Solvency II: Impact Assessment Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solvency II: Impact Assessment Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia"

Transcript

1 X Congresso Attuari Roma, 6 giugno 2013 Solvency II: Impact Assessment Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia Angelo Doni Responsabile Bilanci e Solvency ANIA

2 Agenda Timeline Solvency II Considerazioni generali sui risultati Counter-Cyclical Premium Matching Adjustment Misure Transitorie Iniziative ANIA Solvency II 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 2

3 Agenda Timeline Solvency II 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 3

4 Timeline Solvency II* *Ipotesi basate sulle informazioni ad oggi disponibili /2017 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 gennaio Livello 1 Direttiva quadro Livello 2 Mar Delegated Acts (DA)/Implementing Acts (IA) Interim Measures Linee Guida EIOPA Impact assessment Long-term Guarantees Impact Assessment (IA) EIOPA 25 novembre 2009 Adozione Direttiva Solvency II 31 ottobre 2011 Bozza di proposta non pubblica di misure di secondo livello da parte della Commissione Europea dicembre Accordo del trilogo sulle Terms of Reference per IA marzo-giugno Consultazione pubblica EIOPA sulle Guidelines relative alle Interim Measures gennaiomarzo Svolgimento IA 22 ottobre Votazione in seduta plenaria del Parlamento Europeo su Omnibus II settembre Final Preparatory Guidelines di EIOPA giugno-luglio Pubblicazione Report EIOPA e Report Commissione Europea sui risultati dell IA Pubblicazione Direttiva Omnibus II su Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea Adozione dei Delegated Acts gennaio Applicazione Guidelines Pubblicazione dei Delegated Acts dopo un periodo di non-obiezione di 3/6 mesi febbraio Inizio dei report annuali sui progressi nell applicazione delle Guidelines Trasposizione della Direttiva Entrata in vigore Solvency II? 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 4

5 Agenda Considerazioni generali sui risultati 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 5

6 Considerazioni generali sui risultati (1/2) I risultati dell Impact Assessment (IA) dimostrano la necessità che il framework di Solvency II preveda misure anti-cicliche e l insufficienza e l inadeguatezza delle proposte così come disegnate nelle Technical Specifications (TS) dell IA predisposte da EIOPA I dati emersi dal mercato italiano confermano questa analisi I risultati quantitativi per l industria assicurativa italiana evidenziano l inadeguatezza delle misure proposte rispetto alle caratteristiche dei prodotti assicurativi del mercato e delle tecniche di asset-liability management tipiche del settore 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 6

7 Considerazioni generali sui risultati (2/2) In particolare, si rileva: Le imprese non riescono a formulare ipotesi di Solvency Ratio per l assenza di un criterio per la determinazione e l attivazione del CCP Necessità di un criterio di quantificazione del CCP da inserire nei modelli previsionali Prevedere un «CCP Risk» SCR è controintuitivo Il CCP Risk SCR può determinare un peggioramento del Solvency Ratio a livelli elevati di basis point applicati L unico scenario utilizzabile per il Matching Adjustment (MA) è il n. 6 Extended Alternative MA, applicato dalle compagnie italiane senza la restrizione del ringfencing. L effetto positivo sul Solvency Ratio dello scenario n. 6 corrisponde a un CCP 100 bps(quindiscenario1 Baseline)senzail CCPRisk SCR L esercizio è complesso, soprattutto per i criteri di applicabilità del MA Le misure transitorie hanno un effetto opposto: forte peggioramento del SCR 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 7

8 Agenda Counter-Cyclical Premium 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 8

9 Counter-Cyclical Premium Criticità emerse per il mercato Italiano Le TS EIOPA prevedono un requisito di capitale sul CCP (SCR CCP) che ne riduce fortemente gli effetti. Considerando che un aumento della curva di attualizzazione per effetto del CCP non ha solo un effetto positivo sugli Own Funds (per la riduzione delle passività assicurative), ma produce effetti anche su altri rischi è addirittura possibile che l applicazione del CCP possa comportare in ultimo un peggioramento del Solvency Ratio. In alcuni casi, la situazione di solvibilità peggiora passando dallo scenario in cui il CCP=100bps a quello in cui CCP=250 bps Aver previsto livelli assoluti di CCP comporta un incertezza delle stime. Si tratterebbe più di un sensitivity test L aggiustamento alla curva risk-free di 35 bps per il rischio di credito non sembra motivato (Nonostante il valore sia simile alla media dello spread fra swap ed EONIA) 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 9

10 Agenda Matching Adjustment 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 10

11 Matching Adjustment Criticità emerse per il mercato Italiano L idea iniziale del MA era di introdurre un aggiustamento al tasso di attualizzazione nei casi di matching tra attività e passività. Si tiene anche conto del rischio di vendite forzate di attivi in caso di uscite non previste per riscatti o altre cause di estinzione dei contratti. Le limitazioni previste nell Impact Assessment hanno snaturato l obiettivo di fondo del MA. Esercizio complesso Le limitazioni sulle tipologie di attivi considerati, i requisiti stringenti di ring-fencing e i criteri rigidi di mismatching non sono coerenti con i prodotti italiani L application ratio penalizza eccessivamente le situazioni in cui i flussi degli attivi siano temporalmente antecedenti a quelli dei passivi Possibili impatti per il business assicurativo, per le politiche di asset management e anche per alcuni prodotti presenti in Italia qualora non vengano tolte le restrizioni previste Lo Scenario 6 MA extended alternative è l unico percorribile senza l ipotesi di ring-fencing L applicazione delle regole previste dalle TS non è coerente con le modalità tipiche di profit sharing dei prodotti assicurativi italiani 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 11

12 Agenda Misure Transitorie 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 12

13 Misure Transitorie Criticità emerse per il mercato Italiano Con riferimento al mercato italiano, l adozione di misure transitorie efficaci all interno del framework Solvency II è molto complicata. L effetto è un fortissimo peggioramento del Solvency Ratio. Le misure transitorie dell IA portano il settore assicurativo italiano a una situazione opposta a quella per cui le stesse sono state introdotte L adozione dei tassi tecnici spesso prossimi allo zero porta a un importante incremento delle passività assicurative rispetto allo Scenario 0 Non è semplice trovare una curva di sconto che renda equivalenti le valutazioni Solvency II con quelle Solvency I 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment-Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 13

14 Agenda Iniziative ANIA Solvency II 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 14

15 Iniziative ANIA Solvency II Iniziative ANIA Solvency II Percorsi formativi per il quinto studio di impatto quantitativo (QIS 5) e traduzione della bozza di specifiche tecniche Elaborazione dei dati del QIS 5 per il mercato italiano Reporting Templates e relazione con i dati contabili Analisi della bozza delle linee guida EIOPA su Own Risk and Solvency Assessment (ORSA) e Governance Analisi di mercato per l impiego di external data nella stima degli Undertaking Specific Parameters Solvency II Risk Appetite Percorsi formativi Stress Test EIOPA ed elaborazione dei dati per il mercato italiano Incontri di approfondimento sulla bozza di misure di attuazione di Solvency II Progetto comunicazione finanziaria Solvency II Monitoraggio Solvency ratio nel continuo Incontri di approfondimento su tematiche Solvency II: Own Funds Reporting Templates Riassicurazione Progetto Newsletter mensile Solvency II Percorsi formativi per l Impact Assessment EIOPA sulle Long- Term Guarantees e elaborazione dei dati per il mercato italiano 06/06/2013 Solvency II: Impact Assessment -Considerazioni ANIA sui risultati emersi in Italia 15

16

Ultime novità su Solvency II. Gli effetti della ricapitalizzazione e nuovi principi

Ultime novità su Solvency II. Gli effetti della ricapitalizzazione e nuovi principi Ultime novità su Solvency II. Gli effetti della ricapitalizzazione e nuovi principi Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Member of the Advisory Scientific Committee of the ESRB Visiting Professor, Risk

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2 Change management dei sistemi di corporate e risk governance e degli assetti organizzativi e di controllo White Paper 2014 INDICE PREMESSA... 3 UN NUOVO FRAMEWORK DI RISK & CORPORATE GOVERNANCE... 4 IL

Dettagli

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il business delle gestioni speciali 2. L applicazione del Matching Adjustment alle gestioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL MODULO DI RISCHIO DI SOTTOSCRIZIONE PER L ASSICURAZIONE VITA AI FINI DELLA DETERMINAZIONE

Dettagli

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII NUMERICA RISK STP FUNZIONE ATTUARIALE, SOLVENCY II DIRETTIVA SOLVENCY II FUNZIONI FONDAMENTALI In conformità agli articoli 44, 46, 47 e 48 della direttiva 2009/138/CE Solvency II, le autorità nazionali

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 Parere sulla politica di sottoscrizione nel suo complesso Alberto Lonza Salvatore La Torre Roma, 1 luglio 2014 Agenda Definizione del compito specifico della

Dettagli

Solvency II il punto di vista dell'ania e le principali problematiche attualmente in

Solvency II il punto di vista dell'ania e le principali problematiche attualmente in SOLVENCY II: I PASSI DA COMPIERE PER DEFINIRE E GESTIRE IL PROPRIO PROFILO DI RISCHIO ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DAL SECONDO PILASTRO Milano, 24 maggio 2012 Solvency II il punto di vista dell'ania

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 Coordinamento, gestione e controllo in materia di riserve tecniche A. Chiricosta Roma, 1 luglio 2014 Agenda Indicazioni dalla Lettera al mercato applicazione

Dettagli

Solvency II: origine, struttura e sviluppo 12 Novembre 2013

Solvency II: origine, struttura e sviluppo 12 Novembre 2013 Solvency II: origine, struttura e sviluppo 12 Novembre 2013 Agenda Solvency II: uno sguardo retrospettivo Obiettivi e tempistica Struttura di Solvency II I nuovi requisiti di solvibilità: i principi basilari

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo ORSA e Risk Reporting Andrea Scribano 0.01.014 Il 01 è stato un anno di stimoli importanti in ottica

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

EIOPA: i temi di interesse

EIOPA: i temi di interesse Prospettive della previdenza complementare in Italia alla luce del nuovo quadro regolamentare europeo Workshop organizzato da Mefop, Assofondipensione e Assoprevidenza, in collaborazione con EY Labor EIOPA:

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI REQUISITI IN MATERIA DI FONDI PROPRI: L EBA PUBBLICA LA BOZZA FINALE DI RTS, ITS ED UN OPINION 2 POLITICHE DI REMUNERAZIONE: L

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI Versione 0.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 05/05/2011 Versione 1.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 04/08/2011 Versione

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Il recepimento di Solvency II. Il «nuovo» Codice delle Assicurazioni Private

Il recepimento di Solvency II. Il «nuovo» Codice delle Assicurazioni Private Il recepimento di Solvency II. Il «nuovo» Codice delle Assicurazioni Private Francesco Mauro Roma, 18 settembre 2015 Perché Solvency II? Il progetto Solvency II: obiettivi Limiti di Solvency I Sistema

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IL RISCHIO DI SPREAD :

IL RISCHIO DI SPREAD : Corso tecnico/pratico Seconda Edizione IL RISCHIO DI SPREAD : MISURAZIONE E GESTIONE TRAMITE COSTRUZIONE IN AULA DI MODELLI IN EXCEL Milano, 26 e 27 novembre 2013 Hotel Four Points Sheraton Via Cardano

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era Mondo Alternative Workshop Le sfide dell assetallocationin una nuova era Giovedì11 ottobre 2012 L impatto dell'analisi delle attivitàe passivitàdi un ente previdenziale sull'assetallocation Attuario Indice

Dettagli

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Edoardo Marullo Reedtz Responsabile Studi Finanziari, ANIA 12 marzo 2015 Università degli Studi di Parma, «Compagnie di Assicurazione e Banche

Dettagli

Workshop ANIA. Il nuovo Regolamento 36: incontro tra compagnie e mercati. Milano, 26 novembre 2014

Workshop ANIA. Il nuovo Regolamento 36: incontro tra compagnie e mercati. Milano, 26 novembre 2014 Workshop ANIA Il nuovo Regolamento 36: incontro tra compagnie e mercati Milano, 26 novembre 2014 Fausto Parente Responsabile Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza, IVASS Indice I. Premessa sugli

Dettagli

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative:

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: ATTIVITA DI RICERCA 2016 Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: impatti di accounting, governance e processo PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI IFRS 9 entrerà in vigore il 1 gennaio 2018 sostituendo

Dettagli

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Sovency II Contesto e sfide della riforma Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Indice Introduzione Sintesi della riforma Contesto del mercato assicurativo Calendario

Dettagli

L organizzazione dell investimento previdenziale: Il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale

L organizzazione dell investimento previdenziale: Il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale Laura Crescentini L organizzazione dell investimento previdenziale: Il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale Roma, 15 marzo 2012 Il quadro di riferimento D. M. n. 703/1996 Direttiva

Dettagli

Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II

Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II A13 Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II Metriche valutative a confronto Copyright MMXIV ARACNE editrice int.le

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA

Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA Dott. Claudio Carmelo Bellomo Dottore commercialista - Revisore legale REGOLAMENTO DELEGATO APPROVATO DALLA COMMISSIONE DELL UNIONE EUROPEA Il 10 ottobre 2014 la Commissione dell Unione Europea ha adottato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI 59th UIA CONGRESS Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI Giovedì 29 ottobre 2015 LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI Enrique Sanz Fernández-Lomana C/ Serrano

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Ufficio Organizzazione 1 Delibera CdA 09.03.2016 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA

Dettagli

Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard

Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard EIOPA-BoS-14/174 IT Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. +

Dettagli

Ottobre 2015. L attuazione in Italia della direttiva Solvency II: un quadro di sintesi. Avv. David Maria Marino e Avv. Sebastiano Costa, DLA Piper

Ottobre 2015. L attuazione in Italia della direttiva Solvency II: un quadro di sintesi. Avv. David Maria Marino e Avv. Sebastiano Costa, DLA Piper Ottobre 2015 L attuazione in Italia della direttiva Solvency II: un quadro di sintesi Avv. David Maria Marino e Avv. Sebastiano Costa, DLA Piper 1.- Premessa A seguito di una gestazione durata quasi un

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvata con delibera del C.d.A. n. 2974 del 31/05/2011 Formalizzata con O.d.S. n. 8 dell 1/06/2011

Dettagli

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Le passività senza attività corrispondenti Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Avversione al rischio e remunerazione del rischio Price of time e Price of risk Valutazione

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Solvency II The implementation phase:

Solvency II The implementation phase: Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca

Dettagli

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c.

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob

Dettagli

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Laura Crescentini Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale Roma, 29 marzo 2012 Il quadro di riferimento D. M. n. 703/1996

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Francesco Cuzzucrea La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Incontro Attuari Incaricati Vita 1 La Direttiva 2009/138/CE: Best Estimate Articolo 77: La Best Estimate corrisponde alla media

Dettagli

Il longevity risk. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a.

Il longevity risk. Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. Il longevity risk Dott.ssa Donatella Rossi corso di Tecnica Attuariale per le Assicurazioni Prof.ssa Anna Maria Palazzo a.a. 2012/2013 Longevity risk Il longevity risk può essere definito ad un livello

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Data 16 febbraio 2011 Delibera Consiglio d Amministrazione del marzo

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

Solvency II Ottimizzazione del Capitale di Rischio Soluzioni riassicurative per migliorare il Margine di Solvibilità

Solvency II Ottimizzazione del Capitale di Rischio Soluzioni riassicurative per migliorare il Margine di Solvibilità Solvency II Ottimizzazione del Capitale di Rischio Soluzioni riassicurative per migliorare il Margine di Solvibilità Paolo Ghirri, Munich Re Milano Milano, 27 Giugno 2011 Agenda 1. A diciotto mesi da Solvency

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

Misure di anticipazione: Risk Governance, ORSA e Written Policies (Generali case study)

Misure di anticipazione: Risk Governance, ORSA e Written Policies (Generali case study) Department: Group Risk Management Country: Head Office Misure di anticipazione: Risk Governance, ORSA e Written Policies (Generali case study) Marina Kodric ERM 15 Maggio 2014 2 Agenda - Il progetto Solvency

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 5.11 Risk Report Il Risk Report intende fornire le informazioni integrative e di supporto per permettere agli stakeholders di effettuare una valutazione della situazione patrimoniale

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA S.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Riccardo Cesari (Università di Bologna e IVASS) Milano,SDA Bocconi, 10.7.2013 1 Crisi finanziaria e risk management

Dettagli

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN Milano, 24 maggio 2012 GOVERNANCE E IL RUOLO DEGLI ATTUARI CLAUDIO TOMASSINI SISTEMA DI GOVERNANCE FUNZIONE GESTIONE DEI RISCHI, ART. 44 (SISTEMA GESTIONE DEI RISCHI EFFICACE)

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 17/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L AGGIUSTAMENTO PER LA CAPACITA DI ASSORBIMENTO DELLE PERDITE DELLE RISERVE TECNICHE E DELLE IMPOSTE

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ.

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. BANCA DON RIZZO CREDITO COOPERATIVO DELLA SICILIA OCCIDENTALE Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. In conformità

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 B Corso Specialistico Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 approccio secondo la valutazione prospettiva dei rischi (FLAOR) Milano, 28-29 Ottobre 2014 Obiettivi Le recenti

Dettagli

RISCHIO DI LIQUIDITA RISCHIO DI TASSO RISCHIO DI MERCATO

RISCHIO DI LIQUIDITA RISCHIO DI TASSO RISCHIO DI MERCATO STRUTTURA PER SCADENZE (GAP DI LIQUIDITA ) PROFILO DEI FLUSSI RISCHIO DI LIQUIDITA EFFETTI FINANZIARI STRUTTURA PER SCADENZE DATE CONTRATTUALI DATE REPRICING RISCHIO DI TASSO EFFETTI ECONOMICI (SU CONTO

Dettagli

POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI Criticità e proposte di intervento a tutela dei consumatori

POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI Criticità e proposte di intervento a tutela dei consumatori POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI Criticità e proposte di intervento a tutela dei consumatori CONFRONTO CON IL MERCATO IVASS - Roma, 5 giugno 2015 Roma, 5 giugno 2015 Framework Crescente attenzione per

Dettagli

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry Prometeia/CI spa: La confrontabilità dei bilanci è necessaria quanto l adozione di criteri contabili in grado di esprimere equilibrio tra resilienza nei momenti di crisi e trasparenza. Se non c è autoregolamentazione

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

Politica di valutazione e pricing

Politica di valutazione e pricing Politica di valutazione e pricing Aprile 2014 Indice Premessa... 3 1. Politica di valutazione e pricing... 3 1.1 Ambito di applicazione e contenuto... 3 1.2 Caratteristiche delle metodologie di pricing

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI L Attuario nelle Compagnie di Assicurazione Noi Attuari: elementi distintivi della nostra formazione e il nostro DNA professionale Alberto Lonza Giovanni Sammartini Roma, 16 giugno 2015 Milano, 26 giugno

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo ********** gennaio 2012 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI Banca di Credito Cooperativo di Triuggio e della Valle del Lambro POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI (emesse in relazione alla Linee Guida Federcasse per

Dettagli

SCOR inform - Aprile 2012. (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II

SCOR inform - Aprile 2012. (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II SCOR inform - Aprile 2012 (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II Autore Thorsten Keil SCOR Global Life Colonia Redattore Bérangère Mainguy Tel:

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 luglio 2011 1 Indice PREMESSA... 3 1. Politica di valutazione e pricing...

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

FTP: una bussola per orientarsi nella tempesta finanziaria

FTP: una bussola per orientarsi nella tempesta finanziaria IL GOVERNO DELLA LIQUIDITA IN BANCA: ASPETTI NORMATIVI E GESTIONALI FTP: una bussola per orientarsi nella tempesta finanziaria Alessandro Conciarelli Banca d Italia Dipartimento di Vigilanza Bancaria e

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Primavera 2010. Solvency II: la Gap Analysis e la partecipazione al QIS5 come passi importanti per avviare il processo

Primavera 2010. Solvency II: la Gap Analysis e la partecipazione al QIS5 come passi importanti per avviare il processo Primavera 2010 NewsLet ter ASSICURAZIONI VITA E DANNI Solvency II: la Gap Analysis e la partecipazione al QIS5 come passi importanti per avviare il processo Il comportamento dinamico degli assicurati Utilizzo

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli