponga già di un installazione

Dettagli

Caratteristiche generali

Caratteristiche generali Caratteristiche generali Tecnologie utilizzate Requisiti software/hardware Modalità di installazione del database del PSDR INSTALLAZIONE PSDR Installazione on-line Installazione off-line Primo avvio Riservatezza

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint Versione: 2.0 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 2011-12-08 SWDT1177102-1864151-1208024337-004 Indice 1

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Indice Introduzione... 3 Primo utilizzo del prodotto... 4 Backup dei file... 6 Ripristino dei file di backup... 8

Indice Introduzione... 3 Primo utilizzo del prodotto... 4 Backup dei file... 6 Ripristino dei file di backup... 8 Manuale dell utente Indice Introduzione... 3 Panoramica di ROL Secure DataSafe... 3 Funzionamento del prodotto... 3 Primo utilizzo del prodotto... 4 Attivazione del prodotto... 4 Avvio del primo backup...

Dettagli

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows i SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Per ulteriori informazioni sui prodotti software SPSS Inc., visitare il sito Web all indirizzo http://www.spss.it o contattare: SPSS

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

License Management. Installazione del Programma di licenza

License Management. Installazione del Programma di licenza License Management Installazione del Programma di licenza Nur für den internen Gebrauch CLA_InstallTOC.fm Indice Indice 0 1 Informazioni di base................................................... 1-1

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Con il termine Application Server si fa riferimento ad un contenitore, composto da diversi moduli, che offre alle applicazioni Web un ambiente

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 http://it.yourpdfguides.com/dref/3694379

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 http://it.yourpdfguides.com/dref/3694379 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station GUIDA DI INSTALLAZIONE AXIS Camera Station Informazioni su questa guida Questa guida è destinata ad amministratori e utenti di AXIS Camera Station e riguarda la versione 4.0 del software o versioni successive.

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE DI VIDA CONTENUTO

ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE DI VIDA CONTENUTO VIDA ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE VIDA 2015 CONTENUTO 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMA DELL'INSTALLAZIONE... 4 2.1 Lista di controllo di pre-installazione... 4 2.2 Prodotti delle terze parti... 4 2.2.1 Adobe

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Linux - Istruzioni di installazione (Licenza per sito)

IBM SPSS Statistics per Linux - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) IBM SPSS Statistics per Linux - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per sito. Questo documento

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA 9500 COMMUNICATOR. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Windows Installer di XenClient Enterprise Engine. 16 novembre 2012

Windows Installer di XenClient Enterprise Engine. 16 novembre 2012 Windows Installer di XenClient Enterprise Engine 16 novembre 2012 Sommario Informazioni sulla guida... 3 Informazioni sul programma di installazione di XenClient Enterprise Engine... 3 Considerazioni importanti...

Dettagli

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Diagnosi dei problemi Valutazione dei dati macchina Problemi e soluzioni Garanzia di protezione del cliente 701P41696 Descrizione generale di Servizi

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni, specifiche,

Dettagli

Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync

Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync Copyright 2005 palmone, Inc. Tutti i diritti riservati. palmone, HotSync, Treo, VersaMail, and Palm OS rientrano fra i marchi di fabbrica o marchi

Dettagli

Istruzioni di installazione di Intel Utilities

Istruzioni di installazione di Intel Utilities Istruzioni di installazione di Intel Utilities Queste istruzioni spiegano come installare Intel Utilities dal CD n. 1 di Intel System Management Software (per i due CD della versione solo in inglese) o

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1

Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1 Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1 2012-12-21 Kivuto Solutions Inc. [RISERVATO] SOMMARIO PANORAMICA...1 METODI DI VERIFICA...2 Verifica utente integrata (IUV, Integrated User Verification)...2

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Capitolo 1 Connessione del Router a Internet

Capitolo 1 Connessione del Router a Internet Capitolo 1 Connessione del Router a Internet Questo capitolo descrive come installare il router nella rete LAN (Local Area Network) e connettersi a Internet. Inoltre illustra la procedura di allestimento

Dettagli

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html b.backup Manuale Windows Questo manuale descrive le funzionalità di base del client b.backup illustra le operazioni necessarie per installare e attivare l applicazione, e spiega come eseguire un backup

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade. Per gli utenti di Sophos Enterprise Console

Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade. Per gli utenti di Sophos Enterprise Console Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade Per gli utenti di Sophos Enterprise Console Versione prodotto: 10.3 Data documento: gennaio 2015 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Quali upgrade

Dettagli

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2 Sophos Deployment Packager guida per utenti Versione prodotto: 1.2 Data documento: settembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Deployment Packager...4 2.1 Problemi noti e limiti del Deployment

Dettagli

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli)

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di SPSS Statistics con licenza per utenti singoli. Una

Dettagli

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1 Client VPN Manuale d uso 9235970 Edizione 1 Copyright 2004 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del presente documento, né parte di esso, potrà essere riprodotto, trasferito, distribuito

Dettagli

Sophos Mobile Control Guida utenti per Windows Mobile. Versione prodotto: 3.6

Sophos Mobile Control Guida utenti per Windows Mobile. Versione prodotto: 3.6 Sophos Mobile Control Guida utenti per Windows Mobile Versione prodotto: 3.6 Data documento: novembre 2013 Sommario 1 Sophos Mobile Control...3 2 Informazioni sulla guida...4 3 Accesso al portale self-service...5

Dettagli

Installazione e attivazione delle licenze

Installazione e attivazione delle licenze Capitolo 1 Installazione e attivazione delle licenze L installazione del software su una singola macchina è di solito un operazione piuttosto semplice, ma quando si deve installare AutoCAD in rete è richiesta

Dettagli

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Pagina 1 Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo La sfida Replicare un ambiente

Dettagli

Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT

Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT V E R S I O N E D E L L ' A P P L I C A Z I O N E : 8. 0 C F 1 Gentile utente, Grazie per aver scelto il nostro prodotto. Ci auguriamo che questa documentazione

Dettagli

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista DNNCenter Installazione standard di DotNetNuke 5 per Windows Vista Copyright OPSI Srl www.opsi.it Pag. 1 of 28 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. Pre-requisiti... 3 2. DOWNLOAD DOTNETNUKE... 4 2.1. Download

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Online Help StruxureWare Data Center Expert

Online Help StruxureWare Data Center Expert Online Help StruxureWare Data Center Expert Version 7.2.7 StruxureWare Data Center ExpertDispositivo virtuale Il server StruxureWare Data Center Expert 7.2 è disponibile come dispositivo virtuale, supportato

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 http://it.yourpdfguides.com/dref/3694377

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 http://it.yourpdfguides.com/dref/3694377 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Sophos Mobile Control Guida utenti per Android. Versione prodotto: 3.6

Sophos Mobile Control Guida utenti per Android. Versione prodotto: 3.6 Sophos Mobile Control Guida utenti per Android Versione prodotto: 3.6 Data documento: novembre 2013 Sommario 1 Sophos Mobile Control...3 2 Informazioni sulla guida...4 3 Accesso al portale self-service...5

Dettagli

Prima di installare Mac OS X

Prima di installare Mac OS X Prima di installare Mac OS X Leggi il seguente documento prima di installare Mac OS X. Tale documento fornisce informazioni importanti sui computer supportati, sui requisiti del sistema e sull installazione

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli