Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it"

Transcript

1 Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012

2 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK-ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

3 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

4 1. Introduzione Le banche sono destinate ad assumere rischi: una certa quantità di rischio è fisiologica e positiva. Una banca ben gestita, quindi, non evita i rischi o li riduce al minimo, bensì assume i rischi in maniera equilibrata. È importante che le perdite eventualmente originate dai rischi a cui la banca è esposta siano coperte dal capitale a disposizione. Tuttavia, un patrimonio a copertura dei rischi eccessivo risulta essere sub-ottimale e non profittevole.

5 1. Introduzione Affinché il capitale di una banca sia effettivamente proporzionato ai rischi assunti, sono necessari: La misurazione dei rischi in essere e la quantificazione delle possibili perdite future L adeguatezza del capitale a sopportare le perdite IN PARTICOLARE Il Comitato di Basilea ha dedicato particolare attenzione ai requisiti minimi patrimoniali collegati ai rischi (Basilea I, 1988 e Basile II, 2004).

6 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

7 2. Principali tipologie di rischio Rischio di credito Default Downgrading Recupero Esposizione Concentrazione Rischio di mercato Rischio di liquidità Cambio Interesse Azionario Merci Volatilità Rischio operativo Altri rischi Strategico Reputazionale

8 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

9 2.1 Il rischio di credito Secondo una definizione tradizionale: Il rischio di credito si configura come l eventualità di una perdita che la banca può subire a seguito dell insolvenza totale o parziale del debitore Nuova definizione: Rischio di conseguire perdite inattese a seguito del verificarsi di un credit event Rischio di credito a) Rischio di default b) Rischio di downgrading c) Rischio di recupero d) Rischio di esposizione e) Rischio di spread f) Rischio di concentrazione

10 2.1 Il rischio di credito A. Rischio di insolvenza (o di default) Possibilità che un debitore non rimborsi interamente o parzialmente quanto dovuto nei tempi previsti. Viene misurato attraverso la probabilità di default (PD), riferito ad un certo orizzonte temporale futuro. Una particolare tipologia è il rischio Paese. B. Rischio di downgrading Eventualità che il merito creditizio di una controparte si riveli inferiore a quanto stimato originariamente dal creditore.

11 2.1 Il rischio di credito C. Rischio di recupero Il rischio di recupero è definito come il rischio che il valore economico dell ammontare effettivamente recuperato sia inferiore a quanto originariamente stimato. D. Rischio di esposizione Indica il rischio che l ammontare prestato subisca un incremento in prossimità del default, così che l esposizione al momento del default risulta maggiore di quanto in precedenza stimato dal creditore.

12 2.1 Il rischio di credito D. Rischio di concentrazione Rischio che il livello di diversificazione del portafoglio prestiti si riveli inferiore alle attese. E. Rischio di spread Rischio connesso ad un eventuale rialzo degli spread richiesti dal mercato a un debitore. Può essere legato o meno al downgrading di un debitore.

13 2.1 Il rischio di credito Concentrandosi sul rischio di insolvenza è possibile calcolare la perdita attesa (expected loss, EL) su un esposizione creditizia, come: EL PD EAD LGD dove: PD: probabilità di default del debitore EAD: valore atteso dell esposizione al momento del default LGD: valore atteso del tasso di perdita in caso di default La perdita attesa in quanto attesa non è rischio!

14 2.1 Il rischio di credito EXPOSURE AT DEFAULT (EAD) Rappresenta una variabile la cui aleatorietà è funzione della forma tecnica di finanziamento concesso al debitore. Esempio: apertura di credito in conto corrente Il debitore può variare entro il fido la dimensione del finanziamento rischio di esposizione Per stimare EAD occorre conoscere: la quota di fido utilizzata (drawn portion DP) la quota di fido inutilizzata (undrawn portion UP) stimare un credit conversion factor (CCF), ossia una percentuale del fido inutilizzato che si attende venga prelevata al momento del default In questo caso l EAD è pari a: EAD DP UP CCF

15 2.1 Il rischio di credito LOSS GIVEN DEFAULT (LGD) E funzione di quattro fattori principali: 1. Caratteristiche dell esposizione 2. Caratteristiche del debitore 3. Caratteristiche della banca che gestisce il processo di recupero 4. Fattori esterni La stima della LGD avviene sovente attraverso un confronto con i valori di LGD registrati su un campione di prestiti con caratteristiche simili e terminati in default negli anni precedenti.

16 2.1 Il rischio di credito PROBABILITY OF DEFAULT (PD) Sistemi di rating Procedimento in cui sono ponderati anche gli aspetti qualitativi del cliente. Utilizzati per impieghi a soggetti grandi e complessi. Sistemi di scoring Sistema di stima maggiormente automatizzato, che, partendo dalle caratteristiche del cliente, le trasformano in un numero tanto più basso quanto più è probabile l evento default. Utilizzato per prestiti di importo limitato e standardizzati.

17 2.1 Il rischio di credito LA PERDITA INATTESA la perdita attesa non è una misura di rischio, ma un costo. Il rischio di credito è quindi misurato dal possibile scostamento delle perdite effettive rispetto al valore atteso. Una misura di tale scostamento può essere la deviazione standard (o volatilità) della distribuzione delle perdite effettive. La perdita effettivamente sostenuta su un credito è data da: L LGD EAD D

18 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

19 2.2 Il rischio di mercato Il rischio di mercato trae origine da possibili variazioni inattese delle variabili di mercato. A seconda del tipo di variabili cui si fa riferimento, esistono cinque principali categorie di rischi di mercato: 1. Rischio di cambio 2. Rischio di interesse 3. Rischio azionario 4. Rischio merci 5. Rischio di volatilità La misura del rischio di mercato si basa sull osservazione dell andamento dei prezzi passati, da cui si ricava una stima della possibile volatilità futura.

20 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

21 2.3 Il rischio operativo Rischio di perdite originate da: infedeltà del personale, eventi naturali sfavorevoli, vulnerabilità dei sistemi informatici, responsabilità legali ed ambientali verso terzi, risarcimento ai consumatori, Basilea II definisce il rischio operativo, valido ai fini regolamentari, come il rischio di perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni. L accordo precisa che la definizione include il rischio legale, ma non quello strategico e di reputazione.

22 2.3 Il rischio operativo In generale, comunque, un sistema per la misurazione e il monitoraggio del rischio operativo dovrebbe mirare ai seguenti obiettivi: Consentire la tempestiva rilevazione e archiviazione degli eventi di perdita allorché questi si manifestano; Permettere alla banca di stimare le perdite attese (costi) e le perdite inattese (rischi); Consentire una migliore comprensione dei fattori da cui origina il rischio operativo, così da permettere l impostazione di adeguate politiche di contenimento e copertura del rischio, la cui efficacia possa essere verificata nel tempo.

23 2.3 Il rischio operativo Impact LFHI (Insure) HFHI (Hedge) LFLI HFLI (Keep) (Keep) Frequency Le perdite operative sono spesso contraddistinte dalla compresenza di un numero assai ridotto di eventi che portano tuttavia con sé perdite anche molto consistenti (LFHI) e da un numero molto elevato di casi HFLI le cui conseguenze per la banca sono modeste.

24 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

25 2.4 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso d interesse può essere definito come il rischio che variazioni nei tassi d interesse di mercato producano una riduzione della redditività e del valore economico della banca. I due approcci più conosciuti per la misurazione del rischio ti tasso di interesse sono: A. Repricing gap B. Duration gap

26 2.4 Il rischio di tasso di interesse A. Repricing gap Il repricing gap è un approccio di tipo reddituale, in quanto analizza le conseguenze di una variazione inattesa dei tassi sulla redditività futura della banca. Utilizzando come input lo scadenzario delle poste attive e passive, esso misura il grado di disallineamento fra la data di riprezzamento media delle attività e quella delle passività. Casi possibili Rischio Data repricing ATTIVO Data repricing PASSIVO tassi Data repricing ATTIVO Data repricing PASSIVO tassi

27 2.4 Il rischio di tasso di interesse B. Duration gap Il duration gap è invece un approccio di tipo patrimoniale perché studia l impatto di una variazione inattesa dei tassi sul valore del patrimonio netto della banca. Prendendo come input i valori di mercato e le duration modificate delle singole poste attive e passive, calcola il differenziale tra duration media ponderata degli assets e delle liabilities, utilizzando tale indicatore per quantificare gli effetti sul valore della banca di una variazione dei tassi mediante un approssimazione lineare. Valori mkt e DM delle singole poste DM ponderata attivo e passivo Effetti sul valore del banca

28 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

29 2.5 Il rischio di liquidità L esistenza di un mismatching per scadenza fra attivo (orientata al lungo termine) e passivo (prevalentemente a breve) potrebbe generare un rischio di liquidità. Il rischio di liquidità infatti riguarda la possibilità che un intermediario non sia in grado di onorare in maniera puntuale e tempestiva il rimborso delle proprie passività a causa di un volume di richieste inaspettatamente elevato, oppure (più realisticamente) sia costretto a vendere rapidamente un elevato volume di attività realizzando un prezzo inferiore al loro valore corrente di mercato.

30 2.5 Il rischio di liquidità Il rischio di liquidità si articola in due diverse forme: a) Funding risk Rischio che l intermediario non sia in grado di far fronte in maniera efficiente, senza mettere a repentaglio la propria operatività ed equilibrio finanziario, a deflussi di cassa attesi o inattesi. b) Market liquidity risk Rischio che l intermediario, al fine di monetizzare una consistente posizione in attività, finisca per influenzare in maniera significativa (e sfavorevole) il suo prezzo, a causa di una scarsa profondità del mercato in cui tali attività sono negoziate.

31 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

32 2.6 Gli altri rischi Rischio strategico Rischio di una flessione degli utili (o del valore della banca) derivante da cambiamenti del contesto operativo o da decisioni aziendali errate, attuazione inadeguata di decisioni o scarsa reattività a mutamenti ambientali. Rischio reputazionale Rischio di una flessione di utili (o del valore della banca) derivante da una percezione negativa dell immagine della banca da parte di clienti, controparti, investitori o autorità di vigilanza.

33 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK-ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

34 3. Il capitale a copertura dei rischi Supponiamo che la banca abbia stimato la distribuzione delle possibili perdite future legate alle varie tipologie di rischio, e che le abbia integrate in un unica distribuzione relativa alle perdite. Da un punto di vista grafico, il legame tra perdite e capitale può essere così rappresentato: Probabilità Perdita attesa Percentile 99,9% Catastrophe loss Peggiore 0,01% Perdite Riserve Capitale

35 3. Il capitale a copertura dei rischi L Accordo di Basilea 2 adotta un valore pari al 99,9% per determinare il rischio di credito; ogni banca tuttavia è libera di scegliere un valore più elevato se vuole assicurare gli stakeholder circa la propria solidità patrimoniale. La distanza fra percentile e EL è detta Value at Risk (VaR) IL VaR indica la massima perdita potenziale a cui una banca può andare incontro in un certo orizzonte temporale, con un certo livello di confidenza. Poiché il VaR viene normalmente coperto con capitale, allora può essere anche detto CaR (Capital at Risk)

36 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK-ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

37 4. Capitale a rischio e capitale disponibile Il capitale a rischio (CaR o EC) rappresenta una stima del capitale ottimale di cui una banca dovrebbe disporre per coprire in maniera adeguata i rischi assunti. Il capitale disponibile (available capital, AC) è dato invece dalla differenza fra il valore di mercato di tutte le attività e quello delle passività. Possono verificarsi quindi tre casi: Casi Descrizione Possibili interventi AC > EC AC < EC AC = EC Il capitale disponibile non è interamente utilizzato Il capitale disponibile non copre i rischi Il capitale disponibile è interamente utilizzato Assumere nuovi rischi Restituire il capitale (div., buy-back) Ridurre rischi assunti Raccolta nuovo capitale All apparenza ideale, ma troppo rigida ottimo con AC > EC

38 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK-ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

39 5. Misure di risk-adjusted performance Qualunque investimento deve essere valutato non solo alla luce del rendimento, ma anche del rischio corso. E per questo motivo che alle misure di redditività tradizionali (es. ROE) si affiancano/sostituiscono misure di performance corrette per il rischio, che prendono in considerazione anche il capitale economico assorbito da una banca. RAROC (risk-adjusted return on capital) E calcolato solitamente come rapporto fra utili aziendali e capitale a rischio

40 Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito 2.2 Il Rischio di Mercato 2.3 Il Rischio Operativo 2.4 Il Rischio di Tasso di Interesse 2.5 Il Rischio di Liquidità 2.6 Gli Altri Rischi 3. IL CAPITALE A COPERTURA DEI RISCHI 4. CAPITALE A RISCHIO E CAPITALE DISPONIBILE 5. CAPITALE ECONOMICO E RISK-ADJUSTED MEASUREMENT 6. I CONTROLLI INTERNI

41 6. I controlli interni Con il termine di sistema di controlli interni si intende l insieme di regole, procedure e strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali ed il conseguimento dei seguenti obiettivi: Efficacia ed efficienza dei processi aziendali; Salvaguardia del valore delle attività e protezione dalle perdite; Affidabilità ed integrità delle informazioni contabili e gestionali; Conformità delle operazioni con la legge, la normativa di vigilanza ed i regolamenti interni.

42 6. I controlli interni Tra i principi dettati dalla Banca d Italia in materia di controlli interni, tre meritano attenzione: 1. Separatezza Divisione fra funzioni operative e sistemi di controllo, al fine di evitare potenziali conflitti di interesse 2. Escalation Eventuali anomalie devono essere portate a conoscenza dei livelli superiori (CdA, Collegio sindacale) e gestite con immediatezza 3. Tracciabilità Registrazione di ogni fatto di gestione con adeguato grado di dettaglio e corretta collocazione temporale

43 6. I controlli interni I controlli interni si articolano principalmente su tre livelli: I. Controlli di linea Effettuati dalle strutture produttive della banca, incorporati nelle procedure o eseguiti in back office; II. Controlli sulla gestione dei rischi Affidati a strutture diverse da quelle produttive; III. Attività di revisione interna Condotta nel continuo, in maniera periodica o per eccezioni, da strutture diverse da quelle produttive, anche attraverso ispezioni.

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

RISCHIO DI LIQUIDITA RISCHIO DI TASSO RISCHIO DI MERCATO

RISCHIO DI LIQUIDITA RISCHIO DI TASSO RISCHIO DI MERCATO STRUTTURA PER SCADENZE (GAP DI LIQUIDITA ) PROFILO DEI FLUSSI RISCHIO DI LIQUIDITA EFFETTI FINANZIARI STRUTTURA PER SCADENZE DATE CONTRATTUALI DATE REPRICING RISCHIO DI TASSO EFFETTI ECONOMICI (SU CONTO

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009 Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione di Ornella Ricci oricci@uniroma3.it Agenda Il rischio di credito e le sue componenti Il pricing del credito e la redditività corretta per

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

Misurare la redditività della banca

Misurare la redditività della banca Misurare la redditività della banca Milano, settembre 2013 dr.giliberto Camillo dr.ferfoglia Marco Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata/partial

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1 Il sistema dei rischi bancari Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) Giuseppe G. Santorsola

Dettagli

Le politichedegliimpieghi

Le politichedegliimpieghi Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Set 3 Le politichedegliimpieghi LIUC Università Cattaneo A.A. 2014-2015 Valter Lazzari I temi della lezione I prestiti nella gestione bancaria. I rischi

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di liquidità 2 Le accezioni di liquidità Liquidità strutturale A medio lungo termine, attiene

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Verso il Value Based Management Controllo di Gestione IAS Compliant La nostra soluzione Banking Solutions 2 Il contesto Elevato Livello

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli