3. Successioni di insiemi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Successioni di insiemi."

Transcript

1 3. Successioni di insiemi. Per evitare incongruenze supponiamo, in questo capitolo, che tutti gli insiemi considerati siano sottoinsiemi di un dato insieme S (l insieme ambiente ). Quando occorrerà considerare S munito di qualche struttura aggiuntiva (ad es. quella di spazio topologico o quella di spazio metrico) lo segnaleremo esplicitamente Minimo e massimo ite di una successione di insiemi. Definizione (Minimo e massimo ite di una successione di insiemi). Sia {X n } una successione di insiemi. Si chiama minimo ite della successione {X n }, e si indica con X n, l insieme costituito dagli elementi x S che godono della seguente proprietà: esiste un indice n N (dipendente da x) tale che x X n per ogni n n. Si chiama massimo ite della successione {X n }, e si indica con X n, l insieme costituito dagli elementi x S che godono della seguente proprietà: esiste una successione {X nk } (dipendente da x), estratta da {X n }, tale che x X nk per ogni k N. Altre notazioni adoperate per indicare il minimo ed il massimo ite della successione {X n } sono, rispettivamente, inf X n e sup X n. La successiva proposizione è un ovvia conseguenza della definizione. Proposizione Per ogni successione di insiemi {X n } si ha: (3.1.1) X n X n X n X n. Si ha inoltre la 1

2 Proposizione Per ogni successione di insiemi {X n } risulta: (3.1.2) X n = (3.1.3) X n = (X n X n+1 X n+2...), (X n X n+1 X n+2...). Dimostrazione. Dimostriamo la (3.1.3). Si hanno infatti le seguenti equivalenze: x X n {n k }, successione crescente di numeri naturali, tale che x X nk k N ( 1 ) n N h N, h n, tale che x X h x X n X n+1 X n+2... n N x (X n X n+1 X n+2...). La verifica della (3.1.2) è più semplice ed è lasciata per esercizio allo studente. Esempio Siano C, D due insiemi qualsiasi e sia {X n } la successione di insiemi definita ponendo X n = C oppure X n = D secondo che n sia dispari oppure pari. Allora X n = C D, X n = C D ; ( 1 ) Per dimostrare l implicazione = osserviamo che è k n k = + ; pertanto, per verificare che per ogni n N esiste h N, h n, tale che x X h, basta prendere h = n k con k sufficientemente grande. Viceversa, per dimostrare la =, osserviamo che l esistenza della successione {n k } si ottiene nel modo seguente: fissato n = 1, esiste, per ipotesi, n 1 N tale che x X n1 ; fissato n = n 1 + 1, esiste, per ipotesi, n 2 N, n 2 n 1 + 1, tale che x X n2 ; fissato n = n esiste, per ipotesi, n 3 N, n 3 n 2 + 1, tale che x X n3 ; ecc. ecc. 2

3 infatti si ha, per ogni n N, X n X n+1 X n+2... = C D, X n X n+1 X n+2... = C D, dunque l asserto segue subito dalla Proposizione Esempio Sia S = R. Supponiamo che n q n sia una bigezione tra N e Q ]0, 1[ e consideriamo la successione di insiemi {X n } = {[0, q n ]}. Risulta: Infatti: per la (3.1.1) si ha [0, q n ] = {0}, [0, q n ] = [0, 1[. 0 [0, q n ] [0, q n ] ; d altra parte nessun numero reale x 0 appartiene all insieme [0, q n ]; ciò è ovvio se x < 0; se x > 0 basta osservare che, per la densità di Q in R, risulta 0 < q n < x, e quindi x / [0, q n ], per infiniti valori distinti di n N, dunque non può esistere n N tale che x [0, q n ] n n; ancora per la (3.1.1) si ha [0, 1[ = [0, q n ] [0, q n ] ; d altra parte, se x [0, 1[, per la densità di Q in R esistono infiniti valori distinti di n N per i quali risulta x q n < 1 e quindi x [0, q n ]; di conseguenza si ha x [0, q n ]. Esempio Sia ancora S = R e siano {a n }, {b n } due successioni di numeri reali tali che e inoltre 0 < a n < 1 < b n n N a n = 0, b n = 1. Si ha allora, per la successione {[a n, b n ]}, [a n, b n ] = [a n, b n ] = ]0, 1]. Infatti, se x ]0, 1], allora si ha, definitivamente, a n x e quindi x [a n, b n ], pertanto x [a n, b n ]; dunque ]0, 1] [a n, b n ]. 3

4 D altra parte, se x [a n, b n ], esiste una successione crescente {n k } di numeri naturali tale che a nk x b nk k N ; ne segue ovviamente che x > 0 e inoltre, passando al ite per k nella disuguaglianza di destra, x 1; dunque si ha pure [a n, b n ] ]0, 1]. La proposizione successiva ci permette di esprimere, dati una successione {X n } ed un insieme Y, il minimo ed il massimo ite della successione {Y \ X n } mediante il minimo ed il massimo ite della successione originaria {X n }. I risultati che si ottengono presentano una certa analogia con le formule di De Morgan (che, peraltro, intervengono in maniera sostanziale nella dimostrazione) e possono essere ricordati, facendo riferimento al caso in cui Y contiene tutti gli insiemi X n, mediante la filastrocca: il ite minimo [ risp. massimo ] della successione dei complementari è uguale al complementare del ite massimo [ risp. minimo ] della successione originaria. Proposizione Sia {X n } una successione di insiemi e sia Y un insieme qualunque. Risulta allora: (3.1.4) (Y \ X n ) = Y \ ( ) X n, (3.1.5) (Y \ X n ) = Y \ ( ) X n. Dimostrazione. Dimostriamo la (3.1.4). Dalla (3.1.2), applicando le due formule di De Morgan, si ha (Y \ X n ) = (Y \ X k ) = k=n ( ( Y \ k=n X k )) ( ) = Y \ X k k=n e quindi, per la (3.1.3), (Y \ X n ) = Y \ ( ) X n. La dimostrazione della (3.1.5) è perfettamente analoga. 4

5 Definizione (Successioni convergenti). Si dice che una successione di insiemi {X n } è convergente se X n = X n. In questo caso si dice che la successione {X n } ha per ite l insieme e si scrive oppure, più brevemente, X = X n = X n X n = X X n X. Un esempio di successione convergente è dato dall Esempio esempio, che è bene tenere a mente, è il seguente. Un altro facile Esempio Se gli insiemi della successione {X n } sono a due a due disgiunti, allora Infatti è ovvio che X n =. X n =. Definizione (Successioni monotòne). Si dice che una successione di insiemi {X n } è non decrescente [ risp. non crescente ] se è X n X n+1 [ risp. X n X n+1 ] n N. Si dice che la successione {X n } è monotòna se essa è non decrescente oppure non crescente. Proposizione (Convergenza delle successioni monotòne). Se una successione di insiemi {X n } è non decrescente [ risp. non crescente ], allora {X n } è convergente e risulta X n = [ X n risp. X n = ] X n. Dimostrazione. Supponiamo che {X n } sia non decrescente. Si ha allora, per ogni n N, e quindi, per la (3.1.2), X n X n+1... = X n X n = (X n X n+1...) = 5 X n.

6 Conseguentemente, tenendo presente la (3.1.1), si ha X n = X n. Analogamente, se {X n } è non crescente, allora è, per ogni n N, X n X n+1... = X n e quindi, per la (3.1.3), X n = X n ; pertanto, grazie alla (3.1.1), concludiamo che X n = X n. Osserviamo che la successione dell Esempio è convergente ma non è monotòna. Anche la successione dell Esempio (a condizione che almeno uno degli insiemi X n sia diverso dall insieme vuoto) è convergente ma non è monotòna. Notazione. Per indicare che la successione di insiemi {X n } è non decrescente [ risp. non crescente ] ed è X n = X, cioè X n = X [ risp. X n = X ], si adopera la notazione X n X [ risp. X n X ] (si legge, brevemente, X n cresce [ risp. decresce ] verso X ). Esercizio Siano {A n }, {B n } due successioni di insiemi tali che A n A, B n B. Sia {X n } la successione di insiemi definita ponendo, per ogni n N, X 2n 1 = A n, X 2n = B n. Trovare X n e X n. Esercizio Sia S = R 2 (identificato con l insieme dei punti di un piano cartesiano) e sia n q n una bigezione tra N e Q ]0, 1[. Denotata con Γ la semicirconferenza Γ = {(x, y) R 2 : x 2 + y 2 = 1, y 0}, 6

7 siano, per ogni n N, P n il punto di Γ di ascissa q n e T n il triangolo (chiuso) di vertici ( 1, 0), (1, 0) e P n. Trovare il minimo ed il massimo ite della successione di insiemi {T n }. [ R. : Tn = {(x, 0) R 2 : x 1} ; Tn = {(x, 0) R 2 : x 1} { } (x, y) R 2 : x < 1, 0 < y < min{1 x, 1 x 2 }. ] 3.2. Successioni di insiemi invadenti il proprio ite. Supponiamo che S sia uno spazio topologico. Definizione (Successioni invadenti il proprio ite). Sia {X n } una successione di sottoinsiemi di S tale che X n X. Si dice che la successione {X n } invade X se per ogni insieme compatto K X esiste n N tale che K X n (e quindi K X n n n). Esempi Sia S = R, dotato della topologia usuale. a) Sia X n = [ n, n] per ogni n N. Allora X n R. Inoltre {X n } invade R; infatti ogni sottoinsieme compatto di R è itato e quindi contenuto in [ n, n] per n sufficientemente grande. b) Sia X n =], 0] ] 1 n, + [ per ogni n N. Allora X n R ma {X n } non invade R; infatti l intervallo compatto [0, c], c > 0, non è contenuto in nessuno degli insiemi X n. c) Sia X n =], 0[ ] 1 n, + [ per ogni n N. Allora X n R \ {0}. Inoltre {X n } invade R \ {0}; infatti, se K R \ {0} è compatto, allora K è chiuso e quindi, dato che 0 / K, esiste r > 0 tale che ] r, r[ R \ K, cioè K R\] r, r[; pertanto si ha K X n non appena è 1 n < r. Osserviamo che l ultimo esempio si inquadra nel seguente teorema. Teorema (Condizione sufficiente di invadenza). Ogni successione non decrescente {A n } di sottoinsiemi aperti di uno spazio topologico S invade il proprio ite. Dimostrazione. Sia A n A e sia K A un insieme compatto. Poichè K A = A n, la famiglia {A n : n N} è un ricoprimento aperto di K; esistono quindi A n1,..., A nr tali che K A n1... A nr. D altra parte, essendo {A n } non decrescente, denotato con n il max{n 1,..., n r }, si ha A n1... A nr = A n. Abbiamo così verificato l esistenza di n N tale che K A n ; ciò completa la dimostrazione. 7

8 Osservazione Siano {X n }, {Y n } due successioni di sottoinsiemi di S tali che X n X, Y n Y. Si ha allora, ovviamente, X n Y n X Y e X n Y n X Y. Inoltre, se ognuna delle successioni {X n }, {Y n } invade il proprio ite, è facile verificare che anche la successione X n Y n invade il suo ite. Ciò non è necessariamente vero, invece, per la successione {X n Y n } (cfr. il successivo Esempio 3.2.2); naturalmente, se gli insiemi X n, Y n, n N, sono aperti, allora, per la successione {X n Y n } l invadenza è assicurata dal Teorema Esempio Sia S = R, dotato della topologia usuale, e siano {X n }, {Y n } le successioni di insiemi definite nel modo seguente: Allora X n = ], 0], Y n = ] 1, + [ n N. n X n ], 0], Y n ]0, + [ ed entrambe le successioni invadono il proprio ite (ciò è ovvio per la successione {X n } e segue subito dal Teorema per la {Y n }). Invece la successione {X n Y n } non invade il suo ite R (cfr. l Esempio 3.2.1, b)). Esercizio Sia S = R 2, dotato della topologia euclidea e siano {A n }, {B n } e {C n } le successioni di insiemi definite ponendo, per ogni n N, A n = {(x, y) R 2 : x > 0, 0 < y < nx}, B n = {(x, y) R 2 : x > 0, 0 y nx}, C n = {(x, y) R 2 : x 0, 0 y nx}. Per ognuna di tali successioni: a) provare che si tratta di una successione non decrescente e calcolarne il ite; b) stabilire se la successione invade o meno il proprio ite Distanza di due insiemi in uno spazio metrico. Supponiamo adesso che S sia il sostegno di uno spazio metrico (S, d). Definizione (Distanza di due insiemi). Siano X, Y due sottoinsiemi non vuoti di S. Si chiama distanza degli insiemi X e Y, e si indica con d(x, Y ), il numero reale non negativo d(x, Y ) = inf{d(x, y) : x X, y Y }. È ovvio che vale l implicazione (3.3.1) X Y = d(x, Y ) = 0. Il viceversa invece non è vero. Per rendersi conto di ciò basta considerare, nello spazio metrico R, dotato della metrica usuale, la coppia di insiemi disgiunti X = ], 0] e Y = ]0, + [, insiemi che, come facilmente si verifica, hanno distanza nulla. Questo controesempio rientra, come caso particolare, nel seguente esempio di carattere generale. 8

9 Esempio Supponiamo che lo spazio metrico (S, d) sia connesso e sia X S tale che X, X S. Allora i due insiemi disgiunti X e Y = S \ X hanno distanza nulla. Infatti, le ipotesi su (S, d) e X implicano che X. Sia x un elemento di X = (S \ X) = Y. Il punto x appartiene ad uno degli insiemi X, Y (supponiamo, per fissare le idee, che sia x X) ed è di accumulazione per l altro insieme; di conseguenza abbiamo che per ogni ε > 0 esiste y Y tale che d(x, y) < ε, dunque l estremo inferiore dell insieme {d(x, y) : x X, y Y }, cioè la distanza d(x, Y ), è uguale a zero. Un caso importante nel quale è possibile invertire la (3.3.1) è quello considerato nel seguente teorema. Teorema Siano X, Y sottoinsiemi non vuoti dello spazio metrico (S, d). Supponiamo inoltre che che uno dei due insiemi sia compatto e l altro sia chiuso. Allora, se la distanza d(x, Y ) è nulla, risulta X Y. Dimostrazione. Supponiamo, per fissare le idee, che X sia compatto. L ipotesi d(x, Y ) = 0 implica che per ogni ε > 0 esistono x X, y Y tali che d(x, y ) < ε. Ne segue l esistenza di due successioni {x n } e {y n }, la prima di punti di X, la seconda di punti di Y, tali che d(x n, y n ) < 1 n per ogni n N. Poichè X è compatto cioè sequenzialmente compatto, dato che S è uno spazio metrico esiste una successione {x nk }, estratta da {x n }, tale che x n k = x X. k Ma anche la corrispondente successione {y nk }, estratta da {y n }, è tale che infatti dalla disuguaglianza si ottiene facilmente y n k = x ; k d(y nk, x) d(y nk, x nk ) + d(x nk, x), k N, d(y n k, x) = 0. k Poichè Y è chiuso e {y nk } è una successione di punti di X, si ha x Y, quindi x X Y. Ciò completa la dimostrazione. Osserviamo che l ipotesi che gli insiemi X e Y siano entrambi chiusi non è sufficiente per potere invertire la (3.3.1). Ciò si evince dal successivo esempio. Esempio Sia S = R 2, dotato della metrica euclidea. Gli insiemi disgiunti X = {(x, y) R 2 : xy = 0}, Y = {(x, y) R 2 : xy = 1} sono entrambi chiusi ed hanno distanza nulla. 9

10 Esercizio Dimostrare quanto affermato nell esempio precedente. Esercizio Trovare una coppia di sottoinsiemi chiusi disgiunti dello spazio R, dotato della metrica usuale, aventi distanza nulla. Definizione (Distanza di un punto da un insieme). Siano x e Y, rispettivamente, un punto ed un sottoinsieme non vuoto dello spazio metrico (S, d). Si chiama distanza del punto x dall insieme Y, e si indica con d(x, Y ), la distanza d({x}, Y ) dei due insiemi {x} e Y. In altre parole (3.3.2) d(x, Y ) = inf{d(x, y) : y Y }. Proposizione La distanza d(x, Y ) è nulla se e solo se x Y. Esercizio Dimostrare la Proposizione Fissato l insieme Y S, Y, consideriamo la funzione x d(x, Y ), da S in R, e dimostriamo che tale funzione è continua, anzi lipschitziana. Teorema Sia Y un sottoinsieme non vuoto dello spazio metrico (S, d). La funzione (3.3.3) x d(x, Y ), da S in R, è lipschitziana; infatti si ha: d(x 1, Y ) d(x 2, Y ) d(x 1, x 2 ) x 1, x 2 S. Dimostrazione. Per ogni x 1, x 2 S ed ogni y Y si ha quindi d(x 1, Y ) d(x 1, y) d(x 1, x 2 ) + d(x 2, y), d(x 1, Y ) d(x 1, x 2 ) d(x 2, y), da cui, per l arbitrarietà di y Y, ricordando la (3.3.2), cioè poichè x 1, x 2 S sono arbitrari si ha pure pertanto d(x 1, Y ) d(x 1, x 2 ) d(x 2, Y ), d(x 1, Y ) d(x 2, Y ) d(x 1, x 2 ) ; d(x 2, Y ) d(x 1, Y ) d(x 1, x 2 ), d(x 1, Y ) d(x 2, Y ) d(x 1, x 2 ). 10

11 Corollario Sia Y un sottoinsieme non vuoto dello spazio metrico (S, d). La funzione x d(x, Y ), da S in R, è continua. Corollario Sia Y un sottoinsieme non vuoto dello spazio metrico (S, d). Per ogni r > 0 gli insiemi (3.3.4) {x S : d(x, Y ) < r}, {x S : d(x, Y ) > r} sono aperti, mentre gli insiemi (3.3.5) {x S : d(x, Y ) r}, {x S : d(x, Y ) r} sono chiusi. Dimostrazione. Segue subito dal Corollario osservando che gli insiemi (3.3.4) sono le controimmagini tramite la funzione continua (3.3.3) degli insiemi ], r[ e ]r, + [, aperti di R, mentre gli insiemi (3.3.5) sono le controimmagini dei chiusi ], r] e [r, + [ Ogni aperto di R h è invaso da una successione di plurintervalli. La proprietà degli insiemi aperti di R h espressa dal successivo Teorema sarà particolarmente utile, nel capitolo successivo, nello sviluppo della teoria della misura secondo Lebesgue. Teorema Sia A R h un insieme aperto. Esiste una successione {Π n } di plurintervalli di R h tale che: i) Π n Π n+1 A per ogni n N ; ii) Πn = A. Dimostrazione. Se A = R h basta prendere Π n = [ n, n] h per ogni n N. Supponiamo quindi che sia A R h, cioè R h \ A, e consideriamo, per ogni n N, l insieme { } C n = x R h : d(x, R h \ A) 1 n. La successione {C n } di sottoinsiemi di R h che così si ottiene è una successione di insiemi chiusi (per il Corollario 3.3.2) e si ha C n { } x R h : d(x, R h \ A) > 0 ; 11

12 inoltre, dato che R h \ A è chiuso, tenendo presente la Proposizione si ha { } x R h : d(x, R h \ A) > 0 = = R h \ { } x R h : d(x, R h \ A) = 0 = R h \ (R h \ A) = A, dunque C n A. Consideriamo adesso la successione {K n } di insiemi chiusi e itati (cioè compatti) ottenuta dalla {C n } nel modo seguente: ovviamente, anche per la successione {K n } si ha K n = C n [ n, n] h n N ; K n A. Sia, poi, {R n } una successione di plurintervalli di R h tale che K n Rn, R n A n N (l esistenza di una siffatta successione è assicurata dal successivo Lemma 3.4.1). Si ha A = K n Rn A, quindi Rn = A. Infine, posto Π n = R 1... R n n N, è immediato verificare che la successione di plurintervalli {Π n }, così definita, soddisfa le condizioni i) e ii). Lemma Siano A un insieme aperto di R h e K un insieme compatto di R h tali che K A. Esiste allora un plurintervallo R P h tale che K R, R A. 12

13 Dimostrazione. Se K =, basta prendere R =. Supponiamo quindi K e, per ogni punto x K, scegliamo, come è certamente possibile, un intervallo I x I h tale che x Ix, I x A. La famiglia di insiemi { Ix : x K} è un ricoprimento aperto di K; esistono quindi x 1,..., x r K tali che K Ix 1... Ix r ; allora, per provare la tesi, è sufficiente prendere R = I x1... I xr. Osservazione Ritorniamo all enunciato del Teorema e verifichiamo che come annunciato nel titolo del paragrafo la successione {Π n } invade A. Infatti, le proprietà i) e ii) implicano ovviamente che Πn A, quindi, per il Teorema 3.2.1, la successione { Πn} invade il proprio ite A. Dalle i) e ii) segue inoltre che A = Π n A, Πn quindi anche per la successione {Π n } risulta Π n A ; di conseguenza, dato che { Πn} invade A, è ovvio che anche {Π n } invade A. 13

8. Completamento di uno spazio di misura.

8. Completamento di uno spazio di misura. 8. Completamento di uno spazio di misura. 8.1. Spazi di misura. Spazi di misura completi. Definizione 8.1.1. (Spazio misurabile). Si chiama spazio misurabile ogni coppia ordinata (Ω, A), dove Ω è un insieme

Dettagli

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann.

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. 4. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. Lo scopo di questo capitolo è quello di mettere a confronto i vari tipi di integrale (di Riemann, generalizzato e improprio) di funzioni

Dettagli

2. La misura secondo Peano-Jordan.

2. La misura secondo Peano-Jordan. 2. La misura secondo Peano-Jordan. La teoria della misura secondo Peano-Jordan è già nota agli studenti dai corsi di Analisi 1 e 2. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di richiamarne le definizioni

Dettagli

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo C.6 Funzioni continue Pag. 114 Dimostrazione del Corollario 4.25 Corollario 4.25 Sia f continua in un intervallo I. Supponiamo che f ammetta, per x tendente a ciascuno degli estremi dell intervallo, iti

Dettagli

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora +

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora + 1. Spazi di misura In questo paragrafo accenneremo alla nozione di spazio di misura. Definizione 1. Sia X un insieme non vuoto. Una famiglia A di sottoinsiemi di X è una σ-algebra se : (1) A; (2) se A

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 1 a.a Soluzioni

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 1 a.a Soluzioni Corso di Laurea in Matematica Geometria 2 Foglio di esercizi n. 1 a.a. 2015-16 Soluzioni Gli esercizi sono presi dal libro di Manetti. Per svolgere questi esercizi, studiare con cura i paragrafi 3.1, 3.2,

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 2 a.a Soluzioni

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 2 a.a Soluzioni Corso di Laurea in Matematica Geometria 2 Foglio di esercizi n. 2 a.a. 2015-16 Soluzioni Gli esercizi sono presi dal libro di Manetti. Per svolgere questi esercizi, studiare con cura i paragrafi 3.5, 3.6,

Dettagli

Completezza e compattezza

Completezza e compattezza 1 Completezza e compattezza Spazi metrici completi Data una successione x : N X, j x j, una sua sottosuccessione è la composizione x ν, ove ν : N N è strettamente crescente. Data una successione (x j )

Dettagli

Massimo limite e minimo limite di una funzione

Massimo limite e minimo limite di una funzione Massimo limite e minimo limite di una funzione Sia f : A R una funzione, e sia p DA). Per ogni r > 0, l insieme ) E f p r) = { fx) x A I r p) \ {p} } è non vuoto; inoltre E f p r ) E f p r ) se 0 < r r.

Dettagli

Cenni di Topologia Generale

Cenni di Topologia Generale Alfonso Villani Cenni di Topologia Generale per il corso di Complementi di Analisi Matematica per gli studenti di Fisica (a.a. 2006-07) Università degli studi di Catania Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

SPAZI TOPOLOGICI. La nozione di spazio topologico è più generale di quella di spazio metrizzabile.

SPAZI TOPOLOGICI. La nozione di spazio topologico è più generale di quella di spazio metrizzabile. SPAZI TOPOLOGICI La nozione di spazio topologico è più generale di quella di spazio metrizzabile. Definizione 1 Uno spazio topologico (X, τ) è una coppia costituita da un insieme X e da una famiglia τ

Dettagli

COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R.

COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R. COMPLETEZZA DELL INSIEME DEI NUMERI REALI R. FABIO CIPRIANI 1. Completezza dell insieme dei numeri reali R. Nell insieme dei numeri reali R la condizione di Cauchy e necessaria e sufficiente per la convergenza

Dettagli

Il teorema di Lusin (versione )

Il teorema di Lusin (versione ) G.Gorni 7/8 Il teorema di Lusin versione 8-6-). Distanza da un insieme Deinizione. Dato uno spazio metrico X, d), un sottinsieme non vuoto A X e un punto x X deiniamo distanza ra x e A il numero distx,

Dettagli

= {(a, b) : a A, b B}.

= {(a, b) : a A, b B}. Relazioni 1. Il prodotto cartesiano. Definizione 1. (Prodotto cartesiano di due insiemi). Dati due insiemi non vuoti A e B, si chiama prodotto cartesiano dell insieme A per l insieme B, e si indica con

Dettagli

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Teorema 0. Una funzione f(x) è continua in x 0 se e solo se per ogni sucessione {x n } dom(f) con x n x 0 dom(f), risulta f(x n ) f(x 0 ). (Non

Dettagli

Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R

Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie per i Media Successioni, massimo e minimo limite e compattezza in R Massimo A. Picardello BOZZA 10.11.2011 21:24 i CAPITOLO 1 Successioni

Dettagli

LIMITI. 1. Definizione di limite.

LIMITI. 1. Definizione di limite. LIMITI 1. Definizione di limite. Sia A un sottoinsieme di IR; se il numero reale x 0 è di accumulazione per A in ogni intorno di x 0 si trovano elementi di A distinti da x 0. Allora ha senso chiedersi

Dettagli

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari Sommario Proprietà dell estremo superiore per R... 2 Definitivamente... 2 Successioni convergenti... 2 Successioni monotone... 2 Teorema di esistenza del limite

Dettagli

Complementi di Analisi Matematica Ia. Carlo Bardaro

Complementi di Analisi Matematica Ia. Carlo Bardaro Complementi di Analisi Matematica Ia Carlo Bardaro Capitolo 1 Elementi di topologia della retta reale 1.1 Intorni, punti di accumulazione e insiemi chiusi Sia x 0 IR un fissato punto di IR. Chiameremo

Dettagli

13. Integrazione in uno spazio di misura.

13. Integrazione in uno spazio di misura. 13. Integrazione in uno spazio di misura. 13.1. Funzioni elementari in uno spazio misurabile. Definizione 13.1.1. (Funzione A-elementare). Sia (Ω, A) uno spazio misurabile. Si chiama funzione A-elementare

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Esercizi di preparazione allo scritto a.a Topologia

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Esercizi di preparazione allo scritto a.a Topologia Corso di Laurea in Matematica Geometria 2 Esercizi di preparazione allo scritto a.a. 2015-16 Esercizio 1. Dimostrare che Topologia 1. d(x, y) = max 1 i n x i y i definisce una distanza su R n. 2. d(x,

Dettagli

Massimo e minimo limite di successioni

Massimo e minimo limite di successioni Massimo e minimo limite di successioni 1 Premesse Definizione 1.1. Definiamo R esteso l insieme R = R { } {+ }. In R si estende l ordinamento tra numeri reali ponendo < a < +, a R. In base a tale definizione,

Dettagli

Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor

Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor Il teorema di Lagrange e la formula di Taylor Il teorema del valor medio di Lagrange, valido per funzioni reali di una variabile reale, si estende alle funzioni reali di più variabili. Come si vedrà, questo

Dettagli

1 Numeri reali. Esercizi.

1 Numeri reali. Esercizi. Politecnico di Milano. Scuola di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 1 (Docente: Federico Lastaria) Settembre 2012 1 Numeri reali. Esercizi. Esercizio 1.1 (Un numero moltiplicato per zero

Dettagli

Osservazione 1.1 Si verifica facilmente che esiste un unica relazione d ordine totale su Q che lo renda un campo ordinato.

Osservazione 1.1 Si verifica facilmente che esiste un unica relazione d ordine totale su Q che lo renda un campo ordinato. 1 Numeri reali Definizione 1.1 Un campo ordinato è un campo K munito di una relazione d ordine totale, compatibile con le operazioni di somma e prodotto nel senso seguente: 1. a, b, c K, a b = a + c b

Dettagli

1 Funzioni reali di una variabile reale

1 Funzioni reali di una variabile reale 1 Funzioni reali di una variabile reale Qualche definizione e qualche esempio che risulteranno utili più avanti Durante tutto questo corso studieremo funzioni reali di una variabile reale, cioè Si ha f

Dettagli

DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI

DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI 1. L insieme dei numeri naturali Nel sistema assiomatico ZF, l Assioma dell infinito stabilisce che: Esiste un insieme A, i cui elementi sono insiemi e tale che

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Capitolo 5 Limiti di successioni 5.1 Successioni Quando l insieme di definizione di una funzione coincide con l insieme N costituito dagli infiniti numeri naturali 1, 2, 3,... talvolta si considera anche

Dettagli

Capitolo 1. Gli strumenti. 1.1 Relazioni

Capitolo 1. Gli strumenti. 1.1 Relazioni Capitolo 1 Gli strumenti Consideriamo un insieme X. In geometria siamo abituati a considerare insiemi i cui elementi sono punti ad esempio, la retta reale, il piano cartesiano. Più in generale i matematici

Dettagli

Il teorema di Stone Weierstrass

Il teorema di Stone Weierstrass APPENDICE B Il teorema di Stone Weierstrass Definizione B.1. Siano X un insieme non vuoto e A un sottospazio vettoriale dello spazio delle funzioni a valori reali (risp. complessi) su X. Si dice che A

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI

COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI COMPLETAMENTO DI SPAZI METRICI 1. Successioni di Cauchy e spazi metrici completi Definizione 1.1. Una successione x n n N a valori in uno spazio metrico X, d si dice di Cauchy se, per ogni ε > 0 esiste

Dettagli

Il Teorema di Kakutani

Il Teorema di Kakutani Il Teorema di Kakutani Abbiamo visto, precedentemente, il seguente risultato: 1 Sia X uno spazio di Banach. Se X è separabile, la palla è debolmente compatta. B X = {x X x 1} Il Teorema di Kakutani è un

Dettagli

Prove scritte di Analisi I - Informatica

Prove scritte di Analisi I - Informatica Prove scritte di Analisi I - Informatica Prova scritta del 3 gennaio Esercizio Stabilire il comportamento delle seguenti serie: n= n + 3 sin n, n= ( ) n n + 3 sin n, n= (n)! (n!), n= n + n 9 n + n. Esercizio

Dettagli

Limite di successioni

Limite di successioni Limite di successioni Ricordiamo che: una successione è una funzione a : n N a (n) R si pone a n = a (n) e la successione stessa viene indicata con (a n ) n0 oppure a 0,a 1,a 2,a 3,... è ammesso che sia

Dettagli

i) la somma e il prodotto godano delle proprietà associativa, commutativa e distributiva;

i) la somma e il prodotto godano delle proprietà associativa, commutativa e distributiva; 1 Spazi vettoriali 11 Definizioni ed assiomi Definizione 11 Un campo è un insieme K dotato di una operazione somma K K K, (x, y) x + y e di una operazione prodotto K K K, (x, y) xy tali che i) la somma

Dettagli

Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61

Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61 Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61 (15.9) Teorema. Consideriamo il piano affine. Se A A 2 (K) è un punto e r una retta che non passa per A, allora esiste unica la retta per A che non interseca

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 5/04/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. Integrali Impropri Esercizio. (CRITERIO DEL CONFRONTO). Dimostrare che se f : (a, b] R e g(x) : (a, b] R sono integrabili

Dettagli

Insiemi di numeri reali

Insiemi di numeri reali Capitolo 1 1.1 Elementi di teoria degli insiemi Se S è una totalità di oggetti x, si dice che S è uno spazio avente gli elementi x. Se si considerano alcuni elementi di S si dice che essi costituiscono

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

LEZIONE 30. Se x = 1 si dice che x è un versore. Se poi y = (y 1,..., y n ) R n poniamo. Ricordiamo che vale la cosiddetta disuguaglianza triangolare

LEZIONE 30. Se x = 1 si dice che x è un versore. Se poi y = (y 1,..., y n ) R n poniamo. Ricordiamo che vale la cosiddetta disuguaglianza triangolare LEZIONE 30 30.1. Insiemi aperti e chiusi in R n. Nel corso di Analisi sono state introdotte alcune nozioni di topologia di R, come la nozione di aperto, di chiuso, di punto d accumulazione. Lo scopo di

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti Discutendo graficamente la disequazione x > 3 + x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne

Dettagli

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE ROBERTO GIAMBÒ 1. DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ In queste note saranno presentate alcune proprietà principali delle funzioni convesse di una variabile

Dettagli

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x 4. Geometria di R 3. Questo paragrafo è molto simile al paragrafo : tratta infatti delle proprietà geometriche elementari dello spazio R 3. Per assegnare delle coordinate nello spazio, fissiamo innanzitutto

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

1-Forme Differenziali

1-Forme Differenziali 1-Forme Differenziali 30 novembre 2011 1 Definizioni di base Siano n N e A R n un insieme aperto. Con (R n ) denotiamo il duale topologico di R n, cioè l insieme (R n ) = {p : R n R : R-lineari e continue}.

Dettagli

Confronto locale di funzioni

Confronto locale di funzioni Confronto locale di funzioni Equivalenza di funzioni in un punto Sia A R ed f, g due funzioni definite in A a valori in R. Sia x 0 R un punto di accumulazione per A. Definizione. Si dice che f è equivalente

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 8/03/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. La continuità uniforme I ESERCIZIO: Dimostrare che la funzione f(x) = x 3, x A = (, ] non è uniformemente continua

Dettagli

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n NOTE DI ALGEBRA LINEARE 2- MM 9 NOVEMBRE 2 Combinazioni lineari e generatori Sia K un campo e V uno spazio vettoriale su K Siano v,, v n vettori in V Definizione Un vettore v V si dice combinazione lineare

Dettagli

17. Il teorema di Radon-Nikodym.

17. Il teorema di Radon-Nikodym. 17. Il teorema di Radon-Nikodym. Nel Capitolo 13 (n. 13.10) abbiamo introdotto il concetto di misura con segno dotata di densità rispetto ad una data misura µ. In questo capitolo ci occupiamo della ricerca

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA

CORSO DI LAUREA IN FISICA CORSO DI LAUREA IN FISICA ANALISI MATEMATICA I BREVI RICHIAMI DELLA TEORIA DEI LIMITI. Confronto di infinitesimi. Sia A sottoinsieme di R, sia 0 punto di accumulazione di A nella topologia di R quindi

Dettagli

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012 Analisi 2 Roberto Monti Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 212 Indice Capitolo 1. Programma 5 Capitolo 2. Convergenza uniforme 7 1. Convergenza uniforme e continuità 7 2. Criterio di Abel Dirichlet

Dettagli

Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata.

Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata. Analisi 2 Successioni numeriche -1- ÔÔÙÒØ Ô Ö Ð ÓÖ Ó Ò Ð ¾ º ËÙ ÓÒ ÒÙÑ Ö Proposizione (unicità del limite). Se {a n } è convergente, allora il limite è unico. Dimostrazione. Supponiamo che la tesi sia

Dettagli

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Renato Migliorato Introduzione alla teoria dei numeri Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Avvertenza: questo è l inizio di un testo pensato come supporto al corso di Matematiche Complementari I ed ancora

Dettagli

Insiemi, Numeri, Terminologia. Prof. Simone Sbaraglia

Insiemi, Numeri, Terminologia. Prof. Simone Sbaraglia Insiemi, Numeri, Terminologia Prof. Simone Sbaraglia Corso Rapido di Logica Matematica La logica formale definisce le regole cui deve obbedire qualsiasi teoria deduttiva. Una proposizione e` una affermazione

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 5. Funzioni continue Soluzione dell Esercizio 76. Osserviamo che possiamo scrivere p() = n (a n + u()) e q() = m (b m + v()) con lim

Dettagli

2. I numeri reali e le funzioni di variabile reale

2. I numeri reali e le funzioni di variabile reale . I numeri reali e le funzioni di variabile reale Introduzione Il metodo comunemente usato in Matematica consiste nel precisare senza ambiguità i presupposti, da non cambiare durante l elaborazione dei

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Complementi di Analisi Matematica ed Elementi di Calcolo delle probabilità per il corso di Laurea in Ingegneria per la parte di Elementi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ESERCITAZIONI DI ANALISI MATEMATICA I BREVI RICHIAMI DELLA TEORIA DEI LIMITI. Confronto di infinitesimi. Sia A sottoinsieme di R, sia 0 punto di accumulazione di A nella topologia

Dettagli

Appunti del Corso Analisi 1

Appunti del Corso Analisi 1 Appunti del Corso Analisi 1 Anno Accademico 2011-2012 Roberto Monti Versione del 5 Ottobre 2011 1 Contents Chapter 1. Cardinalità 5 1. Insiemi e funzioni. Introduzione informale 5 2. Cardinalità 7 3.

Dettagli

APPUNTI DI TEORIA DEGLI INSIEMI. L assioma della scelta e il lemma di Zorn Sia {A i } i I

APPUNTI DI TEORIA DEGLI INSIEMI. L assioma della scelta e il lemma di Zorn Sia {A i } i I APPUNTI DI TEORIA DEGLI INSIEMI MAURIZIO CORNALBA L assioma della scelta e il lemma di Zorn Sia {A i } i I un insieme di insiemi. Il prodotto i I A i è l insieme di tutte le applicazioni α : I i I A i

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 9/04/203 TOPOLOGIA Mostrare che uno spazio infinito con la metrica discreta non può essere compatto Soluzione: Per la metrica discreta d : X X

Dettagli

Vi prego di segnalare ogni inesattezza o errore tipografico a Spazi metrici, spazi topologici, applicazioni continue ed omeomorfismi

Vi prego di segnalare ogni inesattezza o errore tipografico a Spazi metrici, spazi topologici, applicazioni continue ed omeomorfismi ESERCIZI DI GEOMETRIA 3 Vi prego di segnalare ogni inesattezza o errore tipografico a mll@unife.it Spazi metrici, spazi topologici, applicazioni continue ed omeomorfismi Esercizio 1. Sia (X, d) uno spazio

Dettagli

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k,

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k, 2.2 Serie Le serie numeriche sono semplicemente successioni reali o complesse di tipo particolare, che però, per la loro importanza pratica e teorica, meritano una trattazione a parte. Data una successione

Dettagli

Principio di induzione: esempi ed esercizi

Principio di induzione: esempi ed esercizi Principio di induzione: esempi ed esercizi Principio di induzione: Se una proprietà P n dipendente da una variabile intera n vale per n e se, per ogni n N vale P n P n + allora P vale su tutto N Variante

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Analisi Matematica per i corsi di Laurea in Ingegneria Energetica e Meccanica N-Z dell Università di Bologna. Anno Accademico 2003/2004.

Dettagli

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari A.V.Germinario (Università di

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni e di funzioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni e di funzioni Esercizi riguardanti iti di successioni e di funzioni Davide Boscaini Queste sono le note da cui ho tratto le esercitazioni del giorno 0 Novembre 20. Come tali sono ben lungi dall essere esenti da errori,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche. Appunti del corso di Matematica

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche. Appunti del corso di Matematica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Appunti del corso di Matematica 03 - I Numeri Reali Anno Accademico 2015/2016 M. Tumminello,

Dettagli

Teoria di Lebesgue. P n E = n=1

Teoria di Lebesgue. P n E = n=1 Teoria di Lebesgue 1. La misura di Peano-Jordan La misura di Peano Jordan di un insieme é quasi sempre proposta per sottoinsiemi limitati E R 2 : si tratta di quanto suggerito dalla carta quadrettata,

Dettagli

Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI

Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI È ben noto che in VO 3 si possono considerare strutture più ricche di quella di spazio vettoriale; si pensi in particolare all operazioni di prodotto scalare di vettori.

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria 2. Le funzioni continue.

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria 2. Le funzioni continue. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria ederico.lastaria@polimi.it 2. Le unzioni continue. Settembre 2012 Indice 1 Funzioni reali continue 1 1.1 Deinizione di unzioni continua..........................

Dettagli

INSIEMI. Se X è un insieme, indichiamo con P(X) l insieme dei sottoinsiemi di X (sono elementi di P(X) anche e X).

INSIEMI. Se X è un insieme, indichiamo con P(X) l insieme dei sottoinsiemi di X (sono elementi di P(X) anche e X). INSIEMI Se X è un insieme, indichiamo con P(X) l insieme dei sottoinsiemi di X (sono elementi di P(X) anche e X). Sia A = {A λ : λ Λ} una famiglia di insiemi. Definiamo: unione A = A λ è l insieme U tale

Dettagli

8. Topologia degli spazi metrici, II

8. Topologia degli spazi metrici, II 8. Topologia degli spazi metrici, II Compattezza Cominciamo con un esempio Sia E un sottoinsieme di R 2. Esisterà in E un punto x 0 che abbia massima distanza dall origine? Ovviamente E dovrà essere limitato,

Dettagli

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI LIMITI - ESERCIZI SVOLTI ) Verificare mediante la definizione di ite che a) 3 5) = b) = + ) c) 3n n + n+ = + d) 3+ = 3. ) Calcolare utilizzando i teoremi sull algebra dei iti a) 3 + ) b) + c) 0 + d) ±

Dettagli

Richiami sugli insiemi numerici

Richiami sugli insiemi numerici Richiami sugli insiemi numerici denota l insieme vuoto cioè l insieme privo di elementi. N = {1, 2, 3,...} denota l insieme dei numeri naturali. Z = {..., 2, 1, 0, 1, 2,...} denota l insieme dei numeri

Dettagli

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali

Gli insiemi N, Z e Q. I numeri naturali Università Roma Tre L. Chierchia 1 Gli insiemi N, Z e Q Il sistema dei numeri reali (R, +,, ) può essere definito tramite sedici assiomi: quindici assiomi algebrici (si veda ad esempio 2.3 in [Giusti,

Dettagli

INSIEMI E RELAZIONI. 1. Insiemi e operazioni su di essi

INSIEMI E RELAZIONI. 1. Insiemi e operazioni su di essi INSIEMI E RELAZIONI 1. Insiemi e operazioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di classe, totalità. Sia A un insieme di elementi qualunque. Per indicare che a è un elemento di

Dettagli

L INSIEME DEI NUMERI REALI. DEFINIZIONE DI INSIEME NUMERICO L insieme numerico è un insieme i cui elementi sono numeri reali.

L INSIEME DEI NUMERI REALI. DEFINIZIONE DI INSIEME NUMERICO L insieme numerico è un insieme i cui elementi sono numeri reali. PROF GIOVANNI IANNE L INSIEME DEI NUMERI REALI DEFINIZIONE DI INSIEME NUMERICO L insieme numerico è un insieme i cui elementi sono numeri reali DEFINIZIONE DI INTERVALLO L intervallo è un particolare insieme

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 3. esercizi assegnati per la prova scritta del 31 gennaio 2011

ANALISI MATEMATICA 3. esercizi assegnati per la prova scritta del 31 gennaio 2011 esercizi assegnati per la prova scritta del 31 gennaio 2011 Esercizio 1. Per x > 0 e n N si ponga f n (x) = ln ( n 5 x ) a) Provare l integrabilità delle funzioni f n in (0, + ). 3 + n 4 x 2. b) Studiare

Dettagli

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame COGNOME NOME Matr. A Analisi Matematica (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Firma dello studente Tempo: 3 ore. Prima parte: test a risposta multipla. Una ed una sola delle 4 affermazioni

Dettagli

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR.

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE 1. Definizioni. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DEFINIZIONE 1. Sia x 0 un elemento di I. Per ogni x (I \ {x 0 }) consideriamo

Dettagli

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005 Prova scritta del 26 gennaio 2005 Esercizio 1. Posto B = x R 2 : x 2 2}, sia f n } una successione di funzioni (misurabili e) integrabili in B tali che f n f q.o. in B e, per ogni n N, f n (x) 2 x 3 per

Dettagli

CAPITOLO SECONDO APPLICAZIONI TRA INSIEMI E RELAZIONI DI EQUIVALENZA

CAPITOLO SECONDO APPLICAZIONI TRA INSIEMI E RELAZIONI DI EQUIVALENZA CAPITOLO SECONDO APPLICAZIONI TRA INSIEMI E RELAZIONI DI EQUIVALENZA 1 Applicazioni tra insiemi Siano A, insiemi. Una corrispondenza tra A e è un qualsiasi sottoinsieme del prodotto cartesiano A ; Se D

Dettagli

Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim

Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim Teoremi sui limiti Ricorrendo alle definizioni di limite, si dimostrano importanti risultati. Vedremo: che, se esiste, il limite lim f () può dare informazioni locali (= che valgono nell intorno di c)

Dettagli

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI Assumiamo come primitivo il concetto di insieme e quello di appartenenza di un elemento a un insieme. La notazione x A indica

Dettagli

Geometria della programmazione lineare

Geometria della programmazione lineare Geometria della programmazione lineare poliedri punti estremi, vertici, soluzioni di base esistenza di punti estremi rif. Fi 3.1; BT 2.1, 2.2, 2.5 Iperpiani, semispazi Definizione Sia a un vettore non

Dettagli

Topologia, continuità, limiti in R n

Topologia, continuità, limiti in R n Topologia, continuità, limiti in R n Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2017 1. Preliminari Prima di iniziare lo studio delle funzioni di più variabili, in generale funzioni di k variabili e a valori in

Dettagli

ALGEBRE DI BOOLE. (d) x, y X x y oppure y x.

ALGEBRE DI BOOLE. (d) x, y X x y oppure y x. ALGEBRE DI BOOLE Un insieme parzialmente ordinato è una coppia ordinata (X, ) dove X è un insieme non vuoto e " " è una relazione binaria definita su X tale che (a) x X x x (riflessività) (b) x, y, X se

Dettagli

NUMERI REALI. x(y + z) = xy + xz. Nel seguito faremo uso delle seguenti notazioni. IR+ 0 = {x IR : 0 x} IR 0 = {x IR : 0 x}

NUMERI REALI. x(y + z) = xy + xz. Nel seguito faremo uso delle seguenti notazioni. IR+ 0 = {x IR : 0 x} IR 0 = {x IR : 0 x} NUMERI REALI In quanto segue non diremo che cosa è un numero reale ma definiremo per via assiomatica l insieme dei numeri reali. Insieme che denotiamo con IR. L insieme dei numeri reali è un campo totalmente

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

Spazi di Funzioni. Docente:Alessandra Cutrì. A. Cutrì e Metodi Matematici per l ingegneria Ing. Gestionale

Spazi di Funzioni. Docente:Alessandra Cutrì. A. Cutrì e Metodi Matematici per l ingegneria Ing. Gestionale Spazi di Funzioni Docente:Alessandra Cutrì Spazi vettoriali normati Uno spazio Vettoriale V si dice NORMATO se è definita su V una norma, cioè una funzione che verifica: v 0 e v = 0 v = 0 λv = λ v λ R(o

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 39 1 Definizione di ite 2 Il calcolo dei

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 30 1 Definizione di successione

Dettagli

x 1 Fig.1 Il punto P = P =

x 1 Fig.1 Il punto P = P = Geometria di R 2 In questo paragrafo discutiamo le proprietà geometriche elementari del piano Per avere a disposizione delle coordinate nel piano, fissiamo un punto, che chiamiamo l origine Scegliamo poi

Dettagli

13 LIMITI DI FUNZIONI

13 LIMITI DI FUNZIONI 3 LIMITI DI FUNZIONI Estendiamo la nozione di ite a funzioni reali di variabile reale. Definizione caratterizzazione per successioni) Si ha fx) = L x 0, L R) se e solo se per ogni successione a n x 0 con

Dettagli

1 Primitive e integrali indefiniti

1 Primitive e integrali indefiniti Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 2 CALCOLO INTEGRALE Primitive e integrali indefiniti. Definizione di primitiva e di integrale indefinito Data una funzione

Dettagli

I NUMERI. Si dice "radice quadrata" di un numero positivo a, quel numero positivo b che elevato al quadrato dà come risultato a.

I NUMERI. Si dice radice quadrata di un numero positivo a, quel numero positivo b che elevato al quadrato dà come risultato a. Questa dispensa rappresenta una breve introduzione ai numeri reali e alla loro Topologia, minimo necessario per affrontare serenamente lo studio dell ANALISI MATEMATICA. Inoltre non si ha la pretesa che

Dettagli