Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo"

Transcript

1 Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111)

2 Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro Pag. 3 Capitolo II Gli effetti della crisi 28 Capitolo III - Gli atteggiamenti e le percezioni nei confronti del credito al consumo 33 Capitolo IV - Finanziamento come strumento di vendita 37 Capitolo V Riforma del credito al consumo 41

3 Capitolo I La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro 3

4 Metà dei dealer pensa che, nei prossimi mesi, l andamento dei consumi in Italia peggiorerà. Un altro terzo ritiene che rimarrà negativo come è ora 4 Le previsioni per l andamento dei consumi in Italia Sarà positivo: 13% Rimarrà invariato, cioè positivo come ora 2% Rimarrà invariato, cioè negativo come ora 35% Migliorerà un po 11% Non so 2% Peggiorerà molto 18% Peggiorerà un po 32% Sarà negativo: 85% Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Secondo Lei, nei prossimi mesi, L ANDAMENTO DEI CONSUMI IN ITALIA.

5 Alcune accentuazioni 5 I, pochi, ottimisti sull andamento dei consumi in Italia per il prossimo futuro sono trasversali rispetto ai dealer intervistati. Chi ritiene che la situazione sia già negativa e non peggiorerà sono invece soprattutto i più esperti: hanno infatti un anzianità di servizio di anni e anni di età. Inoltre, l idea che la situazione rimarrà invariata negativa si riscontra tra chi opera nel Nord Est. Pensano invece che peggiorerà i meno esperti (con un anzianità di servizio di 5-15 anni), le donne e chi non suggerisce ai clienti di utilizzare il credito al consumo, ma aspetta che siano loro a richiederlo. NEL DETTAGLIO Migliorerà (11%) Rimarrà invariata, cioè positiva come ora (2%) Rimarrà invariata, cioè negativa come ora (35%): 55-64enni (+8 p.p.), Nord Est (+16 p.p.), lavorano da anni (+8 p.p.) Peggiorerà (50%): donne (+5 p.p.), lavorano da 5-15 anni (+9 p.p.) NON consigliano ai clienti il credito al consumo (+5 p.p.)

6 Rispetto alle indagini di un anno fa, è nettamente aumentata la percentuale di chi pensa che l andamento dei consumi peggiorerà 6 Le previsioni per l andamento dei consumi in Italia Valori % - Cfr. con edizioni precedenti esclusi i non so Dealer totali (luglio 2010) Dealer arredamenti tradizionali, complementi d'arredo e nuovi mercati (novembre 2010) Dealer arredamenti tradizionali (ottobre 2011) Migliorerà Resterà invariato, cioè positivo come adesso Resterà invariato, cioè negativo come adesso Peggiorerà Valori percentuali Esclusi i non so Dealer totali 730 (luglio 2010); Dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 462 (novembre 2010); Dealer arredamenti tradizionali 411 (ottobre 2011) TESTO DELLA DOMANDA: Secondo Lei, nei prossimi mesi, L ANDAMENTO DEI CONSUMI IN ITALIA.

7 Sono migliori le prospettive dei dealer riguardo alla propria azienda, nonostante poco meno di metà si prefiguri un futuro negativo 7 Le prospettive delle aziende nel prossimo futuro Sarà positiva: 39% Invariata, cioè negativa come ora 21% Invariata, cioè positiva come ora 19% Un po migliorata 19% Un po peggiorata 24% Molto migliorata 1% Non so 13% Molto peggiorata 3% Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Secondo Lei, nei prossimi mesi, LA SITUAZIONE ECONOMICA DELLA SUA AZIENDA sarà. Sarà negativa: 48%

8 Alcune accentuazioni 8 I 35-44enni, e chi non perderebbe fatturato senza credito al consumo sono tra coloro che più pensano che la situazione della loro azienda rimarrà invariata positiva. I più estremi, sia in positivo che in negativo, sono invece distribuiti in modo trasversale. NEL DETTAGLIO Migliorata (20%) Invariata, cioè positiva come ora (19%): 35-44enni (+5 p.p.), NON perderebbe fatturato senza credito al consumo (+5 p.p.) Invariata, cioè negativa come ora (21%) Peggiorata (27%)

9 Anche per quanto riguarda la situazione della propria azienda, è in netta crescita la percentuale di dealer che pensa che peggiorerà nei prossimi mesi 9 Le prospettive delle aziende nel prossimo futuro Valori % - Cfr. con edizioni precedenti esclusi i non so Dealer totali (luglio 2010) Dealer arredamenti tradizionali, complementi d'arredo e nuovi mercati (novembre 2010) Dealer arredamenti tradizionali (ottobre 2011) Migliorata Invariata, cioè positiva come adesso Invariata, cioè negativa come adesso Peggiorata Valori percentuali Esclusi i non so Dealer totali 666 (luglio 2010); Dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 434 (novembre 2010); Dealer arredamenti tradizionali 365 (ottobre 2011) TESTO DELLA DOMANDA: Secondo Lei, nei prossimi mesi, LA SITUAZIONE ECONOMICA DELLA SUA AZIENDA sarà.

10 Rispetto alle passate edizioni, c è un netto calo nelle attese per il futuro sia della propria azienda sia, soprattutto, per l andamento dei consumi in Italia 10 andamento dei consumi: delta tra "migliorerà/invariato positivo" e "peggiorerà/invariato negativo" situazione economica della propria azienda: delta tra "migliorerà/invariata positiva" e "peggiorerà/invariata negativa" 52 Area dell ottimismo Area del pessimismo -70 mag-07 ott-07 dic-07 feb-08 mag-08 dic-08 mar-09 giu-09 ott-09 lug-10 nov-10 ott Edizioni tematiche Valori percentuali - Base casi: 416

11 È negativa anche l aspettativa verso il prossimo futuro del proprio settore 11 Le prospettive del settore nel prossimo futuro Sarà positiva: 23% Invariata, cioè negativa come ora 33% Invariata, cioè positiva come ora 11% Un po migliorata 12% Valori percentuali - Base casi: 416 Non so 4% Molto peggiorata 10% Un po peggiorata 30% Sarà negativa: 73% TESTO DELLA DOMANDA: Secondo Lei, nei prossimi mesi, LA SITUAZIONE DEL SUO SETTORE sarà.

12 Alcune accentuazioni 12 Pensa che la situazione del proprio settore rimarrà invariata, e quindi positiva, soprattutto chi opera nel Nord Ovest. Nel Nord Est, insieme a chi ha un anzianità di servizio di anni e a chi non suggerisce ai clienti di utilizzare il credito al consumo, ma aspetta che siano loro a richiederlo immaginano invece che la situazione rimarrà invariata negativa. I più pessimisti, che immaginano che la situazione nel proprio settore peggiorerà sono i 55-64enni e chi opera nel Centro. NEL DETTAGLIO Migliorata (12%) Invariata, cioè positiva come ora (11%): Nord Ovest (+5 p.p.), Invariata, cioè negativa come ora (33%): Nord Est (+10 p.p.), lavorano da anni (+8 p.p.), NON consigliano ai clienti il credito al consumo (+6 p.p.) Peggiorata (40%): 55-64enni (+6 p.p.), Centro (+5 p.p.)

13 Calcolando un indice sintetico, emerge come i dealer ottimisti siano poco più di un quarto del totale 13 Le previsioni verso il futuro: un indice sintetico* Pessimisti 74 Ottimisti 26 Soprattutto Oltre i 55 anni (+7 p.p.) Nord Est (+11 p.p.) Non propongono ai clienti il credito al consumo (+5 p.p.) Soprattutto Fino a 34 anni (+8 p.p.) Primari/Superprimari (+5 p.p.) Effettuano vendite online (+8 p.p.) Valori percentuali - Base casi: 416 *l indice è stato costruito considerando ottimista chi ha risposto migliorerà ad almeno una delle domande sulla situazione futura dell Italia, della sua azienda e del suo settore; pessimista chi non ha mai risposto migliorerà.

14 La maggioranza assoluta dei dealer sostiene di avere visto, negli ultimi mesi, diminuire il volume di vendite della propria azienda Il volume di vendite delle aziende in Italia è cresciuto o meno? Cresciuto: 17% Rimasto stabile, né cresciuto né diminuito 23% Diminuito un po 40% Cresciuto, anche se solo un po 15% Valori percentuali - Base casi: 416 Cresciuto molto 2% Non so 1% Molto diminuito 19% Diminuito: 59% TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, in questi ultimi mesi, il volume di vendite della sua azienda è.

15 e, allo stesso modo, ha percepito una diminuzione del ricorso al credito al consumo 15 Il ricorso al credito al consumo in Italia è cresciuto o meno? Cresciuto: 19% Rimasto stabile, né cresciuto né diminuito 27% Cresciuto, anche se solo un po 14% Diminuito un po 19% Cresciuto molto 5% Non so 3% Valori percentuali - Base casi: 416 Molto diminuito 32% Diminuito: 51% TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, in questi ultimi mesi, il ricorso al credito al consumo è.

16 Alcune accentuazioni 16 Il volume di vendite dell azienda è percepito stabile dalle aziende operanti al Centro, mentre è percepito in diminuzione dalle aziende del Sud, da quelle che perderebbero fatturato senza credito al consumo e dalle aziende guidate da 55-64enni. Il credito al consumo è invece percepito cresciuto da chi senza perderebbe quote di fatturato. Lo ritengono stabile i dealer del Nord Ovest e chi, invece, anche senza non perderebbe quote di fatturato. Hanno percepito una diminuzione, infine, chi opera al Sud e chi non ha un sito internet. NEL DETTAGLIO Il volume di vendite della propria azienda Cresciuto (17%) Rimasto stabile (23%): Centro (+5 p.p.), Diminuito (59%): anni (+17p.p.), Sud (+7 p.p.), perderebbe fatturato senza credito al consumo (+5 p.p.) Il ricorso al credito al consumo Cresciuto (19%): Perderebbe fatturato senza credito al consumo (+56p.p.) Rimasto stabile (27%): Nord Ovest (+6 p.p.),, NON perderebbe fatturato senza credito al consumo (+57p.p.) Diminuito (51%): Sud (+6 p.p.), NON ha un sito internet (+9 p.p.)

17 Rispetto alle edizioni del 2010, il campione intervistato ha percepito maggiormente una forte diminuzione del ricorso al credito al consumo 17 Il ricorso al credito al consumo in Italia è cresciuto o meno? Valori % - Cfr. con edizioni precedenti esclusi i non so Dealer totali (luglio 2010) Dealer arredamenti tradizionali, complementi d'arredo e nuovi mercati (novembre 2010) Dealer arredamenti tradizionali (ottobre 2011) Cresciuto molto Cresciuto, anche se solo un po' Rimasto stabile, né cresciuto né diminuito Diminuito un po' Molto diminuito Valori percentuali Esclusi i non so Dealer totali 754 (luglio 2010); Dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 477 (novembre 2010); Dealer arredamenti tradizionali 403 (ottobre 2011) TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, in questi ultimi mesi, il ricorso al credito al consumo è.

18 Poco meno di un quarto degli intervistati dichiara che il ricorso al credito al consumo è, negli ultimi mesi, andato meglio rispetto al volume di vendite della propria azienda 18 Meglio: 22% Andamento del ricorso al credito al consumo rispetto al volume di vendite della propria azienda Un indice sintetico* Uguale 54% Meglio 14% Valori percentuali - Base casi: 416 Molto meglio 8% Non sa 4% Molto peggio 3% Peggio 17% TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, in questi ultimi mesi, il volume di vendite della sua azienda è - Secondo lei, in questi ultimi mesi, il ricorso al credito al consumo è. (*) Questo indice è stato ottenuto effettuando un confronto tra i giudizi sul credito al consumo e sull andamento delle vendite della propria azienda. Peggio: 20%

19 La maggioranza relativa dei dealer pensa che il volume di vendite della propria azienda rimarrà stabile. Poco più di un terzo, però, pensa che diminuirà 19 Il volume di vendite delle aziende nel prossimo futuro Crescerà: 19% Rimarrà stabile 41% Crescerà, anche se di poco 17% Diminuirà un po 30% Valori percentuali - Base casi: 416 Crescerà molto 2% Non sa 5% Diminuirà molto 5% Diminuirà: 35% TESTO DELLA DOMANDA: E secondo lei, nei prossimi mesi, il volume di vendite della sua azienda.

20 1 dealer su 4 ritiene che nei prossimi mesi il ricorso al credito al consumo aumenterà, meno di 1 su 3, invece, pensa che diminuirà 20 Il ricorso al credito al consumo nel prossimo futuro Crescerà: 25% Rimarrà stabile 37% Crescerà, anche se di poco 22% Diminuirà un po 19% Crescerà molto 3% Non sa 8% Diminuirà molto 11% Diminuirà: 30% Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: E secondo lei, nei prossimi mesi, il ricorso al credito al consumo.

21 Alcune accentuazioni 21 Gli ottimisti riguardo al volume di vendite della propria azienda sono trasversali rispetto agli intervistati. Chi pensa che rimarrà stabile sono soprattutto i 55-64enni, chi non ha un sito internet e chi non perderebbe fatturato senza credito al consumo. I più pessimisti, invece, sono i 45-54enni. Riguardo al volume di credito al consumo, pensa che crescerà chi senza perderebbe fatturato e, soprattutto, chi effettua vendite online. Rimarrà invece stabile secondo i dealer del Nord Ovest e secondo chi non perderebbe fatturato senza credito al consumo. I pessimisti sono invece trasversali. NEL DETTAGLIO Il volume di vendite della propria azienda Crescerà (19%) Rimarrà stabile (41%): 55-64enni (+7 p.p.), NON ha un sito internet (+8 p.p.), NON perderebbe fatturato senza il credito al consumo (+7 p.p.) Diminuirà (35%) : 45-54enni (+6 p.p.) Il ricorso al credito al consumo Crescerà (25%): Effettua vendite online (+15 p.p.), perderebbe fatturato senza il credito al consumo (+7 p.p.) Rimarrà stabile (37%): Nord Ovest (+7 p.p.), NON perderebbe fatturato senza il credito al consumo (+7 p.p.) Diminuirà (30%)

22 Il campione intervistato si dimostra più rispetto ai dealer intervistati nel 2010 pessimista 22 Il ricorso al credito al consumo nel prossimo futuro Valori % - Cfr. con edizioni precedenti esclusi i non so Dealer totali (luglio 2010) Dealer arredamenti tradizionali, complementi d'arredo e nuovi mercati (novembre 2010) Dealer arredamenti tradizionali (ottobre 2011) Crescerà molto Crescerà, anche se di poco Rimarrà stabile Diminuirà un po' Diminuirà molto Valori percentuali Esclusi i non so Dealer totali 774 (luglio 2010); Dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 458 (novembre 2010); Dealer arredamenti tradizionali 382 (ottobre 2011) TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, in questi ultimi mesi, il ricorso al credito al consumo è.

23 Quasi 1 intervistato su 4 pensa che, nei prossimi mesi, il ricorso al credito al consumo andrà meglio del volume di vendite della propria azienda 23 Meglio: 21% Previsione del ricorso al credito al consumo rispetto al volume di vendite della propria azienda nel prossimo futuro Un indice sintetico* Uguale 53% Meglio 16% Peggio 14% Valori percentuali - Base casi: 416 Molto meglio 5% Non sa 11% Molto peggio 1% TESTO DELLA DOMANDA: E secondo lei, nei prossimi mesi, il volume di vendite della sua azienda - E secondo lei, nei prossimi mesi, il ricorso al credito al consumo. (*) Questo indice è stato ottenuto effettuando un confronto tra i giudizi sul credito al consumo e sull andamento delle vendite della propria azienda. Peggio: 15%

24 Rispetto alle edizioni precedenti, c è un netto calo sia nella percezione dell andamento del credito al consumo negli ultimi mesi, sia nella previsione per il prossimo futuro andamento del credito al consumo negli ultimi mesi: delta tra "cresciuto/molto cresciuto" e "diminuito/molto diminuito" andamento del credito al consumo nei prossimi mesi: delta tra "crescerà/crescerà molto" e "diminuirà/diminuirà molt o" Area dell ottimismo Area del pessimismo dic-08 mar-09 giu-09 ott-09 lug-10 nov-10 ott-11 Valori percentuali - Base casi: 416 Edizioni tematiche

25 Più di metà dei dealer dei settori analizzati perderebbe quote di fatturato senza credito al consumo 25 Se non ci fosse il credito al consumo la sua azienda perderebbe fatturato? Soprattutto: Sud (+8 p.p.) Superprimari-primari (+13 p.p.) Anzianità meno di 5 anni (+7 p.p.) Effettua vendite online (+7 p.p.) Suggerisce ai clienti l utilizzo del credito al consumo (+5 p.p.) No 35% Soprattutto: Donne (+5 p.p.) Nord Ovest (+5 p.p.) Nord Est (+12 p.p.) NON suggerisce ai clienti l utilizzo del credito al consumo (+5 p.p.) Sì 52% Non sa 13% Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Alcuni intervistati prima di Lei hanno dichiarato che il credito al consumo permette alla gente di effettuare acquisti che altrimenti rimanderebbe o non farebbe del tutto. Se non ci fosse la possibilità del credito al consumo, secondo Lei, la sua azienda perderebbe una quota del suo fatturato?.

26 una percentuale simile rispetto a quanto rilevato, un anno fa, tra i dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 26 Se non ci fosse il credito al consumo la sua azienda perderebbe fatturato? Valori % - Cfr. con edizioni precedenti Dealer totali (luglio 2010) 93 Dealer settore moto (marzo 2010) 70 Dealer arredamenti tradizionali, complementi d'arredo e nuovi mercati (novembre 2010) Dealer arredamenti tradizionali (ottobre 2011) Sì No Non so Valori percentuali Dealer totali 774 (luglio 2010); Dealer arredamenti tradizionali, complementi d arredo e nuovi mercati 493 (novembre 2010); Dealer settore moto 324 (marzo 2010); Dealer arredamenti tradizionali 416 (ottobre 2011) TESTO DELLA DOMANDA: Alcuni intervistati prima di Lei hanno dichiarato che il credito al consumo permette alla gente di effettuare acquisti che altrimenti rimanderebbe o non farebbe del tutto. Se non ci fosse la possibilità del credito al consumo, secondo Lei, la sua azienda perderebbe una quota del suo fatturato?.

27 Le quote di fatturato che si perderebbero senza credito al consumo sono, per i dealer intervistati, ridotte: il 77% perderebbe meno del 20% 27 Quota di fatturato persa dalle aziende senza il credito al consumo Solo coloro che ritengono che senza poter usufruire del credito al consumo perderebbero quota di fatturato Soprattutto: Nord Ovest (+18 p.p.) Tra l'11 e il 20% del fatturato 29% Meno del 10% del fatturato 48% Soprattutto: 45-54enni (+5 p.p.) Tra il 21 e il 30% del fatturato 14% Valori percentuali - Base casi: 215 Non so 4% Tra il 31% e il 50% del fatturato 4% Oltre il 50% del fatturato 1% TESTO DELLA DOMANDA: Se si, secondo lei, a quanto ammonta indicativamente questa quota?.

28 Capitolo II Gli effetti della crisi 28

29 La fine della crisi economica sembra, sia per i dealer che per la popolazione italiana, ancora molto lontana nel tempo: per 6 intervistati su 10 durerà ancora almeno 2 anni 29 Secondo lei, la crisi economica durerà Popolazione Dealer meno di 6 mesi più o meno un anno 2 o 3 anni più di 3 anni non sa TESTO DELLA DOMANDA: Secondo lei, la crisi economica durerà. Valori percentuali - Base casi: 503 (popolazione) 416 (dealer)

30 Il freno maggiore all economia italiana è, per i dealer, la qualità della classe politica, seguita a grande distanza dal costo del lavoro e dalla burocrazia 30 Quali sono i tre problemi principali che frenano l economia italiana? la qualità della classe politica italiana il costo del lavoro la burocrazia 9 31 la concorrenza di paesi come la Cina 9 27 l inefficienza della Pubblica Amministrazione la mancanza di una politica economica europea Prima risposta Totale risposte l evasione fiscale 7 30 la corruzione 6 24 la mancanza di infrastrutture 1 6 la qualità degli imprenditori italiani 1 5 altro 4 TESTO DELLA DOMANDA: Mi può dire ora quali sono, secondo lei, i tre problemi principali che frenano l economia italiana tra quelli che ora le leggerò?. Valori percentuali - Base casi: 412

31 Rispetto ai dealer la popolazione indica una maggiore molteplicità di fattori come freni all economia 31 Quali sono i tre problemi principali che frenano l economia italiana? Totale risposte la qualità della classe politica italiana il costo del lavoro la burocrazia l evasione fiscale la mancanza di una politica economica europea la concorrenza di Paesi come la Cina l inefficienza della Pubblica Amministrazione la corruzione la mancanza di infrastrutture la qualità degli imprenditori italiani altro Dealer Popolazione non so/non risponde 2 TESTO DELLA DOMANDA: Mi può dire ora quali sono, secondo lei, i tre problemi principali che frenano l economia italiana tra quelli che ora le leggerò?. Valori percentuali - Base casi: 507 (popolazione) 412 (dealer)

32 La riduzione dei costi è la misura maggiormente adottata dai dealer intervistati per cercare di superare la crisi 32 Iniziative per superare la crisi Politiche di riduzione dei costi Diversificare il proprio business con nuovi prodotti e offerte Gestione della liquidità (incassi, pagamenti, finanziamenti, ecc ) Incentivo all utilizzo da parte del cliente del credito al consumo Politiche di prezzo aggressive Prima risposta Risposte totali Unirsi in rete (tramite consorzi, aggregazioni, etc) 2 5 Altro 3 5 Nessuna di queste 8 15 TESTO DELLA DOMANDA: Alcuni dealer intervistati in precedenza, ci hanno detto di aver adottato, in questi mesi, alcune misure per contrastare la crisi. Mi può dire se e quali di queste soluzioni sono state adottate negli ultimi mesi o verranno certamente adottate entro l anno, IN VIA PRIORITARIA, nella sua azienda?. Valori percentuali - Base casi: 416

33 Capitolo III Gli atteggiamenti e le percezioni nei confronti del credito al consumo 33

34 Il credito al consumo sembra essere usato dai clienti dei settori indagati in ugual misura per dilazionare l acquisto, per la comodità del pagamento rateale e perché è l unico modo per acquistare il bene. Meno comune è invece l utilizzo per la convenienza del prodotto finanziario 34 Le motivazioni che più spesso inducono i clienti a ricorrere al credito al consumo Prima risposta Totale risposte Perché è L'UNICO MODO per acquistare il bene Per DILAZIONARE L'ACQUISTO, anche quando non è strettamente necessario Per la COMODITÀ del pagamento rateale Per la CONVENIENZA del prodotto finanziario proposto Altro 2 2 Valori percentuali in ordine decrescente di frequenza sulle prime risposte - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Potrebbe indicarci quali sono, a suo avviso, le motivazioni che più spesso inducono i suoi clienti a ricorrere al credito al consumo?.

35 Il credito al consumo è considerato, dai dealer intervistati, innanzitutto come comodo per il cliente e come mezzo per facilitare la vendita di beni e servizi 35 Caratteristiche del servizio di credito al consumo Prima risposta Totale risposte è COMODO per il cliente FACILITA la vendita di beni e servizi è uno STRUMENTO PUBBLICITARIO che aumenta l'attrattiva per i clienti 9 20 è una FONTE DIRETTA DI GUADAGNO per il rivenditore 9 14 ha un COSTO ECCESSIVO per il cliente ha procedure COMPLESSE e BUROCRATICHE NON è abbastanza CHIARO e TRASPARENTE per il cliente non so Valori percentuali in ordine decrescente di frequenza sulle prime risposte - Base casi: 412 TESTO DELLA DOMANDA: In relazione alla sua attività commerciale, secondo lei, il servizio di credito al consumo.

36 Le principali difficoltà associate al credito al consumo sembrano essere la resistenza del cliente ad indebitarsi e l eccessiva burocrazia richiesta. Quasi un dealer su 4 non trova nessuna difficoltà associata al credito al consumo 36 Principali difficoltà associate al servizio di credito al consumo La RESISTENZA DEL CLIENTE a stipulare un finanziamento/a indebitarsi 38 L'eccessivo numero di FIRME/ADEMPIMENTI BUROCRATICI 26 I TEMPI di approvazione e finanziamento troppo lunghi 7 La SCARSA CHIAREZZA delle proposte L'eccessiva COMPLESSITÀ dell'offerta 2 2 Altro 3 Nessuna, va già bene così 22 Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Qual è secondo lei la principale difficoltà associata al servizio di credito al consumo?.

37 Capitolo IV Finanziamento come strumento di vendita 37

38 Due terzi dei dealer suggeriscono al cliente, tra le possibilità di pagamento, il credito al consumo. Il restante terzo, invece, aspetta che sia il cliente a richiederlo 38 In caso di ricorso al credito al consumo è più frequente che? Sia il venditore a suggerire, tra le possibilità di pagamento, anche quella di ricorrere al credito al consumo 67% Soprattutto: Sud (+7 p.p.) NON ha un sito internet (+10 p.p.) Sia il cliente, al momento dell acquisto, a richiedere la possibilità di ricorrere al credito al consumo 33% Soprattutto: Lavora da 5-10 anni (+9 p.p.) Effettua vendite online (+5 p.p.) Perderebbe fatturato senza credito al consumo (+7 p.p.) Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: In caso di ricorso al credito al consumo, nella sua esperienza, è più frequente che?.

39 Metà dei dealer, in particolare tra i più giovani, non ha una strategia di presentazione delle soluzioni di credito al consumo codificata 39 Presentazione delle soluzioni di finanziamento Non esiste una procedura standard, dipende dalla situazione e dalle richieste del cliente 50% All'inizio della trattativa, perché il cliente possa valutare l'opportunità 11% Soprattutto: Fino a 34 anni (+7 p.p.) Nord Est (+14 p.p. Lavora da meno di 15 anni (+11 p.p.) Soprattutto: Nord Ovest (+5 p.p.) Soprattutto: Primari/Superprimari (+7 p.p.) Al termine, quando la vendita è già conclusa 9% Nel corso della trattativa, quando se ne presenta l'occasione 30% Valori percentuali - Base casi: 416 TESTO DELLA DOMANDA: Di norma la presentazione della soluzione di finanziamento come modalità di pagamento viene fatta.

40 La velocità è il fattore determinante per i dealer nella scelta della società finanziaria con cui operare. Seguono la conoscenza del referente commerciale e la trasparenza del contratto 40 Fattori principali determinanti la scelta di una società finanziaria Prima risposta Totale risposte LA VELOCITÀ nella liquidazione delle pratiche di finanziamento La CONOSCENZA DIRETTA del referente commerciale La TRASPARENZA del contratto L'OFFERTA ampia e diversificata LA FLESSIBILITÀ delle condizioni contrattuali Il livello di COMMISSIONI/INCENTIVI 8 17 La FORMAZIONE/CONSULENZA sul punto vendita 6 13 Altro 3 5 Valori percentuali - in ordine decrescente di frequenza sulle prime risposte - Base casi: 413 TESTO DELLA DOMANDA: Quali sono, secondo lei, i fattori principali che determinano la scelta di operare con una specifica società finanziaria?.

41 Capitolo V Riforma del credito al consumo 41

42 Tre quarti dei dealer ritengono che la nuova normativa sul credito al consumo non inciderà o inciderà minimamente sulle modalità di proposta del credito al consumo ai clienti 42 La nuova normativa sul credito al consumo inciderà sulle modalità di proposta del credito al consumo ai clienti? No, per nulla 46% Sì, le cambierà completamente 3% Completamente/ in parte 24% Sì, in parte 21% Sì, ma solo in misura minima 30% TESTO DELLA DOMANDA: Recentemente è entrata in vigore una nuova normativa sul credito al consumo (Disposizioni attuative della Banca d Italia riferite al D.L. 141/2010 entrate in vigore il 1 giugno 2011) che ha modificato, tra le altre cose, le il concetto di TAEG, la modulistica precontrattuale e contrattuale, il diritto di recesso, l estinzione anticipata, e le modalità di tutela in caso di inadempienza del venditore. Per quanto la riguarda, ritiene che questa nuova normativa possa incidere sulle sue modalità di proposta del credito al consumo ai clienti? Valori percentuali - Base casi: 416

43 Un terzo degli intervistati pensa che le nuove garanzie a favore del consumatore potranno favorire l utilizzo del credito al consumo 43 Le nuove garanzie a favore del consumatore possono favorire l'utilizzo del credito al consumo all'interno del punto vendita? No, per nulla 20% Sì, decisamente 7% Decisamente/ abbastanza 34% Soprattutto: anni (+5 p.p.) anni (+8 p.p.) Lavora da meno di 15 anni (+6 p.p.) Effettua vendite online (+11 p.p.) Perderebbe fatturato senza credito al consumo (+5 p.p.) Sì, abbastanza 27% Minimamente/ per nulla 66% Soprattutto: Fino a 34 anni (+15 p.p.) Lavora da 15-20anni (+9 p.p.) Sì, ma solo in misura minima 46% TESTO DELLA DOMANDA: E, secondo lei, le nuove garanzie a favore del consumatore possono favorire l'utilizzo del credito al consumo all'interno del punto vendita? Valori percentuali - Base casi: 416

44 Il 20% dei dealer soprattutto tra chi vende online - ritiene che la nuova normativa non cambierà il loro modo di proporre il credito al consumo ma ne favorirà l utilizzo da parte dei clienti 44 La nuova normativa e le nuove garanzie a favore del consumatore NON CAMBIERANNO le modalit à di proposta e NON FAVORIRANNO l'utilizzo del credito al consumo 56% CAMBIERANNO le modalit à di proposta e FAVORIRANNO l'utilizzo del credito al consumo 14% Soprattutto: Fino a 34 anni (+15 p.p.) Nord Est (+8 p.p.) NON perderebbe fatturato senza credito al consumo (+6 p.p.) Valori percentuali Base casi: 416 Soprattutto: Effettua vendite online (+8 p.p.) Perderebbe fatturato senza credito al consumo (+6 p.p.) CAMBIERANNO le modalità di proposta ma NON FAVORIRANNO l'utilizzo del credito al consumo 10% NON CAMBIERANNO le modalit à di proposta ma FAVORIRANNO l'utilizzo del credito al consumo 20%

45 ISPO Ricerche s.r.l. Viale di Porta Vercellina Milano T F

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Il settore moto e il credito al consumo

Il settore moto e il credito al consumo Il settore moto e il credito al consumo Rapporto di ricerca ISPO per Marzo 2010 RIF. 1201V110 Indice 2 Capitolo 1: Lo scenario pag. 3 Capitolo 2: Il Credito al Consumo: atteggiamenti 13 Capitolo 3: Il

Dettagli

Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione. secondo la distribuzione. III edizione 2008-2009

Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione. secondo la distribuzione. III edizione 2008-2009 Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione dell andamento d del mercato e dei consumi secondo la distribuzione italiana III edizione 2008-2009 Marzo 2009 La ricerca 2 Obiettivi:

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca 1 Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Principali risultati della ricerca Milano, Maggio 2011 (Rif. 1412v111) 2 Capitolo 1 Gli italiani e la crisi La quasi totalità

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 COMUNICATO STAMPA A febbraio la fiducia degli italiani torna a calare: dal Nord al

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011.

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011. Testimonianza 6Sicuro Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico Monza, 10 giugno 2011 Chi presenta oggi 2 Agenda dell intervento Il mercato RC in Italia La struttura organizzativa

Dettagli

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013 Seconda edizione CONFERENZA STAMPA Indagine presso le famiglie Torino, 13 settembre 2013 (Rif. 1621v112) Partner dell Osservatorio 2 Patrocinio 3 Cap.1 - Il

Dettagli

Banche e PMI: un rapporto in evoluzione. Milano, 3 Dicembre 2012

Banche e PMI: un rapporto in evoluzione. Milano, 3 Dicembre 2012 Banche e PMI: un rapporto in evoluzione Milano, 3 Dicembre 2012 Ricerca n. 255-2012 PREMESSA: LE PMI INTERVISTATE Indagine effettuata telefonicamente nel mese di Novembre su un campione di PMI del Nord

Dettagli

Gli italiani e la voglia di cash. Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche

Gli italiani e la voglia di cash. Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche Gli italiani e la voglia di cash Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche Come si muove il consumatore tra i diversi sistemi di pagamento? 2 Appare consolidato l uso delle carte

Dettagli

Il sentiment nei confronti delle calzature Made in Italy

Il sentiment nei confronti delle calzature Made in Italy Il sentiment nei confronti delle calzature Made in Italy Firenze, Palazzo Vecchio, 15 novembre 2014 2 Il Made in Italy va salvato. Chi lo dice? Consumatori Buyer Opinion leader del settore Sono stati intervistati

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Il promotore finanziario nella percezione dei risparmiatori

Il promotore finanziario nella percezione dei risparmiatori Il promotore finanziario nella percezione dei risparmiatori A cura di ISPO Ricerche Roma, 7 febbraio 2014 OBIETTIVO Fornire un quadro sufficientemente dettagliato del profilo di immagine del promotore

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA NEL NORDEST: il punto di vista delle imprese

LA CRISI ECONOMICA NEL NORDEST: il punto di vista delle imprese FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) Tel: 041-23.86.700 - Fax: 041-98.45.01 Email: info@fondazioneleonemoressa.org Web: www.fondazioneleonemoressa.org LA CRISI ECONOMICA

Dettagli

terziario friuli venezia giulia maggio 2015

terziario friuli venezia giulia maggio 2015 terziario friuli venezia giulia maggio 2015 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca primo trimestre 2015 udine, 18 maggio 2015

Dettagli

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa?

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Rapporto quantitativo Milano, Maggio 2011 (Rif. 1412v111) Indice 2 Pag. La ricerca 3 Principali evidenze 4 Cap. 1 Gli italiani

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese

COMUNICATO STAMPA. Nel 2012 l 80% delle famiglie colpite direttamente dalla crisi, quasi il 90% dei nostri concittadini ha ridotto le spese Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PROSPETTIVE 2013, SONDAGGIO CONFESERCENTI SWG: CRISI DI FIDUCIA, QUASI NOVE SU DIECI NON CREDONO IN UN MIGLIORAMENTO DELLA SITUAZIONE ECONOMICA ITALIANA. SEI SU DIECI VOGLIONO

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi Ischia, 25 ottobre 2014 (Rif. 1914v114) Indice 2 Obiettivi e metodologia pag. 3 Le principali evidenze 4 La frequentazione dell isola di

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione IV trimestre 213 Rapporto in sintesi I consumatori continuano a pensare che l inflazione salirà oltre i livelli attuali, sia nel breve (un anno) che

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015 Andrea Tozzi 12 febbraio 2015 METODOLOGIA DELLA RICERCA Istituto Piepoli realizza per conto di Confturismo-Confcommercio

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

La crisi economica nel Veneto: il punto di vista delle piccole imprese

La crisi economica nel Veneto: il punto di vista delle piccole imprese FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) Tel: 041-23.86.700 - Fax: 041-98.45.01 Email: info@fondazioneleonemoressa.org Web: www.fondazioneleonemoressa.org La crisi economica

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 Roma, 16 ottobre 2013 - Sono sempre più numerose le famiglie che non riescono a far fronte alle spese

Dettagli

Monitor imprese della Provincia di Milano

Monitor imprese della Provincia di Milano Monitor imprese della Provincia di Milano Luglio 1 Report completo 1 Il campione e la metodologia 2 La nota metodologica e informa;va NOTA METODOLOGIA E INFORMATIVA (in o:emperanza al regolamento dell

Dettagli

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 Agenda 1 Aspetti generali 2 Descrizione del campione 3 Previdenza pubblica e privata. Gli effetti del decreto Salva

Dettagli

Risultati analitici - Consuntivi 4 trimestre 2004

Risultati analitici - Consuntivi 4 trimestre 2004 Indagine Congiunturale Settore Terziario - 4 trimestre 2004 Aumentano ordini e fatturato, stabili investimenti e occupazione Buone le prospettive per il primo trimestre 2005 Nel quarto trimestre 2004 il

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Il sentiment sull economia delle imprese associate ad Assolombarda

Il sentiment sull economia delle imprese associate ad Assolombarda Il sentiment sull economia delle imprese associate ad Assolombarda ISPO ha condotto, per conto di Assolombarda, un sondaggio per comprendere e valutare l'opinione degli associati in riferimento all attuale

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO VII Rapporto POSTER Associazione Industriali di Vicenza SCHEDA DELLA RICERCA * CAMPIONE RAPPRESENTATIVO

Dettagli

CHARM IN ITALY OSSERVATORIO

CHARM IN ITALY OSSERVATORIO CHARM IN ITALY OSSERVATORIO Gli umori degli operatori intervistati sull andamento delle strutture ricettive e del mercato di riferimento Il 2013, tra stabilità e ripresa Il 2013 è un anno di relativa stabilità

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione OSSERVATORIO La gestione del credito commerciale nelle PMI venete 1 report trimestrale Studio S V S Consulenza di Direzione Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 275 imprese che operano

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA

I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA Awarded I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA 20129 MILANO Via Benvenuto Cellini, 2/A Tel +39 02 54123098 Fax +39 02 5455493 00186 ROMA Via di Ripetta, 39 Tel +39 06 32110003 Fax +39 06 36000917

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ!

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! Indagine AstraRicerche e Manageritalia (aprile 2015) Enrico Pedretti direttore marketing Manageritalia MILANO 24 NOVEMBRE 2015 L INDAGINE Manageritalia, con

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA OLTRE LA CRISI? NON ANCORA Le PMI dell Emilia Romagna nella doppia morsa della stretta creditizia e del ritardo dei pagamenti Allarme occupazione: a rischio la sua tenuta Bologna, 17 Novembre 2009 Ricerche

Dettagli

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS.

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS. REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE Roma, 27/03/2007 2006 117RS Presentazione 02 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Autore: Format Srl - ricerche di mercato

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

L atteggiamento degli italiani verso i consumi in tempi di crisi e in particolare verso il settore delle cucine e la linea CREO Kitchens

L atteggiamento degli italiani verso i consumi in tempi di crisi e in particolare verso il settore delle cucine e la linea CREO Kitchens L atteggiamento degli italiani verso i consumi in tempi di crisi e in particolare verso il settore delle cucine e la linea CREO Kitchens Milano, Luglio 2014 (Rif. 1331v314 ) Indice 2 Obiettivi pag. 3 Metodologia

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014 8 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 18 e il 22 dicembre 2014 con metodologia

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

IL CASO DELL IVA. Bologna 1 aprile 2011. Massimiliano Amati

IL CASO DELL IVA. Bologna 1 aprile 2011. Massimiliano Amati MERCATO DELL AUTO USATA E FISCO IL CASO DELL IVA Bologna 1 aprile 2011 Massimiliano Amati Dove eravamo rimasti Un anno senza incentivi che effetto ha avuto sulle quotazioni? 75 Valore residuo percentuale

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Utilizzo dell E Commerce in Europa Italia fanalino di coda. Fanno peggio solo Grecia, Bulgaria e Romania

Utilizzo dell E Commerce in Europa Italia fanalino di coda. Fanno peggio solo Grecia, Bulgaria e Romania Tel. 421 6261 Mob. + 39 348 862267 ufficiostampa@mm one.com Utilizzo dell E Commerce in Europa fanalino di coda. Fanno peggio solo, e Acquisto online di viaggi e prodotti, attività di vendita e servizi

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini

L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini Rif. 1350v214 Mantova, 14 Maggio 2015 OBIETTIVI e METODOLOGIA Confindustria Mantova ha chiesto ad ISPO Ricerche di effettuare una ricerca

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE Note e commenti n 13 Aprile 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 Si ringraziano tutte le cooperative e

Dettagli

Le decisioni di acquisto degli utenti Facebook

Le decisioni di acquisto degli utenti Facebook Le decisioni di acquisto degli utenti Facebook Il business nell era della comunicazione tra pari Milano, 8 Giugno 2011 (Rif.1029v111) Il disegno della ricerca 2 Obiettivi: Il presente studio, effettuato

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 10 OTTOBRE 2013 Indagine AXA - IPSOS 2013 sulla percezione di Piccole e Medie Imprese e autonomi su indicatori economici e protezione assicurativa: il caso Italia PMI E AUTONOMI:

Dettagli

Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese. Febbraio 2013

Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese. Febbraio 2013 Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese Febbraio 2013 Le Key questions Key question 1:Quali sono le modalità di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane? Key question

Dettagli

filantropia in Italia Nando Pagnoncelli CEO Ipsos Italia

filantropia in Italia Nando Pagnoncelli CEO Ipsos Italia Percezione e prospettive per la filantropia in Italia Nando Pagnoncelli CEO Ipsos Italia Gli Italiani stanno diventando meno generosi? Ranking 2010 Ranking 2012 29 57 57 Fonte: World Giving Index Charities

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2006 le imprese dei Servizi hanno giudicato alto il livello degli ordini e della domanda. Rispetto al trimestre precedente

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli