ALLEGATO A 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili"

Transcript

1 ALLEGATO A MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI IN APPLICAZIONE ALL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. P.O.C. R.U.E. 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili La determinazione dei valori medi degli immobili è stata effettuata dal Collegio Peritale del Servizio Patrimonio del Comune di Modena in collaborazione con il Settore Pianificazione Territoriale Trasporti e Mobilità. I valori medi indicati per tutte le tipologie di immobili, di cui al presente allegato, sono determinati all'esclusivo scopo di consentire l'effettuazione del calcolo degli incrementi di valore dei terreni, in applicazione dell'art del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE. Tali valori medi, pertanto, sono indicativi e non utilizzabili a fini diversi da soggetti diversi ed in ambiti diversi dal presente regolamento. I valori medi di vendita degli immobili sono riferiti alle superfici commerciali, sono rappresentati in /mq di superficie commerciale e sono stimati in riferimento ad immobili di tipologia media e di nuova costruzione. In particolare i valori medi delle abitazioni sono riferiti ad una palazzina di 8/12 unità. Le destinazioni d uso edilizie sono raggruppate, ai fini della applicazione delle modalità di calcolo, con le seguenti modalità e ad esse sono associate i corrispondenti valori medi. Ai sensi dell art. 5, comma 2 del Regolamento i valori medi degli immobili di cui alle Tabelle 1, 1B e alle Tavole 1, 2, 3, 4 sono stati approvati con deliberazione della Giunta Comunale n. 463 del 15/10/2013. TABELLA 1A - Raggruppamento destinazioni d uso edilizie in classi di destinazione urbanistica Destinazione urbanistica Destinazioni d uso edilizie Cartografia di riferimento Residenziale A/0 Tavola n. 1 Direzionale A/10 - D/5 Tavola n. 2 Commerciale C/1 - D/8a - D/8b Tavola n. 3 Produttivo C/2 - C/3 - D/1 - D/7 Tavola n. 4 1

2 TABELLA 1 Residenziale - Classi di valore medio degli immobili Residenziali della Tavola n. 1 Residenziale / mq A B C D E F G H TABELLA 1 Direzionale - Classi di valore medio degli immobili Direzionali della Tavola n. 2 Direzionale /mq A B B C D E TABELLA 1 Commerciale - Classi di valore medio degli immobili Commerciali della Tavola n. 3 Commerciale Esercizi di vicinato SV < 250 mq. Medio-piccole strutture di vendita 250 mq. < SV < mq. Medio-grandi strutture di vendita mq. < SV < mq. Non alimentare Alimentare Non alimentare A B C D E

3 TABELLA 1 Produttivo - Classi di valore medio degli immobili Produttivi della Tavola n. 4 Produttivo ed artigianato diffuso Ex Zone territoriali omogenee B-C Produttivo Produttivo ed artigianato Ex Zone territoriali omogenee D Non appartenente ad ambito V Produttivo specializzato Ex Zone territoriali omogenee D appartenente ad ambito V A B C D E TABELLA 1B - Valori medi di immobili particolari riferiti all intero territorio comunale Destinazione urbanistica Destinazioni d uso edilizie Valori medi tutto il territorio comunale Alberghi - Pensioni D/ Edifici sportivi a fine di lucro D/ Case di cura D/ Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli D/ Conversione della Superficie Utile in Superficie Commerciale Per ogni immobile la superficie utile di riferimento per il calcolo della compensazione economica dovrà essere computata così come prescritto all art Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE, ad eccezione degli edifici esistenti in aree soggette a disciplina confermativa, per i quali, al solo fine del calcolo della compensazione economica: - la conversione in Superficie Utile del Volume, calcolato nel modo di cui all art commi 1 e 2 Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE, si effettua moltiplicando il Volume per il coefficiente 3/10 (ragguaglio del Volume alla Superficie Utile); 3

4 TABELLA 2 - Parametri di trasformazione da SU a Superficie Commerciale Destinazione d uso edilizia Parametro ragguaglio a Superficie Commerciale Residenziale 1,60 Direzionale 1,25 Commerciale Esercizi di vicinato 1,15 Commerciale Medio piccole superfici di vendita alimentare e non alimentare Commerciale Medio grandi superfici di vendita alimentare e non alimentare Produttivo ed artigianato diffuso Ex Zone territoriali omogenee B - C Produttivo ed artigianato Ex Zone territoriali omogenee D - Non appartenente ad ambito V Produttivo specializzato Ex Zone territoriali omogenee D - appartenente ad ambito V Alberghi - Pensioni 1 Edifici sportivi a fine di lucro 1,15 Case di cura 1,20 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli 1 1,1 1, Presenza di edifici Questo parametro si applica alla valutazione del valore medio degli immobili nello stato attuale e consente di tenere conto degli oneri derivanti dalla demolizione di edifici esistenti. Il parametro consente altresì di tenere conto degli oneri derivanti dalla conservazione e recupero unicamente di edifici esistenti soggetti a vincolo conservativo. TABELLA 3 - Parametri di adeguamento nel caso di presenza di fabbricati Assenza o presenza di rilevanti porzioni edificate Parametro per il calcolo Assenza di edifici 1,00 Presenza di edifici di cui si prevede la demolizione Presenza di edifici di cui si prevede la conservazione ( 1 ) 1,00-1,05 con applicazione lineare (*) 1,00-1,20 con applicazione lineare (*) 4

5 (*) Il limite superiore è costituito dalla mera presenza di un edificato pari o superiore al massimo, in termini di Superficie Utile, consentito dal vigente POC-RUE, indipendentemente da valutazioni sulle caratteristiche, stato di conservazione e/o di utilizzo corrente o futuro di detti edifici. ( 1 ) Da valutare unicamente per edifici soggetti a vincolo conservativo I tempi delle trasformazioni edilizie Questo parametro si applica alla valutazione del valore medio degli immobili nello stato attuale e nella ipotesi di trasformazione; consente di tenere in conto degli oneri finanziari derivanti dal maggiore tempo di trasformazione edilizia nel caso di obbligo alla definizione di Permesso di costruire convenzionato o alla formazione di un Piano Urbanistico Attuativo (PUA). TABELLA 4 - Parametri correttivi rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento Tipologia di intervento Parametro Intervento di tipo diretto 1,00 Intervento tramite convenzionamento 0,98 Intervento tramite formazione di un Piano Urbanistico Attuativo 0, Incidenza del terreno sul valore medio finale degli immobili TABELLA 5 - Parametri di incidenza del terreno sul valore medio degli immobili Destinazione d uso edilizia Residenziale Direzionale A 33% A 31% Incidenza percentuale valore del terreno B 29% B 28% C 25,50% D 23,50% B1 26% E 22% C F D G H 19% E Commerciale Esercizi di vicinato A 32% B C D E Commerciale Medio-piccole strutture di vendita NON ALIMENTARE A 32% B C D E Commerciale Medio-piccole strutture di vendita ALIMENTARE A 32% B C D E 5

6 Commerciale Medio-grandi strutture di vendita NON ALIMENTARE A 32% B C D E Produttivo ed artigianato diffuso ex ZTO B C A 30% B C 24% D 22% E Produttivo ed artigianato ex ZTO D non appartenente ad ambito V A 28% B 26% C D 22% E Produttivo specializzato ex ZTO D appartenente ad ambito V A 26% B 24% C 22% D E Alberghi-Pensioni 28% Edifici sportivi a fine di lucro 28% Case di cura Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli 26% 2 PROCEDIMENTO DI CALCOLO DEL VALORE DEI TERRENI E DELLA COMPENSAZIONE ECONOMICA Il raffronto tra il valore attuale dei terreni oggetto di richiesta di applicazione dell art del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE ed il loro valore nella ipotesi di trasformazione urbanistica proposta avviene applicando i parametri fin qui descritti con le seguenti modalità Calcolo del valore attuale Il calcolo del valore attuale viene computato nella ipotesi del massimo utilizzo delle superfici consentite dal POC-RUE vigente con le destinazioni edilizie più remunerative, secondo i valori medi sopra riportati e le zonizzazioni delle Tavole nn. 1, 2, 3 e 4. Le Superfici Utili massime consentite per ciascuna destinazione d uso saranno moltiplicate per: 1. il valore medio corrispondente (Tabelle 1A, 1 Residenziale, 1 Direzionale, 1 Commerciale, 1 Produttivo, 1B e Tavole nn. 1, 2, 3 e 4); 2. il parametro di ragguaglio alla Superficie Commerciale (Tabella 2); 3. il parametro per la presenza (eventuale) di edifici (Tabella 3); 4. Il parametro correttivo rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento (Tabella 4); 5. l incidenza del terreno sul valore medio degli immobili (Tabella 5); 6

7 il risultato finale sarà costituito dal valore di mercato del terreno nello stato attuale della pianificazione del mercato Calcolo del valore della trasformazione urbanistica proposta Il calcolo del valore medio dell immobile viene computato nella ipotesi del massimo utilizzo delle superfici proposte dalla modifica urbanistica con le destinazioni edilizie più remunerative, secondo i valori medi sopra riportati e le zonizzazioni delle Tavole nn. 1, 2, 3 e 4. Le Superfici Utili massime per ciascuna destinazione d uso saranno moltiplicate per: 1. il valore medio corrispondente (Tabelle 1A, 1 Residenziale, 1 Direzionale, 1 Commerciale, 1 Produttivo, 1B e Tavole nn. 1, 2, 3 e 4); 2. il parametro di ragguaglio alla Superficie Commerciale (Tabella 2); 3. Il parametro correttivo rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento (Tabella 4); 4. l incidenza del terreno sul valore medio degli immobili (Tabella 5); il risultato finale sarà costituito dal valore di mercato del terreno nel nuovo assetto urbanistico proposto Calcolo della compensazione economica La compensazione economica (monetizzazione) di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE, è di norma commisurata ad ½ del maggior valore economico derivante dal raffronto del valore attuale e del valore della trasformazione urbanistica proposta, calcolati con le modalità di cui ai precedenti punti 2.1 e 2.2. La compensazione economica è comunque dovuta a prescindere dall'effettivo utilizzo della maggior potenzialità edificatoria o delle più vantaggiose destinazioni d uso edilizio, rispetto alle precedenti previsioni di POC-RUE, generate dalla proposta di accordo; Nessuna compensazione è dovuta nel caso di importo negativo. Per gli immobili, o parti di immobili, con destinazione residenziale, già consentita dal vigente POC-RUE, ai soli fini del calcolo della compensazione economica, trovano altresì applicazione i criteri e le modalità di seguito riportate. 1. il valore attuale e il valore della trasformazione urbanistica proposta, di cui ai precedenti punti 2.1 e 2.2, sono determinati: - sulla base di 150 mq per ogni abitazione ammessa dal vigente POC-RUE, per il calcolo del valore attuale, e 150 mq per ogni ulteriore abitazione prevista, rispetto al vigente POC-RUE, per il calcolo del valore della trasformazione urbanistica proposta, ove la capacità insediativa residenziale è espressa in abitazioni/ha; - sulla base dell effettiva superficie utile ammessa nelle aree soggette a prescrizione specifica; 7

8 2. Qualora la proposta di accordo preveda il solo aumento del numero delle abitazioni, senza incremento di Superficie Utile, il maggior valore economico generato da tali modifiche corrisponde al 15% del valore della Superficie Utile interessata dal frazionamento delle unità, da assumere convenzionalmente pari a mq 150 per ogni abitazione in aumento, calcolato come indicato al precedente punto 2.2. La compensazione economica dovuta, di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE è pertanto commisurata ad ½ del maggior valore economico come sopra calcolato. 3. Qualora la proposta di accordo preveda l aumento delle unità abitative associato ad un incremento di Superficie Utile, la compensazione economica dovuta, di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE è commisurata ad ½ del somma dei seguenti valori: - valore della trasformazione urbanistica proposta, corrispondente al valore della Superficie Utile in aumento, calcolata come indicato al precedente punto 2.2. All'incremento di Superficie Utile sarà associato un numero di abitazioni corrispondente all'intero più vicino derivante dal rapporto: Superficie Utile in aumento/75; - maggior valore economico generato dal solo aumento del numero delle abitazioni, calcolato come indicato al precedente punto 2. Per eventuali casistiche non contemplate dal presente Regolamento il maggior valore economico generato dalla proposta di accordo verrà determinato con apposita stima del Collegio dei periti del Comune. 3 CARTOGRAFIA Tavola n. 1 destinazioni residenziali; Tavola n. 2 destinazioni direzionali; Tavola n. 3 destinazioni commerciali; Tavola n. 4 destinazioni produttive. 8

ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI

ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI ALLEGATO A MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI IN APPLICAZIONE ALL'ART. 14.1 DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. P.O.C. R.U.E. 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

D E F G 1950 H 1.850

D E F G 1950 H 1.850 . 15 24 01 D 2.300 E 2.150 F 2.050 G 1950 H 1.850 TABELLA 1 Direzionale - Classi di valore medio degli immobili Direzionali della Tavola n. 2 Direzionale Fascia /mq A 3.100 B 2.650 B1 2.350 C 2.150 D 1.950

Dettagli

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E.

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E. REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART. 14.1 DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E. ALLEGATO A LE MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEGLI STRUMENTI URBANISTICI, AI FINI

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO

COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO COMUNE DI TELGATE Piazza V. Veneto, 42 24060 Telgate (BG) Tel. 035830121 Fax 0354421101 Codice Fiscale e P.IVA 00240940163 e-mail: tecnico@comune.telgate.bg.it COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO RELAZIONE

Dettagli

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Determinazione valore unitario aree edificabili e valore imponibile ai fini IMU L art. 5 del D.Lgs. 504/92 stabilisce che la base imponibile ai fini della

Dettagli

Elementi per il calcolo dei valori orientativi di mercato

Elementi per il calcolo dei valori orientativi di mercato Elementi per il calcolo dei valori orientativi di mercato Allegato A Valenza orientativa dei valori proposti: i valori medi di mercato espressi nelle schede sono da ritenersi puramente indicativi, e quindi

Dettagli

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI Comune di Giba (C.A.P. 09010) Tel. (0781) 964023-964057 - Fax 964470 REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 04/03/2013)

Dettagli

L anno, il giorno nella Residenza Municipale, via ; TRA:

L anno, il giorno nella Residenza Municipale, via ; TRA: ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 20/2000 E S.M. PROPOSTA DI AUMENTO DELLA CAPACITÀ EDIFICATORIA RESIDENZIALE PER UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI MODENA IN VIA ATTIRAGLIO CENTRO, CATASTALMENTE

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANELLO Provincia di Taranto

COMUNE DI PALAGIANELLO Provincia di Taranto DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE NUOVE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - ANNO 2005 - (ART. 5 D. LGS. 504/1992) INDICE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale n. 67 del 30-11-12 ESTRATTO Oggetto: DETERMINAZIONE VALORI INDICATIVI MINIMI DI MERCATO PER LE AREE SUSCETTIBILI

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate LA GIUNTA COMUNALE VISTO che sulla proposta di deliberazione di cui trattasi è stato favorevolmente espresso il parere ai sensi dell art. 49 del D. Lgs. n. 267 del 18.8.2000 in ordine alla regolarità tecnica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI SULLE AREE EDIFICABILI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI SULLE AREE EDIFICABILI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI SULLE AREE EDIFICABILI Articolo 1 - Finalità 1. Il regolamento determina le modalità di applicazione dell imposta comunale sugli immobili

Dettagli

COMUNE DI NEGRAR- Valori venali medi aree fabbricabili in comune commercio anno 2015

COMUNE DI NEGRAR- Valori venali medi aree fabbricabili in comune commercio anno 2015 Microzona 3 1 136,07 PI zona produttiva 136,07 Tipo D2 zone convenzionate: 1 136,07 Tipo D2 zone non convenzionate: 0.40 54,43 Microzona 3 163,29 Tipo A: 0.40 65,32 PI zona residenziale Tipo B: 1 163,29

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DELLE AREE EDIFICABILI SITE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VENARIA REALE (TO), INSERITE NELLA VARIANTE

Dettagli

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1 P T C P PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VARIANTE SPECIFICA AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ai sensi dell'art27 bis LR20/2000 e ssmmii Approvato con delibera CP n68886/146 del 14/09/2006 Integrato

Dettagli

B) CRITERIO DI VALUTAZIONE

B) CRITERIO DI VALUTAZIONE Oggetto: SVINCOLO A ROTATORIA SU SS 32 TRA IL BIVIO DI VIA CARMINE E QUELLO DI VIA CASTELNOVATE Pr. 5 PRINCIPIO DI STIMA PER RICAVO VALORE INDENNITA D ESPROPRIO Il criterio di indennizzo applicabile alle

Dettagli

COMUNE DI DOZZA. (Provincia di Bologna)

COMUNE DI DOZZA. (Provincia di Bologna) COMUNE DI DOZZA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (approvato con deliberazione

Dettagli

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale)

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) MODELLO DATI PER GLI STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI IN FORMATO DIGITALE (LR 20/2000) Regione Emilia Romagna IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) LA CARTOGRAFIA DI BASE Cartografia catastale

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROTA DEGLI INTERVENTI EDILIZI La presente circolare vuole effettuare una sintesi delle norme vigenti, al fine di rendere più chiare le modalità per il calcolo del

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A

Dettagli

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010 Legge Regionale 03 Gennaio 2005 n 1 - Norme per il governo del territorio art. 120 e seguenti TABELLE ONERI E CONTRIBUTI allegate alla deliberazione del C.C. n 25 del 31/03/2005 aggiornamento Maggio 2010

Dettagli

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO Provincia di Bergamo PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CONFERMA PER L ANNO

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04

ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04 Allegato 2 alla Delibera C.C. n 8 del 10.04.2013 ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 1 Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA - AREE FABBRICABILI AGGIORNAMENTO DEI CRITERI PER IL CALCOLO DEI PROBABILI VALORI VENALI Ufficio Proponente

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. Variante n. 48 al P.R.G.

COMUNE DI TREVISO. Variante n. 48 al P.R.G. Variante n. 48 al P.R.G. ALLEGATO C Alla DCC n. del Adeguamento alle prescrizioni del Piano di Rischio Aeroportuale ADOZIONE CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 62/14/DCC DEL 30.9.2015 ESTRATTO

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale n. 47 del 11/06/2013

Deliberazione della Giunta Comunale n. 47 del 11/06/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI CRITERI PER L'ATTRIBUZIONE DEI VALORI AI FINI DELL'ACCERTAMENTO DELLE AREE INSERITE NEGLI STRUMENTI URBANISTICI - IMU ANNO 2013 La Giunta Comunale Premesso che dal 1 gennaio

Dettagli

Il RUE. Regolamento Urbanistico Edilizio (art. 29 LR 20/2000)

Il RUE. Regolamento Urbanistico Edilizio (art. 29 LR 20/2000) Il RUE Regolamento Urbanistico Edilizio (art. 29 LR 20/2000) Il RUE A) Territorio Urbano e Rurale B) Sistema insediativo storico C) Polo funzionale D) Città delle Colonie E) Valsat F) Allegati al RUE DPQU

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA COMUNE DI LIGONCHIO (RE)

REGIONE EMILIA ROMAGNA COMUNE DI LIGONCHIO (RE) REGIONE EMILIA ROMAGNA COMUNE DI LIGONCHIO (RE) RICHIESTA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE IDROELETTRICA DAL TORRENTE ROSSENDOLA IN COMUNE DI LIGONCHIO (RE) procedimento unico ai sensi dell'art. 12 del Dlgs

Dettagli

C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA

C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA originale Deliberazione N. 129 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI I.M.U. PER

Dettagli

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA COMUNE DI CRESPINA LORENZANA Area Programmazione Economico Finanziaria e R.U. Responsabile: Daniela Tampucci Servizio Tributi PROSPETTO DI SINTESI DEGLI ELABORATI DI DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DI

Dettagli

(artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo. Criteri perequativi per il Piano degli Interventi. - ottobre

(artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo. Criteri perequativi per il Piano degli Interventi. - ottobre (artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il - ottobre 2012 - COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA PROVINCIA DI VICENZA Atto di Indirizzo - Criteri perequativi per il Piano degli

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno AREA 1 - UFFICIO TECNICO TABELLE RELATIVE AL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE (Titolo VII - Capo I - Legge regionale n.65/2014) Regolamentazione approvata con delibera Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Art. 1 - Determinazione del costo base di urbanizzazione Ai sensi degli artt.

Dettagli

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R.

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R. COMUNE DI ALASSIO Settore 4 -Servizio 4.' URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA VARIANTE EX ART. 44 L.U.R., f I \l:riante ART. 7 DELLE NORME DI A TTUAZIONE DEL PUC Alassio OTTOBRE 2011 IL DIRIGENTE DEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n.

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. COMUNE DI COLTURANO Provincia di Milano Allegato 1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. 12 - Tabella degli oneri di urbanizzazione in vigore dal 15.05.2012 IL

Dettagli

COMUNE DI ARCISATE Prov. di Varese TABELLE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

COMUNE DI ARCISATE Prov. di Varese TABELLE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ARCISATE Prov. di Varese TABELLE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE TABELLE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Oneri di urbanizzazione Oneri di urbanizzazione I^ NUOVE COSTRUZIONI AMPLIAMENTI T1 Euro/mc. 3,00

Dettagli

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi CASI E INTERPRETAZIONI Orvieto, 26.10.2015 Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi Geom. Massimo Danti Orvieto, 26.10.2015 LEGGE REGIONALE 01/2015 (TESTO UNICO) Art. 155 (Mutamenti

Dettagli

ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 20/2000 E S.M.

ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 20/2000 E S.M. ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 20/2000 E S.M. PROPOSTA DI AUMENTO DELLA CAPACITÀ EDIFICATORIA PRODUTTIVA PER UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI MODENA IN VIA P. GIARDINI 1271, CATASTALMENTE

Dettagli

COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese

COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese Determinazione delle tariffe relative agli oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria ai sensi dell art. 44 della L.R. 12/05 Novembre 2015 Determinazione delle

Dettagli

TABELLA 1 - DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA RELATIVI AGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI

TABELLA 1 - DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA RELATIVI AGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI TABELLA 1 - DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA RELATIVI AGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI A) Aree in tessuto edilizio esistente soggette ad operazioni di conservazione, risanamento,

Dettagli

ISBN:

ISBN: Contributo di costruzione e opere a scomputo Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-266-8 Contributo di costruzione e opere

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia SETTORE URBANISTICO O G G E T T O VARIANTE N 20 AL PRGC PROPOSTA DI MODIFICHE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.C. CONNESSE ALL APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano ORIGINALE AREA GOVERNO DEL TERRITORIO Determinazione n. 294 Del 26/05/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE VALORE VENALE DI RIFERIMENTO DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE

Dettagli

COSTI A CARICO DELL OPERATORE. I costi che incidono sull intera operazione di riqualificazione, sono quelli di seguito riportati:

COSTI A CARICO DELL OPERATORE. I costi che incidono sull intera operazione di riqualificazione, sono quelli di seguito riportati: COSTI A CARICO DELL OPERATORE I costi che incidono sull intera operazione di riqualificazione, sono quelli di seguito riportati: 1. Costo delle demolizioni, delle opere di bonifica dell area e di cantierizzazione

Dettagli

incidenza delle spese di urbanizzazione primaria e secondaria per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA urbanizzazione secondaria

incidenza delle spese di urbanizzazione primaria e secondaria per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA urbanizzazione secondaria incidenza delle spese di e per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA A - centro storico 15,33 1,90 17,23 B - completamento 12,96 1,63 14,59 C - espansione 12,96 1,63 14,59 D - insediamenti produttivi 12,96

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DEGLI ACCERTAMENTI I.C.I.

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DEGLI ACCERTAMENTI I.C.I. ALLEGATA ALLA DELIBERA DI C.C. N. 30 DEL 12.06.2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DEGLI ACCERTAMENTI I.C.I. Approvata con atto di C.C.

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole COMUNE di TAVERNOLE S/MELLA Provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009 VARIANTE 2011 Piano delle Regole Estratto Norme tecniche di attuazione modificate a seguito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE ART. 1 DEFINIZIONI Il presente Regolamento intende determinare le modalità e le procedure per la

Dettagli

PERIZIA DI STIMA utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione

PERIZIA DI STIMA utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione PERIZIA DI STIMA Il sottoscritto Arch. Michele Mazzetti, nato a Gallarate il 03.06.1969 -C.F. MZZMHL69H03D869V - residente a Castelletto Sopra Ticino in via Arquello n. 11 con studio professionale in Sesto

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

T A B E L L A A L L E G A T O A

T A B E L L A A L L E G A T O A T A B E L L A A L L E G A T O A A R E E E D I F I C A B I L I AREA LIBERA : area di completamento all interno del PRG oppure lotto in un piano particolareggiato già collaudato. C A L C O L O I M P O N

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto COMUNE DI GAVORRANO Provincia di Grosseto Variante al regolamento urbanistico per la zona D1 di San Giuseppe Variante al piano per insediamenti produttivi "San Giuseppe 2" e contestuale variante al regolamento

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/120811 Disposizioni in materia di individuazione dei criteri utili per la determinazione del valore normale dei fabbricati di cui all articolo 1, comma 307 della legge 27 dicembre 2006, n. 296

Dettagli

COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO

COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE DIPARTIMENTO IV AMBIENTE E TERRITORIO SETTORE OGGETTO: SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

COMUNE DI VERANO BRIANZA Settore Servizi Tecnici

COMUNE DI VERANO BRIANZA Settore Servizi Tecnici COMUNE DI VERANO BRIANZA Settore Servizi Tecnici Metodologia per il calcolo del contributo straordinario di cui all articolo 16, comma 4, lett. d-ter DPR 380/2001 AMBITO DI APPLICAZIONE Febbraio 2017 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016 COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Città Metropolitana di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI ADRO IMU 2017 (PROVINCIA DI BRESCIA)

COMUNE DI ADRO IMU 2017 (PROVINCIA DI BRESCIA) SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO L imposta deve essere versata da tutti coloro che detengono a titolo di proprietà o altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie) fabbricati, aree

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE VALORI MEDI VENALI DELLE AREE FABBRICABILI

Dettagli

COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 45 Del 1 Aprile 2003

COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 45 Del 1 Aprile 2003 COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 45 Del 1 Aprile 2003 OGGETTO: CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DI MERCATO AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL I.C.I. DELLE AREE

Dettagli

il Consiglio Regionale ha approvato la deliberazione n. 271 del 30 settembre 2008;

il Consiglio Regionale ha approvato la deliberazione n. 271 del 30 settembre 2008; Regolamento regionale 10 ottobre 2008, n. 5. Regolamento dei canoni di locazione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica. (BUR N. 24 del 16 ottobre 2008) PREMESSO che: il Consiglio Regionale ha

Dettagli

COMUNE DI CHIANNI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL DPR 380/2001 E DALLA LR N. 65/2014.

COMUNE DI CHIANNI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL DPR 380/2001 E DALLA LR N. 65/2014. COMUNE DI CHINNI PROVINCI DI PIS REGOLMENTO DI PPLICZIONE DELLE SNZIONI MMINISTRTIVE PREVISTE L DPR 380/2001 E LL LR N. 65/2014 Pagina 1 di 9 1 PPROVTO CON DELIBERZIONE C.C. N. 21 DEL 30.11.2015 1 - SCOPO

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 53

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 53 COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaquindici in Modena il giorno undici del mese di giugno ( 11/06/2015 ) alle ore 14:35, regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio

Dettagli

Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale. per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R.

Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale. per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R. Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R. 20/2000 1 I IL PATRIMONIO Capo A-II Sistema insediativo storico dell Allegato

Dettagli

E CATEGORIE D INTEVENTO

E CATEGORIE D INTEVENTO ALLEGATO O.U. A4 Tabella A4 4^ classe di comuni Edilizia residenziale (funzione abitativa)* omogenee A omogenee B omogenee C omogenee D omogenee E CATEGORIE D INTEVENTO ( /mq) ( /mq) ( /mq) ( /mq) ( /mq)

Dettagli

COMUNE DI FONTANETO D AGOGNA Provincia di Novara Piazza Della Vittoria n Fontaneto d Agogna Codice Fiscale e Partita I.V.

COMUNE DI FONTANETO D AGOGNA Provincia di Novara Piazza Della Vittoria n Fontaneto d Agogna Codice Fiscale e Partita I.V. COMUNE DI FONTANETO D AGOGNA Provincia di Novara Piazza Della Vittoria n.2 28010 Fontaneto d Agogna Codice Fiscale e Partita I.V.A : 00460900038 ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Aree cedibili in proprietà o con diritto di superficie ai sensi leggi n.167/62, n.865/71 e n.457/78. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO: -che l'art.172 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267,

Dettagli

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO ALLEGATO A DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI I.C.I. L I.C.I. (Imposta Comunale Immobili) in merito alle aree edificabili, indica

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

,/ &216,*/,2 &2081$/(

,/ &216,*/,2 &2081$/( Richiamata la propria deliberazione n. 119 del 18.12.2008 con la quale furono aggiornati gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, il costo di costruzione e la monetizzazione per aree a servizi

Dettagli

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 5. Planimetrie catastali Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DI PIACENZA

CONSIGLIO COMUNALE DI PIACENZA Oggetto: Variante al Piano particolareggiato di Iniziativa privata dell'ambito di trasformazione AID18 (Arbos), sito in Piacenza, via Emilia parmense, delle società O.S.A. Srl e Immobiliare Porta San Lazzaro

Dettagli

Regolamento recante le modalità di determinazione del Costo di Costruzione di cui all articolo 16 D.P.R n. 380 e s.m.i..

Regolamento recante le modalità di determinazione del Costo di Costruzione di cui all articolo 16 D.P.R n. 380 e s.m.i.. UNIONE DEI COMUNI DI AIRASCA BURIASCO - SCALENGHE Città Metropolitana di Torino Sede legale: V. Roma 118 10060 Airasca Sede Servizi Tecnici: Via Umberto I, 1 10060 Scalenghe Tel. (011) 98.61.721 Fax (011)

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO

COMUNE DI ZERO BRANCO AGGIORNAMENTO IMPORTI TABELLARI ONERI DI URBANIZZAZIONE LA NORMATIVA Legge 17 agosto 1942, n. 1150 Legge urbanistica LICENZA EDILIZIA GRATUITA Legge 27 gennaio 1977, n. 10 Norme in materia di edificabilità

Dettagli

Provincia di Bologna. Area Gestione del Territorio

Provincia di Bologna. Area Gestione del Territorio Provincia di Bologna Area Gestione del Territorio RELAZIONE VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA ANNO 2016 La presente relazione descrive il metodo per

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO

COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO Numero: 2007/C/00073 - Proposta N. 2007/00786 Data Adozione: 26/11/2007 Oggetto: Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione, ed aggiornamento

Dettagli

Proposta GC OGGETTO: APPROVAZIONE DEI VALORI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI ICI PER L ANNO 2010.

Proposta GC OGGETTO: APPROVAZIONE DEI VALORI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI ICI PER L ANNO 2010. Proposta GC - 99-2010 OGGETTO: APPROVAZIONE DEI VALORI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI ICI PER L ANNO 2010. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che ai sensi dell art. 5 comma 5 del D. Lgs. 30-12-1992, n.

Dettagli

IL SECONDO PIANO CASA

IL SECONDO PIANO CASA COMUNE DI MARTELLAGO L.R. n. 14 del 08.07.2009 come integrata dalla L.R. n. 13 dell 8.7.2011 IL SECONDO PIANO CASA Seminario tecnico del 20.10.2011 Settore Assetto del Territorio Settore Edilizia Privata

Dettagli

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA giovedì, 21 marzo 2013 ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Ing. Bruno Cirant Dirigente dell Area Pianificazione del Territorio e S.I.T. Ufficio Pianificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI MEDI VENALI IN COMUNE COMMERCIO DELLE AREE EDIFICABILI SITE NEL COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI MEDI VENALI IN COMUNE COMMERCIO DELLE AREE EDIFICABILI SITE NEL COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI MEDI VENALI IN COMUNE COMMERCIO DELLE AREE EDIFICABILI SITE NEL COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Art. 1 - Finalità 1. Il regolamento determina la modalità di applicazione

Dettagli

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE COMUNE DI MELDOLA Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE Approvato con delibera C.C. n. 36 del 3.5.99, rettificato con delibera C.C. n. 73 del 27.9.1999, integrato

Dettagli

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO BERGAMO

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO BERGAMO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO BERGAMO C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 11/05/2009 DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA DEFINIZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI GROPELLO CAIROLI Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero: 61 Data: 23 / 04 / 2015 OGGETTO: Determinazione valori aree edificabili per il versamento ordinario

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia REGOLAMENTO. per la monetizzazione dei parcheggi di tipo Pb

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia REGOLAMENTO. per la monetizzazione dei parcheggi di tipo Pb COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia REGOLAMENTO per la monetizzazione dei parcheggi di tipo Pb Atto collegato all art. 15 delle N.T.A. del Regolamento Urbanistico Progettisti - Dr. Arch. Valerio

Dettagli

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E ALLEGATO A COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA R E L A Z I O N E OGGETTO: Adempimenti Regionali per l attuazione

Dettagli

Regolamento per la gestione degli standard qualitativi in attuazione alla programmazione negoziata negli ambiti di trasformazione del P.G.T.

Regolamento per la gestione degli standard qualitativi in attuazione alla programmazione negoziata negli ambiti di trasformazione del P.G.T. Comune di Albese con Cassano Provincia di Como Regolamento per la gestione degli standard qualitativi in attuazione alla programmazione negoziata negli ambiti di trasformazione del P.G.T. Ufficio tecnico

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA CRITERI E VALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI, E DEI FABBRICATI IN RISTRUTTURAZIONE, AI FINI I.C.I. PER L ANNO 2009 La valutazione delle aree fabbricabili deve essere effettuata ai sensi dell art. 5 comma

Dettagli

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi 11 Aggiornamento ISTAT (0,0%) dopo l'entrata in vigore della L.R. 1/05 ai sensi dell'art. 250 della L.R. 65/14 ANNO 2016 Servizio

Dettagli