La solidarietà. I parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La solidarietà. I parte"

Transcript

1 I parte La solidarietà. La solidarietà Diventa difficile tradurre un vissuto in sintetiche e precise definizioni. La solidarietà, quella comunemente intesa, nella sua pratica quotidiana nasce in molte coscienze dalla scoperta di piccole tante tragedie, lì, sull uscio di casa, a pochi passi, sulla via o piazza che percorriamo una, due, dieci volte al giorno, tutto, però, dentro una tragedia immane, direi di non-vita universale e senza termini di tempo. La solidarietà è frutto di un incontro: incontro oggi possibile, nelle innumerevoli occasioni di vita che la mobilità moderna offre. Incontri che possono avere risultati contrastanti: generare un esperienza, a volte esistenziale, tanto da mettere in gioco la propria vita, o un lento scendere nell oblio e sfociare nell indifferenza, nell insensibilità, nella sterilità. Ecco perché è difficile teorizzare la solidarietà, perché è qualcosa di vitale non facilmente concettualizzabile. Da qui nasce una crisi semantica del termine solidarietà, una parola che oggi viene usata da molti, in più significati, e ciò senza considerare la strumentalizzazione, ma attribuendovi contenuti differenti, come differenti sono i modi di viverla, l esperienza che se ne fa. Il pericolo d una mancanza concettuale di chiarezza è grave: la solidarietà rischia di essere causa ed oggetto di una mistificazione storica a livello etico, religioso e politico. La sua confusione equivale alla sua perdita, per lo meno come forza di profondo cambiamento politico-sociale ormai planetario, perdita che significherebbe sofferenza e dramma non solo per alcuni, determinati popoli di ben definite aree geografiche, ma anche per una parte dell umanità che abita ovunque, nel cosiddetto centro del mondo, e sarebbe così l incamminarsi verso una tragedia universale, un grosso pericolo ricadrebbe su tutti. La solidarietà, quindi, è un valore che non può essere lasciato al regno dei sentimenti o alla dimensione del cuore, ma deve possedere una forza concettuale chiara, pur nel pluralismo del pensiero, per arrivare a convinzioni ben definite ed incrollabili così da raggiungere un efficacia storica, dato che si presenta come l unica alternativa di profondo cambiamento per un altro mondo possibile, dove tutti possano vivere nella e della loro dignità umana. Ciò, oggi, è più che mai necessario e indispensabile per le grandi sfide portate dalle ferree leggi del mercato e della sua globalizzazione, leggi che sembrano le uniche a dettare definitivamente il cammino della storia. Non solo le masse dei miseri, degli esclusi, ma le speranze di moltitudini che rischiano sempre più di scendere i gradini senza ritorno della povertà, sono riposte nel segno concreto della solidarietà. Avanza una cultura che, nonostante le strombazzanti promesse e il luccichio di luci artificiali, i latinoamericani definiscono una cultura di morte. L imperativo urgente è contrapporre una cultura della vita, fatta da un unica catena umana ed alimentata da una solida speranza. 2. Una premessa: valore della solidarietà La solidarietà è un valore, prima di essere un idea, un esperienza. Mi sono riletto in questi giorni un articolo ricco di attuali riflessioni, così annunciato: alla frontiera tra destra e sinistra c è sempre un conflitto di valori 2. Lungi dal sostenere che i valori, almeno alcuni valori, (come l universalità della dignità umana e dei diritti) siano esclusivo patrimonio di una cultura di sinistra, come può essere il Franz Hinkelammert, Solidaridad o suicidio colectivo, AMBIENTICO EDICIONES, Reset n

2 2 valore della solidarietà, tuttavia e questo mi sia concesso per onor del vero una certa concezione del valore stesso, questa sì, è una ricchezza non condivisibile in chi ha concezioni opposte del vivere e della storia, come può essere l universalità della dignità umana e dei diritti. E così pure non intendo parlare di strumentalizzazioni a fine più o meno di interesse, sia esso di potere politico o economico, ciò sarebbe la semplice negazione del valore della solidarietà, ma di una diversità sui contenuti ed i fini. Da qui la necessità di fare chiarezza culturale, necessaria per un altrettanta chiarezza etico-politica, e definire, nei limiti possibili, il valore nella sua concettualità. Ciò potrà servire sul che fare, nel momento delle scelte politiche, dove il conflitto si fa più acuto, ma sarà un conflitto che riceverà la sua legittimazione nella sfera della ragione. Razionalità indispensabile per dare un fondamento di validità che varca le strette necessità del tempo e dello spazio. Allora, in questo sentire prima di parlare di alcune esperienze di vita solidale, è bene capire quali sono le ragioni che hanno portato ad un impegno di scelte difficili ed esistenziali, con rinunce ed accettazioni che hanno cambiato l orizzonte e la vita quotidiana di parecchie persone. Il pezzo di pane e la manciata di maiz, il tetto di una casetta, un aula di scuola, un nuovo pozzo per un acqua attesa da tempo indefinito, come la flebile luce di una piccola lampada, non sono frutto, almeno in buona parte, di un sentimento di commozione o di un impulso di carità, ma pongono le radici nelle idee di un concetto culturale e politico della solidarietà, che nasce dal rapporto giustizia-ingiustizia. La solidarietà diventa, allora, un valore prezioso dell umanità che giustifica la lotta per la sua concreta affermazione 3. Concetto di solidarietà A. Carmelo García, nel suo intervento pubblicato in Radicalizar la democrazia per il Foro Ignacio Ellacuría, affronta il problema del concetto di solidarietà 2. Dopo aver sottolineato come il termine solidarietà abbia subito negli ultimi tempi una confusione nata da fattori diversi, afferma che «la sua concettualizzazione giuridica, socio-politica e filosofica ha una lunga storia, con origini e fini ben definiti [ ], con prassi perfettamente identificate. Sono stati gli ultimi anni ed usi che hanno screziato il suo colore e sfumato, quasi sino al vuoto, il suo contenuto». Cerca, poi, di tracciare un profilo storico del pensiero solidale rifacendosi a Pierre Leroux (798-87) il primo «ad affrontare in modo più sistematico la solidarietà da una prospettiva filosofica, politica e sociale che, sin dall inizio, la presenta come alternativa alla concezione e pratica della carità cristiana nelle sue molteplici manifestazioni». Nel Sistema Socialista Umanitario, Leroux intendeva elaborare una religione ed una filosofia del socialismo. Leroux, Saint Simon, Fourier, quasi tutti i socialisti teorici ed i movimenti del socialismo utopico, romantico e scientifico, presentano la solidarietà come asse vitale e profondo delle analisi e proposte di cambiamento radicale della realtà, nella prospettiva di creare un sistema nuovo, rivendicando alla cultura socialista il merito di aver dato origine all idea di solidarietà come una categoria che gli appartiene. Qui, forse, è bene aprire una parentesi per cogliere l ambiente culturale diverso in cui pone le sue radici il concetto ed il valore di solidarietà. Vedi José Va. Zamora (a cura), Radicalizar la democrazia - Foro Ignacio Ellacuria EDV Carmelo Garcia, Solidaridad, sociedad civil y derechos humanos, idem.

3 Un osservazione interessante viene fatta da García sotto l aspetto giuridico, soprattutto nella prospettiva della sua applicazione nel diritto civile e mercantile e nello spirito che la solidarietà anima: «La solidarietà rappresenta un idea di unione (obbligazione in solidum ), adesione, concordia, conformità di persone, forze e cose per raggiungere un fine nobile; da una parte, porta con sé un obbligo certo, volontario ed efficace delle persone unite, mentre, dall altra, un diritto reciproco di ottenere effetti benefici come conseguenza diretta del fine raggiunto. Richiede volontà manifesta e decisa, senso comune e definito, necessità chiara e perfettamente determinata». Tra il XIX secolo e la prima metà del XX, la categoria solidarietà fu oggetto di ampi studi in molte discipline sociali, dalla filosofia alla sociologia. Basta fare i nomi di Durkheim, Bourgeois, A. Compte. La lunga traiettoria teorico-pratica della solidarietà va dalle esperienze più varie e concrete dei distinti socialismi, avanzando all interno della lunga storia del movimento operaio e della classe operaia come soggetto rivoluzionario, con le sue rivendicazioni e lotte, passando in modo particolare per tutte le forme di internazionalismo, proletario e no, gli appoggi ai processi di indipendenza delle colonie e la liberazione nazionale e sociale dei popoli emergenti, sino alle mobilitazioni politiche in caso di lotta armata o scontro militare come, per esempio, le brigate internazionali nella guerra civile spagnola, il movimento internazionale intorno al Vietnam, i molteplici collettivi e comitati di solidarietà per il Nicaragua ed il Centro America o per il Sahara, la Palestina o la lotta internazionale contro l apartheid, contro il razzismo sono tutti considerati come frutto di processi di solidarietà. 3 La solidarietà presuppone, quindi, da un punto di vista culturale-filosofico, l aver raggiunto anche caratteristiche e componenti essenziali che possiamo così sintetizzare: ) La solidarietà è stata intesa e vissuta come un alternativa critica alla carità cristiana e no, quando questa viene ridotta ad elemosina ed aiuto gratuito e senza partecipazione. 2) Al di là della sua dimensione giuridica, i suoi fini sono strettamente politici o sociopolitici. 3) La solidarietà ricerca le cause dell ingiustizia e ne combatte non solo gli effetti ma le radici. 4) La solidarietà si pone come un obbligo in solidum, con fermezza, serietà e continuità, non come qualcosa di transitorio o congiunturale, che può dare un senso alla vita, o un immagine più pulita di una istituzione, e deve partecipare ad una politica sistematica di lotta all ingiustizia. Da queste considerazioni si deduce che la solidarietà ha bisogno di un clima o un insieme di condizioni che ne permettono un autentica espressione e realizzazione nei suoi specifici fini. Sono, quindi, necessarie: Carmelo Garcia, idem.

4 4. alcune concezioni essenziali per una convivenza democratica. In un regime, la solidarietà non è più tale, è un altra cosa, può essere un aiuto, più o meno interessato, per una pace sociale, perché il regime non permetterà mai l affermarsi e lo sviluppo di una idea-azione che ne intacchi il potere, che in un regime è sempre in antitesi, in fondo, alla solidarietà. La solidarietà richiede d aver acquisito i principi essenziali di un autentica democrazia, come il pluralismo culturale, religioso, politico e la fondamentale e cosciente uguaglianza umana sia di razza che genetica. 2. Alcune finalità o, meglio, una finalità essenziale: agire per una trasformazione del mondo verso una costruzione di un sistema nuovo, diverso dove possa esistere una politica, intesa nel senso classico di amministrazione della cosa pubblica, alternativa, come alternativa deve essere la produzione e la gestione economica. 3. Acquisire la convinzione che la solidarietà è un principio essenziale per creare una base vivibile della società, non un di più, non una semplice regola etica per correggere, anche in parte, la grave stortura e le ingiustizie dell attuale sistema sociale. B. Il contesto sociale della solidarietà È ormai accertato che la realtà umana del convivere civile è composta da tre settori: lo Stato, il Mercato, la Società Civile. La solidarietà fa parte della società civile, in essa nasce e si esprime. Comprende tutti i settori della società, come pure i suoi valori, le sue necessità e finalità. Per questo non è da confondere con la cooperazione tra gli stati o tra i diversi mercati, che agiscono sempre a fini politici o a fini di lucro e, quindi, di accumulazione del capitale, o per la stabilità politica dello status quo. È bene ricordare che è assurdo parlare di solidarietà quando v è un debito di quasi tutti i paesi poveri nei confronti dei pochi paesi che possiedono la stragrande maggioranza della ricchezza mondiale e quindi hanno le leve del potere politico-militare ed economico. La cancellazione di questo assurdo debito - assurdo anche per il modo con cui si è concretizzato -, è il presupposto minimo per parlare poi di aiuto, di solidarietà. Quando i paesi ricchi, gli organismi da loro creati FMI, BM, WTO, ecc - decidono una cooperazione gratuita come la cancellazione parziale o totale del debito - per i paesi poveri, da cui estraggono le ricchezze naturali o gli interessi sui prestiti fatti, vi sono due ragioni: i paesi sono talmente poveri da non essere più in grado di restituire né prestito né interessi, che sono sempre cifre minime nel complesso mondiale del prestito-debito; c è una necessità di allargare il mercato mondiale per rovesciare in altri luoghi soprattutto le merci povere ed in forte esubero, onde evitare la saturazione della produzione e quindi entrare nei cicli di recessione, spauracchio del sistema, perché viene intaccato il PIL, mostro sacro dell economia. Questa cooperazione viene gestita con criteri esclusivamente di mercato e di profitto, ben lontani, quindi, dalla solidarietà come valore etico-sociale. Gli Stati, più sono potenti e meno sono capaci di intendere ed agire nella logica della solidarietà. Nella Prefazione del libro La logica della potenza, Sergio Romano afferma: «i grandi stati, ricorda Mearsheimer, non sono né buoni né cattivi, non perseguono la virtù ma l egemonia, non si conformano alle tavole della legge morale ma alle dure regole della sopravvivenza. Per muoversi nella giungla delle relazioni internazionali occorre ag- John Mearsheimer, La logica di potenza, UNIVERSITA BOCCONI EDITORE 2003

5 grapparsi ad alcuni assunti fondamentali. Occorre ricordare che la società internazionale è anarchica; che le grandi potenze dispongono di una considerevole forza militare e sono quindi, nei loro reciproci rapporti, potenzialmente pericolose; che nessuno stato può essere certo delle intenzioni degli altri; che la principale preoccupazione di ogni stato è la sopravvivenza; che i comportamenti dei singoli stati sono tuttavia razionali e quindi attenti a calcolare, per quanto possibile, le reazioni altrui. Mearsheimer sa che la maggioranza dei suoi connazionali non condivide queste premesse, crede ottimisticamente nel progresso e continua a giudicare il mondo secondo criteri morali. Ma è convinto che il moralismo dell opinione pubblica non abbia un influenza determinante sulla politica estera degli Stati Uniti». C. L aspetto etico e giuridico della solidarietà Il fondamento etico, che diventa poi giuridico-politico, su cui si basa il diritto-dovere della solidarietà è l universalità dei diritti umani, presupposto che origina un clima indispensabile per porre le basi di una pace duratura. In un documento elaborato dalla Commissione mondiale sulle culture e lo sviluppo, intitolato La nostra diversità creativa, si raccomanda a tutti i protagonisti delle diverse società che mettano in atto ampli e profondi processi di educazione in e sui Diritti Umani. L obiettivo è di costruire il futuro su una base comune che, allo stesso tempo, si fondi sul rispetto e la promozione delle libertà e differenze di ognuno persone, popoli, culture e situazioni -. Nella Conferenza Mondiale dei Diritti Umani celebrata a Vienna nel 993, si dichiara che i Diritti Umani sono, oltre che indivisibili, interdipendenti, inviolabili ed universali; inoltre, sono universalizzabili e compatibili con tutte le culture a patto che esse non siano intolleranti o alienanti, che è come dire anticulturali. In altre parole, i diritti umani rispettano e garantiscono differenze ed identità culturali, le idee ed i valori, le tradizioni emancipatrici e liberatrici ed il senso positivo della vita e della convivenza. Questa universalizzazione di tutti i diritti per tutte le persone e popoli, è il fondamento di una nuova etica globale, che serve come denominatore comune per la convivenza, partendo dalle identità e diversità creative. Questa etica dovrebbe essere la base comune che sancisce tutta la solidarietà della convivenza umana e con essa dovrebbero essere compatibili le etiche particolari di qualsiasi provenienza: scientifica, religiosa, politica, ideologica, sociale, culturale, ecc Questa etica globale diventa il denominatore comune, che rende compatibili tra di loro le diverse etiche, perché tutte si rispettino come valide e tolleranti; ancor più, come necessarie, almeno ognuna per il gruppo particolare che le assume e incarna. In questo orizzonte si proietta il futuro positivo dell umanità, in un processo di riconciliazione con se stessa e con la natura, in affermazione di una sostenibilità creatrice. In questo contesto, la solidarietà non sarà altro che l espressione normale di questa convivenza fondata sui Diritti Umani per ogni persona e per ogni popolo, iniziando da quelli in cui i Diritti Umani sono più violati e in cui si trovano più sprovvisti di essi e del loro bene. Per questo la solidarietà, essendo un diritto ed un dovere di ogni persona, deve avere come fondamento e come fine ultimo e primario, ciò che è essenziale per la stessa persona umana, per ogni uomo e donna, per ogni popolo: i loro diritti fondamentali. La solidarietà nasce e viene alimentata e si chiarisce nell interno di una società che ha inteso la necessità esistenziale di crescere nei suoi fondamentali valori e fine, che sono racchiusi nell uomo (uomo e donna), e nella sua persona. 5 Da qui lo sforzo di creare una cultura indispensabile ad una sana concezione ed attua- Nel 992, fu istituita dall UNESCO e dalle Nazioni Unite una Commissione mondiale sulle culture e lo sviluppo, struttura indipendente presieduta da Javier Pérez de Cuéllar (Segretario generale delle Nazioni Unite dal 982 al 99), che concluse i suoi lavori alla fine del 995. La Commissione ha redatto un rapporto sulle interazioni tra cultura e sviluppo dal titolo La nostra diversità creativa.

6 zione dei diritti universali, dei singoli e dei popoli, di cui la solidarietà ha bisogno ed è portatrice Una cultura della e per la solidarietà Per cultura solidale intendiamo un mondo dove la solidarietà trova il giusto terreno per nascere, crescere ed esprimere totalmente la sua potenzialità non solo per tentare di alleviare le profonde ed immani storture della società reale, ma per un cambiamento il più radicale possibile. La solidarietà ha, quindi, bisogno di un clima dove cogliere l ossigeno essenziale alla sua presenza storica e, ugualmente, di finalità che vanno al di là dell azione concreta per indicare una comunità dell utopia, come si esprime Fourier. E questo clima non può che avere come fonte ed epicentro l uomo. Quale concezione ha la società di oggi dell uomo, tout court, senza distinzione alcuna di cultura, di religione, di razza, di geografia? L uomo, la sua persona, la sua dignità di quale concezione e reputazione gode di fronte alle grandi e piccole scelte della globale società di oggi? Porre al centro di una concezione di società la persona umana e la sua dignità è creare l ambiente naturale al una solidarietà come autentica forza di cambiamento. 5. Punto focale della cultura della solidarietà: Centralità e dignità dell uomo a) Centralità dell uomo Centralità e dignità dell uomo sono due idee che, se prese seriamente, ribaltano il modo comune di concepire l esistenza umana nel suo complesso, stabilendo una scala di valori che danno all uomo e, soprattutto, alla sua razionalità, il primato che gli compete e creano un clima culturale capace di porre le condizioni perché i sogni dell anima umana libertà, giustizia, pace diventino un cammino storico possibile e concreto. E Dio solo sa quanto v è oggi bisogno di ridare all uomo la centralità della sua creazione perché, almeno nell immaginario cristiano, Dio cammina da anni per le strade degli uomini senza volto e senza voce, dove a migliaia appaiono più larve umane o esseri di un pianeta diverso i veri esclusi senza persona e dignità; per questo il Dio evangelico non nasce e non vive, non cammina per le autostrade della civiltà del centro del mondo. L uomo deve riacquistare il diritto-dovere che gli compete, quello di artefice unico del suo processo storico, perché così prende coscienza della sua piena ed unica responsabilità. La solidarietà diventa così lo strumento che fa dei grandi principi universali sulla persona la storia di ogni uomo. b) Dignità dell uomo Chi, come noi, ha formato la sua concezione dell uomo sui principi e sull aspirazione della cultura europea dal 600 in poi, trova difficoltà a pensare che ancora oggi ci siano esseri viventi - uomini, donne, bambini - che non solo sono privi di ogni elementare diritto ma vengono negati come persona stessa. Dovrebbero essere passati i tempi della colonizzazione più becera dell Africa o dell Asia, o della conquista dell America dove l indio era ridotto semplicemente a non-uomo, essere senza anima, senza spirito, senza ragione, come sosteneva Sepulveda. Ancor oggi la distruzione della propria personalità crea un autocoscienza d inferiorità Arrigo Colombo-Laura Tundo (a cura) AA.VV., Fourier La passione per l utopia, FRANCO ANGELI 988

7 congenita a se stessi, frutto di madre natura. Quando risalgo le valli dell altipiano del Guatemala e mi incontro con i campesinos dispersi per le aldeas, e vedo quegli uomini che mi vengono incontro chinandosi profondamente, con il cappello in mano, di manzoniana memoria, e le donne in disparte, timorose, quasi fossero un disturbo, provo un profondo disagio. Se poi si accetta l invito a tavola, quella mensa povera ma fatta ricca per noi, dove ti trovi accanto solo alcuni uomini e tutti, donne, bambini a debita distanza, che ti osservano ad occhi bassi, senti un disgusto unito ad un rifiuto di coscienza. Sono segni significativi d una realtà vasta quanti sono i disuguali del mondo, ad ogni latitudine, disuguali per natura, per nascita e per storia di cui viene annullato il diritto di essere Persona. Forse è bene riflettere sul concetto e significato di Persona in cui si inserisce il valore naturale e intangibile della dignità umana per arrivare a concepire una solidarietà che sia il segno d una piena e assoluta uguaglianza tra tutti gli uomini. Francesco Paolo Casavola, nel ripercorerre la storia della parola Persona si rifà a Boezio il quale afferma che «persona è la sostanza individuale della natura razionale» 2 ed a Tommaso d Aquino, per il quale «ogni individuo di natura razionale si dice persona» 3 dove il termine razionale si confonde con l elemento spirituale. E, rifacendosi a Rosmini, afferma che «la Persona non è qualcosa che si aggiunge o si sovrappone all individuo umano e neppure è il nudo individuo umano, ma il diritto sussistente» 4. E qui si passa dalla Persona-individuo alla Persona-soggetto e fonte di diritto e di dignità. La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo, proclamata dalle Nazioni Unite il 0 dicembre 948, inizia con questo preambolo: «Il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali e inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo». E l art. n. dice: «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza». Tali affermazioni, riconosciute e ratificate dalla stragrande maggioranza degli Stati, costituiscono l orizzonte etico dell umanità moderna. Casavola, poi, rifacendosi alla costituzione tedesca, afferma che «la dignità è, infatti, il prototipo e la fonte di tutti i diritti fondamentali, inviolabili»; una dignità a tutto campo. Da qui si evidenzia come la solidarietà è un valore vivo e complesso, come dicevamo all inizio, già nella sua elaborazione storico-filosofica, il vissuto umano è un valore di immediata comprensione. I latinoamericani, le masse dei poveri ed emarginati, loro che sono i più interessati ad una universale solidarietà, vera ed efficace, hanno poche parole per definirla: «una sociedad donde quepan todos». La solidarietà dovrebbe essere lo strumento perché tutti dico: tutti gli uomini possano avere un dignitoso posto al sole. 7 R e n a t o P i c c i n i o t t o b r e F.P. Casavola, Persona: il primo dei diritti umani, Prolusione all Anno Accademico 994/95. 2 De duabus naturis et una persona Christi, c. 3 in Migne PL 64 col Summa theologica I q. 29, a. 3, ad 2. 4 Rosmini, Filosofia del diritto, Edizione nazionale XXXV, 9.

Movimento Cristiano Lavoratori. Lavorare di domenica migliora la vita?

Movimento Cristiano Lavoratori. Lavorare di domenica migliora la vita? Movimento Cristiano Lavoratori Lavorare di domenica migliora la vita? Il fatto Oggi, sempre più spesso ai lavoratori vengono richieste prestazioni lavorative in giorno domenicale, anche se ciò non è dovuto

Dettagli

Karl Marx. La critica all Ideologia. La critica alla religione

Karl Marx. La critica all Ideologia. La critica alla religione Karl Marx La critica all Ideologia. La critica alla religione Marx e Hegel Anche se il suo pensiero si forma nell ambito dell hegelismo, Marx, sin dal 1843 (Per la critica della filosofia del diritto di

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA I DESTINATARI DELLA CATECHESI L arco dell esistenza umana è normalmente suddiviso in tratti specifici: infanzia, fanciullezza, adolescenza, giovinezza, età adulta

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

Città del Vaticano, 20 giugno ********* Udienza privata con il Santo Padre Francesco

Città del Vaticano, 20 giugno ********* Udienza privata con il Santo Padre Francesco Città del Vaticano, 20 giugno 2015 ********* Udienza privata con il Santo Padre Francesco ********* Saluto di Antonio D Amato Presidente Federazione Nazionale Cavalieri del Lavoro ********* 1 Padre Santo,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE QUANTE EDUCAZIONI NELLA SCUOLA ITALIANA? Alla legalità Alle pari opportunità Alla differenza di genere Alla pace Alla salute (droghe, fumo ) Alla mondialità Alla cooperazione

Dettagli

Manifesto di Padova sulla Tutela della Salute Globale. afferma i seguenti principi:

Manifesto di Padova sulla Tutela della Salute Globale. afferma i seguenti principi: Manifesto di Padova sulla Tutela della Salute Globale La FNOMCeO nel considerare la tutela della salute nella sua dimensione globale quale riconoscimento di un fondamentale diritto umano e quale fattore

Dettagli

LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA

LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA JEAN DANIÉLOU LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA Postfazione all edizione italiana di Piero Coda terza edizione Queriniana Premessa alla seconda edizione L accoglienza riservata a questo libriccino

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

IL VANGELO DI GESÙ CRISTO QUERINIANA

IL VANGELO DI GESÙ CRISTO QUERINIANA Walter Kasper IL VANGELO DI GESÙ CRISTO QUERINIANA INDICE GENERALE Prefazione.... 5 INTRODUZIONE ALLA FEDE Introduzione.... 9 1. La situazione della fede... 12 1. Crisi o kairós della fede 12 2. I fondamenti

Dettagli

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO 1. Sapersi interrogare sulla propria identità umana, religiosa e spirituale in relazione con gli altri e con il mondo, al fine di sviluppare un maturo senso critico

Dettagli

Karl Marx. L alienazione del lavoro. Il materialismo storico

Karl Marx. L alienazione del lavoro. Il materialismo storico Karl Marx L alienazione del lavoro. Il materialismo storico L alienazione del lavoro All origine dell alienazione religiosa ci sono le contraddizioni della vita materiale, a cominciare dal lavoro. Funzione

Dettagli

PROGETTO AMD BIOETICA

PROGETTO AMD BIOETICA PROGETTO AMD BIOETICA Coordinatore Nazionale Dr. Marco Tagliaferri Board Scientifico: Achiropita Pucci Collaboratori Esterni: Tiziana Bufacchi, M.A. Lezzi, Silvana Giunta Oggi accade che le parole anziché

Dettagli

Polisemia della Coscienza. A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia

Polisemia della Coscienza. A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia Polisemia della Coscienza A cura di Alfredo Nazareno d Ecclesia *La coscienza è un tipo di relazione dell uomo con se stesso, con il mondo e con gli altri. *Coscienza: non è una semplice funzione dell

Dettagli

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D A R I A A N T O N I A D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A Fenomenologia??? DERIVA DAL GRECO, SIGNIFICA FENOMENO,

Dettagli

Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto

Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto Orizzonti della bioetica, diverse prospettive a confronto 1 PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e

Dettagli

Teoria. Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia. La filosofia di fronte all Europa.

Teoria. Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia. La filosofia di fronte all Europa. Teoria Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia La filosofia di fronte all Europa Edizioni ETS Indice Antonia Pellegrino, Adriano Fabris Premessa p.

Dettagli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli Quali sono natura ruolo e scopo della filosofia? cerchiamo una risposta a questi interrogativi nelle parole degli

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA

LA COSTITUZIONE ITALIANA LA COSTITUZIONE ITALIANA «Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

PROGRAMMA DI RELIGIONE CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO

PROGRAMMA DI RELIGIONE CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO L UOMO E IL SACRO La Vocazione Missionaria della Chiesa. Il rinnovamento spirituale. Cristianesimo senza confini. Il cristianesimo nelle

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute

Carta di Ottawa per la promozione della salute Carta di Ottawa per la promozione della salute 1 Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute del 1986 per stimolare l azione l a favore della Salute per Tutti per l anno l 2000 e oltre Promozione

Dettagli

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia.

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia. In questo mio primo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, desidero rivolgere a tutti, singoli e popoli, l augurio di un esistenza colma di gioia e di speranza. Nel cuore di ogni uomo e di ogni

Dettagli

MODULO III CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO III CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO III La Costituzione Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

L idea di cultura nella tradizione sociologica

L idea di cultura nella tradizione sociologica L idea di cultura nella tradizione sociologica Scemo e più Scemo, 1994 L idea di cultura in due tradizioni sociologiche di ricerca Émile Durkheim (1858 1917) Max Weber (1864 1920) La scuola Francese La

Dettagli

UNA INTUIZIONE DI UNIVERSALITA SALVIFICA NEL SOLCO DELLO STRAORDINARIO MESSAGGIO FRANCESCANO

UNA INTUIZIONE DI UNIVERSALITA SALVIFICA NEL SOLCO DELLO STRAORDINARIO MESSAGGIO FRANCESCANO Pagina 1 IL PROGETTO DEI CAVALIERI DEL MILLENNIO PER LA PACE NASCE ALLA FINE DEL SECONDO MILLENNIO, NELL AMBITO DELL AMPIA E LUNGA STORIA DEL CENTRO INTERNAZIONALE PER LA PACE FRA I POPOLI DI ASSISI, AD

Dettagli

Il Centro di Ascolto. presentazione centro di ascolto delle povertà caritas

Il Centro di Ascolto. presentazione centro di ascolto delle povertà caritas Il Centro di Ascolto Il Centro di ascolto è un segno visibile dell impegno della Comunità cristiana In esso la comunità cristiana, attraverso l opera di alcuni fedeli, rende quotidianamente visibile l

Dettagli

Principio Responsabilità Principio Precauzione

Principio Responsabilità Principio Precauzione Principio Responsabilità Principio Precauzione Fondamenti morali o strumenti difensivi? Corsi di laurea in Filosofia e Scienze Filosofiche Bioetica Etica della Medicina e della Biologia a.a 2014-2015 Prof.

Dettagli

1 UDA NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO

1 UDA NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO 1 UDA NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO Tra Settecento e Ottocento: un mondo che cambia Gli eventi della storia XVIII secolo è caratterizzato da una serie di rivoluzioni: rivoluzioni nell agricoltura e nell

Dettagli

Le conseguenze psicologiche dell aborto volontario. Dott.ssa Sara Pagnini

Le conseguenze psicologiche dell aborto volontario. Dott.ssa Sara Pagnini Le conseguenze psicologiche dell aborto volontario Dott.ssa Sara Pagnini L aborto è un fallimento di antichi sentimenti inconsci di maternità Il concepimento costituisce la realizzazione e l appagamento

Dettagli

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE Diritto = insieme di norme giuridiche fornite di sanzione. Diritto: 1) soggettivo = pretesa. Diritto di libertà negativa; diritto di libertà positiva (diritto

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. CLASSE: 4 Alfa Classico - 4 Beta Classico MATERIA: RELIGIONE CATTOLICA DOCENTE: SILVIA MANUNTA Anno Scolastico 2010/2011

PROGRAMMA SVOLTO. CLASSE: 4 Alfa Classico - 4 Beta Classico MATERIA: RELIGIONE CATTOLICA DOCENTE: SILVIA MANUNTA Anno Scolastico 2010/2011 CLASSE: 4 Alfa Classico - 4 Beta Classico : SILVIA MANUNTA Cultura e religione I principali significati dei termini: cultura, religione; Il rapporto tra cultura italiana ed europea e la religione cattolica;

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. IDENTITA ETICA DELL UOMO POLITICO alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa

CORSO DI FORMAZIONE. IDENTITA ETICA DELL UOMO POLITICO alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa CORSO DI FORMAZIONE IDENTITA ETICA DELL UOMO POLITICO alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa Organizzatori: MLAC di Roma, Comitato di Promozione Etica Onlus, 4METX srl OBIETTIVI: creare un occasione

Dettagli

LA DOTTRINA SOCIALE NEL PONTIFICATO DI GIOVANNI PAOLO II: LABOREM EXERCENS, SOLLECITUDO REI SOCIALIS E CENTESIMUS ANNUS

LA DOTTRINA SOCIALE NEL PONTIFICATO DI GIOVANNI PAOLO II: LABOREM EXERCENS, SOLLECITUDO REI SOCIALIS E CENTESIMUS ANNUS LA DOTTRINA SOCIALE NEL PONTIFICATO DI GIOVANNI PAOLO II: LABOREM EXERCENS, SOLLECITUDO REI SOCIALIS E CENTESIMUS ANNUS 1 - CONTESTUALIZZAZIONE STORICA E SOCIALE DELLE TRE ENCICLICHE - CONTESTO STORICO

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa è una faccenda solo da grandi? Anna Laura Ravera -APS Srl. Convegno LOIES Torino, 12 giugno 2012

La Responsabilità Sociale d Impresa è una faccenda solo da grandi? Anna Laura Ravera -APS Srl. Convegno LOIES Torino, 12 giugno 2012 La Responsabilità Sociale d Impresa è una faccenda solo da grandi? Anna Laura Ravera -APS Srl Convegno LOIES Torino, 12 giugno 2012 Definizioni di CSR Commissione Europea, Libro Verde, 18 Luglio 2001.

Dettagli

LA QUESTIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA ODIERNA

LA QUESTIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA ODIERNA LA QUESTIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA ODIERNA I DATI Negli ultimi cinque anni la presenza degli alunni stranieri nelle scuole italiane è raddoppiata, passando dai 112mila ragazzi ai quasi 330mila del

Dettagli

Divenire cittadino de mondo Competenze:

Divenire cittadino de mondo Competenze: UNITA DI APPRENDIMENTO Direzione Didattica 17 Circolo via Castiglione Scuola Via Machiavelli classe 5 A / 5C Tematica affrontata La diversità come ricchezza, secondo il punto di vista dei bambini io, l

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO Anno scolastico 2013-2014 Perché questo progetto? Per il semplice motivo che l amicizia rimane uno dei valori più nobili dell essere umano. L uomo è per sua

Dettagli

Kant, Hegel e noi. Introduzione

Kant, Hegel e noi. Introduzione Kant, Hegel e noi Introduzione 1. Il livello esistenziale del discorso speculativo filosofico: la filosofia è scienza, sapere oggettivo, ma anche molto di più, è testimonianza personale, è la vita stessa

Dettagli

Papa Francesco e l Europa. Il discorso di Strasburgo. Maurizio Ambrosini, università di Milano

Papa Francesco e l Europa. Il discorso di Strasburgo. Maurizio Ambrosini, università di Milano Papa Francesco e l Europa. Il discorso di Strasburgo Maurizio Ambrosini, università di Milano Un viaggio in tre tappe Prima uscita dalla città del Vaticano: Lampedusa, porta dell Europa (2013) Primo viaggio

Dettagli

Hegel. Il sistema hegeliano in sintesi

Hegel. Il sistema hegeliano in sintesi Hegel I capisaldi del pensiero hegeliano 2 Il pensiero di Hegel rappresenta una delle più poderose sintesi filosofiche di tutti i tempi e grande è l influsso che ha esercitato sulla cultura europea dell

Dettagli

Filosofia e acquisizione di competenze

Filosofia e acquisizione di competenze Filosofia e acquisizione di competenze Pensiero filosofico per le competenze educative A.A. 2014/15 lezione 20.10.14 2 È possibile individuare un ontologia dell umano? Quali conseguenze determina la rinuncia

Dettagli

Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo SCUOLA PRIMARIA SCUOLA DEELL INFANZIA a cura di GIUSEPPE DUMINUCO Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo Questo Corso di preparazione

Dettagli

Introduzione ai Diritti Umani. Scuole medie

Introduzione ai Diritti Umani. Scuole medie Introduzione ai Diritti Umani Scuole medie Inventiamo le regole per il mondo Carta delle Nazioni Unite (1945) Dichiarazione dei diritti dell uomo (1948) Patti sui diritti (1966) civili e politici economici,

Dettagli

Problem Solving Creativo

Problem Solving Creativo Problem Solving Creativo Sintesi del webinar Gian Carlo Manzoni Management Consultant e-consultant Una prima idea per riflettere.. Problem solving creativo è : guardare la stessa cosa che guardano tutti

Dettagli

Geografia dell UE. Simone Bozzato

Geografia dell UE. Simone Bozzato Geografia dell UE Simone Bozzato Statuto epistemologico della Geografia Secondo la cultura illuminista un sapere diviene scienza quando acquisisce un proprio statuto epistemologico (Vallega) - Quando sia

Dettagli

L integrazione attraverso la conoscenza

L integrazione attraverso la conoscenza LA COSTITUZIONE I principi fondamentali TESTO I primi 12 articoli contengono i principi fondamentali su cui si basa la Costituzione Italiana. Vediamone alcuni. Art. 2 - La Repubblica riconosce e garantisce

Dettagli

Condividere la narrazione

Condividere la narrazione Condividere la narrazione Confucio l aveva capito. Dimmi e dimenticherò, mostrami e forse ricorderò, coinvolgimi e comprenderò Potenza, venerdì 27 febbraio 2015 Ore 15.00/18.00 Officina WiFi di Apof il

Dettagli

Evoluzione storico giuridica dei diritti riconosciuti alla persona

Evoluzione storico giuridica dei diritti riconosciuti alla persona Titolo dell unità formativa di apprendimento Evoluzione storico giuridica dei diritti riconosciuti alla persona Competenze chiave di cittadinanza Individuare collegamenti e relazioni Individuare collegamenti

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per la Volontà di Bene PROGRAMMA ATTIVITÀ2014/15. Tel

Centro Studi e Ricerche per la Volontà di Bene PROGRAMMA ATTIVITÀ2014/15. Tel Centro Studi e Ricerche per la Volontà di Bene PROGRAMMA ATTIVITÀ2014/15 Tel. +39 389.1398330 www.urielcentrostudi.it info@urielcentrostudi.it Uriel ha lo scopo di creare un centro di studi, ricerche e

Dettagli

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE RELIGIONE: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Riconoscere che il rapporto con Dio è esperienza fondamentale nella vita di molte persone, individuare

Dettagli

L Italia: tra Prima e Seconda repubblica

L Italia: tra Prima e Seconda repubblica L Italia: tra Prima e Seconda repubblica La nascita della repubblica Il miracolo economico La crisi della prima repubblica La problematica transizione alla seconda repubblica 2 giugno 1946: la scelta Referendum

Dettagli

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Prof. Andrea Guarise. PROGETTO DIDATTICO CLASSE 3 a E scientifico

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Prof. Andrea Guarise. PROGETTO DIDATTICO CLASSE 3 a E scientifico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO, CLASSICO E DELLE SCIENZE SOCIALI T. LUCREZIO C. di Cittadella SCUOLA POLO PER LA DIMENSIONE EUROPEA DELL ISTRUZIONE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I CLASSE I Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi. La Chiesa, comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli. 1) Scoprire nell ambiente i segni che richiamano

Dettagli

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO Argomenti Una definizione di FILOSOFIA Dal mito al logos Le peculiarità della società greca UNA DEFINIZIONE FILOSOFIA: RICERCA RAZIONALE SUI FONDAMENTI DELL ESSERE, DEL

Dettagli

LA LIBERTÀ RELIGIOSA: Art. 19 e dintorni

LA LIBERTÀ RELIGIOSA: Art. 19 e dintorni LA LIBERTÀ RELIGIOSA: Art. 19 e dintorni GABRIELE MAESTRI Dottorando in Teoria dello Stato Università di Roma La Sapienza Roma, Facoltà di Scienze Politiche 13/12/2011 DISPOSIZIONI COSTITUZIONALI Articolo

Dettagli

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile,

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile, Dichiarazione Universale dei Diritti Umani 1948 Art.1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.. Art.2 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate

Dettagli

La rinascita dopo il Mille. prof. Polvere!i Emanuel" liceo scientifico Alessandro Volta

La rinascita dopo il Mille. prof. Polvere!i Emanuel liceo scientifico Alessandro Volta La rinascita dopo il Mille prof. Polvere!i Emanuel" liceo scientifico Alessandro Volta Quadro di riferimento Svilupperemo questo tema, attraverso quattro linee trasversali, in modo da poter avere una chiave

Dettagli

FRATERNITA COME CATEGORIA POLITICA

FRATERNITA COME CATEGORIA POLITICA FRATERNITA COME CATEGORIA POLITICA Per paradigma intendiamo non tanto un modello di riferimento, quanto piuttosto una forma del nostro agire, del nostro ricercare, del nostro pensare. In questo senso

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: I.R.C. CLASSI PRIME Riconoscere l importanza delle domande di senso per ogni uomo e orientarsi fra le varie proposte odierne con senso critico. Le domande di senso Dibattito. Riflessione personale.

Dettagli

Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986.

Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986. DICHIARAZIONE SUL DIRITTO ALLO SVILUPPO Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986. L Assemblea Generale, Avendo presenti i fini e i principi della Carta delle Nazioni

Dettagli

Progettazione per unità di apprendimento Percorso di istruzione di 1 livello, 2 periodo didattico, asse storico sociale, Unità di apprendimento 1

Progettazione per unità di apprendimento Percorso di istruzione di 1 livello, 2 periodo didattico, asse storico sociale, Unità di apprendimento 1 Progettazione per unità di apprendimento Unità di apprendimento 1 MODULO N.1: Dalla preistoria all'ellenismo DURATA PREVISTA 40 4 Competenza di asse Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi

Dettagli

Programmazione di Storia Classe IV A OTTICA Docente: Anna Maria Sibilia Anno scolastico

Programmazione di Storia Classe IV A OTTICA Docente: Anna Maria Sibilia Anno scolastico Programmazione di Storia Classe IV A OTTICA Docente: Anna Maria Sibilia Anno scolastico 2013-2014 FINALITA' 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più

Dettagli

Disciplina: GEOGRAFIA. Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE

Disciplina: GEOGRAFIA. Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE Disciplina: GEOGRAFIA Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE 1. Osservare, descrivere e analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO I nostri diritti, le nostre libertà 15 articoli chiave illustrati su delle T-shirt I nostri Diritti, le nostre Libertà I diritti umani appartengono a tutti: uomini,

Dettagli

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza:

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: LOCKE L empirismo inglese e il suo fondatore Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: - Fonte del processo conoscitivo - Strumento di certificazione delle tesi

Dettagli

I diritti finora riconosciuti in sede internazionale appartengono a due categorie, tra loro distinte sia

I diritti finora riconosciuti in sede internazionale appartengono a due categorie, tra loro distinte sia I DIRITTI NEGATI! I diritti finora riconosciuti in sede internazionale appartengono a due categorie, tra loro distinte sia per la successione temporale degli atti di riconoscimento formale sia per il diverso

Dettagli

Educazione sanitaria e Promozione della salute

Educazione sanitaria e Promozione della salute Educazione sanitaria e Promozione della salute L educazione sanitaria Secondo OMS, l educazione sanitaria ha lo scopo di aiutare le popolazione ad acquisire la salute attraverso il proprio comportamento

Dettagli

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA FACOLTÀ DI FILOSOFIA Corso di Laurea IN FILOSOFIA PRESENTAZIONE La Facoltà di Filosofia dell Università Vita-Salute San Raffaele si trova in uno dei maggiori centri di ricerca europei, che pone la persona,

Dettagli

Il Servo del Signore e l umanità degli uomini IL REGNO GRUPPO ABELE

Il Servo del Signore e l umanità degli uomini IL REGNO GRUPPO ABELE IL REGNO GRUPPO ABELE AZIONE CATTOLICA CARITAS ITALIANA CNCA FONDAZIONE CASA DELLA CARITÀ MOVIMENTO DEI FOCOLARI Il Servo del Signore e l umanità degli uomini Roma, 15-16 maggio 2015 Verso il V convegno

Dettagli

Storia della educazione delle donne. Tutta un altra storia. Il lungo cammino verso i diritti. continuità lunga durata persistenze

Storia della educazione delle donne. Tutta un altra storia. Il lungo cammino verso i diritti. continuità lunga durata persistenze Storia della educazione delle donne Combattere per una sacra causa: identità di genere, educazione e diritti 29 novembre 2013 continuità lunga durata persistenze antonella.cagnolati@unifg.it 1 Quando tutto

Dettagli

Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare. Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio

Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare. Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio Lo scambio come tema multidisciplinare Si propone qui una breve pista di indagine su alcuni

Dettagli

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA FACOLTÀ DI FILOSOFIA Corso di Laurea IN FILOSOFIA PRESENTAZIONE La Facoltà di Filosofia dell Università Vita-Salute San Raffaele si trova in uno dei maggiori centri di ricerca europei, che pone la persona,

Dettagli

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 INTRODUZIONE Metafisica «Metafisica» di Aristotele: ricerca delle proposizioni implicite in ogni nostro discorso, delle verità «prime», verità presupposte da ogni ricerca

Dettagli

GLI ORGANISMI INTERNAZIONALI E IL CONCETTO DI SALUTE

GLI ORGANISMI INTERNAZIONALI E IL CONCETTO DI SALUTE GLI ORGANISMI INTERNAZIONALI E IL CONCETTO DI SALUTE Il concetto di salute OMS 1946: "la salute non è semplicemente l'assenza di malattia, ma uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale 5

Dettagli

Le scelte didattiche. Educazioni,

Le scelte didattiche. Educazioni, Educazioni, discipline di studio, competenze Le scelte didattiche. Educazioni, Imparare ad apprendere e apprendere a vivere Rovato,, 20 novembre 2008 Quarto incontro Luisa Bartoli e Carlo Baroncelli Primi

Dettagli

CLASSE PRIMA MACRO ARGOMENTO CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI COMPETENZE 1 2 3

CLASSE PRIMA MACRO ARGOMENTO CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI COMPETENZE 1 2 3 COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL BIENNIO 1. Riconoscere i contenuti culturali della disciplina in riferimento all esperienza dell alunno e alle sue domande di senso. 2. Potenziare il dialogo interdisciplinare,

Dettagli

Liceo G. Galilei Trento

Liceo G. Galilei Trento Liceo G. Galilei Trento PIANI DI STUDIO IRC - INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Unità orarie settimanali 1^biennio 2^biennio 5^anno Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Indirizzo Doppia lingua 1 1 1 1 1 Indirizzo

Dettagli

Il Romanticismo. In Europa e in Italia

Il Romanticismo. In Europa e in Italia Il Romanticismo In Europa e in Italia Classici e Romantici Classicismo L arte è imitazione di modelli di perfezione sempre uguali; Ricerca equilibrio e armonia Romanticismo La vita è un eterno cambiamento:

Dettagli

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo I. IL MISTERO DELL ESISTENZA 1. Chi sono io? A. Sempre uguale, sempre diverso B. Un solo io o tanti io? C. Un solo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA elaborato dai docenti di scuola primaria Coordinatore Ins. Laura Montecchiani Classe I creatore e Padre Scoprire che per la religione

Dettagli

L accoglienza della vita umana nella società contemporanea. Aspetti etici.

L accoglienza della vita umana nella società contemporanea. Aspetti etici. L accoglienza della vita umana nella società contemporanea. Aspetti etici. 4 febbraio 2006 Parrocchia San Secondo - Torino Relatore: Giuseppe Zeppegno 1 Il vangelo della vita, cuore del messaggio di Gesù.

Dettagli

L'Italia all'inizio del Novecento

L'Italia all'inizio del Novecento L'Italia all'inizio del Novecento 1898: le proteste del popolo vengono represse a cannonate Movimento anarchico: proponeva l'abolizione di ogni autorità e mirava a costruire una società senza Stato 29

Dettagli

3.11. Religione Scuola Primaria

3.11. Religione Scuola Primaria 3.11. Religione. 3.11.1 Scuola Primaria NUCLEO FONDANTE: Dio e l uomo al termine della classe terza al termine della classe quinta L alunno: riconosce Dio come Padre, riflette su Dio Creatore e si approccia

Dettagli

Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! !!!

Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! !!! !!! Liberamente tratto da: Luigi Giussani, Il senso religioso! Le immagini sono riproduzioni di quadri di Paul Cezanne,! che riprodusse numerose volte la montagna Saint Victoire! e di Claude Monet, que

Dettagli

VIII. Insegnamento religioso

VIII. Insegnamento religioso VIII. Insegnamento religioso VIII. Insegnamento religioso 281 1. Insegnamento religioso cattolico L insegnamento religioso cattolico fa proprie le finalità e le modalità degli studi liceali così come sono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, ci raduniamo in assemblea all inizio del nuovo anno che vogliamo porre sotto lo sguardo benedicente del Signore che nell incarnazione ha voluto condividere

Dettagli

Un muro di bambole: un grande progetto solidale contro la violenza sulle donne

Un muro di bambole: un grande progetto solidale contro la violenza sulle donne Un muro di bambole: un grande progetto solidale contro la violenza sulle donne Wall of Dolls - Milano Il muro delle bambole il simbolo artistico della lotta contro la violenza di genere. L'installazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO J.J. ROUSSEAU EMILIO O DELL EDUCAZIONE Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Leggere l Emilio, un classico perché? «La lettura

Dettagli

Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare. Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione

Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare. Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione 1 Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione Come ascoltare 2 nei momenti normali e speciali a) Guardarlo negli occhi; b) Non fare qualcos altro; c) Ascoltare

Dettagli

Unità 10. La Costituzione. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 10. La Costituzione. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 10 La Costituzione CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulle leggi italiane parole relative alla Costituzione della Repubblica Italiana l uso dell imperfetto

Dettagli

PEDAGOGIA GENERALE Prof. Andrea Potestio

PEDAGOGIA GENERALE Prof. Andrea Potestio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO PEDAGOGIA GENERALE 1 25124 (A.A. 2016/2017) Prof. Andrea Potestio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO J.J. ROUSSEAU EMILIO O DELL EDUCAZIONE Presentazione Leggere l Emilio,

Dettagli

RICOSTRUIRE L UMANITÀ DELLA RELIGIONE L orizzonte educativo dell esperienza religiosa

RICOSTRUIRE L UMANITÀ DELLA RELIGIONE L orizzonte educativo dell esperienza religiosa RICOSTRUIRE L UMANITÀ DELLA RELIGIONE L orizzonte educativo dell esperienza religiosa - Oggi: Situazione di ricominciamento - Cambio epocale - Crollo della religio. - Religione: senso e comunionecomunità.

Dettagli

Presidente del Consiglio

Presidente del Consiglio Presidente del Consiglio Consiglio provinciale 31 maggio 2007 Costituzione Italiana 1947-2007 Cari ospiti e cari colleghi, per questo Consiglio monotematico sulla Costituzione Italiana, credo sia opportuno

Dettagli

L'epoca postmoderna. Il disagio della postmodernità. L identità come problema

L'epoca postmoderna. Il disagio della postmodernità. L identità come problema Discontinuità nella società contemporanea Postmoderno = delegittimazione dei «grandi racconti»: il racconto del processo di emancipazione degli individui dallo sfruttamento, quello del progresso come indefinito

Dettagli

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI Cause delle scoperte geografiche e nuove vie marittime per l occidente 1. La caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi che provoca difficoltà

Dettagli

Progetto identità culturale Abbiamo fatto l Italia

Progetto identità culturale Abbiamo fatto l Italia Progetto identità culturale Abbiamo fatto l Italia Classe IV E Michelangelo Augello Simone Donghi Gabriele Garofalo Andrea Ronchi Alessandro Viola Il Progetto Il Progetto identità culturale Abbiamo fatto

Dettagli

Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006

Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006 Evangelium vitae III Non uccidere (la legge santa di Dio) AMCI Sezione di Torino 2006 Comandamento di Dio Comandamento = mezzo per entrare nella Vita (quella vera quella eterna) => Costruire il Regno di

Dettagli