LA CUPOLA DEL TEATRO MASSIMO: IL CONTEMPORANEO NEL 1876

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CUPOLA DEL TEATRO MASSIMO: IL CONTEMPORANEO NEL 1876"

Transcript

1 Meccanica dei Materiali e delle Strutture Vol. 2 (2012), no.2, pp ISSN: X Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali - DICAM LA CUPOLA DEL TEATRO MASSIMO: IL CONTEMPORANEO NEL 1876 Mario Di Paola *, Francesco Lo Iacono, Giacomo Navarra e Antonina Pirrotta * * Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale ed Aerospaziale (DICA) Università degli Studi di Palermo Viale delle Scienze, Palermo, Italy Facoltà di Ingegneria ed Architettura Università degli Studi di Enna Kore Cittadella Universitaria, Enna Bassa, Enna, Italy (Ricevuto 20 Marzo 2012, Accettato 02 Aprile 2012) Key words: Structural analysis, Finite elements methods. Parole chiave: Analisi strutturale, Metodo agli elementi finiti. Abstract. This paper shows how modern computational techniques can be used to determine the response of complex structures. These analytical tools, developed and disseminated through the use of personal computers, are now indispensable for understanding the real behavior of the systems analyzed. In the specific case study, the analysis of the static behavior of the steel frames dome of the Teatro Massimo Vittorio Emanuele in Palermo is presented. Sommario. Nel presente lavoro viene mostrato come le moderne tecniche di calcolo possano essere utilizzate per determinare la risposta di strutture complesse. Tali strumenti analitici, sviluppati e diffusi grazie all utilizzo dei calcolatori elettronici, sono oggi indispensabili per cogliere il reale comportamento dei sistemi analizzati. Nello specifico viene presentato il caso studio riguardante l analisi del comportamento statico della struttura metallica della cupola del Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo. 1 INTRODUZIONE Il Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo all atto della sua inaugurazione nel 1897 era uno dei tre maggiori teatri d Europa, insieme a quelli di Parigi e Vienna. Esso si estende su un area di circa metri quadrati mentre le dimensioni massime in pianta sono pari a 89 metri per la larghezza e a 129 metri per la lunghezza. L edificio, rappresentato nella Figura 1, essenzialmente monumentale nella scalinata sontuosa, è stato concepito come ornamento e decoro di una grande città europea. Per una esauriente trattazione delle vicende legate alla progettazione ed alla costruzione del Teatro si rimanda alla monografia dello stesso Architetto Basile [1], mentre i lavori riportati in [2] e [3] approfondiscono gli aspetti costruttivi con particolare riferimento all uso Meccanica dei Materiali e delle Strutture 2 (2012), 2, PP

2 dell acciaio come materiale strutturale. Il fine principale del presente lavoro è quello di confrontare il calcolo originario della cupola del Teatro Massimo V. E. di Palermo, condotto dall architetto G. B. F. Basile, con due diverse tipologie di modelli realizzati grazie all ausilio di un moderno codice di calcolo agli elementi finiti. Da tale confronto sarà possibile evidenziare la validità dei calcoli effettuati dall Architetto, nonostante gli esigui mezzi matematici dell epoca, ma soprattutto di apprezzare il genio compositivo e il forte senso strutturale del progettista stesso. Il lavoro nasce in seguito ad una campagna di indagini condotte nel 2008 dal C.I.DI.S. (Centro Interuniversitario di DInamica strutturale teorica e Sperimentale) al quale è stato affidato, da parte del Comune di Palermo, l incarico di verificare il permanere delle condizioni di stabilità delle strutture del Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo e di non pericolo per l incolumità pubblica. Il responsabile scientifico della convenzione è stato il Prof. Ing. Mario Di Paola, mentre il gruppo di ricerca completo è riportato in [4]. Le attività che si sono svolte durante quella campagna di indagini sono classificabili entro tre categorie: prove statiche per la misura delle deflessioni dei solai sotto i carichi di esercizio, prove vibrazionali volte alla determinazione del comportamento dinamico della cupola sommitale e prove volte al monitoraggio dello stato della corrosione delle strutture metalliche più esposte. Figura 1. Vista fotografica del Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo sormontato dalla cupola. Nella sezione 2 del presente lavoro viene descritta nel dettaglio la struttura della cupola e la sua progettazione. Le sezioni 3 e 4 sono dedicate allo studio della struttura mediante strumenti di analisi agli elementi finiti per l implementazione dei quali si è fatto ricorso al codice di calcolo SAP2000 v10. In particolare, nella sezione 3, si è studiato un modello piano simile a quello utilizzato dal Basile, ricavando le sollecitazioni che sono state messe a confronto con quelle trovate dall Architetto. Nella sezione 4 sono invece riportati i risultati ottenuti mediante l utilizzo di un modello Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

3 tridimensionale sviluppato con lo scopo di raggiungere un accuratezza maggiore che tenga conto dell effettivo comportamento spaziale della struttura reale. 2 LA STRUTTURA DELLA CUPOLA Il soffitto della sala, in lamiera dello spessore di 1,5 mm, su ossatura di ferri a T e a doppio T disposti radicalmente e ad anelli, poggia verso il perimetro sulle colonne in ghisa che rispondono ai tramezzi dei palchi, mentre nella parte centrale è sospeso per via di tiranti alle travi armate e composte che formano sostegno principale del solarone della scenografia. Questo solarone ha anch esso struttura incombustibile con ferri a doppio T e voltine in mattoni (G. B. F. Basile 1876). La cupola sommitale del Teatro Massimo è posta in corrispondenza verticale con la sala degli spettacoli. Dal punto di vista geometrico è costituita da una superficie di rivoluzione avente come generatrice una parabola cubica con vertice di altezza 8,22 metri e diametro del cerchio di base pari 28,73 metri. La struttura portante in acciaio, così come mostrato nella sezione della cupola con un piano verticale passante per un diametro di base e rappresentata in Figura 2, è composta da 16 archi radiali a sezione variabile a doppio T, da cinque anelli poligonali, e da 128 diagonali di controvento. Arconi radiali Anelli poligonali Diagonali di controvento Figura 2. Sezione della cupola. Ogni arco è costituito da quattro tratti aventi sezione variabile a doppio T come mostrato in Figura 3. Le sezioni trasversali dell arco sono costituite da flange di larghezza pari a 152 mm e piatti d anima di altezza variabile da un valore di 193 mm per il tratto di sommità ai 243 mm e 295 mm per i tratti intermedi, fino a 390 mm per il tratto di base. Ciascun tratto è collegato a quello seguente mediante lastre spesse 12 mm e chiodi di diametro 15 mm. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

4 Figura 3. Sezione trasversale dell arco. Gli anelli intermedi sono costituiti da profilati ad angolo di dimensione 80x80x14mm. L anello superiore è composto da una lamiera piatta di dimensione 181x13mm e da un angolare di 75x75x13mm. L anello inferiore è composto da un profilato piatto da 250x20mm. Ciascun anello è collegato agli archi attraverso delle piastre a tre ali con bulloni di 33mm che connettono anche le diagonali al sistema. Le diagonali di controvento sono costituite da barre a sezione circolare piena aventi diametro pari a 40mm ed estremità filettate che permettono la connessione tra i vari controventi, mediante un anello di diametro di 312mm, e la loro tesatura utilizzando dei dadi esagonali. (Figura 4). Figura 4. Particolare controventatura. La trasmissione degli sforzi dalla copertura alla struttura portante del teatro avviene per il tramite di opportuni appoggi originariamente progettati dal Basile come appoggi scorrevoli. Gli archi sono collegati agli appoggi attraverso due ferri angolari e una lastra di acciaio. Ciascun appoggio è costituito da cinque rulli in acciaio, aventi diametro di 90mm e posti a distanza di 26mm l uno dall altro, collegati tramite i loro assi ad un telaio di acciaio il tutto contenuto all interno di un cassone in ghisa a fondo piallato (Figura 5). Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

5 a) b) Figura 5. Sezione trasversale (a) e longitudinale (b) dell appoggio. In questo modo, pur aumentando la deformabilità della struttura, si consentiva uno spostamento orizzontale per effetto delle variazioni termiche garantendo la condizione di isostaticità. Oggi però, i rulli sono bloccati, a causa dei fenomeni di ossidazione e non assolvono più alla funzione per cui furono progettati (Figura 6). Figura 6. Un immagine degli appoggi nello stato in cui si presentavano al tempo delle prove effettuate. La copertura della cupola è realizzata con una lamiera di rame a squame spessa 2mm chiodata su di un tavolato il cui peso viene rinviato agli arconi in acciaio mediante appositi arcarecci in legno di pioppo, con sezione quadrata piena di 250x250mm. Questi ultimi sono fissati agli archi mediante ferri angolari 78x78x13mm bullonati con viti da 18mm di diametro. Sull estradosso della cupola si trova un fiorone di coronamento in bronzo con struttura portante in ferro, alto 7metri e del peso di 9600kg. Il Basile stesso si occupò del dimensionamento degli elementi strutturali della cupola attraverso schemi [5] e procedure semplificati, ma di elevato acume strutturale in relazione alle conoscenze dell epoca. In Figura 7 viene riportata una illustrazione originale del Basile in cui vengono evidenziati la forma della parabola cubica, i particolari della copertura, la disposizione planimetrica dei controventi ed un particolare del fiorone di coronamento. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

6 Figura 7. Particolare dell arco, del fiorone e della proiezione orizzontale. Nelle seguenti sezioni viene riportata l analisi statica ad elementi finiti della copertura considerando sia un modello piano, paragonabile a quello utilizzato dal Basile, sia un modello tridimensionale. 3 ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI MODELLO PIANO 3.1 Calcolo del carico sull arco Per valutare gli sforzi sul generico arco, è stato utilizzato uno schema strutturale modellato utilizzando il codice di calcolo SAP 2000NL v10. Posto un sistema di riferimento di assi x, z, lo schema strutturale è quello di un arco discretizzato in quattro aste e cinque nodi. Il nodo di sommità (nodo 1) è vincolato a muoversi nel piano nella sola direzione verticale lungo l asse z (vincolo di tipo bipendolo) mentre il nodo di base (nodo 5) è stato modellato come un appoggio fisso che permette le rotazioni della sezione iniziale dell asta ad esso connesso (Figura 8). Figura 8. Schema strutturale dell arco. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

7 I carichi previsti sono stati modellati come carico uniformemente distribuito pari al peso della copertura calcolata per metro quadrato di proiezione, così come indicato dal Basile. Al fine di pervenire ad un modello più aderente all effettiva distribuzione dei carichi, si utilizza un carico distribuito in modo trapezoidale. Va sottolineato che il calcolo originario di Basile è in difetto soprattutto per l ultimo tratto che ha un elevata inclinazione, per il quale la sua proiezione risulta essere circa la metà della reale lunghezza. Per ciascun arco è stata calcolata l area d influenza pari alla sedicesima parte dell area delle corone circolari formate dagli anelli come mostrato in Figura 9. I carichi applicati sull arco così determinati e desunti dal calcolo originario del Basile valgono 164kg/m 2 per la componente permanente e 78kg/m 2 per l aliquota accidentale. Il peso complessivo del fiorone è di 9600kg. La sedicesima parte di tale carico agisce come forza verticale sul punto 1 dello schema strutturale (Figura 11). L analisi statica è stata effettuata sia considerando i carichi distribuiti che concentrati. I risultati ottenuti sono stati ampiamente discussi in [10]. In questo articolo vengono riportati i risultati relativi all analisi condotta considerando lo schema con carichi concentrati riportato in Figura 10. Figura 9. Area di influenza dei carichi per ciascun arco. a) b) Figura 10. Schema dei carchi concentrati dovuti al peso della copertura (a) e al sovraccarico (b). Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

8 Figura 11. Schema dell arco caricato con la forza verticale dovuta al peso del fiorone. 3.2 Determinazioni degli sforzi sull arco Utilizzando il codice di calcolo agli elementi finiti (FEM) SAP 2000NL v10. con lo schema strutturale sopra descritto e trascurando inizialmente il peso proprio della struttura stessa, sono state determinate le caratteristiche delle sollecitazioni sull arco in termini di sforzo normale, momento flettente e taglio. Di seguito viene riportata la Tabella 1 nella quale vengono confrontate le sollecitazioni massime di sforzo assiale calcolate del Basile con quelle assiali, di taglio e momento, ottenute con il codice di calcolo del SAP2000. Calcolo Basile Calcolo SAP 2000 Asta Nmax Nmax Vmax Mmax [kg mm] Tabella 1: Confronto tra le sollecitazioni calcolate dal Basile e quelle ottenute con SAP2000. Confrontando lo sforzo assiale (Nmax) si nota che i risultati ottenuti con il modello agli elementi finiti differiscono di poco rispetto al calcolo originario del Basile per le prime due aste mentre per le ultime due la differenza aumenta. Sostanzialmente questa differenza è dovuta al fatto che Basile studia le aste singolarmente, al contrario del modello aglii elementi finiti mediante il quale il calcolo viene effettuato considerando l arco nella sua interezza seppure discretizzato in un numero discreto di elementi. 3.3 Determinazione delle caratteristiche geometriche ed inerziali della sezione Per ogni sezione proposta dal Basile, costituite da due angolari di 70x70x12mm, unite ad una lamiera di 12mm con altezza di h=158mm per la sezione dell asta 1, h=202mm per la sezione dell asta 2, h=242mm per la sezione dell asta 3, h=320mm per la sezione dell asta 4, sono state calcolate le caratteristiche geometriche ed inerziali riportate nella Tabella 2. In particolare sono state calcolate le aree, le distanze dei rispettivi baricentri dal lembo inferiore e i, i momenti statici rispetto all asse passante per il lembo inferiore S ed i momenti d inerzia rispetto all asse baricentrico I. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

9 Asta Area [mm 2 ] e i [mm] I [mm 4 ] S [mm 3 ] y lembo sup. [mm] y lembo inf. [mm] Tabella 2: Caratteristiche geometriche ed inerziali delle sezioni. 3.4 Verifica delle sezioni Da una valutazione dei diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione si evince che occorre verificare le sezioni d estremità dell arcata ma anche quella di mezzeria poiché, essendo travi snelle la flessione è la caratteristica della sollecitazione più gravosa. A tal proposito, si riporta la Tabella 3 con i valori delle sollecitazioni nelle sezioni considerate. Asta Sezione N V M [kg mm] L/ L L/ L L/ L L/ L Tabella 3: Valori delle sollecitazioni nelle sezioni lungo l arco. L architetto Basile verifica le sezioni solo a sforzo assiale prendendo come limite una 2 tensione ammissibile pari a σ amm = 6 Kg/mm, in questa analisi invece vengono valutate le tensioni ideali (Tabella 4) attraverso l equazione (1): σ σ 2 2 id = t33 + 3t32 amm dove t è la componente normale di tensione indotta sia dallo sforzo normale che dal 33 momento flettente, t 32 è la tensione tangenziale indotta dal taglio. (1) Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

10 Asta Sezione τ 33, TOT inf τ 33, TOT sup τ 32,ala τ 32,baric σ id, ala L/ L L/ L L/ L L/ L Tabella 4: Valori delle tensioni ideali comparate con la tensione ammissibile. σ amm Si noti che non tutti i valori delle tensioni ideali risultano inferiori al valore della tensione ammissibile σ amm presa in considerazione, ciò si verifica perchè la scelta di un modello di calcolo considerando uno schema strutturale piano non è idonea, in quanto non viene preso in considerazione il contributo degli altri elementi strutturali come gli arcarecci e i tiranti. Da qui l esigenza di un analisi statica attraverso un modello di calcolo tridimensionale che verrà descritta nel paragrafo successivo. 4 ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI MODELLO 3D 4.1 Schema strutturale Posto il sistema di riferimento della terna levogira x, y, z, la struttura portante della cupola è stata discretizzata con elementi frame perché più adatti a rappresentare lo stato deformativo e tensionale del modello. Il modello discretizzato è composto da 736 elementi frame (aste) e da 336 elementi joint (nodi), in Figura 12 e Figura 13 sono riportate la vista assonometria, la proiezione orizzontale e la vista frontale dello schema di calcolo della cupola. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

11 Figura 12. Vista assonometrica dello schema strutturale 3D utilizzato per discretizzare la cupola. a) b) Figura 13. a) Proiezione orizzontale e b) vista frontale dello schema strutturale 3D utilizzato per discretizzare la cupola. Allo scopo di meglio approssimare il comportamento reale della cupola e considerato che i vincoli esterni (appoggi) risultano bloccati non permettendo spostamenti in direzione radiale, i vincoli introdotti nello schema di calcolo sono degli appoggi fissi, che alla base consentono rotazioni aventi asse in direzione tangenziale ma impediscono traslazioni in direzione radiale. Gli elementi analitici che modellano gli arcarecci, i controventi e gli elementi degli anelli poligonali, date le inerzie flessionali contenute degli elementi strutturali e le tipologie delle connessioni utilizzate, sono stati considerati come aste incernierate alle estremità. I vincoli interni sono quindi in grado di trasmettere sforzo normale e azioni taglianti ma non di trasferire momenti. Come per il modello piano, la distribuzione dei carichi esterni è stata modellata come un carico ripartito in modo trapezoidale sulla reale lunghezza dell arco. I carichi permanenti e variabili sono stati ripartiti in base alle proprie aree di influenza ed applicati ai nodi della struttura come forze concentrate i cui valori sono riportati in Figura 14, Figura 15 e Figura 16. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

12 Figura 14. Distribuzione dei carichi concentrati dovuti al peso della copertura. Figura 15. Distribuzione dei carichi concentrati dovuti al sovraccarico variabile. Figura 16. Distribuzione dei carichi concentrati dovuti al fiorone. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

13 4.2 Risultati dell analisi statica Data la simmetria radiale della struttura l attenzione verrà concentrata su alcuni elementi strutturali rappresentativi come uno degli archi e gli elementi ad esso afferenti, come meglio descritto dalla Figura 17. Figura 17. Elementi strutturali rappresentativi. Utilizzando il codice di calcolo SAP 2000NL v10. con lo schema strutturale sopra descritto e considerando inoltre il peso proprio della struttura stessa, si sono determinate le caratteristiche delle sollecitazioni in termini di sforzo normale, momento flettente e taglio. In Figura 18, Figura 19 e Figura 20 vengono riportati rispettivamente l andamento dello sforzo normale, dello sforzo di taglio e del momento flettente, i cui valori per ogni tratto, sono riportati in Tabella 5. Figura 18. Andamento dello sforzo normale, vista 3D. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

14 Figura 19. Andamento dello sforzo di taglio, vista 3D. Figura 20. Andamento del momento flettente, vista 3D. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

15 Asta Tratto Sezione N I II III I II III IV I II III IV I II III V M [kg mm] L/ L/ L/ L/ L L/ L/ L/ L/ L/ L/ L L/ L/ L/ L/ L/ L/ L L/ L/ L/ L/ L Tabella 5: Valori delle caratteristiche di sollecitazioni lungo le aste. 4.3 Verifica delle sezioni degli elementi strutturali Dall esame delle caratteristiche di sollecitazione ottenute dal calcolo agli elementi finiti è stato possibile determinare le sezioni maggiormente sollecitate per le quali si è proceduto con l analisi dello stato di tensione e la conseguente verifica del rispetto delle condizioni di sicurezza. In particolare, in questo caso specifico, per rispettare i limiti per la sicurezza sono state considerate tutte le sezioni che corrispondono ai punti estremi degli elementi in cui è stato suddiviso l arco principale. Di seguito è riportata la Tabella 6 composta dai valori delle sollecitazioni nelle sezioni in esame. Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

16 Asta Sezione N Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP V M [kg mm] L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L Tabella 6: Valori delle sollecitazioni nelle sezioni in esame. Determinate le sezione maggiormente sollecitate, sono stati calcolati i valori delle tensioni ideali σ, secondo l equazione (1), in modo analogo al caso studiato nel paragrafo 3.4, id (Tabella 7). Asta Sezione τ 33, TOT inf τ 33, TOT sup τ 32,ala τ 32,baric σ id, ala L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L/ L Tabella 7: Valori delle tensioni ideali comparate con la tensione ammissibile. σ amm Le sezioni risultano ampiamente verificate, questo risultato mette in evidenza la necessità

17 di un modello tridimensionale per realmente interpretare il comportamento strutturale della cupola. 5 CONCLUSIONI È stata presentata l analisi strutturale della cupola del Teatro Massimo V: E. di Palermo allo scopo di determinare lo stato di sollecitazione della struttura e di effettuare un confronto con i risultati del calcolo originario dell architetto G. B. F. Basile. Tale calcolo, nella seconda metà dell 800, mostra agli occhi di un osservatore moderno tutti i limiti tecnici e di calcolo dell epoca. Nondimeno esso, può, rappresentare un mirabile esempio di ingegneria. Il Basile, infatti, poteva solo verificare lo sforzo assiale con metodi semplificati, ma è stato in grado di cogliere gli aspetti statici fondamentali con risultati sorprendenti paragonabili a quelli ottenuti utilizzando un modello matematico sofisticato. È riuscito quindi a progettare e realizzare una struttura che ancora oggi è fonte di ispirazione e ammirazione, da essere considerata il contemporaneo nel BIBLIOGARFIA [1] G.B.F. Basile, Sulla costruzione del teatro Massimo Vittorio Emanuele in Palermo, Palermo [2] G. Fatta, Il ferro nelle tecniche costruttive del Teatro Massimo V.E. di Palermo, Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo, (1993) n 1 [3] N. Scibilia, Le Strutture in Acciaio del Teatro Massimo di Palermo, (1991) XIII Congresso C.T.A Abano Terme (PD). [4] M. Di Paola, G.Campione, A. Pirrotta, G. Navarra, F. Lo Iacono, G. Barone, F.Marino. Convenzione stipulata tra il C.I.Di.S. (Centro Interuniversitario di DInamica strutturale teorica e Sperimentale) ed il Comune di Palermo: Verifica del permanere delle condizioni di stabilità delle strutture del Teatro Massimo di Palermo e di non pericolo per l incolumità pubblica Allegato B, Palermo 30 aprile [5] G.B.F. Basile, Calcolo di stabilità della cupola del teatro Massimo di Palermo, Tipografia Lao, Palermo 1876; [6] G. Muscolino, Dinamica delle Strutture, McGraw-Hill Italia, Milano, [7] R. W. Clough e J. Penzien, Dynamic of Structures, Computer and Structures Inc, Berkerly, California, USA, [8] J. S. Bendat e A. G. Piersol, Random Data: Analysis and measurement procedures, John Wiley & Sons, New York, USA, [9] N.M.M. Maia e J.M.M. Silva Theoretical and Experimental Modal Analysys, Research Studies Press LTD, UK, [10] F. Messina Analisi strutturale della cupola del Teatro Massimo V.E., Tesi di Laurea, Meccanica dei Materiali e delle Strutture 21 (2012), 2, PP

Calcolo delle aste composte

Calcolo delle aste composte L acciaio. Strutture in acciaio 1 Calcolo delle aste composte Calcolo della snellezza equivalente La snellezza equivalente viene calcolata con le seguenti relazioni: aste calastrellate: λ eq λ y + λ 1

Dettagli

Calcolo dei calastrelli e delle diagonali

Calcolo dei calastrelli e delle diagonali 1 Calcolo dei calastrelli e delle diagonali La funzione dei calastrelli e delle diagonali è quella di conferire un elevata rigidità all asta composta, con una notevole limitazione della sua inflessione

Dettagli

modulo D L acciaio Gruppo III

modulo D L acciaio Gruppo III 1 Calcolo dei pilastri composti Pilastri (o aste) composti Calcolo della snellezza equivalente La snellezza equivalente viene calcolata con le seguenti relazioni: aste calastrellate: λ eq = λ y2 + λ 1

Dettagli

Con riferimento alla trave reticolare rappresentata in figura, determinare gli sforzi nelle aste. Equilibrio alla rotazione intorno a Q :

Con riferimento alla trave reticolare rappresentata in figura, determinare gli sforzi nelle aste. Equilibrio alla rotazione intorno a Q : UIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Facolta di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 0/0 Corso di Tecnica delle Costruzioni Prof. Gianmarco de Felice ESERCITAZIOE COSTRUZIOI I ACCIAIO:

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA' DI INGEGNERIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA' DI INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI TEORIA E PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI IN ACCIAIO PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN CAPANNONE CON STRUTTURA METALLICA IN ACCIAIO NEL

Dettagli

INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI... XIX STRUTTURE LINEARI PIANE ISOSTATICHE Strutture lineari piane Strutture lineari spaziali...

INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI... XIX STRUTTURE LINEARI PIANE ISOSTATICHE Strutture lineari piane Strutture lineari spaziali... INDICE INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI............ XIX VOLUME I STRUTTURE LINEARI PIANE ISOSTATICHE CAP. 1 TIPOLOGIE STRUTTURALI.......... 1 1.1 DEFINIZIONI.................. 1 1.2 STRUTTURE LINEARI...............

Dettagli

Tesina UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA F 1. π/4

Tesina UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA F 1. π/4 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-ESCARA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA SECIALISTICA, CORSI DI LAUREA TRIENNALI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI E TEORIA DELLE STRUTTURE (Canali B,C) a.a.

Dettagli

STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI PROTEZIONE PER ESCAVATORI

STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI PROTEZIONE PER ESCAVATORI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA Tesi di laurea in Disegno Tecnico Industriale STUDIO ED OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI PROTEZIONE PER ESCAVATORI

Dettagli

Flessione semplice. , il corrispondente raggio di curvatura R del tubo vale:

Flessione semplice. , il corrispondente raggio di curvatura R del tubo vale: Esercizio N.1 Il tubo rettangolare mostrato è estruso da una lega di alluminio per la quale σ sn = 280 MPa e σ U = 420 Mpa e E = 74 GPa. Trascurando l effetto dei raccordi, determinare (a) il momento flettente

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Ingegneria e Architettura. Fondamenti di Costruzioni Meccaniche Tensioni tangenziali

Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Ingegneria e Architettura. Fondamenti di Costruzioni Meccaniche Tensioni tangenziali Esercizio N.1 Una trave è fabbricata con tre tavole di legno di sezione trasversale 20 mm x 100 mm, inchiodate l una all altra. Sapendo che lo spazio tra i chiodi è di 25 mm e che il taglio verticale nella

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-BRAVO 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-BRAVO 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-BRAVO 2,00 X 2,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 26846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PROV. DI BARLETTA ANDRIA TRANI

COMUNE DI BARLETTA PROV. DI BARLETTA ANDRIA TRANI COMUNE DI BARLETTA PROV. DI BARLETTA ANDRIA TRANI Tav. 2/Str. RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURE SECONDARIE E APERTURA BOTOLE A SOLAIO/VARCHI ESISTENTI RELAZIONE DI CALCOLO A.3 OGGETTO: LAVORI DI RECUPERO

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Punti 9)

ESERCIZIO 1 (Punti 9) UNIVERSITA DI PISA - ANNO ACCADEMICO 007-8 CORSO DI LAUREA IN ING. ELETTRICA (N.O.) CORSO DI MECCANICA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE VERIFICA INTERMEDIA DEL 15-06-009 ESERCIZIO 1 (Punti 9) Data

Dettagli

CALCOLO AGLI S.L.U. DI CAPRIATA IN LEGNO TIPO PALLADIO (ai sensi del D.M. 14/01/2008)

CALCOLO AGLI S.L.U. DI CAPRIATA IN LEGNO TIPO PALLADIO (ai sensi del D.M. 14/01/2008) CALCOLO AGLI S.L.U. DI CAPRIATA IN LEGNO TIPO PALLADIO (ai sensi del D.M. 14/01/2008) Editare descrizione: es. Il solaio di copertura sarà portato da capriate in legno del tipo alla Palladio con estremi

Dettagli

Verifiche di deformabilità e di stabilità degli elementi inflessi

Verifiche di deformabilità e di stabilità degli elementi inflessi modulo D L acciaio Unità Il metodo alle tensioni ammissibili 1 Verifiche di deformabilità e di stabilità degli elementi inflessi Verifica nei confronti dello svergolamento (instabilità laterale) Esaminiamo

Dettagli

Edifici in muratura. L edificio soggetto a carichi verticali. Catania, 21 aprile 2004 Bruno Calderoni. DAPS, Università di Napoli Federico II

Edifici in muratura. L edificio soggetto a carichi verticali. Catania, 21 aprile 2004 Bruno Calderoni. DAPS, Università di Napoli Federico II Edifici in muratura L edificio soggetto a carichi verticali Catania, 21 aprile 2004 Bruno Calderoni DAPS, Università di Napoli Federico II L edificio del D.M. 20/11/87 L edificio della 3 a classe. La normativa

Dettagli

CALCOLO AGLI S.L.U. DI SOLAIO CON TRAVI IN LEGNO (ai sensi del D.M. 14/01/2008)

CALCOLO AGLI S.L.U. DI SOLAIO CON TRAVI IN LEGNO (ai sensi del D.M. 14/01/2008) CALCOLO AGLI S.L.U. DI SOLAIO CON TRAVI IN LEGNO (ai sensi del D.M. 14/01/2008) I solai del fabbricato in oggetto avranno struttura portante costituita da travi in legno.. e soprastante Caratteristiche

Dettagli

Agostinetti Piero (425902/IM)

Agostinetti Piero (425902/IM) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica LABORATORIO DI ANALISI STRUTTURALE CON ANSYS 5.6: VERIFICHE STRUTTURALI PER IL BILANCERE DELLA PIATTAFORMA

Dettagli

Prove sperimentali a rottura di travi rettangolari in cemento armato con staffatura tipo Spirex e staffatura tradizionale

Prove sperimentali a rottura di travi rettangolari in cemento armato con staffatura tipo Spirex e staffatura tradizionale Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE LABORATORIO PROVE STRUTTURE E MATERIALI Via di Santa Marta, 3-50139 Firenze Prove sperimentali a rottura di travi rettangolari

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI (72 ore, Marzo 2015 Maggio 2015)

TECNICA DELLE COSTRUZIONI (72 ore, Marzo 2015 Maggio 2015) UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE ANNO ACCADEMICO 2014-15 TECNICA DELLE COSTRUZIONI (72 ore, Marzo 2015 Maggio 2015) FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA CIVILE OBIETTIVI DEL CORSO fornire

Dettagli

Esercizio su sforzi tangenziali indotti da taglio T in trave inflessa

Esercizio su sforzi tangenziali indotti da taglio T in trave inflessa Esercizio su sforzi tangenziali indotti da taglio T in trave inflessa t = 15 h = 175 Si consideri la sezione rappresentata in figura (sezione di trave inflessa) sulla quale agisca un taglio verticale T

Dettagli

CORSO DI MODELLAZIONE STRUTTURALE

CORSO DI MODELLAZIONE STRUTTURALE CORSO DI MODELLAZIONE STRUTTURALE Prof. Ing. Mario Pasquino a.a. 2012-2013 Esercitazioni mediante SAP2000 Tutor: dott. ing. Donato Cancellara Es. 1 (influenza della deformabilità tagliante: calcolo manuale

Dettagli

Applicazione all impianto sportivo di Castelnuovo dei Sabbioni.

Applicazione all impianto sportivo di Castelnuovo dei Sabbioni. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE TESI DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA CIVILE ANNO ACCADEMICO 2007/2008 SINTESI DI: Progettazione di coperture ad archi in legno. Applicazione all impianto sportivo di

Dettagli

Tipologie e calcolo delle travi armate

Tipologie e calcolo delle travi armate Unità I ponti in legno Tipologie e calcolo delle travi armate Trave principale armata con due contraffissi La trave principale armata con due contraffissi [fig. ] viene adottata per luci sino a,00 5,00

Dettagli

-&3%/ Per quanto riguarda il valore delle portate massime che si intende applicare ai cassetti, la situazione è riassunta dalla seguente tabella;

-&3%/ Per quanto riguarda il valore delle portate massime che si intende applicare ai cassetti, la situazione è riassunta dalla seguente tabella; !"# #$$#"%&'( (##"# )**&)+,)-!./0)*1110,)-!./0)*!"# #$$#"%&'( (##"# *&)23+-0-4--56 %--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di definire e di verificare la situazione dei carichi e delle

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Architettura Anno accademico: 2005-2006 LABORATORIO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Prof.Ing. Raffaele Landolfo PROVA INTERCORSO PROGETTO DI UNA PASSERELLA

Dettagli

Solai e solette con armatura incrociata

Solai e solette con armatura incrociata modulo B3 Le strutture in cemento armato Unità Elementi strutturali verticali e orizzontali Solai e solette con armatura incrociata I solai e le solette che presentano una armatura resistente in una sola

Dettagli

RELAZIONE ESERCITAZIONI AUTODESK INVENTOR

RELAZIONE ESERCITAZIONI AUTODESK INVENTOR 20 Ottobre 2015 RELAZIONE ESERCITAZIONI AUTODESK INVENTOR Corso di Costruzione di Macchine e Affidabilità C.d.L.M. in Ingegneria Meccanica Docente: Prof.ssa Cosmi Francesca Assistente: Dott.ssa Ravalico

Dettagli

INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI... XIX CAP. 1 METODO DELLE FORZE E METODO DEGLI SPOSTAMENTI PREMESSE IL METODO DELLE FORZE...

INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI... XIX CAP. 1 METODO DELLE FORZE E METODO DEGLI SPOSTAMENTI PREMESSE IL METODO DELLE FORZE... INDICE INTRODUZIONE AI DUE VOLUMI............ XIX VOLUME II CAP. 1 METODO DELLE FORZE E METODO DEGLI SPOSTAMENTI.............. 1 1.1 PREMESSE.................. 1 1.2 IL METODO DELLE FORZE............ 2

Dettagli

EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO. Il modello strutturale e gli schemi statici degli elementi strutturali

EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO. Il modello strutturale e gli schemi statici degli elementi strutturali EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO Il modello strutturale e gli schemi statici degli elementi strutturali La struttura illustrata nella fig 1 è costituita da un telaio tridimensionale: gli elementi portanti verticali

Dettagli

SLU PER TAGLIO 127. Si consideri una trave in c.a., isostatica, soggetta in mezzeria ad una forza F = 20 tonn.

SLU PER TAGLIO 127. Si consideri una trave in c.a., isostatica, soggetta in mezzeria ad una forza F = 20 tonn. SLU PER TAGLIO 127 Esempio n. 33 - Verifica a taglio e flessione, allo stato limite ultimo e confronto con i risultati prodotti dall uso del metodo delle tensioni ammissibili SVOLGIMENTO Si consideri una

Dettagli

DIMENSIONAMENTO STATICO CAPRIATA IN LEGNO LAMELLARE

DIMENSIONAMENTO STATICO CAPRIATA IN LEGNO LAMELLARE DIMENSIONAMENTO STATICO CAPRIATA IN LEGNO LAMELLARE ANALISI DEI CARICHI COPERTURA Carichi permanenti MATERIALI Peso (kg/mq) Manto di copertura in tegole 80 Guaina e supporto 5 Tavolato 0.025x600 15 Massetto

Dettagli

AICAP - ASSOCIAZIONE ITALIANA CALCESTRUZZO ARMATO E PRECOMPRESSO

AICAP - ASSOCIAZIONE ITALIANA CALCESTRUZZO ARMATO E PRECOMPRESSO AICAP - ASSOCIAZIONE ITALIANA CALCESTRUZZO ARMATO E PRECOMPRESSO Guida all uso dell Eurocodice 2 nella progettazione strutturale Facoltà di Ingegneria - Università degli Studi di Pisa Pisa, 26 Gennaio

Dettagli

Indice I vettori Geometria delle masse

Indice I vettori Geometria delle masse Indice 1 I vettori 1 1.1 Vettori: definizioni................................ 1 1.2 Componenti scalare e vettoriale di un vettore secondo una retta orientata. 2 1.3 Operazioni di somma, differenza tra

Dettagli

Il punzonamento. Catania, 18 marzo 2004 Pier Paolo Rossi

Il punzonamento. Catania, 18 marzo 2004 Pier Paolo Rossi Il punzonamento Catania, 18 marzo 2004 Pier Paolo Rossi PUNZONAMENTO 4.3.4 Generalità. Il punzonamento può risultare da un carico concentrato o da una reazione agente su un area relativamente piccola di

Dettagli

Giacomo Sacco Appunti di Costruzioni Edili

Giacomo Sacco Appunti di Costruzioni Edili Giacomo Sacco Appunti di Costruzioni Edili Le tensioni dovute a sforzo normale, momento, taglio e a pressoflessione. 1 Le tensioni. Il momento, il taglio e lo sforzo normale sono le azioni che agiscono

Dettagli

IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE E LE SUE PROPRIETA MECCANICHE

IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE E LE SUE PROPRIETA MECCANICHE Corso di formazione: SISTEMI COSTRUTTIVI DI COPERTURA IN LEGNO LAMELLARE Ordine degli Ingegneri di Napoli 5 e 6 maggio 2014 IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE E LE SUE PROPRIETA MECCANICHE Parte 2: IL

Dettagli

1 PREMESSA MATERIALI INQUADRAMENTO NORMATIVO PREDIMENSIONAMENTO DELL IMPALCATO... 8

1 PREMESSA MATERIALI INQUADRAMENTO NORMATIVO PREDIMENSIONAMENTO DELL IMPALCATO... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 MATERIALI... 5 3 INQUADRAMENTO NORMATIVO... 6 4 PREDIMENSIONAMENTO DELL IMPALCATO... 8 4.1 ANALISI DEI CARICHI... 8 4.2 RISULTATI... 10 5 PREDIMENSIONAMENTO DELLE SPALLE... 14

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sollecitazioni semplici PARTE TERZA. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sollecitazioni semplici PARTE TERZA. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste PARTE TERZA Sollecitazioni semplici Corsi di Laurea

Dettagli

Dinamica delle Strutture

Dinamica delle Strutture Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Civile e per l Ambiente e il Territorio Dinamica delle Strutture Prof. Adolfo SANTINI Ing. Francesco NUCERA Prof. Adolfo Santini - Dinamica delle Strutture 1 Dinamica

Dettagli

LA PRECOMPRESSIONE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO PARTE II LE STRUTTURE A GRANDI LUCI

LA PRECOMPRESSIONE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO PARTE II LE STRUTTURE A GRANDI LUCI Viale Kennedy 4 90014 Casteldaccia (PA) www.ingegneriasolazzo.it LA PRECOMPRESSIONE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO PARTE II LE STRUTTURE A GRANDI LUCI L esigenza di creare dei grandi open space, per eventi

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE IPERSTATICHE

ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE IPERSTATICHE ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE IPERSTATICHE 1 PROVA SCRITTA 11 gennaio 2013 - Esercizio 2 Data la struttura di figura, ricavare le equazioni delle azioni interne (M, N, T) e tracciarne

Dettagli

STRUTTURE LAMELLARI RINFORZATE CON CUCITURE

STRUTTURE LAMELLARI RINFORZATE CON CUCITURE Università IUAV di Venezia Dorsoduro, 2206 barbieri@iuav.it in collaborazione con LabSCo (Laboratorio di Scienza delle Costruzioni) Venezia, 26 settembre 2008 1/34 PRESUPPOSTI: collaborazione tra MONDO

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Ingegneria e Architettura. Fondamenti di Costruzioni Meccaniche Tensione e deformazione Carico assiale

Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Ingegneria e Architettura. Fondamenti di Costruzioni Meccaniche Tensione e deformazione Carico assiale Esercizio N.1 Un asta di acciaio è lunga 2.2 m e non può allungarsi più di 1.2 mm quando le si applica un carico di 8.5 kn. Sapendo che E = 200 GPa, determinare: (a) il più piccolo diametro dell asta che

Dettagli

modulo D L acciaio Le coperture Calcolo della capriata

modulo D L acciaio Le coperture Calcolo della capriata 1 ESERCIZIO SVOLTO Le coperture Calcolare una delle capriate in acciaio S35 relative alla copertura del capannone industriale considerato nell Esercizio svolto 6 del Volume 4 (Modulo D, Unità 4) con la

Dettagli

L ACCIAIO. Costruzione delle Opere di Architettura A Prof. Arch. Alessandro Claudi de Saint Mihiel

L ACCIAIO. Costruzione delle Opere di Architettura A Prof. Arch. Alessandro Claudi de Saint Mihiel Università degli Studi di Napoli Federico II _Dipartimento di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Architettura 5UE_A.A.2015/2016 L ACCIAIO Costruzione delle Opere di Architettura A Prof. Arch. Alessandro

Dettagli

4 SOLLECITAZIONI INDOTTE. 4.1 Generalità

4 SOLLECITAZIONI INDOTTE. 4.1 Generalità 4 SOLLECITAZIONI INDOTTE 4.1 Generalità Le azioni viste inducono uno stato pensionale interno alla struttura e all edificio che dipende dalla modalità con cui le azioni si esplicano. Le sollecitazioni

Dettagli

CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ESERCITAZIONE n 5 del 4/12/2015 PARTE 1: CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI SULLA TRAVE RETICOLARE

CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ESERCITAZIONE n 5 del 4/12/2015 PARTE 1: CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI SULLA TRAVE RETICOLARE CORSO DI TECICA DELLE COSTRUZIOI ESERCITAZIOE n 5 del 4//05 PARTE : CALCOLO DELLE SOLLECITAZIOI SULLA TRAVE RETICOLARE.) TRAVI RETICOLARI Il generico carico concentrato P è ottenuto moltiplicando il carico

Dettagli

Dettagli costruttivi - scale

Dettagli costruttivi - scale Dettagli costruttivi - scale http://efficienzaenergetica.ediliziain rete.it/produzioni/scale-cls 3/21/2014 42 Dettagli costruttivi 3/21/2014 43 Scala a soletta rampante gradini riportati pianerottolo 20

Dettagli

Key features: elementi in legno

Key features: elementi in legno Key features: elementi in legno è un software per il calcolo strutturale ad elementi finiti. Prevede l input di elementi in legno ma anche di fondazioni in cemento armato, la modellazione ad elementi finiti

Dettagli

Lezione 9. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni)

Lezione 9. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Lezione 9 Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Sistemi costruttivi Sistemi costruttivi Capitolo 5 6 7 8 9 10 11 Sistema costruttivo Edifici con struttura in cemento armato Edifici con struttura

Dettagli

1 Schema di funzionamento di un edificio monopiano con copertura a capriate

1 Schema di funzionamento di un edificio monopiano con copertura a capriate 1 Schema di funzionamento di un edificio monopiano con copertura a capriate 1.1 Descrizione Si tratta di una struttura monopiano in acciaio a pianta rettangolare con struttura di copertura realizzata mediante

Dettagli

Lezione 4 acciaio: L acciaio da costruzione i collegamenti fra elementi

Lezione 4 acciaio: L acciaio da costruzione i collegamenti fra elementi Temec Acciaio Lezione 4 acciaio: L acciaio da costruzione i collegamenti fra elementi Prof. Maria Chiara Torricelli Università di Firenze Collegamenti per chiodatura, bullonatura, saldatura 03/12/2015

Dettagli

SOLUZIONE DELLA TRACCIA N 2

SOLUZIONE DELLA TRACCIA N 2 SOLUZIONE DELLA TRACCIA N La presente soluzione verrà redatta facendo riferimento al manuale: Caligaris, Fava, Tomasello Manuale di Meccanica Hoepli. - Studio delle sollecitazioni in gioco Si calcolano

Dettagli

modulo D I ponti I ponti in acciaio Calcolo degli assoni

modulo D I ponti I ponti in acciaio Calcolo degli assoni ESERCIZIO SVOLTO I ponti in acciaio Per il collegamento di due aree destinate a parco pubblico, fra loro separate da una strada larga 9,00 m, si deve realizzare una passerella pedonale in acciaio con la

Dettagli

MST.1.01 Sia dato il portale in figura, con il trasverso BC indeformabile ed i montanti di rigidezza EJ.

MST.1.01 Sia dato il portale in figura, con il trasverso BC indeformabile ed i montanti di rigidezza EJ. Meccanica delle strutture Componenti di spostamento Sistemi iperstatici di travi Linea elastica e metodo di Ritz. Componenti di spostamento in sistemi isostatici di travi MST.1.01 Sia dato il portale in

Dettagli

Pilastri con avvolgimento a spirale

Pilastri con avvolgimento a spirale metodo alle tensioni ammissibili Unità Sforzo normale di compressione semplice Pilastri con avvolgimento a spirale Calcolo di progetto L area ideale resistente A i,c del pilastro con avvolgimento a spirale

Dettagli

Analisi di un edificio in muratura

Analisi di un edificio in muratura POR 2000 Analisi di un edificio in muratura Calcolo, Controllo dei Risultati Globali, Verifiche dei Meccanismi Locali e Proposte di Interventi di Miglioramento Sismico secondo le Ntc (III parte) www. ABSTRACT

Dettagli

LEZIONE N 48 ELEMENTI TOZZI

LEZIONE N 48 ELEMENTI TOZZI LEZIONE N 48 ELEMENTI TOZZI Nelle strutture tozze, quali ad esempio le mensole, le seggiole di appoggio di travi, i plinti alti, ecc.., lo stato tensionale all interno dell elemento si discosta considerevolmente

Dettagli

ANALISI STATICA RELATIVA ALLA CADUTA LIBERA DI UN OPERATORE IN FASE DI MONTAGGIO DELLA STRUTTURA METALLICA

ANALISI STATICA RELATIVA ALLA CADUTA LIBERA DI UN OPERATORE IN FASE DI MONTAGGIO DELLA STRUTTURA METALLICA OGGETTO: ANALISI STATICA RELATIVA ALLA CADUTA LIBERA DI UN OPERATORE IN FASE DI MONTAGGIO DELLA STRUTTURA METALLICA PREMESSA L analisi strutturale è stata effettuata con lo scopo di valutare il valore

Dettagli

4. Travi di fondazione

4. Travi di fondazione 4. Travi di fondazione Esempi Nelle applicazioni che seguono la fondazione è modellata come una trave continua appoggiata in corrispondenza dei pilastri e soggetta al carico lineare proveniente dal terreno

Dettagli

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti DISTART DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE STRUTTURE, DEI TRASPORTI, DELLE ACQUE, DEL RILEVAMENTO, DEL TERRITORIO LABORATORIO PROVE STRUTTURE Bologna, 1//3 Pos. 73/3 Misure di spostamento e deformazione

Dettagli

TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI STRUTTURA

TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI STRUTTURA CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003, 08 aprile 21 maggio 2004 TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI STRUTTURA 1 LIVELLI DI PROTEZIONE SISMICA 2.5 Le costruzioni

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Relazione di calcolo opere in cemento armato

PROGETTO ESECUTIVO. Relazione di calcolo opere in cemento armato AMSA Spa Azienda Milanese Servizi Ambientali Sede legale e amministrativa Via Olgettina, 25 20132 Milano MI Tel. 02-27298.1 Fax. 02-26300911 E mail: amsa@amsa.it http://www.amsa.it REALIZZAZIONE DI PARCHEGGIO

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI L'albero di trasmissione è l'organo rotante di una macchina che ha la funzione di trasmettere o ricevere coppie motrici (o resistenti) tra gli

Dettagli

Le unioni. 5 L acciaio 5.3 Strutture in acciaio. Unioni con chiodi. Unioni con perni. Unioni con bulloni

Le unioni. 5 L acciaio 5.3 Strutture in acciaio. Unioni con chiodi. Unioni con perni. Unioni con bulloni 1 Le unioni Unioni con chiodi È il sistema di collegamento più antico, ma è in disuso in quanto sostituito dalle unioni bullonate o saldate, per cui si può ritrovare solo su vecchie strutture in acciaio.

Dettagli

INDICE. Pag. STRUTTURA IN ELEVAZIONE

INDICE. Pag. STRUTTURA IN ELEVAZIONE INDICE STRUTTURA IN ELEVAZIONE Pag. 1. Considerazioni preliminari 9 1.1. Descrizione generale dell opera 9 1.2. Schema strutturale 9 1.3. Durabilità strutturale 10 1.4. Criteri di calcolo 11 1.4.1. Combinazione

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESTENSIMETRIA

ESERCITAZIONE 1 ESTENSIMETRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI MECCANICA, CHIMICA E MATERIALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA ESERCITAZIONE 1 ESTENSIMETRIA Relazione del

Dettagli

Progetto di un Telaio Piano in C.A.

Progetto di un Telaio Piano in C.A. Seconda Esercitazione Progettuale Progetto di un Telaio Piano in C.A. Analisi delle Sollecitazioni secondo il Metodo di Cross con vincoli ausiliari Seconda Esercitazione Progettuale (EP2) ~ 1 ~ a cura

Dettagli

CALCOLO DELLE SEZIONI IN C.A.

CALCOLO DELLE SEZIONI IN C.A. CALCOLO DELLE SEZIONI IN C.A. Stato limite SLD Per le costruzioni ricadenti in classe d uso I e II si deve verificare che l azione sismica di progetto non produca agli elementi costruttivi senza funzione

Dettagli

Ing. Mauro Andreolli RICERCA E SPERIMENTAZIONE SU GIUNTI SEMIRIGIDI CON BARRE INCOLLATE PER GRANDI STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

Ing. Mauro Andreolli RICERCA E SPERIMENTAZIONE SU GIUNTI SEMIRIGIDI CON BARRE INCOLLATE PER GRANDI STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE RICERCA E SPERIMENTAZIONE SU GIUNTI SEMIRIGIDI CON BARRE INCOLLATE PER GRANDI STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE con il patrocinio di: Ing. Mauro Andreolli La progettazione di edifici di grandi dimensioni per

Dettagli

3 Geometria delle masse e momento di 2 ordine 3.3 Ellisse centrale d inerzia e nocciolo centrale d inerzia

3 Geometria delle masse e momento di 2 ordine 3.3 Ellisse centrale d inerzia e nocciolo centrale d inerzia 3 Geometria delle masse e momento di ordine ESERCIZI SVOLTI Considerata la sezione rappresentata in figura, calcolare i raggi d inerzia massimo e minimo, tracciare l ellisse d inerzia e il nocciolo centrale

Dettagli

Le piastre Progettazione

Le piastre Progettazione Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Progettazione Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ CONTENUTI

Dettagli

TEMA DELLE ESERCITAZIONI...pag. 2. Progetto con le formulazioni di Registro...pag. 3. Verifica diretta della robustezza longitudinale...pag.

TEMA DELLE ESERCITAZIONI...pag. 2. Progetto con le formulazioni di Registro...pag. 3. Verifica diretta della robustezza longitudinale...pag. CORSO DI COSTRUZIONI NAVALI ESERCITAZIONI TEMA E TESTI DELLE ESERCITAZIONI Indice TEMA DELLE ESERCITAZIONI...pag. 2 TESTI DELLE ESERCITAZIONI Progetto con le formulazioni di Registro...pag. 3 ES. n.1 ES.

Dettagli

1 Progettare e verificare la trave di colmo con sezione presunta di mm2, che viene appoggiata sui pilastri prolungati

1 Progettare e verificare la trave di colmo con sezione presunta di mm2, che viene appoggiata sui pilastri prolungati 4 Il legno 4. Elementi strutturali e strutture in legno ESERCIZI SVOLTI 4.. Coperture Progettare e verificare la trave i colmo con sezione presunta i 0 0 mm, che viene appoggiata sui pilastri prolungati

Dettagli

Nel seguito sono illustrate e precisate le particolarità connesse con le pilastrate n. 20, 22 e 17:

Nel seguito sono illustrate e precisate le particolarità connesse con le pilastrate n. 20, 22 e 17: INDICE 1. PREMESSA 2 2. PILASTRO N 20 3 2.1 Considerazioni generali sui criteri di progetto 3 2.2 Verifica locale dettagliata (di progetto) 5 2.3 Verifica e prescrizioni per puntelli provvisionali e prova

Dettagli

Progetto con modelli tirante-puntone 6.5 EC2

Progetto con modelli tirante-puntone 6.5 EC2 AICAP - ASSOCIAZIONE ITALIANA CALCESTRUZZO ARMATO E PRECOMPRESSO Guida all uso dell Eurocodice 2 nella progettazione strutturale Facoltà di Ingegneria - Università degli Studi di Pisa Pisa, 26 Gennaio

Dettagli

PROGETTO E VERIFICA E COLLAUDO DELLA SEZIONE A T IN C.A. M.S.L.

PROGETTO E VERIFICA E COLLAUDO DELLA SEZIONE A T IN C.A. M.S.L. PROGETTO E VERIFICA E COLLAUDO DELLA SEZIONE A T IN C.A. M.S.L. STATI LIMITE ULTIMO: 0) Dimensionamento della sezione a T: Per il dimensionamento della sezione a T si deve prima definire la tipologia di

Dettagli

Unità 7: Il caso delle travi F=6000 N = = 40. R ya 2000 F T y. = = Nmm

Unità 7: Il caso delle travi F=6000 N = = 40. R ya 2000 F T y. = = Nmm omportamento meccanico dei materiali Esercizio 1 Una trave di sezione rettangolare 040 mm lunga m, appoggiata alle estremità, è soggetta ad un carico verticale di 000 che agisce nella mezzeria. alcolare

Dettagli

Esempio di calcolo 1 Verifiche ai carichi verticali

Esempio di calcolo 1 Verifiche ai carichi verticali Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia 6 novembre 010 Esempio di calcolo 1 Verifiche ai carichi verticali Dott. Ing. icola GAMBETTI, Libero Professionista Si considera un edificio

Dettagli

modulo E Le volte f 2 + l2 4 2 f Con i valori numerici si ha: 1, , , 40 = 5,075 m r =

modulo E Le volte f 2 + l2 4 2 f Con i valori numerici si ha: 1, , , 40 = 5,075 m r = Unità Il metodo alle tensioni ammissibili 1 ESERCIZIO SVOLTO Le volte Verificare una volta circolare a sesto ribassato in muratura di mattoni pieni che presenta le seguenti caratteristiche geometriche:

Dettagli

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO COLONNA BI-SIMMETRICA PROGETTO IN ACCORDO CON NTC 2008 e EN

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO COLONNA BI-SIMMETRICA PROGETTO IN ACCORDO CON NTC 2008 e EN ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO COLONNA BI-SIMMETRICA PROGETTO IN ACCORDO CON NTC 2008 e EN 1999-1-1 Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO COLONNA BI-SIMMETRICA PROGETTO IN ACCORDO CON NTC

Dettagli

SLU PER TAGLIO 109. Allo stato limite ultimo la combinazione da considerare è la seguente, con i relativi coefficienti moltiplicativi:

SLU PER TAGLIO 109. Allo stato limite ultimo la combinazione da considerare è la seguente, con i relativi coefficienti moltiplicativi: SLU PER TAGLIO 109 3.2. ESEMPI Esempio n. 28 - Verifica a taglio della trave rettangolare inflessa a doppia armatura di dimensioni 30 50 cm allo stato limite ultimo e confronto con i risultati prodotti

Dettagli

ANALISI TERMICA DI UNA TRAVE TRALICCIATA PREM

ANALISI TERMICA DI UNA TRAVE TRALICCIATA PREM Luogo, Milano Data 03/11/2016 DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA, INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI E AMBIENTE COSTRUITO Indirizzo Piazza L. da Vinci 32 20113 Milano ANALISI TERMICA DI UNA TRAVE TRALICCIATA PREM

Dettagli

ELEMENTI MONODIMENSIONALI : TRAVE

ELEMENTI MONODIMENSIONALI : TRAVE ELEMENTI MONODIMENSIONALI : TRAVE La trave è un elemento strutturale con una dimensione predominante sulle altre due. baricentro G sezione trasversale linea d asse rappresentazione schematica 1 ELEMENTI

Dettagli

1.6 Il progetto dell edifi cio Campari: Aspetti statici e costruttivi di cantiere

1.6 Il progetto dell edifi cio Campari: Aspetti statici e costruttivi di cantiere Edifi ci a Grande Altezza Ing. Emanuele Alborghetti Studio Ingegneria Alborghetti 1.6 Il progetto dell edifi cio Campari: Aspetti statici e costruttivi di cantiere L cio Campari, che l architetto Marzorati

Dettagli

SIGMAc SOFT - programmi di calcolo strutturale PROCEDURA FINDLIM TEST CASES

SIGMAc SOFT - programmi di calcolo strutturale PROCEDURA FINDLIM TEST CASES TC FINDLIM test cases 1 SIGMAc SOFT - programmi di calcolo strutturale PROCEDURA FINDLIM TEST CASES La procedura FindLim calcola i momenti flettenti ultimi di una sezione in c.a. composta da una sezione

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO COMUNE di INDUNO OLONA - PROVINCIA DI VARESE PROGETTO di AMPLIAMENTO del CIMITERO COMUNALE PROGETTO STRUTTURALE ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO Brescia, 20 Ottobre 2011 1 Il dimensionamento e le verifiche

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: II MODULO. Modellazione

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: II MODULO. Modellazione Modellazione La struttura spaziale può essere analizzata nel suo complesso, con le attuali capacità del P, abbastanza agevolmente. Tuttavia con opportuni accorgimenti è possibile suddividere la struttura

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE DI CALCOLO CONDOTTA IN ACCIAIO Premessa La costruzione della Strada Provinciale in oggetto prevede la realizzazione di una rotatoria sul tracciato esistente attraversato dal canale di bonifica

Dettagli

Calcolo delle strutture in alluminio secondo NTC 08 Parte 3

Calcolo delle strutture in alluminio secondo NTC 08 Parte 3 Calcolo delle strutture in alluminio secondo NTC 08 Parte 3 ing. Domenico Leone Calcolo delle strutture in alluminio secondo NTC 08 Parte 3 Domenico Leone L ing. Domenico Leone vanta un esperienza più

Dettagli

LEZIONE 1. IL PROGETTO STRUTTURALE Parte 2. La modellazione. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A

LEZIONE 1. IL PROGETTO STRUTTURALE Parte 2. La modellazione. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 1 IL PROGETTO STRUTTURALE Parte 2. La modellazione LA MODELLAZIONE INPUT

Dettagli

Sommario. 6 DATI GENERALI PALI DA 3 METRI GEOMETRIA STRUTTURA Coordinate nodali e vincoli fissi... 15

Sommario. 6 DATI GENERALI PALI DA 3 METRI GEOMETRIA STRUTTURA Coordinate nodali e vincoli fissi... 15 Sommario 1 PREMESSA... 1 2 DATI GENERALI PALI DA 5 METRI... 6 3 GEOMETRIA STRUTTURA... 6 3.1 Coordinate nodali e vincoli fissi... 6 3.2 Caratteristiche delle aste... 6 3.2.1 Geometria delle sezioni...

Dettagli

za Bozza - Appunti di Scienza delle Costruzioni 1, dalle lezioni del prof. P. Podio-Guidugli, a.a. 2007/8 -

za Bozza - Appunti di Scienza delle Costruzioni 1, dalle lezioni del prof. P. Podio-Guidugli, a.a. 2007/8 - 11 Calcolo di spostamenti e rotazioni in travature isostatiche 81 11 Calcolo di spostamenti e rotazioni in travature isostatiche Consideriamo d ora in avanti travature linearmente termoelastiche dello

Dettagli

DUTTILITA STRUTTURALE RIFLESSIONE!

DUTTILITA STRUTTURALE RIFLESSIONE! DUTTILITA STRUTTURALE RIFLESSIONE! Sotto l azione di terremoti violenti, le strutture escono sensibilmente dal regime elastico, manifestando elevati impegni in campo plastico tuttavia nelle pratiche applicazioni

Dettagli

Piastre sottili: soluzioni esatte. Piastra ellittica incastrata al bordo soggetta a carico distribuito costante

Piastre sottili: soluzioni esatte. Piastra ellittica incastrata al bordo soggetta a carico distribuito costante Piastre sottili: soluzioni esatte Piastra ellittica incastrata al bordo soggetta a carico distribuito costante Piastre sottili: soluzioni esatte Piastra triangolare appoggiata al bordo soggetta a carico

Dettagli

Fisica Generale II (prima parte)

Fisica Generale II (prima parte) Corso di Laurea in Ing. Medica Fisica Generale II (prima parte) Cognome Nome n. matricola Voto 4.2.2011 Esercizio n.1 Determinare il campo elettrico in modulo direzione e verso generato nel punto O dalle

Dettagli

COMPORTAMENTO SPERIMENTALE DI TRAVI DI C.A. E RELATIVI METODI DI ANALISI

COMPORTAMENTO SPERIMENTALE DI TRAVI DI C.A. E RELATIVI METODI DI ANALISI LEZIONI N 32 E 33 COMPORTAMENTO SPERIMENTALE DI TRAVI DI C.A. E RELATIVI METODI DI ANALISI Prima di addentrarci nei dettagli della teoria tecnica delle costruzioni di cemento armato, è utile richiamare

Dettagli