L APPROCCIO CREATIVO ALLA PROGETTAZIONE. Prof. Maurizio Muzzupappa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L APPROCCIO CREATIVO ALLA PROGETTAZIONE. Prof. Maurizio Muzzupappa"

Transcript

1 L APPROCCIO CREATIVO ALLA PROGETTAZIONE Prof. Maurizio Muzzupappa

2 NON C È INNOVAZIONE SENZA CREATIVITÀ Chiaroveggenza (Magritte 1936)

3 PROGETTARE È Progettare è un processo per trovare una soluzione al fine di soddisfare bisogni e desideri. E un processo decisionale, spesso iterativo, nel quale devono essere applicate tutte le proprie conoscenze per convertire risorse in modo ottimale, col fine di raggiungere obiettivi definiti.

4 PROGETTARE È BISOGNO un processo per trovare una soluzione al fine di soddisfare bisogni e desideri.

5 PROGETTARE È BISOGNO IDEA

6 PROGETTARE È L idea non è necessariamente la soluzione al problema perché può essere legata alla fantasia, proporre soluzioni anche irrealizzabili per ragioni tecniche, materiche o economiche IDEA L idea è un concetto astratto che deve essere vagliato mediante un processo razionale

7

8 PROGETTARE È La soluzione è un modo possibile di risolvere il problema e sicuramente non è unica. La soluzione si basa sulla conoscenza e deve avere come requisito fondamentale la fattibilità

9 PROGETTARE È BISOGNO Individuare il bisogno è il punto di partenza per poter fare innovazione

10 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA Generare idee è un processo creativo

11 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA Trovare delle soluzioni è un processo basato sulla conoscenza

12 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE

13 LE FASI DEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Sviluppo dell idea Sviluppo del progetto Validazione del progetto Produzione

14 LE FASI DEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Sviluppo dell idea Sviluppo del progetto Validazione del progetto Produzione

15 LE FASI DEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Sviluppo dell idea Individuare i bisogni; analizzare il mercato e la concorrenza per individuare le idee da sviluppare. Generare una varietà di soluzioni, per selezionare i migliori concetti; condurre il progetto concettuale fino al primo prototipo.

16 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA Si deve convergere sempre ad un unica soluzione

17 Saper leggere la realtà per individuare i bisogni La fame nel mondo, la sicurezza delle centrali atomiche, il vaccino contro l ebola, sono bisogni (dell umanità) verso i quali sarebbe auspicabile poter dare una risposta.

18 Saper leggere la realtà per individuare i bisogni In realtà, saper dare una risposta ad un bisogno (così come saperlo identificare) presuppone una approfondita conoscenza del problema.

19 Saper leggere la realtà per individuare i bisogni Siamo, quindi, in grado di trovare soluzioni efficaci ad un bisogno solo se conosciamo realmente (per esperienza o per studio) il problema.

20 PROCESSO DI PROGETTAZIONE BISOGNO Mancanza di spazio nelle abitazioni IDEE

21 Processo di progettazione Mancanza di spazio nelle abitazioni Mobili sospesi Mobili richiudibili Trovare delle soluzioni

22 Processo di progettazione Mancanza di spazio nelle abitazioni Mobili sospesi Mobili richiudibili

23 Processo di progettazione Favorire la socializzazione tra le persone Panchine per i luoghi pubblici App Social Cooperativa sociale Trovare delle soluzioni

24 Processo di progettazione Favorire la socializzazione tra le persone Panchine per i luoghi pubblici App Social Cooperativa sociale

25 BISOGNO: ALLOGGIO PER I SENZATETTO

26 SERVONO IDEE INNOVATIVE

27 TROVIAMO DELLE SOLUZIONI POSSIBILI

28

29 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA La creatività è la premessa per un azione concreta intesa come l ideazione di qualcosa, da cui poter trarre dei benefici

30 IL PENSIERO CREATIVO Nell immaginario collettivo, il primo pensiero che il termine crea/vità richiama alla mente è, senza dubbio, la produzione artistica. In realtà questo è solo un tipo di creatività. E in funzione dei risultati ottenuti che distinguiamo due diverse crea*vità : sulla base di criteri ar/s/ci, si definisce creatività un operazione astratta fine a se stessa; sulla base di criteri logici, si definisce creatività la premessa per un azione concreta intesa come l ideazione di qualcosa, da cui poter trarre dei benefici.

31 IL PENSIERO CREATIVO L immaginazione è più importante della conoscenza Albert Einstein Creatività non vuol dire improvvisazione senza metodo Bruno Munari

32 IL PENSIERO CREATIVO Tra tutti i modelli di processo creativo il più accettato è quello di Wallas. Questo modello si compone di 4 stadi: 1. preparazione: prevede l iden,ficazione e la definizione del problema basata sull osservazione e la ricerca delle informazioni potenzialmente u,li. E una fase spesso trascurata che prevede: É apertura all ascolto senza pregiudizi, É flessibilità mentale, É autocensura come limite nei confini accettabili.

33 IL PENSIERO CREATIVO Tra tutti i modelli di processo creativo il più accettato è quello di Wallas. Questo modello si compone di 4 stadi: 2. incubazione: stato passivo di fermentazione del problema durante la quale opera l inconscio (niente autocensura ed associazioni imprevedibili). Rappresenta l a?esa dell esclamazione Eureka oppure Ah ah, che può avvenire immediatamente o non manifestarsi affa?o.

34 IL PENSIERO CREATIVO Tra tutti i modelli di processo creativo il più accettato è quello di Wallas. Questo modello si compone di 4 stadi: 3. illuminazione: momento in cui si ha la scin,lla o meglio si ha la consapevolezza dell idea appena maturata. 4. verifica: controllo dell aderenza della soluzione al problema iden,ficato nel primo stadio. E la conclusione del processo che, in alcuni casi, è considerata esterna al processo stesso poiché non viene a conta?o con la crea,vità.

35 Creativi si nasce MITI DA SFATARE SUL PENSIERO CREATIVO La creatività è un atto spontaneo, che viene da sé e che non implica fatica La creatività è un processo solitario Una volta partito il flusso creativo, non c è più bisogno del controllo razionale sul processo stesso Gli artisti sono creativi, gli scienziati sono razionali

36 RESISTENZE AL CAMBIAMENTO Ha funzionato in questo modo per 20 anni Non abbiamo tempo Non funzionerà Non è previsto nel budget Non è serio Basta dire stupidaggini Impossibile che non ci abbiano già pensato E tecnicamente impossibile Ci vorrebbe un sacco di tempo Devi essere realistico Non sognare Le persone non capiranno E contro le regole Non siamo un laboratorio Costa troppo Abbiamo già provato Non ne verrà fuori nulla Non è un problema nostro E già stato fatto Parliamone un altra volta Cosa ne penseranno i nostri clienti? Ho un idea migliore Non è semplice come pensi Risolve solo parte del problema

37 RESISTENZE AL CAMBIAMENTO Il telefono è un invenzione divertente, ma chi volete che voglia mai usarne uno? (presidente americano R.B. Hayes, dopo aver partecipato ad una conversazione prova tra Washington e Philadelphia nel 1876) Il televisore non sarà mai in grado di rimanere in nessun mercato per più di sei mesi. Le persone si stuferanno presto di guardare ogni sera dentro una scatola (D.F. Zanuck, capo della 20 Century Fox, 1946) Il cavallo durerà a lungo, l automobile è solo una moda. (Il presidente della Michgan Saving Bank, 1903, che sconsigliava l avvocato Henry Ford di investire nella Ford Motor Company - L avvocato non ascoltò il consiglio e investi 5.000$ in azioni che vendette alcuni mesi dopo per 15 milioni di dollari) Ritengo che a livello mondiale ci sia un mercato per circa 5 computer. (T.J. Watson Sr., Capo della IBM, 1943)

38 ANATOMIA DEL PENSIERO CREATIVO Normalmente le idee vengono elaborate dentro un contesto ambientale noto, senza mai provare ad uscire; la mente è un sistema complesso nel quale le idee tendono a convergere ad un certo attrattore (è come il fondo del catino per una pallina: le idee tendono ad arrivare alla soluzione più scontata e più naturale)

39 I BLOCCHI DELLA CREATIVITÀ Ò Emo7vi: paura di sbagliare, la paura del giudizio o delle cri,che, l assenza della mo,vazione necessaria a portare avan, un idea, proge?o od aività, rischio di trovarsi in minoranza Ò Culturali / Ambientali: desiderio di conformarsi a modelli sociali, l u,lizzo del no automa,co come risposta a nuove idee, credenza che il fa?o di sognare sia un spreco infan,le di tempo Ò Perce=vi / cogni7vi: difficoltà di isolare un problema, incapacità di definirne i termini, difficoltà di vedere relazioni remote, differenziare le cause dagli effei

40 LE CATEGORIE DI PENSIERO

41 LE CATEGORIE DI PENSIERO

42 LE CATEGORIE DI PENSIERO

43 PROGETTARE È BISOGNO pensiero divergente IDEA IDEA IDEA pensiero convergente

44 LE FASI DEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Sviluppo dell idea Individuare i bisogni; analizzare il mercato e la concorrenza per individuare le idee da sviluppare. Generare una varietà di soluzioni, per selezionare i migliori concetti; condurre il progetto concettuale fino al primo prototipo.

45 SVILUPPARE LE IDEE L altro punto fondamentale, insieme alla pianificazione, è lo sviluppo delle idee (i concept). Qui si deve concentrare il maggiore sforzo creativo perché è qui che si deve dare una risposta concreta al bisogno individuato. COSA VOGLIO FARE!

46 SVILUPPARE LE IDEE nuovo prodotto/sistema/servizio modifica ad un prodotto/sistema/ servizio esistente Conoscenza dello stato dell arte (Analisi delle concorrenza, storia del prodotto, ) Analisi del prodotto da migliorare COSA VOGLIO INNOVARE!

47 CONOSCERE LA STORIA DEL PRODOTTO Il Monolama Rasoio dell antico Egitto Rasoio da barbiere (dal 1820 ad oggi)

48 CONOSCERE LA STORIA DEL PRODOTTO Rasoio Gillette (1904) Bic Bilama (1973)

49 CONOSCERE LA STORIA DEL PRODOTTO Il rasoio e le lame lame, striscia lubrificante e «vibrazione» Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

50 CONOSCERE LA STORIA DEL PRODOTTO Il rasoio elettrico Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

51 ANALISI DELLA CONCORRENZA Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

52 ANALISI DELLA CONCORRENZA Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

53 ANALISI DELLA CONCORRENZA Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

54 ANALISI DELLA CONCORRENZA Cosa non funziona? Cosa voglio Innovare?

55 BICI ELETTRICA, COME INNOVARE? Smart ebike

56 PROGETTARE È BISOGNO IDEA IDEA IDEA

57 SVILUPPARE LE IDEE VUOL DIRE: Destinare a nuovi usi Invertire Adattare creatività Rimpicciolire Modificare Combinare Ingrandire

58 DESTINARE A NUOVI USI Quali altri usi se modificata? Nitroglicerina Soluzione intramuscolare per applicazioni Cardiovascolari

59 DESTINARE A NUOVI USI Quali altri usi se modificato? Rasoio Uomo Rasoio Donna

60 DESTINARE A NUOVI USI E possibile un nuovo modo di utilizzo? Trioli di Magis

61 DESTINARE A NUOVI USI Hi-Can, Deta Design E possibile un nuovo modo di utilizzo?

62 ADATTARE Cosa potrei copiare? Quale altra idea suggerisce questo concetto? Scarpa che respira Giacca che respira

63 ADATTARE In quali altri ambiti posso riutilizzare lo stesso concetto?

64 ADATTARE Posso riutilizzare lo stesso prodotto? Prodotti della Reelfurniture

65 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,? Merdolino, Alessi

66 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,? Frullatore Disney, Ariete

67 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,? Anna, Alessi

68 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,?

69 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,?

70 MODIFICARE Si può fare di meglio, cambiando il colore, la forma, il movimento,?

71 MODIFICARE Si può cambiare il significato che la persona dà all oggetto? Walkman della Sony (1978) Solo tu e la musica Swatch (1983) Un orologio per ogni occasione

72 MODIFICARE Si può cambiare il significato che la persona dà all oggetto? I-phone, Apple

73 INGRANDIRE Se cambio scala (ingrandire, allungare, rinforzare) che succede? Lavatrice Candy GrandÓ

74 INGRANDIRE Si possono aggiungere nuove funzionalità?

75 INGRANDIRE Si possono aggiungere nuove funzionalità?

76 COMBINARE Si possono combinare diversi concetti?

77 COMBINARE Si possono combinare diversi concetti? Agita e gusta Bonduelle Sviluppata dalla Develpack di Reggio Calabria che ha ceduto i diritti di sfruttamento

78 RIMPICCIOLIRE Come posso rendere il prodotto più piccolo, più semplice da usare,?

79 RIMPICCIOLIRE Come posso rendere il prodotto più piccolo, più semplice da usare,? Cellulare per anziani di Miracle Progress

80 RIMPICCIOLIRE Come posso rendere il prodotto più piccolo, più semplice da usare,? netbook ultrabook

81 INVERTIRE E se lo giro al contrario? MP3, Piaggio

82 INVERTIRE E se lo giro sottosopra? Disegnato da Robert Bernstein

83 INVERTIRE Gregory Bonasera (designer australiano) Azienda: Ceramics Lighting Design

84 INVERTIRE E se stravolgo le regole? Flux di Giugiaro Design per Scavolini

85 INVERTIRE E se stravolgo le regole? L aspirapolvere fu brevettata nel 1901 dall ingegnere H.Booth. Assistendo ad una dimostrazione di un apparecchio che toglieva la polvere soffiandola via con un compressore, ebbe l intuizione di capovolgere il funzionamento del sistema

86 SVILUPPARE LE IDEE BISOGNO IDEA IDEA IDEA

87 SVILUPPARE LE IDEE Se si vuole innovare veramente, non si può prescindere dall applicazione rigorosa di una metodologia, in altre parole, non si può prescindere da un attività seria di progettazione. Progettare significa innanzitutto: Definire/individuare un bisogno trovare una soluzione innovativa a tale bisogno

88 IL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Sviluppo dell idea Sviluppo del progetto Validazione del progetto Sviluppo della produzione Solo dopo aver individuato il bisogno e aver definito la soluzione migliore si può passare a sviluppare il progetto, cioè attivare tutti quei processi necessari alla realizzazione dell idea iniziale.

89 COMPITO A CASA!

90 INDIVIDUARE UN BISOGNO DEFINIRE UNA O PIÙ IDEE non soluzioni concrete!!

91 COMPITO A CASA Preparare una presentazione in pdf con due slide che descrivono il bisogno individuato e l idea di base per risolverlo.

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa L approccio creativo alla progettazione Non c è innovazione senza creatività Chiaroveggenza (Magritte 1936) Saper comunicare un idea Fare uno schizzo del seguente prototipo: Tavolo con elementi mobili

Dettagli

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa L approccio creativo alla progettazione Le informazioni nella progettazione idea prodotto finale colleghi dirigenti partner fornitori utenti Comunicazione e Informazione A chi e come comunichiamo le informazioni

Dettagli

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa

L approccio creativo alla progettazione. Prof. Maurizio Muzzupappa L approccio creativo alla progettazione Le fasi del processo di progettazione Due punti fondamentali per innovare Se si vuole innovare veramente, non si può prescindere dall applicazione rigorosa di una

Dettagli

WORKSHOP LUNEDÌ 26 NOVEMBRE 2012 ORE 14 CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI VIA BLIGNY, 1/A REGGIO EMILIA

WORKSHOP LUNEDÌ 26 NOVEMBRE 2012 ORE 14 CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI VIA BLIGNY, 1/A REGGIO EMILIA WORKSHOP LUNEDÌ 26 NOVEMBRE 2012 ORE 14 CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI VIA BLIGNY, 1/A REGGIO EMILIA > Presentazione DESIGN THINKING REGGIO CHILDREN In questo percorso formativo verranno approfonditi

Dettagli

Come trasformare la competizione in collaborazione;

Come trasformare la competizione in collaborazione; OBIETTIVI Come trasformare la competizione in collaborazione; PRESUPPOSTI La competizione è un opportunità per i dipendenti e per l azienda quando è gestita correttamente; La competizione, quando gestita

Dettagli

Creative Problem Solving

Creative Problem Solving Creative Problem Solving Che cos è Normalmente, nel lavoro di analisi e progettazione, si utilizza una logica lineare. Partendo da una rapida analisi dei problemi, si arriva in breve a ragionare su cosa

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

Lo sviluppo del progetto informatico

Lo sviluppo del progetto informatico Lo sviluppo del progetto informatico Il progetto Il controllo di qualità Le qualità per i prodotti di software Le figure professionali La metodologia La conoscenza degli obiettivi L analisi La progettazione

Dettagli

Basi di Dati. Progettazione di una Base di Dati. Progettazione di una Base di Dati

Basi di Dati. Progettazione di una Base di Dati. Progettazione di una Base di Dati Basi di Dati Cosa vuol dire progettare una base di dati? Il DBMS non va progettato il DBMS si acquista o esiste già è impossibile pensare di sviluppare un DBMS anni di sviluppo necessità di elevate competenze

Dettagli

CHE PROBLEMA TABULAZIONE QUESTIONARIO

CHE PROBLEMA TABULAZIONE QUESTIONARIO CHE PROBLEMA TABULAZIONE QUESTIONARIO Scrivi nei cerchi le parole che ti vengono in mente se pensi alla parola problema : dati 14 alunni operazione 16 alunni domande 12 alunni risposte 12 alunni diagramma

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione di metalli

Dettagli

Problem Solving Creativo

Problem Solving Creativo Problem Solving Creativo Sintesi del webinar Gian Carlo Manzoni Management Consultant e-consultant Una prima idea per riflettere.. Problem solving creativo è : guardare la stessa cosa che guardano tutti

Dettagli

G.I.S.K.A.R.D. Un progetto tra fisica e robotica. Giulio Pasqualetti. 29 giugno Elaborato per l esame di stato

G.I.S.K.A.R.D. Un progetto tra fisica e robotica. Giulio Pasqualetti. 29 giugno Elaborato per l esame di stato G.I.S.K.A.R.D. Un progetto tra fisica e robotica Giulio Pasqualetti Elaborato per l esame di stato 29 giugno 2013 Giulio Pasqualetti (Esame di stato) G.I.S.K.A.R.D. 29/6/13 1 / 20 Piano della presentazione

Dettagli

L ENERGIA PRENDE FORMA

L ENERGIA PRENDE FORMA L ENERGIA PRENDE FORMA S o t t o t i t o l o p e r l e c l a s s i IV A e B a.s. 2014-2015 D A L B U I O A L L A L U C E 1915 una luce nuova nella nostra città. O G G I I E R I P R E M E S S A Il progetto

Dettagli

Hai una mente creativa? Copyright EdiTEST 2010

Hai una mente creativa? Copyright EdiTEST 2010 Hai una mente creativa? Copyright EdiTEST 2010 Il termine creatività si riferisce a quei processi mentali che portano a soluzioni, idee, concetti, forme artistiche, teorie o prodotti che sono unici e originali.

Dettagli

Metodologia di lavoro: PCM & GOPP

Metodologia di lavoro: PCM & GOPP Metodologia di lavoro: PCM & GOPP Obiettivo del Laboratorio Approfondire le metodologie e le tecniche di progettazione nell ambito dei programmi a gestione diretta del ciclo 2014-2020 attraverso l identificazione

Dettagli

Il bambino tra scienza e creatività. artista scienziato protagonista autore

Il bambino tra scienza e creatività. artista scienziato protagonista autore Il bambino tra scienza e creatività artista scienziato protagonista autore IL BAMBINO TRA SCIENZA E CREATIVITA' Pensiero creativo DIVERGENTE Pensiero critico CONVERGENTE Considerazioni conclusive Dal gesto

Dettagli

Trovare lavoro: un lavoro Alberto Colaiacomo. Premessa

Trovare lavoro: un lavoro Alberto Colaiacomo. Premessa Premessa Cosa, questo libro, NON vuole essere Non una guida per redigere correttamente un curriculum o una lettera di presentazione. Non uno studio ed una illustrazione del mercato del lavoro in Italia,

Dettagli

PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI. Fasi e relativi approcci

PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI. Fasi e relativi approcci PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI Fasi e relativi approcci OBIETTIVI 1. Descrivere un approccio generale per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare i passi fondamentali 3. Illustrare

Dettagli

design ergonomia creatività qualità innovazione lezione

design ergonomia creatività qualità innovazione lezione Corso di Laurea in Disegno Industriale - 2 anno LABORATORIO DI ERGONOMIA corso A a.a. 2016-17 prof.ssa Francesca Tosi Tutor: dott.ssa Alessia Brischetto, dott. Mattia Pistolesi lezione & ergonomia design

Dettagli

mappe_mentali_lab Cos è una mappa mentale?

mappe_mentali_lab Cos è una mappa mentale? mappe_mentali_lab 2010 Con le mappe mentali puoi: girare il foglio da verticale a orizzontale, passare dalla scrittura lineare a quella radiale, usare tutti i colori, liberare la creatività. Cos è una

Dettagli

Ingegneria Meccatronica. M. Da Lio

Ingegneria Meccatronica. M. Da Lio Ingegneria Meccatronica M. Da Lio Ingegneria Meccatronica Dall Idea al Prodotto finito (sito web) Innovazione ritmo di rinnovamento dei prodotti industriali sempre più rapido nel triennio 94-96 il 49.7%

Dettagli

Principi e Metodologie delle Costruzioni di Macchine

Principi e Metodologie delle Costruzioni di Macchine Principi e Metodologie delle Costruzioni di Macchine Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica III anno A.A. 2010-2011 Docente: Domenico Gentile gentile@unicas.it 0776.2994336 Presentazione del corso PREREQUISITI

Dettagli

Il mio percorso di introduzione della LIM

Il mio percorso di introduzione della LIM Il mio percorso di introduzione della LIM Pianificato: cosa mi aspetto Effettivamente verificato: cosa è avvenuto Che tipo di difficoltà tecniche posso incontrare nell uso della LIM? Chi potrebbe aiutarmi

Dettagli

Metodologie e modelli di progetto

Metodologie e modelli di progetto Metodologie e modelli di progetto Ingg. Francesco Gullo, Giovanni Ponti D.E.I.S Università della Calabria fgullo@deis.unical.it gponti@deis.unical.it 1 I Sistemi Informativi Un sistema informativo èun

Dettagli

Tirocinio: Linee guida e spunti di riflessione a conclusione del Bilancio Psicomotorio

Tirocinio: Linee guida e spunti di riflessione a conclusione del Bilancio Psicomotorio Tirocinio: Linee guida e spunti di riflessione a conclusione del Bilancio Psicomotorio 1) Tirocinio: il procedimento seguito dallo Psicomotricista Se si vogliono raggiungere gli obiettivi generali che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO ANAGNI 2 A.S. 2015/2016 METODO ANALOGICO di CAMILLO BORTOLATO Teoria dell apprendimento intuitivo della matematica INTRODUZIONE COSA E IL METODO ANALOGICO? Il Metodo Analogico è basato

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e Controllo della Comunicazione 1 PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LM59 LUMSA 2016-2017 Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e

Dettagli

L impresa non è solo quella che conosciamo ma quella di Cristoforo Colombo (Canzone Guccini) che ha in sé:

L impresa non è solo quella che conosciamo ma quella di Cristoforo Colombo (Canzone Guccini) che ha in sé: Riflessioni sull essere impresa L impresa non è solo quella che conosciamo ma quella di Cristoforo Colombo (Canzone Guccini) che ha in sé: sogno,idea, progetto, azione, difficoltà, tenacia, cambiamento,

Dettagli

Il software in Cloud che porta la Tua consulenza davvero in alto.

Il software in Cloud che porta la Tua consulenza davvero in alto. Il software in Cloud che porta la Tua consulenza davvero in alto. La Soluzione La crescente competitività nel mercato porta il Consulente della Sicurezza sui Luoghi di Lavoro ad adeguare il proprio approccio

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI ATTIVITA CHE ESAMINEREMO: 1. ANALISI PRELIMINARE identificazione problema / opportunita analisi di utenti, fabbisogni, requisiti, obiettivi, ecc. DOCUMENTO

Dettagli

Miti e fantasmi 4/11/2017

Miti e fantasmi 4/11/2017 Miti e fantasmi I fantasmi del lavoro educativo Fantasma significa letteralmente un immagine creata dalla fantasia che non ha alcuna corrispondenza con la realtà dei fatti. E un prodotto illusorio che

Dettagli

Job Club Orientativo

Job Club Orientativo 1 Job Club Orientativo TERRITORIO Analisi Dinamiche Servizi MERCATO DEL LAVORO GIOVANI 2 Job Club Orientativo UTILIZZARE LE RISORSE DEL TERRITORIO Analisi Dinamiche Servizi ESSERE CAPACE DI RISPONDERE

Dettagli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli Quali sono natura ruolo e scopo della filosofia? cerchiamo una risposta a questi interrogativi nelle parole degli

Dettagli

Per molti anni la teoria prevalente ha descritto i numeri come concetti, immagini astratte, impossibili da vedere.

Per molti anni la teoria prevalente ha descritto i numeri come concetti, immagini astratte, impossibili da vedere. 1. COS È E la rivalutazione dei sentimenti, delle immagini per ripristinare la correttezza metodologica, cioè l intuizione a tutto campo, fuori dalla gabbia della concettualità e della logica prevalentemente

Dettagli

Denise Preatoni classe 5 B

Denise Preatoni classe 5 B Denise Preatoni classe 5 B Relazione Preatoni Denise 5 B Incontro con Prof. Roncoroni e Dott. Imparato Il giorno 12 aprile 2013 la classe 5 B ha assistito all incontro con il Prof. Roncoroni e il Dott.

Dettagli

Intervento di Daniela Bedogni, foto di Antonella Barbieri

Intervento di Daniela Bedogni, foto di Antonella Barbieri Asilo Nido Cappuccetto Rosso Scuola dell Infanzia statale Mago di Oz Sezioni nido: rossa, verde, gialla, blu Sezioni infanzia: 1-3 - 4 Educatrici: Borghi M. Cristina, Giuliani Franca, Grandi Mariangela,

Dettagli

Analisi dei rischi di incidente rilevante attraverso l applicazione del metodo HazOp ad una raffineria

Analisi dei rischi di incidente rilevante attraverso l applicazione del metodo HazOp ad una raffineria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Facoltà di SCIENZE MM.FF.NN. Corso di Laurea in ANALISI E GESTIONE DEI RISCHI NATURALI ED ANTROPICI Analisi dei rischi di incidente rilevante attraverso l applicazione

Dettagli

PREPARAZIONE SALUTO GESTIONE DELL ESITO IDENTIFICAZIONE CONCLUSIONE ELABORAZIONE

PREPARAZIONE SALUTO GESTIONE DELL ESITO IDENTIFICAZIONE CONCLUSIONE ELABORAZIONE LE FASI DEL COLLOQUIO PREPARAZIONE SALUTO IDENTIFICAZIONE GESTIONE DELL ESITO ELABORAZIONE CONCLUSIONE PREPARAZIONE OGNI COLLOQUIO ESIGE UNA PREPARAZIONE CHE GARANTISCA DI AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE

Dettagli

Il ruolo dell innovazione. Prof.ssa Ernestina Giudici

Il ruolo dell innovazione. Prof.ssa Ernestina Giudici Il ruolo dell innovazione r Le imprese operano in ambienti sempre più complessi r Per questo ha assunto notevole rilievo l innovazione e, in specie, l innovazione tecnologica r L innovazione costituisce

Dettagli

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza delle autonomie locali

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza delle autonomie locali 1 PROPOSTE FORMATIVE PER LE AUTONOMIE LOCALI Public Speaking Comunicare in pubblico con efficacia migliorare la comunicazione con il pubblico individuare i blocchi personali e/o barriere comunicative migliorare

Dettagli

Classi coinvolte: Istituto Comprensivo Don L. Milani di Monte Porzio Catone (RM) Scuola Primaria, classi I

Classi coinvolte: Istituto Comprensivo Don L. Milani di Monte Porzio Catone (RM) Scuola Primaria, classi I PRESENTAZIONE OPERA CONCORSO GN8 Coordinatore progetto: docente B. Forti Classi coinvolte: Istituto Comprensivo Don L. Milani di Monte Porzio Catone (RM) Scuola Primaria, classi I I Fascia sez. Creativa

Dettagli

Insurance Lab PwC Lab Innovation

Insurance Lab PwC Lab Innovation www.pwc.com/it Insurance Lab Lab Innovation Lab Innovation Lab Innovation - I 3 Workshop Workshop I - Good Practice White Label, Advertorial & Lead Generation I Workshop II - Verso una consapevole innovazione

Dettagli

Percorso Equipe Caritas diocesana

Percorso Equipe Caritas diocesana Presentazione Percorso Equipe Caritas diocesana 2007/2008 a cura di Giuseppe Dardes Obiettivo della presentazione Come Cosa Faremo insieme qualche attività per comprendere come funzionano le tappe Avere

Dettagli

CHE COS È UN PROGETTO PROFESSIONALE?

CHE COS È UN PROGETTO PROFESSIONALE? CHE COS È UN PROGETTO PROFESSIONALE? Set di slide per il 2 laboratorio di gruppo da UTILIZZARE O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI CHE COSÈ UN PROGETTO PROFESSIONALE?

Dettagli

LEANNOVAZIONE. 29 settembre, 14 ottobre, 28 ottobre, 11 novembre, 25 novembre e 14 dicembre ore Confindustria Bergamo

LEANNOVAZIONE. 29 settembre, 14 ottobre, 28 ottobre, 11 novembre, 25 novembre e 14 dicembre ore Confindustria Bergamo LEANNOVAZIONE 29 settembre, 14 ottobre, 28 ottobre, 11 novembre, 25 novembre e 14 dicembre 2015 È programmato un ciclo di incontri per approfondire le metodologie di progettazione e sviluppo prodotto allo

Dettagli

CREATIVITA NEGLI INDIVIDUI E NELLE ORGANIZZAZIONI

CREATIVITA NEGLI INDIVIDUI E NELLE ORGANIZZAZIONI CREATIVITA NEGLI INDIVIDUI E NELLE ORGANIZZAZIONI Paola Pasqualino Corso di Direzione d Impresa Il metodo Harvard Separare le persone dai problemi Focus sugli interessi, non sulle posizioni Generare opzioni

Dettagli

Linee di metodologia per la valorizzazione delle buone pratiche

Linee di metodologia per la valorizzazione delle buone pratiche Progetto: Esperienze intersettoriali delle Comunità Locali per Guadagnare Salute Linee di metodologia per la valorizzazione delle buone pratiche Alberto Perra, Forum PA, 2009 Le Best Practices (buone pratiche)

Dettagli

Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso.

Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso. Sogni e bisogni Le cooperative sono nate per rispondere a bisogni anche molto concreti. Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso.

Dettagli

G. Zaltman L. Zaltman. Capitolo uno. Andrea Farinet

G. Zaltman L. Zaltman. Capitolo uno. Andrea Farinet G. Zaltman L. Zaltman Come pensare in modo profondo Capitolo uno Andrea Farinet 1. L importanza della riflessione profonda Non riceviamo spunti profondi dai clienti.. per il solo fatto di consumare i prodotti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico

PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico 2013-2014 TITOLO : RACCONTIAMO INSIEME ( il ) E' un progetto pensato e strutturato per gli alunni della scuola dell infanzia, per gli alunni delle classi quinte della

Dettagli

Strategie top-down. Primitive di trasformazione top-down. Primitive di trasformazione top-down

Strategie top-down. Primitive di trasformazione top-down. Primitive di trasformazione top-down Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi che aggiungono via via più

Dettagli

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia architettura e ambiente design moda arti figurative pittura/scultura Piazzale Medaglie d Oro 2-34170 Gorizia wwww.liceoartegorizia.it Istituto Statale D'Arte M. Fabiani

Dettagli

Pensa a quando devi partire per le vacanze

Pensa a quando devi partire per le vacanze Pensa a quando devi partire per le vacanze Come fai a decidere dove andare? Quali fattori tieni in considerazione per prendere questa decisione (denaro, posti rilassanti/turistici, preferenze personali,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016 / 17. I.T.S.O. S '' C. E. GADDA Sede di Fornovo

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016 / 17. I.T.S.O. S '' C. E. GADDA Sede di Fornovo PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016 / 17 I.T.S.O. S '' C. E. GADDA Sede di Fornovo MATERIA DI INSEGNAMENTO: Tecnologie elettrico elettroniche e applicazioni PROF. / MONTALI Roberto & MAESTRI paolo CLASSE

Dettagli

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI. Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO C

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI. Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO C SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO C Cosa vuole dire fare squadra? I Quale valore possiamo dare al gioco di squadra? Il lavoro di gruppo Il Sapore della vittoria

Dettagli

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L orientamento consiste nel mettere un individuo in condizione di prendere coscienza delle sue caratteristiche personali e di svilupparle in vista della scelta degli studi

Dettagli

Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà

Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà Quali azioni, quale welfare in tempo di crisi Una proposta di metodo per elaborare, ordinare, mettere in comune contenuti e prassi : dai territori

Dettagli

NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA METODOLOGIE E STRUMENTI METODO SCIENTIFICO VEDERE

NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA METODOLOGIE E STRUMENTI METODO SCIENTIFICO VEDERE NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA METODOLOGIE E STRUMENTI METODO SCIENTIFICO VEDERE OSSERVARE COMPARARE CLASSIFICARE FORMULARE E VERIFICARE IPOTESI UTILIZZANDO SEMPLICI SCHEMATIZZAZIONI Relazione

Dettagli

Errore e Revisione. Lilia Andrea Teruggi

Errore e Revisione. Lilia Andrea Teruggi Errore e Revisione Lilia Andrea Teruggi Definizione Il deviare da una regola o norma di comportamento Violazione della legge Violazione di una norma giuridica o morale Il risultato della mancata applicazione

Dettagli

L INNOVAZIONE COMINCIA DAL PENSIERO

L INNOVAZIONE COMINCIA DAL PENSIERO SERVITEC Polo Tecnologico Dalmine Associazione Centro Studi SPAZIO EUROMEDITERRANEO L INNOVAZIONE COMINCIA DAL PENSIERO Corsi di Formazione per addetti alle Tecnologie dell Industrializzazione Michelino

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Giuliana Baldassarre Public Management & Policy Perché è importante progettare per le aziende non profit Perché le aziende non profit si trovano ad agire su diversi mercati

Dettagli

Forster Rohner SA: e luce fu!

Forster Rohner SA: e luce fu! Forster Rohner SA: e luce fu! Forster Rohner, un azienda di San Gallo attiva nella produzione di tessuti ricamati e pizzi, incarna un mix tra l industria tradizionale e la ricerca di punta: essa ha elaborato

Dettagli

Tecnica e metodologia delle attività motorie adattate

Tecnica e metodologia delle attività motorie adattate Corsi di Insegnamento Università degli Studi di Verona Corso di Laurea Specialistica in Scienze delle attività motorie e sportive A.A. 2006/2007 Tecnica e metodologia delle attività motorie adattate Crediti

Dettagli

LA PNL NELLA PSICOLOGIA DEL LAVORO

LA PNL NELLA PSICOLOGIA DEL LAVORO CORSO DI FORMAZIONE LA PNL NELLA PSICOLOGIA DEL LAVORO NELLA SEDE DI BOLOGNA 1 CHI SIAMO La (SFP) è un associazione culturale, nata nel 2014 con un duplice scopo: 1) Sviluppare competenze e fornire strumenti

Dettagli

Federazione Italiana Rugby. L atto tattico nel gioco sullo spazio in attacco nella formazione Aggiornamento I livello 2009

Federazione Italiana Rugby. L atto tattico nel gioco sullo spazio in attacco nella formazione Aggiornamento I livello 2009 Federazione Italiana Rugby L atto tattico nel gioco sullo spazio in attacco nella formazione Aggiornamento I livello 2009 Uno degli aspetti fondamentali dell avviamento giovanile ai giochi sportivi è:

Dettagli

Università degli Studi di Messina, Palazzo Mariani Piazza Antonello, Messina

Università degli Studi di Messina, Palazzo Mariani Piazza Antonello, Messina Segreteria organizzativa: C. O. P. Centro orientamento e Placement d Ateneo C. A. R. E. C. I. Centro Attrazione Risorse Esterne e Creazione d Impresa Settore Job Placement Università degli Studi di Messina

Dettagli

Innovazione di prodotto: definizione e processo

Innovazione di prodotto: definizione e processo Innovazione di prodotto: definizione e processo Obiettivi della lezione Innovazione di prodotto: definizioni Il ciclo di vita del prodotto e le principali strategie di marketing collegate 1 Invenzioni

Dettagli

Progettazione di basi di dati

Progettazione di basi di dati Progettazione di basi di dati Sistemi Informativi L-B Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-b/ Versione elettronica: progettazionedb.pdf Sistemi Informativi L-B Progettazione di

Dettagli

Docenti neoassunti. Indicazioni

Docenti neoassunti. Indicazioni Docenti neoassunti Anno Scolastico 2015/16 Indicazioni Compilazione delle Attività Didattiche Versione del 29/1/2016 Indicazioni per la compilazione dell attività didattica Ti chiediamo di descrivere due

Dettagli

L esperienza di ecobudget nel Comune di Bologna

L esperienza di ecobudget nel Comune di Bologna Strumenti per il governo sostenibile dell ambiente urbano dopo Aalborg - Ravenna 22 ottobre 2004 L esperienza di ecobudget nel Comune di Bologna Dott. Marco Farina Arch. Cristina Garzillo Ing. Raffaella

Dettagli

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 AGENDA le tecniche di vendita La tua strategia di vendita 2 Le slide di questo corso puoi scaricarle nel sito: www.wearelab.com www.brunobruni.it 3 BREVE RIEPILOGO Cambio

Dettagli

Marco Barbiani. Larlun. Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente

Marco Barbiani. Larlun. Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente Marco Barbiani Larlun Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente ... proprio in questa perfezione della sapienza ci si deve addestrare ed esercitare Astasāhasrikā Prajñāpāramitā [1]... una vita

Dettagli

Metodologia di Scienze

Metodologia di Scienze Metodologia di Scienze La metodologia seguita sarà fondata su un fare scienza basato sulla pratica di effettuare delle esperienze concrete. Si cercherà di indurre nei bambini un corretto atteggiamento

Dettagli

Presentazione generale. Ing. Felice Pietro Fanizza RINO SNAIDERO SCIENTIFIC FOUNDATION

Presentazione generale. Ing. Felice Pietro Fanizza RINO SNAIDERO SCIENTIFIC FOUNDATION Presentazione generale Ing. Felice Pietro Fanizza RINO SNAIDERO SCIENTIFIC FOUNDATION Obiettivo Sviluppare una rete di abitazioni dotate di tecnologie innovative domotiche/ict connesse tra loro e con soggetti

Dettagli

POLITECINCO DI MILANO ASSOLOMBARDA

POLITECINCO DI MILANO ASSOLOMBARDA POLITECINCO DI MILANO ASSOLOMBARDA REPERTORIO DI PROGETTI FORMATIVI DI TIROCINI CURRICULARI (450 ORE = 3 MESI FULL TIME) PER LAUREANDI DI PRIMO LIVELLO IN INGEGNERIA MECCANICA Progetto formativo 1 Gestione

Dettagli

Sapere usare gli strumenti di disegno tecnico : (compasso, curvilinei, normografo, squadre, righe, metro, circoli- grafo, etc.)

Sapere usare gli strumenti di disegno tecnico : (compasso, curvilinei, normografo, squadre, righe, metro, circoli- grafo, etc.) TECNOLOGIA Classe PRIMA secondaria 1 COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÀ CONOSCENZE Osservare, analizzare, descrivere, progettare e realizzare semplici manufatti, elaborati e strumenti, spiegando le fasi principali

Dettagli

Paolo Magaudda, PhD (Università di Padova) L'intreccio tra nuove tecnologie e società nel mondo della salute

Paolo Magaudda, PhD (Università di Padova) L'intreccio tra nuove tecnologie e società nel mondo della salute Paolo Magaudda, PhD (Università di Padova) L'intreccio tra nuove tecnologie e società nel mondo della salute HTA tra tecnologie, salute, società 1 HTA e percezione sociale delle nuove tecnologie mediche

Dettagli

TORNA ALL'INDICE Pagina 1

TORNA ALL'INDICE Pagina 1 TORNA ALL'INDICE Pagina 1 Indice Ipnosi Cosa è l ipnosi... 4 Lo stato ipnotico è una condizione naturale o indotta?... 7 L ipnosi è per tutti?... 9 Se vengo ipnotizzato e non mi risveglio?... 10 L ipnosi

Dettagli

5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno

5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno Ciao 5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno E ti do il benvenuto in questo video articolo dal titolo 5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LIVIO TEMPESTA

ISTITUTO COMPRENSIVO LIVIO TEMPESTA ISTITUTO COMPRENSIVO LIVIO TEMPESTA SCHEDA DEL PROGETTO P.T.O.F. Scuola Infanzia; Scuola della Primaria Scuola della Secondaria NOME DEL PROGETTO Fare e saper fare Bonaccorsi Maria Grazia Cuomo Ida Rita

Dettagli

La formazione che entra in azienda

La formazione che entra in azienda Crescita del personale: TI FORMO La formazione che entra in azienda Da settembre 2016 il martedì e il giovedì si parla di I percorsi formativi di Clelia che si svolgeranno da settembre a dicembre sono

Dettagli

Quando la leadership diventa e-leadership

Quando la leadership diventa e-leadership Quando la leadership diventa e-leadership Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

L impegno di Intesa Sanpaolo per la transizione verso l economia circolare

L impegno di Intesa Sanpaolo per la transizione verso l economia circolare L impegno di Intesa Sanpaolo per la transizione verso l economia circolare Torino, 5 maggio 2016 Obiettivo della Circular Economy OBIETTIVO Slegare lo sviluppo delle imprese e dei territori dallo sfruttamento

Dettagli

IL PIANO MARKETING. www.impresaefficace.it

IL PIANO MARKETING. www.impresaefficace.it IL PIANO MARKETING IL PIANO MARKETING IN 7 PASSI 1. INDIVIDUA UNA NICCHIA DI MERCATO 2. DEFINISCI IL TARGET DEI CLIENTI 3. DEFINISCI LA TUA IDENTITA 4. DEFINISCI GLI OBIETTIVI 5. DEFINISCI IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

Palermo 19 aprile 2016

Palermo 19 aprile 2016 Seminario provinciale Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Certificazione delle Competenze DIDATTICA PER COMPETENZE prof.ssa Vittoria Maria Ruvituso I.C.S. "Silvio Boccone" di Palermo Palermo

Dettagli

Perché andare dallo psicologo?

Perché andare dallo psicologo? Perché andare dallo psicologo? Idee e false credenze: Dal passato.. - Freud e il lettino: in base all'approccio teorico utilizzato ci possono essere diversi modi di entrare in relazione con l altra persona.

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

LE TEORIE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA

LE TEORIE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA Università degli Studi di Pavia Corso di Laurea in Infermieristica LE TEORIE DELL ASSISTENZA Piera Bergomi Obiettivi della materia Obiettivo generale Portare lo studente a conoscere, analizzare e saper

Dettagli

«Procedimento atto a garantire, sul piano teorico e pratico, il soddisfacente risultato di un lavoro o di un comportamento»

«Procedimento atto a garantire, sul piano teorico e pratico, il soddisfacente risultato di un lavoro o di un comportamento» METODO PER LA PIANIFICAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA DEFINIZIONE DI METODO: (dizionario italiano): «Procedimento atto a garantire, sul piano teorico e pratico, il soddisfacente risultato di

Dettagli

riflessioni e scambi attorno al tema dei problemi a parole e problemi con variazione SEI Gorillante e scuola primaria D. Alighieri I Problemi

riflessioni e scambi attorno al tema dei problemi a parole e problemi con variazione SEI Gorillante e scuola primaria D. Alighieri I Problemi riflessioni e scambi attorno al tema dei problemi a parole e problemi con variazione SEI Gorillante e scuola primaria D. Alighieri I Problemi Dalle Indicazioni Nazionali per il Curriculo La matematica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula

PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula SEMINARIO DI SVILUPPO PROFESSIONALE DEI FORMATORI IPAF 2016 PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula Pier Angelo Cantù Bologna, 21 Gennaio 2016 Savoia Regency Hotel La PNL E lo studio della

Dettagli

L AGENZIA DI PUBBLICITA

L AGENZIA DI PUBBLICITA L AGENZIA DI PUBBLICITA Francesco Mancuso Università La Sapienza ORGANIZZAZIONE DI UN AGENZIA I SERVIZI DELL AGENZIA Sono fondamentalmente 5: - LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA - LA CREATIVITA - LA PRODUZIONE

Dettagli

PROGETTARE INSEGNARE VERIFICARE E VALUTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE INSEGNARE VERIFICARE E VALUTARE PER COMPETENZE PROGETTARE INSEGNARE VERIFICARE E VALUTARE PER COMPETENZE A. PROGETTARE Costruire un unità di lavoro per una classe secondo il seguente format. Durata: Traguardo di competenza disciplinare di fine ciclo

Dettagli

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 5 Strumenti di ricerca attiva del lavoro

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 5 Strumenti di ricerca attiva del lavoro Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro MODULO 5 Strumenti di ricerca attiva del lavoro L E T A P P E D I U N P E R C O R S O D I O R I E N T A M E N T O P R O F E S S I O N A L E I. Analisi del mercato

Dettagli

LABORATORIO DI ERGONOMIA

LABORATORIO DI ERGONOMIA Dipartimento di Architettura Corso di Laurea in Disegno Industriale - 2 anno LABORATORIO DI ERGONOMIA prof.ssa Francesca Tosi con: dott.ssa Alessia Brischetto, dott.ssa Irene Bruni, dott. Daniele Busciantella

Dettagli

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca La vocazione professionale e la carriera accademica Report della prima fase di ricerca 1 Obiettivi dell indagine Il focus della nostra ricerca è la vocazione professionale: l esperienza di una passione

Dettagli

LABORATORIO DI ERGONOMIA

LABORATORIO DI ERGONOMIA Dipartimento di Architettura Corso di Laurea in Disegno Industriale - 2 anno LABORATORIO DI ERGONOMIA prof.ssa Francesca Tosi con: dott.ssa Alessia Brischetto, dott.ssa Irene Bruni, dott. Daniele Busciantella

Dettagli

F o r m a z i o n e e N e w L e a r n i n g L e a d e r s h i p C o a c h i n g

F o r m a z i o n e e N e w L e a r n i n g L e a d e r s h i p C o a c h i n g F i o r e n z a G u a r i n o C o n s u l t i n g 1 F o r m a z i o n e e N e w L e a r n i n g L e a d e r s h i p C o a c h i n g C o n s u l e n z a p e r l o s v i l u p p o s o s t e n i b i l e d

Dettagli