LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA"

Transcript

1 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA ALESSANDRO MONTI * La crisi strutturale della finanza pubblica italiana e la conseguente necessità di procedere ad una rigida selezione degli ambiti di spesa sociale da mantenere a carico dell erario, non hanno risparmiato la tutela e la conservazione dei beni storico-artistici, archeologici e monumentali e, più in generale, la produzione di servizi culturali. L entità e la destinazione degli stanziamenti per il patrimonio culturale, tradizionalmente considerato ambito «meritevole» nell allocazione delle risorse pubbliche, sono ora rimesse in discussione. Nonostante la fruizione di beni e attività culturali non solo incida positivamente sui processi educativi, nell identificazione nazionale e sulla crescita civile dei cittadini, ma generi favorevoli ricadute sulla dinamica del sistema produttivo, il politicy maker sembra decisamente orientato alla ricerca di fonti di finanziamento concorrenti o alternative a quelle pubbliche e favorevole all impiego di approcci tipicamente aziendalistici nella conduzione museale. Gli esiti sulla qualità dei processi di sviluppo economico e sociale della trasformazione in atto delle politiche di sostegno finanziario al patrimonio culturale, che coinvolge il ruolo stesso della proprietà pubblica dei beni culturali, non sono facilmente prevedibili. Sono, tuttavia, valutabili le implicazioni che ne sono già scaturite in termini di cambiamento nei modelli organizzativi e gestionali dei musei pubblici e nelle relative modalità di regolazione delle attività operative. Gli obiettivi delle politiche di privatizzazione dei servizi museali e gli strumenti normativi utilizzati per realizzarli, sono presi in considerazione nelle pagine seguenti, insieme alle aspettative economico-finanziarie che li alimentano e ai vincoli giuridici che li condizionano. Il lavoro prende in esame i risultati che la politica di esternalizzazione dei «servizi aggiuntivi» ha avuto nei musei statali, per poi soffermarsi sull esperienza e sulle prospettive della gestione privata dei servi- * Professore straordinario di Politica economica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Il testo che segue è parte di un più ampio lavoro che si inserisce nell ambito del Progetto di ricerca CNR: Modelli organizzativi e gestionali per lo sviluppo delle attività culturali nei musei e negli spazi espositivi. 91

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 zi attuata nei musei civici, in particolare in quelli del Comune di Roma. La scelta di un approccio analitico law and economics è apparsa la più idonea a trattare una problematica che tocca aspetti insieme politico-economici e giuridico-istituzionali. L intento è quello di individuare elementi utili a verificare la validità dei processi di outsourcing e il grado di coerenza e adeguatezza della legislazione che ne è all origine, rispetto alla duplice esigenza di assicurare efficienza operativa e crescita dell istituzione museale e, dunque, la capacità dell amministrazione pubblica di elaborare politiche d intervento e sperimentare assetti innovativi finalizzati a conseguire condizioni di compatibilità tra efficacia della mission museale e sostenibilità economica della gestione. 1. La politica di esternalizzazione dei servizi culturali. Un quadro normativo incerto e contraddittorio L esternalizzazione dei servizi è fenomeno presente ormai in molti musei italiani, la cui diffusione trova riferimento nella combinazione, ritenuta conseguibile, di elementi reciprocamente vantaggiosi, in termini economici e di immagine, sia per l istituzione che per il privato affidatario. L esigenza pressante di contenimento delle spese di gestione in un contesto di crisi della finanza pubblica, da un lato, e l interesse dei privati alla concessione in uso di spazi museali per finalità di sfruttamento commerciale e per l offerta di servizi al pubblico, dall altro, hanno spinto a iniziative di outsourcing dei servizi aggiuntivi e delle attività di supporto funzionale e di valorizzazione nei musei. Traslato da esperienze straniere, segnatamente quelle nordamericane, sviluppate però in contesti strutturali non sempre assimilabili a quelli italiani per assetti giuridici, dimensioni operative e cultura d impresa (C. Monin, 1998; R.S. Katz, 1990; M. Calamandrei, 2000; H.H. Genoways - L.M. Ireland, 2004; C. Acidini Luchinat, 1999; M.C. Malaro, 1998; G. Pinna, 2004), il coinvolgimento di soggetti privati è andato crescendo nel corso degli anni nei musei e spazi espositivi tanto statali che comunali, sospinto soprattutto dall entrata in vigore di una specifica normativa che ne ha legittimato e incoraggiato l apporto finanziario e di competenze tecniche e manageriali. L orientamento «esternofilo» del policy maker rispetto alla gestione dei musei pubblici, prima latente, poi sempre più esplicito, appare alimentato da una valutazione non positiva delle capacità e competenze professionali disponibili negli apparati amministrativi deputati, formatasi a seguito dell accumularsi di casi di degrado del patrimonio custodito e, al tempo stesso, dalla convinzione che i privati possono fare comunque meglio (A. Monti, 2002). Il prolungarsi delle emergenze nel fabbisogno finanziario dello Stato ha accentuato tale orientamento nell ultimo decennio senza, però, pervenire a univocità e chiara determinazione nelle politich d intervento.la strategia che il Governo ha perseguito in materia di affidamento esterno della gestione nei musei statali e, più in generale, di decentramento delle 92

3 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... attività di valorizzazione dei beni culturali si caratterizza, infatti, per discontinuità e ambiguità normativa. Dopo una fase di progressiva apertura ai privati sul piano della definizione dei contenuti e della tipologia dei servizi museali cedibili, la legislazione di riferimento registra una dinamica stop and go sul piano dell individuazione di modalità e strumenti di cessione e della loro sfera applicativa, anche per effetto delle sopravvenute modifiche costituzionali che hanno innovato nella distribuzione della potestà legislativa e regolamentare tra Stato e Regioni. Alla prima fase appartiene la normativa di base, contenuta in due provvedimenti legislativi d urgenza adottati dal Governo a cavallo degli anni Novanta in un contesto di politica economica orientato al drastico contenimento della spesa pubblica. Il primo provvedimento, noto come «Legge Ciampi-Ronchey» 1, pensato in un ottica di incremento delle entrate museali, si limita a definire indirizzi e modalità per la gestione del servizio editoriale e di vendita riguardante la riproduzione di beni culturali, la realizzazione e la vendita di cataloghi e di altro materiale informativo museale, nonché l apprestamento dei servizi di caffetteria, di ristorazione e di guardaroba. Il secondo provvedimento, noto come «Legge Dini-Paolucci» 2, innovativa sia sul piano dei soggetti abilitati alla gestione che dei contenuti operativi. Da un lato, infatti, consente l affidamento dei servizi aggiuntivi a fondazioni culturali e bancarie e a società per azioni o consorzi (articolo 47 quater), a condizione però che risulti finanziariamente conveniente per l amministrazione concedente. Dall altro, viene estesa in misura rilevante la tipologia dei servizi museali esternabili attraverso sia la loro esplicita individuazione, sia mediante dispositivi genericamente formulati che aprono spazi a discrezionalità di iniziative. Le Soprintendenze sono autorizzate ad affidare a soggetti privati non solo la gestione dei biglietti di ingresso e i servizi relativi all accoglienza, guida e assistenza tecnica, didattica e ai sussidi catalografici, audiovisivi e formativi, insieme all utilizzazione commerciale delle riproduzioni, alla gestione di punti di vendita, di centri di incontro, di diapoteche e raccolte discografiche, ma anche l organizzazione di mostre e iniziative destinate alla valorizzazione del patrimonio culturale e, più in generale, alla diffusione della sua conoscenza. Alla normativa di attuazione ha provveduto il decreto ministeriale 23 marzo 1997, n. 139, che ha emanato il Regolamento su indirizzi, criteri e modalità di istituzione dei servizi aggiuntivi nei musei, le cui dis- 1 Legge 14 gennaio 1993, n. 4, Conversione in legge del decreto-legge 14 novembre 1992, n. 11, recante: Misure urgenti per il funzionamento dei musei statali. Disposizioni in materia di biblioteche statali e archivi di Stato. 2 Legge 22 marzo 1995, n. 85, Conversione in legge del decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41, recante: Misure urgenti per il finanziamento della finanza pubblica e per l occupazione nelle aree depresse. 93

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 posizioni prevedono numerosi adempimenti amministrativi e passaggi burocratici che, soprattutto nella prima fase di avvio, hanno rallentato la stipula di contratti di concessione e l attivazione dei servizi. Indicativa del clima di ambiguità che attraversa il processo politicoamministrativo in questa fase appare la stessa vicenda normativa della definizione dei «Criteri tecnico-scientifici e di standard di funzionamento e sviluppo dei musei». Da tempo operanti in altri paesi, specie quelli di matrice anglosassone, e resi sempre più necessari in Italia dall esigenza di garantire la qualità della fruizione pubblica e l integrità dei beni e di contenere i rischi impliciti nella prevista cessione della gestione a soggetti estranei alla pubblica amministrazione, i criteri e gli standard museali, dopo una lunga gestazione, sono stati introdotti soltanto alla fine della XIII legislatura attraverso un Atto di indirizzo ministeriale (DM 10 maggio 2001), senza alcuna previsione di obbligatorietà, con una mera valenza di moral suasion per i soggetti proprietari e i gestori pubblici e privati di strutture museali. Le disposizioni contenute nella normativa sommariamente richiamata, anche quelle non vincolanti, pur essendo state predisposte per le istituzioni statali, hanno tuttavia contribuito fortemente alla diffusione, per imitazione, di forme di esternalizzazione dei servizi nei musei comunali, influenzandone contenuti, modalità e ritmo di attuazione. Anche i successivi interventi legislativi, finalizzati ad un ampliamento dei rapporti pubblico-privato, appaiono all insegna della precarietà e del compromesso (E. Bruti - Liberati, 2001; M. Cammelli, 2002; C. Barbati, 2003; G. Mangione, 2003). Vengono, infatti, configurati due regimi giuridici: uno valido per i beni di proprietà dello Stato e l altro per quelli di proprietà degli enti locali. In particolare l articolo 33 della Legge Finanziaria per il 2002 (Legge n. 448 del 2001) prevede la possibilità di dare in concessione a soggetti non statali (inclusi i Comuni) la gestione di servizi finalizzati alla fruizione pubblica e alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico e archeologico statale. Tuttavia i rilievi formulati dal Consiglio di Stato che evidenziano dubbi di costituzionalità sotto il profilo dell invasione della competenza normativa regionale (cfr. Parere n del 26 agosto 2002), non avendo consentito la tempestiva emanazione del regolamento ministeriale di attuazione che avrebbe dovuto definire modalità, criteri e garanzie delle procedure concessiorie, hanno determinato un periodo di incertezza nel corso del quale il Ministero per i beni e le attività culturali è stato in grado di utilizzare, e con difficoltà, soltanto lo strumento della costituzione o partecipazione a fondazioni 3. Con la successiva entrata in vigore (2004) delle disposizioni del Co- 3 Significativo, al riguardo, è il caso della faticosa attivazione della Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino, costituita solo nel 2004 sulla base della nuova normativa in materia, anche se da tempo annunciata. 94

5 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... dice dei beni culturali e del paesaggio (articolo 115) lo Stato e le Regioni provvedono la gestione in «forma indiretta» delle attività di valorizzazione mediante l affidamento «diretto» a fondazioni, associazioni, consorzi e società di capitali, costituiti o controllati dall amministrazione pubblica cui pertengono, o l affidamento indiretto a terzi, mediante procedura ad evidenza pubblica, sulla base di valutazione comparativa dei progetti presentati. Gli enti locali, invece, possono procedere soltanto con «affidamento diretto» a soggetti appositamente costituiti o partecipati in misura prevalente, essendo esclusa la «gestione indiretta» attraverso la concessione a terzi. Non risultando precisate le modalità da seguire per l individuazione del socio privato di minoranza, sussistono però, condizioni di incertezza operativa. Ove si tratti di forme organizzative non-profit (fondazioni, associazioni) la discrezionalità dell amministrazione nella scelta di partner privati, appare relativamente più plausibile. Nel caso invece di soggetti for-profit, l obbligo di rispettare i principi comunitari ormai consolidati in materia di libera concorrenza, spinge per un interpretazione che vede l amministrazione locale tenuta a servirsi di una gara ad evidenza pubblica, sia nel caso di costituzione di un nuovo soggetto giuridico che in quello di utilizzo di società preesistente. Anche quando si tratta di «servizi privi di rilevanza economica» tale obbligo non sembra affievolirsi, dovendosi ritenere applicabili le disposizioni legislative, non esplicitamente abrogate dal Codice, che prevedono l affidamento «diretto» ad una società a capitale misto, solo se il socio privato della stessa sia stato selezionato in base ad una gara indetta secondo la normativa nazionale e comunitaria ad evidenza pubblica. 2. Privatizzazione della gestione dei servizi e aspettative economico-finanziarie. Gli esiti nei musei statali I modelli gestionali dei musei pubblici che sono andati configurandosi nell ultimo decennio sulla base degli impulsi esercitati dalla richiamata normativa, appaiono diversificati negli assetti organizzativi e nelle modalità attuative, ma unificati nella ricerca di approcci imprenditoriali nella conduzione delle strutture, tanto nei musei statali che in quelli comunali. I contratti che le Soprintendenze statali hanno stipulato con soggetti privati per la fornitura di servizi aggiuntivi, riferiti a poco più di un terzo delle istituzioni aperte al pubblico, coinvolgono i musei e i siti archeologici più frequentati (due terzi dei visitatori complessivi) e riguardano essenzialmente i servizi relativi all accoglienza, ritenuti particolarmente carenti. L andamento e i risultati della gestione appaiono articolarsi non solo in relazione alla tipologia dei servizi attivati e alla loro diversa combinazione, ma anche ai rapporti burocratico-amministrativi instaurati e alla professionalità delle imprese coinvolte e del personale impiegato. Essi sono stati oggetto di studio sulla base della documentazione ministeriale 95

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 resa pubblica e di specifiche indagini empiriche (R. Cappelli, 2002; V. Cesareo - Grillo, 1997, 2001; F. Guerra, 1999; M. Meneguzzo, 2004; L. Solima - S. Riolo, 2004; L. Solima - A. Bollo, 2002; P. A. Valentino, 1993 e 2003b; M. Villani, 1999; L. Zan, 1999, 2001), nonché materia di riflessione da parte di conservatori museali operanti in alcune grandi soprintendenze (R. Friggeri, 1999; G. Nepi Sciré, 2003; A.M. Reggiani, 2003). Su un piano generale e in prima approssimazione, la progressiva crescita del numero dei «clienti» registrata nel periodo (Tabella 1), in concomitanza con la progressiva attivazione nei musei statali del territorio nazionale di 6 tipologie di servizi variamente assemblati (autoguide, bookshop-vendita gadget, caffetteria, prenotazioni-prevendita, ristorazione, visite guidate), viene assunto come indicatore di apprezzamento da parte del pubblico e, dunque, di successo della politica di esternalizzazione. L aumento del numero dei consumatori e dell entità della spesa, infatti, dimostrerebbe che i visitatori hanno gradito la proposta, intendendo combinare l interesse culturale con ausili didattici e di relax che rendano più godibile la propria esperienza di visita al museo. Non è accertato, però, se la presenza di servizi di accoglienza abbia accresciuto l appeal del museo e determinato un aumento dei visitatoriutenti, obiettivo della politica ministeriale, insieme a quello del gettito finanziario netto. Il forte aumento dei clienti dei servizi aggiuntivi, quasi triplicato negli anni , si confronta, infatti, con una crescita di appena il 64, 6% del numero complessivo dei visitatori nei musei, monumenti e aree archeologiche statali, misurato dai biglietti emessi a titolo gratuito e a pagamento, inclusi quelli relativi ai «Circuiti museali». Ove si consideri, inoltre, che alcuni servizi attivati (ristorazione e bookshop) sono spesso accessibili anche dall esterno del Museo, il numero dei clienti, misurato dagli scontrini fiscali emessi dal gestore del servizio e sui quali viene calcolata la quota di spettanza dello Stato, non si identifica con quello dei visitatori effettivi che nel 2004 risultava tre volte più elevato (Tabella 1). Sul piano economico-finanziario, non si dispone di dati sufficienti per una ricostruzione puntuale delle performances delle imprese coinvolte e una valutazione dei reali vantaggi per lo Stato a fronte della rinuncia ad allestire direttamente i servizi ceduti in gestione ai privati. Sono possibili, però, considerazioni, sia pure di larga massima, sulle tendenze in atto della domanda e dell offerta dei servizi di accoglienza e sui relativi esiti monetari per i soggetti coinvolti 4. Dall analisi della documentazione statistica ministeriale, relativa al periodo , emerge una tendenza regressiva del fatturato unita- 4 I vincoli giuridico-istituzionali che avvolgono i musei pubblici (musei-ufficio), configurando «forme incompiute di gestione» (L. Zan, 1999), non consentono una adeguata rendicontabilità e, quindi, impongono cautela nell interpretazione estensiva dei dati di perfor- 96

7 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... Tabella 1 Musei e aree archeologiche dello Stato dotati di almeno un servizio aggiuntivo fornito da terzi, clienti e relativi introiti delle Soprintendenze, visitatori e relativi incassi Anno (1) Istituti Clienti (scontrini fiscali) Servizi attivi (2) Incassi lordi (milioni di euro) 14,04 19,51 25,74 30,14b 29,60 33,70 36,42 Royalties delle Soprintendenze nd nd nd ,60 5,20. 5,48 (milioni di euro) Visitatori (variazione%) (+24,0%) (-2,2%) (+30,4%) (-2,2%) (+2,2%) (+4,3%) Introiti biglietti (milioni di euro) 49,89 57,22 54,35 75,31 80,76 82,10 86,50 Totale istituti Statali Visitatori (variazione%) (-1,6%) (+10,5%) (-2,1%) (+5,1%) (+0,4%) (+3,4%) Introiti biglietti (milioni di euro) 65,97 66,00 77,02 80,98 85,84 85,29 90,01 (1) Dati provvisori. (2) Servizi attivi almeno un mese nel corso dell anno di riferimento. Fonte: Elaborazioni su dati Sistan- Ministero per i beni e attività culturali, Roma, rio delle imprese. Pur risultando, infatti, poco più che raddoppiati gli incassi lordi complessivi dei privati (da 14 a 36 milioni di euro), appare notevolmente più aumentato il numero dei musei serviti (da 43 a 158), dei servizi prestati (da 100 a 397) e delle imprese fornitrici, singole o raggruppate in associazioni temporanee. Quanto alle entrate complessive dello Stato a titolo di royalties, esse sono tuttora modeste, aggirandosi mediamente attorno ai 5 milioni di euro nel quadriennio (Tabella 1). mance. Resta preclusa, infatti, una rigorosa valutazione sul piano economico-contabile degli esiti della gestione museale e dei servizi ad essa connessi, scaturibile solo dall analisi delle voci di un bilancio completo e pienamente attendibile. Tuttavia, ove le informazioni disponibili la rendano possibile, la ricostruzione della dinamica delle spese e delle modalità di copertura della gestione delle strutture museali, incluse fonti ed entità delle entrate e dei finanziamenti di soggetti esterni, da un lato, e la stima dei presunti vantaggi indiretti e delle esternalità positive, dall altro, forniscono elementi utili a valutare il costo-opportunità di scelte politiche e di soluzioni alternative, anche se restano insufficienti a dare un quadro della gestione che vada oltre un «bilancio di fatto». 97

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 La distribuzione del numero degli scontrini fiscali emessi dai concessionari nelle varie tipologie di servizi attivate e la distribuzione funzionale dei relativo fatturato, mostrano l assoluta preminenza degli introiti che le Soprintendenze incassano dal servizio di bookshop e vendita dei gadget (quasi tre quarti del totale) e da quello di caffetteria. La modestia delle entrate provenienti dalle altre tipologie di servizi, tra cui quelle più direttamente connesse allo svolgimento della visita (autoguide, visite guidate), combinata con il sistematico aumento del numero dei biglietti di ingresso nel corso del tempo, dà corpo all ipotesi secondo la quale i servizi aggiuntivi relativi all accoglienza al museo non svolgono una funzione trainante di crescita dei visitatori. Alcuni studiosi osservano che l incremento della domanda museale di questi ultimi anni sia da ricollegare non tanto ai servizi aggiuntivi, quanto all apertura di nuovi musei e al rinnovamento di molti di quelli esistenti (P. A. Valentino, 2003).Va, d altro canto, rilevato che il volume dei visitatori dei musei statali privi di servizi aggiuntivi, nel periodo si è accresciuto ad un tasso medio annuo assai più contenuto (+2, 6% rispetto al 9,4%). I servizi aggiuntivi finora attivati, dunque, se in termini di royalties per lo Stato, non hanno dato un apporto decisivo alla copertura dei costi di gestione, hanno però contribuito indirettamente all aumento del gettito della bigliettazione. I punti vendita e di ristoro, trasformati in nuovi luoghi di incontro della città, hanno svolto un ruolo di promozione del museo, rivelandosi uno strumento di sostegno per una domanda altrimenti calante, anche se in molti casi si sono giovati della posizione e dell immagine goduta dal museo per attrarre clienti «esterni», che non sempre si sono trasformati in utenti del museo. Le perplessità e le cautele delle Soprintendenze a giovarsi delle possibilità offerte dalla normativa vigente per ampliare l attuale la gamma dei servizi ceduti ai privati (G. Nepi Scirè, 2003) e le connesse complicazioni amministrative, contribuiscono a spiegare perché nel sistema museale statale non risultano prevalentemente attivati servizi di basso profilo (accoglienza, bookshop, ristorazione), e non quelli di supporto ai compiti istituzionali (custodia, vigilanza, restauro, manutenzione) che attengono più al miglioramento della funzionalità interna del museo e alla crescita qualitativa dell offerta culturale. Servizi, invece, che spesso figurano nel complesso degli affidamenti esterni della gestione nei musei civici (global service), con implicazioni in termini di maggiore conflittualità tra istituzione e privati. Il contenuto numero di imprese di alta qualificazione operanti nel campo dei servizi museali, che ha inciso sul livello delle performance, appare ricollegato non solo alla tuttora modesta dimensione del mercato e alla ridotta profittabilità, ma anche alla barriera all entrata costituita dalla ricorrente inclusione nei bandi di gara della clausola che impone il possesso di una specifica esperienza pluriennale. Così, in assenza di un radicale ripensamento, la scelta politica di de- 98

9 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... stinare le royalties dei musei statali alla copertura dei costi correnti di gestione e non a finanziare nuovi investimenti e iniziative di sollecitazione alla fruizione (attività educative, acquisti di opere, esposizioni di richiamo, campagne di promozione e di comunicazione), associata all elevarsi dei costi di accesso ai musei (diritti di prenotazione e prevendita, aumento del prezzo dei biglietti di ingresso, moltiplicazione dei servizi a pagamento), potrebbero scoraggiare la domanda potenziale e determinare una rarefazione del flusso dei visitatori. È evidente, pertanto, la necessità di aumenti significativi della qualità dei servizi e continuità nell innovazione dei prodotti offerti. In effetti l adozione di un modello organizzativo che preveda una più articolata combinazione di servizi da esternalizzare, lasciando alla direzione dei musei statali solo le scelte strategiche (tutela, ricerca, conservazione e manutenzione straordinaria, sviluppo culturale, fissazione standard) e poteri di controllo e monitoraggio sul rispetto degli obblighi contrattuali del gestore, già positivamente sperimentato nei musei civici (global service), viene considerata una soluzione destinata a conseguire economie di scala e innovazioni nella gestione in grado di accrescere le entrate, sia in termini di royalties che di incassi diretti (P. A. Valentino, 2003b). 3. Funzioni strategiche e forme di outsourcing nella gestione dei musei civici. Il caso del Comune di Roma Il processo di outsourcing dei servizi di pertinenza delle istituzioni museali appartenenti agli enti locali si è esteso attraverso l impiego di forme convenzionali e contrattuali, sollecitate dalla richiamata legislazione statale, ma con opportuni adattamenti finalizzati a fronteggiare specifiche esigenze. Accanto ai casi di affidamento diretto a terzi, in alcuni comuni si assiste alla diffusione della prassi di costituire appositi soggetti strumentali, anche muniti di personalità giuridica (fondazioni di partecipazione, aziende speciali, società per azioni), che provvedono alla gestione di musei o di spazi espositivi direttamente o attraverso il coinvolgimento di altri soggetti privati, applicando le disposizioni previste nella specifica legislazione predisposta per le autonomie locali (Legge 142/90 e successive modificazioni), con risultati economici e operativi assai variegati (I. Ariano, 2003; M. Da Cortà Tomei, 2003; L. Solima - R. Riolo, 2004; L. Zan, 1999). L estensione dei fenomeni di privatizzazione della gestione dei servizi aggiuntivi e delle attività di valorizzazione registrata nei musei pubblici non statali, insieme al progressivo ampliarsi degli ambiti operativi ceduti e alle prospettive di una loro ulteriore dilatazione, hanno spinto verso il rinnovamento dei modelli organizzativi esistenti, nel quadro di una strategia di riassetto complessivo delle proprietà delle amministrazioni comunali e delle loro fonti di finanziamento. L aumento delle voci di spesa (corrente e in conto capitale) del settore culturale rilevato nei bilanci comunali delle grandi città d arte ita- 99

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 liane: Genova, Torino, Venezia, Milano, Roma, Firenze, Palermo da recenti indagini (M. Meneguzzo, 2004), è indicativo non solo della dimensione sempre più rilevante che in questi ultimi anni le politiche culturali hanno assunto nell azione di governo del territorio, ma anche della crescente attenzione verso le istituzioni museali, asse portante di tali politiche. La scelta allocativa delle risorse finanziarie operata dalle amministrazioni pubbliche locali a favore dei musei, infatti, è determinata dagli accertati vantaggi che ne derivano in termini di miglioramento dell immagine simbolica della città e dalle positive ricadute economiche e sociali. In senso generale, nelle politiche adottate si evidenzia l obiettivo di individuare i servizi e le attività che possono essere decentrati per accrescere l efficienza delle gestione senza pregiudizio per le esigenze strategiche di conservazione e tutela, precisandone contenuti e modalità e prevedendo adeguati meccanismi di verifica del loro corretto svolgimento nell interesse pubblico. L esperienza del Comune di Roma presa in esame nelle pagine seguenti, pure nella sua peculiarità, è emblematica degli esiti applicativi della politica di privatizzazione della gestione dei servizi attuata nei musei comunali e delle prospettive economiche aperte da una interpretazione innovativa della normativa vigente, tanto nell elaborazione di modelli organizzativi e gestionali, tanto nell impiego della regolamentazione come strumento di governance museale Esigenze riorganizzative, regolamentazione, efficienza operativa Nel caso del Comune di Roma, la maggiore «cura» politica che nell ultimo quinquennio la Giunta comunale ha riservato ai musei civici e alle aree espositive, è evidenziata dagli stanziamenti in conto capitale relativi ai programmi di investimento destinati ai lavori di restauro, recupero e manutenzione straordinaria dei musei esistenti, al riassetto delle aree archeologiche e all acquisto di immobili di competenza della Sovraintendenza ai beni culturali (Tabella 2). Le decisioni di politica economica assunte dal governo comunale sono riconducibili alla peculiarità delle funzioni rappresentative e simboliche del patrimonio museale connesse al ruolo di Roma Capitale della Repubblica e si associano a quelle di carattere riorganizzativo della gestione motivata dal contributo che alla valorizzazione di tale patrimonio può essere assicurato da una maggiore efficienza operativa in un contesto molto competitivo, alimentato dal continuo confronto con le performances dei musei statali e di quelli Vaticani. L acquisita consapevolezza di insuperabili carenze nell organizzazione interna e rigidità nell impiego del personale, motiva la scelta politica dall amministrazione comunale di Roma di individuare una partnership privata per la gestione dei servizi con l intento di assicurare condizioni di maggiore funzionalità ad un sistema museale in rapida espansione. 100

11 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... Il progressivo aumento del numero dei visitatori (+ 34% negli anni ) (Tabella 3), ha reso, infatti, sempre più pressante esigenza di disporre delle risorse umane e finanziarie necessarie a fronteggiare gli adempimenti gestionali di un patrimonio museale assai esteso (Tabella 4), destinato a dilatarsi ulteriormente nel breve periodo per effetto della prevista musealizzazione di alcune delle numerose aree archeologiche (Tabella 5) e monumentali (Tabella 6) di proprietà comunale o di nuova acquisizione. Su un piano più strettamente tecnico-amministrativo, ma in linea con le richiamate esigenze di efficienza operative, si inquadra la decisione di avviare la revisione della disciplina che regola organizzazione, compiti e attività dei musei. Nel caso del Comune di Roma, dunque, l acquisita opportunità di una razionalizzazione delle funzioni è stata correlata alla necessità di ridefinire il Regolamento dei musei del 1971, ormai obsoleto. Con la Tabella 2 Stanziamenti in conto capitale per i programmi di investimento di competenza della Sovraintendenza ai beni culturali del Comune di Roma (milioni di euro) Esercizi finanziari Stanziamenti 45,0 38,5 44,7 61,8 20,1 14,2(1) (1) Dati non assestati. Fonte: Bilancio di previsione del Comune di Roma, Dati assestati. Tabella 3 Biglietti di ingresso ai musei del Comune di Roma emessi a pagamento e a titolo gratuito nel periodo Anno Ingressi gratuiti Ingressi a Pagamento Totale Fonte: Comune di Roma, Sovraintendenza ai beni culturali, Roma,

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 Tabella 4 Principali strutture appartenenti al sistema dei musei civici di Roma Musei classificati (Legge n. 1080/1960) Musei Capitolini (museo grande) Museo Napoleonico (museo medio) Museo Barracco (museo medio) Museo di Roma - Palazzo Braschi, Piazza S. Pantaleo (museo medio) Museo della Civiltà Romana (museo grande), Piazza Giovanni Agnelli (EUR) Museo Canonica (museo minore) Musei di nuova istituzione Galleria Comunale di Arte Moderna e Contemporanea (Via Crispi) Museo delle Mura Aureliane Museo di Villa Torlonia nel Villino dei Principi Museo delle Vetrate liberty alla Casina delle Civette Museo di Roma in Trastevere (Piazza S. Egidio) Musei Capitolini - Centrale Montemartini Museo dei Fori Imperiali nei Mercati di Traiano Musei di prossima attivazione Museo della Matematica (Villa Sciarra) Museo De Chirico -Collezione Bilotti (Aranciera - Villa Borghese) Museo del Giocattolo (Villa Ada) Museo della Scienza (Gazometro - Area del Mattatoio) Museo Archeologico (Ara Pacis - Piazza Augusto Imperatore) Fonte: Comune di Roma. Sopraintendenza ai beni culturali, Roma, Tabella 5 Aree archeologiche, ville e parchi storici del Comune di Roma Aree archeologiche stabilmente aperte Area del Teatro Marcello e Portico d Ottavia Auditorium di Mecenate Sepolcro di Bibulo Circo di Massenzio Aree archeologiche, ville a parchi aperti su richiesta (1) Torre dei Conti Insula Ara Coeli Area Sacra di Largo Argentina Insula di Via S.Paolo alla Regola Area Sacra di San Omobono Domus Parthorum Excubitorium VII Coorte dei Vigili Ludus Magnum Mitreo del Circo Massimo Monte Testaccio (1) Per l insieme delle aree aperte su richiesta 5 addetti a rotazione garantiscono apertura, sorveglianza e chiusura dei siti. Fonte: Comune di Roma. Sovraintendenza ai beni culturali, Roma, (segue) 102

13 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... (segue) Ninfeo di Via degli Annibaldi S. Maria in Tempulo Sala Matrimoni Vignola Sepolcro di Via Statilia Latrina di Via Garibaldi Sepolcro di Elio Callisto Sette Sale Tempio di via delle Botteghe Oscure Terme di Traiano Trofei di Mario Acquedotto Vergine a via del Nazareno Stadio di Domiziano Ipogeo di Via Livenza Mausoleo di Augusto Basilica Catacombe di Santa Generosa Cisterna in Via Cristoforo Colombo Colombario di Pomponio Hylas Mausoleo di Castel di Guido Mausoleo di Largo Talamo Mausoleo di Tor di Quinto Mausoleo di Lucilio Peto Mura Aureliane da Porta S. Sebastiano a Porta Latina Mura Aureliane a Trastevere (Vic. Moroni) Mura Aureliane da Porta Maggiore a P.zza S. Croce in Gerusalemme Mura Aureliane di V. Carlo Felice S. Urbano alla Caffarella Sepolcro degli Scipioni Mausoleo Monte del Grano Porta Asinaria Porta Tiburtina Sepolcro di Sulpicio Massimo Sepolcro di Via Ostiense Sepolcro Torraccio della Cecchina Torrione di Via Predestina Villa dei Gordiani Villa di Plinio Ara di Mercurio Sobrio Area Archeologica di Fidene Capanna Protostorica Area archeologica Sette Camini Fonte: Comune di Roma. Sopraintendenza ai beni culturali, Roma, Tabella 6 Monumenti medioevali e moderni del Comune di Roma A. Stabilmente aperti Mausoleo Ossario Garibaldino Spazio espositvo S.Rita B. Chiusi per restauro Casina del Cardinal Bessarione (segue) 103

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 (segue) C. Aperti su richiesta (1) Porta Magica Casa dei Cavalieri di Rodi Casina del Cardinal Bessarione Ponte Fomentano (1) Per l insieme dei monumenti aperti su richiesta 2 addetti a rotazione garantiscono apertura, sorveglianza e chiusura. Fonte: Comune di Roma. Sopraintendenza ai beni culturali, Roma, precisazione dei compiti istituzionali, ritenuti incedibili ad estranei all amministrazione (Tabella 7), è stato possibile individuare le residualità riguardanti i servizi di supporto e la attività di valorizzazione esternabili (Tabella 8). Si è così ridelineata l articolazione del sistema di governo dei musei, prevedendo formule coerenti con i più impegnativi compiti di coordinamento e controllo della Sovraintendenza comunale ai beni culturali. Lo Schema del nuovo Regolamento dei musei civici di Roma lascia, tuttavia, inalterata l attuale l articolazione delle posizioni di vertice e le relative attribuzioni stabilite dalla normativa vigente: l emanazione de- Tabella 7 Compiti istituzionali non cedibili a terzi Inventariazione, catalogazione e studio del patrimonio custodito Incremento del patrimonio museale Sicurezza e custodia notturna Deposito temporaneo di materiali dello Stato e degli enti pubblici Prestiti e comodati Attività di tutela e valorizzazione Autorizzazione alla riproduzione Orario di apertura Tariffe dei biglietti di ingresso Modalità di accesso e di fruizione pubblica delle strutture museali Fonte: Schema di Regolamento dei musei del Comune di Roma. Tabella 8 Servizi aggiuntivi e attività di supporto esternabili Accoglienza e biglietteria Custodia diurna, sorveglianza, pulizia e assistenza al pubblico Manutenzione ordinaria e restauro Attività didattiche e iniziative culturali e scientifiche Attività di valorizzazione Fonte: Schema di Regolamento dei musei del Comune di Roma. 104

15 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... Tabella 9 Sistema di governo dei musei civici di Roma Linee strategiche, indirizzi programmatici e controllo dei risultati: Giunta Comunale-Assessore alle politiche culturali Direzione, organizzazione, coordinamento e gestione amministrativa e operativa: Sovraintendente ai beni culturali Dirigenti delle Unità Organizzative Responsabili di strutture museali Fonte: Schema di Regolamento dei musei del Comune di Roma. gli indirizzi programmatici e i poteri di controllo sui risultati delle attività museali restano di competenza dell Assessore per le politiche culturali, la direzione, l organizzazione, il coordinamento e la gestione amministrativa ed operativa sono distribuite tra il Sovraintendente (alta direzione e coordinamento) e i Dirigenti delle Unità Organizzative (UO) (Tabella 9). Nella costruzione del nuovo assetto organizzativo e regolamentare specifica rilevanza hanno assunto le esperienze dei rapporti per la gestione di servizi aggiuntivi conferiti che l Amministrazione Comunale di Roma, già a partire dal 1990, ha stabilito con società private, dapprima limitatamente a uno spazio espositivo multifunzionale privo di proprie collezioni, poi al complesso dei Musei Capitolini, perfezionandone le modalità ed estendendone il rapporto di azione. A partire dal 2005 tale conferimento ha riguardato a tutti i musei aperti al pubblico Le esperienze pubblico-privato. Finalità, soggetti affidatari, obblighi contrattuali Si già rilevato come lo sviluppo del processo di esternalizzazione dei servizi museali trovi riferimento nella combinazione reciprocamente vantaggiosa, in termini economici e di immagine, sia per l istituzione che per il privato affidatario. Nel caso del Comune di Roma, tra le motivazioni addotte a sostegno delle iniziative di outsourcing, certamente rilevante è apparsa quella relativa alla gestione delle risorse umane.la ricerca di formule più flessibili di impiego del personale, combinata a quella di modelli organizzativi in grado di restituire alla Giunta Comunale un ruolo decisionale anche nella gestione amministrativa, ormai preclusa dalla nuova legislazione di separazione delle funzioni programmatiche da quelle operative, caratterizza la strategia degli organi di Governo del Comune di Roma nell ultimo decennio. Anticipa questa tendenza, già nel 1990, la scelta di non assumere in forma stabile il personale di custodia e di non dotarsi di competenze tecniche per la sicurezza necessarie alla riapertura al pubblico del Palazzo delle Esposizioni dopo i lunghi lavori di restauro. Ricorrendo ad un gestore estraneo all amministrazione, si dà così avvio ad un processo 105

16 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 che troverà la sua piena affermazione nel corso degli anni successivi 5. L effetto di trascinamento nei musei locali della richiamata legislazione sulla gestione privata dei «servizi aggiuntivi», emanata nella prima metà degli anni Novanta con l intento di accrescere le entrate dei musei statali, è andato ampliandosi nel tempo anche come imitazione di questo primo rapporto innovativo realizzato dal Comune di Roma. L affidamento diretto al Consorzio di Imprese Musia dell incarico di gestire per un quinquennio (poi prorogati per un biennio) i servizi di sicurezza e guardiania e la connessa concessione di spazi per attività di caffetteria e ristorazione del Palazzo delle Esposizioni (monitorati da una apposita commissione comunale di controllo) hanno svolto, infatti, un ruolo trainante nella diffusione di forme di decentramento di servizi aggiuntivi in molte altre istituzioni museali e centri espositivi soprattutto a livello comunale. Nella medesima logica di contenimento della spesa di personale si pone il più articolato il contratto quinquennale che il Comune di Roma ha stipulato (a partire dal 1 marzo 2000) con un Associazione Temporanea di 5 Imprese (ATI), a seguito però non di affidamento diretto, ma di un bando di gara ad evidenza pubblica. L intento era quello di fronteggiare le esigenze funzionali alla riapertura dei Musei Capitolini e della Pinacoteca, sottoposti ad ampi lavori di restauro e ripristino, e agli spazi espositivi allestiti nei locali della ex Centrale Montemartini. Il bando di gara prevedeva a carico del gestore la fornitura di servizi di supporto, combinata con l obbligo di assumere a tempo indeterminato 170 unità di personale occupato a tempo determinato presso l amministrazione comunale, nell ambito di un progetto di lavori socialmente utili (Progetto Musei), e il pagamento di royalties sugli incassi per lo sfruttamento commerciale di alcuni spazi museali concessi in uso. A fronte dell impegno del gestore di procedere alla stabilizzazione del personale precario di provenienza comunale (secondo le procedure previste dall articolo 11 del Decreto Legislativo n. 68 del 1997 e successive modificazioni) contestualmente alla stipula del contratto di gestione, il Comune si obbligava a corrispondere un compenso forfettario base di oltre 8 miliardi di lire annui. Sul piano organizzativo della gestione, la distribuzione degli incarichi per la prestazione dei servizi contrattuali ha seguito il criterio delle specifiche capacità operative e competenze professionali possedute dalle 5 imprese appartenenti all Associazione Temporanea di Imprese ag- 5 Anche dopo la trasformazione del Palazzo delle Esposizioni in Azienda Speciale (ai sensi della Legge 142/90), avvenuta nel 1995, che ha comportato la perdita del controllo diretto della programmazione e dell amministrazione delle attività operative, l Amministrazione comunale non ha rinunciato a promuovere l esternalizzazione di alcuni servizi ritenuta, secondo le indicazioni emerse dallo studio di fattibilità della trasformazione (IZI srl, 1995) e dalle conclusioni di una apposita commissione di esperti, in grado di assicurare una gestione più flessibile del personale. 106

17 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... giudicataria della gara. In particolare la Società Zètema Progetto Cultura srl (di proprietà per il 24, 5% di Civita Servizi srl, per il 24, 5% di Costa Edutainment SpA e per il 51, 0% da ACEA SpA controllata dal Comune di Roma) ha assorbito il personale LSU e si è occupata dell organizzazione e gestione dei servizi di promozione culturale (eventi, spettacoli, conferenze, dibattiti), mentre le altre società hanno provveduto, rispettivamente, al bookshop e alla linea editoriale (Elemond spa), alla didattica, accoglienza, prevendita e biglietteria (Pierreci cooperativa), all igiene e manutenzione (Multiservizi spa), alla ristorazione e caffetteria (Nonna srl e poi Relais le Jardin, snc) (Tabella 10). Nel corso del quinquennio contrattuale le forniture di servizi della Società Zètema sono state estese anche ad altri musei e spazi espositivi comunali (Museo di Roma, Museo di arte conteporanea di Roma-Macro, Mercati di Traiano), mediante intese dirette con la Sovraintendenza ai beni culturali. La preminenza della Società Zètema nell ambito dell ATI (senza esserne la capofila) e i rapporti preferenziali stabiliti con l Amministrazione Comunale, sono riconducibili alla sua posizione di società controllata dall ACEA SpA e all affidabilità gestionale che ne discende. In questo contesto si spiega la deliberazione della Giunta comunale, Tabella 10 Outsourcing di servizi ai musei del Comune di Roma nel periodo Soggetti affidatari, strutture di riferimento, tipologia di servizi, modalità contrattuali Soggetti affidatari Consorzio Musia (Jacorossi, Artesia, Agip) Anni Strutture Tipologia Modalità destinatarie di servizi contrattuali Palazzo delle Esposizioni Sicurezza, guardiania, caffetteria, ristorante, bookshop-oggettistica contratto (affid. diretto) Associazione temporanea di imprese(ati) (Zètema, Elemond, Pierreci, Multiservizi, Nonna srl) Sistema Musei Capitolini Global Service (Sicurezza, guardiania, visite guidate caffetteria, ristorante, bookshop) Contratto (gara europea) Zètema srl Sovraintendenza Servizi di supporto 1. documentazione/didattica 2. progettazione-assistenza lavori 3. manutenzione-restauro Contratto (affid. diretto) Zètema srl Sistema musei civici Global service (8 tipologie) Contratto (affid.diretto) Fonte: Elaborazioni su documentazione della Sovraintendenza ai beni culturali del Comune di Roma, Roma,

18 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 assunta dopo la stipula del contratto con l ATI, che prevede di affidare in forma diretta alla Società Zètema l incarico quinquennale di fornire assistenza tecnico-scientifica per le esigenze funzionali del patrimonio archeologico, storico-artistico e monumentale di pertinenza della Sovraintendenza comunale ai beni culturali. Il compenso forfettario base di 6, 8 milioni di euro annui, rappresenta il corrispettivo per l impegno della Zètema ad assumere a tempo indeterminato altre 146 unità di personale, occupate a titolo precario in «lavori di pubblica utilità» (LPU) per il Comune di Roma nell ambito del Progetto Polis. Il relativo contratto (stipulato il 27 ottobre 2000) prevede la fornitura di tre tipologie di servizi di supporto: a) attività di progettazione assistenza lavori, piani di sicurezza; b) manutenzione-piccoli restauri; c) divulgazione-didattica, documentazione-catalogazione di cui si sono potuti giovare anche le strutture del Complesso dei musei capitolini ad integrazione dei servizi forniti dall ATI Il modello «global service di utilità sociale». Gli esiti della gestione dei musei capitolini L insieme delle relazioni di servizio e quelle per lo sfruttamento commerciale di spazi museali che il Comune di Roma ha stabilito a partire dal 2000 con soggetti esterni (ATI e Zètema) delineano un modello di gestione che si discosta dai consueti rapporti pubblico-privato e potrebbe definirsi global service di utilità sociale, che si presta più ad una analisi di convenienza politica che ad una valutazione economico-finanziaria. L indisponibilità di sufficienti elementi conoscitivi per una puntuale analisi costi-benefici rende, infatti, poco agevole l accertamento dei reali vantaggi che l amministrazione comunale consegue dall insieme dei servizi delegati all esterno. La peculiarità delle modalità contrattuali ed operative, infatti, non consente di enucleare l apporto delle prestazioni fornite a titolo di supporto ai compiti istituzionali dei musei dalle altre, né di separare i contributi che alla gestione provengono dal personale comunale da quelli assicurati dal personale assunto da Zètema, segnatamente rispetto al servizio di custodia nell ambito del quale è impiegato anche personale volontario. Tuttavia le «Analisi sull attività svolta» dalla Sovraintendenza e le «verifiche dei risultati conseguiti» nel quinquennio contenute nelle Relazioni al Rendiconto del Comune di Roma e il «Conto dei proventi» riscossi dal Comune di Roma nel quadriennio sotto la vigenza del contratto stipulato con l ATI per la prestazione dei servizi al «Complesso dei musei capitolini», offrono alcuni elementi utili ad una valutazione di massima degli esiti economici della gestione esternalizzata. In particolare l esame della documentazione contabile evidenzia la tendenza al progressivo calo delle entrate complessive (-18% alla fine nel quadriennio), addebitabile prevalentemente alla riduzione dei degli introiti dalla vendita dei biglietti di ingresso (Tabella 11), anche se gli ingressi a pagamento (che prevedono un aggio del 15%), 108

19 A. MONTI, LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI... Tabella 11 Conto dei proventi riscossi dal Comune di Roma per la gestione esterna del Complesso dei musei capitolini nel periodo (migliaia di euro) Anni Indennità di gestione 426,1 426,1 426,1 426,1 2. Royalties 362,3 227,9 177,3 241,4 3. Proventi mostre 40,1 54,9 31,3 38,7 4. Vendita biglietti 1.687, , , ,0 5. Altri proventi (2) 5, Totale 2.546, , , ,0 (1) Imprese associate ATI: Zètema Progetto Cultura srl, Elemond spa, Pierreci cooperativa, Multiservizi spa, Nonna srl (poi Relais le Jardin snc). (2) Rilascio copie e scatti fotografici Fonte: Elaborazioni su documentazione della Sovraintendenza ai beni culturali del Comune di Roma, Roma, rispetto a quelli a titolo gratuito, mostrano una tendenza all aumento (Tabella 12). Assai contenuta, inoltre, appare la profittabilità derivante dall utilizzazione degli spazi comunali ceduti in uso commerciale che generano inadeguate entrate a titolo di royalties (10%). Il valore dei proventi complessivi incassati dal Comune dalla messa a reddito degli spazi museali, dunque, appare assai al disotto della somma, a carico dell amministrazione comunale, che viene corrisposta all ATI quale corrispettivo della fornitura dei servizi di supporto ai musei, evidenziando l insussistenza di condizioni di autosostenibilità economica e finanziaria delle strutture. Anche se difficilmente quantificabili sono, d altro canto, da consi- Tabella 12 Biglietti di ingresso al Complesso dei musei capitolini emessi a pagamento e a titolo gratuito Consuntivo Anno Ingressi gratuiti Ingressi a pagamento Totale Previsioni Anno Ingressi gratuiti Ingressi a pagamento Totale Fonte: Comune di Roma, Sovraintendenza ai beni culturali, Roma,

20 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 derare i risparmi che l amministrazione comunale ottiene dal mancato apprestamento dei servizi ceduti e dagli esborsi evitati per pagare gli stipendi al personale di custodia non più in servizio e agli altri addetti i cui oneri sono a carico del gestore. Comunque, l entità di tali minori spese non compensa l onere che il Comune sostiene nell affidamento a terzi delle attività indicate. Tale affidamento, se sul piano operativo ha permesso il superamento di alcune rigidità procedurali presenti nell amministrazione di un ente pubblico, sul piano finanziario ha avuto effetti penalizzanti sulle disponibilità assegnate alla Sovraintendenza ai beni culturali. Infatti, l ammontare complessivo da corrispondere alle società affidatarie, che comprende anche i costi del personale, dei servizi di pulizia e della manutenzione ordinaria, di competenza di altri Dipartimenti Comunali, finisce, infatti, per gravare interamente sui «centri di costo» afferenti alla Sovraintendenza (cfr. Comune di Roma, 2003). Sul piano dell efficacia della gestione, va rilevato che la concentrazione delle prestazioni fornita dall ATI al Complesso dei musei capitolini, e la loro successiva limitata estensione (biglietteria, guardaroba e parziale custodia) soltanto ad altre tre strutture museali, hanno provocato una asimmetrica distribuzione dei servizi di supporto nei vari musei comunali, con negative implicazioni nella gestione del personale e disomogeneità nel livello qualitativo dei servizi finali. La disarticolazione del processo di razionalizzazione degli assetti organizzativi delle strutture ha influito sfavorevolmente sulla capacità propositiva del gestore e della stessa Sovraintendenza, con effetti non positivi sulla crescita dell affluenza del pubblico. La dinamica del numero dei visitatori appare espansiva nel quinquennio contrattuale (salvo il 2002), ma la tendenza non può essere assunta come un indicatore significativo di positività della gestione esterna e della corrispondenza ai targets programmati. Gli obiettivi di sviluppo, riportati sia nel piano economico presentato del gestore che nei bilanci di previsione dell Amministrazione comunale, espressi in termini di flussi annuali dei visitatori, infatti, appaiono sistematicamente disattesi nella rilevazione dei flussi effettivi, pure rispetto ai nuovi valori successivamente rivisti al ribasso, con punte che sfiorano i due terzi di scostamento (Tabella 12). L insoddisfacente performance gestionale sembra ricollegarsi prevalentemente alla discontinuità nella programmazione di iniziative culturali di alta attrattività e alla carenza di impulsi propositivi e di rapporti di interfaccia tra direzione dei musei e server che non riesce a valorizzare pienamente l attività di fund-raising e di promozione svolta dal gestore. Conferma questa ipotesi la rilevante flessione dei visitatori nel 2002, motivata ufficialmente con la mancata conclusione dei lavori (tuttora in corso) di ripristino degli spazi del «Giardino Romano» in Campidoglio da destinare a sede museale, risultando più che riassorbita nel 2004 per l effetto trainante esercitato da una esposizione temporanea di grande ri- 110

OCCUPAZIONI TEMPORANEE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Tariffe giornaliere per mq/ml (in ) (Deliberazione A.C. 39 del 23/7/2014)

OCCUPAZIONI TEMPORANEE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Tariffe giornaliere per mq/ml (in ) (Deliberazione A.C. 39 del 23/7/2014) Dipartimento Attività Culturali e Turismo Dipartimento Cultura U.O. Autorizzazioni di Pubblico Spettacolo e Cinetelevisive Servizio Autorizzazioni Riprese Cinematografiche OCCUPAZIONI TEMPORANEE DI SPAZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

idee per il libero mercato

idee per il libero mercato idee per il libero mercato Quali forme di gestione per i musei italiani? La Grande Brera e il futuro del nostro patrimonio culturale Finalità dello studio Produrre una panoramica anche attraverso l esposizione

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA DICEMBRE 2007 Caso ZETEMA ZETEMA 100% DEL COMUNE DAL 2005 Acquisita nel 2005 da parte del Comune di Roma, Zètema Progetto Cultura opera dal 1998 per favorire e sviluppare una fruizione ottimale del patrimonio

Dettagli

GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management

GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management FMI - Facility Management Italia GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management Arch. Carmen Voza Roma, Auditorium Ara Pacis 24.11. 15 Beni Culturali

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI TITOLO I Costituzione del servizio 1 Costituzione, denominazione e sede Il Comune di Mantova, richiamate: la fondazione del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO La riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) trae

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF DIPARTIMENTO STRUTTURE SERVIZIO MUSEI LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF Ai sensi del D.L. 138/2003 Riordino dell'istituto Nazionale di Astrofisica (art. 3, comma 1, lettera i) e del

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 29.03.2013 Indice: Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE...3

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

Direttore della Direzione Gestione risorse e valorizzazione del patrimonio: Antonello Mori

Direttore della Direzione Gestione risorse e valorizzazione del patrimonio: Antonello Mori Piano della performance -2013 Allegato E Obiettivi assegnati al personale dirigente delle Strutture Sovrintendenza Capitolina Sovrintendente: Umberto Broccoli Direttore della Direzione Tecnico Territoriale:

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

Il Progetto Conti Pubblici Territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte

Il Progetto Conti Pubblici Territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte Il Progetto Conti Pubblici Territoriali I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte 1 La cultura e i servizi ricreativi in Piemonte Il progetto Monografie Regionali

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta,

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta, CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 18/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Presidente

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale

Museo Archeologico Ambientale STATUTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) Art. 1 Denominazione e sede Il Museo Archeologico Ambientale è una struttura di cui Ente titolare è il Comune di San Giovanni

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Un patrimonio invisibile e inaccessibile

Un patrimonio invisibile e inaccessibile Un patrimonio invisibile e inaccessibile Idee per dare valore ai depositi dei musei statali Maurizio Carmignani, Filippo Cavazzoni e Nina Però Università IULM 18 aprile 2012 Quali beni culturali invisibili?

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

CONVENZIONE. tra. avente come oggetto. la tutela e la valorizzazione del Patrimonio Storico-militare in Lombardia. Visti:

CONVENZIONE. tra. avente come oggetto. la tutela e la valorizzazione del Patrimonio Storico-militare in Lombardia. Visti: CONVENZIONE tra la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia, avente sede in corso Magenta, 24-20123 Milano, d ora in poi denominata semplicemente Direzione Regionale, nella

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di finanziabilità previsti dall art. 4 del Regolamento dell attività

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Questionario di autovalutazione

Questionario di autovalutazione Questionario di autovalutazione SCHEDA ANAGRAFICA i Denominazione del museo e recapiti A.1.1 Denominazione. A.1.2 Complesso di appartenenza (1). A.1.3 Indirizzo (2) A.1.4 Località (3). A.1.5 CAP A.1.6

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 PROGRAMMA SABATO 30 LUGLIO INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI Via di San Paolo alla Regola, 16 Un viaggio a ritroso nel tempo e un vero spaccato

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste REQUISITORIA DEL PROCURATORE REGIONALE DOTT. MAURIZIO ZAPPATORI NEL GIUDIZIO DI PARIFICAZIONE

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli