Lavoro in...comune. Tagli alla Salute dell informazione. Gli ultimi accordi globale (stampa, tv,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro in...comune. Tagli alla Salute dell informazione. Gli ultimi accordi globale (stampa, tv,"

Transcript

1 Lavoro in...comune CI PROVIAMO Informare cgil Magazine d informazione sindacale della FP CGIL di Roma Capitale - Anno 1 - N 0 - Marzo 2013 In attesa di autorizzazione del Tribunale IN QUESTO NUMERO La Spending Review La Riforma Istituzionale La CGIL di Roma Capitale Il voto alla Regione Riforma Province Nell epoca Tagli alla Salute dell informazione Gli ultimi accordi globale (stampa, tv, Nuove regole sulle ferie radio, internet, social network come Nei Municipi Nei Dipartimenti Polizia Municipale facebook e twitter, Settore Educativo Scolastico news letter, ipod, Cultura a Roma ipad, sms, mms, Roma nella cronaca , fax, chat, Diritto allo studio forum, blog, ecc.) Diritto all assistenza abbiamo deciso di Le mobilitazioni del 2012 fare il giornalino, come quello che facevamo al liceo. Tempestati come siamo di informazioni sugli avvenimenti di tutto il mondo, crediamo abbia ancora senso parlare di ciò che accade tra le nostre 4 mura, di riuscire a trovare quei collegamenti che legano le nostre vicende con i provvedimenti del Governo, l andamento dell economia, gli umori, le posizioni e le proposte della politica cittadina, regionale, nazionale, europea ed internazionale. Una prova destinata ad avere successo solo se saprà essere partecipata, se saprà attrarre l interesse di chi lavora nel Comune di Roma e di chi qui svolge la sua attività sindacale. E il momento della partecipazione, di diventare protagonisti, oltre che dei propri, dei destini comuni. Questo spazio è dei e per i nostri delegati, i nostri iscritti, di chi guarda a noi, alla CGIL, con interesse, con simpatia o anche con spirito critico. Qui vogliamo raccontare cosa accade nei tanti e diversi posti di lavoro della più grande azienda pubblica d Italia. Qui vogliamo rappresentare i bisogni, le domande, le richieste delle tante e diverse professionalità che lavorano nei municipi, nei gruppi della polizia municipale, nei dipartimenti, nelle scuole e nei nidi, nei musei e nelle biblioteche. Qui vogliamo esporre le nostre proposte e le nostre analisi sui servizi che diamo ai cittadini della nostra città, su come difenderli, su come migliorarli. Qui vogliamo contribuire a cambiare il futuro del nostro paese. Qui CI PROVIAMO, perché se non ci provi hai già perso in partenza. Fabio Moscovini Comunicazioni fpcgil E' Natale Di Cola il nuovo Segretario Generale della Fp-Cgil Roma e Lazio A eleggerlo il Comitato direttivo della Federazione CGIL del Pubblico Impiego Natale Di Cola, 29 anni, è a tutti gli effetti il più giovane Segretario Regionale delle Funzione Pubblica Cgil. Con un passato nel sindacato studentesco, ha ricoperto negli scorsi anni diversi incarichi sindacali nella struttura regionale, prima da responsabile del dipartimento Organizzazione, poi da segretario regionale, occupandosi di vari comparti, tra cui enti locali, polizia penitenziaria, vigili del fuoco, cultura. Natale Di Cola subentra così nel più alto incarico della federazione regionale della Fp Cgil in seguito all'addio di Lorenzo Mazzoli che, dopo una lunga esperienza nel sindacato dei servizi pubblici marchigiano e poi nazionale, è stato chiamato da Corso d'italia a ricoprire un incarico confederale in Cgil Nazionale. A Mazzoli i saluti del Comitato direttivo e i migliori auguri per il prestigioso incarico futuro. A Di Cola, in questa staffetta generazionale, il difficile compito di guidare la federazione in una Regione in cui i servizi pubblici affrontano una drammatica fase. Roma, 29 dicembre

2 Cose che cambiano Spending Review, Roma Capitale, Città Metropolitana, riduzione Municipi Riforme istuituzionali Gli impegni del 2013 nelle riflessioni del neo Segretario Generale FP CGIL Roma Lazio - Natale Di Cola Se in questa legislatura si può affermare che tra mille contraddizioni si sono introdotte delle novità rilevanti sul sistema delle autonomie locali, per Roma quest affermazione è amplificata. I provvedimenti che riguardano la gestione amministrativa della città, infatti, delineano uno scenario nuovo con il quale dobbiamo confrontarci. Il dibattito sulle prospettive e le necessità della città, dei suoi cittadini delle lavoratrici e dei lavoratori, fino a questo momento non è stato della profondità necessaria ad affrontare strategicamente il cambiamento. Noi, la Funzione Pubblica CGIL di Roma e del Lazio ne sentiamo il bisogno e rivendichiamo momenti e luoghi di discussione. Certamente per affrontare con maggiore incisività e lungimiranza la discussione si devono espungere i tanti, troppi dogmi, ad esempio considerare il lavoro pubblico come un fattore di costo e non considerare che un ente locale può essere il luogo nel quale un cittadino può esercitare un diritto, la buona gestione amministrativa di un territorio è insieme una pre-condizione per lo sviluppo e controllo di legalità è uno di queste ideologie strumentali. Il compito e la scommessa che abbiamo di fronte è quello di invertire il corso delle cose, d altronde la bellezza del fare sindacato è proprio questa, cercare di modificare l esistente, soprattutto quando questo non è più efficace, non risponde più ai bisogni della comunità locale. Quello che stiamo instancabilmente affermando in questi ultimi anni è che le riforme hanno senso se migliorano la vita dei cittadini. Il nostro impegno dovrà essere quello di riportare il dibattito su questi punti. Sulla definizione dei nuovi municipi certamente non ci appassiona una discussione sui limiti geografici, mentre pensiamo che sia indispensabile l attribuzione delle funzioni per poter avvicinare i servizi ai cittadini. Allo stesso modo sarà importante la definizione di Roma Capitale e della città metropolitana, quello che si deve assolutamente evitare è la duplicazione di strutture, abbiamo invece bisogno di chiarezza delle funzioni altrimenti si continuerebbe a praticare la deresponsabilizzazione dell intervento pubblico e lo sperpero di risorse. Tutto questo processo deve vivere e camminare sulle gambe degli uomini e delle donne, per questo motivo pensiamo che deve finire l ubriacatura ideologica introdotta con le leggi brunettiane contro il lavoro pubblico. Il blocco contrattuale abbinato al blocco del turn over sta producendo dei danni enormi non solo sulle lavoratrici e sui lavoratori, ma anche sulle istituzioni. Ad esempio: è sotto gli occhi di tutti la trasformazione della società, sia sotto il profilo della sua composizione e sia sugli orari della città, per far fronte alle nuove necessità le professionalità individuate nel contratto sono in molti casi superate, servirebbero delle nuove professionalità che siano in grado di utilizzare al meglio la tecnologia, di cogliere le opportunità che possono venire dall Europa. Per molti amministratori la soluzione trovata è la consulenza, una soluzione però che aumenta la spesa e non valorizza chi, tra mille difficoltà, fa muovere la macchina quotidianamente. In CGIL ci hanno insegnato che dobbiamo trasformare i vincoli in opportunità, lo scenario che abbiamo di fronte certamente non manca di vincoli, starà a noi, insieme alle lavoratrici ed ai lavoratori, trasformarli in opportunità.. 2

3 Chi siamo Com è organizzata la FP CGIL di Roma Capitale Eletti RSU CGIL AMANTINI MARISA BELLOMO MARCANTONIO BOCCONI ELISABETTA BRACCI CLAUDIA CELI UMBERTO CENFI RICCARDO CINERAI ADRIANA CIPRELLI SIMONETTA CIPULLO LOREDANA CRISTOFANI PATRIZIA DE MONTIS DUILIO DEL GIUDICE CLAUDIA DELLE FRATTE CLAUDIO DIENI DOMENICO ETNASI PIERO FERRETTI MANUELE GRISANTI VIVIANA LA FRANCA GIUSEPPE LIBERATI SETTIMIO MARCHESE GIOVANNI MONETA FRANCESCO MORGIA ARMANDO MUTTINELLI CARLA PARADISO LAURA PERRONE ELIO PERSIANI LUCIANA PRIMINI GIUSEPPE RINALDI ROBERTO RINALDI VALENTINA RUSSO PIERO SALVETTI MAURO SCANNELLA ROBERTO SCIPIONI EMILIANO SESTILI SIMONA SOLITARI FRANCESCO TARQUINI MAURIZIO TARRONI PRIMO VERNILLO ALFONSO SONO 8 GLI RSU DELLA CGIL NELL ESECUTIVO RSU DI ROMA CAPITALE SUI 34 COMPONENTI COMPLESSIVI NATALE DI COLA Segretario Generale FP CGIL Roma Lazio - segretario di riferimento DONATELLA FERRARIS Segretaria riferimento Roma Est Valle dell Aniene Municipi 3/5/6/7/8 ROBERTO SCANNELLA Segretario ri ferimento Roma Centro Ovest Litoranea Municipi 1/9/10/11/12/13/15/16 VIVIANA GRISANTI Segretaria riferimento Roma Nord Civitavecchia Municipi 2/4/17/18/19/20 DELEGAZIONE TRATTANTE TAVOLO CENTRALE AMEDEO FORMAGGI MARCO D EMILIA Coordinatore Polizia Municipale FABIO MOSCOVINI Coordinatore Settore Educativo e Scolastico MARCO BELLOMO RSU Municipio 18 LAURA PARADISO RSU Municipio 9 EMILIANO SCIPIONI RSU 10 Gruppo Polizia Municipale Siamo anche su Facebook: Cgil-fp Roma-Capitale Fpcgil Settore-educativo Roma-capitale Fp Cgil Roma Lazio E sui siti web: 3

4 Intorno a Roma E ZINGARETTI IL NUOVO GOVERNATORE DEL LAZIO Il voto alla regione Lazio Succede alla Polverini costretta alle dimissioni dello scandalo degli sperperi di Batman Fiorito e le spese folli dei consiglieri PdL Gli Auguri delle organizzazioni sindacali: "Nel Lazio, dall'inizio della crisi sono stati persi 100mila posti di lavoro, 50mila lavoratori sono in cassa integrazione e il tasso di disoccupazione congiunturale è arrivato al 9,9 %. E' importante ridare una speranza a queste persone". "I migliori auguri di buon lavoro a Nicola Zingaretti, neoeletto presidente della Regione Lazio". Così Claudio Di Berardino, segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Tommaso Ausili, segretario generale della Cisl del Lazio e Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della Uil di Roma e del Lazio. "Gli straordinari risultati elettorali - continuano -hanno premiato la buona politica e le istanze di cambiamento provenienti da più parti nel Lazio. Ora il rinnovamento è davvero possibile e, per quanto ci riguarda, dovrà iniziare dal lavoro". "Nel Lazio, dall'inizio della crisi - aggiungono - sono stati persi 100mila posti di lavoro, 50mila lavoratori sono in cassa integrazione e il tasso di disoccupazione congiunturale è arrivato al 9,9 %. E' importante ridare una speranza a queste persone, una prospettiva ai giovani, nuova linfa alle imprese". "L'impegno cui sei chiamato come presidente - proseguono -sarà dunque sicuramente gravoso, considerando la disastrosa situazione economica in cui versa il nostro territorio, ma è una sfida che occorre vincere. Cgil Cisl e Uil non faranno mancare il proprio sostegno e la propria collaborazione nella costruzione di una nuova Regione i cui pilastri siano i diritti, le regole, un fisco equo e progressivo, la legalità, il welfare, una sanità pubblica e di qualità". Gli Auguri della FP CGIL Roma Lazio: Auguri di buon lavoro, auguri non di rito, perché sarà necessario davvero un buon lavoro per riqualificare la spesa sanitaria e migliorare i servizi ai cittadini e le condizioni di chi lavora. Ci vorrà davvero un buon lavoro per pianificare, in tempi brevi, un ciclo di raccolta, smaltimento e riutilizzo dei rifiuti eco-compatibile. Solo un buon lavoro riuscirà a rendere trasparente ed efficiente la macchina regionale, eliminando anche il solo sospetto che possano essere attuate pratiche illegali e sperperi di denaro pubblico. Lavoro, dunque, impegnativo, per il quale il confronto con le parti sociali (negato, nei fatti, dalla precedente Amministrazione) sarà fondamentale per le scelte da prendere. Ognuno per la sua parte, ognuno dalla sua parte, nello spirito costruttivo di chi è consapevole della necessità di lavorare per il BENE COMUNE. Buon lavoro Presidente Natale Di Cola Segretario Generale FP CGIL Roma Lazio PROVINCE: UN DISASTRO ANNUNCIATO DA GOVERNO ALLARME COMPRENSIBILE MA TARDIVO, TROPPA FRETTA CON DECRETO SALVA ITALIA, OPERAZIONE MEDIATICA SENZA PROGETTO Comunicato di Federico BOZZANCA,Segretario Nazionale Fp Cgil Province Ci dispiace doverlo ribadire, ma al Governo Monti e al Ministro Patroni Griffi era stato detto con largo anticipo che l'art.23 del cosiddetto 'decreto salva Italia' era un errore e avrebbe prodotto solo disastri. Quello lanciato adesso è un allarme tardivo, perché arriva dopo le smentite perentorie sui rischi a cui si esponeva l'intero sistema dei servizi gestito delle Province. Così Federico Bozzanca, Segretario Nazionale dell'fp-cgil, interviene in merito alle conseguenze della mancata approvazione del dl sul riordino delle Province. Un esempio tra tutti è quello dei servizi scolastici. Parliamo, per essere chiari, di edifici e della gestione della loro sicurezza, 117mila classi che ospitano quasi 2,6 milioni di studenti. L'errore è a monte, ovvero nell'aver messo mano al sistema con una logica mediatica, con un intervento frettoloso privo di un'idea nuova di governance, che ha lasciato non solo le Province, ma soprattutto i servizi da loro offerti e i lavoratori che li offrono in un limbo. L'instabilità politica di questa fase ha un suo peso - conclude Bozzanca - ma oggi serve un provvedimento in tempi brevi che ridimensioni i tagli e consenta di colmare il vuoto normativo relativo all'organizzazione di servizi. Roma, 10 Dicembre

5 Intorno a Roma La sanità nel Lazio ALLA SALUTE E AL LAVORO 2012: Un anno ad alta tensione per il diritto alla salute e al lavoro Precari: NESSUNO VERRA LICENZIATO. L accordo sottoscritto nel 2010 contro i tagli Brunetta e la deroga per mantenerli in servizio fino alla stabilizzazione fa da sfondo alla legge di stabilità che consente la proroga al 31/7/2013 e ci permette di aspettare pazientemente il ritorno alla stabilità e legittimità istituzionale. Adesso possiamo finalmente riprendere il nostro cammino per le assunzioni. Strutture: tra chiusure fatte e annunciate, continueremo a batterci per preservare le eccellenze e rendere eccellente quello che oggi non lo è, bisogna fermare chi non si sta adoperando per colpire gli sprechi, le ruberie, la cattiva gestione, i sovra costi dei beni e servizi e preferisce smantellare la sanità. Emergenza: tra interessi, appalti e subappalti siamo riusciti a salvaguardare un sistema di emergenza pubblico di qualità, difendere i lavoratori delle ditte private che gestivano postazioni combattendo il lavoro nero, il falso volontariato e le croci improvvisate. CCNL: sospesi i provvedimenti di attacco al contratto di lavoro, dal furto delle risorse per la contrattazione di secondo livello (riduzione fondi contrattuali), alla negazione del diritto alla mensa e buoni pasto, alla gestione unilaterale e clientelare delle posizioni organizzative pagate con i soldi dei fondi dei lavoratori e date come regalia dai D.G. Nel 2012 e verso il 2013 si sono riunite 43 sigle tra sindacati ed associazioni costituendo un ampio fronte unitario anti Bondi contro lo smantellamento del servizio sanitario che, marciando verso lo sciopero, ha già ottenuto il primo risultato: fermare la rottamazione delle strutture per ottenere che, con la prossima giunta si ricominci a parlare di diritto alla salute, di investimenti in territorio e prevenzione, di nuove risorse umane per erogare servizi efficaci e appropriati. Roma, 29 dicembre 2012 INCONTRO SINDACATI COMMISSARIO PALUMBO COMUNICATO STAMPA Tavolo permanente Le Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL, UIL e UGL Confederali e di Categoria hanno incontrato questa mattina il commissario Filippo Palumbo. Nel corso della riunione, il commissario ha illustrato il percorso di interventi programmatici che è sua intenzione predisporre e mettere a disposizione del prossimo commissario che subentrerà immediatamente dopo le elezioni regionali. Le OO.SS. hanno illustrato la drammaticità della situazione in cui versa la sanità laziale, ed in particolare la vergognosa situazione che vivono quasi 6000 lavoratori della sanità convenzionata e classificata che da oltre Sei mesi non percepiscono lo stipendio. Dopo una serratissima ed animata discussione le OO.SS. hanno proposto ed ottenuto l'apertura di un tavolo di confronto permanente sulle principali emergenze. Le OO.SS. auspicano che la apertura del confronto porti alla soluzione delle emergenze garantendo il pagamento degli stipendi e la continuità dei servizi. Al termine della discussione è stato sottoscritto un verbale di incontro che alleghiamo al presente comunicato. Roma, 21 gennaio

6 La Contrattazione 6 GIUGNO 2012 RIALLINEAMENTO FAMIGLIA TECNICA E POLIZIA MUNICIPALE Stralcio accordo 12 GIUGNO 2012 CONFERIMENTO INCARICHI ANNUALI INSEGNANTI SUPPLENTI SCUOLA INFANZIA Stralcio accordo Stralci degli ultimi accordi 30 OTTOBRE 2012 DOTAZIONE ORGANICA E PIANO ASSUNZIONALE Stralci accordo 6

7 La Contrattazione 15 GENNAIO 2013 REGOLAMENTO MOBILITA ESTERNA Stralcio accordo Stralci degli ultimi accordi 28 GENNAIO 2013 COMPLETAMENTO PIANO ASSUNZIONALE 2012 Stralcio accordo 7

8 Modifiche di legge alle norme contrattuali Come hanno cambiato le regole in assenza del rinnovo contrattuale Spending Review MONETIZZAZIONE DELLE FERIE NON GODUTE Nuova normativa sulle ferie Dall entrata in vigore del DL. 95/2012 poi convertito con la L. 135/2012 si è aperto un dibattito tra giuristi e tecnici del settore sul divieto di monetizzare le ferie non godute in caso di cessazione del rapporto di lavoro, aprendo uno scenario di diffuso contenzioso. La nostra opinione è che questo istituto, disciplinato contrattualmente, era giusto ed equilibrato, gli interventi normativi dettati dalla frenesia decisionista e unilaterale si rivelano vessatori sulle lavoratrici e sui lavoratori e un costo maggiore per le amministrazioni (il contenzioso), spesso persino sbagliati nel merito, come nel caso in esame. Vediamo perché. L istituto delle ferie è un diritto non disponibile, che deve essere goduto da parte delle lavoratrici e dei lavoratori perché esse servono al recupero delle energie psico-fisiche. Per questo motivo gli articoli dei CCNL dei comparti pubblici disciplinano l istituto definendo le ferie un diritto irrinunciabile e non monetizzabile. Gli stessi articoli contrattuali prevedevano che, all atto della cessazione del rapporto di lavoro, qualora per esigenze di servizio non siano state fruite le ferie si procede al pagamento. Dunque una previsione equilibrata, che teneva conto delle direttive comunitarie, delle sentenze, dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e del buon senso. L articolo 5 comma 8 della L. 135/2012, rompe l equilibrio vietando in tutti i casi la monetizzazione delle ferie, tra l altro commettendo anche un vistoso errore, inserisce tra la cessazione di lavoro anche quella per mobilità, dimenticandosi che la mobilità non è una cessazione di lavoro, ma una modifica del rapporto di lavoro, per cui non si dà comunque corso alla monetizzazione delle ferie. Dal giorno successivo all emanazione del decreto sono iniziati i problemi sui luoghi di lavoro, primo problema su cui ci si è trovati: la norma è retro attiva? Questa domanda ha portato l ANCI a porre un quesito al Dipartimento della Funzione Pubblica, il quale con nota n del 6 agosto 2012 chiariva che, nel caso di ferie maturate prima dell entrata in vigore della norma, rimane la regolamentazione contrattuale. I problemi interpretativi tuttavia non finiscono qui, perché rimaneva il vuoto normativo in caso di impossibilità alla fruizione delle ferie per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore come ad esempio in caso di malattia, morte, infortunio, inidoneità fisica permanente? Da notare che anche la giurisprudenza italiana con molteplici sentenze ha espresso l orientamento volto a garantire il diritto alla monetizzazione delle ferie in caso di malattia. Ancora una volta il Dipartimento della Funzione Pubblica è dovuto intervenire con un parere, il n dell 8 ottobre 2012, con il quale riconosce che nei casi di malattia, morte, infortunio, inidoneità fisica permanente e assoluta la monetizzazione delle ferie è un diritto quando cessa il rapporto di lavoro. Tutto chiarito? No. Rimane ancora un altra causa indipendente dal lavoratore, e cioè il caso in cui per esigenze di servizio le ferie vengono rifiutate. A questa domanda ha risposto il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato del Ministero dell Economia che, nella nota n del 14 settembre 2012 risponde al Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio condividendo quanto espresso dallo stesso dipartimento nella nota del 6 agosto, che, a nostro parere, riconosce, anche in questo caso, il diritto alla monetizzazione (qui di seguito gli stralci delle due note). Conclusioni L involuzione che a partire dalla controriforma Brunetta hanno portato il lavoro pubblico, in buona sostanza, alla legificazione del rapporto di lavoro produce solo confusione e danni, al lavoratore, all amministrazione ed ai cittadini. p. Il Dipartimento Sindacale della FP CGIL di Roma e Lazio Stralcio della nota del Dipartimento della Funzione Pubblica (n del 6/8/ 2012 ) Stralcio della nota del Ministero del Economia (n del 14/9/2012) 8

9 Spazio Municipi Stesse regole diverse applicazioni Differenti trattamenti nei diversi municipi Le scuole nei 19 municipi Vorrei usare questo spazio riservato ai Municipi per parlare di ancora di Scuola e di Asili Nido, perché usare questo spazio? Semplicemente perché ciò che attiene a questi servizi subisce dalle 19 Direzioni, e Posizioni Organizzative e Uffici Personali, innumerevoli varianti. Vengo a elencarne alcune con relativa spiegazione: - Difformità nell'invio del personale precario, alcuni Municipi usano ormai esclusivamente tale personale al 50% dell'orario giornaliero (contratti a tre ore), altri al 75% e altri ancora non hanno alcuna difficoltà a usare il 100%, a cosa dobbiamo tali macroscopiche differenze, che incidono sia sull'andamento dei servizi sia sulle tasche di queste bistrattate lavoratrici? Ancora non c è dato sapere, ma FORSE l'amministrazione centrale dovrebbe decidersi una volta per tutte a chiarire, con regole certe e condivise dalle OO.SS. - Concessione delle ferie sempre al personale precario, che nel rispetto della famigerata Spending Review (purtroppo ne siamo costretti) non vada a inficiare un diritto sancito dal Contratto e dal diritto Comunitario - Chiarimenti sulle fasce orarie del personale di ruolo dei Nidi, perché la maggior parte dei Municipi fa partire il turno pomeridiano dalle ore 10.00, altri, molto fantasiosamente, lo considera ancora turno antimeridiano, lasciando così un fuori rapporto di almeno due ore - Ribadire a tutti che l'accordo sottoscritto a Novembre 2006 prevede per i Nidi (e mai cancellato da successivi accordi) un fuori rapporto massimo di tre bambini per un massimo di un'ora - I Funzionari Educativi ad 11 anni dall'assunzione ancora non dispongono di regole chiare sulle loro mansioni, sono gli unici lavoratori di Roma Capitale a non avere diritto a trasferimento né all'interno della capitale stessa né ad altra Amministrazione, ad essere obbligati a svolgere lavoro straordinario (riunioni Collegio Docenti, Gruppi Educativi e Formazione) senza alcuna retribuzione (anche in questo caso le difformità sono evidenti, in quanto alcuni Municipi concedono poche ore di straordinario monetizzato mentre altri non lo permettono). La famigerata Reperibilità viene erogata con il massimo spazio alla fantasia: alcuni casi fortunati sono inseriti essenzialmente nei giorni festivi, altri (la maggioranza) pretendono un equa distribuzione nel mese, altri ancora, (male interpretando il contratto) non considerano il Sabato come giorno di riposo, quindi meritevole di doppia retribuzione. Ciò detto riteniamo improrogabile che si apra una trattativa su tutto il settore al fine di uniformare i diritti e i doveri di tutti i lavoratori, è necessario colmare le ingiustizie che da troppo tempo sono perpetrate ai danni di queste lavoratrici e ricordare all'amministrazione che i Nidi e le Scuole dell'infanzia di Roma Capitale da troppo tempo funzionano esclusivamente grazie all'abnegazione e alla professionalità di chi vi opera. L'Amministrazione deve sapere che troppe volte si tengono in piedi servizi fatiscenti e carenti di tutto, che questi lavoratori comprano detersivi, toner per stampanti, lavano la biancheria dei nidi nelle loro case (lavatrici in uso da decenni ed ormai decedute ), verniciano i muri delle aule, sopportano i troppo frequenti fuori rapporto per non creare danno alle famiglie, l'elenco potrebbe essere ancora lungo, mi fermo per non tediarvi. Il nostro lavoro è forse uno dei più belli del mondo perché anche dopo venti o tren'anni di professione i bambini riescono sempre a stupirti e strapparti un sorriso, ma nessuna di noi è una volontaria o chiamata da vocazione celeste, pertanto chiediamo rispetto e garanzie come lavoratrici e come donne (mi scuso con i pochi uomini che operano nel settore, per aver parlato sempre al femminile, ma condividerete che l'esiguità della vostra presenza mi costringe a ciò, anche se personalmente auspico un futuro in cui sia normale anche per un uomo svolgere tale professione). Viviana Grisanti Il Fondo PERSEO La previdenza integrativa Cosa è Perseo Perseo è il Fondo pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo di permettere ai lavoratori di costruire, giorno dopo giorno, una pensione complementare che integri quella obbligatoria. Come funziona L adesione a Perseo è volontaria. I lavoratori che si iscrivono al Fondo hanno diritto a partecipare attivamente alla sua vita, eleggendo l Assemblea dei Delegati. Ogni associato versa i suoi contributi in base a due principi: contribuzione definita e capitalizzazione individuale. ll valore minimo dei contributi versati da ogni lavoratore e dal suo datore sono stabiliti dalle parti istitutive. A partire dal primo versamento, le somme versate confluiscono nel conto individuale dell iscritto e sono investite in strumenti finanziari ricorrendo a gestori professionali scelti dal CdA. Il conto individuale dell associato è quindi costituito non solo dai versamenti effettuati ma anche dai rendimenti derivanti dai risultati della gestione finanziaria. L entità della pensione complementare che sarà erogata al momento del pensionamento dipenderà quindi sia dalla contribuzione che dai rendimenti maturati e potrà essere richiesta dal lavoratore, in base alle sue esigenze e alla normativa, tutta sotto forma di capitale o per una parte in rendita e per un altra in capitale. Nel caso in cui l associato a Perseo cessi il rapporto di lavoro con l ente o l azienda con la quale sta lavorando, può richiedere il riscatto integrale della posizione individuale o il trasferimento della stessa ad un altra forma di previdenza complementare. Per informazioni: 9

10 Spazio Dipartimenti La Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma. Un immenso patrimonio da proteggere e valorizzare Patrimonio culturale Di Elisabetta Carnabuci E sempre opportuno ricordare che Roma è la città con la più alta concentrazione di beni archeologici, storici, architettonici e archivistici al mondo, conservando una stratificazione di vita ininterrotta che si snoda lungo quasi tre millenni. Il centro storico, in particolare, in gran parte compreso entro il perimetro delle Mura Aureliane, è il più grande del mondo e, dal 1980, è stato inserito dall'unesco nella lista dei Patrimoni dell'umanità. Per questi motivi è facile comprendere la complessità della gestione dei Beni Culturali della città di Roma, che non ha eguali in nessuna città italiana. Come si legge nel sito ufficiale la Sovraintendenza Capitolina gestisce, mantiene, valorizza i beni archeologici, storico-artistici e monumentali di proprietà di Roma Capitale ; il primo nucleo della struttura è stato istituito nel 1872, due anni dopo la proclamazione di Roma Capitale del Regno d Italia, con la costituzione della Commissione Archeologica Comunale, destinata a coordinare e documentare le frenetiche attività edilizie che cambiarono completamente l immagine di gran parte della città. La Sovraintendenza Capitolina, quindi, è stata costituita ben prima del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, fondato nel Di fronte a una istituzione così antica e prestigiosa, dispiace vedere la scarsa attenzione mostrata dal Sindaco Alemanno verso il settore cultura, materializzata nel sofferto e deludente bilancio di previsione 2012 approvato il 7 novembre dall Assemblea Capitolina; il risultato è stato l abbandono di una più ampia politica di sviluppo e la rinuncia a trasformare questo settore in un vero e proprio volano per il rilancio di un più vasto indotto turistico. Accordi separati precariato La FP CGIL dice no agli ultimi colpi di coda della Giunta Alemanno La FP CGIL non firma l accordo che dà mano libera all Amministrazione Capitolina di creare nuovo precariato senza dare risposte a chi precario lo è già e da anni lavora negli uffici comunali. L Amministrazione Capitolina, dopo anni di silenzio e casualmente in prossimità della campagna elettorale, con la scusa di intervenire sulle centinaia di lavoratrici e lavoratori precari storici, assunti a tempo determinato, con contratti in scadenza tra il 2013 e il 2014, a cui vengono fatte solo vaghe promesse, ottiene, il nulla osta a sistemare quelli che, non vorremmo fossero, gli amici degli amici attraverso la trasformazione di lavoratori interinali, collaborazioni o chissà cos altro, in contratti a tempo determinato. Come avvenuto nella vicenda IPA, anche in questo caso, con l avallo delle altre organizzazioni sindacali, la frenesia di assestare gli ultimi colpi di coda per curare i propri interessi prima che si chiuda l esperienza di questa Giunta comunale, porta a forme di pressione e a forzature su regolamenti o accordi a cui, ci dispiace constatare, si oppone la sola CGIL. Contrariamente a quanto da noi richiesto, assunzioni a tempo indeterminato per gli amministrativi, tecnici e assistenti sociali, per porre fine alla presenza di precari, quest accordo alimenta ulteriormente le sacche di precariato. L accordo del 2007 sottoscritto dall allora Amm.ne e da tutte le OO.SS. e RSU, invece prevedeva l azzeramento del precariato nel comune ma per alcune OO.SS. la coerenza è una parola sconosciuta! Invece di applicare subito quanto previsto dalle recenti norme che favoriscono le assunzioni di chi lavora da almeno 3 anni nella pubblica amministrazione, (rinunciando, nel settore del sociale, alla disponibilità di spesa del turn-over del 50%), si procede con concorsi a tempo determinato aperti, per come è scritto nell accordo, non solo agli interinali, ma anche a chi ha lavorato presso le partecipate del comune e nelle segreterie politiche. Così come, nonostante le chiacchiere e le promesse demagogiche, la giunta Alemanno si rifiuta di proceder agli scorrimenti dei concorsi interni. Sindaco ma non era Lei che promise, come sta scritto nel suo programma elettorale, la piena valorizzazione del personale comunale senza ricorrere agli esterni? Bell esempio, anche qui, di coerenza! La CGIL stigmatizza il comportamento del Sindaco, che per definire le regole per favorire alcuni interessi, come nel caso delle modifiche al regolamento elettorale e lo statuto dell IPA che, non cambiano nulla per quanto riguarda le motivazioni che hanno determinato il commissariamento (trasparenza e democrazia), è attento nel definire la divisione dei collegi elettorali tra Comune e AMA e la data delle elezioni, per assicurare il governo dell Istituto agli attuali poteri. Alemanno imita Marchionne e punta ad isolare la CGIL e non dà risposte ai veri bisogni dei lavoratori. Non assisteremo inermi a questi attacchi. 10

11 Spazio Polizia Municipale Uno spazio per i gruppi L attività del Coordinamento CGIL della Polizia Locale di Roma Capitale Finalmente un giornalino dedicato alla CGIL. Finalmente uno spazio dedicato alla Polizia Locale di Roma. Uno spazio nel quale dare voce ai lavoratori e ai delegati CGIL della Polizia Locale. Sarà questo uno strumento utile per ascoltare le istanze dei Gruppi e per mettere in relazione le informazioni, le esperienze, le difficoltà. A partire dal prossimo numero, quindi, in questo spazio saranno pubblicati articoli prodotti direttamente dai delegati dei Gruppi, che ogni giorno, a contatto diretto con i colleghi, sono in prima linea sui posti di lavoro per tutelare diritti, evitare soprusi e ingiustizie nonostante difficoltà di ogni genere. Al loro fianco è stato e sarà sempre questo Coordinamento CGIL della Polizia Locale di Roma Capitale che oggi è ben felice di poter fornire uno strumento in più. In questo primo numero ci sembra corretto dedicare qualche parola all attività del Coordinamento. Nel corso degli anni di Amministrazione Alemanno, l atteggiamento del Coordinamento CGIL della Polizia Locale di Roma è stato di assoluta responsabilità e apertura al dialogo ed al confronto. Questo perché, nonostante le difficoltà legate a sensibilità che su molti temi si sono rilevate assai distanti, la CGIL ha voluto rispettare e fare pratica di quel ruolo di rappresentanza dei lavoratori che è, o dovrebbe essere, l ispirazione prima di ogni sindacato. In questo spirito, con fermezza e senza venire mai meno alle proprie convinzioni, il Coordinamento CGIL ha partecipato ai tavoli con l Amministrazione Comunale cercando, e a volte, raramente, trovando, la sintesi e l accordo con il solo fine dell interesse dei lavoratori. E così nel corso di questi anni, le forze sindacali, grazie alla mobilitazione del Corpo, hanno ottenuto la stabilizzazione dei precari (i cosiddetti 70 mila), l ampliamento della graduatoria della fascia D, l esaurimento di quella dei neoassunti. Purtroppo la lista si ferma qui. Al netto di questi risultati in questi anni l unica cosa evidente è stata l incapacità da parte dell Amministrazione di tradurre gli intendimenti della campagna elettorale in atti di governo conseguenti riducendo il tutto ad una mera e inconcludente rappresentazione. In assenza di una qualsiasi idea su un progetto di insieme sulla sicurezza, l Amministrazione ha preferito adottare la scelta delle decisioni unilaterali evitando il confronto e realizzando una destrutturazione delle regole per meglio inseguire la logica della ricerca del consenso mediatico. Tanti SPOT nessuna risposta concreta alle reali esigenze della cittadinanza e del Corpo della Polizia Locale. Basti ricordare, sinteticamente per ragioni di spazio, alcune vicende che hanno attraversato il Corpo della Polizia Locale di Roma: -il problema delle sedi che ormai ha raggiunto livelli di drammaticità nonostante accordi sottoscritti dal 2009 e mai onorati; -la sconcertante vicenda della denominazione del corpo della Polizia Municipale di Roma che ha portato come conseguenza il personale a vestire giacconi goretex rattoppati e spesso con scritte identificative diverse tra di loro; -le varie ordinanze sindacali emesse, ordinanze pubblicizzate come strumento risolutivo del problema sicurezza, che però da una parte hanno impegnato il Corpo su servizi i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti, e dall altra hanno distolto il personale (già sotto organico) dal presidio del territorio; -tavoli di confronto aperti e mai conclusi su temi quali il TSO, le procedure di SGOMBERO, ACCOMPAGNO DEI MINORI, VESTIARIO, coordinamento tra gruppi territoriali e gruppi speciali, direzione e istituzione della terza area di direzione. Diverse sono state le sollecitazioni e denunce fatte nel merito da questa Organizzazione verso l Amministrazione, sollecitazioni che sono sfociate in diverse iniziative quali conferenze stampa, presidi territoriali, richiesta interventi dello SPRE- SAL, citazione in giudizio del Sindaco ai sensi dell art.28 L.300 (comportamento antisindacale). In questo quadro meritano un inciso a parte i noti fatti di Fontana di Trevi dove il Sindaco richiedeva punizioni esemplari per i colleghi o la vicenda dei colleghi dell U.I.T.S.S. del X gruppo contro i quali il Sindaco dichiarava sulla stampa di volersi costituire parte civile nel processo. Come se tutto ciò non bastasse, alla ribalta dei media veniva riportata la grottesca vicenda dal Vademecum comportamentale, figlia di una nuova e sconcertante e disinvolta forma di comunicazione, grazie alla quale veniva restituita alla cittadinanza l immagine di un Corpo formato da operatori maleducati, disordinati, dediti a comportamenti poco dignitosi e poco inclini al rispetto delle responsabilità gerarchiche. E con amarezza che nella mente ritorna il tanto sbandierato rilancio dell immagine del Corpo fatto dall Amministrazione ad Agosto 2012!!! Non rassegnandoci a questa visione che l Amministrazione ha del Corpo, si ritiene necessario riaffermare con chiarezza l idea che ha il Coordinamento CGIL della Polizia Locale di Roma Capitale su compiti ruoli e funzioni della Polizia Locale. A tal fine, in un percorso di coerenza, sono riportati di seguito alcuni stralci della relazione del Coordinamento presentata in occasione del convegno regionale CGIL sulla Polizia Locale tenutosi a Roma il : << [ ]in questa fase è evidente che occorra un riassetto del quadro normativo in materia di Polizia Locale che definisca una volta per tutte, in maniera univoca ed omogenea: ruoli, funzioni e competenze. E indispensabile avere la consapevolezza del proprio ruolo con i relativi obblighi ma anche con i relativi limiti superando con determinazione quelle enfatizzazioni professionali che deformano le funzioni proprie di compiti di istituto.[ ] per definire in modo chiaro ed inequivocabile i compiti della Polizia Locale: compiti che non devono essere ampliati fino a compiti generici di ordine pubblico. Si deve evitare qualsiasi sovrapposizione di ruoli tra Polizie di Stato e Polizie Locali (nel merito vorrei capire per esempio quando si parla di micro-criminalità chi è in grado di definire con chiarezza il concetto di micro-criminalità e con certezza il confine tra la microcriminalità e la criminalità organizzata e se la stessa microcriminalità ha gli stessi aspetti in realtà diverse). La Polizia Locale pur dovendo svolgere un ruolo attivo nella sicurezza deve continuare a svolgere le proprie funzioni in quello spirito che è patrimonio unico e cioè primo presidio della convivenza civile, front-office delle amministrazioni locali, all interno di un processo evolutivo e non di snaturamento del proprio ruolo [ ] >>. di Marco D EMILIA Responsabile del Coordinamento CGIL della Polizia Locale di Roma Capitale 11

12 Lotta al precariato I numeri Spazio Scuola SETTORE EDUCATIVO SCOLASTICO DI ROMA CAPITALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Scuole infanzia bambini 313 scuole sezioni (di cui a tempo pieno e 193 antimeridiane) insegnanti di ruolo Circa le precarie (insegnanti supplenti municipali per le sostituzioni giornaliere) Circa 800 i vuoti di organico 192 funzionari educativi Oltre 50 gli ambiti scoperti Asili nido bambini nidi comunali bambini nidi convenzione 202 nidi a gestione diretta 226 in convenzione educatrici comunali 789 le educatrici precarie per le supplenze annuali le educatrici precarie delle graduatorie municipali per le supplenze giornaliere Otre 750 i vuoti di organico educatrici in convenzione 305 stabilizzazioni di personale precario (161 insegnanti e 144 educatrici) 20 dicembre: le insegnanti mostrano il contratto firmato a tempo indeterminato COMUNICATO FP CGIL ROMA LAZIO Roma, 28 gennaio 2013 Questa sera, alle ore 21.00, le organizzazioni sindacali tutte hanno convenuto con l'amministrazione del Comune di Roma sull'utilizzo delle risorse 2012 ancora a disposizione per assunzioni. Oltre alla conferma di quanto già concordato per le 36 unità di Polizia Municipale e le 24 unità del personale tecnico (già in possesso dei requisiti della finanziaria del Governo Prodi per la stabilizzazione ma, a suo tempo, erroneamente non assunto), si è deciso di spendere TUTTE le risorse residue sul settore educativo degli asili nido, per l'assunzione di 108 educatrici (di cui 54 dalla graduatoria del concorso pubblico e 54 dalla graduatoria permanente dipartimentale); eventuali economie verranno utilizzate per le assunzioni di personale vincitore di concorsi già espletati per profili professionali di "esperti". Dopo le 125 assunzioni di insegnanti della scuola dell'infanzia, con l'applicazione dello stesso accordo del 30 ottobre 2012, si riesce finalmente a dare corso a processi di stabilizzazione anche del personale precario degli asili nido. Si è giunti all'intesa dopo due sedute di contrattazione, con l'amministrazione che aveva inizialmente proposto l'assunzione per 50 educatrici; il confronto sindacale ha consentito di far spostare le risorse a disposizione sul settore dei nidi e le 50 posizioni sono diventate prima 53, poi 70, poi 100, quindi 106 ed infine 108 (pari al totale delle somme oggi disponibili). Le 108 assunzioni delle educatrici, sommate alle 125 insegnanti della scuola dell'infanzia e alle altre insegnanti ed educatrici assunte ad inizio 2012, dimostrano come l'azione sindacale unitaria riesca a dare frutti anche in periodi in cui le norme impediscono stabilizzazioni di personale precario (anzi impongono riduzioni dei contratti a tempo determinato) e prevedono blocchi del turn-over. Aver stabilizzato in un anno oltre 300 precarie della scuola dell'infanzia e degli asili nido comunali è il frutto di un'azione sindacale sostenuta dalle lavoratrici precarie e di ruolo del settore, settore che ha saputo mostrarsi unito così come unitaria è stata l'azione sindacale, non senza difficoltà e differenze, ma con la consapevolezza che la condizione in cui si lavora in questo settore e la delicatezza del servizio reso ai bambini, alle bambine e alle famiglie, impone la ricerca di soluzioni condivise. La strada è aperta ma è ancora lunga, sta a noi spignere per continuare il cammino intrapreso. La CGIL ci sarà (con pazienza, convizione e perseveranza), sempre a fianco di chi lavora e dei diritti dell'infanzia. Vi invieremo, appena ne saremo in possesso, il testo dell'accordo. FP CGIL Roma Lazio Fabio Moscovini 12

13 Istituzione Biblioteche Quale futuro? Un patrimonio culturale da salvare e rilanciare Biblioteche di Roma l'istituzione gestisce dal 1996 sotto forma di Sistema le Biblioteche Centri Culturali del Comune di Roma. La sua missione è garantire a tutti i cittadini il diritto alla cultura e all'informazione, promuovendo lo sviluppo della comunicazione in tutte le sue forme. Sua finalità principale favorire la diffusione dell'informazione scritta e audiovisiva e la promozione della pubblica lettura. Questi i numeri base del Sistema: 36 sedi, un milione i documenti a disposizione del pubblico ( libri, audiovisivi tra CD, DVD, CDRom ecc.), posti di lettura per il pubblico (di cui 34 nelle Biblioteche in Carcere), 180 le postazioni multimediali ed internet, 70 le postazioni OPAC (catalogo on line) le consultazioni in internet, i prestiti dei documenti i nuovi iscritti in un anno, i frequentatori delle attività culturali, le presenze del pubblico. Molti i servizi tecnologici a disposizione, con la tessera bibliocard tessera d'iscrizione a pagamento (5 euro l'anno) le Biblioteche di Roma offrono l'accesso al: Catalogo on line, catalogo consultabile 24h/24h per verificare la presenza e la disponibilità di un documento; SoL Servizi catalogo on line in cui si può controllare la situazione sui prestiti, prenotare un prestito, cancellare una prenotazione, suggerire l'acquisto di un libro; Chiedi al Bibliotecario, dove si possono inviare domande e ottenere, entro 48 ore, risposte a quesiti riguardanti la ricerca e localizzazione di documenti; prestito Interbibliotecario dove si ottengono in prestito libri non disponibili presso la biblioteca a cui si fa di norma riferimento, ma presenti nel catalogo delle Biblioteche di Roma e di alcune biblioteche scolastiche, universitarie e dei Comuni dei Castelli Romani; BiblioWiFi, un servizio di navigazione in Internet senza fili nelle biblioteche Guglielmo Marconi, Elsa Morante, Franco Basaglia, Rispoli, Enzo Tortora, Gianni Rodari e Villa Mercede. In questi anni le Biblioteche di Roma sono aumentate, si sono rinnovate e nuove sedi sono state aperte in periferia promuovendo eventi culturali per tutto l'anno: incontri a tema, serate di lettura, presentazioni di libri, incontri con gli autori. In molte sedi sono presenti i Circoli di lettura, un migliaio di lettori adulti e ragazzi, che assegnano ogni anno il premio Biblioteche di Roma per la narrativa e la saggistica, il Premio Internazionale e il Premio ragazzi. 13 Bibliopoint sono stati aperti nelle scuole. Il progetto Biblioteche solidali sta promuovendo le iniziative delle Associazioni e delle Ong impegnate in progetti di solidarietà e cooperazione nei Paesi del Sud del Mondo finalizzati al sostegno o alla creazione di biblioteche di pubblica lettura e scolastiche. E' ormai una realtà il sito Roma multietnica che oltre alle informazioni e agli aggiornamenti della realtà multietnica romana, sempre in continua evoluzione, offre una vetrina degli eventi multiculturali e interculturali della città. Ultimo servizio nato è il BiblioTu il nuovo catalogo on line, su web 2.0 che la stessa utenza può popolare con suggerimenti, idee, proposte, giochi in rete. Biblioteche di Roma è il più grande Sistema Bibliotecario d'italia e continua a crescere. 13 Un esperienza di qualità che si regge sul lavoro di circa 300 dipendenti comunali, un centinaio di lavoratori Zètema, più una serie di volontari. Una struttura che rischia di non poter più garantire i servizi, le iniziative e le stesse aperture, se non si interviene rafforzando gli organici. Personale altamente professionalizzato ma che non viene sostituito quando va in pensione, in quantità non più sufficiente ad ammortizzare momenti di difficoltà per assenze dovute a malattie o ad altri eventi e che si rende disponibile oltre ogni limite per evitare di ridurre servizi ed orari. Un Istituzione a cui i tagli al bilancio infliggono ferite profonde: non ci sono risorse per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, per l aggiornamento del sistema informatico, per l investimento sull acquisto del patrimonio librario. Un patrimonio culturale da curare, da proteggere, da rilanciare. Un progetto per le sfide future, che sappia innovare e sperimentare, con chi avrà il coraggio e la determinazione d investire in idee e risorse. Fabio Moscovini

14 Spazio Servizi Sociali Drammaticità in cui cersano i servizi sociali nella nostra città Comunicato stampa I tagli che fanno male venerdì 22 febbraio 2013 "Ci fa piacere che finalmente il sindaco Alemanno e l assessore alle politiche sociali Sveva Belviso si siano accorti della drammaticità in cui versano i servizi sociali nella nostra città". Così Silvi a Ioli, segretaria della Cgil di Roma e del Lazio, Paolo Camardella, segretario della Fp Cgil di Roma e del Lazio e Teti Croci, segretaria generale dello Spi Cgil di Roma e del Lazio. "Purtroppo per Roma - aggiungono - ai tagli del governo Berlusconi e del governo Monti si è aggiunta l'incapacità dell amministrazione comunale a investire sul sociale: non è stato approvato il piano regolatore sociale e la riorganizzazione dell assistenza domiciliare, oltre a non prevedere la piena applicazione del contratto di lavoro agli operatori, non ha ridotto le liste di attesa degli utenti. Forse le risorse di cui parla il vicesindaco Belviso sono state utilizzate per iniziative caritatevoli quali i pacchi dono agli anziani e la carta roma?". "I tagli ai fondi nazionali e regionali da noi sempre condannati, nel totale silenzio dell - amministrazione Alemanno - aggiungono - sono noti dal 2008 e riguardano in generale il trasferimento di risorse dallo Stato ai comuni: sono pertanto le scelte operate dal comune di Roma nel bilancio a essere sbagliate, perchè concepite sull'idea che le spese sociali siano costo e non un investimento". "A differenza di altri comuni che hanno recuperato importanti risorse dalla lotta all evasione fiscale - concludono - duole constatare che la giunta capitolina non ha fatto nulla in tale direzione". Roma, 22 febbraio 2013 Politiche sociali Le nostre riflessioni Tratto dal documento del seminario di Rocca di Papa La crisi che ha colpito l economia mondiale ha inevitabilmente avuto delle conseguenze anche nell economia cittadina producendo disoccupazione e forme inedite di disagio. L obiettivo dell amministrazione su questo fronte deve essere il rafforzamento delle reti di solidarietà messi in campo finora e l avvio di una progettualità diffusa nei Municipi (con la consapevolezza delle diversità presenti in ogni municipio). Quando parliamo di politiche sociali, di welfare territoriale continuiamo a dire le stesse cose che si dicevano anni fa. Le dinamiche con le quali si produce assistenza, socialità, accoglienza, integrazione sono quasi identiche a quelle sperimentate almeno dal 2000 in poi. Questo sistema, accompagnato sicuramente anche dall'assenza di investimenti nuovi, ci costringe a ragionare in una logica mai di acquisizione di nuove esperienze, ma spesso di limitazione delle stesse. Occorre, invece, fare della sperimentazione di nuovi servizi sociali l'asse di un possibile nuovo modello di welfare locale, inteso anche come motore di nuova occupazione. Il tutto naturalmente non può non prevedere un'attenta politica di controllo della spesa e degli standard qualitativi necessari per rendere il servizio efficace. Ma un servizio efficace non può esistere senza rafforzarne gli uffici ad esso legati soprattutto in termini di personale. Innanzitutto occorre ragionare in un ottica di sistema e di governo unitario delle politiche sociali senza cadere nella logica della separazione degli interventi. Gli interventi di assistenza e di integrazione, le politiche dell'infanzia devono rappresentare una priorità dei Municipi. Rapporto tra pubblico, privato e privato sociale, rafforzare la funzione dei Municipi, costruzione e potenziamento degli asili e delle scuole per arrivare all azzeramento delle graduatorie, rafforzare il ruolo del pubblico, piano di edilizia scolastica, queste politiche sociali rischiano di rimanere astratte se non ci si pone il tema del rapporto con le periferie: le politiche della casa e del welfare non possono essere gestite a compartimenti stagni tra Roma ed i comuni confinanti che stanno divenendo le periferie della città in cui si scaricano le maggiori contraddizioni. 14

15 Spazio Cultura Zètema Finalmente si vota CULTURA, FP CGIL: "SALVIAMO MUSEO NAZIONALE STRUMENTI MUSICALI" Valorizzare il patrimonio artistico e culturale In primavera i lavoratori di Zetema rinnoveranno le proprie Rappresentanze Sindacali e la Fp Cgil, che tanto ha lavorato per questo appuntamento, è pronta. L impegno attuato dalla RSU u- scente (l 80% dei voti delle ultime elezioni premiarono la nostra sigla) ha un bilancio più che positivo: abbiamo rinnovato il contratto integrativo, abbiamo creato i presupposti affinché entrassero a far parte della società i trenta lavoratori del Servizio Incontragiovani (per i quali l Amministrazione comunale si era dichiarata indisponibile ad alcuna forma di stabilizzazione), abbiamo stabilizzato i precari dell Area Musei (lavoratori a P.Iva che svolgevano l attività di custode), abbiamo sottoscritto accordi che garantissero norme di trasparenza per le progressioni di carriera ed abbiamo condiviso le procedure per le assunzioni nei concorsi pubblici. L impegno della nuova RSU per il prossimo mandato verterà, oltre che sulla quotidiana attività di relazioni sindacali aziendali, anche su compiti forse ancora più impegnativi che in passato. La Spending Review ha dettato nuove regole nel campo della gestione delle società in house. Ancora non è valutabile quanto queste incideranno su Zetema, ed in ragione di ciò, è opportuno avere sempre maggiore informazione, far valere i propri diritti, oltre che mantenere forte la presenza fra i lavoratori. La Cgil grazie anche al consenso che riscuote sui posti di lavoro, ha queste capacità, ed è in grado di offrire i propri contributi. Riteniamo che la grande partecipazione dimostrata in ogni iniziativa adottata fino ad ora a Zetema sia la forza di questa rappresentanza. Non meno importante sarà l appuntamento con le elezioni per il rinnovo del l Amministrazione Comunale del prossimo aprile; Zetema è un Azienda di servizi che vive degli affidamenti di Roma Capitale. Il precedente contratto che metteva a rischio un gruppo di lavoratori dell - Azienda e la loro continuità lavorativa o che non legittimava il giusto inquadramento per alcuni di questi, ci hanno più volte costretto ad organizzare presidi e a chiedere incontri agli assessori fino ad ottenere la risoluzione delle criticità. Continueremo a farlo, se dovesse esserci la necessità. Crediamo nel confronto e siamo certi di poter dare il nostro apporto all Azienda come all Amministrazione. In ragione di tutto ciò riteniamo dunque che il rinnovo della RSU sia un importante momento di democraticità e che sia fondamentale la più vasta partecipazione dei lavoratori. I nostri candidati per la prossima RSU sono stati scelti dai lavoratori, individuati nelle assemblee e a seguito del confronto con i lavoratori ; rappresenteranno tutti i dipendenti di Zetema e saranno supportati nella loro attività dal gruppo di delegati presenti in tutti i posti di lavoro. Una scelta, la nostra, che conferma la volontà di essere presenti sul territorio e che siamo certi vedranno la soddisfazione di tutti i lavoratori di Zetema. Valeria Giunta 15 (OMNIROMA) Roma, 12 OTT -"In molti casi per determinare la fine di un'istituzione culturale è sufficiente abbandonarla a una lenta agonia, non dedicare ad essa nessuna politica di valorizzazione, renderne difficile la fruizione, farla degradare senza interventi di ristrutturazione. Ci sono poi casi in cui nonostante una gestione di questo tipo, il valore insito dell istituzione fa si che studenti, appassionati, studiosi, curiosi affollino lo stesso le sale di un museo. Allora, gli stessi che hanno determinato la sua agonia e che dovrebbero per ruolo e responsabilità, provvedere alla sua conservazione e tutela, decidono di intervenire con metodi più decisi. E il caso del Museo Nazionale degli strumenti musicali, di cui la soprintendente Rossella Vodret ha imposto la chiusura. Si tratta di un istituzione unica in Italia che custodisce capolavori come l arpa Barberini, il pianoforte di Cristofori e la pregevole collezione di Evangelista Gorga, e che, nonostante la sottovalutazione che la soprintendente le riservava, attirava 13 mila visitatori all anno. Dal 9 giugno è stato chiuso con la scusa dell avvio di lavori di ristrutturazione che non sono mai partiti. In questi oltre cinque mesi di chiusura i lavoratori del Museo giornalmente sono stati costretti a rifiutare l ingresso a quanti, magari provenienti dall estero, avrebbero voluto visitare il Museo e, soprattutto, assistere inermi al degrado di opere mal conservate senza la necessaria climatizzazione. Infatti, dopo averlo chiuso, la soprintendente non solo non ha provveduto a segnalare sul sito istituzionale e in altri la chiusura, beffando ogni mese 1000 cittadini che si trovano l accesso sbarrato, ma non si è curata in alcun modo di garantire a strumenti archeologici come corni e sistri romani, al ciac-ciac futurista di Giacomo Balla, shamisen giapponesi e strumenti popolari della tradizione nazionale, clavicembali dipinti del XVIII secolo e una rarissima glass-harmonica ottocentesca il riparo da una temperatura impietosa che li sta logorando e mortifica l operato degli studiosi e dei restauratori che hanno assicurato la conservazione e la fruizione della collezione. Probabilmente più di questo patrimonio di strumenti (mal)conservati interessa il contenitore e si mira allo sfratto del Museo per dedicare Palazzina Samoggia, sede del museo, ad altri usi. Del resto, la soprintendente Vodret non sarebbe nuova a usi stravaganti dei musei giacchè è la stessa che garantisce all interno di Palazzo Venezia un comodo parcheggio a un manipolo di alti dirigenti del ministero. Invitiamo la cittadinanza, chi conosce e chi non ha mai visitato il Museo, le associazioni e le istituzioni a unirsi al nostro appello in difesa del Museo Nazionale degli Strumenti Musicali ed esigiamo dalla soprintendente un piano con tempi certi per la sua ristrutturazione, la messa in sicurezza delle opere e la riapertura al pubblico". Così in una nota la Fp Cgil di Roma Ovest.

16 Spazio IPA Trasparenza e legalità La posizione della CGIL Roma, Prot Al Sindaco di Roma Capitale On. Gianni Alemanno p.c. Al Consigliere Sergio Basile Capo di Gabinetto Oggetto: posizione CGIL su IPA. A conferma di quanto già rappresentato in occasione dell incontro del 29 gennaio 2013, ribadiamo che: avevamo preso responsabilmente atto che l Amministrazione Comunale, nelle sue funzioni di vigilanza dell IPA, aveva unilateralmente deciso di commissariare l ente per modificare le regole, in modo da rendere più trasparente e funzionale l Ente e meno discrezionale il sistema decisionale dei servizi offerti agli iscritti, di proporre nuove norme per rafforzare la loro partecipazione all utilizzo delle risorse (quasi esclusivamente frutto dei loro contributi) e di abbattere i costi di gestione del Consiglio di Amministrazione; il commissariamento avrebbe dovuto consentire un ripensamento dell Ente e quindi il ripristino dell esercizio democratico degli iscritti e il controllo sull utilizzo dei loro contributi; a distanza di 8 mesi constatiamo che nulla di quanto ci aspettavamo ci è stato proposto: le poche modifiche allo Statuto presentate non intervengono sul sistema decisionale, non garantiscono maggiore trasparenza sull utilizzo delle risorse, non abbattono i costi del Consiglio d Amministrazione (che non viene neanche ridotto nei numeri come ci sembrava fosse nelle intenzioni e da noi auspicato), non danno alcun ruolo ai legittimi proprietari dell Istituto (gli iscritti); riaffermiamo tutta la nostra preoccupazione per il futuro dell IPA, per il decadimento delle prestazioni offerte e della stessa funzione dell Istituto se non si interviene in modo concreto e tempestivo; chiediamo di utilizzare il tempo rimasto, fino alla scadenza del mandato del commissariamento, per porre rimedio e per concepire uno statuto che dia garanzia per il corretto, trasparente e democratico funzionamento di un Istituto che è dei lavoratori iscritti e a loro deve essere consegnato, con tutte le garanzie di opportunità di verifica sul suo buono e sano andamento, anche per non dover considerare sprecate le risorse messe a disposizione per il commissariamento stesso, scelta che ad oggi risulta essere un fallimento per l Amministrazione. Confermiamo che la CGIL si opporrà a soluzioni che, non cambiando nulla, puntino a scaricare sul futuro le decisioni di riordino dell Istituto, mantenendo tutti interi i problemi che hanno determinato la decisione del commissariamento e spostando nel tempo le possibili soluzioni, aggravando così le condizioni di declino delle prestazioni e mettendo a rischio la sopravvivenza stessa dell IPA. La CGIL metterà quindi in atto tutte le iniziative di contrasto possibili e non parteciperà o sosterrà liste ad elezioni che venissero indette senza garanzie di regole che consentano un buon funzionamento dei servizi e assicurino il controllo democratico sull operato dell IPA. Il Segretario generale Cgil F.P. Roma e Lazio Natale Di Cola Lettera al Sindaco Il Segretario generale Cgil Roma e Lazio Claudio Di Berardino Roma, 4 febbraio 2013 COMUNICATO STAMPA FP CGIL ROMA LAZIO IPA: COME IL GATTOPARDO Il 29 gennaio, convocati dal Sindaco, avevamo espresso i nostri rilievi sul fallimento del commissariamento dell IPA (l Istituto, che offre prestazioni assistenziali e previdenziali ai dipendenti comunali e non solo), sull incapacità a metter mano in termini di trasparenza e di democrazia all Istituto, sul fatto che le poche modifiche allo Statuto presentate dall Amministrazione non intervenivano sul sistema decisionale, non garantivano maggiore trasparenza sull utilizzo delle risorse, non abbattevano i numeri dei Consiglieri d Amministrazione. Avevamo chiesto di utilizzare il tempo rimasto per porre rimedio e avevamo comunicato che senza garanzie di regole per un buon funzionamento dei servizi e senza il controllo democratico sull operato dell Ente non avremmo partecipato al voto. Ma, come se nulla fosse, il 1 febbraio, riceviamo una convocazione dal commissario dell IPA per adeguare il regolamento elettorale, nell ipotesi di votare il 4 e il 5 aprile. L Amministrazione Capitolina ci aveva assicurato che avrebbe tenuto conto delle osservazioni (nostre e degli altri sindacati); o non è stato così (con la conseguenza di non cambiare nulla e quindi rinnegare, nei fatti, i motivi che avevano indotto Alemanno al commissariamento), oppure quanto indicato dal Campidoglio non viene ne visto ne sentito dal commissario IPA. La CGIL non parteciperà alla riunione del 6 febbraio convocata dal commissario Fontanelli. Non ci presteremo a far finta di cambiare le cose quando tutto rimane come prima. Daremo battaglia, non rinunceremo a restituire l IPA ai legittimi proprietari: i lavoratori e le lavoratrici iscritte.

17 Accade a Roma IPA: Alemanno persevera, adesso sposta il personale sotto elezioni Dalla cronaca dei giornali e del palazzo Il Sindaco della Capitale continua con le iniziative autoritarie sul fronte Ipa, dopo aver preteso di scegliere le controparti e aver indetto le elezioni nonostante il fallimento del commissariamento. L'ultimo provvedimento approvato da Alemanno, dal sapore vagamente elettorale come già capitato con l'accordo separato sugli interinali, è il comando di 67 lavoratori del Comune presso l'istituto, effettuato con criteri a noi sconosciuti. Non vorremmo che qualcuno, anche tra le organizzazioni sindacali, sia tentato dallo sfruttare il caos generato dall'amministrazione Comunale per acquisire con questi spostamenti consenso in vista delle imminenti consultazioni tra i lavoratori, con queste parole Natale di Cola, Segretario Generale dell'fp Cgil Roma e Lazio, denuncia il distaccamento di personale comunale presso l'ipa. L'ennesimo atto di imperio - continua Di Cola - in una gestione del commissariamento totalmente inadeguata e priva di trasparenza. La gestione del personale è arbitraria e pressappochista, frammentata. In questo caso parliamo di personale della pubblica amministrazione impiegato in un ente la cui natura giuridica non è chiara e sottratto all'amministrazione capitolina, i cui organici sono già gravemente carenti. L'Ipa dovrebbe avere dei suoi dipendenti, assunti con bandi pubblici e in modo trasparente. Ma ci rendiamo conto che la trasparenza non è mai stata la cifra di questa amministrazione. Alemanno ha una delle ultime possibilità per dimostrare la sua correttezza. A tutela dei lavoratori coinvolti e per accertare la correttezza valuteremo la possibilità di sollecitare la Corte dei Conti, che ha già messo sotto osservazione la gestione dell'ipa, in merito a questa iniziativa. Roma, 20 febbraio 2013 Da Repubblica.it Bufera sull'appalto del nuovo wi-fi "È solo uno spreco di soldi pubblici" Interrogazione del Pd: "Alemanno deve riferire in Aula sul progetto". Il Comune: "La Spinweb ha registrato lo spazio web a titolo gratuito" di MARCO CIAFFONE È bufera sulla rete wifi lanciata prima di Natale dal Comune. I costi della realizzazione del progetto e l'affidamento della registrazione del portale Digitroma. it alla società Spinweb, società fondata nel 2010 da Ambrogio Crespi, fratello del sondaggista di fiducia di Alemanno, scatenano lo scontro politico. E la polemica ha costretto il Comune a prendere posizione: "Non c'è alcuna ombra nella vicenda: la società che gestisce il portale è Telecom Italia, partner tecnologico del progetto. Digitroma è, infatti, un sottodominio della "nuvolaitaliana" di Telecom, tanto che navigando si viene reindirizzati a digitroma. nuvolaitpeoplelinked. it". E sulla paternità del domino: "La Spinweb ha semplicemente effettuato la registrazione e ne ha immediatamente ceduto a titolo gratuito la titolarità al Comune. Solo per questioni tecniche e burocratiche non è stata ancora modificata la titolarità dello spazio web". Infine, sulla questione dei costi, il Campidoglio precisa che "è tutto chiaro: sono state utilizzate le convenzioni Consip per garantire la massima trasparenza finanziaria". Ma le spiegazioni non convincono l'opposizione comunale che chiede chiarimenti ufficiali al sindaco Alemanno. Il consigliere del Partito Democratico Athos De Luca attacca: "Anche le nuove tecnologie diventano per il primo cittadino una occasione per sprecare i soldi pubblici. Incapacità, superficialità e affarismo hanno caratterizzato tutto l'operato della giunta Alemanno. Ho presentato una interrogazione urgente per conoscere le ragioni di questa doppia rete che si è risolta con uno spreco di soldi". E il collega Paolo Masini si chiede: "Quanto è costato il wifi gratuito? Perché non funziona? Come mai questa inutile duplicazione visto che già a Roma funziona, e bene, il wifi della Provincia che è molto più esteso di quello targato Alemanno?". Anche Masini annuncia una interrogazione per chiedere "chiarimenti da parte sel sindaco sul perché Digitroma. it sia registrato a nome della Spinweb fondata da Ambrogio Crespi, fratello del suo guru di fiducia, Luigi Crespi".Ancora dal gruppo democratico, il consigliere Massimiliano Valeriani definisce la vicenda "un nuovo flop con molte ombre firmato dal peggior sindaco che Roma abbia mai avuto, un wifi gratuito che non funziona e che non si sa quanto è costato", mentre Dario Nanni rilancia a tutto campo: "La connessione funziona male o non funziona, è un doppione che costa alla città, secondo quanto riferito dal dottor Stefano D'Albora, quasi 2 milioni di euro e del quale francamente non se ne sentiva davvero il bisogno. Interrogherò con urgenza l'amministrazione - prosegue - su queste criticità e sulla gestione rete da parte di società esterne senza che sia stata bandita alcuna gara pubblica". Dure critiche al progetto arrivano anche da Sinistra e Libertà per bocca del consigiere provinciale Gianluca Peciola: "Il sindaco Alemanno chiarisca ai cittadini le ragioni di questa operazione, che impone alla comunità una spesa inutile e sembrerebbe al momento l'ennesimo episodio di malgoverno della giunta capitolina". (04 gennaio 2013) 17

18 La voce del padrone lavoratore IN DISCUSSIONE LO SPIRITO DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Diritto allo studio Da Piero Etnasi del 16 Municipio Scrivo queste brevi note affinchè si apra una riflessione sull istituto del diritto allo studio. Credo che un po di storia non guasti. Il principio del diritto allo studio è contenuto nella legge 300/70, il tanto vituperato Statuto dei lavoratori, perché una delle cose che stabilì il 68 era che chi lavorava aveva diritto a migliorare il suo status scolastico. Nacque quindi con l intento di permettere a decine e decine di persone di poter avere finalmente un pezzo di carta, fosse esso il diploma della scuola dell obbligo, di un istruzione superiore o addirittura la laurea. Nato dalle lotte del 68/ 69 ovviamente prevedeva che le ore servissero per studiare e non solo per frequentare le lezioni, doveva servire a migliore le conoscenze didattiche di una classe, quella operaia, per non essere più sottomessa da chi la cultura poteva permettersela senza grossi sforzi né sacrifici. Per anni la legge è stata rispettata ed ha permesso a moltissimi lavoratori di conseguire l agognato pezzo di carta, con un miglioramento del proprio stato personale e della società tutta. A oggi pare che le cose non stiano più così. Il permesso studio può essere utilizzato solamente per frequentare le lezioni, senza poter essere usato per studiare, fare i compiti a casa, ossia senza la frequenza di istituti di istruzione. Ora, se la qual cosa può andar bene per che frequenta lezioni universitarie, che si svolgono in prevalenza al mattino, chi frequenti scuole serali, che per definizione hanno un orario non coincidente con l orario di lavoro è destinato a lavorare, frequentare la scuola e non riuscire a studiare se non nel tempo libero, sottraendo così altro tempo alla propria famiglia ed al riposo. Nel pubblico impiego sono pochissime le categorie che effettuano un orario che contempli anche dei turni serali, e seguendo la logica applicata oggi, solo queste categorie potrebbero frequentare la scuola con dei permessi. Le interpretazioni sono state notevoli nel corso degli anni, giungendo quindi ad una modifica de facto della norma senza intaccare nella forma quanto scritto nell articolato legislativo. Siamo arrivati all assurdo dell impossibilità di usufruire dei permessi studio per poter ottenere un diploma che consenta l accesso all università, siamo al ridicolo della negazione dei permessi per studiare fuori dall orario di apertura degli uffici. Con questo modo di fare si è messo in discussione lo spirito stesso della legge, si sta smantellando un altro pezzo dei diritti conquistati negli anni 70 che hanno portato il nostro paese e il movimento dei lavoratori ai primi posti nel mondo per diritti dei lavoratori. Credo che le organizzazioni sindacali e la CGIL più di altri, debbano intervenire in maniera risoluta anche su questo argomento, perché un piccolo diritto eroso su un argomento che sembra marginale, porterà alla cancellazione di altri diritti sempre più importanti. I colleghi che hanno subito questo tipo di angheria legalizzata devono sapere che nessuno rinuncerà alla loro difesa. I PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO COLPISCONO GLI INVALIDI E I FAMILIARI CHE LI ASSISTONO Diritto all assistenza L indignazione in una lettera chi ci ha inviato il nostro delegato della FP CGIL Roma Nord Umberto Celi Carissimi Compagne e Compagni, sono rimasto particolarmente colpito come dire nello spirito e nel corpo dai provvedimenti sulla 104 e sulle tassazioni a carico delle persone invalide e a coloro che li assistono contenuti nella manovra Monti. Da figlio che assiste un genitore invalido, malgrado le deplorevoli e schifose esperienze nelle trafile tra ASL, commissioni mediche e centro Alzheimer, ho sempre pensato che tutto poteva accadere meno che questo. Non vi descrivo la mia rabbia e indignazione vedendo mia madre che peggiora giorno per giorno mentre i diritti diminuiscono, non se più o meno velocemente. Penso a chi sta peggio di me!! Sono già fortemente impegnato nel nostro sindacato ma credo che oggi occorra fare qualcosa di più. Uno sforzo comune, enorme, senza timore alcuno ritrovare la fiducia, la forza di credere che possiamo cambiare lo stato delle cose e, soprattutto, la testa delle persone, dei nostri colleghi da troppo intorpiditi nel tram tram della vita quotidiana. Evidentemente non si rendono ancora conto di quanto sta avvenendo o forse credono di potersela cavare. Se non reagiamo probabilmente sarà troppo tardi e ci troveremo ricattati dall'esigenza di sopravvivere rinunciando ai nostri diritti. Non lo possiamo permettere. Per chi vive la mia stessa condizione e assiste una persona invalida mi piacerebbe avere riscontro per capire sopratutto la portata di tale provvedimento tra i dipendenti di Roma Capitale e se, e come, possiamo ragionare su iniziative da intraprendere anche a livello locale anche al fine di rafforzare quelle che già ha messo in atto la nostra organizzazione. Penso per iniziare ad un volantino specifico indirizzato a chi vive questo disagio da diffondere il più presto possibile sui posti di lavoro. 18

19 Immagini a Mauro Alcuni volti della cgil di Roma Capitale 19

20 Controcopertina 2012: UN ANNO DI MOBILITAZIONI Funzione Pubblica CGIL Roma Lazio Via Buonarroti, Roma tel fax Dove siamo Funzione Pubblica CGIL Roma Centro Ovest Litoranea Via Marco Polo, Roma tel fax Hanno collaborato a questo numero Federico Bozzanca, Elisabetta Carnabuci, Umberto Celi, Marco D Emilia, Natale Di Cola, Piero Etnasi, Ugo Gallo, Valeria Giunta, Viviana Grisanti, Fabio Moscovini 20 Funzione Pubblica CGIL Roma Est Valle dell Aniene Via Padre Lino da Parma, Roma tel fax Funzione Pubblica CGIL Roma Nord Civitavecchia P.zza San G.B. de La Salle, Roma tel fax

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione!

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione! ... La Campania la Cambimo dvvero con una nuova Regione! La Campania la CambiAmo davvero con una nuova Regione E' finito il tempo della Regione concepita come un posto di potere, che gestisce soldi e poltrone.

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO

RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO SCUOLA centri per edilizia e rete scolastica 7 1 l'impiego polizia provinciale 6 2 formazione professionale 5 ambiente e protezione civile 4 viabilita' e

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO 31 agosto 2010 Investire sui servizi all infanzia non è questione che riguarda le politiche familiari, e neppure èsolo questione

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Contratto di Solidarietà espansiva

Contratto di Solidarietà espansiva SAPERE UTILE Ufficio Stampa Contratto di Solidarietà espansiva IFOA Via G.Giglioli Valle 11 Reggio Emilia Tel. 0522.329387 Fax 0522.284708 ufficiostampa@if oa.it RASSEGNA web Principali notizie online

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl Grazie a tutti Voi per essere qui dalle fabbriche del Legno, del Cemento, dei materiali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 - L Associazione L Associazione GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo (GIOVANI

Dettagli

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 . A cura della FISASCAT CISL MILANO METROPOLI Formazione Fisascat Milano Metropoli Piano formativo.......... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 Programma di formazione sindacale per il biennio

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

Relazione Intermedia

Relazione Intermedia Relazione Intermedia Dopo il terremoto: più vicini-più sicuri/più sicuri-più vicini _Unione dei Comuni Bassa Reggiana_ Data presentazione: 31/01/2013 Progetto partecipativo finanziato con il contributo

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI LIBERI. Voglio aprire questo mio intervento ringraziandovi dell invito a partecipare a questa importante iniziativa. Come Sindacato

Dettagli

PROPOSTE DEL GRUPPO DI LAVORO INARCASSA PER L ASSEMBLEA DEI PRESIDENTI

PROPOSTE DEL GRUPPO DI LAVORO INARCASSA PER L ASSEMBLEA DEI PRESIDENTI PROPOSTE DEL GRUPPO DI LAVORO INARCASSA PER L ASSEMBLEA DEI PRESIDENTI L Assemblea dei Presidenti degli Ordini degli ingegneri d Italia (AdP) del 14 giugno 2013 ha riconosciuto che la previdenza è fattore

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia R E G O L A M E N T O DELLA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO PRIMO Finalità Funzionamento e gestione Articolo 1 - Finalità La Biblioteca Comunale è organismo dell Ente Locale

Dettagli

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577)

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) FORMAZIONE AVANZATA La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) 1. Scenario di riferimento La formazione del personale

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

ORA ANCHE I DISPONIBILI (CISL, UIL, CONFSAL E UGL) SI RENDONO CONTO CHE L ACCORDO DEL 4 FEBBRAIO NON PORTA SOLDI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI

ORA ANCHE I DISPONIBILI (CISL, UIL, CONFSAL E UGL) SI RENDONO CONTO CHE L ACCORDO DEL 4 FEBBRAIO NON PORTA SOLDI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria Generale Prot. n.1202/flp11

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Terzo settore e Sanità Privata Roma - Giugno 2007 Le scadenze e le condizioni di riferimento Con la Legge Finanziaria

Dettagli

Come non essere d accordo

Come non essere d accordo Come non essere d accordo Ciò che saremo in grado di fare sulla scuola nei prossimi anni determinerà il futuro di tutti noi più di una finanziaria, o di una spending review. Perché dare al Paese una Buona

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2216 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 APRILE 2003 Modifica alla legge 21 dicembre 1999, n. 508, in materia

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI. ART.1 - Oggetto

Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI. ART.1 - Oggetto Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI ART.1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di acquisizione, di gestione e sviluppo delle risorse umane dell azienda Servizi Bassa Reggiana.

Dettagli

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Idee e materiali Organizzazione Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Con l emanazione della circolare ministeriale 36 e con la pubblicazione delle Linee guida per il passaggio

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli