DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO"

Transcript

1 Roma Capitale Dipartimento Attività - Eco nomico _ Produtti v ~, Form<1zJone-Lavoro 15 NOV, 2011 Protocollo Generale N y OHI "",."".""""""""" """" " " " "" DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO BANDO PER IL SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE ALLE GIOVANI IMPRESE DEL LITORALE ROMANO RICONOSCIUTE PICCOLE E MICRO IMPRESE AI SENSI DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE N.238 DEL 18 APRILE 2005 Roma Capitale - Assessorato Attività Produttive, Formazione Lavoro e Litorale e Dipartimento Attività Economico-Produttive, Formazione e Lavoro, U.O. Osservatorio sul Lavoro - Sostegno e Orientamento al Lavoro - indice il presente Awiso Pubblico, approvato con Determinazione dirigenziale n del /2011, destinato a finanziare progetti di investimento per il sostegno e lo sviluppo di giovani imprese del Litorale romano riconosciute piccole e micro imprese ai sensi del Decreto del Ministero delle Attività Produttive n.238 del 18 aprile L'intervento intende agevolare il potenziamento della struttura economico - produttiva del Litorale Romano e del suo entroterra al fine di sostenere le attività imprenditoriali di recente costituzione, contribuire alla creazione di nuova occupazione e migliorare le condizioni di vita dei cittadini e dei lavoratori occupati. Articolo 1 Oggetto e finalità Nel quadro delle proprie attività istituzionali, il Dipartimento Attività Economiche-Produttive, Formazione-Lavoro, allo scopo di favorire la crescita dell'impresa, lo sviluppo della competitività del sistema piccola e media impresa (PMI) e la qualificazione delle professionalità dei soggetti beneficiari, concede aiuti diretti alle piccole e/o microimprese per il sostegno a progetti d'investimento innovativi in beni e servizi materiali ed immateriali. Articolo 2 Risorse a Bando /I Dipartimento Attività Economiche-Produttive, Formazione-lavoro, per il raggiungimento delle finalità di cui al presente awiso, ha previsto di destinare complessivamente la somma di Euro ,30. Il... CopiIaIe AssenonIIo'" AttMlà fir'odua:n.,.. lamwo... LlOf'llll VIa do! C..-chI e. 1Mt1. Romo

2 Articolo 3 Soggetti beneficiari Potranno essere finanziati, secondo i criteri stabiliti dal Dipartimento Attività Economico Produttive, Formazione e Lavoro, e nei limiti posti dalla Unione Europea, i progetti proposti dalle piccole e/o microimprese che, per avere titolo a presentare domanda di contributo, debbono possedere i seguenti requisiti: a) essere considerata una microimpresa 1 e/o piccola impresa 2 secondo i parametri previsti dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18 Aprile 2005, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 238 del 12 ottobre UAdeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione di piccole e medie imprese"; b) essere piccola impresa con alle dipendenze un numero massimo di 14 dipendenti; c) essere costituite ed aver awiato operativamente l'attività a partire dal 01/01/2009; d) avere sede legale nel territorio di Roma Capitale ed almeno una sede operativa nel XIW Municipio; e) essere iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio tenitorialmente competente ed essere in regola con il pagamento del Diritto annuale alla Camera di Commercio; f) essere in regola con il versamento degli oneri contributivi attestato dal DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva). Le imprese esistenti dovranno possedere, al momento della pubblicazione del presente Awiso Pubblico ed alla firma del contratto per l'erogazione dei contributi, tutti i suddetti requisiti pena l'esclusione da"e agevolazioni. Ogni impresa potrà accedere ad un solo contributo. Articolo 4 Compatibilità con altri benefici sono considerate microimprese le aziende con un numero di dipendenti inferiori alle lo unità ed un fatturato inferiore ai di Euro ed un valore tolale dello stato patrimoniale di di Euro; 2 sono considerale piccole imprese le aziende con un numero di dipendenti inferiori alle 50 unità ed un fatturato inferiore ai di Euro ed un valore tolale dello stato patrimoniale di lo di Euro

3 Il contributo erogato sarà cumulabile con qualsiasi altra forma di contribuzione, sovvenzione o agevolazione ricevuta dall'impresa aggiudicataria sino all'ammontare del ude minimis", pari ad Euro ,00, così come previsto dal Regolamento C.E. 1998/2006 della Commissione del 15/12/2006, relativo all'applicazione degli artt. 87 e 88 del trattato C.E. agli aiuti d'importanza minore (G.U.C.E. 28/12/2006 n. L379). Articolo 5 Interventi ammessi al contributo Le agevolazioni sono concesse per spese, al netto di IVA, riconosciute come inerenti l'attività aziendale, relative agli acquisti di beni e servizi materiali ed immateriali ad utilità pluriennale, e devono essere considerati elementi patrimoniali ammortizzabili, acquistati alle condizioni di mercato e non essere stati oggetto di precedenti agevolazioni pubbliche. Le spese per le quali è concesso il contributo devono riferirsi ad acquisti effettuati esclusivamente a partire dal 01/01/2011 (farà fede la data della fattura) e non possono essere diverse da quelle dichiarate nella scheda di presentazione del progetto ammesso. In particolare sono ammissibili le seguenti spese lifelibili a: 1. Studi di fattibilità, progettazione esecutiva, direzione lavori, servizi di consulenza e assistenza finalizzati alla redazione del business pian, complessivamente nel limite massimo del 10% del totale del programma di investimenti; 2. acquisto brevetti, realizzazione marchio aziendale, realizzazione sito web, realizzazione di sistemi qualità e/o ambientali, certificazioni qualità e/o ambientali; 3. realizzazione di progetti di promozione intemazionale dell'impresa richiedente, comprensivi dei costi di viaggio e soggiorno; 4. realizzazione di materiale pubblicitario, cataloghi, brochure ed altro materiale promozionale nel limite massimo del 15% del totale del programma di investimenti; 5. spese per opere murarie ed assimilabili (impianti tecnici quali elettrico, di condizionamento, idrico, antincendio, etc.) relative ad interventi di ristrutturazione ed ammodernamento di locali sia di proprietà che in locazione o comodato nella misura massima del 40% del valore totale del programma di investimenti e a condizione che siano coerenti con le finalità del presente Avviso; 6. Acquisto di impianti specifici, macchinari e attrezzature, compresi gli arredi; 7. Sistemi informativi integrati per l'automazione, impianti automatizzati o robotizzati, acquisto di software per le esigenze produttive e gestionali dell'impresa; 8. Veicoli funzionali ed inerenti allo svolgimento dell'attività imprenditoriale;

4 9. Investimenti atti a consentire che l'impresa operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell'ambiente e del consumatore e, tra questi, investimenti specifici volti alla riduzione dell'impatto ambientale, allo smaltimento/riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi energetici e/o idrici. Non sono, invece, ammissibili a contributo le spese per: costituzione società; acquisto di immobili; acquisto di beni di rappresentanza e/o ad uso promiscuo (anche personale), quali ad esempio computer portatili, telefoni cellulari; acquisto di beni e/o servizi resi dal titolare o da soggetti che siano stati o siano soci e/o amministratori dell'impresa beneficiaria o da imprese controllanti/controllate/collegate all'impresa beneficiaria o da parenti e affini entro il grado secondo; spese di funzionamento relative all'attività gestionale ordinaria (a titolo esemplificativo e non esaustivo: utenze, canoni di locazione, canoni di leasing e costi di noleggio, spese per stipendi e consulenze amministrative, contabili, fiscali). Articolo 6 Entità del contributo Il Dipartimento Attività Economico -Produttive, Formazione e Lavoro, nei limiti dell'importo stanziato, erogherà direttamente alle imprese che avranno realizzato i progetti d'investimento un contributo una tantum a fondo perduto, sotto forma di contributo in conto capitale, fino ad un massimo dell'80% calcolato sulle spese sostenute e ritenute ammissibili ed entro il limite massimo di Euro ,00 per ciascun concorrente. Detto contributo sarà erogato in proporzione al numero dei progetti idonei e/o alle eventuali rinunce al beneficio e/o decadenze di diritto. Rimangono ferme le percentuali massime per singole voci di spesa, già indicate ai punti 1), 4), e 5) del precedente articolo.

5 Articolo 7 Modalità di partecipazione e tennini di presentazione delle domande Il presente Awiso Pubblico avrà la validità di 60 giorni a decorrere dalla pubblicazione dello stesso. I destinatari del presente Awiso che intendono prendere parte alla procedura concorsuale debbono presentare: 1) DOMANDA DI CONTRIBUTO compilando l'apposita scheda, in allegato al presente awiso sotto la lettera mb", debitamente compilata e corredata dei seguenti documenti: a) dichiarazione rilasciata dal rappresentante legale dell'impresa, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, con allegata copia fotostatica del documento di identità del sottoscritto re in corso di validità, dalla quale risuhi: che l'impresa rientra nella definizione di microimpresa e/o di piccola impresa di cui alla Raccomandazione della Commissione Europea del ; che, nel caso si tratti di impresa artigiana, sia iscritta all'albo Provinciale delle Imprese Artigiane di cui alla Legge 443/85; che, ai sensi della disciplina comunitaria sugli aiuti di stato alle piccole e medie imprese, l'azienda non ha beneficiato né intende beneficiare di contributi pubblici per un ammontare superiore ai limiti previsti dal Regolamento C.E. 1998/2006 della Commissione del 15/12/2006, relativo all'applicazione degli artt. 87 e 88 del trattato C.E. agli aiuti d'importanza minore "de minimi$"; b) copia dell'atto costitutivo e statuto (solo per le società); c) copia del certificato di attribuzione del numero di partita I.V.A.; d) certificato di iscrizione al Registro delle Imprese rilasciato in data non anteriore a 6 mesi a quella della presentazione della domanda da cui risulti: - l'assenza di procedure fallimentari e concorsuali in atto; - la dicitura antimafia; - il codice di classificazione economica A TECO relativo all'attività esercitata dall'impresa. 2) FORMULARIO di presentazione del progetto da finanziare, in allegato al presente awiso sotto la lettera C, debitamente compilato. Non verranno prese in considerazione le domande con documentazione incompleta.

6 La documentazione deve pervenire in plico idoneamente sigillato e controfinnato su tutti i lembi di chiusura dal legale rappresentante dell'azienda, con l'indicazione del destinatario ( Roma Capitale - Dipartimento Attività Economico -Produttive, Fonnazione e Lavoro - U.O. Osservatorio Lavoro - Sostegno ed Orientamento al Lavoro - UFFICIO DEL PROTOCOLLO - Via dei Cerchi, ROMA), del mittente e con la dicitura NON APRIRE: AWISO PUBBLICO SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE AllE GIOVANI IMPRESE DEL LITORALE ROMANO RICONOSCIUTE PICCOLE E MICRO IMPRESE AI SENSI DEL DECRETO DEL MINISTERO DEllE ATIIVITA' PRODUTTIVE N. 238 DEL 18 APRilE 2005" le domande dovranno pervenire entro le ore 12:00 del giorno 13/01/2012. E' consentita la consegna a mano o via posta. Per il termine di ricezione delle domande NON FARA' FEDE Il TIMBRO POSTALE MA SOLO QUEllO APPOSTO DAll'UFFICIO PROTOCOllO PREDETIO. Saranno esclusi dalla valutazione: i plichi giunti oltre il termine di scadenza; i plichi pervenuti senza idonea sigillatura; i plichi pervenuti senza controfirma dei lembi di chiusura da parte del legale rappresentante dell'azienda; i plichi senza indicazione del mittente; i plichi pervenuti senza la dicitura "NON APRIRE: AWISO PUBBLICO SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE ALLE GIOVANI IMPRESE DEL LITORALE ROMANO RICONOSCIUTE PICCOLE E MICRO IMPRESE AI SENSI DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE N. 238 DEL 18 APRILE 2005". l'amministrazione non assume responsabilità per la dispersione delle comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del partecipante oppure dalla mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali e telegrafici, o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o a forza maggiore. Le indicazioni sono da rispettarsi a pena di esclusione dalla procedura e, pertanto, non saranno accettate le domande prive di tali elementi. Articolo 8 Commissione tecnica di valutazione Le domande di contributo saranno esaminate da una Commissione tecnico valutativa, appositamente istituita con prowedimento dirigenziale, composta da dirigenti, funzionari del Dipartimento Attività Economico -Produttive, Formazione e Lavoro ed esperti esterni. La Commissione esaminerà la documentazione contenuta nel plico, procedendo a verificare la

7 sussistenza dei requisiti minimi dei partecipanti e, in caso di esito positivo della verifica amministrativa, a valutare le idee progettuali sulla base dei criteri stabiliti nei successivi articoli 9 e 10 ed a proporzionare il contributo in base a quanto previsto dall'art.6 del presente bando. Articolo 9 Valutazione ammissibilità delle domande di contributo La procedura di selezione delle domande di contributo sarà preceduta da una fase di verifica preliminare dei requisiti di accesso. In particolare si procederà alla verifica dei seguenti requisiti: a. verifica del rispetto dei termini e delle modalità di presentazione della domanda; b. completezza della documentazione presentata secondo quanto indicato nel presente bando; c. localizzazione della sede legale ed operativa nelle zone indicate dal bando; d. valenza socio economica del progetto. Articolo 10 Criteri di valutazione delle domande Le domande ritenute ammissibili a seguito della procedura istruttoria di cui al precedente articolo saranno sottoposte a successiva istruttoria sulla base dei seguenti "CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE DOMANDE". a) Potenzialità dell'impresa - il punteggio complessivo da attribuire a ciascuna iniziativa, per un massimo di 70/100, sarà calcolato come sommatoria dei tre diversi parametri di cui ai punti a.1), a.2), a.3): a.1) concreta assenza di impedimenti formali, burocratici e tecnici all'esercizio dell'attività imprenditoriale con punteggio massimo di 25/100 così suddiviso: disponibilità del locale e sua idoneità all'esercizio dell'attività dell'impresa Cl punto; possesso delle autorizzazioni per l'esercizio specifico dell'attività (3 punti); impiego di personale con necessaria esperienza e professionalità, con relativi curricula vitae allegati Cl punti); aver effettuato all'interno dell'azienda investimenti e/o iniziative volte alla sensibilizzazione ed alla formazione del personale dipendente in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro contenute nel Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, (8 punti). La mancata disponibilità del locale renderà il progetto non cantierabile e quindi NON AMMISSIBILE.

8 a.2) Aspetti tecnico-economici; il punteggio, (con un massimo di 25/100), sarà attribuito sulla base dell'esame degli elementi indicati nella domanda ed in particolar modo la fattibilità del progetto sarà valutata sulla base dei seguenti quattro parametri: esperienza del proponente nel settore e nella gestione d'impresa (massimo 5 punti); congruità fra obiettivi di vendita ed investimenti (massimo 6 puntq; redditività, valutata sulla base della capacità dell'impresa di generare reddito congruo in relazione al settore dell'attività, alla dimensione di impresa e al volume di investimenti realizzati (massimo 8 punti). analisi del mercato di riferimento (servizi offerti, concorrenza, potenziale clientela) e del contesto locale (massimo 6 punti) a.3) Aspetti economicolfinanziari; il punteggio, (con un massimo di 20/1 00), sarà attribuito sulla base dei seguenti parametri: congruità tra costi e ricavi (massimo 5 punti); rapporto tra reddito operativo ed investimenti per i quali si richiede il beneficio (massimo 5 punti); rapporto tra oneri finanziari e vendite o fatturato (massimo 5 punti); rapporto per la misurazione dell'equilibrio finanziario, (massimo 5 punti) distinto per tipologia di regime contabile scelto dall'impresa: - Imprese in contabilità ordinaria: rapporto tra l'attivo circolante ed il passivo circolante; - Imprese in contabilità semplificata: rapporto tra le variazioni delle rimanenze e le Vendite o Fatturato 3. Nel caso di imprese senza Rimanenze sarà valutato il rapporto tra il Margine Operativo Netto e le Vendite o Fatturato. Entrambi i parametri sono stati mutuati da quelli previsti dagli organismi del Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese presso il Medio Credito Centrale (MCC). b) Aspetti occupazionali; il punteggio, per un massimo di punti 20/100, sarà attribuito sulla base dei seguenti indicatori b.1), b.2), b.3): b.1) Nuove assunzioni di personale dipendente effettuate dall'azienda richiedente a partire dal 01/01/2011; il punteggio assegnato sarà proporzionale in base al numero dei nuovi occupati (massimo punti 10/100); b.2) Tipologia dei nuovi occupati; il punteggio (massimo punti 5/100) è assegnato valutando la presenza di personale riferibile alle seguenti categorie: Giovani (con età compresa tra i 18 ed i 32 anni compiuti); 3 Formula: «(Rimanenze finali + Rimanenze iniziali) /21/ Vendite o Fatturato} 365

9 Donne; Lavoratori svantaggiati (così come definiti dall'art. 4 della Legge 381/91); Lavoratori esclusi dal mondo del lavoro Oiste di mobilità); b.3) Sostegno alla formazione professionale ed all'inserimento lavorativo, presso l'azienda richiedente, di personale con l'utilizzo degli strumenti formativi quali lo stage e/o il tirocinio formativo; (massimo punti 5/100). c) Validità dell'iniziativa; il relativo punteggio, per un massimo di punti 10/100, sarà attribuito sulla base di quanto indicato nella domanda relativamente alle seguenti caratteristiche: attività imprenditoriale che presenti aspetti innovativi, sperimentali e creativi nella fomitura di servizi; attività imprenditoriali che evidenzino caratteristiche trasferibili ad altri contesti (ad esempio gemmazione in più contesti territoriali di un determinato modello di offerta di servizi). Articolo 11 Formulazione della graduatoria definitiva Il Direttore del Dipartimento Attività Economico-Produttive, Formazione e Lavoro approverà, con apposita determinazione, i vernali della Commissione di valutazione e la graduatoria definitiva delle imprese ammesse al contributo con relativa quantificazione del contributo stesso. Saranno ritenute idonee le imprese che avranno raggiunto un punteggio minimo di 75 punti. I contributi saranno erogati secondo le modalità già previste dall'art.6 del presente bando. La graduatoria verrà pubblicata all'albo Pretorio e sul sito web del Dipartimento Attività Economico - Produttive, Formazione e Lavoro per 30 giorni. Articolo 12 Informazioni e Pubblicità Il testo del presente Awiso Pubblico, approvato con Determinazione Dirigenziale n del 12/10/2011 della Direzione Dipartimentale - U.O. Osservatorio Lavoro, Sostegno ed Orientamento al Lavoro, è pubblicato integralmente - completo degli allegati "B" (schema di domanda) e 'C" (formulario per la presentazione del progetto) - sul sito web Roma Capitale Dipartimento Attività Economico - Produttive, Formazione-Lavoro (www.comune.roma.;tj, sarà

10 disponibile presso l'albo Pretorio di Roma Capitale - Via Petroselli, 50 - Roma ed avrà diffusione sul territorio della città. Eventuali informazioni necessarie potranno essere richieste via mai! all'indirizzo: Articolo 13 Erogazione del contributo Il contributo sarà erogato dall'amministrazione di Roma Capitale ed al momento dell'erogazione del contributo,'azienda assegnataria dovrà produrre in originale la documentazione comprovante tutti i requisiti previsti dal presente awiso pubblico e dichiarati al momento della presentazione della domanda. Articolo 14 Obblighi del beneficiario Il Beneficiario del contributo ha l'obbligo di non trasferire a qualsiasi titolo per atto volontario i beni oggetto dell'intervento per un periodo di 3 anni dalla data di assegnazione del contributo. Articolo 15 Garanzie La concessione del contributo, e dunque la stipula del contratto, sarà subordinata al rilascio di apposita garanzia fideiussoria del valore del finanziamento concesso, rilasciata da primari istituti bancari e/o assicurativi oppure dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui agli articoli 106 o 107 del Decreto Legislativo 1 0 settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell'economia e delle Finanze, e comunque nel rispetto della normativa vigente, nazionale e comunitaria, in materia di aiuti pubblici. La garanzia fideiussoria dovrà avere una durata pari ad anni 3, decorrenti dalla data di assegnazione del contributo. Articolo 16 Ispezioni e controlli L'Amministrazione di Roma Capitale si riserva di disporre in qualsiasi momento controlli ed ispezioni, anche a campione, per la verifica della sussistenza delle condizioni per la fruizione

11 delle agevolazioni e per accertare l'effettiva realizzazione degli investimenti per i quali viene erogato il contributo. In caso di dichiarazioni mendaci o inesatte, l'amministrazione di Roma Capitale prowederà a revocare la concessione del contributo, con conseguente scorrimento della graduatoria, fatto salvo quanto previsto dall'art. 640 bis del Codice Penale e l'art. 75 del DPR 455/2000. Articolo 17 Revoca dei contributi La revoca dei contributi ed il conseguente recupero delle somme eventualmente già erogate, rivalutate sulla base degli indici ISTAT dei prezzi al consumo delle famiglie di operai e impiegati e maggiorate degli interessi legali dal momento dell'erogazione a quello della restituzione e fatto salvo l'eventuale risarcimento dei maggiori danni, potrà essere determinata dall'amministrazione di Roma Capitale qualora: il beneficiario abbia sottoscritto dichiarazioni o prodotto documenti o effettuato comunicazioni all'amministrazione di Roma Capitale risultate non veritiere; il beneficiario non destini, in tutto o in parte, i contributi agli scopi per i quali sono stati concessi o, comunque, l'attività non risulti adeguata al raggiungimento dei medesimi scopi; il beneficiario non consenta le ispezioni e le verifiche da parte dell'amministrazione di Roma Capitale, del Ministero dell'industria o loro incaricati; il beneficiario vari la sede dell'attività da quelle di cui all'art. 3 del presente awiso, senza preventiva autorizzazione da parte dell'amministrazione di Roma Capitale; si riscontri, a seguito dei controlli o delle ispezioni effettuate, il venir meno dei requisiti necessari per l'ottenimento dei contributi. Articolo 18 Trattamento dei dati Tutti i dati personali che verranno in possesso dell'amministrazione Comunale in occasione dell'espletamento del presente procedimento verranno trattati nel rispetto del D.Lgs. n. 196/2003, Testo Unico costituente il Codice in materia di protezione dei dati personali. Il trattamento di detti dati sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e nel rispetto delle norme di sicurezza. Detti dati potranno essere comunicati o diffusi ad altri soggetti sempre e comunque con riferimento ad attività svolte nell'ambito del procedimento. Il candidato

12 potrà rivolgersi all'amministrazione di Roma Capitale per far valere i suoi diritti così come previsto del D.Lgs. 196/2003. L'Amministrazione di Roma Capitale informa che il conferimento da parte del candidato dei dati richiesti per accedere al contributo oggetto del presente awiso, conferimento corretto e veritiero, è obbligatorio ai fini del corretto espletamento della procedura di valutazione della candidatura e che il loro eventuale mancato conferimento potrebbe comportare la mancata indusione del candidato nella stessa.

13

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS -

Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS - Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS - SVILUPPO E CONSOLIDAMENTO DI INIZIATIVE IMPRENDITORIALI NEL CAMPO DELLA PRODUZIONE, ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA PROFESSIONALI PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E MERCATI

SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E MERCATI S. P. Q. S SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE E MERCATI AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER PROMUOVERE LO SVILUPPO ECONOMICO E SOCIALE DEL TERRITORIO 1.FINALITA Lo Statuto Comunale, all art.5

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 37 REGOLAMENTO per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali approvato con delibera C.P. n. 89 del 26 settembre 2012 esecutivo dal 26 settembre 2012 I REGOLAMENTI

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA

BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA BANDO FINANZIAMENTI AI NEGOZI STORICI DELLA SARDEGNA Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. In attuazione della Deliberazione della Giunta Regionale n. 48/54 del 01/12/2011 Progetto integrato per la tutela attiva

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO A Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di ANCONA

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di ANCONA AVVISO PUBBLICO PER L'ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA DI MOBILITA' ESTERNA VOLONTARIA PER TITOLI E COLLOQUIO ATTITUDINALE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO, A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO, IN CATEGORIA GIURIDICA

Dettagli

BANDO FINANZIAMENTI AI RISTORANTI TIPICI DELLA SARDEGNA

BANDO FINANZIAMENTI AI RISTORANTI TIPICI DELLA SARDEGNA BANDO FINANZIAMENTI AI RISTORANTI TIPICI DELLA SARDEGNA Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. In attuazione della Deliberazione della Giunta Regionale n. 34/23 del 07/08/2012 Progetto di riconoscimento, valorizzazione

Dettagli

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO

FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO COMUNE DI MONTERONI DI LECCE Provincia di Lecce FONDO PER IL SOSTEGNO ALL APERTURA DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO E BANDO PER L'ACCESSO 1) FINALITÀ Il Comune di Monteroni di Lecce, nell

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

BANDO MICROCREDITO F.A.Q.

BANDO MICROCREDITO F.A.Q. BANDO MICROCREDITO Fondo finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati LR 4/2011 art. 7 F.A.Q. INDICE 1. Modalità di

Dettagli

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ROMA CAPITALE Assessorato

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.2 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E. Dipartimento Attività Socio Sanitarie e delle Operazioni in Emergenza

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E. Dipartimento Attività Socio Sanitarie e delle Operazioni in Emergenza C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E Dipartimento Attività Socio Sanitarie e delle Operazioni in Emergenza Allegato alla Determinazione Dipartimentale n. 10 del 24/01/2011

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PATTO SOCIALE PER IL LAVORO VICENTINO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE, IN VIA SPERIMENTALE, DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA. 1. OGGETTO DEL BANDO Nell'ambito

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Legge 24 novembre 1997 n. 134 REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo

Dettagli

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio.

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio. COMUNE DI BRESCIA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE IN DATA 29.11.2010 N. 3302/81070 P.G. DISTRETTO COMMERCIALE STAZIONE FERROVIARIA DI BRESCIA CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI

Dettagli

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino Legge 24 novembre 1997 n.134 LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE DOMANDA DI AGEVOLAZIONE

FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DIVISIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY SERVIZIO FONDI EUROPEI INNOVAZIONE SVILUPPO ECONOMICO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE DOMANDA DI AGEVOLAZIONE Il sottoscritto Cognome Nome Nata/o

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

COMUNE DI GRUMENTO NOVA

COMUNE DI GRUMENTO NOVA COMUNE DI GRUMENTO NOVA BANDO INVESTIMENTI NELLE AZIENDE AGRICOLE Norme introduttive Il Comune di Grumento Nova in esecuzione della Delibera di Giunta Comunale N 125 del 08/11/2008 adotta il presente bando

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

GUIDA alla Legge 215/92

GUIDA alla Legge 215/92 GUIDA alla Legge 215/92 Cosa è? La legge 215/92 è lo strumento principale di agevolazione attraverso il quale il Ministero dell Industria mette a disposizione dell imprenditoria femminile stanziamenti,

Dettagli

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda Scheda esplicativa di cui all AVVISO PUBBLICO per la selezione e il finanziamento di nuove iniziative imprenditoriali promosse da Nuovi Giovani Imprenditori SCADENZA: 5 GENNAIO 2015 Consigliamo di prendere

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO PAG. 1 1404 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 131/PM del 18/02/2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L'INNOVAZIONE

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 Scadenza: ore 13,00 del giorno 18/03/2014 BANDO Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis)

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) 1. DURATA Data di inizio attività progettuali Sono ammissibili le sole

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana

Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana "Manuale per la rendicontazione dei progetti d impresa beneficiari delle agevolazioni finanziarie nell'ambito del bando pubblico approvato con determinazione dirigenziale

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015

Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015 ALLEGATO A) Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015 AVVISO PUBBLICO SOSTEGNO A PROGETTI DI

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI A SUPPORTO DELLO START-UP E DELLO SVILUPPO DI NUOVE IMPRESE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

Sono escluse dal campo di applicazione del presente avviso le sponsorizzazioni di qualsivoglia evento.

Sono escluse dal campo di applicazione del presente avviso le sponsorizzazioni di qualsivoglia evento. Avviso per la concessione di contributi per iniziative finalizzate alla promozione delle politiche a favore delle pari opportunità di genere e dei diritti delle persone e delle pari opportunità per tutti

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici

REGIONE LIGURIA. Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici REGIONE LIGURIA Assessorato Politiche Abitative ed Edilizia, Lavori Pubblici Dipartimento Programmi Regionali, Porti, Trasporti, Lavori Pubblici ed Edilizia BANDO CONTRIBUTI PER PROMUOVERE LA SICUREZZA

Dettagli

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana. SERVIZIO SOCIALE E SANITA Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it SELEZIONE PUBBLICA PER FORMAZIONE GRADUATORIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1. PREMESSA

Dettagli

Bando Pubblico per la concessione di contributi a fondo perduto

Bando Pubblico per la concessione di contributi a fondo perduto Comune di Cittadella PROTOCOLLO GENERALE N. 0009343 del 23/03/2016 Class: 11/40 Fase: 2012/9 W\ COMUN"E DI KjO CITr/VDILLA-,,d''Ó"''0'''4'"'6"'9"''9"''5''"5"'5'V Bando Pubblico per la concessione di contributi

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro

COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro REP. N DEL L.R. 24/12/1998 n. 37, art.19- Fondi annualità 2005 CONTRATTO DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DE MINIMIS PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI IDEE INNOVATIVE E IL SUPPORTO ALLO START UP DI IMPRESA

BANDO PER LA SELEZIONE DI IDEE INNOVATIVE E IL SUPPORTO ALLO START UP DI IMPRESA BANDO PER LA SELEZIONE DI IDEE INNOVATIVE E IL SUPPORTO ALLO START UP DI IMPRESA Premessa Unioncamere Calabria, con l obiettivo di sostenere il Sistema Innovazione (SI) della Regione, ha avviato il progetto

Dettagli

COMUNE di NOVARA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO

COMUNE di NOVARA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO COMUNE di NOVARA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti

COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti COMUNE DI LANCIANO Provincia di Chieti Città Medaglia d oro al V.M. ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MISURE DI SOSTEGNO ECONOMICO A NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 8 NOVEMBRE 2012 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena, APEA s.r.l. e la CCIAA

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRI VANTAGGI ECONOMICI NELL AMBITO DELL ARTIGIANO, DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL AGRICOLTURA. (Approvato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento per la concessione di contributi alle PMI per l'adozione di sistemi di gestione ambientale, della responsabilità sociale, della salute e sicurezza sui luoghi di

Dettagli

Organismo Intermediario per la gestione della Sovvenzione Globale BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI

Organismo Intermediario per la gestione della Sovvenzione Globale BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI BANDO PER LA CONCESSIONE DI PICCOLI SUSSIDI Sovvenzione Globale Piccoli Sussidi Misura III.1.E.1 - Programma Operativo Regione Basilicata 2000/2006 Azione 4 Azione di sostegno per una maggiore partecipazione

Dettagli

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PROGETTI DI AGRICOLTURA SOCIALE A SOSTEGNO DI PERCORSI RIABILITATIVI E DI INTEGRAZIONE

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE IL DIRIGENTE DEL SETTORE ATTIVITÀ DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI SOCIETARIE SISTEMA INFORMATIVO PREMESSO che la Provincia di Imperia intende

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per la concessione di contributi a sostegno della partecipazione ad iniziative e programmi promozionali di cui alla legge regionale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI.

AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI. Prot. 0015130 del 01.10.2015 AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI. In esecuzione della determinazione dirigenziale

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

COMUNE DI GONNOSTRAMATZA. Provincia di Oristano. Bando

COMUNE DI GONNOSTRAMATZA. Provincia di Oristano. Bando COMUNE DI GONNOSTRAMATZA Provincia di Oristano Bando per l assegnazione di contributi alle imprese per l inserimento lavorativo di giovani (L.R. n.1/2009 art. 3 e L.R. n.3/2009 art. 2) VISTE la L.R. n.1/2009

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari COMUNE DI CORATO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A FAVORE DI COOPERATIVE DI GARANZIA E CONSORZI FIDI PER LA DOTAZIONE DI FONDI RISCHI DIRETTI ALLA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE p_ba AOO PROVINCIA DI BARI Attività produttive e Politiche Comunitarie Allegato n.1 al PG 0104119 del 11/06/2013 Flusso: Interno PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

COMUNE DI GUARDIAGRELE

COMUNE DI GUARDIAGRELE COMUNE DI GUARDIAGRELE Provincia di Chieti UFFICIO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Bando di pubblico concorso per titoli per l'assegnazione di n. 1autorizzazione per il servizio di noleggio da rimessa con conducente

Dettagli