Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all Attività Programmatoria Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Settembre 2001

2 Alla redazione del volume hanno collaborato: Per il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca: Dipartimento per lo Sv iluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica Ufficio I Ufficio di Statistica - Ufficio SISTAN Per la EDS Italia S.p.A. - Divisione Pubblica Istruzione: Servizio di Consulenza all Attività Programmatoria Osservazioni, contributi e suggerimenti al contenuto del presente lavoro potranno essere inviati a: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica Il rapporto è disponibile sul sito internet ed intranet del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (www.istruzione.it) I dati della presente pubblicazione, ove non diversamente specificato, sono patrimonio del Sistema Informativo del M.P.I. È consentito l utilizzo e la pubblicazione dei dati con citazione della fonte.

3 Indice Presentazione...I Introduzione Capitolo I - L insegnamento delle lingue straniere nella scuola statale Quadro sintetico sugli alunni... 4 Le consistenze di alunni che studiano le lingue straniere nell ambito dei programmi curricolari e del Progetto Lingue Le lingue straniere oggetto d insegnamento (inglese, francese, tedesco e spagnolo - altre lingue nelle scuole superiori) L insegnamento curricolare della lingua straniera negli ordini e gradi di istruzione... 6 Le classi con insegnamento di lingua straniera. L insegnamento della seconda e terza lingua. La diffusione dell insegnamento della lingua straniera tra gli alunni e nelle classi L insegnamento nel corso dell iter scolastico... 8 L introduzione graduale della lingua straniera negli anni di corso, l introduzione della seconda e terza lingua Distinzione per tipo di istruzione delle scuole secondarie di II grado Le differenze rilevabili nei tipi di istruzione delle scuole secondarie di II grado La distribuzione territoriale dell insegnamento delle lingue straniere La distribuzione dell insegnamento delle lingue straniere nelle aree territoriali (livello regionale). Le diverse lingue straniere studiate nelle regioni italiane La numerosità nelle classi in relazione alla lingua straniera studiata La preferenza accordata alle classi con insegnamento di lingua inglese, francese, tedesca o spagnola I docenti di ruolo e non di ruolo per ordine di scuola, lingua straniera insegnata e sesso... Il grado di stabilità dell insegnamento delle lingue straniere e il livello di femminilizzazione di tale insegnamento nei vari ordini di scuola e per le diverse lingue insegnate (livello regionale). Il ricorso agli specialisti o specializzati nelle scuole elementari (livello regionale). - Capitolo II - L evoluzione storica dello studio delle lingue straniere La crescita dell'insegnamento della lingua straniera... L andamento degli alunni che fruiscono dell insegnamento della lingua straniera dall a.s. 1993/94 ad oggi, per tipo di scuola e lingua studiata.

4 Indice delle tabelle Tab. 1 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01- CORSI CURRICOLARI...4 Tab. 2 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01 - PROGETTO LINGUE 2000 )...4 Tab. 3 - Classi con insegnamento di lingua straniera per tipo di scuola e lingua - a. s. 2000/ Tab. 4 - Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera per tipo di scuola - a. s. 2000/ Tab. 5 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/ Tab. 6 - Incidenza delle classi con insegnamento di lingua straniera sulle classi in totale per tipo di scuola e lingua - a. s. 2000/ Tab. 7 - Incidenza delle classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera sulle classi in totale per tipo di scuola - a. s. 2000/ Tab. 8 - Alunni che studiano lingua straniera per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/01.8 Tab. 9 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per anno di corso e lingua studiata - a.s. 2000/ Tab Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado come prima, seconda e terza lingua per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/ Tab Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua per lingua e anno di corso - a. s. 2000/ Tab Incidenza delle classi con insegnamento di lingua straniera sulle classi in totale per anno di corso - a. s. 2000/ Tab Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado per anno di corso, lingua studiata e tipo di istruzione - a. s. 2000/ Tab Alunni che studiano prima, seconda e terza lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado per lingua studiata e tipo di istruzione - a. s. 2000/ Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola elementare - a. s. 2000/ Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola secondaria di I grado - a. s 2000/ Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola secondaria di II grado - a. s 2000/ Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole elementari per lingua studiata - a. s. 2000/ Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole secondarie di I grado per lingua studiata - a. s. 2000/ Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/ Tab Docenti di ruolo su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01... Tab Docenti non di ruolo su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01... Tab Docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01... Tab Confronto tra le distribuzioni, assolute e percentuali, dei docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua e in totale per tipo scuola - a. s. 2000/01... Tab Composizione per genere dei docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua straniera per tipo di scuola e confronto con i docenti di tutte le discipline - a. s. 2000/01... Tab Docenti di lingua per regione e lingua insegnata, docenti in totale per regione e rapporto di composizione regionale tra i docenti di lingua e i docenti in totale - a. s. 2000/01...

5 Tab Incidenza regionale dei docenti di genere femminile sul totale per lingua insegnata e confronto con la percentuale regionale di femminilizzazione dei docenti in totale - a. s. 2000/01... Tab Docenti specialisti e specializzati per regione nella scuola elementare (valori assoluti e percentuali) - a. s. 2000/01... Tab Quadro storico sullo studio della lingua straniera nella scuola elementare (anno base 1993/94)... Tab Quadro storico sullo studio della lingua straniera nella scuola secondaria di I grado (anno base 1993/94)... Tab Quadro storico sullo studio della lingua straniera nella scuola secondaria di II grado (anno base 1993/94)...

6 Indice dei grafici Graf. 1 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano lingua straniera per lingua studiata - a. s. 2000/01 - CORSI CURRICOLARI...5 Graf. 2 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano lingua straniera per lingua studiata - a. s. 2000/01 -PROGETTO LINGUE Graf. 3 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01 - PROGETTO LINGUE Graf. 4 - Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera per tipo di scuola - a. s. 2000/ Graf. 5 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/ Graf. 6 - Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado come prima, seconda e terza lingua per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/ Graf. 7 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano prima, seconda e terza lingua straniera nella scuola secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/ Graf. 8 - Incidenza delle classi con alunni che studiano lingua straniera sulle classi in totale per anno di corso - a. s. 2000/ Graf. 9 - Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola elementare per lingua studiata - a. s. 2000/ Graf Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola secondaria di I grado per lingua studiata - a. s. 2000/ Graf Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/ Graf Distribuzione percentuale dei docenti in totale, di ruolo e non di ruolo, per tipo scuola - a. s. 2000/01... Graf Distribuzione percentuale dei docenti su posti di lingua, di ruolo e non di ruolo, per tipo scuola - a. s. 2000/01... Graf Confronto tra le distribuzioni percentuali dei docenti su posti di lingua straniera e di quelli che insegnano altre discipline per tipo scuola - a. s. 2000/01... Graf Confronto tra le distribuzioni percentuali dei docenti che insegnano lingua straniera e di quelli c he insegnano altre discipline per genere e tipo di scuola - a. s. 2000/01.. Graf Confronto regionale tra le percentuali di docenti di genere femminile in totale e che insegnano lingua straniera - a. s. 2000/01... Graf Incidenza regionale dei docenti specialisti e specializzati per regione nella scuola elementare - a. s. 2000/01... Graf L evoluzione dello studio della lingua straniera nella scuola elementare (anno base 1993/94)... Graf L evoluzione dello studio della lingua straniera nella scuola secondaria di I grado (anno base 1993/94)... Graf L evoluzione dello studio della lingua straniera nella scuola secondaria di II grado (anno base 1993/94)...

7 Presentazione Il presente lavoro vuole essere un contributo conoscitivo dello studio delle lingue straniere nella scuola italiana statale nell anno scolastico e prende spunto dalla Giornata Europea delle Lingue prevista per il 26 settembre che è il momento culminante dell anno 2001 dichiarato dall Unione Europea e dal Consiglio d Europa Anno europeo delle lingue. La diffusione dello studio delle lingue comunitarie è stata, del resto, costantemente al centro dell attenzione della scuola italiana negli anni novanta, anni nei quali il Ministero si è impegnato fortemente in questa direzione. Infatti, nel decennio appena trascorso, sono state intraprese iniziative, sia sul piano ordinamentale che sperimentale, a tutti i livelli: la riforma della scuola elementare ha introdotto lo studio di una lingua straniera a partire dal terzo anno di corso; nelle scuole medie sono state attuate numerosissime sperimentazioni di insegnamento di una seconda lingua straniera; nelle scuole secondarie superiori, infine, sono stati, tra le molte iniziative, attivati corsi quinquennali sperimentali ad indirizzo linguistico. Oltre a questa ampia schiera di azioni, si è dato vita al Progetto Lingue 2000 che ha intrapreso la strada della ridefinizione dei curricoli linguistici in verticale, dalle scuole materne alle superiori, con lo scopo di organizzare un programma di studi in termini di obiettivi di apprendimento e di competenze verificabili e certificabili. Pertanto, il panorama che oggi si presenta sullo studio delle lingue straniere in Italia è quanto mai articolato e complesso. Grazie alle procedure automatizzate gestionali e tramite le rilevazioni c.d. integrative, il Sistema Informativo è comunque in possesso di un patrimonio di dati, su questa materia, esteso e dettagliato. Le elaborazioni qui presentate descrivono alcuni tra gli aspetti e gli andamenti più significativi. L analisi è estesa a livello regionale in sintonia con le nuove strutture amministrative territoriali previste dalla recente riforma del Ministero. Mario Fierli - I -

8 Introduzione I dati utilizzati per la produzione delle tabelle e dei grafici riportati nel presente documento sono stati elaborati utilizzando quasi esclusivamente le informazioni provenienti dalle procedure automatizzate gestite dal Sistema informativo ed in particolare dalle procedure per la determinazione delle dotazioni organiche, da quelle per la gestione del personale (di ruolo e non) e da apposite rilevazioni (c.d. rilevazioni integrative). Inoltre, al fine di offrire un quadro complessivo della realtà della scuola statale, sia sotto l aspetto ordinamentale che sperimentale, nella prima parte del lavoro vengono riportate le consistenze degli alunni che studiano una lingua comunitaria nell ambito dei corsi attivati dal Progetto Lingue Com è noto tale progetto si affianca ai percorsi di studio previsti dai diversi ordinamenti scolastici introducendo lo studio della lingua straniera dove ancora non è previsto, per assicurare tra l altro continuità negli studi e potenziare i percorsi didattici delle lingue già presenti nel curricolo. I dati in questione, che non sono conosciuti dal Sistema informativo, sono stati forniti dal Coordinamento nazionale per l autonomia e riguardano anche alcuni progetti avviati nella scuola materna, dove non è previsto dall attuale ordinamento alcun insegnamento di lingua straniera. Si fa presente che nel documento non vengono riportate informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e del Trentino - Alto Adige in quanto non gestite dallo Stato, né quelle relative agli Istituti di alta cultura (Accademie e Conservatori). I dati disponibili, che si riferiscono all anno scolastico 2000/2001, hanno consentito di fornire informazioni quali quelle relative alla consistenza degli alunni secondo la lingua ed il tipo di istruzione frequentato, al numero di lingue studiate (seconda e terza lingua), alle differenziazioni del fenomeno sul territorio (livello regionale), alla consistenza del personale docente e ad alcune sue caratteristiche come, ad esempio, quella relativa al genere di appartenenza. Nell ultima parte del documento è presentato un quadro storico dell insegnamento delle lingue straniere nel nostro paese negli ultimi otto anni scolastici

9 E opportuno, infine, fornire le seguenti avvertenze per una corretta lettura dei dati: gli alunni sono conteggiati in base alla lingua studiata e di conseguenza, nel caso in cui gli stessi studino anche una seconda o terza lingua essi vengono considerati più volte. Per tale motivo il totale dei valori percentuali degli alunni che studiano le lingue straniere rispetto al valore complessivo degli alunni può essere superiore al 100%. La stessa modalità di calcolo viene applicata alle classi. nella scuola elementare lo studio delle lingue straniere non è previsto, in via ordinamentale, nei primi due anni di corso. Le consistenze di alunni che studiano lingua straniera si riferiscono, inoltre, allo studio di una sola lingua. L insegnamento della lingua straniera, poi, è impartito da insegnanti specialisti, che si dedicano esclusivamente a tale insegnamento e reclutati per tale compito, o da insegnanti specializzati i quali, reclutati per l insegnamento in altri ambiti disciplinari, si dedicano anche all insegnamento della lingua straniera dopo il conseguimento di apposito titolo. Tutti i dati relativi agli insegnanti di lingua nella scuola elementare si riferiscono agli specialisti, mentre i dati relativi agli insegnanti specializzati vengono riportati solo nella tabella

10 - Capitolo I - L insegnamento delle lingue straniere nella scuola statale - 3 -

11 1.1 - Quadro sintetico sugli alunni Tab. 1 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01- CORSI CURRICOLARI Alunni che studiano lingua straniera Tipo di scuola Inglese Francese Tedesco Spagnol o Altra lingua (** ) Elementare Secondaria di I grado Secondaria di II grado Gli alunni delle scuole secondarie di I e II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate; sono, invece, contati una volta soltanto gli alunni frequentanti le scuole elementari (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. Tab. 2 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01 - PROGETTO LINGUE 2000 Alunni che studiano lingua straniera Tipo di scuola Inglese Francese Tedesco Spagnol o Materna (**) Elementare Secondaria di I grado Secondaria di II grado Dati forniti dal Coordinamento nazionale per l autonomia. I dati sono provvisori e mancano le province di Rovigo, Udine e Viterbo. (**) Lo studio della lingua straniera nelle scuole materne non è di ordinamento, tuttavia è talora presente in conseguenza dell attuazione degli interventi del Progetto lingue

12 Graf. 3 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano lingua straniera per lingua studiata - a. s. 2000/01 - CORSI CURRICOLARI Graf. 4 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano lingua straniera per lingua studiata - a. s. 2000/01 - PROGETTO LINGUE 2000 Inglese 73,71% Francese 22,42% Inglese 68,14% Francese 17,96% Altra lingua 0,01% Tedesco 3,15% Spagnolo 0,71% Spagnolo 5,35% Tedesco 8,55% Generalmente Russo e Serbo-Croato. Dati forniti dal Coordinamento nazionale per l autonomia. Graf. 5 - Alunni che studiano lingua straniera per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01 - PROGETTO LINGUE Scuola materna Scuola elementare Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Inglese Francese Tedesco Spagnolo Dati forniti dal Coordinamento nazionale per l autonomia

13 1.2 - L insegnamento curricolare della lingua straniera negli ordini e gradi di istruzione Tab. 3 - Classi con insegnamento di lingua straniera per tipo di scuola e lingua - a. s. 2000/01 Classi con insegnamento di lingua straniera Tipo di scuola Inglese Francese Tedesco Spagnol o Altra lingua (**) Elementare Secondaria di I grado Secondaria di II grado Le classi con insegnamento di lingua straniera sono contate tante volte quante sono le lingue studiate, eccetto che per le scuole elementari, il cui dato si riferisce all insegnamento di prima lingua. (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. Tab. 4 - Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera per tipo di scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Classi con insegnamento di prima lingua seconda lingua terza lingua Elementare Secondaria di I grado Secondaria di II grado Graf. 6 - Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera per tipo di scuola - a. s. 2000/ Scuola elementare Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Prima lingua Seconda lingua Terza lingua - 6 -

14 Tab. 5 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per tipo di scuola e lingua studiata - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Altra lingua (**) Elementare 65,26 6,67 0,44 0,21 0,00 72,58 Secondaria di I grado 80,79 38,08 1,79 0,11 0,00 120,77 Secondaria di II grado 83,17 29,23 7,12 1,70 0,02 121,24 75,84 23,07 3,24 0,73 0,01 102,89 Gli alunni delle scuole secondarie di I e II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali superano il 100%; sono, invece, contati una volta soltanto gli alunni frequentanti le scuole elementari (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. Tab. 6 - Incidenza delle classi con insegnamento di lingua straniera sulle classi in totale per tipo di scuola e lingua - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Percentuale di classi con insegnamento di lingua straniera sulle classi in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Altra lingua (**) Elementare 63,63 6,62 0,45 0,19 0,00 70,89 Secondaria di I grado 79,36 39,10 1,75 0,10 0,00 120,31 Secondaria di II grado 84,80 31,49 8,04 1,80 0,03 126,16 74,73 23,16 3,35 0,72 0,01 101,97 Le classi con insegnamento di lingua straniera sono contate tante volte quante sono le lingue studiate, eccetto che per le scuole elementari, il cui dato si riferisce all insegnamento di prima lingua. (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. Tab. 7 - Incidenza delle classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua straniera sulle classi in totale per tipo di scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Percentuale sulle classi in totale delle classi con insegnamento di prima lingua seconda lingua terza lingua Elementare 70,89 0,92 0,00 Secondaria di I grado 100,00 20,31 0,00 Secondaria di II grado 89,16 33,20 3,80 84,35 16,72 1,29-7 -

15 1.3 - L insegnamento nel corso dell iter scolastico Tab. 8 - Alunni che studiano lingua straniera per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Alunni che studiano lingua straniera Inglese Francese Tedesco Spagnol Altra o lingua (**) Elementare (***) I elementare II elementare III elementare IV elementare V elementare Secondaria di I grado I media II media III media Secondaria di II grado I superiore II superiore III superiore IV superiore V superiore Scuola italiana in totale Gli alunni delle scuole secondarie di I e II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate; sono, invece, contati una volta soltanto gli alunni frequentanti le scuole elementari (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. (***) Gli alunni in pluriclassi sono contati nei rispettivi anni di corso

16 Tab. 9 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per anno di corso e lingua studiata - a.s. 2000/01 Tipo di scuola Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Altra lingua (** ) Elementare (***) I elementare 24,73 1,98 0,16 0,05 0,00 26,92 II elementare 44,13 4,71 0,28 0,13 0,00 49,25 III elementare 84,63 8,04 0,57 0,24 0,00 93,48 IV elementare 84,71 9,03 0,56 0,35 0,00 94,65 V elementare 84,16 9,15 0,62 0,25 0,00 94,18 65,26 6,67 0,44 0,21 0,00 72,58 Secondaria di I grado I media 81,51 37,09 1,79 0,11 0,00 120,50 II media 80,66 37,95 1,74 0,11 0,00 120,46 III media 80,16 39,26 1,82 0,11 0,00 121,35 80,79 38,08 1,79 0,11 0,00 120,77 Secondaria di II grado I superiore 87,46 32,91 6,00 0,96 0,00 127,32 II superiore 86,52 32,50 6,38 1,05 0,00 126,45 III superiore 81,78 27,61 8,20 2,74 0,03 120,36 IV superiore 78,76 24,73 7,65 2,17 0,04 113,35 V superiore 78,80 26,30 7,91 1,92 0,04 114,97 83,17 29,23 7,12 1,70 0,02 121,24 Scuola italiana in totale 75,84 23,07 3,24 0,73 0,01 102,89 Gli alunni delle scuole secondarie di I e II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali superano il 100%; sono, invece, contati una volta soltanto gli alunni frequentanti le scuole elementari (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. (***) Gli alunni in pluriclassi sono contati nei rispettivi anni di corso. Graf. 7 - Incidenza degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/01 140,00% 120,00% 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00% I elementare II elementare III elementare IV elementare V elementare I media II media III media I superiore II superiore III superiore IV superiore V superiore Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua - 9 -

17 Tab Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado come prima, seconda e terza lingua per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/01 Alunni che studiano lingua straniera per anno di corso Inglese Istruzione secondaria di II grado in totale Frances e Tedesco Spagnolo Altra lingua (* ) Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale I anno di corso prima lingua ,26 seconda lingua ,57 terza lingua ,49 II anno di corso prima lingua ,66 seconda lingua ,98 terza lingua ,81 III anno di corso prima lingua ,09 seconda lingua ,88 terza lingua ,39 IV anno di corso prima lingua ,62 seconda lingua ,93 terza lingua ,80 V anno di corso prima lingua ,27 seconda lingua ,81 terza lingua ,89 prima lingua ,99 seconda lingua ,70 terza lingua ,55 Generalmente Russo e Serbo-Croato. Graf. 8 - Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado come prima, seconda e terza lingua per anno di corso e lingua studiata - a. s. 2000/ I anno di II anno di III anno di IV anno di V anno di corso corso corso corso corso Alunni di I lingua straniera Alunni di II lingua straniera Alunni di III lingua straniera

18 Graf. 9 - Distribuzione percentuale degli alunni che studiano prima, seconda e terza lingua straniera nella scuola secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 PRIMA LINGUA SECONDA LINGUA 82,24% 45,80% 16,49% 0,00% 1,18% 0,09% 39,25% 0,01% 1,70% 13,24% Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua TERZA LINGUA 53,84% 14,91% 0,25% 0,49% 30,51% Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua

19 Tab Classi con insegnamento di prima, seconda e terza lingua per lingua e anno di corso - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Classi con insegnamento di prima lingua seconda lingua terza lingua Elementare I elementare II elementare III elementare IV elementare V elementare Pluriclassi Secondaria di I grado I media II media III media Secondaria di II grado I superiore II superiore III superiore IV superiore V superiore Scuola italiana in totale

20 Tab Incidenza delle classi con insegnamento di lingua straniera sulle classi in totale per anno di corso - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Percentuale sulle classi in totale delle classi con insegnamento di prima lingua seconda lingua terza lingua Elementare I elementare 26,57 0,27 0,00 II elementare 48,11 0,48 0,00 III elementare 91,80 1,19 0,00 IV elementare 93,38 1,26 0,00 V elementare 92,98 1,38 0,00 Pluriclassi 62,68 0,87 0,00 70,89 0,92 0,00 Secondaria di I grado I media 100,00 20,02 0,00 II media 100,00 20,03 0,00 III media 100,00 20,86 0,00 100,00 20,31 0,00 Secondaria di II grado I superiore 92,97 36,55 0,46 II superiore 92,75 36,13 0,78 III superiore 87,02 32,98 6,65 IV superiore 84,87 28,99 6,18 V superiore 86,84 30,14 6,00 89,16 33,20 3,80 Scuola italiana in totale 84,35 16,72 1,29 Graf Incidenza delle classi con alunni che studiano lingua straniera sulle classi in totale per anno di corso - a. s. 2000/01 120,00% 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00% I elementare II elementare III elementare IV elementare V elementare I media II media III media I superiore II superiore III superiore IV superiore V superiore Prima lingua Seconda lingua Terza lingua

21 1.4 - Distinzione per tipo di istruzione delle scuole secondarie di II grado Tab Alunni che studiano lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado per anno di corso, lingua studiata e tipo di istruzione - a. s. 2000/01 Tipo di istruzione Alunni che studiano lingua straniera Inglese Francese Tedesco Spagnol o Altra lingua (**) Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale (* Istruzione Classica, Scientifica e Magistrale I anno di corso ,49 II anno di corso ,48 III anno di corso ,22 IV anno di corso ,48 V anno di corso , ,12 Istruzione Tecnica I anno di corso ,90 II anno di corso ,66 III anno di corso ,61 IV anno di corso ,21 V anno di corso , ,42 Istruzione Professionale I anno di corso ,14 II anno di corso ,42 III anno di corso ,59 IV anno di corso ,71 V anno di corso , ,42 Istruzione Artistica I anno di corso ,80 II anno di corso ,29 III anno di corso ,11 IV anno di corso ,78 V anno di corso , ,28 Istruzione secondaria di II grado in totale I anno di corso ,32 II anno di corso ,45 III anno di corso ,36 IV anno di corso ,35 V anno di corso , , Gli alunni delle scuole secondarie di II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali possono superare il 100% (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato

22 Tab Alunni che studiano prima, seconda e terza lingua straniera nelle scuole secondarie di II grado per lingua studiata e tipo di istruzione - a. s. 2000/01 Tipo di istruzione Alunni che studiano lingua straniera Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua (**) Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Istruzione Classica, Scientifica e Magistrale prima lingua ,50 seconda lingua ,80 terza lingua , ,12 Istruzione Tecnica prima lingua ,64 seconda lingua ,96 terza lingua , ,42 Istruzione Professionale prima lingua ,72 seconda lingua ,67 terza lingua , ,42 Istruzione Artistica prima lingua ,22 seconda lingua ,07 terza lingua , ,28 Istruzione secondaria di II grado in totale prima lingua ,99 8 seconda lingua ,70 terza lingua , , Gli alunni delle scuole secondarie di II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali possono superare il 100% (vedi Introduzione). (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato

23 1.5 - La distribuzione territoriale dell insegnamento delle lingue straniere Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola elementare - a. s. 2000/01 Regione Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Alunni che studiano lingua straniera Piemonte 54,01 17,92 0,56 0,24 72, Lombardia 64,29 4,81 0,46 0,26 69, Veneto 69,09 1,72 1,19 0,04 72, Friuli-Venezia 77,97 0,91 2,92 0,00 81, Giulia Liguria 58,37 8,58 0,00 0,00 66, Emilia-Romagna 66,19 1,74 0,46 0,00 68, Toscana 70,56 3,25 0,66 0,12 74, Umbria 76,66 2,41 0,00 0,12 79, Marche 70,29 0,74 0,00 0,00 71, Lazio 65,13 4,95 0,08 0,45 70, Abruzzo 69,22 5,77 0,00 0,00 74, Molise 63,37 0,23 0,00 0,00 63, Campania 69,80 6,41 0,13 0,23 76, Puglia 73,05 9,95 0,20 0,14 83, Basilicata 69,31 12,41 0,00 0,00 81, Calabria 59,15 6,77 0,04 0,00 65, Sicilia 57,84 8,30 0,43 0,08 66, Sardegna 51,21 18,14 1,53 1,82 72, Italia 65,26 6,67 0,44 0,21 72, Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato

24 Graf Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola elementare per lingua studiata - a. s. 2000/01 Inglese da 71,00 a 77,98 (3) da 69,90 a 70,99 (2) da 66,30 a 69,89 (4) da 58,60 a 66,29 (5) da 51,20 a 58,59 (4) Francese da 8,61 a 18,15 (4) da 6,81 a 8,60 (2) da 4,80 a 6,80 (5) da 2,41 a 4,79 (2) da 0,20 a 2,40 (5) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema Tedesco da 0,48 a 2,93 (5) da 0,45 a 0,47 (2) da 0,10 a 0,44 (3) da 0,05 a 0,09 (1) da 0,00 a 0,04 (7) Spagnolo da 0,16 a 1,83 (5) da 0,13 a 0,15 (1) da 0,10 a 0,12 (2) da 0,01 a 0,09 (2) 0,00 (8) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema

25 Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola secondaria di I grado - a. s 2000/01 Regione Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o (**) Alunni che studiano lingua straniera Piemonte 70,55 47,76 0,86 0,02 119, Lombardia 77,33 33,39 1,92 0,00 112, Veneto 82,77 31,74 6,53 0,00 121, Friuli-Venezia 82,02 19,86 21,38 0,00 123, Giulia Liguria 77,92 36,47 0,60 0,41 115, Emilia-Romagna 79,74 39,48 3,69 0,00 122, Toscana 84,69 35,59 2,81 0,08 123, Umbria 80,32 39,95 1,14 0,00 121, Marche 80,16 43,83 1,01 0,00 125, Lazio 89,32 32,83 0,73 0,17 123, Abruzzo 81,45 49,77 0,29 0,59 132, Molise 85,87 36,26 0,00 0,00 122, Campania 88,81 35,28 0,78 0,13 125, Puglia 87,21 36,72 0,53 0,09 124, Basilicata 69,39 54,69 0,00 0,00 124, Calabria 66,68 54,10 0,13 0,18 121, Sicilia 80,98 34,86 0,57 0,19 116, Sardegna 54,54 62,01 0,32 0,21 117, Italia 80,79 38,08 1,79 0,11 120, Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato. (**) Gli alunni delle scuole secondarie di I grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali superano il 100%(vedi Introduzione)

26 Graf Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola secondaria di I grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 Inglese da 85,89 a 89,33 (3) da 82,81 a 85,88 (2) da 80,18 a 82,80 (5) da 70,57 a 80,17 (4) da 54,53 a 70,56 (4) Francese da 49,79 a 62,02 (3) da 39,97 a 49,78 (3) da 36,50 a 39,96 (3) da 34,88 a 36,49 (4) da 19,86 a 34,87 (5) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema Tedesco da 6,54 a 21,38 (1) da 1,93 a 6,53 (3) da 0,74 a 1,92 (5) da 0,33 a 0,73 (4) da 0 a 0,32 (5) Spagnolo da 0,18 a 0,60 (6) da 0,13 a 0,17 (1) da 0,09 a 0,12 (1) da 0,01 a 0,08 (2) 0,00 (8) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema

27 Tab Quadro regionale complessivo sullo studio delle lingue straniere nella scuola secondaria di II grado - a. s 2000/01 Regione Percentuale di alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Altra (***) lingua (**) Alunni che studiano lingua straniera Piemonte 85,99 29,80 6,25 0,54 0,00 122, Lombardia 86,88 24,42 11,43 1,65 0,05 124, Veneto 88,12 18,64 19,83 2,78 0,02 129, Friuli-Venezia 88,18 7,85 20,27 2,19 0,33 118, Giulia Liguria 85,29 28,60 6,07 1,54 0,00 121, Emilia-Romagna 86,82 25,50 10,36 1,22 0,00 123, Toscana 85,99 25,62 10,72 1,85 0,00 124, Umbria 82,59 29,49 3,99 1,17 0,00 117, Marche 84,73 25,23 7,82 0,54 0,04 118, Lazio 82,59 29,26 2,93 3,05 0,01 117, Abruzzo 80,29 33,58 2,98 1,28 0,00 118, Molise 79,99 30,40 1,98 0,76 0,00 113, Campania 82,64 34,20 4,38 1,86 0,00 123, Puglia 84,91 29,95 5,60 1,13 0,00 121, Basilicata 74,31 40,30 2,97 0,44 0,00 118, Calabria 73,26 38,79 2,58 0,90 0,00 115, Sicilia 78,53 31,73 2,71 1,31 0,00 114, Sardegna 73,98 41,98 3,22 3,62 0,11 122, Italia 83,17 29,23 7,12 1,70 0,02 121, Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato. (**) Generalmente Russo e Serbo-Croato. (***) Gli alunni delle scuole secondarie di II grado che studiano lingua straniera sono contati tante volte quante sono le lingue studiate, pertanto le relative percentuali superano il 100%(vedi Introduzione)

28 Graf Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 Inglese da 86,01 a 88,20 (4) da 85,31 a 86,00 (2) da 82,66 a 85,30 (3) da 80,01 a 82,65 (4) da 73,20 a 80,00 (5) Francese da 38,81 a 41,99 (2) da 30,42 a 38,80 (4) da 29,51 a 30,41 (3) da 25,25 a 29,50 (5) da 7,84 a 25,24 (4) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema Tedesco da 10,74 a 20,28 (3) da 6,27 a 10,73 (3) da 4,40 a 6,26 (3) da 3,00 a 4,39 (3) da 1,97 a 2,99 (6) Spagnolo da 2,79 a 3,63 (2) da 1,86 a 2,78 (3) da 1,23 a 1,85 (5) da 0,92 a 1,22 (3) da 0,43 a 0,91 (5) Regione non gestita a Sistema Regione non gestita a Sistema (continua)

29 Graf. 11 (segue) - Incidenza regionale degli alunni che studiano lingua straniera sugli alunni in totale nella scuola secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 Altra lingua da 0,12 a 0,34 (1) da 0,06 a 0,11 (1) da 0,03 a 0,05 (2) da 0,01 a 0,02 (3) 0,00 (11) Regione non gestita a Sistema

30 1.6 - La numerosità nelle classi in relazione alla lingua straniera studiata Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole elementari per lingua studiata - a. s. 2000/01 Regione Rapporto tra alunni che studiano lingua straniera e classi Ingles e Frances e Tedesco Spagnol o Rapporto tra alunni e classi in totale Piemonte 17,55 17,79 21,17 24,73 17,65 17,14 Lombardia 19,23 19,11 23,75 21,88 19,25 18,46 Veneto 17,59 17,77 16,61 16,00 17,58 17,20 Friuli-Venezia Giulia 16,31 17,71 14,12-16,23 17,15 Liguria 17,80 15, ,52 16,59 Emilia-Romagna 18,66 17,13 19,88-18,63 18,42 Toscana 18,28 18,10 19,65 21,57 18,29 17,73 Umbria 16,63 16,17-19,00 16,62 16,16 Marche 18,14 17, ,13 17,66 Lazio 19,13 19,43 18,67 19,58 19,15 18,71 Abruzzo 17,70 18, ,75 17,26 Molise 16,79 11, ,76 16,21 Campania 19,29 19,66 19,05 17,82 19,32 18,94 Puglia 21,07 21,33 20,41 19,44 21,09 20,54 Basilicata 18,02 17, ,96 17,49 Calabria 17,39 15,13 20,00-17,13 16,19 Sicilia 20,01 18,17 15,81 19,09 19,73 19,38 Sardegna 17,52 17,44 18,88 18,97 17,56 17,43 Italia 18,77 18,46 18,20 19,78 18,74 18,25 Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato

31 Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole secondarie di I grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 Regione Rapporto tra alunni che studiano lingua straniera e classi Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Rapporto tra alunni e classi in totale Piemonte 21,32 20,35 21,17 19,00 20,92 20,79 Lombardia 21,24 20,91 21,67-21,15 21,06 Veneto 20,90 20,41 20,88-20,77 20,66 Friuli-Venezia 19,97 18,83 19,51-19,70 19,62 Giulia Liguria 20,96 20,22 22,44 23,17 20,73 20,65 Emilia-Romagna 21,31 20,37 23,15-21,05 20,95 Toscana 21,72 20,52 22,81 21,67 21,38 21,27 Umbria 20,75 19,51 22,73-20,34 20,30 Marche 21,28 19,81 22,06-20,74 20,63 Lazio 21,21 20,58 22,18 21,08 21,04 21,05 Abruzzo 20,74 19,45 19,50 19,58 20,22 20,16 Molise 19,77 18, ,23 18,85 Campania 21,27 20,63 21,95 23,00 21,09 21,07 Puglia 22,44 22,05 23,06 23,50 22,33 22,29 Basilicata 20,24 18, ,42 19,40 Calabria 20,26 18,61 20,40 24,00 19,49 19,39 Sicilia 21,01 20,51 21,94 23,31 20,87 20,77 Sardegna 20,77 18,94 20,44 20,50 19,76 19,55 Italia 21,22 20,30 21,31 22,12 20,92 20,84 Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato

32 Tab Rapporto regionale tra alunni che studiano lingua straniera e classi delle scuole secondaria di II grado per lingua studiata - a. s. 2000/01 Regione Rapporto tra alunni che studiano lingua straniera e classi Inglese Frances e Tedesco Spagnol o Rapporto tra alunni e classi in totale Piemonte 20,75 19,93 18,99 21,58 21,03 Lombardia 21,18 18,98 19,10 21,30 21,86 Veneto 20,88 17,93 20,03 21,28 21,28 Friuli-Venezia 19,52 16,76 17,85 19,40 19,80 Giulia Liguria 19,88 18,45 18,12 16,50 20,63 Emilia-Romagna 20,70 18,56 18,38 19,82 21,38 Toscana 20,50 18,92 18,30 19,77 21,15 Umbria 20,04 19,35 18,37 20,05 20,51 Marche 20,52 19,35 18,75 19,61 21,29 Lazio 21,07 20,23 18,00 20,47 21,35 Abruzzo 22,38 20,98 18,91 20,87 22,34 Molise 22,22 19,66 21,25 18,57 21,64 Campania 23,22 22,82 22,15 22,41 23,08 Puglia 21,68 20,70 19,45 20,16 22,07 Basilicata 21,47 20,84 18,14 19,38 21,48 Calabria 21,02 20,63 19,74 18,79 21,42 Sicilia 21,33 20,41 18,41 20,32 21,66 Sardegna 19,72 18,79 18,48 18,32 20,99 Italia 21,23 20,09 19,19 20,46 21,64 Non sono trattate le informazioni relative alle scuole della Val d Aosta e delle province autonome di Bolzano e Trento, perché non gestite dallo Stato

33 1.7 - I docenti di ruolo e non di ruolo per ordine di scuola, lingua straniera insegnata e sesso Tab. 1 - Docenti di ruolo su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Docenti di ruolo che insegnano lingua straniera Inglese Francese Tedesco Spagnolo Altra lingua Elementare (**) Secondaria di I grado Secondaria di II grado Russo e Serbo-Croato. (**) Sono conteggiati i soli docenti di lingua specialisti. Tab. 2 - Docenti non di ruolo su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Docenti non di ruolo che insegnano lingua straniera Inglese Francese Tedesco Spagnola Altra lingua Elementare (**) Secondaria di I grado Secondaria di II grado Russo e Serbo-Croato. (**) Sono conteggiati i soli docenti di lingua specialisti. Tab. 3 - Docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua straniera per lingua insegnata e tipo di scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Docenti che insegnano lingua straniera in totale Inglese Francese Tedesco Spagnola Altra lingua Elementare (**) Secondaria di I grado Secondaria di II grado Russo e Serbo-Croato. (**) Sono conteggiati i soli docenti di lingua specialisti

34 Tab. 4 - Confronto tra le distribuzioni, assolute e percentuali, dei docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua e in totale per tipo scuola - a. s. 2000/01 Tipo di scuola Docenti che insegnano lingua Docenti in totale straniera di ruolo non di di ruolo non di ruolo ruolo Elementare Secondaria di I grado Secondaria di II grado Tipo di scuola Docenti che insegnano lingua straniera non di di ruolo ruolo di ruolo Docenti in totale non di ruolo Elementare 89,98% 10,02% 100,00% 90,47% 9,53% 100,00% Secondaria di I grado 82,74% 17,26% 100,00% 85,12% 14,88% 100,00% Secondaria di II grado 78,71% 21,29% 100,00% 80,36% 19,64% 100,00% 81,91% 18,09% 100,00% 85,34% 14,66% 100,00% Sono conteggiati i soli docenti di lingua specialisti. Graf. 1 - Distribuzione percentuale dei docenti in totale, di ruolo e non di ruolo, per tipo scuola - a. s. 2000/01 100,00% 80,00% 100,00% 60,00% 80,00% 40,00% 60,00% 20,00% 40,00% 0,00% 20,00% Scuola Scuola secondaria Scuola secondaria elementare di I grado di II grado 0,00% Docenti di ruolo in totale Docenti non di ruolo in totale Scuola Scuola secondaria Scuola secondaria elementare di I grado di II grado Docenti che insegnano lingua straniera non di ruolo Docenti che insegnano lingua straniera di ruolo Graf. 2 - Distribuzione percentuale dei docenti su posti di lingua, di ruolo e non di ruolo, per tipo scuola - a. s. 2000/01 Sono conteggiati per la scuola elementare i soli docenti di lingua specialisti

35 Graf. 3 - Confronto tra le distribuzioni percentuali dei docenti su posti di lingua straniera e di quelli che insegnano altre discipline per tipo scuola - a. s. 2000/01 SCUOLA ELEMENTARE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 95,96% 88,46% 4,04% 11,54% Docenti che insegnano lingua straniera Docenti che insegnano altre discipline Docenti che insegnano lingua straniera Docenti che insegnano altre discipline Sono conteggiati per la scuola elementare i soli docenti di lingua specialisti. SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO 87,58% 12,42% Docenti che insegnano lingua straniera Docenti che insegnano altre discipline

36 Tab. 5 - Composizione per genere dei docenti, di ruolo e non di ruolo, su posti di lingua straniera per tipo di scuola e confronto con i docenti di tutte le discipline - a. s. 2000/01 SCUOLA ELEMENTARE Docenti di ruolo Docenti non di ruolo Disciplina insegnata di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile Inglese , , ,93 Francese , , ,13 Tedesco , , ,50 Spagnolo , , ,00 lingua straniera , , ,35 Tutte le , , ,07 discipline 3 Sono conteggiati per la scuola elementare i soli docenti di lingua specialisti. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Docenti di ruolo Docenti non di ruolo Disciplina insegnata di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile Inglese , , ,14 Francese , , ,38 Tedesco , , ,34 Spagnolo , , ,10 lingua straniera Tutte le discipline , , , , SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Docenti di ruolo Docenti non di ruolo Disciplina insegnata di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile 89, ,55 di cui femmine Percentuale di docenti di genere femminile Inglese , , ,90 Francese , , ,09 Tedesco , , ,26 Spagnolo , , ,10 Altra lingua , , ,22 lingua straniera , , Tutte le , , discipline , ,

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

2003: L handicap e l integrazione nella scuola

2003: L handicap e l integrazione nella scuola Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS - Servizio di Consulenza all Attività Programmatoria 2003: L handicap e

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16 Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Dirigenze scolastiche statali a.s. 2015/16 Provincia Direzione didattica Istituto comprensivo Scuola

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Prot. n 3334 del 6 settembre 2010 Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Il Piano Nazionale Scuola Digitale, della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca di concerto con Il Ministro dell economia e delle Finanze e con il Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione VISTO il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Direzione Generale Studi e Programmazione con cittadinanza non italiana scuole statali e non statali anno scolastico /7

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Laureati anno solare 2009 per genere e area di studi Atenei provincia di Milano 2. Scuole, classi e studenti delle scuole secondarie di secondo grado per regione. Anno scolastico 2009/2010 3. Iscritti

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI sul tema: ORGANICO DI DIRITTO del personale docente a.s. 2007/08 Relatrice: Maria Luisa Altomonte IL SISTEMA SCOLASTICO STATALE IN EMILIA ROMAGNA LE - 1 Le sedi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale Emanati in Gazzetta Ufficiale Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale per le esigenze del MINISTERO DIFESA 1 Dettaglio: concorso pubblico Data di pubblicazione in G.U. 4^ S.S. : 25.10. 2005

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE Anno 2014/2015 Fonte: elaborazione CSSC su dati MIUR 2015 LE SCUOLE DELL INFANZIA Nell universo di scuola paritaria le scuole dell infanzia costituiscono la porzione più importante,

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione alunni con scuole statali e non statali anno scolastico 6/7 NOVEMBRE 7 RTI : EDS Electronic Data Systems Auselda AED Group - Accenture Enel Servizi I dati presentati

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 4 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Report di inizio anno A cura dello staff di HOC-LAB, DEI Novembre 2010 Iscrizioni a.a. 2010/2011 Nell anno accademico 2010/2011

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 MIUR DATI DI RIEPILOGO Docenti registrati Numero Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 N.B. Docenti in formazione associati dai tutor nelle classi virtuali n. 44734

Dettagli

I NUMERI DELLA SCUOLA

I NUMERI DELLA SCUOLA Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Ministeriale, per la Gestione del Bilancio e per le Risorse umane e dell Informazione I NUMERI DELLA SCUOLA settembre 2007 RTI : EDS

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO IL PROGETTO Premessa' Il#Progetto#COOPSTARTUP#Marche#è#promosso#da#Legacoop(Marche((www.legacoopmarche.coop# =#Associazione#che#rappresenta#oltre#300#cooperative#marchigiane#e#che#ha#lo#scopo#di#tutelare#e#

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 Avviso progetto Smart Future : fornitura, a partire dall anno scolastico 2014/2015, di tecnologie digitali a 54 classi di scuola primaria e di

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Cod. ISTAT INT 00051 AREA: Ambiente e territorio Settore di interesse: Ambiente Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Titolare: Dipartimento

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO REGIONI REGOLAMENTAZIONE ORE E MODALITA APPRENDISTATO APPRENDISTATO Lazio no Valle D Aosta no Friuli Venezia Giulia si 500 ore annue per tre anni per apprendisti fra i 15 e 18 anni 400 ore annue per tre

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 1/2 Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 Il nuovo apprendistato contenuto nel d.lgs. n. 167/2011, noto come Testo Unico dell'apprendistato, si articola su tre livelli: - l apprendistato per la qualifica

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2014/2015 (aprile 2014) La presente pubblicazione

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione , Incentivi all occupazione L. 92/2012 Soggetti interessati - Oltre 50 anni, disoccupati da 12 mesi. - Donne disoccupate da 24 mesi (6 mesi area a disagio occupazionale, settori particolari, definiti da

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Il curricolo verticale (prossimo venturo) A cura di Giovanni Spinelli - Liceo musicale V.Gambara di Brescia

Il curricolo verticale (prossimo venturo) A cura di Giovanni Spinelli - Liceo musicale V.Gambara di Brescia Rete nazionale Qualità e sviluppo dei licei musicali e coreutici SEMINARIO INTERREGIONALE RIVOLTO AI LICEI MUSICALI STATALI E PARITARI di Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Sardegna, Toscana, Umbria

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale:

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale: Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE Numero 7 - Novembre 2007 (Estratto dal Comunicato Stampa di Istat sulle Agrituristiche del 16 novembre 07) LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA L Istat

Dettagli

Scuola dell'infanzia Regione

Scuola dell'infanzia Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 26 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Capitolo 7. Istruzione

Capitolo 7. Istruzione Capitolo 7 Istruzione 7. Istruzione Le rilevazioni dei dati statistici relativi ai diversi livelli dell istruzione, sia per quanto riguarda la formazione scolastica sia per quanto attiene all istruzione

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli