SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA"

Transcript

1 REGOLAMENTO IMQ CERTIFICAZIONE DELLE IMPRESE CHE EROGANO SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA Indice REGOLAMENTO IMQ - Certificazione delle Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione Prescrizioni Particolari per certificazione delle Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Accettazione Questo fascicolo è composto da Regolamento IMQ e Prescrizioni Particolari, i quali, dopo essere stati attentamente letti in ogni loro disposizione, vanno firmati per accettazione mediante due firme da apporre nei punti indicati banda. nella pagina finale contraddistinta dal medesimo colore della presente

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13 Nelle presenti Prescrizioni Particolari sono contenuti, secondo quanto stabilito al punto 1.2 del Regolamento IMQ Certificazione delle Imprese che erogano servizi applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina, allarme incendio e spegnimento incendio ulteriori dettagli per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina. Nel testo che segue sono riportate le aggiunte o varianti relative ai singoli articoli del Regolamento IMQ Certificazione delle Imprese che erogano servizi applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina, allarme incendio e spegnimento incendio ripetendone la numerazione. Prescrizioni particolari per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Schemi di certificazione Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Le presenti Prescrizioni particolari, secondo quanto stabilito al paragrafo 1.2 del Regolamento, contengono i requisiti specifici e dettagliati per la certificazione delle Imprese che erogano i servizi seguenti: progettazione ed installazione; manutenzione ordinaria (preventiva); riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina. Il presente documento, inoltre, stabilisce la procedura per la certificazione degli impianti di allarme intrusione e rapina, di cui all Appendice A. La certificazione può essere rilasciata ad una Impresa qualora risultino soddisfatte le condizioni seguenti: a) svolto la propria attività sul territorio nazionale in modo continuativo da almeno 1 anno, anche se con diversa ragione sociale; b) erogato i servizi oggetto dello schema in conformità ai documenti di riferimento, avendo realizzato almeno dieci (10) impianti ispezionabili di livello pari al livello di prestazione richiesto nella domanda di cui al par. 3.1.d); Nota 1: I documenti di riferimento di cui sopra si riferiscono a: norma CEI 79-3 Sistemi di allarme - Prescrizioni particolari per gli impianti di allarme intrusione ; specifica tecnica CLC/TS Alarm systems - Intrusion and hold-up systems - Part 7: Application guidelines. Nota 2: I documenti sopra riportati non sono datati in quanto le norme vengono sempre applicate nel rispettodella Data ultima entro la quale le Norme contrastanti con la CEI/EN devono essere ritirate (DOW). Successivamente a tale data vengono applicate esclusivamente le Norme CEI o EN nell edizione in vigore. c) possieda una situazione di correntezza commerciale, comprovata dalla documentazione di cui al par. 3.1; d) realizzato un sistema di gestione qualità aziendale conforme alle norme UNI EN ISO 9001 in vigore, nel caso in cui l Impresa rientri in una delle seguenti situazioni: richieda la certificazione per livelli di prestazione superiori al I, di cui al par. 3.1.d); affidi in subappalto le opere di cui f 3), f 4) e f 5); si avvalga di sedi di Subappaltatori assimilandole a sedi periferiche; PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 2/11 Mod. 2978/0

14 e) disponga di un organizzazione efficiente e di mezzi ed attrezzature proprie al fine di garantire in modo completo e controllato l erogazione di tutti i servizi oggetto della certificazione (Allegato K della norma CEI 79-3 in vigore). f) stipulato appositi contratti, mantenendone responsabilità e controllo, per le opere eventualmente affidate in subappalto, quali: 1) installazione elettrica; 2) fissaggio delle apparecchiature; 3) cablaggio delle apparecchiature; 4) messa a punto delle apparecchiature e messa in servizio dell impianto; 5) manutenzione e riparazione dell impianto. g) garantito, anche nei casi di attività gestite in subappalto di cui al punto f), l esecuzione diretta delle opere seguenti: 1) verifica e validazione della progettazione; 2) verifica funzionale (collaudo); 3) rilascio della dichiarazione di conformità a norme dell impianto. h) disponga un organizzazione in grado di garantire nelle zone coperte dalla certificazione, eventualmente attraverso l attività affidata ai Subappaltatori, gli interventi di manutenzione e riparazione nei tempi e nei modi definiti nei contratti stipulati con i propri clienti. i) disponga del personale minimo seguente: per la sede principale un (1) Esperto d Impianti; per la sede principale e per ogni, eventuale, sede periferica un (1) Esperto d Installazione ogni: - dieci (10) tecnici o frazione di dieci (10), per certificazioni al I o II livello di prestazione; - cinque (5) tecnici o frazione di cinque (5), per certificazioni al III o IV livello di prestazione Definizioni Nota 1: Le figure Esperte di cui deve disporre l Impresa devono avere adeguata esperienza professionale nel settore impianti di allarme intrusione e rapina, eventualmente integrata dai relativi titoli di formazione. In particolare la formazione scolastica deve risultare tanto più approfondita ed attinente ai compiti e competenze richieste quanto minore è l esperienza professionale maturata. Nota 2: Qualora l Impresa si avvalesse di tecnici impiegati in modo non continuativo, l attività degli stessi verrà considerata in modo tale da garantire nell insieme la presenza di tecnici occupati a tempo pieno. Esperto in impianti di allarme intrusione e rapina (in breve: Esperto d impianti) Soggetto che ha le conoscenze, l esperienza e le capacità necessarie per svolgere le attività di valutazione del rischio, progettazione dell impianto e validazione del progetto (vedere anche l Allegato K della norma CEI 79-3). Esperto nell installazione, manutenzione e riparazione di impianti di allarme intrusione e rapina (in breve: Esperto d installazione) Soggetto che ha le conoscenze, l esperienza e le capacità necessarie per svolgere le attività di pianificazione, installazione, manutenzione e riparazione dell impianto (vedere anche l Allegato K della norma CEI 79-3). Impresa subappaltatrice (di seguito: Subappaltatore ) Impresa indipendente con ragione sociale propria a cui l Impresa certificata, ovvero richiedente la certificazione, affida la fornitura di alcune opere mantenendone il controllo, il coordinamento e quindi anche la responsabilità. Nota: Nelle organizzazioni costituite da più unità operative, il Subappaltatore può essere costituito dalla singola unità operativa. Sede principale Luogo dove l Impresa certificata eroga, coordina e controlla i servizi. PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 3/11 Mod. 2978/0

15 Sede periferica Luogo dove l Impresa certificata eroga servizi, controllandoli e coordinandoli dalla sede principale. Nota: La sede di un Subappaltatore è assimilabile a sede periferica quando concorre al riconoscimento della certificazione dell Impresa. In questo caso la sede del Subappaltatore dovrà soddisfare totalmente le prescrizioni previste per la sede periferica. Tecnico Soggetto con mansioni di tipo tecnico. Articolo 3 - PROCESSO DI CERTIFICAZIONE Presentazione della domanda di certificazione L Impresa deve compilare l apposito modulo per la domanda di certificazione, specificando le informazioni seguenti: a) denominazione dell Impresa; b) indirizzo della sede principale e delle eventuali sedi periferiche ed i nominativi delle relative persone da contattare. c) livelli di prestazione per cui richiede la validità della certificazione (in ordine crescente dal I al IV come definiti nella norma CEI 79-3); d) l elenco degli eventuali Subappaltatori con i quali è stato stipulato il contratto di cui in 1.2 f), fornendo copia dello stesso; e) il numero dei tecnici facenti parte della struttura aziendale, suddividendoli per sede di appartenenza; f) il nominativo dell Esperto d impianti e dell Esperto/i d installazione da identificare all interno della certificazione, distinguendoli opportunamente per sede d appartenenza. In allegato alla domanda di registrazione dovrà essere fornita la seguente documentazione: g) un certificato dal quale risulti l iscrizione del richiedente ad una Camera di Commercio del Paese di origine o documento equivalente; h) la documentazione di abilitazione ai sensi del Decreto Ministeriale n. 37/2008, art. 3, comma 6); i) il certificato del Tribunale - Sezione Commerciale - da cui risulti che l'installatore non sia in stato fallimentare; j) il certificato del Tribunale - Sezione Fallimentare - da cui risulti che nei confronti dell'installatore non sia in corso procedura stato fallimentare; k) il certificato generale del Casellario Generale degli amministratori, in caso di società, o del titolare, in caso di Organizzazione individuale; l) il certificato di conformità alle norme UNI EN ISO 9001 in vigore, rilasciato da un Ente riconosciuto, o, in assenza di questo, la documentazione relativa al proprio sistema qualità aziendale al fine di predisporne la verifica della conformità, qualora sia presente una delle condizioni di cui al par. 1.2 d); Nota: Il sistema di qualità aziendale si intende certificato da un Ente riconosciuto quando la certificazione risulta rilasciata da: IMQ (sistema CSQ); Ente di certificazione che abbia con IMQ un accordo bilaterale o multilaterale ovvero che sia accreditato da un Organismo aderente all Accordo EA - European cooperation for Accreditation. m) il curriculum, attestati di partecipazione a corsi di formazione e documentazione atta a dimostrare le competenze degli Esperti di cui al par. 1.2 i); n) il modulo di accettazione del Regolamento e delle presenti Prescrizioni Particolari firmato per accettazione; o) il modulo di accettazione dell offerta. Nota 1: La data di emissione dei documenti di cui ai punti g), h), i), j), k) non dovrà essere anteriore a tre (3) mesi da quella della loro presentazione. Nota 2: La domanda di registrazione e il modulo di accettazione dell offerta devono essere debitamente timbrati e firmati dal legale rappresentante del richiedente ovvero da persona munita di procura. PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 4/11 Mod. 2978/0

16 3.2 - Istruzione della domanda di certificazione Al ricevimento della domanda, IMQ provvede anche a: registrare la domanda, compiendo un esame preliminare della stessa e della relativa documentazione allegata; comunicare al richiedente i costi previsti per il completamento dell iter di registrazione, qualora l offerta non sia stata formulata preliminarmente; inviare al richiedente un Contratto, in duplice copia, che regolerà i rapporti tra l Impresa e IMQ. Qualora dall esame della documentazione di cui al punto 3.1 m) IMQ ritenga di non avere elementi sufficienti per accertare l adeguata preparazione delle figure professionali richieste al par. 1.2 i) comunicherà all Impresa la necessità di dover procedere alla verifica attraverso: la partecipazione del candidato ad un corso di formazione che preveda una verifica dell efficacia dello stesso; oppure mediante il superamento di una prova scritta di tipo tecnico (questionario/calcolo livello impianto) che il candidato sosterrà durante un incontro con un Esperto identificato da IMQ. Nel caso di Imprese già certificate la sopra citata prova scritta potrà avvenire anche nel corso delle visite ispettive di rinnovo previste per il mantenimento della certificazione di cui al par Nota : L accertamento delle competenze previsto al presente paragrafo non si ritiene necessario se le figure professionali di cui al par. 2.1 i) risultano certificate da un ente di certificazione accreditato da un Organismo aderente all Accordo EA - European cooperation for Accreditation secondo le norme ISO/IEC per il settore specifico Iter certificativo Svolgimento delle attività di verifica La verifica del possesso da parte dell Impresa dei requisiti di cui al par. 1.2 comporta da parte del GVI l effettuazione di: una visita ispettiva presso la sede principale e, se presenti, presso le sedi periferiche; Nota: Nel caso la sede periferica da visitare sia costituita dalla sede di un Subappaltatore già provvisto di certificazione, l attività ispettiva si considererà già assolta con esito positivo; un sopralluogo ad almeno due (2) impianti, scelti casualmente in un elenco di almeno dieci (10), sia in fase di realizzazione sia già sottoposti a verifica funzionale da almeno sei (6) mesi, al fine di verificarne l idonea classificazione e la corretta applicazione delle tecniche e delle modalità d installazione. la verifica dell attività degli eventuali Subappaltatori a cui l Impresa affida le opere di cui in 1.2 f), punti 3), 4), 5). Gli esiti di tali accertamenti saranno riportati nel rapporto rilasciato all Impresa di cui al par Delibera sulla certificazione e sua validità Delibera positiva Rilascio della certificazione Sul certificato rilasciato all Impresa saranno precisate anche le informazioni seguenti: i livelli di prestazione di validità della certificazione; l ubicazione della sede principale e delle eventuali sedi periferiche. Articolo 4 - UTILIZZO DELLA CERTIFICAZIONE E DEI MARCHI IMQ Concessione d uso del Marchio Con decorrenza dalla data di rilascio della certificazione, l Impresa ha il diritto di usare il contrassegno concesso da IMQ (di seguito contrassegno ). Esso è legalmente registrato quali contrassegno collettivo; tutti i diritti derivanti da tale registrazione sono riservati al soggetto giuridico che ha provveduto alla certificazione stessa. PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 5/11 Mod. 2978/0

17 Il contrassegno per dare pubblicità all ottenuta certificazione deve essere quello sotto riportato, accompagnato dalle diciture indicate: Certificazione IMQ Livelli di prestazione degli impianti: Le diciture di cui sopra devono essere chiaramente leggibili e, compatibilmente con le esigenze grafiche, poste nelle immediate vicinanze del contrassegno stesso. Articolo 5 - OBBLIGHI DELL IMPRESA CERTIFICATA L Impresa certificata, inoltre, s impegna a: 1) mantenere sotto controllo le attività e i processi che influenzano la qualità dei servizi per i quali ha ottenuto la relativa certificazione; 2) comunicare a IMQ ogni variazione nei nominativi o nel numero degli esperti di cui al punto 3.1 g); 3) comunicare a IMQ ogni trasferimento della sede principale e/o delle sedi periferiche indicate nella certificazione. Per tali variazioni IMQ si riserva la facoltà di disporre l esecuzione di verifiche ispettive supplementari a spese a carico dell Impresa; 4) comunicare a IMQ ogni modifica all elenco dei Subappaltatori con i quali è stato stipulato il contratto di cui al par. 2.1.f) punti 3), 4) e 5) delle presenti Prescrizioni particolari. Per tali variazioni IMQ si riserva la facoltà di disporre l effettuazione di verifiche ispettive supplementari a spese a carico dell Impresa; 5) intraprendere le opportune azioni legali contro chiunque utilizzasse in modo scorretto il contrassegno concessi da IMQ di cui all Articolo 4; 6) tenere una registrazione dei reclami ricevuti e delle azioni correttive adottate relativamente l attività Certificata al fine di darne evidenza qualora richiesto da IMQ; 7) rilasciare una dichiarazione di conformità per l impianto, quando previsto dalle leggi vigenti; 8) rilasciare al committente una documentazione nella quale devono risultare la data della verifica funzionale (collaudo) e tutte le successive operazioni eseguite sull'impianto; 9) mantenere il segreto sulla natura, caratteristiche, ubicazione e modalità installative e di funzionamento degli impianti, nonché sui processi produttivi e sui dati aziendali riservati di cui sia venuto a conoscenza, anche casualmente; questo, nel rispetto anche del Decreto Legislativo 20 giugno 2003, n PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 6/11 Mod. 2978/0

18 APPENDICE A PROCESSO DI CERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Articolo A1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO A1.2 - Schema di certificazione L Impresa certificata, qualora installi o revisioni un impianto di allarme intrusione e rapina rispettando: la conformità alle norme CEI o EN dal punto di vista sia progettuale sia realizzativo; il livello di prestazione per cui l Impresa è stata certificata; l area territoriale autorizzata dalla certificazione; l utilizzo esclusivo di apparecchiature provviste di marchio IMQ o provviste di un certificato emesso da un ente di certificazione accreditato da un Organismo aderente all Accordo EA (European cooperation for Accreditation), che ne attesti la conformità alle norme CEI/EN in vigore, è autorizzata a rilasciare al committente uno dei documenti seguenti: - Certificato IMQ di Installazione e Verifica Funzionale; - Certificato IMQ di Revisione e Verifica Funzionale. Nota 1): Al fine di poter seguire l evoluzione tecnologica, il Comitato di Delibera IMQ può autorizzare l emissione di Certificati IMQ anche in caso di impianti comprendenti apparecchiature non ancora regolamentate da norme CEI o EN, esaminando caso per caso ed informandone il CEI, come pure tutte le Imprese certificate. Nota 2): Qualora l Impresa abbia la necessità di utilizzare apparecchiature non provviste di marchio IMQ o provviste di un certificato emesso da un ente di certificazione accreditato da un Organismo aderente all Accordo EA (European cooperation for Accreditation), può richiedere un autorizzazione in tal senso prima dell'effettuazione della verifica funzionale dell impianto. IMQ rilascia tale autorizzazione in seguito a verifiche apposite a spese a carico dell Impresa. Nota 3): Le verifiche previste nel caso di utilizzo di apparecchiature non certificate IMQ saranno semplificate qualora l apparecchiatura sia dotata di una certificazione rilasciata da altri Enti e secondo specifiche riconosciute da IMQ. I Certificati IMQ degli impianti possono essere rilasciati esclusivamente dalle Imprese certificate. Il rilascio dei Certificati IMQ degli impianti non modifica in alcun caso la responsabilità e le garanzie legali dell Impresa nei confronti del committente. Inoltre, per detti impianti dovranno essere utilizzati cavi certificati in conformità alla norma CEI 46-76:2001. A1.5 - Definizioni Area territoriale Area suddivisa in province, regioni o territorio nazionale entro cui l Impresa certificata è autorizzata a rilasciare al committente i certificati di cui in A1.2. Certificato IMQ di Installazione e Verifica Funzionale Documento numerato realizzato in quattro (4) differenti versioni, una per ogni livello di prestazione, e distribuito in modo controllato da IMQ alle Imprese certificate. Tale documento, compilato in ogni sua parte ed in triplice copia dall Impresa (una per il committente, una per IMQ ed una per l Impresa), può essere utilizzato per certificare la conformità alle vigenti norme CEI, per un determinato livello di prestazione e nell area territoriale autorizzata dalla certificazione dell Impresa, di un impianto di allarme intrusione e rapina di nuova realizzazione. La validità del Certificato di installazione e di verifica funzionale ha una durata pari a cinque (5) anni durante i quali l Impresa deve garantire l erogazione del servizio di manutenzione ordinaria (preventiva). PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 7/11 Mod. 2978/0

19 Certificato IMQ di Revisione e Verifica Funzionale Documento numerato realizzato in quattro (4) differenti versioni, una per ogni livello di prestazione, e distribuito in modo controllato da IMQ alle Imprese certificate. Tale documento, compilato in ogni sua parte ed in triplice copia dall Impresa (una per il committente, una per IMQ ed una per l Impresa), può essere utilizzato per certificare la conformità alle vigenti norme CEI, per un determinato livello di prestazione e nell area territoriale autorizzata dalla certificazione dell Impresa, di un impianto di allarme intrusione e rapina in uno dei casi seguenti: revisione alla scadenza del "Certificato di installazione e di verifica funzionale" o del "Certificato di revisione e di verifica funzionale" di un impianto; in caso di aggiornamento o modifica di un impianto; presa in carico della manutenzione di un impianto realizzato da un altra Impresa. La validità del Certificato di revisione e di verifica funzionale ha una durata pari a cinque (5) anni durante i quali l Impresa deve garantire l erogazione del servizio di manutenzione ordinaria (preventiva). Articolo A3 - PROCESSO DI CERTIFICAZIONE DELL IMPIANTO A3.1 - Presentazione della domanda di certificazione L Impresa, nel compilare l apposito modulo per la domanda di certificazione, deve specificare l area territoriale all interno della quale potrà rilasciare i certificati IMQ degli impianti (in ordine crescente dalla singola provincia all intero territorio nazionale). A3.4 - Delibera sulla certificazione e sua validità A Delibera sulla certificazione Il Comitato di Delibera determinerà l area territoriale di cui in A1.5 considerando gli elementi seguenti: - la richiesta formulata dall Impresa, che può prevedere un ordine di priorità delle province/regioni elencate; - il numero totale dei tecnici disponibili, e, fra questi, il numero di quanti risultano impegnati nel processo di riparazione, includendo nel conteggio i tecnici delle sedi degli eventuali Subappaltatori assimilabili a sedi periferiche; - l ubicazione della sede principale e delle eventuali sedi periferiche; - le modalità operative previste per l organizzazione e la gestione del servizio di riparazione; - il numero di impianti gestiti e, tra questi, il numero di impianti provvisti di contratto di manutenzione ordinaria. Nota 1: Nel caso in cui l organico di tipo tecnico sia costituito solo dall Esperto d Impianti e dall Esperto d Installazione (requisito minimo) occupati a tempo pieno, la certificazione potrà essere rilasciata per la sola provincia ove è ubicata la sede principale dell Impresa. Nota 2: La certificazione valida per l intero territorio nazionale potrà essere rilasciata solo in presenza di almeno una (1) sede principale più due (2) sedi periferiche, opportunamente distribuite sul territorio e di un adeguato numero di tecnici. A Delibera positiva Rilascio della certificazione Sul certificato rilasciato all Impresa sarà precisata anche l informazione seguente: l area territoriale di cui in A1.5. Articolo A5 - OBBLIGHI DELL IMPRESA CERTIFICATA A5.2 - Obblighi dell Impresa per la certificazione degli impianti L impresa, per rilasciare un certificato IMQ, avrà l obbligo di: PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 8/11 Mod. 2978/0

20 1) installare o revisionare esclusivamente impianti a norme CEI/EN, nell area territoriale e per i livelli di prestazione per i quali la certificazione dell Impresa risulti valida; 2) utilizzare esclusivamente le apparecchiature munite di marchio IMQ, con le precisazioni di cui in A1.2; 3) stipulare un contratto di manutenzione per l impianto; 4) inviare a IMQ la copia del certificato entro trenta (30) giorni dalla data del rilascio, a mezzo lettera raccomandata A.R. o altra modalità valida agli effetti di legge; 5) non certificare impianti in caso di sospensione o revoca della Certificazione, indipendentemente dalla causa scatenante. Articolo A6 MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE A6.5 - Controllo dell uso dei certificati degli impianti per il mantenimento della certificazione Il mantenimento della certificazione, inoltre, prevede da parte di IMQ il controllo dell'uso dei certificati degli impianti al fine di verificare il rispetto dei requisiti del presente Regolamento e delle norme di riferimento. Tale attività avviene attraverso il controllo della completezza e della correttezza delle copie pervenute presso la sede IMQ, di cui in A5.2 4); l esecuzione di sopralluoghi presso alcuni degli impianti certificati, in occasione della visita ispettiva di rinnovo realizzata dal GVI. Sempre al fine di verificare il rispetto dei requisiti del presente Regolamento e delle norme di riferimento sono previsti inoltre: sopralluoghi predisposti d ufficio dal Comitato di Delibera ed a spese a carico di IMQ; sopralluoghi su richiesta, approvati dal Comitato di Delibera, a spese a carico del richiedente. In questo secondo caso le spese potranno essere a carico dell Impresa nel caso in cui l impianto risultasse non conforme alle norme di riferimento. In tutti i casi l Impresa dovrà consentire ed agevolare le verifiche del GVI che opererà limitando al minimo indispensabile le interferenze con la realtà verificata. Qualora IMQ accerti che il certificato di un impianto non sia stato emesso correttamente o che l impianto realizzato non risponda ai requisiti delle norme di riferimento, ne informerà per iscritto l Impresa, invitandola ad eliminare le non conformità riscontrate entro i termini di tempo che le verranno indicati. Nel caso in cui l Impresa non risponda entro quindici (15) giorni dal ricevimento della comunicazione di IMQ, o comunque non fornisca spiegazioni riguardo gli aspetti non corretti segnalati, IMQ avrà la facoltà di annullare il certificato contestato, dando informazione di ciò anche al committente dell impianto. Articolo A7 SOSPENSIONE, REVOCA E RINUNCIA DELLA CERTIFICAZIONE A7.1 - Sospensione della certificazione dell Impresa per uso scorretto dei certificati degli impianti La certificazione dell Impresa può essere sospesa da IMQ anche nei seguenti casi: in seguito all utilizzo improprio e scorretto dei certificati da parte dell Impresa; in seguito a sopralluoghi ad impianti dove l Impresa abbia dimostrato di disattendere ampiamente il rispetto sia dei requisiti normativi sia delle corrette tecniche d installazione. PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 9/11 Mod. 2978/0

21 La sospensione potrà essere annullata soltanto quando, dopo le opportune verifiche di IMQ, l Impresa abbia dimostrato di aver ripristinato le condizioni che ne hanno consentito la certificazione. I costi di tali verifiche (esami documentali, sopralluoghi) saranno a carico dell'impresa. A7.2 - Revoca della certificazione dell Impresa per uso scorretto dei certificati degli impianti La certificazione dell Impresa può essere revocata da IMQ anche nei casi di gravi irregolarità, recidiva o abusi nell emissione dei certificati degli impianti. PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 10/11 Mod. 2978/0

22 ACCETTAZIONE Il richiedente dichiara di avere attentamente letto e di approvare il Regolamento IMQ Certificazione delle Imprese che erogano servizi di: progettazione ed installazione; manutenzione ordinaria (preventiva); riparazione; applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina, incluse le relative Prescrizioni Particolari che si intendono parti integranti del Regolamento. Regolamento approvato dalla Direzione Generale IMQ in data 11 aprile 2014 di cui fanno parte integrante le Prescrizioni Particolari con aggiornamento aprile (Timbro e firma* del legale rappresentante o di un procuratore) Data: * Firma per esteso e leggibile Precisiamo inoltre che, ai sensi e per gli effetti degli articoli 1341 e 1342 del Codice Civile, approviamo espressamente le seguenti clausole contenute nel suddetto Regolamento: art. 6 (Mantenimento, rinnovo, modifica, trasferimento della certificazione), art. 7 (Sospensione, revoca e rinuncia della certificazione), art. 9 (Modifiche ai requisiti dello schema di certificazione) e art. 12 (Legge applicabile e Foro competente). (Timbro e firma* del legale rappresentante o di un procuratore) Data: * Firma per esteso e leggibile PRESCRIZIONI PARTICOLARI per lo schema di certificazione per le Imprese che erogano servizi di progettazione ed installazione, manutenzione ordinaria (preventiva) e riparazione, applicati ad impianti di allarme intrusione e rapina Aprile 2014 pag. 11/11 Mod. 2978/0 Il presente fascicolo è costituito da 22 pagine.

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Dicembre 2014 Articolo 2 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. RE02.PGAP01 Pag. 1 a 7 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

Dettagli

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1;

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1; DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Manutentore di estintori: Figura che opera nel: controllo; manutenzione o riparazione degli estintori portatili e carrellati, al fine di garantirne l efficienza operativa

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

DELIBERA. Art. 1. Requisiti di Accreditamento

DELIBERA. Art. 1. Requisiti di Accreditamento DELIBERA n. 13/13 del 31 luglio 2013 Regolamento per l accreditamento degli Organismi di Certificazione della Norma Tecnica denominata Codice di Pratica di cui alla delibera del Comitato Centrale per l

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI CEI COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI 3680 C:1998-02

DATI IDENTIFICATIVI CEI COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI 3680 C:1998-02 N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 79-3 2012-05 Titolo Sistemi di allarme Prescrizioni particolari per gli impianti di allarme intrusione Title Alarm systems Particular

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS*

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* PROCEDURA GESTIONALE sigla:pd20 Pag. 1 di 5 DEL CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* 0 1 emissione Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 5 INDICE 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2.0

Dettagli

come qualificato, con effettivo svolgimento delle mansioni individuate nella norma UNI 11554.

come qualificato, con effettivo svolgimento delle mansioni individuate nella norma UNI 11554. _SCPGAS DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Figura professionale che opera sugli impianti a gas di tipo civile alimentati da reti di distribuzione. UNI EN ISO 17024:2012 UNI 11554:2014 Prassi di Riferimento

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche

Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche Allegato parte integrante Schema convenzione fra APE e organismi di abilitazione soggetti preposti al rilascio delle certificazioni energetiche CONVENZIONE per il riconoscimento degli Organismi di Abilitazione,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori.

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori. Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori Gianluca Gatto Sommario Analisi di contesto Certificazione Pannelli

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE INTERNA

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE INTERNA LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE INTERNA Versione 01 25/10/2012 Indice PREMESSA... 2 1 ACCETTAZIONE CONDIZIONI GENERALI PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE INTERNA... 2 2 DEFINIZIONE MODULI

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AMMINISTRATORE IMMOBILIARE E CONDOMINIALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AMMINISTRATORE IMMOBILIARE E CONDOMINIALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 0 01.10.2013 CEPAS srl 0 16.12.2002 1ª Emissione Comitato di Certificazione

Dettagli

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI Procedura per richieste di attivazione della fornitura di gas pervenute al venditore a partire dall'1 aprile 2007 (art. 16,

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL 1 22.03.2002 Rev. Generale

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 15/09/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE Pagina 1 di 5 Revisione Data Descrizione Redazione Approvazione Pagina 2 di 5 Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Costituzione e funzionamento del Comitato di Certificazione

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI "Regolamento recante disposizioni di attuazione della legge 28 marzo 1991, n. 109, in materia di allacciamenti e collaudi degli impianti telefonici interni." D.M. 23 maggio 1992, n. 314 (Pubblicato nella

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N 930/68 DEL 13/10/2011 1 1.

Dettagli

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 Elenco degli Ispettori della Qualità e Sicurezza delle Imprese di Autotrasporto, in attuazione dell articolo 9, comma 2, lettera f) del decreto legislativo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Titolo PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Riferimento Data entrata in vigore Approvato da PR PART ON/MACC/X Rev. 0 del 01/06/2016 IMQ

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA Pagina 2 di 5 1. PROFILO E COMPETENZE 1.1. PROFILO 1.2. COMPETENZE 2. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2.1. ISTRUZIONE 2.2. FORMAZIONE Il Formatore della salute e sicurezza è un professionista in possesso di competenze

Dettagli

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ;

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ; SCHEMA DI CONVENZIONE CON GLI ENTI DEL TERRITORIO PER I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra la Regione Marche, rappresentata dal Dirigente della P.F. Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative Unione Industriale 19 di 94 4.2 SISTEMA QUALITÀ 4.2.1 Generalità Un Sistema qualità è costituito dalla struttura organizzata, dalle responsabilità definite, dalle procedure, dai procedimenti di lavoro

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 Sistemi Valutazione della conformità Requisiti generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 1 27/04/2010 RQ LTM 1 di 5 INDICE 1. GENERALITA... 3 1.1 APPLICABILITÀ... 3 1.2 DIRITTI

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 0 12.07.2007 1ª Emissione Presidente Comitato di Certificazione Presidente

Dettagli

MODALITÀ E CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SECURITY

MODALITÀ E CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SECURITY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG21 Pag. 1 di 5 DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE 3

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY MANAGER JUNIOR SECURITY MANAGER

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY MANAGER JUNIOR SECURITY MANAGER SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 Sistemi Valutazione della conformità - Requisiti generali

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013

ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013 ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013 La presente Procedura disciplina i criteri e le modalità

Dettagli

MODALITÀ E CRITERI DI RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE QUALITÀ

MODALITÀ E CRITERI DI RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE QUALITÀ Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG11 Pag. 1 di 5 4 30.11.2015 Pagg. 4, 5 R.A. Favorito

Dettagli

I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE

I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE IMPRESE DI FIDUCIA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI SULLE PARCELLE PROFESSIONALI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.4

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.4 1 di 5 PROCESSO DI GESTIONE DELLE REGISTRAZIONI DELLA QUALITA Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell

Dettagli

REGOLAMENTO REGISTRAZIONE IMQ "DITTE INSTALLATRICI E MANUTENTRICI DI. Indice. Prescrizioni Particolari

REGOLAMENTO REGISTRAZIONE IMQ DITTE INSTALLATRICI E MANUTENTRICI DI. Indice. Prescrizioni Particolari REGOLAMENTO REGISTRAZIONE IMQ "DITTE INSTALLATRICI E MANUTENTRICI DI IMPIANTI ANTINCENDIO" Indice Regolamento per la registrazione presso l IMQ delle Ditte installatrici e manutentrici di impianti antincendio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*)

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*) Riferimento SIMEST.. (a cura del destinatario) SIMEST SPA DIPARTIMENTO AGEVOLAZIONI CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.323 00186 R O M A DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE

Dettagli

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI Unione Industriale 35 di 94 4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI 4.5.1 Generalità La documentazione, per una filatura conto terzi che opera nell ambito di un Sistema qualità, rappresenta l evidenza oggettiva

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS In vigore dal 01/01/2013 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax

Dettagli

N 1 POSTO DI DIRIGENTE Settore 5 Politiche Sociali

N 1 POSTO DI DIRIGENTE Settore 5 Politiche Sociali Avviso di selezione di una unità di personale tramite la procedura del passaggio diretto di personale tra enti ai sensi dell art. 30 del d.lgs. 165/2001 e successive modifiche ed integrazioni. PROT. 34990

Dettagli

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS In vigore dal 01 Agosto 2014 RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti Allegato 4 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti 1. Generalità...

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 3.2.2005 REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ MOTORIA PERMANENTE ART. 1) OGGETTO 1) Il presente Regolamento

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SICUREZZA ALIMENTARE

CRITERI E MODALITÀ PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SICUREZZA ALIMENTARE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG25 Pag. 1 di 5 1 20.11.2014 Pagg.3, 5 R.A. Favorito

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N.

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 192/05 Alberto Grossi Responsabile Unità Qualità dei servizi gas

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA VALUTAZIONE DEL PERSONALE E FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27-02-2007 Modificato con deliberazione

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli