CONVENZIONE QUADRO TRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVENZIONE QUADRO TRA"

Transcript

1 PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la definizione di strategie di gestione attiva del debito TRA La PROVINCIA DI PESARO E URBINO Viale Gramsci, 4, Pesaro (PU) - Partita Iva nella persona del Dott. Marco Domenicucci, Direttore Area 2 Gestione delle Risorse Umane e Finanziarie - Sistema Informativo Attività produttive della Provincia di Pesaro e Urbino, che è autorizzato a rappresentare l Ente con Delibera della Giunta provinciale n. 390 del 16/11/2006, ai sensi dell art. 107 comma 3 lettera C del D.Lgs. n. 267/ che agisce nell interesse degli Enti Locali appartenenti alla Provincia e che potranno aderire alla convenzione mediante comunicazione scritta a Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo S.p.A E BANCA INTESA INFRASTRUTTURE E SVILUPPO SPA Sede Sociale Via del Corso Roma Capitale Sociale interamente versato Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Roma, codice fiscale e Partita Iva Numero di iscrizione al R.E.A. di Roma Codice Abi Iscritta all Albo delle Banche Società unipersonale, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Banca Intesa SpA Appartenente al Gruppo Intesa iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia, rappresentata dai sottoscritti Massimo Scarabottini e Andrea Mauri, nella loro qualità di Dirigenti Si stipula quanto appresso: 1

2 Art. 1 - Espletamento dei servizi finanziari connessi all'emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori. Il presente contratto disciplina il collocamento di prestiti di titoli obbligazionari relativi agli Enti Locali fino a complessivi ,00 (centomilioni//00) destinati alla copertura dei fabbisogni finanziari degli Enti aderenti alla convenzione ai sensi dell art. 30 del D.Lgs. n.267/2000, fabbisogni legati a quanto consente la normativa vigente in materia di finanziamento per entrate in conto capitale (spese di investimento, ristrutturazione e/o estinzione di debiti pregressi, ecc ) dalla data di stipula della presente convenzione fino al 31 dicembre Art.2 Normativa di riferimento Le emissioni parziali sono soggette alla normativa posta dall art. 35 della legge 23 dicembre 1994, n. 724, dal relativo regolamento di attuazione di cui al Decreto del Ministero del Tesoro del 5 luglio 1996, n. 420 e successive modifiche e integrazioni e dal successivo regolamento attuativo approvato con Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze del n. 389 e successiva circolare esplicativa del 27/5/2004. Art. 3 - Importo complessivo presunto delle emissioni obbligazionarie L importo complessivo presunto delle emissioni è di ,00 (centomilioni//00), in più emissioni parziali, effettuabili singolarmente da tutti gli Enti Locali ai sensi dell art. 30 del D.Lgs n. 267/2000, per gestire unitariamente le procedure di ricorso al credito ed altre operazioni accessorie. Antecedentemente alla prima emissione relativa ad un Ente Locale aderente alla convenzione, lo stesso si impegna a collaborare con Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo nel fornire la documentazione contabile necessaria per consentire alla stessa Banca l analisi istruttoria legata alle garanzie date dall Ente Locale (ultimi due bilanci consuntivi approvati, completi del conto del patrimonio e del conto economico, ultimo bilancio di previsione approvato, Dichiarazione capacità di indebitamento art. 204, comma 1 del D. Lgs. 267/2000). Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, dopo aver ricevuto tutta la documentazione di cui sopra si impegna a terminare la fase di istruttoria entro 20 giorni; resta inteso che la decisione di dar corso all operazione richiesta da ogni singolo Comune, resta comunque ad insindacabile giudizio di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo che dovrà esaminarne il merito creditizio. Qualora il plafond sia esaurito prima del 31/12/2007 è facoltà della Provincia di Pesaro e Urbino chiedere un ulteriore incremento dello stesso, alle medesime condizioni della presente offerta, per i prestiti deliberati dagli Enti Locali aderenti alla convenzione fino a detta data. Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo avrà l obbligo di estendere il plafond di cui sopra nel limite di (cinquantamilioni /00) alle medesime condizioni presenti nel contratto, mentre è sua facoltà 2

3 estenderlo oltre detto limite. Sarà possibile procedere ad emissioni inferiori all importo complessivo presunto sopra indicato, oppure non procedere ad emissioni, senza che ciò comporti pretesa alcuna da parte di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo verso gli Enti aderenti. Il versamento del ricavato del prestito di ogni singola emissione da parte di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo avverrà, al massimo, entro 20 giorni dalla positiva determinazione della fase di istruttoria e quindi al massimo entro 40 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di attivazione/ perfezionamento del prestito trasmessa dall Ente Locale emittente, anche via fax. Art. 4 - Importo minimo delle singole emissioni parziali effettuabili da ciascun Ente Locale euro ,00 (unmilione//00). Le emissioni potranno essere effettuate anche per importi compresi: tra ,00 e ,00 euro con una maggiorazione di 0,010 p.p.a.; tra ,00 e ,00 euro con una maggiorazione di 0,015 p.p.a, rispetto allo spread convenzionato per le emissioni maggiori od uguali a ,00 di euro indicate all art. 18. Art. 5 - Valuta emissioni Euro. Art. 6 - Taglio obbligazioni (valore nominale singole obbligazioni) Euro. Art. 7- Modalità di collocamento Sottoscrizione "a fermo" da parte di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo che agirà per il tramite della sua consorella al 100% Banca Caboto s.p.a.; conseguentemente le singole emissioni saranno assegnate dagli uffici competenti dei singoli enti emittenti direttamente a Banca Caboto s.p.a.. Art. 8 - Modalità di perfezionamento delle emissioni Il perfezionamento delle emissioni obbligazionarie potrà essere effettuato in qualsiasi momento mentre il pagamento delle rate dei prestiti obbligazionari dovrà avvenire alle scadenze del 30 giugno e del 31 dicembre di ogni anno. Ciò comporterà che la prima rata del prestito potrà avere una durata più estesa o più breve rispetto allo stesso semestre a seconda della data di emissione (perfezionamento). Nel caso 3

4 di emissioni effettate entro il 30/6, il pagamento della prima rata potrà avvenire a scelta dell Ente emittente il 30/6 od il 31/12 successivo all emissione, mentre nel caso di emissioni nel secondo semestre dell anno il pagamento della prima rata potrà avvenire a scelta dell ente emittente il 31/12 od il 30/6 successivo all emissione. Art. 9 - Servizi Assistenza gratuita nella gestione di tutti i servizi connessi al perfezionamento delle emissioni obbligazionarie quali a titolo esemplificativo: - l invio agli enti, entro 5 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della relativa richiesta, degli schemi di delibera di emissione, degli schemi di Regolamento del prestito obbligazionario e di piano di ammortamento, mentre gli schemi di verbale di assegnazione e di eventuale altra documentazione necessaria saranno inviati in prossimità della data di perfezionamento dell emissione; - gli adempimenti necessari al perfezionamento dell accentramento dei prestiti obbligazionari presso la Monte Titoli ivi compresi la predisposizione dei moduli richiesti dalla Monte Titoli per la gestione dei rapporti con i singoli enti; - la predisposizione e compilazione dei modelli di segnalazione dei collocamenti effettuati alla Banca d Italia/UIC. Art Commissioni di collocamento Nessuna. Art Modalità di arrotondamento I tassi di interesse nominali risultanti dai parametri di riferimento posti a base di gara maggiorati dello spread saranno arrotondati al millesimo di punto percentuale più vicino. Art Costi relativi al rimborso spese di emissioni Nessuno. Art Contributi una-tantum Lo 0,1% dell'importo dell emissione, da versare allo Stato (a carico dei singoli Enti Locali emittenti). Art Durata dell incarico L incarico avrà inizio dalla data di stipula della presente convenzione. Il termine ultimo sarà rappresentato dal verificarsi di una delle seguenti circostanze alternative: 4

5 a) avvenuta sottoscrizione a fermo da parte di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo dell importo complessivo massimo di euro //00 (centomilioni//00), per emissioni fino a detta data, salvo diversa intesa tra le parti; b) raggiungimento del termine del 31/12/2007, a prescindere dall effettivo importo delle tranche emesse entro tale data. Art Regime fiscale Le cedole interessi sono soggette al regime fiscale degli interessi, premi ed altri frutti delle obbligazioni e titoli similari, pubblici e privati, come disposto dalla normativa vigente. Art Garanzie Il pagamento delle somme relative al servizio del prestito sarà garantito da ciascuno degli Enti Locali emittenti mediante il rilascio di delegazione di pagamento a valere sulle entrate afferenti i primi tre titoli del bilancio dell Ente (art. 206 e 220 D. Lgs. n. 267/2000). Tale garanzia sull'accordo delle parti sarà rilasciata, ai sensi dell'art. 35, comma 7, della Legge 724/1994, a Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo S.p.A. (sottoscrittore a fermo), in qualità di rappresentante dei possessori dei titoli obbligazionari nei confronti dell'ente emittente. Art. 17 Tipologie di emissioni Le emissioni obbligazionarie potranno avere le seguenti caratteristiche: 1) EMISSIONI CON RIMBORSO GRADUALE DEL CAPITALE A TASSO VARIABILE: Ammortamento: e 35 anni con rate semestrali posticipate ed ammortamento: A. alla francese (quote capitali crescenti); oppure B. a quote capitali costanti (annuali o semestrali); Parametro di riferimento: Tasso EURIBOR a 6 mesi (act/360) rilevato il 2 giorno lavorativo bancario, antecedente la data di godimento della cedola. Il tasso EURIBOR a 6 mesi è rilevato alla pagina Euribor 01 del circuito 5

6 Reuters o alla pagina 248 del circuito Telerate due giorni lavorativi antecedenti la data di decorrenza di ciascun periodo di interessi. Previsione di estinzione anticipata: Possibile senza indennizzo a partire dal 18 mese dalla data di emissione e in coincidenza con il pagamento delle cedole semestrali di interesse. 2) EMISSIONI CON RIMBORSO GRADUALE DEL CAPITALE A TASSO FISSO: Ammortamento: e 35 anni a rate semestrali posticipate con ammortamento alla francese (quote capitali crescenti) o con rimborso a quote capitali costanti (annuali o semestrali); Parametro di riferimento: "INTEREST RATE SWAP" (I.R.S.) - Tasso swap lettera sull euro (nominale) act/act - determinato il secondo giorno lavorativo bancario antecedente al perfezionamento del prestito, di durata corrispondente alla durata finanziaria equivalente del prestito obbligazionario, rilevato sulla corrispondente pagina del circuito Bloomberg; Per durata finanziaria equivalente si intende quella corrispondente al tasso swap verso EURIBOR, calcolato sulla base della curva dei tassi, relativo ad un operazione finanziaria avente le medesime caratteristiche, in termini di rimborso del capitale, di periodicità di corresponsione degli interessi e durata del prestito obbligazionario. Estinzione anticipata: L ente emittente ha la facoltà di estinguere il prestito obbligazionario trascorsi 18 mesi dalla data di emissione ed in corrispondenza della scadenza di ciascuna cedola interessi con rifusione all obbligazionista a titolo di indennizzo di una somma pari al differenziale, se positivo, tra gli importi delle rate residue del piano dei pagamenti del prestito obbligazionario emesso (detto A) e i corrispondenti importi delle rate di un teorico prestito obbligazionario (detto B) avente le medesime caratteristiche di importo, di durata e di modalità di rimborso della residua parte del prestito obbligazionario emesso A, da estinguere anticipatamente, e calcolato ad un tasso di interesse pari all Interest Rate Swap ( bid ) sull Euro a sei mesi, quotato per scadenza corrispondente a quella finanziaria residua equivalente del prestito obbligazionario stesso, e rilevato, con le modalità all uopo previste dalla contrattualistica adottata dall ISDA International Swap and Derivatives Association Inc., per valuta 15 giorni lavorativi bancari antecedenti la data di estinzione anticipata (attualmente pagina del circuito Telerate, colonna bid ). In caso di mancata corrispondenza fra la scadenza oggetto di quotazione e quella del prestito obbligazionario si opererà l interpolazione lineare dei valori disponibili. Ogni importo dovuto per ciascuna scadenza, una volta calcolato come sopra precisato, sarà pagabile all obbligazionista al suo 6

7 valore attuale alla data di estinzione; il tasso di attualizzazione applicato sarà pari al tasso quale definito precedentemente del prestito obbligazionario teorico B. 3) EMISSIONI CON RIMBORSO DEL CAPITALE IN UN'UNICA SOLUZIONE ALLA SCADENZA: Gli Enti aderenti alla convenzione potranno anche ricorrere ad emissioni obbligazionarie con rimborso del capitale in un'unica soluzione alla scadenza così come previsto dall' art. 41, 2 comma, della Legge n. 448/2001 con le seguenti maggiorazione dello spread : 0,02 % p.a. nel caso di emissione a 20 anni; 0,03 % p.a. nel caso di emissione a 25 anni; 0,04 % p.a. nel caso di emissione a 30 anni; 0,05 % p.a. nel caso di emissione a 35 anni, e nel rispetto delle norme relative all'ammortamento del debito e all'utilizzo di strumenti finanziari derivati così come stabilite dal Decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze 1 Dicembre 2003 n Il relativo swap di ammortamento obbligatorio, sarà effettuato per il tramite di Banca Caboto/Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo. Art. 18 Spread per emissioni di importo pari o superiore ad (unmilione//00) Per le emissioni (sia a tasso variabile che a tasso fisso) saranno presi come riferimento gli spread previsti dalla Cassa Depositi e Prestiti Spa, con inizio ammortamento l anno successivo, per i prestiti ordinari di scopo e pubblicati settimanalmente sul sito relativo. Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo garantisce come spread finale (da aggiungere all Euribor 6 mesi o al tasso IRS di durata finanziaria equivalente) gli spread previsti dalla Cassa Depositi e Prestiti, per l ammortamento di pari durata meno: 0,014 % p.a. per piani di ammortamento di durata compresa tra i 5 e i 10 anni; 0,016 % p.a. per piani di ammortamento di durata pari a 15 anni; 0,018 % p.a. per piani di ammortamento di durata pari a 20 anni; 0,020 % p.a. per piani di ammortamento di durata pari a 25 anni; 0,022 % p.a. per piani di ammortamento di durata pari a 30 anni; per le emissioni obbligazionarie a 35 anni, fino a quando la Cassa DD.PP. non prevedrà la possibilità di contrarre mutui con simile scadenza, lo spread di riferimento sarà per il variabile pari a quanto stabilito da Cassa DD.PP. per il mutuo ordinario a 30 anni e per il tasso fisso sarà pari all IRS lettera a 20 anni più lo spread previsto per il tasso variabile prima descritto. Lo spread di riferimento della Cassa DD. PP. così definito sarà quello rilevato il terzo giorno antecedente la seduta del Consiglio dell Ente richiedente, nella quale verrà deliberata l emissione. 7

8 Per quanto riguarda le emissioni a tasso fisso, occorrerà prevedere un periodo tra un minimo di 2 e un massimo di 4 settimane tra data della deliberazione del consiglio dell Ente Locale e la data di perfezionamento (regolamento o pagamento) dell emissione; sarà cura di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, assistita anche dalla Provincia di Pesaro e Urbino, di determinare in questo lasso di tempo il tasso fisso dell emissione in modo che lo stesso risulti più conveniente rispetto a quello praticato dalla Cassa Depositi e Prestiti per mutui di pari scadenza a quella dell emissione. In ogni caso il tasso garantito da Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo non potrà essere inferiore: Per i prestiti a tasso variabile a 20 anni Euribor 6 mesi +0,083 % con maggiorazione di 3 centesimi di punto percentuale per ogni quinquennio aggiuntivo di ammortamento e diminuzione di 1,5 e 2 centesimi rispettivamente per il primo e per il secondo quinquennio in meno rispetto al prestito ventennale; Per i prestiti a tasso fisso a 20 anni IRS di durata equivalente + 0,083 % con maggiorazione di 3 centesimi di punto percentuale per ogni quinquennio aggiuntivo di ammortamento e diminuzione di 1,5 e 2 centesimi rispettivamente per il primo e per il secondo quinquennio in meno rispetto al prestito ventennale (l IRS per ogni durata di ammortamento sarà collegato alla durata equivalente in termini finanziari). Inoltre, per emissioni superiori al milione di Euro - o comunque di importo significativo per il singolo Ente Locale - Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo si rende disponibile ad esaminare la possibilità di offrire (nell arco di 5 giorni lavorativi) spread competitivi di mercato, in presenza di offerte scritte presentate da altri Istituti di credito all Ente Locale aderente alla convenzione. Resta ferma per l Ente Locale la facoltà di scegliere l offerta giudicata economicamente più conveniente. Resta salva inoltre la possibilità, in caso di inadempienze contrattuali, di procedere alla risoluzione del contratto, previa diffida ad adempiere nelle forme stabilite dalla legge, senza pregiudizio della rifusione dei danni e delle spese. Art. 19 Impegni in merito ad operazioni di finanza derivata sui titoli emessi. Gli Enti Locali aderenti alla convenzione si impegnano ad informare e coinvolgere Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, che potrà agire anche per il tramite di società consorella di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo (di seguito la Consorella ), in merito ad ogni operazione di consulenza e/o di finanza straordinaria avente lo scopo di coprire i rischi di tasso (di seguito la Copertura ) sui titoli emessi. Allo scopo, qualora l Ente intenda procedere alla Copertura, dovrà comunicare a Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo il dettaglio delle condizioni della offerta che l Ente abbia ricevuto da altre istituzioni finanziarie per l organizzazione della Copertura stessa e che, a suo insindacabile giudizio, ritenga la migliore reperibile sul mercato, e Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, o sua Consorella, avrà diritto di accettare o meno di effettuare l operazione a parità di condizioni anche parzialmente entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione di cui sopra. Ferma restando la facoltà di Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, o sua Consorella, di accettare o meno l incarico, l Ente potrà rinunziare a detta indagine di mercato, nel qual caso contratterà direttamente con Banca Intesa 8

9 Infrastrutture e Sviluppo o sua Consorella le condizioni per l organizzazione della Copertura. Art.20 Facoltà di investimento della liquidità giacente per prestiti obbligazionari erogati ma non ancora utilizzati dallo stesso Ente Locale. Per la gestione ottimale delle liquidità giacenti per prestiti obbligazionari erogati ma non ancora utilizzati dallo stesso Ente, è facoltà degli Enti aderenti alla convenzione di utilizzare i servizi finanziari relativi offerti da Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo secondo i vigenti tassi di mercato. Art. 21 Obblighi dell Ente Locale richiedente In caso di richiesta di emissione da parte dell Ente Locale convenzionato, successivamente annullata in seguito a sua decisione, l Ente Locale medesimo si obbliga a rimborsare a Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo le spese vive eventualmente affrontate per la predisposizione dell operazione fino ad un massimo di 500,00. Art. 22 Foro Competente e ultime disposizioni. - Per qualsiasi controversia sarà competente il Foro di Pesaro. - Le parti si danno reciprocamente atto che la presente convenzione è stata oggetto di specifica negoziazione in ogni sua clausola. Le spese connesse all eventuale registrazione della presente convenzione saranno a carico della Parte che con il proprio comportamento la rendesse necessaria. 9

10 Per l attivazione della procedura del prestito obbligazionario inviare il modulo di richiesta di attivazione allegato a: BANCA INTESA INFRASTRUTTURE E SVILUPPO S.PA. Direzione Prodotti e Finanza di Progetto Via del Corso, ROMA Referenti Dr. Andrea Mauri - tel Dr. Giuseppe Macrì tel fax E BANCA INTESA INFRASTRUTTURE E SVILUPPO SPA Direzione Centro Sud Via Felice Cavallotti, SPOLETO Referenti: Dr. Massimo Scarabottini - tel Dr. Fabrizio Cascino tel fax Dr. Luigi Sambataro tel Inoltre, solo presso la sede di Spoleto, inviare anche l ultimo e il penultimo Bilancio Consuntivo approvato e il Bilancio previsionale dell'esercizio in corso. Pesaro, Per PROVINCIA DI PESARO E URBINO Per Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo Spa Dott. Marco Domenicucci Massimo Scarabottini Andrea Mauri 10

11 Allegato: Prot. / Spett.le BANCA INTESA INFRASTRUTTURE E SVILUPPO S.p.A. Via del Corso R O M A (RM) c.a. Sig. Andrea Mauri FAX 06/ c.a. Sig Giuseppe Macrì FAX 06/ OGGETTO: Richiesta di attivazione procedure per effettuazione emissione obbligazionaria Con la presente siamo a richiedervi la trasmissione dello schema di delibera e relativi allegati (regolamento del prestito e piano di ammortamento) per procedere alla seguente emissione obbligazionaria: IMPORTO EMISSIONE:...,00 (IN LETTERE/00) TASSO: FISSO VARIABILE VARIABILE TRASFORMABLE DURATA ANNI: DESTINAZIONE: ESTINZIONE MUTUI INVESTIMENTI 11

12 MODALITA DI RIMBORSO: QUOTE CAPITALI COSTANTI QUOTE CAPITALI CRESCENTI PERIODICITA RATE SEMESTRALI ANNUALI DATA ENTRO CUI PERFEZIONARE IL PRESTITO (DATA DI CONSIGLIO: IL./2006) (DATA DI EMISSIONE: ENTRO IL.../2006) NEL CASO IN CUI LA DATA DI EMISSIONE RIENTRI: NEL 1 SEMESTRE: PAGAMENTO PRIMA RATA 30/06/ /12/2007 NEL 2 SEMESTRE: PAGAMENTO PRIMA RATA 31/12/ /06/2007 L ENTE HA GIA ACCENTRATO ALTRI PRESTITI PRESSO MONTE TITOLI SI NO 12

13 DATI ANAGRAFICI E VARI: NOME LEGALE DELL ENTE INDIRIZZO (VIA, NUMERO CIVICO, CODICE DI AVVIAMENTO POSTALE,CITTA, PROVINCIA) PARTITA I.V.A. CODICE FISCALE NUMERO TELEFONICO (CENTRALINO) SITO WEB NOMINATIVO DI RIFERIMENTO PRESSO L ENTE, RUOLO E RELATIVO NUMERO DI TELEFONO DIRETTO, NUMERO DI FAX E INDIRIZZO ESTREMI PER IL REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE, OVVERO CONTO CORRENTE, CODICI ABI, CAB, IBAN E BIC DEL CONTO SU CUI VERSARE IL RICAVATO DELL EMISSIONE: 13

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Allegato B CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale Allegato B COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO Capitolato Speciale AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI E ATTIVITA DI CONSULENZA NECESSARI ALL EMISSIONE DI BUONI OBBLIGAZIONARI COMUNALI (BOC) Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Allegato A CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI

COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI PIACENZA RAVENNA FORLI COMUNE DI PROVINCIA DI IMOLA RAVENNA CAPITOLATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI CAPITOLATO SPECIALE Servizio di erogazione alla Provincia di Genova di mutui o di sottoscrizione di prestiti obbligazionari in più emissioni parziali fino all importo complessivo di Euro 20.000.000,00

Dettagli

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI CALVANICO Procedura aperta, per l individuazione di un istituto mutuante con il quale stipulare un contratto di mutuo a tasso fisso finalizzato al finanziamento di debiti fuori bilancio, per

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI CAPITOLATO SPECIALE Servizio di erogazione alla Provincia di Genova di mutui o di sottoscrizione di prestiti obbligazionari in più emissioni parziali fino all importo complessivo di Euro 11.000.000,00

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui Art. 1 Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni per l espletamento di

Dettagli

!" #! "" "$" "! ,*$ " -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4!

! #!  $ ! ,*$  -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4! ! ""!" #! "" "$" "!! " # " $! "!$ % # &%!% '%'% %($ )! ) *!!$ +!!! %! ) * "!! *%,*$ " -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4! /40! 105. 70.0&44!,.,,.&0!

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Roma, 30 novembre 2007 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Oggetto: Condizioni generali relative ai contratti di prestito ordinario di scopo senza preammortamento, ad erogazione

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Roma, 30 novembre 2007 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1271 Oggetto: Condizioni generali relative ai contratti di prestito ordinario di scopo senza preammortamento, ad erogazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte Università per Stranieri di Siena CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO TRENTENNALE A TASSO FISSO PER UN IMPORTO COMPRESO FRA UN MINIMO DI EURO 13.635.204,00 ED UN MASSIMO

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA ALLEGATO A COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DEL FINANZIAMENTO DI UN IMPORTO MASSIMO DI EURO 36.628.000,00.=, SUDDIVISO

Dettagli

ALLEGATO B) AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI

ALLEGATO B) AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica CAPITOLATO D ONERI PUBBLICO INCANTO PER LA GESTIONE UNITARIA, FRA PROVINCIA DI TORINO ED ALCUNI COMUNI ADERENTI, DELLA PROCEDURA DI GARA

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 338 N 31035 di prot. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ATTRIBUZIONE A BANCA OPI S.p.A. DELL INCARICO DI COLLOCAMENTO DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n.

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. (Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601) CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemila.., oggi...

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 19

Azienda U.L.S.S. n. 19 Allegato B al Disciplinare AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI FINANZIAMENTO - CONTRATTO PER UN MUTUO DECENNALE - A TASSO VARIABILE CON OPZIONE DI CONVERSIONE A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO TRIENNALE

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284 Oggetto: Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni, ai sensi

Dettagli

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto P.G. 3046/2011 INDAGINE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO INTERESSATI A PARTECIPARE ALLA GARA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCENSIONE INDEBITAMENTO PER L ESERCIZIO 2011 Il Comune di Mantova

Dettagli

Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263

Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263 Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263 Condizioni per la concessione del Prestito Flessibile (Testo integrato con le modifiche del 12 dicembre 2005, pubblicate in G.U. n. 295 Parte Seconda del

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente 10419 DELIBERAZIONE N. 41 DEL 28.11.2006 ORIGINALE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria di prima convocazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DELLA SOCIETA ART. 1 OGGETTO DEL FINANZIAMENTO La procedura aperta ha per oggetto il finanziamento degli investimenti da effettuare

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Delibera di Consiglio comunale n. 9 del 19/2/2004. Oggetto: AUTORIZZAZIONE ALL'EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO "PRIMA EMISSIONE B.O.C. COMUNE DI CAMPOGALLIANO 2004/2023 DI 745.000,00

Dettagli

GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO "A FERMO" DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI per il 2009/ 2010 PROCEDURA APERTA.

GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO A FERMO DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI per il 2009/ 2010 PROCEDURA APERTA. AREA RISORSE FINANZIARIE Servizio Finanze, Tributi e Statistica www.provincia.torino.it ALLEGATO A CAPITOLATO D ONERI: GARA DI SERVIZIO PER IL SUCCESSIVO COLLOCAMENTO "A FERMO" DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Dettagli

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto 01/15.10/010.01

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto 01/15.10/010.01 Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto 01/15.10/010.01 Posizione N. Spettabile Cassa depositi e prestiti società per azioni Via Goito n. 4 00185 Roma Italia lì,, / / 1 Egregi Signori, con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 1275. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto:

CIRCOLARE N. 1275. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto: CIRCOLARE N. 1275 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale,

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

Foglio informativo n. 406/002. Finanziamenti. Mutui a società di capitali e ad altri soggetti diversi dagli Enti Locali operanti nel settore pubblico:

Foglio informativo n. 406/002. Finanziamenti. Mutui a società di capitali e ad altri soggetti diversi dagli Enti Locali operanti nel settore pubblico: Foglio informativo n. 406/002. Finanziamenti. Mutui a società di capitali e ad altri soggetti diversi dagli Enti Locali operanti nel settore pubblico. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI . UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DELL IMPORTO MASSIMO DI EURO 3.550.000,00= PER IL

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO AD EROGAZIONE MULTIPLA TRA

CONTRATTO DI PRESTITO AD EROGAZIONE MULTIPLA TRA ALLEGATO A CONTRATTO DI PRESTITO AD EROGAZIONE MULTIPLA TRA L Istituto bancario (di seguito BANCA), con sede in, Via, capitale sociale di Euro interamente versato, codice fiscale. partita iva e numero

Dettagli

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI ALLEGATO E 1 ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI 4.000.00,00 PER L ACQUISTO DI UN IMMOBILE DA DESTINARSI A SEDE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00 Posizione N. Spettabile Cassa depositi e prestiti società per azioni Via Goito n. 4 00185 Roma Italia [LUOGO], / / 1 [DATA] Egregi Signori, con la presente Vi proponiamo la stipulazione di un contratto

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO Rep.N... ******************************** REPUBBLICA ITALIANA L anno, il giorno...del mese di... in... davanti a me Dr..., Notaio in..., iscritto presso il Collegio Notarile

Dettagli

Foglio informativo n.2.03.04 Finanziamenti Apertura di Credito Semplice a medio termine

Foglio informativo n.2.03.04 Finanziamenti Apertura di Credito Semplice a medio termine Informazioni sulla banca. Foglio informativo n.2.03.04 Finanziamenti Apertura di Credito Semplice a medio termine Intesa Sanpaolo Private Banking S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Via Hoepli 10 20121

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2007/2008 Obbligazioni Tasso Variabile

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2007/2008 Obbligazioni Tasso Variabile Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI CREVAL ENTI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI CREVAL ENTI FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI CREVAL ENTI INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO CASSA DI RISPARMIO DI FANO Società per Azioni Sede Legale e Direzione Generale: Piazza XX Settembre, 19 61032 Fano (PU)

Dettagli

CIRCOLARE N. 1277. Aziende Sanitarie locali e Aziende Ospedaliere (AUSL), di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.

CIRCOLARE N. 1277. Aziende Sanitarie locali e Aziende Ospedaliere (AUSL), di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. ROMA, 19 MARZO 2010 CIRCOLARE N. 1277 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni, ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

CONFLITTI DI INTERESSE

CONFLITTI DI INTERESSE Sede Legale in Corso Vittorio Emanuele II 102/104 65100 Pescara iscritta all Albo delle Banche al n. 6245.5 Capitale Sociale Euro 51.600.000,00 N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Pescara 00058000688

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

( ) i. è il Fattore di Sconto relativo alla scadenza (futura) i-esima del Prestito

( ) i. è il Fattore di Sconto relativo alla scadenza (futura) i-esima del Prestito DURATA FINANZIARIA CORRISPONDENTE AL TASSO FINANZIARIAMENTE EQUIVALENTE Il calcolo della Durata Finanziaria Corrispondente (DFC) al Tasso Finanziariamente Equivalente del Prestito () ha come obiettivo

Dettagli

Condizioni valide al 01/12/2012

Condizioni valide al 01/12/2012 1/5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Carrara S.p.A. Via Roma, 2-54033 Carrara Tel. centralino 05857661 Fax 0585776333 C.P. 367 Carrara Internet: www.gruppocarige.it - e-mail: crcarraraonline@crcarrara.it

Dettagli

Prestiti Personali (specialprestiti)

Prestiti Personali (specialprestiti) Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca Cassa di Risparmio di Carrara S.p.A. Via Roma, 2-54033 Carrara Tel. centralino 05857661 Fax 0585776333 C.P. 367 Carrara Internet: www.gruppocarige.it

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 3% 2012/2015 149em., ISIN IT0004845647 NELL

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCANAGNI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa in qualità di emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa fondata nel 1901 - Codice ABI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Articolo 1) - OGGETTO DEL CONTRATTO Costituisce oggetto del presente capitolato speciale d appalto pubblico mediante procedura aperta per l accensione di un finanziamento

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO VICE DIREZIONE GENERALE RISORSE FINANZIARIE Settore Finanza e Fiscale CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO PROCEDURA NEGOZIATA PREVIA PUBBLICAZIONE DEL BANDO AI SENSI DELL ART. 56 DEL D.L.gs 163/2006 Banca

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche al n. 1332.6.0 Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Foglio informativo n. 407/004. Finanziamenti. Mutui con onere di rimborso a carico dello Stato.

Foglio informativo n. 407/004. Finanziamenti. Mutui con onere di rimborso a carico dello Stato. Foglio informativo n. 407/004. Finanziamenti. Mutui con onere di rimborso a carico dello Stato. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO PER L ECONOMIA MERIDIONALE BPSA TASSO FISSO 22/05/2012 22/05/2016

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTO DI MUTUO A TASSO FISSO P AG. 1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. ENTE APPALTANTE 3 2. OGGETTO DEL SERVIZIO 3 3. CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO DI MUTUO

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE In qualità di emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA DEL PROGRAMMA OBBLIGAZIONI BCC OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 20/01/2012 20/01/2015 3,50%

Dettagli

Documento Comparativo Mutui

Documento Comparativo Mutui INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica IGEA BANCA S.P.A. Sede legale e Direzione Generale Via Paisiello, 38 00198 Roma Capitale sociale 16.025.184,00 Codice fiscale e n iscrizione al

Dettagli

Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca

Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca Cassa di Risparmio di Savona S.p.A. Corso Italia, 10-17100 Savona Tel. centralino 01983111 Fax 019 8311 311-318 Internet: http://www.gruppocarige.it

Dettagli

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI)

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI) 1/6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca del Monte di Lucca spa sede legale Piazza S.Martino, 4-55100 Lucca Tel.centralino 0583-4501 fax 0583-48721 Internet : www.bmlucca.it - email: bmlucca@bmlucca.it, Iscritta

Dettagli

CIRCOLARE N. 1274. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto:

CIRCOLARE N. 1274. Rientrano nell ambito delle categorie di enti indicate in oggetto: CIRCOLARE N. 1274 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle Aziende Sanitarie Locali e Aziende Ospedaliere,

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL ESECUZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A VANTAGGIO DELLA GESTIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA COSA SONO I MUTUI CHIROGRAFARI. Struttura e funzione economica

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA COSA SONO I MUTUI CHIROGRAFARI. Struttura e funzione economica Pagina 1/10 FOGLIO INFORMATIVO 4ua) Mutui Chirografari agevolati in favore delle PMI con utilizzo di plafond messo a disposizione da Cassa Depositi e Prestiti SpA ai sensi del D.L. n.69 del 21/06/2013

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali. Registro generale n. 2771 del 07/10/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio di Staff Oggetto prestito

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca

Prestiti Personali (specialprestiti) Informazioni sulla Banca Prestiti Personali (specialprestiti) Banca Carige Italia S.p.A. società per azioni con socio unico Via Cassa di Risparmio, 15-16123 Genova Tel. centralino 01054731 - Fax 0105473030 Internet: www.carigeitalia.it

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 12/03/2013 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

Riservato all offerta fuori sede (da compilare a cura di chi esegue l offerta o del soggetto che entra in contatto con il cliente )

Riservato all offerta fuori sede (da compilare a cura di chi esegue l offerta o del soggetto che entra in contatto con il cliente ) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamento RICOSTRUZIONE - SISMA MAGGIO 2012 NELLE PROVINCE DI BOLOGNA, FERRARA, MODENA, REGGIO EMILIA, MANTOVA, ROVIGO CONCESSO AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 1 D.L. 06/06/2012 N. 74

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO VARIABILE CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 ISIN IT0004753445 EMESSE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL MUTUO

INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA GALILEO SPA Sede Legale e Direzione Generale: CORSO VENEZIA 40 20121 - MILANO Telefono: 02 7788731 - Fax: 02 77887351 E- mail: info@bancagalileo.it - Sito Internet: www.bancagalileo.it

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del contratto

Art. 1 - Oggetto del contratto CAPITOLATO TECNICO ECONOMICO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DESTINATO AL FINANZIAMENTO DI SPESE DI INVESTIMENTO (D. LGS. 17/3/1995 N. 157, ART. 6, COMMA 1, LETT. A; ART. 23, COMMA 1, LETT. A; ALLEGATO 1,

Dettagli

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale codice 01/01.02

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale codice 01/01.02 ALLEGATO AL CONTRATTO DI PRESTITO CONDIZIONI GENERALI DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETA PER AZIONI Articolo 1 Condizioni generali e definizioni 1. Le presenti condizioni generali

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL MUTUO CHIROGRAFARIO

INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL MUTUO CHIROGRAFARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA GALILEO SPA Sede Legale e Direzione Generale: CORSO VENEZIA 40 20121 - MILANO Telefono: 02 7788731 - Fax: 02 77887351 E- mail: info@bancagalileo.it - Sito Internet: www.bancagalileo.it

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale per debiti fuori bilancio codice 01/08.

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale per debiti fuori bilancio codice 01/08. ALLEGATO AL CONTRATTO DI PRESTITO CONDIZIONI GENERALI DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETA PER AZIONI Articolo 1 Condizioni generali e definizioni 1. Le presenti condizioni generali

Dettagli

Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali.

Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 405/002. Finanziamenti. Mutui a Enti Locali. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 18/12/2012 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) MUTUI CHIROGRAFARI PER AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA, società cooperativa

Dettagli

PRESTITO PERSONALE DI SETTORE COMPUTER ZERO

PRESTITO PERSONALE DI SETTORE COMPUTER ZERO PRESTITO PERSONALE DI SETTORE COMPUTER ZERO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA Società cooperativa con sede legale e amministrativa in Modena, via San Carlo n. 8/20 Codice Fiscale,

Dettagli

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5 Circolare CDP S.p.A. 6 giugno 2005, n. 1259 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle università, relative

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali. Registro generale n. 3308 del 25/11/2015 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio di Staff Oggetto Prestito

Dettagli