COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali"

Transcript

1 RIF. N. :... COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO Investimenti Infrastrutturali REGOLAMENTO (CE) N. 1260/99 DEL CONSIGLIO del 21/06/1999 H:\Preline\16f2_016\INTE_0323\web16new\document\doc\document\euro \infra_it.doc

2 SOMMARIO 1. INDIRIZZI E RIFERIMENTI UTILI 1.1. Autorità richiedente 1.2. Organizzazione incaricata dell esecuzione del progetto 1.3. Autorità od ente abilitato a certificare i pagamenti 1.4. Organizzazione destinataria dei pagamenti 2. NATURA ED UBICAZIONE DEL PROGETTO 2.1. Titolo del progetto 2.2. Ubicazione del progetto 2.3. Fondo Strutturale 2.4. Compatibilità e coerenza con il Programma operativo/docup 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO 4. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4.1. Obiettivi del progetto 4.2. Legame con le priorità d intervento e il relativo Programma operativo/docup 4.3. Impatto prevedibile sullo sviluppo e la riconversione della regione 5. SCADENZARIO 6. COSTI DEL PROGETTO 6.1. Analisi dei costi 6.2. Piano finanziario 6.3. Costo delle misure di compensazione ambientale 7. ANALISI COSTI-BENEFICI 7.1. Analisi finanziaria 7.2. Analisi socioeconomica 7.3. Analisi di sensibilità e del rischio 8. IMPATTO DEL PROGETTO SULL OCCUPAZIONE 8.1. Posti di lavoro creati 2

3 9. COMPATIBILITÀ CON ALTRE POLITICHE E AZIONI COMUNITARIE 9.1. Concorrenza 9.2. Pubblici appalti 9.3. Ambiente 9.4. Pari opportunità 9.5. Altri settori 9.6. Procedimenti legali in corso 10. INCIDENZA DEL FINANZIAMENTO COMUNITARIO O NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO 11. PIANO DI FINANZIAMENTO Importo delle spese ammissibili Fonti di finanziamento Tasso di finanziamento comunitario Forma di finanziamento 12. COMPATIBILITÀ CON ALTRE MISURE FINANZIATE DALLA COMUNITÀ Partecipazione del Fondo di coesione Partecipazione di altre fonti comunitarie al progetto Partecipazione di altre fonti comunitarie a precedenti fasi del progetto Diversi 13. SORVEGLIANZA Indicatori fisici e finanziari per la sorveglianza 14. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO E VALUTAZIONE Disposizioni specifiche applicabili al progetto 15. PUBBLICITÀ ALLEGATI I. PUBBLICI APPALTI II VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE II (a) DICHIARAZIONE DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER LA SORVEGLIANZA DEI SITI «NATURA 2000» 3

4 FONDI STRUTTURALI GRANDI PROGETTI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO (ART. 26.3) I Fondi strutturali possono finanziare spese connesse a grandi progetti (art. 25), vale a dire: a) un insieme di lavori economicamente indivisibili che svolgono una funzione tecnica precisa e hanno obiettivi chiaramente definiti e b) il cui costo totale considerato al fine di determinare l'importo della partecipazione dei Fondi supera i 50 milioni di euro. La presente richiesta di conferma del tasso di partecipazione riguarda investimenti in infrastrutture. Ciascuna richiesta deve essere corredata da una relazione informativa sul progetto (cfr. allegato I) e da un modulo di valutazione dell impatto ambientale debitamente completato (cfr. allegato II). 4

5 Rif. N. :... FONDI STRUTTURALI: RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI PARTECIPAZIONE INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI 1. INDIRIZZI E RIFERIMENTI UTILI 1.1 Autorità richiedente me: Indirizzo Referente: Telefono: Telex/Fax: Internet Organizzazione incaricata dell esecuzione del progetto me: Indirizzo Referente: Telefono: Telex/Fax: Internet Autorità od ente abilitato a certificare i pagamenti me: Indirizzo Referente: Telefono: Telex/Fax: Internet Organizzazione destinataria dei pagamenti me: Indirizzo Referente: Telefono: Telex/Fax: Internet 5

6 2. NATURA ED UBICAZIONE DEL PROGETTO 2.1 Titolo del progetto descrizione sommaria: 2.2 Ubicazione del progetto (allegare mappo): Stato membro:... Regione(i):... Distretto(i) Fondo Strutturale FESR FSE FEAOG SFOP 2.4 Compatibilità e coerenza con il Programma operativo/docup Titolo del Programma operativo/docup pertinente... Decisione della Commissione (numero e data)... Titolo della misura:... Spiegare brevemente in che modo il progetto contribuisce alla realizzazione della misura o del programma operativo: 6

7 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO Descrizione tecnica generale del progetto: - Descrivere in modo esauriente i lavori previsti, precisandone le principali componenti e caratteristiche. Ricorrere ad indicatori quantificati ove possibile. - Risultati auspicati (quantificati) dell investimento - Descrizione dell infrastruttura e dei lavori da realizzare; altri eventuali progetti direttamente connessi al presente progetto - Fasi di esecuzione e scadenzario; evoluzione dei seguenti aspetti del progetto d investimento: tecnico; amministrativo (autorizzazioni, acquisto di terreni, bandi di gara, ecc.); finanziario (decisioni d impegno per le spese pubbliche nazionali, prestiti chiesti o concessi, ecc.) (citare gli estremi o accludere copie dei documenti giustificativi) - Modalità di gestione dell infrastruttura ad intervento ultimato - Riferimenti e principali conclusioni degli studi (di fattibilità e preparatori); indicare i riferimenti precisi se effettuati con il contributo dei Fondi strutturali. 7

8 4. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4.1 Quali sono gli obiettivi del progetto? - Descrivere in modo esauriente gli obiettivi generali e particolari (indicando eventuali colli di problemi da risolvere) - Distinguere tra obiettivi principali e secondari - Quantificare gli obiettivi principali Indicare in che modo gli obiettivi del progetto si ricollegano alle priorità della misura e del relativo Programma operativo/docup 4.3 Impatto prevedibile sullo sviluppo e la riconversione della regione - Indicare l attuale grado di dotazione infrastrutturale della regione nel settore oggetto della presente richiesta; confrontare la dotazione attuale con il fabbisogno specifico della regione; indicare l obiettivo perseguito in materia di dotazione infrastrutturale per l anno Principali beneficiari dell infrastruttura:.. - Effetti permanenti dell infrastruttura sui risultati economici della regione (PIL, ecc.) e suo contributo alla valorizzazione del potenziale di sviluppo regionale:.. 8

9 - Il progetto fa parte di una misura transfrontaliera coinvolgente due o più Stati membri? - In caso affermativo, precisare di quale misura si tratta:.. - Il progetto fa parte di una rete transeuropea definita a livello comunitario? 9

10 5. SCADENZARIO Date previste di inizio e conclusione delle varie fasi del progetto: Data d inizio Data di conclusione Studio di fattibilità:.../.../....../.../... Analisi costi/benefici:.../.../....../.../... Analisi finanziaria:.../.../....../.../... Valutazione dell impatto ambientale:.../.../....../.../... Studi di progettazione:.../.../....../.../... Documentazione per la gara d appalto:.../.../....../.../... Acquisto di terreni:.../.../....../.../... Costruzione:.../.../....../.../... Fase operativa:.../.../... (allegare un calendario indicativo dei lavori) Se il progetto è già in corso, indicare lo stadio attuale dei lavori: 10

11 6. COSTI DEL PROGETTO 6.1 Analisi dei costi Termine di ammissibilità delle spese*:.../.../... Euro x 1000 (prezzi correnti) COSTO TOTALE DEL PROGETTO ESBORSI EFFETTUATI PRIMA DEL TERMINE DI AMMISSIBILITÀ COSTI AMMISSIBILI Oneri di pianificazione e progettazione Acquisto di terreni Edilizia e costruzioni Impiantistica e macchinari Riserva imprevisti Revisione dei prezzi Assistenza tecnica Pubblicità Supervisione nella fase attuativa TOTALE parziale IVA*** TOTALE * Il termine di ammissibilità delle spese corrisponde alla data di ricevimento, da parte della Commissione, della domanda relativa al Programma operativo pertinente. ** Costo ammissibile degli esborsi effettuati a decorrere dal termine di ammissibilità. *** Se l IVA è inclusa nel costo, spiegarne i motivi:

12 6.2 Piano finanziario milioni di euro (prezzi correnti) ANNO COSTO TOTALE SPESA PUBBLICA Finanzia menti privati Altri strumenti finanziari (precisare) Prestiti BEI Spesa pubblica totale Partecipazione dei Fondi strutturali (*) Finanziamento nazionale Totale Stato Regione Enti locali Altri (precisare) 1=2+9 2= = TOTAL E (*) Precisare quale Fondo: FESR, FSE, FEAOG o SFOP 12

13 6.3 Costo delle misure correttive degli effetti ambientali negativi Proporzione stimata del costo delle misure adottate per ridurre e/o compensare gli eventuali effetti negativi sull ambiente (se compresa nel costo totale). % Spiegare in breve: ANALISI COSTI-BENEFICI 7.1 ANALISI FINANZIARIA Ogni domanda deve essere accompagnata da un'analisi finanziaria recante i seguenti elementi: descrizione del metodo; vita economica del progetto; spese d investimento; costi di esercizio e manutenzione per tutta la vita utile dell infrastruttura; reddito generato durante la vita utile dell infrastruttura; analisi del flusso monetario attualizzato (DCF); In caso di redditi generati dal progetto, riferire in breve i principali risultati dell analisi del flusso monetario scontato (DCF) e indicare il tasso di rendimento finanziario stimato che ne deriva (con e senza la partecipazione dei Fondi strutturali): Metodo di recupero dei costi Si prevede che il progetto produrrà reddito mediante canoni o altri oneri a carico degli utenti? 1 1 Il nuovo periodo di programmazione : documenti tecnici tematici - Documento tecnico 1: applicazione del principio "chi inquina paga" - Diversificare i tassi di partecipazione comunitaria per gli interventi dei Fondi strutturali, del Fondo di coesione e dell'ispa nel settore delle infrastrutture,

14 In caso affermativo, specificare di che oneri si tratta (tipo, entità, principio su cui sono basati) - gli oneri suddetti coprono i costi operativi e i costi di ammortamento del progetto? si applicano oneri diversi a seconda degli utenti dell infrastruttura? gli oneri sono proporzionali a) all utilizzo del progetto / allo sfruttamento effettivo delle risorse b) all inquinamento emesso dagli utenti In caso negativo, spiegare in che modo s intende sopperire ai costi operativi e di manutenzione e assicurare l autofinanziamento del progetto. 7.2 ANALISI SOCIOECONOMICA Ogni domanda deve essere accompagnata da un'analisi socioeconomica recante i seguenti elementi: descrizione del metodo; alternative considerate; costi diretti e indiretti e benefici nella fase di costruzione; costi diretti e indiretti e benefici nella fase operativa; principali ipotesi su cui è basata la valutazione dei costi e dei benefici; determinazione dei costi e dei benefici non interamente quantificabili o valutabili; valutazione generale dei costi e dei benefici socioeconomici del progetto; benefici indiretti per l economia regionale derivanti dall infrastruttura; diseconomie create dall infrastruttura; principali beneficiari del progetto e tasso di utilizzazione stimato; risultati dell analisi in termini di TRE, VAN o rapporto benefici/costi; 14

15 7.2.1 Riferire in breve i principali risultati dell analisi costi/benefici (o di altre analisi economiche effettuate): Se non è stata effettuata un analisi dei costi e dei benefici, spiegarne i motivi e descrivere il metodo alternativo: Indicare i risultati dell analisi economica facendo riferimento ai seguenti indicatori: Tasso di rendimento economico Valore attualizzato netto Indicare il tasso d attualizzazione Rapporto benefici/costi TRE VAN B/C Dettagliare i principali costi e benefici risultanti dall analisi con i relativi valori assegnati a ciascuna voce Beneficio Valore unitario Valore totale (PV) % dei benefici totali.. Costo Valore unitario Valore totale (PV) % del costo totale.. Osservazioni:... Citare i principali costi e benefici non quantificabili o non valutabili: Indicare il tasso di utilizzo previsto: 15

16 7.3 ANALISI DI SENSIBILITÀ E DEL RISCHIO Ogni domanda deve essere accompagnata da un'analisi di sensibilità e del rischio recante i seguenti elementi: analisi della sensibilità; valutazione del rischio e dell alea (effetto stimato sui risultati delle variazioni dei principali parametri) Descrivere la determinazione della variabile critica con l'ausilio dell'analisi di sensibilità: Tracciare uno scenario teorico pessimistico ed uno ottimistico: 8. IMPATTO DEL PROGETTO SULL OCCUPAZIONE 8.1 Numero di posti di lavoro creati : (in termini di equivalenti tempo pieno) Numero di posti di lavoro diretti: - creati durante la fase di realizzazione - creati durante la fase operativa - durata media degli impieghi Numero di posti di lavoro indotti: - creati durante la fase di realizzazione - creati durante la fase operativa 16

17 9. COMPATIBILITÀ CON ALTRE POLITICHE E AZIONI COMUNITARIE 9.1 Concorrenza Il progetto comporta aiuti di Stato? 2 In caso affermativo, citare il numero dell aiuto di Stato, il relativo importo e il riferimento della lettera di approvazione: 9.2 Pubblici appalti I contratti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee? Data Riferimento In caso affermativo, precisare gli estremi: Contratto... Contratto... Contratto... (completare la tabella dell'allegato I) In caso negativo, motivare:... Per ciascun appalto aggiudicato, allegare la relazione prevista nelle direttive sui pubblici appalti Nel caso di concessioni, precisare lo stato giuridico del concessionario e fornire particolari sul contratto (se già concluso): La presente richiesta non sostituisce la notifica alla Commissione ai sensi dell articolo 88, paragrafo 3 del trattato. 17

18 9.3. Ambiente In che modo il progetto: a) contribuisce all obiettivo dello sviluppo sostenibile b) rispetta il principio della prevenzione e quello secondo cui i danni ambientali andrebbero sanati il più possibile alla fonte c) rispetta il principio «chi inquina paga» Consultazione delle autorità competenti Le autorità competenti in materia ambientale, suscettibili di essere interessate dal progetto, sono state consultate in considerazione delle loro specifiche competenze? In caso affermativo, citare le autorità consultate con il loro nome e indirizzo: In caso negativo, motivare: Valutazione dell impatto ambientale Completare, per ciascun progetto l'allegato II del presente modulo di domanda concernente la valutazione dell'impatto ambientale Oltre alla VIA, il progetto comprende altre misure d integrazione della dimensione ambientale (p.es. audit ambientale, gestione dell ambiente, sorveglianza ambientale specifica, ecc.)? In caso affermativo, precisare:... 18

19 Per i progetti nei settori delle acque, delle acque reflue e dei rifiuti solidi: 9.4 Pari opportunità Spiegare se il progetto è coerente con il piano settoriale/integrato 3 e con il programma connesso all'applicazione della politica o della legislazione comunitaria in questi settori Impatto auspicato del progetto sulla promozione della parità tra uomini e donne: Positivo Neutro Precisare: 9.5 Diversi Descrivere gli eventuali legami con altre politiche comunitarie aventi attinenza con il progetto: 9.6 Il progetto è attualmente sottoposto ad un procedimento legale 4 per accertarne la conformità con la normativa comunitaria? In caso affermativo, specificare: 3 I piani settoriali e integrati comprendono quelli connessi alla legislazione ambientale comunitaria, fra cui i piani previsti dalle direttive 75/440/CEE (qualità delle acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile), 91/271/CEE (trattamento delle acque reflue urbane), 91/676/CEE (nitrati), 75/442/CEE (rifiuti) modificata dalla direttiva 91/156/CEE, 91/689/CEE (rifuti pericolosi), 94/62/CE (rifiuti di imballaggio) e altri piani connessi all'applicazione coerente della legislazione ambientale comunitaria e alla politica nei settori delle acque, delle acque reflue e dei rifiuti. 4 A norma degli articoli 88, 226 o 228 del trattato di Amsterdam; articoli 38 o 39 del regolamento 1260/99 del Consiglio. 19

20 10 INCIDENZA DEL FINANZIAMENTO COMUNITARIO O NELLO REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Si prevede che la partecipazione dei Fondi strutturali: accelererà l esecuzione del progetto? sarà fondamentale per l esecuzione del progetto? Per ogni risposta affermativa, specificare: PIANO DI FINANZIAMENTO 11.1 Importo delle spese ammissibili Euro 11.2 Dettagliare le fonti di finanziamento: Autorità nazionali*: Settore privato: Fondi Strutturali - FESR - FSE - FEAOG - SFOP BEI Altri (specificare):... *indicare la dotazione di bilancio Euro 11.3 Tasso di finanziamento comunitario richiesto % (sulla base delle spese ammissibili) 11.4 Forma di finanziamento (sovvenzione diretta, abbuono d interessi, investimento azionario,...) 20

21 12. COMPATIBILITÀ CON ALTRE MISURE FINANZIATE DALLA COMUNITÀ 12.1 Il progetto è complementare ad altri progetti già finanziati / che saranno finanziati dal Fondo di coesione? In caso affermativo, precisare quali progetti: 12.2 E stata inoltrata un altra domanda di finanziamento presso altre fonti comunitarie (compresi Fondo di coesione, BEI, FEI, ecc.) per questo stesso progetto? In caso affermativo, precisare lo strumento finanziario interessato, gli estremi della pratica, le date, gli importi richiesti, gli importi erogati, ecc E stata inoltrata un altra domanda di finanziamento presso altre fonti comunitarie (compresi Fondo di coesione, BEI, FEI, ecc.) per una fase precedente di questo progetto? In caso affermativo, precisare lo strumento finanziario interessato, gli estremi della pratica, le date, gli importi richiesti, gli importi erogati, ecc Precisare il rapporto esistente tra il presente progetto ed altri interventi intrapresi con il contributo del bilancio comunitario, della BEI o di altri strumenti finanziari della Comunità: 21

22 13. SORVEGLIANZA 13.1 Citare gli indicatori fisici e finanziari (art. 36) che saranno utilizzati per sorvegliare e valutare l andamento del progetto: (a) Indicatori principali (b) Stima del carico di lavoro richiesto per ultimare il progetto 14. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO E VALUTAZIONE 14.1 Al presente progetto si applicano disposizioni specifiche, oltre alle modalità stabilite nel corrispondente PO/DOCUP? (p.es. gestione del progetto, comitato di sorveglianza specifico, ecc.) In caso affermativo, circostanziare: 15. MISURE PUBBLICITARIE Descrivere le misure con cui verrà data pubblicità alla partecipazione dei Fondi strutturali: NOME:... FIRMA: TIMBRO: 22

23 ALLEGATO I Modulo tecnico delle procedure di sorveglianza per le gare pubbliche (*) Dati disponibili in data (GG/MM/AAAA) Tipo di contratto Ammontare del contratto (1) Procedura di aggiudicazione (2) Data di pubblicazione dell'avviso (3) Data di pubblicazione della gara d'appalto (3) Data di pubblicazione dell'avviso di aggiudicazione (3) Servizi (compresi studi e assistenza tecnica) Contratto n. 1 Contratto n. 2 Contratto n. 3 Opere Contratto n. a Contratto n. b Contratto n. c Forniture Contratto n. m Contratto n. n Contratto n. p Altro Contratto n. x Contratto n. y Contratto n. z Totale (1 Inviare copia del contratto. (2) Inviare copia della relazione. Per le procedure "a trattativa privata" allegare la motivazione della scelta. (3 Inviare copia di ogni pubblicazione. (*) Il presente modulo è inviato la prima volta unitamente alla domanda d'intervento. Esso sarà periodicamente aggiornato nel corso dell'esecuzione del progetto. 23

24 ALLEGATO II VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE (Completare il formulario in ogni sua parte per ciascun progetto) 1. AUTORIZZAZIONE L autorizzazione 5 a questo progetto è già stata accordata? In caso affermativo, precisare la data: In caso negativo, in che data è stata inoltrata la richiesta formale di autorizzazione? Per quale data è attesa la decisione definitiva? Citare l autorità o le autorità che hanno concesso o concederanno l autorizzazione:.. 2. APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA SULLA VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE (VIA) Il progetto appartiene ad una categoria contemplata da: Allegato I della direttiva 85/337/CEE modificata dalla direttiva 97/11/CE Allegato II della direttiva 85/337/CEE modificata dalla direttiva 97/11/CE n contemplata dalla direttiva 85/337/CEE modificata dalla direttiva 97/11/CE (passare al punto 2.2.) (passare al punto 2.3.) (passare al punto 3.) 5 Cioè la decisione che conferisce al committente il diritto di realizzare il progetto. 6 Direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati (GU L 175 del ), modificata dalla direttiva 97/11/CE (GU L 73 del ). 24

25 2.2. Se il progetto è contemplato dall allegato I della direttiva, allegare i documenti richiesti Se il progetto è contemplato dall allegato II della direttiva, è stata effettuata una valutazione dell impatto ambientale (VIA) del progetto? In caso affermativo, accludere i documenti richiesti 7 In caso negativo, motivare 8 : 3. VALUTAZIONE DELL IMPATTO SUI SITI «NATURA 2000» Si prevede che il progetto avrà effetti negativi rilevanti sui siti che fanno o faranno parte della rete Natura ? In caso affermativo, accludere copia dell apposito modulo completato, relativo ai progetti che hanno effetti negativi rilevanti sui siti Natura , trasmesso alla Commissione (DG Ambiente) a norma della direttiva 92/43/CEE. In caso negativo, riempire la dichiarazione figurante nell allegato II (a) 7 I documenti richiesti sono: a) sintesi non tecnica dello studio d impatto ambientale condotto per il progetto; b) risultati delle consultazioni con le autorità competenti in materia ambientale; c) risultati delle consultazioni con il pubblico interessato. d) nel caso di progetti la cui domanda formale di autorizzazione (vedi sopra, punto 1) è stata inoltrata dopo il 14 marzo 1999: le informazioni di cui all articolo 9, paragrafo 1 della direttiva 85/337/CE, modificato dall articolo 11 della direttiva 97/11/CE. N.B.: gli elementi di cui alle lettere b) e c) possono essere presentati sotto forma di dichiarazione, conclusione o attestazione rilasciata dall autorità competente, nella quale sia indicato il modo in cui è stato tenuto conto degli interessi delle parti consultate e del pubblico interessato. 8 Descrivere brevemente i limiti minimi o i criteri applicati, ovvero l esame caso per caso su cui si basa tale decisione. Dalla spiegazione deve risultare chiaro per quale motivo il progetto è stato considerato privo di effetti rilevanti dal punto di vista ambientale. 9 Tali siti comprendono: a) zone di protezione speciale classificate o da classificare ai sensi della direttiva uccelli (79/409/CEE, GU L 103 del ) e b) aree proposte o che dovranno essere proposte dagli Stati membri a norma dell articolo 4, paragrafo 1 della direttiva habitat (92/43/CEE, GU L 206 del ). 10 Documento n. 99/7 rev. 2, adottato dal comitato Habitat (composto dai rappresentanti degli Stati membri e istituito dalla direttiva 92/43/CEE) nella riunione del 4 ottobre

26 ALLEGATO II (a) DICHIARAZIONE DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER LA SORVEGLIANZA DEI SITI «NATURA 2000» Autorità competente... vista la domanda 11 concernente il progetto:... (titolo)... situato a:... si dichiara quanto segue (contrassegnare la casella corrispondente): E improbabile che il progetto abbia effetti negativi rilevanti su un sito Natura 2000 per i seguenti motivi: Pertanto, la valutazione richiesta a norma dell articolo 6, paragrafo 3 della direttiva 92/43/CEE non è ritenuta necessaria. La valutazione, debitamente effettuata a norma dell articolo 6, paragrafo 3 della direttiva 92/43/CEE, ha dimostrato che il progetto non avrà effetti negativi rilevanti su un sito Natura Si acclude una carta in scala 1: (o la più simile possibile) indicante l ubicazione del progetto e gli eventuali siti Natura 2000 interessati. Firmato:..(autorità competente per la sorveglianza dei siti Natura 2000 ) Sigillo ufficiale: 11 Tenuto conto delle disposizioni dell articolo 6, paragrafo 3 della direttiva 92/43/CEE 26

Allegato B. Domanda di Partecipazione al Bando Fondazione BNL. Servizi Residenziali per Minori

Allegato B. Domanda di Partecipazione al Bando Fondazione BNL. Servizi Residenziali per Minori Allegato B Domanda di Partecipazione al Bando Fondazione BNL Servizi Residenziali per Minori Il sottoscritto (nome e cognome) In qualità di legale rappresentante di (denominazione dell Ente) Vista la documentazione

Dettagli

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e delle Finanze DOCUP obiettivo 2 2000/6 Allegato VI Spese ammissibili per le misure a Regia Regionale Spese ammissibili per le

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

L obiettivo del presente documento è la definizione di linee guida per la selezione delle richieste di

L obiettivo del presente documento è la definizione di linee guida per la selezione delle richieste di LINEE GUIDA PER I PROGETTI DI SOLIDARIETA E DI PROMOZIONE SOCIALE AUTOSTRADE PER L ITALIA SPA PREMESSA L obiettivo del presente documento è la definizione di linee guida per la selezione delle richieste

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI INFRASTRUTTURE DI VALORE SUPERIORE A

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI INFRASTRUTTURE DI VALORE SUPERIORE A LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI INFRASTRUTTURE DI VALORE SUPERIORE A 10 MEuro CON FINANZIAMENTI SU RISORSE NON POR Pagina 1 di 14 INDICE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell Unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg Fax (352) 29 29 42 670 Posta elettronica ojs@publications.europa.eu Indirizzo

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009 PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO 1 Bando 2009 ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO-SANITARIA - RICERCA SCIENTIFICA E IN CAMPO SANITARIO FORMAZIONE - TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DI ATTIVITA

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Punti di contatto: SERVIZIO APPALTI E CONTRATTI Telefono: +39 0881791412

Punti di contatto: SERVIZIO APPALTI E CONTRATTI Telefono: +39 0881791412 1/ 15 ENOTICES_sdagosti 16/09/2011- ID:2011-129155 Formulario standard 2 - IT E DEL SERVIZIO DI ASSICURAZIONE PER RCAUTO DEI MEZZI DI PROPRIETÀ O Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero.

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero. Delibera Assessorato ACP - AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Direzione Settore A17000 - AGRICOLTURA A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile Num. Definitivo 29-2396 Num.

Dettagli

di concerto con Visti i commi 280, 281 e 282 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 con i quali si prevede che:

di concerto con Visti i commi 280, 281 e 282 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 con i quali si prevede che: Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visti i commi 280, 281 e 282 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 con i quali si prevede che:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Codice postale: Telefono: (+39) 06 54 25 2159. Fax: (+39) 06 54 25 2113

Codice postale: Telefono: (+39) 06 54 25 2159. Fax: (+39) 06 54 25 2113 UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (+352) 29 29 42 670 E-mail: mp-ojs@opoce.cec.eu.int In fo e formulari

Dettagli

Art. 6 - Spese ammissibili non sono ammesse Art. 7 - Presentazione delle domande

Art. 6 - Spese ammissibili non sono ammesse Art. 7 - Presentazione delle domande REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 - Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Contratto d Area/Patto Territoriale: Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: 1. Nome identificativo dell

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI AUDIT ESTERNO NEL QUADRO DELL ASSISTENZA TECNICA E DELLA GESTIONE DEI PROGETTI (PAGAMENTI) FINANZIATI DAL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 - Oggetto delle disposizioni 1. Le presenti disposizioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando GUIDA ALLA PRESENTAZIONE 1) Come presentare un progetto al di fuori dei bandi della Fondazione? Per presentare un progetto che non rientra nei bandi della Fondazione Cariplo è necessario: a) compilare

Dettagli

Denominazione ufficiale: REGIONE BASILICATA Dip. Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità Uff. Prevenzione e Controllo Ambientale

Denominazione ufficiale: REGIONE BASILICATA Dip. Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità Uff. Prevenzione e Controllo Ambientale UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (+352) 29 29 42 670 E-mail: mp-ojs@opoce.cec.eu.int In fo e formulari

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 ALLEGATO 2 AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 Beneficiari Enti locali, soggetti pubblici, società o fondazioni immobiliari a prevalente capitale pubblico che

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO

BANDO DI GARA D APPALTO UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Telefax (+352) 29 29 44 619, (+352) 29 29 44 623, (+352) 29 29 42 670 E-mail:

Dettagli

3. Destinatari Studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio che frequentano le scuole superiori in ambito regionale.

3. Destinatari Studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio che frequentano le scuole superiori in ambito regionale. Bando provinciale per l assegnazione di buoni studio a favore degli studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio mis. C.2 POR Ob.3 2000-06 anno scolastico 2007/08 Premessa La Provincia di Grosseto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Domanda di finanziamento: documenti obbligatori, spese ammissibili, supporto alla compilazione Dott. Fabio CHERCHI Venturina, 14 Ottobre 2011 Sommario della presentazione

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A

REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEL TURISMO DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO Visto lo Statuto della

Dettagli

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1/ 11 ENOTICES_UFFGARE 10/03/2011- ID:2011-035893 Formulario standard 5 - IT UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 08-XI-2007 che adotta il programma operativo per l intervento comunitario del Fondo sociale europeo ai fini dell obiettivo Competitività regionale e occupazione nella regione

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 GARANTIRE LA VISIBILITÀ DELLA POLITICA DI COESIONE: NORME IN MATERIA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea

Dettagli

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO LOCALE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO COMUNALE DI ROVELLO PORRO.

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO LOCALE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO COMUNALE DI ROVELLO PORRO. 1/ 11 ENOTICES_COTECNIROVELLOPORRO Formulario standard 5 - IT ROVELLO PORRO. UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Il Parco Progetti Regionale: la preparazione della proposta progettuale

Il Parco Progetti Regionale: la preparazione della proposta progettuale Il Parco Progetti Regionale: la preparazione della proposta progettuale Corrado lo Storto DIEG Dipartimento di Ingegneria Economico- Gestionale, Università di Napoli Federico II Tipologia di interventi

Dettagli

1/ 14 ENOTICES_massimo_stefano 21/05/2010- ID:2010-064891 Formulario standard 2 - IT RICERCA SOCIO PRIVATO MAGGIORITARIO SOCIETA' MISTA FARMACEUTICA

1/ 14 ENOTICES_massimo_stefano 21/05/2010- ID:2010-064891 Formulario standard 2 - IT RICERCA SOCIO PRIVATO MAGGIORITARIO SOCIETA' MISTA FARMACEUTICA 1/ 14 ENOTICES_massimo_stefano 21/05/2010- ID:2010-064891 Formulario standard 2 - IT UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

ALLEGATO C. 1) Obiettivi

ALLEGATO C. 1) Obiettivi ALLEGATO C Criteri e modalità di finanziamento per il potenziamento, adeguamento e miglioramento degli asilo nido e micro-nidi comunali ai sensi dell articolo 70 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Indirizzo postale: STRADA GIORGIO DEVALLE N.80 Città: MONCALIERI Codice postale:

Indirizzo postale: STRADA GIORGIO DEVALLE N.80 Città: MONCALIERI Codice postale: 1/ 14 ENOTICES_CIELOAZZURRO 12/11/2010- ID:2010-150562 Formulario standard 2 - IT UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE:

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE: MITTENTE: Spettabile FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MIRANDOLA Piazza Marconi, 23 41037 MIRANDOLA (MO) Tel: 0535-27954 Fax: 0535-98781 e-mail: info@fondazionecrmir.it DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO

Dettagli