Socket per TCP: Fondamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Socket per TCP: Fondamenti"

Transcript

1 Socket per TCP: Fondamenti

2 Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette in attesa di una richiesta da servire, il client effettua tale richiesta. Tipicamente il client comunica con un solo server, mentre un server usualmente comunica con più client contemporaneamente (su connessioni diverse nel caso tcp). Inoltre spesso client e server sono processi utente, mentre i protocolli della suite TCP/IP fanno solitamente parte del sistema operativo. Nel seguito faremo riferimento al termine IP nel senso di IPv4. Unix Standards Posix = Portable Operating System Interface è una famiglia di standard (vedi sviluppata da IEEE e adottata da ISO. Posix comprende IEEE Std (1996) (una raccolta di alcune specifiche precedenti) che contiene al suo interno una parte detta Part1: System Application Program Interface (API) che specifica l interfaccia C per le chiamate di sistema del kernel Unix, relative a processi (fork, exec, signal, timer, user ID, gruppi), files e directory (I/O function), I/O da terminale, password, le estensioni per il realtime, execution scheduling, semaphores, shared memory, clock, message queues. In particolare comprende IEEE Std g: Protocol Independent Interface (PII) che è lo standard per l interfaccia di programmazione delle reti, e definisce due standard chiamati DNI (Detailed Network Interfaces): 1) DNI/Socket basato sulle API socket del 4.4BSD, di cui ci occuperemo 2) DNI/XTI, basato sulle specifiche XPG4 del consorzio X/Open 86

3 Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad accettare una richiesta di connessione, mediante le chiamate a socket, bind, listen e infine accept che realizza una apertura passiva (passive open) cioè senza trasmissione di dati. J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... 2) il client effettua le chiamate a socket, bind ed infine alla connect che realizza una apertura attiva (active open) mediante la spedizione di un segmento TCP detto SYN segment (synchronize) in cui è settato ad 1 il flag syn, a zero il flag ack, e che trasporta un numero di sequenza iniziale (J) che è il numero di sequenza iniziale dei dati che il client vuole mandare al server. Il segmento contiene un header TCP con i numeri di porta ed eventuali opzioni su cui accordarsi, e di solito non contiene dati. Il segmento viene incapsulato in un datagram IP. 3) Il server deve rispondere al segmento SYN del client spedendogli un segmento SYN (flag syn settato ad 1) con il numero di sequenza iniziale (K) dei dati che il server vuole mandare al client in quella connessione. Il segmento presenta inoltre nel campo Ack number il valore J+1 che indica che si aspetta di ricevere J+1, e presenta il flag ack settato ad 1, per validare il campo Ack number. 4) il client, ricevendo il SYN del server con l Ack numer J+1 sa che la sua richiesta di connessione è stata accettata, e dal sequence number ricevuto K capisce che i dati del server inizieranno da K+1, quindi risponde con un segmento ACK (flag syn settato a zero e flag ack settato a 1) con Ack number K+1, e termina la connect. 5) al ricevimento dell ACK K+1 il server termina la accept. 87

4 Opzioni TCP nel Setup Ogni segmento di tipo SYN può contenere delle opzioni, che servono a stabilire alcune caratteristiche della connessione che si sta instaurando. Tra le più importanti ricordiamo: 1) MSS options: con questa opzione il TCP che manda il proprio SYN annuncia il maximum segment size, la più grande dimensione di segmento che è in grado di ricevere. L opzione TCP_MAXSEG resa disponibile dall interfaccia socket, consente di settare questa opzione. 2) Windows scale options: la finestra scorrevole più grande che due TCP possono concordare è 65535, perchè il campo Window Size occupa 16 bit. Per situazioni in cui il collegamento è a larghissima banda ma con grande ritardo di trasmissione (es. via satellite) una dimensione di finestra più grande rende più veloce la trasmissione di grandi quantità di dati. Per identificare finestre più grandi nell header TCP, si setta questa opzione che indica di considerare il campo Window Size dopo averlo shiftato a sinistra di un numero di posizione compreso tra 0 e 14, in modo da moltiplicare la Window Size di un fattore fino a 2 elevato alla 14, ovvero in modo da raggiungere valori dell ordine del GigaByte. L opzione SO_RECVBUF resa disponibile dall interfaccia socket, consente di settare questa opzione. 88

5 end-system attivo (1) Terminazione delle (1) ConnessioniTCP end-system passivo (2.1) (2.2) (3) Una connessione TCP viene chiusa mediante un protocollo composto da quattro messaggi trasmessi: 1) una delle applicazioni su un end-system (chiamiamola attiva) effettua la chiusura attiva (active close) chiamando la funzione close() che spedisce un segmento FIN (flag FIN settato a 1), con un numero di sequenza M pari all ultimo dei byte trasmessi in precedenza più uno. Con ciò si indica che viene trasmesso un ulteriore dato, che è il FIN stesso. Per convenzione il FIN è pensato avere dimensione pari ad 1 byte, quindi l end-system attivo si aspetta di ricevere per il FIN un ACK con Ack Number pari a M+1. 2) l end system che riceve il FIN (chiamiamolo passivo) effettua la chiusura passiva (passive close) all insaputa dell applicazione. 2.1) Per prima cosa il modulo TCP del passivo spedisce all end-system attivo un segmento ACK con Ack number pari a M+1, come riscontro per il FIN ricevuto. 2.2) Poi il TCP passivo trasmette all applicazione padrona di quella connessione il segnale FIN, sotto forma di end-of-file che viene accodato ai dati non ancora letti dall applicazione. Poiche la ricezione del FIN significa che non si riceverà nessun altro dato, con l end-of-file il TCP comunica all applicazione che lo stream di input è chiuso. 89 (4)

6 Terminazione delle (2) ConnessioniTCP 3) Quando l applicazione del passivo finalmente legge dal buffer l end-of-file (con una read() che restituisce 0), deve effettuare per quel socket la chiamata alla funzione close(). La close() ordina al modulo TCP di inviare a sua volta all end-system attivo un segmento FIN, col numero di sequenza (N) del FIN, cioè l ultimo byte trasmesso più 1. 4) il modulo TCP dell attivo, quando riceve il FIN spedisce un ACK con Ack number N+1, cioè il numero di sequenza del successivo al FIN, cioè il FIN più uno, poichè 1 è per convenzione la dimensione del FIN. Terminato questo passo viene conclusa anche la funzione close() dell attivo. Chiusura attiva o passiva non dipendono dall essere client o server, ma solo da chi per primo effettua la chiamata alla funzione close(). Notare che i due segmenti dal passivo all attivo degli step 2.1 e 2.2 (ACK M+1 e FIN N rispettivamente) potrebbero essere combinati in un solo messaggio a seconda del comportamento del passivo. Un ulteriore variazione, di carattere opposta alla precedente, è che tra gli step 2.1 e 2.2 il passivo ha ancora la possibilità di inviare dei dati verso l attivo, perchè al momento dello step 2.1 è stata effettuata, mediante il FIN, una chiusura del flusso solo nella direzione dall attivo al passivo, chiusura che viene detta half-close. 90

7 TCP State Transition Diagram (1) 91

8 TCP State Transition Diagram (2) Le operazioni di instaurazione e terminazione di una connessione TCP sono specificate dal precedente diagramma di transizione degli stati. Da ogni stato una o più frecce uscenti individuano una condizione che fa uscire da quello stato e passare in un altro stato. Tale condizione può essere la ricezione di un segmento, un operazione effettuata dall applicazione proprietaria del socket oppure lo scadere di un timeout. In corrispondenza di una transizione di stato può essere effettuata un operazione come ad es. la trasmissione di un segmento. Ad es. se ci troviamo nello stato ESTABLISHED, in cui una connessione è stata instaurata tra i due end system, se l applicazione effettua una chiusura attiva chiamando la close(), il TCP spedisce un segmento di FIN e passa nello stato FIN_WAIT aspettando una risposta. Se invece sempre dallo stato ESTABLISHED il TCP riceve un segmento FIN dall altro endsystem allora parte con la chiusura passiva, risponde con un ACK e si porta nello stato CLOSE_WAIT. Gli stati qui illustrati sono utilizzati dall applicazione netstat per identificare la situazione corrente di ciascun socket TCP. 92

9 Esempio di connessione TCP (1) Vediamo i segmenti scambiati e gli stati assunti da client e server in una connessione TCP in cui il client chiede un servizio ed il server risponde. Il client inizia e specifica l opzione Maximum Segment Size di 1460 byte, il server risponde e specifica una diversa richiesta di MSS di La MSS può essere diversa nelle due direzioni. Stabilita la connessione il client spedisce una richiesta al server nei dati di un solo segmento. Il server risponde spedendo la risposta nei dati di un solo segmento. Notare che, per diminuire il numero di segmenti scambiati, assieme alla risposta il server spedisce nel segmento anche l ACK per il segmento ricevuto. Tale tecnica, detta piggybacking, viene utilizzata quando il ritardo nella risposta è inferiore ai 200 msec. Infine vengono utilizzati 93 quattro segmenti per effettuare la terminazione della connessione.

10 TIME_WAIT state (1) Durante la fase di chiusura della connessione, l end system che effettua la chiusura attiva passa nello stato detto TIME_WAIT. Il periodo di tempo durante il quale l end system rimane nello stato TIME_WAIT è il doppio del MSL (Maximum Segment Lifetime = massimo tempo di vita di un segmento) e viene detto 2MSL. La durata dell MSL è una scelta dell implementazione del TCP. Il valore raccomandato in RFC 1122 è di 2 minuti, ma alcune implementazioni preferiscono 30 secondi. Quindi la durata del TIME_WAIT state varierà da 1 a 4 minuti. Il MSL approssima il massimo tempo che un datagram IP (contenente un segmento TCP) può rimanere in vita in internet a causa del TTL inizialmente settato a 255. Lo stato TIME_WAIT serve a due scopi: 1) Il primo scopo è riuscire a terminare correttamente la connessione TCP anche se il segmento finale ACK N+1 inviato dal terminatore attivo (che è nello stato TIME_WAIT) al passivo viene perso. Infatti se tale ACK viene perso il passivo ripete la trasmissione del segmento FIN N fino ad ottenere risposta. Il terminatore attivo quindi attende nello stato TIME_WAIT di rispondere al FIN del terminatore passivo. 94

11 TIME_WAIT state (2) 2) Il secondo scopo del TIME_WAIT è di impedire che segmenti duplicati dalla rete danneggino l instaurazione di nuove connessioni con stessi indirizzi IP e di porta locali e remoti. Una causa della duplicazione dei segmenti TCP è data dalla possibilità di avere anomalie nel routing. In particolare, se un router va in crash o se il link tra due router diventa down, è necessario un certo tempo affinche i router si organizzino e mediante gli algoritmi di routing stabiliscano percorsi alternativi. Durante questo periodo di transizione i pacchetti IP possono ritrovarsi ad essere instradati su dei loop, da A a B e di nuovo ad A, perchè i router non si sono ancora coordinati. Se durante questo periodo scade un timeout per il riscontro, il TCP assume che il segmento non sia stato ricevuto e lo ritrasmette, e il segmento ritrasmesso può seguire il nuovo giusto percorso, se i router si sono già coordinati. Se i router si coordinano prima che scada il TTL dei datagram IP che erano nel loop, anche i segmenti dispersi riusciranno ad arrivare a destinazione, generando così un duplicato per quel segmento. Il segmento originale, che si era perso, viene detto lost duplicate o wandering duplicate. Ora, se una connessione è terminata, e se ne instaura una nuova esattamente tra gli stessi hosts e le stesse porte, gli eventuali segmenti duplicati della vecchia connessione possono essere interpretati come segmenti della nuova connessione, e falsare le comunicazioni. Per ovviare a questo problema il TCP non instaura una connessione (una nuova connessione con stessi IP e stesse porte) che attualmente si trova nello stato di TIME_WAIT, e la durata del TIME_WAIT (doppia del tempo di vita di ogni segmento) impedisce che segmenti duplicati della vecchia connessione sopravvivano fino ad interessare una nuova 95 connessione instaurata dopo la fine del TIME_WAIT.

12 Socket Address Structures (1) Cominciamo la descrizione delle Socket API (Application program Interface) dalla descrizione delle strutture usate per trasferire indirizzi dall applicazione al kernel (nelle funzioni bind, connect, sendto) e dal kernel alle applicazioni (nelle funzioni accept, recvfrom, getsockname e getpeername). I dati definiti per Posix.1g sono quelli della seguente tabella: int8_t signed 8-bit integer <sys/types.h> uint8_t unsigned 8-bit integer <sys/types.h > int16_t signed 16-bit integer <sys/types.h > uint16_t unsigned 16-bit integer <sys/types.h> int32_t signed 32-bit integer <sys/types.h> uint32_t unsigned 32-bit integer <sys/types.h> sa_family_t famiglia di indirizzi socket <sys/socket.h> AF_INET per IPv4, AF_INET6 per IPv6, AF_LOCAL per indir. locali unix (per pipe ecc..) socklen_t lunghezza della struttura che contiene l indirizzo, di solito è un uint32_t <sys/socket.h> in_addr_t indirizzo IPv4, = uint32 <netinet/in.h> in_port_t porta TCP o UDP, = uint16 <netinet/in.h> Poichè i socket devono fornire un interfaccia per diverse famiglie di protocolli (IPv4, IPv6 e Unix), e poichè tali strutture vengono passate per puntatore, le funzioni di libreria presentano un argomento che è il puntatore alla generica struttura (struct sockaddr*), ma essendo diversa la struttura passata a seconda della famiglia di indirizzi usata, l argomento passato deve essere convertito mediante il cast alla struttura (struct sockaddr*), ad es: struct sockaddr_in server; /* IPv4 socket address structure */ memset ( &server, 0, sizeof(server) ); /* azzero tutta la struttura */... riempimento dei dati della struttura server... bind ( socketfd, (struct sockaddr *)&server, sizeof(server) ); 96

13 Socket Address Structures (2) La generica struttura dell indirizzo è dunque cosi definita: struct sockaddr { uint8_t sa_len; sa_family_t sa_family; char sa_data[14]; }; La famiglia di indirizzi Ipv4 (sa_family=af_inet) usa la struttura: struct sockaddr_in { uint8_t sin_len; /* lunghezza struttura */ sa_family_t sin_family; /* = AF_INET */ in_port_t sin_port; /*16-bit TCP UDP port, network byte ordered */ struct in_addr sin_addr; /* 32-bit IPv4 address, network byte ordered */ char sin_zero[8]; /* unused */ }; con struct in_addr { /* e una struttura per ragioni storiche */ in_addr_t s_addr ; /* 32-bit IPv4 address network byte ordered */ }; sa_len e sa_family si sovrappongono perfettamente a sin_len e sin_family rispettivamente, permettendo di leggere la costante di tipo sa_family_t e di capire che tipo di struttura si sta utilizzando. il campo sin_len non è richiesto espressamente da Posix.1g, e anche quando è presente non è necessario settarlo, se non per applicazioni di routing, in quanto le principali funzioni in cui si passano indirizzi prevedono già un argomento in cui si passa (o riceve) la lunghezza della struttura indirizzo. Il campo sin_zero non è usato, ma va sempre settato tutto a zero prima di passare una struttura che lo contiene. Di più, per convenzione, bisogna sempre settare TUTTA la struttura indirizzo tutta a zero prima di riempire i vari campi, usando la funzione memset(). memset ( &server, 0, sizeof(server) ); 97

14 Socket Address Structure (3) Confrontiamo alcune delle strutture usate per gli indirizzi: 98

15 Funzioni di Ordinamento dei Byte Poichè alcuni campi delle strutture di indirizzo (i numeri di porta o gli indirizzi IPv4 ad esempio) devono essere memorizzati secondo l ordine per i bytes stabilito per la rete (network byte order), prima di assegnare alla struttura un valore di porta (16-bit) o un indirizzo IPv4 (32-bit) è necessario convertirlo dall ordine dei byte per l host all ordine per la rete, utilizzando delle funzioni di conversione, i cui prototipi sono definiti nell include <netinet/in.h>: uint16_t htons (uint16_t host16bitvalue); /* Host TO Network Short */ uint32_t htonl (uint32_t host32bitvalue); /* Host TO Network Long */ Viceversa, per convertire il valore di una porta o di un indirizzo IPv4, preso da una struttura di indirizzo, in un valore intero secondo l ordinamento dell host si devono utilizzare le funzioni: uint16_t ntohs (uint16_t net16bitvalue); /* Network TO Host Short */ uint32_t ntohl (uint32_t net32bitvalue); /* Network TO Host Long */ Se l ordinamento dell host è corrispondente all ordinamento di rete, queste funzioni sono implementate con delle macro nulle, cioè non modificano il dato. Funzioni di Manipolazione dei Byte Vediamo solo le funzioni portabili ovunque perche sono ANSI C. void *memset (void *dest, int c, size_t n_bytes); setta al valore c un numero len di byte a partire da dest void *memcpy (void *dest, const void *src, size_t n_bytes); copia n_bytes byte da src a dest, problemi se c e sovrapposizione, nel caso usare memmove. Resituisce dest. void *memcmp (const void ptr1, const void *ptr2, size_t n_bytes); confronta due vettori di n_bytes ciascuno, restituisce 0 se sono uguali, diverso da zero se diversi. 99

16 Funzioni di Conversione di Indirizzi IP dalla forma dotted-decimal ASCII string alla forma 32-bit network byte ordered Queste funzioni sono definite in <arpa/inet.h> Le funzioni inet_aton e inet_addr convertono gli indirizzi IP da una forma di stringa di caratteri ASCII decimali separati da punti del tipo , nella forma di interi a 32-bit ordinati secondo l ordinamento di rete. int inet_aton (const char *str, struct in_addr *addrptr); scrive nella locazione puntata da addrptr il valore a 32-bit, nell ordine di rete, ottenuto dalla conversione della stringa zeroterminata puntata da str. Restituisce zero in caso di errore, 1 se tutto va bene. in_addr_t inet_addr (const char *str); NON VA USATA restituisce il valore a 32-bit, nell ordine di rete, ottenuto dalla conversione della stringa zero-terminata puntata da str. In caso di errori restituisce INADDR_NONE, e questo è un casino, perchè INADDR_NONE è un intero a 32 bit di tutti 1, che sarebbe ottenuto come risultato della chiamata di inet_addr passandogli la stringa che è l indirizzo valido di broadcast. Per evitare confusione non deve essere usata. Infine c e una funzione che effettua la conversione inversa, da interi a 32-bit network ordered verso stringhe ASCII decimali separate da punti. char *inet_ntoa (struct in_addr addr); scrive in una locazione di memoria statica (di cui restituisce un puntatore) la stringa ASCII null-terminata di caratteri decimali separati da punti corrispondeni all indirizzo IP a 32-bit, nell ordine di rete, contenuto nella struttura addr (che stranamente non è un puntatore). Occhio, questa funzione non è rientrante, perchè 100 memorizza il risultato in una locazione statica.

17 I/O su Socket TCP (1) I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una socket() o una accept() o una connect(). Con questo descrittore è possibile effettuare letture tramite la funzione read, che restituisce i byte letti dal flusso in entrata, e scritture tramite la funzione write, che spedisce i byte costituendo il flusso in uscita. ssize_t read (int fd, void *buf, size_t count); cerca di leggere count byte dal file descriptor fd, scrivendoli nel buffer puntato da buf. Se count è zero restituisce zero. Se count è maggiore di zero viene effettuata la lettura e viene restituito il numero di byte letti. Se viene restituito zero significa end-of-file (fine stream). Se viene restituito -1 è accaduto un errore e viene settato la variabile globale errno definita in <errno.h>. La funzione read presenta una particolarità quando è applicata ad un socket. Può accadere che la read() restituisca meno byte di quanti richiesti, anche se lo stream è ancora aperto. Ciò accade se il buffer a disposizione del socket nel kernel è stato esaurito. Sarà necessario ripetere la read (richiedendo il numero dei byte mancanti) fino ad ottenerli tutti. Oss.: ssize_t è definito in <unistd.h> ed è un long. ssize_t write (int fd, const void *buf, size_t count); cerca di scrivere fino a count byte sul file descriptor fd, leggendoli dal buffer puntato da buf. Se count è zero restituisce zero. Se count è maggiore di zero viene effettuata la scrittura e viene restituito il numero di byte scritti. Se viene restituito -1 è accaduto un errore e viene settato errno. Analogamente alla read() anche la write presenta una particolarità quando è applicata ad un socket. Può accadere che la write() scriva meno byte di quanto richiesto, anche se lo stream è ancora aperto. Ciò accade se il buffer a disposizione del socket nel kernel è stato esaurito. Sarà necessario ripetere la write (con i soli byte mancanti) fino a 101 scriverli tutti.

18 I/O su Socket TCP: (2) TCP Output Ogni socket TCP possiede un buffer per l output (send buffer) in cui vengono collocati temporaneamente i dati che dovranno essere trasmessi mediante la connessione instaurata. La dimensione di questo buffer può essere configurata mediante un opzione SO_SNDBUF. Quando un applicazione chiama write() per n bite sul socket TCP, il kernel cerca di copiare n byte dal buffer dell appl. al buffer del socket. Se il buffer del socket e più piccolo di n byte, oppure è già parzialmente occupato da dati non ancora trasmessi e non c è spazio sufficiente, verranno copiati solo nc<n byte, e verrà restituito dalla write il numero nc di byte copiati. Se il socket ha le impostazioni di default, cioè è di tipo bloccante, la fne della routine write ci dice che sono stati scritti sul buffer del socket quegli nc byte, e possiamo quindi riutilizzare le prime nc posizioni del buffer dell applicazione. Ciò non significa affatto che già i dati siano stati trasmessi all altro end-system. 102

19 I/O su Socket TCP (3) Per semplificarsi la vita ed usare delle funzioni per l I/O con i socket che si comportano esattamente come le read() e write() su file, si può scrivere due proprie funzioni readn() e writen() che effettuano un loop di letture/scritture fino a leggere/scrivere tutti gli n byte come richiesto, o incontrare l end-of-file o riscontrare un errore. ssize_t readn (int fd, void *buf, size_t n) { size_t nleft; ssize_t nread; char *ptr; ptr = buf; nleft = n; while (nleft > 0) { if ( (nread = read(fd, ptr, nleft)) < 0) { if (errno == EINTR) nread = 0; /* and call read() again */ else return(-1); } else if (nread == 0) break; /* EOF, esce */ nleft -= nread; ptr += nread; } return(n - nleft); /* return >= 0 */ } ssize_t writen (int fd, const void *buf, size_t n) { size_t nleft; ssize_t nwritten; char *ptr; ptr = buf; nleft = n; while (nleft > 0) { if ( (nwritten = write(fd, ptr, nleft)) <= 0) { if (errno == EINTR) nwritten = 0; /* and call write() again*/ else return(-1); /* error */ } nleft -= nwritten; ptr += nwritten; } return(n); } 103

20 Interazioni tra Client e Server TCP Per primo viene fatto partire il server, poi viene fatto partire il client che chiede la connessione al server e la connessione viene instaurata. Nell esempio (ma non è obbligatorio) il client spedisce una richiesta al server, questo risponde trasmettendo alcuni dati. Questa trasmissione bidirezionale continua fino a che uno dei due (il client nell esempio) decide di interrompere la connessione, e tramite la close() chiude la connessione. Infine il server chiude a sua volta la connessione. ephemeral port 104

21 funzione socket() La prima azione per fare dell I/O da rete è la chiamata alla funziona socket() specificando il tipo di protocollo di comunicazione da utilizzare (TCP con IPv4, UDP con IPv6, Unix domain stream protocol per usare le pipe). #include <sys/socket.h> int socket (int family, int type, int protocol); restituisce un descrittore di socket maggiore o uguale a zero, oppure -1 in caso di errore, e setta errno. L argomento family specifica la famiglia di protocolli da utilizzare. family descrizione AF_INET IPv4 protocol AF_INET6 IPv6 protocol AF_LOCAL Unix domain protocols (ex AF_UNIX) AF_ROUTE Routing socket AF_ROUTE Key socket (sicurezza in IPv6) L argomento type specifica quale tipo di protocollo vogliamo utilizzare all interno della famiglia di protocolli specificata da family. type descrizione SOCK_STREAM socket di tipo stream (connesso affidabile) SOCK_DGRAM socket di tipo datagram SOCK_DRAW socket di tipo raw (livello network) L argomento protocol di solito è settato a 0, tranne che nel caso dei socket raw. Non tutte le combinazioni di family e type sono valide. Quelle valide selezionano un protocollo che verrà utilizzato. AF_KEY AF_INET AF_INET6 AF_LOCAL AF_ROUTE SOCK_STREAM TCP TCP esiste SOCK_DGRAM UDP UDP esiste SOCK_DRAW IPv4 IPv6 esiste 105

22 funzione connect() La funzione connect() è usata dal client TCP per stabilire la connessione con un server TCP. #include <sys/socket.h> int connect (int socketfd, const struct sockaddr *servaddr, socklen_t addrlen); restituisce 0 se la connessione viene stabilita, -1 in caso di errore. L argomento socketfd è un descrittore socket ottenuto da una chiamata alla funzione socket(). L argomento servaddr come visto in precedenza è in realtà per IPv4 un puntatore alla struttura sockaddr_in, e deve specificare l indirizzo IP e il numero di porta del server da connettere. L argomento addrlen specifica la dimensione della struttura dati che contiene l indirizzo del server servaddr, viene di solito assegnata mediante la sizeof(servaddr). Il client non deve di solito specificare il proprio indirizzo IP e la propria porta, perchè queste informazioni non servono a nessuno. Quindi può chiedere al sistema operativo di assegnargli una porta TCP qualsiasi, e come indirizzo IP l indirizzo della sua interfaccia di rete, o dell interfaccia di rete usata se ne ha più di una. Quindi NON SERVE la chiamata alla bind() prima della connect(). Nel caso di connessione TCP la connect inizia il protocollo three way handshake spedendo un segmento SYN. La funzione termina o quando la connessione è stabilita o in caso di errore. In caso di errore la connect restituisce -1 e la variabile errno è settata a: - ETIMEDOUT nessuna risposta al segmento SYN - ECONNREFUSED il server risponde con un segmento RST (reset) ad indicare che nessun processo server è in attesa (stato LISTEN) su quella porta - EHOSTUNREACH o ENETUNREACH host non raggiungibile - ed altri ancora. 106

23 funzione bind() (1) La funzione bind() collega al socket un indirizzo locale. Per TCP e UDP ciò significa assegnare un indirizzo IP ed una porta a 16-bit. #include <sys/socket.h> int bind (int sockfd, const struct sockaddr *myaddr, socklen_t addrlen); restituisce 0 se tutto OK, -1 in caso di errore. L argomento sockfd è un descrittore ottenuto da una socket(). L argomento myaddr è un puntatore alla struttura sockaddr_in, e specifica l eventuale indirizzo IP locale e l eventuale numero di porta locale a cui il sistema operativo deve collegare il socket. L argomento addrlen specifica la dimensione della struttura myaddr. L applicazione può collegarsi o no ad una porta. Di solito il server si collega ad una porta nota (well know port). Fa eccezione il meccanismo delle RPC. I client di solito non si collegano ad una porta con la bind. In caso non venga effettuato il collegamento con una porta, il kernel effettua autonomamente il collegamento con una porta qualsiasi (ephemeral port) al momento della connect (per il client) o della listen (per il server). L applicazione può specificare (con la bind) per il socket un indirizzo IP di un interfaccia dell host stesso. Per un TCP client ciò significa assegnare il source IP address che verrà inserito negli IP datagram, spediti dal socket. Per un TCP server ciò significa che verranno accettate solo le connessioni per i client che chiedono di connettersi proprio a quell IP address. Se il TCP client non fa la bind() o non specifica un IP address nella bind(), il kernel sceglie come source IP address, nel momento in cui il socket si connette, quello della interfaccia di rete usata. Se il server non fa il bind con un IP address, il kernel assegna al socket come indirizzo IP locale quello contenuto nell IP destination address del datagram IP che contiene il SYN segment ricevuto. 107

24 funzione bind() (2) Chiamando la bind() si può specificare o no l indirizzp IP e la porta, assegnando valori ai due campi sin_addr e sin_port della struttura sockaddr_in passata alla bind come secondo argomento. A seconda del valore otteniamo risultati diversi, che sono qui elencati, nella tabella che si riferisce solo al caso: IP_address port sin_addr sin_port Risultato wildcard 0 il kernel sceglie IP address e porta wildcard nonzero il kernel sceglie IP address, porta fissata Local IP Address 0 IP address fissato, kernel sceglie la porta Local IP Address non zero IP address e porta fissati dal processo Specificando il numero di porta 0 il kernel sceglie collega il socket ad un numero di porta temporaneo nel momento in cui la bind() è chiamata. Specificando la wildcard (mediante la costante INADDR_ANY per IPv4) il kernel non sceglie l indirizzo IP locale fino a che o il socket è connesso (se TCP) o viene inviato il primo datagram per quel socket (se UDP). L assegnazione viene fatta con le istruzioni: struct sockaddr_in localaddr; localaddr.sin_addr.s_addr = htonl(inaddr_any); localaddr.sin_port = htons(port_number); Se con la bind si lascia al kernel la scelta di IP address locale o port number locale, una volta che il kernel avrà scelto, si potrà sapere quale IP address e quale port number è stato scelto mediante la funzione getsockname(). 108

Socket per TCP: Fondamenti

Socket per TCP: Fondamenti Socket per TCP: Fondamenti Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

I/O su Socket TCP: read()

I/O su Socket TCP: read() I/O su Socket TCP: read() I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una

Dettagli

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server.

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale architettura consente ai sistemi di condividere risorse e cooperare per il raggiungimento

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Funzioni utili, server ricorsivi, echo client ed echo server. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è presentare alcune funzioni di utilità generale (e.g., funzioni

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni su Rete. Introduzione all API socket di Berkeley. Interazione tra Processi. Modello Client-Server

Sviluppo di Applicazioni su Rete. Introduzione all API socket di Berkeley. Interazione tra Processi. Modello Client-Server a.a. 2003/04 Introduzione all API socket di Berkeley Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

Programmazione di applicazioni di rete

Programmazione di applicazioni di rete Programmazione di applicazioni di rete Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Applicazioni di rete Applicazioni di rete - forniscono i servizi di alto livello utilizzati dagli utenti - determinano

Dettagli

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina M. Grotto R. Farina Sommario 1. Applicazioni Distribuite 2. I Socket Introduzione Interfacce e protocolli Descrizione Stile di comunicazione Namespace e protocollo Include e system call Creazione e chiusura

Dettagli

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server.

Socket. Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale architettura consente ai sistemi di condividere risorse e cooperare per il raggiungimento

Dettagli

IPC Inter Process Communication

IPC Inter Process Communication Il protocollo TCP controlla che la trasmissione tra due end points avvenga correttamente. Non stabilisce alcun criterio su chi deve iniziare la comunicazione. Questo compito è svolto dalle applicazioni

Dettagli

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale

Dettagli

Interazione (TCP) Client-Server con le socket

Interazione (TCP) Client-Server con le socket Interazione (TCP) Client-Server con le socket D. Gendarmi Interazione TCP Client/Server Server 2. Assegnare un local address alla socket 3. Settare la socket all ascolto 4. Iterativamente: a. Accettare

Dettagli

Socket TCP. prima parte

Socket TCP. prima parte Socket TCP prima parte Cosa cambia: socket int fd = socket(pf_inet, SOCK_STREAM, 0); if (fd

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX A cura del prof. Gino Tombolini 1 COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX Il sistema UNIX TCP/IP fornisce un meccanismo di comunicazione tra processi residenti su nodi distinti di una rete, compatibili

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat.

Laboratorio di Sistemi Operativi 29-01-2009. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse, domande aperte ed esercizi. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio

Dettagli

SC per Inter Process Comminication. Comunicazione fra macchine diverse: socket

SC per Inter Process Comminication. Comunicazione fra macchine diverse: socket SC per Inter Process Comminication Comunicazione fra macchine diverse: socket 1 Sockets File speciali utilizzati per connettere due o più processi con un canale di comunicazione i processi possono risiedere

Dettagli

request reply richiesta client processo di servizio processo server principale From - Valeria Cardellini, Corso Sist. Distr. A.A.

request reply richiesta client processo di servizio processo server principale From - Valeria Cardellini, Corso Sist. Distr. A.A. Applicazioni di rete Forniscono i servizi di alto livello utilizzati dagli utenti Determinano la percezione di qualità del servizio (QoS) che gli utenti hanno della rete sottostante Programmazione di applicazioni

Dettagli

Una semplice applicazione client/server 1

Una semplice applicazione client/server 1 Una semplice applicazione client/server 1 Il nostro obiettivo In questa parte del corso implementeremo un applicazione client/server che usa i socket Internet disponibili nei sistemi Unix/Linux. Nello

Dettagli

Esercitazione [6] Client/Server con Socket

Esercitazione [6] Client/Server con Socket Esercitazione [6] Client/Server con Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di

Dettagli

Esempio 1: stampa locale di file remoto

Esempio 1: stampa locale di file remoto Alcuni esempi di uso di Socket Esempio 1: stampa locale di file remoto Visualizzazione locale del contenuto di un file remoto. Il client deve richiedere la creazione della connessione e successivamente

Dettagli

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it

rsystem Maximiliano Marchesi maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Maximiliano Marchesi 28 Settembre 2005 Diario delle Revisioni Revisione 1.2 28 Settembre 2005 maximiliano.marchesi@studenti.unipr.it Sommario Introduzione..................................................................................

Dettagli

Il livello di Trasporto del TCP/IP

Il livello di Trasporto del TCP/IP Il livello di Trasporto del TCP/IP Il compito del livello transport (livello 4) è di fornire un trasporto efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata.

Dettagli

Paradigma client-server

Paradigma client-server Interazione Client Server (socket) Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 15 CliSer - 1/31 Paradigma client-server Le applicazioni utente devono interagire con

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Opzioni del Socket. Socket Options. Opzioni di Livello Socket. Livello delle Opzioni

Opzioni del Socket. Socket Options. Opzioni di Livello Socket. Livello delle Opzioni a.a. 2003/04 Opzioni del Socket Socket Options Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1 Ogni socket

Dettagli

Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C

Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C Guida all' uso dei sockets nella programmazione in C ( pseudo-traduzione personalizzata di "Beej's Guide to Network Programming" ) (Prima parte) INTRODUZIONE Finalmente ho trovato una guida chiara e semplice

Dettagli

Inter-process communication: socket

Inter-process communication: socket Le Socket Inter-process communication: socket Abbiamo visti alcune tipologie di Inter-process communication: Anonymous pipes FIFOs o named pipes Le socket di comunicazione si pongono nell'ipc per realizzare:

Dettagli

Le Opzioni per i Socket

Le Opzioni per i Socket Advanced TCP Socket Le Opzioni per i Socket Le opzioni per i socket sono controllate mediante tre tipi di primitive: 1) le funzioni getsockopt() e setsockopt(), che permettono di configurare alcune caratteristiche

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Comunicazione tra processi in una interrete, Socket API. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è spiegare concisamente come possono comunicare due processi in esecuzione

Dettagli

INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59)

INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59) INTERNET DOMAIN SOCKETS (Cap.59) Internet Domain Stream Socket TCP Internet Domain Datagram Socket UDP A differenza degli UDDS I datagrams possono essere persi duplicati o arrivare in un ordine diverso

Dettagli

Program m azione di Sistem a 6

Program m azione di Sistem a 6 Program m azione di Sistem a 6 Lucidi per il corso di Laboratorio di Sistemi Operativi tenuto da Paolo Baldan presso l'università Ca' Foscari di Venezia, anno accademico 2004/ 2005. Parte di questo materiale

Dettagli

Laboratorio di Reti di Calcolatori

Laboratorio di Reti di Calcolatori Laboratorio di Reti di Calcolatori Socket UDP. Paolo D Arco Abstract Scopo della lezione è descrivere le funzioni che l interfaccia dei socket offre per far interagire client e server attraverso il protocollo

Dettagli

Livello di Trasporto

Livello di Trasporto Livello di Trasporto Introduzione Problemi e requisiti Livello di trasporto in Internet UDP -UserDatagramProtocol TCP - Transmission Control Protocol Meccanismo di ritrasmissione Controllo del flusso Three-way

Dettagli

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat.

Esercitazione Laboratorio di Sistemi Operativi 20-01-2014. Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse e domande aperte. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio di 1 punto

Dettagli

IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP

IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP Reti di Calcolatori ed Internet IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP 5-1 Il Livello Trasporto I servizi del livello Trasporto Le primitive di Trasporto Indirizzamento Protocolli di Trasporto Livello

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Robuste. Applicazione Echo. Schema Generale di un Server TCP Ricorsivo 1. Applicazione echo

Progettazione di Applicazioni Robuste. Applicazione Echo. Schema Generale di un Server TCP Ricorsivo 1. Applicazione echo a.a. 2003/04 Applicazione Echo Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Progettazione di Applicazioni Robuste nel progettare applicazioni su rete robuste

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ&

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ& (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ& 3ULPRHVHUFL]LR6RFNHWVWUHDPFRQULGLUH]LRQH Si progetti un applicazione distribuita Client/Server per una rete di workstation UNIX (BSD oppure System V). In particolare,

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in Rete

Laboratorio di Programmazione in Rete Laboratorio di rogrammazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP

IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP Reti di Calcolatori IL LIVELLO TRASPORTO Protocolli TCP e UDP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 5-1 Il Livello Trasporto I servizi del livello Trasporto Le primitive di Trasporto Indirizzamento Protocolli

Dettagli

Reti di Calcolatori - Laboratorio. Lezione 7. Gennaro Oliva

Reti di Calcolatori - Laboratorio. Lezione 7. Gennaro Oliva Reti di Calcolatori - Laboratorio Lezione 7 Gennaro Oliva Opzioni di socket Ogni socket aperto ha un insieme di opzioni associate che ne determinano il comportamento Distinguiamo due tipi: opzioni binarie

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in Rete

Laboratorio di Programmazione in Rete Laboratorio di Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12

Dettagli

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte -

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte - Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012 - Comunicazione Tra Processi (IPC) - - 2 Parte - 1 Sommario Comunicazione tra processi su macchine diverse in rete: Socket TCP o Socket Stream

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in rete

Laboratorio di Programmazione in rete Laboratorio di rogrammazione in rete Introduzione alla programmazione C di socket A.A. 2005/06 Comunicazione tra computer Come far comunicare più computer su una rete? Una collezione di protocolli: TC/I

Dettagli

Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno. Approfondimento alla programmazione distribuita

Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno. Approfondimento alla programmazione distribuita Reti Informatiche Approfondimento alla programmazione distribuita Acknowledgment: Prof Vincenzo Auletta, Università di Salerno Introduzione API send e receive bloccanti e non API select Socket UDP Esempio

Dettagli

Socket TCP. seconda parte

Socket TCP. seconda parte Socket TCP seconda parte Schema della connessione Computer 1 127.43.18.1 indirizzo I1 indirizzo I2 Computer 2 143.225.5.3 porta 45000 socket porta 5200 socket processo client processo server socket(...)

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor. Alcuni tipi predefiniti di socket

Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor. Alcuni tipi predefiniti di socket Una socket è un punto estremo di un canale di comunicazione accessibile mediante un file descriptor Le socket costituiscono un fondamentale strumento di comunicazione, basato sullo scambio di messaggi,

Dettagli

Esercitazione [5] Input/Output su Socket

Esercitazione [5] Input/Output su Socket Esercitazione [5] Input/Output su Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di Calcolo

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Avviso ai programmatori. Programmazione in rete: i socket. Esercizio - copia dati. Messaggi di errore. stdarg.h. Funzioni di errore

Avviso ai programmatori. Programmazione in rete: i socket. Esercizio - copia dati. Messaggi di errore. stdarg.h. Funzioni di errore Programmazione in rete: i socket Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Avviso ai programmatori la programmazione di rete è pericolosamente vicina al kernel

Dettagli

DATAGRAM SOCKET. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso

DATAGRAM SOCKET. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso DATAGRAM SOCKET Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso Definizione supporta i datagram privo di connessione messaggi inaffidabili di una lunghezza massima prefissata il protocollo UDP supporta

Dettagli

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte -

Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012. - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte - Esercitazione di Lab. di Sistemi Operativi 1 a.a. 2011/2012 - Comunicazione Tra Processi (IPC)- - 1 Parte - 1 Sommario Comunicazione tra processi sulla stessa macchina: fifo (qualunque insieme di processi)

Dettagli

Elementi di programmazione con interfaccia Socket

Elementi di programmazione con interfaccia Socket Struttura generale per stream sockets Socket() Well-Known Port Bind() Elementi di programmazione con interfaccia Socket Cenni di programmazione secondo la nuova interfaccia Socket definita nella RFC 2553

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP CP e UDP: il livello trasporto dell'architettura CP/IP Antonio Lioy < lioy@polito.it > 7 6 5 4 3 network OSI vs. CP/IP packet process (DNS, HP, SMP, ) (CP, UDP) network (IP) Politecnico di orino Dip. Automatica

Dettagli

programmazione distribuita Introduzione Introduzione alla programmazione distribuita

programmazione distribuita Introduzione Introduzione alla programmazione distribuita Reti Informatiche Introduzione alla programmazione distribuita Introduzione Richiami di Programmazione C Differenze principali C/C++ 2 1 Definizioni di variabili Le variabili possono essere definite solo

Dettagli

I Socket in PHP. Introduzione. Gestione degli errori nei socket. Funzioni socket di PHP. (manuale PHP)

I Socket in PHP. Introduzione. Gestione degli errori nei socket. Funzioni socket di PHP. (manuale PHP) I Socket in PHP (manuale PHP) Introduzione Questa estensione implementa una interfaccia a basso livello verso i socket, fornendo la possibilità di agire sia come server sia come client. Per l'utilizzo

Dettagli

Opzioni per le Socket

Opzioni per le Socket Opzioni per le Socket A.A. 2005/06 Opzioni per le Socket Ogni socket aperto ha delle proprietà che ne determinano alcuni comportamenti Le opzioni del socket consentono di modificare tali proprietà Ogni

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

T.A.R.I. Socket (ICT, AL)

T.A.R.I. Socket (ICT, AL) Internet Applications (Client-Server Concept, Use of Protocol Ports, Socket API, DNS, E-mail, TELNET, FTP) Funzionalità Livello di trasporto e livelli sottostanti Comunicazione base Disponibilità Livello

Dettagli

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Richiamo sulle socket Socket in Windows (WinSock) Differenze tra sistemi operativi D. Gendarmi Socket API API: Application Programming Interface

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

HTTP adaptation layer per generico protocollo di scambio dati

HTTP adaptation layer per generico protocollo di scambio dati HTTP adaptation layer per generico protocollo di scambio dati Sandro Cavalieri Foschini 101786 Emanuele Richiardone 101790 Programmazione in Ambienti Distribuiti I - 01FQT prof. Antonio Lioy A.A. 2002-2003

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux

Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux Programmazione dei socket di rete in GNU/Linux Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it 2006.09.21 Copyright Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it Via Longarone, 6-31030 - Casier (TV) Le informazioni contenute

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 STRUTTURE DATI PER PROCESSI Un processo puo' essere in escuzione in 2 modi: kernel e utente. Un processo ha almeno 3 regioni: codice, dati e stack Lo stack è allocato dinamicamente.

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Digressione: man 2...

Digressione: man 2... Syscall File I/O Digressione: man 2... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Si svolga il compito su questi fogli. Nel caso di domande a risposta aperta, lo spazio lasciato sul foglio

Dettagli

Livello trasporto: TCP / UDP. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35.

Livello trasporto: TCP / UDP. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35. Livello trasporto: TCP / UDP Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35 TCP e UDP Internet Protocol (IP) fornisce un servizio non affidabile di trasmissione

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Soluzioni dell esercitazione n. 2 a cura di Giacomo Costantini 19 marzo 2014

Dettagli

Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX

Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX Creare un'elementare backdoor in C in ambiente UNIX DISCLAIMER: Questo tutorial è a solo scopo didattico. L'autore NON si prende alcuna responsabilità circa usi errati o non legali delle informazioni qui

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- 1 Sommario Esercizi su: Comunicazione tra processi: la funzione pipe() Condivisione dati e codice tra due o più processi: concetto di Thread 2 -

Dettagli

Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi

Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi a.a. 2003/04 Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in

Dettagli

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O Gran parte delle operazioni su file in ambiente UNIX possono essere eseguite utilizzando solo cinque funzioni: open read write lseek close M. R. Guarracino:

Dettagli

IPC System V. Code di messaggi

IPC System V. Code di messaggi IPC System V Code di messaggi Panoramica coda di messaggi una lista concatenata di messaggi, FIFO semaforo un contatore condiviso, atomicamente modificabile memoria condivisa uno spazio di memoria accessibile

Dettagli

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi Connessioni di rete Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi 1 Socket orientato alla connessione o non orientato alla connessione 2 Socket in astratto 3 Socket modalità

Dettagli

Chiamate a Procedure Remote

Chiamate a Procedure Remote FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2012/2013 Relazione sullo sviluppo di Chiamate a Procedure Remote

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

TCP: trasmissione Source port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host mittente associato alla connessione TCP. Destination port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host destinatario

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli