IL TEATRO LIRICO FRA PRESENTE E FUTURO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TEATRO LIRICO FRA PRESENTE E FUTURO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta formazione Artistica e Culturale Conservatorio di musica «L. Perosi» di Campobasso Biennio Specialistico in Discipline Musicali Indirizzo Interpretativo-Compositivo: Canto IL TEATRO LIRICO FRA PRESENTE E FUTURO Relatore: Barbara Lazotti Studente: Maria Antonietta Monopoli Anno accademico Sessione Estiva

2 INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO IL TEATRO LIRICO : STORIA E LEGISLAZIONE 1. Dall'Unificazione del regno d'italia alla riforma della Legge Corona 2. La legge 14 agosto 1967, n.800" Nuovo ordinamento degli Enti lirici e delle attivita musicali" (Legge Corona) 3. Dagli Enti lirici alle fondazioni lirico-sinfoniche 4. Le Fondazioni liriche CAPITOLO SECONDO TEATRO LIRICO E TERRITORIO 1. I Teatri di tradizione 2. La lirica ordinaria o di provincia 3. Coproduzione e circuiti lirici 3.1 Dalla formazione alla coproduzione. Un caso concreto: "Lirica Sperimentale" I Edizione Provincia di Foggia- Relazione sull'attuazione dell'attività e sui risultati conseguiti CAPITOLO TERZO TEATRO LIRICO: LE SFIDE DEL FUTURO

3 1. Strategie del cambiamento 1.1 Il fund raising 1.2 Gli sponsor 1.3 Comunicazione e promozione 1.4 I nuovi criteri di ripartizione del F.U.S. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE L'Italia, tradizionalmente "Paese del bel canto", rischia di non poter più vantare tale appellativo a causa della situazione di grave impasse gestionale e finanziaria in cui versano da tempo i Teatri Lirici: alcuni temono la chiusura, molte opere vengono cancellate dai cartelloni e gli artisti professionalmente più quotati preferiscono esibirsi all'estero. I tagli alla cultura e la crisi dei Teatri Lirici italiani rimbalzano sulle pagine dei giornali europei. Il "Times" di Londra ha recentemente portato il tema in prima pagina, addirittura con un enorme titolo subito sotto la testata: "L'Opera italiana è finita? L'orgoglio nazionale è cambiato se l'opera esce dalle note"! Il giornale inglese ha puntato il dito su come l'italia stia lasciando affondare proprio uno dei tesori della cultura nazionale, riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Con tre dei maggiori Teatri Lirici - La Fenice di Venezia, il Carlo Felice di Genova e il San Carlo di Napoli - che parlano apertamente di possibile bancarotta. Il "Times", infine, ha dato voce a sovrintendenti e funzionari dei Teatri d'opera italiani, i quali hanno fornito le cifre del disastro: La Fenice ha registrato un deficit di 3 milioni di euro; Genova ha previsto un buco di 4, 6 milioni annunciando di tagliare alcuni titoli

4 della stagione; Napoli ha accusato perdite per 7 milioni con consistenti tagli nei balletti. In tale contesto questa trattazione si propone di ripercorrere gli itinerari che hanno condotto i Teatri Lirici ad essere sempre più associati nel tempo al concetto di "carrozzoni" pubblici inefficienti, in grado di sopravvivere solo grazie alla "clemenza" della finanza pubblica e di mettere a fuoco le problematiche ancora aperte dopo l'approvazione della legge 367/96 che al ruolo pubblico ha aggiunto un posto significativo per l'intervento privato, insieme alle proposte emerse dal dibattito sul futuro, sviluppatosi nel corso degli ultimi anni. Un' attenzione particolare è rivolta nel Capitolo I al contesto storico e legislativo in cui si sviluppa la vicenda dei Teatri Lirici la cui natura pubblica rappresenta, con limitate eccezioni, una costante nelle diverse epoche, considerata la fondamentale funzione sociale ed educativa che è stata da sempre riconosciuta al Teatro, complessivamente inteso. A prescindere dal tipo di intervento attuato di volta in volta dallo Stato sotto l'influsso delle diverse ideologie dominanti (forte controllo centrale o delega a poteri periferici; cura particolare o disinteresse), altra costante è rappresentata dai costi elevati della produzione lirica e dalla conseguente insufficienza dell'esclusivo sostegno finanziario pubblico. La centralità del problema, ai fini della salvaguardia della qualità della capacità produttiva dei Teatri Lirici e della loro stessa credibilità "istituzionale", è stata messa in evidenza tracciando il quadro della legislazione di ausilio e dei criteri che hanno informato, fino ad oggi, il finanziamento pubblico. In genere, i continui tagli apportati agli stanziamenti negli ultimi anni e la mancanza sia di precise strategie negli investimenti di danaro pubblico, sia di obiettivi e criteri reali per la verifica dei risultati raggiunti, hanno determinato una situazione di precario assistenzialismo. Gli orientamenti prevalenti, in tema di riforma, convergevano tutti sulla necessità di snellire la struttura amministrativa dei Teatri Lirici precisando meglio competenze e responsabilità nonché legando la loro gestione alla costante verifica dei risultati rispondenti a parametri di produttività ed efficienza.

5 In ogni caso, le maggiori responsabilità ed incoerenza, sono state imputate al legislatore che è intervenuto in grande ritardo con la tanto invocata riforma degli Enti Lirici, trasformandoli in fondazioni di diritto privato. Il Capitolo II analizza la struttura, l'organizzazione e la diffusione del Teatro Lirico (Teatri di Tradizione, Lirica ordinaria, Circuiti lirici) nel territorio in cui si articola lo Stato: Comuni, Province, Regioni, sottolineandone il ruolo strategico ai fini della diffusione del Melodramma, della promozione dei giovani artisti (si fa riferimento ad una esperienza concreta realizzata in una Provincia del Mezzogiorno: Foggia) e della formazione del pubblico. Sempre più le iniziative e gli eventi culturali presenti nella provincia italiana insieme alla riscoperta della vocazione culturale di ciascun territorio, coinvolgono tutto il tessuto sociale e registrano boom di presenze e di turisti. Anche al Sud, per la stagione estiva, non si punta più soltanto sul mare e il sole ma spesso si vive la lirica in piazza! Il Capitolo III, a partire dalle novità introdotte dalla recente legislazione, prende in considerazione gli strumenti più innovativi, oggi a disposizione, in primis, il fund raising, al fine di mettere in atto efficaci strategie di cambiamento, in grado di vincere le sfide del futuro. Nella trattazione dei diversi argomenti, più volte è stato chiamato in causa l'art.9 della nostra Costituzione il quale consacra fra i Principi fondamentali della Repubblica italiana la funzione di promozione pubblica della cultura e di tutela del patrimonio artistico e storico della Nazione. Di questo prezioso patrimonio fanno parte i Teatri Lirici. "Abbiamo il dovere di sostenere la cultura e di valorizzarla con le risorse necessarie La Cultura è l'anima di un Paese, la sua linfa vitale: è coscienza e conoscenza di sé e dell'ambiente in cui si vive, la cultura è la prima identità di un popolo". Queste le parole del Presidente Emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. L'auspicio è che il "rilancio" dei Teatri Lirici possa rappresentare l'occasione propizia per promuovere nel nostro Paese, la bellissima Italia, un progetto di sviluppo fondato sull'arte, sulla cultura, sulla natura. che sostenga, con i mille turismi possibili, la crescita e l'occupazione.