Manuale di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di riferimento"

Transcript

1 Manuale di riferimento

2 Copyright JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows sono marhi o marhi registrati di Mirosoft Corporation in U.S. e/o altri paesi. Java e tutti i marhi base di Java e loghi sono marhi o marhi registrati di SunMirosystems, In. in the U.S. e/o altri paesi. UNIX è un marhio registrato in U.S. e in altri paesi rilasiati eslusivamente Attraverso X/Open Company Limited. IBM i5 iseries 400, OS/400, IBM i,, i5/os per Power Systems, AS/400 sonomarhi di IBM Corporation, U.S. Altri nomi di aziende, prodotti e servizi he devono essere rappresentati da un doppio asteriso (**), possono essere marhi o marhi di servizio o altro. GPL4i 2

3 Sommario Introduzione al manuale... 6 Note su versione e release... 6 Pubbliazioni orrelate... 6 Convenzioni... 6 Dove è possibile trovare informazioni aggiornate... 6 Per i Vostri ommenti... 6 Desrizione generale... 7 Requisiti... 8 Gestione runtime... 9 Attivazione del Server Distribuzione di una Devie Attivazione Devie Loalmente Attivazione Devie Remotamente Aggiunta speifihe di instradamento Proedura di onversione Spool Creazione di una nuova proedura Modifia di una proedura Selta della proedura di onversione Assegnazione di un modello Eventi di una proedura di onversione *START *END *START_PAGE *END_PAGE *FIRST_PAGE *LAST_PAGE *CUSTOM Azioni di una proedura di onversione *MODULE *ATTRIBUTE *VARIABLE GPL4i 3

4 *CUT *SERVICE *ALERT *USEREXIT Attributi di una azione Attivazione della proedura di onversione Comando WRKR4SPL Comando CVTR4SPL Modifia oda di stampa GPL4i API GPL4i_AddDataModelInfo GPL4i_AddServieInfo GPL4i_CloseDoument GPL4i_GetCurrentErr GPL4i_NewForm GPL4i_OpenDoument GPL4i_Reset GPL4i_Run GPL4i_SetBarode GPL4i_SetBreak GPL4i_SetDataModel GPL4i_SetDataModelInfo GPL4i_SetDoumentAttr GPL4i_SetDoumentName GPL4i_SetFldAttr GPL4i_SetFolder GPL4i_SetImage GPL4i_SetServieOn GPL4i_SetTextFld GPL4i DMS Window Informazioni generali Toolbar Menubar Visualizzazione artelle Tabella Ordinamento e Filtro GPL4i 4

5 Opzioni e Opzioni avanzate Monitor dei servizi Definizione servizi Servizio di salvataggio su DMW Web Servizio di salvataggio Servizio di Servizio di fax Servizio di stampa diretta Servizio di upload Servizio di upload personalizzato GPL4i DMS Web Creazione del Form Pdf on Arobat Writer Creazione del pdf da usare ome Form Aggiunta del ampo Aggiunta del ampo multiplo Cariamento dei Forms su AS GPL4i 5

6 Introduzione al manuale Questo manuale desrive le omponenti del prodotto GPL4i. Note su versione e release Il manuale ontiene informazioni ompatibili on la versione V2R0M0 Pubbliazioni orrelate Convenzioni [1] R400-V4R0M0-Installazione_Configurazione.pdf Desrive la proedura di installazione e onfigurazione del runtime R400Core su ui il prodotto GPL4i si basa. Eleno delle onvenzioni he saranno impiegate in questo manuale: Il nome GPL4i è indiato in rosso on arattere Times New Roman e stile bold- Itali. I odii sorgente e i omandi IBM i sono rappresentati on il arattere Courier New. PC è un sinonimo di Personal Computer Windows. Dove è possibile trovare informazioni aggiornate Sul sito si possono trovare le ultime versioni del software e dei manuali. Per i Vostri ommenti I Vostri ommenti sono benvenuti all indirizzo GPL4i 6

7 Desrizione generale Il prodotto GPL4i permette di generare doumenti Exel, Pdf e GoogleDos attraverso API o partendo da un file in Spool IBM i. Ad ogni doumento generato possono essere assegnate delle azioni: Invio , Fax, arhiviazione, salvataggio anhe in formato.zip e altro anora. E possibile anhe attivare delle azioni utente. Ad esempio programmi utili a ensire il doumento nel proprio sistema doumentale o a ondividere il doumento attraverso Google Drive. Durante l analisi dello spool è possibile satenare degli avvisi: Invio SMS, messaggio in Chat Skype, invio SMS via Skype, invio messaggio Twitter. La onversione del file di spool in un doumento pdf avviene attraverso l utilizzo di Form Pdf. Si tratta di file Pdf he ontengono ampi di input. Attraverso le API o nella fase di onversione di un in Spool questi ampi vengono valorizzati per ottenere il doumento ompilato. La produzione del doumento viene affidata ad una Devie di stampa AS400 opportunamente onfigurata per delegare ad un ontroller loale o remoto la produzione del Pdf e dei servizi rihiesti. La proedura è omposta da un eleno di eventi al verifiarsi dei quali il sistema attiva le azioni definite per l evento stesso. Ad esempio, al verifiarsi dell evento *END_PAGE (fine pagina) attiva l azione *MODULE (opia il ontenuto della pagina dello spool nei ampi del modulo Pdf seondo le regole stabilite). Altro esempio: al verifiarsi dell evento *END (fine elaborazione) attiva l azione *ALERT (azione onfigurata per inviare un SMS al responsabile). GPL4i 7

8 Requisiti Il prodotto GPL4i è un modulo del prodotto R400Core (qui in seguito hiamato runtime). In questo manuale non viene desritta la proedura di installazione e onfigurazione del prodotto GPL4i e del runtime. Fare riferimento al manuale [1] per una desrizione del prodotto R400Core e sulla modalità di installazione e onfigurazione. GPL4i 8

9 Gestione runtime Con l'installazione del prodotto GPL4i viene reato un utente omonimo alla libreria di installazione. Seguendo la proedura standard questo utente sarà hiamato R4SP Aedendo on questo utente usando la password selta durante la proedura di installazione verrà mostrato un menù he permette di gestire tutte le funzionalità di amministrazione del runtime Configurare il Server Attivare e disattivare il Server Gestire le Devie Gestire i Moduli In partiolare tutte le funzionalità di onversione dello spool in doumenti Pdf o le API native di generazione Pdf possono funzionare solo se il Server è attivo e se la Devie a ui viene affidata la produzione del doumento è stata attivata loalmente o remotamente. Fare riferimento al manuale [1] per seguire la proedura di attivazione del Server e delle Devie. In questo apitolo viene desritto sintetiamente ome attivare il Server, ome distribuire la Devie reata di default on l'installazione del runtime e ome attivare la stessa loalmente o remotamente GPL4i 9

10 Attivazione del Server Questa la proedura da seguire per attivare il sistema R400Core. Nei seguenti omandi si assume he sia stata seguita la proedura di installazione mantenendo i default, ossia sia stata ripristinata la libreria mantenendo il nome originale. Il suffisso india la versione del prodotto: Versione 04 Release 00 Modifia 00. Passo 1: Collegarsi al IBM i on l utente JTJT La password è stata selta nella proedura di installazione R400Core. Viene mostrato il menù prinipale. Passo 2: Per attivare il R400Core selezionare l opzione Attivare Server R400 (omando STRR4SBS) Se il sistema fosse già attivo viene mostrato un messaggio di avvertimento. Passo 3: Per disattivare il R400Core selezionare l opzione Disattivare Server R400 (omando ENDR4SBS) GPL4i 10

11 Distribuzione di una Devie Per essere attivata remotamente la R400Devie deve essere installata nel R400RemoteController. Nei seguenti omandi si assume he sia stata seguita la proedura di installazione mantenendo i default, ossia sia stata ripristinata la libreria mantenendo il nome originale. Il suffisso india la versione del prodotto: Versione 04 Release 00 Modifia 00. Questa la proedura da seguire: Passo 1: Collegarsi on un browser al R400Core. Questo è l URL: <indirizzo IP System i>:10099 Dove <indirizzo IP System i> rappresenta l indirizzo IP del IBM i su ui è stato installato il R400Core. Questa la pagina mostrata: Passo 2: Installazoine R400RemoteController Se non è già stato fatto in preedenza liare sul link Setup R400 Remote Controller e sariare il setup. Al termine del Download attivare il programma sariato e seguire la proedura di installazione. GPL4i 11

12 Verrà reata una iona sul Desktop. Passo 3: Installazione della R400Devie. Autentiarsi on un utente IBM i. Attenzione! Se dovesse presentarsi l errore ome mostra l immagine seguente: Signifia he sul server non sono stati attivati i serventi. Laniare su IBM i il seguente omando e riproporre la rihiesta: STRHOSTSVR SERVER(*ALL) Verrà mostrato l eleno delle R400Devie a ui l utente è abilitato all uso. Selezionare la R400Devie e aprire il file on il programma selto dal Browser. GPL4i 12

13 (non salvare il file) Apparirà la seguente videata: I messaggi potrebbero essere La devie è già installata oppure La Devie è stata installata. In ogni aso non attivare la R400Devie. Cliare su Annulla. GPL4i 13

14 Attivazione Devie Loalmente Nei seguenti omandi si assume he sia stata seguita la proedura di installazione mantenendo i default, ossia sia stata ripristinata la libreria mantenendo il nome originale. Il suffisso india la versione del prodotto: Versione 04 Release 00 Modifia 00. Questa la proedura per attivare una R400Devie sul IBM i: Passo 1: Collegarsi al IBM i on l utente JTJT Viene mostrato un eleno di omandi. Passo 2: Laniare il seguente omando: STRR4DEV DEVR4(JTJT040000) Se la R400Devie fosse già attiva, verrebbe inviato un messaggio di break al terminale. Passo 2: Per disattivare la Devie selezionare l opzione Gestire Devie R400 (omando WRKR4DEVD) Appare una videata simile alla seguente: Passo 3: Selezionare on l opzione 8=Gestione stato la R400Devie da disattivare. Appare la seguente videata: GPL4i 14

15 Se la R400Devie non fosse attiva l eleno sarebbe vuoto e verrebbe mostrato il seguente messaggio: Nessun lavoro attivo per il sottosistema rihiesto. Diversamente selezionare le riga *LDEV on l opzione 4=Fine. Selezionare *IMMED nel parametro Come terminare e premere Enter. GPL4i 15

16 Attivazione Devie Remotamente Nei seguenti omandi si assume he sia stata seguita la proedura di installazione mantenendo i default, ossia sia stata ripristinata la libreria mantenendo il nome originale. Il suffisso india la versione del prodotto: Versione 04 Release 00 Modifia 00. Questa la proedura da seguire per attivare una R400Devie su un PC Window. Passo 1: Attivare il programma R400RemoteController: Avvio/Tutti i programmi/r400 Remote Controller/R400 Remote Controller oppure liando sull iona presente su Desktop viene mostrata la seguente finestra: Passo 2: Selezionare la R400Devie he si vuole attivare e premere il pulsante Attiva Servizio. Viene mostrata la seguente finestra di ollegamento: GPL4i 16

17 Inserire un nome di utente IBM i e la sua password. Se si vuole memorizzare l utente per il prossimo login liare su Login automatio. Sarà possibile in seguito eliminare questa opzione seguendo la proedura Modifia di una R400Devie. Se nella finestra di ollegamento viene premuto il tasto Annulla o se il ollegamento non è riusito, viene omunque visualizzata l iona R400Devie ma il suo stato è rosso ossia non attiva. Nella barra di avvio programmi appare una iona verde quando la R400Devie diventa attiva: Durante il primo avvio della R400Devie, vengono installati automatiamente i R400Module più reenti. In questo aso una videata simile alla seguente appare a video. Lasiare he questa proedura finisa. Passo 3: Per disattivare la Devie selezionare on il tasto destro del mouse l iona verde della R400Devie. (E verde quando è attiva) GPL4i 17

18 GPL4i 18 Selezionare Disattiva onnessione.

19 Aggiunta speifihe di instradamento Il omando di aggiunta speifihe di instradamento ADDGPLE permette di fornire ad una Devie reata nel runtime le informazioni neessarie per eseguire le funzionalità del modulo GPL4i. Per assegnare le funzionalità GPL4i alla Devie reata di default on l'installazione del runtime laniare una volta sola il omando seguente ADDGPLE JTJT GPL4i 19

20 Proedura di onversione Spool In questo apitolo vengono desritte le omponenti he interagisono per realizzare una proedura di onversione di un file in Spool in un doumento Pdf. Nei seguenti omandi si assume he sia stata seguita la proedura di installazione mantenendo i default, ossia sia stata ripristinata la libreria mantenendo il nome originale. Il suffisso india la versione del prodotto: Versione 02 Release 00 Modifia 00. Per aedere al omando di gestione delle proedure di onversione seguire le seguenti operazioni: Passo 1: Collegarsi al IBM i on l utente R4SP La password è stata selta nella proedura di installazione GPL4i. Viene mostrato il menù prinipale. Passo 2: Selezionare l'opzione "Gestione proedure di onversione" (Comando WRKR4SPL). Viene mostrato l'eleno delle proedure attive. Con l'installazione viene fornita una proedura di onversione di default. GPL4i 20

21 Creazione di una nuova proedura Per reare una nuova proedure premere F6=Crea proedura Assegnare un nome alla proedura e indiare quale regola GPL4i deve seguire per assegnare la proedura ad uno spool IBM i. Ad esempio se viene indiato QPDSPLIB nel "Nome file di Spool" la proedura sarà assegnata a tutti gli spool he hanno ome nome QPDSPLIB. se viene indiato anhe QPRINT in "Unità o oda" allora la proedura di onversione sarà assegnata a tutti gli spool he hanno ome nome QPDSPLIB e ome unità o oda QPRINT. Modifia di una proedura Per modifiare una proedura esistente selezionare on la proedura on l'opzione 2=Modifia Quindi appliare i nuovi riteri di assegnazione della proedura di onversione Selta della proedura di onversione Il sistema GPL4i determina quale proedura di onversione utilizzare per onvertire uno Spool in un doumento Pdf seguendo l'ordine on ui le proedure di onversione sono state organizzate. GPL4i 21

22 Ad esempio se l'ordine delle proedure fosse il seguente Se un file di Spool on nome QPDSPLIB dovesse essere onvertito in un doumento Pdf da GPL4i, il sistema appliherebbe la proedura di onversione QPDSPLIB. Se invee l'ordine fosse il seguente Se un file di Spool on nome QPDSPLIB dovesse essere onvertito in un doumento Pdf da GPL4i, il sistema appliherebbe la proedura di onversione DEFAULT_132_066. Per modifiare la sequenza delle proedure modifiare il valore indiato in nella olonna Se Assegnazione di un modello La proedura di onversione analizzerà le pagine di un file in Spool e produrrà tante pagine in un file.pdf. Per ogni pagina dello spool seglierà da un modello un Form. Questi Form devono essere prodotti on qualsiasi strumento di generazione Form.pdf (Illustrator, Adobe Arobat writer e) e devono essere raggruppati in un file.zip da ariare su IBM i. Per assegnare questo modello alla proedura di onversione selezionare la proedura on l'opzione M=Gestione modelli Pdf Selezionare dall'eleno il modello oppure ensirne uno nuovo premendo F6=Assegna moduli Pdf a proedura Inserire il nome del file.zip suddetto ome mostra l immagine seguente: nella omposizione del modello è possibile utilizzare alune variabili [&ROOT]/ProdData/[&JTJT]/modules/[&R4SP]/prefinati/DEFAULT_132_066. zip [&ROOT] india la root di installazione del runtime /jetlab è il default [&JTJT] india il nome della libreria di runtime JTJT è il default GPL4i 22

23 [&R4SP] india il nome della libreria di installazione GPL4i. R4SP è il default Eventi di una proedura di onversione Si tratta dell eleno degli eventi he devono essere analizzati dalla proedura di onversione del file di Spool. Per aedere agli eventi ontrollati da una proedura di onversione selezionare la proedura on l'opzione E=Eventi Premere il tasto funzione F6=Aggiungi evento Per assegnare un nuovo evento alla proedura di onversione Al verifiarsi dell evento il sistema elabora le azioni assegnate all evento stesso. Segue l eleno degli eventi possibili: *START Inizio fase di analisi del file in Spool. *END Analisi Spool terminata. Tutte le pagine sono state analizzate. *START_PAGE La proedura di onversione ha iniziato ad elaborare una nuova pagina *END_PAGE La proedura di onversione ha finito di elaborare la pagina orrente *FIRST_PAGE La proedura di onversione ha finito di elaborare la prima pagina dello Spool *LAST_PAGE La proedura di onversione ha finito di elaborare l'ultima pagina dello Spool GPL4i 23

24 *CUSTOM Evento definito dall utente. In questo aso l utente deve definire le ondizioni verifiate le quali l evento viene onsiderato. Le ondizioni riguardano la presenza di determinati ontenuti nella pagina dello Spool. Ad esempio, Se a riga 2 olonna 15 è presente la sritta Fattura. GPL4i 24

25 Azioni di una proedura di onversione Si tratta dell eleno della attività assegnate ad un evento inserito nella proedura di onversione. Al verifiarsi dell evento vengono attivate in sequenza tutte le azioni assegnate all evento stesso. Per assegnare una azione ad un evento selezionare la proedura di onversione on l'opzione E=Eventi quindi selezionare l'evento on l'opzione A=Gestione azioni Premendo il tasto F10=Gestione azioni si aede all'eleno delle azioni disponibili e da qui è possibile selezionare l'azione da assegnare all'evento. GPL4i 25

26 Segue l eleno delle possibili azioni: *MODULE In questa azione viene stabilito quale Form utilizzare per onvertire la pagina dello Spool in una pagina del doumento Pdf. In questa fase viene stabilito quale informazione ontenuta nella pagina dello spool deve essere opiata nel Form e in quale ampo. Ad esempio l'informazione he si trova a riga 5 olonna 20 viene opiata nel ampo NumeroFattura del Form fattura.pdf. *ATTRIBUTE In questa azione viene definito l eleno dei meta dati da assegnare al doumento Pdf generato. Questi Meta dati sono neessari nel momento in ui tra i servizi assegnati al doumento è attivo un sevizio di arhiviazione. Queste informazioni sono quindi utilizzate per indiizzare e arhiviare il doumento stesso *VARIABLE In questa azione viene definito l eleno delle variabili he devono essere ariate dalla pagina. Ad esempio il numero fattura si trova a riga 5 olonna 60. Il ontenuto viene assegnato alla variabile &NFATT he sarà in seguito utilizzata per assegnare un nome univoo al doumento pdf : Fattura numero [&NFATT].pdf. *CUT Utile per produrre più pdf da un solo file di Spool. GPL4i 26

27 Ad esempio, in uno spool sono presenti 2 fatture e si vogliono generare due doumenti Pdf distinti. Quando il numero fattura ambia rispetto alla pagina preedente viene attivata l azione suddetta. *SERVICE Vengono assegnati un eleno di servizi al doumento pdf: Invia il doumento Pdf per Salva Salva il doumento Pdf Mostra Mostra il doumento pdf generato Arhivia su DMS Client Deposita il doumento Pdf in un arhivio organizzato per tipologia doumento Stampa Stampa il pdf sulla stampante predefinita del PC he lo ha generato Fax Invia il pdf per fax Rihiesta interattiva Mostra un pannello di ontrollo dal quale l utente attiva interattivamente i servizi Arhivia su DMS Web Deposita il doumento Pdf in un arhivio Web organizzato per tipologia doumento *ALERT Vengono assegnati al verifiarsi di un evento una serie di avvisi. Sms Invia un SMS Twitter Invia un messaggio a Twitter Skype Invia un messaggio in una hat Skype o un SMS via Skype *USEREXIT Il sistema prevede la possibilità di attivare un programma utente in diversi punti della proedura di onversione. In partiolare la user exit viene attivata on l'azione *USEREXIT on l'azione *VARIABLE se sono ensite variabili di ui non è stata fornita o la riga o la olonna. Quindi sarà il programma utente a determinare in quale riga olonna della pagina dello spool si trova il valore da assegnare alla variabile. on l'azione *MODULE se sono stati ensiti ampi organizzati in un reord. In questo aso la posizione dei ampi non è fissa ma viene determinata dal programma utente he dovrà rionosere he nella riga elaborata è presente un determinato tipo di reord Il programma utente potrà attraverso una serie di API onsultate l'eleno delle variabili attive, modifiarne il ontenuto, aggiungere nuove variabili. GPL4i 27

28 Al programmatore sono fornite anhe API per la onsultazione del ontenuto della pagina orrente e della pagina preedente. Questa l interfaia del programma utente: Parametro I/O Tipo Desrizione retcode O CHAR(4) Return ode dell operazione '0000' operazione eseguita orrettamente. 'nnnn' indiare in return ode msgdta O CHAR(512) Dati di sostituzione per l emissione del identifiativo messaggio msgid msgid O CHAR(7) Identifiativo messaggio msgfilename O CHAR(10) Nome del file messaggi dove reuperare il messaggio msgfilelib O CHAR(10) Libreria del file messaggi Ht I BIN(4) Identifiativo del repository delle variabili. Le variabili posso essere gestite mediante l'uso di API. jobname I CHAR(10) Nome del job del file di spool he la proedura stà elaborando jobuser I CHAR(10) Nome utente del job del file di spool he la proedura stà elaborando jobnumber I CHAR(6) Numero del job del file di spool he la proedura stà elaborando NomeSpool I CHAR(10) Nome del file di spool he la proedura stà elaborando NumeroSpool I CHAR(6) Numero del file di spool he la proedura stà elaborando Pro I CHAR(20) Nome della proedura he si stà eseguendo Event I CHAR(35) Nome dell'evento he la proedura stà eseguendo Azione I CHAR(35) Nome dell'azione he ha attivato la user exit TipoAzione I CHAR(10) Tipo di azione he ha attivato la User Exit: *VARIABLE *MODULE *USEREXIT Lingua I CHAR(3) Identifia la lingua dei moduli da utilizzare per la generazione del pdf Devie I CHAR(10) Nome della devie a ui è stata delegata la produzione del pdf Timeout I CHAR(3) Tempo massimo di attesa di una risposta da parte della devie InfoName I CHAR(*) Variabile he termina on NULL (x'00'). Se TipoAzione = *USEREXIT Questo parametro viene ignorato Se TipoAzione = *VARIABLE India il nome della variabile. Se TipoAzione = *MODULE Se InfoName = *MODULE signifia he la user exit è stata attivata prima di stabilire quale Form utilizzare per onvertire la pagine dello spool. In InfoValue è ontenuto il nome del Form he la proedura di onversione utilizzerà. La user exit puo' modifiare il Form ambiando il ontenuto della variabile InfoValue e la sua lunghezza in llinfovalue. Se la User Exit valorizza llinfovalue = 0 non sarà impostato alun Form dalla proedura di onversione. GPL4i 28

29 La selta del Form deve essere fatta dalla user exit stessa mediante le API. Se InfoName = *BREAK signifia he la user exit è stata attivata prima di eseguire un salto pagina. La user exit puo' evitare il salto pagina valorizzando InfoValue='0' Se InfoName = *RECORD signifia he la user exit è stata attivata perhè deve stabilire se nella riga numero Riga il ui ontenuto è fornito in InfoValue e la sua lunghezza in llinfovalue è presente uno qualsiasi dei ampi dei formati reord forniti in Reords. La user exit deve inizializzare la variabile ReordsAttivi on '1' nella posizione orrispondente al reord rionosiuto nella riga Se InfoName = <nome del ampo> signifia he la user exit è stata attivata per onsentirle di sovrasrivere il valore o gli attributi del ampo nel Form. InfoValue I/O CHAR(n) Il ontenuto di questo parametro dipende dal ampo InfoName llinfovalue I/O BIN(4) Rappresenta la lunghezza di InfoValue Riga I/O BIN(4) Quando la User Exit è hiamata per l'azione *VARIABLE india la riga indiata nella definizione della variabile nell'azione indiata nel parametro Azione, Quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE india la riga indiata nella definizione dei ampi nell'azione indiata nel parametro Azione Colonna I/O BIN(4) Quando la User Exit è hiamata per l'azione *VARIABLE india la olonna indiata nella definizione della variabile nell'azione indiata nel parametro Azione, Quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE india la olonna indiata nella definizione dei ampi nell'azione indiata nel parametro Azione RefFld O CHAR(35) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. India un ampo nel pdf da usare ome riferimento per il posizionamento dei ampi raggruppati in un Reord. X O BIN(4) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. India lo spostamento di un ampo he fa parte di un Reord rispetto alla sua posizione nel Form Y I/O BIN(4) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. India lo spostamento di un ampo he fa parte di un Reord rispetto alla posizione del ampo di riferimento Reords I CHAR(35) DIM(256) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. Rappresenta l'eleno dei Reord definiti nell'azione nreord I BIN(4) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. India il numero di reord definiti nell'azione GPL4i 29

30 ReordsAttivi O CHAR(256) Signifiativo solo quando la User Exit è hiamata per l'azione *MODULE. India una sequenza di CHAR orrispondenti al numero di Reords. '0' per indiare he il Reord non è presente nella riga '1' per indiare he il Reord è presente nella riga Per leggere e srivere le variabili dal repository utilizzare il seguente odie di esempio: D/COPY *LIBL/QRPGLECPY,JTLVAR D ht s 10i 0 D Index s 9b 0 D Key s 30a D Var s 32768a D VarDim s 9b 0 D ptr s * D Var2 s 32768a based(ptr) ** inserimento di una variabile eval key = ' ' + x'00' eval var = + x'00' allp insvarhdl(ht:%addr(key):%addr(var)) ** era una variabile eval key = ' '+x'00' eval index = findelementhdl( ht : %addr(key) : %san(x'00':key)-1 ) ** se variabile trovata if index >= 0 ** reupera la variabile eval Ptr = getvarhdl(ht:index) eval VarDim = %san(x'00':var2) - 1 * in Var2 è memorizzato il valore della variabile erata endif Il programma deve esser ompilato in Bind on il Programma di Servizio JTLVAR Per analizzare la pagina dello spool utilizzare il seguente odie di esempio: D/COPY *LIBL/QRPGLECPY,R4SPL GPL4i 30

31 D ptr s * D Var2 s 32768a based(ptr) D r s 10i 0 inz(5) D s 10i 0 inz(10) D urpag s 10i 0 inz(0) D prvpag s 10i 0 inz(1) * In Var2 viene opiato il ontenuto della riga 5 olonna 10 della pagina orrente eval ptr = JTSpoolGetArea( r : : urpage ) * In Var2 viene opiato il ontenuto della riga 5 olonna 10 della pagina preedente eval ptr = JTSpoolGetArea( r : : prvpage ) Attributi di una azione Ogni azione assegnata ad un evento è aratterizzata da una serie di attributi. Per aedere agli attributi di una azione selezionare la proedura di onversione on l'opzione E=Eventi quindi selezionare l'evento on l'opzione A=Gestione azioni GPL4i 31

32 Quindi selezionare l'azione on l'opzione A=Gestione attributi A seonda del tipo di azione gli attributi possono essere i seguenti: Attributi evento *CONTAINER Per l'azione di tipo *CONTAINER deve essere definito il ontenitore del doumento Pdf. nella determinazione del ontenitore è possibile utilizzare alune variabili [&PROCEDURE] assegna il doumento Pdf ad un ontenitore il ui nome onide on il nome della proedura di onversione Attributi evento *ATTRIBUTE Per l'azione di tipo *ATTRIBUTE devono essere definiti i meta dati da assegnare al doumento Pdf generato. GPL4i 32

33 Ai metadati possono anhe essere assegnate variabili ariate on l'evento *VARIABLE o da una User Exit. Alune variabili sono presenti per dafault: [&JOBNAME] india il nome del lavoro del file di spool he si stà onvertendo [&JOBUSER] india il nome del utente del lavoro del file di spool he si stà onvertendo [&JOBNBR] india il numero del lavoro del file di spool he si stà onvertendo [&SPLNAME] india il nome del file di spool he si stà onvertendo [&SPLNBR] india il numero del file di spool he si stà onvertendo Mettendo un? nelle righe Gialle è possibile aedere all'eleno delle variabili presenti Attributi evento *SERVICE Per l'azione di tipo *SERVICE devono essere definite le informazioni neessarie ad attivare i seguenti servizi: GPL4i 33

34 Per ognuno di questi servizi sono possibili una serie di attributi: Ad esempio per il servizio 2=Salva Sono possibili i seguenti attributi Mettendo un? nelle righe Gialle è possibile aedere all'eleno delle variabili presenti Mettendo un? nelle righe Verdi è possibile aedere all'eleno degli attributi disponibili per il servizio selezionato. Nel ampo "Sospendi servizio" indiare N se si vuole attivare il servizio al termine della proedura di produzione del Pdf. indiare S se si vuole assegnare al doumento il servizio ma non lo si vuole attivare al termine della proedura di produzione del Pdf. Questo parametro osì ome tutti gli attributi potranno essere sovrasritti da una User exit. Consultare la doumentazione delle API GPL4i_AddServieInfo per l'eleno degli attributi disponibili. GPL4i 34

35 Attributi evento *MODULE Per l'azione di tipo *MODULE devono essere definite le regole da seguire per inizializzare i ampi del Form pdf. In questo aso viene stabilito di utilizzare il Form DEFAULT_132_066.pdf (presente nel modello vedi apitolo assegnazione di un modello) e di assegnare al ampo RIGA tutte le righe dalla 1 alla 66. Ogni riga onterrà i dati presenti dalla olonna 1 alla 132. Nel Form saranno presenti (ome mostra l'immagine seguente) tanti ampi RIGA.<n> da <n>=0 a <n>=65 (la numerazione parte da 0) Nel ampo User Exit è possibile fornire il nome di un programma User Exit he potrebbe intervenire nell'elaborazione dell'azione modifiandone i omportamenti. Vedi ampitolo Azione di tipo User Exit. GPL4i 35

36 Per un agevole rionosimento dell'area della pagina dello spool da assegnare ad un ampo del Form è possibile premere il tasto funzione F4=Immagine Spool In questo modo viene proposta la seguente videata: qui possono essere ompilati i ampi Nome file di Spool Nome lavoro Nome utente Numero lavoro Numero spool per ariare a video l'immagine dello spool su ui si vorrà appliare la onversione. Con il tasto F6=Reupera primo Spool valido questi ampi vengono ariati in automatio andando a erare sul sistema uno Spool he rispetti le aratteristihe fornite. Se ad esempio si ompilasse solo il "Nome utente" on QPGMR, premendo il tasto F6 verrebbe ariato il primo file di Spool assegnato all'utente QPGMR. GPL4i 36

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Questo documento illustra come installare una stampante in ambiente Windows con un nuovo metodo. Il vecchio metodo, principalmente consigliato

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

Guida alla WebMail Horde

Guida alla WebMail Horde Guida alla WebMail Horde La funzione principale di un sistema Webmail è quella di gestire la propria posta elettronica senza dover utilizzare un programma client installato sul computer. Il vantaggio è

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

QUICK-PRESS Quick-DOC Suite

QUICK-PRESS Quick-DOC Suite QUICK-PRESS Quick-DOC Suite QSL Group Quick Software Line Suite Sicurezza 1. Quick-EDD/HA - Disaster Recovery & Data Replicator ETL 2. Quick-EDD/OPEN Disaster Recovery e Business Continuity 3. Quick-EDD

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli