VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14"

Transcript

1 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione di tutti i Campionati Provinciali Stagione Agonistica 2013/14

2 COMUNICAZIONI DA PARTE DELLE SOCIETA Tutte le comunicazioni da parte delle Società devono essere effettuate per iscritto all indirizzo verificandone la regolare ricezione. Parte Prima: CAMPO DI GARA INFRASTRUTTURE PALLONI 1. OMOLOGA DEI CAMPI DI GARA Gli affiliati hanno l obbligo di disputare le gare in un campo nell ambito della provincia di appartenenza o, per comprovata carenza di impianti, in comuni limitrofi di altra provincia previa autorizzazione dell organismo competente (vedi art. 2 Regolamento Gare). L omologa del campo di gara è la procedura attraverso la quale l organismo competente accerta e attesta, ai fini sportivi, l esistenza dei requisiti, delle misure e delle attrezzature previste dalle disposizioni federali per il regolare svolgimento delle gare. L'omologa non potrà essere concessa se i campi di gioco non rispondono ai requisiti ed alle misure fissate nelle Regole di Gioco e nelle norme emanate con le circolari di indizione. L'omologa dovrà essere rinnovata ogni anno ed il relativo verbale dovrà essere tenuto sempre a disposizione dell'arbitro. Ogni variazione apportata al campo di gioco dovrà essere comunicata all'organismo competente per l'omologa il quale, nel caso, procederà ad una nuova omologa. Il primo arbitro è l'unico giudice insindacabile dell'agibilità del campo, nonché dello stato del terreno di gioco e delle attrezzature prima e durante la gara. Qualora il primo arbitro, prima dell'inizio di una gara, di sua iniziativa o dietro formale reclamo da parte della squadra ospitata, accerti l'esistenza di gravi irregolarità di campo non immediatamente eliminabili, esigerà che l'affiliato ospitante reperisca un campo regolamentare sul quale far disputare l'incontro. La partita dovrà avere inizio entro un periodo di tempo determinato dall arbitro come congruo rispetto alla situazione ma comunque non superiore alle due ore rispetto all orario di inizio previsto. Nel caso che non vi sia un campo di riserva non farà disputare l'incontro e la squadra ospitante, in sede di omologa del referto, sarà dichiarata perdente con il punteggio più sfavorevole. L'arbitro ha facoltà di dichiarare inagibile un campo anche omologato se fossero variate le condizioni riportate nel verbale, ed applicherà quanto previsto nel precedente comma Gli affiliati che non siano in grado di presentare il verbale di omologa saranno puniti con la multa. 2. AGIBILITA DEL CAMPO DI GARA Il campo deve essere messo a disposizione della Società ospitata almeno quaranta minuti prima dell inizio della gara. La competenza in merito alla sua agibilità spetta esclusivamente all Arbitro, il quale ha il potere di omologare a vista l impianto qualora non sia possibile esibire il verbale d omologa. Ogni contestazione in merito (misure di rispetto, illuminazione, riscaldamento, eccesso di pubblico, ecc.) deve essere avanzata dal capitano della squadra interessata all Arbitro prima dell inizio della gara; lo stesso Arbitro, a suo insindacabile giudizio, qualora non fosse possibile risolvere il problema, deciderà irrevocabilmente se fare o meno disputare la gara su quel campo. Pagina 2 di 11

3 3. INFRASTRUTTURE DEL CAMPO DI GARA I campi di gara dovranno avere le seguenti caratteristiche: Libero accesso al pubblico. Altezza non inferiore a m.7 sull intera area di gioco (terreno e zona libera). Zona libera laterale di rispetto, vietata al pubblico e libera da ogni ostacolo, non inferiore a m. 3,00. Zona di servizio, libera da ostacoli (anche aerei), non inferiore a m. 3,00. Spogliatoi per le squadre. Spogliatoio per arbitri, dotato di porta e relativa chiave, tavolino e sedia. Panchine sufficienti per riserve e dirigenti. Seggiolone arbitrale a tribuna (non tipo tennis). Protezioni adeguate per pali e, se necessario, per seggiolone arbitrale. un tabellone segnapunti manuale od elettronico con relativo addetto Le Deroghe a quanto sopra specificato sono presenti nella Lettera di Indizione ai Campionati del Comitato di Monza Brianza. 4. MESSA A DISPOSIZIONE DEL CAMPO DI GARA Nei campionati regionali e provinciali il campo deve essere a disposizione delle squadre almeno 40 minuti prima dell'inizio della gara; nel caso del protrarsi di gare precedenti che terminano a ridosso della gara successiva, gli arbitri dovranno comunque garantire i 40 minuti di riscaldamento, compreso il protocollo di gara. 5. INDISPONIBILITA DEL CAMPO DI GARA Qualora la Società ospitante, per impreviste e comprovate cause di forza maggiore, non sia in grado di far disputare la gara sul campo previsto, a richiesta dell Arbitro dovrà reperire un altro campo agibile (ad insindacabile parere dell Arbitro) entro il termine di tempo stabilito dallo stesso; ciò obbliga la Società ospitata a disputare comunque la gara, pena essere dichiarata rinunciataria, con le relative conseguenze. 6. SPOGLIATOIO ARBITRI Deve essere messo a disposizione degli Arbitri uno spogliatoio agibile e pulito, dotato di tavolo e sedia per consentire al Segnapunti e all Arbitro il regolare completamento e chiusura del referto, la sua porta deve essere munita, possibilmente, di serratura funzionante e della relativa chiave. 7. SPOGLIATOIO ATLETI Agibile, pulito e dotato di docce, panche o sedie, porta (possibilmente con serratura funzionante e chiave), deve essere messo a disposizione della Società ospitata con un congruo anticipo sull orario di gara. 8. I PALLONI Tutti gli incontri ufficiali dei campionati provinciali si devono disputare esclusivamente con palloni colorati della marca MIKASA e MOLTEN, in tutti i tipi e modelli omologati dalla FIVB, al punto 1.2 della Volleyball sports material, Team Equipment & Advertising guidelines for FIVB World and Official Competition (editions: 27 may 2009 (r18) e 24 february 2010 (r19)). Per maggiore chiarezza si riportano i modelli dei palloni da poter utilizzare: MIKASA: MVA 200, MVA 300 MOLTEN: V5M 5000 Pagina 3 di 11

4 Parte Seconda: LE GARE 9. CALENDARI UFFICIALI Al ricevimento dei calendari ufficiali è fatto obbligo di controllare l esatta stesura di tutte le gare. Nel caso di eventuali discordanze segnalare immediatamente e per iscritto alla C.P.G. La formulazione dei calendari di gara di una qualsiasi fase di un Campionato e gli eventuali successivi spostamenti disposti dalla C.P.G. non possono essere oggetto di contestazione e pertanto eventuali reclami od appelli da parte dei Sodalizi saranno dichiarati inammissibili. 10. RITIRO DAI CAMPIONATI Il ritiro dal campionato comporta la perdita della quota d iscrizione ed una sanzione pecuniaria il cui importo è stabilito dalle circolari di indizione dei campionati. Una Squadra che si ritiri dal campionato nella regular-season (sia nel girone di andata che di ritorno) o rinunci per la seconda volta ad una gara dello stesso, sarà dichiarata rinunciataria e retrocessa al Campionato Provinciale più basso che potrà disputare l anno successivo; inoltre non potrà essere ripescata e subirà anche una sanzione pecuniaria. Ai fini della classifica ufficiale non si terrà alcun conto dei risultati conseguiti dalla stessa che non figurerà nella classifica finale. Se il ritiro o le due rinunce avvengono in una fase di play-off e cioè a regular-season conclusa, la Squadra dichiarata rinunciataria verrà classificata all ultimo posto nella fase dei play-off che doveva disputare e le sarà comminata una sanzione pecuniaria; potrà invece essere ripescata. Se il ritiro avviene per sopravvenuta insufficienza di atleti durante la gara, mantiene i punti acquisiti nella gara sino a quel momento e non è considerata rinunciataria ai fini della classifica. 11. RINUNCE DURANTE IL CAMPIONATO L affiliato che rinuncia a giocare un incontro di campionato subisce la perdita della partita e la penalizzazione di tre punti in classifica ed una sanzione pecuniaria. Qualora durante lo svolgimento del campionato un affiliato rinunci per due volte o si ritiri o, per qualsiasi altro motivo, sia escluso dal campionato stesso, ai fini della classifica ufficiale non si terrà alcun conto dei risultati conseguiti dall affiliato in difetto. La mancata partecipazione alle fasi successive della Regular Season dei campionati di Serie e di Categoria comporta una sanzione pecuniaria. 12. DATA E ORARI DELLE GARE Tutti gli incontri devono svolgersi nel giorno, all ora e sul campo fissato in calendario salvo i casi di forza maggiore riconosciuti validi dall arbitro, come previsto dagli articoli 14, 15 e 23 del Regolamento Gare. 13. GARE A CONCENTRAMENTO Le gare a concentramento verranno disputate al meglio di 2 set su 3 oppure con la formula dei 3 set fissi (entrambe con Rally Point System e con il terzo set a 25 punti con cambio di campo a 13): la formula di gioco da adottare verrà specificata nelle Lettere Accompagnatorie di ogni singolo Campionato. Qualora sia prevista la presenza di Arbitri Federali le gare dovranno avere inizio: il Sabato tra le ore e le ore la Domenica al mattino tra le ore 9.00 e le ore e al pomeriggio tra le ore e le ore alternativamente gli orari delle gare dovranno rispettare quanto espresso nelle Circolari di Indizione ai Campionati. Pagina 4 di 11

5 Qualora sia prevista la presenza di Arbitri Associati ciascuna gara dovrà essere diretto da un Arbitro Associato messo a disposizione dalla Società che in quel turno non è coinvolta nell incontro: Esempio: Girone X costituito da: Squadra A, Squadra B, Squadra C L incontro Sq. A Sq. B sarà diretto dall Arbitro Associato della Sq. C L incontro Sq. B Sq. C sarà diretto dall Arbitro Associato della Sq. A L incontro Sq. C Sq. A sarà diretto dall Arbitro Associato della Sq. B In caso di accordo delle tre Squadre partecipanti tutte le gare potranno essere dirette da un unico Arbitro Associato messo a disposizione dalla Squadra ospitante l incontro o da una delle due ospiti. Il segnapunti associato per tutte le gare dovrà essere messo a disposizione dalla Società Ospitante l incontro. 14. SPOSTAMENTI GARA CALENDARIO PROVVISORIO Le modifiche ai calendari provvisori sono possibili in questi termini: Le modifiche al calendario provvisorio possono essere richieste unicamente dalla squadra ospitante l incontro. All'interno della stessa giornata di gara è buona norma concordare e/o avvisare sempre e comunque la Società controparte interessata Al di fuori della giornata di gara, o in caso di inversione andata/ritorno, deve pervenire (tramite mail all indirizzo l accordo da parte di entrambe le Società I calendari definitivi non potranno più essere modificati se non attraverso spostamento gara ufficiale richiesto tramite il portale mps-service. NOTA BENE: a calendario provvisorio la squadra avversaria non viene avvisata automaticamente dal sistema mpsservice della richiesta di spostamento, pertanto è buona norma concordare e/o avvisare sempre la squadra avversaria prima di effettuare la richiesta di spostamento. Le modalità di RICHIESTA SPOSTAMENTO GARA PROVVISORIO sono pubblicate sul sito nella sezione SOCIETA MODULISTICA. NON VERRANNO ACCETTATI SPOSTAMENTI A DATA DA DESTINARSI O IN DATA SUCCESSIVA ALLA FINE DEL CAMPIONATO. 15. SPOSTAMENTI GARA CALENDARIO DEFINITIVO Le modifiche ai calendari definitivi sono possibili in questi termini: La richiesta deve pervenire entro e non oltre i 5 giorni lavorativi antecedenti la data indicata a calendario ufficiale (in caso di anticipo dell incontro è necessario che l accordo tramite il portale mps-service pervenga entro e non oltre i 5 giorni lavorativi antecedenti la disputa della gara). Gli spostamenti dovranno essere effettuati nei limiti dei giorni e orari indicati nelle circolari di Indizione ai Campionati oppure nelle lettere accompagnatorie ai Calendari della Stagione Sportiva Le modalità di RICHIESTA SPOSTAMENTO GARA DEFINITIVO sono pubblicate sul sito nella sezione SOCIETA MODULISTICA. Qualora si verifichi la necessità di modificare il giorno di gara di TUTTE le gare casalinghe a Calendario sarà possibile effettuare un unico spostamento multiplo che comporterà il pagamento di un unica tassa di spostamento inviando una richiesta con carta intestata firmata dal Presidente della Società e indicante le motivazioni della variazione richiesta. NON VERRANNO ACCETTATI SPOSTAMENTI A DATA DA DESTINARSI O IN DATA SUCCESSIVA ALLA FINE DEL CAMPIONATO. Pagina 5 di 11

6 16. MODIFICA D UFFICIO DI DATE, ORARI E CAMPI DI GARA E facoltà della C.P.G. di spostare d ufficio le gare provinciali, qualora ne ravvisasse l esigenza, nei seguenti casi: disputa di finali provinciali, regionali, interregionali o nazionali dei Campionati di Categoria; elezioni politiche od amministrative ed eventuali referendum locali e/o nazionali indetti da Organi dello Stato. La concomitanza di gare di campionati di categoria e gare di campionati maggiori non costituisce motivi di rinvii. NON VERRANNO ACCETTATI SPOSTAMENTI A DATA DA DESTINARSI O IN DATA SUCCESSIVA ALLA FINE DEL CAMPIONATO. 17. RECUPERI I recuperi delle gare non disputate devono essere effettuati prima dell ultima giornata di calendario del campionato regolare. In caso di disaccordo fra le due società, lo stesso potrà essere fissato d ufficio dalla C.P.G. Parte Terza: LE SQUADRE E GLI ATLETI 18. L ELENCO ATLETI Diversamente da quanto comunicato nelle circolari di indizione ai campionati stagione 2013/14 (Prot. 95/CPG & 97/CPG) le società non sono più tenute a presentare l elenco atleti di ciascuna squadra ad eccezione di quelle che partecipano con più di una squadra ad uno stesso campionato di Serie o di Categoria. 19. VISITE MEDICHE DI IDONEITA' AGONISTICA (Norme Campionati Stag. 2013/14) Per tutti gli/le atleti/e che partecipano ai Campionati Provinciali è prevista l'obbligatorietà della visita medica di idoneità agonistica a partire dal Campionato di Under 13 compreso, come specificato nelle Principali Norme della Stagione emanato dalla Fipav. 20. SECONDO LIBERO Nei campionati di serie è previsto l utilizzo del Libero e del Secondo Libero: per il Settore Femminile Under 20 (nate nel 1994 e successivi) e per il Settore Maschile Under 21 (nati nel 1993 e successivi). Per la categoria è previsto l utilizzo del Libero e del Secondo Libero esclusivamente nei Campionati di Under 19, 17 e 15 Maschile, Under 18 e Under 16 Femminile. Pertanto ogni squadra potrà iscrivere a referto: 12 atleti/e senza alcun Libero oppure 11 atleti/e e un Libero oppure 11 atleti/e e due Libero di cui uno/a secondo i limiti di età su riportati. La normativa sull utilizzo del Secondo Libero è riportata nelle Modalità Operative per la S.A. 2013/2014 pubblicate On Line nella sezione CAMPIONATI della GUIDA PRATICA : 21. PARTECIPAZIONE AI DIVERSI CAMPIONATI Un giocatore che ha preso parte ad un campionato di serie superiore non può giocare in uno di serie inferiore nella stessa stagione sportiva. Tale limitazione non esiste per le atlete femmine nate nell anno 1996 e successivi che potranno disputare fino a 10 gare nel campionato di serie di Prima Divisione Femminile senza pregiudicare la loro partecipazione al Campionato di Terza Divisione o Terza Divisione Under 21 Femminile e gli atleti maschi nati nell anno 1995 e successivi che potranno disputare fino a 10 gare nel campionato di serie di Prima Divisione Maschile senza pregiudicare Pagina 6 di 11

7 la loro partecipazione al Campionato di Seconda Divisione Maschile (dopo la 11^ presenza nel campionato superiore non potranno più partecipare a gare della serie inferiore). Si precisa che la norma si applica soltanto su due campionati di serie per atleta e pertanto un atleta durante la stagione può disputare gare al massimo in due campionati di serie. Per gli atleti trasferiti è vincolante, ai fini della partecipazione ai campionati, la data del trasferimento stesso. Pertanto un giocatore trasferito oltre il termine previsto per un determinato campionato non può partecipare a quel campionato né a quelli superiori. Nel caso di ritiro da un campionato di una squadra, le gare annullate non contano ai fini della classifica, ma agli atleti che sono scesi in campo in queste gare viene comunque conteggiata la presenza in campo. 22. IL CAMP3 L elenco dei componenti le squadre, completato con l indicazione, per ciascun giocatore, del numero riportato sulla maglia e sottoscritto dal capitano deve essere consegnato all arbitro, dal capitano, almeno trenta minuti prima dell inizio dell incontro per essere trascritto sul referto di gara. I giocatori non compresi nell elenco non possono prendere parte alla gara. 23. ASSENZA SQUADRA IN CAMPO La squadra che non sia in grado di iniziare il gioco entro i trenta minuti successivi all ora indicata a calendario ufficiale verrà considerata rinunciataria con conseguente applicazione delle disposizioni di cui all articolo 13 del Regolamento Gare. In questa ipotesi, al referto deve essere allegato l elenco dei giocatori consegnato all arbitro dal capitano della squadra presente. L arbitro è tenuto a fare l appello dei giocatori componenti la squadra in campo. Se entro il termine d attesa la squadra assente preannuncia con qualunque forma il ritardo dovuto ad evento non colpevole, l arbitro potrà proporre il tempo d attesa secondo le necessità e comunque non oltre due ore. Nel caso che l assenza sia determinata da evento non colpevole, la squadra assente dovrà inviare all indirizzo un documento su carta intestata firmata dal Presidente della Società descrivente la circostanza verificatasi entro le 24 ore dall orario di inizio della gara indicata a calendario ufficiale. In sede di omologa il Giudice Unico non riscontrando la colpa disporrà per il recupero della gara. Qualora non sia prevista la presenza dell arbitro federale: Se è assente la squadra ospitante l incontro: sarà cura della squadra ospite consegnare unitamente al CAMP3 della propria squadra una dichiarazione su carta intestata firmata dal Presidente della Società descrivente la circostanza verificatasi entro le 48 ore dall orario di inizio della gara indicata a calendario ufficiale Se è assente la squadra ospite l incontro: sarà cura della squadra ospitante consegnare entro le 48 ore dall orario di inizio della gara indicata a calendario ufficiale il referto di gara unitamente al CAMP 3 della propria squadra Se ambedue le squadre non si presentano regolarmente sul campo, entrambe verranno considerate come rinunciatarie e la gara verrà omologata con il punteggio più sfavorevole ad entrambe le squadre e con la penalizzazione di tre punti in classifica, oltre alla sanzione pecuniaria. Le disposizioni contenute nel presente articolo si applicano anche quando venga presentata in campo una squadra avente una composizione numerica inferiore a sei giocatori. Parte Quarta: GLI UFFICIALI DI GARA 24. GLI UFFICIALI DI GARA Gli arbitri di tutte le gare dei Campionati di Serie di Prima e Seconda Divisione Femminile e Maschile saranno a cura del Comitato Provinciale. Le Società partecipanti ai Campionati di Terza Divisione e Terza Divisione Under 21 Femminile sono tenute a disporre di almeno un Arbitro Associato regolarmente tesserato per la Stagione 2013/14. Ciascuna gara verrà pertanto Pagina 7 di 11

8 diretta dall arbitro associato della Società ospitante (eventuali diverse disposizioni a riguardo verranno comunicate durante la Stagione Agonistica). Gli arbitri di tutte le gare della prima fase dei campionati di Categoria Under 19, Under 18, Under 17, Under 16 saranno a cura del Comitato Provinciale. Le gare della 1 fase dei campionati provinciali di Under 15, Under 14 e Under 13 (Femminile e Maschile 6 vs 6) dovranno essere arbitrate da un Arbitro Associato regolarmente tesserato per la Stagione 2013/2014 messo a disposizione dalla Società ospitante. Per le fasi successive seguiranno specifiche in base alla formula adottata e descritta nelle Lettere Accompagnatorie ai Calendari Ufficiali. Le gare del campionato provinciale dell Under 13 Maschile 3 vs 3 dovranno essere dirette con il sistema dell autoarbitraggio, ogni atleta a rotazione verrà designato per arbitrare le gare, o le gare stesse potranno essere disputate anche senza arbitraggio esterno. In caso di spostamento di una gara sul campo della squadra avversaria sarà comunque cura della squadra precedentemente ospitante l incontro disporre di un Segnapunti Associato regolarmente tesserato per la Stagione 2013/2014 (qualora la gara non preveda la presenza dell Arbitro Federale dovrà disporre anche di un Arbitro Associato). E facoltà delle due squadre accordarsi per utilizzare Arbitro e Segnapunti associato messo a disposizione dalla squadra avversaria. Tutte le Società ospitanti sono tenute a disporre di un Segnapunti Associato regolarmente tesserato per la Stagione 2013/ ASSENZA DEGLI UFFICIALI DI GARA Nell eventualità in cui gli Arbitri non siano presenti sul campo di gioco, le Società che non sono state preventivamente informate dal Comitato di Monza Brianza della mancata designazione di un direttore di gara devono attendere 30 minuti dall orario previsto di inizio gara. Trascorso tale termine, le due squadre possono disputare la partita affidando la direzione dell incontro a tesserati o/e persone presenti, previa accettazione scritta, sul referto, da parte dei capitani di entrambe le squadre; se ciò non fosse possibile le due società si dovranno accordare sul giorno di recupero. 26. RICONOSCIMENTO PARTECIPANTI ALLA GARA All Arbitro è consentito effettuare il riconoscimento senza documenti esclusivamente per conoscenza diretta; per l effettuazione del riconoscimento ufficiale deve essere obbligatoriamente esibito il documento d identità personale in originale (rilasciato dalle autorità competenti) di tutti i partecipanti iscritti in elenco atleti, pena la loro esclusione dalla gara stessa. Per gli atleti minorenni l identità può essere attestata con un Certificato di Nascita in carta semplice sul quale dovrà essere apposta la loro fotografia e legalizzata dalle Amministrazioni Comunali ai sensi dell Art. 34 D.P.R. 445/2000. In assenza del documento d identità è consentito sottoscrivere un autocertificazione da parte dell atleta o del genitore se atleta minorenne; detta autocertificazione, munita di fotografia firmata, sarà ritirata dall Arbitro ed inviata al Giudice Unico per eventuali successive verifiche. Le disposizioni sopra indicate non consentono alcun tipo di deroga, nè possono essere ammessi documenti sostitutivi muniti di fotografia (ad es. tessere ferroviarie, abbonamenti, ecc.). 27. REFERTO I dati contenuti nel referto ricostruiscono la realtà oggettiva della gara e non possono in alcun caso essere contestati in sede di omologa o di procedimento disciplinare (art. 37 Regolamento Gare). In caso di errori del Segnapunti, tutte le contestazioni (posizioni, rotazioni, cambi palla, punti parziali e finali, ecc.) devono essere sollevate ritualmente sul campo da parte del capitano segnalandole all Arbitro al verificarsi del fatto; a questi compete insindacabilmente la decisione. Dopo il termine l Arbitro non ha invece il potere di far riaprire la gara stessa per far recuperare eventuali punti o ridisputare uno o più set. Pagina 8 di 11

9 In tutte le gare dove non è presente l Arbitro designato, le Società sono tenute a consegnare entro 7 giorni dalla disputa dell incontro il referto gara, completo di elenchi atleti, alla Commissione Organizzativa Gare. Le Società inadempienti saranno sanzionate dal G.U. Provinciale. Il Comitato di Monza Brianza ha istituito tre punti di raccolta dove è possibile lasciare i referti in alternativa alla sede del Comitato: VAREDO Palazzetto dello Sport - via Italia BIASSONO Scuola Media Verri - via Locatelli BESANA BRIANZA c/o Colombo Roberto - Via Pozzi 17/b Parte Quinta: LA CLASSIFICA 28. SISTEMA DI PUNTEGGIO E CLASSIFICA La classifica viene stilata come segue: Gare 3 set su 5 Gare 2 set su 3 3 punti per la vittoria: 3-0 e 3-1; punti per la vittoria: 3-2; punto per la sconfitta: 2-3; punti per la sconfitta: 1-3 e 0-3; punti di penalizzazione in caso di rinuncia. Nel caso di più squadre a pari punti, la graduatoria viene stabilita, in ordine prioritario, come segue: 1 in base al maggior numero di gare vinte; 2 in base al miglior quoziente set; 3 in base al miglior quoziente punti; 29. CLASSIFICA AVULSA I criteri per stabilire la classifica tra squadre della stessa serie ma partecipanti a gironi diversi (classifica avulsa), in ordine prioritario, sono i seguenti: a) miglior posizione nella classifica del girone; b) miglior quoziente ottenuto dividendo i punti conquistati in classifica per il numero delle gare disputate; c) maggior numero di gare vinte; d) miglior quoziente set; e) miglior quoziente punti. La classifica avulsa si applica nel caso in cui nelle circolari di indizione dei vari campionati non siano stabilite modalità diverse per definire la graduatoria delle squadre. 30. SET DI SPAREGGIO Nelle manifestazioni nelle quali si prevedono turni con partite di andata e ritorno senza spareggio, i criteri di passaggio del turno in caso di parità sono i seguenti: In caso di una vittoria per parte passa il turno la squadra che ha vinto con il miglior punteggio set Nel caso di una vittoria per parte con identico punteggio set si disputerà, sempre sul campo della gara di ritorno, un set supplementare di spareggio. Questo set supplementare (tie-break) si giocherà con le stesse modalità del 5 set di una gara. L intervallo fra il termine dell incontro e la disputa del set supplementare sarà di 5 minuti; il set supplementare verrà registrato su un nuovo referto di gara utilizzando lo spazio riservato al 5 set, specificando nel rapporto di gara la caratteristica dell evento. Pagina 9 di 11

10 Parte Sesta: Notizie Utili 31. COMUNICAZIONI DELLA COMMISSIONE ORGANIZZATIVA GARE PROVINCIALE La principale forma di comunicazione da parte della Commissione Organizzativa Gare Provinciale in merito alla struttura dei Campionati, ai calendari ufficiali, ai recuperi e/o spostamenti di gare, alle autorizzazioni di tornei e gare amichevoli, viene effettuata per iscritto mediante il mezzo più opportuno ( , lettera, telefax, telegramma, raccomandata con o senza avviso di ricevimento). Questa disposizione è molto importante in quanto tutela i Sodalizi da eventuali disguidi ma, al tempo stesso, li espone al rischio che la notifica venga effettuata ad un nominativo segnalato in precedenza e non più facente parte della Società o irreperibile perché frequentemente assente. E quindi indispensabile che le Società si premurino di comunicare, tempestivamente e per iscritto, alla Federazione (nella fattispecie al Comitato Provinciale) qualsiasi variazione dell indirizzo , del recapito telefonico (possibilmente dell abitazione, dell ufficio, fax e del cellulare) o del nominativo al quale viene recapitata la corrispondenza; in difetto non potranno essere formulate scusanti. 32. SERVIZIO RISULTATI Il messaggio riportante il Risultato delle Gare deve essere inviato obbligatoriamente entro 24 ore dall orario di disputa dell incontro come sotto specificato. Al termine degli incontri dei Campionati di Serie l invio dell SMS-risultato è di competenza dell arbitro federale messo a disposizione dal Comitato. Qualora la gara non sia diretta da un arbitro federale l invio dell SMSrisultato spetta alla Società ospitante l incontro. Per tutte le gare della Regular Season di Terza Divisione e Terza Divisione Under 21 Femminile l invio dell SMSrisultato spetta sempre alla Società ospitante l incontro. Al termine di tutti gli incontri dei Campionati di Under 18 Femminile ed Under 16 Femminile l invio dell SMSrisultato è di competenza dell arbitro federale messo a disposizione dal Comitato. Qualora la gara non sia diretta da un arbitro federale l invio dell SMS-risultato spetta alla Società ospitante l incontro. Per tutte le gare della prima fase dei Campionati di Under 15M, Under 14 e Under 13 (Femminile e Maschile 6 vs 6) dove, di norma, non è previsto l invio dell arbitro federale, l invio dell SMS-risultato spetta sempre alla Società ospitante l incontro; per le fasi successive seguiranno specifiche in base alla formula adottata e descritta nelle Lettere Accompagnatorie ai Calendari Ufficiali. Per tutte le gare dei Campionati di Under 19, Under 17 e Under 13 Maschile 3 vs 3 l invio dell SMS-risultato spetta sempre alla Società ospitante l incontro. La Società che provvede all invio del messaggio è tenuta a verificare la registrazione del risultato, completo di parziali, sul portale mps-service; in caso di disguidi è necessario che provveda ad inviare una mail all indirizzo Le modalità di invio del risultato sono pubblicate sul sito nella sezione SOCIETA MODULISTICA. 33. MODALITA DI VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI E DELLE MULTE Tutti i contributi dovranno essere versati tramite bonifico bancario IBAN N: IT 68O o conto corrente postale n intestato a FIPAV MONZA BRIANZA VIA D.ALIGHIERI N AGRATE BRIANZA (MB) entro le scadenze previste. Pagina 10 di 11

11 Si ricorda che tutti i versamenti dovranno essere effettuati a nome della Società (e non del singolo dirigente) indicando la causale ed il codice di Affiliazione della Società stessa. I contributi ed i rispettivi termini di pagamento sono indicati nel portale Mps-Service nel quale la Società dovrà indicare il n. cro del bonifico bancario o gli estremi del bollettino postale. Le Società sono tenute al rispetto delle scadenze indicate. 34. RICHIESTE DI AUTORIZZAZIONE DI TORNEI O GARE AMICHEVOLI (Regolamento Gare pag. 2) Tutti i campionati e i tornei federali hanno la precedenza sui tornei e gare amichevoli. Pertanto, ogni autorizzazione si intende concessa con implicita salvezza degli impegni societari nei campionati e tornei federali. Tutte le manifestazioni devono essere preventivamente autorizzate dal Comitato Provinciale di Monza Brianza secondo il criterio della territorialità e non del campionato di appartenenza. Pertanto la richiesta dovrà pervenire almeno 10 giorni prima dell inizio del torneo o gara a firma del Presidente ed indicante: le squadre partecipanti specificandone il livello con la relativa Provincia di appartenenza, la data o date, orari ed indirizzi dei campi di gara, regolamento, composizione della Commissione Esecutiva (per i soli tornei), indirizzo e recapito telefonico degli oorganizzatori, eventuali richieste in merito alle designazioni Arbitrali e la ricevuta attestante il versamento della relativa tassa. Dovrà essere indirizzata: al proprio Comitato Provinciale se tutte le squadre partecipanti appartengono alla stessa Provincia; al Comitato Regionale, con copia al proprio Comitato Provinciale, se le partecipanti appartengono alla stessa Regione; alla Commissione Organizzativa Gare Nazionali, con copia al Comitato Regionale ed al Comitato Provinciale, se vi è anche una sola partecipante di altra Regione od altra Nazione o la nostra rappresentativa nazionale e/o militare. Si rammenta che la partecipazione a tornei e/o gare amichevoli non autorizzati comporta il deferimento di tutti i partecipanti (organizzatori, sodalizi, dirigenti, tecnici, atleti, arbitri, ecc.) oltre alla mancata copertura assicurativa. 35. RECAPITI COMMISSIONE PROVINCIALE GARE Sede ed indirizzo della corrispondenza VIA DANTE ALIGHIERI AGRATE B.ZA Telefono Fax Servizio risultati - SMS Servizio risultati - Sito Internet Apertura al pubblico Commissione Provinciale Gare Lunedì e Mercoledì orario Il Comitato Provinciale di Monza Brianza si riserva la facoltà di modificare quanto indicato nel presente documento dandone opportuna comunicazione. Pagina 11 di 11

VADEMECUM GARE. Fipav C.P. Monza Brianza

VADEMECUM GARE. Fipav C.P. Monza Brianza Fipav C.P. Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2015/16 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 A tutte le Società di MonzaBrianza Loro sedi Agrate B.za 14-07-2011 Prot. 2/CPG e p.c. C.R. Lombardo FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 CU 5 del 2/10/2014 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Lecco c/o CONI CASA DELLO SPORT Via allo Zucco 6-23900 Lecco tel 0341/251587 - fax 0341/258436 e-mail: lecco@federvolley.it sito internet: www.lecco.federvolley.it

Dettagli

A tutte le società interessate Loro sedi. Prot. Nr. 210/2015. COMMISSIONE PROVINCIALE GARE C.U. nr. 28 affisso all albo il 28 dicembre 2015

A tutte le società interessate Loro sedi. Prot. Nr. 210/2015. COMMISSIONE PROVINCIALE GARE C.U. nr. 28 affisso all albo il 28 dicembre 2015 A tutte le società interessate Loro sedi Prot. Nr. 210/2015 COMMISSIONE PROVINCIALE GARE C.U. nr. 28 affisso all albo il 28 dicembre 2015 Varese, 28 dicembre 2015 Oggetto: INDIZIONE TORNEI PRIMAVERILI

Dettagli

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Massa Carrara Prot.n. 121/10 Carrara, 17 luglio 2010 Spett. Società FIPAV interessate e p.c. Comm. Naz. Gare FIPAV Segreteria Generale Roma Egregi

Dettagli

Il Comitato Provinciale di Monza Brianza indice ed organizza per la stagione agonistica 2015/16 la PROMO 12 con le seguenti modalità:

Il Comitato Provinciale di Monza Brianza indice ed organizza per la stagione agonistica 2015/16 la PROMO 12 con le seguenti modalità: Spettabili Società Partecipanti alla PROMO 12 Loro Indirizzi e p.c. C.R. Lombardia C.P. Lecco Agrate Brianza, 09/10/2015 Prot. 46/CPG Oggetto: PROMO 12 Stagione 2015/16 Il Comitato Provinciale di Monza

Dettagli

VADEMECUM STAGIONE AGONISTICA

VADEMECUM STAGIONE AGONISTICA VADEMECUM STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 FIPAV Milano 2015/2016 VADEMECUM STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 A CURA DI FIPAV COMITATO PROVINCIALE MILANO VIA PIRANESI, 46 - MILANO WWW.MILANO.FEDERVOLLEY.IT STAMPATO

Dettagli

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI INDIZIONE CAMPIONATO di SECONDA DIVISIONE FEMMINILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare di Torino organizza il campionato di Prima Divisione Femminile.

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 CU 4 del 10/10/2013 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016

CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N. 9 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 CAMPIONATO PROVINCIALE UNDER 17 MASCHILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice ed il Comitato Provinciale di Roma organizza il Campionato

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 1. INDIZIONE Il C. R. Liguria indice e la COGR organizza la Fase Regionale del Campionato

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15.

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. SEDE E PERIODO DI SVOLGIMENTO Le partite del campionato si svolgeranno presso

Dettagli

1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

1. MODALITA DI SVOLGIMENTO Alla c.a. - SOCIETA FIPAV - ATLETI FIPAV Agrate Brianza, 25 Maggio 2015 Prot. 313/BV Oggetto: indizione torneo Sand Volley 4x4 Maschile & Femminile. Il Comitato Provinciale di Monza Brianza indice ed organizza

Dettagli

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015 INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile; l

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N. 15 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice ed il Comitato Provinciale di Roma

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 31 / 07 / 2014 FIPAV Lombardia

Dettagli

Gli importi sono comprensivi della tassa di iscrizione, del contributo per il concorso spese generali e del contributo per il servizio risultati.

Gli importi sono comprensivi della tassa di iscrizione, del contributo per il concorso spese generali e del contributo per il servizio risultati. Campionati di categoria SETTORE MASCHILE 2015/2016 Per la gestione on-line di iscrizioni, designazioni, calendari, spostamenti gara, versamenti, risultati e classifiche le società troveranno un settore

Dettagli

COMITATO REGIONALE UMBRIA COMUNICAZIONI VARIE NOTIZIE REGOLAMENTO INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI LE PRINCIPALI NORME. SERIE C e D M - F 2011/2012

COMITATO REGIONALE UMBRIA COMUNICAZIONI VARIE NOTIZIE REGOLAMENTO INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI LE PRINCIPALI NORME. SERIE C e D M - F 2011/2012 Perugia, 21 giugno 2011 Egregi Signori Presidenti delle Società Interessate Ai Comitati Provinciali FIPAV di PERUGIA e TERNI Alla Commissione Arbitri Regionale Alla Commissione Regionale Allenatori Al

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale [C.O.G.P.] organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile;

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE

COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE COMITATO PROVINCIALE FIPAV - BRESCIA SETTORE GARE E GIUDICE CIRCOLARE INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE, DI CATEGORIA E PROMOZIONALE U12 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Brescia, Luglio 2015 Il presente

Dettagli

OGGETTO: INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI E DI CATEGORIA STAGIONE AGONISTICA 2015/2016

OGGETTO: INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI E DI CATEGORIA STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 F I P A V - COMITATO PROVINCIALE DI SAVONA Via Paleocapa 4/7-17100 SAVONA - tel. e fax: 019.853084 c/c postale: 13336177 - http://www.savonafedervolley.it fipavgare.sv@gmail.com - savona@federvolley.it

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT e AL/Bl/NO/VC/VCO.

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 27 / 07 / 2015 FIPAV Lombardia

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT. [Art. 1 e 2, comma

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO A.S. 2011/2012 Il Comitato Provinciale di Venezia del Centro Sportivo Italiano e del UISP, indicono per la stagione sportiva 2010/2011 il Campionato

Dettagli

Tel/fax 0408333319 Internet: www.fipavtrieste.it E-mail:trieste@federvolley.it

Tel/fax 0408333319 Internet: www.fipavtrieste.it E-mail:trieste@federvolley.it STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E CATEGORIA CIRCOLARE DI INDIZIONE FIPAV - Comitato Provinciale Trieste - Via dei Macelli 5/1, 34100 - TRIESTE Tel/fax 0408333319 Internet:

Dettagli

Imperia lì 27/07/2015

Imperia lì 27/07/2015 Delegazione Provinciale di Imperia Via Belgrano, 6 18100 Imperia INDIZIONE 2015/2016 Campionati di serie Provinciali Campionati di Categoria Imperia lì 27/07/2015 A tutte le Società affiliate alla Delegazione

Dettagli

Tel/fax 0408333319 Internet: www.fipavtrieste.it E-mail:trieste@federvolley.it

Tel/fax 0408333319 Internet: www.fipavtrieste.it E-mail:trieste@federvolley.it STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E CATEGORIA CIRCOLARE DI INDIZIONE FIPAV - Comitato Provinciale Trieste - Via dei Macelli 5/1, 34100 - TRIESTE Tel/fax 0408333319 Internet:

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato di Cuneo Via L. Bertano 25 Cuneo Tel./fax 0171/693703 Cod. Fiscale: 80019660044 P. IVA: 02848840043 Web: http.//www.csicuneo.it E-mail: segreteria@csicuneo.it STAGIONE

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello CIRCOLARE di INDIZIONE CAMPIONATI - Stagione Sportiva 2015/2016 Il Comitato Regionale FIPAV del Friuli Venezia Giulia indice ed organizza, tramite la Commissione Organizzativa Gare Regionale, i Campionati

Dettagli

TITOLO PRIMO ORGANIZZAZIONE CAMPIONATI E TORNEI SEZIONE PRIMA ORGANIZZAZIONE DELLE GARE UFFICIALI

TITOLO PRIMO ORGANIZZAZIONE CAMPIONATI E TORNEI SEZIONE PRIMA ORGANIZZAZIONE DELLE GARE UFFICIALI REGOLAMENTO GARE (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004) modifiche art.14 Del. C.F. n.142 del 24.10.2008 modifica art.8 Del. C.F. n.129

Dettagli

SETTORE ARBITRI SETTORE SETTORE

SETTORE ARBITRI SETTORE SETTORE Coordinamento Prov.le di Torino - Piazza della Repubblica 6 (Porta Palazzo) - Torino - Tel011/4363484 - Fax 011/4366624 E-mail volleyuisp.to@libero.it SETTORE ARBITRI SETTORE SENIORES SETTORE GIOVANILE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE La Associazione Sportiva Dilettantistica Volley Piave, col patrocinio della Fipav, organizza per i giorni 19-20 Settembre 2015, nelle palestre del Quartier del Piave, il 9 TORNEO dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT. [Art. 1 e 2, comma

Dettagli

CAMPIONATO DI SERIE C Maschile e Femminile

CAMPIONATO DI SERIE C Maschile e Femminile ( Comitato Regionale Emilia Romagna Bologna, 27 giugno 2011 Alle Società di Serie C e D m./f. Ai Consiglieri Regionali Fipav Ai Comitati Provinciali Fipav Alle Commissioni Regionali Alla Commissione Naz.

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale

CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale CAMPIONATO PROVINCIALE 2014/2016 Regolamento Generale Indice/ Art. 01 - Partecipanti pag. 02 Art. 02 - Documenti di riconoscimento pag. 03 Art. 03 - Periodo di svolgimento. pag. 03 Art. 04 - Formula di

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2013/2014 Formula di svolgimento: fase di qualificazione, fase ad orologio più Play-off e eventuali

Dettagli

REGOLAMENTO GARE. (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004)

REGOLAMENTO GARE. (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004) REGOLAMENTO GARE (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004) TITOLO PRIMO ORGANIZZAZIONE CAMPIONATI E TORNEI SEZIONE PRIMA ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 REGOLAMENTO UFFICIALE A cura della Commissione Tecnica Pallavolo CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE

Dettagli

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Comitato Provinciale di Modena FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Via Giardini, 470/H - 41124 Modena (MO) - Tel. 059/8752312 327 - Fax 059/8754944 email: giovanile @ fipav.mo.it Responsabile settore CRISTINA

Dettagli

Egregi Signori Presidenti,

Egregi Signori Presidenti, 1 Prot. n 103/15 Firenze, 25 giugno 2015 Spett.li Società FIPAV interessate Ai Presidenti Comitati FIPAV Toscana Ai Consiglieri C.R. Al Centro Qualificazione della Toscana Al Commissario Arbitri Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2014/2015 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

VADEMECUM PROVINCIALE. DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo. www.fipav.re.it. segreteria@fipav.re.it

VADEMECUM PROVINCIALE. DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo. www.fipav.re.it. segreteria@fipav.re.it VADEMECUM PROVINCIALE DEFINITIVO Le nuove disposizioni sono evidenziate in giallo Stag. Sport. 2014-2015 www.fipav.re.it segreteria@fipav.re.it Commissione Provinciale Gare FIPAV Reggio Emilia INDICE PUNTO

Dettagli

Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna. Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015

Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna. Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015 Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015 Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna

Dettagli

REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI SERIE C E D M/F 2015/2016

REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI SERIE C E D M/F 2015/2016 Via Ippolito D Aste 3/6 sc.sx 16121 Genova Tel. 0108370372 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net Genova, 01 luglio 2015 Prot. n.127/cogr REGOLAMENTO ED INDIZIONE CAMPIONATI REGIONALI

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello

wild card Nazionale di 1 livello Serie C maschile 12 unico unica Si - Serie C femminile 16 unico unica Si - Regionale di 2 livello CIRCOLARE di INDIZIONE CAMPIONATI - Stagione Sportiva 2014/2015 Il Comitato Regionale FIPAV del Friuli Venezia Giulia indice ed organizza, tramite la Commissione Organizzativa Gare Regionale, i Campionati

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

COMUNICATO MiniVolley n.1

COMUNICATO MiniVolley n.1 COMUNICATO MiniVolley n.1 del 3 Settembre 2015 FIPAV VERONA SEDE c/o STADIO BENTEGODI Piazzale Olimpia CURVA SUD CANCELLO E/20 37138 VERONA Tel 045/580192 - fax 045/580325 Rec. Corrispondenza c/0 PALASPORT

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

NORME ED INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI

NORME ED INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI FIPAV COMITATO PROVINCIALE SIRACUSA NORME ED INDIZIONE CAMPIONATI Regolamento ed Indizione Campionati Provinciali C.O.G.P. Fipav Siracusa Pagina 1 NORME GENERALI PER I CAMPIONATI DI 1ª DIVISIONE E CATEGORIA

Dettagli

DOAR 2010-2011 SERIE C REG. D B/F. Anno Sportivo 2010/2011. Serie C Regionale

DOAR 2010-2011 SERIE C REG. D B/F. Anno Sportivo 2010/2011. Serie C Regionale DOAR 2010-2011 SERIE C REG. D B/F UNDER nei campionati seniores regionali maschili Anno Sportivo 2010/2011 Serie C Regionale Serie D Minimo 3 Under 3 nati 1990 e seguenti Minimo 3 Under 3 nati 1990 e seguenti

Dettagli

Commissione Provinciale Gare

Commissione Provinciale Gare Stagione Agonistica 2015/2016 Regolamento Campionati Provinciali Indizione Campionati Provinciali 1^ Divisione M/F Indizione Campionati di Categoria M/F SOMMARIO Scadenze contributi da versare Informazioni

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 PROGRAMMA REGOLAMENTO La Federazione Italiana Tennis organizza la prima edizione del CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE DI PADDLE. 1. AMMISSIONE a) Al Campionato potranno

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 SERIE A Specialità RAFFA Pagina 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 SERIE A Specialità RAFFA Anno Sportivo 2015 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionati di Società 1 CAMPIONATO di SOCIETA SERIE A MASCHILE Vi partecipano di diritto le prime sei Società classificate nell anno agonistico

Dettagli

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE 1 2 TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS (edizione 2011 Atti ufficiali n. 4/2011) (aggiornamento Atti ufficiali n. 7/2011) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore beach tennis 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore

Dettagli

SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO. Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile

SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO. Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile Valido per la Stagione Sportiva 2015 2016 Settore Pallavolo: www.aicsfirenze.net - e-mail: pallavolomista@aicsfirenze.net

Dettagli

Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016

Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016 Circolare di Indizione dei Campionati di Basilicata Stagione Agonistica 2015-2016 Circolare di Indizione dei Campionati Regionali e Provinciali 2015/2016 Pagina 1 di 60 SOMMARIO Norme Generali... pag.

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie A potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI 1 Importanti novità! In questa edizione abbiamo introdotto la distinzione delle squadre iscritte in due categorie: Open e Amatori. I dettagli di ogni categoria li trovate nell articolo 5/A e 5/B. Ogni

Dettagli

36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI

36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI 36 TORNEO APPIO 2014 MEMORIAL MARIA PINZUTI La società A.S.D. Appio Roma Pallavolo in collaborazione con la A.S.D. Roma Centro e con i patrocini del Comitato Regionale Fipav Lazio e del Comitato Provinciale

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 COMITATO REGIONE LOMBARDIA Via Piranesi, 46 20137 Milano tel. 02 71093667 - fax 02 70.141.385 - e-mail: crlombardia@fisg.it Codice Fiscale 97016560159 - Partita IVA 05235981007 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 NORME ORGANIZZATIVE CAMPIONATI PROVINCIALI SERIE 1^ - 2^ - 3^ DIVISIONE Per quanto non contemplato nella presente circolare valgono integralmente

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2 maschile... 4 Articolo

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

CIRCOLARE INDIZIONE CAMPIONATI TERRITORIALI STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

CIRCOLARE INDIZIONE CAMPIONATI TERRITORIALI STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CIRCOLARE INDIZIONE CAMPIONATI TERRITORIALI STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 Federazione Italiana Pallavolo Comitato Territoriale Livorno-Grosseto Via Piemonte 52/A 57124 Livorno Tel. 0586-863040 Fax 0586-863040

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Bologna Via M.E.Lepido, 196/3-40133 Bologna. Tel. 051 6417987. Fax 051 406578. www.csibologna.it - calcio5@csibologna.it Seguici su facebook.com/csibologna GIRLS FUTSAL

Dettagli

INDIZIONE DEI CAMPIONATI PROVINCIALI 2012/2013

INDIZIONE DEI CAMPIONATI PROVINCIALI 2012/2013 Comunicato nr. 1 del 03.08.2012 Pag. 1 di 50 Comunicato Ufficiale n. 1 del 03 agosto 2012 INDIZIONE DEI CAMPIONATI PROVINCIALI 2012/2013 Il comunicato Ufficiale viene affisso all albo d ufficio e pubblicato

Dettagli

CONI - FIPAV FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Commissione Regionale Gare

CONI - FIPAV FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Commissione Regionale Gare CONI - FIPAV FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Commissione Regionale Gare CIRCOLARE D INDIZIONE DEI CAMPIONATI REGIONALI DI Circolare di indizione dei Campionati Regionali

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

TROFEO DELLE PROVINCE 2015. 2 Memorial GIANFRANCO MAZZA

TROFEO DELLE PROVINCE 2015. 2 Memorial GIANFRANCO MAZZA Prot. n. 28/15/cqr Ai Oggetto: KINDERIADI - Trofeo delle Province 2015. 2 Memorial Gianfranco Mazza. Ai Bologna, 24 febbraio 2015 Presidenti dei Comitati Provinciali FIPAV Emilia Romagna Referente Tecnico

Dettagli