corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli"

Transcript

1 corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli

2 Definizione (1/2) Si definisce Area di stoccaggio uno spazio custodito entro il quale vengono depositate le Unità di Carico in attesa di carico o dopo il loro arrivo al terminale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 2

3 Definizione (2/2) 50 m 400 m Area ferro Area stoccaggio Area strada U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 3

4 Introduzione (1/4) Dato un determinato layout è possibile calcolare la capacità di traffico C dell area di stoccaggio in termini di TEU/anno come segue: dove: N c è la capienza dell area di stoccaggio in termini di numero di TEU; r è l indice di rotazione media annua degli stalli, cioè il numero medio di volte che essi vengono occupati da container diversi: in cui T m è il tempo medio di sosta di un contenitore (in anni). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 4

5 Introduzione (2/4) La capienza dell area di stoccaggio N c, in termini di numero di TEU, è determinata attraverso la relazione: dove: N S è il numero di stalli (o slots) contenuti nell area di stoccaggio; H m è il numero medio di contenitori accatastabili l uno sull altro. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 5

6 Introduzione (3/4) Il numero di stalli (o slots) contenuti nell area di stoccaggio N S è calcolato come segue: dove: P e B sono i lati (in metri) dell area di stoccaggio (P è il lato banchina e B è la profondità); l P ed l s sono gli spazi riservati alle corsie di scorrimento presenti lungo il lato banchina e lungo la profondità e devono tenere conto di: numero e larghezza delle vie di circolazione; estensione dell area di manovra. A è l area media occupata dal singolo stallo. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 6

7 Introduzione (4/4) A parità di larghezza L, la capacità dell area di stoccaggio dipende: dalla profondità B; dalla tipologia di unità di movimentazione (UM); dalla tipologia di unità di carico (UC) (omogenea/eterogenea) Nelle figure seguenti sono mostrati alcuni esempi di layout dell area di stoccaggio in funzione di: mezzi di movimentazione adottati; tipologie di unità di carico. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 7

8 Layout di stoccaggio (1/8) Gru gommata di banchina e carrello frontale - UC omogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 8

9 Layout di stoccaggio (2/8) Carrello laterale UC omogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 9

10 Layout di stoccaggio (3/8) Carrello cavaliere UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 10

11 Layout di stoccaggio (4/8) Gru gommata di banchina e carrello frontale UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 11

12 Layout di stoccaggio (5/8) Carrello laterale UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 12

13 Layout di stoccaggio (6/8) Gru a portale su gomma UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 13

14 Layout di stoccaggio (7/8) Gru a portale su rotaia UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 14

15 Layout di stoccaggio (8/8) Impilatore UC eterogenee U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 15

16 Traffico Equivalente (1/2) La capacità di stoccaggio C deve, comunque, rispondere alle esigenze del traffico annuo espresso in termini di TEU: C T e oppure in termini di capienza: U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 16

17 Traffico Equivalente (2/2) Il traffico equivalente T e può essere calcolato come: dove: K >1 serve per tenere conto degli spazi perduti per accatastare i container strutturalmente differenti e per assicurare la capienza nei momenti di punta; U è il traffico giornaliero di contenitori; c è la percentuale dei contenitori 40' rispetto al totale; g sono i giorni lavorativi all anno. Affinché la capacità sia sufficiente a soddisfare il traffico deve quindi valere la: U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 17

18 Gestione dell area di stoccaggio La gestione dell area di stoccaggio è funzione di: tipo di carico (omogeneo od eterogeneo rispetto all inoltro); tipo di mezzi di movimentazione utilizzati. La tipologia del traffico (omogeneo od eterogeneo) influenza le scelte riguardanti il layout di stoccaggio, in termini di: disposizione fisica delle unità di carico con impatto; prestazioni (velocità e densità di stoccaggio dei contenitori). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 18

19 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Introduzione (1/2) Queste scelte sono influenzate, anche, dal tipo di mezzi di movimentazione utilizzati. Ogni mezzo di movimentazione, infatti, a causa delle proprie caratteristiche tecniche, può eseguire solo alcuni tipi di stoccaggio, ad ognuno dei quali corrisponde una certa resa dell area, espressa in termini di numero e di velocità di immagazzinamento dei container per unità di superficie. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 19

20 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Introduzione (2/2) A seconda di ciò che si sceglie di privilegiare tra: velocità di stoccaggio; densità di stoccaggio è importante stabilire una priorità, per cui i mezzi di movimentazione varieranno e di conseguenza si modificherà la struttura dell'area di stoccaggio. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 20

21 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione A titolo esemplificativo si analizzano le principali differenze che si hanno nello stoccaggio di container utilizzando diverse tipologie di mezzi di movimentazione: Carrello cavaliere Carrello laterale Impilatore Carrello frontale U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 21

22 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello cavaliere (1/3) Lo stoccaggio con carrello cavaliere (o straddle carrier), a sollevamento e traslazione tra le quattro gambe del mezzo, è caratterizzato da: container stoccati a due altezze su file singole intervallate in modo da permettere il passaggio delle ruote del mezzo; il conducente ha una ottima visibilità dei blocchi d angolo il che permette un rapido aggancio del container. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 22

23 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello cavaliere (2/3) per contro uno dei montanti rimane fuori vista del conducente; questo si traduce in difficoltà di manovra, riduzione delle velocità di traslazione nelle aree di stoccaggio e affaticamento del conducente. Nella figura seguente è mostrato un esempio di layout con carrello cavaliere. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 23

24 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello cavaliere (3/3) Nella figura seguente è mostrato un esempio di layout con carrello cavaliere a caricamento laterale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 24

25 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello laterale (1/4) Lo stoccaggio può essere effettuato anche con un carrello a caricamento laterale (side loader). In questo caso viene privilegiata la movimentazione a scapito della densità di stoccaggio. Il vettore stradale, infatti può giungere sotto all unità di movimentazione che facilmente lo caricherà/scaricherà in tempi ridotti. Questo però prevede l esistenza di un corridoio, che deve essere mantenuto libero per l accesso dei vettori stradali. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 25

26 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello laterale (2/4) Lo stoccaggio con il carrello laterale è caratterizzato da: container stoccati su file affiancate; il mezzo si potrà spostare lungo una delle finale abbinate; lo spazio fra queste dovrà essere opportunamente dimensionato; il conducente non ha una piena visibilità dei blocchi d angolo dei containers e quindi ha una velocità di aggancio nettamente inferiore a quella realizzabile con un carrello cavaliere; U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 26

27 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello laterale (3/4) l ottima visibilità dell ambiente circostante permette elevate velocità di traslazione, minore affaticamento dell operatore. Nella figura seguente è rappresentato un esempio di layout con carrello laterale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 27

28 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello laterale (4/4) Da questa analisi si evidenzia come l utilizzo del carrello laterale è consigliato in aree di stoccaggio con brevi giacenze ed ampi spazi disponibili, dove deve essere premiata la velocità di traslazione e quindi la possibilità di effettuare cicli di carico/scarico in tempi brevi. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 28

29 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Impilatore (1/3) Infine, la figura seguente mostra lo schema esemplificativo dell area di stoccaggio di un terminal tipo di piccole dimensioni servito da impilatore. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 29

30 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Impilatore (2/3) Anche in questi casi vengono perseguite due diverse filosofie per l ottenimento della più alta resa in container per unità di superficie e per una maggiore velocità di movimentazione. I corridoi di transito dei mezzi, in questi casi, derivano dagli ingombri geometrici compatibili col posizionamento semifrontale della macchina. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 30

31 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Impilatore (3/3) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 31

32 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Carrello frontale La disposizione seguente rappresenta uno schema di stoccaggio realizzabile con un carrello frontale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 32

33 GESTIONE DELL AREA DI STOCCAGGIO Layout ed unità di movimentazione Confronto La movimentazione con carrello cavaliere a caricamento frontale e laterale, e con impilatore è la più indicata per un veloce prelievo dell unità di carico, in quanto l accatastamento risulta facilmente accessibile in tutte le sue file alla macchina operatrice. Tra questi metodi poi, si distingue certamente quello che utilizza il carrello laterale in quanto eseguibile con apparecchiatura di basso costo, di buona efficienza e di considerevole manovrabilità. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 33

34 Esempio applicativo (1/3) Come esempio si riportano due casi estremi di area di stoccaggio: da un lato un piccolo traffico a breve giacenza; dall altro un elevato traffico, a più lunga giacenza, soggetto a variazioni stagionali. I caso II caso U I =110 u/g U II =140 u/g g=250 g=250 c I =0.1 c II =0.2 r I =50 (T m =365/50) r II =36 (T m =365/36) K I =1.1 K II =1.3 Per soddisfare queste condizioni è necessaria una capienza di stoccaggio (C=T e ): N S-I = 660 stalli N S-II = 1516 stalli U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 34

35 Esempio applicativo (2/3) I due traffici sono rispettivamente caratterizzati da: I caso II caso Import eterogenei 50% Import omogenei 30% Export eterogenei 50% Import eterogenei 20% Export eterogenei 50% Ipotizzando che per l area di stoccaggio-base si può disporre di una profondità massima di: B=80 m; B=120 m; B=160 m. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 35

36 Esempio applicativo (3/3) Le soluzioni possibili, in relazione al tipo di unità di movimentazione utilizzabile, sono riportate in tabella. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 36

Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale

Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale Dimensionamento delle singole aree

Dettagli

mezzi di carico e di movimentazione delle merci e capacità di un porto lato mare e lato terra prof. ing. Agostino Cappelli- IUAV Venezia

mezzi di carico e di movimentazione delle merci e capacità di un porto lato mare e lato terra prof. ing. Agostino Cappelli- IUAV Venezia mezzi di carico e di movimentazione delle merci e capacità di un porto lato mare e lato terra prof. ing. Agostino Cappelli- IUAV Venezia 2009 UNITA DI CARICO E MEZZI DI UNITA DI CARICOUNITA DI CARICO E

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI PARTE A

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI PARTE A CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI PARTE A 1 TERMINALI INTERMODALI STRADA-ROTAIA Il terminale intermodale strada-rotaia è composto fondamentalmente da tre sottosistemi: Sistema ferroviario:

Dettagli

Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di LOGISTICA TERRITORIALE  DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Unità itàdim Movimentazione i 1 Introduzione Le Unità di Movimentazione (UM) che garantiscono lo spostamento

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

SISTEMI DI PRESA E FISSAGGIO

SISTEMI DI PRESA E FISSAGGIO corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica SISTEMI DI PRESA E FISSAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Introduzione La funzione principale dei terminali intermodali

Dettagli

Terminali intermodali

Terminali intermodali Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Terminali intermodali Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido (BOZZA) Testi di riferimento Dalla Chiara Bruno, Marigo

Dettagli

TEORIA DEL DEFLUSSO PEDONALE

TEORIA DEL DEFLUSSO PEDONALE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica TEORIA DEL DEFLUSSO PEDONALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Lo studio del deflusso pedonale viene effettuato in analogia

Dettagli

Stoccatori. Una gamma completa, una scelta affidabile

Stoccatori. Una gamma completa, una scelta affidabile Stoccatori Una gamma completa, una scelta affidabile Affidabilità Instancabili sostenitori del tuo successo: lavoriamo per la tua soddisfazione Compatti e sicuri, veloci e facili da manovrare, per favorire

Dettagli

Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2013/14 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docente:

Dettagli

Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti

Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti Requisiti e destinazioni d uso di macro-aree

Dettagli

INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE.

INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE. INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE www.interportopd.it INTERPORTI DEL NORD EST Trento Pordenone Cervignano Verona Padova Rovigo Venezia Portogruaro Parma Bologna Nodo «core»

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il sollevamento

Carrelli per il trasporto e il sollevamento Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche Politecnico di Torino Pagina di 56 Obiettivi

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL CRITERIO

ESERCITAZIONE SUL CRITERIO TECNOLOGIE DELLE COSTRUZIONI AEROSPAZIALI ESERCITAZIONE SUL CRITERIO DI JUVINALL Prof. Claudio Scarponi Ing. Carlo Andreotti Ing. Carlo Andreotti 1 IL CRITERIO DI JUVINALL La formulazione del criterio

Dettagli

Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara INFRASTRUTTURE STRADALI

Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara INFRASTRUTTURE STRADALI Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara INFRASTRUTTURE STRADALI Classificazione delle strade "Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile

Dettagli

APPENDICE D - Classificazione delle strade in base al traffico veicolare

APPENDICE D - Classificazione delle strade in base al traffico veicolare APPENDICE D - Classificazione delle strade in base al traffico veicolare La classificazione delle strade deve avvenire in sintonia con quanto riportato nei: Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 -

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Giorni trascorsi in settimana bianca nel periodo invernale [gg/4mesi]

Giorni trascorsi in settimana bianca nel periodo invernale [gg/4mesi] SECONDA SESSIONE 25 SEZIONE A L azienda Gamberini-Nascetti S.p.A. (G&N S.p.A.) è un azienda che opera nel settore automobilistico, ed è leader italiano nel settore produttivo di pneumatici stradali per

Dettagli

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO Campagna di monitoraggio presso il Comune di Cazzago San Martino Dal 19/6/212 al 21/6/212 Redatta Giovanni Santoro Verificata e Approvata Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario

Dettagli

Allegato all ordinanza n. 14 del 13 luglio 2007

Allegato all ordinanza n. 14 del 13 luglio 2007 Allegato all ordinanza n. 14 del 13 luglio 2007 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE CONTENITORI NELL AREA DENOMINATA PIAZZALE FERROVIARIO. Articolo 1 (campo di applicazione)

Dettagli

Sviluppo del territorio. Rete infrastrutturale.. Organizzazione logistica.

Sviluppo del territorio. Rete infrastrutturale.. Organizzazione logistica. Sviluppo del territorio. Rete infrastrutturale.. Organizzazione logistica. La disciplina del trasporto trasversale ai tre elementi descritti non può che essere l intermodalità. Diversamente, il risultato

Dettagli

IL CARRELLO ELEVATORE EFFICIENZA E MANUTENZIONE-SINONIMO DI SIC

IL CARRELLO ELEVATORE EFFICIENZA E MANUTENZIONE-SINONIMO DI SIC IL CARRELLO ELEVATORE EFFICIENZA E MANUTENZIONE-SINONIMO DI SIC Asl Monza e Brianza Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro 1 Controlli periodici Informazioni generali: Il datore di lavoro deve

Dettagli

STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI

STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI Elementi costitutivi dello spazio stradale Elementi costitutivi dello spazio stradale BANCHINA: parte della strada, libera da qualsiasi ostacolo (segnaletica verticale,

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade

Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade Prof. Pasquale Colonna A.A. 20082009 DECRETO MINISTERIALE 5 novembre 2001 Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade Prof. Pasquale Colonna A.A. 20082009 La nuova Normativa Stradale

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

INFRASTRUTTURE STRADALI

INFRASTRUTTURE STRADALI Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara INFRASTRUTTURE STRADALI Classificazione delle strade "Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria principale non può essere troppo grande a causa del suo costo elevato Non consente la memorizzazione permanente dei dati (volatilità) Per questi motivi sono stati introdotti

Dettagli

Esercitazione 1. Invece, essendo il mezzo omogeneo, il vettore sarà espresso come segue

Esercitazione 1. Invece, essendo il mezzo omogeneo, il vettore sarà espresso come segue 1.1 Una sfera conduttrice di raggio R 1 = 10 cm ha una carica Q = 10-6 C ed è circondata da uno strato sferico di dielettrico di raggio (esterno) R 2 = 20 cm e costante dielettrica relativa. Determinare

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 2012 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Calcio nel periodo da 03/07/2012 al 05/07/2012 Redatta Giovanni Santoro Verificata e Approvata Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE

TRASPORTO INTERMODALE TRASPORTO INTERMODALE Trasporto intermodale Il trasporto intermodale utilizza vari modi di trasporto. Per modo di trasporto si intende la modalità con cui si effettua lo spostamento: su strada ordinaria,

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO DEFINIZIONI FONDAMENTALI CENNI DI LOGISTICA URBANA 1 Definizione Logistica (una delle tante) La logistica è la disciplina che ha come fine quello di ottimizzare

Dettagli

Unità 2 Trasporti interni

Unità 2 Trasporti interni Impianti industriali Unità 2 Trasporti interni Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Trasportatori meccanici fissi Trasporti meccanici mobili Trasporti automatici 2 2005 Politecnico

Dettagli

ARMADI CARRELLATI Vesatili Innovativi Eccellenti

ARMADI CARRELLATI Vesatili Innovativi Eccellenti ARMADI CARRELLATI Vesatili Innovativi Eccellenti RESA FRANCO DESTINO - REALIZZAZIONI E DIMENSIONI FUORI STANDARD DISPONIBILI SU RICHIESTA 15 CARATTERISTICHE SPECIALI DEGLI ARMADI CARRELLATI GMOEHLING Le

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO PRESENTAZIONE CORSO

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO PRESENTAZIONE CORSO CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO PRESENTAZIONE CORSO 1 Definizione Logistica (una delle tante) La logistica è la disciplina che ha come fine quello di ottimizzare le procedure di acquisizione,

Dettagli

UNITA MOBILI CHIRURGICHE per utilizzo temporaneo presso strutture ospedaliere

UNITA MOBILI CHIRURGICHE per utilizzo temporaneo presso strutture ospedaliere 17/02/2010 Pagina 1 di 6 UNITA MOBILI CHIRURGICHE per utilizzo temporaneo presso strutture ospedaliere 20097 S. DONATO MILANESE - Via Civesio, 14 Tel. +39 (2) 55600949 Fax. +39 (2) 55601499 Sito web www.omartechnology.com

Dettagli

Capoluogo di provincia NEGATIVO <9.5 <5.7 <3.8 <1.9-1 SUFFICIENTE BUONO OTTIMO

Capoluogo di provincia NEGATIVO <9.5 <5.7 <3.8 <1.9-1 SUFFICIENTE BUONO OTTIMO Accessibilità al trasporto pubblico Favorire la scelta di siti da cui sono facilmente accessibili le reti di trasporto pubblico ed in cui si incoraggia l'uso del trasporto pubblico. Indice di accessibilità

Dettagli

Carrelli elevatori laterali multidirezionali built to work.

Carrelli elevatori laterali multidirezionali built to work. Carrelli elevatori laterali multidirezionali built to work. www.bulmor.com 04 Carrelli elevatori laterali multidirezionali con telaio articolato 06 Tecnologia, Dettagli e Applicazioni 08 10 Carrelli elevatori

Dettagli

Classificazione delle strade La classificazione delle strade deve avvenire in sintonia con quanto riportato in:

Classificazione delle strade La classificazione delle strade deve avvenire in sintonia con quanto riportato in: ALLEGATO 02 Classificazione delle strade La classificazione delle strade deve avvenire in sintonia con quanto riportato in: Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 - Nuovo codice della strada. Pubblicato

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA

IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA Fabbricato adibito ad esposizione e vendita di prodotti fai da te e bricolage ubicato nel Comune di IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1. Oggetto dell intervento...

Dettagli

L.T. FLUVIO-LOGISTIC

L.T. FLUVIO-LOGISTIC Luca Papi Business Plan per il Concorso di idee: L Idrovia Ferrarese diventa impresa Titolo del Business Plan: L.T. FLUVIO-LOGISTIC Impresa di Servizio Logistico per le PMI *Il mondo in cui viviamo *La

Dettagli

I motori e gli ostacoli per la Supply Chain. I fattori di sviluppo della supply chain 1

I motori e gli ostacoli per la Supply Chain. I fattori di sviluppo della supply chain 1 I motori e gli ostacoli per la Supply Chain I fattori di sviluppo della supply chain 1 Linea guida I motori delle prestazioni della supply chain Un quadro di riferimento per lo sviluppo dei fattori di

Dettagli

Unità 2 Trasporti interni

Unità 2 Trasporti interni Unità 2 Trasporti interni Trasporti interni Sistemi di trasporto interno Carrelli per il trasporto e il sollevamento Trasportatori meccanici fissi Trasporti meccanici mobili Trasporti automatici Politecnico

Dettagli

1. Per i fini indicati all articolo 1, comma 1, lettera a), l Amministrazione regionale è autorizzata a concedere contributi per le seguenti finalità:

1. Per i fini indicati all articolo 1, comma 1, lettera a), l Amministrazione regionale è autorizzata a concedere contributi per le seguenti finalità: Atti consiliari - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia Art. 1 (Finalità) 1. In attuazione degli obiettivi indicati dalla programmazione nazionale e regionale, in materia trasportistica, la Regione

Dettagli

Escavatori, Pale caricatrici frontali, Terne e Autoribaltabili a cingoli

Escavatori, Pale caricatrici frontali, Terne e Autoribaltabili a cingoli Escavatori, Pale caricatrici frontali, Terne e Autoribaltabili a cingoli A) CORSO PER UTILIZZO ESCAVATORE/PALA A CARICAMENTO FRONTALE I contenuti del corso saranno conformi a quanto previsto dall Allegato

Dettagli

MUOVIAMO IL FUTURO /

MUOVIAMO IL FUTURO / MUOVIAMO IL FUTURO / OGNI GIORNO METTIAMO IN CAMPO LA NOSTRA PROFESSIONALITÀ ED ESPERIENZA NEL SETTORE DELLA LOGISTICA MULTIMODALE E DEI TRASPORTI ECCEZIONALI. DAL TRASPORTO DI PRODOTTI SIDERURGICI AL

Dettagli

MODULO C. Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B. La gestione della logistica aziendale

MODULO C. Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B. La gestione della logistica aziendale Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B MODULO C La gestione della logistica aziendale La gestione del magazzino Documento Esercizi C1 Strumenti di gestione delle scorte Tra gli strumenti

Dettagli

Portale Lavoro Per Te

Portale Lavoro Per Te Portale Lavoro Per Te Linee Guida Funzione Dichiarazione Neet INDICE Introduzione... 3 1. Funzione Dichiarazione Neet... 4 1.1 ACCESSO AL PORTALE LAVORO PER TE... 4 1.2 SCHERMATA INIZIALE FUNZIONE DICHIARAZIONE

Dettagli

Progettazione terminali

Progettazione terminali Terminale Progettazione terminali Differenti tipologie di terminali: Rinfuse liquide o solide Merci varie Container Traffico Ro-Ro Crociere 1) Definizione layout 2) Profondità fondali 3) Lunghezza banchine

Dettagli

GRU A BANDIERA E PARANCHI ELETTRICI

GRU A BANDIERA E PARANCHI ELETTRICI GRU A BANDIERA E PARANCHI ELETTRICI GRU A BANDIERA MANUALI O ELETTRICHE E PARANCHI ELETTRICI A CATENA Liftstyle offre una gamma completa di gru a bandiera a rotazione manuale o elettrica a colonna e a

Dettagli

Automazione green per l intermodalità

Automazione green per l intermodalità PADOVA, 19 Febbraio 2016 Evento di lancio del Progetto CEF "Enhancing the efficiency of the new container terminal of Interporto di Padova" Automazione green per l intermodalità Roberto TOSETTO Direttore

Dettagli

PFT THE FLOW OF PRODUCTIVITY MADE IN GERMANY PFT CUTMASTER 05/2012 NUOVO PFT CUTMASTER. Veloce, pratico. Preciso al millimetro. Tagli perfetti.

PFT THE FLOW OF PRODUCTIVITY MADE IN GERMANY PFT CUTMASTER 05/2012 NUOVO PFT CUTMASTER. Veloce, pratico. Preciso al millimetro. Tagli perfetti. PFT THE FLOW OF PRODUCTIVITY MADE IN GERMANY NUOVO PFT CUTMASTER 05/2012 PFT CUTMASTER Veloce, pratico. Preciso al millimetro. Tagli perfetti. PFT CUTMASTER Il taglio a caldo per un applicazione razionale

Dettagli

LISTE DI CONTROLLO MOVIMENTAZIONE MERCI CONTAINERS (Compilata dal responsabile delle operazioni) Verifiche ed indicazioni per migliorare la sicurezza

LISTE DI CONTROLLO MOVIMENTAZIONE MERCI CONTAINERS (Compilata dal responsabile delle operazioni) Verifiche ed indicazioni per migliorare la sicurezza LISTE DI CONTROLLO MOVIMENTAZIONE MERCI CONTAINERS (Compilata dal responsabile delle operazioni) Scheda n Possibile pericolo e AMBIENTI E LUOGHI DI LAVORO:BANCHINA E NAVE Ambiente di lavoro della nave

Dettagli

EMENDAMENTO PRESENTATO DAL CAPOGRUPPO GIUFFRIDA EMENDATO DAL RESPONSABILE TECNICO PER ESPRESSIONE DEL PARERE DI REGOLARITA TECNICA

EMENDAMENTO PRESENTATO DAL CAPOGRUPPO GIUFFRIDA EMENDATO DAL RESPONSABILE TECNICO PER ESPRESSIONE DEL PARERE DI REGOLARITA TECNICA Allegato Sub B) DCC n. 6/2016 EMENDAMENTO PRESENTATO DAL CAPOGRUPPO GIUFFRIDA EMENDATO DAL RESPONSABILE TECNICO PER ESPRESSIONE DEL PARERE DI REGOLARITA TECNICA IN RIFERIMENTO ALL EMENDAMENTO PRESENTATO

Dettagli

GX 12/25 IL CARRELLO COMPATTO

GX 12/25 IL CARRELLO COMPATTO GX 12/25 IL CARRELLO COMPATTO GX Questo carrello dalle dimensioni compatte rappresenta la soluzione ideale per lavorare in spazi ristretti, si presenta altresì forte e affidabile. L uso di acciaio ad alta

Dettagli

Autostrada: Strada extraurbana principale Strada extraurbana secondaria Strada urbana di scorrimento Strada urbana di quartiere Strada locale

Autostrada: Strada extraurbana principale Strada extraurbana secondaria Strada urbana di scorrimento Strada urbana di quartiere Strada locale STRADE Il nuovo Codice della Strada (art. 2, Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285) classifica la viabilità in funzione delle caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali delle strade. Le strade

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria principale non può essere troppo grande a causa del suo costo elevato Non consente la memorizzazione permanente dei dati (volatilità) Per questi motivi sono stati introdotti

Dettagli

STUDIO DI TRAFFICO PER LA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELL APERTURA DEL CENTRO COMMERCIALE EUROSPIN IN VIA NAZIONALE DELLE PUGLIE, NAPOLI

STUDIO DI TRAFFICO PER LA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELL APERTURA DEL CENTRO COMMERCIALE EUROSPIN IN VIA NAZIONALE DELLE PUGLIE, NAPOLI STUDIO DI TRAFFICO PER LA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELL APERTURA DEL CENTRO COMMERCIALE EUROSPIN IN VIA NAZIONALE DELLE PUGLIE, 3 - NAPOLI (Marzo 21) SOMMARIO INTRODUZIONE E SINTESI DELLE CONCLUSIONI DELLO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 07 PIAZZALI AEROMOBILI Docente:

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo (nuzzolo@ing.uniroma2.it) COLLABORATORI prof. ing. Umberto Crisalli (crisalli@ing.uniroma2.it) ing. Pierluigi

Dettagli

Traslatori Traslatori Integrale Traslatori Multipiastra

Traslatori Traslatori Integrale Traslatori Multipiastra T151 T252 T253 Le mani per il vostro carrello Traslatori Traslatori Integrale Traslatori Multipiastra T151P4 T151P2 T151I T252B T253B Traslatori Il traslatore consente lo spostamento laterale del carico

Dettagli

PNEUMATICI PER AUTOGRU

PNEUMATICI PER AUTOGRU PNEUMATICI PER AUTOGRU TGC Pneumatico per autogrù per multi assi stradali con scultura concepita per lo specifico impiego stradale. Battistrada a profilo piatto Fianchi protetti Precisione di guida Ridotta

Dettagli

Distanze di rispetto da strade e autostrade: cosa dice il codice stradale?

Distanze di rispetto da strade e autostrade: cosa dice il codice stradale? INGEGNERI.info /urbanistica Distanze di rispetto da strade e autostrade: cosa dice il codice stradale? Il codice della strada stabilisce distanze di rispetto diverse a seconda che si tratti di autostrade,

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE dei LAVORATORI ai sensi dell art.37 dell Accordo Stato Regioni del SECONDO INCONTRO

CORSO di FORMAZIONE dei LAVORATORI ai sensi dell art.37 dell Accordo Stato Regioni del SECONDO INCONTRO CORSO di FORMAZIONE dei LAVORATORI ai sensi dell art.37 dell Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 SECONDO INCONTRO Geom. Andrea Corradini - Ing. Valentina Giorgieri MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL CORSO Modulo

Dettagli

Problemi di secondo grado con argomento geometrico (aree e perimetri)

Problemi di secondo grado con argomento geometrico (aree e perimetri) Problemi di secondo grado con argomento geometrico (aree e perimetri) Impostare con una o due incognite 1. Un rettangolo ha perimetro 10 cm ed è tale che l area gli raddoppia aumentando di 1 cm sia la

Dettagli

MINI GRU

MINI GRU www.toroitalia.it MINI GRU K10 COMPACT CRANE Il modello K10 è la minigru più compatta della gamma TORO ITALIA vista la sua larghezza di soli 650mm. Radiocomando E facilmente trasportabile ed è in grado

Dettagli

SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE

SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE Dr. Fabrizio Camisetti Marketing & Sales Manager GENOVA, Porto Antico Centro Congressi 11 Novembre

Dettagli

Operatore dei sistemi e dei servizi logistici. Standard della Figura nazionale

Operatore dei sistemi e dei servizi logistici. Standard della Figura nazionale Operatore dei sistemi e dei servizi logistici Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI Referenziazioni della figura Professioni

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI STRADALI BASI NORMATIVE SECONDO IL CODICE DELLA STRADA

LA SICUREZZA DEI CANTIERI STRADALI BASI NORMATIVE SECONDO IL CODICE DELLA STRADA LA SICUREZZA DEI CANTIERI STRADALI BASI NORMATIVE SECONDO IL CODICE DELLA STRADA 1 Duplice aspetto Sicurezza degli utenti della strada Sicurezza degli operatori del cantiere 2 Sicurezza degli utenti della

Dettagli

LE VIE DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI GOMMATI (CAMION, GRU SEMOVENTI CARRELLI ELEVATORI)

LE VIE DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI GOMMATI (CAMION, GRU SEMOVENTI CARRELLI ELEVATORI) PIAZZALI 1 di 14 I piazzali moderni sono caratterizzati dal fatto di avere dimensioni subordinate alla quantità ed al tipo di materiale da lavorare La tipologia del fondo varia sensibilmente tra le vie

Dettagli

Carrelli a rulli continui I Robusti Kit completo di trasporto

Carrelli a rulli continui I Robusti Kit completo di trasporto Per il trasporto su percorsi variabili Carrelli a rulli continui I Robusti Kit completo di trasporto Facile e veloce da assemblare, il modello Hercules contribuisce a rendere più sicure le condizioni di

Dettagli

I SISTEMI AUTOMATICI

I SISTEMI AUTOMATICI I SISTEMI AUTOMATICI GENERALITA I sistemi automatici trovano la più ampia diffusione in tutti i settori: dalle linee di produzione; ai mezzi di trasporto; alle applicazioni civili;... CARATTERISTICHE RICHIESTE

Dettagli

ALMACÉN MANUAL FLEXIBLE

ALMACÉN MANUAL FLEXIBLE ALMACÉN MANUAL FLEXIBLE CONTENUTO 1. Introduzione 3 2. Filosofia 4 3. Caratteristiche Generali 5 4. Classificazione del prodotto 6 4.1. Progetto 6 4.2. Elementi Funzionali 7 5. Specifiche Tecniche 8 6.

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Un esempio per determinare l accoppiamento; Prima di definire l accoppiamento l allevatore deve individuare l obbiettivo genetico che vuole raggiungere ed i criteri per misurarlo. I caratteri che formano

Dettagli

LINEE DI TRASPORTO PUBBLICO

LINEE DI TRASPORTO PUBBLICO INDICE Linee di trasporto pubblico 5 Descrizione delle fermate di trasporto pubblico 7 Verifica delle caratteristiche delle fermate 8 Documentazione fotografica 9 3 di 19 4 di 19 LINEE DI TRASPORTO PUBBLICO

Dettagli

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI Art. 1 - Requisiti tipologici delle strade urbane 1. Nella progettazione delle nuove strade, come nell adeguamento

Dettagli

ECU Dati Tecnici. Transpallet elettrici ECU 14 ECU 16 ECU 18 ECU 20

ECU Dati Tecnici. Transpallet elettrici ECU 14 ECU 16 ECU 18 ECU 20 @ ECU Dati Tecnici Transpallet elettrici ECU 14 ECU 16 ECU 18 ECU 20 2 ECU DATI TECNICI. Questa scheda tecnica indica solo i valori tecnici del carrello standard secondo la Direttiva VDI 2198. Gommature

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità G

TELEPASS+ 3 - Unità G TELEPASS+ 3 - Unità G La gestione della logistica aziendale LOGISTICA AZIENDALE Funzione aziendale che programma, organizza e gestisce la localizzazione, le dimensioni e la struttura dei magazzini aziendali

Dettagli

RACCOMANDATA a/r Firenze, 24 gennaio 2009

RACCOMANDATA a/r Firenze, 24 gennaio 2009 RACCOMANDATA a/r Firenze, 24 gennaio 2009 Al Direttore della Divisione II Direzione Generale per la Sicurezza Stradale Dipartimento per i Trasporti Terrestri e il Trasporto Intermodale MINISTERO DELLE

Dettagli

L AREA DELLE PRINCIPALI FIGURE DELLA GEOMETRIA PIANA

L AREA DELLE PRINCIPALI FIGURE DELLA GEOMETRIA PIANA L AREA DELLE PRINCIPALI FIGURE DELLA GEOMETRIA PIANA Le formule per il calcolo dell area delle principali figure della geometria piana sono indispensabili per poter proseguire con lo studio della geometria.

Dettagli

GH1 Q, GH1 F -1830/08/2012 IT Guldmann

GH1 Q, GH1 F -1830/08/2012 IT Guldmann GH1 Q, GH1 F Sollevatori a soffitto GH1 Sollevatore a soffitto per lungodegenza Il sistema di sollevamento a soffitto GH1 è studiato per soddisfare tutte le esigenze di sollevamento in contesti di assistenza

Dettagli

corso di Teoria dei Sistemi di Trasporto Modelli di offerta PROF. ING. UMBERTO CRISALLI Dipartimento di Ingegneria dell Impresa

corso di Teoria dei Sistemi di Trasporto Modelli di offerta PROF. ING. UMBERTO CRISALLI Dipartimento di Ingegneria dell Impresa corso di Teoria dei Sistemi di Trasporto PROF. ING. UMBERTO CRISALLI Dipartimento di Ingegneria dell Impresa crisalli@ing.uniroma.it Iscrizione al corso Da effettuarsi on line http://delphi.uniroma.it

Dettagli

Risposte ai quesiti D E H D

Risposte ai quesiti D E H D Perugia, dic. 2009/gen. 2010 Risposte ai quesiti 1. Dati i quadrati CD e C D, come in figura, provare che la perpendicolare uscente da alla retta DD passa per il punto medio del segmento quale che sia

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI MICROFILIERE ENERGETICHE DI AUTOCONSUMO A SMINUZZATO CRITICITÀ E PUNTI DI FORZA

DIMENSIONAMENTO DI MICROFILIERE ENERGETICHE DI AUTOCONSUMO A SMINUZZATO CRITICITÀ E PUNTI DI FORZA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AGRICOLTURA, LE FORESTE, LA NATURA E L ENERGIA (DAFNE) DIMENSIONAMENTO DI MICROFILIERE ENERGETICHE DI AUTOCONSUMO A SMINUZZATO CRITICITÀ E PUNTI DI FORZA OBIETTIVI

Dettagli

Informatica WINDOWS. Francesco Tura F. Tura

Informatica WINDOWS. Francesco Tura F. Tura Informatica WINDOWS Francesco Tura francesco.tura@unibo.it Che cos è Windows? È un Sistema Operativo ad interfaccia grafica prodotto dalla Microsoft, che viene utilizzato su computer con CPU Intel Pentium

Dettagli

CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA

CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità L INCIDENTALITA : CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA GESTIONE DELLA VIABILITA IL LIBRO BIANCO DELLA COMUNITA EUROPEA del 2001 La Politica Europea dei

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Scuola di Ingegneria. Corso di: FONDAMENTI DI TRASPORTI ESERCITAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Scuola di Ingegneria. Corso di: FONDAMENTI DI TRASPORTI ESERCITAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Scuola di Ingegneria Corso di: FONDAMENTI DI TRASPORTI ESERCITAZIONE FLUSSO VEICOLARE E LIVELLO DI SERVIZIO DI UNA STRADA BIDIREZIONALE A DUE CORSIE Dott. Ing. Donato

Dettagli

percorso 4 Estensione on line lezione 2 I fattori della produzione e le forme di mercato La produttività La produzione

percorso 4 Estensione on line lezione 2 I fattori della produzione e le forme di mercato La produttività La produzione Estensione on line percorso 4 I fattori della produzione e le forme di mercato lezione 2 a produzione a produttività Una volta reperiti i fattori produttivi necessari l imprenditore dovrà decidere come

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_2012 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo (nuzzolo@ing.uniroma2.it) COLLABORATORI prof. ing. Umberto Crisalli (crisalli@ing.uniroma2.it) ing.

Dettagli

Piano di Sicurezza e di Coordinamento Allegato 1 Indicazioni generali sull'approntamento dei cantieri stradali

Piano di Sicurezza e di Coordinamento Allegato 1 Indicazioni generali sull'approntamento dei cantieri stradali CITTA DI CASTEL MAGGIORE Ai sensi dell art. 100 del D. Lgs 9 Aprile 2008 n. 81 coordinato con il D.Lgs 3 Agosto 2009 n. 106 MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE 2016 Piano di Sicurezza e di Coordinamento

Dettagli

CONTENITORI CONTAINERS PLASTICA. Un cargo plus 600 ha una portata massima di 500 Kg. In sovrapposizione max 2000 Kg. cargopallet 600 plus

CONTENITORI CONTAINERS PLASTICA. Un cargo plus 600 ha una portata massima di 500 Kg. In sovrapposizione max 2000 Kg. cargopallet 600 plus 28 CONTAINERS PLASTICA Il Cargopallet 600 Plus è tra i contenitori industriali quello che più di tutti risolve i problemi logistici e di movimentazione di grandi quantità di merci. Stampato a iniezione

Dettagli

IL TANGRAM. Il quadrato della saggezza. Il tangram e un' antica invenzione cinese e forse il più antico puzzle di carattere geometrico.

IL TANGRAM. Il quadrato della saggezza. Il tangram e un' antica invenzione cinese e forse il più antico puzzle di carattere geometrico. IL TANGRAM. Il quadrato della saggezza. Il tangram e un' antica invenzione cinese e forse il più antico puzzle di carattere geometrico. Consiste in un quadrato diviso in 7 parti, chiamati tan, come indicate

Dettagli

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI Art. 1 - Requisiti tipologici delle strade urbane 1. Nella progettazione delle nuove strade, come nell adeguamento

Dettagli

della movimentazione dei carichi

della movimentazione dei carichi S. BROCCHI S. STANGANINI della movimentazione dei carichi manuale ad uso dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m., Titolo I, Sezione IV, art. 36 a B c della MOVIMENTAZIONE dei CARICHI introduzione...

Dettagli

GLASSWARE DEPARTMENT GLASSWARE DEPARTMENT CAVALLETTO PORTAVETRO. Cavalletto portavetro a doppia spalliera

GLASSWARE DEPARTMENT GLASSWARE DEPARTMENT CAVALLETTO PORTAVETRO. Cavalletto portavetro a doppia spalliera La MORANDIN CONTENITORI S.r.l. sta da parecchio tempo ampliando la gamma dei cavalletti, specializzandosi soprattutto nel settore vetrario. Siamo in grado di soddisfare ogni vostra singola richiesta personalizzando

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci. Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità

Tavolo regionale per la mobilità delle merci. Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità Tavolo regionale per la mobilità delle merci Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità Sottogruppo 1- Infrastrutture e intermodalità Premessa L Assessorato ai Trasporti e alla Mobilità della Regione

Dettagli

PORTE INNOVATIVE, ADATTE ALLE VOSTRE ESIGENZE

PORTE INNOVATIVE, ADATTE ALLE VOSTRE ESIGENZE PORTE INNOVATIVE, ADATTE ALLE VOSTRE ESIGENZE DYNACO è leader mondiale nel campo delle porte ad alta velocità. Fondata nel 1987, DYNACO ha una vasta esperienza nelle porte ad alte prestazioni. Con la nuova

Dettagli

TERMINAL CONTAINER OTTIMIZZAZIONE DEI SISTEMI HANDLING

TERMINAL CONTAINER OTTIMIZZAZIONE DEI SISTEMI HANDLING TERMINAL CONTAINER OTTIMIZZAZIONE DEI SISTEMI HANDLING Ing. Maria A. Bevilacqua 3/11/2011 1 Abstract Il lavoro analizza e studia soluzioni progettuali per migliorare le prestazioni dei terminal container

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO TABELLA RIASSUNTIVA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Ricordiamo che la formazione dei lavoratori deve essere periodicamente ripetuta in relazione a: evoluzione

Dettagli