La preparazione della gita su cascata. Scuola di Alpinismo G.P.Motti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La preparazione della gita su cascata. Scuola di Alpinismo G.P.Motti"

Transcript

1 La preparazione della gita su cascata Scuola di Alpinismo G.P.Motti

2 Come si organizza una gita? E molto semplice 1. Scelgo la meta 2. Leggo la relazione 3. Chiamo l amico 4. Guardo il meteo 5. Preparo lo zaino 6. Prenoto la piola dove fare la merenda FATTO!!

3 Considerazioni (banali) Organizzare la gita è molto semplice se tutto va bene! Ma alla minima difficoltà tutti i nodi vengono al pettine! Se qualcosa va male è (soprattutto) colpa del capogita!.

4

5 LA GITA INIZIA QUINDI A CASA!!!!

6 Valutazioni PsicoFisiche Importanza della preparazione fisica. C'è una dose di rischio connessa all'attività in particolari condizioni ambientali. E' fondamentale il rapporto tra conoscenza (autovalutazione) delle proprie capacità e la valutazione del pericolo. In condizioni mentali negative (stress, delusioni ) è meglio andare a fare altro!

7 ..è importante essere autocritici nei confronti della propria conoscenza ed abilità Discorso difficile... (amor proprio...) Analizzare e non giustificare i propri errori... Ascoltare valutare le critiche, i consigli, le osservazioni dei compagni di gita Ricercare con umiltà i segnali che la natura ci manda... Mantenere un senso di rispetto verso la montagna...

8 Ricordiamo che... La situazione di pericolo si manifesta spesso in condizioni esterne critiche (ridotta visibilità, maltempo, freddo ecc..) che rendono più difficile valutare un pericolo oggettivo e reagire in modo rapido e preciso ) in cattive condizioni fisiche è difficile praticare bene l attività alpinistica. I problemi si amplificano se si è al limite ecc Le incognite aumentano quando ci si muove in forma autonoma e con poca esperienza...

9

10 Saper rinunciare - la montagna non scappa... Quali sono le motivazioni della gita? Mi voglio divertire passando una bella giornata. Voglio fare la scalata (arrivare alla cima) a ogni costo!! Devo far vedere agli amici che li io ci passo A volte è necessario rimandare la realizzazione di una salita quando vengono a mancare le condizioni di sicurezza anche se si è costretti a rinunciare ad un ascensione da tempo agognata..

11

12

13 La sicurezza... Il rischio si riduce con una prima progettazione della gita a tavolino. Un altra parte di rischio viene eliminata sul posto osservando il luogo e riconoscendo e valutando PRIMA con cura le condizioni del percorso. Un ulteriore parte di rischio si riduce individuando PRIMA i tratti critici dell itinerario e ipotizzando già le soluzioni di sicurezza. (anche in discesa...)

14 La gita a casa... Progetto la mia gita con: Relazioni della via (guida cartacea o internet) Resoconti Informazioni di amici ecc.

15 Oggi per le guide si usa sempre di più INTERNET che offre numerosi vantaggi!! Percorsi e notizie aggiornate Condizioni ambientali del momento Attenzione però all attendibilità di autori relatori!!!!

16

17

18 Il percorso - 1 Lunghezza, sviluppo della cascata Le varie difficoltà (ingaggio, tecnica, etc..) Attrezzatura e protezioni presenti (spit o chiodi soste attrezzate? Alberi?.) Dovrò preparare delle Abalakov? Percorso di discesa (molto spesso gli incidenti avvengono in discesa!) Sono a rischio valanghe la cascata e il percorso???

19 Scala difficoltà Cascate di Ghiaccio LA GRADAZIONE: GRADO num.romani - IMPEGNO: (I.. VI) evidenzia la difficoltà oggettiva della salita: avvicinamento, pericoli oggettivi (valanghe, discesa, ecc),lunghezza della via. GRADO num.arabi -DIFFICOLTA TECNICA: (1.. 7) definisce la difficoltà tecnica del tiro più difficile della linea, si basa sui mt di verticale esistenti sul tiro più duro. GRADO DANGER: (D1.. D5) valuta la pericolosità tenendo conto del ghiaccio: cavolfiori,candeline; della tipologia della struttura: free.standing muro compatto, della qualità delle protezioni, della quantità di protezioni possibili, della qualità delle soste e dell'impegno psicomotorio.

20 Il percorso - 2 Tempi di percorrenza fissare l orario oltre il quale è necessario ritirarsi!!! Attenzione!! - una cordata / comitiva è tanto più lenta quanto più è numerosa (soprattutto sulle doppie...) Ricavare l'ora di partenza e l'ora di rientro

21

22 I compagni LA CORDATA E FORTE ED ESPERTA QUANTO FORTE ED ESPERTO E IL PIU DEBOLE DEI SUOI COMPONENTI!!!! Nota: non necessariamente si parla di debolezza intesa come minor capacità esclusivamente tecnica.. Spesso contano di più inesperienza, non conoscenza dell'ambiente, capacità o meno di badare a se stesso/a - ecc... ecc...

23 L attrezzatura necessaria - 1 Cosa serve per quella cascata? Attrezzatura comune (corde in buono stato ecc ) Attrezzatura individuale (moschettoni, cordini ecc.) Quanti viti mi serviranno? Come sono le soste? Dovremo fare doppie?

24 L attrezzatura necessaria - 2 Tipo di abbigliamento Tipo di zaino e cosa ci metto dentro? Cibo e liquidi?? Servono pila, bussola, altimetro, gps, radio, satellitare, telefonino?? Ecc... ecc... ecc... ATTENZIONE: si porta tutto sulle spalle!! - l'ideale è avere solo ciò che serve...evitando le cose inutili

25

26 Orientamento Servono buone capacità di orientamento. Bisogna poter individuare topograficamente e in anticipo i tratti critici per pendenza, esposizione, difficoltà. Solo con la pratica si riesce a stabilire un buon rapporto cartina - realtà

27 Per la nostra gita consulteremo il bollettino meteorologico Precipitazioni previste Temperatura Venti

28 3B meteo Però temperature?? vento??

29 ATTENZIONE Le temperature alte prolungate e il vento di Foehn sono il nemico numero 1 per le cascate e per la scalata in sicurezza.

30

31

32 ATTENZIONE Consultare anche il bollettino delle valanghe tel Grado di pericolo Caratteristiche del manto nevoso Tendenza prevista ecc.. ecc..

33

34 Le previsioni non sostituiscono la necessità di nostre valutazioni!!!

35 Sul posto confronteremo quanto programmato con la realtà!! Condizioni meteo (compreso venti e temperatura...) Riconoscimento dell'itinerario (necessario confronto relazione / realtà! Verifica condizioni del percorso (presenza pericoli: frange, rotture, neve ecc...) Individuazione visiva dei tratti difficili punti di sosta e riposo - scappatoie varianti - percorso discesa ecc ecc...

36 Se ci sono dubbi... Non vergognarsi di chiedere ai LOCALS...

37 Suggerimenti organizzativi Prenotare per tempo i posti in rifugio. Informarsi sulla possibilità di conoscere l evoluzione del tempo Tenere un elenco esatto dei partecipanti. Informare a casa i familiari e il gestore del rifugio circa la meta e l orario di ritorno previsto.

38 Buona GITAAAAAA

39 Fotografie Pag.1 Claudio su Spada di Damocle. Foto Gianni Ribero Pag.4 Il Sentiero dei Troll. Foto Gianni Ribero Pag.9 Balma Fiorant. Foto Gianni Ribero Pag.11 Repentance Super. Foto Gianni Ribero Pag.21 Repentance Super. Foto Gianni Ribero Pag.25 Ciucchinel. Foto Gianni Ribero Pag.30 Basier de Lune. Foto da internet Pag.31 Basier de Lune - crollata. Foto da internet Pag.33 Valanga. Foto adattata per cascate da Gianni Ribero

CORSO DI SCIALPINISMO

CORSO DI SCIALPINISMO Scuola di Scialpinismo FALC CORSO DI SCIALPINISMO Preparazione e condotta della gita di scialpinismo Corso SA1 2012 Dario Naretto e Michele Stella (ISA Istruttori Regionali di Scialpinismo) ARGOMENTI 1.

Dettagli

Preparazione e condotta della salita

Preparazione e condotta della salita Preparazione e condotta della salita Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli I pericoli in montagna Pericoli oggettivi Pericoli soggettivi Preparazione di una salita Scelta della salita Formazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA GITA - premessa

PIANIFICAZIONE DELLA GITA - premessa PIANIFICAZIONE DELLA GITA - premessa Nelle molteplici fasi della organizzazione di una gita a tavolino (bollettino nivometeorologico; studio del terreno con: cartine topografiche, guide, stagioni, tracciato

Dettagli

Preparazione e condotta di una salita

Preparazione e condotta di una salita Preparazione e condotta di una salita Scuola di Alpinismo e Sci Alpinismo Sesto Gnaccarini - Corso ACG1 Preparazione e condotta di una salita Pericoli su ghiaccio e misto Pericoli legati al fattore oggettivo

Dettagli

Preparazione e condotta della salita

Preparazione e condotta della salita Preparazione e condotta della salita Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli Io credetti e credo la lotta con l Alpe utile come il lavoro, nobile come un come un arte, bella come una fede (Guido

Dettagli

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1)

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1) CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Bozzolo Scuola di Alpinismo e SciAlpinismo Sesto Gnaccarini GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2)

Dettagli

Alpinismo è un attività rischiosa

Alpinismo è un attività rischiosa Alpinismo è un attività rischiosa Conoscere la montagna e rispettarla, ci permette di limitare al minimo i pericoli, ricordandoci sempre che il rischio zero non esiste. Classificazione dei pericoli SOGGETTIVI

Dettagli

Scuola Interregionale di Alpinismo e Sci Alpinismo L.P.V.

Scuola Interregionale di Alpinismo e Sci Alpinismo L.P.V. OBIETTIVI: - Fornire i criteri di base per una corretta preparazione di un itinerario scialpinistico - Dare gli elementi necessari per effettuare una valutazione a priori (in fase di preparazione) dei

Dettagli

Corso di roccia avanzato (AR1) Alberto Consonni

Corso di roccia avanzato (AR1) Alberto Consonni Corso di roccia avanzato (AR1) Alberto Consonni 08 Aprile 16 Giugno 2018 Direttore corso: Michele Pezzoli INA IAL Vice Direttore: Pierluigi Cogato - IA Segretaria: Chiara Carissoni - AIA (e-mail:jandu@live.it)

Dettagli

E COMPORTAMENTO IN GITA DEL 3X3 DI W. M

E COMPORTAMENTO IN GITA DEL 3X3 DI W. M PREVENZIONE E COMPORTAMENTO IN GITA METODO DEL 3X3 DI W. M W. MUNTER IL PERICOLO DI VALANGHE NON PUÒ ESSERE VALUTATO SULLA BASE DI UN SOLO CRITERIO MA, DI VOLTA IN VOLTA, DEVONO ESSERE PRESE IN CONSIDERAZIONE

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO progetto MontagnAmica MontagnAmica è un ambizioso progetto del Club Alpino Italiano in collaborazione con tutte le Associazioni dedite alla formazione e/o prevenzione degli incidenti in montagna. Il 9%

Dettagli

Pianificazione, organizzazione ed conduzione della gita

Pianificazione, organizzazione ed conduzione della gita Scuola di Alpinismo Tita Piaz Club Alpino Italiano Sezione di Firenze Pianificazione, organizzazione ed conduzione della gita Rischi oggettivi e rischi soggettivi Strategie per la riduzione del rischio

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE di una ESCURSIONE MONTAGNA IN SICUREZZA 1 FASE COME? CLUB ALPINO ITALIANO a. INFORMAZIONE b. CONSULTAZIONE c. VALUTAZIONE INFORMAZIONI Stagione Ore di luce Situazione

Dettagli

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 PROGRAMMA LEZIONI TEORICHE Saluto del Presidente della Sezione Equipaggiamento e materiali 1 13/03/2017 - Equipaggiamento e materiali specifici per l escursionismo

Dettagli

Appartamento casa vacanza Kaporo Bionaz Valle Aosta

Appartamento casa vacanza Kaporo Bionaz Valle Aosta Appartamento casa vacanza Kaporo Bionaz Valle Aosta (vedi libro Diamanti di cristallo di Grassi - Cambiolo ) Ognuna di queste scalate viene proposta ai nostri clienti al costo di Euro 250,00 (invece di

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE La scelta dei questionari Due questionari Questionario conoscitivo Questionario sulle strategie di studio Due questionari Questionario conoscitivo 1. Età 2. Lingua

Dettagli

1 Corso Base di Alpinismo Invernale

1 Corso Base di Alpinismo Invernale IInfforiidea IIdee iin moviimentto in collaborazione con la guida alpina Luca Daniielle Genttiille presenta il 1 Corso Base di Alpinismo Invernale A chi è indirizzato a tutti quegli amanti della montagna

Dettagli

VALBREMBANA: CASCATE SAMBUZZA E CAMBREMBO

VALBREMBANA: CASCATE SAMBUZZA E CAMBREMBO VALBREMBANA: CASCATE SAMBUZZA E CAMBREMBO Dopo un breve racconto della giornata inserirò le due relazioni delle cascate e le foto 20 Dicembre 2009 Oggi inizio stagione e prima cascata in assoluto in compagnia

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo C. Zappelli Tecnica su neve e ghiaccio per l escursionismo

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo C. Zappelli Tecnica su neve e ghiaccio per l escursionismo Tecnica su neve e ghiaccio 15 febbraio 2011 a cura degli Istruttori della 1 L ambiente e il terreno dove ci muoviamo La materia prima: neve, ghiaccio I pericoli e scelta itinerario Tecniche di salita Dimostrazione

Dettagli

Valeille (m.1950), cascata Lillaz Gully

Valeille (m.1950), cascata Lillaz Gully Accesso stradale: in Valle d'aosta uscire dall'autostrada allo svincolo di Aosta e poi prendere per la Valle di Cogne e percorrerla tutta fino a Cogne, dove poco prima del paese si svolta a sx per Lillaz.

Dettagli

Monte Moregallo (m.1276) - Cresta G.G. OSA

Monte Moregallo (m.1276) - Cresta G.G. OSA Scuola di Alpinismo e Scialpinismo Guido Della Torre - http://www.scuolaguidodellatorre.it Monte Moregallo (m.1276) - Cresta G.G. OSA Accesso stradale: da Valmadrera (Lecco) salire in auto fino alla frazione

Dettagli

PREPARAZIONE E SALITA CONDOTTA DELLA. Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli

PREPARAZIONE E SALITA CONDOTTA DELLA. Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli PREPARAZIONE E CONDOTTA DELLA SALITA Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli ~ I PERICOLI IN MONTAGNA: Oggettivi Soggettivi I pericoli oggettivi Dovuti alle condizioni meteorologiche: Pioggia Neve

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione Emilio Bertini - Prato Corso di Escursionismo, EEA, Organizzazione di un escursione

Club Alpino Italiano Sezione Emilio Bertini - Prato Corso di Escursionismo, EEA, Organizzazione di un escursione Sezione Emilio Bertini Prato Corso di Escursionismo Organizzazione di un escursione 2 3 4 5 6 Criteri di scelta della salita I motivi 1. Gruppo montuoso: (Appennino, Alpi Apuane, Alpi ecc.) 2. Quota percorso:

Dettagli

Val Daone (m.1300) - cascata Sogno del Gran Scozzese

Val Daone (m.1300) - cascata Sogno del Gran Scozzese Accesso stradale: da Brescia (uscita Brescia Ovest) percorrere la Valle del Chiese verso Madonna di Campiglio. Presso la località Forti di Lardaro seguire le indicazioni per Daone-Val Daone a sx. Continuare

Dettagli

Scelta e programmazione di una salita. A cura di Alessandro Cerri Istruttore sezionale

Scelta e programmazione di una salita. A cura di Alessandro Cerri Istruttore sezionale Scelta e programmazione di una salita A cura di Alessandro Cerri Istruttore sezionale Scalare non è solo attività fisica, prima viene un lavoro di intelligence Scelta e programmazione di una salita - La

Dettagli

Albigna, Vallone del Balzetto (m.1750) - goulotte del Comandante (*)

Albigna, Vallone del Balzetto (m.1750) - goulotte del Comandante (*) Scuola di Alpinismo e Scialpinismo Guido Della Torre - http://www.scuolaguidodellatorre.it Accesso stradale: da Chiavenna (SO) si segue la strada che sale verso il passo del Maloja e porta a St. Moritz.

Dettagli

Scuola Valle dell Adda. Preparazione e conduzione di una gita di scialpinismo

Scuola Valle dell Adda. Preparazione e conduzione di una gita di scialpinismo Scuola Valle dell Adda Preparazione e conduzione di una gita di scialpinismo La prevenzione resta l'unico rimedio affidabile! L'autosoccorso e la ricerca con l'artva sono l'ultima chance cui bisogna essere

Dettagli

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI. Pericolo valanghe: Moderato LUOGHI PERICOLOSI. tutti i versanti > 2000 m Neve ventata

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI. Pericolo valanghe: Moderato LUOGHI PERICOLOSI. tutti i versanti > 2000 m Neve ventata Pericolo valanghe di venerdì 23 febbraio 2018 - Situazione EVITARE I NUOVI ACCUMULI EOLICI Nella notte fra giovedì e venerdì e venerdì mattina saranno ancora possibili deboli nevicate soprattutto nella

Dettagli

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO 2016-2017 PIANO DIDATTICO PRIMA SESSIONE base culturale Sabato 12.11.2016 ore 8:30 Presentazione del Corso ANE ISFE INV- AS-C

Dettagli

Club Alpino Italiano. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen. Organizza. 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1

Club Alpino Italiano. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen. Organizza. 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1 Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen Organizza 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1 Corso di arrampicata in montagna, rivolto a chi vuole conoscere

Dettagli

Simulazione della progressione della cordata

Simulazione della progressione della cordata Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera C.A.I. Lucca Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio - AG1 2015-2016 Simulazione della progressione della cordata Lucca 02 Febbraio 2016 Massimo Tardelli

Dettagli

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Mëisules dala Biesces Fessura ad ypsilon (parete ovest) VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 3:00 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Fessura ad ypsilon (parete

Dettagli

PROGETTAZIONE E CONDUZIONE DI UN USCITA IN MONTAGNA

PROGETTAZIONE E CONDUZIONE DI UN USCITA IN MONTAGNA PROGETTAZIONE E CONDUZIONE DI UN USCITA IN MONTAGNA Per branchi e reparti Un accurata pianificazione è fondamentale per la sicurezza e la buona riuscita dell escursione PUNTI DA SEGUIRE Scelta dell itinerario

Dettagli

SITUAZIONE alle del 12/02/2018

SITUAZIONE alle del 12/02/2018 BOLLETTINO VALANGHE - EMESSO ALLE ORE 14:00 del 12/02/2018 a cura del COMANDO TRUPPE ALPINE in collaborazione con il Servizio METEOMONT dell'arma dei CARABINIERI e il Servizio Meteo dell'aeronautica Militare

Dettagli

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali)

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) I materiali portati in uscita possono permetterci di affrontare difficoltà impreviste che si siano presentate lungo il percorso, ma anche di affrontare in sicurezza

Dettagli

Scuola di Arrampicata Libera, di Alpinismo e Sci Alpinismo MUZZERONE

Scuola di Arrampicata Libera, di Alpinismo e Sci Alpinismo MUZZERONE Scuola di Arrampicata Libera, di Alpinismo e Sci Alpinismo MUZZERONE Calendario CORSO DI SCI ALPINISMO SA1 2015 PRESENTAZIONE CORSO VENERDI 13 Gennaio 2015 ORE 21.00 Presso Sezione CAI di La Spezia I Lezione

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE Le slavine scivolano e sono piccole, le valanghe rotolano, sono grandi e quindi pericolose. Non è vero sono la stessa cosa, indicano qualcosa che precipita

Dettagli

2 Corso Base di Montagna e Alpinismo Invernale

2 Corso Base di Montagna e Alpinismo Invernale IInfforiidea IIdee iin moviimentto in collaborazione con la guida alpina Luca Daniielle Genttiille presenta il 2 Corso Base di Montagna e Alpinismo Invernale Dopo il successo della 1ma edizione continuano

Dettagli

Cascata del Fantasma nel Diedro

Cascata del Fantasma nel Diedro Cascata del Fantasma nel Diedro Oggi in compagnia di una bella squadra partiamo presto presto per raggiungere la Val Daone. 17 Gennaio 2010 Arrivati ci fermiamo da Placido e controlliamo sul solito diario

Dettagli

Relazione: Prima Lunghezza (IV +, 30m.): Seconda Lunghezza (VII -, 20m.): Terza Lunghezza (IV +, 35m Quarta Lunghezza (V, 50m

Relazione: Prima Lunghezza (IV +, 30m.): Seconda Lunghezza (VII -, 20m.): Terza Lunghezza (IV +, 35m Quarta Lunghezza (V, 50m Relazione attinente alla scalata sulla via di roccia "Solitudine" alla Rocca di Baiedo. Ascensione effettuata in data 17 maggio 2012 da Toso e Elena + Renato e Deborah + Andrea e Balza (3 cordate). Itinerario

Dettagli

METEO VETTA L informazione nivo-meteo della rete escursionistica in tempo reale

METEO VETTA L informazione nivo-meteo della rete escursionistica in tempo reale METEO VETTA L informazione nivo-meteo della rete escursionistica in tempo reale Stefano Verga, Regione Piemonte Renata Pelosini, Arpa Piemonte Come nasce l idea Il servizio: come è fatto e come funziona

Dettagli

3 ~qf("q " ~I\"~I\'R ",",~~~,q

3 ~qf(q  ~I\~I\'R ,,~~~,q 3 ~qf("q " ~I\"~I\'R ",",~~~,q ~ GIOVEDI 5 GENNAIO 2012 PRESENTAZIONE PRESSO LA SEDE (AI DI ALESSANDRIA (via Venezia, 9) Info: http://www.scuolaalphard.it info@scuolaalpard.it 3 Corso di CASCATE di GHIACCIO

Dettagli

CIMA DI RODA (2694 m)

CIMA DI RODA (2694 m) CIMA DI RODA (2694 m) Via Castiglioni Battisti DIFFICOLTÀ DISLIVELLO DURATA BELLEZZA D (V-) 250m la via (9 tiri) 5h (3h la via) ITINERARIO: Salita alla Cima di Roda per la via Castiglioni Battisti DIFFICOLTÀ:

Dettagli

Incontro annuale dei capigita 2015

Incontro annuale dei capigita 2015 Incontro annuale dei capigita 2015 Contenuti Resoconto delle attività dell anno Struttura della formazione CAS e G+S Comunicazioni dal CAS centrale Vario Resoconto attività dell anno Poca neve a inizio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UN ESCURSIONE

ORGANIZZAZIONE DI UN ESCURSIONE Club Alpino Italiano Sezione di Roma Cristina Cimagalli ORGANIZZAZIONE DI UN ESCURSIONE Corso base di escursionismo, martedì 31.10.06 1. Scegliere il percorso In funzione di: chi e quanti siamo un gruppo

Dettagli

Valsavaranche (m.1600) - cascata di Rovenaud

Valsavaranche (m.1600) - cascata di Rovenaud Accesso stradale: raggiungere la Valsavarenche in Valle d'aosta e risalirla per l'unica strada presente fino al paesino di Rovenaud (sx). Poco prima del paese c'è una strada a sx dove si può parcheggiare.

Dettagli

2 CORSO per ACCOMPAGNATORI SEZIONALI di ESCURSIONISMO. Commissione Regionale Campana per l'escursionismo - OTTO. Piano di studio

2 CORSO per ACCOMPAGNATORI SEZIONALI di ESCURSIONISMO. Commissione Regionale Campana per l'escursionismo - OTTO. Piano di studio 1ª sessione : BASE CULTURALE COMUNE 1 giorno : domenica 27 gennaio 2013 = 8 ore (in aula) 1. Presentazione dello svolgimento del Corso. 2. Presentazione dei Corsisti: esperienze e capacità sia professionali

Dettagli

Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima di Stilves sopra Vipiteno

Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima di Stilves sopra Vipiteno Cima di Stilves SCI ALPINISMO Durata Distanza 3:00 h 10.2 km Dislivello Altitudine Max 1000 m 2420 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima

Dettagli

Selezioni 2014 per l ammissione al Corso Interregionale di Aspirante Guida Alpina - Sessione 2015/2016:

Selezioni 2014 per l ammissione al Corso Interregionale di Aspirante Guida Alpina - Sessione 2015/2016: giunta regionale ^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. / Selezioni 0 per l ammissione al Corso Interregionale di Aspirante Guida Alpina - Sessione 0/0: Le Selezioni per il Corso Interregionale di Aspirante

Dettagli

Finale Ligure, Bric Pianarella (m.363) - via Catarifrangente

Finale Ligure, Bric Pianarella (m.363) - via Catarifrangente Accesso stradale: autostrada per Ventimiglia, uscire a Feglino (uscita prima di quella di Finale Ligure). Dopo il casello svoltare a dx e proseguire per un paio di km, fino a quando si trova un ponte sulla

Dettagli

Scelta e programmazione di una salita. A cura di Paolo Desideri Istruttore sezionale

Scelta e programmazione di una salita. A cura di Paolo Desideri Istruttore sezionale Scelta e programmazione di una salita A cura di Paolo Desideri Istruttore sezionale Rispondiamo a queste domande Con chi vado? Dove vado? Quando vado? Cosa porto? Con chi vado? Istruttore della scuola

Dettagli

LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE

LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE ARPAV-DRST-SNV-UPPV novembre 2013 Versione 4.0 1. Area di interesse...2 2. Struttura del bollettino Dolomiti Neve e Valanghe...2 3.

Dettagli

ATTIVITA IN MONTAGNA. di Valerio Bozza

ATTIVITA IN MONTAGNA. di Valerio Bozza ATTIVITA IN MONTAGNA di Valerio Bozza Escursionismo Escursionismo Escursionismo è camminare nella natura al di fuori delle strade asfaltate. L escursionismo si svolge quasi sempre in ambiente montano (bassa

Dettagli

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni Corso di Escursionismo I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni a cura di Stefano Cambi Istruttore di Alpinismo I I nodi, l'uso di corda e cordini Imbracatura Programma della serata Progressione

Dettagli

Monte Bianco, Petit Capucin (m.3693) - via Gervasutti

Monte Bianco, Petit Capucin (m.3693) - via Gervasutti Avvicinamento: dal rifugio Torino (vecchio) dirigersi in direzione dell'aiguille du Midi seguendo la battutissima traccia. Da sotto il Roi du Siam risalire il canale a sinistra del Pic Adolphe Rey fino

Dettagli

Valle del Sarca, Coste dell'anglone - via Il cuore d'oro

Valle del Sarca, Coste dell'anglone - via Il cuore d'oro Accesso stradale: autostrada MI-VE, a VR prendere per il Brennero e poi uscire a Rovereto sud. Continuare per Mori-Arco di Trento. In alternativa si può arrivare anche dalla strada Gardesana Ovest che

Dettagli

Corso di SciAlpinismo

Corso di SciAlpinismo Corso di SciAlpinismo La scuola Sci Karfen Ala propone un corso completo di scialpinismo per tutti gli amanti dell avventura... Vi faremo conoscere il fascino di muoversi con gli sci in montagna d inverno

Dettagli

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO Nodi Semplici NODO BARCAIOLO Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO NODO DI GIUNZIONE PER LA MANOVRA IN CORDA-DOPPIA (NODO GALLEGGIANTE) NODO DOPPIO-INGLESE,

Dettagli

Alpinismo facile estivo Breithorn m Via normale da Cervinia.

Alpinismo facile estivo Breithorn m Via normale da Cervinia. Alpinismo facile estivo Breithorn - 4164m Via normale da Cervinia. A chi è rivolto. Escursionisti esperti. 3,30 ore in salita fino alla cima; 2 ore in discesa per la Salita alpinistica facile su ghiacciaio.

Dettagli

DESCRIZIONE ICONE NUOVO BOLLETTINO AINEVA

DESCRIZIONE ICONE NUOVO BOLLETTINO AINEVA DESCRIZIONE ICONE NUOVO BOLLETTINO AINEVA 1. GRADO DI PERICOLO Assenza neve Informazioni insufficienti. Debole Moderato Marcato Molto e Forte pericolo di Aumento del pericolo durante il giorno 2. ESPOSIZIONI

Dettagli

Il tubo di flusso della cascata di Lillaz a Cogne, scalato dall interno

Il tubo di flusso della cascata di Lillaz a Cogne, scalato dall interno Il tubo di flusso della cascata di Lillaz a Cogne, scalato dall interno Il tubo di flusso della cascata di Lillaz visto dal basso Formazioni da spruzzo STRUTTURE BASALI Kandersteg (CH) dentro la cascata!

Dettagli

LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo.

LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo. LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo. Mario Di Gallo gennaio 2012 Il consolidamento del manto nevoso è inversamente

Dettagli

Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello: 230 m Sviluppo: 250 m Tiri: 7 Ore: 3 Roccia: ottima Attrezzatura: NDA

Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello: 230 m Sviluppo: 250 m Tiri: 7 Ore: 3 Roccia: ottima Attrezzatura: NDA Sas dles Nu Parete est VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 3:00 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello:

Dettagli

Corso di ferrate MF1-2013

Corso di ferrate MF1-2013 CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI PONTEDERA La Sezione di Pontedera in collaborazione con la Scuola di Alpinismo «Cosimo Zappelli» di Viareggio, la Scuola di Alpinismo di Lucca e la Scuola di Alpinismo «Alpi

Dettagli

Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello: 120 m Sviluppo: 135 m Tiri: 5 Ore: 2 3 Roccia: discreta Attrezzatura: NDA

Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello: 120 m Sviluppo: 135 m Tiri: 5 Ore: 2 3 Roccia: discreta Attrezzatura: NDA Punta Clark Spigolo sud-ovest VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 2:30 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello:

Dettagli

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa Club Alpino Italiano Sezione di Roma - Scuola FRANCO ALLETTO Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera www.scuolafrancoalletto.it Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte

Dettagli

13 Corso di Alpinismo A1 2009

13 Corso di Alpinismo A1 2009 13 Corso di Alpinismo A1 2009 Il Corso si propone i seguenti obiettivi: 1) ACQUISIRE LE ABILITA' DI BASE RIGUARDANTI IL MOVIMENTO SU ROCCIA IN AMBIENTE DI FALESIA E LE NECESSARIE COGNIZIONI CULTURALI COMUNI

Dettagli

Scelta e programmazione della salita

Scelta e programmazione della salita Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio Scelta e programmazione della salita A cura di: Merico Alessandra-Aspirante Istruttore Sezionale Alpinismo 10 Corso di arrampicata su roccia Un accurata

Dettagli

Difficoltà escursionistiche

Difficoltà escursionistiche Difficoltà escursionistiche Il CAI ha adottato da alcuni anni una scala per distinguere le difficoltà escursionistiche degli itinerari, che esprime una valutazione d insieme e che tiene conto delle seguenti

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana. Scuola Escursionismo Toscana BANDO

CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana. Scuola Escursionismo Toscana BANDO CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana Scuola Escursionismo Toscana BANDO Corso qualifica Accompagnatore Sezionale di Escursionismo2014 A.S.E. A.S.C. A.S.S. L OTTO Commissione

Dettagli

Il bollettino valanghe

Il bollettino valanghe Abteilung 26 Brand- und Zivilschutz Lawinenwarndienst Ripartizione 26 Protezione antincendi e civile Servizio prevenzione valanghe Il bollettino valanghe Fabio Gheser, servizio prevenzione valanghe contenuti

Dettagli

CONSIGLI PER I CAPOGITA. Corso di formazione FIAB accompagnatori ciclo-turistici 15 febbraio 2008

CONSIGLI PER I CAPOGITA. Corso di formazione FIAB accompagnatori ciclo-turistici 15 febbraio 2008 CONSIGLI PER I CAPOGITA Corso di formazione FIAB accompagnatori ciclo-turistici 15 febbraio 2008 Preparare la gita # 1 pensare ad una meta buona cartina (almeno in scala 1/100.000) Informarsi che c'è di

Dettagli

Corso di SciAlpinismo

Corso di SciAlpinismo Corso di SciAlpinismo La scuola Sci Karfen Ala propone un corso completo di scialpinismo per tutti gli amanti dell avventura... Vi faremo conoscere il fascino di muoversi con gli sci in montagna d inverno

Dettagli

La previsione locale

La previsione locale La previsione locale L esperienza dell ufficio valanghe del Friuli in materia di previsione valanghe locale LA PREVISIONE VALANGHE LOCALE Da circa 12 anni l Ufficio valanghe della Regione F.V.G. emette

Dettagli

Monte Gomito 1892m (PT) Diretta del Canale Ovest dell anticima (diff.d) e

Monte Gomito 1892m (PT) Diretta del Canale Ovest dell anticima (diff.d) e Monte Gomito 1892m (PT) Diretta del Canale Ovest dell anticima (diff.d) e Zona Montuosa: Località di partenza: Parcheggio GPS: Quota Partenza: Quota di arrivo: Dislivello totale: Tempo di salita: Tempo

Dettagli

SCUOLA INTERREGIONALE DEL CONVEGNO LPV PROPOSTA DI STANDARD CORSO DI ARRAMPICATA SU CASCATE DI GHIACCIO

SCUOLA INTERREGIONALE DEL CONVEGNO LPV PROPOSTA DI STANDARD CORSO DI ARRAMPICATA SU CASCATE DI GHIACCIO COMMISSIONE INTERREGIONALE SCUOLE DI ALPINISMO LIGURE - PIEMONTESE - VALDOSTANA SCUOLA INTERREGIONALE DEL CONVEGNO LPV PROPOSTA DI STANDARD CORSO DI ARRAMPICATA SU CASCATE DI GHIACCIO Proposta curata da

Dettagli

Club Alpino Italiano La progressione della cordata in conserva

Club Alpino Italiano La progressione della cordata in conserva Club Alpino Italiano La progressione della cordata in conserva Claudio Melchiorri e Giuliano Bressan Nella pratica alpinistica (e scialpinistica) capita a volte di dover procedere su terreni considerati

Dettagli

Valle d Aosta - evento 14-17 dicembre 2008

Valle d Aosta - evento 14-17 dicembre 2008 Valle d Aosta - evento 14-17 dicembre 2008 Dellavedova Paola Ufficio Neve e Valanghe - Fondazione Montagna Sicura Condizioni precedenti l evento Settori Altezza neve al suolo (2000 m) Altezza neve fresca

Dettagli

In rosso evidenziato il percorso di avvicinamento

In rosso evidenziato il percorso di avvicinamento Relazione relativa all'ascensione alpinistica su ghiaccio alla Goulotte Chéré al Triangle du Tacul effettuata nelle date del 25 e 26 aprile 2013 da Toso, Damiano e Laura Dati Tecnici Ascensione: L'ascensione

Dettagli

La mia montagna: LIVIGNO 1 gg. Scheda sintetica:

La mia montagna: LIVIGNO 1 gg. Scheda sintetica: La mia montagna: LIVIGNO 1 gg Scheda sintetica: Data escursione: 20 luglio 2013 Tipo Escursione: mtb Zona di partenza: Livigno (So) Sentiero: 138, 182/1, 199, 136 Altitudine partenza: 1800 mt circa (Lago

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

La via delle Bocchette

La via delle Bocchette Club Alpino Italiano SEZIONE DI RAPALLO COMMISSIONE GITE ESCURSIONISTICHE ED ALPINISTICHE da Domenica 9 a Venerdì 14 Luglio 2017 La via delle Bocchette Traversata Nord-Sud delle Dolomiti di Brenta Programma

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo 1 PIANIFICAZIONE DELL ESCURSIONE Bollettino nivo-meteorologico La lettura del bollettino nivo-meteo è una operazione essenziale per la pianificazione

Dettagli

LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE

LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE LEGENDA DEI SIMBOLI UTILIZZATI NEL BOLLETTINO DOLOMITI NEVE E VALANGHE Versione 1.0 ARPAV-DRST-SNV-UPPV Settembre 2012 La simbologia utilizzata è finalizzata alla redazione dei bollettini e ai fenomeni

Dettagli

Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009

Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009 Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009 Cognome Nome data di nascita luogo di nascita prov. indirizzo n. cap. città telefono casa telefono mobile e-mail n. tessera CAI rilasciata il Sezione

Dettagli

Pericolo valanghe aggiornato al , 08:00. Bollettino valanghe completo (da stampare) Bollettino valanghe per sabato, 30 dicembre 2017

Pericolo valanghe aggiornato al , 08:00. Bollettino valanghe completo (da stampare) Bollettino valanghe per sabato, 30 dicembre 2017 Pagina 1/5 Nelle regioni occidentali e nelle regioni settentrionali in molti punti forte pericolo di valanghe Edizione: 30.12.2017, 08:00 / Prossimo aggiornamento: 30.12.2017, 17:00 Pericolo valanghe aggiornato

Dettagli

Nivologia, procedure di monitoraggio, valutazione della stabilità del manto nevoso

Nivologia, procedure di monitoraggio, valutazione della stabilità del manto nevoso Nivologia, procedure di monitoraggio, valutazione della stabilità del manto nevoso 4. I problemi della previsione meteo Fattori meteo influenzanti la stabilità Il problema dei previsori meteorologici Approfondimenti

Dettagli

In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato in Val di Fosse. Questo è il percorso della 4. tappa dell'alta Via di Merano.

In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato in Val di Fosse. Questo è il percorso della 4. tappa dell'alta Via di Merano. Alta Via di Merano - 4. Tratto TREKKING Durata Distanza 4:45 h 12.4 km Dislivello Altitudine Max 950 m 2074 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato

Dettagli

Bollettino neve e valanghe N. 46/ pag 1/1: Data emissione venerdì 23 febbraio 2018 ore 13:00

Bollettino neve e valanghe N. 46/ pag 1/1: Data emissione venerdì 23 febbraio 2018 ore 13:00 Pericolo valanghe di venerdì 23 febbraio 2018 - Situazione nevicate in progressivo aumento, in particolare sui Sibillini, con graduale appesantimento e scioglimento della neve alle quote medio-basse. NEVE

Dettagli

XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1)

XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1) XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1) Corso di Ghiaccio (AG1) Direttore: Alessio Monteverdi (INA) Corso di Ghiaccio (AG1) Organizzazione delle Lezioni (6 teoriche e 8 pratiche) Giovedì 19 Maggio:

Dettagli

APPENNINO MARCHIGIANO - MONTE DI MONTIEGO - MADONNA DEL TINACCIO Via del Tinaccio

APPENNINO MARCHIGIANO - MONTE DI MONTIEGO - MADONNA DEL TINACCIO Via del Tinaccio APPENNINO MARCHIGIANO - MONTE DI MONTIEGO - MADONNA DEL TINACCIO Via del Tinaccio GRUPPO MONTUOSO : Appennino Marchigiano - Monte di Montiego 975 m CIMA : Monte di Montiego 975 m VERSANTE : Cresta Sud

Dettagli

Resoconto Tecnico sull Esercitazione di Recupero da Crepaccio 2007 e Paranco Mezzo Poldo con Piastrina in versione Focolaccia Premessa

Resoconto Tecnico sull Esercitazione di Recupero da Crepaccio 2007 e Paranco Mezzo Poldo con Piastrina in versione Focolaccia Premessa 1 Resoconto Tecnico sull Esercitazione di Recupero da Crepaccio 2007 e Paranco Mezzo Poldo con Piastrina in versione Focolaccia A cura del coordinatore Lorenzo Martinelli Premessa Sulla base dei programmi

Dettagli

SCUOLA DI ALPINISMO SCIALPINISMO VALTROMPIA PROGRAMMA. 36 Corso di SCIALPINISMO 32 Corso di ALPINISMO. CLUB ALPINO ITALIANO Gardone Valtrompia

SCUOLA DI ALPINISMO SCIALPINISMO VALTROMPIA PROGRAMMA. 36 Corso di SCIALPINISMO 32 Corso di ALPINISMO. CLUB ALPINO ITALIANO Gardone Valtrompia SCUOLA DI ALPINMO SCIALPINMO VALTROMPIA PROGRAMMA 2015 36 Corso di SCIALPINMO 32 Corso di ALPINMO CLUB ALPINO ITALIANO Gardone Valtrompia MG COMPONENTI SRL PNEUMATICA OLEODINAMICA AUTOMAZIONE LUBRIFICAZIONE

Dettagli

Scuola Intersezionale di Alpinismo e Scialpinismo ALPHARD. 17 Corso Base di Alpinismo 2013

Scuola Intersezionale di Alpinismo e Scialpinismo ALPHARD. 17 Corso Base di Alpinismo 2013 Scuola Intersezionale di Alpinismo e Scialpinismo Acqui - Alessandria - Casale M. - Novi L. - Ovada - S. Salvatore Tortona - Valenza Po 17 Corso Base di Alpinismo 2013 Iscrizioni presso la Sede del C.A.I.

Dettagli

Corso di arrampicata su roccia

Corso di arrampicata su roccia Corso di arrampicata su roccia organizzato presso la Sezione di Reggio Emilia del Club Alpino Italiano Scuola Intersezionale di Alpinismo Scialpinismo e Arrampicata Libera BISMANTOVA L alpinismo è l arte

Dettagli

Al Sassolungo Il sentiero Friedrich-August collega il rifugio Passo Sella con il rifugio Sasso Piatto.

Al Sassolungo Il sentiero Friedrich-August collega il rifugio Passo Sella con il rifugio Sasso Piatto. Sentiero Friedrich-August ESCURSIONI Durata Distanza 6:30 h 16.0 km Dislivello Altitudine Max 980 m 2686 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Al Sassolungo Il sentiero Friedrich-August collega il rifugio

Dettagli

SITUAZIONE alle del 16/02/2018 PREALPI CARNICHE ALPI CARNICHE OCCIDENTALI ALPI CARNICHE ORIENTALI ALPI GIULIE

SITUAZIONE alle del 16/02/2018 PREALPI CARNICHE ALPI CARNICHE OCCIDENTALI ALPI CARNICHE ORIENTALI ALPI GIULIE DISTRIBUZIONE : MODERATO 2. SITUAZIONE TIPO DI : NEVE SCIVOLOSA NEVE VENTATA SITUAZIONE alle 14.00 del 16/02/2018 QUOTA NEVE m. ALTEZZA NEVE NORD SUD NEVE cm. NEVE FRESCA QUOTA cm. PREALPI CARNICHE 1000

Dettagli

CORSI DI SOPRAVVIVENZA. Programma tipo di 2 giorni:

CORSI DI SOPRAVVIVENZA. Programma tipo di 2 giorni: CORSI DI SOPRAVVIVENZA Programma tipo di 2 giorni: Primo giorno Tecniche di escursionismo, tecniche di orientamento con la bussola e cartina, tecniche di accensione del fuoco, costruzione rifugi con elementi

Dettagli

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI LUOGHI PERICOLOSI. versanti orientali

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI LUOGHI PERICOLOSI. versanti orientali Pericolo valanghe di venerdì 16 marzo 2018 - Situazione SPESSORE DEL MANTO NEVOSO: sull'appennino Pesarese 50-60cm oltre i 1500m; sui Sibillini 10-20cm a 1600m, 60-80 oltre i 1800m. STATO ED EVOLUZIONE

Dettagli