Direzione Generale. Verbale n 6 / 2015 P.G. 2015/ ACCORDO RELATIVO ALLA CORRESPONSIONE DELLE PROCURATORIE AL PERSONALE DELL'AVVOCATURA CIVICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Generale. Verbale n 6 / 2015 P.G. 2015/ ACCORDO RELATIVO ALLA CORRESPONSIONE DELLE PROCURATORIE AL PERSONALE DELL'AVVOCATURA CIVICA"

Transcript

1 Direzione Generale Verbale n 6 / 2015 P.G. 2015/ ACCORDO RELATIVO ALLA CORRESPONSIONE DELLE PROCURATORIE AL PERSONALE DELL'AVVOCATURA CIVICA L Amministrazione Comunale, le R.S.U. del Comune di Modena e le OO.SS. di categoria PRESO ATTO -che tra le parti è stato stipulato l accordo n. 2/2014 con il quale, a livello di Ente è stata data attuazione al comma 457 dell'art. 1 della legge n. 147/2013 provvedendo alla modifica del comma 2 dell art. 3 del precedente accordo n. 6/2008 conformemente ai contenuti della legge; - che di recente la predetta norma è stata abrogata e sostituita con la disciplina dettata dall art. 9 del D.L. 24 giugno 2014, n. 90, pubblicato nella Gazz. Uff. 24 giugno 2014, n. 144 e convertito con legge n. 114 dell'11 agosto 2014; - che il predetto art. 9 ha disposto quanto segue: Art. 9 (Riforma degli onorari dell'avvocatura generale dello Stato e delle avvocature degli enti pubblici). 1. I compensi professionali corrisposti dalle amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, agli avvocati dipendenti delle amministrazioni stesse, ivi incluso il personale dell'avvocatura dello Stato, sono computati ai fini del raggiungimento del limite retributivo di cui all'articolo 23-ter del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni. 2. Sono abrogati il comma 457 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e il terzo comma dell'articolo 21 del testo unico di cui al regio decreto 30 ottobre 1933, n L'abrogazione del citato terzo comma ha efficacia relativamente alle sentenze depositate successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto. 3. Nelle ipotesi di sentenza favorevole con recupero delle spese legali a carico delle controparti, le somme recuperate sono ripartite tra gli avvocati dipendenti delle amministrazioni di cui al comma 1, esclusi gli avvocati e i procuratori dello Stato, nella misura e con le modalità stabilite dai rispettivi regolamenti e dalla contrattazione collettiva 1

2 ai sensi del comma 5 e comunque nel rispetto dei limiti di cui al comma 7. La parte rimanente delle suddette somme è riversata nel bilancio dell'amministrazione. 4. (omissis) 5. I regolamenti dell'avvocatura dello Stato e degli altri enti pubblici e i contratti collettivi prevedono criteri di riparto delle somme di cui al primo periodo del comma 3 e al primo periodo del comma 4 in base al rendimento individuale, secondo criteri oggettivamente misurabili che tengano conto tra l'altro della puntualità negli adempimenti processuali. I suddetti regolamenti e contratti collettivi definiscono altresì i criteri di assegnazione degli affari consultivi e contenziosi, da operare ove possibile attraverso sistemi informatici, secondo principi di parità di trattamento e di specializzazione professionale. 6. In tutti i casi di pronunciata compensazione integrale delle spese, ivi compresi quelli di transazione dopo sentenza favorevole alle amministrazioni pubbliche di cui al comma 1, ai dipendenti, ad esclusione del personale dell'avvocatura dello Stato, sono corrisposti compensi professionali in base alle norme regolamentari o contrattuali vigenti e nei limiti dello stanziamento previsto, il quale non può superare il corrispondente stanziamento relativo all'anno Nei giudizi di cui all'articolo 152 delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie, di cui al regio decreto 18 dicembre 1941, n. 1368, possono essere corrisposti compensi professionali in base alle norme regolamentari o contrattuali delle relative amministrazioni e nei limiti dello stanziamento previsto. Il suddetto stanziamento non può superare il corrispondente stanziamento relativo all'anno I compensi professionali di cui al comma 3 e al primo periodo del comma 6 possono essere corrisposti in modo da attribuire a ciascun avvocato una somma non superiore al suo trattamento economico complessivo. 8. Il primo periodo del comma 6 si applica alle sentenze depositate successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto. I commi 3, 4 e 5 e il secondo e il terzo periodo del comma 6 nonché il comma 7 si applicano a decorrere dall'adeguamento dei regolamenti e dei contratti collettivi di cui al comma 5, da operare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. In assenza del suddetto adeguamento, a decorrere dal 1 gennaio 2015, le amministrazioni pubbliche di cui al comma 1 non possono corrispondere compensi professionali agli avvocati dipendenti delle amministrazioni stesse, ivi incluso il personale dell'avvocatura dello Stato. 9.Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare minori risparmi rispetto a quelli già previsti a legislazione vigente e considerati nei saldi tendenziali di finanza pubblica». - che è necessario adeguare la disciplina vigente a quanto stabilito nel suddetto articolo CONCORDANO di sostituire la precedente disciplina che regolamenta l istituto delle procuratorie (accordo n. 6/2008 come modificato dall'accordo n. 2/2014) come segue: 1) (Personale destinatario delle procuratorie) Ai professionisti legali addetti all'unità Specialistica "Avvocatura Civica" è riconosciuta la corresponsione delle procuratorie costituite dai diritti ed onorari connessi all attività professionale svolta dalla struttura. Le disposizioni di cui al presente accordo, con decorrenza , si applicano al personale dirigente e al personale di categoria D formalmente inquadrato nella specifica posizione di lavoro di Avvocato e che presta servizio presso l'avvocatura Civica, iscritto presso il locale Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Modena. 2

3 2) (Atti produttivi di procuratorie) Le procuratorie spettano, nel caso di pronunce favorevoli all Ente contenenti: la condanna di controparte alle spese di causa nel caso di compensazione delle stesse. Si intendono per pronunce favorevoli tutti i provvedimenti che definiscano una fase del giudizio con esito favorevole all Amministrazione quali sentenze, verbali di conciliazione, transazioni giudiziali, ecc.. 3) (Quantificazione e ripartizione) Nei casi di condanna delle parti soccombenti alle spese della causa, le procuratorie saranno costituite dagli importi liquidati dall Autorità Giudicante. Con decorrenza e fino al , nei casi di decisioni comportanti compensazione delle spese, le procuratorie (per ogni pratica ove risulteranno dovute) saranno corrisposte ai professionisti legali dall Amministrazione e verranno quantificate applicando i minimi dei vigenti parametri forensi diminuiti del 25%. Per lo stesso periodo, per le cause vinte con condanna della controparte alle spese, le procuratorie saranno corrisposte ai professionisti legali dall'amministrazione diminuite del 25% calcolato sul 50% della somma liquidata dal Giudice. Con decorrenza , nei casi di decisioni comportanti compensazione delle spese, le procuratorie (per ogni pratica ove risulteranno dovute) saranno corrisposte ai professionisti legali dall Amministrazione e verranno quantificate applicando i minimi dei vigenti parametri forensi diminuiti del 20%. Con la medesima decorrenza, per le cause vinte con condanna della controparte alle spese, le procuratorie saranno corrisposte ai professionisti legali dall'amministrazione, senza alcuna decurtazione, nei limiti del trattamento economico teorico complessivo del dipendente. Gli importi verranno suddivisi, con decorrenza , nella misura del 60% in favore dell avvocato dirigente, e del restante 40% in favore del patrocinatore costituito in giudizio nella pratica che le ha prodotte. Per il periodo 1.1 = , su proposta del Dirigente dell Avvocatura Civica e in considerazione dell apporto del personale della segreteria su cause comportanti un loro particolare impegno, la predetta suddivisione può essere ridotta al 59,3% e 35,7%. Il restante 5%, in questo caso, sarà destinato a titolo di incentivazione (aggiuntiva rispetto ad eventuali altri istituti similari) al personale di segreteria che partecipa alla fase istruttoria e coadiuva gli avvocati nello svolgimento dell attività professionale. Nei casi di condanna delle parti soccombenti alle spese di causa, qualora il Giudice abbia condannato la controparte a norma dell art. 12 del d.m.127/04 alla maggiorazione del 12,5% per spese generali sull importo di diritti ed onorari, tale somma, una volta recuperata dalle controparti soccombenti, verrà introitata dal Comune. Sia nei casi di procuratorie compensate, sia nei casi di procuratorie derivanti da cause vinte, gli importi saranno corrisposti al lordo dei contributi previdenziali. 4) (Decurtazione procuratorie) 3

4 Nel caso in cui non venga rispettata la puntualità negli adempimenti processuali, gli importi dovuti al professionista a titolo di procuratorie (in base al criterio di ripartizione previsto dall art. 3) verranno incamerati dal Comune, restando tuttavia ferma la correlazione prevista dall art. 6. Non costituisce inadempimento processuale la mancata partecipazione ad udienze finalizzata alla programmata estinzione del processo (c.d. abbandono ex art. 309 c.p.c.), nonché i casi di volontaria contumacia, come pure eventuali inadempimenti processuali o eventuali assenze, dovuti a precisa strategia processuale o concordata linea difensiva per tipologia e/o materia del contenzioso. 5) (Limiti) Con decorrenza e fino al , le somme percepite a titolo di procuratorie con compensazione delle spese non potranno superare il 30% del trattamento economico teorico complessivo del dipendente. Con decorrenza , le medesime procuratorie compensate non potranno superare il corrispondente importo relativo al 2013 e il 30% del trattamento economico teorico complessivo del dipendente. Con decorrenza , la somma tra le procuratorie derivanti da decisioni comportanti compensazione delle spese e quelle derivanti da condanna delle controparti alle spese del giudizio non potrà superare il trattamento economico teorico complessivo del dipendente. Gli stessi Avvocati cureranno il recupero delle spese poste a carico delle parti soccombenti in giudizio. 6) (Correlazioni con la retribuzione di risultato e la produttività) La percezione delle procuratorie comporta una diminuzione della retribuzione di risultato per i professionisti legali per il relativo anno di produzione secondo quanto stabilito nei corrispondenti accordi ed eventuali successive modifiche, per il personale dirigente e nei corrispondenti accordi per il personale incaricato di posizione organizzativa. Il riconoscimento delle procuratorie comporta, altresì, una riduzione della produttività, secondo i parametri di assorbimento stabiliti negli accordi per i dipendenti del comparto. Non comportano diminuzione della retribuzione di risultato o della produttività le procuratorie finanziate con somme recuperate dalle controparti soccombenti. 7) (Modalità per la liquidazione) Le procuratorie compensate verranno liquidate dal Settore Risorse Umane e Strumentali sulla base di apposite liste recanti l individuazione della pratica, il valore dell affare, l applicazione della tariffa con importi parziali e riassuntivi che saranno trasmesse con cadenza periodica di tre mesi dal dirigente dell Avvocatura Civica. Le procuratorie per cause vinte saranno liquidate dal Settore Risorse Umane e Strumentali indicativamente nel mese in cui vengono incassate, sulla base di apposita comunicazione corredata dalla copia della parte di sentenza contenente la condanna della controparte alle spese del giudizio. Detta comunicazione sarà corredata altresì di ogni altra documentazione utile al fine di distinguere gli importi riscossi a titolo di spese generali (che vanno al Comune) da quelli riscossi a titolo di diritti ed onorari. 4

5 8) (Decorrenze) Si definisce la disciplina delle procuratorie nel tempo come segue: Dall' al : - Cause vinte: decurtazione del 25% sul 50% della somma liquidata dal giudice; - Cause compensate: decurtazione del 25% dei minimi dei vigenti parametri forensi; limite 30% del trattamento economico teorico complessivo del dipendente, rapportato al periodo; Dal al : - Cause vinte: importo intero della somma liquidata dal giudice; limite trattamento economico teorico complessivo del dipendente, rapportato al periodo; - Cause compensate: decurtazione del 20% dei minimi dei vigenti parametri forensi; limite rappresentato dallo stanziamento 2013 rapportato al periodo; limite 30% del trattamento economico teorico complessivo del dipendente, rapportato al periodo; Dall' e fino a nuova disciplina: - Cause vinte: importo intero della somma liquidata dal giudice; limite trattamento economico teorico complessivo del dipendente; - Cause compensate: decurtazione del 20% dei minimi dei vigenti parametri forensi; limite rappresentato dallo stanziamento 2013; limite 30% del trattamento economico teorico complessivo del dipendente. La verifica del rispetto del limite rappresentato dal trattamento economico teorico complessivo del dipendente si effettua sommando le procuratorie per cause vinte e quelle per cause compensate. CONCORDANO INOLTRE CHE L applicazione della disciplina dettata dagli accordi nel tempo è determinata dalla data di pubblicazione (che coincide con il deposito in Cancelleria o Segreteria) per gli atti del Giudice, e dalla data della esecutività amministrativa per gli atti diversi. ==== Tanto in attuazione dell art. 9 del D.L. 24 giugno 2014, n. 90 (convertito con legge n. 114 dell'11 agosto 2014), fatto salvo l intervento di altre norme imperative o diverse interpretazioni della norma stessa che determineranno l'integrazione del presente accordo. Modena, 18/05/2015 5

6 Per l Amministrazione Per le Organizzazioni Sindacali DIREL FP CGIL CISL FPL UIL FPL CSA Regioni e Autonomie Locali DiCCAP (Snalcc / Fenal Sulpm) R.S.U. 6

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale Sede ORDINE DEL GIORNO

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale Sede ORDINE DEL GIORNO ORDINE DEL GIORNO Al Presidente del Consiglio Comunale Sede Oggetto: ADEGUAMENTO DEL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI, STRALCIO RELATIVO ALLA ORGANIZZAZIONE E ALLA DIRIGENZA, ALLA

Dettagli

DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI SPETTANTI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PARMA

DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI SPETTANTI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI SPETTANTI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PARMA ONORARI AVVOCATURA MUNICIPALE: ADEGUAMENTO AL DISPOSTO DEL DL 90/2014 così come modificato dalla L. 114/2014

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 95 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 95 del 42752 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 luglio 2016, n. 1055 Regolamento per la disciplina dei compensi professionali agli avvocati dell Avvocatura regionale, ai sensi dell art. 9 del D.L. 24 giugno

Dettagli

Regolamento degli Uffici e dei Servizi

Regolamento degli Uffici e dei Servizi Allegato alla deliberazione n. 203 del 29/12/2015 COMUNE DI CATANIA Regolamento degli Uffici e dei Servizi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI DA RICONOSCERE E LIQUIDARE IN FAVORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 81 del 30.11.2015 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE COMUNE DI COMO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 208 del 31/05/2017) Sommario

Dettagli

L.R. 30/1968, art. 20 B.U.R. 20/7/2016, n. 29 L.R. 20/2015, art. 12, c. 10 e 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 luglio 2016, n. 0138/Pres.

L.R. 30/1968, art. 20 B.U.R. 20/7/2016, n. 29 L.R. 20/2015, art. 12, c. 10 e 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 luglio 2016, n. 0138/Pres. L.R. 30/1968, art. 20 B.U.R. 20/7/2016, n. 29 L.R. 20/2015, art. 12, c. 10 e 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 luglio 2016, n. 0138/Pres. Regolamento concernente l attribuzione del compenso professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCENTIVO RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO EX ARTICOLO 27 DEL CCNL 14.9.

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCENTIVO RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO EX ARTICOLO 27 DEL CCNL 14.9. REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCENTIVO RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO EX ARTICOLO 27 DEL CCNL 14.9.2000 MODIFICHE E ADEGUAMENTO AI SENSI DELL ART. 9 DL 90/2014 CONV. CON

Dettagli

Servizio Centrale Avvocatura /041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Servizio Centrale Avvocatura /041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Centrale Avvocatura 2017 02582/041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 9 approvata il 28 giugno 2017 DETERMINAZIONE: REGOLAMENTO PER LA CORRESPONSIONE

Dettagli

Servizio Centrale Avvocatura /041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Servizio Centrale Avvocatura /041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Centrale Avvocatura 2016 05587/041 Avvocatura Comunale CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 22 approvata il 29 novembre 2016 DETERMINAZIONE: REGOLAMENTO PER LA CORRESPONSIONE

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINA DEL COMMISSARIO AD ACTA N. 12/16 DEL 28/06/2016 * * * * *

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINA DEL COMMISSARIO AD ACTA N. 12/16 DEL 28/06/2016 * * * * * ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINA DEL COMMISSARIO AD ACTA N. 12/16 DEL 28/06/2016 * * * * * OGGETTO: Regolamento speciale dell Avvocatura dello IACP e della disciplina

Dettagli

Regolamento per la disciplina dei compensi professionali spettanti agli avvocati dell'avvocatura metropolitana

Regolamento per la disciplina dei compensi professionali spettanti agli avvocati dell'avvocatura metropolitana Regolamento per la disciplina dei compensi professionali spettanti agli avvocati dell'avvocatura metropolitana 1 Approvato con atto del Sindaco metropolitano n. 306 del 21/12/2016 2 Indice generale Articolo

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Diritto al compenso professionale

Art. 1. Art. 2. Diritto al compenso professionale COMUNE DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI DA LIQUIDARE IN FAVORE DEGLI AVVOCATI DI RUOLO PRESSO LA DIREZIONE LEGALE - AVVOCATURA COMUNALE Approvato con delibera di Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI PER GLI AVVOCATI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE CHE DIFENDONO IN GIUDIZIO L ENTE.

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI PER GLI AVVOCATI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE CHE DIFENDONO IN GIUDIZIO L ENTE. REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEI COMPENSI PROFESSIONALI PER GLI AVVOCATI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE CHE DIFENDONO IN GIUDIZIO L ENTE. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 728/175357 del

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLA AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL'AMMINISTRAZIONE

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLA AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL'AMMINISTRAZIONE Comune di Padova REGOLAMENTO DELLA AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL'AMMINISTRAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n. 395 del 19 giugno 2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI COSENZA

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI COSENZA REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI COSENZA Adottato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 44 del 19/10/2016 0 Articolo 1 Istituzione 1. È formalmente istituita in Staff, ai sensi del vigente

Dettagli

Citta' Metropolitana di Napoli

Citta' Metropolitana di Napoli Citta Metropolitana di Napoli Città Metropolitana di Napoli.DELIBERAZIONI_SINDACALI.R.0000077.05-05-2017 Citta' Metropolitana di Napoli Deliberazione del Sindaco Metropolitano Il giorno05/05/2017alle ore14:10,

Dettagli

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina DETERMINAZIONE. OGGETTOrLIQUIDAZIONE COMPENSI AVVOCATURA IV TRIMESTRE ANNO

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina DETERMINAZIONE. OGGETTOrLIQUIDAZIONE COMPENSI AVVOCATURA IV TRIMESTRE ANNO COMUNE di FORMIA Provincia di Latina Settore Sviluppo Economico e Bilancio SERVIZIO PERSONALE N. 04 del 20/01/2015 DETERMINAZIONE OGGETTOrLIQUIDAZIONE COMPENSI AVVOCATURA IV TRIMESTRE ANNO 2014.- RACCOLTA

Dettagli

COMUNE DI LECCE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE

COMUNE DI LECCE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE COMUNE DI LECCE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE Articolo 1 - Ambito di applicazione; Articolo 2 - Attribuzione degli incarichi

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2014/00682 DEL 29/12/2014 Collegio Sindacale il 29/12/2014 OGGETTO Art. 9 D.L. n.

Dettagli

REGOLAMENTO. sull organizzazione, l attività e la corresponsione dei compensi professionali agli

REGOLAMENTO. sull organizzazione, l attività e la corresponsione dei compensi professionali agli REGOLAMENTO sull organizzazione, l attività e la corresponsione dei compensi professionali agli avvocati del Settore Avvocatura della Città Metropolitana di Milano Appendice al Regolamento sull ordinamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 29 suppl. del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 29 suppl. del 8 REGOLAMENTO REGIONALE 6 marzo 2017, n. 5 Regolamento per la disciplina dei compensi professionali agli avvocati dell Avvocatura regionale (ai sensi dell art. 9 del D.L. 24 giugno 2014 convertito con

Dettagli

D.R. n IL RETTORE

D.R. n IL RETTORE D.R. n. 1313 IL RETTORE VISTE la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; la Legge 30.12.2010 n. 240, Norme in materia di organizzazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: UOC Gestione Affari Legali DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 698 del 08/09/2017 OGGETTO:modifica

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DELL ATENEO. Art. 1 Oggetto. Art. 2 Funzioni dell Ufficio Legale

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DELL ATENEO. Art. 1 Oggetto. Art. 2 Funzioni dell Ufficio Legale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DELL ATENEO (Emanato con D.R. rep. N 707 del 6 aprile 2009, prot. n 8860) Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE COMUNE DI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LA CORREPSONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI ALL'AVVOCATURA COMUNALE Articolo 1 - Ambito di applicazione; Articolo 2 - Attribuzione degli incarichi professionali

Dettagli

REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE. Relazione illustrativa (art. 40, comma 3 sexies D.lgs. n. 165/2001 e smi)

REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE. Relazione illustrativa (art. 40, comma 3 sexies D.lgs. n. 165/2001 e smi) REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE ACCORDO/CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE: DEI COMPENSI PROFESSIONALI PER L ATTIVITÀ DELL AVVOCATURA REGIONALE AI SENSI DELL ART.

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto 1. Il

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano

COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano DETERMINAZIONE SETTORE: SEGRETERIA /AA.GG. Registro di Settore n.33 del 07/03/2014 Registro Generale n. 64 del 3/04/2014 OGGETTO: RIPARTIZIONE DEI PERMESSI

Dettagli

art. 50 Cancellazione della causa dal ruolo Testo: in vigore dal 25/06/2008

art. 50 Cancellazione della causa dal ruolo Testo: in vigore dal 25/06/2008 art. 50 Cancellazione della causa dal ruolo Testo: in vigore dal 25/06/2008 1. Il primo comma dell'articolo 181 del codice di procedura civile e' sostituito dal seguente: "Se nessuna delle parti compare

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 12 marzo 2009, alle ore 16.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo

Dettagli

Verbale di intesa. Disciplina degli onorari per la corresponsione dei compensi professionali degli avvocati Inps

Verbale di intesa. Disciplina degli onorari per la corresponsione dei compensi professionali degli avvocati Inps Verbale di intesa Disciplina degli onorari per la corresponsione dei compensi professionali degli avvocati Inps Roma, 23.12.2014 1 PER L INPS Il Direttore Generale Il Direttore Centrale Risorse Umane Il

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2008-2009

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2008-2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 12 marzo 2009, alle ore 16.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO

PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO SULLE QUOTE TOTALI 2012 E SULL ACCONTO 2013 DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO In data 19 Luglio 2013, le parti sottoindicate sottoscrivono il seguente Accordo sulle quote totali

Dettagli

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE Approvato con delibera di G.C. n. 154 del 27/07/2016 INDICE Art. 1. L Avvocatura Comunale Art. 2. Gestione delle controversie Art.

Dettagli

Comune di Cagliari ASSESSORATO AL PERSONALE, AFFARI GENERALI, SISTEMI INFORMATICI E INFORMATIVI

Comune di Cagliari ASSESSORATO AL PERSONALE, AFFARI GENERALI, SISTEMI INFORMATICI E INFORMATIVI Comune di Cagliari ASSESSORATO AL PERSONALE, AFFARI GENERALI, SISTEMI INFORMATICI E INFORMATIVI SERVIZIO SVILUPPO ORGANIZZATIVO, RISORSE UMANE, CANTIERI REGIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE. Approvato con Deliberazione di G.M. n. 160 del 28/12/2015, parzialmente

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE. Approvato con Deliberazione di G.M. n. 160 del 28/12/2015, parzialmente REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di G.M. n. 160 del 28/12/2015, parzialmente modificata con la deliberazione n. 163 del 30/12/2015. ART. 1 AMBITO DI

Dettagli

Il giorno 11 ottobre dell anno 2007, alle ore 15,00, presso una sala del Rettorato, le parti negoziali composte da: Delegazione di parte pubblica:

Il giorno 11 ottobre dell anno 2007, alle ore 15,00, presso una sala del Rettorato, le parti negoziali composte da: Delegazione di parte pubblica: CONTRATTO INTEGRATIVO CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEGLI ISTITUTI DEL TRATTAMENTO ACCESSORIO - PREVISTI DAI VIGENTI CC.CC.NN.L. DEL COMPARTO UNIVERSITA Sottoscritto in data 11.10.2007 Il giorno 11 ottobre

Dettagli

Il Responsabile di Area

Il Responsabile di Area COMUNE DI SAN CARLO CANAVESE Provincia di Torino DETERMINAZIONE N. 36 / FIN DEL 20/03/2015 OGGETTO: PRESA D'ATTO SOMME INTROITATE. IMPEGNO E LIQUIDAZIONE DIRITTI DI ROGITO SUI CONTRATTI AL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

Provincia di Nuoro. Via Roma, 76 CAP: Tel.: 0785/ Fax: 0785/86751 Partita IVA: DEL COMUNE DI BORORE

Provincia di Nuoro. Via Roma, 76 CAP: Tel.: 0785/ Fax: 0785/86751 Partita IVA: DEL COMUNE DI BORORE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI BORORE ANNUALITA ECONOMICA 2010 1 L anno Duemiladieci il giorno venti del mese di dicembre, in Borore, nella sede municipale,

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO E DELLA PRATICA FORENSE UFFICIO LEGALE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 129 del 17.06.2008 Modificato con deliberazione

Dettagli

RETRIBUZIONE di POSIZIONE

RETRIBUZIONE di POSIZIONE Siglato il 17/12/2015 - Sottoscritto il 28/4/2016 Area Dirigenza MEDICA ACCORDO SINDACALE AZIENDALE sulla RETRIBUZIONE di POSIZIONE - ANNO - 2015 PERSONALE DELL AREA DEI DIRIGENTI MEDICI ACCORDO DECENTRATO

Dettagli

COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena

COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO PER L ANNUALITA ECONOMICA 213. Premesso che: in data

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott.ssa Simonetta Rosa dott. Giancarlo Astegiano

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott.ssa Simonetta Rosa dott. Giancarlo Astegiano Lombardia 98/2016/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Giancarlo Astegiano dott.ssa Laura

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall INPS al raggiungimento di una determinata età anagrafica ed anzianità

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI. PARTE ECONOMICA BIENNIO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI. PARTE ECONOMICA BIENNIO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI. PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-97 A seguito della registrazione da parte della Corte dei conti del decreto del Presidente

Dettagli

PROVVEDIMENTO N DEL 9 MARZO 2007 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO

PROVVEDIMENTO N DEL 9 MARZO 2007 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO N. 2509 DEL 9 MARZO 2007 CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA SPETTANTI, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 246, COMMA 3 E 280, COMMA 3 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209, AI COMMISSARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'AVVOCATURA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'AVVOCATURA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'AVVOCATURA Indice: Art. 1 Avvocatura Provinciale Art. 2 Compiti Art. 3 Struttura e dotazioni Art. 4 Incarichi ad Avvocati del libero foro Art. 5 Liquidazione dei compensi

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE FONDO REGIONALE: RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO A.

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE FONDO REGIONALE: RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO A. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PER SICILIA DIREZIONE GENERALE UFFICIO III VIA FATTORI, 60-96100 PALERMO IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA

Dettagli

CCNL DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO

CCNL DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO CCNL DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 In data 5 giugno 2006 ha avuto luogo l'incontro tra l'agenzia per la rappresentanza negoziale delle

Dettagli

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133.

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. D.Lgs. 18-2-2000 n. 47 Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 marzo 2000, n. 57, S.O. D.Lgs.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Bologna DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Anno 2012 n 21 data 10/01/2012 OGGETTO: FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PRODUTTIVITÀ DESTINATO AL PAGAMENTO DELLE INDENNITÀ STABILI-IMPEGNO

Dettagli

CCNL DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 In data 5 giugno 2006, alle ore 17 ha avuto luogo l'incontro tra l Agenzia per la rappresentanza negoziale

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino ************ ACCORDO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE DECENTRATE VALIDO PER LA PARTE ECONOMICA ANNO 2009 (Ente con dirigenza)

Provincia di Pesaro e Urbino ************ ACCORDO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE DECENTRATE VALIDO PER LA PARTE ECONOMICA ANNO 2009 (Ente con dirigenza) Provincia di Pesaro e Urbino ************ ACCORDO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE DECENTRATE VALIDO PER LA PARTE ECONOMICA ANNO 2009 (Ente con dirigenza) In data 07/08/2009: - la delegazione di parte pubblica:

Dettagli

Verbale di accordo N 1/2013 P.G. 35738/2013

Verbale di accordo N 1/2013 P.G. 35738/2013 Verbale di accordo N 1/2013 P.G. 35738/2013 ACCORDO PROVVISORIO AVENTE AD OGGETTO L AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI DELL ANNO 2012, FINALIZZATO ALL

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE FONDO REGIONALE: RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO A.

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE FONDO REGIONALE: RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO A. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PER SICILIA DIREZIONE GENERALE UFFICIO III VIA FATTORI, 60-96100 PALERMO IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE IN MATERIA

Dettagli

Contratto collettivo integrativo di lavoro

Contratto collettivo integrativo di lavoro Contratto collettivo integrativo di lavoro MARZO 2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI LAVORO PER TUTTI I DIPENDENTI DELL AGENZIA AGRIS SARDEGNA, ESCLUSI QUELLI CON QUALIFICA DIRIGENZIALE. IL GIORNO

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO VISTO

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO VISTO CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO 2012 I rappresentanti dell

Dettagli

PROVINCIA DI PALERMO TEL FAX AREA AMMINISTRATIVA REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI N. 299 DEL

PROVINCIA DI PALERMO TEL FAX AREA AMMINISTRATIVA REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI N. 299 DEL Comune di Scillato PROVINCIA DI PALERMO CAP.90020 TEL.0921.663025 FAX.0921.663196 AREA AMMINISTRATIVA ORIGINALE REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI N. 299 DEL 23.12.2015 OGGETTO: IMPEGNO SPESA PER ESECUZIONE

Dettagli

Provincia di Roma. Integrazioni e ulteriori modifiche Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per il personale non dirigente del 18 gennaio 2007.

Provincia di Roma. Integrazioni e ulteriori modifiche Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per il personale non dirigente del 18 gennaio 2007. Provincia di Roma Integrazioni e ulteriori modifiche Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per il personale non dirigente del 18 gennaio 2007. L anno 2008, il giorno 24 del mese di gennaio alle ore

Dettagli

ACCORDO SULLA PREVISIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 15 DEL CCNL PER L ANNO 2012

ACCORDO SULLA PREVISIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 15 DEL CCNL PER L ANNO 2012 Area: Personale non dirigente Materia: contrattazione decentrata relativa alle risorse per la produttività Data: 9 luglio 2012 ACCORDO SULLA PREVISIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 15 DEL CCNL 1.4.1999 PER

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE DELL AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO RETRIBUZIONE DI RISULTATO - RESIDUI ANNI 2009/2010/2011

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE DELL AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO RETRIBUZIONE DI RISULTATO - RESIDUI ANNI 2009/2010/2011 Sede Legale: Via Ariosto, 3 00185 Roma P.I. 04735671002 Area Gestione delle Risorse Umane e AA.GG. U.O.C. Risorse Umane U.O.S. Stato Giuridico AREA PERSONALE DEL COMPARTO IPOTESI di CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1)

LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1) LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1) (1) In B.U.R.L. 20 luglio 1994, n. 20 Disciplina delle sanzioni amministrative di competenza regionale Epigrafe Art. 1 - Ambito di applicazione. Art. 2 - Delega.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNE DI VILLANOVA DEL BATTISTA PROVINCIA DI AVELLINO REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE Approvato con delibera della Giunta Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE SERVIZIO: FINANZIARIO

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE SERVIZIO: FINANZIARIO COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE - Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - Originale Copia DETERMINAZIONE N 131 DEL 27/08/2013 SERVIZIO: FINANZIARIO OGGETTO: LIQUIDAZIONE AI SENSI DELL'ART

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Il Direttore Generale Vista la Legge 9.5.1989, n. 168; Visto il vigente Statuto di Ateneo, emanato con D.R. 3689 del 29.10.2012, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 08.11.12, ed, in particolare, l art. 3,

Dettagli

COMUNE DI CHALLAND SAINT ANSELME REGOLAMENTO PER L INCENTIVO DEI LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CHALLAND SAINT ANSELME REGOLAMENTO PER L INCENTIVO DEI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CHALLAND SAINT ANSELME REGOLAMENTO PER L INCENTIVO DEI LAVORI PUBBLICI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 30.12.2015 Richiami normativi e accordi sindacali: Cfr. D.L.

Dettagli

Regione Puglia. AREA ORGANIZZAZIONE E RIFORMA DELL AMMINISTRAZIONE Servizio Personale e Organizzazione

Regione Puglia. AREA ORGANIZZAZIONE E RIFORMA DELL AMMINISTRAZIONE Servizio Personale e Organizzazione Regione Puglia AREA ORGANIZZAZIONE E RIFORMA DELL AMMINISTRAZIONE Servizio Personale e Organizzazione Oggetto: Relazione illustrativa e tecnico-finanziaria relativa al contratto decentrato integrativo

Dettagli

Servizio del Bilancio Direttore... tel...

Servizio del Bilancio Direttore... tel... XVII legislatura Testo dello schema, con modificazioni, di decreto legislativo concernente disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 aprile 2012, n. 61, recante ulteriori disposizioni

Dettagli

La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri

La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri decreto che ha sancito il passaggio al Fondo lavoratori dipendenti dell'inps La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri (Dlgs 414/96) Con il DLgs 29 giugno 1996, n. 414, sono state emanate disposizioni,

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Si segnala che il d.m. 28 luglio 1992, n. 570 contenente le tariffe per i compensi ai curatori fallimentari ed ai commissari giudiziali e liquidatori nelle procedure di concordato preventivo richiamato

Dettagli

Una delle novità in tema di contenzioso tributario è il completo rinnovamento dell art. 15 del D.Lgs. n. 546/1992 in materia di spese di giudizio.

Una delle novità in tema di contenzioso tributario è il completo rinnovamento dell art. 15 del D.Lgs. n. 546/1992 in materia di spese di giudizio. Massa e Cozzile, li 18 novembre 2015 Circolare n 42 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Spese processuali: nuove regole Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla sulle

Dettagli

(Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

(Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Art. 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 16-bis del decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO

COMUNE DI TARQUINIA. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI I.C.I. DA ATTRIBUIRE AI COMPONENTI DELL UFFICIO TRIBUTI E AD ALTRO PERSONALE CHE PARTECIPI ALL ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA SULL IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PERSONALE DIPENDENTE - ANNO 2010

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA SULL IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PERSONALE DIPENDENTE - ANNO 2010 RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA SULL IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PERSONALE DIPENDENTE - ANNO 2010 In data 04/10/2010 la delegazione trattante di parte pubblica, le R.S.U. ed i

Dettagli

(2) Inserisce un periodo, dopo il primo, all'art. 2, comma 6, L. 12 giugno 1990, n. 146.

(2) Inserisce un periodo, dopo il primo, all'art. 2, comma 6, L. 12 giugno 1990, n. 146. L. 11-4-2000 n. 83 Modifiche ed integrazioni della L. 12 giugno 1990, n. 146, in materia di esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e di salvaguardia dei diritti della persona

Dettagli

Prot. n 10980/A26 Porto Sant Elpidio, 22/12/2011

Prot. n 10980/A26 Porto Sant Elpidio, 22/12/2011 Sede legale ed amministrativa via Legnano Cod.fisc. 81012440442 Prot. n 10980/A26 Porto Sant Elpidio, 22/12/2011 CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO IN MATERIA DI DIRITTI SINDACALI E DI RIPARTIZIONE DEL FONDO

Dettagli

Si assenta il Direttore dott. Roberto Zoanetti, assume le funzioni di Segretario per l oggetto l assessore Gusmerotti Roberto.

Si assenta il Direttore dott. Roberto Zoanetti, assume le funzioni di Segretario per l oggetto l assessore Gusmerotti Roberto. Si assenta il Direttore dott. Roberto Zoanetti, assume le funzioni di Segretario per l oggetto l assessore Gusmerotti Roberto. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 18 di data 23 febbraio 2015 Oggetto:

Dettagli

CORAN COMITATO PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE. Accordo sulle progressioni professionali all interno della categoria o area

CORAN COMITATO PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE. Accordo sulle progressioni professionali all interno della categoria o area Accordo sulle progressioni professionali all interno della categoria o area 10 novembre 2009 ACCORDO SULLE PROGRESSIONI PROFESSIONALI ALL INTERNO DELLA CATEGORIA O AREA A seguito della certificazione della

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena PRATICA DET - 503-2016 DETERMINAZIONE PERSONALE N 496 del 14-03-2016 OGGETTO: SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE DEL CONTINGENTE DEI PERMESSI SINDACALI SPETTANTI

Dettagli

CITTÁ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA

CITTÁ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA CITTÁ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Prot. n. del 18/04/2016 Progressivo determinazioni n. 144 del 18 aprile 2016 Responsabile del Procedimento Dott.ssa Maria Allocca DETERMINAZIONE N. DEL Oggetto:

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DECENTRATO RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO-FINANZIARIA

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DECENTRATO RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO-FINANZIARIA CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DECENTRATO RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO-FINANZIARIA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi degli artt. 4 e 5 del CCNL 1/4/1999, in merito all utilizzo

Dettagli

COMUNE DI ROCCA DI MEZZO PROVINCIA DI L AQUILA Via Oratorio n Rocca di Mezzo Tel 0862/9112 FAX 0862/917364

COMUNE DI ROCCA DI MEZZO PROVINCIA DI L AQUILA Via Oratorio n Rocca di Mezzo Tel 0862/9112 FAX 0862/917364 COMUNE DI ROCCA DI MEZZO PROVINCIA DI L AQUILA Via Oratorio n 1 67048 Rocca di Mezzo Tel 0862/9112 FAX 0862/917364 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PER LA RIPARTIZIONE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 DI OLBIA REGOLAMENTO DELL UFFICIO LEGALE

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 DI OLBIA REGOLAMENTO DELL UFFICIO LEGALE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 DI OLBIA REGOLAMENTO DELL UFFICIO LEGALE Articolo 1 Premessa 1. All interno dell Azienda Sanitaria Locale n. 2 di Olbia, con deliberazione n.1768 del 21.07.2011 è stato istituito

Dettagli

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). L. 23 dicembre 2005, n. 266 (1). Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 dicembre 2005, n. 302, S.O. L. 23-12-2005

Dettagli

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA NAZIONALE COMPARTO SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA NAZIONALE COMPARTO SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA NAZIONALE COMPARTO SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Il Direttore Generale per il personale della scuola, dr. Giuseppe Cosentino, per

Dettagli

Deliberazione n. 374

Deliberazione n. 374 Protocollo RC n. 28216/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA 1606000000 - Direzione Risorse Umane e Finanziarie SERVIZIO 1606080000 - SERVIZIO AMMINISTRAZIONE GIURIDICA DEL PERSONALE N DETERMINAZIONE 1625 OGGETTO: dipendente dott.ssa Maria Angela

Dettagli

Decreto Legislativo 12 aprile 2001, n. 168

Decreto Legislativo 12 aprile 2001, n. 168 Decreto Legislativo 12 aprile 2001, n. 168 "Disposizioni correttive del decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 47, in materia di riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare" pubblicato

Dettagli

[omissis] CAPO II DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L'EFFETTIVITA' DEL PROCESSO TELEMATICO

[omissis] CAPO II DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L'EFFETTIVITA' DEL PROCESSO TELEMATICO Testo del DL Orlando sul PCT n. 90/2014 convertito con Legge in attesa di pubblicazione in GU (con, in grassetto, le novità introdotte dalla legge di conversione e, in testo barrato, il testo originario

Dettagli

2. Uffici di diretta collaborazione.

2. Uffici di diretta collaborazione. D.P.R. 6-7-2001 n. 307 Regolamento recante organizzazione degli Uffici di diretta collaborazione del Ministro per i beni e le attività culturali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 luglio 2001, n. 174. 2.

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

PROVINCIA DI GENOVA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PROVINCIA DI GENOVA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO tra l Amministrazione Provinciale di Genova e le RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE e le organizzazioni sindacali: C.G.I.L. FUNZIONE PUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 657 del 22-07-2013 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 664 del 19-07-2013 Determinazione n. 95 del 18-07-2013 Settore

Dettagli

L. 30-12-2004 n. 311 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005). Pubblicata nella Gazz. Uff. 31 dicembre 2004, n. 306, S.O. ----------------------

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO Il giorno 8 novembre 205 alle ore 5.00 ha avuto luogo l incontro tra la Direzione dell Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto e le Organizzazioni

Dettagli

Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni:

Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) all articolo 125, primo comma, le parole: «il proprio

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA INTERNA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA INTERNA FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto pubblico (D.M. 28/4/2006) C.F. 00303490189 - P. IVA 00580590180 V.le Golgi, 19-27100 PAVIA Tel. 0382

Dettagli

COMUNE DI NARNI (Provincia di TERNI)

COMUNE DI NARNI (Provincia di TERNI) COMUNE DI NARNI (Provincia di TERNI) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE DIPENDENTE PER GLI ANNI 2013-2015 (parte normativa adeguata al D.Lgs.150/09 e ss.mm.ii) Relazione illustrativa

Dettagli

TENUTO CONTO che l applicazione a regime dell imposta municipale propria è fissata all anno 2015;

TENUTO CONTO che l applicazione a regime dell imposta municipale propria è fissata all anno 2015; VISTI agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011 n.23, e art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni con la legge 22 dicembre 2011 n. 214, con i quali viene istituita

Dettagli