L attuazione di UCITS IV in Italia: forma o sostanza? 12 novembre 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attuazione di UCITS IV in Italia: forma o sostanza? 12 novembre 2012"

Transcript

1 L attuazione di UCITS IV in Italia: forma o sostanza? 12 novembre 2012

2 Premessa Alcuni numeri sul settore del risparmio gestito Le fasi di implementazione di UCITS IV L impatto sull industria: alcune ipotesi Fonte Efama,

3 Alcuni numeri sul settore del risparmio gestito a livello internazionale a livello europeo a livello domestico 3

4 Evoluzione degli AUM gestiti dai fondi di investimento internazionali (trilioni di euro) 19,97 15,06 16,53 17,76 15,93 18,48 12,6 13,7 10,8 11,12 11,87 13, Fonte Efama,

5 Evoluzione degli AUM gestiti dai fondi di investimento a livello europeo (trilioni di euro) ,61 1,769 2,035 2, ,424 1, ,963 1,011 1,005 0,957 1,05 1,161 1, ,692 0,575 3,177 3,4983,547 3,29 0,2690,2840,374 0,414 2,341 1,0631,088 1,1151,422 1,811 5,191 5,9566,159 4,212 4,543 5,315 5,990 5,540 3, UCITS NON-UCITS Fonte Efama,

6 Evoluzione degli AUM gestiti dai fondi di investimento a livello domestico (milioni di euro) , , , , , , , , , , , , , , , ,00 0, Fonte Assogestioni,

7 Le Evoluzione proporzioni del patrimonio per tipologia gestito dagli investitori istituzionali italiani anni Patrimonio giu-12 dic-11 dic-10 dic-09 dic-08 dic-07 dic-06 dic-05 dic-04 dic-03 gestito Gestione , , , , , , , , , ,38 collettiva Oicr aperti , , , , , , , , , ,44 Oicr chiusi , , , , , , , , , ,98 Gestione di , , , , , , , , , ,75 portafoglio Gpf retail , , , , , , , , , ,62 Gpm retail , , , , , , , , , ,88 Gestioni di , , , , , , , , , ,36 patrimoni previdenziali Gestioni di , , , , , , , , , ,44 prodotti assicurativi Altre Gestioni , , , , , , , , , ,35 Totale , , , , , , , , , ,06 Fonte Assogestioni,

8 Evoluzione del patrimonio gestito in fondi esteri Trend di crescita nella componente gestita in fondi esteri e in particolare della componente gestita in fondi esteri istituiti da intermediari stranieri Patrimonio gestito in fondi esteri giu-12 Istituiti da intermediari Italiani Istituiti da intermediari stranieri Totale Totale patrimonio fondi aperti in Italia % patrimonio gestito in fondi esteri 58% 65% 67% % patrimonio gestito in fondi esteri istituiti da intermediari stranieri 20% 23% 26% 8

9 Evoluzione del numero di fondi aperti anni Trend nella gamma di offerta: riduzione dei fondi di diritto italiano e contemporaneo aumento dei fondi di diritto estero, offerti sia da gruppi di diritto italiano, sia da gruppi di diritto estero 9

10 Fonte Banca d Italia,

11 11

12 Numero di SGR in Italia Totali di cui specializzate in fondi aperti di cui bancarie Fonte Banca d Italia, 2012 Abbiamo la materia prima, mancheranno le raffinerie? 12

13 Le fasi di implementazione di UCITS IV Per memo: a livello europeo il brand UCITS (Undertakings for Collective Investments in Transferable Securities) viene lanciato nel 1985 dalla direttiva 85/611/CEE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative in materia di organismi d investimento collettivo in valori mobiliari (nella traduzione l acronimo italiano diventa OICR organismi di investimento collettivo del risparmio o OICVM organismi di investimento collettivo in valori mobiliari) 13

14 Le fasi di implementazione di UCITS IV Direttiva 2009/65/CE del 13 luglio 2009, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative in materia di taluni organismi d'investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) - UCITS IV Direttiva 2010/42/UE del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE per quanto riguarda talune disposizioni inerenti alle fusioni di fondi, alle strutture master-feeder e alla procedura di notifica Direttiva 2010/43/UE del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE per quanto riguarda i requisiti organizzativi, i conflitti di interesse, le regole di condotta, la gestione del rischio e il contenuto dell'accordo tra il depositario e la società di gestione - Regolamento (UE) n. 583/2010 del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della dir. 2009/65/CE per quanto riguarda le informazioni chiave per gli investitori e le condizioni per la presentazione di tali informazioni o del prospetto su un supporto durevole diverso dalla carta o tramite un sito web - Regolamento (UE) n. 584/2010 del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della dir. 2009/65/CE per quanto riguarda la forma e il contenuto del modello standard della lettera di notifica e dell'attestato OICVM, l'utilizzo dei mezzi elettronici per le comunicazioni tra le autorità competenti ai fini della notifica, nonché le procedure per le verifiche sul posto e le indagini e lo scambio di informazioni tra le autorità competenti 14

15 Le fasi di implementazione di UCITS IV in Italia Decreto Legislativo di recepimento n. 47/2012 (G.U. del 28 aprile 2012) Consob approva il 9 maggio 2012 le modifiche ai Regolamenti Consob 11971/99 (Regolamento Emittenti) e 16190/2007 ( Regolamento Intermediari) Nuovo Regolamento Banca d Italia 8 maggio 2012 sulla gestione collettiva del risparmio e la nuova disciplina della banca depositaria di OICR e fondi pensione Banca d Italia e Consob approvano il 9 maggio 2012 il provvedimento di modifica del Regolamento congiunto Banca d Italia Consob in materia di organizzazione e procedure degli intermediari del 29 ottobre 2007 Allo stato, la sola filiera interamente regolamentata in Europa è quella degli investimenti collettivi, in particolare in materia di UCITS; infatti, la direttiva nota come UCITS IV regola in dettaglio sia il produttore sia il prodotto. (V. Conti, Servizi di investimento e tutela degli investitori in tempi di crisi, agosto 2012) 15

16 L impatto sull industria: alcune ipotesi Ridisegno dei modelli di business nel settore delle SGR in Italia e revisione delle scelte di: accentramento/decentramento internazionale dei processi aziendali esternalizzazione/internalizzazione dei processi strategie di internazionalizzazione adottate (Dossi- Musile Tanzi) Incremento del grado di standardizzazione dell approccio ai mercati grazie all adozione del passaporto del prodotto e del KIID Accesso ai mercati esteri senza duplicazioni di strutture e razionalizzazione della gamma di offerta Competizione sovranazionale con prodotti erogati tramite strutture masterfeeder 16

17 L impatto sull industria: alcune ipotesi Possibilità di semplificare le scelte di localizzazione dei processi di business in particolare dell attività di portfolio management Possibilità di disaccoppiare le scelte localizzative di produzione da quelle di distribuzione, favorendo l accesso alle soglie di raggiungimento di economie di scala Abbassamento delle barriere all ingresso e spinta alla standardizzazione dei prodotti e dei processi Incremento del tasso di internazionalizzazione delle SGR 17

18 L impatto sull industria: alcune ipotesi La dimensione variabile di rilievo le norme richiedono uno sforzo di incremento di qualità ai processi di compliance, di internal audit e di risk management, pur nel rispetto del criterio di proporzionalità Divaricazione tra le attività di produzione, standardizzate e centralizzabili e le attività di distribuzione vicine ai mercati finali Adozione di strategie transnazionali capaci di combinare entrambe e prospettive capacità di trasferimento e di condivisione delle informazioni cruciale per assicurare un adeguato livello di integrazione alle strategie internazionali 18

In Italia il risparmio è un bene tutelato dalla Costituzione e gli italiani sono un popolo

In Italia il risparmio è un bene tutelato dalla Costituzione e gli italiani sono un popolo 7 UCITS IV e Società di Gestione del risparmio italiane di ANDREA DOSSI E PAOLA MUSILE TANZI In Italia il risparmio è un bene tutelato dalla Costituzione e gli italiani sono un popolo di discreti risparmiatori,

Dettagli

LEGENDA. TUF Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria - TUF

LEGENDA. TUF Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria - TUF ELENCO DEGLI ULTERIORI ATTI E PROVVEDIMENTI DELEGATI DAL DIRETTORIO IN MATERIA DI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA (delibera n. 310 del 7 luglio 2015) Nel presente elenco sono utilizzate le seguenti abbreviazioni:

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Reti e attività finanziarie delle famiglie italiane

Reti e attività finanziarie delle famiglie italiane Reti e attività finanziarie delle famiglie italiane Patrimonio Reti ( /mld) Attività finanziarie famiglie ( /mld) Totale Perimetro offerta reti Quota % sul totale Quota % sul perimetro offerta Dic.2010

Dettagli

Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti

Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti % 14,0 Dati al 31 dicembre. Stima Assoreti su dati Assogestioni, Banca d Italia, Covip, Ania. L elaborazione include gli OICR aperti, le gestioni

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement A Le questioni in corso e le linee di indirizzo l contesto istituzionale ed economico 1 La crisi dell Area euro, la risposta delle istituzioni e le prospettive 5 1.1 L evoluzione della crisi e i riflessi

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Introduzione. Università L. Bocconi, 20 gennaio 2009. di Marcello Messori. Marcello Messori OFF-SITE Assogestioni

Introduzione. Università L. Bocconi, 20 gennaio 2009. di Marcello Messori. Marcello Messori OFF-SITE Assogestioni , Introduzione di Marcello Messori 1 AGENDA 1. Qual è la situazione 2. Reazione alla prima crisi 3. Tutti i problemi risolti? 4. Alcuni problemi interni 5. Possibili implicazioni 2 1. Qual è la situazione?

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione. Parte I - DISPOSIZIONI COMUNI. - Art. 1: Definizioni. - Art. 2: Rapporti con il diritto comunitario. - Art.

SOMMARIO. Presentazione. Parte I - DISPOSIZIONI COMUNI. - Art. 1: Definizioni. - Art. 2: Rapporti con il diritto comunitario. - Art. SOMMARIO Presentazione Parte I - DISPOSIZIONI COMUNI - Art. 1: Definizioni - Art. 2: Rapporti con il diritto comunitario - Art. 3: Provvedimenti - Art. 4: Collaborazione tra autorità e segreto d'ufficio

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

Indice. Cenni di storia dell'ordinamento italiano del mercato mobiliare

Indice. Cenni di storia dell'ordinamento italiano del mercato mobiliare Indice Capitolo I Introduzione 1. La nozione di mercato mobiliare 1 2. Gli intermediari di mercato mobiliare 3 3. Le ragioni di una disciplina speciale del mercato mobiliare 4 4. Dal valore mobiliare allo

Dettagli

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Giovanni Fermi Responsabile Direzione Organizzazione e Sistemi Banca

Dettagli

Sommario. Introduzione. L evoluzione normativa dei fondi comuni di investimento immobiliari di diritto italiano. Capitolo Primo

Sommario. Introduzione. L evoluzione normativa dei fondi comuni di investimento immobiliari di diritto italiano. Capitolo Primo Introduzione Capitolo Primo L evoluzione normativa dei fondi comuni di investimento immobiliari di diritto italiano 1.1 La legge n. 86 del 25 Gennaio 1994 1.2 Il Decreto legislativo 58/98 1.2.1 Forma giuridica

Dettagli

AIFI Seminario Tax & Legal

AIFI Seminario Tax & Legal AIFI Seminario Tax & Legal La Direttiva AIFM e l internazionalizzazione delle strutture di gestione Gli aspetti fiscali: opportunità e criticità delle strutture di gestione internazionali Mercoledì 6 giugno

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio 2010 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Oggetto: Determinazione, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994,

Dettagli

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Sommario 1. Il sistema dei controlli 2. Le autorità di controllo 3. La regolamentazione e la vigilanza 1. Il sistema dei controlli:

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.054,3 695,4 7.529,3 Risparmio gestito 1.308,0 938,5 5.875,5

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 695,4 955,3 6.533,1 Risparmio gestito 938,5 768,2 4.579,8 Fondi

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 2.801,4 4.283,3 12.826,2 Risparmio gestito 2.682,6 4.469,4

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Milano, 28-02-2017 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2016 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE Milano, 26-02-2016 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

Insight. Direttiva 2009/65/EC - UCITS IV: verso il Mercato Unico Europeo degli OICVM. Introduzione. N. 33 Maggio 2011

Insight. Direttiva 2009/65/EC - UCITS IV: verso il Mercato Unico Europeo degli OICVM. Introduzione. N. 33 Maggio 2011 Insight N. 33 Maggio 2011 Direttiva 2009/65/EC - UCITS IV: verso il Mercato Unico Europeo degli OICVM Introduzione Il 13 gennaio 2009 il Parlamento Europeo ha approvato la Direttiva UCITS IV (Undertakings

Dettagli

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012 Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Roma, 20 novembre 2012 Presentazione di Ascosim Ascosim è un Associazione senza fine di lucro, fondata nel gennaio 2010, alla quale aderiscono le Sim autorizzate

Dettagli

Key Investor Information Document (KIID)

Key Investor Information Document (KIID) Key Investor Information Document (KIID) Guida alle novità sui documenti di vendita QUESTIONS & ANSWERS Introduzione al KIID 1. Cos è il KIID e qual è il suo obiettivo? Il KIID (Key Investor Information

Dettagli

Paola Musile Tanzi. Ricerca Baffi Carefin. Roma, 6 febbraio 2014

Paola Musile Tanzi. Ricerca Baffi Carefin. Roma, 6 febbraio 2014 Analisi del modello distributivo di servizi finanziari attraverso il ruolo del promotore finanziario: oltre la crisi del modello di distribuzione bancaria Paola Musile Tanzi Ricerca Baffi Carefin Roma,

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 858,7 1.424,7 4.089,9 Risparmio gestito 539,4 1.130,5 2.370,6

Dettagli

ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVO. Nozione

ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVO. Nozione Nozione Organismi con diversa forma giuridica che investono in strumenti finanziari od in altre attività il denaro raccolto tra il pubblico dei risparmiatori, operando secondo criteri di gestione fondati

Dettagli

L industria del Risparmio Gestito

L industria del Risparmio Gestito MiCo - Milano Congressi 7 aprile 2016 Teresa Lapolla Responsabile statistiche 1.1 Analisi dei flussi e degli stock per: Tipologia di prodotti (fondi/gestioni) Giurisdizione fondi/gestori Società di gestione

Dettagli

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami (Approvata dal CdA 28/10/2015) 1 Sommario 1. Normativa di riferimento... 3 2. Contenuto della procedura e informativa alla clientela... 4 3. Reclamo:

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 2.460,2 5.261,1 Risparmio gestito -502,9 3.350,8 Fondi comuni

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

INDICE. pag. Articolo 2 Norme di coordinamento con il testo unico bancario Art Modifiche all articolo 1 del d.lgs. n. 385 del

INDICE. pag. Articolo 2 Norme di coordinamento con il testo unico bancario Art Modifiche all articolo 1 del d.lgs. n. 385 del Decreto legislativo 6 febbraio 2004 n. 37. Modifiche ed integrazioni ai decreti legislativi numeri 5 e 6 del 17 gennaio 2003, recanti la riforma del diritto societario, nonche al testo unico delle leggi

Dettagli

Come coniugare la tutela del risparmio con la ricerca del rendimento

Come coniugare la tutela del risparmio con la ricerca del rendimento Come coniugare la tutela del risparmio con la ricerca del rendimento Abano Terme, 12 novembre 2016 Massimiliano Maxia Senior Fixed Income Product Specialist Il nostro approccio Understand. Act. 2 Understand.

Dettagli

PROVVEDIMENTO N DEL 10 NOVEMBRE 2006

PROVVEDIMENTO N DEL 10 NOVEMBRE 2006 PROVVEDIMENTO N. 2472 DEL 10 NOVEMBRE 2006 Disposizioni in materia di costituzione del patrimonio autonomo e separato per le forme pensionistiche individuali attuate mediante contratti di assicurazione

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 30/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 61

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 30/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 61 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 28 luglio 2015, n. 395 POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione 3.3.1

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 3.358,3 2.460,1 5.818,4 Risparmio gestito 1.130,3-503,0 627,3

Dettagli

Problemi aperti nel settore

Problemi aperti nel settore 1 Problemi aperti nel settore italiano del risparmio gestito Marcello Messori e Alessandro Rota Milano, 17 luglio 2008 2 La raccolta dei fondi aperti di investimento in Italia 200.000 Mio. 20% 150.000

Dettagli

DECRETO N DATA 07/11/2016

DECRETO N DATA 07/11/2016 O GG E TTO : APPROVAZIONE "MANUALE PER LA PRESENTAZIONE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DELLE OPERAZIONI FINANZIATE DAL POR FSE 2014-2020 DELLA REGIONE LIGURIA". DECRETO N. 5117 DATA 07/11/2016 del REGISTRO

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.677,3 2.067,4 21.108,8 Risparmio gestito 2.236,2 1.596,9

Dettagli

IL MERCATO DEI MINIBOND E L ANDAMENTO DEL FONDO STRATEGICO TRENTINO ALTO ADIGE A UN ANNO DALL AVVIO. Mauro Sbroggiò AD Finint Investments SGR

IL MERCATO DEI MINIBOND E L ANDAMENTO DEL FONDO STRATEGICO TRENTINO ALTO ADIGE A UN ANNO DALL AVVIO. Mauro Sbroggiò AD Finint Investments SGR IL MERCATO DEI MINIBOND E L ANDAMENTO DEL FONDO STRATEGICO TRENTINO ALTO ADIGE A UN ANNO DALL AVVIO Mauro Sbroggiò AD Finint Investments SGR 27 giugno 2016 Il mercato di riferimento 2 Il valore nominale

Dettagli

PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304)

PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304) PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304) Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria della R.C. autoveicoli. (Provvedimento n. 2136) L ISTITUTO

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE Lucidi a cura di Marco Di Antonio LE AREE DI INTERVENTO DELLE BANCHE E possibile distinguere 2 grandi aree di intervento delle banche nell attività di intermediazione

Dettagli

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE

BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Milano, 26-02-2016 COMUNICATO STAMPA BNP PARIBAS REIM SGR APPROVA LA RELAZIONE DI GESTIONE 2015 DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR p.a. ha approvato

Dettagli

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI Alessandro Rota Riccardo Morassut Quaderno di ricerca 4 / 2016 INDICE Introduzione 3 1. Fondi comuni 10 1.1 Gestori e distributori 10 1.2 Il modello distributivo

Dettagli

DEI CODICI SINTETICI DI ATTIVITÀ ECONOMICA

DEI CODICI SINTETICI DI ATTIVITÀ ECONOMICA 1 UCITS V: L ESMA PUBBLICA UN PARERE TECNICO SUL RUOLO DEL DEPOSITARIO 2 AIFMD: L ESMA AVVIA UNA CONSULTAZIONE IN MERITO ALL ASSET SEGREGATION 3 POLITICHE E PRASSI DI REMUNERAZIONE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA

Dettagli

ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE SISTEMA VALORI RESPONSABILI Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

L industria del Risparmio Gestito

L industria del Risparmio Gestito MiCo - Milano Congressi 13 aprile 2017 Teresa Lapolla Responsabile statistiche 1.1 Analisi dei flussi e degli stock per: Tipologia di prodotti (fondi/gestioni) Giurisdizione fondi/gestori Società di gestione

Dettagli

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA IL PERCHÉ DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA La ragione fondante della regolamentazione risiede nella circostanza di prevenire, ed eventualmente gestire situazioni

Dettagli

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # #

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # # Allegato II Informazioni sulle remunerazioni per finalità di benchmarking - GL EBA 2014/8 Schema n. 1 - Informazioni sulle remunerazioni di tutto il personale Codice della banca, della SIM o del gruppo

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

tra i numeri del risparmio gestito

tra i numeri del risparmio gestito ... guida pratica per orientarsi tra i numeri Milano, Università ità Bocconi Alessandro Rota 1. La materia prima: il risparmio Il tasso di risparmio i delle famiglie La ricchezza 2. L offerta: i fondi

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI N.13

SCHEDA DI SINTESI N.13 SCHEDA DI SINTESI N.13 Legge di delegazione europea 2014 La legge 9 luglio 2015, n. 114 Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'unione europea - Legge

Dettagli

Absolute return: evoluzione e nuove risposte

Absolute return: evoluzione e nuove risposte Absolute return: evoluzione e nuove risposte Grazia Orlandini Chief Investment Officer - Hedge e Multimanager PRIMA Sgr S.p.A. Agenda PRIMA sgr - un gestore indipendente pag. 3 L evoluzione della normativa:

Dettagli

TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV. Documento conclusivo

TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV. Documento conclusivo TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV Documento conclusivo Febbraio 2011 Task force assogestioni per l attuazione in italia della ucits IV Documento conclusivo Febbraio 2011

Dettagli

REGOLAMENTO IVASS N. 36 DEL 28 FEBBRAIO 2017

REGOLAMENTO IVASS N. 36 DEL 28 FEBBRAIO 2017 REGOLAMENTO IVASS N. 36 DEL 28 FEBBRAIO 2017 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA COMUNICAZIONE ALL IVASS DI DATI E INFORMAZIONI PER LO SVOLGIMENTO DI INDAGINI STATISTICHE, STUDI E ANALISI RELATIVE

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore PEGORARO CARMEN

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore PEGORARO CARMEN REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G14284 del 20/11/2015 Proposta n. 17931 del 18/11/2015

Dettagli

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016 Rendiconto attività di gestione dei reclami Veneto Banca Anno 2016 APRILE 2017 1 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI (Provvedimento

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) RMJ SOCIETA di GESTIONE del RISPARMIO per azioni Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli Investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Analizziamo in dettaglio il regime fiscale a cui sono sottoposti gli Exchange Traded Funds.

Analizziamo in dettaglio il regime fiscale a cui sono sottoposti gli Exchange Traded Funds. Analizziamo in dettaglio il regime fiscale a cui sono sottoposti gli Exchange Traded Funds. In Italia, gli ETF sono sottoposti alla tassazione fiscale tipica degli Organismi d Investimento Collettivo del

Dettagli

CAPITOLO V FUSIONE E SCISSIONE DI OICR SEZIONE I

CAPITOLO V FUSIONE E SCISSIONE DI OICR SEZIONE I Titolo V Organismi di investimento collettivo del risparmio CAPITOLO V FUSIONE E SCISSIONE DI OICR SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa 2. Fonti normative Le fusioni e le scissioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE IV

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE IV IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE IV Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 (di

Dettagli

Milano, 17 aprile Lapolla Teresa Responsabile Statistiche - Ufficio Studi

Milano, 17 aprile Lapolla Teresa Responsabile Statistiche - Ufficio Studi Il mercato dei fondi immobiliari, 17 aprile 2013 Lapolla Teresa Responsabile Statistiche - Ufficio Studi Dimensione del mercato 40 0,8% -0,9% 1,0% -2,4% 35 30 25 04% 0,4% -0,9% milia ardi di euro 20 15

Dettagli

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire Fideuram Investimenti SGR S.p.A. Strategia per l esercizio dei diritti di voto detenuti nel portafoglio degli OICR gestiti (ai sensi dell art. 34 del Regolamento Banca d Italia/Consob del [19 gennaio 2015])

Dettagli

La consulenza finanziaria in Banca. Antonio Marangi Amministratore Delegato

La consulenza finanziaria in Banca. Antonio Marangi Amministratore Delegato La consulenza finanziaria in Banca Antonio Marangi Amministratore Delegato La consulenza finanziaria in banca Company profile Il modello di consulenza Impatti economici 2 2008 2008 1 Contratto di Consulenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma Via Emilio de Cavalieri, 7 Tel. 06/ Fax 06/

COMUNICATO STAMPA Roma Via Emilio de Cavalieri, 7 Tel. 06/ Fax 06/ Associazione delle Società per la Consulenza agli Investimenti COMUNICATO STAMPA L Assoreti è costantemente impegnata nel fornire informazioni che permettano una visione esaustiva delle dinamiche del mercato

Dettagli

SUPPLEMENTO DI AGGIORNAMENTO

SUPPLEMENTO DI AGGIORNAMENTO 1/5 SUPPLEMENTO DI AGGIORNAMENTO al Prospetto d Offerta relativo all offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM MY LIFE prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Il presente Supplemento,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DATI PATRIMONIALI

COMUNICATO STAMPA DATI PATRIMONIALI Associazione delle Società per la Consulenza agli Investimenti COMUNICATO STAMPA DATI PATRIMONIALI MARZO 2016 IL PATRIMONIO DEI CLIENTI DELLE RETI SI MANTIENE SOPRA I 430 MILIARDI DI EURO. A fine marzo,

Dettagli

Relazione semestrale. 29 settembre 2016 BNP PARIBAS MONEY 3M. Forma giuridica: Società d'investimento a Capitale Variabile. Società di gestione:

Relazione semestrale. 29 settembre 2016 BNP PARIBAS MONEY 3M. Forma giuridica: Società d'investimento a Capitale Variabile. Società di gestione: BNP PARIBAS MONEY 3M Relazione semestrale 29 settembre 2016 Forma giuridica: Società d'investimento a Capitale Variabile Società di gestione: BNP PARIBAS ASSET MANAGEMENT 1, boulevard Haussmann - 75009

Dettagli

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al NEWSLETTER anno 4 / 2017 - newsletter 18/2017 Aggiornata al 21.08.2017 PRIMO PIANO BANCA D ITALIA - Provvedimento relativo alle disposizioni su Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Dettagli

Regolamenti 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20 Isvap attuativi del Codice delle Assicurazioni Private

Regolamenti 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20 Isvap attuativi del Codice delle Assicurazioni Private Regolamenti 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20 Isvap attuativi del Codice delle Assicurazioni Private 1 Regolamento n. 14 del 18 febbraio 2008 2 Regolamento concernente le procedure di approvazione delle modifiche

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico Labet Srl. All rights reserved.

Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico Labet Srl. All rights reserved. Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico 1 Labet: i settori di intervento nel calcio professionistico 1. ASSISTENZA NEGLI ADEMPIMENTI RELATIVI ALL OTTENIMENTO DELLA LICENZE

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL MERCATO FINANZIARIO

LE NUOVE REGOLE DEL MERCATO FINANZIARIO TRATTATO DI DIRITTO COMMERCIALE E DI DIRITTO PUBBLICO DELL'ECONOMIA VOLUME CINQUANTADUESIMO LE NUOVE REGOLE DEL MERCATO FINANZIARIO LA LEGGE 28 DICEMBRE 2005, N. 262 "DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DEL RISPARMIO

Dettagli

a) Disposizioni preliminari operative di Consob del 6 luglio 2011 in attesa del nuovo emanando Regolamento Consob Emittenti

a) Disposizioni preliminari operative di Consob del 6 luglio 2011 in attesa del nuovo emanando Regolamento Consob Emittenti CIRCOLARE n. 1/2011 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 INDICE Premessa... 3 1. Strategia

Dettagli

CASSE PROFESSIONALI: GOVERNANCE E RUOLO NELL ECONOMIA

CASSE PROFESSIONALI: GOVERNANCE E RUOLO NELL ECONOMIA CASSE PROFESSIONALI: GOVERNANCE E RUOLO NELL ECONOMIA DEL SISTEMA PAESE FRANCESCO MASSICCI Presidente f.f. Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 10 Maggio 2016 Gli enti previdenziali di diritto privato:

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO. Capitolo I IL FENOMENO E LE NOZIONI DI IMPRESA. Sez. 1 - Il sistema del diritto delle imprese

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO. Capitolo I IL FENOMENO E LE NOZIONI DI IMPRESA. Sez. 1 - Il sistema del diritto delle imprese Autori....................................... XIII Avvertenze..................................... XV Prefazione di ALBERTO MAZZONI.......................... XVII PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO Capitolo

Dettagli

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Una disciplina organica sul conflitto di interesse nella prestazione dei servizi d investimento e accessori compare con la direttiva MiFID

Dettagli

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n.

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. DOCUMENTO INFORMATIVO DI FIDEURAM INVESTIMENTI Società di Gestione del Risparmio Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. 1 PRIMO

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Milano, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 37/2015 ASSOCIATI/ADERENTI AIFI Oggetto: atti seminario del 13 aprile sul regolamento di attuazione dell

Dettagli

Tav.1 - Consistenze patrimoniali dei prodotti finanziari e servizi di investimento distribuiti dalle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Consistenze patrimoniali dei prodotti finanziari e servizi di investimento distribuiti dalle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - dei prodotti finanziari e servizi di investimento distribuiti dalle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Dicembre 2016 Marzo 2016 CONSISTENZE PATRIMONIALI 485.509,8 100,0% 471.090,7

Dettagli

La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni

La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni Workshop CeTIF AICOM Gli intermediari specializzati: modelli di business e nuove regole di funzionamento Milano, 11 aprile

Dettagli

Lo stato dell arte della previdenza in Italia

Lo stato dell arte della previdenza in Italia Lo stato dell arte della previdenza in Italia STEFANO GASPARI, AMMINISTRATORE UNICO, GRUPPO MONDOHEDGE 16 giugno 2016 LA PREVIDENZA DIBASE: I principali numeri a fine 2014 Costo totale delle prestazioni:

Dettagli

Fondi ABN AMRO Master e ABN AMRO Expert

Fondi ABN AMRO Master e ABN AMRO Expert Fondi ABN AMRO Master e ABN AMRO Expert Comunicazione ai Partecipanti ai Fondi ABN AMRO Master e ABN AMRO Expert. Gentile Cliente, Le comunichiamo che, in connessione con l operazione di fusione per incorporazione

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Testo Unico della Finanza

Testo Unico della Finanza Aggiornato con le modifiche apportate dal D.Lgs. n. 25 del 15.2.2016 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Marzo 2016 [pagina bianca] All interno dell articolato

Dettagli

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA 27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA Report Banche Credito: davvero in Italia più sportelli che all estero? In Toscana calo più accentuato anche degli addetti. Di seguito vengono presentate alcune analisi

Dettagli

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro Tav.1a - delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro RACCOLTA NETTA Fondi comuni e Sicav di diritto italiano 1.108,2 Azionari 120,2 Bilanciati 115,9 Obbligazionari -174,8

Dettagli

Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore

Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore Simonetta Cotterli Bologna, 7.06.2016. Schema dell intervento Elementi introduttivi: le caratteristiche del cliente bancario Il risparmio dellefamiglie

Dettagli

Le linee guida per l introduzione dei piani individuali di risparmio e gli adempimenti degli intermediari

Le linee guida per l introduzione dei piani individuali di risparmio e gli adempimenti degli intermediari Le linee guida per l introduzione dei piani individuali di risparmio e gli adempimenti degli intermediari ILARIO SCAFATI, Dipartimento delle Finanze ARIANNA IMMACOLATO, Assogestioni 1 PIR: caratteristiche

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Classificazione della Clientela 2 di 8 03.0.13142-03/2011 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del

Dettagli

2. I FONDI IMMOBILIARI ITALIANI

2. I FONDI IMMOBILIARI ITALIANI 2. I FONDI IMMOBILIARI ITALIANI Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS-ADG 1 Indice I Fondi Immobiliari Italiani Principali riferimenti normativi

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia

AIM INVESTOR DAY. 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia AIM INVESTOR DAY 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia L opportunità per il mercato Capitalizzazione indotta per Aim Italia 4AIM SICAF (Società di Investimento

Dettagli

IL MERCATO DEI FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA

IL MERCATO DEI FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA Direzione Affari Economici e Centro Studi Report IL MERCATO DEI FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA (Estratto dall'osservatorio Congiunturale sull'industria delle Costruzioni Maggio 28) Per i fondi immobiliari

Dettagli

AZIMUT SGR SpA FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO

AZIMUT SGR SpA FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO AZIMUT SGR SpA SISTEMA FORMULA 1 FORMULA 1 LOW RISK FORMULA 1 CONSERVATIVE FORMULA 1 BALANCED FORMULA 1 RISK FORMULA 1 HIGH RISK PARTE II DEL PROSPETTO INFORMATIVO ILLUSTRAZIONE DEI DATI STORICI DI RISCHIO/RENDIMENTO,

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Le finalità (originarie ed attuali) dell intervento legislativo.... Pag. 1 2. La mancata diffusione dello strumento, le iniziative di modifica della disciplina e la riforma

Dettagli